IL VENTURE CAPITAL IN CAMPANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VENTURE CAPITAL IN CAMPANIA"

Transcript

1 IL VENTURE CAPITAL IN CAMPANIA intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 17 maggio 2010 VERTIS SGR 1

2 FONDI MOBILIARI CHIUSI I fondi mobiliari chiusi sono gestiti da intermediari finanziari specializzati (SGR) che raccolgono capitali presso investitori, per allocarli in progetti di investimento o imprese ad alto potenziale di sviluppo. I fondi chiusi sono particolarmente idonei per effettuare investimenti per periodi medio-lunghi disponendo di capitali per un periodo predeterminato. Essi sono soci temporanei che dovranno prima o poi cedere le partecipazioni assunte per realizzare i propri obiettivi (in particolare, conseguire un elevato capital gain). Questi fondi sono detti chiusi in quanto, a differenza dei fondi d investimento mobiliari aperti, non prevedono la libera possibilità per i partecipanti di acquistare o vendere quote in qualsiasi momento. VERTIS SGR 2

3 FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO FONDI CHIUSI FONDI MOBILIARI FONDI DI PRIVATE EQUITY FONDI IMMOBILIARI FONDI APERTI FONDI DI VENTURE CAPITAL VERTIS SGR 3

4 VENTURE CAPITAL E PRIVATE EQUITY Tali termini vengono talvolta erroneamente utilizzati come sinonimi. Il venture capital si riferisce al finanziamento dell avvio di nuove imprese, mentre il private equity comprende le operazioni di investimento realizzate in fasi del ciclo di vita delle aziende successive a quella iniziale. I fondi, siano essi di venture capital o di private equity, investono nel capitale di rischio delle imprese qualora vi sia condivisione: di un progetto; del management; della way out. VERTIS SGR 4

5 VENTURE CAPITAL VS PRIVATE EQUITY Un fondo di venture capital opera diversamente da un fondo tradizionale di private equity. VENTURE CAPITAL Apporta esclusivamente capitali all interno della Società (aumento di capitale) Rischio elevatissimo Settori altamente innovativi Realtà giovani e in perdita Enfasi sulle persone/idee Rischio puro equity Ritorno atteso con obiettivi di multiplo (10-20x) PRIVATE EQUITY Apporta anche capitali ai precedenti azionisti (acquisto di partecipazioni) Rischio moderato Settori tradizionali Realtà consolidate e redditizie Enfasi sui numeri Finanza strutturata (debito) Ritorno atteso con obiettivi di IRR VERTIS SGR 5

6 EARLY-STAGE FINANCING Start-up financing : (avvio dell attivit attività) Avvio attività produttiva Apporti finanziari contenuti (0,5-1,0 /mln) RISCHI MOLTO ELEVATI st stage financing : (fase di sviluppo) 1 st Valutazione della validità commerciale Apporti finanziari medi (1,0-2,0 /mln) RISCHI MENO ELEVATI nd stage financing : (consolidamento( sviluppo) 2 nd Sviluppo produzione/mercato Apporti finanziari medio-elevati (2,0-3,0 /mln) RISCHI PIU CONTENUTI VERTIS SGR 6

7 TARGET DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL Il progetto presentato deve avvalorare valutazioni positive su imprenditorialità, tecnologia e mercato e stimolare il fondo a rischiare per portare sul mercato un innovazione che non esiste o la cui efficacia e validità deve ancora essere provata. DOMANDE DA PORSI PRIMA DI CONTATTARE UN FONDO DI VENTURE CAPITAL Chi sono e come mi presento Quanto sono disposto a rischiare per il mio progetto Quanti soldi chiedo, come e quando li spenderò Perché il fondo dovrebbe investire nella mia idea Come farà il fondo a guadagnare VERTIS SGR 7

8 COSA DIRE A UN FONDO DI VENTURE CAPITAL Le informazioni che devono essere contenute nella presentazione di un operazione di venture capital sono: soggetti promotori e presupposti dell iniziativa; competenze/esperienze dei promotori nello specifico campo; soluzioni attualmente presenti sul mercato con indicazione dei loro punti di forza e di debolezza; eventuale titolarità di brevetti (difendibilità dell idea); investimenti articolati per categorie di spesa e di tempo; capitale richiesto al fondo (indicando tranche e milestone); capitale rinvenibile da altri soggetti (promotori, business angels, enti vari, gruppi industriali, ecc.); eventuale presenza di partnership industriali e/o commerciali; commitment nell iniziativa da parte dei proponenti, in termini di tempo e risorse ad essa dedicati; previsioni sui risultati economico-finanziari per i primi 3 esercizi. VERTIS SGR 8

9 PROCESSO DI INVESTIMENTO Un venture capitalist riceve centinaia di business plan ogni anno che comportano un attenta valutazione iniziale del potenziale d impresa. Esso seleziona le migliori idee attraverso un processo selettivo finalizzato alla valutazione di: imprenditorialità del gruppo proponente o del ricercatore; tecnologia di riferimento; mercato di sbocco dell applicazione. Dal primo contatto all assunzione della partecipazione passano diversi mesi, durante i quali sono effettuate le due diligence e vengono negoziati il contratto di investimento e il patto parasociale. Successivamente al closing, il proponente e i rappresentanti del fondo lavorano insieme per la creazione di valore. VERTIS SGR 9

10 PRINCIPALI CAUSE DI MANCATO INVESTIMENTO Le più frequenti cause di fallimento delle operazioni di investimento sono: bassa redditività prospettica dell investimento; scarsa credibilità del progetto, dell idea o del ricercatore; limitato track record del gruppo proponente; mancanza di chiarezza e trasparenza; mancato accordo tra gruppo proponente e fondo chiuso nella: valutazione del progetto (c.d. valore pre-money); intesa sulla governance; modalità di way out. VERTIS SGR 10

11 I FONDI DI VENTURE CAPITAL AL SUD Dall aprile 2009 sono operativi 4 fondi di venture capital specializzati nel Mezzogiorno che hanno a disposizione per gli investimenti in aziende start up e in spin-off universitari circa euro 150 mln, la metà dei quali sono stati stanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per l innovazione e le tecnologie. Tra i 4 fondi di venture capital operativi, il fondo Vertis Venture è l unico gestito da una SGR con sede al sud ed è l unico ad aver già effettuato operazioni nel 2009 e nel VERTIS SGR 11

12 VERTIS SGR E I FONDI CHIUSI CHE GESTISCE VERTIS SGR 12

13 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI VERTIS SGR Vertis si caratterizza per i seguenti elementi: indipendenza. Nel capitale della SGR sono presenti soggetti indipendenti da gruppi bancari; localizzazione. La sede e gli uffici operativi sono a Napoli. Quindi, la vicinanza geografica con le aziende target ne agevola il contatto; know-how. La SGR utilizza il cospicuo patrimonio di conoscenze, esperienze e relazioni accumulate dai suoi esponenti nel corso degli ultimi 15 anni. VERTIS SGR 13

14 I DUE FONDI DI VERTIS SGR Vertis nel 2009 ha terminato la raccolta dei capitali dei due fondi chiusi che gestisce e che sono dedicati esclusivamente al territorio del Mezzogiorno. Con patrimonio di euro 45 mln, effettua operazioni di private equity. Il valore delle partecipazioni assunte dal fondo è compreso tra euro 2 e 6 mln. Dotato di euro 25 mln, realizza interventi di venture capital indirizzando i propri investimenti in aziende rivenienti da operazioni di spin off o in società nella fase di start-up. Ogni intervento del fondo è compreso tra euro 0,5 e 2,5 mln. VERTIS SGR 14

15 CICLO DI VITA DELLE AZIENDE E SPECIALIZZAZIONE DEI FONDI DI VERTIS SGR FONDO VERTIS VENTURE VENTURE CAPITAL VERTIS CAPITAL PRIVATE EQUITY STADIO INIZIALE SVILUPPO ESPANSIONE STADI DEL CICLO DI VITA DELLE AZIENDE SPERIMENTAZIONE Analisi e valutazione idea Sperimentazione prodotto AVVIO Costituzione azienda Sviluppo prodotto Inizio produzione Introduzione sul mercato Ampliamento dei canali di vendita Aumento della capacità produttiva Piano aziendale Industrializzazione Penetrazione presso clienti Acquisizione di altre aziende VERTIS SGR 15

16 SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI L indipendenza, la localizzazione geografica e il patrimonio informativo accumulato in tanti anni sono elementi che pongono Vertis SGR in una posizione di preminenza nel mercato del capitale di rischio nel Mezzogiorno. Per il successo del fondo Vertis Venture, la SGR ha perfezionato accordi con 14 Centri di ricerca/incubatori e 7 Università del sud Italia, nonché una partnership con Fondamenta SGR, gestore del fondo di venture capital TT Venture. Le diversificate e combinate competenze di Vertis SGR e questi partner consentono di selezionare idee e progetti in grado di creare valore. VERTIS SGR 16

17 ACCORDI STIPULATI DA VERTIS SGR CENTI DI RICERCA ISIB (PD) IMPAT (RM) ALI (NA) BIOTEKNET (NA) CEINGE (NA) CITTA DELLA SCIENZA (NA) CRIAI (NA) DFM (NA) DIONISO (NA) IMAST (NA) IRAT (NA) PSTSA (SA) CALPARK (CS) ARCA (PA) UNIVERSITÀ Università di Napoli Federico II Seconda Università di Napoli Università del Sannio (Benevento) Università di Salerno Università di Bari Università del Salento (Lecce) Università della Calabria ORIGINATORS Commercialisti Consulenti aziendali Avvocati d affari Altri professionisti VERTIS SGR 17

18 FASI DEL PROCESSO DI INVESTIMENTO Scouting Deal flow Ricezione documentazione preliminare Primo screening Banche dati Centri di ricerca Autosegnalazioni Università Network Vertis Incontri con l imprenditore/ ricercatore Condivisione della struttura dell operazione Due diligence/ analisi brevettuale Disinvestimento Monitoraggio della partecipazione VERTIS SGR 18 Closing

19 DEAL FLOW DEL FONDO VERTIS VENTURE Da fine 2008 Vertis ha avviato l attività di scouting per l individuazione di progetti in cui effettuare gli investimenti. FONDO VERTIS VENTURE SCOUTING 1 SCREENING APPROFONDITE Totale Scartate Pre-screening Approfondite Scartate In analisi Negoziazione Ad oggi sono stati già effettuati 3 investimenti e altri 2 sono in programma entro la fine del 1 semestre VERTIS SGR 19

20 ATTIVITÀ DEI FONDI GESTITI DA VERTIS Possibili investimenti di VC Investimenti effettuati Glomeria Therapeutics Srl Abruzzo Medical devices C Campania Kit digitali per marcatori tumorali B Campania Kit digitali biotecnologici A Sardegna Brokeraggio creditizio on line D Campania Pannelli solari termici Mosaicoon SpA Sicilia Advertising on line Personal Factory Srl Calabria Materiali per l edilizia VERTIS SGR 20

21 PERSONAL FACTORY SRL È una start up calabrese nata su iniziativa di imprenditori operanti da oltre 30 anni nel business della produzione di malte per uso edile. L azienda ha ideato e realizzato un rivoluzionario sistema digitalizzato per produrre malte e altri prodotti per l edilizia ingegnerizzando e sviluppando una macchina innovativa di miscelazione e insacchettamento di dimensioni limitate e ad altissima flessibilità, in grado di rendere i rivenditori di materiali edili direttamente produttori, diminuendo i costi di trasporto, riducendo l impatto ambientale e incrementando la flessibilità della catena di fornitura. L impianto così realizzato rappresenta un assoluta novità nell ambito del settore dell edilizia, del quale si propone di modificare le logiche di funzionamento, attraverso la decentralizzazione della produzione dei materiali per l edilizia, quali malte, intonaci, impermeabilizzanti e colle. L investimento complessivo nella Personal Factory è stato di euro 1,3 milioni (per il 40% del capitale sociale) ed è stato effettuato al 50% ciascuno dai fondi Vertis Venture e TT Venture. Dal secondo anno di attività è prevista l assunzione di 20 dipendenti. VERTIS SGR 21

22 MOSAICOON SPA È una start up palermitana nata con l obiettivo di sviluppare un nuovo modello integrato di comunicazione digitale. In particolare, Mosaicoon ha realizzato un sistema di advertising on line innovativo, il web engagement. Il mercato in cui opera è quello dell internet advertising, motore trainante dell intero settore della pubblicità. La società sviluppa un modello unico di comunicazione integrata digitale attraverso la realizzazione di campagne pubblicitarie di web engagement basato su un format dell advertising digitale assolutamente nuovo, il Video Viral Advertainment; il termine Viral (virale) fa riferimento alla capacità di diffondere velocemente e in modo capillare un messaggio, il termine Advertainment è un neologismo nato dall unione di advertising (pubblicità) ed entertainment (intrattenimento). Il fondo Vertis Venture, per finanziare lo sviluppo di Mosaicoon, ha investito euro assumendo il 70% del capitale sociale. La società ha dato inizialmente occupazione a 6 persone e, secondo le ipotesi del business plan, a regime fino a 22. VERTIS SGR 22

23 GLOMERIA THERAPEUTICS SRL La mission di Glomeria Therapeutics, start-up abruzzese, è la ricerca e lo sviluppo di dispositivi medici e farmaci per il trattamento di malattie e stati patologici. L azienda svilupperà vari prodotti in due aree terapeutiche principali: la sostituzione della funzione renale mediante dialisi peritoneale e il trattamento dell ipervolemia nei pazienti sofferenti di collasso cardiaco non rispondente ai farmaci. Entrambe le aree hanno un elevato contenuto di innovazione tecnologica digitale: il trattamento della dialisi peritoneale prevede l implementazione di una piattaforma di e-learning volta a favorire la comunicazione bidirezionale tra paziente e staff medico, mentre il trattamento dell ipervolemia si baserà su una macchina automatica per ultrafiltrazione. I mercati in cui l azienda opererà prevedono una crescita significativa soprattutto dovuta al prolungamento della vita media della popolazione nei paesi sviluppati e all incremento progressivo della spesa sanitaria in quelli in via di sviluppo. Il fondo Vertis Venture ha investito euro (acquisendo il 5,6%) nell ambito di un operazione per complessivi euro , che ha coinvolto anche TT Venture, Sofimac Partners e Faro Venture. VERTIS SGR 23

24 I DEAL CONCLUSI Motivazioni Di seguito si illustrano le principali motivazioni che hanno portato Vertis a effettuare le tre operazioni elencate in precedenza: competenze ed esperienze del management; chiarezza nella definizione dei piani di sviluppo; stadio di sviluppo delle iniziative; attrattività dei settori; difendibilità dei vantaggi competitivi; tassi di crescita attesi significativi; way-out. VERTIS SGR 24

25 I DEAL NON CONCLUSI Motivazioni Di seguito si illustrano le motivazioni più frequenti per la mancata effettuazione di un deal: A. in fase di analisi: business model e/o piano di sviluppo non condivisibili; profilo del management non adeguato; insufficiente commitment del management; tassi di crescita attesi e dimensioni prospettiche non interessanti; assenza di difendibilità del vantaggio competitivo; scarsa attrattività del settore; stadio di sviluppo eccessivamente early; way-out non agevole; B. in fase di negoziazione e due diligence: mancato accordo sulle condizioni di ingresso; mancato accordo sulla struttura complessiva dell operazione e sulla way-out; problematiche emerse durante la due diligence. VERTIS SGR 25

26 L ESPERIENZA DI VERTIS SGR Finora, gli analisti di Vertis hanno esaminato circa 150 progetti di venture capital, principalmente nei settori medicale, informatica e biotech. Di tali iniziative, nel 50% circa dei casi, l analisi si è interrotta in una fase preliminare per effetto principalmente dei seguenti fattori: stadio di sviluppo troppo seed; basso commitment; scarsa difendibilità dell idea; ridotto interesse sui risultati. VERTIS SGR 26

27 L ESPERIENZA DI VERTIS SGR In particolare, è emersa frequentemente la mancanza di cultura imprenditoriale da parte dei professori e ricercatori universitari, i quali privilegiano la strada della pubblicazione immediata di una scoperta, anziché l ottenimento di un brevetto cui far seguire la pubblicazione, e la presentazione alla comunità scientifica della propria scoperta impedendo l ottenimento del brevetto stesso. Nel presentare iniziative a venture capitalist, spesso gli universitari commettono l errore di proporre un commitment (in termini di impegno) assolutamente non adeguato, spesso considerando l apporto di tale finanziatore alla stregua dei contributi pubblici a cui hanno avuto accesso in precedenza. In altri termini, spesso si avverte la mancanza della capacità e cultura imprenditoriale, elemento fondamentale, accanto al supporto di un venture capitalist, per tradurre idee innovative in imprese che generano profitti. VERTIS SGR 27

28 GRAZIE PER L ATTENZIONEL vertis.itit VERTIS SGR 28

IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO

IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Roma, 8 giugno 2010 VERTIS SGR 1 I DUE FONDI DI VERTIS SGR Vertis nel 2009 ha terminato la raccolta

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Cagliari, 5 marzo 2008 1 VENTURE CAPITAL E PRIVATE EQUITY Tali termini vengono

Dettagli

La finanza a supporto dell early stage

La finanza a supporto dell early stage La finanza a supporto dell early stage intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Roma, 15 gennaio 2013 1 EARLY-STAGE FINANCING (PARTECIPAZIONE ALLO STADIO INIZIALE) I N C U

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

VERTIS SGR Private Equity & Venture Capital

VERTIS SGR Private Equity & Venture Capital VENTURE CAPITAL 1 VENTURE CAPITAL The World s Leading Provider of ebusiness Application Software PRINCIPALI PLAYERS I fondi mobiliari chiusi sono gestiti da intermediari finanziari specializzati (SGR)

Dettagli

Il finanziamento di tipo equity nelle imprese familiari

Il finanziamento di tipo equity nelle imprese familiari MANAGEMENT DELLE IMPRESE FAMILIARI Il finanziamento di tipo equity nelle imprese familiari AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Catania, 20 novembre 2009 1 FONDI MOBILIARI CHIUSI I

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

ILfONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE. L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione

ILfONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE. L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione fondo ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE L esperienza nel seed capital della Camera di Commercio di Pisa VI bando di attuazione fondo ONDO ROTATIVO PER LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE: CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital MONTEFELTRO START-UP Finanziare l impresa innovativa Il ruolo del venture capital nel supporto alle imprese innovative Giovanni Fusaro Ufficio

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

PHD Plus Edizione 2012

PHD Plus Edizione 2012 PHD Plus Edizione 2012 Come si valuta una Start up: gli aspetti operativi della selezione dei progetti di investimento 24 Aprile 2012 Università di Pisa Executive Summary 1.SICI sgr e il Fondo Toscana

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011 Lorenzo Franchini www.italianangels.net Tipologia di finanziamenti Friends & Family: 30k-100k; Seed Capital Angel

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI

AIFI. Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI AIFI Accesso al mercato finanziario: Più Borsa, Progetto Elite e mercato AIM per capitalizzare e far crescere le PMI Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Milano, 31 maggio

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Art. 1 Finalità del Bando

Art. 1 Finalità del Bando CO-IMPRENDO BIOMEDICALE 2014 BANDO DELLA FONDAZIONE GIOVANNI ED ANNAMARIA COTTINO PER IL FINANZIAMENTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA MEDIANTE LA CREAZIONE DI START UP INNOVATIVE O SPIN OFF ACCADEMICI Art.

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale INDICE COSA Che cos'è uno Spin Off CHI Gli attori dello Spin Off PERCHE' Perché creare uno Spin Off QUANDO L'idea imprenditoriale COME La procedura per la creazione e l'avvio di uno spin Off Come realizzare

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Codice domanda xxxxxx-xxxx-xxxx-xxxx-xxxxxxxxxxxx DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI A. ANAGRAFICA SOGGETTO PROPONENTE A.1 DATI ANAGRAFICI DELL IMPRESA PROPONENTE Ragione sociale Forma giuridica Menù

Dettagli

INCIPIT CAMPANIA: SVILUPPO IMPRESE ICT-BASED PER L AUTOMAZIONE

INCIPIT CAMPANIA: SVILUPPO IMPRESE ICT-BASED PER L AUTOMAZIONE INCIPIT CAMPANIA: SVILUPPO IMPRESE ICT-BASED PER L AUTOMAZIONE Glossario minimo ICT Information Communication Tecnology: Tecnologie dell'informazione e Comunicazione, espressione utilizzata per descrivere

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale La finanza di start up: private equity e venture capital Anno accademico 2011 / 2012 Dott.ssa

Dettagli

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth Le problematiche dei canali tradizionali: il finanziamento bancario Gli intermediari finanziari banche ordinarie, merchant bank sono

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study c è una rotta fuori dai porti sicuri? Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study Simone Borla, Managing Partners Quercus Investment Partners LLP INFRASTRUTTURE SULLE

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER

Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER Finanziare la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative: attività e servizi di ASTER Donata Folesani IPR Finance for Innovation Area Manager, ASTER Contenuti dell intervento Chi siamo Start up innovative

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005

Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005 FINLOMBARDAGESTIONI società di gestione del risparmio Finanziare la ricerca: la partnership pubblico-privata Alberto Trombetta Finlombarda Gestioni SGR SpA Roma, 11 luglio 2005 Forte crescita degli aiuti

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

Guida pratica al capitale di rischio

Guida pratica al capitale di rischio Guida pratica al capitale di rischio Avviare e sviluppare un impresa con il Private Equity e il Venture Capital A I F I A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A D E L P R I V A T E E Q U I T Y E V E N T

Dettagli

Venture Capital: esperienze dal fronte

Venture Capital: esperienze dal fronte Venture Capital: esperienze dal fronte 3 6 0 CAPITAL PARTNERS Investing in Innovation, full scale Massimiliano D Amico, 360 Capital Partners Cos è il Venture Capital? Il Venture Capital é strutturato con

Dettagli

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi Azimut Global Counseling Iacopo Corradi IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva da oltre 20 anni nel mercato del risparmio gestito in Italia e quotata alla Borsa

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE?

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? Corso Le imprese spin-off della ricerca pubblica: come fare ancora meglio dopo le prime 1000? Università Politecnica della

Dettagli

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Marzo 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico

Dettagli

Innovare per competere Come finanziare l innovazione

Innovare per competere Come finanziare l innovazione Innovare per competere Come finanziare l innovazione M. Szemere Cofiri S.p.A. Novara, 22 maggio 2003 Contenuti (1/2) 1. Il Gruppo Cofiri Attività di Cofiri Iniziative di Cofiri nel Venture Capital e nel

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014

Smart&Start Italia. D.M. 24 settembre 2014 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Febbraio 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Le Camere di Commercio Italiane all Estero: una rete globale a sostegno delle imprese

Le Camere di Commercio Italiane all Estero: una rete globale a sostegno delle imprese Le Camere di Commercio Italiane all Estero: una rete globale a sostegno delle imprese Salerno, 2 dicembre 2014 Camera di Commercio di Salerno Pina Costa Responsabile Area Promozione, Comunicazione e Sviluppo

Dettagli

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA COSTITUZIONE DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL (SEED CAPITAL, START UP CAPITALE E EXPANSION CAPITAL) PERL INVESTIMENTO IN IMPRESE INNOVATIVE Legge Regionale 29 maggio

Dettagli

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014 Tommaso D Onofrio CEO Definizioni 2012: 2,7 B$ 2013: 5,1 B$

Dettagli

SISTEMA STARTUP Risultati del percorso a sostegno della nascita di startup innovative

SISTEMA STARTUP Risultati del percorso a sostegno della nascita di startup innovative POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività SISTEMA STARTUP Risultati del percorso a sostegno della nascita di startup innovative Giuseppe Serra Sardegna Ricerche SARDEGNA RICERCHE L Agenzia del

Dettagli

Le tue idee prendono il volo

Le tue idee prendono il volo Start Lab Le tue idee prendono il volo Mentorship Co-finanziamenti Statup Academy Networking Grant Hai una startup ad alto contenuto tecnologico? Hai un'idea innovativa che vorresti realizzare? Iscriviti

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up 1 La Regione Emilia Romagna è: un territorio ricco di iniziative imprenditoriali e un buon vivaio di idee innovative che incontrano spesso difficoltà

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

2. Ai fini delle presenti Direttive si applicano le seguenti definizioni:

2. Ai fini delle presenti Direttive si applicano le seguenti definizioni: POR FESR 2007-2013 2013 A SSE VI C OM PETITIVITA C OSTITU ZION E DI U N FON DO D DI VEN TU RE C A PITA L (SEED ( C A PITA L, STA RT U P C A PITA LE E EXPA N SION C A PITA L) PER L IN VESTIM EN TO IN IM

Dettagli

GUIDA AL VENTURE CAPITAL

GUIDA AL VENTURE CAPITAL GUIDA AL VENTURE CAPITAL Come finanziare lo startup dell impresa AIFI Sommario L INVESTIMENTO IN CAPITALE DI RISCHIO... 2 Le principali differenze tra capitale di rischio e capitale di debito... 2 Le principali

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 0 I proponenti hanno un esperienza comune e competenze complementari Andrea

Dettagli

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan di Giuseppe Rana e Guidalberto Gagliardi PricewaterhouseCoopers Transaction Services Nella prima fase del processo di investimento

Dettagli

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1

Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Modalità tecniche d'ingresso del fondo Ingenium Provincia di Catania: linee guida 1 Il fondo Ingenium investe in nuove imprese innovative che basano il loro modello di business sulla valorizzazione della

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Internazionalizzare l impresa

Internazionalizzare l impresa Internazionalizzare l impresa Identificazione e analisi di comparazione Paese/area/location Questa è la prima risorsa necessaria a strutturare un valido studio di fattibilità sulla localizzazione prescelta

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane.

SIMEST. finanziaria di sviluppo pubblico-privata. privata che ha lo scopo di promuovere l internazionalizzazione delle imprese italiane. FEDERCHIMICA 2a Conferenza Nazionale N.I.C. Nanotecnologie nell Industria Chimica Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Le attività di Venture Capital di SIMEST Milano 2 dicembre

Dettagli

Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3. Ing. Stefano Turi Direttore Generale

Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3. Ing. Stefano Turi Direttore Generale Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3 Ing. Stefano Turi Direttore Generale Filas Presentazione Fondata il 27 gennaio 1975 Socio unico: Sviluppo Lazio Capitale sociale: 35.857.000,00 i.v. Iscrizioni: intermediario

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale numeri e considerazioni sull'esperienza pugliese Paolo D Addabbo Le imprese spin-off della ricerca pubblica:

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno.

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-VII-2006 C(2006) 3193 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 9/2006 - Italia Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. Signor Ministro,

Dettagli

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP START UP PHASES EARLY STAGE 1 2 3 FASE Seed Start up First Stage Bisogno di Capitale per: Ricerca / Prototipo Sviluppo prodotto + Approccio mercato Produzione

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Road show imprese per crescere

Road show imprese per crescere Road show imprese per crescere Il nuovo rapporto tra banca e cliente per evolvere Napoli, 27 aprile 2016 Finanza d Impresa e M&A Indice 1 Finanza d Impresa e cliente corporate: una collaborazione win-win

Dettagli

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Il Comitato Tecnico Scientifico selezioneràle migliori idee imprenditoriali Accompagnamento

Dettagli