L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012"

Transcript

1 L'evoluzione dei meccanismi di incentivazione della produzione di energia Idroelettrica dal DM 18/12/2008 al DM 06/07/2012 Ing. Andros Racchetti Direzione Ingegneria, Unita Impianti Idroelettrici ed Eolici L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA Evoluzione del settore e del quadro normativo Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014 Il Gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas ) Delibere MISSIONE GSE promuove la sostenibilità ambientale attraverso l incentivazione e lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile in Italia - 2 -

2 PRINCIPALI MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE GESTITI DAL GSE Uno sguardo d insieme: situazione precedente all uscita del DM 2012 Tipo di impianto Meccanismo di incentivazione Periodo di incentivazione Incentivo Valorizzazione energia Impianti a fonti rinnovabili (non solari) CERTIFICATI VERDI Qualsiasi taglia 15 anni Vendita CV attribuiti all energia prodotta Autoconsumo e libero mercato o Ritiro Dedicato o Scambio sul Posto TARIFFE ONNICOMPRENSIVE Piccola taglia 15 anni Tariffe Onnicomprensive attribuite all energia immessa in rete Impianti idro fino a 1 MW 0,22 /kwh Tariffe Onnicomprensive: Impianti di potenza non superiore a 1 MW (200 kw per gli impianti eolici). Ritiro Dedicato: Impianti di potenza inferiore a 10 MVA o di qualsiasi potenza nel caso di fonti rinnovabili non programmabili. Scambio Sul Posto: Impianti di potenza fino a 200 kw DM 6 LUGLIO 2012: IL FLUSSO NORMATIVO Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN) Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Direttiva 2009/28/CE Giugno 2010 D.Lgs. 3 marzo 2011 n.28 Ottobre 2012 DM attuativi: 5/7/12, 6/7/12 e 28/12/12 Giugno 2009 Marzo Luglio - Dicembre 2012

3 DM 6 luglio 2012: MODALITA DI ACCESSO AGLI INCENTIVI IL DM INDIVIDUA 3 DIVERSE MODALITÀ DI ACCESSO AGLI INCENTIVI: 1) ACCESSO DIRETTO per piccoli impianti e per alcuni casi particolari. Per gli impianti idroelettrici di potenza nominale di concessione fino a 50 kw, elevati a 250 kw per le seguenti sub-tipoligie di impianti: i. realizzati su canali o condotte esistenti, senza incremento di portata derivata; ii. che utilizzano acque di restituzioni o di scarico; iii. che utilizzano il deflusso minimo vitale al netto della quota destinata alla scala di risalita, senza sottensione di alveo naturale; 2) REGISTRI per due diversi insiemi di interventi: a) Registro per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi che non possono accedere direttamente agli incentivi e con una potenza inferiore alla potenza di soglia di 5 MW (10 MW per idroelettrici e 20 MW geotermoelettrici); b) Registro per gli interventi di rifacimento parziali e totali (con l esclusione dei rifacimenti dei piccoli impianti che possono accedere direttamente agli incentivi). 3) ASTE per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi di potenza superiore alla potenza di soglia di 5 MW (10 MW per idroelettrici e 20 MW geotermoelettrici) DM 6 luglio 2012: CONDIZIONI E VINCOLI PER L APPLICAZIONE DEL DM Applicazione Si applica agli impianti da fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici in esercizio dal 1 gennaio 2013 (con potenza 1 kw). Limite complessivo al costo di incentivazione Il costo indicativo cumulato per tutte le tipologie di incentivo agli impianti a fonte rinnovabile diversi dai fotovoltaici non può superare complessivamente i 5,8 miliardi di euro annui Contingenti di potenza ammessi all incentivazione La potenza incentivabile annua delle diverse fonti rinnovabili è ripartita in contingenti specifici per la relativa modalità di accesso (Aste, Registri per impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, potenziati e ibridi o Registri per rifacimenti) La potenza incentivabile complessiva, prevista per i due registri e per le Aste per le diverse FER, è riportata nella seguente tabella (espressa in MW) : Eolico onshore Eolico offshore Idroelettrico Geotermoelettrico Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione, gas di discarica e bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettera c) Oceanica (comprese maree e moto ondoso)

4 DM 6 luglio 2012: TARIFFE INCENTIVANTI Per ciascuna fonte, tipologia e classe di potenza è stabilita una Tariffa Base Incentivante che include sia l'incentivo sia la valorizzazione economica dell energia immessa in rete (prezzo zonale dell'energia immessa in rete). Gli impianti > 1 MW di potenza possono richiedere solo l incentivo. Gli impianti sino a 1 MW di potenza possono richiedere, in alternativa al solo incentivo, il rilascio di una tariffa onnicomprensiva corrispondente alla Tariffa Base incentivante più l'eventuale premio. I nuovi incentivi hanno durata pari alla vita media utile convenzionale della specifica tipologia di impianto indicata nell allegato 1 al DM (riportato nella presentazione). I nuovi meccanismi sono alternativi al ritiro dedicato e allo scambio sul posto. Per quest'ultimo meccanismo il decreto introduce alcuni criteri di semplificazione DM 6 LUGLIO 2012: SCHEMA DI SINTESI PER L ACCESSO AGLI INCENTIVI MODALITÀ DI ACCESSO AI NUOVI INCENTIVI Potenza 1 MW Remunerazione Riconosciuta dal GSE Incentivo Tariffa incentivante (Tariffa Base + Premi) Prezzo Zonale Orario Tariffa Onnicomprensiva Tariffa incentivante (Tariffa Base + Premi) Titolarità energia Produttore GSE Accesso per Interventi di rifacimento Registri con contingenti di potenza per tipologia d impianto e selezione in base a criteri di priorità Diretto Accesso per impianti nuovi, integrali ricostruzioni, riatti vazioni e potenziamenti Aste al ribasso sulla Tariffa Base con contingenti di potenza per tipologia d impianto Registri con contingenti di potenza per tipologia d impianto e selezione in base a criteri di priorità Diretto Potenza 5 MW (10 MW Idro 20 MW Geo) 60 kw eolici kw idro 200 kw biomasse 100 kw biogas Altre situazioni (Potenza x2 per PA) - 8 -

5 DM 6 luglio 2012: TARIFFA INCENTIVANTE BASE e VITA UTILE Tabella 1.1 Allegato 1 al DM Fonte rinnovabile Tipologia Potenza VITA UTILE degli IMPIANTI TARIFFA INCENTIVANTE BASE (per il 2013) (Tb) Eolica Idraulica On-shore Off-shore ad acqua fluente (compresi gli impianti su acquedotto) a bacino o a serbatoio Oceanica (comprese maree e moto ondoso) kw anni /MWh 1<P <P <P <P P> <P P> <P <P <P <P P> <P P> <P P> DM 6 luglio 2012: ACCESSO CON REGISTRO Descrizione del processo Il registro è informatizzato e gestito dal GSE, che, nei termini stabiliti nel titolo II del DM, provvede a pubblicare il bando relativo alla procedura di iscrizione. Per iscriversi al registro il soggetto responsabile deve fare richiesta al GSE e deve essere in possesso del titolo autorizzativo e aver accettato il preventivo di connessione redatto dal gestore di rete; per idroelettrici, geotermoelettrici ed eolici off-shore in luogo del titolo autorizzativo è sufficiente la concessione. La richiesta di iscrizione al registro è formulata con la presentazione al GSE di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con la quale sono attestati i dati dell impianto e le informazioni necessarie a verificare il possesso dei requisiti richiesti per l iscrizione alle procedure nonché la ricorrenza delle condizioni costituenti criterio di priorità per la stesura delle graduatorie. Il GSE forma le graduatorie degli impianti iscritti al registro, rispettando i criteri di priorità stabiliti nell art. 10 (IMPIANTI NUOVI, RICOSTRUITI, RIATTIVATI, POTENZIATI E IBRIDI) e nell art. 17 (RIFACIMENTI) del decreto. Solo gli impianti che rientrano nelle graduatorie sono ammessi ai meccanismi di incentivazione, nei limiti dello specifico contingente di potenza. Gli impianti inclusi nella graduatoria hanno tempistiche prefissate per l'entrata in esercizio, pena l'applicazione di una decurtazione della tariffa incentivante di riferimento artt. 11 e

6 DM 6 luglio 2012: RICHIESTA E EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI Descrizione del processo Per gli impianti ammessi in posizione utile nelle graduatorie dei Registri o per gli impianti in Accesso Diretto: Entro 30 giorni dalla data di entrata in esercizio il soggetto responsabile deve effettuare la richiesta di accesso agli incentivi tramite dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Il GSE, tramite il portale informatico, consente al soggetto responsabile, la creazione guidata e automatica dei modelli da utilizzare per la dichiarazione sostitutiva (da firmare e caricare sul portale stesso). Entro 90 giorni dalla richiesta di concessione il GSE, verificato il rispetto delle disposizioni previste dal Decreto, assicura la stipula del contratto; L erogazione dell incentivo decorrerà dalla data di entrata in esercizio commerciale dell impianto indicata dal Soggetto Responsabile (max 18 mesi dopo l entrata in esercizio fisico dell impianto come risultante sul sistema GAUDI ) DM 6 luglio 2012: SCHEMA TEMPORALE PER ACCESSO ED EROGAZIONE INCENTIVI

7 DM 6 luglio 2012: IL PORTALE INFORMATICO FER-E 1/2 La richiesta di iscrizione ai registri o alle aste e la richiesta di accesso agli incentivi è formulata con la presentazione al GSE di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell articolo 47 del DPR 445 del 2000, con la quale sono attestati i dati dell impianto e le informazioni necessarie a verificare il possesso dei requisiti richiesti nonché la ricorrenza delle condizioni costituenti criterio di priorità per la stesura delle graduatorie. La dichiarazione sostitutiva è generata automaticamente dal Portale FER-E sulla base dei dati inseriti dal Soggetto responsabile DM 6 luglio 2012: IL PORTALE INFORMATICO FER-E 2/2 Il portale informatico del GSE ( dedicato ai nuovi meccanismi incentivanti del DM, include tutte le procedure previste per l accesso e per l erogazione degli incentivi: l iscrizione ai registri, alle aste e la gestione delle relative graduatorie la richiesta degli incentivi a seguito dell entrata in esercizio la stipula del contratto e la successiva erogazione degli incentivi

8 DM 6 luglio 2012: LE PROCEDURE APPLICATIVE DEL GSE PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE D ASTA E PER LE PROCEDURE DI ISCRIZIONE AI REGISTRI (Pubblicate dal GSE il 24 agosto 2012 e aggiornate il 13 gennaio 2014) Le procedure elaborate dal GSE, ai sensi dell art. 24 del D.M. 6 luglio 2012, individuano e regolamentano operativamente le diverse fasi previste per l accesso, la richiesta e la gestione degli incentivi agli impianti FER diversi dal fotovoltaico; in particolare le procedure trattano i seguenti principali aspetti: i regolamenti per l iscrizione alle Procedure di Asta, ai Registri e ai Registri per i rifacimenti; la richiesta degli incentivi a seguito dell entrata in esercizio degli impianti; le modalità di calcolo e di erogazione degli incentivi, ivi incluse le modalità di riconoscimento dei premi; i controlli e le verifiche sugli impianti; le indicazioni per l utilizzo del portale informatico FER-E per tutte le fasi del processo (accesso diretto, iscrizione ai Registri e alle Aste, entrata in esercizio e rilascio degli incentivi) Non solo energia elettrica Grazie per l attenzione!

9 Non solo energia elettrica Approfondimenti INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE CONTATORE FER ELETTRICHE: aggiornamento al 31 gennaio

10 DM 6 LUGLIO 2012: TARIFFA INCENTIVANTE BASE e VITA UTILE CONCETTO FONDAMENTALE TARIFFA INCENTIVANTE = INCENTIVO + PREZZO ZONALE ORARIO + PREMIO (EVENTUALE) Potenza 1 MW Tariffa incentivante onnicomprensiva Pr: premio To = Tb + Pr Pr Tb: tariffa incentivante base Tb Potenza > 1 MW Incentivo I nuovo = Tb + Pr - Pz Pr I Tb Pz Pr: premio I = Tb-Pz Nel caso di incentivo negativo: I=0 Pz: prezzo zonale orario Nel caso di prezzo zonale orario negativo: Pz=0 Es: prezzo zonale zona Sud: 70 /MWh - zona Nord: 74 /MWh DM 6 LUGLIO 2012: CALCOLO DEGLI INCENTIVI Valutazione incentivi : Definizioni e modalità di calcolo Tariffa incentivante: è il ricavo complessivo derivante dalla valorizzazione dell'energia elettrica e dall'incentivo. Incentivo: è l'integrazione economica al ricavo connesso alla valorizzazione dell'energia prodotta idonea ad assicurare un'equa remunerazione dei costi di investimento ed esercizio e corrisposta dal GSE al produttore in rifermento alla produzione netta immessa in rete. La tariffa incentivante e l'incentivo sono riconosciuti sull'energia netta immessa in rete Tariffa onnicomprensiva TO = Tb + Pr Tb: tariffa incentivante base Pr: ammontare eventuali premi 1 MW < Incentivo I nuovo = Tb + Pr - Pz Tb: tariffa incentivante base Pr: ammontare eventuali premi Pz: prezzo zonale orario Nuovi Impianti Tariffa onnicomprensiva 1 MW < Incentivo TO = D * (Tb + Pr Pzm0) + Pzm0 D: coefficiente di gradazione specifico Tb: tariffa incentivante base Pr: ammontare eventuali premi Pzm0: valore medio annuo del prezzo zonale dell'energia I = I nuovo * D D: coefficiente di gradazione specifico I nuovo : incentivo come calcolato per impianti nuovi con potenza > 1MW Integrale ricostruzione Riattivazione Potenziamento Rifacimento

11 DM 6 LUGLIO 2012: CALCOLO DEGLI INCENTIVI Livello dell incentivazione in funzione della categoria dell intervento e della fonte CATEGORIA INTERVENTO TIPOLOGIA FONTE e IMPIANTO LIVELLO DI INCENTIVAZIONE Tariffa Incentivo Omnicomprensiva ENERGIA INCENTIVATA Nuova Costruzione tutte To= Tb + Pr I nuovo = Tb+Pr-Pz Ei= E N Integrale Ricostruzione tutte ad eccezione di: - idroelettrici su acquedotto, - bioliquidi sostenibili, - biogas, - gas di discarica, - gas residuati dei processi di depurazione. To= 0,9*(Tb+Pr-P zm0 )+P zm0 I= 0,9*I nuovo Ei= E N Riattivazione tutte To= 0,8*(Tb+Pr-P zm0 )+P zm0 I= 0,8*I nuovo Ei= E N Potenziamento non idroelettrico Potenziamento idroelettrico tutte ad eccezione degli idroelettrici To= 0,8*(Tb+Pr-P zm0 )+P zm0 I= 0,8*I nuovo Ei= (E N - E 5 ) idroelettrici To= 0,8*(Tb+Pr-P zm0 )+P zm0 I= 0,8*I nuovo Ei= 0,05* E N To= D*(Tb+Pr-P zm0 )+P zm0 Rifacimento totale o parziale tutte Impianto non a biomasse: 0,15 < R 0,5 : D=R R > 0,5 : D= 0,5 Impianto a biomasse: 0,15<R 0,25 : D=R+0,55 0,25<R 0,5 : D=0,4R+0,7 R>0,5 : D=0,9 I= D*I nuovo Ei= E N DM 6 luglio 2012: ACCESSO DIRETTO (Impianti Idroelettrici) IMPIANTI AMMESSI Le seguenti tipologie di impianto possono accedere direttamente agli incentivi : [...] b) gli impianti idroelettrici di potenza nominale di concessione fino a 50 kw, la cui soglia è elevata a 250 kw se trattasi di impianti che rientrano in una delle seguenti casistiche: i. realizzati su canali o condotte esistenti, senza incremento di portata derivata; ii. che utilizzano acque di restituzioni o di scarico; iii. che utilizzano il deflusso minimo vitale al netto della quota destinata alla scala di risalita, senza sottensione di alveo naturale; [...] h) gli impianti realizzati con procedure ad evidenza pubblica da Amministrazioni pubbliche, aventi potenza fino al doppio del livello massimo indicato alle lettere a, b, c

12 DM 6 luglio 2012: ENTRATA IN ESERCIZIO E VITA UTILE VITA UTILE Il periodo di diritto ai meccanismi incentivanti è pari alla vita media utile convenzionale della specifica tipologia di impianto (individuata nell allegato 1, Tab. 1.1 al DM). Il periodo di diritto all incentivazione decorre dalla data di entrata in esercizio commerciale dell impianto cioè la data comunicata dal produttore al GSE entro 18 mesi dalla data di entrata in esercizio (periodo di avviamento e collaudo). Il periodo è considerato al netto di eventuali fermate, disposte dalle competenti autorità secondo la normativa vigente per problemi connessi alla sicurezza della rete riconosciuti da Terna, per eventi calamitosi riconosciuti dalle competenti autorità e per i tempi di fermo causati da ritardi nel rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale ove richiesta. A tal fine, al produttore è concessa un estensione del periodo nominale di diritto, pari al periodo complessivo di fermate. ENTRATA IN ESERCIZIO La data di entrata in esercizio è la data in cui, al termine dell intervento, si effettua il primo funzionamento dell'impianto in parallelo con il sistema elettrico, così come risultante dal sistema GAUDI (l impianto deve essere completato in tutte le sue componenti). La data di entrata in esercizio commerciale è la data, compresa nei 18 mesi successivi all entrata in esercizio, comunicata dal produttore al GSE, a decorrere dalla quale ha inizio il periodo di incentivazione DM 6 luglio 2012: ACCESSO CON REGISTRO (esclusi rifacimenti) REQUISITI PER L ISCRIZIONE Possono richiedere l iscrizione ai Registri i Soggetti Responsabili, titolari del titolo autorizzativo/abilitativo* conseguito per la costruzione e l esercizio dell impianto, anche a seguito di voltura, e del preventivo di connessione del gestore di rete accettato in via definitiva dal Soggetto Responsabile; per gli impianti idroelettrici, geotermoelettrici ed eolici off-shore il titolo autorizzativo/abilitativo può essere sostituito dal titolo concessorio. CRITERI DI PRIORITÀ PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE Le graduatorie sono formate sulla base dei seguenti criteri, da applicare in ordine gerarchico: [...] impianti idroelettrici: i. realizzati su canali o condotte esistenti, senza incremento di portata derivata; ii. che utilizzano acque di restituzioni o di scarico; iii. che utilizzano salti su briglie o traverse esistenti senza sottensione di alveo naturale o sottrazione di risorsa; iv. che utilizzano una quota parte del DMV senza sottensione di alveo naturale; impianti iscritti al precedente registro risultati idonei ma non rientranti nel relativo contingente; minor potenza degli impianti; anteriorità del titolo autorizzativo; precedenza della data della richiesta di iscrizione al registro

13 DM 6 luglio 2012: PROCESSO DI ISTRUTTORIA PER L AMMISSIONE AGLI INCENTIVI Punti di particolare attenzione da assicurare in fase di richiesta degli incentivi 1/3 Possesso dei requisiti al momento l iscrizione: Titolarità del Titolo Autorizzativo e/o Concessorio; Possesso del Preventivo di Connessione Accettato in via definitiva dal Soggetto Responsabile (il preventivo si intende accettato alla data di invio al Gestore di Rete della documentazione per l accettazione, a valle del pagamento del corrispettivo da versare all atto di accettazione come previsto dal preventivo stesso). Possesso dei requisiti dichiarati a fini della formazione delle graduatoria Es: data di conseguimento del titolo autorizzativo: in caso di DIA o PAS, ad esempio, il titolo abilitativo si intende conseguito decorsi 30 giorni dalla data di presentazione della relativa documentazione all Ente comunale competente senza che siano intervenuti espliciti dinieghi e senza che si siano verificate cause di sospensione di detto termine, quali la necessità di acquisire, anche mediante convocazione di Conferenza di servizi, atti di amministrazioni diverse e di attivare il potere sostitutivo (articolo 23 D.P.R. 380/2001 e articolo 6, comma 5, D.Lgs. 28/2011); in caso di varianti, la data del titolo autorizzativo originario può essere presa a riferimento solo se le modifiche apportate al progetto siano espressamente dichiarate non sostanziali dall Amministrazione competente al rilascio del titolo autorizzativo originario DM 6 luglio 2012: PROCESSO DI ISTRUTTORIA PER L AMMISSIONE AGLI INCENTIVI Punti di particolare attenzione da assicurare in fase di richiesta degli incentivi 2/3 Corretto inquadramento della categoria di intervento: Nuovo impianto: impianto alimentato da fonti rinnovabili realizzato in un sito sul quale, prima dell avvio dei lavori di costruzione, non era presente, da almeno cinque anni, un altro impianto, anche dismesso, alimentato dalla stessa fonte rinnovabile. Integrale ricostruzione: è l intervento che prevede la realizzazione di un impianto alimentato da fonti rinnovabili in un sito sul quale, prima dell avvio dei lavori, preesisteva un altro impianto di produzione di energia elettrica, del quale può essere riutilizzato un numero limitato di infrastrutture e opere preesistenti, come specificato, in relazione a ciascuna fonte e tipologia di impianto, nell allegato 2 al DM. Rifacimento: è l intervento finalizzato al mantenimento in piena efficienza produttiva dell impianto e può includere sostituzioni, ricostruzioni e lavori di miglioramento di varia entità e natura, da effettuare su alcuni dei principali macchinari ed opere costituenti l impianto. Il rifacimento è considerato totale o parziale a seconda del rilievo dell intervento complessivamente effettuato, come specificato, in relazione a ciascuna fonte e tipologia di impianto, nell allegato 2 al DM. Potenziamento: è l'intervento che prevede la realizzazione di opere sull impianto volte ad ottenere un aumento della potenza dell impianto (+10%, idroelettrici esclusi), come specificato, in relazione a ciascuna fonte e tipologia di impianto, nell allegato 2 al DM. Riattivazione : è la messa in servizio di un impianto, dismesso da oltre dieci anni

14 DM 6 luglio 2012: PROCESSO DI ISTRUTTORIA PER L AMMISSIONE AGLI INCENTIVI Punti di particolare attenzione da assicurare in fase di richiesta degli incentivi 3/3 Conformità di quanto realizzato rispetto al progetto autorizzato. Conformità delle apparecchiature installate alla normativa tecnica di settore (Direttiva macchine 2006/42/CE). Invio della richiesta di accesso agli incentivi/comunicazione di entrata in esercizio entro il termine di 30 giorni dalla data di entrata in esercizio dell impianto; Completezza della documentazione da allegare, in particolare: Copia del Progetto Autorizzato; Relazione Tecnica e Elaborati Grafici As-Built e conformità degli stessi a tale tipo di revisione (dicitura As Built, Timbro e Firmata del Tecnico Abilitato / Direttore Lavori e data successiva al completamente dei lavori); Dossier fotografico dell impianto con livello di dettaglio sufficiente ai fini della verifica del completamento dei lavori; Toto delle targhe del/degli aerogeneratore/i e dell /degli alternatore/i installati; Per l elenco completo della documentazione da inviare all atto della richiesta di accesso agli incentivi si rimanda al par delle Procedure Applicative del D.M. 6 luglio DM 6 luglio 2012: PROCESSO DI ISTRUTTORIA PER L AMMISSIONE AGLI INCENTIVI Punti di particolare attenzione da assicurare in fase di richiesta degli incentivi Corrispondenza tra la potenza dichiarata sul Portale FER-E la potenza dell impianto secondo la definizione di cui all art.2, comma 1, lettera p) del DM: potenza di un impianto: è la somma, espressa in MW, delle potenze elettriche nominali degli alternatori (ovvero, ove non presenti, dei generatori) che appartengono all impianto stesso, ove la potenza nominale di un alternatore è determinata moltiplicando la potenza apparente nominale, espressa in MVA, per il fattore di potenza nominale riportati sui dati di targa dell alternatore medesimo. Corrispondenza tra la potenza dichiarata sul Portale FER-E la potenza dell impianto secondo la definizione di cui all art.5, comma 2, del DM (antifrazionamento): Nel caso di impianti ricadenti nel campo di applicazione dell art. 5, comma 2 (condivisione del punto di connessione o contiguità delle particelle catastali per impianti nella disponibilità del medesimo produttore o riconducibili, a livello societario), è necessario, al fine di accedere ai meccanismi di incentivazione (registri, aste o accesso diretto), presentare una domanda per ciascun impianto, avendo cura di riportare: nel campo Potenza della sezione Dati Preliminari del Portale FER-E il valore della potenza complessiva degli impianti ricadenti nell ambito di applicazione del citato art.5, comma 2; nella sezione Scheda Tecnica, i dati di potenza dei motori primi e degli alternatori relativi al solo impianto oggetto della richiesta

15 DM 6 luglio 2012: ENERGIA INCENTIVATA Meccanismo TO- Energia elettrica incentivata FAQ Meccanismo Tariffa Omnicomprensiva: il GSE ritira tutta l energia immessa in rete dall impianto ed eroga la TO sulla produzione netta immessa in rete. Energia elettrica incentivata è il valore minimo tra Energia elettrica effettivamente immessa in rete = energia immessa in rete come risultante dalla misura rilevata dal gestore di rete sul punto di consegna alla rete Produzione netta = produzione lorda energia elettrica assorbita dagli ausiliari di centrale, delle perdite nei trasformatori principali e delle perdite di linea fino al punto di consegna alla rete Definita come % dell energia lorda per impianti di potenza <1MW nell Allegato 4, tabella 6 del DM 6 luglio 2012 la differenza tra energia elettrica effettivamente immessa in rete e la produzione netta, se positiva, viene comunque ritirata dal GSE e remunerata al prezzo zonale DM 6 luglio 2012: ENERGIA INCENTIVATA Energia elettrica incentivata Procedure Ai fini dell attuazione del meccanismo di erogazione della tariffa omnicomprensiva e degli incentivi ai sensi del DM 6 luglio 2012, ogni impianto deve garantire la misurabilità: 1. dell energia elettrica effettivamente immessa in rete da tutte le UP relative all impianto; 2. dell energia elettrica prodotta lorda. Il gestore di rete competente deve trasmettere le misure, anche eventualmente determinate tramite algoritmi, di: 1. energia elettrica effettivamente immessa in rete; 2. energia elettrica lorda prodotta da ogni singola UP. Allegato 13 Procedure

16 DM 6 luglio 2012: DETERMINAZIONE DELLA POTENZA DI IMPIANTO Potenza d impianto di cui all art. 5 comma 2, lettere a e b Ai fini della determinazione della potenza dell impianto e dei valori della potenza di soglia, la potenza dell impianto è data dalla somma delle potenze degli impianti: alimentati dalla medesima fonte; nella disponibilità del medesimo produttore o riconducibili, a livello societario, ad un unico produttore; che siano: a) a monte di unico punto di connessione; P = UP1+UP2+UP3 b) oppure localizzati sulla stessa particella catastale POD1 POD2 P = UP1+UP2+UP3 rete o su particelle catastali contigue. UP1 UP2 UP3 Eccezione Per i soli impianti idroelettrici si considera un unico impianto quello autorizzato con specifica derivazione di concessione di derivazione d acqua, a prescindere dalla condivisione con altri impianti dello stesso punto di connessione e dalle particelle catastali. Nel caso di più impianti idroelettrici oggetto di un unica concessione, si considera la potenza nominale di ciascun impianto così come riportato nella concessione POD1 UP1 UP2 UP Procedure rete DM 6 LUGLIO 2012: RISULTATI 1 BANDO (bando 2012-contingenti 2013) ASTA contingente AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico onshore ,00 88,40 Eolico offshore (*) ,00 4,62 Idroelettrico (*) 50 Geotermoelettrico (*) ,60 99,00 Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e ,00 10,83 bioliquidi sostenibili (*) Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettera c) (*) ,91 9,40 Totale ,51 32,60 NON AMMESSI REGISTRO contingente AMMESSI NON AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico onshore , , , ,60 Idroelettrico , , , ,26 Geotermoelettrico ,100 48,86 Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e , , ,284 24,87 bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettera c) (*) ,400 8,00 Oceanica (*) 3 Totale ,500 86, ,130 60,90 RIFACIMENTO contingente AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico onshore 150 Idroelettrico ,625 10,21 Geotermoelettrico ,600 99,00 Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e 65 bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all articolo 8, comma 4, lettera c) ,600 19,43 Totale ,825 13,41 NON AMMESSI

17 DM 6 LUGLIO 2012: RISULTATI 2 BANDO (bando 2013-contingenti 2014) ASTA contingente AMMESSI NON AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico on-shore 399, , % , % Eolico off-shore 620, Idroelettrico 50, Biomasse di cui all'art.8, comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e 107, ,696 31% bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all'art. 8, comma 4, lettera c) 317, Totale 1.494, ,636 29% ,262 39% REGISTRO contingente AMMESSI NON AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico onshore 52, , ,0% , ,2% Idroelettrico 60, , ,0% , ,0% Geotermoelettrico 52, Biomasse di cui all'art. 8 comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e 139, , ,0% 26 27,600 19,8% bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all'art. 8 comma 4, lettera c) 27, Oceanica (comprese maree e moto ondoso) 3, Totale 336, ,999 75,2% ,487 73,3% RIFACIMENTO contingente AMMESSI NON AMMESSI Codice Graduatoria Potenza (MW) Eolico onshore 300, Idroelettrico 553, ,789 6,1% Geotermoelettrico 40, Biomasse di cui all'art. 8 comma 4, lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e 130, bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all'art. 8 comma 4, lettera c) 126, Totale 1.150, ,789 2,9% 0 0,000 0,0% INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE CONTATORE FER ELETTRICHE: aggiornamento al 31 gennaio 2014 Dettaglio impianti idroelettrici

18 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE CONTATORE FER ELETTRICHE: aggiornamento al 31 gennaio 2014 Dettaglio impianti idroelettrici DM 6 luglio 2012: ACCESSO CON REGISTRO Bando pubblico per l iscrizione ai Registri 2014 Periodo di apertura dei Registri e modalità di iscrizione: l Registri si sono aperti il giorno 28 aprile 2014 alle ore 9,00 e saranno chiusi improrogabilmente il giorno 26 giugno 2014 alle ore 21,00. Contingenti di potenza: Ai sensi dell art. 9 del Decreto, i contingenti di potenza disponibili per l anno 2015 (Tabella comma 4) devono essere incrementati e/o ridotti delle quote di potenza previste dalle lettere a), b), c) e d) del comma 5. Alla data di pubblicazione del presente Bando, i contingenti disponibili, espressi in MW, risultati dall applicazione del menzionato comma 5, sono:

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti

Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Meccanismi di incentivazione del minieolico. Risultati raggiunti Ing. Luca Di Carlo Direttore Ingegneria IL MINIEOLICO IN ITALIA. PROGETTARE IL FUTURO Solarexpo The Innovation Cloud Milano, 9 maggio 2014

Dettagli

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti

Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Il DM 6 luglio 2012 e il V Conto energia sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici ENERGIE RINNOVABILI:

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014

Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Circolare N.72 del 21 Maggio 2014 Energie rinnovabili. Pubblicati i nuovi bandi GSE Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che GSE ha pubblicato i tre bandi per partecipare alla procedura

Dettagli

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO?

INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Rinnovabili: I nuovi incentivi per il settore elettrico Bolzano, 25 luglio 2012 INCENTIVI ALLE FONTI RINNOVABILI ELETTRICHE: COSA CAMBIA CON IL NUOVO DECRETO? Andrea Zaghi Centro Studi L Associazione Aper

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com

IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer. Avv. Germana Cassar g.cassar@macchi-gangemi.com 1 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Decreto Fer 2 IL REGIME DI INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Il Decreto FER : Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 adottato dal Ministero dello

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo

Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012. Gerardo Montanino Direttore Operativo Aggiornamenti normativi in materia di produzione da fonti rinnovabili e fotovoltaico - DM 5 e 6 luglio 2012 Gerardo Montanino Direttore Operativo Incontro col GSE, AU e PAT AEIT Trento, 26 ottobre 2012-1

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici 30 settembre

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone

Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE. Maurizio Cuppone Fonti rinnovabili e supporto alla Pubblica Amministrazione, il ruolo del GSE Maurizio Cuppone Il Gestore dei Servizi Energetici MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici Febbraio 2013

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

IL MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE DERIVAZIONI

IL MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE DERIVAZIONI IL MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE DERIVAZIONI Seminario organizzato dall Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Confindustria di Udine Largo

Dettagli

Nuova tariffa in Italia

Nuova tariffa in Italia è stato pubblicato nella G.U. n. 1 del 2 gennaio 2009, il Decreto 18 dicembre 2008, con il quale si dà prima attuazione alle disposizioni in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Spalma incentivi volontario

Spalma incentivi volontario Spalma incentivi volontario Guida alla lettura con esempi numerici Spalma incentivi volontario: guida alla lettura Riferimenti normativi: DECRETO LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 (c.d. Destinazione Italia

Dettagli

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo Certificati Verdi e FER Elettriche Le novità introdotte dal DM 6 luglio 2012 Antonio D Amico Unità Gestione e Riconoscimento Incentivi e Titoli FER Direzione Contratti L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA:

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la Direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare. Francesco De Mango

Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare. Francesco De Mango Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica dell energia solare Francesco De Mango Direzione operativa Trento, 17 aprile 2008 www.gsel.it 2 Il

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Solarexpo 9 aprile 2015 Introduzione Le disposizioni del quinto Conto Energia, unitamente a quelle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTO l articolo 1 del decreto legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

Sunny Days SMA 2014. Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo. Ing.

Sunny Days SMA 2014. Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo. Ing. Sunny Days SMA 2014 Gli aspetti regolatori della disciplina sui Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) e sui Sistemi di Accumulo Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

Il Conto Energia in Italia

Il Conto Energia in Italia Il Conto Energia in Italia Maurizio Cuppone Direzione operativa www.gsel.it 2 Indice Il primo Conto Energia Il nuovo Conto Energia Sistema informativo per il Fotovoltaico 3 Il primo Conto Energia I capisaldi

Dettagli

Arriva il V Conto Energia

Arriva il V Conto Energia Arriva il V Conto Energia ecco le risposte alle domande più frequenti BibLus-net 11 luglio 2012 Decreto 5 luglio 2012 V Conto Energia Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012 il Decreto Ministeriale

Dettagli

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili

Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili Unioncamere Lombardia Il Quinto conto energia e il nuovo sistema di incentivi alle energie rinnovabili 4 giugno 2012 Avv. Stefania Gorgoglione 1 Quadro normativo generale FR D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

CIRCOLARE N. 107 08.05.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE

CIRCOLARE N. 107 08.05.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE INNOVAZIONE E RICERCA CIRCOLARE N. 107 08.05.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Conto termico: dal 20 maggio aperti i Registri per l accesso agli incentivi riguardanti alcune tipologie di intervento

Dettagli

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia?

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia? FAQ Cosa è il Conto energia? Con il Decreto Ministeriale del 05 Maggio 2011 è stato introdotto il nuovo Quarto Conto Energia per il riconoscimento degli incentivi Statali ai proprietari di impianti fotovoltaici.

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole

SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole SCHEMA DI DECRETO FER Testo elaborato in esito alla Commissione Politica congiunta Ambiente-Energia- Politiche Agricole Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E

Dettagli

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA la promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Direttiva 2001/77/CE del 27 settembre

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 novembre 2014 Rimodulazione degli incentivi per la produzione di elettricita' da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico spettanti ai soggetti che aderiscono

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Meccanismi di remunerazione della produzione di

Meccanismi di remunerazione della produzione di Meccanismi di remunerazione della produzione di energia elettrica da FER Davide Valenzano Responsabile Unità Attività Regolatorie e Monitoraggio I Forum ABI Green Energy 2011, 17 giugno 2011 Agenda -2-

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare)

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) SOMMARIO 1 Generalità... 2 2 Requisiti per l accesso... 2 3 Modalità di applicazione... 2

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

4 Conto Energia: opportunità e prospettive per l industria l. e le. banche. Paolo Zavatta, Consiglio Direttivo ANIE GIFI Roma 17 Giugno 2011

4 Conto Energia: opportunità e prospettive per l industria l. e le. banche. Paolo Zavatta, Consiglio Direttivo ANIE GIFI Roma 17 Giugno 2011 4 Conto Energia: opportunità e prospettive per l industria l e le banche Paolo Zavatta, Consiglio Direttivo ANIE GIFI Roma 17 Giugno 2011 1 Indice Introduzione Considerazioni generali Regime transitorio:

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino ALTHESYS Presentazione dell IREX International Report Solarexpo Milano, 7 maggio 2014 Non solo energia elettrica INDICE L energia rinnovabile

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/213/R/EFR SCAMBIO SUL POSTO: AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

Le principali novità del V Conto Energia

Le principali novità del V Conto Energia Vittorio Chiesa L entrata in vigore Le modalità di accesso all incentivazione Lo scambio sul posto Le principali novità del V Conto Energia Il limite ai volumi incentivabili Le tariffe incentivanti www.energystrategy.it

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 2 OTTOBRE 2014 478/2014/I/EFR PARERE AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E AL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SULLO SCHEMA DI DECRETO RECANTE CRITERI PER LA RIMODULAZIONE

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone

IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO. Maurizio Cuppone IL NUOVO CONTO ENERGIA PER IL FOVOLTAICO Maurizio Cuppone I risultati del Conto Energia Numerosità e potenza degli impianti in esercizio 45.000 40.000 35.000 30.000 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 -

Dettagli

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO Un impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza come fonte primaria l energia solare. Il cuore dell impianto è costituito essenzialmente dai

Dettagli

Richiesta di adeguamento della connessione esistente Richiesta di nuova connessione

Richiesta di adeguamento della connessione esistente Richiesta di nuova connessione DOMANDA DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV PER POTENZE IN IMMISSIONE FINO A 100 KW DEL COMUNE DI CAVALESE (Agg. 01/01/2014) Spettabile Comune di

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici www.gse.it Ovaro (UD), 27 marzo 2010 www.gsel.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

NUOVE REGOLE SUL FOTOVOLTAICO

NUOVE REGOLE SUL FOTOVOLTAICO NUOVE REGOLE SUL FOTOVOLTAICO Studio Masella Dottori Commercialisti Associati 1 D.M. 3/3/2011 IV Conto Energia Il decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

DOMANDA DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Pagina 1 di 6 DOMANDA DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE (Ai sensi dell Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa

Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Gestore dei Servizi Energetici GSE spa Emilio Cremona Presidente www.gse.it www.gsel.it 2 Indice Il GSE Le fonti rinnovabili: presente e futuro CORRENTE GSE a supporto delle amministrazioni pubbliche 3

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIE RINNOVABILI: PRESENTE E FUTURO NEL TERRITORIO LODIGIANO IMPIANTI FOTOVOLTAICI Dott. Ing. Andrea Locatelli Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico costituito

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE

BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE CLIENT ALERT BOZZA NUOVO DECRETO FER DISPOSIZIONI ANCHE PER IL SOLARE OTTOBRE 2015 SCHEMA NUOVO DECRETO FER AL VAGLIO DELL'AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO E DELLA CONFERENZA

Dettagli

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita FederIdroelettrica Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Mix

Dettagli