L uomo ingranaggio: L oggettivazione al lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L uomo ingranaggio: L oggettivazione al lavoro"

Transcript

1 L uomo ingranaggio: L oggettivazione al lavoro In-Mind Italia IV, 3 7 ISSN Cristina Baldissarri 1, Luca Andrighetto 2, e Chiara Volpato 1 1 Università di Milano-Bicocca e 2 Università di Genova Keywords Oggettivazione, percezioni di umanità, lavoro, operaio Chi di noi non ricorda le immagini di Charlie Chaplin in Modern Times (1936)? Un operaio lavora a una catena di montaggio. Il suo unico compito è quello di avvitare un bullone. Tutt attorno altri operai che svolgono azioni ripetitive e standardizzate. Non si può perdere il ritmo dettato dallo scorrere del nastro trasportatore, che implacabile continua il suo corso. L operaio non può che adattarsi come tutti gli altri. Il movimento diventa meccanico e automatico, difficile distinguere l uomo dalla macchina, tanto che Chaplin, nell immagine più famosa e metaforica del film, non riuscendo a stare al passo della produzione serrata, verrà inglobato dagli ingranaggi della macchina stessa. L uomo diventa un oggetto, uno strumento fra tanti al servizio della produzione. Sono immagini che hanno segnato la storia e animano i nostri ricordi. Nonostante molti anni siano passati dal 1936, tutt oggi esistono lavori che implicano movimenti ripetitivi e meccanici, dettati dai ritmi serrati delle macchine (Hodson & Sullivan, 2011), in cui possiamo riscontrare il fenomeno dell oggettivazione: una forma di deumanizzazione sottile e quotidiana che consiste nel vedere e nel trattare una persona come un oggetto (Volpato, 2011). La maggior parte delle ricerche psicosociali ha studiato l oggettivazione in ambito sessuale; solo in tempi recenti alcuni studi si sono proposti di ampliare il campo di indagine di tale fenomeno, fornendo le prime evidenze empiriche dell oggettivazione in ambito lavorativo. Il lavoro oggettivante Le analisi teoriche sull oggettivazione causata dal lavoro sono svariate e nascono con la stessa società industriale. Fig. 1. Modern Times (1936), Charlie Chaplin. Karl Marx (1844/1980) sosteneva già che il lavoro nella società capitalista non è un attività libera in cui l uomo può manifestare la sua umanità, ma rappresenta piuttosto un imposizione esterna che depriva il lavoratore dalla sua autonomia e del prodotto stesso del suo lavoro. L umanità è negata perché il lavoratore è valutato in termini di ciò che produce e del valore che i prodotti hanno per gli altri. Lo stesso lavoratore giunge ad autovalutarsi in base alla produttività, più che in base alle qualità che definiscono l umanità di una persona. Nelle società preborghesi, ogni bene prodotto serviva per soddisfare i bisogni umani, aveva un valore di utilità per l uomo e per la sua sopravvivenza; nell economia borghese, invece, il prodotto diventa merce; ciò che viene prodotto non Corrispondenza: Cristina Baldissarri Dipartimento di Psicologia Piazza dell Ateneo Nuovo, , Milano, Italia

2 4 Baldassarri et al. è quindi più finalizzato al singolo, bensì al mercato e alla produzione di ricchezza (Marx, 1867/1964). Il prodotto non appartiene più all operaio-uomo, ma è un ente che esiste fuori di lui, estraneo e quasi nemico, dotato di una potenza avversa e di leggi proprie (Andreoni, 2005). Secondo Marx, tanto più il prodotto si arricchisce, tanto più l operaio si impoverisce, in un processo di trasformazione che lo rende senza spirito, senza dignità, senza valore e schiavo della natura (Marx, 1844/1980, p. 300). Nonostante le critiche di Marx, la società industriale ha proseguito sulla via della meccanizzazione. I nuovi principi, ad esempio quello dell operaio bue (Taylor, 1911), di quella che verrà chiamata l organizzazione scientifica del lavoro, vengono formulati per la prima volta da Taylor e trovano la loro piena realizzazione nella catena di montaggio, introdotta nell industria da Ford (1922/1980). Lo scopo della catena di montaggio è ridurre al minimo i movimenti dell operaio, costringendo tutti, i più veloci e i più lenti, a lavorare al ritmo dettato dal nastro trasportatore, riducendo ritardi o sovraccarichi e, quindi, i tempi di produzione. Questi principi vengono così, in seguito, criticati da Gramsci: Taylor [ ] esprime con cinismo brutale il fine della società americana: sviluppare nel lavoratore al massimo grado gli atteggiamenti macchinali e automatici, spezzare il vecchio nesso psico-fisico del lavoro professionale qualificato che domandava una certa partecipazione attiva dell intelligenza, della fantasia, dell iniziativa del lavoratore e ridurre le operazioni produttive al solo aspetto fisico macchinale. (Gramsci, 1934/1975, pp ). L umanità che si realizzava nella creazione produttiva tipica del lavoro artigianale, in cui il lavoro era strettamente legato all arte e l oggetto rifletteva la personalità del lavoratore, viene annullata dalle iniziative degli industriali come Ford e Taylor. Tra gli anni 50 e 70 del Novecento, avviene la piena transizione dalla società contadina a quella industriale e cominciano a manifestarsi i sintomi del successivo passaggio alla società postindustriale, caratterizzata dalla prevalenza del settore terziario su quello secondario della produzione di beni manufatti. L aumentata complessità e specializzazione del sistema sociale e produttivo cambia profondamente il senso del lavoro sia dei vecchi impiegati di concetto sia degli operai della fabbrica. Il lavoro dipendente si frammenta sempre più e si riduce a una serie di operazioni ripetitive, che allontanano il lavoratore dal controllo dell intero processo e lo abbandonano in una condizione di alienazione tale da fargli percepire l attività lavorativa come qualcosa di estraneo e ostile. Nel saggio L uomo è pigro per natura?, il filosofo Erich Fromm (1974/1996) così riassume la sua percezione dell operaio post-industriale: Oggi l operaio è al servizio della macchina, e per questo gli basta solo una minima dose di abilità. Neppure le prestazioni di un operaio qualificato sono paragonabili alla perizia di un artigiano medievale. L operaio è più uno strumento specializzato che un essere umano dotato di un proprio talento. [ ] È risaputo che l operaio moderno soffre di una noia tremenda, e odia il proprio lavoro. In quanto persona non viene arricchito ma storpiato dal processo lavorativo, poiché nessuna delle sue facoltà ha la possibilità di esser coltivata e di crescere (pp ). Martha Nussbaum (1995), nel suo famoso lavoro Objectification, descrive esplicitamente come l operaio che svolge un lavoro monotono, ripetitivo, parcellizzato e eterodiretto venga oggettivato. L operaio che lavora a una macchina è visto come strumento, come un estensione della macchina stessa. Egli non può prendere decisioni, organizzarsi e prendere iniziative; tutti gli operai sono considerati uguali, i loro sentimenti e le loro esperienze individuali, quindi la loro soggettività, vengono annullati. I lavoratori, inoltre, sono interscambiabili sia con altri lavoratori con simili capacità fisiche, sia con macchine. La salute fisica e spirituale dei lavoratori viene erosa gradualmente dalle condizioni di lavoro. La strumentalità, il diniego dell autonomia e della soggettività, la fungibilità (interscambiabilità) e la violabilità sono quindi le dimensioni individuate da Nussbaum su cui l operaio è oggettivato. Le altre due dimensioni che secondo l autrice possono caratterizzare l oggettivazione, l inerzia e la proprietà, non appartengono invece al lavoro dell operaio, che non è trattato come inerte, perché il suo valore consiste precisamente nella sua attività, e non è di proprietà di qualcuno, essendo assunto attraverso un contratto. L aspetto centrale del fenomeno è, secondo la filosofa, la strumentalità, che diventa pericolosa quando l altra persona è trattata primariamente e solamente come strumento, come avviene nella condizione dell operaio. Gli studi psicosociali sull oggettivazione Gli studi psicosociali sull oggettivazione si sono fino ad ora concentrati su un particolare tipo di oggettivazione che permea la società occidentale: l oggettivazione sessuale. Riprendendo il pensiero femminista, secondo cui l oggettivazione sessuale per le donne è un esperienza quotidiana e inevitabile (ad es., MacKinnon, 1989), gli studi psicosociali hanno preso due differenti direzioni. La maggior parte degli studi si è focalizzata sulla teoria dell oggettivazione di Fredrickson e Roberts

3 L oggettivazione al lavoro 5 (1997) e sulle conseguenze dell auto-oggettivazione. Secondo questa teoria le donne, quando sono oggettivate sessualmente, sono trattate come corpi, o un insieme di parti del corpo, che esistono per l uso e il piacere degli altri. Il mezzo principale dell oggettivazione è lo sguardo oggettivante (si veda il glossario), che permea i contesti culturali, nelle quali le donne vivono, e porta le donne a interiorizzare la prospettiva dell osservatore sul sé, fenomeno che viene chiamato dalle autrici auto-oggettivazione. Le donne imparano a vedere se stesse come un oggetto da valutare in base all aspetto fisico, e questo porta a una serie di esperienze soggettive conseguenti (come ansia, vergogna e tensione) e ad alcuni disturbi psicologici: depressione, disfunzioni sessuali e disturbi alimentari. Fredrickson e Roberts hanno dato così il via a molti studi sull auto-oggettivazione e le sue conseguenze (vedi, ad es., Pacilli, 2012 per una rassegna). Pochi e più recenti studi hanno seguito una seconda direzione, spostando lo studio dell oggettivazione a livello interpersonale, ovvero su come la persona oggettivata viene percepita dagli altri. Questi studi hanno documentato che, quando le donne venivano raffigurate in maniera oggettivata, in pose sessuali o mezze nude, i partecipanti (maschi e femmine), rispondendo al compito dello SC-IAT (si veda il glossario), le associavano meno a parole legate al concetto di umanità, rispetto a quando esse venivano presentate in maniera non oggettivata (Vaes, Paladino, & Puvia, 2011). Inoltre, mostrare a partecipanti, maschi e femmine, immagini di una donna in costume, fa sì che le vengano attribuite minori capacità mentali e morali e induce a una minore considerazione della sua sensibilità (Loughnan et al., 2010). In linea con queste ricerche, Heflick e collaboratori hanno dimostrato come il focus sull aspetto fisico di una persona promuova l oggettivazione delle donne e non degli uomini (Heflick & Goldenberg, 2009; Heflick, Goldenberg, Cooper, & Puvia, 2011). Ad esempio, in uno di questi studi (Heflick et al., 2011) ai partecipanti, maschi e femmine, veniva fatto vedere un filmato che riprendeva, a seconda della condizione, un reporter donna o un reporter uomo mentre svolgevano il loro lavoro. Inoltre, ai partecipanti veniva chiesto di concentrarsi sulla prestazione o sull aspetto fisico della persona ripresa. I risultati hanno dimostrato che l attenzione sull aspetto fisico della donna promuoveva l oggettivazione: essa veniva infatti percepita come meno competente, meno calorosa e meno morale rispetto a quando l attenzione era rivolta alla prestazione. Questo non accadeva per il reporter uomo. Recentemente, alcuni studi hanno esplorato il fenomeno dell oggettivazione allargando il campo di indagine oltre a quello sessuale. In particolare, Gruenfeld, Inesi, Magee e Galinsky (2008) hanno dimostrato come posizioni di potere possano portare alla percezione di individui subordinati come meri strumenti. In questo caso, l oggettivazione aumentava la tendenza ad approcciare i subordinati esclusivamente in base alla loro utilità in vista di un obbiettivo e indipendentemente dal loro genere e dalle loro qualità umane. Il potere induce, dunque, a instaurare relazioni strumentali indipendentemente dal genere sessuale. L oggettivazione è, quindi, un fenomeno molto più ampio rispetto a quello che si è studiato in letteratura, un fenomeno che si può estendere ben oltre il campo sessuale. L oggettivazione dell operaio Nonostante l oggettivazione dell operaio sia stata ampiamente analizzata da un punto di vista teorico, gli studi empirici psicosociali sono ancora agli inizi. Il lavoro nobilita l uomo o lo rende simile a un oggetto? Come viene percepito l operaio? È effettivamente visto come strumento e non come essere umano? In una prima ricerca sperimentale Andrighetto, Volpato e Baldissarri (2012) hanno indagato questo fenomeno, mettendo a confronto il lavoro di un operaio impiegato in un sistema industriale complesso (caratterizzato da ripetitività dei gesti, tempi etero diretti, segmentazione del lavoro) con quello di un artigiano (attività in cui il prodotto viene ideato e costruito dall inizio alla fine dallo stesso lavoratore attraverso diverse fasi). Per verificare che il lavoro fosse effettivamente la causa dell oggettivazione è stato adattato il paradigma sperimentale dello studio di Heflick e colleghi (2011). In particolare, nello studio di Andrighetto e colleghi (2012) ai partecipanti, a seconda della condizione sperimentale, veniva presentato un breve video che riprendeva un operaio che lavorava a una macchina saldatrice, il cui uni-

4 6 Baldassarri et al. co compito era quello di inserire il pezzo da saldare nella macchina, o un video che riprendeva un falegname che produceva una sedia attraverso diverse attività. Ai partecipanti veniva chiesto, a seconda della condizione sperimentale, di prestare attenzione alla persona o al lavoro svolto nel video. Gli autori hanno infatti ipotizzato che, se è effettivamente l attività dell operaio a causare oggettivazione, chiedere di focalizzarsi sul lavoro dovrebbe portare a delle percezioni differenti da quelle ottenute chiedendo di concentrarsi sulla persona. Tali differenze dovrebbero però verificarsi solo nella condizione dell operaio e non nella condizione di confronto dell artigiano. Successivamente, ai partecipanti veniva chiesto di valutare quanto il lavoratore ripreso nel video fosse secondo loro simile a uno strumento e quanto fosse in grado di provare diversi stati mentali (si veda il glossario), dai più semplici (ad es., sentire) ai più complessi (ad es., desiderare). Confermando le ipotesi, i risultati hanno mostrato che l operaio ma non l artigiano veniva percepito come più simile a uno strumento e gli venivano attribuite minor capacità mentali quando i partecipanti si focalizzavano sul suo lavoro piuttosto che sulla sua persona. Questo primo studio sembra, dunque, suggerire che il lavoro dell operaio non nobilita l uomo, ma anzi sembra renderlo simile a un oggetto. Nuovi campi di indagine Nonostante queste prime prove empiriche, l oggettivazione in campo lavorativo è un dominio ancora tutto da esplorare. Un passo prioritario da effettuare sarà l analisi delle differenze fra il fenomeno in ambito sessuale e il fenomeno in ambito lavorativo. Capire quali siano i fattori determinanti dell oggettivazione in questo campo e quali siano le caratteristiche del lavoro maggiormente oggettivanti potrà portare a un miglioramento della condizione sociale del lavoratore. In che modo la ripetitività dell attività, la segmentazione o il controllo esterno influiscono sull oggettivazione dell operaio? Quali sono i principali fattori oggettivanti? Un altro possibile sviluppo riguarderà le conseguenze dell oggettivazione: esistono delle conseguenze a livello comportamentale dovute all oggettivazione? L oggettivazione dell operaio porta a comportamenti di avvicinamento o di allontanamento, induce atteggiamenti solidali o di sfruttamento? Sarà inoltre importante studiare le conseguenze psicologiche dell oggettivazione sull operaio. Il lavoro alienante può infatti avere un doppio effetto sul lavoratore: un effetto indiretto dovuto alla percezione oggettivante che gli altri hanno della persona e un effetto diretto su chi svolge il lavoro, dovuto alla ripetitività, alla monotonia e alla mancanza di senso della sua opera. Il riconoscimento sociale derivante dal lavoro provoca effetti positivi sull identità e sulla realizzazione personale (Castel, 1998). La sua assenza potrebbe invece causare un auto-oggettivazione dell operaio. Sarebbe interessante verificare l esistenza di questa possibile auto-oggettivazione e la relazione fra oggettivazione, auto-oggettivazione, esperienze psicologiche e prestazioni lavorative. Infine, può essere importante ampliare il campo di studi ad altre categorie lavorative. Molte occupazioni sono caratterizzate da alti ritmi, controllo della performance, incertezza della continuità lavorativa e conseguente perdita di senso (vedi, ad es., l indagine sui call center di Pierantoni et al., 2007). Il lavoro, inoltre, negli ultimi anni sta cambiando: lo strumento principale delle esigenze produttive è diventato il lavoro temporaneo e flessibile (Sarchielli & Fraccaroli, 2010). L attuale tendenza porta a un oggettivazione diffusa: il lavoratore temporaneo è una risorsa utile per i bisogni momentanei dell azienda, può essere sostituito, si adatta e non può agire di propria iniziativa, deve essere pronto a mettere in atto quello che gli viene detto, deve andarsene quando necessario secondo le esigenze del mercato (Andreoni, 2005). Non sono forse questi dei rapporti lavorativi che implicano per definizione strumentalità, fungibilità, violabilità, diniego dell autonomia e diniego della soggettività? Il campo di ricerca si estende quindi al lavoro in generale. Il lavoro, momento principale della vita adulta, fonte di soddisfazione e arricchimento personale, fondamentale per la definizione dell identità e per il riconoscimento sociale, rischia di diventare sempre più, nella nostra società, un fattore di oggettivazione. Glossario Sguardo oggettivante. Con sguardo oggettivante ci si riferisce allo sguardo attraverso cui si vede l altro come simile a un oggetto. Lo sguardo oggettivante non riguarda solo gli incontri interpersonali e sociali di tutti i giorni, ma anche particolari media come film, pubblicità, programmi televisivi, video musicali e riviste femminili in cui la donna è presentata e trattata come un oggetto. Lo sguardo oggettivante non è sotto il controllo della donna, che quindi non può controllare, eliminare o evitare contesti potenzialmente oggettivanti. Stati mentali. Con stati mentali ci si riferisce a stati interni attraverso cui si articolano pensieri e comportamenti e che riflettono le capacità mentali legate alla volontà, al pensiero, all intenzione, alla percezione e alle emozioni. SC-IAT. Il Single Category Implicit Association Test (Karpinski & Steinman, 2006) è una variante dell Implicit Association Test (Greenwald, McGhee & Schwartz, 1998), una misura implicita che permette di misurare

5 L oggettivazione al lavoro 7 la forza dei legami associativi tra concetti rappresentati in memoria. I partecipanti svolgono un compito al pc in cui devono categorizzare degli stimoli che appaiono al centro dello schermo utilizzando due tasti differenti. Se nella rappresentazione cognitiva di una persona esiste una forte associazione tra due concetti, allora, quando i partecipanti devono utilizzare lo stesso tasto per categorizzare i due concetti, la risposta sarà più facile rispetto a quando devono usare tasti differenti. La facilità nella risposta viene misurata attraverso i tempi di reazione, la velocità e l accuratezza, nello svolgere il compito di categorizzazione. Riferimenti bibliografici Andreoni, P. (2005). Tempo e lavoro. Storia, psicologia e nuove problematiche. Milano: Mondadori. Andrighetto, L., Volpato, C., & Baldissarri, C. (2012). (Still) Modern Times: Evidence of objectification in working domain. Manuscript submitted for publication. Castel, R. (1998). Centralité du travail et cohésion social. In J. Kergoat. J. Boutet, H. Jacot, & D. Linhart(Eds.), Le monde du travail (pp ). Paris, France: La Découverte. Chaplin, C. (Producer & Director). (1936). Modern Times [Film]. United States: United Artists. Ford, H. (1980). La mia vita e la mia opera (Benco, S., Trans). Milano: La Salamandra (Original work published 1922). Fredrickson, B., & Roberts, T. A. (1997). Objectification theory: Toward understanding women s lived experiences and mental health risks. Psychology of Women Quarterly, 21, Fromm, E. (1996). I cosiddetti sani (M. Bistolfi, Trans.). Milano: Mondadori (Original work published 1974). Gramsci, A. (1975). Quaderni dal carcere, Vol. III. Torino: Einaudi. Greenwald, A. G., McGhee, D. E., & Schwartz, J. L. K. (1998). Measuring individual differences in implicit cognition: The Implicit Association Test. Journal of Personality and Social Psychology, 74, Gruenfeld, D. H., Inesi, M. E., Magee, J. C., & Galinsky, A. D. (2008). Power and the objectification of social targets. Journal of Social and Personality Psychology, 95, Heflick, N. A., & Goldenberg, J. L. (2009). Objectifying Sarah Palin: Evidence that objectification causes women to be perceived as less competent and less fully human. Journal of Experimental Social Psychology, 45, Heflick, N. A., Goldenberg, J. L., Cooper, D. P., & Puvia, E. (2011). From women to objects: Appearance focus, target gender, and perceptions of warmth, morality and competence. Journal of Experimental Social Psychology, 47, Hodson, R., & Sullivan, T. (2011). The Social organization of work, 5 th edition. Belmont, CA: Wadsworth. Karpinski, A., & Steinman, R. B. (2006). The Single Category Implicit Association Test as a measure of implicit social cognition. Journal of Personality and Social Psychology, 91, Loughnan, S., Haslam, N., Murnane, T., Vaes, J., Reynolds, C., & Suitner, C. (2010). Objectification leads to depersonalization: The denial of mind and moral concern to objectified others. European Journal of Social Psychology, 40, MacKinnon, C. (1989). Towards a feminist theory of the State. Cambridge, MA: Harvard University Press. Marx, K. (1980). Manoscritti economico-filosofici del 1844 (N. Bobbio, Trans.). Torino: Einaudi (Original work published 1844). Marx, K. (1964). Il capitale. Critica dell economia politica (D. Cantimori, Trans.). Roma: Editori Riuniti (Original work published 1867). Nussbaum, M. (1995). Objectification. Philosophy and Public Affairs, 24, Pacilli, M. G. (2012). Solo per i tuoi occhi L oggettivazione sessuale in un ottica psicosociale. In-Mind Italia, 1, Pierantoni, P., Guarnieri, A., Rouvery, L., Piccardo, M., & Genovesi, A. (2007). Idee per un cambiamento: Una ricerca sulle condizioni di lavoro nella realtà dei call-center. Downloaded from: N /CallCenterLiguria.pdf Sarchielli, G., & Fraccaroli, F. (2010). Introduzione alla psicologia del lavoro. Bologna: Il Mulino. Taylor, F. W. (1911). The Principles of Scientific Management. Trad. it. Principi di organizzazione scientifica del lavoro. Milano: Franco Angeli, Vaes J., Paladino M. P., & Puvia, E. (2011). Are sexualized females complete human beings? Why males and females dehumanize sexually objectified women. European Journal of Social Psychology, 41, Volpato, C. (2011). Deumanizzazione. Come si legittima la violenza. Roma, Bari: Laterza. Cristina Baldissarri è Dottoranda in Psicologia sociale, cognitiva e clinica presso la Scuola di dottorato in Psicologia e Scienze Cognitive dell Università degli Studi di Milano-Bicocca. I suoi principali interessi di ricerca riguardano i processi di oggettivazione e di deumanizzazione. Luca Andrighetto ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Psicologia Sociale e della Personalità presso l Università di Padova. E stato assegnista di ricerca presso l Università di Milano-Bicocca. Attualmente è ricercatore di Psicologia Sociale presso l Università di Genova, dove insegna Psicologia sociale e Psicologia di Comunità. Si occupa prevalentemente di deumanizzazione, processi di riconciliazione intergruppi e riduzione del pregiudizio interetnico. Chiara Volpato è Professore ordinario di Psicologia Sociale presso il Dipartimento di Psicologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca. I suoi principali interessi di ricerca riguardano le relazioni intergruppi, i pregiudizi e gli stereotipi, l influenza sociale, i processi di deumanizzazione e di oggettivazione.

L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA

L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA Secondo Martha Nussbaum (1999) il concetto di oggettivazione comprende sette dimensioni: 1. Strumentalità: l oggetto è uno strumento per gli scopi altrui; 2. Negazione dell

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA Via Verdi, 10-10124 Torino - Tel. 7902872 La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo Promozione della salute e prevenzione

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu Psicologia del lavoro Prof. Ferrari ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc riassunti anno 2011-2012 caappuntibicoccaappuntibicoccaapp Autore: Stellin91 Cod: PS069 untibicoccaappuntibicoccaappuntibi

Dettagli

Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE

Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE Gli individui sono costantemente bombardati da informazioni provenienti dall ambiente esterno. Tali input,

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO PATRIZIA MILESI, ISABELLA ALBERICI Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica di Milano Introduzione Varie ricerche hanno dimostrato

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Padova, 8,9 ottobre 2010. Ciclo di vita Orientamento 3C Life Skill Contratto psicologico bel Lavoro Aristocratici e servi Outplacement Mobilità

Padova, 8,9 ottobre 2010. Ciclo di vita Orientamento 3C Life Skill Contratto psicologico bel Lavoro Aristocratici e servi Outplacement Mobilità Padova, 8,9 ottobre 2010 Ciclo di vita Orientamento 3C Life Skill Contratto psicologico bel Lavoro Aristocratici e servi Outplacement Mobilità 15 a 65 a fase pre-organizzativa: scelta degli studi vocational

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE: IL DIBATTITO IN AMBITO EDUCATIVO. Bressanone 26/10/2012; Daniela Mario LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE I neuroni specchio e le rappresentazioni condivise

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

L intelligenza numerica

L intelligenza numerica L intelligenza numerica Consiste nel pensare il mondo in termini di quantità. Ha una forte base biologica, sia gli animali che i bambini molto piccoli sanno distinguere poco e molto. È potentissima e può

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere Le problematiche della donna nel terzo millennio La medicina di genere Il genere è un determinante della salute perché coinvolge uomo/donna dallo sviluppo infantile alla senescenza La salute della donna

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook 1 MONIA FERRETTI Psicologa Psicoterapeuta EBOOK DIMAGRISCI FACILE Parte 1 Dimagrisci facile con i miei consigli Per Te! 2 Titolo Dimagrisci Facile con i miei consigli per Te!!! Autore Monia Ferretti Sito

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli Introduzione alla storia lezione 1 Prof. Marco Bartoli Vi piace la storia? Anche a giudicare dai programmi di studio della scuola italiana, vi è un progressivo disinteresse per l insegnamento della storia.

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

I costrutti di base: l identità, il genere e l orientamento sessuale

I costrutti di base: l identità, il genere e l orientamento sessuale Università di Ferrara Corso Donne, politica, istituzioni 2013 I costrutti di base: l identità, il genere e l orientamento sessuale Chiara Baiamonte SESSO PSICOLOGICO SESSO BIOLOGICO SESSO SOCIALE DIFFERENZA

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa.

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Apprendimento Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Esempio dell ameba: Risponde a stimoli nuovi (adattabilità) Identifica risposte adattive per prove ed errori (acquisizione

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO

HENRY FORD (1863-1947) IL DIVINO MECCANICO HENRY FORD (1863-1947) 1947) IL DIVINO MECCANICO La vera scintilla per la meccanica scoccò quando, a 12 anni, vidi per la prima volta una vettura senza cavalli che marciava con grande speditezza Da quel

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management

THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management DESCRIZIONE EVENTO Project Hollywood La regia cinematografica: un esperienza di project management La produzione di un film rappresenta l

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

La relazione con la famiglia d origine

La relazione con la famiglia d origine La relazione con la famiglia d origine a cura di Assistente sociale Giuseppina Griguoli e Educatrice professionale Caterina Bellei del Servizio Tutela Minori Unione dei Comuni del Distretto Ceramico PERCHÉ

Dettagli

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino Piccoli saggi laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo condotto da Carlo Maria Cirino Progetto Didattica della filosofia coi bambini Destinatari Alunni di tutte le classi

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

LA PSICOLOGIA DEL SONNO

LA PSICOLOGIA DEL SONNO 109 LA PSICOLOGIA DEL SONNO PIERO SALZARULO Dipartimento di Psicologia, Università di Firenze 1. La psicologia del sonno: ricerche sperimentali La psicologia si è relativamente poco interessata allo studio

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Il sistema delle discriminazioni di genere

Il sistema delle discriminazioni di genere Riequilibrare le opportunità: le donne all università e negli enti di ricerca Trieste, 15 maggio 2014 Il sistema delle discriminazioni di genere Chiara Volpato Università di Milano-Bicocca Discriminazioni

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Save the difference IL NOSTRO TEAM

Save the difference IL NOSTRO TEAM SAVE THE DIFFERENCE IL NOSTRO TEAM Siamo due amici: una psicologa clinica 29enne e un educatore 28enne, accomunati da due cose: ambizione e tanta voglia di fare. Siamo convinti che vi sia una particolare

Dettagli