Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP"

Transcript

1 Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di situazione È divenuto lo standard di riferimento per Internet Non confondere i Layer del modello TCP/IP con quelli del modello OSI, anche se hanno la medesima nomenclatura Standard internazionale dal 1981 L Application Layer (Strato Applicazione) L application layer del modello TCP/IP gestisce protocolli di alto livello Verifica che i dati siano impacchettati nella maniera corretta prima di passarli allo strato inferiore di Trasporto Include specifiche per supportare trasferimento di file, , accesso (login) da remoto ed altre applicazioni, per es.: - HTTP: trasferimento pagine web - FTP: file transfer protocol - TFTP: trivial file transfer protocol - NFS: network file system - SMTP: inoltro posta elettronica 1

2 - TELNET: login remoto per il controllo di un host remoto - SNMP: permette agli amministratori di rete di gestire le apparecchiature di rete e di diagnosticare i problemi di rete - DNS: risoluzione dei nomi host in in dirizzi IP - DHCP: per l assegnazione dinamica di indirizzi IP - RIP BGP Protocolli i routing attraverso i quali i router si scambiano informazioni di instradamento Il Transport Layer (Strato di Trasporto) Due protocolli: TCP e UDP Le unità dati (PDU) dei protocolli di trasporto si chiamano segmenti. PDU segmento HEADER PROTOCOLL (intestazione) PAYLOAD (cioè la parte info dello strato di applicazione) Lo strato di trasporto: Fornisce il servizio di trasporto dall host sorgente a quello di destinazione E la connessione logica tra 2 utenti finali della rete I protocolli di trasporto segmentano e riassemblano le applicazioni degli strati più alti in un flusso di dati che fornisce servizi di trasporto end-to-end Servizi offerti: TCP e UDP: SOLO TCP: Segmentazione dei dati provenienti dalle applicazioni di strati superiori Spedizione dei segmenti da un host all altro Stabilire operazioni end-to-end Flow-control grazie alle sliding window Affidabilità mediante Ack e Sequence Number 2

3 L UDP è un protocollo connectionless, cioè non orientato alla connessione e al controllo del flusso dei segmenti, controlla solo la correttezza dell intestazione del segmento attraverso il check-sum dell header è adatto per servire applicazioni che richiedono velocità di trasferimento dati senza possibilità di ritrasmissioni Si basano sui servizi dell UDP le applicazioni: TFTP - SNMP - DHCP - DNS Il TCP è un protocollo connection oriented, cioè orientato alla connessione controllo end-to-end mediante le Sliding Windows (finestre di comunicazione), gli Acknowledgment e l affidabilità dei numeri di sequenza (SN) prima di trasmettere segmenti che trasportano i dati dell applicazione instaura una connessione sicura attraverso 3 fasi: Three-Way Handshake 1. A B SYN (A) la sequenza ha numero d inizio X, il numero ACK è 0, Il bit di SYN è settato, quello di ACK no 2. B A ACK (A) il numero della sequenza è X+1, il numero d inizio sequenza di B è Y, il bit di SYN e di ACK sono settati 3. A B ACK (B) il numero di sequenza di B è Y+1, il numero di sequenza di A è X+1, il bit di ACK è settato, quello di SYN no I numeri X ed Y sono detti ISN, Initial Sequence Number 3

4 Al fine di avere un data transfer affidabile e connection-oriented i segmenti devono essere recapitati tutti e nell ordine corretto. Se il mittente dovesse aspettare un ack per ogni segmento la velocità sarebbe molto bassa; ecco perché molti dei protocolli connection oriented affidabili permettono a più di un segmento di stare in rete. Il numero di segmenti che il mittente è autorizzato a spedire pur non ricevendo un ack è detto finestra o dimensione della finestra (window size). Il TCP usa i numeri di ack che si riferiscono al segmento che si aspetta per prossimo. Il windowing si riferisce al fatto che la window size si negozia dinamicamente durante la sessione TCP. Il windowing è un meccanismo di controllo di flusso. Richiede che la sorgente riceva un ack dal destinatario dopo aver trasmesso una certa quantità di dati. Il processo TCP in ricezione riporta una finestra al processo mittente. Questa finestra specifica il numero di segmenti,partendo dal numero ack, che il processo ricevente è attualmente in grado di accettare. Se la window size è 3 la sorgente deve aspettare un ack prima di continuare a spedire. Se l ack non arrivasse si deve ritrasmettere, ad una velocità più lenta. 4

5 Esempio Nella figura l host trasmittente manda tre segmenti e poi aspetta un ack. Se il destinatario può gestire solamente 2 segmenti allora il terzo è scartato, specificando mediante ack che si aspetta il terzo pacchetto come prossimo e che per lui la dimensione di finestra è 2. I protocolli dello strato di trasporto comunicano con i protocolli dello strato di applicazione attraverso delle porte standard codificate e numerate a livello universale. Indicano quale applicazione si serve del protocollo di trasporto. I numeri di porte famose 5

6 MSS (Massima Lunghezza del campo info di un segmento) = MTU Header IP Header TCP dove MTU = lunghezza massima campo info del protocollo di 2 livello. Header IP e Header TCP sono tipicamente di 20 byte ciascuno Esepio EEEEMarco Ciampi Esempio di Header del TCP (Consultare il libro di testo per il significato delle varie voci dell intestazione) 6

7 Internet Layer (Strato di Internet 3 livello) Ha lo scopo di individuare il miglior percorso attraverso la rete su cui far viaggiare i pacchetti e di fare Packet Switching (commutazione di pacchetto) Protocolli: ICMP Per la diagnostica sull effettiva possibilità di comunicazione a livello 3 ( per es. il comando ping ) ARP - Serve per conoscere il MAC address (indirizzo della scheda di rete) di un host di destinazione, una volta noto il suo indirizzo IP. Ogni scheda di rete ha due indirizzi: uno logico, che è l indirizzo IP, e l altro fisico che è l indirizzo MAC (di 2 livello). Quando un host mittente deve indirizzare un host destinatario deve conoscere sia l indirizzo IP sia l indirizzo della scheda di rete di destinazione, in quanto deve passare quest ultimo indirizzo al frame del protocollo di livello 2. Il protocollo ARP risolve gli indirizzi IP in indirizzi delle schede di rete. IP (più famoso). Fornisce un servizio connectionless, fa del suo meglio (best effort) per il recapito dei pacchetti, trasferisce i dati tra Internet Layer e Network Access (strato di 2 livello), instrada i pacchetti verso gli host remoti. Le unità dati (PDU) dei protocolli dello strato internet si chiamano pacchetti. PDU pacchetto HEADER PROTOCOLL (intestazione) PAYLOAD (cioè la parte info dello strato di trasporto) I protocolli dello strato internet comunicano con i protocolli dello strato di trasporto attraverso delle porte standard codificate e numerate a livello universale. Indicano quale protocollo di trasporto si serve dello strato internet. Queste porte prendono il nome di protocoll 7

8 Formato del pacchetto IP (vedi pagg del libro) 8

9 Indirizzi IP pubblici e privati La stabilità di Internet dipende direttamente dalla unicità degli indirizzi pubblici usati. Un utente può ottenere indirizzi pubblici a sue spese o da un ISP (Internet Service Provider). Gli indirizzi privati, invece, non appartenenti a reti direttamente interconnesse, non richiedono l unicità; cioè host appartenenti a reti private possono avere uguali indirizzi IP. Gli indirizzi appartenenti a tali gruppi non sono instradati nelle backbone (dorsali internet) perché, i router di dordale (1 livelllo) li scartano subito. Indirizzi privati Gli indirizzi IP sono costituiti complessivamente da 4 byte (IPv4) e si compongono da un prefisso di rete o sottorete (network o subnet prefix) e da una parte host. Per consentire l identificazione del prefisso di rete si associa all indirizzo IP una maschera di sottorete (subnet mask). La subnet mask è una sequenza di 32 bit in cui i primi N bit consecutivi più significativi sono posti a 1 e consentono di ricavare il prefisso di sottorete da un indirizzo IP; i rimanenti bit sono posti a 0 e consentono di ricavare la parte host di un indirizzo IP. Indirizzi riservati (non possono essere assegnati agli host) E utilizzato come indirizzo IP sorgente da un host che non ha ancora un vero indirizzo IP e lo richiede ad un server DHCP - Indirizzo di rete a sottorete - Parte host composta da tutti 1, è l indirizzo di broadcast utilizzato quando un host sorgente intende inviare pacchetti a tutti gli host della rete o della sottorete di appartenenza 127.x.x.x Viene utilizzato per effettuare un loopback internamente ad un host per verificare tramite il protocollo ICMP se il 9

10 proprio PC ha installato correttamente la suite TCP/IP Subnetting Il subnetting permette di identificare una rete e di dividerla in suttoreti (subnet). Consente di ottimizzare il numero di indirizzi da assegnare agli host di diverse sottoreti. Procedura per creare sottoreti da una rete assegnata Ipotesi n 1: la rete assegnata è una LAN (rete locale) privata non direttamente collegata ad internet 1) Si stabilisce il numero di sottoreti da creare in base alla necessità di separare gruppi di host, perché si trovano in ambienti diversi oppure perché sono utilizzati per lavori diversi (per es. host in cui risiedono software per la progettazione e host adibiti invece alla gestione del magazzino). 2) Si stabilisce il numero massimo di host da collegare a ciascuna sottorete 3) Si sceglie l indirizzo di rete (privato) e la subnet mask. Quest ultima avrà un numero di 1 consecutivi in base al numero di sottoreti e al numero massimo di host che si intendono collegare a ciascuna sottorete. Per esempio, se si vogliono creare 3 sottoreti: subnet A con 50 host, subnet B con 250 host, subnet C con 100 host, si prende in considerazione la sottorete con il numero maggiore di host, cioè la subnet B. Per garantire il collegamento di 250 host bisogna assegnare 250 indirizzi IP, ciò è possibile se si riservano gli ultimi 8 bit dell indirizzo di rete ( 2 8 = 256, restano alcuni indirizzi di riserva per eventuale espansione della rete). Inoltre, siccome da una rete se ne vogliono ricavare 3 sottoreti, abbiamo bisogno di prendere altri 2 bit dell indirizzo di rete. Pertanto la subnet mask della rete principale deve avere un numero di 1 consecutivi pari a 22 in quanto gli ultimi 10 bit servono per creare indirizzi di sottorete e di host. La subnet mask di ciascuna sottorete deve invece avere un numero di 1 consecutivi pari a 24, in quanto gli altri 8 bit servono per gli indirizzi dei loro host. Si può scegliere Indirizzo di rete / 22 Indirizzo subnet A / 24 Indirizzo subnet B / 24 Indirizzo subnet C / 24 4) Si assegnano per ciascuna sottorete gli indirizzi IP degli host (in genere sono consecutivi). Di tutti gli indirizzi possibili che si possono assegnare con un determinato numero di bit si devono sempre sottrarre due indirizzi particolari: quello della sottorete (cioè la parte host dell indirizzo composta da tutti 0 e quella composta da tutti 1 che rappresenta l indirizzo di 10

11 broadcast della sottorete. Quest ultimo è un indirizzo che viene usato quando un determinato pacchetto è rivolto a tutti gli host della sottorete) 5) Si stabiliscono il tipo e il numero dei dispositivi di rete. In genere per una rete privata è sufficiente un router che serve ad interfacciare l intera rete con il mondo esterno (internet) (vedi funzione NAT, pag. 283 del libro di testo), a smistare i pacchetti tra i vari host delle sottoreti e a riservare tutta la rete da intrusioni esterne non volute (funzione di firewall). Inoltre serve almeno uno switch per ciascuna sottorete. Se una sottorete raggruppa host lontani può essere necessario utilizzare più di uno switch per sottorete (si tenga presente che un collegamento con cavo Ethernet può essere lungo al max 100 metri) internet router link subnet C link subnet B link subnet A Switch 3 Switch 4 Switch 1.. Switch 2 host host host.. host 11

12 Ipotesi n 2: la rete assegnata è una LAN (rete locale) privata direttamente collegata ad internet In questo caso è già assegnato un indirizzo di rete pubblico e la subnet mask che definisce il numero totale di indirizzi IP pubblici da assegnare agli host di questa rete (gli indirizzi pubblici hanno un costo). Utilizzando i bit relativi alla parte host dell indirizzo di rete si possono ricavare un certo numero di sottoreti e un certo numero di host da collegare a ciascuna sottorete. La procedura è analoga a quella precedente, la differenza è che in questo caso la subnet mask è assegnata ( non si sceglie) e di conseguenza il numero di host con indirizzi IP pubblici è limitato. Inoltre è bene che ogni sottorete che si vuole ricavare abbia un suo router che abbia le funzioni di firewall, di separazione da altre sottoreti, di server DNS (Domain Name System) e eventualmente di server DHCP. Quest ultima funzione è necessaria quando il numero di host che si vogliono collegare alla sottorete è maggiore del numero di indirizzi IP pubblici a disposizione della sottorete, per cui gli host non possono avere ciascuno un indirizzo IP statico, ma viene loro assegnato dal server DHCP dinamicamente, cioè di volta in volta ad ogni collegamento. Infine i router che collegano ciascuna sottorete sono a loro volta collegati ad un router di livello superiore che rappresenta il router dell intera rete. 12

13 Router - dispositivo di livello rete che interconnette segmenti o reti diverse - ogni volta che un pacchetto attraversa il router, avvengono sia il processo di decapsulamento del frame di arrivo per estrarre il pacchetto sia quello di incapsulamento del pacchetto nel frame di partenza - utilizza i protocolli di routing per scambiare informazioni con gli altri router ed accorgersi così di cambiamenti nella topologia della rete - costruisce e mantiene delle tabelle di routing che utilizza per decidere su quale interfaccia inoltrare il pacchetto (dopo averlo incapsulato in un frame) - valuta il percorso migliore che il pacchetto dovrà seguire e per farlo, si basa su diverse metriche - per consegnare il pacchetto a destinazione, utilizza le informazioni fornite dal protocollo di livello 3 Interfaccia: porta di ingresso/uscita del router attraverso la quale esso si collega con un altra rete o sottorete. Un router ha più interfacce dalle quali riceve in ingresso i pacchetti dalle varie reti/sottoreti e sulle quali inoltra i pacchetti verso altre reti/sottoreti. 13

14 3/45 Routing: è una funzionalità del Livello 3 della pila OSI che consiste nell individuazionedel percorso più efficiente da far intraprendere al pacchetto e nell operazione di instradamento del pacchetto. Ciò viene eseguito attraverso la consultazione di una particolare tabella di routing. La tabella di routing è composta da N righe e M colonne. Ogni riga viene denominata route (percorso) ed è costituita dalle seguenti informazioni: - indirizzo IP della rete di destinazione e la corrispondente subnet mask - indirizzo IP del router a cui va inoltrato il pacchetto per raggiungere la rete di destinazione (forwarding o next hop) - metrica o costo o distanza. E un numero che definisce la priorità del percorso nel caso in cui vi siano più percorsi che portano alla stessa rete di destinazione. La metrica viene calcolata in base a dei parametri che dipendono dai criteri stabiliti dall amministratore di rete e dal tipo di protocollo utilizzato per aggiornare la tabella di routing. C è una riga nella tabella di routing che corrisponde alla default route. Questo è un percorso che il router prende in considerazione quando gli arriva un pacchetto di cui non riesce a trovare la rete di destinazione. In questo caso il router invia il pacchetto al router di livello gerarchico superiore in quanto ha una visione più ampia della rete. La default route ha per convenzione un particolare indirizzo IP di rete di destinazione: /0 Per router periferici che hanno un solo collegamento con il mondo esterno, la tabella di routing può essere compilata dall amministratore di rete. In questo caso si parla di routing statico. In tutti gli altri casi il router si avvale di protocolli specifici che scambiano informazioni con i router vicini per aggiornare dinamicamente la tabella di routing aggiungendo nuove righe (route) o cancellandone altre quando si verificano malfunzionamenti verso alcune direzioni. Esistono due famiglie di protocolli di routing: - IGP (Interior Gateway Protocols) utilizzati per effettuare il routing all interno di reti appartenenti allo stesso sistema amministrativo (sistema autonomo) RIP (Routing Information Protocol) IGRP (Interior Gateway Routing Protocol) EIGRP (Enhanced Interior Gateway Routing Protocol) OSPF (Open Shortest Path First) 14

15 - EGP (Exterior Gateway Protocols) utilizzati per il routing tra sistemi autonomi BGP (Border Gateway Protocol) 4/45 15

16 Sintesi delle operazioni del router - Riceve su una porta (interfaccia) di ingresso un frame del protocollo di livello 2 che trasporta il pacchetto IP. Esegue la decaspulation, cioè estrae il pacchetto dal frame - Legge l indirizzo IP dell host di destinazione presente nel pacchetto di arrivo. - Consulta le righe della tabella di routing, in particolare le subnet mask. Esegue l AND bit a bit tra ciascuna subnet mask e l indirizzo IP dell host di destinazione. Dall operazione di AND ottiene un indirizzo di rete. - Se l indirizzo di rete ottenuto coincide con l indirizzo IP della rete di destinazione presente nella riga corrispondente della tabella di routing inoltra il pacchetto all indirizzo IP del prossimo router che consente di raggiungere la rete di destinazione. Se la rete di destinazione è direttamente connessa la nostro router, allora il pacchetto è inoltrato all indirizzo IP dell interfaccia che è direttamente collegata alla rete di destinazione. - Se l indirizzo di rete ottenuto attraverso l operazione di AND non coincide con nessun indirizzo di rete presente nella tabella di routing, allora segue la route di default, cioè invia il pacchetto al gateway predefinito che è il router gerarchicamente superiore. ESEMPIO DI TABELLA DI ROUTING (FIG. A PAG DEL LIBRO) 16

17 STRUTTURA HARDWARE DI UN ROUTER (FIG. A PAG. 290 DEL LIBRO) CONSULTARE IL LIBRO A PAG ) 5/45 17

18 18

19 19

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Dispensa Reti tcp/ip

Dispensa Reti tcp/ip Dispensa Reti tcp/ip Indice Livello di reti... 2 Tcp/ip... 2 Reti e sottoreti... 2 Dns... 3 Servizi e protocolli... 4 Cooperativa ALEKOS 20155 MILANO - V. Plana, 49 - P.IVA 11027820155 Tel 02-39264592

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco SPOOFING Sicurezza delle reti Non bisogna essere sorpresi dal fatto che le reti di computer siano l'obbiettivo preferito, sia oggi sia in futuro, da parte di aggressori. Visto che un attacco su larga scala

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol DHCP Dynamic Host Configuration Protocol L assegnazione automatica dei parametri di configurazione (e.g. network address) al momento dell avvio dei client di una rete, semplifica l amministrazione della

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi:

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi: Strato di rete Obiettivi: Principi e servizi dello strato di rete: Routing (selezione del cammino da host sorg. (. dest a host Problemi di scala Come funziona un router Implementazione in Internet Argomenti:

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE Server di stampa multifunzione Ethernet multiprotocollo su scheda e Server di stampa multifunzione Ethernet (IEEE 802.11b/g) senza fili GUIDA DELL UTENTE IN RETE Leggere attentamente questo manuale prima

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

VISIONE NOTTURNA & CONTROLLO REMOTO DI MOVIMENTO /AUDIO DI DUE VIE

VISIONE NOTTURNA & CONTROLLO REMOTO DI MOVIMENTO /AUDIO DI DUE VIE Modello: FI8918/FI8918W IP Camera Senza fili / Cablata VISIONE NOTTURNA & CONTROLLO REMOTO DI MOVIMENTO /AUDIO DI DUE VIE Manuale Utente Colore: Nera Colore: Bianca SOMMARIO 1 BENVENUTO... 1 1.1 Carateristiche...

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli