COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2, L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera b) c) d) e) D.P.R. n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2, L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera b) c) d) e) D.P.R. n."

Transcript

1 "!#$ %'&)(*% VMGW$XDXYGWAZ O-OTJ [*.R\]MGTW-X^XGTW$Z<_-W ` Va[-V<Jb+<V)C2cdM-MOTWNW-M$L-MGM$I 5 (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all ufficio Edilizia Privata) Al Responsabile del Servizio Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio del Comune di Bientina COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2, L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera b) c) d) e) D.P.R. n.380/2001) per interventi di cui all art. 80 comma 2 lett. b,c,d, (per le quali NON è prevista la presentazione della documentazione di cui al comma 5 del medesimo) ovvero: lettera b): le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità, comunque entro un termine non superiore a novanta giorni lettera c): le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, nel rispetto delle disposizioni regionali e comunali in materia di contenimento dell impermeabilizzazione del suolo, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque a fini irrigui, volumi tecnici interrati e locali tombati consimili. lettera d): le aree ludiche senza fini di lucro, quali sistemazioni di spazi esterni per il gioco e il tempo libero attraverso l installazione di manufatti semplicemente ancorati al suolo senza opere murarie, e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici. lettera d bis): i manufatti precari, le serre temporanee e le serre con copertura stagionale previsti e disciplinati dal regolamento di attuazione dell'art. 41,com. 8 L.R.T.01/2005 per interventi di cui all art. 80 comma 3 ovvero: L installazione di impianti e manufatti per la produzione di energia che non necessitano di titolo edilizio, disciplinata dall articolo 17 della legge 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia). (vedi allegato A) Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 1 di 6

2 nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva in nome e per conto della società con sede in P.IVA C.F. in qualità di proprietario, comproprietario (o ad altro titolo legittimo) dell unità immobiliare interessata (in caso di ulteriori aventi titolo completare la terza pagina del presente modulo) ai sensi e per gli effetti dell art. 47, 1 comma, D.P.R. n. 445 del , consapevole/i delle sanzioni previste dall art. 76 del Testo Unico, D.P.R. n. 445/2000, e della decadenza dei benefici prevista dall art. 75 del medesimo T.U. in caso di dichiarazioni false o mendaci, sotto la propria personale responsabilità COMUNICA (unitamente agli altri aventi titolo ove presenti) ai sensi dell art. 80 comma 2 della L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. o dell art. 17 comma 3 bis della L.R.T. n.39/2005 e s.m.i., che in relazione all intervento contrassegnato nell apposita tabella in prima pagina i lavori avranno inizio in data Descrizione sintetica delle opere da realizzare: da eseguirsi in Via/Piazza n. piano estremi catastali: Catasto Fabbricati: Foglio Part. Sub. Catasto Fabbricati: Foglio Part. Sub. Catasto Terreni: Foglio Part. ALLEGA (unitamente agli altri aventi titolo ove presenti) ai sensi dell art. 80 comma 4 della L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. le seguenti autorizzazioni, asseverazioni, depositi o altri atti di assenso comunque denominati, obbligatori ai sensi delle normative di settore, a fronte di vincoli insistenti sul fabbricato o sull area nonché da previsioni di altro genere o natura (ad es. previste dal Codice dei Beni culturali e del Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 2 di 6

3 paesaggio, in materia di prevenzione incendi, di sicurezza in genere, igienico-sanitarie, di efficienza energetica, dalle previsioni delle N.T.A. dello strumento vigente o adottato o regolamentari, ecc.) o o DICHIARA (unitamente agli altri aventi titolo ove presenti) che l intervento oggetto della presente comunicazione di inizio lavori è conforme agli strumenti urbanistici comunali, ai regolamenti edilizi, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico sanitarie, di quelle relative all efficienza energetica, nonché delle disposizioni di cui al D.Lgs. n.42/2004 e di cui all art.79 comma 4 della L.R.T. n.01/2005; che per l installazione di impianti e manufatti per la produzione di energia che non necessitano di titolo edilizio, la presente comunicazione è presentata almeno venti giorni prima dell inizio dei lavori. che l intervento da realizzare non lede diritti di terzi; a fronte di quanto sopra (data) ALLEGARE FOTOCOPIA DOCUMENTO DI IDENTITA Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 3 di 6

4 ULTERIORI SOGGETTI AVENTI TITOLO sul bene immobile oggetto di intervento (ALLEGARE FOTOCOPIA DOCUMENTO D IDENTITA PER OGNI DICHIARANTE) nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 4 di 6

5 AVVERTENZE Considerata la complessità della materia, si raccomanda la massima attenzione al riguardo delle dichiarazioni da rendere nella presente comunicazione, dato che gli interventi previsti dall art. 80 della L.R.T. n.01/2005 e s.m.i., cioè l attività edilizia libera, dovranno comunque essere conformi agli strumenti urbanistici comunali nonché alle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell attività edilizia. Si ricorda inoltre: - che tutte le Autorizzazioni eventualmente obbligatorie ai sensi delle normative sopra citate dovranno essere inoltre acquisite preventivamente alla presente comunicazione ove non diversamente e specificatamente previsto. - gli obblighi di cui all art. 80 comma 6 della L.R.T. n.01/2005 e s.m.i al riguardo degli aggiornamenti catastali: Riguardo agli interventi di cui al presente articolo, l interessato provvede, nei casi previsti dalle vigenti disposizioni, alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale nel termine di cui all articolo 34 quinquies, comma 2, lettera b), del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 4, (Misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento della pubblica amministrazione), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 marzo 2006, n gli obblighi di cui all art. 24 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. al riguardo del certificato di agibilità: Il certificato di agibilità attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, in riferimento agli interventi sugli edifici esistenti che possano influire sulle condizioni di cui sopra; - che i materiali di risulta derivanti dagli interventi di demolizione dovranno essere accompagnati presso discariche autorizzate, e che il riutilizzo o il conferimento in altro luogo o a discarica dei materiali derivanti da escavazione dovrà avvenire nel rispetto della normativa vigente in materia. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D.LGS. 196/2003 L'Amministrazione Comunale di Bientina informa, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003, che: a) il trattamento dei dati conferiti con dichiarazioni / richieste è finalizzato allo svolgimento delle funzioni istituzionali ed in particolare allo sviluppo del relativo procedimento amministrativo ed alle attività ad esso correlate; b) il conferimento dei dati è obbligatorio per il corretto sviluppo dell'istruttoria e degli altri adempimenti; c) il mancato conferimento di alcuni o di tutti i dati richiesti comporta l'interruzione / l'annullamento dei procedimenti amministrativi; d) in relazione al procedimento ed alle attività correlate, il Comune può comunicare i dati acquisiti con le dichiarazioni / richieste ad altri Enti competenti o a collaboratori esterni; e) il dichiarante può esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003, ovvero la modifica, l'aggiornamento e la cancellazione dei dati; f) titolare della banca dati è il Comune di Bientina nella persona del Sindaco pro tempore; Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 5 di 6

6 ALLEGATO A Disposizione in Materia di Energia Art. 17 Attività libera L.R.T. n. 39 del 24/02/2005 e s.m.i. 1. Fermo restando l'obbligo del preventivo rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 146 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137), nelle aree assoggettate ai vincoli paesaggistici, non necessitano di titolo abilitativo, ai sensi della presente legge e della l.r. 1/2005, i seguenti interventi laddove realizzati secondo le condizioni fissate dal PIER e dai provvedimenti attuativi dello stesso: a) l'installazione di pannelli solari termici di sviluppo uguale o inferiore a 20 metri quadrati; b) l'installazione di pannelli solari termici per applicazioni nel settore florovivaistico; c) l'installazione di pannelli solari fotovoltaici di potenza nominale uguale o inferiore a 5 chilowatt; d) l'installazione di impianti eolici di potenza uguale o inferiore a 5 chilowatt ; e) l'installazione di impianti di cogenerazione a gas naturale fino a 3 megawatt termici; f) l installazione di impianti di produzione energetica alimentati a biomassa fino a 0,5 megawatt termici. 1 bis. In applicazione dell'articolo 11 del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115 (Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE) e fermo restando l'obbligo del preventivo rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 146 del d.lgs. 42/2004 per le aree assoggettate ai vincoli paesaggistici, non necessitano di titolo abilitativo ai sensi della presente legge e della l.r. 1/2005 i seguenti interventi: a) l'installazione di singoli generatori eolici con altezza complessiva non superiore ad 1,5 metri e diametro non superiore a 1 metro; b) l'installazione di impianti solari termici o fotovoltaici aderenti o integrati nei tetti degli edifici, con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda e i cui componenti non modificano la sagoma degli edifici stessi, qualora la superficie dell'impianto non sia superiore a quella del tetto. 1 ter. In applicazione dell'articolo 27 della l. 99/2009 e fermo restando l'obbligo del preventivo rilascio dell'autorizzazione di cui all'articolo 146 del d.lgs. 42/2004, per le aree assoggettate ai vincoli paesaggistici, non necessitano di titolo abilitativo ai sensi della presente legge e della l.r. 1/2005 l installazione di impianti, alimentati da fonti convenzionali o rinnovabili, di produzione combinata di energia elettrica e calore, quando la capacità di generazione è inferiore a 50 chilowatt elettrici. 1 quater. [ ] 2. Non necessitano di titolo abilitativi, ai sensi della presente legge e della r. 1/2005, le modifiche e manutenzioni degli impianti di cui agli articoli 11, 13, 15 e 16, comma 3, esistenti o in corso di realizzazione, salvo quanto previsto dall'articolo 16, comma Sono soggette a contestuale comunicazione all'amministrazione competente: a) le modifiche degli oleodotti esistenti tali da non costituire nuova opera, ai sensi del regolamento di cui all'articolo 39; b) le modifiche degli impianti di lavorazione o di stoccaggio di oli minerali di capacità superiore a 25 metri cubi, individuate dal regolamento di cui all'articolo 39, non soggette ad autorizzazione ai sensi dell'articolo 1, comma 58, della l. 239/ bis. Per gli interventi di cui ai commi 1, 1 bis e 1 ter l'interessato provvede a dare comunicazione preventiva al comune almeno venti giorni prima dell inizio dei lavori. Aggiornamento - 19/09/2011 Pagina 6 di 6

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della L.R.39/05 e s.m.i. Nome ... Frazione. Nome ... Frazione. Nome. Frazione C.F. Frazione. Cell.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della L.R.39/05 e s.m.i. Nome ... Frazione. Nome ... Frazione. Nome. Frazione C.F. Frazione. Cell. COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare Spazio riservato all Ufficio Protocollo Area Territorio Urbanistica, Edilizia Privata Pratica COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ai sensi dell art.17 della

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA AI SENSI DELL ART. 136 COMMA 2 LETTERE b) c) d) e) ed f) Al Dirigente del Settore Sviluppo del Territorio del Comune di SESTO FIORENTINO da presentare

Dettagli

COMUNICA (unitamente agli altri aventi titolo ove presenti)

COMUNICA (unitamente agli altri aventi titolo ove presenti) All Ufficio Edilizia Privata Tel. 0365.546030 Comune di Toscolano Maderno Provincia di Brescia Via Trento n. 5 C.A.P. 25088 TIMBRO UFF. PROTOCOLLO E-mail: ediliziaurbanistica@comune.toscolanomaderno.bs.it

Dettagli

COMUNE di CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno AREA 5 - GOVERNO DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Ufficio Urbanistica ed Edilizia

COMUNE di CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno AREA 5 - GOVERNO DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Ufficio Urbanistica ed Edilizia COMUNE di CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno AREA 5 - GOVERNO DEL TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Ufficio Urbanistica ed Edilizia P.E. n. (spazio riservato all ufficio Protocollo) P.SUAP n. COMUNICAZIONE

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP)

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) Spazio riservato al Protocollo: Spazio riservato all Ufficio: DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER ATTIVITÀ EDILIZIA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art. 6 co. 2 lett. b-c-d-e) D.P.R. 380/2001

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art. 6 co. 2 lett. b-c-d-e) D.P.R. 380/2001 COMUNE DI NARBOLIA (Provincia di Oristano) Prot. Gen. Bollo da.14,62 Area Tecnica Sportello Unico per l Edilizia tecnico@comune.narbolia.or.it Via Umberto n. 22 CAP 09070 Narbolia Tel 0783.57513 - Fax

Dettagli

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98. Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.49) Visto Sett.III Settore 3- Servizi Tecnici Edilizia Privata

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze (spazio riservato all ufficio Protocollo) (marca da bollo) Al Dirigente del Servizio Gestione del Territorio PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA (art. 36 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PRATICA CAEL N DEL COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA (Art 6 DPR 380/2001 Art 80 LRT 1/2005) AL COMUNE DI GAVORRANO Ufficio Edilizia privata Piazza Buozzi, 16 Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale

Dettagli

DICHIARA. Stemma del Comune. (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DICHIARAZIONI

DICHIARA. Stemma del Comune. (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DICHIARAZIONI Stemma del Comune Indirizzo PEC / Posta elettronica da compilare a cura del SUE/SUAP DATI DEL TITOLARE (art. 6, comma 2, lettere b), c), d) ed e), d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) (in caso di più titolari,

Dettagli

Mod. 176 Rev. 2 del 15/10/2010

Mod. 176 Rev. 2 del 15/10/2010 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LANCIANO Sportello Unico per l Edilizia Residenziale (S.U.E.R.) OGGETTO: Comunicazione di attività edilizia libera ai sensi del comma 2, art. 6 D.P.R. 380/2001, così come

Dettagli

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE (Protocollo) C O M U N E D I CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI

Dettagli

PRATICA n. DATA : SOGGETTO CHE PRESENTA IL PARERE PREVENTIVO ALLA COMUNICAZIONE DI ATTIVITA LIBERA COGNOME O DENOMINAZIONE NOME

PRATICA n. DATA : SOGGETTO CHE PRESENTA IL PARERE PREVENTIVO ALLA COMUNICAZIONE DI ATTIVITA LIBERA COGNOME O DENOMINAZIONE NOME Al Signor SINDACO del COMUNE DI LARI Provincia di Pisa Servizio Tecnico U.O. Assetto del Territorio Edilizia Privata Piazza Vittorio Emanuele II, 2 56035 Lari (Pisa) PARTE RISERVATA UFFICIO PROTOCOLLO

Dettagli

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1)

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1) Al Comune di Cernusco sul Naviglio, Ufficio Edilizia Privata Indirizzo: via Tizzoni, 2 PEC:comune.cernuscosulnaviglio@pec.regione.lombardia.it CIL CIL con richiesta contestuale di atti presupposti Spazio

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

COMUNICAZIONE FINE LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE FINE LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante e del direttore dei lavori Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023 Campo Manin - 30124

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA Protocollo Municipale ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Art. 6 del DPR. n. 380/2001 - per interventi edilizi relativi ai lavori di: OGGETTO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.)

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.) COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA SUE Sportello Unico Edilizia Privata Vicolo S. Sebastiano 5 Web site: www.comune.villafranca.vr.it Tel 045 6339391/111 fax 045 6339142 e-mail: protocollo.comune.villafranca.vr@pecveneto.it

Dettagli

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1)

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1) Spett.le COMUNE DI BOLLATE Sportello Unico Attività Produttive Piazza Aldo Moro, 1 20021 Bollate (MI) PEC comune.bollate@lagalmail.it CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA

Dettagli

COMUNICAZIONE DELL INIZIO DEI LAVORI (CIL)

COMUNICAZIONE DELL INIZIO DEI LAVORI (CIL) Stemma del Comune Regione Lazio Al Comune di Pratica edilizia SUAP Indirizzo del SUE PEC / Posta elettronica Protocollo da compilare a cura del SUE/SUAP COMUNICAZIONE DELL INIZIO DEI LAVORI (CIL) PER INTERVENTI

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n. Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze PRATICA BUSTA : (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all ufficio Edilizia Privata) Al Dirigente del Servizio Gestione del Territorio S.C.I.A.

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze (spazio riservato all ufficio Protocollo) (marca da bollo) Al Dirigente del Servizio Gestione del Territorio PERMESSO DI COSTRUIRE (artt. 134 e 142 L.R. 65/2014)

Dettagli

COMUNE di PODENZANA Provincia di Massa Carrara SETTORE URBANISTICA ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE di PODENZANA Provincia di Massa Carrara SETTORE URBANISTICA ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE di PODENZANA Provincia di Massa Carrara SETTORE URBANISTICA ASSETTO DEL TERRITORIO aggiornamento 31.12.2012 (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all ufficio Edilizia Privata)

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014)

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma)

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) Regione Lazio Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC: suap.pec@comunedicivitavecchia.legalmail.it Allegato A-20bis Comunicazione dell Inizio dei Lavori

Dettagli

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.)

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Protocollo COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria Comune di CIVITAVECCHIA (Provincia di Roma) MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria SPAZIO PER PROTOCOLLO Al COMUNE di CIVITAVECCHIA Servizio 9 - Governo del Territorio

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art.6 comma.2 lett. a) D.P.R. 380/2001

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art.6 comma.2 lett. a) D.P.R. 380/2001 protocollo COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE SPORTELLO UNICO EDILIZIA COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art.6 comma.2 lett. a) D.P.R. 380/2001..l sottoscritt.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 In duplice copia Al Comune di SAN SALVO SERVIZIO URBANISTICA COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 Il/i sottoscritt, nato a.. Il con residenza e/o recapito in..

Dettagli

Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA

Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA aggiornamento 21.05.2013 Pratica SUAP COMUNE di BARBERINO VAL d ELSA ( Barrare in caso di presentazione SUAP ) Provincia di Firenze EDILIZIA ED URBANISTICA AREA TECNICA (spazio riservato all ufficio Protocollo)

Dettagli

Pratica Edilizia n. - parere CEC in data dec.n.. relativamente a (B. / ) - parere CCP in data dec.n.. relativamente a.

Pratica Edilizia n. - parere CEC in data dec.n.. relativamente a (B. / ) - parere CCP in data dec.n.. relativamente a. Pratica Edilizia n 1 Al Responsabile del Settore III Programmazione del Territorio del Comune Spazio riservato al protocollo Sportello Unico per le Attività Produttive (domanda unica SUAP) - P.A.S. Procedura

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI La nuova disciplina comunale dell ATTIVITA EDILIZIA LIBERA alla luce della modifica dell art. 6 del T.U. n. 380/2001

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA LOGO COMUNE TIMBRO PROTOCOLLO Nominativo del dichiarante (1).... SI altri titolari oltre al presente dichiarante NO.. (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni singolo soggetto)

Dettagli

ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA AI SENSI DELL'ART. 80, COMMA 2, lett. a) L.R. 1/2005 Il sottoscritto Tel. e-ma proprietario in qualità

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA MODELLO A ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Comune di L Aquila Settore Edilizia ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6, comma 1 e 2, lettere a-b-c-d-e DPR 380/2001 così come modificato dalla Legge 73/10 Visto Arrivare

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i.

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Il sottoscritto. Nato

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO. Cognome Nome Codice fiscale nato a il, residente a Prov. CAP in via n. Civ. tel. fax. cell. Casella Posta Elettronica o PEC @

IL SOTTOSCRITTO. Cognome Nome Codice fiscale nato a il, residente a Prov. CAP in via n. Civ. tel. fax. cell. Casella Posta Elettronica o PEC @ Comune di Cavaion Veronese Provincia di Verona Ufficio Tecnico Edilizia Privata Piazza G.Fracastoro, 8 37010 Cavaion Veronese www.comunecavaion.it - ediliziaprivata@comunecavaion.it Tel. lunedì mercoledì

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Comunicazione di Inizio Attività edilizia libera (C.I.A.)

Comunicazione di Inizio Attività edilizia libera (C.I.A.) CITTÀ DI SESTO CALENDE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E PAESAGGIO Piazza Cesare da Sesto n. 1 21018 Sesto Calende (VA) Tel. 0331/928100 Fax 0331/920114 Codice Fiscale 00283240125 Indirizzo pec: sestocalende@legalmail.it

Dettagli

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1)

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di posta elettronica certificata: Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Quadro A Dati dei richiedenti _ nato/a

Dettagli

Comune di Fauglia (Provincia di Pisa)

Comune di Fauglia (Provincia di Pisa) Comune di Fauglia (Provincia di Pisa) U.O. Urbanistica Edilizia Privata (spazio riservato all ufficio) Servizio Urbanistica-Edilizia Privata Piazza Trento e Trieste n. 4 56043 FAUGLIA (PI) SEGNALAZIONE

Dettagli

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro normativo Norme Nazionali COMPLESSITA BUROCRATICA INSOSTENIBILE

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI MOD. 1 CIL COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V - ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE Riservato

Dettagli

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica Gestione dei procedimenti unici SUAP Inquadramento Le FER: Autorizzazioni e procedure amministrative Normativa

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa Dati del titolare Cognome

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze

COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze aggiornamento 19.09.2011 COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE Provincia di Firenze SETTORE SERVIZI TECNICI UFFICIO EDILIZIA E URBANISTICA PRATICA N. (spazio riservato all ufficio Protocollo) (spazio riservato all

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 2 Al Comune di CERRETO D ASTI (AT) Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo Piazza Mosso 1 14020 CERRETO D ASTI (AT) PEC / Posta elettronica : protocollo.cerreto.dasti@cert.ruparpiemonte.it protocollo@comune.cerreto.asti.it

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI

Dettagli

D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) Elenco documenti da allegare alla richiesta:

D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) Elenco documenti da allegare alla richiesta: D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) 1. Relazione asseverata; 2. Elaborati progettuali; 3. Copia Atto Notarile di proprietà della area o del titolo che legittimi i richiedenti ad effettuare i

Dettagli

nella sua qualità di, dell'immobile / del terreno ad uso

nella sua qualità di, dell'immobile / del terreno ad uso Protocollo Pratica Edilizia N Il Responsabile del procedimento è AL SIGNOR SINDACO del Comune di: CASCIANA TERME - (Pisa) Settore 1- Uso e Assetto del Territorio-Edilizia Privata Via R. Margherita n. 9-56034

Dettagli

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento:

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento: Mittente: Via Al Sig. Sindaco del Comune di Colfelice Viale della Repubblica 03030 COLFELICE (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi del comma 3 dell'art. 6 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi del comma 3 dell'art. 6 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Aggiornamento 2014 ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera (MI) PRATICA EDILIZIA N. / (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE

Dettagli

AL COMUNE DI TRIESTE AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO

AL COMUNE DI TRIESTE AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO 01/04/2014 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste tel. 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 ORIGINALE DEL MODULO da consegnare al PROTOCOLLO GENERALE, sito al pianoterra

Dettagli

ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA (AEL)

ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA (AEL) Regione Lazio Al Comune di Pratica edilizia SUAP Indirizzo del SUE PEC / Posta elettronica Protocollo da compilare a cura del SUE/SUAP ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA (AEL) PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

LA NORMATIVA PER LA COSTRUZIONE DEGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTE RINNOVABILE

LA NORMATIVA PER LA COSTRUZIONE DEGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTE RINNOVABILE Disciplina edilizia relativa agli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili LA NORMATIVA PER LA COSTRUZIONE DEGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTE RINNOVABILE Ing. Vittorio BARDAZZI Consulente

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E SISTEMI FOTOVOLTAICI (da 1,00 a 20 kw p )

DISCIPLINARE COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E SISTEMI FOTOVOLTAICI (da 1,00 a 20 kw p ) DISCIPLINARE COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E SISTEMI FOTOVOLTAICI (da 1,00 a 20 kw p ) PREMESSA Com è noto, il tema del risparmio energetico sta avendo in questi anni una rapida diffusione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 71 DEL 23-11-2009 REGIONE TOSCANA. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia).

LEGGE REGIONALE N. 71 DEL 23-11-2009 REGIONE TOSCANA. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia). LEGGE REGIONALE N. 71 DEL 23-11-2009 REGIONE TOSCANA Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia). Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 50

Dettagli

Città di Novate Milanese Provincia di Milano

Città di Novate Milanese Provincia di Milano PROTOCOLLO GENERALE PRATICA N RICHIESTA DI ATTESTAZIONE DELL IDONEITA DEL TITOLO AUTORIZZATIVO PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI (ai sensi del DM 5 maggio 2011 - Incentivazione della produzione

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PAS -PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA- COMUNICAZIONE PREVENTIVA PER INSTALLAZIONE PANNELLI SOLARI TERMICI A CIRCOLAZIONE FORZATA e FOTOVOLTAICO Ai sensi dell art 11 D.Lgs 115/2008 e s.m.i e art 7 comma

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero

SCIA / OGGETTO : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) legge 07.08.1990 n.241, art.19. Ovvero Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI BUSTO GAROLFO AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA/EDILIZIA PRIVATA Riservato all ufficio Numero pratica edilizia SCIA / OGGETTO

Dettagli

Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica

Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica 2 Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica PROTOCOLLO GENERALE Al Dirigente dell Area Governo del Territorio

Dettagli

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica Modello Certificato di collaudo finale relativo a D.I.A. / S.C.I.A. / ATTIVITA EDILZIA LIBERA CERTIFICATO DI COLLAUDO FINALE attestante la conformità dell opera al progetto presentato con la Segnalazione

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli 2 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli III SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO E OPERE PUBBLICHE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Riservato all Ufficio - III Settore AT./OO.PP. Protocollo Generale ESTREMI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 Disposizioni in materia di energia. (Bollettino Ufficiale n. 19, parte prima, del 07.03.2005) Capo I - Ambito e finalità della disciplina...1 Art. 01 - Oggetto...1

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. All Ufficio Tecnico del Comune di Carasco Via IV Novembre 28 16042 CARASCO (GE) Carasco, li

Dettagli

CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia

CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia CIL e CILA, Permesso di costruire e SCIA. I modelli unici per l edilizia Delibera della Giunta Regionale n. 85 del 09/03/2015 Il 18 dicembre scorso la Conferenza Unificata tra Governo, Regioni ed Enti

Dettagli

COMUNICAZIONE AVVIO DEI LAVORI DI EDILIZIA LIBERA (ART. 15 L.R. 23/85) E PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (ART. 6 D.LGS 28/2011)

COMUNICAZIONE AVVIO DEI LAVORI DI EDILIZIA LIBERA (ART. 15 L.R. 23/85) E PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (ART. 6 D.LGS 28/2011) AL COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Edilizia Privata e SUAP COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA) Fax 070 781412 Centralino 070 76901 Ufficio Tecnici Istruttori

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic AREA CITTÀ E TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ed EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA e TRAFFICO ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO Kristina Tomic Responsabile Abusivismo Edilizio Comune

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fonte Rif. Condizioni da rispettare Regime urbanistico/ edilizio Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fotovoltaica 12.1 i. impianti aderenti o integrati nei tetti di edifici

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA COMUNICAZIONE PREVENTIVA INIZIO LAVORI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA COMUNICAZIONE PREVENTIVA INIZIO LAVORI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Modello da compilarsi a cura del dichiarante e del professionista COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA Sportello per l Edilizia Sede di Venezia - San Marco 4023 Campo Manin -

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380

Comunicazione di inizio attività edilizia libera 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 2 Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio CIL - Archiviazione Comune di San Giuliano Milanese - Via De Nicola 2-20098 San Giuliano Milanese (MI) tel. 02 982071 - fax 02

Dettagli

COMUNE DI CAPRAUNA - PROV. DI CUNEO Piazza Sant'Antonino, 15-12070 Caprauna (CN) Cod. Fisc./P.I. 00495600041 Tel : 0174-391812

COMUNE DI CAPRAUNA - PROV. DI CUNEO Piazza Sant'Antonino, 15-12070 Caprauna (CN) Cod. Fisc./P.I. 00495600041 Tel : 0174-391812 COMUNE DI CAPRAUNA - PROV. DI CUNEO Piazza Sant'Antonino, 15-12070 Caprauna (CN) Cod. Fisc./P.I. 00495600041 Tel : 0174-391812 Timbro Ufficio Protocollo AL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

PRESENTA/NO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA per

PRESENTA/NO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA per Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante sottoscritt 1) C.F. nat

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (CIL)

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (CIL) COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (CIL) COMUNE DI GENOVA ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Via di Francia, 1 16149 GENOVA RISERVATO AL PROTOCOLLO QUADRO

Dettagli