I.R.A.S.E. Nazionale Ente qualificato per la Formazione del Personale della Scuola (Decreto MIUR prot. n del 5 luglio 2005 D.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.R.A.S.E. Nazionale Ente qualificato per la Formazione del Personale della Scuola (Decreto MIUR prot. n. 1222 del 5 luglio 2005 D.M."

Transcript

1 TEST MATERIE SCIENTIFICHE Comprensione del testo Tenendo conto del testo seguente, tratto dal libro Fisica nella Musica di Andrea Frova, si risponda alle domande da 1 a 4. Compact Disc (CD) Il compact disc - memoria digitale a lettura ottica tramite fascio laser - fa la sua apparizione sul mercato nel 1983e in pochi anni rende il tradizionale disco analogico LP a 33 giri del tutto desueto. La riproduzione tramite compact disc presenta un certo numero di indiscutibili vantaggi, che conviene riassumere brevemente prima di passare alla descrizione del funzionamento. In primo luogo, nessun logorio grazie all'assenza di qualsivoglia contatto fisico tra disco e il meccanismo di lettura. Inoltre, impronte delle dita, polvere, graffi non hanno conseguenze importanti. Secondo: grande intervallo dinamico, pari a circa 90 db (da pppp a ffff), contro i 50 db soltanto (da pp a ff) del disco LP. Terzo: assenza quasi totale di rumore, fruscio, distorsione, alterazioni di frequenza. Quarto: semplicità e praticità del sistema riproduttore, che non richiede, ad esempio, sofisticazioni meccaniche e condizioni operative di particolare stabilità e orizzontalità. Quinto: maggior affidabilità dei laser e dell'elettronica digitale. Sesto: accesso rapido e sicuro ai contenuti memorizzati. Settimo: dimensioni contenute, leggerezza e indeformabilità del disco stesso. Da ultimo, il fattore decisivo a favore del CD: l'altissimo rapporto tra l'informazione immagazzinata e la superficie a disposizione. In un diametro di dodici centimetri, sono memorizzati quasi 700 MB, corrispondenti a oltre cinquecento dischetti magnetici da 1,4 MB, ossia più di 100 milioni di parole, quelle contenute in qualcosa come pagine di enciclopedia. La musica digitalizzata richiede molti più spazi di memoria che non un testo verbale e ciò spiega perché, pur con una tale dimensione di memoria, un CD offra soltanto un'ora di musica. La memorizzazione di dati in forma digitale si realizza, nel CD, sfruttando le diverse proprietà di riflessione della luce offerte da una superficie liscia (riflettente in modo speculare) ovvero corrugata (diffondente in tutte le direzioni). Se si associa il numero 0 del codice binario a una posizione riflettente della superficie del disco, dove la luce - per incidenza perpendicolare - torna indietro tutta nella direzione di arrivo ed è «vista» da un opportuno sensore, il numero 1 può invece essere rappresentato da un piccolo avvallamento o pozzo (in inglese pit), prodotto ad esempio facendo localmente fondere il materiale plastico del disco con un intenso pennello di luce laser. Tale pozzo non restituisce al sensore che una frazione della luce. 1. Un compact disc può memorizzare l equivalente di A. un enciclopedia in 2 volumi B. 50 hard disk da 10 GB ciascuno C. 10 fogli dattiloscritti D. circa 7 dischi rimovibili da 100 MB ciascuno E. un LP musicale 2. Un notevole vantaggio del compact disc rispetto a un LP musicale è A. il minore costo al dettaglio B. la maggiore velocità di rotazione C. la possibilità di includere i libretti delle opere D. la possibilità di utilizzare una facciata per scrivere informazioni utili sul CD E. l estensione dinamica più ampia di circa 40 db 1

2 3. Il compact disc viene letto con uno strumento facente uso di A. bobine magnetiche mobili B. bobine magnetiche fisse C. luce visibile D. raggi X E. accoppiamenti meccanici 4. Pit è una parola inglese che, in un compact disc, indica A. il foro centrale di allineamento con il lettore B. un pozzo piccolissimo che devia la luce laser che lo investe e che denota un 1 binario C. la copertina di plastica rigida che lo protegge D. la procedura di incisione musicale in formato digitale E. il rumore digitale provocato da un granello di polvere sulla superficie del CD 5. Quale delle seguenti frasi contiene una proposizione coordinata alla proposizione principale? A. L ho chiamato e lui ha fatto finta di niente B. Passami l olio e il sale per favore C. Sono andata prima a Roma e poi a Palermo D. Non so proprio cosa dirti 6. Nella frase Ho capito che ho sbagliato la parola che è: A. una preposizione semplice B. un pronome C. un avverbio D. una congiunzione 7. Quale delle seguenti parole non è un aggettivo qualificativo? A. Torvo B. Proprio C. Semplice D. Grande 8. Nella frase Entrate uno per volta, la preposizione per introduce un complemento : A. distributivo B. di limitazione C. predicativo D. di modo 9. Se D=13, S=7, M=10, a quale sequenza di cifre corrisponde la codifica DEFSM? A B C D Quale tra i seguenti è un sinonimo di lacunoso? A. Errato 2

3 B. Vuoto C. Obiettivo D. Incompleto 11. Si leggano le seguenti affermazioni. 1. Tutte le persone solitarie amano navigare in internet. 2. Maria è silenziosa. 3. Tutti i ragazzi silenziosi amano navigare in internet. Se le precedenti affermazioni sono vere, quale delle seguenti alternative è necessariamente vera? A. Maria è una ragazza solitaria B. Maria ama navigare in internet C. Tutti i ragazzi solitari sono silenziosi D. Tutti i ragazzi silenziosi sono solitari 12. Individuare tra le coppie di termini che seguono, quella che completa la proporzione: vigilare : x = formare : y A. x = osservare; y = preparare B. x = dirigere; y = modellare C. x = controllare; y = gestire D. x = controllare; y = modellare 13. Indicare, tra le serie di termini proposte, quella che completa logicamente la frase: L educatore ha il compito di con il gruppo di bambini una relazione privilegiando e favorendo lo sviluppo delle sociali e cognitive attraverso la realizzazione delle attività educative A. istituire individuale idoneità B. stabilire individualista abilità C. instaurare individualizzata competenze D. fondare individualizzata capacità 14. Luigi è più alto di Simone che è più alto di Marco. Enrico è più alto di Simone. Date le premesse precedenti, ne consegue che: A. Marco è più basso di Enrico B. Enrico è più basso di Marco C. Enrico è alto come Luigi D. Luigi è più alto di Enrico 15. Non è vero che a Torino, nel mese di ottobre, quando piove tutte le persone che escono hanno l impermeabile. Ciò equivale a dire che: A. a Torino, nel mese di ottobre, quando piove chi esce non ha l impermeabile B. in una città diversa da Torino, in un mese diverso da ottobre, quando piove tutti escono senza impermeabile C. almeno una persona a Torino nel mese di ottobre quando piove non indossa l impermeabile D. almeno una persona in una città diversa da Torino in un mese diverso da ottobre quando piove esce senza impermeabile 3

4 16. La teoria psicologica della conoscenza è stata elaborata per la prima volta in ambito educativo da: A. Jean-Jacques Rousseau B. John Locke C. Ovide Decroly D. Immanuel Kant 17. Il museo didattico delle sorelle Agazzi era costituito: A. dagli oggetti più svariati B. da libri per ragazzi C. da oggetti geometrici e solidi di legno D. da materiale scientifico 18. Quale delle seguenti opere fissa i principi fondamentali della pedagogia contemporanea? A. Télémaque B. Émile C. Didactica Magna D. Democrazia ed educazione 19. Quale dei seguenti autori è noto per aver elaborato la teoria degli stili cognitivi? A. J. Piaget B. M. Montessori C. J. Bruner D. C. Freinet 20. Nella pratica psicomotoria la personalità globale del bambino è intesa come unione della sfera: A. mentale e corporea B. corporea e affettiva C. mentale, corporea e affettiva D. emotiva e affettiva 21. F. W. Foerster è noto per aver elaborato: A. la teoria dell interesse/bisogno B. la pedagogia cognitiva C. la pedagogia del collettivo D. la pedagogia del carattere 22. Secondo il pensiero di J. Bruner: A. la fase simbolica precede la fase iconica del pensiero B. il linguaggio si pone come il più elevato modello di rappresentazione e costituisce lo strumento privilegiato del pensiero C. la fase iconica precede la fase attiva del pensiero D. lo sviluppo mentale del bambino è assolutamente indipendente dall esperienza diretta sulla realtà 4

5 23. Quale dei seguenti autori pubblicò nel 1938 l articolo The behaviour of organisms considerato il suo principale contributo all elaborazione della teoria del comportamentismo? A. L.S. Vygotskij B. J. Piaget C. F. Skinner D. J. Dewey 24. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? A. I bambini solo a partire dal sesto anno di vita sono in grado di effettuare crescenti interazioni complementari e reciproche poiché prima si impegnano unicamente nell imitazione speculare dell altro B. I bambini già a partire dal terzo anno di vita sono in grado di effettuare crescenti interazioni complementari e reciproche C. I bambini nei primi anni della scuola elementare mostrano interesse l uno per l altro ma non sono in grado di interagire in modo corretto in assenza di un adulto D. È importante che i bambini utilizzino i momenti di laboratorio in modo libero e destrutturato, senza l ausilio dell adulto, in modo che sia stimolato quanto più possibile il pensiero creativo 25. In base alle Indicazioni per il curricolo quale delle seguenti alternative non rappresenta un impostazione metodologica di fondo della scuola del primo ciclo? A. Assolutizzare le specificità dei diversi gruppi etnici B. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni C. Favorire l esplorazione e la scoperta D. Incoraggiare l apprendimento collaborativo 26. All interno dell istituzione scolastica è opportuno che i genitori: A. si limitino ad informare gli insegnanti circa le abitudini e le necessità dei propri figli B. imparino ad uniformare le proprie scelte agli stili educativi degli insegnanti C. si limitino a informare gli insegnanti circa i propri stili educativi per garantire la continuità D. partecipino ad un dialogo intorno alle finalità della scuola e agli orientamenti educativi 27. In base alle Indicazioni per il curricolo il compito specifico del primo ciclo è quello di promuovere un alfabetizzazione: A. razionale B. simbolica C. funzionale D. culturale 28. Gli uomini nascono e rimangono liberi e uguali nei diritti. Le distinzioni sociali non possono essere fondate che sull utilità comune. Questo principio è sancito, per la prima volta: A. nella Costituzione americana approvata nel 1789 B. nella Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino approvata nel 1789 C. nella Costituzione sovietica del 1936 D. nello Statuto Albertino del

6 29. Con quale dei seguenti accordi furono regolati, nel 1929, i rapporti tra il governo italiano ed il Vaticano? A. Patto di Stresa B. Patto Gentiloni C. Patti Lateranensi D. Patto di Palazzo Vidoni 30. Le Havre, Digione e Tolosa sono tutte città: A. della Svizzera B. del Belgio C. della Spagna D. della Francia 31. L isola di Pasqua appartiene: A. al Cile B. al Venezuela C. al Brasile D. all Australia 32. Quale dei seguenti pianeti è più vicino alla Terra? A. Giove B. Venere C. Plutone D. Nettuno 33. Quale fra le seguenti distribuzioni NON ha come media il valore 6? A. 3, 25, 1, 0, 10, 3 B. 1, 5, 7, 2, 11, 10 C. 2, 6, 4, 8, 10 D. 5, 6, 3, 2, 19, La risultante di un sistema di forze è data: A. dal loro prodotto vettoriale B. dal loro prodotto scalare C. dalla loro somma vettoriale D. dalla loro somma algebrica 35. Qual è il gas maggiormente presente nell atmosfera? A. Anidride carbonica B. Azoto C. Idrogeno D. Ossigeno 36. Su un corpo materiale agiscono solo forze conservative. Tali forze A. lasciano invariata l'energia cinetica del corpo B. lasciano invariata l'energia potenziale del corpo C. lasciano invariata l'energia meccanica posseduta dal corpo D. compiono sempre una quantità di lavoro nulla, indipendentemente dalla traiettoria del 6

7 corpo e dalla sua posizione iniziale e finale 37. Una calamita può essere smagnetizzata A. spezzandola in due pezzi uguali tra loro B. applicando esternamente un campo magnetico della stessa intensità ma di verso opposto a quello generato dalla calamita C. aumentando la temperatura della calamita D. collegando i due poli con un pezzo di metallo 38. Un fascio di luce monocromatica attraversa la superficie piana tra due mezzi di indice di rifrazione diverso con un angolo di incidenza di 60. Quali tra le seguenti grandezze che caratterizzano il fascio non subisce alcuna variazione? A. La velocità di propagazione B. La direzione di propagazione C. La lunghezza d'onda D. La frequenza 39. Una retta in un piano cartesiano è descritta da una funzione: A. costante B. geometrica C. lineare D. quadratica 40. Quale dei seguenti numeri è divisibile per 15? A B. 655 C D In una classe di 30 alunni, nella quale le femmine sono il doppio dei maschi, si verifica che una mattina tutte le femmine indossano scarpe da ginnastica mentre tutti i maschi indossano i mocassini. Quante scarpe da ginnastica ci sono in totale? A. 30 B. 50 C. 35 D Individua il numero e la lettera che completano la serie: B3 A6 D12 C24 F48 A. H98 B. E96 C. I98 D. G Inserisci il numero omesso: 11, 12, 14,?, 26, 42 A. 19 B. 18 C. 20 7

8 D Se un automobilista percorre una distanza di 880 km alla velocità media di 120 km/h, in quanto tempo arriva a destinazione? A. 6h e 50 minuti B. 7h e 40 minuti C. 7h e 20 minuti D. 8h e 40 minuti 45. Da un rubinetto esce un getto di acqua che si assottiglia verso il basso a partire dal diametro pari a quello del foro di uscita del rubinetto stesso. Quale tra le seguenti affermazioni motiva meglio tale effetto? A. L acqua accelera nel suo moto di caduta B. L acqua tende ad aderire alle pareti dell apertura del rubinetto C. L acqua è soggetta ad una pressione crescente con il diminuire dell altezza D. L acqua è soggetta ad una pressione esterna maggiore rispetto a quando si trova dentro al rubinetto 46. Che cos è l accelerazione di un corpo? A. Il prodotto di massa per velocità B. Il rapporto tra massa e velocità C. La variazione di velocità nell unità di tempo D. La velocità moltiplicata per l unità di tempo 47. Per quali tipi di variabili è possibile calcolare la media aritmetica? A. Variabili categoriali B. Variabili nominali C. Variabili Ordinali D. variabili cardinali 48. Che cosa è la moda? A. Il valore che ricorre con maggiore frequenza in una distribuzione B. Il valore intermedio di una distribuzione C. Il valore massimo presente in una distribuzione D. Il rapporto tra la somma dei valori di una distribuzione e il numero dei casi 49. Cos è l omotetia in geometria? A. È un caso particolare di prospettiva accidentale B. È un caso particolare di omologia nel quale il centro dell omologia è all infinito C. È un caso particolare di omologia nel quale l asse dell omologia è all infinito D. È un caso particolare dell assonometria cavaliera 50. In un poligono gli assi dei lati passano tutti per uno stesso punto. Allora si può affermare con certezza che il poligono A. ha tutti i lati uguali B. è inscrivibile in una circonferenza C. ha tutti gli angoli uguali D. è circoscrivibile ad una circonferenza 8

9 51. Un trapezio si può inscrivere in una circonferenza A. mai B. se e solo se la base maggiore è metà della base minore C. se e solo se la somma delle basi è uguale alla somma dei lati obliqui D. se e solo se è isoscele 52. Dati due piani α e β nello spazio, un piano perpendicolare ad entrambi esiste A. sempre B. solo se α e β sono paralleli o perpendicolari C. solo se α e β sono perpendicolari D. solo se α e β sono paralleli 53. In un piano cartesiano l equazione (x - 1)(y - x) = 0 rappresenta A. una coppia di punti B. una coppia di rette C. una circonferenza D. una retta 54. La negazione di a = b = 0 è A. a = b e b 0 B. a 0 e b 0 C. a b ed entrambi i numeri sono diversi da 0 D. a 0 oppure b Un auto percorre un tratto di strada ad una certa velocità (costante) in un certo tempo. Se la velocità dell auto aumenta del 10%, il tempo per percorrere lo stesso tratto diminuisce A. esattamente del 10% B. circa dell'11% C. poco meno del 9% D. poco più del 9% 56. L attuale ricerca sul setting d aula tecnologico, quale standard sta indicando come maggiormente adeguato? A. computer desktop e rete wireless B. Dispositivi mobili e collegamento a internet C. dispositivi mobili senza accesso alla rete D. Computer desktop e punti di accesso fissi 57. Il termine browser identifica: A. un sistema operativo necessario alla navigazione nel Web B. un protocollo di comunicazione per l accesso alla posta elettronica C. un linguaggio di descrizione e formattazione dei documenti pubblicati sul Web D. un software che permette di visualizzare le pagine Web 58. Una Didattica 2.0 è una didattica : A. Centrata sulla veicolazione dei contenuti attraverso spazi di social networking B. Centrata sulla tecnologia e sul software 9

10 C. Centrata sulla tecnologia concepita come principale responsabile dell innovazione D. Centrata sul fare e sulla metacognizione grazie alle tecnologie 59. L Acronimo LIM sta per: A. lavagna Internet multimodale B. Lavagna iterativa multimediale C. Lavagna interattiva multimediale D. lavagna Inter Mediale 60. L educazione contemporanea oggi a che fare con A. La crisi tecnologica B. Le nuove tecnologie informatizzate e telematiche, il pluralismo,la multicultura, la complessità, la frammentazione C. I nuovi valori del benessere, dell efficienza, del piacere e della soggettività individualistica D. Una sensibilità etica e religiosa 10

TEST MATERIE LETTERARIE

TEST MATERIE LETTERARIE Legga il brano e risponda alle domande da 1 a 5. La legge n. 148 del 1990 ha completamente capovolto l intero ordinamento in vigore nelle sue linee generali dal 1928, modificando innanzitutto le responsabilità

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Fisica Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B DOCENTE Elda Chirico Le Grandezze. Introduzione alla fisica. Metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Fisico Matematico Informatico Anno Accademico 2007-2008 Classe di abilitazione: A049

Dettagli

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI 1 ITALIANO secondo biennio 1. Comprendere e partecipare ad una conversazione in modo pertinente 2. Riferire i propri vissuti e/o un argomento di studio, seguendo un ordine logico ed usando un linguaggio

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE Classe 1^, sez. - Anno Scolastico 2013-2014 Alunno Data: Il presente test composto da n.30 domande, molte delle quali supportate da un grafico, è un

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE Finalità ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE La matematica si propone come strumento per modellizzare il mondo e le attività dell uomo e, nello stesso tempo, come costruzione logica, indipendente dalle sue applicazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Gli automobilisti che precedono l autoambulanza vedono riflessa nello specchietto retrovisore la scritta:

Gli automobilisti che precedono l autoambulanza vedono riflessa nello specchietto retrovisore la scritta: PROVA INVALSI 2012-2013 Soluzioni D1 - A Osserva la seguente fotografia: Gli automobilisti che precedono l autoambulanza vedono riflessa nello specchietto retrovisore la scritta: Se la parola "AMBULANZA"

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN MATEMATICA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. MATEMATICA TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010

ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010 ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010 1 Fisica 1. Un ciclista percorre 14.4km in mezz ora. La sua velocità media è a. 3.6

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria Cos è Cliccolo Cliccolo è un percorso didattico interattivo e multimediale

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

ITALIANO Classe prima Classe seconda Classe terza

ITALIANO Classe prima Classe seconda Classe terza OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Ascoltare. 1. Comprendere gli elementi fondamentale di un messaggio e/o di un testo orale. 2. Comprendere analiticamente gli elementi

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 CURRICOLO DI MATEMATICA classi prime, seconde e terze Riferimenti alle INDICAZIONI NAZIONALI: PECUP - Obiettivi formativi OSA -Obiettivi specifici di apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado 1 di 6 AREA Matematico scientifica MATERIE COINVOLTE Matematica - Scienze DOCENTI Patrizia Lualdi - Silvia Colombo RIFERIMENTO AI DOCUMENTI NAZIONALI E DI ISTITUTO P.E.C.U.P L allievo utilizza le conoscenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA a.s.2011/12 Classi I - II - III PREMESSA La tecnologia da un lato studia e progetta i dispositivi, le macchine e gli

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Simulazione della Prova Nazionale. Matematica

Simulazione della Prova Nazionale. Matematica VERSO LA QUARTA PROVA scuola secondaria di primo grado Simulazione della Prova Nazionale Invalsi di Matematica 2 17 maggio 2010 Scuola..................................................................................................................................................

Dettagli

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info saperi / pr atica pensante / itinerari / info La rapa gigante di Maria Teresa Malvicini Insegnante Scuola dell Infanzia di Corte Palasio (LO) Direzione Didattica IV Circolo Lodi. Dirigente Scolastica:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA -Saper ascoltare e comprendere messaggi, testi e consegne -Sapersi esprimere oralmente in modo chiaro e corretto -Saper leggere e comprendere vari tipi di testo -Saper

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta)

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) ore 8.50-9.00 Sintesi della lezione numero 1 La discussione avvenuta nella lezione precedente ha messo in

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE

STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE www.istitutocalabrese.vr.it e-mail vris@istruzione.it www.liceoprimolevi.it STUDIO ESTIVO IN PREPARAZIONE ALLA SCUOLA SUPERIORE Gli insegnanti di matematica delle Scuole Medie di BUSSOLENGO CAPRINO VERONESE

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica. Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna

Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica. Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna Classificazione degli apprendimenti con riferimento alla matematica Gianfranco Arrigo ASP Locarno - NRD Bologna Classificazione degli apprendimenti matematici L apprendimento della matematica può essere

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Proposta di un syllabus di Elementi di Informatica per il primo ciclo anno 2008

Proposta di un syllabus di Elementi di Informatica per il primo ciclo anno 2008 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Proposta

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli