Comunicare l Emergenza Terremoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicare l Emergenza Terremoto"

Transcript

1 Comunicare l Emergenza Terremoto L esperienza della Protezione Civile in Abruzzo A cura del Servizio comunicazione, sviluppo conoscenze e gestione dei rapporti con il Servizio Civile Dipartimento della Protezione Civile

2 Indice INTRODUZIONE p. 4 Prima fase : 6 30 Aprile p. 13 Seconda fase : Maggio Agosto p.18 Terza Fase : Settembre Dicembre p.35 Quarta Fase: Gennaio Febbraio p. 43 CONCLUSIONI p. 45

3 Introduzione La Risposta della Protezione Civile Italiana p. 4 Coordinamento : Il Comitato Operativo p. 5 La Direzione di comando e controllo dell emergenza p. 6 Le riunioni dei maggiori esperti di sismologia p. 7 la Protezione Civile e i Media p. 8 I numeri dell emergenza p.10 La strategia di Comunicazione p. 11 Obiettivo: semplificare p. 12

4 La risposta del Sistema Nazionale di Protezione Civile Lunedì 6 Aprile Ore Terremoto di magnitudo 5.8 della scala Richter Ore 4.15 Unità di crisi Dipartimento della Protezione civile Ore 4.40 Comitato Operativo della Protezione civile DPCM del 6 aprile 2009 Dichiarazione dello stato di emergenza (ai sensi della L. 225/92), fino al 31 dicembre 2009 Ore 9.00 Attivazione della Direzione di Comando e Controllo Di.Coma.C all Aquila 6 Aprile 2009 Vittime: 300 h Feriti: gradi della Persone Sfollate : Scala Richter Introduzione p. 4

5 Coordinamento : Il Comitato Operativo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Polizia Consiglio Nazionale di Ricerca Rapporti con le Regioni e autonomie locali Capo Dipartimento Protezione Civile Comunicazione ENEA ANAS AISCAT Direzione Generale Dighe Croce Rossa Italiana Organizazioni di volontariato ENAV ENAC Autostrade per l Italia Sistema Sanitario Nazionale Esercito Aeronautica Marina Corpo forestale dello Stato Associazione Nazionale Alpini Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale Gestori servizi elettrici Poste Italiane RAI spa Gestori telefonici Gruppo ferrovie dello Stato Introduzione p. 5

6 La direzione i di comando e controllo dell emergenza Servizi essenziali Telecomunicazioni e Supporto informatico Tecnica di valutazione censimento dei danni Coordinamento concorso delle regioni Mass media e informazione Tutela ambientale C.O.M (Comitati operativi misti) Logistica materiali e mezzi Salvaguardia beni culturali Relazioni internazionali Il Decreto del Commissario delegato n. 5 del 26 aprile 2009 istituisce nuove funzioni della DI.COMA.C, tra cui la Funzione Comunicazione Strutture operative / Viabilità Comunicazione Supporto giuridico e amministrativo Infrastrutture e strutture post emergenziali Assistenza alla popolazione, scuola, università Sanità, assistenza sociale e veterinaria Volontariato Coordinamento enti locali Introduzione p. 6

7 Le riunioni dei maggiori esperti di sismologia Il 31 marzo e il 6 aprile sono convocate due riunioni degli esperti della Commissione Nazionale per la Previsione e la Prevenzione dei Grandi Rischi su richiesta del Capo del Dipartimento della Protezione Civile. La Commissione ribadisce l impossibilità di prevedere un singolo evento sismico in termini geografici, temporali e dimensionali. L impossibilità di prevedere i terremoti è ribadita anche dagli esperti della Commissione internazionale di sismologi, che si riuniscono 4 volte dal 13 maggio al 2 ottobre (L Aquila, Potsdam, Roma e L Aquila). Gli esperti ritengono invece valida la previsione probabilistica a medio e lungo termine. La Commissione è stata istituita dal Capo Dipartimento della Protezione Civile dopo il terremoto. I verbali di tutte le riunioni sono disponibili sul sito. it Introduzione p. 7

8 La Protezione Civile e i media Introduzione p. 8

9 La Protezione Civile e i media Per quanto riguarda il rischio sismico il problema non è solo l Abruzzo, ma buona parte del territorio nazionale. Il punto fondamentale è la prevenzione Le reti nazionali stravolgono i palinsesti per dare spazio a lunghe dirette dall Abruzzo 6 Aprile : funzionari del Dipartimento della Protezione Civile partecipano agli speciali tv di Matrix, Porta a Porta, Otto e mezzo. 16 Aprile: Titti Postiglione, responsabile del Servizio di coordinamento della Sala Situazione Italia partecipa allo speciale di Anno Zero Introduzione p. 9

10 I numeri dell emergenza Popolazione assistita i Prime 48 h Valore massimo raggiunto fine aprile Il dato al 6 luglio Il dato al 5 novembre Il dato al 29 dicembre Aree di accoglienza: Alberghi/case private: circa Aree di accoglienza: Alberghi/case private: Aree di accoglienza: Alberghi/case i Aree di accoglienza: Alberghi/caserma: private: Case private: C.A.S.E e MAP 480 Aree di accoglienza: 0 Alberghi/caserma: Case private: C.A.S.E e MAP Campi di accoglienza Tende Introduzione p. 10

11 Le strategie di comunicazione 1. Esserci L informazione alla popolazione sul posto passa attraverso i volontari, gli operatori, i funzionari. Sono sempre presenti e facilmente riconoscibili per le loro magliette blu. La fonte Protezione civile è considerata autorevole e affidabile dalla maggioranza della popolazione italiana anche in situazione di disagio o di crisi. Gli strumenti di informazione sono veicolati direttamente dagli operatori. 2. Tenere alta l attenzione Dal Presidente del Consiglio al Papa, da Obama a Riccardo Muti, alla Nazionale di Calcio. Da subito, istituzioni e personalità sono sui luoghi del terremoto, seguiti dai media nazionali, locali, internazionali. La popolazione italiana (43,4 %) si informa soprattutto attraverso la TV (Fonte: Eurispes, Rapporto Italia 2009 ). 3. Ascoltare Ascoltiamo i cittadini durante gli incontri nei campi di accoglienza, per telefono, , allo sportello. 4. Fare rete Le istituzioni nazionali, territoriali e locali collaborano ognuna con i propri mezzi e strumenti, coordinate sul campo dal Commissario Delegato. Il Vice Commissario della Di.coma.c De Bernardinis pianifica vari incontri con i Sindaci dei 57 comuni del cratere sismico durante i primi mesi dell emergenza. Introduzione p. 11

12 Obiettivo: Semplificare 1. Le comunicazioni tecniche Testi dei comunicati delle scosse sismiche (notizie, aggiornamenti nella sezione Mattinale del sito, articoli sulla newsletter Abruzzo e noi ) Rilievi macrosismici (sezione Effetti del terremoto sul sito) Le verifiche di agibilità (aggiornamenti sul sito e Faq, articoli sulla newsletter) Gli incontri sulla microzonazione sismica nell aquilano (notizie) 2. Gli atti e i documenti Decreto legge Abruzzo decreti Presidente del Consiglio dei Ministri ordinanze decreti del Commissario delegato lettere e circolari circolare volontariato Introduzione p. 12

13 Comunicazione Prima fase 6 30 Aprile

14 Prima fase : 6 30 Aprile Scenario, Obiettivi e Attori p.15 Pubblici e Strumenti p.16 Gli Strumenti di Comunicazione p.17

15 Prima Fase Comunicazione in emergenza: scenario, obiettivi, attori SCENARIO OBIETTIVI ATTORI Prime 48 ore Di.coma.c Soccorso e assistenza alla popolazione Comunicare in tempo reale cosa è accaduto, cosa sta accadendo e cosa potrebbe accadere Soggetti che operano sul campo: Capi COM C.O.M. Strutture operative Volontari Specialisti (psicologi, tecnici) 30 campi di accoglienza - 13 posti medici avanzati 15 mila posti in albergo 5 mila nelle tende Rete di referenti della Comunicare i comportamenti Iniziano le verifiche di agibilità utili per la popolazione, Comunicazione: i diritti, 9 17 aprile la normativa, costituiti i C.O.M., per le attività di il programma d intervento, soccorso e assistenza it i risultati ti Regione Abruzzo Governo, Ministero dell Interno, Vigili del Fuoco, Polizia di Stato, Comune dell Aquila, Provincia, Regione Abruzzo Introduzione p. 15

16 Prima Fase Comunicazione in emergenza: pubblici, strumenti PUBBLICI STRUMENTI 1) La cittadinanza in generale (italiana e estera) 1) Sito: it, e mail, call center sede centrale Protezione civile, rete siti istituzionali 2) La popolazione nei campi di accoglienza 2) Sito, volantini, locandine, avvisi spot, (installati i internet point nelle principali i aree di accoglienza, distribuite ricariche telefoniche e telefonini dai gestori di telefonia mobili) 3) La popolazione negli alberghi 4) La popolazione ospitata nelle case private dell Abruzzo e nel resto d Italia 3) Sito, e mail, volantini, locandine, avvisi spot 4) Sito, e mail, call center sede centrale Protezione civile Introduzione p. 16

17 Gli strumenti di comunicazione Sito it Locandine e brochure sul comportamento nelle aree di accoglienza 530 mila visitatori media giornaliera di accessi e mail a -Stampate nei COM e all interno delle singole aree di accoglienza in base alle esigenze Volantini per avvisi spot sulla situazione meteorologica nelle aree di accoglienza Locandine per le donazioni dall Italia e dall estero Call center sede centrale Protezione civile Documentazione Foto Video Avvisi trasmessi via radio attraverso Radio L Aquila1 e stampati nei campi Stampate dalle singole filiali bancarie e degli istituti postali Oltre telefonate 93 servizi fotografici 46 video Introduzione p. 17

18 Comunicazione Seconda fase Maggio Agosto

19 Seconda fase: Maggio Agosto Scenario, Obiettivi, Attori p. 20 Pubblici, Strumenti p. 21 Gli Incontri con i cittadini e le autorità locali p. 23 I prodotti editoriali p. 24 Il sito internet p. 25 Documentazione: foto e video p. 26 La Newsletter AbruzzoeNoi p. 28 La campagna per rilevare le esigenze abitative p. 29 Gli strumenti per ripartire : la campagna p. 30 Gli eventi culturali p. 33

20 Seconda fase Comunicazione in emergenza: scenario, obiettivi, attori SCENARIO OBIETTIVI ATTORI Continua l assistenza alla popolazione Comunicare: alloggiata in 171 aree di accoglienza, i diritti dei cittadini, la normativa, gli alberghi e case private interventi, la strategia e i risultati miglioramento della vita nei campi di accoglienza verifiche su danni e agibilità degli edifici Istituzioni e soggetti che operano sul campo: Capi C.O.M. Strutture operative Volontari Specialisti (psicologi, tecnici) riavvio dei servizi in sedi provvisorie: lezioni nelle tende; servizi al pubblico in uffici mobili e all interno della Cittadella Potenziare l ascolto per trovare soluzioni concrete ai problemi (es. incontri del Capo Dipartimento con i cittadini, per raccogliere le esigenze e Rete di referenti della Comunicazione: Governo, Ministero dell Interno, delle istituzioni nella Caserma della Guardia di Finanza di Coppito trovare soluzioni normative adeguate) Vigili del Fuoco, Polizia di Stato, Comune dell Aquila, Provincia, Regione Abruzzo, Formez Seconda Fase p. 20

21 Seconda fase Comunicazione in emergenza: pubblici, strumenti PUBBLICI STRUMENTI 1) La cittadinanza in generale (italiana e estera) 2) La popolazione ospitata nei campi di accoglienza 1) Sito:, Guida Linea Amica Abruzzo 2) Segnaletica direzionale e di localizzazione, incontri del Capo Dipartimento, newsletter Abruzzo e noi e casella di posta, guida Linea Amica Abruzzo, sito, locandine e opuscoli, rassegna Campi Sonori, mostre, Guida Utile Sole 24 ore, campagna Gli strumenti per ripartire 3) La popolazione ospitata negli alberghi della costa 3) Segnaletica direzionale e di localizzazione, newsletter Abruzzo e noi e casella di posta, guida Linea Amica Abruzzo, sito, locandine e opuscoli, rassegna Campi Sonori, mostre, Guida Utile Sole 24 ore, campagna Gli strumenti per ripartire Seconda Fase p. 21

22 Seconda fase Comunicazione in emergenza: pubblici, strumenti PUBBLICI STRUMENTI 4) La popolazione ospitata nelle case private dell Abruzzo e nel resto d Italia 4) Segnaletica direzionale e di localizzazione, newsletter Abruzzo e noi e casella di posta, guida Linea Amica, sito, rassegna Campi Sonori, mostre, Guida Utile Sole 24 ore, campagna Gli strumenti per ripartire 5) Proprietari di edifici E, F, o in zona rossa del Comune dell Aquila 5) Campagna informativa sul censimento 6) I proprietari di edifici per classificazione di agibilità 6) Campagna informativa Gli strumenti per ripartire Seconda Fase p. 22

23 Gli incontri con la cittadinanza e con le autorità locali Guido Bertolaso ha tenuto dal 6 maggio al 23 luglio una serie di incontri con i cittadini nei campi di accoglienza e con le autorità localili per illustrare i provvedimenti in favore della popolazione e dei Comuni colpiti dal terremoto. L obiettivo era fornire un'informazione semplice e diretta alla popolazione assistita, rispondere alle domande e raccogliere le esigenze. 21 incontri con i cittadini 3 incontri con i Sindaci dei Comuni del 'Cratere' Seconda Fase p. 23

24 I prodotti editoriali Guida utile del «Sole 24 ore» 40mila copie Ristampa manuale Aedes sulla compilazione delle schede per il rilevamento danni 10mila copie Libro fotografico dedicato alla prima emergenza Before, immediately, tomorrow distribuito durante il Vertice G8 2mila copie in italiano 2mila copie in inglese Newsletter Abruzzo e noi 26 numeri dal 13 maggio 2009 al 29 gennaio 2010 Seconda Fase p. 24

25 Il sito internet Visitatori dal 6 aprile al 26 dicembre : Notizie pubblicate: 425 Media accessi giornalieri: Media numero di pagine lette: 5,2 Tempo medio di permanenza: 2 minuti e 50 secondi Casella di posta dal 6 aprile al 26 dicembre oltre Sezione Emergenza Terremoto Abruzzo Aree più visitate: Atti e documenti, con oltre 70 documenti semplificati Domande frequenti, con oltre 100 FAQ Tutte le notizie Newsletter Abruzzo e noi Domande frequenti Atti e documenti Dati e numeri Progetto C.A.S.E. e Piano Map Moduli e materiali da scaricare - Effetti del terremoto Donazioni per il terremoto Foto e video Contatti e servizi Iniziative ed agevolazioni - Iniziative nelle aree di accoglienza Seconda Fase p. 25

26 Documentazione: foto e video Oltre 500 servizi fotografici: Oltre 170 disponibili sul sito internet Oltre 170 video: Circa 25 disponibili sul sito internet Seconda fase p. 26

27 Locandine, opuscoli e segnaletica Locandine e opuscoli su: rischio incendi nelle aree di accoglienza ripristino servizi essenziali (riallaccio gas) LaTerra tretteca comportamenti in caso di terremoto progetto di Servizio Civile in Abruzzo Segnaletica direzionale e di localizzazione li i delle dll aree di accoglienza 40 segnali direzionali sugli svincoli lidll delle autostrade A24 e A cartelli direzionali e localizzazione li i della dll Di.coma.c., C.O.M., aree di accoglienza 150 Bacheche Seconda Fase p. 27

28 La newsletter Abruzzo e noi La newsletter "Abruzzo e noi", distribuita dal 13 maggio nei campi di accoglienza, è un notiziario per i cittadini e uno spazio aperto ai contributi. Nasce per fornire chiarimenti alle domande raccolte durante gli incontri con i cittadini. Alla newsletter è collegata una casella di posta elettronica, attivata anche per monitorare criticità e argomenti di maggiore interesse. 25 numeri, di cui: 13 distribuiti in copie 10 distribuiti in copie 1 distribuito in distribuito in Casella di posta Abruzzo e noi: 760 e mail dal 13 maggio 2009 al 10 gennaio 2010 Speciale 5 e 6 mesi distribuiti in copie Allegati scuole prevenzione rischi naturali copie scuole elementari copie scuole medie e superiori Seconda Fase p. 28

29 La campagna per rilevare le esigenze abitative Dall 1 al 10 agosto, il Dipartimento della Protezione civile ha avviato una campagna per conoscere i fabbisogni alloggiativi dei cittadini del Comune dell Aquila con abitazioni classificate come E, F o che si trovano in zona rossa. La rilevazione è stata preceduta e accompagnata da una campagna di informazione. Il censimento dell 1 10 agosto Oltre 16mila domande ricevute nuclei familiari persone censite 97 campi interessati 2 mila cartelloni 11 manifesti 12 avvisi sui giornali 3 invii di sms ai residenti nel Comune dell Aquila Seconda Fase p. 29

30 Gli strumenti per ripartire : la campagna La campagna informativa Gli strumenti per ripartire illustra misure, agevolazioni e contributi messi a disposizione dei cittadini abruzzesi per la ricostruzione. Filo conduttore è l'immagine di una cassetta degli attrezzi, che associa ogni strumento a un particolare contributo per riparare o ricostruire la propria casa. Seconda Fase p. 30

31 Gli strumenti per ripartire: la campagna 45 uscite sui quotidiani locali 72 affissioni nelle aree di servizio 12 affissioni nel Comune dell'aquila 34mila volantini 38mila depliant 30mila brochure 6mila locandine Vl Volantini, iidepliant e brochure sono stati distribuiti ib i i nei punti informativi i idlc del Comune dell Aquila, in occasione di eventi pubblici (rassegna musicale Campi sonori, conferenze stampa, rassegna cinematografica Venezia all Aquila ) e nei COM, bar, scuole, nel camper Lineamica, nell Urp Seconda Fase p. 31

32 I contatti della campagna STRUMENTI CONTATTI CAMPAGNA Avvisi stampa Banner internet Locandine, brochure, volantini, depliant Affissioni Spot nei cinema Newsletter TOTALE Seconda Fase p. 32

33 Gli eventi culturali Perché è fondamentale ricostruire, non soltanto le case, ma anche il tessuto sociale e culturale di un territorio profondamente ferito. Dopo il Vertice G8 dell 8 10 luglio, la Caserma della Guardia di Finanza ha aperto le porte ai cittadini. I visitatori hanno potuto guardare da vicino le sale che hanno accolto i Grandi della terra e ammirare tre mostre: L Aquila Bella Mai non po perire, L Arte del saper far bene italiano e Prima, Subito, Domani. Dal 23 luglio al 6 settembre 2009, la rassegna musicale Campi sonori ha attraversato i territori colpiti dal terremoto con oltre 40 rappresentazioni artistiche locali e internazionali. Seconda Fase p. 33

34 Comunicazione Terza fase Settembre Dicembre

35 Terza fase: Settembre Dicembre Scenario, obiettivi, attori p. 36 Pubblici, strumenti p. 37 La consegna degli alloggi dlp del Progetto CASE C.A.S.E. p. 39 La riapertura delle scuole p. 40 Lo sportello per il cittadino p. 41

36 Terza fase Comunicazione in emergenza: scenario, obiettivi, attori SCENARIO OBIETTIVI ATTORI In Abruzzo nasce un laboratorio di edilizia sicura (Progetto CASE) C.A.S.E.): si realizza per la prima volta al mondo su ampia scala un progetto di costruzioni sismicamente isolate, integrate nel territorio, ecosostenibili Si avvia a conclusione il piano per la chiusura delle tendopoli, mentre il 29 settembre parte la consegna delle C.A.S.E. ai cittadini aquilani Il 13 ottobre apre uno Sportello per il cittadino, per creare e diffondere informazioni certe e facilitare il ritorno degli Enti locali alla gestione dei servizi di informazione a cittadino Comunicare in modo efficace e puntuale il progetto per l emergenza abitativa all Aquila, i criteri di assegnazione delle C.A.S.E. e il calendario della consegna degli alloggi. Creare e diffondere informazioni certe e facilitare il ritorno degli Enti locali alla gestione dei servizi di informazione al cittadino Istituzioni e soggetti che operano sul campo: Capi C.O.M. Strutture operative Volontari Specialisti (psicologi, tecnici) Istituzioni e soggetti che operano sul campo: Capi C.O.M. Strutture operative Volontari Specialisti (psicologi, tecnici) Terza Fase p. 36

37 Terza fase comunicazione in emergenza: pubblici, strumenti Terza Fase p. 37

38 Gli strumenti di comunicazione Terza Fase p. 38

39 La consegna degli alloggi del Progetto C.A.S.E. Il 29 settembre è iniziata la consegna delle abitazioni del Progetto C.A.S.E. La costruzione degli edifici è stata completata il 19 marzo e la gestione del Progetto è passata al Comune dell Aquila il 31 marzo edifici il totale degli alloggi oltre 15mila le persone che saranno ospitate Materiale informativo sulla filosofia del progetto schede di sintesi, cartellina stampa, sezione sul sito internet, gallerie fotografiche e video. Terza Fase p. 39

40 La riapertura delle scuole Attività di supporto alla riapertura delle scuole: 1) Buoni sconto libri scolastici Realizzazione e distribuzione di 16mila buoni 2) Sensibilizzazione per la prevenzione dei rischi naturali Allegati didattici della newsletter per le scuole elementari e medie superiori Confezionamento e consegna a 37 scuole di un pacco con materiale informativo e buoni sconto 3) Campagna informativa Circuito culturale Realizzazione e distribuzione di 6mila locandine e 10mila dépliant; 11 avvisi stampa, Notizie, gallerie fotografiche e video, cartellina stampa 4) Call center Linea Amica per gli studenti Terza Fase p. 40

41 Lo Sportello per il cittadino Rete istituzionale di servizi Sportello per il cittadino, per creare e diffondere informazioni certe e facilitare il ritorno da parte degli enti locali alla gestione dei rispettivi servizi di informazione al cittadino Al Progetto partecipano: Dipartimento della Protezione Civile, Linea Amica Abruzzo del Dipartimento della Funzione Pubblica, Regione, Provincia e Comune dell Aquila, Cittadinanzattiva, Prefettura Terza Fase p. 41

42 Le risposte dello Sportello per il cittadino Totale richieste dei cittadini dal 13 ottobre al 10 aprile = (sportello e numero verde) Totale risposte chiuse = 90% Totale risposte aperte = 10% Le domande più frequenti C.A.S.E. = 26% Sistemazioni in alberghi = 6,8% Manutenzione alloggi Progetto C.A.S.E.= 5% Arredi alloggi Progetto C.A.S.E.= 2,8% M.A.P.= 2,2% Terza Fase p. 42

43 Comunicazione Quarta fase Gennaio

44 Dalla Protezione Civile alla Regione Abruzzo Lo Scenario Dal primo febbraio 2010 il Presidente della regione Gianni Chiodi, nominato Commissario delegato per la ricostruzione, assume le funzioni sinora affidate al Commissario delegato per lemergenza l'emergenza in Abruzzo, Guido Bertolaso. Dal primo febbraio l'attività svolta dalla Di.coma.c. è rilevata da una struttura di coordinamento istituitadalnuovo Commissario, affiancata dallaprotezionecivilefinoal 28 febbraio con una struttura di missione. Quarta fase p.44

45 Conclusioni La comunicazione integrata Gli strumenti si supportano l un l altro e moltiplicano l efficacia della comunicazione Sito it Newsletter Abruzzo e noi Campagna Glistrumenti per ripartire Sportello per il cittadino Comune dell Aquila, Provincia,Regione, Prefettura, Dipartimento Protezione Civile, Dipartimento della Funzione Pubblica, Cittadinanzattiva Cittadini i Telefonate Visite sportelli Sito Newsletter Brochure, depliant, volantini, locandine Spot cinema Affissioni Terza Fase p. 45

46 Conclusioni Punti di forza e di debolezza + - Con l emergenza Abruzzo viene istituita la Funzione Comunicazione all interno della Di.coma.c. Coordinamento dell attività di comunicazione non pianificato, decisioni spesso solo operative e non strategiche Per la prima volta viene formalizzata l attività di comunicazione in emergenza rivolta al cittadino La legge n. 150 (comunicazione nelle pubbliche amministrazioni) non è integrata nel Metodo Augustus (procedure codificate di gestione dell emergenza) Per la prima volta viene realizzata una campagna informativa per la popolazione La comunicazione è generalista, le informazioni sui colpita pubblici sono parziali e non ci sono prima del 10 agosto (censimento della popolazione) Terza Fase p. 46

CLUB OF VENICE. 19 Novembre 2009. www.protezionecivile.it

CLUB OF VENICE. 19 Novembre 2009. www.protezionecivile.it CLUB OF VENICE Plenary Meeting 19 Novembre 2009 Comunicazione in emergenza Terremoto in Italia www.protezionecivile.it Indice Club of Venice 19 novembre 2009 INTRODUZIONE p. 3 Prima fase : 6 30 Aprile

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 803.001 www.lineaamica.gov.it Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 1 LINEA AMICA: CONCEPT DEL SERVIZIO Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE IN ABRUZZO

L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE IN ABRUZZO SISMA ABRUZZO 06-04 04-0909 L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE IN ABRUZZO 4 giugno 2009 Palazzo Medici Riccardi Emergenza Sismica. Quale strada prendere? L EVENTO Il 6 Aprile 2009 alle ore 03:33 la

Dettagli

Linea Amica Abruzzo. insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini

Linea Amica Abruzzo. insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini Linea Amica Abruzzo insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini 1 Il quadro e i tempi dell intervento di Linea Amica in Abruzzo Linea Amica parte il 29 gennaio 2009;

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri##

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri## Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria F. Geri, Milano 8 ottobre 2013 www.protezionecivile.gov.it Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile

Dettagli

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile

I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile I l Sist e m a N a ziona le di Prot e zione Civile Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione civile Forlì-Cesena, 11 Giugno 2013 1 LA PROTEZIONE CIVILE Funzione pubblica di tutela delle attività sociali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 803.001 www.lineaamica.gov.it Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 1 Il Concept del servizio Linea Amica LINEA AMICA è un iniziativa del

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI MILANO, 14 MARZO 2013 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della protezione civile Arch. Veronica Piacentini IL SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile

Dott. Fabio Palombi - Dipartimento della Protezione Civile La gestione delle informazioni nelle attività di emergenz a, l attivazione e il coordinamento delle componenti del serviz io naz ionale della protezione civile e indicaz ione degli interventi prioritari

Dettagli

Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio DI COMUNICAZIONE. Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione. POR FESR Lazio 2007/2013

Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio DI COMUNICAZIONE. Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione. POR FESR Lazio 2007/2013 Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio VALUTAZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 La valutazione

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 COMMISSIONE NAZIONALE MAXIEMERGENZE SIMEUP Gruppo Intersocietario: PEDIATRIA PER LE MAXIEMERGENZE L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 2009 L evento catastrofico travalica le

Dettagli

L Aquila, 22 novembre 2010

L Aquila, 22 novembre 2010 FORUM DELL INNOVAZIONE L Aquila, 22 novembre 2010 Indice Protocolli di intesa Iniziative promosse dal Dipartimento perla Digitalizzazione e l Innovazione Iniziative promosse dal FormezPA Iniziative promosse

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico Gestione dell emergenza Al manifestarsi dell evento, qualora l intensità della scossa fosse tale da superare il quinto grado della scala MCS ed il conseguente effetto

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Interventi in materia di edilizia scolastica a seguito degli eventi sismici verificatisi in Abruzzo nel mese di aprile 2009 SCHEDA N.

Dettagli

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila.

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. ORDINANZA 814 Prot. n 42760 del 25 ottobre 2010 OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. PREMESSO Che il territorio del Comune dell Aquila, insieme a quello di altri

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra Il Volontariato di Protezione Civile Italiano Massimo La Pietra Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni 70 e 80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando

Dettagli

INDICAZIONI PER IL COORDINAMENTO OPERATIVO DI EMERGENZE DOVUTE A:

INDICAZIONI PER IL COORDINAMENTO OPERATIVO DI EMERGENZE DOVUTE A: COMUNICATO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 maggio 2006 Indicazioni per il coordinamento operativo di emergenze dovute ad incidenti stradali, ferroviari, aerei e di mare, ad esplosioni e crolli

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO 1. Quadro Generale L area del così detto cratere sismico, ovvero la zona colpita dal sisma del 6 aprile 2009, è molto vasta. Nonostante

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 La gestione dell emergenze che hanno carattere nazionale viene attuata attraverso una predefinita catena di comando e controllo al vertice della quale si colloca

Dettagli

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C.

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. Associazione Professionale di Consulenti Tecnici di Pianificazione, Coordinatori dell Emergenza ed Istruttori

Dettagli

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Sei tecnici del Comune di Catania, provenienti da diverse Direzioni, hanno dato la propria

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012

COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012 COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012 I numeri del terremoto 45.000 persone e 19.000 famiglie sgomberate 58 comuni colpiti (cratere) 46 comuni (limitrofi) 14.000 edifici residenziali danneggiati

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Università Iuav di Venezia 8 9 Aprile 2010 SICUREZZA E CONSERVAZIONE NEL RECUPERO DEI BENI CULTURALI COLPITI DA SISMA Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Città

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014 Nucleo di Volontariato e di Protezione Civile A.N.C. Provinciale di CASERTA Via Roma 194 81030 TEVEROLA (CE) TEL FAX 081-19243275 C.F. 90033010613 e-mail: nucleopc@anc-teverola.it Iscr. Albo Regionale

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

R1.1 Incidente stradale

R1.1 Incidente stradale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO Oltre al tessuto stradale comunale, il comune di Flero è attraversato dalla SP IX (che ne costituisce il confine nord occidentale)

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE DI PROTEZIONE CIVILE La logistica nelle fasi di: Prevenzione Emergenza Ripristino A cura dell Ist. Arch. Francesco Stucchi 1/38 Alcune definizioni Logistica è un termine derivato dal gergo militare che

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

Piano Comunale di emergenza

Piano Comunale di emergenza Comune di Carpi Provincia di Modena Piano Comunale di emergenza L.225/1992 D. Lgs. 112/98 L.R. 1/2005 Piano interno per la gestione delle comunicazioni e delle emergenze Scheda 3 VADEMECUM SCHEDA 3 PIANO

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO

PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO PROGETTARE E GESTIRE UN EVENTO Sabato 21 marzo 2015 A cura dell Ufficio Comunicazioni sociali Progettare e gestire un evento culturale L animatore e l Equipe parrocchiale comunicazioni sociali L evento

Dettagli

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro 3.350.113.331,56 a fronte

Dettagli

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007

X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Con il patrocinio di ANCI Signor Sindaco Milano, 20 marzo 2007 La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto le X GIORNATE NAZIONALI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI dal 6 al 13 maggio 2007 Siamo

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014

Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITÀ DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL DL N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 57 del 4 luglio 2014 Approvazione dello

Dettagli

La nuova. maggio 2011

La nuova. maggio 2011 maggio 2011 1 OBIETTIVO DELLA NUOVA BOLLETTA: Progettare, per gli utenti di GAIA S.p.A., una bolletta più chiara e di facile lettura, veloce da consultare e maggiormente in grado di rispondere alle domande

Dettagli

lamberti spa PIANO DI EMERGENZA Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005

lamberti spa PIANO DI EMERGENZA Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005 lamberti spa chemical specialties Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005 PIANO DI EMERGENZA Il Gruppo Lamberti Lamberti s.p.a. è un azienda

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6 EDUCAZIONE ALLA SALUTE

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6 EDUCAZIONE ALLA SALUTE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTE: Prof.ssa Antonella Caronti DATA 10 giugno 2013 FIRMA Il presente progetto,conferitomi con 3018/IA, è stato rivolto a tutti

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

di PROTEZIONE CIVILE

di PROTEZIONE CIVILE PIANO SOVRACOMUNALE di PROTEZIONE CIVILE Fra i Comuni di Candiolo Via Foscolo, 4 Tel. 011.9934800 fax 011.9625926 e-mail comandopm@comune.candiolo.torino.it Castagnole Piemonte Via Roma, 2 Tel. 011.9862811,

Dettagli

LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA...

LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA... LA NOTTE DEI RICERCATORI IN SICUREZZA... 25.09.2015 L'AQUILA GIANLUCA FERRINI ELIO URSINI Estratto del piano di sicurezza elaborato per la Notte dei Ricercatore Ipotesi di crisi ed emergenza L emergenza

Dettagli

Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010. In emergenza

Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010. In emergenza Le Attività Sociali SAN BONIFACIO Corso OPERATORI-SOCCORRITORI P.C. 02/10/2010 In emergenza I Volontari CRI Impegnati anche nel Sociale? SI! Prevenire e lenire le sofferenze delle persone, rispettare la

Dettagli

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo Eventi sismici della provincia dell Aquila Vice Commissario delegato alle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni sfollate e per l accelerazione e la chiusura della prima fase dell emergenza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

PRESENTANO. La prima proposta di promozione Ticket Around. Per Music Festival, in Italia.

PRESENTANO. La prima proposta di promozione Ticket Around. Per Music Festival, in Italia. PRESENTANO La prima proposta di promozione Ticket Around. Per Music Festival, in Italia. ticket around significa ufficio stampa che pensa a come vendere biglietti. ticket around significa social network

Dettagli

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra

Il Servizio Nazionale di protezione civile. Massimo La Pietra Il Servizio Nazionale di protezione civile Massimo La Pietra www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile è la gestione di un SISTEMA COMPLESSO www.protezionecivile.gov.it La Protezione Civile non

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli