Design Inglese. Crystal Palace Progetto di Paxton. Londra 1851

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Design Inglese. Crystal Palace Progetto di Paxton. Londra 1851"

Transcript

1 Design Inglese Ricordando la Rivoluzione Industriale come quel periodo tra 700 ed 800 in cui l uomo ha fatto molte scoperte alle quali sono seguite ottime invenzioni in campo tecnico-scientifico, va anche detto che la nazione nella quale questo fenomeno di sviluppo prende il via è l Inghilterra. E qui, infatti, che si incontrano i primi oggetti davvero innovativi e che possono denominati sotto l etichetta di produzione industriale. Uno tra i primi prodotti da considerare davvero innovativo ed utile, è stato indubbiamente il telaio meccanico di Jacquard del 1801, fondato sull idea di rulli perforati che potevano programmare la decorazione dei tessuti. Non va dimenticato, però che già gli ultimi trent anni del Settecento videro una forte accelerazione nel mondo della tecnica in particolare in seguito alla scoperta del carbone fossile e al suo conseguente impiego in campo metallurgico per la fusione del ferro; tale impiego diede una grande svolta alla produzione di importanti manufatti (ricordiamo il già citato ponte sul fiume Severn, completamente costruito in officina e poi semplicemente montato sul posto). Un importante costruzione che diede ancor più l idea dei progressi che si stavano rapidamente effettuando fu il Crystal Palace: un edificio di solo ferro e vetro progettato da Paxton per ospitare la Prima Esposizione Universale a Londra nel 1851, pensato per essere montato in una zona della città (Hide Park) e poi smontato per essere rimontato da un altra parte. Paxton nasce come progettista di serre ed è proprio la tecnologia costruttiva di queste particolari strutture che egli utilizza per realizzare il Crystal Palace; questo si presenta come l unione di tanti moduli uguali composti da una struttura di ferro e acciaio e pannelli di vetro. La composizione modulare avrebbe offerto un assemblaggio continuo ed infinito; per spezzare questa linearità di composizione Paxton introdusse un transetto costruito comunque con lo stesso modulo. Crystal Palace Progetto di Paxton Londra

2 Come abbiamo già detto in Inghilterra che ha inizio la Rivoluzione Industriale ed è in questa nazione che per la prima volta ci si pone la domanda di se e come possano convivere artigianato ed industria. Nel 1832 sir Robert Peel, in occasione dell inaugurazione della National Gallery fa una dichiarazione alla camera dei comuni sostenendo che nel modo di fare didattica per le manifatture vi siano delle inadeguatezze. E in questo periodo che si sviluppa la proposta storicista portata avanti dal movimento del Gothic Revival. I suoi ideologi, Pugin e Ruskin, partono dall idea che nella società ottocentesca loro contemporanea ci sia una degenerazione non solo nell estetica degli oggetti ma radicata nella società stessa, quindi per migliorare i progetti si deve migliorare innanzitutto il campo sociale. Questo miglioramento può. a loro parere, avvenire solo ritornando al periodo medioevale caratterizzato da una società particolarmente spirituale e funzionali, durante il quale le arti si presentavano ancora tutte unite e durante il quale si è assistito alla costruzione delle grandi cattedrali. Ruskin negava che potessero esserci delle qualità associate alla produzione in serie; considera la standardizzazione, la ripetizione e la perfezione antiumanistiche e prive di valore. Con queste premesse, seppur strettamente teoriche e filosofiche, si giunge a dei risultati pratici che portano allo studio e alla riscoperta delle tecniche antiche di lavorazione per la produzione di oggetti. Alle problematiche sollevate da Robert Peel vi fu anche chi, resosi conto della totale assenza di principi e di unità all interno della metodologia produttiva, cercò di formulare le aspirazioni della progettazione verso la cultura dell industrializzazione. Le prime osservazioni riguardavano i prodotti della "manifattura artistica": tessuti, ceramiche, oggetti di metallo e mobili; queste manifatture erano perlopiù semimeccanizzate, e la loro produzione era diretta a una clientela borghese. Nel 1835 venne eletta una commissione speciale "per ricercare i modi migliori di diffondere la conoscenza delle arti e dei principi del design". Tale commissione fu costituita quando ci si rese conto che i beni di consumo prodotti dalle industrie britanniche non erano competitivi né apprezzati e la commissione giunse alla conclusione che ci fosse la necessità di una nuova figura che si occupasse appieno della produzione dei manufatti e che avesse quindi anche ben presente il potenziale acquirente del prodotto finito; infatti, in Inghilterra in questo periodo il disegnatore dei modelli e colui che li applica all industria sono due persone distinte. Il risultato della ricerca compiuta dalla commissione fece sì che nel 1837 venisse istituita a Londra la prima School of Design, per promuovere "la diretta applicazione pratica delle arti all'industria. Nei suoi primi anni di attività l'istituto londinese era poco più di una scuola di disegno il cui scopo 2

3 era di addestrare una generazione di artigiani disponibili per l industria, giacché il disegno al suo livello più elementare era un linguaggio di comunicazione universale. Con questi presupposti di organizzazione della didattica del progetto manifatturiero (decisamente vaghi), l Inghilterra approda alla Great Exibition organizzata a Londra nel L Esposizione Universale oltre che per il fantastico padiglione espositivo che la ospitava di cui abbiamo parlato in precedenza, il Crystal Palace, è importante dal punto di vista del design per ciò che esponeva. La si può ritenere la prima mostra ad esporre gli oggetti d uso presenti sui mercati di ogni nazione in quegli anni. Erano presenti espositori ed oltre articoli; vi furono più di sei milioni di visitatori. Il principe Alberto, patrocinatore dell'esposizione, considerava questa esposizione " il raggiungimento del fine a cui... tende tutta la storia: la realizzazione dell'unione di tutta l'umanità". Le nazioni partecipanti esponevano tanto macchine quanto manufatti, vi erano sezioni dedicate alla mineraria, alla chimica e all'ingegneria civile. Accanto ad oggetti indubbiamente utili, innovativi e ben fatti quali, per esempio, la sedia modello n 14 di Thonet, la prima macchina da scrivere prodotta dall italiano Ravizza, macchine trebbiatrici provenienti dagli Stati Uniti, i primi stereoscopi (che facendo vedere all interno di una specie di cannocchiale, che segregava la vista dei due bulbi oculari, due dagherrotipi mostrava un immagine unica e tridimensionale),il sassofono e la produzione etnica proveniente dalle colonie vi erano anche oggetti inutili o non funzionali o semplici soprammobili. Si nota quindi come, nonostante la vastità d'intenti, l'ambizione e l'euforia, l'esposizione mostra come sembra essersi perduta la capacità di attenersi a un qualsiasi criterio di forma e decorazione universalmente riconosciuto; rimane comunque notevole il significato che essa portava con sé, che qualcosa di nuovo stava nascendo o comunque che stava venendo allo scoperto la coscienza dell importanza nella vita di un uomo degli oggetti di cui fa abitualmente uso. La presenza di oggetti esteticamente curati ma poco utili, fece ritornare alcuni teorici a riflettere sulle problematiche sollevate già nel 1832 da R. Peel a proposito di una didattica per le manifatture. Le reazioni provocate dai prodotti presentati alla Grande Esposizione dimostrarono che i metodi proposti dalla School of Design non erano riusciti ad influenzare in maniera apprezzabile la nascente industria. Trascorsa la Great Exibition, l Inghilterra continuò a cercare una soluzione al problema della tipologia di rapporto che legasse artigianato ed industria, prima con l investimento di una maggiore quantità di capitali nel sistema industriale e, successivamente, con l'istituzione di un dicastero statale di Arti applicate che aveva il compito di stabilire e far applicare i programmi delle scuole in tutto il paese. Primo segretario di questo dicastero fu Henry Cole, funzionario statale che era anche stato organizzatore dell'esposizione Universale. 3

4 H. Cole si era occupato di problemi di disegno industriale già tra il Nel 1847 aveva anche fondato il "Journal of Design and Manufacture", sulle pagine del quale insieme ai suoi colleghi (tra tutti Owen Jones, Richard Redgrave e Gottfried Semper) esponeva le sue idee sul design - inteso nel significato originale della parola ossia disegno - e denunciava le lacune delle scuole di decorazione che avevano adempito alle loro originarie funzioni. Cole ottenne così di coordinare un programma di riforme che però rimasero importanti più per i principi espressi che per la pratica del design. Gli oggetti secondo lui dovevano presentarsi essenziali e monocromatici; progettò e produsse personalmente alcuni oggetti in ceramica, che, però presentano ancora alcuni alementi decorativi di tipo neoclassico che richiamano alla mente la produzione di Wedgwood. Oggetti in ceramica progettati da H.Cole Nel ritenere che l impiego delle macchine fosse indispensabile per poter raggiungere la pulizia della forma, H. Cole si appoggiò alle teorie filosofiche empiriste, in particolar modo a quelle dell amico Stuart Mill il quale sosteneva che la logica proceda attraverso il metodo induttivo e che per questo l induzione e l esperienza sono quelle che determinano le teorie. H. Cole credeva nella possibilità di individuare norme sicure su cui fondare la progettazione (anche e soprattutto attraverso prove ed esperimenti); credeva anche che un passo molto importante in questo senso fosse da fare nella scelta degli insegnanti nelle scuole che dovevano condividere i suoi propositi; per questo motivo molti li scelse personalmente e risultano essere appartenuti al gruppo di storici ed artisti che si era creato attorno a lui. Ricordiamo di seguito alcuni insegnanti vicini sia per amicizia che per ideali a H. Cole. Owen Jones fu architetto e teorico del colore, si dedicò anche attentamente allo studio della botanica (nelle scuole di decorazione che venne insegnata per tutta l'era di Cole nelle scuole di decorazione) per trovare le forme più adeguate da applicare al prodotto manifatturiero partendo dal presupposto che se esistevano in natura questo significava che erano indubbiamente giuste ; proponeva un disegno inoltre netto e a campiture piene che evidenzia come i suoi principi riguardassero la creazione di modelli bidimensionali e quindi, in particolare, la produzione di 4

5 tessuti e di tappezzerie. Negli anni successivi all'esposizione, Owen Jones pubblicò la Grammar of Ornament nella quale volle descrivere quelle che considerava le "leggi generali" del "linguaggio della forma", riferite alla "distribuzione della forma in natura". Per lui il futuro progresso dell'arte Ornamentale, poteva essere raggiunto per mezzo del riconoscimento delle leggi immutabili rivelate da quanto era stato realizzato dalle culture precedenti e dalla natura. Affiancandosi alle teorie evoluzioniste di Lamark (già riprese come si è detto da Stuart Mill) sosteneva che, così come in natura si è assistito all evoluzione delle specie animali e vegetali, anche il progetto avrebbe avuto una sua evoluzione e che questa però sarebbe potuta avvenire con l ausilio delle macchine nel campo della produzione. Richard Redgrave fu un pittore ma si dedicò anche alla produzione e realizzazione di alcuni oggetti, anch egli insiste particolarmente sull ornamento e sul fatto che non se ne debba abusare. Gottfried Semper fu un architetto tedesco che arrivò a Londra nel 1850, all'età di 47 anni, e ottenne un posto di docente nelle scuole di decorazione per via del suo interesse per le questioni teoriche e per la sua conoscenza delle tendenze architettoniche contemporanee nell'europa continentale. In occasione della Great Exibition si era occupato di allestire i padiglioni di Turchia, Svezia, Canada e Danimarca. Semper è convinto che la progettazione dovrebbe svilupparsi secondo una sorta di principio evolutivo per cui dovrebbe adeguarsi ai fini; tale idea nacque in seguito alle visite effettuate al Jardin des Plantes di Cuvier a Parigi dove era fuggito dopo i moti di Dresda prima di giungere a Londra- a riguardo dei quali scrive: "In questa magnifica collezione... ravvisiamo i tipi di tutte le forme più complicate del mondo vivente; vediamo la natura che si evolve, con tutta la sua varietà e la sua immensa ricchezza, estremamente sobria e parsimoniosa in tutte le sue forme e i suoi motivi...un metodo analogo a quello seguito da Cuvier, applicato all'arte e in particolare all'architettura, contribuirebbe almeno a consentire una chiara visione di tutto il suo territorio, e forse anche a formare la base di una dottrina dello stile, e una specie di topica o metodo su come inventare.. Vicino al pensiero di Jones, Semper era convinto che la natura fornisse le analogie e i prototipi utili alla progettazione di qualsiasi tipologia di oggetto; con Jones condivideva anche la convinzione che i prodotti delle culture "primitive" presentassero una perfetta sicurezza stilistica, ma credeva anche che le macchine e gli oggetti puramente funzionali (armi e carrozze) 5

6 che erano state proposte all Esposizione del 1851 dimostrassero come il loro processo progettuale e produttivo fosse stato determinato dai materiali impiegati e dai processi di produzione attuati evolvendosi per soddisfare una necessità. A riguardo dell ornamento riteneva che non dovesse essere totalmente eliminato ma piuttosto che si sarebbe dovuto anch esso sviluppare in forme più appropriate ed adeguate alla produzione industriale. Ci fu uno studente di Semper che ne assorbì in particola modo il pensiero: Christopher Dresser. Dresser studiò alla scuola di decorazione, vi insegnò botanica e scrisse diversi libri. Progettò oggetti metallici, vetri, ceramiche e disegni di tessuti; in tutte queste tipologie di oggetti si ritrovano gli spunti e gli insegnamenti che egli trasse dai suoi viaggi in Giappone e dall attenta osservazione degli oggetti d uso della tradizione nipponica che riuscì a trasferire nel mondo della produzione manifatturiera inglese impiegando i materiali diffusi in occidente. Christopher Dresser, fu il primo a voler tentare di riportare realmente tutte le teorie esposte a favore dell impiego di macchinari, meritandosi così, secondo il parere di alcuni studiosi, la carica di primo designer della storia. I suoi oggetti si presentano molto essenziali nella forma proprio per poter essere prodotti non a mano ma con delle macchine, e quindi per poter essere anche riprodotti; egli punta anche alla valorizzazione del materiale di cui un oggetto è costituito e a conferire una certa unità stilistica alla sua produzione. Tre teiere. C. Dresser. 6

7 Zuccheriera Candelieri in Silver plate 1864 C. Dresser C. Dresser Porta condimenti 1881 Reggi bollitore 1878 Porta condimenti 1881 C. Dresser Caraffa in vetro e silver plate C. Dresser 1878 Porta toast C. Dresser

8 Vi fu anche un altra risposta ai problemi rimarcati dall Esposizione Universale; quella del movimento dell Arts & Crafts sorto attorno alla figura di William Morris che riprese il discorso, precedentemente avanzato dai sostenitori del Gothic Revival, del rifiuto dell'industrializzazione e di tutto ciò che questa implicava. W. Morris, in particolare, mise in dubbio i presupposti di "progresso" ispiratori dell Esposizione (che neppure andò a visitare in segno di sdegno nei confronti della manifestazione) e l'insegnamento delle scuole di decorazione. Morris rifiutava le qualità della produzione in serie quali standardizzazione, ripetizione, perfezione giudicandole prive di valore. William Morris fu essenzialmente un autodidatta. La sua ditta produceva mobili, ceramiche e vetri, ma si concentrò molto anche sul disegno bidimensionale e quindi sulla produzione di ricami, vetrate colorate, carte da parati, tessuti, tipografia ed editoria. Osservando attentamente le sue realizzazioni di tessuti si può facilmente notare come egli evitasse il più possibile le composizioni simmetriche e bidimensionali (tipici dei modelli delle scuole di decorazione) e insistesse, al contrario sulla necessità di un'abbondanza di significato nei motivi decorativi. Carte da parati Disegnate da W. Morris 8

9 Alla base di tutta la sua produzione si trova, infatti, l idea che più lavoro manuale e cura dell artigiano si trovano nell oggetto prodotto più l oggetto ha valore sociale e quindi contribuisce meglio al miglioramento sociale che egli auspicava, esattamente come accadeva in epoca medioevale quando erano le corporazioni artigiane a gestire la produzione degli oggetti d uso. In questo modo però la produzione non poteva che essere costosa e trovare acquirenti solo tra le file dell'aristocrazia e dell'alta borghesia, facendo sì, quindi che gli ideali socialisti di partenza non trovassero in realtà uno sbocco. Si dedicò comunque intensamente alla politica, Morris aderendo al socialismo nel 1883 poiché davvero voleva che potesse accadere di ottenere "per tutto il popolo, adeguatamente organizzato, il possesso e il controllo di tutti i mezzi di produzione e di scambio, distruggendo al tempo stesso tutte le rivalità nazionali". Morris aveva letto Il capitale di Marx e ne era rimasto colpito ;da questa lettura derivò il pensiero che solo conducendo la società al socialismo si potesse migliorare la progettazione. Insieme al gruppo che si era formato attorno a lui, nel 1959, realizzò la Red House, una sorta di edificio manifesto di tale pensiero dalla quale traspare una tipologia lavorativa vicina a quella dell epoca medioevale sia negli interni che nella struttura. Red House Progetto di W. Morris 1859/65 Credenza nel soggiorno della Red House 9

10 Camera da letto nell attico della Red House Nel 1862 Morris fonda la Morris Marshall Fulkner & Co che produce oggetti artigianali di qualità, che possano elevare le persone, in quantità da poter essere acquistati ed utilizzati da molti; ma, come abbiamo detto, in realtà i prezzi di vendita degli oggetti finiti risultarono così alti da poter essere acquistati solo dalla popolazione ricca; gli stessi prezzi di realizzazione e acquisizione dei materiali erano elevati e la ditta ebbe vita assai breve. Due esempi di sedie prodotte dalla Morris Marshall Fulkner & Co Nonostante i reali costi elevati è attorno agli ideali del movimento del Gothic Revival prima e delle Arts & Crafts dopo che l Inghilterra rispose alla ricerca di uno stile ed al bisogno di estetica e utilità negli oggetti da produrre senza ricorrere all impiego delle macchine. E, infatti grazie al movimento Arts & Crafts, piuttosto che per via delle proposte di produzione essenziale e funzionale di C. Dresser, che le arti applicate, ormai da tempo considerate minori rispetto a pittura, scultura ed 10

11 architettura, vengono rivalutate e considerate il massimo dell espressività umana. La fortuna del movimento probabilmente sta in questa insistenza sulla responsabilità sociale e nella convinzione che la società debba anteporre gli uomini alle macchine e la moralità al profitto. L'ideale, proposto a suo tempo da Ruskin, di lavorazione artigiana stimolò gli artisti-artigiani delle Arts and Crafts a lavorare in imprese individuali piuttosto che collettive, impiegare processi e tecniche manuali e a rifiutare la produzione meccanica. La collaborazione con l'industria era inconcepibile per chi seguiva i precetti di Ruskin e Morris che ricorrevano alle regole della tradizione e richiedevano metodi di lavorazione e di produzione che preservassero la continuità con l'artigianato passato (nell esposizione delle loro teorie sul recupero delle arti minori sia Ruskin e Pugin sia Morris ritenevano indispensabile ricorrere al vecchio metodo di produzione artigianale delle antiche corporazioni e consideravano quindi, le macchine come produttrici di oggetti degradati e, di conseguenza, anche di una società degradata), appoggiandosi,però, anche a ideali socialisti, ritenendo che solo una democrazia socialista avrebbe potuto assicurare la sopravvivenza e la rinascita di un' "arte fatta dal popolo e per il popolo, una gioia per chi la creava e per chi ne fruiva". Abbiamo detto che attorno a Morris lavorò un gruppo di artisti, ne presentiamo di seguito alcune delle personalità più interessanti. A.H. Mackmurdo nel 1884 fondò la sua Century Guild con il proposito "di rendere appannaggio dell'artista, e non più del commerciante, ogni branca dell'arte", disegnò mobili, tessuti e carte da parati che venivano fabbricati da imprese specializzate esponendoli anche in fiere commerciali specializzate. C.F.A. Voysey giunse a farsi un nome come brillante architetto, ma disegnò anche tessuti e tappeti per la maggior parte delle principali industrie britanniche del tempo. Ernes Gimson installò, proprio per evidenziare il legame con l antica tradizione medioevale considerata incontaminata, il suo laboratorio artigianale di mobili in aperta campagna, ebbe successo grazie alla produzione di semplici tavoli e sedie ispirati alla tradizione locale e di lavori più elaborati con ricchi intarsi e finiture. C.R. Ashbee nel 1888 fondò una cooperativa di artigiani a Londra che partì contando solo tre mèmbri (che impararono il mestiere per proprio conto) e in seguitò si sviluppò cosicché nel 1890 poté trasferirsi in una sede più grande e aprire un locale di vendita al dettaglio. La cooperativa era specializzata in argenti e produsse anche mobili per committenti privati; nel 1900 era nota anche fuori d'inghilterra, a Monaco di Baviera e a Vienna. Nel 1902 Ashbee decise di trasferirsi nuovamente, in un centro rurale (Chipping Campden, idilliaco villaggio del Gloucestershire), con il proposito di portare la comunità più a contatto con la natura e di insegnare ai contadini del luogo e 11

12 alla piccola nobiltà locale le delizie della "vita semplice". L'impresa fallì, non seppe mantenere i contatti con Londra poiché il costo dei trasporti era elevato e i lavori di maggior successo erano plagiati; così nel 1908 la cooperativa venne sciolta. W.A.S. Benson, amico e discepolo di William Morris, costituisce una sorta di eccezione in questo gruppo poiché si specializzò nella produzione di articoli di metallo: lampade, bollitori, teiere, caffettiere decidendo fin dall'inizio di lavorare su scala commerciale e di usare tecniche meccaniche anziché procedimenti manuali. Tutti i suoi prodotti erano il risultato di un profondo studio delle possibilità di produzione delle macchine da stampaggio, dei torni meccanici e degli utensili per la modellazione. Comunque, al volgere del secolo gli ideali delle Arts and Crafts erano stati in Inghilterra "istituzionalizzati", al punto che quasi tutti i posti chiave delle scuole di arti applicate e di design di tutto il paese erano occupati da artigiani. Gli ideali di Ruskin, insieme alle attività di Morris, si diffusero facilmente e la maggior parte delle officine, delle corporazioni d'arti e mestieri e delle aziende individuali sorte in Inghilterra negli ultimi vent anni dell Ottocento si volsero a promuovere un'alternativa al sistema industriale. Benché attualmente ai nostri occhi appaia chiaro che la via da seguire fosse quella tracciata dal pensiero di H. Cole (che potremmo riassumere nella formula fitness & price), questa fu lasciata cadere o più propriamente confusa e riassorbita anch essa nel discorso delle Arts and Crafts. Nel 1896 venne fondata a Londra la prestigiosa scola di design Central School of Arts and Crafts. Solo negli anni che precedenti alla Prima Guerra Mondiale, l'attenzione si spostò dal ruolo dell'artigianato a quello dell'industria; nel 1915 venne istituita la Design and Industries Association (DIA) che si ispirò al modello del Deutsche Werkbund (fondato in Germania nel 1907 con l'obiettivo di promuovere il "meglio nell'arte, nell'industria, nell'artigianato e nel commercio"); mentre l'organizzazione tedesca faceva capo ai concetti di razionalizzazione e di standardizzazione industriale, quella britannica continuò,invece, a collegare la produzione a etica ed estetica artigiane. Il problema della produzione era, agli inizi del Novecento, ancora visto in termini semplici: Riformulare la questione in altri termini, cioè: <<Che cosa è buono, che cos'è il meglio che sia possibile produrre a un dato prezzo>>, e il problema sarà automaticamente semplificato, se non addirittura risolto. Inutile dire che il problema del rapporto in fase di progettazione e produzione della relazione che dovesse intercorrere tra artigianato, arte ed industria non venne risolto così facilmente. Le potenzialità della produzione industriale vennero nella maggior parte dei casi trascurate dai teorici 12

13 che continuavano a preoccuparsi in primo luogo delle tradizioni di manualità; infatti la prosperità britannica offrì un mercato di prodotti di "manifattura artistica". In questo modo, paradossalmente, la nazione che aveva visto nascere sul suo territorio le più grandi invenzioni ed innovazioni che caratterizzarono e diedero vita al grande rinnovamento portato dalla Rivoluzione Industriale si presenta all inizio del XX secolo in netto ritardo rispetto a quelle nazioni (tra tutte la Germania) che avevano acquisito ed assorbito successivamente le nuove tecnologie. Mentre in Germania si affermavano standardizzazione, ripetizione e produzione in serie, i beni di consumo erano prodotti in grande varietà di modelli con brevi cicli di produzione. quella inglese può essere definita "industria artistica che, però, provocò la rinascita dell'artigianato in tutta Europa. Solo più avanti in Inghilterra si riconosce la professione di designer lontana dagli ideali artigianali. I primi Royal Designers for Industry vennero nominati nel 1936 ma lavoravano ancora in industrie tradizionali come fabbriche di tessuti, oggetti di metallo, vetri e ceramiche. (Fonte: Gillan Naylor Gran Bretagna:i grandi teorici, l industria e l ideale artigiano in Storia del Disegno industriale; lezione del Prof. Rocco Antonucci) Le prime leggi per una regolamentazione dell'igiene e sicurezza del lavoro Le prime leggi per una regolamentazione dell'igiene e sicurezza del lavoro vengono introdotte nelle diverse nazioni allo scopo di evitare degli incidenti sul lavoro ed erano relative all'obbligo di coprire i meccanismi delle macchine con una scocca. La prima nazione ad avere un occhio di riguardo nel campo della sicurezza sul lavoro fu l Austria che introdusse tali norme tra il 1883 il 1885, a seguire ci furono la Germania nel 1891, l Inghilterra tra il 1891 e il 1895 e la Francia nel La scocca viene quindi impiegata come protezione e con la sua forma nasconde la configurazione tecnica dell'oggetto. Si può affermare che è in questi anni che nasce la "carrozzeria," ossia l involucro, contenente oggetti o macchinari, spesso trattato come una forma a sé stante senza che sia tenuto in conto il contenuto. Da ricordare in ambito progettistico è anche il fenomeno dello sviluppo dell illuminazione a gas. Questa aveva visto i suoi sviluppi già nel 1813 a Londra e nel 1815 a Parigi e la sua progressiva affermazione e diffusione ha come diretta conseguenza lo sviluppo della vita notturna e avrà quindi,fin da subito, influenza sulle insegne pubblicitarie. (Fonte: Tomàs Maldonado Disegno industriale un riesame) 13

Gran Bretagna: i grandi teorici l industria e l ideale artigianato

Gran Bretagna: i grandi teorici l industria e l ideale artigianato Gran Bretagna: i grandi teorici l industria e l ideale artigianato II resoconto del "Times" sull'inaugurazione della Grande Esposizione del maggio 1851 dà un'idea dell'euforia iniziale destata dall'evento.

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta Formazione Artistica Ministero dell Università e della Ricerca.

Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta Formazione Artistica Ministero dell Università e della Ricerca. Presentazione quadro di riferimento del mondo dell istruzione secondaria e terziaria e possibili interazioni con il mondo delle imprese. Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE

L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE L INNOVAZIONE NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE UNA LUNGA STORIA DI SUCCESSI Dalla ceramica alle vernici Il Marchio POZZI Vernici è parte della storia prestigiosa del Gruppo Pozzi-Richard- Ginori, un azienda

Dettagli

P A R L I A M O D I...

P A R L I A M O D I... PARLIAMO DI... ASSOLUTAMENTE NUOVI. ASSOLUTAMENTE UNICI! DI NARA STEFANELLI PARLIAMO DI... R enova sarà la novità assoluta di Tanexpo 2014. Un brand che attraverso il nome stesso vuole trasmettere il concetto

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO Rimini Fiera 7-10 novembre 07 Presentazione La presenza dell U.O.S. Tutela dell Ambiente Naturale fra le iniziative previste nella manifestazione fieristica 2007 nasce dal desiderio di approfittare di

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. POZZO 22. ing. Luca Springhetti

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. POZZO 22. ing. Luca Springhetti Due altri tipici prodotti architettonici del mondo industriale e commerciale furono, nel XIX secolo, i grandi magazzini e i padiglioni delle Esposizioni Universali. A Parigi A.G. Eiffel e L.A. Boileau

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Norma ISO 9000. appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 68

Norma ISO 9000. appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 68 Norma ISO 9000 appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 68 appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 69 appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 70 Grado di conformità

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo Sede del master: Milano Data del master: Dal 10 al 22 giugno 2013 Durata: 100 ore in full immersion 2 settimane di stage in tutta Italia presso uffici stile, laboratori di moda, atelier e show room Numero

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

Il laboratorio di Rota-lab.

Il laboratorio di Rota-lab. Il laboratorio di Rota-lab. ROTA-LAB MISSION Rota-lab è un laboratorio di arti applicate dedicato alla creazione artigianale di arredamento di design. Attraverso la lavorazione artigianale di legno, metalli

Dettagli

Gamberame Nord Vaiano, Prato

Gamberame Nord Vaiano, Prato Gamberame Nord Vaiano, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE L IMPIANTO IDROELETTRICO DI GAMBERAME E IL SUO GIARDINO DELLE RINNOVABILI Roberto Gualtieri - presidente di H2E srl In questi periodi dove

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Prima della fotografia

Prima della fotografia LA FOTOGRAFIA Prima della fotografia Gli esperimenti sul rapporto fra luce e immagine cominciano nell'antica Grecia e attraversano tutta la storia della società occidentale. Antenati della foto e del cinema

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine

Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine Abadir si trova a Sant Agata Li Battiati, comune situato a circa 10 km da Catania, in un antica villa che ha assunto l attuale aspetto tra la fine del 700 e il 1840. La villa è un antico caseggiato costruito

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGETTARE IL FUTURO. Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro. Presentazione

PROGETTARE IL FUTURO. Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro. Presentazione PROGETTARE IL FUTURO Oggetto: Progetto Orientamento Isc Montegranaro Presentazione La finalità fondamentale dell orientamento è promuovere lo sviluppo della persona. Scuola, Famiglia e Territorio hanno

Dettagli

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

N e w s a z i e n d e

N e w s a z i e n d e N e w s a z i e n d e pilla, lo stile ha un volto Intervista a Ivo Sedazzari, il designer che da oltre trent anni collabora con l azienda vicentina nella creazione degli oggetti d arte funeraria. Un sodalizio

Dettagli

IL PROCESSO PROGETTUALE E I SUOI ATTORI

IL PROCESSO PROGETTUALE E I SUOI ATTORI Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL PROCESSO PROGETTUALE

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

A c s in tutte le citt` europee

A c s in tutte le citt` europee A c s in tutte le citt` europee baukreativ AG 02 baukreativ AG Non basta arrivare in prima fila, bisogna mantenere la posizione raggiunta. Questo riesce al meglio se seguiti da un partner con una lunga

Dettagli

percorsi professionali

percorsi professionali percorsi professionali Studio SOLIDEA propone corsi per la formazione di giovani designer interessati alle materie artistiche e creative, o per l aggiornamento di chi già esercita la professione di stilista/modellista

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA INDICE

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

GRAFICA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano GRAFICA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Le principali tecniche tradizionali della grafica d arte, nate al traino delle grandi invenzioni della carta e della stampa, si distinguono per la natura

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

TESSIAMO SOLUZIONI. Archi-center

TESSIAMO SOLUZIONI. Archi-center Giordano Guarducci vanta oltre 25 anni di esperienza nella progettazione di tessuti per arredamento e collabora con i più prestigiosi studi di architettura G&G Interior Design propone ai propri clienti

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Il Progetto educativo e formativo del Liceo Artistico G. de Chirico è finalizzato alla crescita globale

Dettagli

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante

MUSEOLOGIA. Prof. Francesco Morante MUSEOLOGIA Prof. Francesco Morante I.C.O.M. International Council of Museum Organizzazione internazionale non governativa che ha sede presso l UNESCO. Fondata nel 1948, coordina le attività museali in

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE 26 OTTOBRE 2015 RELAZIONE PRESIDENTE ing. Filippo Pontiggia E da poco più di un anno che ricopro la carica di Presidente del Gruppo Giovani, un anno trascorso velocemente, ricco

Dettagli

Tutte le forme del libro.

Tutte le forme del libro. Tutte le forme del libro. I mestieri del libro Per noi di PGM il libro è un oggetto da produrre in vista del massimo piacere per il lettore: utile, pratico, solido, maneggevole, bello. È la base materiale

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli