PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA. Forza Eolica P. 13. Propulsore a Palloncino P. 14. Barra Flettente P. 15. Motore ad Elastico P.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA. Forza Eolica P. 13. Propulsore a Palloncino P. 14. Barra Flettente P. 15. Motore ad Elastico P."

Transcript

1 PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA Forza Eolica P. 13 Contenuto Propulsore a Palloncino P. 14 Barra Flettente P. 15 Motore ad Elastico P. 16 Motore a Molla P. 17 Veicolo a Tre Ruote P. 17 Buggy P. 17 Veicolo con Sterzo P. 18 Fuoristrada con Sterzo e Sospensioni a Molla P. 18 Fuoristrada con Motore a Molla P. 19 Fuoristrada Telecomandato P

2 ITA PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ "Ciao, permettimi di presentarmi: sono la tua guida fischerrtechnik e ti accompagnerò attraverso questo libretto illustrativo. Come puoi vedere dalle fotografie in questa pagina, insieme costruiremo diversi modellini, ciascuno dotato di una propria caratteristica specifica. Spero che ti divertirai un sacco a costruirli tutti quanti!"

3 PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA Direzione del vento Vento di prua "Potrà sembrarti incredibile ma in Internet ho scoperto che le più antiche testimonianze di un buggy a vela sono state trovate nella tomba di un Faraone Egizio. Amenemhat, così si chiamava il Faraone, potrebbe aver corso per il deserto su questo veicolo che si muoveva grazie ad una vela, circa anni fa!" L immagine qui a fianco illustra un veicolo con vela a propulsione eolica. Forza Eolica Direzione del buggy a vela La superfice su cui corrono i buggy o i tricicli a vela, come ad esempio la sabbia, comporta una resistenza all avanzata del veicolo. La forza trainante (o propulsiva) che permette di superare questa resistenza è la forza prodotta dal vento che soffia sulla vela. Questo modellino fischertechnik dimostra che l energia eolica può essere utilizzata come energia propulsiva: costruiscilo seguendo le istruzioni di montaggio....più di anni fa La vela inclusa in questo modello permette all energia eolica di muovere il veicolo. La raffigurazione grafica mostra che il vento può essere sfruttato al meglio quando la vela è inclinata. Il vento colpisce la superficie della vela, spingendo il veicolo in avanti. Se il vento soffia dal lato opposto, è necessario cambiare la posizione dellla vela. Il movimento del veicolo genera un vento di prua, o vento relativo. Usa un cronometro per misurare i diversi tempi regisatrati dal veicolo per percorrere una data distanza, con la vela in posizioni diverse. Misura il tempo impiegato dal veicolo per percorrere una data distanza, variando forza e velocità del vento che soffia sulla vela. Per far ciò, utilizza un phon (o un ventilatore) che possa essere settato su diverse velocità. 13

4 ITA PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ Propulsione con Palloncino È possibile muovere un veicolo senza l impiego di un motore o di batterie, ma utilizzando solamente un palloncino? Scoprilo grazie a questo modello! Gonfia un palloncino e lascialo andare. Vedrai che il palloncino volerà via seguendo un percorso non controllabile. Le molecole d aria escono dal palloncino, spingendolo in avanti. Ciò produce una reazione, o rinculo. Poiché il palloncino non è guidato, si muove nell aria in modo incontrollabile finché non si svuota quasi del tutto e quindi cade a terra. Costruisci il modello come descritto nelle istruzioni di montaggio. Ora gonfia il palloncino sul modello. Posiziona il veicolo su di una superficie liscia e quindi apri l estremità del palloncino. Osserva come reagisce il modellino. Quando apri l estremità del palloncino, l aria fuoriesce. La forza dell aria in uscita agisce in direzione opposta sul modello: il tuo veicolo perciò si muoverà per reazione all aria in uscita. I razzi sono lanciati nello spazio utilizzando la stessa forza reattiva. Attività 3 Gonfia il palloncino con diverse quantità d aria e osserva quanta stada percorre di volta in volta il veicolo. Si muove più velocemente quando l aria nel palloncino si sta esaurendo? Sì No

5 PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA L utilizzo di barre flettenti associate a veicoli risale a molto tempo fa. Anche allora piccoli oggetti, come sassi o frecce, venivano scagliati ad elevatissime velocità usando l energia meccanica che questi modelli sono in grado di produrre. La figura qui a fianco mostra, ad esempio, una catapulta utilizzata nel Medioevo. Una grossa pietra veniva messa in un cestino e le corde venivano poste in tensione mediante un verricello fino a flettere all indietro la barra. Dopo aver rimosso un chiavistello la barra scattava rapidavente in avanti, verso la sua posizione originaria, lanciando la pietra a grande distanza. Veicolo a Barra Flettente Costruisci il veicolo a barra flettente seguendo le istruzioni di montaggio. Lasciare che il veicolo si sposti per una certa distanza. Per fare ciò infilare la stringa blu attraverso l apposita apertura nell asse. Poi, tirando il veicolo all indietro, avvolgere la stringa intorno all asse, mettendo in tensione e la molla flessibile. Quando si lascerà andare il veicolo la barra flettente tornerà in posizione verticale. Inoltre la stringa si srotolerà dall asse, causando il movimento del veicolo. Usa un cronometro per misurare il tempo e la distanza di percorrenza su diverse superfici, come la moquette o le piastrelle. Quale materiale permette al veicolo di spostarsi il più lontano/velocemente possibile? Assicurarsi che la barra flettente sia egualmente tesa ad ogni prova. Superficie Percorsa Tempo Distanza Moquette Piastrelle 15

6 ITA PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ Motore ad Elastico In un motore ad elastico, una fascetta elastica è attacca a due punti fermi che la tengono in tensione. L energia viene immagazzinata quando si mette in tensione l elastico e viene rilasciata non appena la fascetta elastica viene liberata. "Ho scoperto che un ingegnere francese chiamato Alphonse Pénaud inventò il motore ad elastico nel Azionò infatti diversi modellini di aeroplani con questa tecnica di propulsione e questi volarono grazie alla forza generata dalla fascetta elastica. La forza di tensione che si esercita sulla fascetta elastica è proporzionale alla distanza percorsa. Tendere una fascetta elastica e rilasciarla. Per tendere la fascetta dovrai esercitare una certa forza. Questa forza verrà liberata quando la fascetta elastica scatterà in avanti. Questo è lo stesso principio sfruttato dal tuo modellino con motore ad elastico. Costruisci il modello seguendo le istruzioni di montaggio. La fascetta elastica va in tensione quando il perno posteriore - a cui è fissata - viene spostato indietro. Quando il perno verrà rilasciato la fascetta elastica ritornerà alla sua lunghezza originale, e ciò comporterà il movimento del veicolo. Utilizza il tuo modellino per capire come funziona un motore ad elastico. Osserva la velocità del veicolo: quando raggiunge il picco massimo?

7 PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA Cosa doveva fare Leonardo da Vinci con un motore a molla? Nei suoi disegni ha lasciato un abbozzo di veicolo a tre ruote caratterizzato da un motore che prevedeva diversi componenti, come molle di legno e ingranaggi. Le molle avrebbero dovuto essere messe in tensione dalla forza muscolare. Poi, una volta tolto un fermo, l energia immagazzinata dalle molle sarebbe stata trasferita alle ruote motrici. Costruisci il tuo veicolo a tre ruote con l aiuto delle istruzioni di montaggio. Quando lo monti, assicurati che il motore sia messo nella corretta posizione. La freccia nel vano motore indica la direzione nella quale si sposterà poi il veicolo. Il motore a molla contenuto nel set può essere caricato tirando indietro il mezzo. A questo punto, se lo si rilascia, il veicolo comincerà a muoversi. Motore a Molla Veicolo a Tre Ruote Cosa accade nel motore? Il motore è composto di ingranaggi, assi, una molla, e una custodia. La molla viene tesa nella stessa maniera in cui viene caricato un orologio. Quando il veicolo viene rilasciato la molla si allenta, trasferendo l energia accumuilata agli ingranaggi e quindi alle ruote. Ciò fa muovere il veicolo. Attività1 Quanto lontano riesce ad arrivare il tuo modellino a tre ruote? Paragona la velocità di questo veicolo con quella del buggy, che costruirai in un secondo momento. È vero che, caricando egualmente i due motori, il modellino a quatto ruote percorre una distanza inferiore rispetto al modellino a tre ruote, a causa del maggiore attrito a cui è sottoposto? Vero Falso Paragona i due modellini. Che vantaggi e svantaggi ha il veicolo a tre ruote rispetto al buggy? Cosa puoi osservare, ad esempio, in merito alla stabilità direzionale dei due mezzi? Buggy Come già detto, adesso puoi costruire un veicolo a quattro ruote con motore a molla. Utilizza le istruzioni di montaggio per costruire il buggy ed eseguire le due attività proposte in questa pagina. 17

8 ITA PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ Veicolo con Sterzo Con questo modello potrai determinare la direzione verso la quale viaggerà il tuo veicolo, grazie all aiuto di un sistema sterzante, meglio conosciuto come perno di sterzaggio o sterzo di Ackermann. Costruisci il modello come descritto nelle istruzioni di montaggio e guarda come funziona! Il sistema sterzante fu inventato to nel 1816 da un costruttore di carrozze di Monaco che si chiamavaa Georg Lankensperger. Il suo funzionamento è piuttosto semplice: una doppia struttura trapezoidale è usata per permettere alla macchina di affrontare le curve. Questa struttura è composta da: un asse, un tirante e da due bracci dello sterzo (bracci pitman). sterzo di Ackermann Asse Braccio dello sterzo Tirante Il volante è collegato al tirante mediante pignone e cremagliera. Quando giri il volante in una direzione, i bracci dello sterzo girano le ruote e l asse in quella stessa direzione. La forma trapezoidale della struttura asseconda il movimento delle ruote ( in curva la ruota esterna descrive un arco più ampio rispetto alla ruota interna) e ciò rende la curva più precisa. Fuoristrada con Sterzo e Sospensioni a Molla Il prossimo modello che costruirai ha uno sterzo e un sistema di sospensioni a molla. Costruisci il fuoristrada seguendo le istruzioni di montaggio. Perché pensi che i veicoli abbiano un sistema di sospensioni? Lo scopo principale di un sistema di sospensioni in un veicolo è quello di riuscire ad affrontare le asperità della strada. Le sospensioni permettono alle ruote di seguire le irregolarità del suolo, dando al veicolo il miglior contatto possibile con la strada e quindi la massima capacità di presa possibile sul terreno. Questo aumenta il comfort dei passeggeri, così come la sicurezza di guida e la protezione del veicolo. Attività tà 2 Spingi il tuo modello su una superficie irregolare, cosparsa, ad esempio, di piccoli sassolini o altri ostacoli di dimensioni ridotte e osserva come lavorano le sospensioni. Che differenze noti tra questo modello e gli altri modelli che hai costruito?

9 PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ ITA Ora puoi installare un motore a molla nel tuo fuoristrada dotato di sterzo e sospensioni. Fuoristrada con Motore a molla Installa il motore a molla sul tuo modello, come descritto nelle istruzioni di montaggio, quindi testa la stabilità direzionale del veicolo. Cosa puoi osservare quando azioni il veicolo? Il modellino rimane su un percorso definito? A questo scopo ti consiglio di disegnare sul pavimento una pista lunga e dritta, larga circa 50 cm. Il veicolo va fuori strada, perché il sistema sterzante non è stabile. Hai qualche idea sul modo in cui potresti migliorare la stabilità direzionale del modellino? 50 cm Per mantenere il veicolo sul percorso è utile fermare lo sterzo del fuoristrada. L illustrazione sottostante mostra come bloccare lo sterzo del modellino. Attività 3 Controlla se la stabilità del veicolo è migliorata dopo averne bloccato lo sterzo: il veicolo è rimasto sul percorso tracciato? 19

10 ITA PROFI Cars & Drives PROPOSTE DI ATTIVITÀ Fuoristrada Telecomandato Per divertirti ancora di più puoi associare il telecomando fischertechnik al tuo veicolo. Il fuoristrada può facilmente essere integrato con il Motor Set XM, l Accu Set 220 V e il Control Set (non inclusi nel kit). "Ancora una volta ho condotto delle ricerche e ho scoperto qualcosa di più sul telecomando. Questo strumento si basa sulla scoperta delle onde radio e quindi sulla trasmissione wireless di segnali. Uno dei primi telecomandi completi e funzionali fu presentato a New York da Nikola Tesla nel 1898." Le immagini in questa pagina mostrano tutto ciò che occorre per costruire un telecomando fischertechnik. Il Control Set fischertechnik è un telecomando a infrarossi, che opera attraverso segnali luminosi invisibili, anziché attraverso onde radio. Grazie a questo telecomando a infrarossi a 4 canali è possibile controllare il fuoristrada. Infatti il dispositivo permette di controllare fino a 3 motori e un unità per servomotore. Sul tuo modello ciò significa una sterzata estremamente precisa e un controllo molto accurato della velocità. Oltre al trasmettitore il set comprende anche un ricevitore e un unità per servomotori, necessari per il controllo dello sterzo di Ackermann. Il motore a molla può essere sostituito con un motoriduttore ad alta potenza, incluso nel XM Motor Set. Oltre al motore XM, che può essere integrato anche con altri modelli fischertechnik, il set include un numero elevato di ingranaggi, assi e organi di trasmissione. L Accu Set fischertechnik è perfetto per fornire l energia necessaria al fuoristrada telecomandato. L accumulatore dura più a lungo delle normali batterie e può essere ricaricato ancora e ancora. Il tempo massimo di ricarica è di due ore. "Ora penso che potrai imparare moltissime nozioni tecniche sulle varie tipologie di veicoli illustrate. La tua guida fischertechnik ti augura di divertirti un sacco a costruire tutti i modellini inclusi nel set e, magari, anche nuovi veicoli di tua invenzione, che potrai equipaggiare con diverse unità.

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Organi di propulsione e sostegno Prof. S. Pascuzzi 1 Organi di propulsione e sostegno Organi di propulsione

Dettagli

Smorzamento Degli Ammortizzatori

Smorzamento Degli Ammortizzatori Smorzamento Degli Ammortizzatori Lo smorzamento governa la resistenza al movimento degli ammortizzatori, per mezzo di un pistone interno che si muove a bagno d olio quando l ammortizzatore si comprime

Dettagli

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/7 Compito Gli alunni guardano un filmato e danno prova del loro apprendimento rispondendo alle domande della scheda di lavoro. Obiettivo Gli alunni imparano come nasce e

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA Osservazioni e misure a bordo Le tue sensazioni e l accelerometro a molla 1) Nelle due posizioni indicate dalle frecce indica le sensazioni ricevute rispetto al tuo peso

Dettagli

CARRELLO ITALIANO Il carrello sterzante detto Italiano è nato a seguito di una esigenza prettamente italiana dovuta alla situazione in cui versavano le linee ferroviarie agli inizi del 1900. I tracciati

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

Quanta scienza in. una siringa?

Quanta scienza in. una siringa? S.M.S Puecher Colombo Via G. Pizzigoni n 9 20156 Milano Tel. 0239215302 e-mail: colomboscuola@tiscali.it Quanta scienza in. una siringa? Classe: 3^A (sede Colombo) Anno scolastico: 2002/2003 Insegnante:

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

The DINO files: preparazione Chaparral 2E

The DINO files: preparazione Chaparral 2E The DINO files: preparazione Chaparral 2E Mi sono inizialmente assicurato che sull'auto fosse montato l'alettone racing alleggerito. È riconoscibile dalla caratteristica di avere la parte inferiore cava.

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

Aeroplani ed effetto Coanda

Aeroplani ed effetto Coanda tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Aeroplani ed effetto Coanda prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per

Dettagli

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA SCIENZA&SPORT Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA La bicicletta come laboratorio equilibrio avanzamento cambio di direzione bilancio energetico meccanica Concetti

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia Classe quarta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Progettiamo e costruiamo modelli di mezzi di trasporto Apprendimento unitario: riconoscere le funzioni dei mezzi di trasporto e individuare problemi

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/9 Compito Obiettivo Gli alunni affrontano in maniera sperimentale i temi della trasmissione, della resistenza al rotolamento e della resistenza aerodinamica. Si tratta di temi

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Più dure Più morbide Auto + reattiva e diretta (ed anche nervosa) Aiutano a saltare + in alto e + in lungo, quindi sono ottime per piste piatte con tanta

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1.

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1. L accelerazione iniziale di un ascensore in salita è 5.3 m/s 2. La forza di contatto normale del pavimento su un individuo di massa 68 kg è: a) 2.11 10 4 N b) 150 N c) 1.03 10 3 N Un proiettile viene lanciato

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Trasmissione del moto Prof. S. Pascuzzi 1 Trasmissione del moto ELEMENTO CONDUTTORE impartisce il moto mediante

Dettagli

sedia a rotelle elettrica

sedia a rotelle elettrica sedia a rotelle elettrica Manuale d uso attenzione: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. M27729-I-Rev.0-07.11 1 I. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o A A 2 0 11-2 0 1 2 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D A A 2 0 1 2-2 0 1 3 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

Strane anomalie di un motore omopolare Di Valerio Rizzi e Giorgio Giurini

Strane anomalie di un motore omopolare Di Valerio Rizzi e Giorgio Giurini Strane anomalie di un motore omopolare Di Valerio Rizzi e Giorgio Giurini Gli scriventi, in qualità di studiosi del generatore omopolare hanno deciso di costruire questo motore per cercare di capire le

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA

I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA I.C.S. GIRGENTI IV ASPRA Via Grotte 90011 BAGHERIA (PA) «LE MACCHINE SEMPLICI» prof. Antonino Lupo 05/06/2014 1 INTRODUZIONE ALLE MACCHINE Generalmente si pensa ad una macchina come a qualcosa di molto

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

1:8 EP 4WD INFERNO MP9E

1:8 EP 4WD INFERNO MP9E 1:8 EP 4WD INFERNO MP9E caratteristiche tecniche lunghezza: 490 mm; larghezza: 307 mm; altezza: 180 mm; passo: 325 mm; carreggiata ant. e post. 254 mm; rapporto di riduzione: 12,6:1; peso circa.: 3.700

Dettagli

Le più avanzate tecnologie racing hanno permesso di creare uno pneumatico che dà emozioni. La tenuta è il suo punto di forza: NEOVA raggiunge nuovi

Le più avanzate tecnologie racing hanno permesso di creare uno pneumatico che dà emozioni. La tenuta è il suo punto di forza: NEOVA raggiunge nuovi Ready to ace Le più avanzate tecnologie racing hanno permesso di creare uno pneumatico che dà emozioni. La tenuta è il suo punto di forza: NEOVA raggiunge nuovi livelli. ADVAN NEOVA AD08R INNOVAZIONI

Dettagli

Istruzioni per l'installazione del rack

Istruzioni per l'installazione del rack Istruzioni per l'installazione del rack Riesaminare la documentazione fornita con il cabinet rack per informazioni sulla sicurezza e il cablaggio. Prima di installare il server in un cabinet rack, riesaminare

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

CONVEGNO LE MACCHINE COSTRUITE DA UNO STUDENTE. 6 giugno 2013. Ore 10.45 Presso il Laboratorio di Elettrotecnica

CONVEGNO LE MACCHINE COSTRUITE DA UNO STUDENTE. 6 giugno 2013. Ore 10.45 Presso il Laboratorio di Elettrotecnica ITIS MARCONI CIVITAVECCHIA (ROMA) CONVEGNO LE MACCHINE COSTRUITE DA UNO STUDENTE 6 giugno 2013 Ore 10.45 Presso il Laboratorio di Elettrotecnica 1 PRESENTAZIONE CONVEGNO In occasione di una visita di istruzione

Dettagli

Via Appia Nuova 669, 00179 ROMA tel.06-7811759 fax 06-7811759 - portatile 337802536 GUIDA ALLA INSTALLAZIONE DEL SISTEMA SOLARE HEAT KIT

Via Appia Nuova 669, 00179 ROMA tel.06-7811759 fax 06-7811759 - portatile 337802536 GUIDA ALLA INSTALLAZIONE DEL SISTEMA SOLARE HEAT KIT Via Appia Nuova 669, 00179 ROMA tel.06-7811759 fax 06-7811759 - portatile 337802536 GUIDA ALLA INSTALLAZIONE DEL SISTEMA SOLARE HEAT KIT Versione 2002 Il sistema HEAT KIT, sistema SOLARE di riscaldamento

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

L energia del vento Leggi con attenzione il seguente testo, poi rispondi alle domande.

L energia del vento Leggi con attenzione il seguente testo, poi rispondi alle domande. L energia del vento Leggi con attenzione il seguente testo, poi rispondi alle domande. Una delle prime forme di energia che i popoli impararono a sfruttare fu il vento, che gonfiava le vele e faceva muovere

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

6. Depositi e Serbatoi di Energia

6. Depositi e Serbatoi di Energia 6. Depositi e Serbatoi di 6.1. A cosa servono i depositi di energia Molto spesso abbiamo a che fare con fonti di energia che si svuotano come ad esempio le batterie della pila, il serbatoio dell automobile,

Dettagli

Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare

Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare L energia per i piccolini Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare 1) Indagine su che cosa pensano i bimbi piccoli sull energia: utile per capire che cosa

Dettagli

SICUREZZA ROTTURA MOLLA

SICUREZZA ROTTURA MOLLA SICUREZZA ROTTURA MOLLA 052010 IMPORTANTE: Le molle in tensione sono provviste di una tensione alta; fare sempre molta attenzione, soprattutto in fase di regolazione ed uso di tiranti (12025) che siano

Dettagli

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY Gioia Loprete 2 INDICE INTRODUZIONE 3 ESPERIMENTO STANDARD 4 ESPERIMENTO EFFETTUATO CON ROTAZIONE DI 90 7 CONCLUSIONE 8 3 INTRODUZIONE Già al tempo

Dettagli

Guida all uso delle piastre per convergenza per kart.

Guida all uso delle piastre per convergenza per kart. Guida all uso delle piastre per convergenza per kart. L uso delle piastre per la regolazione e misurazione della convergenza e del camber del kart è molto semplice ed intuitivo, tuttavia è necessario essere

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

I...Imbragature ABC Guldmann

I...Imbragature ABC Guldmann I..........Imbragature ABC Guldmann I.........Imbragature ABC Guldmann Codice Articolo xxxxx-xxx ACTIVE Micro Plus Poliestere Dimensione: XS-XXL ACTIVE Trainer Poliestere Dimensione: Kid (bambino) -XXL

Dettagli

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO Tecnologia wireless facile da installare RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO www.my-serenity.ch Cosa c'è nella Scatola? 1 x Rilevatore di movimento wireless con telecamera integrata

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

Guida alla taratura delle sospensioni

Guida alla taratura delle sospensioni Guida alla taratura delle sospensioni GUIDA RAPIDA ALLA TARATURA DELLA FORCELLA BoXXer race GRAZIE PER AVER SCELTO ROCKSHOX! Siamo entusiasti, felici e onorati che abbiate scelto RockShox per le sospensioni

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo.

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. Introduzione Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. riassunto Cosa determina il moto? Forza - Spinta di un

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia La forcella è un componente molto importante della moto e ha una grande influenza sulla stabilità del veicolo. Leggere attentamente

Dettagli

The Wall. Animals and plants..looking for resources. assemblaggio e stoccaggio d

The Wall. Animals and plants..looking for resources. assemblaggio e stoccaggio d The Wall Animals and plants..looking for resources assemblaggio e stoccaggio d THE WALL FRONTE THE WALL RETRO La Struttura Dimensione singolo muro: lunghezza 13 m, spessore 1m, altezza 3 m Configurazione

Dettagli

IMPIANTI MINIEOLICI 2013

IMPIANTI MINIEOLICI 2013 Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115-94018 Troina (EN) Cell: 329/4857300 Ufficio di Rappresentanza: Via Alcide De Gasperi, 18 24123 Bergamo (BG) - Cell: 328/3515308 Via Cavour,

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

CNC a 3 assi La domanda che mi sono subito fatto era questa: In che modo fare un incisore spendendo veramente poco ma avendo una macchina con una buona precisione? La risposta mi è subito venuta in mente

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB)

Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB) Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB) Sommario Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB)...1 Sommario...2 Termini, definizioni ed abbreviazioni...2 1 Introduzione...3 2

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011/2012 Scheda M 1 Interazione magnetiche. Studente: Previsione e osservazione qualitativa e quantitativa dei fenomeni

Piano Lauree Scientifiche 2011/2012 Scheda M 1 Interazione magnetiche. Studente: Previsione e osservazione qualitativa e quantitativa dei fenomeni . Studente: Scuola e classe: Data:.. Laboratorio Materiali Programma DataStudio Sensore di Corrente/Tensione Pasco sensore di Forza PAsco Interfaccia PASPort-USB Link Magnete solenoide bussola Generatore

Dettagli

Istruzioni per il montaggio del Server SGI 1450. Documento numero 007-4242-001ITA

Istruzioni per il montaggio del Server SGI 1450. Documento numero 007-4242-001ITA Istruzioni per il montaggio del Server SGI 1450 Documento numero 007-4242-001ITA Progetto grafico della copertina di Sarah Bolles, Sarah Bolles Design e Dany Galgani, SGI Technical Publications. 2000,

Dettagli