Bruxelles, 24 settembre 2002 $OOLQGRPDQLGHJOLDWWDFFKLWHUURULVWLFLGHOOVHWWHPEUHQHJOL6WDWL8QLWL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bruxelles, 24 settembre 2002 $OOLQGRPDQLGHJOLDWWDFFKLWHUURULVWLFLGHOOVHWWHPEUHQHJOL6WDWL8QLWL"

Transcript

1 ,3 Bruxelles, 24 settembre UDVSRUWL DHUHL H DVVLFXUD]LRQH GRSR L IDWWL GHOOVHWWHPEUHOD &RPPLVVLRQHHXURSHD SURSRQH UHTXLVLWL DVVLFXUDWLYL PLQLPL SHU WXWWL L YHWWRUL DHUHL FKHRSHUDQRLQ(XURSD $OOLQGRPDQLGHJOLDWWDFFKLWHUURULVWLFLGHOOVHWWHPEUHQHJOL6WDWL8QLWL LYHWWRULDHUHLVLVRQRLPSURYYLVDPHQWHWURYDWLVHQ]DFRSHUWXUDDVVLFXUDWLYDH L JRYHUQL QD]LRQDOL KDQQR GRYXWR UDSLGDPHQWH LQWHUYHQLUH SHU DVVXPHUH OLQVROLWRUXRORGLDVVLFXUDWRUL3HUIDFLOLWDUHLOUDSLGRULWRUQRDVDQHFRQGL]LRQL GL PHUFDWR H ULSULVWLQDUH OD ILGXFLD QHL VHWWRUL GHOOH DVVLFXUD]LRQL H GHO WUDVSRUWR DHUHR OD &RPPLVVLRQH KD SUHVHQWDWR LQ GDWD RGLHUQD XQD SURSRVWDGLUHJRODPHQWRFKHLVWLWXLVFHUHTXLVLWLDVVLFXUDWLYLPLQLPLSHUWXWWLL YHWWRUL H JOL HVHUFHQWL GL DHURQDYL FKH HIIHWWXDQR YROL D GHVWLQD]LRQH H LQ SURYHQLHQ]D GHOO8QLRQH HXURSHD R FKH VRUYRODQR LO VXR WHUULWRULR *UD]LH D TXHVWD SURSRVWD OD QRUPDWLYD FRPXQLWDULD VL DUULFFKLVFH GL XQD VHULH GL LPSRUWDQWL GLVSRVL]LRQL JLj SUHVHQWL LQ YDUL VWUXPHQWL LQWHUQD]LRQDOL FKH DUPRQL]]DQRODGLVFLSOLQDRJJLYLJHQWHQHOWHUULWRULRGHOO8(HUHQGRQRODVXD RVVHUYDQ]D REEOLJDWRULD SHU WXWWL L YHWWRUL DHUHL FKH RSHUDQR LQ (XURSD 8Q DOWURREELHWWLYRGHOSURYYHGLPHQWRqTXHOORGLPLJOLRUDUHOHQRUPHLQWHPDGL UHVSRQVDELOLWj FLYLOH,Q XQD FRPXQLFD]LRQH DOOHJDWD DOOD SURSRVWD OD &RPPLVVLRQH HXURSHD KD SUHVHQWDWR DQFKH OH JUDQGL OLQHH GL XQ IRQGR PXWXDOLVWLFR SURVSHWWDQGR DQFKH OD GHFLVLRQH GL QRQ FRQVHQWLUH FKH OH JDUDQ]LH DWWXDOPHQWH SUHVWDWH GDJOL 6WDWL UHVWLQR LQ YLJRUH DO GL Oj GHO RWWREUH /D 9LFHSUHVLGHQWH GHOOD &RPPLVVLRQH /R\RODGH3DODFLR UHVSRQVDELOH GHO SRUWDIRJOLR 7UDVSRUWL HG (QHUJLD KD DIIHUPDWR DO ULJXDUGR 'LWXWWLLVHWWRULGHOOHFRQRPLDLOWUDVSRUWRDHUHRqTXHOORFKHqVWDWRFROSLWR SL GXUDPHQWH GDJOL DWWHQWDWL GHOOVHWWHPEUH q SUHFLVR LQWHQWR GHOOD &RPPLVVLRQH SRUUH ILQH DOOH GLIILFROWj LQ FXL VL GLEDWWRQR JOL RSHUDWRUL GHO VHWWRUH SUHGLVSRQHQGR XQDGHJXDWD FRSHUWXUD DVVLFXUDWLYD Ê QRVWUR GRYHUH LQVWDXUDUH OD SDULWj GL FRQGL]LRQL WUD WXWWL L YHWWRUL FKH RSHUDQR QHOOR VSD]LR DHUHR GHOO8( QRQ VROR DO OLYHOOR GL DYLROLQHH HXURSHH QHO PHUFDWR OLEHUDOL]]DWRPDDQFKHQHLFRQIURQWLGHLYDULFRQFRUUHQWLDOLYHOORPRQGLDOH /DVLJQRUDGH3DODFLRKDDJJLXQWRFKHSHUDIIURQWDUHTXHVWHQXRYHPLQDFFH OD &RPXQLWj GRYUj LQ SDUL WHPSR DJHYRODUH LO ULWRUQR GHOOH DVVLFXUD]LRQL SULYDWH VXO PHUFDWR H GDUH XQ FRQWULEXWR GL ULIOHVVLRQH DL YDUL OLYHOOL FKLHGHQGRODFUHD]LRQHGLVWUXPHQWLDOWHUQDWLYLDQFKHVXOSLDQRPXWXDOLVWLFR LQSDUWLFRODUHLQWXWWLLFDVLLQFXLLOVHWWRUHSULYDWRUHYRFKLLPSURYYLVDPHQWH WXWWHOHSULQFLSDOLJDUDQ]LH

2 A seguito degli attacchi terroristici negli Stati Uniti del settembre dell anno scorso le compagnie di assicurazione private coprono i rischi della responsabilità civile dovuti ad incidenti nell'aviazione fino a un massimo di 50 milioni di euro. Al di sopra di tale ammontare è sempre possibile sottoscrivere un'assicurazione, ma sono poche le compagnie che la prestano e le condizioni contrattuali per i vettori aerei sono nettamente meno favorevoli di quelle precedenti l'11 settembre. La situazione che si è venuta a determinare così inaspettatamente ha spinto la Commissione europea ad autorizzare, ai sensi dell'articolo 87 (circostanze eccezionali), paragrafo 2, lettera b) del trattato, i regimi nazionali di garanzia. La crisi che ha investito il settore ha messo anche in luce la mancanza di armonizzazione nell'applicazione delle convenzioni internazionali e la necessità di una chiara disciplina in tema di condizioni assicurative e di livelli minimi assicurabili che i vettori comunitari ed extracomunitari devono osservare costantemente in relazione alla loro responsabilità verso i passeggeri, i bagagli, le merci e la posta trasportata e i terzi. In data odierna la Commissione europea ha affrontato questi due problemi proponendo un regolamento sui requisiti assicurativi per i vettori aerei e gli esercenti di aeromobili e presentando le proprie considerazioni sull'evoluzione delle assicurazioni nel settore del trasporto aereo, accompagnate da una serie di considerazioni sui fondi mutualistici. 5HTXLVLWLDVVLFXUDWLYLSHULYHWWRULDHUHLHJOLHVHUFHQWLGLDHURPRELOL La proposta di regolamento istituisce una chiara disciplina per i vettori aerei e gli esercenti di aeromobili comunitari e non comunitari che effettuano voli a destinazione o in provenienza della Comunità e garantisce l'applicazione trasparente, non discriminatoria ed armonizzata di requisiti assicurativi minimi. Vengono quindi instaurate regole unitarie e a parità di condizioni per tutti i vettori e gli esercenti di aeromobili - indipendentemente cioè dalla loro nazionalità - poiché il provvedimento istituisce requisiti assicurativi minimi per tutti i tipi di responsabilità (passeggeri, bagaglio, merci e posta trasportate e terzi). Il regolamento ribadisce l'obbligo generale per tutti i vettori comunitari di essere muniti di una copertura assicurativa e stabilisce alcuni livelli di copertura minimi ricalcati sulla prassi in vigore a livello europeo (Conferenza europea dell'aviazione civile - ECAC) e contenute dalle convenzioni internazionali pertinenti. 2

3 I punti qualificanti della proposta sono i seguenti: - Responsabilità per i passeggeri ed il bagaglio: tutti i vettori aerei hanno l'obbligo di munirsi di una copertura assicurativa in relazione alla responsabilità per morte, ferite od altre lesioni personali subite da un passeggero, fino a concorrenza di un importo minimo di DSP per passeggero. Questa assicurazione copre anche i danni subiti in caso di distruzione, perdita o danneggiamento del bagaglio registrato del passeggero. - Assicurazione delle merci trasportate: vettori aerei ed esercenti di aeromobili dovranno essere assicurati in modo da coprire la loro responsabilità per il caso di distruzione, perdita o danneggiamento delle merci trasportate almeno nella misura di 17 DSP per kg, sempre che i danni si siano prodotti durante il volo. - Assicurazione della posta trasportata: gli Stati membri devono fissare i requisiti assicurativi minimi per il trasporto di merci ad opera dei vettori o degli esercenti di automobili senza discriminazioni basate sulla nazionalità o sull'identità di tali soggetti. - Assicurazione dei danni ai terzi: prima d'ora non esistevano norme comunitarie che definissero il fondamento di questa responsabilità. L'unico strumento internazionale è la vecchia convenzione di Roma del 1933 (modificata nel 1952 e nel 1978) che si basa sul principio della responsabilità oggettiva del vettore per i danni sopravvenuti sulla superficie, senza però considerare quelli dovuti a conflitti armati o ad atti di terrorismo. Inoltre, non tutti gli Stati membri hanno firmato questa convenzione o l'hanno ratificata. Il regolamento proposto dispone che tutti i vettori e gli esercenti di aeromobili che effettuano voli a destinazione o in provenienza dell'unione europea o che ne sorvolano il territorio siano provvisti di copertura assicurativa e forniscano comunque la prova che osservano in ogni momento i requisiti assicurativi minimi in relazione ai danni subiti da terzi in caso di incidenti anche in conseguenza di conflitti armati ed atti di terrorismi (cfr. allegato). Inoltre gli Stati membri dovranno procedere ad ispezioni periodiche per verificare che il regolamento sia osservato dai vettori che utilizzano gli aeroporti situati sul territorio nazionale o che i vettori o gli esercenti di aeromobili soggetti alla loro giurisdizione (quelli cioè ai quali hanno rilasciato una licenza di esercizio - vettori aerei - o un certificato di esercente). Se le disposizioni del regolamento non risultano rispettate, gli Stati membri possono negare l'accesso alle rotte in provenienza o a destinazione dell'ue, rifiutare il diritto di sorvolo del loro territorio, o vietare il decollo all'aeromobile. I vettori aerei e gli esercenti di aeromobili registrati in un paese terzo devono fornire - in alternativa ai requisiti assicurativi - garanzie di altro tipo quali un deposito in contanti nel paese di origine o una fideiussione rilasciata da una banca a ciò autorizzata dal paese di immatricolazione dell'aereo, nell'osservanza di rigorose modalità che garantiscono l'effettivo risarcimento dei danni in caso di necessità. Diritti speciali di prelievo: come definiti dal Fondo monetario internazionale nel 1969; si tratta di uno strumento internazionale di riserva destinato ad integrare le riserve ufficiali dei membri (riserve auree, divise e posizioni di riserva nel Fondo monetario internazionale). Un DSP corrisponde a 0, euro e un euro a 1, DSP. Al luglio 2002 la situazione era la seguente: Stati membri firmatari della convenzione: Belgio, Danimarca, Francia, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Regno Unito. Stati che hanno ratificato la convenzione: Belgio, Italia, Lussemburgo e Spagna. 3

4 /RS]LRQHGHOIRQGRPXWXDOLVWLFR Oltre al progetto di regolamento, la Commissione europea ha presentato una panoramica della situazione che è venuta a crearsi sul mercato assicurativo e sulle varie soluzioni alternative che si prospettano. Dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre, l'organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO) e le organizzazioni esponenziali del settore del trasporto aereo degli USA quanto e dell'ue si sono messe al lavoro per individuare i meccanismi mutualistici che potrebbero fornire una soluzione al problema della responsabilità civile per i rischi di guerra e di terrorismo a condizioni meno onerose. Dopo aver seguito attentamente l'introduzione delle garanzie da parte degli Stati membri per assicurare la copertura assicurativa dei vettori aerei, come l'evoluzione in atto sul mercato delle assicurazioni del traffico aereo, la Commissione europea ha studiato le proposte, avanzate dal settore, di creare un fondo mutualistico a livello europeo (EUROTIME) e a livello internazionale (GLOBAL TIME) sotto gli auspici dell'icao. Il 2 luglio 2002 essa aveva già data una prima cauta risposta positiva alla idea di creare un regime mutualistico a livello mondiale (ICAO), a condizione però che vi fossero garanzie sufficienti ad assicurare che il mercato assicurativo non subisse indebite restrizioni, che l'esposizione dello Stato venisse limitata quanto più possibile, che venisse delineata una precisa strategia e che al regime partecipassero i principali Stati membri dell'icao. In relazione all'istituzione dei fondi mutualistici la Commissione europea mantiene la propria posizione, con preferenza per una soluzione a livello internazionale ma riconoscendo che, in caso di necessità, può prospettarsi la possibilità di istituire un fondo europeo analogo a quello previsto dall'industria americana La Commissione europea ritiene che la eventuale creazione di un fondo mutualistico a livello internazionale consenta ai vettori aerei e agli esercenti di aeromobili, compresi quelli dei paesi terzi, di procurarsi, a costi ragionevoli, una copertura assicurativa che possa aiutarli a rispettare i requisiti di cui alla proposta di regolamento. Va inoltre rilevato che l'attuale situazione sul mercato assicurativo europeo non risulta che stia risentendo, con la stessa intensità di un anno fa, delle ripercussioni degli eventi dell'11 settembre Si rileva infatti che sono sempre di più numerosi i vettori aerei, gli aeroporti e i prestatori di servizi che riescono a procurarsi, sul mercato, la prescritta copertura assicurativa, a condizioni ragionevoli; da tutto ciò si ricava la conclusione che il settore del trasporto aereo sta tornando ad una situazione accettabile per quanto riguarda le assicurazioni. Alcuni Stati membri hanno già revocato le garanzie che avevano prestato (Lussemburgo, Svezia e Danimarca) altri ne hanno già limitato l'efficacia fino alla fine del mese di settembre (Irlanda, Grecia, Paesi Bassi, Austria, Finlandia, Regno Unito). Tutto ciò ha indotto alcuni Stati membri a rivedere significativamente i montanti e i premi previsti dai loro rispettivi regimi. In conseguenza di ciò, la Commissione suggerisce di non prorogare la validità delle garanzie di Stato oltre il limite del 31 ottobre Si veda la comunicazione della Commissione europea del 2 luglio in appoggio alle iniziative, prese dagli operatori del settore, di mutualizzare i rischi in caso di terrorismo e conflitti armati (IP/02/977). 4

5 Tuttavia, la Commissione europea continuerà a vigilare con attenzione sull'evoluzione della situazione delle garanzie assicurative instaurate in vari Stati terzi, con particolare riferimento al Giappone ed agli Stati Uniti, che potrebbero fornire un forte vantaggio competitivo alle compagnie aeree di questi paesi rispetto alle società di navigazione europee. Questi ultimi sviluppi e le varie opzioni prospettabili in relazione alla costituzione di un fondo mutualistico saranno oggetto di una approfondita in seno al prossimo Consiglio "Trasporti", che si svolgerà a Lussemburgo il 3 ottobre

6 $//(*$72 /$6,78$=,21($778$/((/$1829$5(*2/$0(17$=,21( 'HILQL]LRQL DSP - diritti speciali di prelievo, quali definiti dal FMI nel 1969; si tratta di uno strumento di riserva internazionale destinato ad integrare le posizioni di riserva ufficiali dei membri (posizione aurea, valuta estera e posizioni di riserva presso l'fmi). Il rapporto di cambio DSP-Euro è pari a 0,747385; quello Euro-DSP a 1, MTOW (Maximum Take Off Weight - peso massimo al decollo): corrisponde a un valore specifico per ciascun tipo di aeromobile, riportato nel suo certificato di navigabilità. 3DQRUDPLFD Responsabilità per i passeggeri: 6LWXD]LRQHDWWXDOH Convenzione di Montreal: - Assicurazione minima: SDP, per la responsabilità oggettiva. 3URSRVWDGHOOD &RPPLVVLRQH Assicurazione minima richiesta: DSP Responsabilità in relazione al bagaglio: Responsabilità per le merci trasportate: Posta: - Non esiste un limite massimo per la responsabilità. Convenzione di Varsavia: Responsabilità illimitata in base alla presunzione di responsabilità del vettore per la morte o le lesioni; (presunzione superabile, con conseguente limitazione della responsabilità, tranne eccezioni: p.e. dolo). Non esiste un limite massimo alla responsabilità. Limiti identici a quelli valevoli per i passeggeri, sempre che si tratti di bagaglio registrato in custodia del vettore, e che non presenti vizi propri. Convenzione di Montreal: Limitazioni alla responsabilità del vettore aereo, soprattutto in caso di atti di guerra o conflitti armati. I requisiti assicurativi minimi proposti dalla Commissione corrispondono agli importi attualmente contemplati dalla Convenzione. Convenzione di Varsavia: regime di responsabilità illimitata con alcune eccezioni (negligenza, colpa e dolo). Convenzione di Montreal e Convenzione di Varsavia: La posta è esclusa L'assicurazione minima dovrà essere fissata dalle amministrazioni nazionali tenendo conto della legislazione nazionale in materia di trasporto della posta. Idem Coperta dalla responsabilità per i passeggeri Assicurazione minima: DSP per tonnellata (17 DSP per kg) Il regolamento propone di imporre il regime della responsabilità oggettiva per le merci trasportate L'assicurazione minima dovrà essere fissata dalle amministrazioni nazionali tenendo conto della legislazione nazionale in materia di trasporto della posta. 6

7 5HVSRQVDELOLWjYHUVRLWHU]L D6LWXD]LRQHDWWXDOH - Convenzione di Roma - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP +175 DSP/kg - aeronavi con MTOW compresa tra e : DSP + 62,5 DSP/kg - aeronavi con MTOW superiori a kg : DSP + 65 DSP per kg. Solo quattro Stati membri sono attualmente parti di questa Convenzione (IT, LUX, BEL e ESP). I principali partner commerciali dell UE non sono parti della Convenzione (USA e Giappone non l hanno mai firmata) mentre l Australia e il Canada l hanno denunciata. La maggior parte dei paesi impongono requisiti superiori o addirittura vedono la responsabilità illimitata del vettore aereo. Pertanto, i requisiti assicurativi minimi proposti dal regolamento non risultano violare alcun obbligo internazionale contratto dagli Stati membri o da paesi terzi. - Requisiti dell'ecac (Conferenza europea dell'aviazione civile) (risoluzione 25/1): - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP - aeronavi con MTOW inferiori a kg: DSP - aeronavi con MTOW superiori a kg: DSP E3URSRVWDGHOOD&RPPLVVLRQHHXURSHD Categoria 1:aeronavi con MTOW inferiori a kg: 80 milioni DSP Categoria 2:aeronavi con MTOW inferiori a kg: 270 milioni DSP Categoria 3:aeronavi con MTOW inferiori a kg: 400 milioni DSP Categoria 4:aeronavi con MTOW superiori a kg: 600 milioni DSP I suddetti requisiti corrispondono ai premi assicurativi attualmente richiesti per l'affitto di aeromobili. 7

legislazione comunitaria di diritto della navigazione e dei trasporti

legislazione comunitaria di diritto della navigazione e dei trasporti legislazione comunitaria di diritto della navigazione e dei trasporti Regolamento (CE) n. 785/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, relativo ai requisiti assicurativi applicabili

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 30.4.2004 L 138/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 785/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 aprile 2004 relativo ai requisiti assicurativi

Dettagli

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD

3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3URFXUHPHQW7UDLQLQJ3URJUDP $QDOLVL(FRQRPLFDGHL0HUFDWL $UHDHFRQRPLFD 3HUFKp IRUPDUVLVXO3URFXUHPHQW", VLVWHPL GL 3URFXUHPHQW VWDQQR VXEHQGR SURIRQGH PRGLILFD]LRQL QHOOD 3XEEOLFD $PPLQLVWUD]LRQH DOOD OXFH

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3<

SETTIMA LEGISLATURA ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 7(67281,),&$72'(,352*(77,',/(**(11± ',6326,=,21,68//(7(5$3,(&203/(0(17$5,7(5$3,$'(/6255,62( 3(77+(5$3< 7(672/,&(1=,$72'$//$9 &200,66,21(1(//$6('87$'(// 8/11/2004

Dettagli

352%/(0,&21/()5$=,21,

352%/(0,&21/()5$=,21, %/(0,&1/()$=,1, UREOHPLGLUHWWL,&(&$'(//$$7()$=,1$,$',81180(,OQRQQRGL/XLVDKDLQFDQWLQDWUD ELDQFR H URVVR OLWUL GL YLQR, VRQRGLYLQRURVVR4XDQWLOLWUL GL YLQR URVVR KD LO QRQQR" 4XDQWL VRQRLOLWULGLYLQRELDQFR",O

Dettagli

5DFFRPDQGD]LRQH VXOOH OLQHH DIILWWDWH OD &RPPLVVLRQH VFHQGH LQ FDPSR SHU ULGXUUH L FRVWL GHOOHFRPXQLFD]LRQLLQ(XURSD

5DFFRPDQGD]LRQH VXOOH OLQHH DIILWWDWH OD &RPPLVVLRQH VFHQGH LQ FDPSR SHU ULGXUUH L FRVWL GHOOHFRPXQLFD]LRQLLQ(XURSD ,3 Bruxelles, 24 Novembre 1999 5DFFRPDQGD]LRQH VXOOH OLQHH DIILWWDWH OD &RPPLVVLRQH VFHQGH LQ FDPSR SHU ULGXUUH L FRVWL GHOOHFRPXQLFD]LRQLLQ(XURSD /D &RPPLVVLRQH HXURSHD KD DGRWWDWR XQD UDFFRPDQGD]LRQH

Dettagli

$FFLVH OD &RPPLVVLRQH SURSRQH ODUPRQL]]D]LRQH GHOOH LPSRVWH VXO JDVROLR XWLOL]]DWR SHU ILQL SURIHVVLRQDOL

$FFLVH OD &RPPLVVLRQH SURSRQH ODUPRQL]]D]LRQH GHOOH LPSRVWH VXO JDVROLR XWLOL]]DWR SHU ILQL SURIHVVLRQDOL ,3 Bruxelles, 24 luglio 2002 $FFLVH OD &RPPLVVLRQH SURSRQH ODUPRQL]]D]LRQH GHOOH LPSRVWH VXO JDVROLR XWLOL]]DWR SHU ILQL SURIHVVLRQDOL $LILQLGLXQDPLJOLRUHSURWH]LRQHDPELHQWDOHHSHUHOLPLQDUHLJUDYLSUREOHPL

Dettagli

/H GLIIHUHQ]H GHL SUH]]L GHOOH DXWRPRELOL QHOO8QLRQH HXURSHDULPDQJRQRHOHYDWHVRSUDWWXWWRQHLVHJPHQWL GLPDVVD

/H GLIIHUHQ]H GHL SUH]]L GHOOH DXWRPRELOL QHOO8QLRQH HXURSHDULPDQJRQRHOHYDWHVRSUDWWXWWRQHLVHJPHQWL GLPDVVD ,3 Bruxelles, 25 febbraio 2002 /H GLIIHUHQ]H GHL SUH]]L GHOOH DXWRPRELOL QHOO8QLRQH HXURSHDULPDQJRQRHOHYDWHVRSUDWWXWWRQHLVHJPHQWL GLPDVVD 1HOOD VXD XOWLPD UHOD]LRQH VXL SUH]]L GHOOH DXWRPRELOL OD &RPPLVVLRQH

Dettagli

/HJLVOD]LRQH LQ PDWHULD GL ULILXWL OD &RPPLVVLRQH DSUHSURFHGLPHQWLQHLFRQIURQWLGLQRYH6WDWLPHPEUL

/HJLVOD]LRQH LQ PDWHULD GL ULILXWL OD &RPPLVVLRQH DSUHSURFHGLPHQWLQHLFRQIURQWLGLQRYH6WDWLPHPEUL ,3 Bruxelles, 19 dicembre 2002 /HJLVOD]LRQH LQ PDWHULD GL ULILXWL OD &RPPLVVLRQH DSUHSURFHGLPHQWLQHLFRQIURQWLGLQRYH6WDWLPHPEUL /D &RPPLVVLRQH HXURSHD LQWHUYLHQH D SURWH]LRQH GHOO DPELHQWH LQ (XURSD DYYLDQGR

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 352*(772',/(**(1 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Braghetto e Scaravelli 1250( 5(*,21$/,,1 0$7(5,$ ', ³3(7 7+(5$3< 2 7(5$3,$ $66,67,7$'$*/,$1,0$/,

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO Pirelli & C. - Società per Azioni - Sede legale in Milano - Via Gaetano Negri n. 10 Capitale Sociale Euro 339.422.773,56 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice fiscale n. 00860340157

Dettagli

IL PARLAMENTO EUROPEO ED IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

IL PARLAMENTO EUROPEO ED IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, REGOLAMENTO (CE)N.889/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 maggio 2002 che modifica il regolamento (CE)n.2027/97 sulla responsabilità del vettore aereo in caso di incidenti (Testo rilevante

Dettagli

Immagini dei prodotti Beghelli nelle loro diverse applicazioni: illuminazione d emergenza e linea commerciale (Salvalavista Computer).

Immagini dei prodotti Beghelli nelle loro diverse applicazioni: illuminazione d emergenza e linea commerciale (Salvalavista Computer). %(*(//, ),/0$72,67,78=,21$/(3(5/$4827$=,21(,1%256$ $8',2 9,'(2 5LFHUFD LQQRYD]LRQH FRPXQLFD]LRQHLSULQFLSDOL Formazione marchio Beghelli in grafica 3D. IDWWRUL GHO VXFFHVVR GHO *UXSSR %HJKHOOL OHDGHU LWDOLDQRQHOVHWWRUHGHOO

Dettagli

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH

FRQWUDHQWH LO SRWHUH GL FRQFOXGHUH FRQWUDWWL LQ QRPH GHOO LPSUHVD VL SXz FRQVLGHUDUH 3,$1,),&$=,21(),6&$/(352%/(0$7,&+(&21&(51(17,/,62/$ ',0$/7$ 6&(/7$'(/3$(6( In relazione alle problematiche per l implementazione della sua attività estera con specifico riferimento al traffico con la Cina

Dettagli

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni.

Art. 24. Gare informatiche e supporto ai programmi informatici delle pubbliche amministrazioni. /Q Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi - Legge di semplificazione 1999. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 novembre 2000, n. 275. Art. 24. Gare

Dettagli

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Padrin, Sernagiotto, Bazzoni, Trento, Miotto, Cerioni, Rossi, Fiorin e Rizzato

SETTIMA LEGISLATURA. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Padrin, Sernagiotto, Bazzoni, Trento, Miotto, Cerioni, Rossi, Fiorin e Rizzato &216,*/,25(*,21$/('(/9(1(72 SETTIMA LEGISLATURA 352*(772',/(**(1 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei Consiglieri Padrin, Sernagiotto, Bazzoni, Trento, Miotto, Cerioni, Rossi, Fiorin e Rizzato 7(672/,&(1=,$72'$//$9&200,66,21(

Dettagli

Trasporto aereo di persone

Trasporto aereo di persone Trasporto aereo di persone ART. 1678 c.c. delinea la figura generale valida per qualsiasi tipo di trasporto ART. 940 cod. nav.. DISCIPLINA IL SOTTOTIPO Contratto di trasporto di persone per via aerea e

Dettagli

*OLRUJDQLVPLSHUO $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]LVRQRDUWLFRODWL LQ

*OLRUJDQLVPLSHUO $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]LVRQRDUWLFRODWL LQ %75$6325720(5&, / $OERGHJOLDXWRWUDVSRUWDWRULGLFRVHSHUFRQWRGLWHU]Lq a) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi b) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato l esame

Dettagli

,QFHQWLYLDOOH30,SHUODVLFXUH]]D

,QFHQWLYLDOOH30,SHUODVLFXUH]]D &$0(5$',&200(5&,2,1'8675,$$57,*,$1$72$*5,&2/785$ 9(521$,QFHQWLYLDOOH30,SHUODVLFXUH]]D $QQR 5(*2/$0(172 $57,&2/20,685$'(/&2175,%872 La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Verona destina

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.8.2009 COM(2009) 412 definitivo 2009/0115 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la conclusione dell'accordo tra la Comunità europea

Dettagli

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO

3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 81,1'8675,$± 5RDGVKRZ³1RYLWjILVFDOL 5RPDJHQQDLR 'RWWVVD0RQLFD9DOHQWLQR ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW 3ULQFLSDOL

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE. Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC

LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE. Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC B ANCA C ENTRALE E UROPEA LA POLITICA MONETARIA UNICA NELLA TERZA FASE Caratteristiche generali degli strumenti e delle procedure di politica monetaria del SEBC Settembre 1998 . Banca Centrale Europea,

Dettagli

LA NUOVA CIRCOLARE ENAC SUI REQUISITI ASSICURATIVI APPLICABILI AI VETTORI AEREI E AGLI ESERCENTI DI AEROMOBILI E RELATIVO REGIME SANZIONATORIO

LA NUOVA CIRCOLARE ENAC SUI REQUISITI ASSICURATIVI APPLICABILI AI VETTORI AEREI E AGLI ESERCENTI DI AEROMOBILI E RELATIVO REGIME SANZIONATORIO LA NUOVA CIRCOLARE ENAC SUI REQUISITI ASSICURATIVI APPLICABILI AI VETTORI AEREI E AGLI ESERCENTI DI AEROMOBILI E RELATIVO REGIME SANZIONATORIO Francesco Gaspari * SOMMARIO: 1. La normativa comunitaria

Dettagli

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa

software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa =(52JLV$8*86786 software cartografico per la pianificazione di emergenza e la gestione della Sala Operativa Zerobyte Sistemi Srl Via Chimenti, 1 50142 Firenze www.zerobyte.it Tel. 055 707451 / 055 708161

Dettagli

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL

/DSURGX]LRQHFRPSOHVVLYDGLULILXWLVROLGLXUEDQL */,2%,(77,9,,&217(187,(/()$6,',/$9252 6L ULDVVXPRQR TXL GL VHJXLWR OH IDVL VHJXLWH SHU OR VYLOXSSR GHO VXSSRUWR WHFQLFR VFLHQWLILFRSHUODUHGD]LRQHGHO3LDQR3URYLQFLDOHSHUOHUDFFROWHGLIIHUHQ]LDWHGHLULILXWL,OODYRURVLqDUWLFRODWRSULQFLSDOPHQWHLQWUHIDVLHSUHFLVDPHQWH

Dettagli

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005)

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Ordinanza sul trasporto aereo (OTrA) 748.411 del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 6a e 75 della legge federale del 21 dicembre 1948 1 sulla navigazione

Dettagli

/D &RPPLVVLRQH SURFHGH QHL FRQIURQWL GL VHL 6WDWL PHPEULLQPHULWRDOOHGLUHWWLYHVXJOLXFFHOOLVHOYDWLFLH VXJOLKDELWDW

/D &RPPLVVLRQH SURFHGH QHL FRQIURQWL GL VHL 6WDWL PHPEULLQPHULWRDOOHGLUHWWLYHVXJOLXFFHOOLVHOYDWLFLH VXJOLKDELWDW ,3 Bruxelles, 19 dicembre 2002 /D &RPPLVVLRQH SURFHGH QHL FRQIURQWL GL VHL 6WDWL PHPEULLQPHULWRDOOHGLUHWWLYHVXJOLXFFHOOLVHOYDWLFLH VXJOLKDELWDW 1HO TXDGUR GL XQD VHULH GL GHFLVLRQL LQ SURFHGLPHQWL GL LQIUD]LRQH

Dettagli

3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141)

3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141) 0(02 Bruxelles, 11 ottobre 2000 3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141) /DSURSRVWDGLGLUHWWLYDLPSRQHDJOL6WDWLPHPEULGLRUJDQL]]DUHLOORUR VLVWHPDSHQVLRQLVWLFRLQXQFHUWRPRGR"

Dettagli

Lettura Trasporto aereo: normative internazionali

Lettura Trasporto aereo: normative internazionali Trasporto aereo: normative internazionali La Convenzione di Varsavia Ratificata e resa esecutiva in Italia con la legge 19 maggio 1932 n. 841, la convenzione: 1. regola in particolare la responsabilità

Dettagli

,OUDFFRUGRWUDELODQFLRHGLFKLDUD]LRQHGHLUHGGLWL± /HLPSRVWHDQWLFLSDWHHGLIIHULWH

,OUDFFRUGRWUDELODQFLRHGLFKLDUD]LRQHGHLUHGGLWL± /HLPSRVWHDQWLFLSDWHHGLIIHULWH Università degli Studi di Verona Corso di Perfezionamento per la preparazione alla professione di Dottore commercialista e alla funzione di Revisore contabile,oudffrugrwudelodqflrhglfkldud]lrqhghluhgglwl±

Dettagli

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ

5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 5(*,21($872120$ )5,8/,9(1(=,$*,8/,$ /HJJHUHJLRQDOHIHEEUDLRQ 5,)250$'(// 85%$1,67,&$(',6&,3/,1$ '(// $77,9,7 (',/,=,$('(/3$(6$**,2 %85IHEEUDLRQ 7(672&225',1$72 0RGLILFKHHLQWHJUD]LRQLDLVHQVLGHOOD /5DJRVWR1%85DJRVWRƒVXSSORUGQDOQ

Dettagli

/DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD

/DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD 6SHFLDOL]]DQGL *UXSSR $QWRQLHWWL6WHIDQR %HWWDOH$QQD 'DOOD9HFFKLD)DELR 'D9LOOD0DGGDOHQD /D]]DULV*LXOLDQD 7HVLQD GL /DERUDWRULRGL 'LGDWWLFDGHOOD0DWHPDWLFD 3URIVVD/RUHGDQDOHWWD 9LVRQRWUHWLSLGLPHQ]RJQH OHPHQ]RJQH

Dettagli

L attore ha prenotato un volo previsto per il 20 dicembre 2005 da Shanghai (Cina) a Barcellona (Spagna).

L attore ha prenotato un volo previsto per il 20 dicembre 2005 da Shanghai (Cina) a Barcellona (Spagna). Corte di Giustizia UE: trasporto aereo, cancellazione del volo, termine per proporre ricorso e responsabilità dei vettori per perdita dei bagagli Nota a Corte di Giustizia dell Unione Europea, Sentenza

Dettagli

> I l partner per la distribuzione. Present azione SelfCard

> I l partner per la distribuzione. Present azione SelfCard > I l partner per la distribuzione Present azione SelfCard Gli obiettivi.. SelfCard q XQ SURJHWWR QDWR SHU OH D]LHQGH HR HQWL HR DPPLQLVWUD]LRQL SXEEOLFKH FKH JHVWLVFRQR XQD FDUWD D SDJDPHQWR ILQDOL]]DWD

Dettagli

'LVFRUVRGHO3UHVLGHQWH

'LVFRUVRGHO3UHVLGHQWH 5266(//$=$'52$66(6625($// $0%,(17('(/&2081(',)(55$5$ Ê/$1829$35(6,'(17('(/&225',1$0(172'(//($*(1'(/2&$/,,7$/,$1(,OQXRYRFRQVLJOLRGLUHWWLYRVDUjFRPSRVWRGDO3DVW3UHVLGHQWH(PDQXHOH%XUJLQGDOOD'LUHWWULFH'DQLHOD

Dettagli

Prof. ssa Elisabetta Rosafio egrosafio@unite.it

Prof. ssa Elisabetta Rosafio egrosafio@unite.it Prof. ssa Elisabetta Rosafio egrosafio@unite.it responsabilità del vettore per mancata o ritardata esecuzione del trasporto Art. 408 - Responsabilità del vettore per inesecuzione del trasporto o per ritardo

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO

CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO CARTA DEI DIRITTI DEL PASSEGGERO AMBITO DI APPLICAZIONE ED INFORMAZIONI ESSENZIALI Il trasporto aereo è regolato dalla normativa comunitaria e dalle convenzioni internazionali applicabili nonché dal Codice

Dettagli

'RQQHHVFLHQ]Dª 0RELOLWDUHOHGRQQHSHUDUULFFKLUHODULFHUFDHXURSHD

'RQQHHVFLHQ]Dª 0RELOLWDUHOHGRQQHSHUDUULFFKLUHODULFHUFDHXURSHD 'RQQHHVFLHQ]Dª 0RELOLWDUHOHGRQQHSHUDUULFFKLUHODULFHUFDHXURSHD ,QGLFH SINTESI...3 INTRODUZIONE...4 1. CONTESTO GENERALE...5 1.1. La politica delle pari opportunità dell'unione europea...5 1.1.1. Il trattato...5

Dettagli

Regolamento (CEE) n. 2407/92 del Consiglio, del 23 luglio 1992, sul rilascio delle licenze ai vettori aerei

Regolamento (CEE) n. 2407/92 del Consiglio, del 23 luglio 1992, sul rilascio delle licenze ai vettori aerei 31992R2407 Regolamento (CEE) n. 2407/92 del Consiglio, del 23 luglio 1992, sul rilascio delle licenze ai vettori aerei Gazzetta ufficiale n. L 240 del 24/08/1992 pag. 0001-0007 edizione speciale finlandese:

Dettagli

&RVD VL LQWHQGH SHU SHUIHWWD PRELOLWj GHL FDSLWDOL H SHUIHWWD VRVWLWXLELOLWj IUD DWWLYLWj ILQDQ]LDULH"S

&RVD VL LQWHQGH SHU SHUIHWWD PRELOLWj GHL FDSLWDOL H SHUIHWWD VRVWLWXLELOLWj IUD DWWLYLWj ILQDQ]LDULHS (621(52',(&2120,$,17(51$=,21$/(± $ƒ3$57(sxqwlshufldvfxqdulvsrvwdhvdwwd 6H LO WDVVR GL FDPELR ¼ SDVVD GD D GROODUL SHU HXUR TXDOH GHOOH VHJXHQWL DIIHUPD]LRQLqYHUD" a. il dollaro si sta deprezzando rispetto

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME

DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME DI SPENSA PER STUDENTI CLASSI PRI ME ',5,772 (&2120,$ ,1',&( NORME SOCIALI E NORME GIURIDICHE... p.1 La società. Perché le norme.. Le norme sociali.. Le norme giuridiche e lo Stato.. p.2 Differenze tra

Dettagli

Regolamento Europeo n. 2004/261/CE del 11/2/2004, in vigore dal 17/2/2005

Regolamento Europeo n. 2004/261/CE del 11/2/2004, in vigore dal 17/2/2005 Spesso, nel corso del lavoro quotidiano, ci imbattiamo in situazioni che richiedono la conoscenza di alcune norme a tutela del viaggiatore e, per estensione, di noi stessi in quanto professionisti del

Dettagli

Il Presidente della Giunta Regionale

Il Presidente della Giunta Regionale 'HFUHWR1 'HO $VVHVVRUDWR 6$1 'LUH]LRQH 6HWWRUH 2JJHWWR 3ULPHLQGLFD]LRQLWHFQLFRVDQLWDULHSHUOHVHFX]LRQHGHOODWWLYLWjGLWDWXDJJLRHGLSLHUFLQJ Il Presidente della Giunta Regionale Considerato che le pratiche

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.3.2004 COM(2004) 140 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro dell integrazione del sistema ferroviario europeo: il terzo pacchetto ferroviario

Dettagli

,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL *DUHLQ&RUVRHVXOVLWRZZZ&RQVLSLW

,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL *DUHLQ&RUVRHVXOVLWRZZZ&RQVLSLW 2JJHWWR JDUD D SURFHGXUD DSHUWD LQGHWWD DL VHQVL GHO 'OJV Q H VXFFHVVLYH PRGLILFKH SHU O DFTXLVL]LRQHGLXQVLVWHPDGLVLFXUH]]DSHULOFHQWURFRPXQLFDWLYRGHOPLQLVWHURGHOO HFRQRPLDHGHOOH ILQDQ]H DLFKLDULPHQWL,FKLDULPHQWLGHOODJDUDVRQRYLVLELOLDQFKHVXOVLWRZZZPHIJRYLWVRWWRODGLFLWXUD&RQFRUVLH%DQGL

Dettagli

REGOLAMENTO (CEE) N. 2408/92 DEL CONSIGLIO del 23 luglio 1992 Gazzetta ufficiale n. L 240 del 24/08/1992 pag. 0008-0014

REGOLAMENTO (CEE) N. 2408/92 DEL CONSIGLIO del 23 luglio 1992 Gazzetta ufficiale n. L 240 del 24/08/1992 pag. 0008-0014 REGOLAMENTO (CEE) N. 2408/92 DEL CONSIGLIO del 23 luglio 1992 Gazzetta ufficiale n. L 240 del 24/08/1992 pag. 0008-0014 sull'accesso dei vettori aerei della Comunità alle rotte intracomunitarie IL CONSIGLIO

Dettagli

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo QUALI TUTELE SONO PREVISTE IN CASO DI CANCELLAZIONE DEL VOLO? (Regolamento 281/2004) RIMBORSO del prezzo del biglietto

Dettagli

5(*,0(),6&$/($872$=,(1'$/,/ '('8&,%,/,7$,5(6,53()'(//,5$368/&2672 'RWW&ODXGLR6FKHWWLQL

5(*,0(),6&$/($872$=,(1'$/,/ '('8&,%,/,7$,5(6,53()'(//,5$368/&2672 'RWW&ODXGLR6FKHWWLQL &5(',72',03267$ 5 6 / 5(*,0(),6&$/($872$=,(1'$/,/ '('8&,%,/,7$,5(6,53()'(//,5$368/&2672 '(//$9252'/ 'RWW&ODXGLR6FKHWWLQL www.pirolapennutozei.it 7HPLDIIURQWDWL 1. Il nuovo credito d imposta per la Ricerca

Dettagli

Economy Class: una borsa delle dimensioni di 55 x 38 x 20 cm e di peso non superiore ai 7 kg.

Economy Class: una borsa delle dimensioni di 55 x 38 x 20 cm e di peso non superiore ai 7 kg. ORARI DEL CHECK-IN Gli sportelli del check-in di Emirates aprono ovunque almeno 3 ore prima I passeggeri delle classi First e Business devono presentarsi agli sportelli del check-in non più tardi di un'ora

Dettagli

Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa

Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa Traduzione 1 Accordo multilaterale concernente i diritti commerciali per i trasporti aerei non regolari in Europa 0.748.127.2 Conchiuso a Parigi il 30 aprile 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4

Dettagli

Con la decisione Aeroporto di Charleroi la Commissione promuove l attività delle aviolinee low-cost e lo sviluppo regionale

Con la decisione Aeroporto di Charleroi la Commissione promuove l attività delle aviolinee low-cost e lo sviluppo regionale IP/04/157 Bruxelles, 3 febbraio 2004 Con la decisione Aeroporto di Charleroi la Commissione promuove l attività delle aviolinee low-cost e lo sviluppo regionale La Commissione europea ha adottato in data

Dettagli

%$1'2',*$5$$352&('85$$3(57$ dei servizi assicurativi del Comune di Casale Monferrato relativi ai

%$1'2',*$5$$352&('85$$3(57$ dei servizi assicurativi del Comune di Casale Monferrato relativi ai $33$/721 %$1'2',*$5$$352&('85$$3(57$ (QWHDSSDOWDQWHComune di Casale Monferrato (AL), via Mameli, n. 10 - Telefono n. 0142 444411, Telefax n. 0142 444312. &DWHJRULD GL VHUYL]LR H 'HVFUL]LRQH appalto per

Dettagli

NISSAN NAVARA. 64414_NAVP112011_IT.indd 1 07/11/11 15:19

NISSAN NAVARA. 64414_NAVP112011_IT.indd 1 07/11/11 15:19 NISSAN NAVARA 64414_NAVP112011_IT.indd 1 07/11/11 15:19 DESIGN TECNOLOGIA E PERFORMANCE STILE & ACCESSORI DESIGN ESTERNO 4 DESIGN INTERNO 10 NISSAN CONNECT 14 SPAZI INTERNI 16 DETTAGLI 18 PROTEZIONE E

Dettagli

GHFUHWROHJJHPDJJLRQ*8PDJJLRQFRQYHUWLWRFRQ PRGLILFD]LRQLQHOODOHJJHJLXJQRQ*8OXJOLRQ

GHFUHWROHJJHPDJJLRQ*8PDJJLRQFRQYHUWLWRFRQ PRGLILFD]LRQLQHOODOHJJHJLXJQRQ*8OXJOLRQ /HJJHRWWREUHQ 352*5$000, ( &225',1$0(172 '(//(',/,=,$ 5(6,'(1=,$/( 38%%/,&$ 1250( 68//(635235,$=,21( 3(5 38%%/,&$ 87,/,7 02',),&+((',17(*5$=,21,$//(/(**,$*26721 $35,/(16(77(0%5(1('$8725,==$=,21( ',63(6$3(5,17(59(17,675$25',1$5,1(/6(7725('(//(',/,=,$

Dettagli

(relazione di Luigi Fadiga)

(relazione di Luigi Fadiga) &(1752 ', $,872 3(5 / $'2=,21(,1&21752 ', 678',2 68 &8/785$ '(// $&&2*/,(1=$ ( )250$=,21( 1(/ 3(5&2562 $'277,92 5!"$# %& "#'#)(+* % -, #. "%#% (relazione di Luigi Fadiga) Sommario:. 8QD EUHYH SUHPHVVD..,O

Dettagli

territoriale). SULQFLSOH o tassazione su base mondiale) e dello Stato italiano (tassazione su base

territoriale). SULQFLSOH o tassazione su base mondiale) e dello Stato italiano (tassazione su base 3,$1,),&$=,21(),6&$/( In relazione alle problematiche per l implementazione di una attività estera con specifico riferimento al traffico con la Cina (Shentzhen) si svolgono le seguenti considerazioni giuridiche.,1752'8=,21(

Dettagli

Statuto della Associazione Pro Loco di Pescara

Statuto della Associazione Pro Loco di Pescara Statuto della Associazione Pro Loco di Pescara Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1.1 ( FRVWLWXLWD O $VVRFLD]LRQH 3UR /RFR GL 3HVFDUD LQ EUHYH 3UR /RFR 3HVFDUD FRQ VHGH legale nel Comune di Pescara.

Dettagli

3HQVDWH GL IDUH L YRVWUL DFTXLVWL QDWDOL]L WUDQVIURQWDOLHUL TXHVWDQQR" ± FRQVLJOL SHU L FRQVXPDWRUL

3HQVDWH GL IDUH L YRVWUL DFTXLVWL QDWDOL]L WUDQVIURQWDOLHUL TXHVWDQQR ± FRQVLJOL SHU L FRQVXPDWRUL ,3 Bruxelles, 4 dicembre 2002 3HQVDWH GL IDUH L YRVWUL DFTXLVWL QDWDOL]L WUDQVIURQWDOLHUL TXHVWDQQR" ± FRQVLJOL SHU L FRQVXPDWRUL,O GLFHPEUH GHO YHGUj SUREDELOPHQWH XQ JUDQ QXPHUR GL FRQVXPDWRUL DSSURILWWDUH

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DEI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DEI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DEI PACCHETTI TURISTICI 1) Premessa - Nozione di Pacchetto Turistico Premesso che: il decreto legislativo n. 111 del 17.3.95 di attuazione della Direttiva 90/314/CE

Dettagli

Bruxelles, 16 dicembre 2002

Bruxelles, 16 dicembre 2002 ,3 Bruxelles, 16 dicembre 2002 20& H DJULFROWXUD OD &RPPLVVLRQH HXURSHD SURSRQH XQ PHUFDWR SL DSHUWR PHQR DLXWL FKH IDYRULVFRQR GLVWRUVLRQL GHJOL VFDPEL H FRQGL]LRQL GHFLVDPHQWHSLHTXHSHULSDHVLLQYLDGLVYLOXSSR

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1 DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1 Regolamento recante disposizioni in materia di obbligo di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei

Dettagli

LQQRYDWLYR GL JUDQGH LPSDWWR LO IRFXV q VX XQ DSSURFFLR PXOWLPHGLDOH DO. %OX q LQIDWWL FRQFHSLWD FRPH XQD SDUWQHUVKLS IUD VRFL GL SUHVWLJLR QD]LRQDOH

LQQRYDWLYR GL JUDQGH LPSDWWR LO IRFXV q VX XQ DSSURFFLR PXOWLPHGLDOH DO. %OX q LQIDWWL FRQFHSLWD FRPH XQD SDUWQHUVKLS IUD VRFL GL SUHVWLJLR QD]LRQDOH /DVWRULDGL%/8 (VWDWH ² 1DVFH O LGHD GL RUJDQL]]DUH XQ SURJHWWR LPSUHQGLWRULDOH LQQRYDWLYR GL JUDQGH LPSDWWR LO IRFXV q VX XQ DSSURFFLR PXOWLPHGLDOH DO PRQGR GHOOH WHOHFRPXQLFD]LRQL QHOOD FRQYLQ]LRQH FKH

Dettagli

¾ Processo di presentazione dell istanza e stipula della convenzione

¾ Processo di presentazione dell istanza e stipula della convenzione M e c c a n i s m i d i i n c e n t i v a zi o n e p e r l u s o d e l l e f o n t i e n e r g e t i c h e r i n n o v a b i l i e i s i s t e m i d i c o g e n e r a zi o n e /( 1829( 5(*2/( 3(5,/ 6(59,=,2

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA $//(*$72³% DOOD'HWHUPLQD]LRQH'LULJHQ]LDOH1GHO PROVINCIA DI BRINDISI 9LD'H/HR%5,1',6, DISCIPLINARE DI GARA 352&('85$$3(57$3(5/(&23(5785( $66,&85$7,9('(// (17( 67$=,21($33$/7$17(: PROVINCIA DI BRINDISI Via

Dettagli

18.3.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 75/53

18.3.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 75/53 18.3.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 75/53 REGOLAENTO (CE) N. 243/2008 DEL CONSIGLIO del 17 marzo 2008 che istituisce misure restrittive nei confronti delle autorità illegittime dell'isola

Dettagli

ALLEGATI. alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. sull'iniziativa dei cittadini europei "Uno di noi"

ALLEGATI. alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. sull'iniziativa dei cittadini europei Uno di noi COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.5.2014 COM(2014) 355 final ANNEXES 1 to 5 ALLEGATI alla COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE sull'iniziativa dei cittadini europei "Uno di noi" IT IT ALLEGATO I: ASPETTI PROCEDURALI

Dettagli

GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA

GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA MARKT/2526/02 IT Orig. EN GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA Commission européenne, B-1049 Bruxelles / Europese Commissie, B-1049 Bruxelles Belgio. Telefono: +32-2-299.11.11 Ufficio: C107

Dettagli

',6&,3/,1$5(',*$5$ Norme integrative al Bando di gara d appalto per servizi bancari e finanziari relativi alla

',6&,3/,1$5(',*$5$ Norme integrative al Bando di gara d appalto per servizi bancari e finanziari relativi alla Servizio Gare e Contratti Via Karl Ludwig von Bruck, 3 34143 Trieste tel. 040.6731 fax 040.6732406 E-mail: protocollo@porto.trieste.it sito Internet: www.porto.trieste.it ',6&,3/,1$5(',*$5$ Norme integrative

Dettagli

&RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL

&RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL &RQ OD SURQXQFLD LQ HVDPH LO 7ULEXQDOH GL %RORJQD GLVDWWHQGHQGR OD ULFKLHVWD DYDQ]DWD GD SDUWH GL HQWUDPEL L JHQLWRUL GL DIILGDUH LO ILJOLR TXLQGLFHQQH HVFOXVLYDPHQWH DOOD PDGUH KD GLVSRVWR O DIILGDPHQWR

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

0DQXDOHRSHUDWLYRSHULQWHJUDUHOHULVXOWDQ]HGHO UHJLVWURGHOOHLPSUHVHFRQTXHOOHGHOOLEURGHLVRFL DUWFRPPDXQGHFLHV/JHQQDLRQ

0DQXDOHRSHUDWLYRSHULQWHJUDUHOHULVXOWDQ]HGHO UHJLVWURGHOOHLPSUHVHFRQTXHOOHGHOOLEURGHLVRFL DUWFRPPDXQGHFLHV/JHQQDLRQ 0DQXDOHRSHUDWLYRSHULQWHJUDUHOHULVXOWDQ]HGHO UHJLVWURGHOOHLPSUHVHFRQTXHOOHGHOOLEURGHLVRFL DUWFRPPDXQGHFLHV/JHQQDLRQ QEYHUVLRQHDJJLRUQDWDDO 4XDGURQRUPDWLYR La legge 28 gennaio 2009 n. 2 Conversione in legge,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 4.12.2008 SEC(2008) 2954 C6-0469/08 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Documento che accompagna la proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.7.2012 SWD(2012) 197 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE DI IMPATTO che accompagna il documento REGOLAMENTO DELEGATO DELLA

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Le domande devono riguardare esclusivamente aspetti della rendicontazione delle spese, non della gestione finanziaria del progetto.

Le domande devono riguardare esclusivamente aspetti della rendicontazione delle spese, non della gestione finanziaria del progetto. 3,&,QWHUUHJ,,,%³$OSLQH6SDFH 5HQGLFRQWD]LRQHGHOOHVSHVH )UHTXHQWO\$VNHG4XHVWLRQV $JJLRUQDWHDGLFHPEUH 3UHPHVVD Nel presente documento sono riportati i quesiti più frequenti sulle modalità di rendicontazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992)

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE 26 marzo 1992, n. 881/92/CEE * (G.U. - 2a s.s. n. 4 del 18.6.1992) relativo all'accesso al mercato dei trasporti di merci su strada nella Comunità effettuati

Dettagli

Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2

Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2 Traduzione 1 Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2 0.814.291.1 Concluso a Londra il 19 novembre 1976 Approvato

Dettagli

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza.

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO SULLO SPAZIO AEREO COMUNE TRA L UNIONE EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI, DA UN LATO, E LA GEORGIA, DALL ALTRO LATO, CON ALLEGATI, FATTO A BRUXELLES

Dettagli

DUWW&RG'HRQWRORJLFR)RUHQVH

DUWW&RG'HRQWRORJLFR)RUHQVH */,2%%/,*+,'(2172/2*,&,1(,5$33257,&21,&2//(*+, DUWW&RG'HRQWRORJLFR)RUHQVH di GIOVANNI BATTISTA PAMIO Avvocato nel Foro di Pordenone 5HOD]LRQH WHQXWD DO FRQYHJQR GHOOO $,*$ VH]LRQH GL 3RUGHQRQH O VXO WHPD

Dettagli

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO In seguito all'adozione di numerosi atti legislativi europei sono stati progressivamente liberalizzati i trasporti su strada internazionali

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.1.2010 COM(2010)3 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI relativa

Dettagli

MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI?

MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI? 105 i dossier www.freefoundation.com MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ: CHI ERA COSTUI? 12 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Meccanismo Europeo di Stabilità Lo stato dell arte in Europa Lo

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

Composta dagli Ill.mi sigg. Magistrati:

Composta dagli Ill.mi sigg. Magistrati: &RQODSURQXQFLDLQUDVVHJQDOD6XSUHPD&RUWHGL&DVVD]LRQHKDULOHYDWRFKH DO DIILGDPHQWRFRQJLXQWRRJJLFRQGLYLVRDWWLHQHDOO LQWHUHVVH³HVLVWHQ]LDOH GHLILJOL E OD FRUUHVSRQVLRQH GHOO DVVHJQR GL PDQWHQLPHQWR DWWLHQH YLFHYHUVD

Dettagli

0.748.127.195.98 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Norvegia

0.748.127.195.98 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Norvegia Traduzione 1 0.748.127.195.98 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Norvegia Conchiuso il 30 dicembre 1954 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrata in vigore il 4

Dettagli

(Pubblicata nella G.U.U.E. 4 febbraio 2006, n. L 33. Entrata in vigore il 24 febbraio 2006)

(Pubblicata nella G.U.U.E. 4 febbraio 2006, n. L 33. Entrata in vigore il 24 febbraio 2006) DIR. 2005/89/CE DEL 18 GENNAIO 2006 DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO CONCERNENTE MISURE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO DI ELETTRICITÀ E PER GLI INVESTIMENTI NELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

Consultazione ART sui diritti aeroportuali

Consultazione ART sui diritti aeroportuali Milano, 16 giugno 2014 Consultazione ART sui diritti aeroportuali I corrieri aerei soci AICAI si avvalgono come utenti dei servizi degli aeroporti di Fiumicino, Napoli, Catania, Bologna, Linate, Venezia,

Dettagli

DIRITTI DEI VIAGGIATORI

DIRITTI DEI VIAGGIATORI 2014 DIRITTI DEI VIAGGIATORI Centro Europeo Consumatori Italia - Uffico Bolzano I-39100 Bolzano, via Brennero, 3 Tel.: +39-0471-980939 Fax.: +39-0471-980239 E-Mail: info@euroconsumatori.org Internet: http://www.euroconsumatori.org

Dettagli

www.laboratoriodomotica.it

www.laboratoriodomotica.it 5 H D O L ] ] D W R G D &HQWUR6HUYL]LSHUO,QQRYD]LRQH &RQLOFRQWULEXWRGL&RQODFROODERUD]LRQHGL &DPHUDGL&RPPHUFLR &RPXQHGL0RGHQD 3UR0R www.laboratoriodomotica.it P r o vin cia d i Mo d en a P r o m o s s o

Dettagli

2. Fatto salvo un esame preliminare da parte del Consiglio, su proposta della Commissione, tale

2. Fatto salvo un esame preliminare da parte del Consiglio, su proposta della Commissione, tale Decisione del Consiglio del 12 marzo 2001 relativa alle riduzioni delle aliquote d'accisa e alle esenzioni dall'accisa su determinati oli minerali utilizzati per fini specifici (2001/224/CE) IL CONSIGLIO

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.3.2013 COM(2013) 130 final 2013/0072 (COD) C7-0066/2013 Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (CE) n. 261/2004 che

Dettagli

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Torino, 1 luglio 2011 Matteo Carlo Borsani STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Stato ed attuazione della Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE)

Dettagli

===================== REPUBBLICA ITALIANA

===================== REPUBBLICA ITALIANA /D SURQXQFLD GHO 7ULEXQDOH GL &DWDQLD VL VHJQDOD SHUFKp DL ILQL GHOOD GHWHUPLQD]LRQH GHL WHPSL H GHOOD PRGDOLWj GHOOD SUHVHQ]D GHOOD ILJOLD GHOOD FRSSLD GL DQQL FRQ FLDVFXQ JHQLWRUHGDYDHVWUHPDULOHYDQ]DDOGHVLGHULRPDQLIHVWDWRLQSLRFFDVLRQLGDOODVWHVVDPLQRUH

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 28/2/2014 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1331/2010, presentata da Fausto Benzone, cittadino italiano, sulla disparità nel pagamento

Dettagli

Il patto di famiglia di Elisa Venturini. Globalizzazione e sicurezza economica di Massimo Franchi

Il patto di famiglia di Elisa Venturini. Globalizzazione e sicurezza economica di Massimo Franchi Globalizzazione e sicurezza economica di Massimo Franchi Formare come essenza dell identità di Piersergio Caltabiano Rendere tangibili gli asset intangibili di Alberto Bubbio Intervista a Massimo Galassini,

Dettagli

Dr. Ing. Giorgio ALOCCI, Dr. Ing. Tarquinia MASTROIANNI, Dr. Ing. Natalia RESTUCCIA C.N.V.V.F.

Dr. Ing. Giorgio ALOCCI, Dr. Ing. Tarquinia MASTROIANNI, Dr. Ing. Natalia RESTUCCIA C.N.V.V.F. Dr. Ing. Giorgio ALOCCI, Dr. Ing. Tarquinia MASTROIANNI, Dr. Ing. Natalia RESTUCCIA C.N.V.V.F. GESTIONE DELLE EMERGENZE IN CASO DI EVENTI INCIDENTALI NELLE GALLERIE. Gli ultimi disastri avvenuti in occasione

Dettagli