Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE"

Transcript

1 Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

2 CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA SANITARIE DEI SERVIZI TRASFUSIONALI E DELLE UNITA DI RACCOLTA SI OCCUPA DI PERSONALE E ORGANIZZAZIONE IL PERSONALE DEVE POSSEDERE SPECIFICHE COMPETENZE IN MEDICINA TRASFUSIONALE, MICROBIOLOGIA, BUONE NORME DI FABBRICAZIONE, GESTIONE QUALITA IN RELAZIONE AL RUOLO E ALLE RESPONSABILITA ASSEGNATI. SONO PREVISTE PROCEDURE PER LA VALUTAZIONE PERIODICA DELLA PERSISTENZA DELLE COMPETENZE. SI SPECIFICA CHE DURANTE LA PROCEDURA DI DONAZIONE VIENE ASSICURATA LA PRESENZA DI ALMENO UN INFERMIERE E UN MEDICO IN POSSESSO DELLE COMPETENZE RICHIESTE, AL FINE DI GARANTIRE ASSISTENZA ADEGUATA ANCHE IN CASO DI COMPLICAZIONI E DI REAZIONI

3 SI TRATTA DELL UNICO PUNTO NEL QUALE L ACCORDO S/R CITA ESPRESSAMENTE TRA GLI OPERATORI COINVOLTI NELLE PROCEDURE TRASFUSIONALI IL MEDICO CHIRURGO E L INFERMIERE, FIGURE APPARTENENTI AL NOVERO DELLE PROFESSIONI SANITARIE AL QUALE APPARTIENE ANCHE LA FIGURA DEL TECNICO SANITARIO DI LABORATORIO BIOMEDICO PER INDICARE IL MODELLO PIU DIFFUSO DIVERSAMENTE DA ALTRE FIGURE, PURE COINVOLTE NELLE PROCEDURE TRASFUSIONALI, QUALI AD ESEMPIO IL BIOLOGO, L ASSISTENTE SOCIALE E ALTRE, NON PROFESSIONI SANITARIE IN SENSO TECNICO GIURIDICO. E SOTTO QUESTO PROFILO DI INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHE SI SVILUPPA LA PRESENTE RELAZIONE. PERCIO IL TEMA VIENE AFFRONTATO ATTRAVERSO UNO SGUARDO PIU AMPIO E GENERALE RISPETTO ALLE 2 FIGURE PROFESSIONALI IL MEDICO CHIRURGO E L INFERMIERE SEMPRE NEL CAMPO DELLE PROFESSIONI SANITARIE GIURIDICAMENTE DEFINIBILI TALI, RISPETTO ALLE QUALI L EVENTO FORMATIVO E STATO ACCREDITATO NEL SISTEMA ECM PER QUESTA OCCASIONE.

4 POSSIAMO PARTIRE DA LONTANO PER CAPIRE IL CONCETTO GIURIDICO DI PROFESSIONE SANITARIA COSI COME SORTO E COME SI INQUADRA NELL AMPIO PANORAMA DELLE PROFESSIONI DELLA SALUTE, NELLA SUA SPECIFICITA E SINGOLARITA, QUALE PARTE DELLA COMPONENTE PERSONALE SANITARIO COINVOLTA NELLA VICENDA TRASFUSIONALE.

5 I FONDAMENTALI CONCETTUALI LAVORO PROFESSIONI INTELLETTUALI PROFESSIONI SANITARIE PERSONALE SANITARIO

6 LA POTESTA LEGISLATIVA IN MATERIA DI LA POTESTA LEGISLATIVA IN MATERIA LAVORO E DI PROFESSIONI A DI LAVORO COSTITUZIONE DI PROFESSIONI VIGENTE SECONDO LA COSTITUZIONE Art. 35: la Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme e applicazioni La materia Professioni in art. 117 legislazione concorrente Stato: determinazione dei principi fondamentali Regioni: legislazione, programmazione, organizzazione, controllo Risolve i conflitti tra Stato, Regioni e Province Autonome la Corte Costituzionale Competenza della Conferenza Permanente dei rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano Alto Adige MATERIA IN CORSO DI REVISIONE LEGISLATIVA

7 Il lavoro: art Codice Civile Il lavoro è tutelato in tutte le sue forme organizzative ed esecutive, intellettuali, tecniche e manuali Art Codice Civile L ordinamento delle categorie professionali è stabilito dalle leggi, dai regolamenti, dai provvedimenti dell Autorità Governativa e dagli Statuti delle Associazioni Professionali

8 LE PROFESSIONI INTELLETTUALI ART Codice Civile: esercizio delle professioni intellettuali Comma 1: la legge determina le professioni intellettuali per l esercizio delle quali è necessaria l iscrizione in appositi Albi o Elenchi.

9 LE PROFESSIONI INTELLETTUALI RISPETTO AL BISOGNO SALUTE PROFILI DEFINITORI PROFESSIONI DELLA SALUTE (GENERICO) PERSONALE SANITARIO (SPECIFICO) - PROFESSIONI SANITARIE (SPECIFICO)

10 IL PERSONALE SANITARIO IL PERSONALE SANITARIO, RISORSA UMANA DEL SSN. INIZIALI RIFERIMENTI NORMATIVI -art. 47 L , n. 833 personale dipendente -art. 48 L , n. 833 personale a rapporto convenzionato -DPR , n. 761: Stato giuridico del personale delle Unità Sanitarie Locali (ANCORA VIGENTE) -Contratti collettivi di lavoro

11 LE PROFESSIONI SANITARIE Traggono la definizione DALLA LEGGE, diversamente dalla generica, ma giuridicamente irrilevante definizione di Professioni della Salute. Appartengono, ma non lo esauriscono, al novero della Professioni rientranti nel Ruolo del Personale Sanitario ex DPR 761/79 Stato giuridico dei dipendenti delle Unità Sanitarie Locali Identificano, con la stessa definizione di Professioni Sanitarie due diverse condizioni

12 DISTINZIONE PROFESSIONI SANITARIE ORIGINARIE PROFESSIONI SANITARIE così denominate dopo l abrogazione del termine Ausiliarie in forza della Legge , n. 42 Definizione corretta: ex art. 6, comma 3, Dlgs 502/1992 e s. i. m.

13 EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA 1934 R. D , n T. U. LL. SS. TIT. II LE PROFESSIONI SANITARIE PUNTO STORICO DI ARRIVO DAL PASSATO E DI RIPARTENZA PER IL FUTURO Medico chirurgo Veterinario Farmacista Levatrice Assistente sanitaria visitatrice Infermiera diplomata Professioni sanitarie Professioni sanitarie ausiliarie Arti sanitarie ausiliarie

14 GLI SVILUPPI NORMATIVI Il processo di riforma delle Professioni Sanitarie Dal T. U alla legge 43 del FONDAMENTALE: art. 6, comma 3 dlgs 502/92 I 22 profili delle professioni sanitarie individuati dal Ministero della Salute dal 1994 al 2001

15 LA SVOLTA STORICA L ART. 6, comma 3 del D. Lgs , 502 per punti (modif. D. Lgs , n. 517 e integrato D. Lgs , n. 229) Avvio della Riforma delle Professioni Sanitarie I nuovi profili ai fini dell esercizio professionale Gli ordinamenti didattici ai fini della nuova formazione universitaria

16 IL FONDAMENTALE art. 6, COMMA 3 D. Lgs 502/92 Per punti: A) Incarico al Ministro della Sanità individuazione profili professionali da formare a livello universitario B) Incarico ai Ministri dell Università e della Sanità predisposizione ordinamenti didattici C) Protocolli di intesa tra Regioni e Università per l espletamento dei corsi universitari ex. L n. 341 D) Esame finale: prova scritta e prova pratica, abilitante all esercizio professionale E) Per i corsi universitari richiesto il diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado di durata quinquennale

17 I 22 profili delle professioni sanitarie individuati dal Ministero della Salute dal 1994 al 2001

18

19

20

21 PER LA PROFESSIONE SANITARIA INFERMIERE IL DM N. 739 REGOLAMENTO CONCERNENTE L INDIVIDUAZIONE DELLA FIGURA E DEL RELATIVO PROFILO PROFESSIONALE DELL INFERMIERE IL DM EQUIPOLLENZA DEI DIPLOMI E ATTESTATI DI DIPLOMA UNIVERSITARIO DI INFERMIERE AI FINI DELL ESERCIZIO PROFESSIONALE E DELL ACCESSO ALLA FORMAZIONE POST BASE

22 EQUIPOLLENZA Riconosciuta per i 22 profili professionali con decreti interministeriali del Art. 1 TABELLA Sez. A Diploma Universitario INFERMIERE. DM N. 739 Sez. B Titoli Equipollenti INFERMIERE PROFESSIONALE Regio Decreto , n INFERMIERE PROFESSIONALE DPR 162 DEL D. U. SCIENZE INFERMIERISTICHE LEGGE N. 341 L equipollenza dei titoli indicati nella sezione B della tabella riportata nell art. 1, al Diploma Universitario di INFERMIERE indicato nella Sez. A della stessa tabella non produce per i possessori del titolo alcun effetto sulla posizione funzionale della posizione rivestita e sulle mansioni esercitate in ragione del titolo nei rapporti di lavoro dipendente già instaurati alla data di entrata in vigore del presente decreto

23 Per la figura professionale dell assistente sanitario un momento evolutivo normativo importante è rappresentato dal DPR n. 225: modifiche al R. D. regio decreto 2 maggio 1940, n. 310 sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici (titolo IV, mansioni dell assistente sanitario). Si tratta del notissimo Mansionario.

24 IL PERCORSO PROSEGUE CON: La legge n. 42: disposizioni in materia di professioni sanitarie. abrogazione ausiliarietà, mansionari, nuovo campo attività e responsabilità, IL PROBLEMA DEL LIMITE, fonte dei concetti di equipollenza ed equivalenza I Decreti Ministeriali. del sulla equipollenza: diplomi conseguiti in base alla normativa anteriore a quella di attuazione dell art. 6, comma 3, del Dlgs , n. 502 e successive modificazioni La legge n. 251, aree e dirigenza disciplina delle professioni sanitarie, infermieristiche, tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, nonché della professione di ostetrica. Introduzione della dirigenza delle professioni sanitarie (qualche critica sull art. 4 professioni tecniche della prevenzione )

25 Il DM , collocazione dei 22 profili nelle 4 aree Il Decreto Interministeriale : determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie Il DM : determinazione delle classi delle lauree specialistiche universitarie delle professioni sanitarie Legge , n. 1: conversione in legge, con modificazioni, del DL , n. 402, recante disposizioni urgenti in materia di personale sanitario (accesso alla laurea specialistica) Legge , n. 56 conversione in legge, con modificazioni, del DL , n. 8, recante proroga di disposizioni relative ai medici a tempo definito, farmaci, formazione sanitaria, ordinamenti didattici universitari ed organi amministrativi della Croce Rossa.

26 Accordo della Conferenza Permanente per i rapporti Stato Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano: criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza ai diplomi universitari dell area sanitaria dei titoli del pregresso ordinamento (abrogato dall Accordo del ) Decreto Ministeriale n. 270 modifiche al regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli Atenei, approvato con decreto del Ministro dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica n. 509 Decreto Ministeriale accertamento della rappresentatività a livello nazionale delle associazioni professionali dell area sanitaria

27 L , n. 43, disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione dei relativi ordini professionali Decreto Ministeriale sostituzione della tabella contenuta nel decreto , concernente l accertamento della rappresentatività a livello nazionale delle associazioni professionali dell area sanitaria Decreto Interministeriale : determinazione delle classi delle lauree magistrali delle professioni sanitarie Decreto Interministeriale determinazione delle classi delle lauree delle professioni sanitarie Legge n. 240 norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza del sistema universitario

28 Un attenzione particolare alla L , n. 43 Meglio conosciuta come legge sui nuovi ordini. Chiude e riassume il ciclo normativo della riforma delle professioni È definibile RIORDINO NORMATIVO DELLE PROFESSIONI SANITARIE -Art. 1: definizione -art. 2: requisiti (tra cui recupero art. 6, comma 3 Dlgs. 502/92, obbligo iscrizione Albo Professionale anche per i pubblici dipendenti, aggiornamento professionale come professione medica) -Art. 3 istituzione degli Ordini delle Professioni Sanitarie -Art. 4: delega al Governo per Ordini -Art. 5: individuazione di Nuove Professioni in ambito sanitario Non più da parte ministeriale, ma mediante accordi in sede di Conferenza permanente Stato/Regioni e PP. AA. Eventuali nuove professioni non devono trovare corrispondenza in professioni già riconosciute -Art. 6 istituzione della funzione di coordinamento -LA LEGGE 43 E ATTUALMENTE ANCORA VIGENTE NON ATTUATA NELLA PARTE ORDINISTICA

29 L acquisizione dei titoli accademici (laurea, laurea magistrale o master) dà la possibilità al professionista sanitario di svolgere la sua attività sulla base della classificazione del personale laureato afferente alle professioni sanitarie individuata dalla legge di riforma delle professioni sanitarie, n. 43/2006: Professionisti Professionisti coordinatori Professionisti specialisti Professionisti dirigenti in possesso della laurea di primo livello e di altro titolo equipollente ai sensi della L. 42/99 in possesso del master universitario di primo livello in management per le funzioni di coordinamento in possesso del master universitario di primo livello per le funzioni specialistiche (specializzazione in particolari ambiti o particolari funzioni) in possesso della laurea magistrale che abbiano esercitato l attività professionale con rapporto dipendente per almeno cinque anni, oppure ai quali siano stati conferiti incarichi dirigenziali ai sensi dell art. 7 della legge 10 agosto 2000, n. 251.

30 IL NUOVO CAMPO DI ATTIVITA, AUTONOMIA E RESPONSABILITA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IL RICONOSCIMENTO DALLE LEGGI 42/99 E 251/00 DA ABROGAZIONE Ausiliarietà IL NUOVO CAMPO DI ATTIVITA E RESPONSABILITA : PROFILO PROFESSIONALE ORDINAMENTO DIDATTICO CODICE DEONTOLOGICO (legge 42/99) L EQUIVOCO: PROFILO = MANSIONARIO

31 AUTONOMIA PROFESSIONALE E RESPONSABILITA FLESSIBILITA DEL CONCETTO DI NUOVO CAMPO AUTONOMIA = I CONTENUTI DEL CAMPO DI ATTIVITA E RESPONSABILITA IN RAPPORTO ALLE CARATTERISTICHE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE (UNITA OPERATIVE, DIPARTIMENTI, DISTRETTI) RELATIVIZZAZIONE DEL CONCETTO RISPETTO ALLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUMENTI: LINEE GUIDA, PROTOCOLLI OPERATIVI, PIANI DI ATTIVITA CONDIVISI E VALIDATI FLESSIBILITA RISPONDENTE ALLA DIVERSA COMPLESSITA DELLE ORGANIZZAZIONI I DETERMINANTI: LE SCELTE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI DA PARTE DI REGIONI, PROVINCE AUTONOME E AZIENDE SANITARIE ATTO AZIENDALE E PIANI DI OGANIZZAZIONE

32 IL PROBLEMA DEL LIMITE ESPRESSO DALLA LEGGE 42/99: FATTE SALVE LE COMPETENZE PREVISTE PER LE PROFESSIONI MEDICHE E LE ALTRE LAUREE DEL RUOLO SANITARIO (DPR 761) LA NOVITA : LO SCIOGLIMENTO DEL VINCOLO DELLA DIPENDENZA PROFESSIONALE (abrogata ausiliarietà) RIGUARDO AL CAMPO LA FIGURA E PADRONA DEL CAMPO, IN ESSO SI AUTODETERMINA E RISPONDE PERSISTENZA DEL RISCHIO DOVUTO ALLA POSSIBILE LABILITA DEI CONFINI RILEVANZA DEL RUOLO DELLA RESPONSABILITA NEL RISPETTO DEL LIMITE I LIMITI: DEFINIBILI MEDIANTE ATTI DI AUTOORGANIZZAZIONE Ammissibili e anzi consigliabili protocolli, intese, accordi, linnee guida, purché condivisi e validati, a livello di dipartimenti o unità operative o servizi, compatibili con i nuovi campi di attività e responsabilità delle figure professionali appartenenti al gruppo di lavoro

33 EQUIPOLLENZA ED EQUIVALENZA CHIARIMENTI FONTI NORMATIVE DEI DUE CONCETTI Legge n. 42 art. 4 diplomi conseguiti in base alla normativa anteriore a quella di attuazione dell art. 6, comma 3 del Dlgs. 1992, n. 502 e successive modificazioni Comma 1: per le professioni di cui all art. 6, comma 3 del Dlgs n. 502 ai fini dell esercizio professionale e dell accesso alla formazione post base, i diplomi e gli attestati conseguiti in base alla precedente normativa, che abbiano permesso l iscrizione ai relativi albi professionali o l attività professionale in regime di lavoro indipendente, o autonomo, o che siano previsti dalla normativa concorsuale del Personale SSN o dagli altri comparti del settore pubblico sono EQUIPOLLENTI ai diplomi universitari di cui al citato art. 6, comma 3 del Dlgs. 502 del 1992 ai fini dell esercizio professionale e dell accesso post base. Comma 2: con decreto del Ministero della Sanità, di intesa con il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica sono stabiliti, con riferimento alla iscrizione nei ruoli nominativi regionali di cui al DPR n. 761, allo stato giuridico dei dipendenti degli altri comparti del settore pubblico e privato e alla qualità e durata dei corsi e, se del caso, al possesso di una pluriennale esperienza professionale, i criteri e le modalità per riconoscere come EQUIVALENTI ai diplomi universitari di cui all art. 6, comma 3 del D. Lgs. 502 del 1992, ai fini dell esercizio professionale e dell accesso alla formazione post base, ulteriori titoli conseguiti conformemente all ordinamento in vigore anteriormente all emanazione dei decreti di individuazione dei profili professionali. I criteri e le modalità definiti dal decreto di cui al presente comma possono prevedere anche la partecipazione ad appositi corsi di riqualificazione professionale, con svolgimento di un esame finale

34 L ASPETTO ORDINISTICO Per affrontare convenientemente le possibili novità portate dai recenti provvedimenti proposti dal Governo Nazionale e approvati dal Parlamento, conviene partire dalle fonti normative fondamentali della materia ordinistica. -Decreto Legislativo del Capo Provvisorio dello Stato , n 233 (con le modifiche apportate dalla legge , n. 15 e dalla legge , n e dal Decreto Presidente della Repubblica , n. 1360: ricostituzione degli Ordini delle Professioni Sanitarie e disciplina dell esercizio delle Professioni stesse -DPR , n. 221 approvazione del Regolamento per l esecuzione del DLCPS , n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle Professioni Sanitarie e per la disciplina per l esercizio delle professioni stesse -Legge n. 1049: istituzione dei Collegi delle Infermiere professionali, delle assistenti sanitarie visitatrici e delle vigilatrici d infanzia -Art. 1: in ogni Provincia sono istituiti i Collegi -Art. 2: sono estese ai Collegi le norme contenute nel Dlgs del Capo Provvisorio dello Stato , n. 233

35 IL PARLAMENTO NAZIONALE STA ESAMINANDO ALCUNI DISEGNI DI LEGGE, IN PARTICOLARE IL DDL N. AS 1324 COSIDDETTO OMNIBUS, PRESENTATO DAL GOVERNO E PER ESSO DAL MINISTRO DELLA SALUTE BEATRICE LORENZIN CHE PREVEDE AL CAPO II, PROFESSIONI SANITARIE : - IN OGNI PROVINCIA O CITTA METROPOLITANA LA COSTITUZIONE DI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI, DEI VETERINARI E DEI FARMACISTI - PER LE PROFESSIONI SANITARIE NON MEDICHE TRE ORDINI: a) ORDINE DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE b) ORDINE PROFESSIONALE DELLE OSTETRICHE c) ORDINE DEI TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA E DELLE PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE, DELLA RIABILITAZIONE E DELLA PREVENZIONE

36 PERCORSO FATICOSO, IN ITINERE A LIVELLO PARLAMENTARE UNA NOTA INTERESSANTE IL DDL, RIGUATRDO ALLA MATERIA ORDINISTICA, PREVEDE L INGRESSO TRA LE PROFESSIONI SANITARIE (DLCPS N. 233) DI: -BIOLOGI -PSICOLOGI UNA VIA DIVERSA DAL PERCORSO PREVISTO DALLA LEGGE N. 43 AGLI artt. 5 E 7 PER IL RICONOSCIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

37 Grazie

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6229 PROPOSTE DI LEGGE D INIZIATIVA DEI SENATORI TOMASSINI; TOMASSINI; BETTONI, BRANDANI, MASCIONI, BAIO DOSSI, CARELLA, CORTIANA, DI GIROLAMO,

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 29 aprile 2009 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2008 Gazzetta Ufficiale 26 febbraio 2008, n. 48 Recepimento dell accordo 15 novembre 2007, tra il Governo,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1645-A Relazione orale Relatore Di Girolamo TESTO PROPOSTO DALLA 12ª COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ) Comunicato alla Presidenza il 19 maggio 2004 PER

Dettagli

La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99.

La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99. La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99. Francesco SCIACCA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE, SCIENZE PSICHIATRICHE ED ANESTESIOLOGICHE Dottorato di

Dettagli

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1).

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1). L. 1-2-2006 n. 43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini

Dettagli

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie III Corso Regionale Mario Nironi 24 ottobre 2008 Lorenzo Broccoli 1 Le Professioni Sanitarie: Fonti normative (1) Art. 99 R.D. n. 1265/1934 (Testo unico

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera Fare clic sull'icona per inserire un'immagine La formazione come crescita professionale Ana Shiella C. Rivera Infermiera La formazione Si definisce formazione il processo del formarsi con la maturazione

Dettagli

La figura professionale del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

La figura professionale del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza La figura professionale del Tecnico Sanitario

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/10/2013 - N 741

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/10/2013 - N 741 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/10/2013 - N 741 Riconoscimento dell equivalenza ai diplomi universitari dell area sanitaria dei titoli del pregresso ordinamento, in attuazione dell articolo 4,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

SOLO per il profilo IF Infermiere

SOLO per il profilo IF Infermiere Valutazione del punteggio del titolo di accesso SOLO per il profilo IF Infermiere Il titolo di studio richiesto per l accesso è: Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI LUCA BENCI FIRENZE http:// Il sistema di abilitazione all esercizio professionale Per i medici: non esistono di fatto norme di carattere generale

Dettagli

(1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50.

(1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50. L. 26-2-1999 n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50. L. 26 febbraio 1999, n. 42 (1). Disposizioni in materia di professioni sanitarie. (1)

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 431 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CARCARINO, SALVATO, MARINO e RUSSO SPENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA

Dettagli

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci Le professioni sanitarie nel XX secolo Medico Speziale Levatrice La dominanza medica: gli elementi

Dettagli

Processo di professionalizzazione dell infermiere

Processo di professionalizzazione dell infermiere Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Facoltà di Medicina e Chirurgia Piccola Casa della Divina Provvidenza Ospedale Cottolengo di Torino Processo di professionalizzazione dell infermiere Sr. Anna

Dettagli

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14.

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. (Istituzione delle professioni sanitarie non convenzionali di chiropratico

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Avviso pubblico finalizzato alla stabilizzazione di n. 39 posizioni relative a rapporti a tempo determinato, Area professionale A, posizione economica A2, ( 38 posti per profilo tecnico

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Fonti normative e professione

Fonti normative e professione Fonti normative e professione Laurea Master Perfezionamento Laurea magistrale Dottorato Università Legislazione Aggiornamento E.C.M. Apprendimento permanente Formazione Professione infermiere Di base Ricerca

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro LE PROFESSIONI SANITARIE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEL TERZO MILLENNIO Brescia 06/10/2006 T.d.P. Katia Razzini

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione).

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione). LEGGE 1 febbraio 2006, n.43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto ministeriale 9 luglio 2004 Gazzetta Ufficiale 20 luglio 2004, n. 168 Definizione delle modalità e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica

Dettagli

http://www.statoregioni.it/testo_print.asp?idprov=9191&iddoc=30587&tipodoc=2

http://www.statoregioni.it/testo_print.asp?idprov=9191&iddoc=30587&tipodoc=2 Pagina 1 di 9 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome concernente i criteri e le modalità per il riconoscimento dell equivalenza ai diplomi universitari dell

Dettagli

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Sala del Tempio 2 Dall AFD al Master. Inquadramento storico della formazione e sviluppo in relazione all esercizio professionale e agli assetti organizzativi G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Il Coordinamento

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 giugno 2012 SENATO ACCADEMICO 17 luglio 2012 DECRETO RETTORALE DI EMANAZIONE:

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 giugno 2012 SENATO ACCADEMICO 17 luglio 2012 DECRETO RETTORALE DI EMANAZIONE: Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO DIDATTICO DI MEDICINA E CHIRURGIA E DEI CORSI DI STUDIO AFFERENTI Regolamento per i corsi di studio attivi in base al D.M. 270/04 ANNO ACCADEMICO 2012-2013

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

OGGETTO LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA IN UNA DISCIPLINA DIVERSA DALLA PROPRIA

OGGETTO LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA IN UNA DISCIPLINA DIVERSA DALLA PROPRIA 1 OGGETTO LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA IN UNA DISCIPLINA DIVERSA DALLA PROPRIA QUESITO (posto in data 25 marzo 2013) Sono un medico ospedaliero a rapporto esclusivo inquadrato in pronto soccorso con

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma

UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma UNIVERSITÀ CATTOLICA del SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli - Roma OSPEDALE COTTOLENGO - Torino Corso di Laurea in Infermieristica Corso infermieri guida di tirocinio novembre 2014

Dettagli

Il reclutamento nella scuola

Il reclutamento nella scuola Il reclutamento nella scuola Accesso Art. 97 della Costituzione I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo da assicurare il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3307 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 1142 XVI Legislatura

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 1142 XVI Legislatura SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 1142 XVI Legislatura Istituzione degli ordini e albi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico - sanitarie e della prevenzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Quali sono le classi di laurea magistrale per l'abilitazione di perito industriale laureato?

Quali sono le classi di laurea magistrale per l'abilitazione di perito industriale laureato? Ai sensi dell'art. 55, comma 2d del DPR 328/01, per accedere all'esame di abilitazione di perito industriale laureato, può essere utilizzata una delle seguenti lauree quinquennali di vecchio ordinamento,

Dettagli

Curriculum DATI PERSONALI TITOLI DI STUDIO CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE. Anna Casoni

Curriculum DATI PERSONALI TITOLI DI STUDIO CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE. Anna Casoni Curriculum CURRICULUM FORMATIVO - PROFESSIONALE DI Anna Casoni DATI PERSONALI La sottoscritta Anna Casoni è nata a Ferrara, il 29/07/1959 è di nazionalità italiana TITOLI DI STUDIO La sottoscritta Anna

Dettagli

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2437 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 NOVEMBRE 2010 Disposizioni

Dettagli

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica. DECRETO N. 1099 /Prot. N. 22837/I-3 Div. Affari Istituzionali Sez. Pers. Doc. Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Dettagli

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE NORME CONCORSUALI APPROVATE CON DELIBERAZIONE N. N. 155 IN DATA 16/06/2006 (MODIFICATA CON SUCCESSIVE DELIBERE N. 216 IN DATA 08.09.2006, N. 298 IN DATA 15.12.2006 E N. 304

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 17 novembre 1997, n. 398. Modifica alla disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme sulle scuole di specializzazione per le professioni legali, a norma dell'articolo 17, commi 113 e

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del Servizio sanitario nazionale(decreto del Ministro della sanità del 3 dicembre 1982)

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del Servizio sanitario nazionale(decreto del Ministro della sanità del 3 dicembre 1982) EQUIPOLLENZA TITOLI Il Decreto Ministeriale 27 luglio 2000 e il Decreto Ministeriale 10 luglio 2002 definiscono quali sono i titoli pregressi (ai sensi della legge 42/1999 art. 4, comma 1) equipollenti

Dettagli

O R D I N A: ART. 1 ART. 2

O R D I N A: ART. 1 ART. 2 Ordinanza Ministeriale 11 febbraio 2008 Prima e seconda sessione degli esami di stato di abilitazione all'esercizio delle professioni disciplinate dal d.p.r. 5 giugno 2001, n.328, relative all anno 2008

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DIDATTICHE E PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI tra l'università degli studi di Roma Sapienza (d ora in avanti denominata Sapienza), rappresentata dal Rettore pro tempore prof.

Dettagli

L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori

L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori Luca Benci http://www.lucabenci.it A.n.u.l. 1974 Accordo nazionale unico di lavoro per il personale ospedaliero Livello Qualifiche 1 Ausiliario Portantino

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI Pagina 1 di 19 Testo Unico Regio Decreto 31 agosto 1933, n. 1592 Approvazione del testo unico delle leggi sull istruzione superiore D.P.R., n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI Allegato A PREMESSA Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma e la revoca degli incarichi dirigenziali di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE approvato dal Senato della Repubblica, il 9 giugno 1998, in un testo risultante dall'unificazione dei disegni di legge (V. Stampati nn. 251, 431,

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione)

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) in GESTIONE DEL COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Anno Accademico 015/016 Presso l UNICUSANO, Università degli studi Niccolò Cusano -

Dettagli

La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL

La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL Pianezza (TO) Sabato 20 Maggio 2006 La formazione universitaria e continua, l'attività di docenza e la libera professione previste dalla normativa e dai CCNL Gianluca Mezzadri Tecnico della prevenzione

Dettagli

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn. DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.it PP/dc Decreto Rettorale Repertorio n. 146-2015 Prot. n. 2608 del 06.03.2015

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: 15656 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 29 marzo 2016, n. 4 Consiglio sanitario regionale. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE

Dettagli

Università degli Studi di Sassari III Divisione Studenti

Università degli Studi di Sassari III Divisione Studenti III Divisione Studenti Decreto n. 486-2008 Prot. n. 2670 del 30/07/2008 Anno 2008 Titolo III Classe 2 Fascicolo 2007-III/2.47 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Sassari il

Dettagli

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE SERVIZIO ORGANICO, RECLUTAMENTO E MOBILITA I L R E T T O R E

DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE SERVIZIO ORGANICO, RECLUTAMENTO E MOBILITA I L R E T T O R E DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE SERVIZIO ORGANICO, RECLUTAMENTO E MOBILITA I L R E T T O R E Decreto n. 261 Vista la Legge 31.12.1996, n. 675 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO.

ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO. Legge Regionale n.13 del 17/07/2002 (pubblicata nel BUR n. 33 del 31/07/2002) ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO. Il Consiglio regionale ha approvato. LA

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Autore Presentazione XI XIII Capitolo 1 LA FORMAZIONE INFERMIERISTICA 1 Cenni storici 1 La formazione universitaria 2 Il superamento del diploma universitario e l istituzione delle lauree 3 Le indicazioni

Dettagli

OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa

OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa 1 OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa QUESITO (quesito posto in data 4 gennaio 2010) Sto predisponendo la domanda per partecipare

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

VISTA la legge 2 agosto 1999, n.264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari ed, in particolare, l articolo 4, comma 1;

VISTA la legge 2 agosto 1999, n.264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari ed, in particolare, l articolo 4, comma 1; Decreto Ministeriale 9 luglio 2004 Modalità e contenuti prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica delle professioni sanitarie per l'anno accademico 2004/05 VISTO il decreto legislativo 30 luglio

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CRIMÌ, LENZI. Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche e dell area sanitaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CRIMÌ, LENZI. Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche e dell area sanitaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2822 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CRIMÌ, LENZI Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

I master infermieristici in Area Critica

I master infermieristici in Area Critica WORKSHOP NAZIONALE ANIARTI Firenze 24 giugno 2006 - Palazzo dei Congressi I master infermieristici in Area Critica I corsi master per l area critica nelle università italiane: dove, quanti, come. Un indagine

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli