Repubblica Italiana. Regione Siciliana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica Italiana. Regione Siciliana"

Transcript

1 OGGETTO: Formazione degli addetti e dei responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03 (Gazzetta Ufficiale Serie Generale numero 37 del 14 febbraio 2006) Indice 1.Premessa 2.Soggetti Formatori 3.Procedure 4.Certificazione finale 5.Attestati di frequenza e profitto 6.Corsi di aggiornamento 7.Fase di sperimentazione 1.Premessa La presente circolare disciplina in ambito regionale le attività formative, relative all applicazione dell accordo sancito nella Conferenza Permanente per i rapporti tra Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano del 26 gennaio 2006 G.U. n. 37 del 14 febbraio 2006 per la formazione degli addetti e dei responsabili SPP D.Lgs. 195/03. Di seguito sono fornite le prime indicazioni su alcuni aspetti, ritenuti critici, al fine di un omogenea applicazione dell accordo nel territorio regionale. Successivi approfondimenti e riflessioni costituiranno oggetto di nuove comunicazioni. L Assessorato Regionale del Lavoro - Dipartimento della Formazione Professionale - Servizio Gestione e l - Dipartimenti Servizio I -Ispettorato Regionale Sanitario, daranno ampia diffusione della presente circolare, anche attraverso la pubblicizzazione sui propri siti web. 2.Soggetti Formatori E definito soggetto formatore il soggetto giuridico che assumendo la responsabilità dell organizzazione materiale del corso, sia in possesso di disponibilità economico-finanziaria, di competenze professionali e di adeguata dotazione logistica-gestionale. E definita sede operativa la sede che si connota come centro di responsabilità che organizza ed eroga servizi di qualità in quanto: -Disponga di competenze professionali per tutte le funzioni di governo, di processo e di prodotto; 1/8

2 -Garantisca certezza di continuità di rapporto e di soddisfazione del bisogno degli utenti; -Possa contare su consistenti relazioni con il sistema socio - economico territoriale; -Sia provvista di un sistema di feedback organico e sistematico. Con l art.8 bis, comma 3 del D.Lgs. 626/94, introdotto dall art. 2 del D.Lgs. 195/03, e con l Accordo sancito nella Conferenza Permanente tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, sono individuati tre blocchi di soggetti deputati alla realizzazione dei corsi per la formazione degli addetti e dei responsabili SPP D.Lgs. 195/03. Appartengono al primo blocco i soggetti, di seguito elencati, individuati dell art.8 bis comma 3 del D.Lgs. 626/94, che sono legittimati ope legis alla realizzazione dei corsi: Regioni e Province Autonome Università ISPESL INAIL Istituto italiano di medicina sociale Dipartimenti dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile Amministrazione della Difesa Scuola superiore della pubblica amministrazione Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori Organismi paritetici I predetti enti possono avvalersi di società private di formazione, accreditate ai sensi del D.A. n.1073 del 13 aprile 2006 dell Assessorato Regionale del Lavoro e successive modificazioni, alle quali possono demandare compiti organizzativi, amministrativi e di supporto alla didattica, restando fermo l obbligo in capo agli Enti di adempiere direttamente a tutte le funzioni relative alla scelta dei docenti, all approvazione dei programmi, alla valutazione dell apprendimento e al rilascio dei relativi certificati. Le Associazioni o gli Organismi di cui sopra possono realizzare i corsi utilizzando proprie strutture formative o Società di servizi prevalentemente o totalmente partecipate dalle medesime. Appartengono al secondo blocco i soggetti di seguito elencati, che possono ritenersi assimilati ai soggetti individuati dall art. 8 bis comma 3, ovvero le Amministrazioni statali e pubbliche che, in possesso dei requisiti e di competenze idonee per le attività di formazione, di valutazione e di certificazione siano in grado di erogarla al proprio personale, anche tramite le proprie strutture periferiche: Ministero del lavoro e della Previdenza Sociale Ministero della salute Ministero delle attività produttive Ministero dell interno - Dipartimento degli affari interni e territoriali, e Dipartimento di pubblica sicurezza Formez. 2/8

3 Possono, altresì, formare il proprio personale e quello delle Istituzioni scolastiche riconducibili alle seguenti tipologie: Istituti tecnici industriali Istituti tecnici aeronautici Istituti professionali per l industria e l artigianato Istituti tecnici agrari Istituti professionali per l agricoltura Istituti tecnici nautici Istituti professionali per attività marinare. Infine, sono assimilabili ai soggetti individuati dall art. 8 bis comma 3, limitatamente ai propri iscritti: Ordini e collegi professionali, così come individuati al punto 4, del succitato Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano. Gli enti appartenenti a questo secondo blocco che non abbiano specifiche competenze, possono avvalersi di soggetti formatori esterni, che devono possedere i medesimi requisiti previsti per i soggetti appartenenti al terzo blocco. Appartengono al terzo blocco i soggetti pubblici e privati operanti in ambito regionale in possesso dei seguenti requisiti: 1.Siano accreditati nella, in conformità ai criteri disposti dall Assessorato regionale del Lavoro con proprio Decreto n.1073 del 13 aprile 2006 e successive integrazioni e modificazioni; 2.Siano in grado di documentare un esperienza, almeno biennale, in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro; 3.Utilizzino esclusivamente docenti di comprovata esperienza, almeno biennale, in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. 3. Procedure I soggetti appartenenti al terzo blocco interessati allo svolgimento delle attività formative per gli addetti ed i responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03 devono presentare all Assessorato Regionale Sanità - Dipartimento Sanitario dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza degli ambiti di lavoro delle ASL (S.PR.S.A.L.), una istanza, secondo lo schema di cui all allegato 1, corredata di idonea documentazione, attestante il possesso dei requisiti di cui ai punti 1, 2 e 3, al fine di ottenere il parere favorevole alla presentazione all Assessorato Regionale del Lavoro della richiesta di autorizzazione all avvio dei corsi per gli addetti ed i responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03. Per il rilascio del suddetto parere i soggetti formatori devono inviare alle competenti ASL - U.O. formazione dei Servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro, una comunicazione, come da modello (all. 1), completa dei seguenti elementi: 3/8

4 1.Estremi dell'organismo, del legale rappresentante, della sede di svolgimento, prospetto dei corsi da realizzare distinto per tipologia di corso modulo A, B, C, 2.Estremi del decreto di accreditamento emesso dalla Assessorato Regionale del Lavoro; 3.Autocertificazione, a firma del rappresentante legale, che attesti il possesso di esperienza professionale, almeno biennale, maturata in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro e nella formazione alla prevenzione e sicurezza. Tale autocertificazione conterrà la dichiarazione che negli ultimi due anni l'organismo formatore abbia svolto almeno due corsi di almeno 60 ore complessive inerenti l'igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro; o, in alternativa, che l'organismo formatore abbia svolto almeno quattro moduli all'interno di corsi più ampi della durata complessiva non inferiore a 60 ore. Il possesso di tali requisiti dovrà essere comunque dimostrata allegando la specifica documentazione. 4.Autocertificazione che attesti l impegno a utilizzare, regolarmente contrattualizzati, i docenti indicati e con esperienza professionale almeno biennale in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro e/o maturata nella formazione alla prevenzione e sicurezza sul lavoro; tali docenti dimostreranno a loro volta tale esperienza attraverso il curriculum autocertificato dal quale si evinca la loro competenza specifica nel settore, almeno biennale, ovvero che abbiano effettuato docenza relativa alle materie di loro competenza per almeno 100 ore negli ultimi due anni. Il possesso di tali requisiti dovrà essere comunque dimostrata allegando la specifica documentazione. 5.Percorso didattico, conforme ai programmi stabiliti dalle norme in materia. 6.Elenco di ciascun corso e relativa sede corsuale; 7.Indicazione del Responsabile del corso formativo e suo curriculum vitae Le procedure per ottenere l autorizzazione all avvio dei corsi di formazione, tranne le procedure di verifica finale di cui al punto 4, sono quelle stabilite per i corsi autofinanziati di cui al DDG n.2180 del 23 luglio 2003 e successive modifiche e integrazione. L idoneità dei locali utilizzati allo svolgimento dei percorsi formativi sarà esclusivamente certificata dalla perizia giurata redatta secondo il modello fornito dall Amministrazione Regionale rispettando i parametri dimensionali di 1.30 mq/allievo per la teoria e 2.00 mq/allievo per le esercitazioni, con un massimo di n 30 allievi per ciascun corso. Alla richiesta deve allegarsi il preventivo parere rilasciato dalle ASL. Le visite didattiche e i controlli sull idoneità dei locali saranno svolti a campione, in misura non inferiore al 5% delle autorizzazioni rilasciate annualmente, dai rispettivi UPL e IPL competenti per territorio. 4.Certificazione finale L accertamento dell apprendimento conseguito è svolto da una Commissione di docenti interni al soggetto formatore, che formula il proprio giudizio in termini di valutazione globale e redige il relativo verbale, da trasmettere ai Servizi Uffici Provinciali del Lavoro e alle ASL - Servizi di prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro. Gli attestati di frequenza, con verifica degli apprendimenti, in analogia a quelli rilasciati dai soggetti individuati dall art. 8 bis del D.Lgs. 626 del 1994, come integrato dal D.Lgs. n. 195 del 4/8

5 2003, sono rilasciati dagli stessi Enti formatori sulla base di tali verbali, previa vidimazione a cura degli U.P.L. territorialmente competenti. Le verifiche devono essere eseguite come previsto dall Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano e segnatamente, i partecipanti sono sottoposti a procedure di valutazione: Per il Modulo A, mediante test di accertamento delle conoscenze acquisite; Per il Modulo B, con riferimento alla verifica intermedia, composta sia da test, che come soluzioni di casi; con riferimento alla verifica finale, attraverso simulazione obbligatoria, al fine di misurare le competenze tecnico-professionali acquisite in situazione lavorativa durante l esecuzione di compiti coerenti con l attività di RSPP e ASPP, e attraverso colloquio o test obbligatori, in alternativa tra loro, finalizzati all accertamento delle competenze cognitive relative alla normativa vigente; Per il Modulo C, con riferimento alla verifica intermedia, composta sia da test, che come simulazioni di riunioni di lavoro, discussione di casi; con riferimento alla verifica finale, attraverso colloquio obbligatorio e finalizzato all accertamento delle competenze organizzative, gestionali e relazionali. Per i corsi di aggiornamento, secondo quanto stabilito, di volta in volta, dalla Commissione dei docenti interni. E' ammessa, per i corsi in presenza, la verifica orale. L accertamento dell apprendimento è compiuto da una Commissione di docenti interni che cura la compilazione del calendario degli esami (all. 2). Per ogni modulo deve essere redatto un verbale delle prove di verifica che riporti, di ciascun partecipante, i dati anagrafici, la percentuale di ore di presenza, il giudizio finale espresso in termini di idoneo/non idoneo. Non possono essere ammessi a sostenere la valutazione finale quei candidati che abbiano compiuto un numero di assenze complessive superiore al 10%. Il verbale (all. 3) è sottoscritto da ciascun membro della commissione e dal responsabile del progetto formativo. Copia del verbale, come da modello (all.4), deve essere trasmessa, entro giorni 15, dalla conclusione delle verifiche di apprendimento: all Assessorato Regionale del Lavoro Dipartimento della Formazione Professionale - Servizio Gestione; al nucleo tecnico di sperimentazione, di cui al successivo punto 7, costituito presso all Dipartimento Formazione Professionale, ed ai competenti servizi UPL, corredati: da una relazione sui criteri di valutazione utilizzati, scelti tra quelli previsti dall Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano; dall esito delle valutazioni di gradimento redatto dai partecipanti; dall elenco dei dati identificativi completi degli idonei (all. 5). L invio dei verbali da parte dei soggetti formatori elencati al comma 3 dell art. 2 D.Lgs. 195/03 e al punto 4.1.1, appartenenti ai c.d. primo e secondo blocco, resta limitata al nucleo tecnico identificato, ed ha il solo scopo di garantire la tracciabilità dei percorsi formativi realizzati. 5. Attestati di frequenza e profitto In generale, i modelli di certificazione devono contenere i seguenti elementi minimi: 5/8

6 Normativa di riferimento; Estremi dell autorizzazione Assessoriale, ; Specifica del Modulo con indicato il monte ore (per il Modulo B) e il Macrosettore (ATECO); Periodo di svolgimento del corso; Soggetto formatore; Dati anagrafici del corsista; Firma del soggetto abilitato al rilascio dell attestato. Per facilitare il riconoscimento degli attestati e la loro circolazione sul territorio, è definito il modello riportato in allegato Corsi di aggiornamento La decorrenza del quinquennio di aggiornamento parte dalla data del conseguimento della laurea triennale e/o dalla data di conclusione del modulo B e/o dalla data di conclusione dell aggiornamento per chi può fruire dell esonero (tabelle A4 e A5, prima riga dell accordo; punto 2 della presente circolare). Tale data costituisce riferimento per tutti gli aggiornamenti quinquennali successivi. In coerenza con quanto esplicitato al punto 1.1 del documento adottato nell accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del 5 ottobre 2006, per chi può usufruire dell esonero dalla frequenza dei Moduli A e B sulla base dei crediti professionali e formativi precedenti, il termine per l attivazione dei corsi è il Il Modulo di aggiornamento può essere erogato in un unica tranche o in tranche annuali; nel qual caso, entro il 14 febbraio 2008, deve essere svolto per almeno il 20% del monte ore complessivo previsto per lo specifico settore e l intero percorso deve concludersi entro il 14 febbraio I soggetti formatori autorizzati a erogare i corsi di aggiornamento sono i medesimi autorizzati a realizzare i corsi per i moduli A, B e C. In analogia con quanto stabilito per detti moduli, sono requisiti di organizzazione: L individuazione di un responsabile del progetto formativo; Il numero massimo di partecipanti per ogni corso pari a 30 unità, mantenendo il rispetto del parametro di 1.3 mq /allievo; L utilizzo della sede formativa conforme alle norme di igiene e sicurezza previste ai fini del rilascio delle idoneità dei locali. L impiego di docenti con esperienza formativa biennale; Il 10% quale massimo di assenze consentite sul monte orario complessivo; La tenuta del registro di presenza. I corsi di aggiornamento, che potranno essere realizzati anche con metodologia di formazione a distanza, dovranno far riferimento: Al settore produttivo di riferimento; Alle novità normative eventualmente intervenute in materia; Alle innovazioni nel campo della prevenzione. 6/8

7 In linea con il documento adottato nell accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del 5 ottobre 2006, punto 3, terzo capoverso, sono stabilite le modalità di documentazione dell avvenuto aggiornamento. All erogazione dei Moduli di aggiornamento da parte dei soggetti formatori indicati al punto 4.2 dell accordo, c.d. appartenenti al terzo blocco, si applicano i criteri e le disposizioni previste al punto 2 della circ. r. 27 luglio 2006, n. 21; in particolare il modello di comunicazione è adattato con la specifica Modulo di aggiornamento. Al termine di ogni tranche, sia essa annuale o unica, è rilasciato il relativo attestato di frequenza a fronte del 90% di frequenza e del superamento di una verifica finale la cui tipologia è nella discrezionalità del soggetto formatore. L attestato di frequenza deve contenere gli stessi elementi minimi già previsti per gli attestati di frequenza e profitto di cui al punto 4 della circ. r. 27 luglio 2006, n. 21, con la specifica del/dei gruppo/i ATECO a cui l aggiornamento è riferito e del relativo monte ore. Gli attestati di frequenza sono rilasciati dai soggetti formatori. I criteri adottati per l'esecuzione dei corsi di aggiornamento sono validi per tutti gli enti abilitati siano essi appartenenti al primo, secondo o terzo blocco. 7. Fase di sperimentazione Dalla pubblicazione della presente circolare in attuazione di quanto riportato al punto 2.7 nel documento adottato nell accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del , e con quanto esplicitato al punto del documento adottato nell accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del 5 ottobre 2006, presso gli uffici dell'assessorato Regionale Lavoro, è istituito in via sperimentale un nucleo tecnico composto da due funzionari dell'assessorato Regionale alla Sanità - ASL e due funzionari dell'assessorato Regionale del Lavoro, esperti nella formazione, in materia di sicurezza e igiene del lavoro, con il compito di avviare e monitorare le procedure adottate ed elaborare proposte: Su una revisione dell impianto formativo da sottoporre per gli eventuali adeguamenti alla Conferenza Stato-Regioni. Di modelli di formazione integrata per macrosettori ATECO diversi. È ammessa la sperimentazione di raggruppamenti settoriali fra diversi macrosettori con rischi assimilabili tra loro, anche con moduli formativi comuni, nel rispetto della durata, dei contenuti e della specificità dei singoli macrosettori; ovvero, è ammessa la ricerca di un percorso di erogazione di materie propedeutiche comuni a più macrosettori sul quale innestare i percorsi specialistici: La Regione Sicilia, tramite il nucleo di sperimentazione ed attraverso l eventuale istituzione di un tavolo con le parti sociali, valuta i risultati della sperimentazione delle iniziative che saranno realizzate sul proprio territorio. A tale scopo tutti i soggetti formatori che intendano compiere sperimentazione sottopongono preliminarmente il progetto di formazione integrata al nucleo medesimo, che potrà raccogliere l eventuale parere espresso dalle ASL e/o dagli Ispettorati del Lavoro. 7/8

8 I soggetti formatori devono permettere la verifica dell intero percorso formativo al fine di poterne valutare l adeguatezza e la congruità, secondo le regole che saranno fornite con successive comunicazioni. Ricezione, organizzazione e archiviazione dei verbali delle prove di accertamento, spediti dai soggetti formatori ai sensi del par.5 della presente circolare Instaurare e mantenere l'archivio delle persone formate ed eventualmente renderne pubblico l'elenco Instaurare e mantenere l'archivio degli organismi che svolgono corsi ed eventualmente renderne pubblico l'elenco. Monitorare le attività di controllo Dettare i criteri per il riconoscimento dei crediti formativi precedenti. Definire linee guida sulla validità dei corsi di aggiornamento. Individuare particolari esigenze e/o segnalare criticità di sistema. Il Dirigente Generale del Dipartimento Regionale Formazione Professionale ( Alessandra Russo ) Il Dirigente Generale dell Ispettorato Regionale Sanitario ( Saverio Ciriminna ) 8/8

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa Ai Direttori Generali Ai Direttori Sanitari Ai Direttori del Dipartimento Prevenzione Medico Ai Responsabili Servizi PSAL delle ASL della Regione Lombardia Circolare n. 32/SAN OGGETTO: attuazione dell

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del 2.8.2007 Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs.

Dettagli

Premesso. convengono quanto segue

Premesso. convengono quanto segue Le Regioni e Province Autonome Premesso a) che in data 14 febbraio 2006 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 l Accordo, siglato in Conferenza Stato-Regioni, attuativo dell art.2, commi 2 e

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 maggio 2007 - Deliberazione N. 853 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006)

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006) Corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell art. 34, commi 2 e 3 del d.lgs. 81/08 e per la formazione dei

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi LA FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO ACCORDO CONFERENZA STATO - REGIONI D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, concernente le linee guida interpretative dell'accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni il 26 gennaio 2006, in attuazione

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 5 ottobre 2006 Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53

98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53 98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53 Allegato 1 CORSO DI FORMAZIONE PER RSPP E ASPP Modello di comunicazione avvio corso ad uso dei soggetti del III blocco (ai sensi

Dettagli

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2011 Bologna, 3/5/2012 Dr. Paolo

Dettagli

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento Allegato II Schema di corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si

Dettagli

Decreto RSPP : le principali Regole

Decreto RSPP : le principali Regole Decreto RSPP : le principali Regole di Rino Pavanello segretario naz. Associazione Ambiente e Lavoro Le nuove regole hanno luci e ombre ma costituiscono, comunque una innovazione straordinaria ed una opportunità

Dettagli

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione

Dettagli

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza La normativa italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro è il risultato di una serie di interventi, succedutisi in

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007 Circolare reg. n 24 del 11/07/2007 Attuazione dell'accordo per la formazione degli addetti al montaggio, allo smontaggio e alla trasformazione dei ponteggi e degli addetti e preposti all'impiego di sistemi

Dettagli

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Pubblichiamo in anteprima le Linee interpretative del cosiddetto

Dettagli

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO REGIONI PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1902 Prot. n. 13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Sicurezza e salute dei lavoratori. Approvazione del documento recante le "Linee

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 Modifica della deliberazione 18 luglio 2008, n. 1820 (Sistema di accreditamento per l'affidamento in gestione degli interventi formativi cofinanziati

Dettagli

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008 ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Soggetto accreditato per la Formazione dalla Regione Lombardia Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Nomina a RSPP e ASPP

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 5 Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi Accordi Stato

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 Consulenza organizzativa e formazione 1 Sommario Sintesi dei requisiti per

Dettagli

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG)

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La formazione per il Datore di Lavoro Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione Sintesi : Adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni e integrazioni Articolo 34 Svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA

REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA 1 Premessa. L Ente Formazione Sicurezza E.F.S. Cantiere Scuola Nazionale in riferimento alle progettazioni

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SCUOLA SUPERIORE AIFOS DI FORMAZIONE DEI FORMATORI CON METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e

Dettagli

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi Standard formativo relativo alla formazione dei Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e dei Responsabili tecnici

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ANNO 2010-2011 Sommario CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI

Dettagli

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni SEMINARIO Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni La formazione in materia di sicurezza obbligatoria e normata, i requisiti dei documenti e degli

Dettagli

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI 1 La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI La bozza di Accordo Stato-Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP ALLEGATO 1 COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP Premessa. I corsi hanno una durata minima di 16 ore e a determinate condizioni e entro certi limiti (v. punto 4), è consentito

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA (Accordi Stato-Regioni del 21 Dicembre 2011 pubblicati sulla G.U.

Dettagli

21.11.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 12 novembre 2012, n. 984

21.11.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 12 novembre 2012, n. 984 DELIBERAZIONE 12 novembre 2012, n. 984 Indirizzi per la realizzazione del corso di formazione obbligatoria per il commercio al dettaglio alimentare e la somministrazione di alimenti e bevande, ai sensi

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Corso di Formazione Regolato da Provvedimento del 26 Gennaio 2006 (G. U. del 14/2/2006 n. 37) Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell articolo

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning SCUOLA SUPERIORE AIFOS DI FORMAZIONE DEI FORMATORI CON METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE corsi per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Aula, Training on the job, e-learning

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI

Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Potenza 18.04.2013 Prot. 2206 AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI OGGETTO: CORSI DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA PER LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI - ART. 37 D. LGS. 81/08 Accordi Stato Regioni del 21 dicembre

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE FORMAZIONE TECNICHE DI personale scolastico (RISCHIO MEDIO) COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE Ex Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL CORSO DI FORMAZIONE DIRIGENTI/PREPOSTI (Art. 37 D.Lgs. 81/2008 smi ed Accordo Conferenza Stato Regioni 21/12/2011)

MODULO DI ADESIONE AL CORSO DI FORMAZIONE DIRIGENTI/PREPOSTI (Art. 37 D.Lgs. 81/2008 smi ed Accordo Conferenza Stato Regioni 21/12/2011) (l iscrizione e gli allegati vanno inviati all indirizzo: formazione@studioconsicur.it, oppure al fax. 0171/687588) COMPILARE UN MODULO PER OGNI TIPOLOGIA DI CORSO MODULO DI ADESIONE AL CORSO DI FORMAZIONE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP

CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP T E C N O S F E R A sas Management Innovation & Business solutions ConsorzioInteruniversitarioRegionalePugliese CENTRO DI ATENEO DI SERVIZI PER LA QUALITÀ CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP Premessa Il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE A) Soggetti interessati Gli Educatori Cinofili iscritti all A.P.N.E.C. hanno il dovere

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 Codice A15030 D.D. 24 aprile 2015, n. 276 D.g.r. n. 1-157 del 14/06/2010. Aggiornamento dello standard formativo e della relativa disciplina dei corsi per "Conduttore impianti

Dettagli

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE 2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE - Caratteristiche dell Agenzia Formativa - L inserimento nell elenco regionale dei soggetti abilitati a proporre e realizzare attività di formazione è riconosciuto alle

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE

PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE Allegato B) PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE 1. SOGGETTI ATTUATORI DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE Sono soggetti attuatori delle iniziative di formazione di cui al presente decreto i

Dettagli

Collabora alla formazione dei Lavoratori e dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi dell art.37 c.12 del D.Lgs 81/08 e ss.mm.

Collabora alla formazione dei Lavoratori e dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ai sensi dell art.37 c.12 del D.Lgs 81/08 e ss.mm. RUOLO DEGLI ORGANISMI PARITETICI L O.P.P. ha come finalità nel proprio ambito territoriale: Svolgere, anche mediante convenzioni, attività di informazione, assistenza, consulenza, formazione, promozione

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche Linee guida per l attuazione dei corsi per ASPP e RSPP di cui all accordo tra Governo e le Regioni e Province autonome dd. 26 gennaio 2006, art. 2 commi 2,3,4,5 del D.Lgs 195/03. Soggetti attuatori : Regioni

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 Conforme al D. Lgs. 195/2003 Richiesta approvazione Provincia di Ferrara N. rif. P.A. 2008/171/FE Supporto Scientifico: Servizio

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 1861 07/03/2012 Identificativo Atto n. 137 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONDUTTORE IMPIANTI TERMICI AI SENSI

Dettagli

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA Dipartimento Prevenzione Medica di Como 22100 Como via Castelnuovo, 1 Tel. 031/370.863 Fax 031/370.425 E-mail progetti.spsal@asl.como.it Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro RUOLI

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 5 CORSI TECNICO SPECIFICI 6 FORMAZIONE FORMATORI 7 RSPP 8 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONI

Dettagli

Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP

Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP valido anche per l agg.to di Coordinatori per la Sicurezza, Datori di lavoro con funzione di RSPP aziendale, RLS, Dirigenti e Preposti 1.

Dettagli

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA)

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA) PROCEDURA PER LA COLLABORAZIONE CON L'ORGANISMO PARITETICO LINEE DI INDIRIZZO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI AZIENDALI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. L'Organismo Paritetico dell'artigianato

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP CSE)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP CSE) Pag. 1 di 5 PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE (CSP 0 04/10/2011 Rev. Data Motivazioni Convalida Approvazione Pag. 2 di 5 PROFILI COMPETENZE (dimostrata capacità di saper utilizzare conoscenze e abilità

Dettagli

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso FORMAZIONE FORMATORI Elementi di didattica per la qualificazione Art. 6, comma 8, lettera m-bis, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i Decreto interministeriale 6 marzo 2013 Corso di specializzazione con ESAME FINALE

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice Allegato a) CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 6 MARZO 2013 LINEE GUIDA INTERPRETATIVE LINEE GUIDA CTS07/0-2013

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti Delibera 25 novembre 2014, n. 1410 Disposizioni concernenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonchè per consulenti Allegato Disposizioni

Dettagli

Laboratorio TekneHub Tecnopolo dell Università di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna via Saragat 13 44122 Ferrara

Laboratorio TekneHub Tecnopolo dell Università di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna via Saragat 13 44122 Ferrara NOD Centro-Nord UO SPSAL di Ferrara CORSO DI SPECIALIZZAZIONE INTEGRATO Qualificazione della figura di Formatore per la Sicurezza (DIM 06.03.2013) Corso di specializzazione Modulo C per RSPP (ASR 14.02.2006,

Dettagli

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI

FAQ AVVISO DUALE. Art. 3 BENEFICIARI FAQ AVVISO DUALE Art. 3 BENEFICIARI 1. Un istituto di istruzione secondaria superiore che eroga percorsi di IeFP in sussidiarietà può candidarsi all avviso? No, ai sensi di quanto disposto dall art. 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER I C.F.E. Centri di Formazione Ebiten. Regolamento per il convenzionamento di aziende. che intendono svolgere l attività di C.F.E.

REGOLAMENTO PER I C.F.E. Centri di Formazione Ebiten. Regolamento per il convenzionamento di aziende. che intendono svolgere l attività di C.F.E. REGOLAMENTO PER I C.F.E. Centri di Formazione Ebiten Regolamento per il convenzionamento di aziende che intendono svolgere l attività di C.F.E. Centro di Formazione Ebiten Il presente Regolamento regola

Dettagli

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 per lo svolgimento diretto dei compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione dei rischi (Art. 34 1 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO In esecuzione della determinazione dirigenziale n. del emana il seguente AVVISO PUBBLICO PER RICONOSCIMENTO Procedura semplificata di prototipi

Dettagli

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio SEZIONE I 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1 Competenze COMPETENZE REGIONALI (art.5 L.R. 38/2006 e s.m.i. art. 17 L.R. 28/1999 e s.m.i. - art. 8 L.R. 63/1995 e s.m.i). La Regione Piemonte stabilisce i requisiti

Dettagli

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede?

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? Certezze e dubbi su obblighi, tempi

Dettagli

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Ing. Marcello Rotundo Coordinatore sede provinciale di Cosenza dell AIAS Associazione professionale Italiana Ambiente

Dettagli

Avviso di procedura comparativa

Avviso di procedura comparativa Avviso di procedura comparativa AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA CON VALUTAZIONE DI CURRICULA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE POLIENNALE PER L AFFIDAMENTO DEL RUOLO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO "RAFFAELLO" Via Giuseppe Capograssi, 23 00173 ROMA - Tel. 0672633026 Fax 0672633380

Dettagli

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina;

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina; REGIONE PIEMONTE BU34 25/08/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2011, n. 31-2441 L. r. 22/2009, art. 59. Nuova disciplina sulle commissioni esaminatrici. A relazione dell'assessore Porchietto:

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine VADEMECUM per la Formazione Continua Obbligatoria degli iscritti all Albo dei Consulenti del Lavoro dei Consulenti del Lavoro Premessa La formazione professionale continua è obbligo giuridico posto a carico

Dettagli

La Formazione del Progettista, del Direttore dei Lavori e del Coordinatore

La Formazione del Progettista, del Direttore dei Lavori e del Coordinatore Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La Formazione del Progettista, del Direttore dei Lavori e del Coordinatore

Dettagli

Bozza: Accordo Stato Regioni

Bozza: Accordo Stato Regioni PROPOSTA D ACCORDO DATORI DI LAVORO Bozza: Accordo Stato Regioni Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

L Accordo entra in vigore dopo 12 mesi dalla pubblicazione e quindi a partire dal 12/03/2013.

L Accordo entra in vigore dopo 12 mesi dalla pubblicazione e quindi a partire dal 12/03/2013. Conferenza Stato Regioni Province autonome: atto n. 53 del 22 febbraio 202, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 47 alla Gazzetta Ufficiale n. 60 del 2/03/202. L Accordo entra in vigore dopo 2 mesi

Dettagli

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione.

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione. Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 44/34 del 23.10.2013 Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni INDICE 1. Finalità...2 2. Requisiti soggettivi...2 2.1 Requisiti di

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

CIRCOLARE n 21/SAN 2006

CIRCOLARE n 21/SAN 2006 CIRCOLARE n 21/SAN 2006 Oggetto: attuazione dell accordo per la formazione degli addetti e dei responsabili SPP DLgs 195/03 (Gazzetta Ufficiale Serie Generale numero 37 del 14 febbraio 2006) Indice 1.

Dettagli

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS Unione Italiana Tiro a Segno Ottobre 2010 ART. 1 ORDINAMENTO Gli Istruttori dell attività Istituzionale vengono distinti secondo le seguenti

Dettagli

Formazione dei dirigenti 16 ore

Formazione dei dirigenti 16 ore Formazione dei dirigenti 16 ore SINTESI Nuovo Accordo Stato Regioni sulla formazione per la sicurezza Si è concluso il 21/12/2011 l iter che ha portato alla pubblicazione l accordo Stato Regioni per la

Dettagli

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione Responsabile e Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione Definizione (art. 2, comma f, l D.Lgs 81/08): Il Datore di Lavoro designa il responsabile (e l addetto) del servizio di prevenzione e protezione

Dettagli