Voluntary disclosure : procedura, effetti e limiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voluntary disclosure : procedura, effetti e limiti"

Transcript

1 Voluntary disclosure : procedura, effetti e limiti di Massimo Gabelli e Davide Attilio Rossetti In un contesto internazionale di lotta all evasione fiscale in rapida evoluzione, in coerenza con le linee guida tracciate dall OCSE 1, l Italia ha introdotto, dopo una travagliata gestazione 2, una procedura di c.d. voluntary disclosure o autodenuncia o collaborazione volontaria di carattere temporaneo, in quanto attivabile solo entro il 30 settembre 2015, finalizzata all emersione delle attività patrimoniali e finanziarie costituite o detenute all estero da soggetti residenti in Italia - anche se indirettamente o per interposta persona - in violazione delle norme in materia di monitoraggio fiscale. Il testo finale ha, poi, esteso l ambito dei soggetti ammessi (art. 5-septies) anche a soggetti diversi da quelli indicati all art. 4, comma 1, del D.L. 28 giugno 1990, n. 167, così come a quelli ivi indicati che abbiano correttamente adempiuti agli obblighi dichiarativi connessi al c.d. monitoraggio fiscale. In sostanza, la norma oggi è rivolta a tutti i contribuenti senza eccezioni, salve specifiche cause di esclusione dalla procedura. Si tratta di quella che la bozza di modello di accesso alla procedura identifica come emersione nazionale, per distinguerla dalla emersione internazionale 3 che si collega alle violazioni del c.d. monitoraggio, modellando la prima a partire dalla disciplina della seconda. Di seguito, i riferimenti sono alla emersione internazionale. La procedura di voluntary disclosure ed i periodi di imposta interessati La voluntary disclosure trova collocazione normativa nel D.L. 28 giugno 1990, n ( Decreto n. 167/1990 ), riguardante gli obblighi di monitoraggio fiscale e, quindi, di compilazione del Quadro RW della dichiarazione dei redditi utilizzato da persone fisiche, enti non commerciali e trust, società semplici e soggetti assimilati, ma anche dai c.d. titolari effettivi, ai sensi della normativa anti-riciclaggio di cui al D.Lgs. 21 novembre 2007, n e dall allegato tecnico del Decreto Massimo Gabelli - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati, Milano Davide Attilio Rossetti - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati, Milano Note: 1 Tackling aggressive tax planning through improved transparency and disclosure, pubblicato dal Comitato Affari Fiscali nel febbraio del 2011 che esorta gli Stati ad introdurre disposizioni che prevedano riduzioni delle sanzioni in presenza di comportamenti collaborativi del contribuente. Si vedano, anche, Offshore Voluntary Disclosure Comparative Analysis, guidance and policy advice, pubblicato nel settembre 2010; 2010 OECD - Study on Offshore Voluntary Disclosure e A Framework for Successful Offshore Voluntary Compliance Programmes Approved by the Committee on Fiscal Affairs on 15 January La procedura di voluntary disclosure era stata introdotta, per la prima volta, con l art. 1 del D.L. 29 gennaio 2014, n. 4. L art. 1 è stato successivamente soppresso dalla Legge di conversione 28 marzo 2014, n. 50. Dopo uno stallo durato diversi mesi, il testo modificato è stato reinserito nella Legge 15 dicembre 2014, n Al momento di chiusura del presente articolo il riferimento è alla bozza internet del 4 dicembre 2014 pubblicata sul sito dell Agenzia delle entrate e sprovvista di relative istruzioni. 4 Il D.L. n. 167/1990 (Rilevazione ai fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l estero di denaro, titoli e valori) è stato convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 227/1990 (in G.U. n. 186 del 10 agosto 1990). 5 L art. 1, comma 2, lettera u), del D.Lgs. 21 novembre 2007 n. 231 definisce come titolare effettivo : la persona fisica per conto della quale è realizzata un operazione o un attività, ovvero, nel caso di entità giuridica, la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano tale entità, ovvero ne risultano beneficiari secondo i criteri di cui all allegato tecnico al presente Decreto. Si ricorda che i titolari effettivi sono soggetti all obbligo dichiarativo a decorrere dal periodo d imposta n. 1/2015

2 legislativo medesimo, residenti in Italia. La Legge n.186/2014 interviene in particolare sul corpus normativo regolante il monitoraggio fiscale, mediante l inserimento nel Decreto n. 167/1990 degli artt. 5-quater, 5-quinquies, 5-sexies e 5 -septies 6. La voluntary disclosure si concretizza in una autodenuncia, piena, esaustiva e leale, resa dal contribuente all Amministrazione finanziaria che consente di regolarizzare la propria situazione patrimoniale e reddituale, con l ausilio di un professionista incaricato di dialogare con gli Uffici dedicati dell Agenzia delle entrate ossia l UCIFI, l Ufficio centrale per il contrasto agli illeciti fiscali internazionali, di cui all art. 12, comma 3, del D.L. 1 luglio 2009, n. 78 ( D.L. n. 78/2009 ). La voluntary disclosure si distingue per avere natura profondamente diversa rispetto a quella dello scudo fiscale o di un condono; essa, infatti, non è anonima e si concretizza con una procedura di vero e proprio accertamento delle attività estere e dei redditi esteri non dichiarati, a cui segue la richiesta dell intero debito tributario 7. E, come infra evidenziato, la procedura si perfeziona solo se tale debito viene pagato nei tempi richiesti. Le agevolazioni, rispetto alle norme vigenti, consistono in una riduzione delle sanzioni amministrative e dall esclusione da punibilità di numerosi reati. La procedura prevede, infatti, che il contribuente, attivandosi spontaneamente (comma 1, lett. a, dell art. 5-quater introdotto dall art. 1 del Disegno di Legge) illustri in modo analitico ed esaustivo all Amministrazione finanziaria la propria situazione patrimoniale e reddituale in relazione alle attività patrimoniali e finanziarie illecitamente detenute all estero, fornendo i relativi documenti e le necessarie informazioni, fin dal momento iniziale in cui queste disponibilità sono state costituite precisandone l origine, unitamente ai documenti ed alle informazioni per la determinazione degli eventuali maggiori imponibili agli effetti delle imposte sui redditi, delle addizionali, delle imposte sostitutive, dell IRAP, dei contributi previdenziali, dell IVA e delle ritenute. E questo relativamente a tutti i periodi d imposta per i quali, alla data di presentazione della domanda, non siano scaduti i termini per l accertamento o la contestazione delle violazioni degli obblighi di dichiarazione ai sensi dell art. 1, comma 1, del Decreto n. 167/1990. Sotto il profilo oggettivo, ai sensi della circolare dell Agenzia delle entrate n. 38/E del 23 dicembre 2013, per attività estere di natura finanziaria devono intendersi quelle attività da cui derivano redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera. In particolare, si tratta di: (i) attività i cui redditi sono corrisposti da soggetti non residenti, tra cui, partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti non residenti (ad esempio, società estere, entità giuridiche quali fondazioni estere e trust esteri), obbligazioni estere e titoli similari, titoli pubblici italiani e titoli equiparati emessi all estero, titoli non rappresentativi di merce e certificati di massa emessi da non residenti (comprese le quote di OICR esteri), valute estere, depositi e conti correnti bancari costituiti all estero indipendentemente dalle modalità di alimentazione (ad esempio, accrediti di stipendi, di pensione o di compensi); (ii) contratti di natura finanziaria stipulati con controparti non residenti, tra cui, finanziamenti, riporti, pronti contro termine e prestito titoli, nonché polizze di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione stipulate con compagnie di assicurazione estere; Note: 6 La Legge n. 186/2014 interviene, peraltro, sull art. 4 del Decreto n. 167/1990 ed introduce, anche, rilevanti modifiche al Codice penale in materia di auto-riciclaggio. 7 Ad eccezione dei casi di utilizzo del c.d. metodo forfetario di cui si dirà nel proseguo del nostro intervento, che tuttavia potrà in non pochi casi portare a debiti tributari anche superiori a quanto dovuto seguendo modalità di calcolo ordinaria (con le complessità che comportano per contribuenti e Amministrazione). È questo uno dei punti su cui il testo appare certamente possibile di un ripensamento in sede normativa. n. 1/

3 (iii) contratti derivati e altri rapporti finanziari stipulati al di fuori del territorio dello Stato; (iv) metalli preziosi allo stato grezzo o monetato detenuti all estero; (v) diritti all acquisto o alla sottoscrizione di azioni estere o strumenti finanziari assimilati; (vi) forme di previdenza complementare organizzate o gestite da società ed enti di diritto estero. Per attività di natura patrimoniale si intendono gli investimenti da indicare nel Quadro RW costituiti da beni patrimoniali collocati all estero e che sono suscettibili di produrre reddito imponibile in Italia, siano essi immobili o mobili (quali, ad esempio, preziosi e le opere d arte, beni immateriali quali marchi o brevetti ecc.). L autodenuncia presuppone non solo la volontarietà, ma anche una totale trasparenza nei confronti dell Amministrazione finanziaria. A tal riguardo, la Legge n.186/2014 introduce un apposita disciplina penale (art. 5-septies) punendo, con la pena della reclusione da un anno e sei mesi a sei anni, chi, nell ambito della procedura, esibisca o trasmetta atti o documenti falsi in tutto o in parte ovvero fornisca dati e notizie rispondenti al vero. In questo contesto assume una posizione rilevante e delicata il professionista che assiste l autore della violazione durante la procedura di regolarizzazione. Infatti, è previsto (art. 5-septies, comma 2, del Decreto n. 167/1990) che il contribuente che intende avvalersi della procedura di voluntary disclosure rilasci al professionista una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con le quali attesti che gli atti o documenti consegnati per l espletamento dell incarico non siano falsi e che i dati e le notizie forniti siano rispondenti al vero. È evidente l intento di non addossare in modo automatico al professionista responsabilità penali per concorso con il cliente in malafede. La procedura non garantisce in alcun modo il mantenimento dell anonimato. Al contrario, la procedura può fare emergere, con effetti delatori, anche violazioni compiute da altri soggetti, essendo il contribuente tenuto a segnalare anche i soggetti collegati, rispetto ai quali la bozza di modello di accesso alla procedura resa pubblica non specifica i profili da indicare. Sul punto dovrà essere chiarito anche l atteggiamento dell Agenzia delle entrate nell utilizzo di queste informazioni, quantomeno rispetto all accesso di altri soggetti alla procedura di autodenuncia, in quanto potrebbe essere considerato compromesso il requisito della volontarietà che costituisce, come detto, uno spartiacque di ammissibilità. Al fine di potere beneficiare del regime premiale della collaborazione volontaria, il contribuente dovrà versare le somme dovute nei termini prescritti, diversamente la procedura non si riterrà perfezionata. In tale ultima circostanza, l Agenzia delle entrate notificherà un atto di accertamento e un nuovo atto di contestazione delle sanzioni anche oltre i termini ordinari di accertamento con la rideterminazione delle sanzioni entro il 31 dicembre dell anno successivo a quello di notificazione dell invito di cui all art. 5, comma 1, del D.Lgs. n. 218/1997 o a quello di redazione dell atto di adesione o di notificazione dell atto di contestazione (art. 5-quinquies, comma 10, del Decreto n. 167/1990). Tavola n. 1 - La voluntary disclosure in sintesi LA VOLUNTARY DISCLOSURE: - non consente il mantenimento dell anonimato; - non reca alcuna specifica attenuazione degli obblighi anti-riciclaggio amministrativo; - presuppone una totale trasparenza nei confronti dell Amministrazione finanziaria. Eventuali omissioni, anche non di grande rilevanza salvo il rispetto (auspicabile ma non normato) della buona fede dimostrata, possono pregiudicare la procedura e l Amministrazione finanziaria sarà libera di utilizzare le informazioni acquisite; 36 n. 1/2015

4 - richiede una denuncia analitica relativa a tutte le attività patrimoniali e finanziarie costituite o detenute all estero e ai redditi occultati; - prevede che il contribuente che decide di regolarizzare i capitali detenuti all estero debba corrispondere integralmente le imposte relative ai redditi non dichiarati, inclusi quelli prodotti dalle attività e dagli investimenti oggetto di regolarizzazione; - prevede la possibilità di ricorrere alla determinazione forfettaria delle imposte dovute sui rendimenti dei capitali su istanza del contribuente ma in casi limitati; - ammette una riduzione delle sanzioni amministrative applicabili; - prevede la non punibilità dei reati di omessa o infedele dichiarazione, di dichiarazione fraudolenta con fatture false o altri artifici, di omesso versamento di ritenute certificate, di omesso versamento IVA. È, altresì, esclusa la punibilità per i reati di cui agli artt. 648-bis e 648-ter c.p. 8 ; - prevede, limitatamente alle attività oggetto di collaborazione volontaria, la non punibilità del reato di autoriciclaggio di cui all art. 648-ter.1 c.p. se commesso in relazione ai delitti di omessa o infedele dichiarazione, di dichiarazione fraudolenta con fatture false o altri artifici, di omesso versamento di ritenute certificate, di omesso versamento IVA, sino alla data del 30 settembre 2015, entro la quale può essere attivata la procedura di collaborazione volontaria. I periodi di riferimento Ai fini dell individuazione dei periodi d imposta oggetto di autodenuncia da parte del contribuente, occorre prendere in considerazione tutti i periodi di imposta per i quali non è ancora scaduto il termine per l accertamento alla data di presentazione della richiesta di collaborazione volontaria. Si rammenta, al riguardo, che per l accertamento dei redditi nei termini ordinari, in caso di dichiarazione presentata, l accertamento deve essere emesso entro il quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione (fino al 31 dicembre 2014 l ultimo periodo d imposta accertabile è il 2009); in caso di dichiarazione omessa, l accertamento deve essere emesso entro il quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuta essere presentata (fino al 31 dicembre 2014 l ultimo periodo d imposta accertabile è il 2008). I predetti termini di decadenza dell accertamento sono raddoppiati in caso di violazioni penal-tributarie (art. 43, comma 3, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e art. 57, comma 3, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633). Inoltre, anche gli investimenti non dichiarati detenuti in Paesi non trasparenti danno luogo al raddoppio dei termini di accertamento di cui all art. 12, comma 2-bis, del D.L. n. 78/2009. Tuttavia, nel caso di adesione alla procedura di collaborazione volontaria, tale disposizione viene disapplicata (art. 5 -quater, comma 4, del Decreto n. 167/1990) a condizione che: - gli investimenti siano detenuti in Stati esteri black list che stipulino, entro sessanta giorni dall entrata in vigore della Legge sulla voluntary disclosure, accordi che consentano un effettivo scambio di informazioni con l Italia ai sensi dell art. 26 del Modello OCSE, anche su elementi riconducibili al periodo intercorrente tra la data di stipulazione e quella di entrata in vigore dell accordo (art. 5-quinquies, comma 7, del Decreto n. 167/1990); - l autore delle violazioni rilasci all intermediario estero presso cui le attività sono detenute l autorizzazione a trasmettere alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attività oggetto di collaborazione volontaria, allegando copia di tale autorizzazione, controfirmata dall intermediario finanziario estero, alla richiesta di voluntary disclosure (art. 5-quinquies, comma 4, primo periodo, lett. c), del Decreto n. 167/1990); - l autore delle violazioni, qualora successivamente all istanza di voluntary disclosure trasferisca le attività oggetto di collaborazione volontaria presso un altro intermediario finanziario localizzato fuori dall Italia o di uno degli Stati che consentono un adeguato scambio di informazioni, rilasci, entro trenta giorni dalla data di trasferimento delle attività, analoga autorizzazione all intermediario presso cui le attività sono state trasferite e trasmetta, entro sessanta giorni dal trasferimento delle attività, tale autorizzazione alle autorità finanziarie italiane, pena l applicazione di una sanzione pari alla metà della sanzione di cui all art. 5-quinquies, comma 4, primo periodo del Decreto n. 167/1990 (art. 5-quinquies, comma 5, del Decreto n. 167/1990) 9. Note: 8 Si tratta del reato di riciclaggio (art. 648-bis c.p.) e del reato di impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648-ter c.p.). 9 Come modificato dalla Legge n.186/2014. n. 1/

5 L accesso alla procedura di emersione internazionale: i presupposti e le preclusioni Presupposto ai fini dell accesso alla procedura per la regolarizzazione, da avviare entro il 30 settembre 2015, è la violazione sino alla data del 30 settembre 2014 inerente al Quadro RW della dichiarazione dei redditi. L adesione alla procedura deve riguardare tutte le attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero per tutti i periodi di imposta accertabili. La procedura, come accennato, comporta il pagamento integrale delle imposte evase e degli interessi, oltre alle sanzioni pecuniarie ancorché in misura ridotta, su tutte le annualità per cui non siano ancora scaduti i termini per l accertamento o per la contestazione delle violazioni degli obblighi di monitoraggio. La procedura di regolarizzazione è esperibile una sola volta - anche indirettamente o per interposta persona - e per attivarla è necessaria una autodenuncia piena, veritiera e tempestiva. La procedura é ammessa solo se la richiesta venga presentata prima che l autore della violazione degli obblighi di monitoraggio fiscale abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dell inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimento penale per violazioni di norme tributarie relative ad attività oggetto della voluntary disclosure. La preclusione all accesso alla procedura opera anche nell ipotesi in cui la formale conoscenza di tali circostanze sia stata acquisita da soggetti solidalmente obbligati in via tributaria con il contribuente, come nel caso degli eredi, o soggetti concorrenti nel reato. Non rappresentano, invece, cause ostative né la comunicazione derivante dalla liquidazione delle imposte in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti, né quella derivante dal controllo formale della dichiarazione. La voluntary disclosure : iter procedurale La procedura si articola in due fasi: Tavola n.2 - Le fasi della voluntary disclosure FASE PRELIMINARE FASE ISTRUTTORIA CONTRIBUENTE PROFESSIONISTA La fase preliminare Durante la fase preliminare il contribuente fornisce al professionista un quadro documentale completo circa gli investimenti e le attività detenute all estero, nonché i redditi non dichiarati utili per la preparazione dell istanza. In questa fase è necessario uno scambio di informazioni con la banca estera del cliente. La norma prevede nell attuale formulazione, come unica modalità la denuncia analitica di: (A) tutti gli investimenti e attività di natura finanziaria costituiti o detenuti all estero anche indirettamente o per interposta persona, nonché i documenti e le informazioni per ricostruire gli (eventuali) redditi serviti a costituirli, e (B) tutti i redditi imponibili di qualsiasi natura conseguiti all estero nei periodi accertabili e non sottoposti a tassazione in Italia. 38 n. 1/2015

6 Si tratta di una fase estremamente complessa e onerosa in termini di ricerca documentale e assistenza e consulenza. Trattasi di uno sforzo in termini di tempi e costi che, in buona misura, prescinde dagli importi in gioco e che si riverserà anche sugli Uffici destinati a gestire la procedura. Per mitigare questo significativo limite, la norma prevede una criterio forfettario di determinazione dei rendimenti delle attività finanziarie che però appare (i) molto oneroso e (ii) comunque impone un conteggio complesso delle consistenze estere, essendo accessibile solo se la media delle consistenze estere delle attività finanziarie da sanare risulti, al termine di ogni periodo d imposta oggetto di collaborazione volontaria, non eccedente i 2 milioni di euro. Tavola n. 3 - La fase preliminare Il professionista: valuta la situazione rappresentata dal cliente anche alla luce della normativa antiriciclaggio, al fine di accertare origine e provenienza dei fondi; verifica la possibilità del contribuente di usufruire della voluntary disclosure ; si fa rilasciare dal contribuente una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con la quale questo attesti che gli atti o documenti consegnati per l espletamento dell incarico non sono falsi e che i dati e le notizie forniti sono rispondenti al vero. La fase istruttoria Tavola n. 4 - La fase istruttoria RICHIESTA ADESIONE INVITO A COMPARIRE COMUNICAZIONE AUTORITA GIUDIZIARIA VERSAMENTO La fase istruttoria si articola in più passaggi: - il contribuente interessato presenta richiesta di adesione alla procedura; - l Agenzia delle entrate procede all invio dell invito a comparire con l indicazione delle somme (imposte, interessi, sanzioni ridotte) da versare e dell atto di irrogazione sanzioni (violazioni del monitoraggio) al contribuente; - il contribuente presta adesione all invito e versa le somme dovute entro il quindicesimo giorno antecedente la data fissata per la comparizione o in base all atto di irrogazione delle sanzioni per Quadro RW entro il termine per la proposizione del ricorso (i.e., 60 giorni). Il versamento può essere eseguito in unica soluzione ovvero essere ripartito, su richiesta dell autore della violazione, in tre rate mensili di pari importo. In tale seconda ipotesi, la scadenza della prima rata è quella prevista per il caso di pagamento in unica soluzione. Il mancato pagamento anche di una sola delle rate determina il mancato perfezionamento della procedura 10 ; ovvero le somme dovute in base all accertamento con adesione entro venti giorni dalla redazione dell atto; Nota: 10 Il pagamento deve essere effettivo, nel senso che per le somme dovute ai fini della procedura di collaborazione volontaria non è possibile avvalersi della compensazione con eventuali crediti d imposta. n. 1/

7 - l Agenzia delle entrate comunica entro trenta giorni dall effettuazione dei versamenti dovuti all autorità giudiziaria competente la conclusione della procedura di collaborazione volontaria per l utilizzo dell informazione ai fini dell esclusione della punibilità per i reati previsti all art. 5-quinquies, comma 1, lettere a) e b), del Decreto n. 167/1990 (art. 5-quater, comma 3, del Decreto n. 167/1990). La voluntary disclosure : compilazione della richiesta di adesione L Agenzia delle entrate ha pubblicato sul proprio sito internet (www.agenziaentrate.it) in data 4 dicembre 2014 la bozza del modello di richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria. Il modello è più snello dello schema predisposto con il D.L. 29 gennaio 2014, n. 4 e di più agevole compilazione. Il modello si compone di due pagine. Nella prima riga della prima pagina sono inserite due caselle per distinguere, innanzitutto, il tipo di disclosure: internazionale o nazionale. Nella prima parte del modello di richiesta devono essere indicate le generalità ed i recapiti del contribuente nonché i dati del professionista incaricato. Il contribuente dichiara di avvalersi degli (eventuali) effetti preclusivi dello scudo fiscale (art. 13-bis del D.L. n. 78/2009) 11 e può: 1) chiedere che i rendimenti vengano determinati, anziché Tavola n. 5 - Bozza del modello (prima pagina) Nota: 11 Sembra potersi ritenere che, nonostante il solo riferimento all art. 13-bis del D.L. n. 78/2009 (scudo fiscale-ter), il contribuente possa avvalersi anche degli effetti delle dichiarazioni di cui alle precedenti edizioni dello scudo fiscale, dal momento che i commi 4 e 5 dello stesso art. 13-bis del D.L. n. 78/2009 ne richiamano le disposizioni e gli effetti. 40 n. 1/2015

8 analiticamente, applicando la misura del 5% ossia con il metodo forfettario (art. 5-quinquies, comma 8, del Decreto n. 167/1990) o 2) optare per una delle due modalità di versamento previste (in un unica soluzione o in tre rate mensili di pari importo). La seconda parte del modello accoglie i dati concreti relativi alle operazioni da portare alla luce e gli imponibili da regolarizzare. Essa si compone delle seguenti sezioni: - attività estere; - nuovi investimenti all estero; - attività estere alla data di emersione; - maggiori imponibili e ritenute non operate. Nella voce Attività estere occorrerà indicare le attività estere e specificare se concernono redditi e/o beni detenuti in Paesi Black List, Paesi Black List che consentono lo scambio di informazioni o Paesi non Black List. Nella voce Nuovi investimenti all estero occorrerà indicare l ammontare degli investimenti ripartiti in base all anno di sostenimento (dal 2003 al 2013). Nella voce Attività estere alla data di emersione occorrerà ripartire gli ammontari riconducibili ad attività detenute in Paesi extra UE ancora da rimpatriare (lett. a), le attività già rimpatriate (lett. b) e quelle detenute all estero (lett. c). Infine, nella voce Maggiori imponibili e ritenute non operate andranno indicati i maggiori imponibili relativi a: imposte sui redditi, imposte sostitutive, IRAP, IVA e ritenute non operate per ogni periodo d imposta. Questa sezione dovrebbe essere la sola compilata dai contribuenti che decideranno di avvalersi dell emersione (solo) nazionale. Il contribuente è tenuto ad allegare al modello tutta la documentazione utile e a supporto per la ricostruzione del reddito e dei beni posseduti all estero nonché i documenti e le informazioni necessari per il calcolo dei maggiori imponibili, ai fini delle imposte sui redditi (e imposte sostitutive), IVA, IRAP, ritenute non operate e altro (per esempio i contributi previdenziali). Da ultimo, si osserva che nel modello è dedicata un apposita sezione ai soggetti collegati di cui occorrerà indicare i relativi codici fiscali. Si tratta con ogni evidenza di una sezione con cui l Agenzia delle entrate chiederà al contribuente di indicare altri soggetti a fini di ulteriori attività. Allo stato non è dato di sapere quale ampiezza di contenuti avrà questa sezione. Le modalità di presentazione dell istanza di collaborazione volontaria e di pagamento dei relativi debiti tributari nonché ogni altra modalità applicativa della procedura saranno disciplinati con un provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate, da emanare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge (art. 5-sexies del Decreto n. 167/1990). La voluntary disclosure : gli effetti L art. 5-quinquies del Decreto n. 167/1990 introdotto dalla Legge n.186/2014 prevede che il contribuente che aderisca alla procedura di collaborazione volontaria abbia alcuni benefici, penali ovvero amministrativi sulle sanzioni pecuniarie. Per ciò che concerne, in particolare, le sanzioni amministrative relative alla violazione degli obblighi di compilazione del Quadro RW della dichiarazione dei redditi (art. 5, comma 2, del Decreto n. 167/1990) 12, La Legge n.186/2014 ne prevede la Nota: 12 Per effetto della Legge 6 agosto 2013, n. 97 (c.d. Legge europea) le sanzioni variano dal: (i) dal 3% al 15% dell ammontare degli importi non dichiarati o (ii) dal 6% al 30% dell ammontare degli importi non dichiarati se i capitali sono detenuti in Paesi c.d. Black List per l omessa compilazione del Quadro RW della dichiarazione dei redditi (art. 5, comma 2, del D.L. n 167/1990). n. 1/

9 Maria Cristina Porrello - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Tavola n. 6 - Bozza del modello (seconda pagina) riduzione alla metà del minimo edittale o nel minimo edittale ridotto di un quarto, in dipendenza dalla condotta del contribuente. Nei confronti del contribuente che si avvale della procedura di collaborazione volontaria, la misura minima delle sanzioni per le violazioni in materia di imposte sui redditi e relative addizionali, di imposte sostitutive, di IRAP, di IVA e di ritenute è fissata al minimo edittale ridotto di un quarto. Pertanto, per i contribuenti che scelgono di avvalersi della collaborazione volontaria le sanzioni irrogabili per violazione delle norme sul monitoraggio13 si applicano sul valore degli investimenti/ Nota: 13 Giova rilevare, al riguardo, che le sanzioni irrogabili sono solo quelle relative alla Sezione II del Quadro RW della dichiarazione dei redditi (Investimenti all estero ovvero attività estere di natura finanziaria) e non anche quelle relative alle Sezioni I (Trasferimenti da o verso l estero di denaro, certificati in serie o di massa o titoli attraverso non residenti, per cause diverse dagli investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria) e III (Trasferimenti da, verso e sull estero che hanno interessato gli investimenti all estero ovvero le attività estere di natura finanziaria) del medesimo Quadro RW. Sul punto si osserva, infatti, che le predette Sezioni I e II, nell ottica di realizzare una semplificazione degli obblighi dichiarativi, sono state abrogate con la Legge europea Pertanto, come chiarito dalla circolare dell Agenzia delle entrate n. 38/E del 23 dicembre 2013, le violazioni di omessa e infedele compilazione delle Sezioni I e III (trasferimenti) del Quadro RW commesse antecedentemente al 4 settembre data di entrata in vigore della Legge europea non costituiscono più violazioni punibili con le specifiche sanzioni di cui al D.L. n. 167/1990. Da quanto sopra discende, dunque, che le sanzioni debbano essere calcolate in via esclusiva con riferimento alla Sezione II del Quadro RW. 42 n. 1/2015

10 Tavola n. 7 - Omessa compilazione del Quadro RW della dichiarazione dei redditi L art. 5 quinquies, comma 4, del Decreto n. 167/1990, introdotto dall art. 1 della Legge n.186/2014 prevede la riduzione a sensi dell art. 7, comma 4, del D.Lgs. n. 472/ alla metà del minimo edittale delle sanzioni previste dall art. 5, comma 2, del Decreto n. 167/1990. a) le attività vengono trasferite in Italia o in uno Stato UE o in Stati aderenti all Accordo Economico Europeo ( SEE ) che consentono un effettivo scambio di informazioni con l Italia, inclusi nella White List di cui al D.M. 4 settembre 1996 (Norvegia e Islanda). b) le attività trasferite in Italia o negli Stati UE o SEE White List (Norvegia e Islanda) erano o sono detenute in tali Stati. La riduzione delle sanzioni alla metà opera se concorre una delle condizioni sub a), b) o c). Ove non sussistano le predette condizioni, la sanzione è determinata nella misura del minimo edittale, ridotta solo di un quarto (25%). c) l autore della violazione autorizzi l intermediario finanziario estero presso cui le attività sono detenute a comunicare alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attività oggetto di voluntary disclosure e alleghi copia dell autorizzazione, controfirmata dall intermediario finanziario estero. attività non dichiarate in misura pari al 1,5% (in luogo di quella del 3%), se i capitali sono detenuti in Stati a fiscalità ordinaria e del 3% ovvero del 4,50% (in luogo di quella del 6%), se i capitali sono/ restano detenuti in territori c.d. Black List. Va precisato che nei confronti del contribuente che si avvale della procedura di collaborazione volontaria, la misura minima delle sanzioni per le violazioni in materia di imposte sui redditi, imposte sostitutive, IRAP, IVA e ritenute, è fissata al minimo edittale ridotto di un quarto (art. 5-quinquies, comma 4, ultima parte, del Decreto n. 167/1990). L art. 5-quinquies, comma 5, del Decreto n. 167/1990 prevede, inoltre, una misura antielusiva per chi intenda trasferire, o ritrasferire, senza adeguate garanzia di trasparenza i beni regolarizzati in giurisdizioni delle Black List. Più in dettaglio, ove sussistano le condizioni sopra citate per la riduzione della sanzione alla metà del minimo e l autore della violazione trasferisca, successivamente alla presentazione della richiesta, le attività oggetto di collaborazione volontaria presso un altro intermediario localizzato fuori dall Italia o fuori dai Paesi UE o SEE con cui esiste adeguato scambio n. 1/

11 informativo, l autore della violazione è obbligato (entro 30 giorni dalla data del trasferimento delle attività) a rilasciare l autorizzazione al c.d. monitoraggio rafforzato all intermediario presso cui le attività sono state trasferite. L autore della violazione dovrà, altresì, trasmettere, entro 60 giorni dalla data del trasferimento delle attività, tale autorizzazione alle autorità finanziarie italiane, pena l applicazione di una sanzione ulteriore pari alla metà della sanzione già corrisposta per la collaborazione volontaria. L art. 5-quinquies, comma 6, del Decreto n. 167/1990 prevede altresì che le sanzioni già ridotte possono essere ulteriormente ridotte ad un terzo, con il minimo di un terzo della somma dei minimi edittali in caso di definizione agevolata delle violazioni relative al Quadro RW della dichiarazione dei redditi (vale a dire laddove il contribuente paghi integralmente le somme richieste con l atto di contestazione) ex art. 16 del D.Lgs. n. 472/1997. Va evidenziato che tutte le sanzioni, diverse da quelle concernenti la violazione di cui al Quadro RW della dichiarazione dei redditi, quindi, quelle irrogabili per le imposte evase, sono ridotte ad un sesto qualora si aderisca all invito a comparire di cui all art. 5 del D.Lgs. n. 218/1997 ovvero ad un terzo qualora si attivi l accertamento per adesione, ai sensi dell art. 6, comma 2, del D.Lgs. n. 218/1997, secondo quanto stabilito dall art. 16, comma 3, del D.Lgs. n. 472/1997. Infine, ai soli fini della procedura di collaborazione volontaria, la sanzione minima prevista per le violazioni degli obblighi di dichiarazione, nei casi di detenzione di investimenti o attività finanziarie in territori a regime fiscale privilegiato è fissata al 3% dell ammontare degli importi non dichiarati se le attività oggetto della collaborazione erano o sono detenute in Stati che stipulino con l Italia, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge n.186/2014, accordi che consentano un effettivo scambio di informazioni. Al ricorrere di tale condizione non si applica il raddoppio delle sanzioni previsto dall art. 12, comma 2, secondo periodo, del D.L. n. 78/2009 (art. 5-quinquies, comma 7, del Decreto n. 167/1990). Metodo forfettario Viene previsto che, su istanza del contribuente, l Ufficio, in luogo della determinazione analitica dei rendimenti, calcoli gli stessi applicando la misura percentuale del 5% al valore complessivo della loro consistenza alla fine dell anno e determini l ammontare corrispondente dell imposta da versare utilizzando l aliquota del 27%. Tale istanza potrà essere presentata solo nei casi in cui la media delle consistenza di tali attività finanziarie risultanti al termine di ciascun periodo d imposta oggetto della procedura di collaborazione volontaria non ecceda il valore di due milioni di euro (art. 5-quinquies, comma 8, del Decreto n. 167/1990) 14. Alcune considerazioni finali: vantaggi, limiti e variabili non ancora definite Alla luce di quanto esposto nel corso del presente contributo, è possibile sintetizzare taluni aspetti della procedura di voluntary disclosure, suggerendo alcuni spunti di riflessione: Nota: 14 Al riguardo, è stato osservato dagli operatori che raramente il criterio di calcolo forfetario risulta conveniente per il contribuente dal momento che il sistema forfetario non tiene conto di eventuali minusvalori realizzati e presume un rendimento medio più alto di quelli ottenuti negli ultimi anni, applicando pure una aliquota penalizzante. Si veda, M. Piazza, Disclosure, meno appeal per il metodo forfettario, in Il Sole - 24 Ore del 12 novembre 2014 che osserva che il metodo forfettario per il calcolo dei redditi di natura finanziaria non produrrà alcuna semplificazione nei calcoli della voluntary disclosure perché non sarà applicato se non in casi molto rari. Di norma, infatti, comporta una triplicazione dei costi della collaborazione volontaria, senza tener conto delle sanzioni per l omessa compilazione del RW. 44 n. 1/2015

12 - la procedura di voluntary disclosure si discosta da istituti quali il condono e lo scudo fiscale, dal momento che presuppone il pagamento integrale delle imposte evase, oltre gli interessi, senza alcun abbattimento del carico fiscale. Unica parziale deviazione è la norma che punta ad una semplificazione della procedura internazionale i cui limiti sono però sia di costo (il forfait adotta un rendimento e un aliquota che portano ad un carico spesso elevato), sia di parziale semplificazione per il calcolo della soglia di ammissione al metodo medesimo; - l attuale versione apre ad una più ampia applicazione che è stata estesa a tutti i contribuenti, anche per violazioni collegate agli obblighi di monitoraggio; - la norma concede dei benefici sul fronte delle sanzioni amministrative, in alcuni casi rilevanti, in altri meno. Sotto questo aspetto la procedura appare non dissimile da un ravvedimento operoso sia pure speciale dato che è l'amministrazione su impulso del contribuente a liquidare imposte, iteressi e sanzioni, e dovrà, quindi, misurarsi con la radicale revisione di detto istituto che la Legge di Stabilità 2015 ha annunciato come un caposaldo della nuova strategia voluta dall Agenzia delle entrate per incentivare la compliance del contribuente; - rispetto al ravvedimento operoso la norma offre indubbiamente benefici quanto alla non punibilità di diversi reati tributari. Basti ricordare che il ravvedimento operoso ex art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997 non comporta benefici penali specifici. Al riguardo, appare invece restrittiva, e forse non pienamente coerente con le finalità della norma, l esclusione dei reati di emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (art. 8 del D.Lgs. n. 74/2000) e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (art. 11 del D.Lgs. n. 74/2000). Specie il primo, infatti, potrebbe disincentivare l emersione di soggetti che abbiano commesso (anche) detto reato: per esempio a beneficio di una propria società partecipata; - la norma sulle preclusioni appare restrittiva dal momento che qualsiasi attività di accertamento (anche verso soggetti solidalmente obbligati) o procedimento penale anche verso concorrenti nel reato valgono da ostacolo invalicabile. Sarebbe opportuno al più preservare i soli atti di accertamento o irrogazione delle sanzioni già notificati e/o le indagini penali già concluse alla data di entrata in vigore, così da preservare solo attività ad uno stadio avanzato. E, in ogni caso, prevedere un dovere di informazione preventiva da parte degli Uffici competenti dell Agenzia delle entrate al contribuente (che ben può essere ignaro) circa l esistenza di una causa preclusiva (e per quali periodi d imposta). Ciò ad evitare che la collaborazione volontaria non si trasformi in un boomerang dato che l Amministrazione potrebbe ben usare in danno dello stesso le informazione profferte; - la procedura, contrariamente a quanto chiesto da più parti, non può essere neppure avviata in forma anonima dal professionista incaricato. E ciò espone il contribuente all incognita circa il costo finale effettivo dell operazione (si veda infra quanto alla complessità dei conteggi). Basti osservare che la mancata adesione all invito se è vero che non preclude un accertamento con adesione porta al raddoppio delle sanzioni. Non solo. È ovvio che il contribuente che pure faccia istanza di adesione si troverà in obiettivo imbarazzo a non accettare una definizione purchessia. Quali realistiche chanche avrebbe in un contenzioso rinunciando ad ogni beneficio, anche penale, della voluntary disclosure? Anche questa compressione sostanziale del diritto di difesa potrebbe essere limitata da una procedura inizialmente anonima; - le bozze del modello per la regolarizzazione predisposte dall Agenzia delle entrate comportano una ricostruzione puntuale sia dei movimenti patrimoniali sia dei redditi finanziari (salvo per questo profili l ipotesi del forfait) rivenienti dalle attività da regolarizzare per molti periodi d imposta. Come accennato, andrebbe ripensata e ampliata la possibilità di arrivare a determinazioni meno complesse della base di calcolo dei redditi non dichiarati; - il costo della procedura, anche considerando le sanzioni ridotte, appare proibitivo in non poche fattispecie (cioè superiore alle stesse disponibilità lorde frutto di evasione). Il caso eclatante si ha con riguardo ai compensi professionali o ai ricavi di impresa non dichiarati soggetti ad aliquote IRPEF marginali oltre alle addizionali, per i quali si è verificata anche una omessa fatturazione con IVA. E ciò anche assumendo che sia confermata l applicabilità della rivalsa ai sensi dell art. 60, comma 7, del D.P.R. n. 633/1972, una volta pagata l imposta (basti pensare al caso delle controparti oggi irreperibili, o insolventi a distanza di anni in un contesto di grave crisi); - la Legge n.186/2014 non fa cenno ai reati societari e di falso in bilancio in particolare che pure andrebbero considerati anche (e soprattutto) rispetto all estensione a fattispecie solo domestiche e a soggetti quali le società di capitali. Peraltro, anche la concorrente integrale applicazione delle norme anti-riciclaggio, nonostante il contribuente sia chiamato ad un opera di piena trasparenza con già pochi margini di errore (se non nulli), è altro aspetto che potrebbe frenare il successo della procedura; - una variabile importante è l eventuale stipula, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del della Legge n.186/2014 (e quindi entro il 2 marzo 2015), di nuovi accordi con Paesi Black List, quali in particolare la Svizzera. Questi accordi che consentono un effettivo scambio di informazioni saranno determinanti ai fini del costo della procedura di disclosure internazionale, andando ad incidere sia sull ammontare delle sanzioni (aliquote) sia sui periodi di imposta da sanare (evitando il c.d. raddoppio dei termini); - infine, sempre circa i periodi d imposta oggetto di rettifica altra importante variabile, ma in questo caso valida per i contribuenti interessati a valutare l'emersione c.d. nazionale, sarà l'eventuale approvazione delle annunciate modifiche, in senso meno penalizzante per i contribuenti, del regime del raddoppio dei termini di accertamento in presenza di fattispecie ritenute dalla stessa Amministrazione meritevoli di denuncia ex art. 331 c.p.c. n. 1/

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Emersione dei capitali nazionali ed esteri Premessa Il contribuente che ha omesso la segnalazione nel quadro RW di Unico, ai fini del monitoraggio fiscale, di attività finanziarie o patrimoniali,

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a conoscenza del fatto che se in passato

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO 87 dove è stata costituita la società che ne è intestataria 22 ; ne costituiscono esempio le norme dell art. 5-quinquies, co. 4 e 7, D.L. 167/1990, appena ricordate, che

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni Valerio Stroppa Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza ) D.L. 167/1990 (art. da 5-quater a 5-septies) Provvedimento

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali Avv. Vincenzo José Cavallaro MEDIA PARTNER 1 DECRETO LEGGE NR. 4-28 GENNAIO 2014 L art. 1 del DL 4/2014 prevedeva una disciplina

Dettagli

Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura

Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura di Massimo Gabelli e Davide Attilio Rossetti La collaborazione volontaria consente di regolarizzare la posizione fiscale del

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

PARTE PRIMA. Spett. (1)

PARTE PRIMA. Spett. (1) Fac-simile dell autorizzazione da rilasciare agli intermediari finanziari esteri a trasmettere all Agenzia delle Entrate italiana richiedente tutti i dati e le informazioni concernenti le attività oggetto

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Premessa Dopo la falsa partenza del D.L. 4 del 2014 promosso dal governo Letta, provvedimento che durante l iter parlamentare venne epurato degli articoli

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure MAP Voluntary disclosure e ravvedimento operoso A cura di Renato Bogoni Dottore Commercialista in Padova. Specializzato in riorganizzazione e ristrutturazione dell impresa in crisi, anche nell ambito di

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure CONVERSAZIONE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Londra Venerdì 3Ottobre 2014 Paolo Battaglia Dottore Commercialista in Ragusa p.battaglia@crescitapmi.it

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi N. 1037/INCC Roma, 18 giugno 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186: Disposizioni

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Studio n. 250-2015/T Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 23 ottobre 2015 Approvato dal CNN nella seduta del 18-19 novembre 2015 ***

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 09/02/2015 Circolare n. 04/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

L'Agenzia delle Entrate torna sullo scudo fiscale Lavoratori dipendenti sotto la lente

L'Agenzia delle Entrate torna sullo scudo fiscale Lavoratori dipendenti sotto la lente L'Agenzia delle Entrate torna sullo scudo fiscale Lavoratori dipendenti sotto la lente Con la circolare n. 48/E/2009, l Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in ordine alla disciplina dell

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 OGGETTO: Remissione in bonis Articolo 2, commi 1, 2, 3 e 3-bis, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 (c.d. Decreto semplificazioni

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 281

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 281 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 280 23 luglio 2015 98/FS/om Capitali detenuti all estero Emersione e rientro - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 27 del 16 luglio 2015 Sintesi Forniti dall Agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Roma, 7 settembre 2015 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Oggetto: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Riferimento analitico: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 - Voluntary disclosure

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi Pag. 488 n. 6/2005 12/02/2005 Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi di Rosita Donzì La Legge 30/11/2004 n. 311, art. 1, commi da 408 a 411 (in n. 2/2005, pag. 166),

Dettagli

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio IL PERIMETRO DELLA QUESTIONE L Agenzia delle Entrate, stima in

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli