VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA"

Transcript

1 MAI DIRE GUERRA VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA di Alfonso DESIDERIO Perché gli accordi sulle installazioni militari Usa nel nostro paese sono sempre stati segreti. La rendita di posizione italiana durante la guerra fredda e la situazione attuale. Che cosa gli americani vogliono da noi. 1. GLI STATI UNITI SONO OBBLIGATI AD «avvalersi [delle basi] nello spirito e nel quadro della collaborazione atlantica, ad utilizzarle per adempiere agli impegni Nato e, in ogni caso, a non servirsi delle dette basi a scopi bellici se non a seguito di disposizioni Nato o accordi con il governo italiano» (articolo 2). «Le installazioni sono poste sotto comando italiano e i comandi statunitensi detengono il controllo militare su equipaggiamento e operazioni» (articolo 4). Questi due articoli rivelati da Limes nel dell accordo segreto del 1954 che regola lo status delle strutture militari concesse in uso agli americani in Italia, non lasciano dubbi. Le basi non solo sono concesse in uso agli Stati Uniti e non godono di alcuna extraterritorialità, ma devono essere usate nell ambito dell Alleanza atlantica, a meno di accordi particolari e specifici con il governo italiano. Se la distinzione durante la guerra fredda non era significativa perché la presenza americana in Europa coincideva con la missione della Nato, tanto che il comandante delle truppe americane in Europa era (ed è) lo stesso delle forze della Nato, dopo la fine della guerra fredda e soprattutto dopo l 11 settembre la situazione è cambiata totalmente. La Nato ha perso la centralità nel rapporto atlantico, gli europei non si sentono in guerra contro il terrore come gli Stati Uniti e Washington ha scelto la strada unilaterale, o per dirla alla Rumsfeld delle «missioni che fanno le coalizioni». Può l Italia impedire che le basi concesse in uso agli americani siano utilizzate per scopi che non condivide? In teoria sì, ma la questione dal punto di vista giuridico è molto complicata, perché è possibile che una base venga utilizzata solo in- 1. Cfr. A. DESIDERIO, «Paghiamo con le basi la nostra sicurezza», Limes, «A che ci serve la Nato», n. 4/1999, pp

2 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA direttamente: una volta usciti dai confini italiani truppe e mezzi americani non hanno alcun vincolo. La questione è però politica e chiama in causa l alleanza tra Italia e Stati Uniti, un alleanza fondata su accordi che risalgono all inizio della guerra fredda e sono ormai superati. La stessa questione del raddoppio della base di Camp Ederle a Vicenza alla quale sarà dedicata la seconda puntata di questa serie di articoli e delle proteste che la decisione ha sollevato, ha richiamato l attenzione sui rapporti tra Italia e Stati Uniti e sulle basi concesse in uso agli americani. Da più parti ormai si levano voci autorevoli sulla necessità di rivedere gli accordi e rinnovare l alleanza per adeguarla ai tempi «La consueta irritazione provocata dalla presenza delle forze americane in paesi stranieri è stata ampiamente assente in Italia», scrive Frank Nash, consigliere e assistente del ministro della Difesa Usa alla fine di un ispezione alle installazioni militari americane in Europa. «Rispetto alla maggior parte dei paesi», continua Nash, «la reazione in Italia è paradossale. Invece di desiderare una riduzione, gli italiani chiedono unità aggiuntive. Ufficialmente la ragione fornita è la crescita dell instabilità in Medio Oriente, e il pericolo che ciò comporta per la Nato, e la favorevole posizione strategica dell Italia. Però altri fattori ugualmente importanti dietro questa decisione sono la consapevolezza del rilevante contributo economico apportato dalle forze americane e la sensazione che quanti più soldati americani sono dislocati in Italia, tanto più l Italia potrà contare sull assistenza e la protezione degli Stati Uniti. La logica di questo atteggiamento paradossale può essere compresa solo considerando la quasi ossessiva insicurezza dei politici italiani filoccidentali. Essi percepiscono come principale minaccia allo schieramento dell Italia nel campo occidentale un complicato mix di pericoli esterni ed interni» 3. Siamo nel novembre 1957, ma l analisi di Nash ci mostra alcuni aspetti peculiari del rapporto tra Italia e Stati Uniti durante tutto il periodo della guerra fredda e oltre. Le truppe americane non servivano solo a fronteggiare un eventuale attacco del blocco sovietico e a limitare la spesa militare nazionale a vantaggio delle crescita economica, ma anche e soprattutto a fornire l assicurazione psicologica e militare che l Italia era fermamente legata all Occidente, nonostante i delicati equilibri politici interni e la presenza nel nostro paese del più forte Partito comunista occidentale. Durante la guerra fredda il fronte tra Ovest ed Est passava anche all interno dell Italia e non solo lungo i suoi confini. Le basi militari in Italia hanno sempre rappresentato non solo uno strumento militare ma anche geopolitico. E hanno finito per diventare un elemento fondamentale nei rapporti tra i due paesi, una sorta di cartina di tornasole dell alleanza tra Usa e Italia. I problemi interni e la delicata collocazione internazionale hanno Cfr. S. ROMANO, «Per la base di Vicenza esisteva un alternativa», Corriere della Sera, 3/3/2007, e F. MINI, «Con gli Usa basta far rispettare i patti», L Espresso, 1/2/ L. NUTI, «US Forces in Italy, », in W. KRIEGER (a cura di), US Forces in Europe: The Early Years, Boulder (Colorado) 1994, Westview, pp

3 MAI DIRE GUERRA comportato una seconda conseguenza di rilievo. Al paradosso si è aggiunta l ambiguità. La spaccatura interna italiana ai tempi della guerra fredda ha fatto sì che Roma potesse da un lato mantenere l atteggiamento evidenziato da Nash, ma poi in fase di trattative cercare di massimizzare i vantaggi, soprattutto economici, facendo pesare la presenza di una forte ostilità interna. Infine, una volta realizzate le basi si è cercato di rimuoverle dal dibattito interno. Riepilogando: piena disponibilità e anzi richiesta di truppe a livello generale; trattativa serrata per spuntare le condi- 61

4 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA SOLDATI USA ALL ESTERO Fonte: Tim Kane, Global U.S. Troop Deployement, The Heritage Foundation (su dati del dipartimento della Difesa). zioni migliori e per tener conto delle opposizioni interne; esclusione della ratifica parlamentare e mantenimento del segreto anche quando non ce n era bisogno. Quando nel maggio del 1954 il segretario di Stato John Foster Dulles chiese al presidente del Consiglio Scelba se si poteva procedere alla firma del trattato sulle basi, negoziato da 15 mesi, questi rispose che la ragione del ritardo era la necessità di essere sicuri di poter evitare la ratifica parlamentare all accordo. Una questione procedurale e politica importante, che si accompagnava alle trattative sulla questione di Trieste. Non fu certo un caso che l accordo sulle basi (Bia) fu firmato il 20 ottobre 1954, poche settimane dopo la firma del memorandum d intesa su Trieste 4. Questo atteggiamento italiano ha impedito però un dibattito interno sulle basi, su vantaggi e svantaggi, sul loro utilizzo ai fini degli interessi nazionali, riducendo le posizioni alle due estreme: favorevoli o contrari, spesso in maniera pregiudiziale. Sempre in netta minoranza le posizioni intermedie e soprattutto quelle che volevano discutere gli aspetti particolari dell alleanza con gli Usa senza metterne in discussione gli assetti generali. Uno schema che si ripresenta o che viene ripresentato anche oggi, come nella questione di Vicenza, nonostante la guerra fredda sia solo un ricordo. Un altra ambiguità è rappresentata dalla politica americana in Europa, sempre sviluppata sia sul piano bilaterale che su quello multilaterale della Nato. Comando americano in Europa e comando della Nato, pur avendo lo stesso comandante, so- 4. Cfr. L. NUTI, op. cit.

5 MAI DIRE GUERRA no due strutture separate, anche se spesso le stesse basi ospitano entrambi i comandi, come nel caso di Napoli. Per le ragioni evidenziate in precedenza tutto il sistema delle basi americane in Italia fu strutturato sotto l ombrello dell Alleanza atlantica, ma oggi il rapporto è soprattutto bilaterale (tabella 1). Nel corso del tempo è cambiato il numero delle basi utilizzate dalle Forze armate americane e la loro tipologia. È cambiata anche la rilevanza del territorio italiano nel contesto regionale e generale. Possiamo distinguere a grandi linee tre fasi. Nella prima l Italia è importante come fronte della guerra fredda, in particolare per la frontiera nord-orientale che dopo il Trattato di neutralità dell Austria e il ritiro da quel paese delle truppe di occupazione diventa un facile obiettivo dell eventuale attacco dell Urss e del Patto di Varsavia, che possono arrivare incontrastati fino alle Alpi. La Forza tattica dell Esercito degli Stati Uniti nel Sud Europa (Usa 63

6 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA Tabella 1. L evoluzione degli accordi tra Italia e Usa riguardanti le basi 4 aprile 1949 Trattato dell Atlantico del Nord ratificato con la legge n. 465 del 1 agosto gennaio 1950 Accordo di Washington Accordo bilaterale sull assistenza difensiva reciproca 19 giugno 1951 Trattato di Londra, più noto come Sofa (Status of Force Agreement) regola lo status delle forze militari dei paesi Nato e prevede la giurisdizione del paese di appartenenza del militare impiegato in un paese alleato 7 gennaio 1952 Accordo di Roma Accordo bilaterale sulla sicurezza reciproca a 28 agosto 1952 Protocollo riguardante lo status dei quartier generali militari internazionali istituiti in base al Trattato dell Atlantico del Nord nei vari paesi della Nato 20 ottobre 1954 Accordo bilaterale sulle infrastrutture (Bia) Segreto e mai ratificato perché considerato documento tecnico attuativo del Trattato dell Atlantico del Nord, con allegati tecnici per ogni infrastruttura: Udine, Montichiari, Aviano, Amendola, Ciampino, S. Vito dei Normanni e Amendola (basi aeree) Livorno, Maserada (telecomunicazioni e supporto) Napoli e Capodichino (aerea, supporto e telecomunicazioni) Pozzuoli, Venezia, Cagliari, La Maddalena (deposito carburanti e porto) Decimomannu (aerea e supporto) Augusta (porto a sostegno flotta) Sigonella (aeromarittima) Verona (supporto) 30 giugno 1954 Accordo tecnico aereo Usa-Italia prevede tra l altro l esenzione di visita doganale per aerei militari Usa e l obbligo di usare gli aeroporti assegnati in uso salvo casi di forza maggiore 20 ottobre 1954 Accordo tecnico navale Usa-Italia 8 aprile 1957 Memorandum per la base aeromarittima di Sigonella a livello di Stati maggiori, stabilisce le procedure per l acquisizione dei terreni e precisa che tutte le azioni del comandante Usa che possano interferire con le operazioni delle Forze armate italiane saranno concordate con il comandante italiano Protocolli aggiuntivi all Accordo del luglio 1957 Boscomantico (aerea e supporto) 31 ottobre 1957 Livorno (depositi) 10 luglio 1958 Simeri Crichi, Catanzaro 29 settembre 1959 Grosseto 16 novembre 1959 Taranto, Palermo ottobre 1962 Accordo militare relativo all esercizio e alla manutenzione dell aeroporto marittimo di Sigonella

7 MAI DIRE GUERRA 15 febbraio 1972 Protocollo per Lampedusa 1 dicembre 1979 L addendum n. 1 al memorandum di Sigonella stabilisce l uso dei poligoni di Pachino, Le Grotticelle, Punta Castellazzo, Isola dei Porri, Punta delle Formiche per l addestramento al bombardamento in picchiata novembre 1983 agosto 1993 Memorandum per Comiso Memorandum d intesa tra lo Stato maggiore dell Aeronautica e il Comando Usa in Europa relativo all impiego della base di Sigonella in attuazione della decisione Nato di schieramento di velivoli F-16 in Italia 30 novembre 1993 Memorandum d intesa relativo all uso della base aerea di Aviano in applicazione della decisione atlantica sullo spiegamento di F-16 in Italia tra Stato maggiore della Difesa e Comando delle forze Usa in Europa cita la proposta di ospitare lo stormo a S. Anna di Crotone, la relativa sospensione del progetto e la decisione di trovare un alternativa; stabilisce che l impiego del 401 Tfw deve avvenire nel quadro dell Alleanza atlantica e per fini Nato. aprile 1994 Accordo tecnico relativo al Memorandum d intesa riguardante l uso della base aerea di Aviano 2 febbraio 1995 Memorandum d intesa tra il ministero della Difesa italiano e il dipartimento della Difesa Usa relativo alle installazioni/infrastrutture concesse in uso alle forze Usa in Italia reso pubblico dal governo D Alema dopo la tragegia del Cermis uniforma e aggiorna le modalità di stesura degli accordi tecnici stabilisce che la collaborazione per la difesa comune si svolgerà a livello bilaterale e nei limiti del Trattato del Nord Atlantico rinvia all accordo del 1954 N.B. L accordo Bia del 1954 e tutti i memorandum e i protocolli ad esso collegati sono segreti. a L accordo impegna l Italia a «dare,compatibilmente con la sua stabilità politica ed economica, il pieno contributo consentito dalla sua manodopera, dalle sue risorse, dai suoi mezzi e condizioni generali economiche, allo sviluppo ed al mantenimento della propria forza difensiva ed alla forza difensiva del mondo libero». La versione originale in inglese utilizza però il termine «facilities» (infrastrutture) e non il più generico «mezzi» del testo italiano. Setaf) schierata a Vicenza, con quartier generale prima a Camp Darby a Livorno e poi a Verona, e la base aerea di Aviano erano il baricentro difensivo. Nella seconda fase, dagli anni Settanta in poi, gli schieramenti sul fronte diventano meno importanti, l equilibrio con l Urss viene assicurato dalle armi nucleari e dai missili, i cui schieramenti diventano cruciali. L Italia se perde rilevanza per la frontiera orientale, ne acquista per la posizione nel Mediterraneo, sempre più importante. Il baricentro si sposta a sud, verso Napoli e Sigonella. Le difficoltà nei rapporti tra Stati Uniti e Spagna da un lato e la Grecia dall alto, rendono ancora più importanti le installazioni in Italia. A partire dagli anni Novanta scompare il fronte della guerra fredda, ma le basi italiane diventano importanti per lo scacchiere balcanico e come retroguardia per gli schieramenti americani in Medio Oriente, oltre che per l ancora marginale ma sempre più decisivo interesse di Washington per l Africa. 65

8 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA 3. Le basi in Italia non sono state solo un elemento essenziale del rapporto con gli Usa. Per lunghi anni sono state il nostro contributo alla sicurezza collettiva, ora affiancate dalla partecipazione alle missioni militari all estero. Oggi in Italia le truppe americane sono presenti nelle basi di: Camp Darby (Livorno) e Camp Ederle (Vicenza); Esercito. Aviano e Ghedi; Aeronautica. Napoli, Gaeta, Sigonella (aeronavale), S. Stefano (La Maddalena); Marina. Sono presenti strutture e depositi, ma non truppe a Roveredo, S. Vito dei Normanni, Vigonovo e Fontanafredda. Le basi principali (Ederle, Darby, Aviano, Napoli, Sigonella) contano su altre strutture situate nelle vicinanze o in località non lontane. Si arriva così a una trentina di installazioni. A queste sono da aggiungere 26 siti minori, che a differenza delle altre infrastrutture, non sono elencate nei documenti del Pentagono. La base di Comiso è stata chiusa, mentre la base per sommergibili di S. Stefano nell arcipelago di La Maddalena in Sardegna chiuderà entro il febbraio Stime non ufficiali, che conteggiano anche installazioni radar e di comunicazione americane e della Nato, arrivano a calcolare fino a un centinaio di infrastrutture. Secondo i dati del dipartimento della Difesa le basi in Italia hanno un valore economico di milioni di dollari, un estensione totale di 22,6 kmq, contro i quasi 40 mila milioni e i 671 kmq delle basi in Germania 5. Per quello che riguarda i costi, secondo il rapporto 2004 del dipartimento della Difesa sul contributo dei paesi alleati alla sicurezza, l Italia ha coperto il 41% delle spese. In realtà si tratta perlopiù di contributi indiretti: vengono calcolati i mancati introiti di affitti, concessioni fiscali e doganali (che non è detto lo Stato ospitante incasserebbe senza la presenza della base). In termini assoluti il contributo diretto per il 2003 è stato pari a 3 milioni di dollari, contro i 363 milioni di contributo indiretto. Si tratta probabilmente di uno dei vantaggi acquisiti in fase negoziale, visto che altri paesi alleati sono molto più svantaggiati (tabella 2). 4. Come si collocano le basi americane in Italia nel contesto generale dello spiegamento americano? Gli Stati Uniti hanno truppe in 147 paesi e oltre 700 installazioni militari all estero. Sono più di centomila gli edifici e le strutture di proprietà o in affitto, su una superficie totale di kmq e per un valore totale di oltre 124 miliardi di dollari, calcolato dal Pentagono sulla base del costo attuale necessario a sostituire la struttura 6. Messi così sono dati impressionanti. Ma se andiamo a contare la presenza di truppe in basi militari 7, il numero scende a circa 40 paesi. Se poi consideriamo solo le basi con più di mille soldati arriviamo a una quindicina. In realtà lo schieramento militare americano nel mondo pur non avendo eguali Office of the Deputy under Secretary of Defense, Base Structure Report, Fiscal Year 2005, Department of Defense. 6. Ibidem. 7. Una base militare spesso si compone di più installazioni.

9 MAI DIRE GUERRA Tabella 2. Comparazione tra le basi americane in alcuni paesi alleati Estensione Valore Contributo costi Contributo diretto Contributo ind. (kmq) (milioni $) (%) (milioni $) (milioni $) Italia 22, ,2 41,0 3,02 363,52 Germania 671, ,7 32,6 28, ,22 Spagna 35, ,6 57, ,26 Belgio 4,52 632,5 24,0 2,21 15,56 Regno Unito 32, ,1 27,1 27,50 210,96 Turchia 14, ,9 54, ,86 Giappone 517, ,9 74, , ,92 Corea del Sud 243, ,6 40,0 486,31 356,50 Fonti: Office of the Deputy under Secretary of Defense, Base Structure Report, Fiscal Year 2005, Department of Defense; 2004 Statistical Compendium on Allied Contributions to the Common Defense, Department of Defense. si concentrava, prima della guerra in Iraq, in tre paesi: Germania, Giappone e Corea del Sud. Qui venivano dislocate circa la metà delle truppe americane stabilmente all estero. Se limitiamo il calcolo ai soldati dell Esercito i tre paesi rappresentavano il 90% delle truppe di terra. Lo schieramento americano nel mondo oggi è rappresentato quindi in gran parte da postazioni aeronavali, con quattro concentrazioni di truppe sul terreno: Germania, Giappone, Corea del Sud e Iraq. L assenza di una concezione imperiale coloniale territoriale 8 fa sì che le basi americane non siano utilizzate per controllare il territorio circostante, bensì come teste di ponte per l eventuale proiezione delle forze, come una ragnatela di isole con standard di vita americani, separate dal resto. Il dipartimento della Difesa americano distingue la dimensione delle installazioni sulla base di un calcolo del loro valore. All estero quelle grandi, cioè con valore superiore a milioni di dollari, sono 16 (1 dell Esercito, 6 della Marina, 7 dell Aeronautica e 2 dei marines) contro le 103 sul territorio americano. Le medie tra 845 e milioni di dollari sono 22, mentre le piccole sono Tra le basi italiane solo Aviano e Sigonella raggiungono lo status di basi medie, le altre sono tutte piccole. Il Comando europeo americano è stato, tra la seconda guerra mondiale e la fine della guerra fredda, il più importante insieme a quello del Pacifico, prima dell escalation del Comando centrale impegnato in Medio Oriente. L area di responsabilità del Comando è enorme: si estende dal Mar di Barents a nord all Antartico a sud, dalla Groenlandia a ovest alla costa russa del Pacifico a est. Comprende 92 paesi europei, africani e asiatici; il 60% delle coste del pianeta, il 35% delle terre emerse e il 23% della popolazione mondiale. Le truppe però sono quasi tutte schierate in Europa occidentale, il fronte della guerra fredda Cfr. «L impero senza impero», Limes, n. 2/ Office of the Deputy Under Secretary of Defense, op. cit. 10. Cfr. la testimonianza alla Camera dei rappresentanti del generale Bantz J. Craddock, comandante dell United States European Command (Useucom), 15/3/

10 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA 68 Dopo la seconda guerra mondiale in Europa la Germania è il paese che di gran lunga ha ospitato più truppe americane. Oggi sono in teoria oltre 60 mila, ma 20 mila di quei soldati sono impegnati in Iraq. Dopo la Germania, Italia e Gran Bretagna si contendono la seconda posizione, con mila soldati ciascuna. Tra i mille e i duemila soldati sono schierati poi in Belgio, Kosovo, Spagna e Turchia. Dopo la fine della guerra fredda gli Stati Uniti hanno messo a punto un programma di forte riduzione dello schieramento in Europa. Le esigenze sono poi ul-

11 MAI DIRE GUERRA NUMERO DI PAESI CHE OSPITANO TRUPPE USA Paesi che ospitano più di 100 soldati USA Paesi che ospitano più di soldati USA Fonte: Tim Kane, Global U.S. Troop Deployement, The Heritage Foundation (su dati del dipartimento della Difesa). teriormente cambiate dopo l 11 settembre e l inizio della guerra globale (americana) al terrore, che hanno portato a un ulteriore ristrutturazione tuttora in corso. Una delle novità più importanti è la gestazione di un nuovo comando Usa, l Africom, dedicato al continente africano, sempre più importante per gli Usa dal punto di vista dell approvvigionamento energetico e di materie prime e sul piano del confronto con l espansione politico-commerciale della Cina. L area di responsabilità comprenderà tutti i paesi africani finora di competenza del Comando europeo e in futuro si allargherà anche ai paesi del Corno d Africa e al Sudan che ora rientrano nel Comando centrale, coprendo quindi tutti i paesi africani ad eccezione dell Egitto 11. In Africa gli Usa hanno una limitata presenza militare: meno di 2 mila soldati nel 2006 e quasi tutti concentrati nella base di Gibuti, unica in Africa e tra l altro dipendente dal Comando centrale. Per queste ragioni la sede del Comando africano, che inizierà a essere operativo nell autunno del 2007, sarà a Stoccarda 12. Per il momento il rafforzamento dello schieramento americano in Africa si è realizzato soprattutto attraverso la Marina. Lo scorso anno la presenza navale americana in Africa è stata pressocché continua, contro gli appena 20 giorni del Nel 2006 sono state svolte esercitazioni con 8 paesi nel Golfo di Guinea. Le coste africane sono generalmente sguarnite. I paesi africani che si affacciano sull Oceano Indiano hanno solo 25 navi per provvedere alla sicurezza marittima per più di 7 mila chilometri di coste. Non hanno quindi la possibilità di com- 11. Ivi. 12. Per un certo periodo si era parlato di Sigonella come possibile sede di Africom. 13. Cfr. la testimonianza del generale Craddock, cit. 69

12 VIAGGIO NELLE BASI AMERICANE IN ITALIA SPIEGAMENTO DELLE TRUPPE USA PER AREE Estremo Oriente Europa Medio Oriente Africa Americhe Fonte: Tim Kane, Global U.S. Troop Deployement, The Heritage Foundation (su dati del dipartimento della Difesa). 70 battere la pirateria e i traffici illeciti. Situazione molto simile a quella nel Golfo di Guinea, regione ricca di petrolio e strategica per gli Usa 13. Al momento non è in vista la realizzazione di basi americane in Africa e i comandi Usa stanno cercando di realizzare un nuovo tipo di struttura, che integri attività militari e civili, con il contributo di diversi ministeri e agenzie governative, oltre che di paesi alleati. In Europa da un lato è confermato il programma di riduzione, soprattutto delle truppe schierate in Germania. Sono state già chiuse 43 basi e installazioni in Europa e fatti rientrare 10 mila soldati con i rispettivi familiari. Entro il 2012 è prevista la chiusura di altre centinaia di strutture e il ritorno di 44 mila militari e 57 mila familiari (tabella 3). Nello stesso tempo le forze rimanenti verranno ridislocate verso l Europa meridionale e orientale. Il quartier generale sarà unificato nel 7 th Army, che avrà a disposizione due brigate permanenti e una a rotazione. Le permanenti faranno base in Germania, a Vilseck, e in Italia, a Vicenza, dove dovrebbe essere riunita la 173 a brigata, ora divisa tra la stessa Vicenza e due località tedesche. Infine una brigata a rotazione sarà dislocata in Romania, nella base Mihail Kogălniceanu, e in Bulgaria, a Novo Solo. Gli spostamenti dell Esercito saranno preceduti e accompagnati da quelli dell Aeronautica, che manterrà comunque sei squadroni da combattimento nel Regno Unito, in Germania e in Italia. Nel 2012 i due terzi delle forze di manovra americane in Europa, più flessibili e veloci negli spostamenti rispetto al passato, saranno dislocate in Europa meridionale e orientale, più vicine alle aree instabili del Caucaso, dei Balcani e dell Africa.

13 MAI DIRE GUERRA Tabella 3. Il programma di riduzione delle truppe dell Esercito Usa in Europa Soldati Familiari Civili Strutture Guerra fredda 213 mila 320 mila 65 mila 865 Oggi 55 mila 75 mila 28 mila 234 Futuro +/-28 mila 42 mila >20 mila 88 Altra opzione +/-40 mila 60 mila >23 mila 125 Se quindi il Comando europeo ha ceduto il passo al prioritario Comando centrale, maggiormente impegnato nella guerra al terrore, esso manterrà ancora funzioni di rilievo: assicurare che i paesi europei restino dei partner affidabili per gli Stati Uniti e offrire una retroguardia sicura alle truppe da impegnare nel vicino arco di instabilità. In particolare le basi in Germania e in Italia saranno le sole in grado di fornire alle Forze armate Usa gli elevati standard di qualità richiesti oggi dai militari americani, e le sole strutture in grado di ospitare le famiglie dei soldati. Quest ultima funzione non sarà assolta infatti dalle nuove basi in Romania e in Bulgaria. (continua) 71

14

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA

LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA LA FORZA TATTICA DELL ESERCITO STATUNITENSE PER IL SUD EUROPA SETAF Public Affairs Office (SOUTHERN EUROPEAN TASK FORCE, AIRBORNE) (SETAF) Vicenza, Febbraio 2004 Pagina 1 of 7 STORIA DELLA SETAF La Forza

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

A T T E N Z I O N E. Attenzione, articolo contenente fotografie crude, violente. Visionare solo se non sensibili.

A T T E N Z I O N E. Attenzione, articolo contenente fotografie crude, violente. Visionare solo se non sensibili. A T T E N Z I O N E Attenzione, articolo contenente fotografie crude, violente. Visionare solo se non sensibili. MORTI O NON MORTI! (PARTE PRIMA) Nel Golfo Persico sono state esplose circa 940.000 pallottole

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE,

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA ED IRLANDA DEL NORD CHE ISTITUISCE UN CENTRO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE / " MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE Pro!. n. M_D GMIL_OS IV l1s--id1r ~ )\ Roma, ~ 1 lu G. L00 S OGGETTO: Legge 23 agosto 2004,n. 226. Trattamento economico del personale

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M D GMIL IV 15 0348596 Roma 3 agosto 2009 PDC: Col. Giovanni SANTORELLI tel.: 5.0440 (06517050440)

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Alex Lombardi MANUALE NBC ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Alex Lombardi MANUALE NBC INTRODUZIONE

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA

Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA 84 Fin dal 1957 i paesi che non facevano parte della Comunità europea iniziarono i negoziati con l Organizzazione per la Cooperazione Economica (OEEC) per far nascere

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale 9 gennaio 2015 Paolo Quercia @PQuercia www.paoloquercia.net Definizione della regione, intersezione di altre regioni, ruolo pivot/ponte, potenze regionali Conflitti in Siria e in Iraq, eventi baricentrici

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Italia. I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti in

Italia. I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti in I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della BEI in Italia I finanziamenti della Banca europea per gli investimenti

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3786 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Disposizioni concernenti l istituzione di servizi per l assistenza psicologica

Dettagli

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese 06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese Gli obiettivi specifici per favorire lo sviluppo internazionale delle imprese sono stati: 1. assistere le piccole e medie imprese nella loro attività

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Le basi militari americane in Italia

Le basi militari americane in Italia Le basi militari americane in Italia Global Project Padova settembre 2006 Nel suolo del territorio italiano si possono individuare ben 119 tra basi e centri strategici americani, questi trampolini di lancio

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM

IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 771 IL GRANDE IMBROGLIO DI MARE NOSTRUM 22 settembre 2014 INDICE 2 Introduzione Mare

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907

Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907 Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907 Sua Maestà l Imperatore di Germania, Re di Prussia; il Presidente

Dettagli

editoriale I nuovi punti cardinali

editoriale I nuovi punti cardinali editoriale I nuovi punti cardinali Sul Pacifico si affacciano le due maggiori economie mondiali del XXI secolo, Stati Uniti e Cina, oltre a molti dei paesi che hanno registrato i più alti tassi di crescita

Dettagli

Scopo del gioco. Componenti

Scopo del gioco. Componenti Il gioco strategico per la conquista del mondo Da 3 a 6 giocatori Scopo del gioco Raggiungere per primi il proprio obiettivo segreto. Componenti Un piano di gioco, rappresentante un planisfero suddiviso

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane

Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane Africa sub-sahariana: opportunità e strategie per le imprese italiane In una situazione di grande crescita economica per l Africa, l influenza delle ex-potenze coloniali europee sta progressivamente cedendo

Dettagli

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E

Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Programma di geografia per l a.a. 2014/2015, classe 1E Introduzione alla geografia Introduzione agli elementi geografici e morfologici di un territorio. La posizione di un luogo. L idrografia. Introduzione

Dettagli

VII CONVENZIONE AJA 1907. concernente la trasformazione delle navi di commercio. in bastimenti da guerra

VII CONVENZIONE AJA 1907. concernente la trasformazione delle navi di commercio. in bastimenti da guerra VII CONVENZIONE AJA 1907 concernente la trasformazione delle navi di commercio in bastimenti da guerra Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907 Sua Maestà l Imperatore di Germania, Re di Prussia; il Presidente

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore Ufficio Pubblica Informazione SCHEDA NOTIZIE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALLA MISSIONE NATO OPERAZIONE INDUS PAKISTAN SOMMARIO

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0147779 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

La Conferenza di San Remo, 1922 Estratto

La Conferenza di San Remo, 1922 Estratto La Conferenza di San Remo, 1922 Estratto Da: The Arab-Israeli Reader, redatto da Walter Laqueur, New York 1976, pps 34-42. [NB: Questa è una versione ridotta del completo Accordo di San Remo] La Conferenza

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana La crisi tra Russia e Georgia, scoppiata in tutta la sua drammaticità lo scorso 8 agosto, sembra spaventare i mercati finanziari, già messi a dura prova dalla

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1939: l inizio del conflitto Il 1 settembre la Germania invade la Polonia che crolla dopo un mese. In base agli accordi, l URSS occupa la Polonia orientale, le repubbliche baltiche

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 2012 0248948 Roma, 4 giugno 2012

Dettagli

Amministrazione Kennedy

Amministrazione Kennedy Amministrazione Kennedy Politica estera poggia su 4 pilastri: Abbandono della rappresaglia massiccia e adozione della risposta flessibile: obiettivo calibrare la reazione al tipo e tenore dell iniziativa

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

TechFOr 2009 Relazione conclusiva

TechFOr 2009 Relazione conclusiva TechFOr 2009 Relazione conclusiva Con il patrocinio di Con la fattiva collaborazione di Con il contributo scientifico Media partner Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Grazie agli importanti risultati

Dettagli

ASSISTENZA UMANITARIA

ASSISTENZA UMANITARIA Consiglio dell'unione europea ASSISTENZA UMANITARIA Salvare vite e alleviare le sofferenze umane Italian Cooperation/Annalisa Vandelli UN ESPRESSIONE DI SOLIDARIETÀ Fornendo assistenza umanitaria, l Unione

Dettagli

Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia. Prof. Michele Brunelli

Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia. Prof. Michele Brunelli Il Secondo dopoguerra e la Guerra Fredda in Asia Prof. Michele Brunelli 1 Partizione delle Indie 2 I principati indiani 3 Le guerre del Kashmir Prima Guerra del Kashmir: 1947 Seconda Guerra del Kashmir:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011

Il traffico crocieristico in Italia nel 2011 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2011 Risposte Turismo realizza per il secondo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare all analisi dell andamento del settore

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione federale dei trasporti contro i rischi di guerra

Ordinanza sull assicurazione federale dei trasporti contro i rischi di guerra Ordinanza sull assicurazione federale dei trasporti contro i rischi di guerra (OARG) 531.711 del 7 maggio 1986 (Stato 22 luglio 2003) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 22 capoverso 2 della

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

FORZE D ELITE 9,99. Le Waffen-SS. tra 12 giorni in edicola. biblioteca osprey. www.rbaitalia.it PREZZO BLOCCATO

FORZE D ELITE 9,99. Le Waffen-SS. tra 12 giorni in edicola. biblioteca osprey. www.rbaitalia.it PREZZO BLOCCATO tra 12 giorni in edicola La collezione attualmente prevede 37 uscite. L Editore si riserva il diritto di modificare la lunghezza dell opera nonché di variarne la sequenza delle uscite. 2A USCITA Le Waffen-SS

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli