VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE"

Transcript

1 PROGETTO VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE MONITORAGGIO DELLE FUSARIUM-TOSSINE ANNO 2007 Risultati presentati nel Convegno tenutosi presso la Camera di Commercio di Udine il 4 luglio

2 L Azienda Speciale Ambiente della Camera di Commercio di Udine ha condotto un progetto finalizzato alla valorizzazione delle colture cerealicole, con l obiettivo di valutare la presenza di Fusarium tossine nella granella di mais e frumento prodotti in provincia. Proseguendo lo studio avviato negli anni scorsi in collaborazione con Coldiretti ed ERSA, nel 2007 è stato condotto un monitoraggio su larga scala, con prelievi ed analisi su 350 campioni provenienti da diverse zone della provincia, al fine di ottenere dati significativi e rappresentativi per valutare la presenza odierna di tali contaminanti nelle nostre campagne. Incrementando le informazioni disponibili, è possibile avviare efficaci progetti di miglioramento qualitativo delle produzioni, nell ottica della loro valorizzazione e per fornire un aiuto concreto allo sviluppo competitivo delle imprese agricole della provincia di Udine. Il progetto ha prodotto dati utili all individuazione di percorsi di ottimizzazione produttiva nelle imprese agricole, per rendere economicamente vantaggiose e con nuove prospettive di mercato le produzioni cerealicole delle nostre zone. Ecco una sintesi che affronta gli aspetti generali della problematica delle principali micotossine, l inquadramento normativo dettato dalla Comunità Europea e I risultati del monitoraggio rielaborati dall ERSA. Micotossine nei cereali Le micotossine sono metaboliti secondari, tossici per gli animali superiori, prodotti da muffe che colonizzano le derrate alimentari. La biosintesi delle micotossine è strettamente connessa alla crescita fungina che a sua volta dipende da umidità, temperatura, natura del substrato, attacchi di insetti, stress della pianta in campo, danni meccanici alle granaglie. Una volta prodotte le micotossine possono persistere per lungo tempo dopo la crescita vegetativa e la morte del fungo. Le micotossine sono in grado di produrre effetti tossici acuti, mutageni, teratogeni, estrogeni, immunodepressori. Le principali micotossine sono: aflatossine, ocratossina A, fumonisine, tricoteceni (in particolare il deossinivalenolo) e zearalenone. L Unione Europea ha fino ad oggi fissato limiti massimi per le aflatossine negli alimenti ad uso umano e zootecnico (tabella 1). Per ocratossina A, deossinivalenolo, zearalenone e fumonisine, ha fissato limiti massimi negli alimenti per l uomo (tabelle 2, 3, 4 e 5) Aflatossine Le aflatossine sono un gruppo di micotossine prodotte da ceppi di Aspergillus flavus e A. parasiticus. Quelle che vengono riscontrate negli alimenti di origine vegetale sono quattro: B 1, B 2, G 1, G 2. Le B sono prodotte sia da A. flavus che da A. parasiticus, mentre le G sono prodotte solo dal secondo. La temperatura minima e massima per la produzione di tossine è di 8 e di 42 C, mentre quella ottimale è sui 28 C; questo spiega perché le aflatossine vengano più frequentemente rilevate in derrate provenienti da zone a clima caldo 2

3 (arachidi, cotone, pistacchi, noci brasiliane, fichi secchi) o su colture estive, come il mais. Aflatossina M 1 Tutti i mammiferi che ingeriscono AFB 1, ne eliminano una quota come aflatossina M 1 (AFM 1, milk toxin, metabolita idrossilato dell AFB 1 ) nel latte; nel caso della vacca da latte, la quota eliminata è circa il 3% dell AFB 1 ingerita, mentre non vi sono tracce della molecola originaria; la presenza di AFB 1 è invece stata segnalata nel latte di bufala e in quello di altri mammiferi non ruminanti. Ocratossina A L'ocratossina è un composto tossico comunemente prodotto da diverse specie di funghi del genere Penicillium e Aspergillus, ma principalmente da P. verrucosum e A. ochraceus. L'intervallo di temperatura in cui si verifica la produzione di ocratossina è tra 12 e 37 C per A. alutaceus e tra 4 e 31 C per P. verrucosum. Quest'ultimo è pertanto il maggior produttore di ocratossina sui cereali coltivati nelle zone più fredde, come Scandinavia e Canada, mentre il primo è responsabile della produzione della tossina nelle zone con clima più caldo, come i paesi balcanici o l'australia. Tricoteceni Dei tricoteceni, che comprendono un gruppo di almeno 70 metaboliti prodotti da diversi generi di funghi, i più diffusi sono quelli prodotti dal genere Fusarium; il più noto dei tricoteceni è il deossinivalenolo (DON, detto anche vomitossina). Possono essere presenti anche alcuni derivati del DON oltre a nivalenolo e fusarenone. Queste tossine sono prodotte essenzialmente da ceppi di F. graminearum e F. culmorum (agenti del marciume rosso della spiga dei cereali). Altri tricoteceni, come la tossina T-2 e i suoi derivati sono prodotti soprattutto da F. sporotrichioides e F. poae: sono però molto rari sui cereali prodotti in climi come quello italiano, in quanto i funghi produttori sono favoriti da temperature piuttosto basse. Zearalenone Lo zearalenone è prodotto da diverse specie di Fusarium, in particolare F. graminearum e F. culmorum: esplica un azione estrogeno-simile (ha proprietà anaboliche e uterotrofiche) e la specie suina è quella più sensibile (la manifestazione più evidente è l iperestrismo). La tossina è spesso presente assieme al DON, in particolare nel mais, dato che è prodotta dalle stesse specie fungine. Fumonisine Le fumonisine sono un gruppo di metaboliti tossici, prodotti soprattutto da Fusarium verticillioides e F. proliferatum (comunissimi agenti del "marciume rosa del culmo e della spiga" del mais). La fumonisina B 1 causa leucoencefalomalacia nel cavallo (caratterizzata da necrosi liquefattiva della materia bianca del cervello) e edema polmonare nel suino. Studi di correlazione effettuati in Sudafrica (Transkei) suggeriscono un legame tra esposizione alla fumonisina nella dieta e cancro esofageo. Elevate incidenze di questo tumore sono state osservate in popolazioni (in regioni della Cina, dell Iran) per le quali il mais è l alimento base della dieta e alta è l esposizione alla fumonisina, in quanto le condizioni ambientali ne favoriscono l accumulo sul mais. La temperatura ottimale per la crescita delle specie di Fusarium tossigene e per la sintesi delle principali fusarium-tossine (fumonisine, tricoteceni, zearalenone) è diversa tra le diverse specie: i Fusarium produttori di fumonisine richiedono in genere temperature più elevate rispetto a quelli produttori di zearalenone e tricoteceni. I valori di umidità più favorevoli sono quelli maggiori del 20-22%. 3

4 Tabella 1 - Aflatossine - Contenuti massimi ammissibili (µg/kg) previsti dal regolamento UE n.1881/06. Prodotti B 1 B 1 +B 2 +G 1 +G 2 M 1 Arachidi, frutta a guscio, frutta secca e prodotti 2,0 4,0 _ derivati, destinati al consumo umano Cereali (compreso il grano saraceno, Fagopyrum 2,0 4,0 _ spp.) e prodotti derivati, destinati al consumo umano Alimenti per l infanzia e alimenti dietetici speciali 0,10 0,025 Latte (latte crudo, latte destinato alla fabbricazione di 0,050 prodotti a base di latte) Formulati per l infanzia compreso il latte 0,025 Tabella 2 - Ocratossina A - Contenuti massimi ammissibili dal regolamento UE n.1881/06 Prodotti (µg/kg) Prodotti derivati da cereali 3,0 Uve secche (uva di Corinto, uva passa, uva 10,0 sultanina) Caffè torrefatto 5,0 Caffè solubile (istantaneo) 10,0 Vini e succhi d uva 2,0 Alimenti a base di cereali per lattanti e bambini 0,50 Tabella 3 Deossinivalenolo (DON). Contenuti massimi ammissibili dal regolamento UE n.1126/07 Prodotti (µg/kg) Cereali diversi da frumento duro, avena e mais 1250 Frumento duro, avena e mais 1750 Farine di cereali (compreso mais), crusche, 750 germe, destinati al consumo umano Pane, pasticcini, biscotti, snaks e cereali da 500 colazione Pasta (secca) 750 Prodotti a base di cereali per lattanti e bambini 200 Tabella 4 Zearalenone. Contenuti massimi ammissibili dal regolamento UE n. 1126/07 Prodotti (µg/kg) Cereali diversi dal mais 100 Mais 350 Farine di cereali (compreso mais), crusche, germe, 75 destinati al consumo umano Olio di mais raffinato 400 Pane, pasticcini, biscotti, snaks e cereali da 50 colazione Prodotti a base di cereali per lattanti e bambini 20 4

5 Tabella 5 - Fumonisine B 1 + B 2.- Contenuti massimi ammissibili dal regolamento UE n. 1126/07 Prodotti (µg/kg) Mais 4000 Prodotti a base di mais per il consumo diretto 1000 Cereali da colazione e snacks a base di mais 800 Prodotti a base di mais per lattanti e bambini 200 5

6 Le micotossine in Friuli Venezia Giulia A partire dal 1996, per oltre un decennio, l ERSA ha condotto indagini sulla presenza di micotossine nella granella di mais stoccato in dieci centri di raccolta cooperativi della regione Friuli Venezia Giulia. I risultati del monitoraggio hanno evidenziato che il 95% dei campioni era contaminato da Fumonisine con valori compresi tra 3700 e ppb. L Ocratossina è stata rilevata solo nel 2001 su mais raccolto tardi. L aflatossina è stata rilevata soprattutto sui mais che avevano subito un forte stress da siccità nel Zearalenone e Vomitossina sono stati rilevati soprattutto in annate umide e nelle raccolte tardive con valori tra 4 e 185 ppb per lo Zearalenone e tra 1 e 1700 per la Vomitossina. Dai dati raccolti emerge che la fumonisina è di gran lunga la micotossina più frequente e abbondante nel mais prodotto in Friuli. Negli stessi anni è stata portata avanti anche una sperimentazione tendente all individuazione della migliore agrotecnica per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais in Friuli. Da queste sperimentazioni è stato possibile evidenziare che il contenimento della piralide e la raccolta anticipata della granella risultano essere di fondamentale importanza nella riduzione della presenza soprattutto di fumonisine. Gli insetti giocano un ruolo importante nella diffusione dell infezione fungina sulle piante di mais in campo: in particolare ciò è vero per la piralide (Ostrinia nubilalis). Le larve di questo insetto scavano gallerie nello stocco e nella spiga, causando perdite in termini di produttività e di qualità della granella. Le ferite causate dalle larve favoriscono l infezione, anche perché le larve possono trasportare le spore fungine dalla superficie fogliare alle gallerie scavate nella spiga. Negli anni 2006 e 2007 gli accordi tra CCIAA di Udine, ERSA e Coldiretti di Udine hanno consentito di portare avanti un monitoraggio sulla qualità delle produzioni di mais in collaborazione con quattro essiccatoi della provincia di Udine (tabella 6). Tabella 6. Essiccatoi che hanno aderito al monitoraggio micotossine mais. essiccatoio sede riferimento Cooperativa cerealicola Torre Remanzacco Mansutti Luciano Natisone Cooperativa Morenica cereali Fagagna Rosso Roberto Centro cooperativo cerealicolo Rivolto Grosso Fabio Cooperativa cerealicola Vieris Castions di Strada Castagnaviz Daniele A conferma di quanto rilevato dall ERSA negli anni dal 1996 al 2005 anche nel biennio è stata rilevata la presenza della fumonisina su tutti i campioni analizzati mentre l Ocratossina A non è stata rilevata. Modesta la percentuale dei campioni contaminati da Aflatossina (2-3%). Lo Zearalenone e il DON hanno contaminato una percentuale di campioni inferiore al 20% e con valori al di sotto dei limiti fissati dalla comunità europea, tabella 7. 6

7 Tabella 7. Micotossine presenti in 150 campioni di mais per anno raccolti nel 2006 e 2007 presso 4 essiccatoi della provincia di Udine. Percentuale di campioni contaminati Aflatossine 3 2 Deossinivalenolo Fumonisine Ocratossina A 0 0 Zearalenone Nei successivi grafici si evidenzia l andamento dei valori solamente della fumonisine perché è la micotossina presente in tutti i campioni analizzati con valori quasi sempre al di sopra dei limiti fissati dalla comunità europea per l uso umano. I grafici offrono una informazione sul contenuto medio in fumonisine dei vari silos presenti in essiccatoio al variare dell epoca di raccolta. In generale i valori tendono ad aumentare a mano a mano che la raccolta passa dal mese di agosto a quello di ottobre. 30 Fumonisine ppm - Remanzacco ago ago sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett ott ott ott ott ott ott ott 7

8 25 Fumonisine ppm - Fagagna ago ago sett sett sett sett sett sett sett ott ott ott ott ott ott 25 Fumonisine ppm - Vastions di Strada ago ago set set set set set set set set ott ott ott ott ott ott ott nov nov nov 8

9 25 Fumonisine ppm - Rivolto di Codroipo ago ago sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett sett ott ott ott Negli oltre 10 anni di sperimentazione in campo e monitoraggi sulle partite di mais prodotto in Regione Friuli Venezia Giulia è emerso che l agrotecnica può avere un ruolo fondamentale nel contenere la contaminazione da micotossine e che l agricoltore può ridurre i rischi adottando degli specifici accorgimenti come riportato in tabella 8. Tabella 8. DIECI REGOLE PER UN MAIS DI QUALITA 1. Evitare la monocoltura: programmare una rotazione badando a non far seguire il mais a se stesso per limitare lo sviluppo dei funghi parassiti e le micotossine. 2. Sfibrare le stoppie: per ridurre la presenza di piralide. 3. Anticipare le semine: le semine in epoche anticipate danno buoni risultati in particolare perché consentono di anticipare le raccolte e ottenere granella più sana. Seminare al più presto e in ogni caso entro aprile. 4. Preferire ibridi precoci o medio-precoci: l impiego di ibridi medio-precoci consente di raggiungere livelli produttivi simili ai materiali più tardivi, e permette di accorciare il ciclo e di raccogliere la granella prima del periodo di piogge autunnali. 5. Evitare gli investimenti fitti: essi favoriscono condizioni idonee allo sviluppo di funghi parassiti e agli stress in genere. Si consiglia quindi di ridurre gli investimenti e di non superare le 6,0 piante/m 2 per i mais medio-tardivi e le 6,5 piante/m 2 per i mais medioprecoci. 6. Apportare dosi moderate di azoto: un eccesso della concimazione azotata rende la pianta più sensibile agli attacchi parassitari. Si dovranno quindi ridurre gli apporti azotati in relazione alla fertilità del terreno. 9

10 7. Ridurre gli stress idrici con adeguate irrigazioni: evitare gli stress, in particolare durante la fase di fioritura. Attenzione anche a non eccedere con troppe adacquature. 8. Controllare la piralide: i maggiori danni sono provocati dalla 2 generazione che si sviluppa dopo la fioritura del mais. Le rosure della piralide sono una facile via di accesso per i funghi che danneggiano la qualità della granella e favoriscono lo sviluppo delle micotossine. Quasi sempre risulta molto utile un trattamento insetticida soprachioma da effettuare a fine fioritura femminile, dopo l emissione delle spighe e delle barbe. 9. Effettuare raccolte tempestive e nel corso delle stesse adottare adeguati accorgimenti per evitare al massimo le lesioni al chicco. La permanenza del mais in campo, soprattutto in presenza di cattive condizioni climatiche, causa un rapido deterioramento della qualità. Si dovranno preferire quindi raccolte anticipate, possibilmente entro settembre o appena si raggiunge un umidità della granella intorno al 27 %. Evitare di raccogliere il mais al di sotto del 24% di umidità. 10. Consegne programmate negli essiccatoi per evitare il cumulo. Mariolino Snidaro ERSA - Pozzuolo del Friuli Si ringrazia il prof. Amedeo Pietri dell Università di Piacenza per aver fornito informazioni riguardo alle micotossine ed i contenuti massimi ammissibili fissati dalla comunità europea per la commercializzazione delle derrate alimentari. 10

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte Mais, funghi e micotossine: stato dell arte UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante dott.ssa Emanuela Torelli Mondo microrganismi MACROMOLECOLE CELLULARI SOSTANZE

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti FRUMENTO tenero (Triticum aestivum) duro (Triticum durum) ISIDE DEMETRA CERERE

Dettagli

Micotossine del mais

Micotossine del mais REGIONE PIEMONTE Micotossine del mais Prevenzione e controllo Micotossine del mais Prevenzione e controllo Spiga ammuffita Nell ambito delle sostanze tossiche di origine microbica che possono pervenire

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Bologna 14 settembre 2006 Analisi del rischio ( libro bianco) L analisi del rischio deve costituire

Dettagli

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 A cura di Sabrina Locatelli Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l analisi dell economia agraria Unità di Ricerca per la Maiscoltura Bergamo

Dettagli

STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI

STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI In collaborazione con STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

VADEMECUM MICOTOSSINE

VADEMECUM MICOTOSSINE VADEMECUM MICOTOSSINE PREMESSA Questo vademecum ha il solo scopo di aiutare nelle scelte imposte dall ennesima annata in cui una o l altra micotossina, diventano una variabile impazzita o importante del

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE Roma 22 Novembre 2005 Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

Università degli Studi di Sassari

Università degli Studi di Sassari PSR Regione Sardegna misura 215, benessere animale Qualità degli alimenti zootecnici e presenza di aflatossine nel latte ovino 1 Diapositive messe a disposizione dal dr. Gianni Battacone 2 Università degli

Dettagli

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Torino, 3 marzo 2011 Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Il perché della conferenza stampa C è sembrato opportuno far conoscere le attività che vengono svolte da Istituto Zooprofilattico

Dettagli

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CRITERIO OPERATIVO N 6 CRO 06 Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 5 CONTAMINANTI CHIMICI NEI PRODOTTI ALIMENTARI Il Regolamento Ce n. 1881/2006 e s.m.i. definisce i tenori

Dettagli

Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura?

Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura? Rovigo 19 Dicembre 2013 Il mais tra OGM e micotossine: come uscire dai luoghi comuni e rilanciare la coltura? Le criticità della coltivazione del mais nelle annate 2012-2013: una panoramica della situazione

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Sintesi articoli e parole chiave

Sintesi articoli e parole chiave REGOLAMENTO (CE) n. 401/2006 DELLA COMMISSIONE, DEL 23 FEBBRAIO 2006, RELATIVO AI METODI DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TENORI DI MICOTOSSINE NEI PRODOTTI ALIMENTARI (TESTO

Dettagli

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE PRESENTATO DA A.I.R.E.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA RACCOGLITORI, ESSICCATORI, STOCCATORI DI CEREALI E SEMI OLEOSI IN COLLABORAZIONE CON VENETO AGRICOLTURA REGIONE VENETO DIREZIONE

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere di Commercio piemontesi

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

Micotossine: problema di rilevanza globale

Micotossine: problema di rilevanza globale Micotossine Articolo 2 Ai fini della presente direttiva si intende per: a) «mangimi»: i prodotti di origine vegetale o animale, allo «sostanza indesiderabile»: qualsiasi sostanza o prodotto, ad eccezione

Dettagli

FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA:

FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA: FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA: MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE: IL RUOLO

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI CAPITOLO N. 3.2 Piano di monitoraggio per il controllo della frequenza dell incidenza e delle concentrazioni delle sostanze

Dettagli

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it Bologna 25 febbraio 2009 RAR Alimenti,

Dettagli

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE Le attività di Veneto Agricoltura per l attuazione delle misure agroambientali PSR: analizziamo i risultati 2012, scriviamo insieme il programma 2013 Il Bollettino colture erbacee in applicazione della

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino

Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino nella provincia di Rieti Contributi pratici Mario Ricciardi AUSL Rieti Valeria Moroni TPALL Nazzareno Pizzoli C.LA.R. Introduzione Attualmente

Dettagli

MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI. Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia

MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI. Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia MICOTOSSINE Il termine micotossine comprende numerosi metaboliti secondari con attività tossica, prodotti

Dettagli

I risultati delle analisi di ARPA ER

I risultati delle analisi di ARPA ER I risultati delle analisi di ARPA ER Cecilia Bergamini PERCEZIONE DEL RISCHIO CHIMICO CONTAMINAZIONE DI UN ALIMENTO Tossici di sintesi: pesticidi coloranti conservanti ecc.. Tossici naturali: micotossine

Dettagli

Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte

Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte Anno 2012 Opuscolo informativo a cura della U.O. Tecnici di Prevenzione in ambito veterinario

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE II Congresso nazionale LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE ROMA 16-18 OTTOBRE

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais , doppia azione insetticida contro i parassiti del mais La soluzione di Syngenta per il controllo della piralide del mais Doppia efficacia insetticida è un prodotto insetticida con rapida efficacia e lunga

Dettagli

Le micotossine nelle produzioni italiane di mais

Le micotossine nelle produzioni italiane di mais Relazione presentata al II Congresso Nazionale "Le micotossine nella filiera agroalimentare " (Roma, 16/10/2006), presentata da CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, sezione di Bergamo. Le micotossine

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine

REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine 7.6.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 143/3 REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999)

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Fattore % fumo di tabacco (attivo) 29-31 alcol 4-6 dieta 20-50 infezioni (parassiti, batteri, virus) 10-20

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE IT L 70/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 2006 relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A...

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A... SOMMARIO INTRODUZIONE...3 Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4 Aflatossine B1, B2, G1, G2...5 Aflatossina M1...7 Ocratossina A...8 Patulina...10 Fusariotossine: Fumonisine B1 e B2, Zearalenone,

Dettagli

Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa

Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa 20 Agosto 2015 Camposampiero (PD) Campagna raccolta mais 2015: pericolo aflatossine e controlli ufficiali sugli

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua. Prof. ROBERTO CAUSIN. DIP. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale. UNIVERSITA DI PADOVA

Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua. Prof. ROBERTO CAUSIN. DIP. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale. UNIVERSITA DI PADOVA Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua Sabato 2 Marzo 2013 CEN.SER, sala Bisaglia, via Porta Adige, 45. Rovigo AFLATOSSINE: GENERALITA E LORO GENESI Prof. ROBERTO CAUSIN DIP. TeSAF, Sez. Patologia

Dettagli

Sostanze indesiderate nel latte

Sostanze indesiderate nel latte Sostanze indesiderate nel latte Gli alimenti dei ruminanti, inclusa l erba, possono essere contaminate da diverse sostanze inquinanti o derivate dall attività di insetti o microrganismi. Sostanze indesiderabili

Dettagli

Rapporto Attività 2013 - Micotossine

Rapporto Attività 2013 - Micotossine Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Rapporto Attività 2013 - Micotossine Relazione a cura di Sara Ciacciarelli, Francesca Alesso e Sara Coluccia. Laboratorio Polo Alimenti Le micotossine,

Dettagli

Il trattamento antiparassitario contro

Il trattamento antiparassitario contro E F F I C AC I A I N S E T T I C I DA E S U L L A C O N TA M I N A Z I O N E DA F U M O N I S I N E Impiego insettici piretroi contro la piralide del mais L intervallo ottimale per l applicazione insetticida

Dettagli

disposizioni europee e nazionali

disposizioni europee e nazionali Aflatossine-La normativa vigente: disposizioni europee e nazionali LE AFLATOSSINE Le aflatossine sono le micotossine più pericolose per la salute umana ed animale. Sono prodotte dalle specie Aspergillus

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

TECNOALIMENTI S.C.P.A.

TECNOALIMENTI S.C.P.A. LE MICOTOSSINE: MODALITÀ DI CONTAMINAZIONE, I RISCHI PER LA SALUTE, GLI STRUMENTI DI PREVENZIONE E LA REGOLAMENTAZIONE NEL MONDO A TUTELA DEL CONSUMATORE TECNOALIMENTI S.C.P.A. 21 Dicembre 2006 2 INDICE

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Micotossine, una chiave di lettura

Micotossine, una chiave di lettura Micotossine, una chiave di lettura Argomenti non trattati da questa presentazione Cosa sono le micotossine Classificazione delle micotossine Effetti delle micotossine Campionamento delle materie prime

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1881/2006 della Commissione del 19 dicembre 2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 1881/2006 della Commissione del 19 dicembre 2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari REGOLAMENTO (CE) N. 1881/6 della Commissione del 19 dicembre 6 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari Tenori massimi ammissibili per le Aflatossine 2.1 AFLATOSSINE

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Cinque domande sulle aflatossine

Cinque domande sulle aflatossine Cinque domande sulle aflatossine Risponde Carlo Brera, Dip. di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell Iss 1. Cosa sono le aflatossine, in quali alimenti si trovano e quali condizioni climaticoambientali,

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione

Dettagli

MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA

MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA S.A.T.A. MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Acronimo TOSSMONIT Approvato con ddg n.18256 del

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE

LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE Marinella Rodolfi Conidiofori di Aspergillus flavus (50x) Metaboliti secondari fungini In aggiunta ai comuni processi metabolici tipici degli eterotrofi, i

Dettagli

Ibridi di mais, prove varietali 2015 Giorgio Barbiani, Marco Signor Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica

Ibridi di mais, prove varietali 2015 Giorgio Barbiani, Marco Signor Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica 2015 NOTIZIARIO 3 29 Ibridi di mais, prove varietali 2015 Giorgio Barbiani, Marco Signor Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica Foto 1: Buone le emergenze nel 2015.

Dettagli

E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.*

E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.* Ocratossina A E costituita da un derivato cumarinico legato alla fenilalanina. E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.* * I funghi più pericolosi per la produzione di OTA nelle

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

MAIS LODIGIANO TERRA BUONA

MAIS LODIGIANO TERRA BUONA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA Emissione 02 30 gennaio 2004 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente:. ( ) INDICE 1. Premessa...3

Dettagli

USO NON ZOOTECNICO MAIS

USO NON ZOOTECNICO MAIS USO NON ZOOTECNICO MAIS 64% 18% 4% 1% 11% 2% *(dolcificanti, biopolimeri, energia) * IMPORTANZA ECONOMICA AD USO NON ZOOTECNICO In Italia Italy (2004) i prodotti products per uso alimentare for human ricavati

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI.

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. I NOSTRI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. Maria Cesarina Abete Mangimi e sicurezza alimentare La sicurezza degli alimenti di origine animale inizia con la sicurezza dei mangimi L alimentazione animale è un

Dettagli

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo Parte la difesa integrata obbligatoria (Dir. CEE 128/09): gli strumenti in aiuto alle aziende agricole Corte Benedettina Legnaro (PD) 4 Febbraio 2014 Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO MAIS

FONDO MUTUALISTICO MAIS AGRIFONDO MUTUALISTICO Associazione Mutualistica Dei Condifesa Del Veneto E Friuli V.G. Filippo Codato Direttore Condifesa Treviso e coordinatore Condifesa Veneto FONDO MUTUALISTICO MAIS LEGNARO (PD) 27

Dettagli

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Siviglia, 18-20 settembre, 2013 Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Il mercato Le criticità Le prospettive internazionali Le strategie PROSPETTIVE DELLA PRODUZIONE ITALIANA

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici RegioneLombardia Agricoltura S.A.T.A. Sezione Bovini Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici (progetto

Dettagli

Il biocontrollo di Aspergillus flavus come prevenzione della contaminazione da aflatossine nella coltura del mais

Il biocontrollo di Aspergillus flavus come prevenzione della contaminazione da aflatossine nella coltura del mais Il biocontrollo di Aspergillus flavus come prevenzione della contaminazione da aflatossine nella coltura del mais Paola Battilani paola.battilani@unicatt.it Aspergillus flavus & aflatossine Tmin Tmax Topt

Dettagli

I SEMINARI DI. La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici

I SEMINARI DI. La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici I SEMINARI DI Qualyfood La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici Aggiornamenti in tema di micotossine: rischio di allerta? Carlo Brera Istituto

Dettagli

MICOTOSSINE: un pericolo naturale per la sicurezza degli alimenti. Valentina Marotta, Roberta Goi

MICOTOSSINE: un pericolo naturale per la sicurezza degli alimenti. Valentina Marotta, Roberta Goi MICOTOSSINE: un pericolo naturale per la sicurezza degli alimenti 1 Valentina Marotta, Roberta Goi Introduzione Il problema dell infestazione delle derrate alimentari da micotossine è probabilmente vecchio

Dettagli

Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione. Dott. Agr.

Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione. Dott. Agr. Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione Dott. Agr. Costa Enrico CRITICITA Un agricoltura senza redditività Micotossine : In passato eventi

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA ALLE MICOTOSSINE SU MAIS CON TRICHODERMA

LOTTA BIOLOGICA ALLE MICOTOSSINE SU MAIS CON TRICHODERMA Le attività di Veneto Agricoltura per l attuazione delle misure agro-ambientali PSR: Analizziamo i risultati 2012 LOTTA BIOLOGICA ALLE MICOTOSSINE SU MAIS CON TRICHODERMA PROF. Roberto Causin Carlo Cappellari

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini. Micotossine

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini. Micotossine Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini Micotossine Dr. Roberto Piro Dr. Alberto Biancardi Via A. Bianchi, 9 25124 Brescia (Italy) Tel +390302290212 Telefax

Dettagli