Design Inglese. Crystal Palace Progetto di Paxton. Londra 1851

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Design Inglese. Crystal Palace Progetto di Paxton. Londra 1851"

Transcript

1 Design Inglese Ricordando la Rivoluzione Industriale come quel periodo tra 700 ed 800 in cui l uomo ha fatto molte scoperte alle quali sono seguite ottime invenzioni in campo tecnico-scientifico, va anche detto che la nazione nella quale questo fenomeno di sviluppo prende il via è l Inghilterra. E qui, infatti, che si incontrano i primi oggetti davvero innovativi e che possono denominati sotto l etichetta di produzione industriale. Uno tra i primi prodotti da considerare davvero innovativo ed utile, è stato indubbiamente il telaio meccanico di Jacquard del 1801, fondato sull idea di rulli perforati che potevano programmare la decorazione dei tessuti. Non va dimenticato, però che già gli ultimi trent anni del Settecento videro una forte accelerazione nel mondo della tecnica in particolare in seguito alla scoperta del carbone fossile e al suo conseguente impiego in campo metallurgico per la fusione del ferro; tale impiego diede una grande svolta alla produzione di importanti manufatti (ricordiamo il già citato ponte sul fiume Severn, completamente costruito in officina e poi semplicemente montato sul posto). Un importante costruzione che diede ancor più l idea dei progressi che si stavano rapidamente effettuando fu il Crystal Palace: un edificio di solo ferro e vetro progettato da Paxton per ospitare la Prima Esposizione Universale a Londra nel 1851, pensato per essere montato in una zona della città (Hide Park) e poi smontato per essere rimontato da un altra parte. Paxton nasce come progettista di serre ed è proprio la tecnologia costruttiva di queste particolari strutture che egli utilizza per realizzare il Crystal Palace; questo si presenta come l unione di tanti moduli uguali composti da una struttura di ferro e acciaio e pannelli di vetro. La composizione modulare avrebbe offerto un assemblaggio continuo ed infinito; per spezzare questa linearità di composizione Paxton introdusse un transetto costruito comunque con lo stesso modulo. Crystal Palace Progetto di Paxton Londra

2 Come abbiamo già detto in Inghilterra che ha inizio la Rivoluzione Industriale ed è in questa nazione che per la prima volta ci si pone la domanda di se e come possano convivere artigianato ed industria. Nel 1832 sir Robert Peel, in occasione dell inaugurazione della National Gallery fa una dichiarazione alla camera dei comuni sostenendo che nel modo di fare didattica per le manifatture vi siano delle inadeguatezze. E in questo periodo che si sviluppa la proposta storicista portata avanti dal movimento del Gothic Revival. I suoi ideologi, Pugin e Ruskin, partono dall idea che nella società ottocentesca loro contemporanea ci sia una degenerazione non solo nell estetica degli oggetti ma radicata nella società stessa, quindi per migliorare i progetti si deve migliorare innanzitutto il campo sociale. Questo miglioramento può. a loro parere, avvenire solo ritornando al periodo medioevale caratterizzato da una società particolarmente spirituale e funzionali, durante il quale le arti si presentavano ancora tutte unite e durante il quale si è assistito alla costruzione delle grandi cattedrali. Ruskin negava che potessero esserci delle qualità associate alla produzione in serie; considera la standardizzazione, la ripetizione e la perfezione antiumanistiche e prive di valore. Con queste premesse, seppur strettamente teoriche e filosofiche, si giunge a dei risultati pratici che portano allo studio e alla riscoperta delle tecniche antiche di lavorazione per la produzione di oggetti. Alle problematiche sollevate da Robert Peel vi fu anche chi, resosi conto della totale assenza di principi e di unità all interno della metodologia produttiva, cercò di formulare le aspirazioni della progettazione verso la cultura dell industrializzazione. Le prime osservazioni riguardavano i prodotti della "manifattura artistica": tessuti, ceramiche, oggetti di metallo e mobili; queste manifatture erano perlopiù semimeccanizzate, e la loro produzione era diretta a una clientela borghese. Nel 1835 venne eletta una commissione speciale "per ricercare i modi migliori di diffondere la conoscenza delle arti e dei principi del design". Tale commissione fu costituita quando ci si rese conto che i beni di consumo prodotti dalle industrie britanniche non erano competitivi né apprezzati e la commissione giunse alla conclusione che ci fosse la necessità di una nuova figura che si occupasse appieno della produzione dei manufatti e che avesse quindi anche ben presente il potenziale acquirente del prodotto finito; infatti, in Inghilterra in questo periodo il disegnatore dei modelli e colui che li applica all industria sono due persone distinte. Il risultato della ricerca compiuta dalla commissione fece sì che nel 1837 venisse istituita a Londra la prima School of Design, per promuovere "la diretta applicazione pratica delle arti all'industria. Nei suoi primi anni di attività l'istituto londinese era poco più di una scuola di disegno il cui scopo 2

3 era di addestrare una generazione di artigiani disponibili per l industria, giacché il disegno al suo livello più elementare era un linguaggio di comunicazione universale. Con questi presupposti di organizzazione della didattica del progetto manifatturiero (decisamente vaghi), l Inghilterra approda alla Great Exibition organizzata a Londra nel L Esposizione Universale oltre che per il fantastico padiglione espositivo che la ospitava di cui abbiamo parlato in precedenza, il Crystal Palace, è importante dal punto di vista del design per ciò che esponeva. La si può ritenere la prima mostra ad esporre gli oggetti d uso presenti sui mercati di ogni nazione in quegli anni. Erano presenti espositori ed oltre articoli; vi furono più di sei milioni di visitatori. Il principe Alberto, patrocinatore dell'esposizione, considerava questa esposizione " il raggiungimento del fine a cui... tende tutta la storia: la realizzazione dell'unione di tutta l'umanità". Le nazioni partecipanti esponevano tanto macchine quanto manufatti, vi erano sezioni dedicate alla mineraria, alla chimica e all'ingegneria civile. Accanto ad oggetti indubbiamente utili, innovativi e ben fatti quali, per esempio, la sedia modello n 14 di Thonet, la prima macchina da scrivere prodotta dall italiano Ravizza, macchine trebbiatrici provenienti dagli Stati Uniti, i primi stereoscopi (che facendo vedere all interno di una specie di cannocchiale, che segregava la vista dei due bulbi oculari, due dagherrotipi mostrava un immagine unica e tridimensionale),il sassofono e la produzione etnica proveniente dalle colonie vi erano anche oggetti inutili o non funzionali o semplici soprammobili. Si nota quindi come, nonostante la vastità d'intenti, l'ambizione e l'euforia, l'esposizione mostra come sembra essersi perduta la capacità di attenersi a un qualsiasi criterio di forma e decorazione universalmente riconosciuto; rimane comunque notevole il significato che essa portava con sé, che qualcosa di nuovo stava nascendo o comunque che stava venendo allo scoperto la coscienza dell importanza nella vita di un uomo degli oggetti di cui fa abitualmente uso. La presenza di oggetti esteticamente curati ma poco utili, fece ritornare alcuni teorici a riflettere sulle problematiche sollevate già nel 1832 da R. Peel a proposito di una didattica per le manifatture. Le reazioni provocate dai prodotti presentati alla Grande Esposizione dimostrarono che i metodi proposti dalla School of Design non erano riusciti ad influenzare in maniera apprezzabile la nascente industria. Trascorsa la Great Exibition, l Inghilterra continuò a cercare una soluzione al problema della tipologia di rapporto che legasse artigianato ed industria, prima con l investimento di una maggiore quantità di capitali nel sistema industriale e, successivamente, con l'istituzione di un dicastero statale di Arti applicate che aveva il compito di stabilire e far applicare i programmi delle scuole in tutto il paese. Primo segretario di questo dicastero fu Henry Cole, funzionario statale che era anche stato organizzatore dell'esposizione Universale. 3

4 H. Cole si era occupato di problemi di disegno industriale già tra il Nel 1847 aveva anche fondato il "Journal of Design and Manufacture", sulle pagine del quale insieme ai suoi colleghi (tra tutti Owen Jones, Richard Redgrave e Gottfried Semper) esponeva le sue idee sul design - inteso nel significato originale della parola ossia disegno - e denunciava le lacune delle scuole di decorazione che avevano adempito alle loro originarie funzioni. Cole ottenne così di coordinare un programma di riforme che però rimasero importanti più per i principi espressi che per la pratica del design. Gli oggetti secondo lui dovevano presentarsi essenziali e monocromatici; progettò e produsse personalmente alcuni oggetti in ceramica, che, però presentano ancora alcuni alementi decorativi di tipo neoclassico che richiamano alla mente la produzione di Wedgwood. Oggetti in ceramica progettati da H.Cole Nel ritenere che l impiego delle macchine fosse indispensabile per poter raggiungere la pulizia della forma, H. Cole si appoggiò alle teorie filosofiche empiriste, in particolar modo a quelle dell amico Stuart Mill il quale sosteneva che la logica proceda attraverso il metodo induttivo e che per questo l induzione e l esperienza sono quelle che determinano le teorie. H. Cole credeva nella possibilità di individuare norme sicure su cui fondare la progettazione (anche e soprattutto attraverso prove ed esperimenti); credeva anche che un passo molto importante in questo senso fosse da fare nella scelta degli insegnanti nelle scuole che dovevano condividere i suoi propositi; per questo motivo molti li scelse personalmente e risultano essere appartenuti al gruppo di storici ed artisti che si era creato attorno a lui. Ricordiamo di seguito alcuni insegnanti vicini sia per amicizia che per ideali a H. Cole. Owen Jones fu architetto e teorico del colore, si dedicò anche attentamente allo studio della botanica (nelle scuole di decorazione che venne insegnata per tutta l'era di Cole nelle scuole di decorazione) per trovare le forme più adeguate da applicare al prodotto manifatturiero partendo dal presupposto che se esistevano in natura questo significava che erano indubbiamente giuste ; proponeva un disegno inoltre netto e a campiture piene che evidenzia come i suoi principi riguardassero la creazione di modelli bidimensionali e quindi, in particolare, la produzione di 4

5 tessuti e di tappezzerie. Negli anni successivi all'esposizione, Owen Jones pubblicò la Grammar of Ornament nella quale volle descrivere quelle che considerava le "leggi generali" del "linguaggio della forma", riferite alla "distribuzione della forma in natura". Per lui il futuro progresso dell'arte Ornamentale, poteva essere raggiunto per mezzo del riconoscimento delle leggi immutabili rivelate da quanto era stato realizzato dalle culture precedenti e dalla natura. Affiancandosi alle teorie evoluzioniste di Lamark (già riprese come si è detto da Stuart Mill) sosteneva che, così come in natura si è assistito all evoluzione delle specie animali e vegetali, anche il progetto avrebbe avuto una sua evoluzione e che questa però sarebbe potuta avvenire con l ausilio delle macchine nel campo della produzione. Richard Redgrave fu un pittore ma si dedicò anche alla produzione e realizzazione di alcuni oggetti, anch egli insiste particolarmente sull ornamento e sul fatto che non se ne debba abusare. Gottfried Semper fu un architetto tedesco che arrivò a Londra nel 1850, all'età di 47 anni, e ottenne un posto di docente nelle scuole di decorazione per via del suo interesse per le questioni teoriche e per la sua conoscenza delle tendenze architettoniche contemporanee nell'europa continentale. In occasione della Great Exibition si era occupato di allestire i padiglioni di Turchia, Svezia, Canada e Danimarca. Semper è convinto che la progettazione dovrebbe svilupparsi secondo una sorta di principio evolutivo per cui dovrebbe adeguarsi ai fini; tale idea nacque in seguito alle visite effettuate al Jardin des Plantes di Cuvier a Parigi dove era fuggito dopo i moti di Dresda prima di giungere a Londra- a riguardo dei quali scrive: "In questa magnifica collezione... ravvisiamo i tipi di tutte le forme più complicate del mondo vivente; vediamo la natura che si evolve, con tutta la sua varietà e la sua immensa ricchezza, estremamente sobria e parsimoniosa in tutte le sue forme e i suoi motivi...un metodo analogo a quello seguito da Cuvier, applicato all'arte e in particolare all'architettura, contribuirebbe almeno a consentire una chiara visione di tutto il suo territorio, e forse anche a formare la base di una dottrina dello stile, e una specie di topica o metodo su come inventare.. Vicino al pensiero di Jones, Semper era convinto che la natura fornisse le analogie e i prototipi utili alla progettazione di qualsiasi tipologia di oggetto; con Jones condivideva anche la convinzione che i prodotti delle culture "primitive" presentassero una perfetta sicurezza stilistica, ma credeva anche che le macchine e gli oggetti puramente funzionali (armi e carrozze) 5

6 che erano state proposte all Esposizione del 1851 dimostrassero come il loro processo progettuale e produttivo fosse stato determinato dai materiali impiegati e dai processi di produzione attuati evolvendosi per soddisfare una necessità. A riguardo dell ornamento riteneva che non dovesse essere totalmente eliminato ma piuttosto che si sarebbe dovuto anch esso sviluppare in forme più appropriate ed adeguate alla produzione industriale. Ci fu uno studente di Semper che ne assorbì in particola modo il pensiero: Christopher Dresser. Dresser studiò alla scuola di decorazione, vi insegnò botanica e scrisse diversi libri. Progettò oggetti metallici, vetri, ceramiche e disegni di tessuti; in tutte queste tipologie di oggetti si ritrovano gli spunti e gli insegnamenti che egli trasse dai suoi viaggi in Giappone e dall attenta osservazione degli oggetti d uso della tradizione nipponica che riuscì a trasferire nel mondo della produzione manifatturiera inglese impiegando i materiali diffusi in occidente. Christopher Dresser, fu il primo a voler tentare di riportare realmente tutte le teorie esposte a favore dell impiego di macchinari, meritandosi così, secondo il parere di alcuni studiosi, la carica di primo designer della storia. I suoi oggetti si presentano molto essenziali nella forma proprio per poter essere prodotti non a mano ma con delle macchine, e quindi per poter essere anche riprodotti; egli punta anche alla valorizzazione del materiale di cui un oggetto è costituito e a conferire una certa unità stilistica alla sua produzione. Tre teiere. C. Dresser. 6

7 Zuccheriera Candelieri in Silver plate 1864 C. Dresser C. Dresser Porta condimenti 1881 Reggi bollitore 1878 Porta condimenti 1881 C. Dresser Caraffa in vetro e silver plate C. Dresser 1878 Porta toast C. Dresser

8 Vi fu anche un altra risposta ai problemi rimarcati dall Esposizione Universale; quella del movimento dell Arts & Crafts sorto attorno alla figura di William Morris che riprese il discorso, precedentemente avanzato dai sostenitori del Gothic Revival, del rifiuto dell'industrializzazione e di tutto ciò che questa implicava. W. Morris, in particolare, mise in dubbio i presupposti di "progresso" ispiratori dell Esposizione (che neppure andò a visitare in segno di sdegno nei confronti della manifestazione) e l'insegnamento delle scuole di decorazione. Morris rifiutava le qualità della produzione in serie quali standardizzazione, ripetizione, perfezione giudicandole prive di valore. William Morris fu essenzialmente un autodidatta. La sua ditta produceva mobili, ceramiche e vetri, ma si concentrò molto anche sul disegno bidimensionale e quindi sulla produzione di ricami, vetrate colorate, carte da parati, tessuti, tipografia ed editoria. Osservando attentamente le sue realizzazioni di tessuti si può facilmente notare come egli evitasse il più possibile le composizioni simmetriche e bidimensionali (tipici dei modelli delle scuole di decorazione) e insistesse, al contrario sulla necessità di un'abbondanza di significato nei motivi decorativi. Carte da parati Disegnate da W. Morris 8

9 Alla base di tutta la sua produzione si trova, infatti, l idea che più lavoro manuale e cura dell artigiano si trovano nell oggetto prodotto più l oggetto ha valore sociale e quindi contribuisce meglio al miglioramento sociale che egli auspicava, esattamente come accadeva in epoca medioevale quando erano le corporazioni artigiane a gestire la produzione degli oggetti d uso. In questo modo però la produzione non poteva che essere costosa e trovare acquirenti solo tra le file dell'aristocrazia e dell'alta borghesia, facendo sì, quindi che gli ideali socialisti di partenza non trovassero in realtà uno sbocco. Si dedicò comunque intensamente alla politica, Morris aderendo al socialismo nel 1883 poiché davvero voleva che potesse accadere di ottenere "per tutto il popolo, adeguatamente organizzato, il possesso e il controllo di tutti i mezzi di produzione e di scambio, distruggendo al tempo stesso tutte le rivalità nazionali". Morris aveva letto Il capitale di Marx e ne era rimasto colpito ;da questa lettura derivò il pensiero che solo conducendo la società al socialismo si potesse migliorare la progettazione. Insieme al gruppo che si era formato attorno a lui, nel 1959, realizzò la Red House, una sorta di edificio manifesto di tale pensiero dalla quale traspare una tipologia lavorativa vicina a quella dell epoca medioevale sia negli interni che nella struttura. Red House Progetto di W. Morris 1859/65 Credenza nel soggiorno della Red House 9

10 Camera da letto nell attico della Red House Nel 1862 Morris fonda la Morris Marshall Fulkner & Co che produce oggetti artigianali di qualità, che possano elevare le persone, in quantità da poter essere acquistati ed utilizzati da molti; ma, come abbiamo detto, in realtà i prezzi di vendita degli oggetti finiti risultarono così alti da poter essere acquistati solo dalla popolazione ricca; gli stessi prezzi di realizzazione e acquisizione dei materiali erano elevati e la ditta ebbe vita assai breve. Due esempi di sedie prodotte dalla Morris Marshall Fulkner & Co Nonostante i reali costi elevati è attorno agli ideali del movimento del Gothic Revival prima e delle Arts & Crafts dopo che l Inghilterra rispose alla ricerca di uno stile ed al bisogno di estetica e utilità negli oggetti da produrre senza ricorrere all impiego delle macchine. E, infatti grazie al movimento Arts & Crafts, piuttosto che per via delle proposte di produzione essenziale e funzionale di C. Dresser, che le arti applicate, ormai da tempo considerate minori rispetto a pittura, scultura ed 10

11 architettura, vengono rivalutate e considerate il massimo dell espressività umana. La fortuna del movimento probabilmente sta in questa insistenza sulla responsabilità sociale e nella convinzione che la società debba anteporre gli uomini alle macchine e la moralità al profitto. L'ideale, proposto a suo tempo da Ruskin, di lavorazione artigiana stimolò gli artisti-artigiani delle Arts and Crafts a lavorare in imprese individuali piuttosto che collettive, impiegare processi e tecniche manuali e a rifiutare la produzione meccanica. La collaborazione con l'industria era inconcepibile per chi seguiva i precetti di Ruskin e Morris che ricorrevano alle regole della tradizione e richiedevano metodi di lavorazione e di produzione che preservassero la continuità con l'artigianato passato (nell esposizione delle loro teorie sul recupero delle arti minori sia Ruskin e Pugin sia Morris ritenevano indispensabile ricorrere al vecchio metodo di produzione artigianale delle antiche corporazioni e consideravano quindi, le macchine come produttrici di oggetti degradati e, di conseguenza, anche di una società degradata), appoggiandosi,però, anche a ideali socialisti, ritenendo che solo una democrazia socialista avrebbe potuto assicurare la sopravvivenza e la rinascita di un' "arte fatta dal popolo e per il popolo, una gioia per chi la creava e per chi ne fruiva". Abbiamo detto che attorno a Morris lavorò un gruppo di artisti, ne presentiamo di seguito alcune delle personalità più interessanti. A.H. Mackmurdo nel 1884 fondò la sua Century Guild con il proposito "di rendere appannaggio dell'artista, e non più del commerciante, ogni branca dell'arte", disegnò mobili, tessuti e carte da parati che venivano fabbricati da imprese specializzate esponendoli anche in fiere commerciali specializzate. C.F.A. Voysey giunse a farsi un nome come brillante architetto, ma disegnò anche tessuti e tappeti per la maggior parte delle principali industrie britanniche del tempo. Ernes Gimson installò, proprio per evidenziare il legame con l antica tradizione medioevale considerata incontaminata, il suo laboratorio artigianale di mobili in aperta campagna, ebbe successo grazie alla produzione di semplici tavoli e sedie ispirati alla tradizione locale e di lavori più elaborati con ricchi intarsi e finiture. C.R. Ashbee nel 1888 fondò una cooperativa di artigiani a Londra che partì contando solo tre mèmbri (che impararono il mestiere per proprio conto) e in seguitò si sviluppò cosicché nel 1890 poté trasferirsi in una sede più grande e aprire un locale di vendita al dettaglio. La cooperativa era specializzata in argenti e produsse anche mobili per committenti privati; nel 1900 era nota anche fuori d'inghilterra, a Monaco di Baviera e a Vienna. Nel 1902 Ashbee decise di trasferirsi nuovamente, in un centro rurale (Chipping Campden, idilliaco villaggio del Gloucestershire), con il proposito di portare la comunità più a contatto con la natura e di insegnare ai contadini del luogo e 11

12 alla piccola nobiltà locale le delizie della "vita semplice". L'impresa fallì, non seppe mantenere i contatti con Londra poiché il costo dei trasporti era elevato e i lavori di maggior successo erano plagiati; così nel 1908 la cooperativa venne sciolta. W.A.S. Benson, amico e discepolo di William Morris, costituisce una sorta di eccezione in questo gruppo poiché si specializzò nella produzione di articoli di metallo: lampade, bollitori, teiere, caffettiere decidendo fin dall'inizio di lavorare su scala commerciale e di usare tecniche meccaniche anziché procedimenti manuali. Tutti i suoi prodotti erano il risultato di un profondo studio delle possibilità di produzione delle macchine da stampaggio, dei torni meccanici e degli utensili per la modellazione. Comunque, al volgere del secolo gli ideali delle Arts and Crafts erano stati in Inghilterra "istituzionalizzati", al punto che quasi tutti i posti chiave delle scuole di arti applicate e di design di tutto il paese erano occupati da artigiani. Gli ideali di Ruskin, insieme alle attività di Morris, si diffusero facilmente e la maggior parte delle officine, delle corporazioni d'arti e mestieri e delle aziende individuali sorte in Inghilterra negli ultimi vent anni dell Ottocento si volsero a promuovere un'alternativa al sistema industriale. Benché attualmente ai nostri occhi appaia chiaro che la via da seguire fosse quella tracciata dal pensiero di H. Cole (che potremmo riassumere nella formula fitness & price), questa fu lasciata cadere o più propriamente confusa e riassorbita anch essa nel discorso delle Arts and Crafts. Nel 1896 venne fondata a Londra la prestigiosa scola di design Central School of Arts and Crafts. Solo negli anni che precedenti alla Prima Guerra Mondiale, l'attenzione si spostò dal ruolo dell'artigianato a quello dell'industria; nel 1915 venne istituita la Design and Industries Association (DIA) che si ispirò al modello del Deutsche Werkbund (fondato in Germania nel 1907 con l'obiettivo di promuovere il "meglio nell'arte, nell'industria, nell'artigianato e nel commercio"); mentre l'organizzazione tedesca faceva capo ai concetti di razionalizzazione e di standardizzazione industriale, quella britannica continuò,invece, a collegare la produzione a etica ed estetica artigiane. Il problema della produzione era, agli inizi del Novecento, ancora visto in termini semplici: Riformulare la questione in altri termini, cioè: <<Che cosa è buono, che cos'è il meglio che sia possibile produrre a un dato prezzo>>, e il problema sarà automaticamente semplificato, se non addirittura risolto. Inutile dire che il problema del rapporto in fase di progettazione e produzione della relazione che dovesse intercorrere tra artigianato, arte ed industria non venne risolto così facilmente. Le potenzialità della produzione industriale vennero nella maggior parte dei casi trascurate dai teorici 12

13 che continuavano a preoccuparsi in primo luogo delle tradizioni di manualità; infatti la prosperità britannica offrì un mercato di prodotti di "manifattura artistica". In questo modo, paradossalmente, la nazione che aveva visto nascere sul suo territorio le più grandi invenzioni ed innovazioni che caratterizzarono e diedero vita al grande rinnovamento portato dalla Rivoluzione Industriale si presenta all inizio del XX secolo in netto ritardo rispetto a quelle nazioni (tra tutte la Germania) che avevano acquisito ed assorbito successivamente le nuove tecnologie. Mentre in Germania si affermavano standardizzazione, ripetizione e produzione in serie, i beni di consumo erano prodotti in grande varietà di modelli con brevi cicli di produzione. quella inglese può essere definita "industria artistica che, però, provocò la rinascita dell'artigianato in tutta Europa. Solo più avanti in Inghilterra si riconosce la professione di designer lontana dagli ideali artigianali. I primi Royal Designers for Industry vennero nominati nel 1936 ma lavoravano ancora in industrie tradizionali come fabbriche di tessuti, oggetti di metallo, vetri e ceramiche. (Fonte: Gillan Naylor Gran Bretagna:i grandi teorici, l industria e l ideale artigiano in Storia del Disegno industriale; lezione del Prof. Rocco Antonucci) Le prime leggi per una regolamentazione dell'igiene e sicurezza del lavoro Le prime leggi per una regolamentazione dell'igiene e sicurezza del lavoro vengono introdotte nelle diverse nazioni allo scopo di evitare degli incidenti sul lavoro ed erano relative all'obbligo di coprire i meccanismi delle macchine con una scocca. La prima nazione ad avere un occhio di riguardo nel campo della sicurezza sul lavoro fu l Austria che introdusse tali norme tra il 1883 il 1885, a seguire ci furono la Germania nel 1891, l Inghilterra tra il 1891 e il 1895 e la Francia nel La scocca viene quindi impiegata come protezione e con la sua forma nasconde la configurazione tecnica dell'oggetto. Si può affermare che è in questi anni che nasce la "carrozzeria," ossia l involucro, contenente oggetti o macchinari, spesso trattato come una forma a sé stante senza che sia tenuto in conto il contenuto. Da ricordare in ambito progettistico è anche il fenomeno dello sviluppo dell illuminazione a gas. Questa aveva visto i suoi sviluppi già nel 1813 a Londra e nel 1815 a Parigi e la sua progressiva affermazione e diffusione ha come diretta conseguenza lo sviluppo della vita notturna e avrà quindi,fin da subito, influenza sulle insegne pubblicitarie. (Fonte: Tomàs Maldonado Disegno industriale un riesame) 13

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Dall alchimia alla chimica

Dall alchimia alla chimica Dall alchimia alla chimica L alchimia (dall arabo al-kimiya = pietra filosofale; dal greco chymeia = mescolanza di liquidi) è intrisa di misticismo e di mistero. Anche se è errato considerare l alchimia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

WILHELM SENONER E UNO DI NOI

WILHELM SENONER E UNO DI NOI WILHELM SENONER E UNO DI NOI Dopo l installazione presso il Padiglione Italia di Torino in occasione della 54 Biennale d Arte di Venezia, una nuova metafora della condizione umana rappresentata dal lavoro

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé.

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Situato nel cuore della capitale italiana della moda e del design, lo showroom si affaccia sulla strada con due

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli