Introduzione Servizi di Telecomunicazione Caratterizzazione delle sorgenti Modello di sorgente Tipi di informazione. Rete di Telecomunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione Servizi di Telecomunicazione Caratterizzazione delle sorgenti Modello di sorgente Tipi di informazione. Rete di Telecomunicazione"

Transcript

1 Roadmap Fondameni di Inerne e aa a.a Servizi di Telecomunicazione Caraerizzazione delle sorgeni Modello di sorgene Tipi di informazione Rei di Telecomunicazione Rami, nodi, opologie di ree Sezione di accesso e sezione inerna Qualià del servizio e sicurezza Tassonomia delle rei di TLC Organismi di sandardizzazione 2 Definizioni Ree di Telecomunicazione Comunicazione: rasferimeno di informazioni secondo convenzioni presabilie. Telecomunicazione: qualsiasi rasmissione e ricezione di segnali che rappresenano segni, scriura immagini i i e suono, informazioni di qualsiasi naura, araverso cavi, radio o alri sisemi oici e eleromagneici (Dalla raccomandazione ITU-T I.112) Un insieme di nodi e canali che collega due o più puni per permeere la elecomunicazione ra essi. Consene di rasferire informazione (servizio di TLC). È cosiuia da alri apparai ( nodi ) ), erminali e collegameni. Esempio: ree elefonica, che consene ai erminali (i elefoni) di comunicare. 3 4

2 Ree di Telecomunicazioni EsempidireidiTLC Esempi di rei di TLC: Canale Nodo Ree elefonica fissa (PSTN - Public Swiched Telephone Nework) Rei mobili di seconda generazione (GSM/GPRS - Global Sysem for Mobile Communicaions, General Packe Radio Service) Rei di disribuzione radio, TV Rei in area locale (LAN - Local Area Nework) Eherne, WirelessLAN (WiFi, WIMAX), ec Rei dai geografiche ATM (AsynchronousTransfer Mode), X.25, Frame- Relay, ec Inerne Rei mobili di erza generazione (UMTS- Universal Mobile Telecommunicaions Sysem, CDMA2000) Rei di nuova generazione 5 6 Servizio di Telecomunicazioni Servizio di TLC: rasferimeno di informazione di varia naura caraerizzao da parameri quali duraa, qualià, ec. Ci sono diverse modalià di auare ale rasferimeno, e quindi diverse ipologie di ree TLC ciascuna a con i propri vanaggi e svanaggi ciascuna più o meno adaa ai vari ipi di servizio (applicaivi) Tipi di informazione: Voce Video Dai ServizidiTLC Esempi di servizi: elefonia eleconferenza audio/video diffusione messaging and mailing dai peer-o-peer browsing 7 8

3 Servizio di rasporo Modalià operaiva per rasferire informazione araverso la ree logica; È richieso per lo svolgimeno di una comunicazione a favore di due o più ueni; Deve raare l informazione emessa nell ambio della comunicazione, i gesendo: l auazione di una specifica sraegia di assegnazione delle risorse di rasferimeno condivise; la risoluzione delle conese di pre-assegnazione e di uilizzazione (ove preseni) Informazioni raae: Servizio di rasporo Raggruppameno di Cifre Binarie (RCB). Ogni sorgene emee informazione i soo forma di sringhe di cifre binarie: flussi inermieni,,(messaggi); gg); flusso coninui, (sream); 9 10 Componeni: muliplazione; commuazione; archieura proocollare. Presazioni: flessibilià di accesso inegrià informaiva rasparenza emporale. Servizio di rasporo Soggei nella forniura del servizio di TLC Cliene/uene del servizio (service cusomer) fruiore del servizio, i.e. soggeo della comunicazione (sorgene e/o desinazione) per fruire di un servizio deve ineragire con il forniore Forniore del servizio (service provider) Ha il compio di rendere fruibile il servizio di TLC al cliene secondo modalià (e.g. coso, duraa) predefinie (Service Agreemen) Per rendere possibile il rasferimeno dell informazione deve poer uilizzare la infrasruura di ree resa disponibili dal gesore Gesore di ree (nework operaor) Ha il compio di aivare e manenere operaivi la piaaforma di ree in modo da assicurare la fruizione del servizio di TLC 11 12

4 Caraerizzazione delle sorgeni Idenificazione precisa della sorgene migliore idenificazione delle risorse. Sorgene: La Naura Digiale dell Informazione l informazione scambiaa nelle moderne rei (numeriche) è in forma digiale, cioè come sequenza di cifre binarie 1 o 0 (bi=binary digit). Informazione inrinsecamene digiale Dai Analogica. L informazione e un segnale elero/oico a valori arbirari i definii ii su inervalli di empo coninui i o discrei. Numerica: sringa di simboli (es. binari) Ree TLC Informazione digializzaa proveniene da sorgeni analogiche 13 Tras- duore Riproduore V V A/D D/A Ree TLC 14 V Conversione A/D Campionameno Quanizzazione (discreizzazione nel empo) (discreizzazione nel range dinamico) V 111 V max V Conversione D/A 111 V T c inervallo di campionameno (sec) f c =1/T c frequenza di campionameno (Hz)... n bis di codifica per campione V ( 2 n max inervalli di quanizzazione di ampiezza b = ) 2 n 1 T c Rimo di emissione o bi-rae: n R = n f c = T c n T c b Codifica ra ange dinam mico Es. codifica PCM per la voce: f c =8Khz T c =125μs n=8 P=64Kb/s Inerpolazione Decodifica Il segnale ricosruio è ano più simile a quello originario quano......minore è l inervallo di campionameno T c...minore è l inervallo di quanizzazione b migliore qualià di riproduzione maggiore rimo di emissione (bi-rae) Segnale originario Segnale ricosruio maggiore freq. di camp. f c maggior numero n di bis di cod. 16

5 Unià Informaive (UI) I flussi di bis vengono inviai alla ree raggruppai in UI (chiamae a seconda del coneso paccheo, cella, segmeno, ecc.) che cosiuiscono l oggeo del rasferimeno. Esempio: Caraerisiche ae e Emissive delle e Sorgeni Con riferimeno al rimo di emissione, le sorgeni possono essere a bi-rae cosane (CBR) o variabile (VBR); ra le CBR R bi-rae (bi/s) ms UI Pacche- izzaore Rimo di emissione della sorgene R=4Kb/s Capacià rasmissiva della linea C=12Kb/s Linea di Trasmissione 17 VBR R MAX R medio R MAX bi-rae (bi/s) bi-rae (bi/s) Sorgene On-Off ( Tuo o Niene ) R MAX R medio R a = R MAX R di medio R medio rimo di picco rimo medio aivià 18 Esempi di paern di emissione i (nel caso di UI di sessa dimensione) Modello di sorgene λ CBR VBR On-OffOff VBR OFF μ Aiva (ON): emee informazioni ad una frequenza di picco P (bi/s) per un inervallo di empo T ON Inaiva (OFF) per un inervallo di empo T OFF Equilibrio dei flussi enrani e usceni inorno ad una superficie chiusa: λ p = μ p on off Relazione di congruenza per le probabilià di sao: p off + p on = 1 Probabilia che una sorgene sia aiva: p on λ = λ + μ ON 19 20

6 Modello di sorgene Frequenza media di emissione A (bi/s) = p ON *P p ON e deo faore di bursiness (B) Consan Bi Rae (CBR) B=1 (A=P) Variable Bi Rae (VBR) B<1 Rami, nodi, opologie di ree 21 Rami e nodi Rami e nodi Una ree è genericamene composa da nodi inerconnessi ramie rami Un ramo, cosiuisce elemeno di connessione di due nodi rappresena il percorso direo che l informazione segue per essere rasferia ra due nodi Un nodo è l esremià comune di due o più rami convergeni nello sesso puno mezzo di scambio ra due o più rami, o erminazione degli sessi Il significao di quese enià geomeriche è diverso a seconda del livello funzionale considerao; esempi: nodi: erminazioni fisiche di ree, apparai di commuazione (swiching), elaboraori, archivi, ec rami: mezzo rasmissivo, giuzione fisica/logica ra due apparai di ree, percorso logico dell'informazione ra due elaboraori, ec 23 Ramo Nodo inermedio (nodo di commuazione) Nodo erminale 24

7 Nodi inermedi e erminali Grafo di ree Nodo inermedio (nodo di commuazione) nodo di scambio, muliplazione/demuliplazione genericamene riferio come Relay sysem a seconda dei casi viene chiamao: gaeway, rouer, swich, digial cross connecor, hub, repeaer, ec. Apparecchi o nodi erminali (TE - Terminal Equipmen) sorgene/desinazione della comunicazione cosiueni il mezzo araverso cui un uene usufruisce di uno o più servizi i di TLC possono essere di varia forma e possono dipendere dalla ipologia di ree e/o dal servizio, esmpio: Apparecchi radio, TV Telefono fisso, cellulare PC fisso o poraile (lapop) PDA (Personal Digial Assisan) elerodomesici.. 25 Una opologia di ree è definia da un grafo G=(V,A) V = insieme dei verici (nodi), N = V A = insieme degli archi (rami), R = A Esempio N=10, R=11 26 Topologia a maglia complea Ogni nodo è connesso direamene con ui gli alri nodi, i.e. è presene un ramo per ogni coppia di nodi Topologia ad albero Grafo connesso con un solo percorso (cammino) ra ogni coppia di nodi ( 1) N N N R = = 2 2 C = α R R = N-1 Vanaggio: olleranza ai guasi (moli percorsi ra due nodi) Svanaggio: elevao numero di rami E usaa solo quando i nodi sono pochi (e vicini) Vanaggio: basso numero di rami Svanaggio: vulnerabilià ai guasi (solo un percorso ra due nodi) 27 E usaa per ridurre i cosi e semplificare la sesura dei rami 28

8 Topologia a sella Topologia a maglia non complee Caso paricolare di albero: ui i nodi sono connessi ramie un ramo ad un nodo (cenrale) Caso più generale, compromesso ra albero e ree a maglia complea R=N-1 N-1<R<N(N-1)/2 Svanaggio: opologia non regolare Vanaggio: basso numero di rami Svanaggio: vulnerabilià ai guasi del nodo cenrale Vanaggio: olleranza ai guasi e numero di rami selezionabile a piacere E usaa per ridurre i cosi e semplificare la sesura dei rami E la più usaa Topologia ad anello I nodi sono inerconnessi ad anello Può essere unidirezionale o bidirezionale R=N Topologia a bus I nodi sono connessi in modo lineare Il bus può essere aivo (ogni nodo parecipa al comunicazione ra le alre coppie di nodi) o passivo (ui i nodi sono connessi allo sesso mezzo) R=N-1 nel caso di bus aivo R=1 nel caso di bus passivo Usaa principalmene i in rei locali li e meropoliane 31 Usaa principalmene in rei locali e meropoliane 32

9 Topologia generale di una ree di TLC In generale la opologia di una ree di TLC può essere una combinazione delle opologie precedeni (opologia misa): maglia complea, sella, albero, ec. Sezione di accesso e sezione inerna Rei di TLC complesse vengono spesso vise come compose da due pari (dee anche zone o sezioni) sezione di accesso (ree di accesso) sezione inerna (ree di rasporo/ransio, core, dorsale, backbone) Sezione inerna sezione di accesso Sezione di accesso e inerna si possono differenziare per velocià di rasferimeno, opologia, ecnologie, mezzi rasmissivi, funzionalià di gesione, affidabilià, ridondanza, d ec Sezione di accesso Ha il ruolo di consenire l accesso alla ree ai suoi ueni Viene realizzaa araverso differeni mezzi e ecnologie wireless wired (rame, fiblra) puno-puno, broadcas.. E la sede di risorse che in alcuni casi sono indivise e dedicae ai singoli ueni/erminali Comprende l inerfaccia uene-ree Sezione inerna Ha il ruolo di rasferire l informazione ra nodi di accesso, uilizzando, se necessario, anche nodi di ransio E sede di risorse condivise (di rasferimeno e di elaborazione) con elevae presazioni, in ermini di velocià (rasmissiva, elaboraiva), affidabilià, ec A A A T sezione inerna T A T T A A A : Nodi di accesso T : Nodi di ransio 35 36

10 Sezione di accesso e sezione inerna in Inerne GSM Operaor A GPRS/UMTS Operaor B BS BS RNC UTRAN SGSN GGSN UMTS CORE PSTN based access (ADSL, modem, ec) WirelessLAN Inerne backbone ISP domains Sezione di accesso e sezione inerna in Inerne Access Neworks (po-po p and muli-po) IP over PSTN/ISDN IP over xdsl IP over Eherne10M/100M/1G IP over GPRS/UMTS IP over WLAN/ Core Neworks IP over ATM/SDH IP over MPLS/SDH IP over Gigabi Eherne? IP over IPv6 over..? LAN Unià Informaive Tipi di informazione Obbieivo della comunicazione è il rasferimeno dell informazione ra due o più erminali/ueni L informazione può essere: analogica o digiale Verrà consideraa solo informazione digiae (evenualmene come uscia di converiore A/D e codec) voce, video, dai.. L informazione viene rasferia mediane Unià Informaive (UI) singoli bi bye blocchi di bi/bye (che, a seconda dei casi, vengono riferii come: unià dai, pacchei, messaggi, ec) 40

11 Informazione uene, di conrollo, e di gesione In una ree di TLC si possono disinguere 3 differeni ipi di informazione/raffico: Informazione di uene è l obbieivo della comunicazione differeni media (voce, dai, video, ec.) viene rasmessa in accordo ad opporuni formai (proocolli, codec) può essere inviaa insieme a dell exra-informazione aggiuna per scopi di conrollo del rasferimeno (overhead), e.g. indirizzi, campi di conrollo di errore, ec.. coinvolge le funzionalià di rasporo della ree Informazione di segnalazione/conrollo L'informazione di segnalazione (o di conrollo) è di supporo allo scambio dell'informazione d'uene. Essa ha lo scopo di consenire le inerazioni ra cliene/uene e forniore di servizi i per: iniziare la comunicazione, negoziarne le caraerisiche qualiaive e quaniaive iniziali e per modificare ali caraerisiche nel corso della comunicazione; oenere un arricchimeno dei servizi di base con il coinvolgimeno di risorse di elaborazione accessibili nell'ambiene di comunicazione Informazione uene, conrollo, gesione (con.) Informazione di gesione (OAM - Operaion Adminisraion Managemen) in genere scambiaa ra nodi di ree Scopo: consenire il complesso di operazioni necessarie per gesire la forniura dei servizi e i mezzi necessari allo scopo, incluse le risorse prepose al rasferimeno delle informazioni di uene e di segnalazione. Tra le operazioni sopra ciae vanno menzionae: esercizio e manuenzione degli elemeni di ree; gesione dei servizi, compreso il conrollo, ove richieso, da pare dell'uene; quesi agirà sui parameri di gesione dei servizi a lui fornii; supervisione, misura e gesione del raffico di elecomunicazione; gesione della assazione, e cioè degli addebii al cliene per i servizi fornii; pianificazione e progeazione di rei e di servizi. 43 Informazione uene, conrollo, gesione (con.) Tali operazioni richiedono lo scambio di informazioni di gesione ra le apparecchiaure di ree e quelle erminali per il raameno infrasruurale dell'informazione di uene. Modelli più usai: TMN-Telecommunicaion Managemen Nework (ITU-T) SNMP (Simple Nework Managemen Proocol) (TCP-IP) 44

12 Informazione uene, conrollo, gesione (con.) In alcuni casi i re ipi di informazione possono essere raai da (soo)rei differeni. In al caso si parla di: ree dai (o di rasporo) ree di segnalazione ree di gesione Tassonomia delle rei di TLC 45 Disinzione delle rei in base alla gamma dei servizi supporai Ree dedicaa a un servizio: sono sae concepie e realizzae in passao per la forniura di un singolo servizio possono oggi essere uilizzae anche per un insieme risreo di alri servizi, seppure con alcune limiazioni esempio: la ree elefonica Ree inegraa nei servizi: sono di concezione più recene il loro obieivo e' rendere possibile la forniura di una vasa gamma di servizi di elecomunicazione con presazioni di qualià e di coso decisamene migliori rispeo a quelle oenibili con le rei dedicae esempio: Inerne (nella sua evoluzione) Disinzione delle rei in base al grado di mobilià del erminale Ree fissa: se i servizi supporai dalla ree sono accessibili solo da pare di ueni che ogniqualvola desiderino comunicare, siano in posizione saica, oppure che, pur in movimeno, rimangano in un inorno relaivamene risreo di un sio di riferimeno (abiazione, ambiene di lavoro, ecc.) Ree mobile: se invece l'accesso e' consenio ad ueni che sono in movimeno senza limiazioni alle loro possibilià di deambulazione (a piedi e/o su veicoli) 47 48

13 Disinzione delle rei in base al loro posizionameno Disinzione in base alla loro applicazione in conesi di ree più generali Rei di accesso Rei di rasporo Si differenziano generalmene per caraerisiche rasmissive, qualià del servizio, affidabilià, capacià di gesione, ec. Disinzione delle rei in base alla loro esensione Ree in area personale (Personal Area Nework, PAN): quando l area ineressaa ha un raggio di circa1 mero Ree in area locale (Local Area Nework, LAN): quando l area ineressaa è risrea ad un singolo edificio o a un complesso di insediameni enro il raggio di qualche chilomero Ree in area meropoliana (Meropolian Area Nework, MAN): quando gli ueni sono disribuii su un'area relaivamene esesa (una cià, una piccola regione) Ree in area geografica (Wide Area Nework, WAN): quando gli ueni sono disribuii su un'area molo esesa (una nazione, un coninene, l'inero globo erresre) Disinzione delle rei in base alla loro esensione Qualià del servizio e sicurezza nelle rei 51

14 Requisii dei servizi di TLC Riardo (1/2) Probabilia di blocco (o che il servizio venga rifiuao). Tempo di riardo. Velocia media: frequenza di cifra media con cui la ree raspora le informazioni uene. Probabilia di errore o di perdia 53 Le UI possono subire del riardo nell araversameno dei nodi e rami della ree Componeni del riardo sono: riardo di elaborazione il empo richieso dal nodo di ree per esaminare la UI (normalmene l inesazione del paccheo) e per deerminare dove insradarla queso può includere evenualmene il empo per elaborare la UI sessa, ad esempio conrollare se sono preseni errori, modificare le informazioni di insradameno, ec può essere anche dell ordine dei microsecondi riardo di coda e araversameno del nodo il empo che la UI rascorre prima di essere rasmessa sul link di uscia dal nodo di ree dipende dal ipo di araversameno implemenao nel nodo può dipendere dal grado di congesione del nodo (raffico oale in ingresso) 54 Riardo (2/2) Componeni del riardo: (con.) riardo di rasmissione empo necessario per rasmeere compleamene la UI queso influenza sia il empo di di rasferimeno della UI, e sia il riardo subio dalla UI seguene viene inrodoo da ogni nodo che opera in modalià sore&forward se R è il birae [bi/s] in uscia, e L UI la lunghezza [bi] della UI, Tx =L UI /R riardo di propagazione empo di propagazione nel mezzo fisico dipende dal mezzo ed è proporzionale alla lunghezza dello sesso se c m è la velocià [m/s] di propagazione nel mezzo e L m la sua lunghezza [m], il empo di propagazione è p =L m /c m Il riardo complessivo end-o-end è la somma dei riardi inrodoi dai singoli nodi e rami Perdia In generale durane il rasferimeno di una UI quesa può perdersi o arrivare erraa Ciò può essere causao da: errori rasmissivi possibile congesione della ree ovvero dei nodi araversai (e.g. per buffer overflow) errori procedurali (e.g. errori nei proocolli di rouing, bachi nei programmi) Evenuali errori/perdie possono essere recuperai ramie correzione e/o rirasmissione 55 56

15 Presazioni di un servizio di TLC Le presazioni più significaive di un servizio di comunicazione riguardano: l inegrià informaiva corrispondenza ra informazione emessa e ricevua (sequenze binarie) può essere valuao araverso un asso di errore residuo sul bi (BER/Bi Error Rae) o sulle UI (Packe Loss o FER/Frame Error Rae) la rasparenza emporale riguarda i riardi di ransio può essere valuao araverso le saisiche dei riardi è imporane considerare sia il valore di riardo medio che il jier Inegrià informaiva l insieme delle UI ricevue è simile all insieme delle UI rasmesse PRON TO SO NO AL CI NEMA Ree TLC bassa inegrià PRON NO AL NEMA PRON TO SO NO AL CI NEMA ala inegrià Trasparenza emporale Ricapiolando Temporalmene rasparene UI rasmesse UI 1 UI 2 UI 3 UI 4 UI 5 UI ricevue UI 1 UI 2 UI 3 UI 4 UI 5 empo Grado di inegrià informaiva i Riguarda la possibile diversià ra: a) la sequenza di cifre binarie emesse nell ambio della comunicazione consideraa (sequenza di emissione) b) la corrispondene sequenza di cifre binarie ricevue, e cioè a valle del rasferimeno dell informazione dalla sua origine alla sua desinazione (sequenza di ricezione) UI rasmesse UI 1 UI 2 UI 3 UI 4 UI 5 NON Temporalmene UI ricevue rasparene UI 1 UI 2 UI 3 UI 4 UI 5 empo empo empo Grado di rasparenza emporale Qualifica in ermini presazionali a) l inegrià di cifra binaria b) l inegrià di sequenza binaria È ano più elevao quano minore è la diversià (disanza) ra le due sequenze di emissione i e di ricezione i Si riferisce: a) alle sequenze di emissione e di ricezione b) ai riardi di rasferimeno che differeni unià informaive della sequenza di ricezione possono presenare rispeo alle corrispondeni unià informaive della sequenza di emissione Misura la variabilià dei riardi di rasferimeno 59 60

16 Sicurezza Un aspeo imporane nella comunicazione a disanza è il livello di sicurezza assicurao Sicurezza significa: Idenificazione/Auenicazione garanzia/verifica che le pari ineressae alla comunicazione siano esaamene chi sosengono di essere Riservaezza/Confidenzialià garanzia che i dai siano accessibili solo ai soggei auorizzai Inegrià garanzia che i dai non siano sai indebiamene alerai o manipolai Disponibilià garanzia che i dai siano elaborai o rasmessi in empo ragionevole, o che non siano sai resi inaccessibili Organismi di sandardizzazione nelle TLC 61 Organismi Mondiali Inernaional Telecommunicaion Union (ITU) è un agenzia specializzaa delle Nazioni Unie, con sede in Ginevra e con il compio di armonizzare ue le iniziaive mondiali e regionali nel seore delle Telecomunicazioni include le precedeni aivià svole dal CCITT produce Raccomandazioni: quese hanno caraere volonario, ma cosiuiscono di fao un linea-guida fondamenale per le aivià dei diversi aori nel mondo delle Telecomunicazioni Inernaional Sandard Organizaion (ISO) Ene delle Nazioni Unie, creao con l obieivo di promuovere lo sviluppo della normaiva inernazionale per faciliare il commercio di beni e servizi nel mondo IEEE (Insiue of Elecrical and Elecronics Engineers) paricolarmene aivo nella sandardizzazione delle ecnologie per rei in area locale (LAN) e meropoliana (MAN) Organismi Mondiali IETF (Inerne Engineering g Task Force) è il gruppo preposo alla definizione degli sandard nel mondo Inerne chiunque può parecipare soomeendo degli inerne-draf produce degli sandard denominai Reques For Commens (RFC) hp://www.ief.org f 63 64

17 Organismi Europei European Telecommunicaion Sandards Insiue (ETSI) La preparazione degli sandard è effeuaa da Comiai Tecnici (TC), che raano argomeni specifici e che riferiscono all Assemblea Tecnica (TA) 65

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS cui si Tempo di rinnovo del credito percentile 95 del tempo di ricarica minuti 1,2 (Allegato 1 delibera Tempo di risposta dei di consultazione elenchi (Allegato 2 delibera (1) di consultazione elenchi

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Guida Utente TD-W8960N. Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0

Guida Utente TD-W8960N. Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0 Guida Utente TD-W8960N Modem Router ADSL2+ Wireless N 300Mbps 1910010952 REV1.0.0 TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD COPYRIGHT & TRADEMARKS Le specifiche sono soggette a modifiche senza obbligo di preavviso.

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli