Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 A cura di Rosario Forlano * MEDICINA Quel pallone... BIB dentro me! Trattamento endoscopico dell'obesità obesità è una patologia in costante aumento e di difficile soluzione, il cui trattamento è ricco di fallimenti e povero di soddisfazioni. A lungo la medicina ufficiale ha mostrato scarso interesse per questo campo lasciandolo invadere da operatori non propriamente sanitari, e favorendo il proliferarsi di leggende metropolitane che ora risulta difficile rimuovere. Quindi parlando di obesità è necessario porre alcune giuste premesse per poter affrontare correttamente il problema. L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall aumento della massa corporea grassa, soprattutto di quella intraddominale. Il termine cronico sottolinea come la persona obesa debba confrontarsi con questo problema per tutta la vita e che l abbassamento della guardia favorisce la recidiva dell obesità. La mancata accettazione del concetto di cronicità porta il paziente a dimagrire durante un breve periodo di sacrificio ed a riprendere successivamente i chili persi non appena ritiene di poter abbandonare il regime dietetico, queste variazioni del peso costituiscono il cosiddetto andamento a jo jo. La classificazione dell obesità si basa sul valore del BMI (Body Mass Index) anche detto IMC (Indice di Massa Corporea) che si calcola dal rapporto fra peso ed altezza (Tab. 1) del paziente; si identificano così il normopeso (BMI= ), il sovrappeso (BMI= ), l obesità lieve (BMI= ), l obesità moderata (BMI= ), l obesità severa (BMI= ), la superobesità (BMI>50) e la supersuperobesità (BMI>60). Tranne in ben individuate e rare malattie endocrine, l obesità si verifica a causa di un eccessivo introito alimentare e quindi calorico, che si prolunga nel corso di anni. La prima ed immediata terapia dell obesità è costituita da un regime dietetico controllato. Per ottenere risultati è necessaria molta convinzione e moltissima forza di volontà; il dimagrimento è ottenibile a costo di sacrifici e può diventare stabile solo quando si modificano definitivamente le abitudini alimentari. Uno studio condotto su pezzi anatomici, ha evidenziato che le dimensioni, il volume ed il peso dello stomaco di persone obese non presentano significative differenze rispetto a quelle dello Tab. 1 Ospedale pugliasalute - trenta - febbraio 2007

2 stomaco di persone normopeso. Questo studio esclude quindi che variazioni anatomiche dello stomaco possano essere causa dell obesità, conseguentemente punta il dito in modo chiaro sulla volontà ad alimentarsi in modo eccessivo; la famiglia, il mondo del lavoro e le frequentazioni sociali sono gli ambiti in cui le abitudini alimentari sbagliate vanno ricercate e corrette. Lo stato di salute del paziente obeso subisce, inizialmente in modo poco appariscente, l effetto nefasto dell obesità. Di questo effetto è necessario prendere coscienza perchè il paziente spesso collega il dimagrimento al solo miglioramento estetico, di cui può non sentirne il bisogno. Invece il dimagrimento è necessario per bloccare l evoluzione delle cosiddette comorbidità: ipertensione arteriosa, malattie cardiache, respiratorie ed epatiche, diabete mellito e ipercolesterolemia, malattie osteo-articolari della colona vertebrale, del ginocchio e delle caviglie. Queste malattie sono indotte o aggravate dall obesità, e la prevenzione o la terapia di queste malattie prevede innanzitutto il calo del peso. Quindi la proposta di una ben documentata tecnica di dimagrimento non deve preoccupare meno del persistere dell obesità. Il dimagrimento della persona obesa è strettamente legato alla capacità di seguire una dieta bilanciata, ipocalorica ed ipolipidica che ha l obiettivo di ridurre la massa grassa, lasciando inalterata la massa magra muscolare. Per ottenere questo in modo stabile è necessario costruirsi un nuovo stile di vita adattato alla dieta e non subire la dieta come una imposizione temporanea da cui liberarsi dopo breve tempo. Alla dieta deve accompagnarsi una attività fisica che deve essere costante nel tempo ed incrementata gradualmente; per esempio passeggiare quotidianamente per mezzora o un ora, salire e scendere le scale senza usare l ascensore, andare a fare la spesa a piedi; questo consentirà anche se lentamente di bruciare i grassi di deposito. E invece controproducente lo sforzo intenso ed acuto concentrato in un solo giorno; questa attività induce consumo di zuccheri, abbassa la glicemia e comporta un controproducente aumento dell appetito con effetto opposto al dimagrimento. Dopo numerosi fallimenti dietetici il paziente obeso entra a far parte di un folto gruppo di persone che vive con rassegnazione l aumento progressivo del proprio peso. Prima di proporre l intervento di chirurgia bariatrica, a questo gruppo di persone il trattamento endoscopico con il palloncino intragastrico offre una importante soluzione alternativa. Il palloncino intragastrico Il BIB è un trattamento temporaneo, efficace, non invasivo e reversibile. La non invasività è correlata alla tecnica perché il posizionamento del palloncino avviene attraverso la bocca senza dover creare aperture chirurgiche; la reversibilità è dimostrata dal ritorno alla normalità dello stomaco dopo la rimozione del palloncino intragastrico. L idea del palloncino intragastrico nasce negli anni ottanta, dall osservazione clinica di pazienti che presentano bezoari nello stomaco, cioè accumulo spontaneo di materiale alimentare indigerito. La presenza di questo materiale nello stomaco causava nei pazienti perdita di appetito e dimagrimento, fino ad uno stato quasi cachettico. Viene allora creato un beozaro artificiale di forma simile ad una lattina di coca-cola, riempito con aria e depositato nello stomaco. Questo sistema, noto come il palloncino di Garren-Edward, si dimostra però scarsamente efficace e gravato da un alto numero di complicanze, per cui viene abbandonato. Ma l esperienza maturata risulta utile per creare un palloncino con nuove caratteristiche; forma sferica, consistenza morbida, radiopaco, riempito con acqua, di volume modificabile: il Bioenterics Intragastric Balloon (BIB). Il suo meccanismo d azione è basato sulla occupazione di parte della cavità gastrica con riduzione dello spazio a disposizione per il cibo; il peso del palloncino induce distensione della parete dello stomaco e ritardato svuotamento gastrico; tutti questi elementi combinati fra di loro portano al senso di sazietà precoce; è poi presente un generico disconfort addominale con nausea, vomito e dolore che contribuiscono a ridurre ulteriormente il gusto per il cibo e quindi di fatto riducono l appetito. L effetto ultimo è la maggiore capacità del paziente a rispettare la dieta proposta. Le indicazioni al posizionamento del BIB sono rappresentate da: 1- Obesità lieve e moderata dopo fallimenti dietetici 2- Obesità severa, superobesità e supersuperobesità come preparazione alla chirurgia bariatrica per ridurre il rischio anestesiologico e cardiovascolare o per ridurre il rischio di conversione laparoscopicolaparotomico nell intervento di bendaggio gastrico; infatti con il dimagrimento si ha la riduzione del grasso intraddominale e del volume del lobo sinistro del fegato, che possono costituire un ostacolo durante l intervento laparoscopico; quando è controindicata la chirurgia bariatrica; quando il paziente rifiuta la chirurgia bariatrica. 3- Obesità lieve, moderata, severa, superobesità e supersuperobesità come preparazione alla chirurgia addominale, ortopedica, cardiaca e vascolare per ridurre il rischio anestesiologico e cardiovascolare. Il sistema BIB è controindicato nei seguenti casi: Antecedente intervento chirurgico sullo stomaco Ernia iatale di diametro oltre i 5cm pugliasalute - trentuno - febbraio 2007

3 Patologie in atto a carico di esofago, stomaco e duodeno come stenosi o diverticoli dell esofago, esofagite da reflusso, varici esofagee o gastriche, ulcera gastrica o duodenale Recente trattamento per neoplasia maligna Scarsa affidabilità per problemi psicologici, abuso di alcool o uso di droga. Costituiscono invece una controindicazione relativa l assunzione cronica di farmaci a rischio e la gravidanza o l allattamento. Quando sono risolte queste condizioni, è possibile posizionare il palloncino intragastrico. Trattamento Poiché l obesità è una condizione patologica complessa, è necessario costituire una equipe multidisciplinare per affrontare compiutamente tutte le problematiche correlate all obesità. Il reclutamento dei pazienti inizia con un colloquio fra l endoscopista e il paziente, per verificare l indicazione al trattamento, ed informare compiutamente il paziente dei vantaggi, dei limiti e delle complicanze legate alla metodica. Il reclutamento può anche iniziare con una valutazione dell internista, del Fig.7 dietologo o dell endocrinologo. Qualunque sia il punto iniziale, il paziente viene successivamente valutato anche dagli altri specialisti sopracitati. Quindi si passa ad una visita dello psicologo e/o dello psichiatra e di eventuali altri specialisti necessari in base alle condizioni cliniche del paziente. Fig.4 Fig.2 Questo iter si compie ambulatoriamente nell arco di 1-2 mesi, e ciò costituisce un lasso di tempo utile al paziente per maturare la convinzione sul trattamento. Il posizionamento del palloncino viene effettuato in regime di ricovero ospedaliero, in sedazione anestesiologica profonda. La presenza dell anestesista durante le manovre suscita un erroneo senso di paura, mentre costituisce un importante garanzia per il paziente le cui funzioni vitali (cardiaca e respiratoria) vengono costantemente monitorizzate; inoltre il paziente non ha alcun ricordo delle manovre e l endoscopista può concentrarsi esclusivamente sulla tecnica endoscopica. Il sistema BIB (Fig. 1-2) è costituito dal catetere di posizionamento; ad una estremità è collocato il palloncino di silicone sgonfiato mentre all estremità opposta è collegato un raccordo Luer per il sistema di riempimento. Il catetere presenta all interno un mandrino di irrigidimento. Le manovre cominciano con un esame endoscopico Fig.1 dell esofago, dello stomaco e del duodeno per accertarsi che questi visceri siano sani. Dopo il completamento dell esame endoscopico, si introduce dalla bocca il sistema palloncino-catetere come un normale sondino. Al raggiungimento del cavo gastrico, si ha la sensazione della cessata resistenza, corrispondente ad una misurazione di riferimento. Si sfila il mandrino, si collega il catetere alla siringa e sotto controllo endoscopico si riempie il palloncino con 500cc di soluzione fisiologica e 10cc di blu di metilene. Infine, con un lieve strappo, si stacca il catetere ed il palloncino rimane libero nel cavo gastrico (Fig. 3-4). Dopo il posizionamento del BIB il paziente osserva 24 ore di digiuno, che continua se persistono nausea, vomito e dolore addominale. A 24 ore si esegue un controllo ecografico (Fig. 5) della posizione e della dimensione del palloncino, che serviranno di riferimento per i controlli successivi. Alla cessazione dei disturbi il paziente riprende l alimentazione con Fig.3 una bevanda, prosegue con una dieta liquida e può essere dimesso. Successivamente si passa a cibi semiliquidi e quindi Fig.5 ad una alimentazione quasi normale con una dieta di Kcal/die osservando alcune precauzioni come bere almeno 1500cc di acqua, mangiare lentamente, masticare con cura, cenare almeno due ore prima di andare a dormire, escludere dalla alimentazione pesce spinato, cibo duro o altri alimenti che possono lesionare il palloncino. Il posizionamento del palloncino è seguito da una prescrizione dietetica, quindi Fig.6 non va visto in antitesi ma in associazione ad un regime dietetico. Durante il periodo di permanenza del palloncino nel cavo gastrico sono prescritti un antiacido ogni giorno e antispastici ed antiemetici al bisogno. La presenza del palloncino nel cavo gastrico non limita le normali attività del paziente. Nei mesi successivi il paziente deve controllare il peso corporeo, la quantità ed il colore delle urine; seguire la dieta prescritta, riprendere l attività fisica, usufruire del supporto multidisciplinare. I problemi che si possono verificare in corso di trattamento sono principalmente tre: 1- La mancanza di fastidi, come se il palloncino non fosse presente nel cavo gastrico; questo spesso corrisponde al fallimento del trattamento. 2- Un eccesso di sintomi, soprattutto dolore e vomito, possono portare il paziente a chiedere la rimozione precoce del palloncino. pugliasalute - trentadue - febbraio 2007

4 3- La rottura del palloncino si rende evidente con la colorazione azzurro-verde delle urine; in questi casi il palloncino può essere ritrovato nello stomaco ed estratto endoscopicamente oppure può attraversare il piloro e discendere nell intestino fino ad essere eliminato con le feci; in casi eccezionali ma descritti il palloncino può bloccarsi in un ansa intestinale e causare una occlusione intestinale risolvibile solo con un intervento chirurgico. Il sistema BIB viene rimosso entro 6 mesi dal posizionamento. La rimozione del BIB è anch essa eseguita in regime di ricovero ospedaliero ed in sedazione anestesiologica profonda. Le manovre prevedono il raggiungimento del cavo gastrico ove si localizza endoscopicamente il palloncino. Si lacera il palloncino (Fig. 6-7) con una pinza da corpo estraneo facendo fuoriuscire il liquido che si aspira fino al completo svuotamento del palloncino, che infine viene rimosso. Risultati La casistica personale si basa su 108 palloncini posizionati in 120 pazienti. Un quadro completo si ha con l esame dei dati del GILB Tabella. 1 - Risultati (1.2%) ed Ulcera gastrica in 5 casi (0.2%) trattati con terapia medica ad alte dosi. Ostruzione gastrica da blocco del palloncino nell antro in 19 casi (0.76%) risolti con rimozione precoce del palloncino. Rottura spontanea del palloncino in 9 casi (0.36%) trattati con la rimozione del palloncino o risolti spontaneamente con l evacuazione del palloncino con le feci; solo in due casi il palloncino si è bloccato nell intestino ed è stato necessario un intervento chirurgico per la sua rimozione. Perforazione gastrica 5 casi (0.19%) in pazienti sottoposti precedentemente a chirurgia gastrica; 2 di questi pazienti (0.08%) sono deceduti; in seguito a questa esperienza la precedente chirurgia gastrica è stata ritenuta controindicazione assoluta al posizionamento del palloncino intragastrico. Conclusioni L efficacia del BIB è stata dimostrata con studio prospettico, randomizzato, in doppio ceco incrociato. In pratica, dopo consenso informato, sono stati creati due gruppi di pazienti: all inizio nel gruppo A è stato posizionato il palloncino, mentre nel gruppo B non è stato posizionato. Maggio 2000 Settembre pz 722m / 1.793f Età media 38.9 ± 14.7 (range 12-71) BMI medio 44.4 ± 7.8 Kg/m2 (range ) Peso medio in eccesso 59.5 ± 29.8 Kg (range ) BMI medio 35.4 ± 11.8 Kg/m2 (range 24-73) BMI perso 4.9 ± 12.7 Kg/m2 (range 0-25) % Peso in eccesso perso 33.9 ± 18.7 (range 0-87) (Gruppo Italiano Lap-BIB) in cui confluiscono i dati di tutti i centri italiani. Una recente pubblicazione fa riferimento a pazienti trattati in Italia da Maggio 2000 a Settembre 2004 (Tab 2). Il BIB consente un calo ponderale medio di 18Kg, variabile fra 7Kg ed 30Kg. Il dimagrimento comporta riduzione del grasso intraddominale e della steatosi epatica. Malattie correlate all obesità come ipertensione arteriosa e diabete mellito di tipo 2, sono meglio controllate dalla terapia medica che può essere ridotta o sospesa. Con il dimagrimento migliorano inoltre la funzionalità cardiaca, la funzionalità respiratoria e la postura. Nei pazienti si sono verificate le seguenti complicanze (Tab. 3). Intolleranza psicologica in 11 pazienti (0.44%) nei Tabella 2 - Complicazioni quali il palloncino è Intolleranza psicologica 11 (0.44%) stato rimosso Esofagite da reflusso 32 (1.27%) precocemente Ulcera gastrica 5 (0.2%) in un periodo compreso fra Ostruzione gastrica 19 (0.76%) 24 ore ed 1 Rottura del pallone 9 (0.36%) m e s e. Perforazione gastrica 5 (0.19%) Esofagite da Mortalità post-operatoria 2 (0.08%) reflusso in 32 pazienti Tabella 4 Dopo 3 mesi nel gruppo A il palloncino è stato rimosso e nel gruppo B è stato posizionato. Tutte le manovre sono state eseguite tenendo i pazienti all oscuro (Tab. 4) della decisione presa. Alla fine dei 6 mesi si è potuto dimostrare che il dimagrimento è avvenuto solo nel trimestre in cui i pazienti avevano effettivamente il palloncino intragastrico (Tab. 5). Tabella 5 pugliasalute - trentatre - febbraio 2007

5 Il palloncino è un provvedimento temporaneo, che fa prendere coscienza del problema obesità, ne rende tangibile la soluzione rompendo il circolo vizioso non mangio, ma ingrasso. I risultati conseguiti sono rafforzati con il BIBsequenziale, cioè il posizionamento di un secondo BIB, dopo che il primo è stato efficace ed il paziente ha dimostrato stabilità nel dimagrimento. Il palloncino aiuta a compiere una rieducazione alimentare volta a cambiare lo stile vita. Nei pazienti giovani con obesità lieve e moderata presenta maggiore efficacia. Nei pazienti con obesità severa, superobesità e supersuperobesità, gravati dal rischio della recidiva, il trattamento con BIB deve normalmente costituire l atto preliminare alla chirurgia bariatrica, perché riduce il rischio operatorio ed il rischio di conversione laparoscopialaparotomia. Nell obeso da sottoporre ad interventi di chirurgia cardiaca, vascolare, addominale, ginecologica ed ortopedica, il BIB riduce il rischio chirurgico. Per il futuro è auspicabile una evoluzione tecnica del palloncino per risolvere alcuni problemi. Poter modificare il riempimento del palloncino consentirebbe di aumentare il contenuto liquido ed il peso del palloncino nei casi in cui è scarsamente percepito; oppure di aspirare il liquido e ridurre il peso annullando i fastidi eccessivi. Inoltre se il palloncino anche svuotato rimane nel cavo gastrico si annulla la pericolosità legata alla rottura ed alla migrazione del palloncino. Con questi accorgimenti si potrebbe migliorare l efficacia e ridurre le complicanze del palloncino intragastrico BIB. * Dirigente medico della Struttura Complessa di Endoscopia Digestiva Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, I.R.C.C.S. di San Giovanni Rotondo Bibliografia 1) A Csendes, AM Burgos. Size, Volume and Weight of the stomach in patients with morbid obesity compared to controls. Obesity Surgery, 15, 2005: ) A Genco, T Bruni, SB Doldi et al. Bioenterics intragastric balloon: the italian experience with 2,515 patients. Obesity Surgery, 15, 2005: ) A Genco, M Cipriani, V Bacci et al. BioEnterics Intragastric Balloon (BIB): a short-term, double-blind, randomised, controlled, crossover study on weight reduction in morbidly obese patients. Intern J Ob, 2006 (30): Menù di Carnevale Condannare l obesità non significa condannare la buona cucina e quello che rappresenta in fatto di salute e di cultura. Allora abbiamo pensato di inserire qui una proposta che possa onorare questa parte dell anno, la festa del Carnevale. Poi, con l'arrivo della primavera, ci rimetteremo in carreggiata mangiando mogi, mogi, una foglia di insalata A Carnevale dominano i colori e l'allegria. Ecco quindi un menù fantasioso e davvero coloratissimo che rispecchia i colori della nostra Murgia e della cultura contadina, dove nei mesi invernali il maiale la fa da padrone, complice anche la scienza alimentare, che ha sfatato molti dei miti assassini legati al maiale. Certo è un po grasso, ma semel in anno E poi ancora il nostro buon pane e i funghi Cardoncelli. Ma senza dimenticare il nostro mare azzurro con le triglie di scoglio. Questo menù di Carnevale è adatto sia a commensali di buon appetito che a quelli più pretenziosi e raffinati, ma, attenzione, per chi ha qualche centimetro di troppo, è saggio ridurre le porzioni ad assaggi. E poi, non è obbligatorio seguirlo tutto! Vi invitiamo perciò da noi, a Noci, nel Paese dell Enogastronomia a gustare questo Menù: Filetti di triglia su crema di cavolo nero al lardo di campagna tortino di melanzane con dadolata di pane di Altamura e pomoforino stufato Gnocchi arlecchino con verdurine Tagliata di filetto di manzo con canelle di patate ai funghi cardoncelli Carambola caramellata su salsa gianduia Chiacchiere Vi auguriamo intanto di passare un Carnevale spensierato e allegro senza pensare troppo alla dieta. Hotel Cavaliere - Noci (Ba) pugliasalute - trentaquattro - febbraio 2007

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA

CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA CHIRURGIA BARIATRICA SICOB CENTRO SICOB CENTRO Società Italiana Chirurgia della Obesità e Malattie Metaboliche Il Centro di Chirurgia Bariatrica e Metabolica dell Ospedale Sacra Famiglia

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

SYSTEM. Successo con meno. Una soluzione non chirurgica, non farmacologica, comprovata e testata contro il fallimento delle diete

SYSTEM. Successo con meno. Una soluzione non chirurgica, non farmacologica, comprovata e testata contro il fallimento delle diete TM SYSTEM Successo con meno Una soluzione non chirurgica, non farmacologica, comprovata e testata contro il fallimento delle diete La salute della nazione Il palloncino intragastrico BIB L aumento delle

Dettagli

Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una. 22 Novembre San Giovanni Rotondo FG-

Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una. 22 Novembre San Giovanni Rotondo FG- Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una patologia multidisciplinare i li 22 Novembre 2008 Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza San Giovanni Rotondo FG- Palloncino intragastrico Garren-Edwards

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE RICONOSCERE LA COLICA COLICA non è una patologia specifica ma è un termine che indica in modo generale un dolore addominale. Il dolore addominale può originare da

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Un periodo ristretto nel tempo di restrizioni alimentari per dimagrire o curare / prevenire una patologia Modo di alimentarsi, abitudine alimentare Siamo programmati per ingrassare

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione Sembrerà strano ma essere in sovrappeso non necessariamente significa avere grasso in eccesso; allo stesso modo essere normopeso non è sinonimo di

Dettagli

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: STEATOSI E STEATOEPATITE NON ALCOLICA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile Pagina 5 Sommario Il nuovo metodo per dimagrire senza fatica FORMA E BENESSERE Io ce l ho fatta così! Tre storie di chi ha raggiunto l obiettivo Claudia, Anna e Luca hanno ritrovato linea e salute Adoro

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Day Surgery Dott. Verter Barbieri - Responsabile Medico Fiorenza Costi - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook 1 MONIA FERRETTI Psicologa Psicoterapeuta EBOOK DIMAGRISCI FACILE Parte 1 Dimagrisci facile con i miei consigli Per Te! 2 Titolo Dimagrisci Facile con i miei consigli per Te!!! Autore Monia Ferretti Sito

Dettagli

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA LA STIPSI INTESTINO CRASSO DEFINIZIONE:CRITERI DI ROMA 2 -SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA EVACUAZIONE e/o DI OSTRUZIONE ANALE -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

Dettagli

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione Bruciore di stomaco? La conoscete? È quella sensazione bruciante dietro lo sterno, ad es. dopo aver mangiato determinati cibi o in situazioni di stress. Oppure quel liquido dal sapore acido o salato, nella

Dettagli

4 passi verso il BENESSERE

4 passi verso il BENESSERE 4 passi verso il BENESSERE Bene, hai fatto un altro passo verso il Benessere fisico. In questo libretto scoprirai quali sono i punti fondamentali sui quali porre attenzione per migliorare il tuo benessere

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi

SPAZIOMENTE. Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere. Cibo Mente Corpo. DimagriMente. Dott.ssa Paola Carosi. Dott.ssa Alessandra Siniscalchi SPAZIOMENTE Studio di Psicoterapia e Psicologia del Benessere Cibo Mente Corpo Dott.ssa Paola Carosi Dott.ssa Alessandra Siniscalchi Perché questo corso? Quest argomento storicamente è sempre stato affrontato

Dettagli

Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica

Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica G.Chir. Vol. 27 - n. 1/2 - pp. 53-58 Gennaio-Febbraio 2006 Ruolo del palloncino intragastrico in chirurgia bariatrica F. TOSATO, L. CARNEVALE, I. MONSELLATO, N. MARTONE, I. MARTIRE, G. LEONARDO, L. PALOMBI,

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

per una buona salute Claudio Andreoli

per una buona salute Claudio Andreoli Alimentazione e stili di vita per una buona salute Claudio Andreoli «Uno stile di vita non corretto può aumentare il rischio di tumori o di malattie cardiache?» UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facolta

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili 21. Poco latte 101 Sessione 21 POCO LATTE Introduzione La maggior parte delle madri può produrre latte a sufficienza per uno o anche due bambini. Generalmente, anche quando una madre pensa di non avere

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

Sovrappeso e obesità in età pediatrica

Sovrappeso e obesità in età pediatrica Sovrappeso e obesità in età pediatrica Caso clinico Gloria è una bambina di 10 anni e mezzo, apparentemente robusta che frequenta la V elementare. Non pratica attività sportiva extra scolastica, dopo che

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI?

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? FARMACI, USALI BENE ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? 2)BISOGNA NON SOFFRIRE, BISOGNA PROLUNGARE

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it 21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it Spunti di Nutrizione ed altro di Dr. Giusi D Urso Il cibo e il corpo" Dr. Stefania Pallini Spec. Endocrinologia e Malattie del Ricambio Perché il rapporto

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA Gentile Signora, Signore, Lei ha un problema alla retina. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è proposto, sui risultati e sui rischi. Tutte le espressioni tecniche è bene che

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO. Antonio Verginelli

NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO. Antonio Verginelli NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO Antonio Verginelli pirosi definizione sensazione di bruciore percepito nell area retrosternale indica una disfunzione dell apparato digerente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile

come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile Maria grazia Catellani Pediatra di famiglia a Modena 1 Come cresce bene.: da così 2 a così?. 3 4 5 L

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO Latina, 26 Maggio 2012 Dott.ssa Federica Sebastiani Dipartimento di Oncologia.

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Diabete e sintomi vescicali

Diabete e sintomi vescicali encathopedia Diabete e sintomi vescicali Fattori da considerare Come riconoscere i segnali di allarme Il CIC può aiutarti Il Diabete (diabete mellito, DM) Al diabete mellito, spesso definito semplicemente

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Le emorroidi sono delle strutture anatomiche che si hanno fin dalla nascita: sono dei cuscinetti artero-venosi

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles

Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles 3 www.bowelscreeningwales.org.uk Interventi di screening per i tumori intestinali in Galles Perché è consigliato effettuare lo screening per i

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli