Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP"

Transcript

1 Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di situazione È divenuto lo standard di riferimento per Internet Non confondere i Layer del modello TCP/IP con quelli del modello OSI, anche se hanno la medesima nomenclatura Standard internazionale dal 1981 L Application Layer (Strato Applicazione) L application layer del modello TCP/IP gestisce protocolli di alto livello Verifica che i dati siano impacchettati nella maniera corretta prima di passarli allo strato inferiore di Trasporto Include specifiche per supportare trasferimento di file, , accesso (login) da remoto ed altre applicazioni, per es.: - HTTP: trasferimento pagine web - FTP: file transfer protocol - TFTP: trivial file transfer protocol - NFS: network file system - SMTP: inoltro posta elettronica 1

2 - TELNET: login remoto per il controllo di un host remoto - SNMP: permette agli amministratori di rete di gestire le apparecchiature di rete e di diagnosticare i problemi di rete - DNS: risoluzione dei nomi host in in dirizzi IP - DHCP: per l assegnazione dinamica di indirizzi IP - RIP BGP Protocolli i routing attraverso i quali i router si scambiano informazioni di instradamento Il Transport Layer (Strato di Trasporto) Due protocolli: TCP e UDP Le unità dati (PDU) dei protocolli di trasporto si chiamano segmenti. PDU segmento HEADER PROTOCOLL (intestazione) PAYLOAD (cioè la parte info dello strato di applicazione) Lo strato di trasporto: Fornisce il servizio di trasporto dall host sorgente a quello di destinazione E la connessione logica tra 2 utenti finali della rete I protocolli di trasporto segmentano e riassemblano le applicazioni degli strati più alti in un flusso di dati che fornisce servizi di trasporto end-to-end Servizi offerti: TCP e UDP: SOLO TCP: Segmentazione dei dati provenienti dalle applicazioni di strati superiori Spedizione dei segmenti da un host all altro Stabilire operazioni end-to-end Flow-control grazie alle sliding window Affidabilità mediante Ack e Sequence Number 2

3 L UDP è un protocollo connectionless, cioè non orientato alla connessione e al controllo del flusso dei segmenti, controlla solo la correttezza dell intestazione del segmento attraverso il check-sum dell header è adatto per servire applicazioni che richiedono velocità di trasferimento dati senza possibilità di ritrasmissioni Si basano sui servizi dell UDP le applicazioni: TFTP - SNMP - DHCP - DNS Il TCP è un protocollo connection oriented, cioè orientato alla connessione controllo end-to-end mediante le Sliding Windows (finestre di comunicazione), gli Acknowledgment e l affidabilità dei numeri di sequenza (SN) prima di trasmettere segmenti che trasportano i dati dell applicazione instaura una connessione sicura attraverso 3 fasi: Three-Way Handshake 1. A B SYN (A) la sequenza ha numero d inizio X, il numero ACK è 0, Il bit di SYN è settato, quello di ACK no 2. B A ACK (A) il numero della sequenza è X+1, il numero d inizio sequenza di B è Y, il bit di SYN e di ACK sono settati 3. A B ACK (B) il numero di sequenza di B è Y+1, il numero di sequenza di A è X+1, il bit di ACK è settato, quello di SYN no I numeri X ed Y sono detti ISN, Initial Sequence Number 3

4 Al fine di avere un data transfer affidabile e connection-oriented i segmenti devono essere recapitati tutti e nell ordine corretto. Se il mittente dovesse aspettare un ack per ogni segmento la velocità sarebbe molto bassa; ecco perché molti dei protocolli connection oriented affidabili permettono a più di un segmento di stare in rete. Il numero di segmenti che il mittente è autorizzato a spedire pur non ricevendo un ack è detto finestra o dimensione della finestra (window size). Il TCP usa i numeri di ack che si riferiscono al segmento che si aspetta per prossimo. Il windowing si riferisce al fatto che la window size si negozia dinamicamente durante la sessione TCP. Il windowing è un meccanismo di controllo di flusso. Richiede che la sorgente riceva un ack dal destinatario dopo aver trasmesso una certa quantità di dati. Il processo TCP in ricezione riporta una finestra al processo mittente. Questa finestra specifica il numero di segmenti,partendo dal numero ack, che il processo ricevente è attualmente in grado di accettare. Se la window size è 3 la sorgente deve aspettare un ack prima di continuare a spedire. Se l ack non arrivasse si deve ritrasmettere, ad una velocità più lenta. 4

5 Esempio Nella figura l host trasmittente manda tre segmenti e poi aspetta un ack. Se il destinatario può gestire solamente 2 segmenti allora il terzo è scartato, specificando mediante ack che si aspetta il terzo pacchetto come prossimo e che per lui la dimensione di finestra è 2. I protocolli dello strato di trasporto comunicano con i protocolli dello strato di applicazione attraverso delle porte standard codificate e numerate a livello universale. Indicano quale applicazione si serve del protocollo di trasporto. I numeri di porte famose 5

6 MSS (Massima Lunghezza del campo info di un segmento) = MTU Header IP Header TCP dove MTU = lunghezza massima campo info del protocollo di 2 livello. Header IP e Header TCP sono tipicamente di 20 byte ciascuno Esepio EEEEMarco Ciampi Esempio di Header del TCP (Consultare il libro di testo per il significato delle varie voci dell intestazione) 6

7 Internet Layer (Strato di Internet 3 livello) Ha lo scopo di individuare il miglior percorso attraverso la rete su cui far viaggiare i pacchetti e di fare Packet Switching (commutazione di pacchetto) Protocolli: ICMP Per la diagnostica sull effettiva possibilità di comunicazione a livello 3 ( per es. il comando ping ) ARP - Serve per conoscere il MAC address (indirizzo della scheda di rete) di un host di destinazione, una volta noto il suo indirizzo IP. Ogni scheda di rete ha due indirizzi: uno logico, che è l indirizzo IP, e l altro fisico che è l indirizzo MAC (di 2 livello). Quando un host mittente deve indirizzare un host destinatario deve conoscere sia l indirizzo IP sia l indirizzo della scheda di rete di destinazione, in quanto deve passare quest ultimo indirizzo al frame del protocollo di livello 2. Il protocollo ARP risolve gli indirizzi IP in indirizzi delle schede di rete. IP (più famoso). Fornisce un servizio connectionless, fa del suo meglio (best effort) per il recapito dei pacchetti, trasferisce i dati tra Internet Layer e Network Access (strato di 2 livello), instrada i pacchetti verso gli host remoti. Le unità dati (PDU) dei protocolli dello strato internet si chiamano pacchetti. PDU pacchetto HEADER PROTOCOLL (intestazione) PAYLOAD (cioè la parte info dello strato di trasporto) I protocolli dello strato internet comunicano con i protocolli dello strato di trasporto attraverso delle porte standard codificate e numerate a livello universale. Indicano quale protocollo di trasporto si serve dello strato internet. Queste porte prendono il nome di protocoll 7

8 Formato del pacchetto IP (vedi pagg del libro) 8

9 Indirizzi IP pubblici e privati La stabilità di Internet dipende direttamente dalla unicità degli indirizzi pubblici usati. Un utente può ottenere indirizzi pubblici a sue spese o da un ISP (Internet Service Provider). Gli indirizzi privati, invece, non appartenenti a reti direttamente interconnesse, non richiedono l unicità; cioè host appartenenti a reti private possono avere uguali indirizzi IP. Gli indirizzi appartenenti a tali gruppi non sono instradati nelle backbone (dorsali internet) perché, i router di dordale (1 livelllo) li scartano subito. Indirizzi privati Gli indirizzi IP sono costituiti complessivamente da 4 byte (IPv4) e si compongono da un prefisso di rete o sottorete (network o subnet prefix) e da una parte host. Per consentire l identificazione del prefisso di rete si associa all indirizzo IP una maschera di sottorete (subnet mask). La subnet mask è una sequenza di 32 bit in cui i primi N bit consecutivi più significativi sono posti a 1 e consentono di ricavare il prefisso di sottorete da un indirizzo IP; i rimanenti bit sono posti a 0 e consentono di ricavare la parte host di un indirizzo IP. Indirizzi riservati (non possono essere assegnati agli host) E utilizzato come indirizzo IP sorgente da un host che non ha ancora un vero indirizzo IP e lo richiede ad un server DHCP - Indirizzo di rete a sottorete - Parte host composta da tutti 1, è l indirizzo di broadcast utilizzato quando un host sorgente intende inviare pacchetti a tutti gli host della rete o della sottorete di appartenenza 127.x.x.x Viene utilizzato per effettuare un loopback internamente ad un host per verificare tramite il protocollo ICMP se il 9

10 proprio PC ha installato correttamente la suite TCP/IP Subnetting Il subnetting permette di identificare una rete e di dividerla in suttoreti (subnet). Consente di ottimizzare il numero di indirizzi da assegnare agli host di diverse sottoreti. Procedura per creare sottoreti da una rete assegnata Ipotesi n 1: la rete assegnata è una LAN (rete locale) privata non direttamente collegata ad internet 1) Si stabilisce il numero di sottoreti da creare in base alla necessità di separare gruppi di host, perché si trovano in ambienti diversi oppure perché sono utilizzati per lavori diversi (per es. host in cui risiedono software per la progettazione e host adibiti invece alla gestione del magazzino). 2) Si stabilisce il numero massimo di host da collegare a ciascuna sottorete 3) Si sceglie l indirizzo di rete (privato) e la subnet mask. Quest ultima avrà un numero di 1 consecutivi in base al numero di sottoreti e al numero massimo di host che si intendono collegare a ciascuna sottorete. Per esempio, se si vogliono creare 3 sottoreti: subnet A con 50 host, subnet B con 250 host, subnet C con 100 host, si prende in considerazione la sottorete con il numero maggiore di host, cioè la subnet B. Per garantire il collegamento di 250 host bisogna assegnare 250 indirizzi IP, ciò è possibile se si riservano gli ultimi 8 bit dell indirizzo di rete ( 2 8 = 256, restano alcuni indirizzi di riserva per eventuale espansione della rete). Inoltre, siccome da una rete se ne vogliono ricavare 3 sottoreti, abbiamo bisogno di prendere altri 2 bit dell indirizzo di rete. Pertanto la subnet mask della rete principale deve avere un numero di 1 consecutivi pari a 22 in quanto gli ultimi 10 bit servono per creare indirizzi di sottorete e di host. La subnet mask di ciascuna sottorete deve invece avere un numero di 1 consecutivi pari a 24, in quanto gli altri 8 bit servono per gli indirizzi dei loro host. Si può scegliere Indirizzo di rete / 22 Indirizzo subnet A / 24 Indirizzo subnet B / 24 Indirizzo subnet C / 24 4) Si assegnano per ciascuna sottorete gli indirizzi IP degli host (in genere sono consecutivi). Di tutti gli indirizzi possibili che si possono assegnare con un determinato numero di bit si devono sempre sottrarre due indirizzi particolari: quello della sottorete (cioè la parte host dell indirizzo composta da tutti 0 e quella composta da tutti 1 che rappresenta l indirizzo di 10

11 broadcast della sottorete. Quest ultimo è un indirizzo che viene usato quando un determinato pacchetto è rivolto a tutti gli host della sottorete) 5) Si stabiliscono il tipo e il numero dei dispositivi di rete. In genere per una rete privata è sufficiente un router che serve ad interfacciare l intera rete con il mondo esterno (internet) (vedi funzione NAT, pag. 283 del libro di testo), a smistare i pacchetti tra i vari host delle sottoreti e a riservare tutta la rete da intrusioni esterne non volute (funzione di firewall). Inoltre serve almeno uno switch per ciascuna sottorete. Se una sottorete raggruppa host lontani può essere necessario utilizzare più di uno switch per sottorete (si tenga presente che un collegamento con cavo Ethernet può essere lungo al max 100 metri) internet router link subnet C link subnet B link subnet A Switch 3 Switch 4 Switch 1.. Switch 2 host host host.. host 11

12 Ipotesi n 2: la rete assegnata è una LAN (rete locale) privata direttamente collegata ad internet In questo caso è già assegnato un indirizzo di rete pubblico e la subnet mask che definisce il numero totale di indirizzi IP pubblici da assegnare agli host di questa rete (gli indirizzi pubblici hanno un costo). Utilizzando i bit relativi alla parte host dell indirizzo di rete si possono ricavare un certo numero di sottoreti e un certo numero di host da collegare a ciascuna sottorete. La procedura è analoga a quella precedente, la differenza è che in questo caso la subnet mask è assegnata ( non si sceglie) e di conseguenza il numero di host con indirizzi IP pubblici è limitato. Inoltre è bene che ogni sottorete che si vuole ricavare abbia un suo router che abbia le funzioni di firewall, di separazione da altre sottoreti, di server DNS (Domain Name System) e eventualmente di server DHCP. Quest ultima funzione è necessaria quando il numero di host che si vogliono collegare alla sottorete è maggiore del numero di indirizzi IP pubblici a disposizione della sottorete, per cui gli host non possono avere ciascuno un indirizzo IP statico, ma viene loro assegnato dal server DHCP dinamicamente, cioè di volta in volta ad ogni collegamento. Infine i router che collegano ciascuna sottorete sono a loro volta collegati ad un router di livello superiore che rappresenta il router dell intera rete. 12

13 Router - dispositivo di livello rete che interconnette segmenti o reti diverse - ogni volta che un pacchetto attraversa il router, avvengono sia il processo di decapsulamento del frame di arrivo per estrarre il pacchetto sia quello di incapsulamento del pacchetto nel frame di partenza - utilizza i protocolli di routing per scambiare informazioni con gli altri router ed accorgersi così di cambiamenti nella topologia della rete - costruisce e mantiene delle tabelle di routing che utilizza per decidere su quale interfaccia inoltrare il pacchetto (dopo averlo incapsulato in un frame) - valuta il percorso migliore che il pacchetto dovrà seguire e per farlo, si basa su diverse metriche - per consegnare il pacchetto a destinazione, utilizza le informazioni fornite dal protocollo di livello 3 Interfaccia: porta di ingresso/uscita del router attraverso la quale esso si collega con un altra rete o sottorete. Un router ha più interfacce dalle quali riceve in ingresso i pacchetti dalle varie reti/sottoreti e sulle quali inoltra i pacchetti verso altre reti/sottoreti. 13

14 3/45 Routing: è una funzionalità del Livello 3 della pila OSI che consiste nell individuazionedel percorso più efficiente da far intraprendere al pacchetto e nell operazione di instradamento del pacchetto. Ciò viene eseguito attraverso la consultazione di una particolare tabella di routing. La tabella di routing è composta da N righe e M colonne. Ogni riga viene denominata route (percorso) ed è costituita dalle seguenti informazioni: - indirizzo IP della rete di destinazione e la corrispondente subnet mask - indirizzo IP del router a cui va inoltrato il pacchetto per raggiungere la rete di destinazione (forwarding o next hop) - metrica o costo o distanza. E un numero che definisce la priorità del percorso nel caso in cui vi siano più percorsi che portano alla stessa rete di destinazione. La metrica viene calcolata in base a dei parametri che dipendono dai criteri stabiliti dall amministratore di rete e dal tipo di protocollo utilizzato per aggiornare la tabella di routing. C è una riga nella tabella di routing che corrisponde alla default route. Questo è un percorso che il router prende in considerazione quando gli arriva un pacchetto di cui non riesce a trovare la rete di destinazione. In questo caso il router invia il pacchetto al router di livello gerarchico superiore in quanto ha una visione più ampia della rete. La default route ha per convenzione un particolare indirizzo IP di rete di destinazione: /0 Per router periferici che hanno un solo collegamento con il mondo esterno, la tabella di routing può essere compilata dall amministratore di rete. In questo caso si parla di routing statico. In tutti gli altri casi il router si avvale di protocolli specifici che scambiano informazioni con i router vicini per aggiornare dinamicamente la tabella di routing aggiungendo nuove righe (route) o cancellandone altre quando si verificano malfunzionamenti verso alcune direzioni. Esistono due famiglie di protocolli di routing: - IGP (Interior Gateway Protocols) utilizzati per effettuare il routing all interno di reti appartenenti allo stesso sistema amministrativo (sistema autonomo) RIP (Routing Information Protocol) IGRP (Interior Gateway Routing Protocol) EIGRP (Enhanced Interior Gateway Routing Protocol) OSPF (Open Shortest Path First) 14

15 - EGP (Exterior Gateway Protocols) utilizzati per il routing tra sistemi autonomi BGP (Border Gateway Protocol) 4/45 15

16 Sintesi delle operazioni del router - Riceve su una porta (interfaccia) di ingresso un frame del protocollo di livello 2 che trasporta il pacchetto IP. Esegue la decaspulation, cioè estrae il pacchetto dal frame - Legge l indirizzo IP dell host di destinazione presente nel pacchetto di arrivo. - Consulta le righe della tabella di routing, in particolare le subnet mask. Esegue l AND bit a bit tra ciascuna subnet mask e l indirizzo IP dell host di destinazione. Dall operazione di AND ottiene un indirizzo di rete. - Se l indirizzo di rete ottenuto coincide con l indirizzo IP della rete di destinazione presente nella riga corrispondente della tabella di routing inoltra il pacchetto all indirizzo IP del prossimo router che consente di raggiungere la rete di destinazione. Se la rete di destinazione è direttamente connessa la nostro router, allora il pacchetto è inoltrato all indirizzo IP dell interfaccia che è direttamente collegata alla rete di destinazione. - Se l indirizzo di rete ottenuto attraverso l operazione di AND non coincide con nessun indirizzo di rete presente nella tabella di routing, allora segue la route di default, cioè invia il pacchetto al gateway predefinito che è il router gerarchicamente superiore. ESEMPIO DI TABELLA DI ROUTING (FIG. A PAG DEL LIBRO) 16

17 STRUTTURA HARDWARE DI UN ROUTER (FIG. A PAG. 290 DEL LIBRO) CONSULTARE IL LIBRO A PAG ) 5/45 17

18 18

19 19

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Reti di comunicazione

Reti di comunicazione Reti di comunicazione Maurizio Aiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni Comunicazione via rete Per effettuare qualsiasi

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

CAP 6 Internetworking

CAP 6 Internetworking CAP 6 Internetworking Classificazione degli apparati per l'interconnessione delle reti IP I Router I Router (instradatori) sono i nodi a commutazione di pacchetto che interconnettono fra loro le sottoreti

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1 L architettura di rete TCP/IP 1 Cenni Storici Nella prima metà degli anni 70 la DARPA dimostra interesse e finanzia l Università di Stanford e la BBN (Bolt, Beraken e Newman) per realizzare una rete: a

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Venerdì 18 Febbraio 2005, ore 9.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Venerdì 18 Febbraio 2005, ore 9.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Venerdì 18 Febbraio 2005, ore 9.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP 11.1 TCP/IP Transport Layer 11.1.1 Introduzione al transport layer Lo scopo primario del livello transport, livello 4 del modello OSI, è di

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Esercizi Reti di TLC Parte II LAN. Esercizio 5.2. Esercizio 5.1. Luca Veltri

Esercizi Reti di TLC Parte II LAN. Esercizio 5.2. Esercizio 5.1. Luca Veltri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Esercizi Reti di TLC Parte II LAN Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) Corso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 2013/2014

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols Il routing in Internet Interior Gateway Protocols A.A. 2004/2005 Prof. Carla Raffaelli diapositive preparate da: Walter Cerroni Routing Information Protocol (RIP) Protocollo distance vector, di implementazione

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

IPv4 Internet Protocol Versione 4

IPv4 Internet Protocol Versione 4 IPv4 Internet Protocol Versione 4 Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it IPv4-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Tempo svolgimento della prova: 2ore

Tempo svolgimento della prova: 2ore sempio della prova scritta di Internet Per chi non ha superato la prova N Sull indirizzamento IP vedere anche il file sercizi Indirizzamento IP Uso degli appunti NON consentito Tempo svolgimento della

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Si svolga il compito su questi fogli. Nel caso di domande a risposta aperta, lo spazio lasciato sul foglio

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Autore: Classe: Michele NASO QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2004/2005 Scuola: Itis Euganeo ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Il documento vuole dare una metodologia per assegnare in modo corretto gli

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 4B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 23 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete.

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete. CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2012-2013 Corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 : TCP/IP Lo strato di rete Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di

Dettagli

Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing

Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing Architettura TCP/IP: indirizzamento e routing Manlio Astolfi Servizio Reti e Telecomunicazioni m.astolfi@src.cnr.it STORIA 1964: proposta di una rete resistente agli attacchi Le caratteristiche dovevano

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1

Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Internet Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Introduzione a Internet ARPANET, NSFNET, Struttura di base di Internet Architettura protocollare di Internet Pila protocollare, Protocollo

Dettagli

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri Esercizi Reti di TLC A Parte II Indirizzamento IP Luca Veltri (mail.to: luca.veltri veltri@unipr.it) Corso di Reti di Telecomunicazione,, a.a. 2011/2012 http://www.tlc tlc.unipr.it/.it/veltri Esercizio

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il protocollo IP Frammentazione

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP)

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9.1. Introduzione La quarta funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello di rete è la segnalazione, alla sorgente, di situazioni di errore

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Stratificazione protocollare (Protocol Layering )

Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Le reti sono complesse! olti elementi: host router fisici dalle caratteristiche diverse applicazioni protocolli hardware, software Domanda: Come organizzare

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

Realizzazione e gestione di Local Area Network

Realizzazione e gestione di Local Area Network Realizzazione e gestione di Local Area Network Ceracchi Fabiana Mansi Luigi Tutor Angelo Veloce NETWORK La rete è un insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni messi in comunicazione tra

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica NAT & Firewalls 1 NAT(NETWORK ADDRESS TRANSLATION) MOTIVAZIONI NAT(Network Address Translation) = Tecnica di filtraggio di pacchetti IP con sostituzione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione Francesco Fontanella Software delle reti Una rete è costituta da macchina diverse; Come è possibile farle comunicare?

Dettagli

La rete di reti: Internet

La rete di reti: Internet La rete di reti: Internet Internet: la rete di reti Internet q Internet (1) definita anche rete di reti composta da diverse reti interconnesse, cioè in grado di collaborare efficacemente in termini di

Dettagli