distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m"

Transcript

1 12 LEZIONE I TEST PER VALUTARE LE QUALITA AEROBICHE (SECONDA PARTE) IL B.A.S. TEST (Bisciotti, Arcelli Sagnol) Test misto: soglia/vam 2 prove massimali su 2 diverse distanze: metri Si può avere un idea un po più precisa della velocità della soglia anaerobica E sufficiente applicare questa formula: distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m Tempo sui 3000: (690 secondi) Tempo sui 2000 : 7 20 ( 440 secondi) SA (km/h) = ,6 = 14, I 2000 e i 3000 m devono essere compiuti al massimo delle proprie possibilità, con distribuzione corretta, in due giorni differenti. Test misto: soglia/vam 2 prove massimali su 2 diverse distanze: metri Si può avere un idea un po più precisa della velocità della soglia anaerobica E sufficiente applicare questa formula: distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m IL TEST LEGER Test di potenza aerobica La prova consiste nel riuscire ad effettuare per il maggior numero di volte possibile il suddetto tratto di 20 metri correndo avanti ed indietro. La velocità di corsa è progressivamente crescente e viene cadenzata dal beep Si comincia a correre molto lentamente, esattamente ad 8,5 km/h; La velocità aumenta di 0,5 km/h ogni minuto. Ad ogni segnale sonoro occorre essere in corrispondenza di una delle due linee tracciate sul terreno. Non ci sono pause fra le varie navette. Il test finisce nel momento in cui non si riesce ad essere in corrispondenza di una delle linee tracciate sul terreno per due volte consecutivamente. Nel momento in cui si da inizio al test occorre avviare un cronometro in modo tale da registrare la durata dello stesso. La velocità corrispondente al tempo complessivo è la VAM.

2 Yo-Yo Intermittent Recovery Test (IRT). Test di potenza aerobica. Test simile al test Lager, proposto da Jens Bangsbo che ha inserito una pausa ogni navetta (20m+20m), in modo da simulare l intermittenza dei giochi di squadra ed in particolare del calcio. La pausa tra le navette è di 10 secondi (durante i quali si percorrono lentamente 5+5 m,) in modo da permettere al soggetto di recuperare e quindi di affrontare la successiva navetta da una situazione più favorevole. Il test di primo livello inizia a 10 km/h e il ritmo e gli aumenti della velocità di corsa sono regolati da un segnale sonoro secondo a questa tabella: PROVA NR. VELOCITA (km/h) NR. DI NAVETTE (2x20m) DISTANZA PER PROVA (m) DISTANZA COMPLESSIVA (m) 1 10, : , : , : , : , : , : , : , : , : , : , : , : , : , : , :45 TEMPO COMPLESSIVO (mm:ss) Il test viene interrotto quando il soggetto non riesce più a mantenere per due volte consecutive il ritmo imposto dal segnale acustico; per la valutazione viene annotata la velocità raggiunta nell ultimo tratto completato totalmente. Questo test, se eseguito correttamente, portano il soggetto ad esprimere la massima frequenza cardiaca e quindi si tratta di test massimali, che comportano anche il raggiungimento della massima potenza aerobica. IL TEST Gaçon 45/15 Test di potenza aerobica. E un test intermittente che prevede un alternanza di tratti di corsa della durata di 45 secondi, con momenti di recupero di 15 secondi. La velocità iniziale è di 10 km/h che corrisponde a un tratto di 125 m (percorso in 45 ). Dopo una pausa di 15 si percorrono 6,25 m in più (totale 131,25 m, pari a 10,5 km/h) e così via fino a che l atleta non riesce a coprire la distanza prevista in step 125m 2 step ,25 = 131,25 3 step 131,25 + 6,25 = 137,5 4 step 137,5 + 6,25 = 143,75

3 Tabella di riferimento: Palier (8) Velocità (km/h) Distanza per 45'' ,5 106, ,5 4 9,5 118,75 Palier (10) ,5 131, , ,5 143, ,5 156, , ,5 168, ,5 181, , ,5 193, ,5 206, , ,5 218, ,5 231, , ,5 243, ,5 256, , ,5 268, ,5 281, , ,5 293, ,5 306, , ,5 318, IL TEST DEI 2000 metri o test VAM Test di potenza aerobica Test di percorrenza massimale sui 2000 mt. Pista di 400 o 200 mt. Il tempo finale riportato in km/h corrisponde al valore di VAM. Esempio: Tempo registrato = 7 20 (2000:440 = 4,54 x 3,6) --> VAM = 16.4 km/h

4 IL TEST DI BRUE Test di potenza. Per eseguire questo test, gli atleti (meglio se muniti di cardiofrequenzimetro) devono correre su una pista di atletica, dietro un operatore, che funge da lepre e che utilizza una bicicletta per cadenzare il ritmo. Gli atleti dovranno seguirlo a un metro di distanza circa, senza perderne il contatto. Il protocollo di test prevede una velocità di partenza di 9 km/h ed un incremento di velocità di 0.5 km/h ad ogni minuto. Per ogni singolo atleta, il test finisce quando si arresta volontariamente o non è più in grado di mantenere la distanza imposta dall operatore in bicicletta. La velocità raggiunta sarà la sua VAM. Attenzione però, dal momento che è possibile per l atleta continuare a correre anche dopo aver superato la propria VAM, grazie alla possibilità di tollerare una più o meno forte produzione di lattato, deve essere considerato valido solamente l ultimo palier effettuato totalmente. Altrimenti si rischia di sovrastimare il valore di VAM. Per essere sicuri che ogni soggetto abbia veramente effettuato il test con il massimo impegno possibile,la frequenza cardiaca raggiunta a fine test dovrebbe essere almeno pari al 90% della massima frequenza cardiaca teorica (calcolabile con la semplice formula di: anni di età). Un consiglio: sarebbe opportuno che un secondo operatore, posto a bordo campo, prendesse nota della velocità alla quale i vari atleti si staccano dalla "lepre", oppure abbandonano il test. Un consiglio su come attrezzare la bicicletta Per facilitare l esecuzione del test si consiglia di equipaggiare la bicicletta t in questo modo: 1) Un contachilometri. 2) Un contapedalate. 3) Un cronometro. 4) La tabella di riferimento per le variazioni di velocità. Svantaggi/difetti Vantaggi/pregi E un test di corsa continua. E un test facile da eseguire per l atleta È un test massimale. Necessita di un tracciato percorribile in bicicletta, e di una bicicletta Può essere relativamente complesso testare più atleti contemporaneamente se si è da soli. Non necessita di particolari attrezzature Può essere proposto a chiunque sia in grado di correre Può essere proposto sotto forma di gara. IL TEST DI COOPER Ideato da Kenneth H. Cooper nel 1968 per valutare i militari americani. È un test molto popolare, che consiste nel correre per 12 minuti con l obiettivo di percorrere la maggior distanza possibile. Il risultato è dato dalla distanza percorsa. È un test di potenza poiché esiste una relazione significativa tra la distanza percorsa in 12 minuti e la massima potenza aerobica VO2 max (espressa in ml/kg/min), ricavabile dalla formula: (d ,9) / 44,73 dove d 12 è la distanza (in metri) percorsa in 12 minuti. Esempio: percorsi 2800m, si avrà: 51,31 ml/kg/min.

5 Svantaggi/difetti Necessita di una buona motivazione da parte dell atleta, altrimenti il dato ricavato risulta scorretto (di solito sottostimato) Necessita anche di una certa sensibilità nel saper dosare le forze soprattutto da parte dei giovani che, di solito, partono forte e scoppiano nei minuti finali. Vantaggi/pregi E un test facile da eseguire, Non necessita di particolari attrezzature Può essere proposto a chiunque poiché la sua esecuzione non richiede particolari abilità. Per la sua semplicità è impiegato per le valutazioni nei settori giovanili. Come analizzare i dati del test di Cooper Esistono diverse tabelle (facilmente reperibili in internet) che consentono di confrontare il risultato del test in base all età e al sesso (ecco 2 esempi). TABELLE STANDARD PER 12 MINUTI DI CORSA Come leggere i risultati (13-20 anni) Età Sesso Eccellente Buono Medio Scarso Insufficiente M 2700 m o m m m - di 2100 m F 2000 m o m m m - di 1500 m M 2800 m o m m m - di 2200 m F 2100 m o m m m - di 1600 m M 3000 m o m m m - di 2300 m F 2300 m o m m m - di 1700 m Come leggere i risultati (20-50 anni) Età Sesso Eccellente Buono Medio Scarso Insufficiente M + di 2800 m m m m - di 1600 m F + di 2700 m m m m - di 1500 m M + di 2700 m m m m - di 1500 m F + di 2500 m m m m - di 1400 m M + di 2500 m m m m - di 1400 m F + di 2300 m m m m - di 1200 m 50 + M + di 2400 m m m m - di 1300 m F + di 2200 m m m m - di 1100 m IL TEST SUI 3000 M Una valida alternativa al test d Cooper è il suo contrario, ovvero i 12 min di corsa. In questo caso viene rilevata la distanza percorsa. E più pratico da eseguire perché si parte e si arriva tutti nello stesso punto.

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE ERGO TESTER ERGOJUMP BOSCO SYSTEM Ergo Tester Ergo Tester offre molteplici e fondamentali possibilità di valutazione e controllo dell allenamento al fine di migliorare

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Programma di

Dettagli

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007 Adattamento aerobico Simone Germano Adattamento aerobico Alcune precisazioni. Capacità aerobica: E la capacità di sopportare il più a lungo possibile uno

Dettagli

Tecniche di allenamento per la Maratona. Pietro Balbo

Tecniche di allenamento per la Maratona. Pietro Balbo Tecniche di allenamento per la Maratona Pietro Balbo 1 La suddivisione dei periodi di allenamento A = Periodo preparatorio B = Periodo fondamentale C = Periodo specifico R = Recupero G = Gara La definizione

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014

Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Programma Modulare Allenamento Arbitri Caro Arbitro, in allegato trovi alcune proposte di massima per

Dettagli

La Preparazione di un Triathlon Lungo o di un Ironman in 8 mesi

La Preparazione di un Triathlon Lungo o di un Ironman in 8 mesi La Preparazione di un Triathlon Lungo o di un Ironman in 8 mesi Una ricerca di qualche tempo fa asseriva che una gara di ironman viene compiuta in genere ad una intensità vicina a quella di soglia aerobica,

Dettagli

IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli

IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli IL FONDO MEDIO E VELOCE di Giorgio Rondelli In questo articolo sui mezzi di allenamento del mezzofondo e fondo per atleti di medio- alto livello parleremo dei lavori di potenza aerobica, quelli che vengono

Dettagli

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE di Matteo Bisoffi La valutazione fisico/funzionale degli atleti è un passaggio obbligatorio al fine di impostare correttamente gli allenamenti; una preparazione fisica

Dettagli

2parte articolo. Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone

2parte articolo. Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone 2parte articolo Autori: Roberto Colli, Antonio Buglione, Luigi Lucarini,Vito Azzone ABSTRACT : la seconda parte dell articolo analizza nel dettaglio cosa accade ai parametri dinamici e cinematici durante

Dettagli

Programma allenamento precampionato

Programma allenamento precampionato FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Associazione Italiana Arbitri SETTORE TECNICO ARBITRALE Programma allenamento precampionato Caro Arbitro, in quanto segue ti viene proposto un programma di massima utile

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

Il Test di Cooper permette di verificare i miglioramenti della resistenza aerobica.

Il Test di Cooper permette di verificare i miglioramenti della resistenza aerobica. 1 Il test di Cooper Il Test di Cooper A cosa serve Il Test di Cooper permette di verificare i miglioramenti della resistenza aerobica. Come si esegue Questo test è chiamato anche dei "12 minuti" perché

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi.

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi. articolo N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Programma di Allenamento

Programma di Allenamento AIA CAN 5 5 Stagione agonistica 2011-2012 Programma mensile Arbitriss Periodo: dal 6 settembre al 28 ottobre 2011 Carissimo, quanto trovi di seguito costituisce il programma di allenamento relativo ai

Dettagli

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO ON How Not to Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO IN Come non lasciare al caso L'OTTIMIZZAZIONE DELL'EFFETTO DI ALLENAMENTO. INDICE 5 INTRODUZIONE 6 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Settore Tecnico Arbitrale Modulo per la Preparazione Atletica Dipartimento per la Metodologia dell Allenamento

Settore Tecnico Arbitrale Modulo per la Preparazione Atletica Dipartimento per la Metodologia dell Allenamento Settore Tecnico Arbitrale Modulo per la Preparazione Atletica Dipartimento per la Metodologia dell Allenamento Programma di Preparazione Atletica per Candidati al Corso di Qualificazione ad Assistente

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

Preparare una maratona

Preparare una maratona Marcelloni Paolo Sezione Amatori Preparare una maratona Programma di allenamento per arrivare preparati all impegno, concluderlo - riuscendo a fornire la massima prestazione personale - e alla sera arrivare

Dettagli

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato

Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Traduzione F. Sassi Allenamento individualizzato di potenza-aerobica di un giovane calciatore d elite poco allenato Iñigo Mujika, Juanma Santisteban, Paco Angulo, Sabino Padilla Il normale allenamento

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

LA POTENZA AEROBICA NEI DILETTANTI

LA POTENZA AEROBICA NEI DILETTANTI M A G A Z I N E LA POTENZA AEROBICA NEI DILETTANTI w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR Giorgio D Urbano, 56 anni di Chieti, è preparatore atletico professionista oggi al seguito della nazionale

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

AIA Stagione agonistica 2015-2016 Programma Pre-Campionato Assistenti Arbitri CRA:

AIA Stagione agonistica 2015-2016 Programma Pre-Campionato Assistenti Arbitri CRA: AIA Stagione agonistica 2015-2016 Programma Pre-Campionato Assistenti Arbitri CRA: Caro Assistente Arbitro, in quanto segue ti viene proposto un programma di massima utile per permetterti di affrontare

Dettagli

Istituto Superiore. G.V.Gravina

Istituto Superiore. G.V.Gravina Istituto Superiore G.V.Gravina Crotone Programmazione Anno scolastico 2013-2014. Disciplina: Scienze motorie e sportive Classi: 1^, 2^ e 3^, sez. A - Liceo Scienze Umane: Opzione economico-sociale Disciplina:

Dettagli

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE UN ALLENATORE NON DEVE MAI DIMENTICARE CHE: DOBBIAMO PREPARARE AL MEGLIO I NOSTRI GIOCATORI IN FUNZIONE DEL GIOCO

Dettagli

WWW.ALBEPIGO.COM FORZA MASSICCI PEDALATORI

WWW.ALBEPIGO.COM FORZA MASSICCI PEDALATORI Allenarsi con la potenza: alcuni commenti sulle nuove tendenze Sempre più spesso assistiamo all evidenziazione di dati relativi alla potenza espressa dagli atleti sulle salite delle più famose corse a

Dettagli

N.S. 23 REGOLARITA SPORT AUTOSTORICHE CAP. 2

N.S. 23 REGOLARITA SPORT AUTOSTORICHE CAP. 2 N.S. 23 REGOLARITA SPORT AUTOSTORICHE CAP. 2 ART. 1 - DEFINIZIONI Sono di regolarità sport auto storiche le gara, riservate alle vetture storiche, ed in particolare a quelle in allestimento da corsa, i

Dettagli

PROGRAMMA D ALLENAMENTO

PROGRAMMA D ALLENAMENTO PROGRAMMA D ALLENAMENTO Prof. Marco Celia PRIMA SETTIMANA LUNEDI-GIOVEDI -SABATO CORSA CONTINUA 30 MINUTI VELOCITA 5 A KM PROGRESSIONI SUI 100 METRI 6 RIPETUTE CON 1 MIN.DI RECUPERO OPPURE 30 MINUTI DI

Dettagli

Antonio Falce IL COSTO ENERGETICO DELLA CORSA IN PROVE CONTINUE E INTERMITTENTI

Antonio Falce IL COSTO ENERGETICO DELLA CORSA IN PROVE CONTINUE E INTERMITTENTI Antonio Falce IL COSTO ENERGETICO DELLA CORSA IN PROVE CONTINUE E INTERMITTENTI Introduzione Oggi le possibilità degli atleti nelle specialità di mezzofondo e fondo sono ormai vicini al limite massimo

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

Materia : Scienze Motorie e Sportive

Materia : Scienze Motorie e Sportive Materia : Scienze Motorie e Sportive Docente Prof. Mauro Marras Testo in adozione Altri testi o fonti utilizzate N. ore settimanali Manuale Illustrato dell educazione Fisica Scolastica Fotocopie Proiezione

Dettagli

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno. Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.it PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 Sleep Mode Premete per 10 sec. per attivare la modalità Sleep. Il PowerControl VI non andrà in modalità Sleep mentre riceve I dati. Il PC VI vi mostra la data di realizzazione

Dettagli

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria di Enzo Piccinni Variabilità cardiaca, Training Effect (TE), EPOC. Sono alcuni dei termini destinati a diventare (in breve)

Dettagli

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI E COORDINATIVE CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: FORZA CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK STEP

Dettagli

TIPI DI CORSA da Il podismo di Mario Moretti. 1) Corsa a ritmo uniforme

TIPI DI CORSA da Il podismo di Mario Moretti. 1) Corsa a ritmo uniforme TIPI DI CORSA da Il podismo di Mario Moretti 1. Corsa a ritmo uniforme a. Fondo lungo-lunghissimo b. Fondo lento c. Fondo medio d. Corto veloce e. Ritmo gara 2. Corsa con variazioni di ritmo a. Fartlek

Dettagli

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 CATEGORIE Junior Alta Specializzazione, femminile e maschile TABELLA DI CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO

Dettagli

SOMMARIO MONTAGGIO DEL CONTATORE E DEI SENSORI...3 LA PAROLA AL CAPO PRODOTTO...5 L ORGANIZZAZIONE DELLO SCHERMO...5 I PITTOGRAMMI UTILIZZATI...

SOMMARIO MONTAGGIO DEL CONTATORE E DEI SENSORI...3 LA PAROLA AL CAPO PRODOTTO...5 L ORGANIZZAZIONE DELLO SCHERMO...5 I PITTOGRAMMI UTILIZZATI... OMMARIO MONTAGGIO DEL CONTATORE E DEI ENORI...3 LA PAROLA AL CAPO PRODOTTO...5 L ORGANIZZAZIONE DELLO CHERMO...5 I PTOGRAMMI UTILIZZATI...5 I TATI...5 I MENU...5 PRIMA DELLA PRIMA UCA (o dopo la sostituzione

Dettagli

Livelli ed obiettivi didattici

Livelli ed obiettivi didattici I Corsi di nuoto per bambini si svolgono tutto l'anno e sono finalizzati all'apprendimento graduale e personalizzato dei quattro stili canonici. L'insegnamento è impartito da istruttori qualificati, brevettati

Dettagli

BIOHARNESS 3: Training & Psychophysical status monitoring

BIOHARNESS 3: Training & Psychophysical status monitoring BIOHARNESS 3: Training & Psychophysical status monitoring La misurazione di parametri vitali è sempre un fattore determinante per interpretare correttamente lo stato di salute di un utente o atleta che

Dettagli

Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e

Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e sviluppato da Scandella Stefano. Sulla base del buon

Dettagli

Dall analisi delle gare all elaborazione di un percorso di allenamento per giocatori U15

Dall analisi delle gare all elaborazione di un percorso di allenamento per giocatori U15 Dall analisi delle gare all elaborazione di un percorso di allenamento per giocatori U15 D Ottavio S. 12, Ponzetti F. 1, Briotti G. 1,Tozzo N. 1 1 Università di Tor Vergata Roma, Corso di Studi in Scienze

Dettagli

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Introduzione sulle diverse tipologie di resistenza. Resistenza: la facoltà di svolgere per lungo tempo una qualsiasi

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO

REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO REGOLAMENTO ENDURANCE CIRCUITO SAN MARTINO DEL LAGO La mancata osservanza delle regole del presente regolamento e/o degli orari delle varie fasi dell'evento, (briefing, etc...) farà scattare la squalifica

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO enrico sarli massofisioterapista allenatore di base i portieri sono gente particolari, che non smettono di volare tra un palo e l altro, tra

Dettagli

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19 PRESENTA Cronometro da gara per prove di regolarità Versione 4.19 Funzionamento Alla accensione lo strumento presenta la schermata di benvenuto quindi emette un bip. Alla pressione di un tasto oppure dopo

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

Il futuro della formazione e dell attività ciclistica giovanile. Silvano Perusini

Il futuro della formazione e dell attività ciclistica giovanile. Silvano Perusini IL CICLISMO A MISURA DI BAMBINO Il futuro della formazione e dell attività ciclistica giovanile Silvano Perusini Imola 19 febbraio 2012 Teoria QUALE FUTURO PER IL CICLISMO? Il futuro del ciclismo è l attività

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI DISCRIMINANTI IL TALENTO NEL GIOCO DEL CALCIO

ANALISI DEI FATTORI DISCRIMINANTI IL TALENTO NEL GIOCO DEL CALCIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Magistrale in Scienza, Tecnica e Didattica dello Sport ANALISI DEI FATTORI DISCRIMINANTI IL TALENTO NEL GIOCO DEL CALCIO Relatore:

Dettagli

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 Regolamento Pagina 1 di 8 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Swisslifter (per facilitarne la leggibilità, il

Dettagli

Immersione libera Nuoto di salvataggio

Immersione libera Nuoto di salvataggio Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport Macolin 30.251/531.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Immersione libera Nuoto di salvataggio UFSPO 2532 Macolin La base:

Dettagli

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D.

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Principi dell allenamento giovanile Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Il moto è causa d ogni vita. [Leonardo Da Vinci] Principi dell'allenamento giovanile - Prof. Fabio Rastelli Ph.D. 2 Il movimento Il movimento

Dettagli

Come creare il test di Conconi tramite l applicazione Training Center

Come creare il test di Conconi tramite l applicazione Training Center Come creare il test di Conconi tramite l applicazione Training Center Nella seguente nota tecnica, è spiegato passo passo come creare un allenamento avanzato, nello specifico, il Test di Conconi. Un test

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Eco CO2. Paso. Paso FM

Eco CO2. Paso. Paso FM Eco CO2 Contapassi dotato di esclusivo display animato e indicatore di CO2 Contapassi fino a 99.999 Distanza percorsa Calorie bruciate Impostazione obiettivo passi Peso e lunghezza del passo personalizzabili

Dettagli

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Contenuti formativi L obiettivo del corso è l acquisizione di conoscenze e competenze di misura, monitoraggio e valutazione degli

Dettagli

Indice. Parte prima L'allenamento

Indice. Parte prima L'allenamento Indice Introduzione XIII Parte prima L'allenamento 1. Come cominciare (o ricominciare) a correre 3 Due mosse preliminari 5 Una regola fondamentale: la prudenza 6 Il sedentario vero e proprio, il jogger

Dettagli

PARACICLISMO HANDBIKE

PARACICLISMO HANDBIKE PARACICLISMO HANDBIKE Analisi di alcuni aspetti tecnici e di gara Il modello di prestazione UN GRAZIE PARTICOLARE ALL' ATLETA VITTORIO PODESTA' ED AL TECNICO FRANCESCO CHIAPPERO PER ALCUNI DATI DELLA RELAZIONE

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 9

INDICE INTRODUZIONE 9 INDICE INTRODUZIONE 9 CAPITOLO 1 - IDENTIKIT DEL MARATONETA 13 IL SEDENTARIO.........................................13 L eroe.............................................14 Il salutista.........................................15

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

BIOHARNESS 3 ECHO: Training & Psychophysical status monitoring

BIOHARNESS 3 ECHO: Training & Psychophysical status monitoring BIOHARNESS 3 ECHO: Training & Psychophysical status monitoring La misurazione di parametri vitali è sempre un fattore determinante per interpretare correttamente lo stato di salute di un utente o atleta

Dettagli

La preparazione per le gare brevi

La preparazione per le gare brevi I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare brevi La maggior parte delle competizioni su cui si cimentano i podisti, sono le gare su strada, le cui lunghezze solitamente sono intorno

Dettagli

"Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter."

Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter. "Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter." A tutte le giocatrci In vista di un lungo ed intenso campionato di basket,che affronteremo insieme, nella prossima

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

Kidslega. Competizioni svizzere giovanili di nuoto. Regolamento 3.4-1Kidslega (d) Edizione 2015-2016. 1 (Kidslega 2015, yk) Contenuto

Kidslega. Competizioni svizzere giovanili di nuoto. Regolamento 3.4-1Kidslega (d) Edizione 2015-2016. 1 (Kidslega 2015, yk) Contenuto Swiss Swimming www.swiss-swimming.ch kids@swiss-swimming.ch Regolamento 3.4-1Kidslega (d) Competizioni svizzere giovanili di nuoto Kidslega Contenuto Art. 1: Obiettivi Art. 2: Principi Art. 3: Diritto

Dettagli

SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA

SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA Di: Federico Morelli Stefano Baldini ai campionati italiani di società di corsa campestre al Parco di Monza,17 febbraio

Dettagli

OBIETTIVI. RADIO PABLO e GLI ELASTICI. GIRO STANDARD e OVALE TOP-CLASS AMERICANA TOP-CLASS. Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici

OBIETTIVI. RADIO PABLO e GLI ELASTICI. GIRO STANDARD e OVALE TOP-CLASS AMERICANA TOP-CLASS. Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici PROPRIOCEZIONE E POTENZIAMENTO CON GLI ELASTICI SPINTA E TRASLOCAZIONE I PASSI SUL GIRO STANDARD E SULL'OVALE TOP-CLASS RADIO PABLO e GLI ELASTICI Spiegazione dell'esecuzione del lavoro con gli elastici

Dettagli

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO Stagione Sportiva 2003/2004 Modalità di partecipazione: I prerequisiti per poter partecipare alle gare di nuoto per Disabili Intellettivi e Relazionali sono

Dettagli

1. Introduzione Pag. I 2. Analisi della figura dell arbitro. 3. Capitolo I: Preparazione estiva precampionato La tappa di preparazione

1. Introduzione Pag. I 2. Analisi della figura dell arbitro. 3. Capitolo I: Preparazione estiva precampionato La tappa di preparazione INDICE 1. Introduzione Pag. I 2. Analisi della figura dell arbitro di calcio Pag.III 3. Capitolo I: Preparazione estiva precampionato Pag.1 La tappa di preparazione generale Pag.4 La tappa di preparazione

Dettagli

GUIDA AGLI ALLENAMENTI IN MTB

GUIDA AGLI ALLENAMENTI IN MTB GUIDA AGLI ALLENAMENTI IN MTB Associazione Sportiva "TEAM FUORI GIRI" VIA MARCONI, 196-16011 - ARENZANO - GE Tel./Fax: 010 9110318 - info@teamfuorigiri.com Indice Allenamento: regole. pag 3 Le fasi di

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA...2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE...2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA...3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI...3 I FORMATORI

Dettagli

RealAxiom CT è un rullo di allenamento elettronico altamente evoluto che grazie all interazione con il PC è in grado di eseguire diversi tipi di

RealAxiom CT è un rullo di allenamento elettronico altamente evoluto che grazie all interazione con il PC è in grado di eseguire diversi tipi di RealAxiom CT è un rullo di allenamento elettronico altamente evoluto che grazie all interazione con il PC è in grado di eseguire diversi tipi di allenamento su bici PROVA ANCHE TU L EMOZIONE DELLA STRADA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

REGOLAMENTO 2013. 2.1 La gara si terrà sul Circuito Internazionale del Friuli Venezia Giulia a Precenicco (Udine), nei giorni 6 e 7 Luglio 2013.

REGOLAMENTO 2013. 2.1 La gara si terrà sul Circuito Internazionale del Friuli Venezia Giulia a Precenicco (Udine), nei giorni 6 e 7 Luglio 2013. REGOLAMENTO 2013 1. Organizzatore 1.1 La società BIREL MOTORSPORT SRL, con licenza da organizzatore CSAI 357311 e con l approvazione della CSAI, indice e organizza la 24 Ore Endurance Kart Racing 2013.

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

PROGRAMMA TRAINING ÉTAPE DU TOUR 2014

PROGRAMMA TRAINING ÉTAPE DU TOUR 2014 PROGRAMMA TRAINING ÉTAPE DU TOUR 2014 PAU HAUTACAM (145 KM) Poche settimane ci separano dal primo tornante del mitico Col du Tourmalet, protagonista indiscusso dell Etape du Tour 2014. Il percorso di 145

Dettagli

L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su

L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su L ALLENAMENTO DEI SISTEMI ENERGETICI SPECIFICI PER IL TENNIS. Mark S. Kovacs. (IFPA Tennis and Fitness Academy, Tampa, Florida) (Articolo apparso su Strength and Conditioning Journal, Ott. 2004) La progettazione

Dettagli

RealPower è l unico rullo di allenamento al mondo che permette di simulare correttamente pendenze fino al 20%

RealPower è l unico rullo di allenamento al mondo che permette di simulare correttamente pendenze fino al 20% RealPower è l unico rullo di allenamento al mondo che permette di simulare correttamente pendenze fino al 20% UNA POTENZA INCREDIBILE PER SFIDARE IL 20% DI PENDENZA RealPower è l unico rullo di allenamento

Dettagli