Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue"

Transcript

1 Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva di f allora è tal ogni altra funzion F dl tipo: F = F 0 + c, c R d abbiamo chiamato intgral indfinito dlla f, l insim dll su primitiv. Abbiamo dnotato con il simbolo f() d la sua gnrica primitiva F, cioè F 0 + c d abbiamo infin chiamato oprazion d intgrazion indfinita oppur calcolo dll intgral indfinito, l oprazion ch si sgu su di una data funzion f, dotata di primitiv, pr ottnr il suo intgral indfinito. Nl paragrafo 2. abbiamo dimostrato ch ogni funzion continua: f : y = f(), [a, b] (4.) 67

2 68 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv è dotata di (infinit) primitiv ch qust ultim si possono ottnr tutt sommando una costant arbitraria c ad una sua funzion intgral. S com funzion intgral scgliamo qulla rlativa al punto 0 = a, si ha quindi: F : y = F () = a f(t) dt + c, [a, b]. (2.30) Nlla (2.30) la lgg d associazion dlla gnrica primitiva è rapprsntata da un intgral dfinito più una costant c pr cui pr conoscr una primitiva di f occorr conoscr il valor dll intgral dfinito stso ad un qualsiasi intrvallo [a, ] contnuto in [a, b] o coincidnt con sso. La lgg d associazion dlla gnrica primitiva, sprssa com nlla (2.30), non è di alcuna utilità pratica s vogliamo calcolar l intgral dfinito b a f() d srvndoci dl torma fondamntal dl calcolo intgral (torma 2.20). Si ha infatti: da cui: b a F (a) = F (b) = a a b a f(t) dt + c = 0 + c = c f(t) dt + c ( b f() d = F (b) F (a) = a ) b f(t) dt + c c = f(t) dt a quindi? Siamo al punto di partnza! Si pon allora il problma di rapprsntar la lgg d associazion dll primitiv dlla (4.) pr mzzo di una formula in cui non compaia l intgral dfinito: a f(t) dt con [a, b].

3 4. La famiglia F E 69 In qusto capitolo vogliamo illustrar alcun tcnich, utili allo scopo, comunmnt conosciut com mtodi d intgrazion indfinita. Cominciamo innanzitutto con il prcisar la famiglia di funzioni continu, avnti pr dominio un intrvallo, pr l quali vogliamo risolvr il problma posto. 4. La famiglia F E Ni libri dlla prsnt collana abbiamo incontrato vari funzioni rali di una variabil ral d abbiamo chiamato alcun di ss: funzioni lmntari. Tali funzioni sono continu d il loro dominio è o tutto R oppur un intrvallo I. A partir poi dall funzioni lmntari o rstrizioni di ss, mdiant l oprazioni di addizion, sottrazion, moltiplicazion, division, strazion di radic composizion, abbiamo costruito altr funzioni ch a loro volta possono ssr sottopost all oprazioni anzidtt pr costruir altr funzioni ancora. Dnotiamo con F E la famiglia costituita: dall funzioni lmntari dall funzioni costruit a partir da qull lmntari pr mzzo dll oprazioni sopra lncat. L funzioni dlla famiglia F E, indipndntmnt dal fatto ch siano funzioni lmntari o costruit a partir da ss, si chiamano funzioni sprimibili in trmini di funzioni lmntari. Ess hanno l sgunti carattristich:. il loro dominio A è: o tutto R o un intrvallo I Vdr il libro Limiti continuità, paragrafo 2.9.

4 70 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv o un union di intrvalli tra loro disgiunti 2. sono continu prtanto l rstrizioni di ss avnti pr dominio un intrvallo I contnuto o coincidnt con A sono dotat di primitiv. 3. qull di ss ch sono drivabili hanno la funzion drivata appartnnt alla famiglia F E quindi l oprazion di drivazion trasforma funzioni drivabili di F E in funzioni di F E. Ci chidiamo ora: Pr l primitiv di una qualunqu funzion f di F E avnt pr dominio un intrvallo I, accad qualcosa di analogo a ciò ch accad pr la sua funzion drivata f, nl caso ch qust ultima sista? In altr parol: l primitiv di una qualunqu funzion f di F E avnt pr dominio un intrvallo I, appartngono anch ss a F E? Poiché si dimostra ch l funzioni, l cui lggi d associazion sono rapprsntat dall formul : y = 2 y = y = sin y = sin( 2 ) d i cui domini sono intrvalli I R, pur appartnndo a F E non hanno l primitiv in F E, concludiamo ch la risposta è in gnral ngativa. Diciamo anch ch non sist un critrio ch prmtta di dcidr quali funzioni di F E hanno l primitiv in F E. La mancanza di un critrio ci rnd incrti in tal ricrca prché ci poniamo a ricrcar nlla famiglia F E l primitiv di una funzion f (dlla famiglia) snza sapr a-priori s sistano oppur no in ssa. S tali primitiv sistono in F E, si dic ch la funzion f (di F E ) è lmntarmnt intgrabil.

5 4.2 Tabll di intgrali fondamntali gnrali 7 La rlazion ch c è tra l oprazion di drivazion qulla di intgrazion indfinita consnt tuttavia di trovar subito du sottofamigli di F E costituit da funzioni lmntarmnt intgrabili. Vdiamo quali! 4.2 Funzioni lmntarmnt intgrabili, tablla dgli intgrali fondamntali tablla gnralizzata Data una funzion drivabil f avnt pr dominio un intrvallo I, sappiamo ch ssa è primitiva dlla sua funzion drivata f. Poiché tutt l primitiv di f si possono ottnr da f sommandol una costant arbitraria c, possiamo sprimr la gnrica di ss f () d scrivndo f () d = f() + c (4.2) La (4.2) consnt di concludr ch sicuramnt sono lmntarmnt intgrabili l funzioni drivat dll funzioni (drivabili) di F E avnti pr dominio un intrvallo I. Tnndo conto dlla (4.2) possiamo costruir a partir dalla tablla dll drivat fondamntali qust altra tablla ch prnd il nom di tablla dgli intgrali fondamntali.

6 72 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv Tablla dgli intgrali fondamntali α d = α+ + c con α α + d = ln + c d = + c sin d = cos + c cos d = sin + c d = tan + c cos 2 sin 2 d = cotan + c d = arcsin + c 2 d = arctan + c + 2 sinh d = cosh + c cosh d = sinh + c cosh 2 d = tanh + c sinh 2 d = cotanh + c Vdiamo com si lgg tal tablla! In ciascuna dll uguaglianz ch la costituiscono compaiono du formul :

7 4.2 Tabll di intgrali fondamntali gnrali 73 l una a sinistra dl sgno = tra il simbolo d, l altra a dstra. La formula di sinistra rapprsnta la lgg d associazion dlla funzion intgranda mntr qulla di dstra, la lgg d associazion dlla gnrica primitiva di ssa. Poiché abbiamo dfinito l primitiv solo pr funzioni avnti pr dominio un intrvallo I, s la formula di sinistra dfinisc una funzion avnt pr dominio un insim A ch non è un intrvallo, è chiaro ch tal funzion non può ssr riguardata com funzion intgranda. Sarà invc funzion intgranda ogni rstrizion di ssa avnt pr dominio un intrvallo I. Chiariamo quanto abbiamo dtto con du smpi. Esmpio 4. Nll uguaglianza d = arcsin + c 2 la formula 2 rapprsnta la lgg d associazion f di una funzion avnt pr dominio A = (, ): f : y = f() = 2, A = (, ). (4.3) Poiché il dominio A è un intrvallo, tal funzion può ssr riguardata com una funzion intgranda la cui gnrica funzion primitiva è: F : y = F () = arcsin + c, A = (, ). (4.4) Ogni rstrizion dlla (4.3) avnt pr dominio un intrvallo I A è anch ssa una funzion intgranda la rstrizion dlla (4.4) avnt pr dominio lo stsso intrvallo I n è la gnrica primitiva. Esmpio 4.2 Nll uguaglianza d = log + c

8 74 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv la formula rapprsnta la lgg d associazion f di una funzion avnt pr dominio A = (, 0) (0, + ): f : y = f() =, A = (, 0) (0, + ) (4.5) Poiché il dominio A non è un intrvallo, tal funzion non può ssr riguardata com una funzion intgranda. È invc da riguardar com funzion intgranda ogni rstrizion dlla (4.5) avnt pr dominio un intrvallo I: f : y = f() =, I A (4.6) F : y = F () = log + c, I A n è la gnrica primitiva. In particolar s fissiamo I = (0, 000), la funzion intgranda (4.6) divin: f : y = f() =, I = (0, 000) F : y = F () = log + c, I = (0, 000) è la gnrica primitiva di ssa. S fissiamo invc I = ( 300, 50), la funzion intgranda (4.6) divin: f : y = f() =, I = ( 300, 50) F : y = F () = log + c, I = ( 300, 50) n è la gnrica primitiva. L considrazioni svolt gli smpi saminati ci prmttono di concludr:

9 4.2 Tabll di intgrali fondamntali gnrali 75. la formula, ch compar nl primo mmbro di ogni uguaglianza dlla tablla, rapprsnta la lgg d associazion di infinit funzioni intgrand: una pr ogni sclta dll intrvallo I contnuto nl dominio natural dlla funzion dfinita dalla suddtta formula 2. Qulla, ch compar invc nl scondo mmbro, rapprsnta la lgg d associazion dlla gnrica primitiva corrispondnt alla funzion intgranda considrata. 2. l insim dll infinit funzioni intgrand, di cui abbiamo ora parlato, costituiscono la prima sottofamiglia di funzioni lmntarmnt intgrabili di F E. Una sconda sottofamiglia di funzioni lmntarmnt intgrabili di F E si può individuar tnndo prsnt la (4.2) la rgola di drivazion dll funzioni compost: (g f) () = (g[f()]) = g [f()] f () S infatti la funzion f, prima funzion componnt dlla funzion composta g f, ha la drivata f continua, dalla tablla dgli intgrali fondamntali possiamo ddurr qust altra tablla di primitiv, dtta tablla gnralizzata. 2 Data una formula quando si costruisc la funzion la cui lgg d associazion f è da ssa rapprsntata, si chiama dominio natural dlla funzion il più ampio dgli insimi ai cui lmnti, mdiant la formula data, è possibil attribuir l immagin.

10 76 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv Tablla gnralizzata [f()] α f () d = [f()]α+ + c con α α + f() f () d = ln f() + c f() f () d = f() + c sin f() f () d = cos f() + c cos f() f () d = sin f() + c cos 2 f() f () d = tan f() + c sin 2 f() f () d = cotan f() + c f () d = arcsin f() + c [f()] 2 + [f()] 2 f () d = arctan f() + c sinh f() f () d = cosh f() + c cosh f() f () d = sinh f() + c cosh 2 f() f () d = tanh f() + c sinh 2 f() f () d = cotanh f() + c Circa la lttura dlla tablla gnralizzata val quanto abbiamo dt-

11 4.2 Tabll di intgrali fondamntali gnrali 77 to a proposito dlla tablla dgli intgrali fondamntali pr cui tutt l considrazioni dl caso l lasciamo allo Studnt. Ciò ch invc vogliamo ossrvar è ch s riguardiamo il prodotto formal f () d com il diffrnzial dlla funzion f rlativo al gnrico punto I scriviamo: df() = f () d, la tablla gnralizzata può ssr riscritta così: Tablla gnralizzata [f()] α df() = [f()]α+ + c con α α + df() = ln f() + c f() f() df() = f() + c sin f()df() = cos f() + c cos f()df() = sin f() + c df() = tan f() + c cos 2 f() sin 2 df() = cotan f() + c f() df() = arcsin f() + c [f()] 2 2 df() + [f()] = arctan f() + c sinh f()df() = cosh f() + c

12 78 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv cosh f()df() = sinh f() + c cosh 2 df() f() = tanh f() + c sinh 2 df() f() = cotanh f() + c Confrontando la tablla gnralizzata scritta in qusto modo con la tablla dgli intgrali fondamntali, ci accorgiamo ch il ruolo ch in qusta ultima gioca la variabil, nlla tablla gnralizzata lo gioca f(). Qusta ossrvazion, oltr a giustificar il prché tal tablla sia stata chiamata tablla gnralizzata, ci risultrà comoda nl suo impigo. Ciò prmsso, possiamo intanto trarr la sgunt conclusion: Sicuramnt sono lmntarmnt intgrabili l funzioni dlla famiglia F E ch compaiono com funzioni intgrand nlla tablla dgli intgrali fondamntali oppur nlla tablla gnralizzata. Pr crcar nlla famiglia F E altr funzioni lmntarmnt intgrabili, illustriamo ora alcun tcnich not com: mtodo di intgrazion pr dcomposizion in somma mtodo di intgrazion pr parti mtodo di intgrazion pr sostituzion Tali mtodi sono basati sull proprità dll primitiv consistono nl ricondurr la ricrca in F E dll primitiv di una assgnata funzion di F E alla ricrca (smpr in F E ) dll primitiv di qualch altra funzion di F E sprando ch qust ultima appartnga ad una dll tabll sopra riportat. Vdiamo quali sono tali proprità! 4.3 Proprità dll primitiv Elnchiamo ora l proprità dll primitiv, tralasciandon, pr brvità, l facili dimostrazioni.

13 4.3 Proprità dll primitiv 79. S F è una primitiva di f, allora k F è una primitiva di k f, k R; in simboli: (k f)() d = k f() d = k f() d 2. Siano f f 2 du funzioni avnti pr dominio uno stsso intrvallo I dotat di primitiv. S F F 2 sono primitiv di ss allora F +F 2 F F 2 sono rispttivamnt primitiv di f + f 2 f f 2 ; in simboli: (f + f 2 )() d = [f () + f 2 ()] d = f () d + f 2 () d (f f 2 )() d = [f () f 2 ()] d = f () d f 2 () d Dall proprità suddtt sgu ch: s f, f 2,..., f n sono n funzioni dotat di primitiv d avnti pr dominio uno stsso intrvallo I, comunqu si fissino n numri c, c 2,..., c n, la funzion c f +c 2 f c n f n è anch ssa dotata di primitiv risulta: (c f + c 2 f c n f n )() d = = [c f () + c 2 f 2 () c n f n ()] d = = c f () d + c 2 f 2 () d c n f n () d (4.7) La funzion c f + c 2 f c n f n è dtta funzion combinazion linar dll funzioni f, f 2,..., f n. La (4.7) si sprim dicndo ch l oprazion di intgrazion indfinita god dlla proprità di linarità. 3. Siano f f 2 du funzioni avnti pr dominio uno stsso intrvallo I. S f è continua f 2 è drivabil con drivata continua, dtta F una primitiva di f, si ha: f () f 2 () d = F () f 2 () F () f 2() d (4.8)

14 80 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv 4. Siano f una funzion continua avnt pr dominio un intrvallo I: f : y = f(), I ϕ una funzion drivabil con drivata continua avnt pr dominio un intrvallo J pr codominio I: ϕ : = ϕ(t), t J. S F è primitiva di f G è primitiva dlla funzion (f ϕ) ϕ, allora F ϕ = G. (4.9) S poi la funzion ϕ è anch invrtibil, dtta ϕ, la sua funzion invrsa allora si ha anch ch: S dnotiamo F ϕ con il simbolo [ ] f() d =ϕ(t) G ϕ con il simbolo [ ] f[ϕ(t)] ϕ (t) dt t=ϕ () F = G ϕ. (4.0) l (4.9) (4.0) divntano rispttivamnt: [ ] f() d = f[ϕ(t)] ϕ (t) dt (4.9 ) =ϕ(t) [ f() d = ] f[ϕ(t)] ϕ (t) dt t=ϕ (), (4.0 ) Prima di sporr i mtodi di intgrazion sopra dtti, prndiamo un po di familiarità con l uso dlla tablla gnralizzata.

15 4.4 Uso dlla tablla gnralizzata Uso dlla tablla gnralizzata Ossrvando la tablla gnralizzata ci rndiamo conto ch affinché ssa ci fornisca l primitiv di una data funzion (continua) f, qust ultima dv vrificar l sgunti condizioni:. dv potr ssr riguardata com prodotto di du funzioni f f 2 : f = f f 2 2. una dll du funzioni, ad smpio f, dv a sua volta ssr funzion composta da du funzioni ϕ ϕ 2 : di cui: f = ϕ 2 ϕ (4.) ϕ 2 dv comparir com funzion intgranda nlla tablla dgli intgrali fondamntali ϕ dv ssr drivabil la sua drivata ϕ dv ssr ugual a f 2 oppur diffrir da f 2 pr una costant moltiplicativa k 0: ϕ = k f 2 (4.2) S sono vrificat tali condizioni, la tablla gnralizzata risolv appunto il problma dlla ricrca dll primitiv dlla funzion f. La (4.2) ci consnt infatti di scrivr sotto il sgno d intgral k ϕ () in luogo di f 2 () quindi, tnuto conto dlla (4.), si ha: f() d = (f f 2 ) () d = f () f 2 () d = ( ) = (ϕ 2 ϕ ) () k ϕ () d = ( ) = ϕ 2 [ϕ ()] k ϕ () d = = pr la proprità. dll primitiv = = k ϕ 2 [ϕ ()] ϕ () d = k ϕ 2 [ϕ ()] dϕ ()

16 82 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv prtanto, poiché la funzion ϕ 2 compar com funzion intgranda nlla tablla dgli intgrali fondamntali, siamo nlla tablla gnralizzata sconda vrsion. Sprimntiamo quanto abbiamo dtto su dgli smpi! Esmpio 4.3 Calcolar l intgral indfinito tan + 5 cos 2 d La funzion intgranda è: tan + 5 f : y = f() =, cos 2 I(intrvallo) A = { R : tan + 5 0; cos 0} può ssr riguardata com prodotto dll du funzioni: f : y = f () = tan + 5, I f 2 = y = f 2 () = cos 2, I di cui la f è a sua volta funzion composta dall funzioni: ϕ : u = ϕ () = tan + 5, I ϕ 2 : y = ϕ 2 (u) = u 2, ϕ (I) Poiché la funzion f è continua prché costruita a partir da funzioni continu, è dotata di (infinit) primitiv. Siccom la funzion ϕ 2 compar com funzion intgranda nlla tablla dgli intgrali fondamntali la funzion ϕ è drivabil risulta ϕ () = (tan + 5) = cos 2 = f 2(),

17 4.4 Uso dlla tablla gnralizzata 83 pr la ricrca dll primitiv possiamo utilizzar la tablla gnralizzata quindi si ha: tan + 5 d = (tan + 5) cos 2 2 cos 2 d = = (tan + 5) 2 (tan + 5) d = = (tan + 5) (tan + 5) d(tan + 5) = + + c = 2 = 2 3 (tan + 5) tan c. Esmpio 4.4 Calcolar l intgral indfinito + ln Ragionando com nll smpio prcdnt, si ha: + ln d = ( + ln ) 2 d = ( + ln ) 2 ( + ln ) = ( + ln ) 2 d( + ln ) = d d = = ( + ln ) c = 2 3 ( + ln ) + ln + c. Esmpio 4.5 Calcolar l intgral indfinito 3 2 d. La funzion intgranda è: f : y = f() = 3 2, I(intrvallo) A = (, + ) può ssr riguardata com prodotto dll du funzioni: f : y = f () =, I

18 84 Capitolo 4. Tcnich pr la ricrca di primitiv f 2 : y = f 2 () = 3 2, I di cui f 2 qusta volta, è funzion composta dall funzioni: ϕ : u = ϕ () = 2, I ϕ 2 : y = ϕ 2 (u) = u 3, u ϕ (I) Poiché la funzion f è continua, prché costruita a partir da funzioni continu, è dotata di (infinit) primitiv. Siccom la funzion ϕ 2 compar com funzion intgranda nlla tablla dgli intgrali fondamntali la funzion ϕ è drivabil risulta: ϕ () = ( 2 ) = 2 = 2 f (), sprimndo f pr mzzo di ϕ, cioè scrivndo sotto il sgno d intgral: f () = 2 ( 2 ) si ha: 3 2 d = [ 2 ] ( 2 ) ( 2 ) 3 d = = 2 ( 2 ) 3 ( 2 ) d = = 2 ( 2 ) 3 d( 2 ) = 2 ( 2 ) c = 3 = ( 2 ) c = = 3 8 ( 2 ) c quindi anch in qusto smpio la tablla gnralizzata ha risolto il nostro problma.

19 4.4 Uso dlla tablla gnralizzata 85 Esmpio 4.6 Calcolar l intgral indfinito 3 d. La funzion intgranda è: f : y = f() = 3 I(intrvallo) A = { R : 3 0} = (, 3) (3, + ) può ssr riguardata com prodotto dll du funzioni: f : y = f () = 3, I f 2 : y = f 2 () =, I di cui la f è a sua volta funzion composta dall funzioni: ϕ : u = ϕ () = 3, I ϕ 2 : y = ϕ 2 (u) = u, u ϕ (I). Poiché la funzion f è continua prché costruita a partir da funzioni continu, è dotata di (infinit) primitiv. Siccom la funzion ϕ 2 compar com funzion intgranda nlla tablla dgli intgrali fondamntali la funzion ϕ è drivabil risulta: ϕ () = ( 3) = = f 2 () si ha: 3 d = = 3 d = 3 ( 3) d = d( 3) = ln 3 + c. 3

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y).

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y). Esrcizi di conomtria: sri 4 Esrcizio Siano, Z variabili casuali distribuit scondo la lgg multinomial di paramtri n, p, p, p p p.. Calcolar la Covarianza tra l variabili d. Soluzion Dat du variabili dinit

Dettagli

Studio di funzione. R.Argiolas

Studio di funzione. R.Argiolas Studio di unzion R.Argiolas Introduzion Prsntiamo lo studio dl graico di alcun unzioni svolt durant l srcitazioni dl corso di analisi matmatica I assgnat nll prov scritt. Ringrazio anticipatamnt tutti

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

= l. x 0. In realtà può aversi una casistica più amplia potendo sia x che f ( x) tendere ad un elemento dell insieme

= l. x 0. In realtà può aversi una casistica più amplia potendo sia x che f ( x) tendere ad un elemento dell insieme LIMITI DI FUNZINI. CNCETT DI LIMITE Esula dallo scopo di qusto libro la trattazion dlla toria sui iti. Tuttavia, pnsando di far cosa gradita allo studnt, ch dv possdr qusta nozion com background, ritniamo

Dettagli

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2 Funzioni linari aini In du variabili l unzioni linari sono dl tipo a b l unzioni aini sono dl tipo a b c Il graico di una unzion linar è un piano passant pr l origin il graico di una unzion ain è un piano.

Dettagli

Appunti sulle disequazioni frazionarie

Appunti sulle disequazioni frazionarie ppunti sull disquazioni frazionari Sono utili l sgunti dfinizioni Una disquazion fratta o frazionaria è una disquazion nlla qual l incognita compar in qualch suo dnominator. Una disquazion razional è una

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4 Corso di Laura in Economia Matmatica pr l applicazioni conomich finanziari Esrcizi 4 Vrificar s l sgunti funzioni, nll intrvallo chiuso indicato, soddisfano l ipotsi dl torma di Roll, in caso affrmativo,

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti INTEGRLI OPPI Esrcizi svolti. Calcolar i sgunti intgrali doppi: a b c d f g h i j k y d dy, {, y :, y }; d dy, {, y :, y }; + y + y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y + }; + y d

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

Teorema (seconda condizione sufficiente per i campi conservativi piani): Sia F ( x, y)

Teorema (seconda condizione sufficiente per i campi conservativi piani): Sia F ( x, y) Campi Vttoriali Form iffrnziali-sconda Part Torma (sconda condizion sufficint pr i campi consrvativi piani): Sia F (, y) un campo vttorial piano dfinito in un aprto A di R, si supponga ultriormnt = y ;

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

Teoria. Tale retta limite non sempre esiste. Si veda il grafico sottostante. Matematica 1

Teoria. Tale retta limite non sempre esiste. Si veda il grafico sottostante. Matematica  1 LA ERVATA UNA FUNZONE Toria l problma dlla tangnt Uno di problmi classici c portano al conctto di drivata è qullo dlla dtrminazion dlla rtta tangnt a una curva in un punto. La tangnt ad una circonfrnza

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. Saper integrare equazioni differenziali del primo ordine lineari e a variabili separabili.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. Saper integrare equazioni differenziali del primo ordine lineari e a variabili separabili. EQUAZIONI DIFFERENZIALI OBIETTIVI MINIMI Sapr riconoscr classificar l quazioni diffrnziali. Sapr intgrar quazioni diffrnziali dl primo ordin linari a variabili sparabili. Sapr intgrar quazioni diffrnziali

Dettagli

Distribuzione gaussiana

Distribuzione gaussiana Appunti di Misur Elttric Distribuion gaussiana Funion dnsità di probabilità di Gauss... Calcolo dlla distribuion cumulativa pr una variabil di Gauss... Funion dnsità di probabilità congiunta...6 Funion

Dettagli

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x)

CONOSCENZE. 1. La derivata di una funzione y = f (x) ESAME D STATO ESEMP D QUEST D MATEMATCA PER LA TERZA PROVA CONOSCENZE. La drivata di una funzion y f (), in un punto intrno al suo dominio, : il it, s sist d è finito, dl rapporto incrmntal pr h, f ( h)

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

IV-3 Derivate delle funzioni di più variabili

IV-3 Derivate delle funzioni di più variabili DERIVATE PARZIALI IV-3 Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma di Schwarz 8 6 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

lim x 3 lim Servendosi della definizione, verifica l esattezza dei limiti seguenti Esercizio no.1 Esercizio no.2 Esercizio no.3 Esercizio no.

lim x 3 lim Servendosi della definizione, verifica l esattezza dei limiti seguenti Esercizio no.1 Esercizio no.2 Esercizio no.3 Esercizio no. Edutcnica.it Dfinizion di it Srvndosi dlla dfinizion, vrifica l sattzza di iti sgunti Esrcizio no. Soluzion a pag. ( ) Esrcizio no. Soluzion a pag. Esrcizio no. Soluzion a pag. ( ) Esrcizio no. Soluzion

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

INDICE. Studio di funzione. Scaricabile su: TEORIA. Campo di esistenza. Intersezione con gli assi

INDICE. Studio di funzione. Scaricabile su:  TEORIA. Campo di esistenza. Intersezione con gli assi P r o f. Gu i d of r a n c h i n i Antprima Antprima Antprima www. l z i o n i. j i md o. c o m Scaricabil su: http://lzioni.jimdo.com/ Studio di funzion INDICE TEORIA Campo di sistnza Intrszion con gli

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi

Svolgimento di alcuni esercizi Svolgimnto di alcuni srcizi Si ha ch dal momnto ch / tnd a pr ch tnd a (la frazion formata da un numro, in qusto caso il numro, fratto una quantità ch tnd a ±, in qusto caso, tnd smpr a ) S facciamo tndr

Dettagli

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES LUCA LUSSARDI 1. La dinamica di Black-Schols Il modllo di Black-Schols pr i mrcati finanziari assum com ipotsi fondamntal ch i przzi di bni finanziari sguano una bn dtrminata

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene:

0.1. CIRCONFERENZA 1. La 0.1.1, espressa mediante la formula per la distanza tra due punti, diviene: 0.1. CIRCONFERENZA 1 0.1 Circonfrnza Considriamo una circonfrnza di cntro P 0 (x 0, y 0 ) raggio r, cioè il luogo di punti dl piano P (x, y) pr i quali si vrifica la rlazion: 0.1.1. P 0 P = r. La 0.1.1,

Dettagli

Istogrammi ad intervalli

Istogrammi ad intervalli Istogrammi ad intrvalli Abbiamo visto com costruir un istogramma pr rapprsntar un insim di misur dlla stssa granda isica. S la snsibilità dllo strumnto di misura è alta, è probabil ch tra gli N valori

Dettagli

Lemma 2. Se U V é un sottospazio vettoriale di V allora 0 U.

Lemma 2. Se U V é un sottospazio vettoriale di V allora 0 U. APPUNTI d ESERCIZI PER CASA di GEOMETRIA pr il Corso di Laura in Chimica, Facoltà di Scinz MM.FF.NN., UNICAL (Dott.ssa Galati C.) Rnd, 3 April 2 Sottospazi di uno spazio vttorial, sistmi di gnratori, basi

Dettagli

Calore Specifico

Calore Specifico 6.08 - Calor Spcifico 6.08.a) Lgg Fondamntal dlla Trmologia Un modo pr far aumntar la Tmpratura di un Corpo è qullo di cdr ad sso dl Calor, pr smpio mttndolo in Contatto Trmico con un Corpo a Tmpratura

Dettagli

DERIVATE. h Geometricamente è il coefficiente angolare della retta secante congiungente i punti della curva di ascissa x. y = in un punto x.

DERIVATE. h Geometricamente è il coefficiente angolare della retta secante congiungente i punti della curva di ascissa x. y = in un punto x. DERIVATE OBIETTIVI MINIMI: Conoscr la dinizion di drivata d il suo siniicato omtrico Sapr calcolar smplici drivat applicando la dinizion Conoscr l drivat dll unzioni lmntari Conoscr l rol di drivazion

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

x 1 x 2 Studiare e disegnare il grafico delle seguenti funzioni Esercizio no.1 Soluzione a pag.2 Esercizio no.2 Soluzione a pag.4

x 1 x 2 Studiare e disegnare il grafico delle seguenti funzioni Esercizio no.1 Soluzione a pag.2 Esercizio no.2 Soluzione a pag.4 Edutcnica.it Studio di funzioni Studiar disgnar il grafico dll sgunti funzioni Esrcizio no. Soluzion a pag. Esrcizio no. Soluzion a pag. y 5 y Esrcizio no. Soluzion a pag.6 Esrcizio no. Soluzion a pag.8

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

II-1 Funzioni. 1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 5. 3 Funzione inversa 7. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 9

II-1 Funzioni. 1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 5. 3 Funzione inversa 7. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 9 1 IL CONCETTO DI FUNZIONE 1 II-1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 5 3 Funzion invrsa 7 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 9 5 Soluzioni dgli srcizi 9 In qusta dispnsa affrontiamo

Dettagli

Equazioni di Secondo Grado in Una Variabile, x Complete, Pure e Spurie. Tecniche per risolverle ed Esempi svolti

Equazioni di Secondo Grado in Una Variabile, x Complete, Pure e Spurie. Tecniche per risolverle ed Esempi svolti Equazioni di Scondo Grado in Una Variabil, x Complt, Pur Spuri. Tcnich pr risolvrl d Esmpi svolti Francsco Zumbo www.francscozumbo.it http://it.gocitis.com/zumbof/ Qusti appunti vogliono ssr un ultrior

Dettagli

Ing. Gestionale Ing. Informatica Ing. Meccanica Ing. Tessile. Cognome Nome Matricola

Ing. Gestionale Ing. Informatica Ing. Meccanica Ing. Tessile. Cognome Nome Matricola Ing Gstional Ing Informatica Ing Mccanica Ing Tssil Cognom Nom Matricola Univrsità dgli Studi di Brgamo Scondo Compitino di Matmatica II ) Si considri la matric 2 3 3 2 Si calcolino gli autovalori gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IV Geometri. ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattiche) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algebra 15

PROGRAMMAZIONE IV Geometri. ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattiche) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algebra 15 PROGRAMMAZIONE IV Gomtri ORGANIZZAZIONE MODULARE (Divisa in unità didattich) MODULO TITOLO DEL MODULO ORE PREVISTE A Richiami di algbra 15 B Rcupro di trigonomtria C Funzioni rali a variabil ral 12 D Limiti

Dettagli

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1 Lzion 5. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi F. Prvidi - Controlli utomatici - Lz. 5 Schma dlla lzion. Introduzion 2. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi 3. utovalori di un sistma a sgnali campionati

Dettagli

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico Comunicazione Opzione Sportiva Tema di matematica

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico Comunicazione Opzione Sportiva Tema di matematica wwwmatmaticamntit Nicola D Rosa maturità Esam di stato di istruzion scondaria suprior Indirizzi: Scintifico Comunicazion Opzion Sportiva Tma di matmatica Il candidato risolva uno di du problmi risponda

Dettagli

ANALISI 2 ESERCITAZIONE DEL 06/12/2010 PUNTI CRITICI

ANALISI 2 ESERCITAZIONE DEL 06/12/2010 PUNTI CRITICI ANALISI ESERCITAZIONE DEL 06//00 PUNTI CRITICI Un punto critico è un punto in cui la funzion è diffrnziabil il piano tangnt al grafico è orizzontal Riconosciamo qusti punti prché il gradint è il vttor

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data.

LE FRAZIONI LE FRAZIONI. La frazione è un operatore che opera su una qualsiasi grandezza e che da come risultato una grandezza omogenea a quella data. LE FRAZIONI La frazion è un oprator ch opra su una qualsiasi grandzza ch da com risultato una grandzza omogna a qulla data. AB (Il sgmnto AB è stato diviso i tr parti sono stat prs du) Una frazion è scritta

Dettagli

Capitolo 1. L insieme dei numeri complessi Introduzione ai numeri complessi

Capitolo 1. L insieme dei numeri complessi Introduzione ai numeri complessi Capitolo 1 L insim di numri complssi 11 Introduzion ai numri complssi Dfinizion 111 Sia assgnata una coppia ordinata (a, b) di numri rali Si dfinisc numro complsso l sprssion z = a + ιb I numri a b sono

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Analisi dei Sistemi. Soluzione del compito del 26 Giugno ÿ(t) + (t 2 1)y(t) = 6u(t T ). 2 x1 (t) 0 1

Analisi dei Sistemi. Soluzione del compito del 26 Giugno ÿ(t) + (t 2 1)y(t) = 6u(t T ). 2 x1 (t) 0 1 Analisi di Sistmi Soluzion dl compito dl 26 Giugno 23 Esrcizio. Pr i du sistmi dscritti dai modlli sgunti, individuar l proprità strutturali ch li carattrizzano: linar o non linar, stazionario o tmpovariant,

Dettagli

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1.

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1. CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Spazi di probabilità, vnti smplici d vnti composti Indichiamo con S lo spazio dgli vnti. Esso è un insim, i cui lmnti sono dtti vnti. Nl lancio di un dado, lo

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le Pro. Frnando D Anglo. class 5DS. a.s. 007/008. Nll pagin sgunti trovrt una simulazion di sconda prova su cui lavorrmo dopo l vacanz di Pasqua. Pr mrcoldì 6/03/08 guardat il problma 4 i qusiti 1 8 9-10.

Dettagli

Modi dominanti. L evoluzione libera del sistema lineare. x(k + 1) = Ax(k) a partire dalla condizione iniziale x(0) = x 0 è:

Modi dominanti. L evoluzione libera del sistema lineare. x(k + 1) = Ax(k) a partire dalla condizione iniziale x(0) = x 0 è: Capitolo. INTRODUZIONE. L voluzion libra dl sistma linar Modi dominanti ẋ(t) = Ax(t), x(k + ) = Ax(k) a partir dalla condizion inizial x() = x è: x(t) = At x, x(k) = A k x Al tndr di t [di k all infinito,

Dettagli

Calcolo delle Probabilità e Statistica. Prova scritta del III appello - 7/6/2006

Calcolo delle Probabilità e Statistica. Prova scritta del III appello - 7/6/2006 Corso di Laura in Informatica - a.a. 25/6 Calcolo dll Probabilità Statistica Prova scritta dl III appllo - 7/6/26 Il candidato risolva i problmi proposti, motivando opportunamnt l propri rispost.. Sia

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Linee accoppiate. Corso di Componenti e Circuiti a Microonde. Ing. Francesco Catalfamo. 3 Ottobre 2006

Linee accoppiate. Corso di Componenti e Circuiti a Microonde. Ing. Francesco Catalfamo. 3 Ottobre 2006 orso di omponnti ircuiti a Microond Ing. Francsco atalamo 3 Ottobr 006 Indic Ond supriciali modi di ordin suprior Lin in microstriscia accoppiat Ond supriciali Un onda supricial è un modo guidato ch si

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

γ : y = 1 + 2t 1 + t 2 z = 1 + t t2

γ : y = 1 + 2t 1 + t 2 z = 1 + t t2 Politcnico di Milano Inggnria Industrial Analisi Gomtria Esrcizi sull curv. Si considri la curva x t + t : y 6 + 4t t t t R. z t t (a) Stabilir s la curva piana. (b) Stabilir s la curva smplic. (c) Stabilir

Dettagli

( ) ESERCIZI PROPOSTI. y x. cos x y. x y. c cos. xlog. x y. ctg 2. sin 1. x + 1. ctgx. c sin = + ( ) 1 = + ( ) ( )

( ) ESERCIZI PROPOSTI. y x. cos x y. x y. c cos. xlog. x y. ctg 2. sin 1. x + 1. ctgx. c sin = + ( ) 1 = + ( ) ( ) ESERCIZI PROPOSTI I) Dtrminar l intgral gnral dll sgunti quazioni diffrnziali linari dl primo ordin (fr..): ) ' ) ' ) ) ' os ' 5) ' 6) 7) tg ' ' 8) ' ( + log ) 9) ' ) ) log sin os [ log ] ' + ' sin ( +

Dettagli

POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI

POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI POTENZE NECESSARIE E DISPONIBILI In qusto capitolo ci proponiamo di dtrminar l curv dll potnz ncssari pr l vari condizioni di volo. Tali curv dipndranno da divrsi fattori com il pso dl vlivolo, la quota,

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI PROBLEMA SESSIONE ORDINARIA 0 CORSI SPERIMENTALI Sia ( x) ln ( x) ln x sia ( x) ln ( x) ln x.. Si dtrmino i domini di di.. Si disnino, nl mdsimo sistma di assi cartsiani ortoonali Oxy, i raici di di..

Dettagli

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico

Misurazione del valore medio di una tensione tramite l uso di un voltmetro numerico Misurazion dl valor mdio di una tnsion tramit l uso di un voltmtro numrico La zion si conduc slzionando la funzion dc dllo strumnto collgando i trminali dllo strumnto al gnrator sotto zion: tnndo conto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/5 Sssion straordinaria 2017 I043 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzi: LI02, EA02 SCIENTIFICO LI03 - SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE (Tsto valvol anch pr la corrispondnt

Dettagli

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali 2.2 L analisi di dati: valutazioni gnrali Di sguito (figur 7-) vngono riportat l informazioni più intrssanti rilvat analizzando globalmnt la banca dati dll tichtt raccolt. Considrando ch l tichtta nutrizional

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

Soluzione. Un punto generico ha coordinate ( x, y) Per cui. Le coordinate del centro sono allora

Soluzione. Un punto generico ha coordinate ( x, y) Per cui. Le coordinate del centro sono allora Sssion suppltiva LS_ORD 7 Soluzion di D Rosa Nicola Soluzion Un punto gnrico ha coordinat, pr cui si ha: PO PA Pr cui PO PA [ ] L coordinat dl cntro sono allora O,, è R. C, d il raggio, visto ch la circonfrnza

Dettagli

Coordinamento tra le protezioni della rete MT del Distributore e la protezione generale. degli Utenti MT.

Coordinamento tra le protezioni della rete MT del Distributore e la protezione generale. degli Utenti MT. Coordinamnto tra l protzioni dlla rt MT dl Distributor la protzion gnral 1. PREMESSA. dgli Utnti MT. ll rti di distribuzion a mdia tnsion (MT), l unico organo di manovra automatico è l intrruttor di lina

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace...

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace... Appunti di Controlli Automatici Capitolo - part I Traformata di aplac Introduzion ai gnali (cauali, rgolari, di ordin ponnzial)... Il gnal di Havyid... 3 Dfinizion di traformata di aplac... 3 PROPRIETÀ

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Quaderni del Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Parma. Ottobre 1996 n. 152

Quaderni del Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Parma. Ottobre 1996 n. 152 Quadrni dl Dipartimnto di Matmatica Univrsità dgli Studi di Parma Francsca Fiornzi GLI ALBERI SRADICATI BINARI COME CONCETTO ESSENZIALE PER LA DESCRIZIONE DEI MODELLI DI EAB Ottobr 1996 n. 152 1 2 Francsca

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Problema 3: CAPACITA ELETTRICA E CONDENSATORI

Problema 3: CAPACITA ELETTRICA E CONDENSATORI Problma 3: CAPACITA ELETTRICA E CONDENSATORI Prmssa Il problma composto da qusiti di carattr torico da una succssiva part applicativa costituisc un validissimo smpio di quilibrio tra l divrs signz ch convrgono

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA Le curve di probabilità pluviometrica esprimono la relazione fra le altezze di precipitazione h e la loro durata

CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA Le curve di probabilità pluviometrica esprimono la relazione fra le altezze di precipitazione h e la loro durata CURVE DI PROBABILITÀ PLUVIOMETRICA L curv di probabilità pluviomtrica sprimono la rlazion fra l altzz di prcipitazion h la loro durata t, pr un assgnato valor dl priodo di ritorno T. Tal rlazion vin spsso

Dettagli

Franco Ferraris Marco Parvis Generalità sulle Misure di Grandezze Fisiche. Testi consigliati

Franco Ferraris Marco Parvis Generalità sulle Misure di Grandezze Fisiche. Testi consigliati Gnralità sull Misur di Grandzz Fisich - Misurazioni dirtt 1 Tsti consigliati Norma UNI 4546 - Misur Misurazioni; trmini dfinizioni fondamntali - Milano - 1984 Norma UNI-I 9 - Guida all sprssion dll incrtzza

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Aspettative, produzione e politica economica

Aspettative, produzione e politica economica Lzion 18 (BAG cap. 17) Aspttativ, produzion politica conomica Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia 2 1 L aspttativ la curva IS Dividiamo il tmpo in du priodi: 1. un priodo corrnt

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

Errore standard di misurazione. Calcolare l intervallo del punteggio vero

Errore standard di misurazione. Calcolare l intervallo del punteggio vero Error sandard di misurazion Calcolar l inrvallo dl punggio vro Problmi di prcision La prsnza noa dll rror di misura rnd incro il significao dl punggio onuo. L andibilià dl s ci informa di quano rror di

Dettagli

Calcolo di integrali. max. min. Laboratorio di Calcolo B 42

Calcolo di integrali. max. min. Laboratorio di Calcolo B 42 Calcolo di intgrali Supponiamo di dovr calcolar l intgral di una funzion in un intrvallo limitato [ min, ma ], di conoscr il massimo d il minimo dlla funzion in tal intrvallo. S gnriamo n punti uniformmnt

Dettagli

UTILIZZO TASTI E FUNZIONI

UTILIZZO TASTI E FUNZIONI wb Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil wb è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado di

Dettagli

0.06 100 + (100 100)/4 (100 + 2 100)/3

0.06 100 + (100 100)/4 (100 + 2 100)/3 A. Prtti Svolgimnto di tmi d sam di MDEF A.A. 5/ PROVA CONCLUSIVA DI MATEMATICA pr l DECISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Vicnza, 5// ESERCIZIO. Trovar una prima approssimazion dl tasso di rndimnto a scadnza

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

Per tutte le condizioni economiche e contrattuali dei prodotti si rimanda al relativo Foglio Informativo

Per tutte le condizioni economiche e contrattuali dei prodotti si rimanda al relativo Foglio Informativo Foglio Comparativo sull tipologi mutuo ipotcario/fonario pr l acquisto dll abitazion principal (sposizioni trasparnza ai snsi dll art. 2 comma 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Pr tutt l conzioni conomich contrattuali

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 Laboratorio di Didattica Musal a cura dl dll Associazion Cultural RArt La musica di Orfo ATTIVITÀ: Visita guidata laboratorio didattico. FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da dfinir in bas alla

Dettagli

INDICE 1. 1 Triangolazione di matrici Teorema di Cayley-Hamilton Matrici nilpotenti Forma canonica delle matrici 3 3.

INDICE 1. 1 Triangolazione di matrici Teorema di Cayley-Hamilton Matrici nilpotenti Forma canonica delle matrici 3 3. INDICE Torma di Cayly-Hamilton, forma canonica triangolazioni. Vrsion dl Maggio Argomnti sclti sulla triangolazion di matrici, il torma di Cayly-Hamilton sulla forma canonica dll matrici 3 3 pr i corsi

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Numeri complessi - svolgimento degli esercizi

Numeri complessi - svolgimento degli esercizi Numri complssi - svolgimnto dgli srcizi ) Qusto srcizio richid di calcolar la potnza n-sima (n 45) di un numro complsso. Scriviamo z nlla forma sponnzial z ρ iθ dov ) ( ) ρ ( + θ π 6 dato ch sin θ cos

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli