Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto"

Transcript

1 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto ORDINANZA N 06/2010 Testo aggiornato all Ordinanza nr. 13/2010 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Riposto, VISTA la convenzione internazionale del 1973 per la prevenzione dell inquinamento causato da navi, come modificata dal relativo protocollo del 1978 (Marpol 73/78), ratificata con legge 29 settembre 1980 n.662; VISTO VISTE VISTO VISTA VISTO VISTA CONSIDERATA PRESO ATTO VISTI il Decreto Legislativo n. 182 del 24 giugno 2003 recante Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico ; le proprie Ordinanze n. 05/1992 e 16/2008 contenenti il regolamento del Porto di Riposto e relative varianti; il dispaccio prot. n. 80/47191/Coord. in data del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto; la circolare n. GAB/2004/2181/B01 in data del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio; il decreto legislativo 3 aprile 2006 n.152 recante Norme in materia ambientale ; la propria ordinanza n.27/09 in data 14/07/2009 con la quale è stato approvato il piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico nel porto di Riposto; la necessità di dare attuazione al piano dei rifiuti prodotti dalle navi nel porto di Riposto, nelle more che l Autorità competente provveda ad individuare il gestore dell impianto, giusto art. 4 comma 5 del D.Lgs. 182/03; di quanto emerso in sede di riunione tenutasi in data 17/12/2009 nei locali di questo Ufficio Circondariale Marittimo; gli artt. 17, 68, 71 e 81 del codice della navigazione e gli artt. 59, 60, 77 e 82 del relativo regolamento di esecuzione (parte marittima);

2 RENDE NOTO Che a decorrere dalla data della presente Ordinanza tutte le unità, ad esclusione di quelle militari, che fanno scalo nel porto di Riposto sono tenute ad osservare le disposizioni della presente Ordinanza. O R D I N A Articolo 1 Norme Generali Nell ambito delle acque del Circondario Marittimo di Riposto è vietato a tutte le navi, imbarcazioni e natanti di scaricare in mare i rifiuti. Nell ambito del comprensorio del porto di Riposto è vietato l abbandono, il deposito e l immissione incontrollata dei rifiuti sia allo stato solido che liquido. È vietato, inoltre, abbandonare lubrificanti usati, filtri per oli lubrificanti, batterie e rifiuti piombosi, al di fuori delle isole ecologiche e/o contenitori destinati alla raccolta degli stessi nonché manomettere e/o danneggiare tali apprestamenti. È vietato introdurre negli apprestamenti di cui al precedente comma, materiali, sostanze o rifiuti di tipologia diversa rispetto a quella per cui gli stessi apprestamenti risultano destinati. È vietato eliminare qualsiasi tipo di rifiuto mediante combustione. Articolo 2 Obbligo conferimento Rifiuti Attesa l assenza nel porto di Riposto di ditta autorizzata al ritiro dei rifiuti prodotti dalle navi e nelle more dell individuazione del soggetto cui sarà affidato, previo espletamento delle procedure di gara ad evidenza pubblica comunitaria, il servizio di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico ed approvato il relativo regime tariffario, È FATTO OBBLIGO: 1. A tutte le unità navali (pescherecci, unità da traffico, commerciali e da diporto) in arrivo e/o all ormeggio nel porto di Riposto, di conferire i propri rifiuti distinti per tipologia, direttamente nei punti di raccolta ( cassonetti ) ubicati nelle zone individuate nella planimetria che di seguito si riporta in stralcio. ISOLE ECOLOGICHE RACCOLTA DIFFERENZIATA

3 Il servizio di raccolta dei rifiuti in ambito portuale sarà garantito dalla ditta incaricata al servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Riposto. 2. Ai concessionari del porto turistico e dei punti d ormeggio destinati alla nautica da diporto, nel porto di Riposto, di conferire, secondo le modalità previste dal piano di raccolta dei rifiuti di cui in premessa, direttamente alla ditta incaricata del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Riposto (concordandone le modalità di conferimento con la stessa ditta) ovvero ad altra impresa individuata dallo stesso concessionario, aventi i requisiti prescritti dalle leggi in vigore in materia di gestione dei rifiuti e che dovrà essere iscritta nei Registri, ex art. 68 cod.nav., tenuti dalla Capitaneria di porto di Catania, i rifiuti di natura garbage, distinti per tipologia, prodotti dalle unità da diporto approdate o che stazionano nei rispettivi specchi acquei in concessione. Il servizio sarà a completo onere del concessionario; 3. La ricezione e lo smaltimento dei rifiuti da parte dei concessionari di strutture di ormeggio, potrà essere ricompreso nella generale tariffa di ormeggio del concessionario, includente i vari servizi, erogazioni ed utenze connessi all ormeggio stesso; 4. In tutto il porto di Riposto, comprese le aree in concessione demaniale marittima, dovrà essere garantita la raccolta differenziata dei rifiuti in base alla loro tipologia. Tale operazione di raccolta differenziata sarà resa attuabile attraverso il posizionamento di più cassonetti distinti per tipologia di rifiuti, previa idonea informativa da fornire agli utenti, intesi quali produttori/detentori dei rifiuti, al fine di consentire l autonomo conferimento, previa separazione negli impianti di raccolta da parte degli stessi; 5. Compito della ditta cui compete la raccolta, sarà anche quello di curare il corretto utilizzo dei cassonetti da parte degli utenti e, conseguentemente, di procedere al recupero, trasporto e smaltimento degli stessi secondo le norme di legge. Articolo 3 Comunicazioni all Autorità Marittima Al fine di acquisire gli elementi necessari per l aggiornamento periodico del Piano di raccolta citato in premessa, nelle more dell affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico ad un concessionario, è fatto obbligo ai concessionari di strutture dedicate alla nautica da diporto presenti nel porto di Riposto di comunicare a questo Ufficio, con cadenza trimestrale, il numero di unità che hanno fatto scalo nelle rispettive concessioni e la quantità e la tipologia dei rifiuti prodotti, utilizzando il modello di cui all annesso A). Del pari è fatto obbligo ai pescherecci che stazionano nel porto di Riposto di comunicare trimestralmente, utilizzando il predetto annesso, la quantità e tipologia dei rifiuti dagli stessi prodotti. Articolo 4 Registro di carico e scarico (articolo abrogato dall'ordinanza nr. 13/2010)

4 Articolo 5 Isole ecologiche per la raccolta degli olii e batterie esauste Nel Porto di Riposto, nei punti indicati dalla sopra riportata planimetria, è già presente n. 1 isola ecologica nella banchina pubblica e n.1 isola ecologica all interno dell area in concessione per il porto turistico gestiti a titolo gratuito dalle ditte mandatarie del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (COOU) e del Consorzio Obbligatorio delle Batterie al piombo usate e dei rifiuti piombosi (COBAT). Per le modalità e lo svolgimento del conferimento e la raccolta, si rimanda integralmente a quanto prescritto dall Ordinanza n. 24/2001 di questo Ufficio (Allegato 4) e a quanto previsto dagli artt. 6.8 e successivi del già citato Piano di raccolta rifiuti prodotti dalle navi nel Porto di Riposto approvato con l Ordinanza n 27/09. Le ditte mandatarie del COOU e del COBAT provvederanno a prelevare gli oli usati, le batterie e i rifiuti piombosi dagli appositi contenitori. Prelievi particolari e aggiuntivi potranno essere disposti in ogni momento da questo Comando in caso di comprovate situazioni di necessità. Articolo 6 Servizio di pulizia ordinaria Il servizio di pulizia ordinaria delle aree portuali con esclusione delle aree assentite in concessione, è predisposto, nelle more dell assegnazione del servizio da parte dell Assessorato regionale a ditte esterne, dall Amministrazione civica di Riposto anche mediante gli A.T.O. competenti territorialmente, attraverso lo spazzamento e la pulizia delle aree portuali e nella raccolta dei rifiuti ivi abbandonati. Articolo 7 Sanzioni I trasgressori alla presente ordinanza, qualora non direttamente soggetti alle sanzioni di cui al decreto legislativo n. 182/2003 o a quelle previste dalle norme in materia ambientale di cui al decreto legislativo n.152/2006, saranno perseguiti ai sensi degli artt e 1174 del codice della navigazione. Articolo 8 Norme transitorie e finali È fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente ordinanza, la cui pubblicità verrà assicurata mediante l affissione all albo dell ufficio, ex art. 59 del regolamento al codice della navigazione, l inclusione nella pagina ordinanze del sito istituzionale e la diffusione agli organi di informazione. Riposto, lì 2 marzo 2010 IL COMANDANTE Tenente di Vascello (CP) Donato ZITO

5 ALLEGATO 1 SEGNALAZIONE DI INADEGUATEZZA DEGLI IMPIANTI PORTUALI AL COMANDANTE DEL PORTO DI Via Tel. Fax Il sottoscritto comandante della nave (tipo/nome) IMO n bandiera in sosta dal nel porto di segnala la seguente inadeguatezza del servizio portuale di raccolta dei rifiuti: (barrare la casella che interessa) In data o La raccolta dei rifiuti non è stata effettuata. o Il servizio di raccolta dei rifiuti non era raggiungibile con nessun mezzo di comunicazione. o Il servizio di ritiro dei rifiuti sebbene chiamato non ha provveduto a ritirare i rifiuti da consegnare. o Il prezzo per il servizio espletato è stato differente a quanto previsto in quanto o Non è stato possibile consegnare i seguenti rifiuti o Altro (specificare) Luogo e data Timbro e firma

6 ALLEGATO 2 REGISTRO RIFIUTI E RESIDUI DEL CARICO PER UNITÀ DA PESCA (Ordinanza n in data dell Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto) NOME DELL UNITÀ NUMERO DI ISCRIZIONE PORTO DI ISCRIZIONE PERIODO DAL AL N.B. OGNI OPERAZIONE REGISTRATA DEVE ESSERE DATATA E FIRMATA A CURA DEL C.TE DELL UNITÀ. OGNI PAGINA, QUANDO COMPLETATA, DEVE ESSERE DATATA E FIRMATA A CURA DEL C.TE DELL UNITÀ

7 NOME UNITÀ N ISCRIZIONE V AUT. MARIT. PAG. REGISTRAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DATA E LUOGO I MARPOL Sostanze e/o materiali contaminati da miscele oleose IV MARPOL Liquami V MARPOL Plastica,fasciame galleggiante,rivestimenti o materiale da imballaggio, prodotti cartacei usati a terra,stracci,vetro,metallo,bottiglie,terraglia, ecc.,rifiuti alimentari FIRMA DEL COM.TE REGISTRAZIONE DEI RIFIUTI CONFERITI DATA E LUOGO I MARPOL Sostanze e/o materiali contaminati da miscele oleose IV MARPOL Liquami V MARPOL Plastica,fasciame galleggiante,rivestimenti o materiale da imballaggio, prodotti cartacei usati a terra,stracci,vetro,metallo,bottiglie,terraglia, ecc.,rifiuti alimentari FIRMA DEL COM.TE Data Firma del Comandante dell unità

8 ALLEGATO 3 REGISTRO RIFIUTI PER UNITÀ DA DIPORTO (Ordinanza n in data dell Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto) NOME DELL UNITÀ NUMERO DI ISCRIZIONE PORTO DI ISCRIZIONE PERIODO DAL AL N.B. OGNI OPERAZIONE REGISTRATA DEVE ESSERE DATATA E FIRMATA A CURA DEL C.TE DELL UNITÀ.

9 NOME UNITÀ N ISCRIZIONE V AUT. MARIT. PAG. REGISTRAZIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DATA E LUOGO I MARPOL Sostanze e/o materiali contaminati da miscele oleose IV MARPOL Liquami V MARPOL Plastica,fasciame galleggiante,rivestimenti o materiale da imballaggio, prodotti cartacei usati a terra,stracci,vetro,metallo,bottiglie,terraglia, ecc.,rifiuti alimentari FIRMA DEL COM.TE REGISTRAZIONE DEI RIFIUTI CONFERITI DATA E LUOGO RIFIUTI ANN. I MARPOL Sostanze e/o materiali contaminati da miscele oleose IV MARPOL Liquami V MARPOL Plastica,fasciame galleggiante,rivestimenti o materiale da imballaggio, prodotti cartacei usati a terra,stracci,vetro,metallo,bottiglie,terraglia, ecc.,rifiuti alimentari FIRMA DEL COM.TE Data Firma del Comandante/Conduttore dell unità

10 UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO R I P O S T O ORDINANZA N 24/2001 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Riposto: VISTO: il Decreto Legislativo n 95 che, in attuazione delle direttive CEE 75/439 e 87/101, disciplina l eliminazione degli oli usati, stabilendo sanzioni penali ed amministrative a carico dei trasgressori; VISTI: gli annessi dal 1 al 5 alla Convenzione Internazionale MARPOL; VISTO: il Decreto del Ministero dell industria, del Commercio e dell Artigianato datato n 392 Regolamento recante norme tecniche relative alla eliminazione degli oli usati ; VISTO: il Decreto Legislativo n 22 relativo all attuazione delle direttive CEE 91/156, 91/689 e 94/62 in materia di rifiuti; VISTO: il D.P.R n 691, con il quale è stato istituito il Consorzio Obbligatorio degli oli usati; VISTO: il Decreto Legge n 397 e successive modifiche, con il quale è stato istituito il Consorzio Obbligatorio delle batterie al piombo esauste e dei rifiuti pericolosi ed è stata disciplinata la raccolta, lo smaltimento ed il riciclaggio di tale tipologia di rifiuti; VISTO: il Decreto Legislativo n 152 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento come modificato dal Decreto Legislativo n 258; VISTA: l Ordinanza n 05/92 del Regolamento dei servizi marittimi del porto di Riposto,in particolare gli articoli 29 e 31; VISTI: gli artt. 17, 28, 30, 68, 71 e 81 del Codice della Navigazione e gli artt. 59 e 77 del Relativo Regolamento di Esecuzione, parte Marittima, approvato con D.P.R n 328; RAVVISATA: la necessità di disciplinare ulteriormente, per il porto di Riposto, oltre che la raccolta degli oli esausti, anche il ritiro dei filtri imbrattati d olio e delle batterie esauste allo scopo di incrementarne ed incoraggiarne la loro corretta raccolta differenziata. RENDE NOTO Nel porto di Riposto il servizio di prelevamento degli oli esausti rigenerabili e delle batterie al piombo esauste sbarcate dalle unità navali e dai mezzi commerciali e industriali operanti in porto, è espletato a titolo gratuito dai rispettivi Consorzi a mezzo delle Imprese ad esse partecipanti e saranno svolti secondo le modalità appresso indicate. Nel porto di Riposto è posizionata apposita isola ecologica ubicata sul lato Est del corpo di guardia della Guardia Costiera come riportato nella planimetria in allegato 1. L isola ecologica è composta da una piattaforma esagonale recintata e coperta all interno della quale sono posizionati un contenitore per la raccolta degli oli esausti, un contenitore per la raccolta delle batterie usate ed un contenitore per la raccolta dei filtri olio usati. Il servizio di conferimento di oli, batterie e filtri all interno dei contenitori suddetti è svolto dalla Ditta Carbotrasporti S.r.l.

11 Le modalità, le giornate e gli orari per operare il conferimento di oli, batterie e filtri all interno della suddetta isola saranno affissi con apposita cartellonistica a cura del gestore dell isola stessa. Il servizio di ritiro dei filtri usati è svolto a titolo oneroso dalla Ditta Sicil Oil di Spada Antonino & C. S.n.c. pertanto, gli interessati, all atto del conferimento dei filtri usati nelle isole ecologiche, dovranno corrispondere la tariffa stabilita dalla suddetta Ditta ed esposta insieme alle modalità di conferimento, dal personale incaricato della gestione dell isola stessa. ORDINA Art.1 Le imprese aderenti ai relativi Consorzi di smaltimento incaricate del ritiro dei rifiuti depositati nelle isole ecologiche sono: Sicil Oil di Spada Antonino & C. S.n.c. con sede in Via Piano S. Giovanni n Aci S. Antonio; Sicilia Rottami S.n.c. di Gazzetta Paolo & C. Via Acquicella Porto n. 48 Catania. Art.2 Il conferimento degli oli esausti provenienti da unità da pesca, da diporto nonché dai mezzi commerciali e industriali operanti nel porto di Riposto dovrà essere effettuato mediante diretto travaso nell apposito contenitore situato nel punto di raccolta in premessa. Il conferimento degli oli esausti deve avvenire senza pericolo per le persone ed usando accorgimenti tali da evitare ogni pregiudizio per l ambiente in ossequio ai principi generali stabiliti dal Decreto Legislativo n 22/1997. Per il conferimento di particolari quantità di oli esausti il cui travaso nei contenitori dovesse risultare laborioso tale da non poter essere depositate all interno dei contenitori, gli utenti dovranno avvisare la Ditta Carbotrasporti S.r.l. o richiedere il diretto intervento, anch esso a titolo gratuito, della Ditta Sicili Oil S.n.c.. Medesimo comportamento dovrà essere osservato in caso di impossibilità di conferire i rifiuti in questione per eventuale saturazione di tutti i serbatoi/contenitori disponibili. Alle disposizioni di cui al presente articolo soggiacciono tutti gli altri operatori marittimi che, nell ambito del porto di Riposto, dovessero avvalersi del servizio di raccolta. Art.3 L abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel sottosuolo sono vietati, è altresì vietata l immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. È vietato abbandonare gli oli usati, le batterie esauste ed i filtri olio usati, anche se in barattoli o fusti, in prossimità dei contenitori predetti o, comunque, nelle banchine del porto in genere. Art.4 I titolari dei cantieri di rimessaggio, officine meccaniche, circoli nautici e quant altri (navi e natanti suddetti esclusi, obbligati a farlo) che operano nell ambito del porto di Riposto, i quali eventualmente non dovessero avvalersi dei punti di raccolta di cui alla presente Ordinanza dovranno, comunque, conferire gli oli usati, batterie esauste e filtri olio usati presso Ditte autorizzate al relativo ritiro, senza abbandonarli nei sopraindicati ambiti di giurisdizione. Art.5 Le navi diverse dalle unità da pesca e da diporto che eventualmente dovessero fare scalo nel porto di Riposto, intendano avvalersi dei servizi di ritiro oli esausti, batterie esauste e filtri olio usati dovranno avanzare richiesta scritta mediante la propria Agenzia Marittima, con almeno 24 ore di anticipo, indicando il quantitativo.

12 Art.6 I Comandanti delle navi (ivi comprese quelle da pesca e da diporto di qualsiasi stazza) nel maneggiare gli oli usati, sia nel corso del travaso da bordo che durante la fase successiva di conferimento al serbatoio, dovranno adottare ogni utile accorgimento atto a prevenire il possibile sversamento in mare o nella banchina degli oli stessi. In caso di sversamento, i Comandanti delle navi saranno ritenuti civilmente e penalmente responsabili, con l obbligo di provvedere, a loro spese, alle successive operazioni di pulizia e/o disinquinamento. Art.7 E fatto obbligo a chicchessia di conferire nei rispettivi serbatoi/contenitori esclusivamente i rifiuti come definiti in premessa. È fatto, quindi, divieto di depositare all interno degli stessi, o in loro prossimità, altre tipologie di rifiuti, sostanze o materiali di diversa provenienza. Art.8 La Ditta Carbotrasporti S.r.l. è incaricata del costante monitoraggio dell isola ecologica ed è tenuta ad informare l Autorità Marittima competente riguardo ad eventuali situazioni di abbandono di rifiuti al di fuori dei contenitori nonché la necessità di procedere al loro svuotamento da parte delle Ditte incaricate. Art.9 La Ditta Carbotrasporti S.r.l. incaricata della gestione dell isola dovrà ottemperare agli obblighi di legge per quanto attiene alla tenuta dei registri di carico e scarico e l effettuazione delle comunicazioni annuali al catasto. Art.10 Le Ditte Sicil Oil S.n.c. e Sicilia Rottami S.n.c. quando operano nell ambito del porto di Riposto, dovranno osservare tutto quanto stabilito dalle leggi comunitarie nazionali e regionali, in materia di raccolta, ritiro, smaltimento e trasporto degli oli usati, dei filtri imbrattati d olio e delle batterie al piombo esauste nonché degli altri rifiuti da essi prodotti nonché in materia doganale e fiscale, con l attenzione particolare di evitare spandimenti in banchina e/o inquinamento marino, durante le periodiche operazioni di ritiro mediante travaso nell autobotte nonché ogni normativa di legge vigente in termini di raccolta, trasporto, smaltimento e riciclaggio di rifiuti. Art.11 I trasgressori alla presente Ordinanza, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, e sempre che il caso in specie non realizzi le ipotesi previste nella legge 979/82 e nel Decreto Legislativo n 22/1997 e Decreto Legislativo n 389/1997, od altre pertinenti norme, incorreranno nelle sanzioni previste dall art del Codice della Navigazione. Art.12 E fatto obbligo a chiunque spetti, di osservare e far osservare la presente Ordinanza. Riposto, 17/07/2001 IL COMANDANTE T.V.(CP) Sandro NUCCIO

13

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di B A R L E T T A (Via C. Colombo - Tel. 0883/531020 Fax. 0883/533400 cp-barletta@pec.mit.gov.it guardiacostiera.it/barletta) ORDINANZA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA ALLEGATO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA COMUNI DI PESCARA - ORTONA - VASTO - GIULIANOVA

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa COPIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 8 DEL 16-10-2014 - Registro Generale n. 43 Ufficio proponente: SETT. 3^ - UFFICIO TECNICO Oggetto: ORDINANZA RELATIVA AL

Dettagli

qelrqò ORDINANZANO3I2OI2 IL PRESIDENTE /i{ \é lta f-l lll.,,r

qelrqò ORDINANZANO3I2OI2 IL PRESIDENTE /i{ \é lta f-l lll.,,r qelrqò /i{ / t--, f-l lll.,,r d\ e) \é lta lg ORDINANZANO3I2OI2 IL PRESIDENTE Vista la legge 28 gennaio 1994,n. 84 di riordino della legislazionein materiaportuale e successive modifiche; Visto il D.P.R.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

In conformità al Decreto Legislativo 182/2003

In conformità al Decreto Legislativo 182/2003 PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE UNITÀ DA DIPORTO Approdo Turistico di La Marina di Costa Corallina In conformità al Decreto Legislativo 182/2003 Redatto dalla società 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI. VERBALE di ISPEZIONE (N. / ) (eseguita ai sensi dell art. 11 del Decreto legislativo 182/2003) 1. Dati Generali della Nave

CAPITANERIA DI PORTO DI. VERBALE di ISPEZIONE (N. / ) (eseguita ai sensi dell art. 11 del Decreto legislativo 182/2003) 1. Dati Generali della Nave VERBALE di ISPEZIONE (N. / ) (eseguita ai sensi dell art. 11 del Decreto legislativo 182/2003) 1. Dati Generali della Nave Tipo e Nome Nave Numero IMO Bandiera Data Impostazione Chiglia Stazza Lorda Persone

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.gov.it)

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

In conformità al D. Lgs. 182/2003

In conformità al D. Lgs. 182/2003 PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE NAVI E DEI RESIDUI DEL CARICO PORTO TURISTICO DI PERD E SALI - SARROCH In conformità al D. Lgs. 182/2003 1 di 33 INDICE PREMESSA pag. 4 RIFERIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO COMUNE DI CERVESINA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO Approvato con deliberazione C.C. n.7 del

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DETERMINAZIONE PROT. N. 375 REP. N. 6 Oggetto: Concessione demaniale marittima del Porticciolo turistico di Sant Antioco ubicato nel Comune di Sant Antioco. Approvazione avviso pubblico e relativi allegati.

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.it)

Dettagli

Chiarimenti 110 DEL 19.09.2011.

Chiarimenti 110 DEL 19.09.2011. GARA, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE, TRASPORTO, DEMOLIZIONE ED AVVIO A RECUPERO/SMALTIMENTO DI IMBARCAZIONI E RELITTI SITUATI NELL ISOLA DI LAMPEDUSA, DI IMBARCAZIONI

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELEGAS Provincia di Cagliari Via Daga 4, 09040 Selegas (CA) Telefono 070.985828 0707.985343 Fax 070.985785 Sede: Via Daga 4 09040 Selegas tel.: 070.985828 fax: 070.985785 E mail: selegas.ing@tiscali.it

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE

CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE Tra il COMUNE di.. Provincia di.., legalmente rappresentato dal.., in qualità di.. (di seguito denominato COMUNE) ed il Consorzio obbligatorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

ANNO 2009. Pag. 1 di 31

ANNO 2009. Pag. 1 di 31 PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE NAVI E DEI RESIDUI DEL CARICO DEL PORTO DI LERICI RICADENTE NEL CIRCONDARIO MARITTIMO DELLA SPEZIA ANNO 2009 Pag. 1 di 31 INDICE 1 NORMATIVA DI

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE NAVI E DAI RESIDUI DEL CARICO PORTO DI Puntaldia COMUNE DI SAN TEODORO

PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE NAVI E DAI RESIDUI DEL CARICO PORTO DI Puntaldia COMUNE DI SAN TEODORO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PIANO DI RACCOLTA E DI GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE NAVI E DAI RESIDUI DEL CARICO PORTO DI Puntaldia COMUNE DI SAN TEODORO Piano redatto a cura della

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

A R E A U R B A N I S T I C A, E D I L I Z I A P R I V A T A E A A. P P.

A R E A U R B A N I S T I C A, E D I L I Z I A P R I V A T A E A A. P P. AVVISO PUBBLICO PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME A CARATTERE STAGIONALE A FAVORE DI STRUTTURE RICETTIVE - STAGIONE BALNEARE 2015 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTI: il Regio Decreto 30

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA ORDINANZA N 68/2009

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA ORDINANZA N 68/2009 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA ORDINANZA N 68/2009 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Ravenna: VISTA: la Direttiva del Parlamento

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Grado Indirizzo telegrafico: CIRCOMARE GRADO Via G. Marchesini, 30 34073 Grado (GO) Telefono: 0431 80050 - Fax: 0431 81542

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i 58019 PORTO SANTO STEFANO (GR) P.D.C. 2 Capo Np/Pn PINNA e-mail: angelo.pinna@mit.gov.it Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio circondariale marittimo Porto Santo Stefano Sezione Tecnica

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA

COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA Presentazione a cura Stefania Galera di Veritas S.p.A. 11/12/2015 CHIOGGIA BANCHINA DI PUNTA POLI 02/2014 2 NORMATIVA

Dettagli

A Autorità Portuale '-' Livorno

A Autorità Portuale '-' Livorno A Autorità Portuale '-' Livorno AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO ORDINANZA N. :t\ DATO ATTO che il Porto Mediceo, nella zona dei moli Elba e Capitaneria, è stato oggetto di intervento di riorganizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Allegato nr. 2 alla deliberazione consiliare nr. 33, dd. 16.07.2008 IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Mauro Girardi) REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione Lo smaltimento

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI TERNI SETTORE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO PROT. N. 23690 DEL 3 MAGGIO 2012 Oggetto: Art. 208 D.lgs. 152/2006 e s.m.i. GIONTELLA QUINTO EREDI S.A.S DI ANTONIO GIONTELLA & C. Autorizzazione unica per un nuovo impianto di recupero di rifiuti speciali

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI GRADO ORDINANZA N 22/2004 Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo di Grado, VISTE: VISTA: VISTA: il Regolamento

Dettagli

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote.

- per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta (150) a duecentocinquanta (250) quote. Sanzioni ex D. Lgs. 231/2001 e succ.modd. in relazione alla commissione di reati previsti dal Codice dell Ambiente (D. Lgs. 152/2006 e succ.modd.) (cfr. art. 2 co. 2,6,7,8 D. Lgs. 7 luglio 2011 n. 121)

Dettagli

AL COMUNE DI SANTA MARINA

AL COMUNE DI SANTA MARINA Applicare marca da bollo da 14,62 euro AL COMUNE DI SANTA MARINA Oggetto: Istanza di inserimento nell elenco degli operatori economici per affidamento lavori pubblici e relative forniture e servizi del

Dettagli

Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo

Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo Le Marinelle Srl Via Andrea Doria, sn 66050 - San Salvo (CH) Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo ai sensi D.Lgs.182/2003

Dettagli

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali Servizi alla Comunità Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani, 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249515 Email: servizi.comunita@cna.it Sede di Bruxelles Ufficio Europeo ISB 36-38 Rue Joseph II Tel + 322

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

f) di allegare alla presente domanda la seguente documentazione:

f) di allegare alla presente domanda la seguente documentazione: Marca bollo 16,00 MODULO OBBLIGATORIO PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Allegato A 1 (da compilare per il porto Isola Bella) PIAZZA MATTEOTTI, 6 28838 STRESA (VB) Oggetto: RICHIESTA PARTECIPAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 13 DEL 31 MARZO 2008 DECRETO DIRIGENZIALE N. 12 del 6 marzo 2008 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO TRASPORTI E VIABILITA' SETTORE DEMANIO MARITTIMO - NAVIGAZIONE - PORTI, AEROPORTI E OPERE MARITTIME - Misure per la gestione del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI

ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI MODELLO Scarichi acque reflue industriali Protocollo Generale Data di presentazione Bollo 14,62 ALLA PROVINCIA DI TERNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA, AMBIENTE E MOBILITA SOSTENIBILE Via Plinio

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

COMUNE di CICAGNA. Registro Generale n. 1 ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 22-01-2016

COMUNE di CICAGNA. Registro Generale n. 1 ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 22-01-2016 COMUNE di CICAGNA PROVINCIA di GENOVA Viale Italia, 25 16044 CICAGNA C.F. 00945110104 P.I. 00174060996 Tel. 0185 92103/92130/971154 Telefax 0185 929954 e-mail SINDACO: sindaco@comune.cicagna.ge.it PEC

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. Direzione Unità Progetti Speciali

COMUNE DI RIMINI. Direzione Unità Progetti Speciali COMUNE DI RIMINI Direzione Unità Progetti Speciali Prot. 167630 Oggetto: Regolarizzazione degli scarichi di acque reflue domestiche alla rete fognaria pubblica in zona Rimini Nord nell ambito del Piano

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE 1 LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE Protocollo di intesa ANCI CDC RAEE e DISTRIBUZIONE Ing. Fabrizio Longoni Milano, 23 novembre 2010 IL VECCHIO SISTEMA RAEE 2 Cittadini Enti Locali Produttori (attraverso

Dettagli

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015

Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Determinazione n. 64 del 24 novembre 2015 Oggetto: InfoCamere S.c.p.a. Affidamento Servizio di gestione documentale componente Sistema di conservazione a norma Legaldoc Annualità 2015 Il Vice Segretario

Dettagli

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA COMUNE DI BROGLIANO SETTORE 3 - TECNICO U.O. 1: Edilizia Privata Urbanistica Ambiente Piazza Roma n. 8 36070 BROGLIANO (VI) c.f. 00267040244 ; tel. 0445-947570 ; fax 0445-947682 Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine

Dettagli

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA ATTREZZATA NORME DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA

COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA Riservato al protocollo COMUNE DI BASCIANO S.U.E. P.A.S. PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (Art. 6, D.Lgs. 03/03/2011, n. 28 D.g.r. n. 294 del 02/05/2011 Articoli 22 e 23 del D.P.R. n. 380 del 2001) Il

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (resa ai sensi degli artt. 47 e 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) Spett.le ARPA Lombardia DIPARTIMENTO DI.. Via...... (indirizzare all ARPA territorialmente competente con riferimento al sito di produzione dei materiali da scavo) Dichiarazione relativa al rispetto delle

Dettagli

DOMANDA D ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI DELLA SPL SEZZE SPA

DOMANDA D ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI DELLA SPL SEZZE SPA MODELLO C/ 1 DOMANDA D ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI DELLA SPL SEZZE SPA Alla SPL SEZZE SPA Via Umberto I 04018 Sezze (LT) RISERVATO ALLA SOCIETA Data di arrivo Protocollo N. N. ATTRIBUITO

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

COMUNE DI CAVEDINE. Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE.

COMUNE DI CAVEDINE. Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE. COMUNE DI CAVEDINE Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.33 di data 27 maggio

Dettagli

C.E.V. S.p.A. a S.U. Via Vicenza, 69/a 01100 VITERBO

C.E.V. S.p.A. a S.U. Via Vicenza, 69/a 01100 VITERBO Applicare marca da bollo da 14,62 euro Al C.E.V. S.p.A. a S.U. Via Vicenza, 69/a 01100 VITERBO Oggetto: Istanza di inserimento nell elenco degli operatori economici per l affidamento dei lavori della società

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti

Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti Decreto Ministeriale n. 370/1998 (garanzia finanziaria per trasporto transfrontaliero rifiuti) Decreto 3 settembre 1998, n. 370 (Gazzetta ufficiale 26 ottobre 1998 n. 250) Regolamento recante norme concernenti

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DEL DIPARTIMENTO AMBIENTE

IL DIRETTORE REGIONALE DEL DIPARTIMENTO AMBIENTE DECRETO N. 47 DEL 7 MAGGIO 2014 OGGETTO: Ditta Polaris S.r.l. con sede legale in via Sacro Cuore n. 3 Rovigo. Impianto di stoccaggio provvisorio di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, ubicato

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013 OGGETTO: Proroga tecnica rapporto contrattuale

Dettagli

Comune di Roccamonfina

Comune di Roccamonfina Comune di Roccamonfina Provincia di Caserta Prot. 403 / 64 - UT AREA TECNICA AVVISO PUBBLICO AGGIORNAMENTO ELENCO DITTE E IMPRESE DI FIDUCIA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI SERVIZI FORNITURE IL RESPONSABILE

Dettagli

CITTA DI MOGLIANO VENETO

CITTA DI MOGLIANO VENETO CITTA DI MOGLIANO VENETO P.zza Caduti, 8 C.A.P. 31021 PROVINCIA DI TREVISO tel. 041/5930.111 - fax 041/5930.299 Codice fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E COLLAUDO

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94.

Oggetto: Relazione annuale 2011 art. 9, comma 3, lettera c) della legge n. 84/94. Direzione generale per i porti Roma, 23 marzo 212 A tutte le Autorità Portuali Loro sedi Ai Collegi dei Revisori c/o le rispettive Autorità Portuali Divisione 2 Prot. M/TRA/PORTI/ 3898 e, p.c. Ad Assoporti

Dettagli

capitale sociale in durata della società data termine codice di attività OGGETTO SOCIALE:

capitale sociale in durata della società data termine codice di attività OGGETTO SOCIALE: MODELLO DI DICHIARAZIONE All AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO A.I.Po Ufficio Acquisti Via Garibaldi n. 75 43121 PARMA Oggetto: Iscrizione all Elenco degli operatori Economici per le forniture ed

Dettagli

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Page 1 of 5 n. 001 - Lunedì 02 Gennaio 2012 Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Come possono i cittadini smaltirli correttamente? Nell'ambito delle problematiche relative ai rifiuti, si presentano,

Dettagli

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione

Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione Convenzione Operativa ANCI CDCNPA in forma di contratto per adesione per il ritiro di rifiuti di pile e accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta comunali Tra Il Centro di Coordinamento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore FRANZESE MAURIZIO. Responsabile del procedimento FRANZESE MAURIZIO. Responsabile dell' Area F. TOSINI

DETERMINAZIONE. Estensore FRANZESE MAURIZIO. Responsabile del procedimento FRANZESE MAURIZIO. Responsabile dell' Area F. TOSINI REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G16480 del 21/12/2015 Proposta n. 20329 del 16/12/2015 Oggetto: S.E.P.

Dettagli

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI GIORGIO CHIMENTI A B C dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e del D.Lgs. n. 272/1999 1 A B C dell antincendio nei PORTI TURISTICI

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore LONGO ANNARITA. Responsabile del procedimento GUGLIELMO ARCÀ. Responsabile dell' Area G. ARCA'

DETERMINAZIONE. Estensore LONGO ANNARITA. Responsabile del procedimento GUGLIELMO ARCÀ. Responsabile dell' Area G. ARCA' REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G07708 del 27/05/2014 Proposta n. 8391 del 12/05/2014 Oggetto: Ecotherm

Dettagli

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1 allegato D REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI Art. 1 L Ente Gestore del Centro agroalimentare all ingrosso di Fondi pone fra i

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 Tecnolario CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 DATA: 12/02/2007 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente - Rifiuti DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.494.210 # 0341.250.007 N PAG.: 2

Dettagli

CITTÀ DI ALBINO (Provincia di Bergamo) Area Servizi alla persona

CITTÀ DI ALBINO (Provincia di Bergamo) Area Servizi alla persona CITTÀ DI ALBINO (Provincia di Bergamo) Area Servizi alla persona AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE IN USO GRATUITO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DI DESENZANO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli