COGENERAZIONE DIFFUSA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COGENERAZIONE DIFFUSA"

Transcript

1 COGENERAZIONE DIFFUSA Fiscalità ed agevolazioni sui combustibili utilizzati di Dott.Ing.Luca Iacomino Direttore U.T.F. di Milano

2 ACCISA: DEFINIZIONI Imposta indiretta sulla produzione e sui consumi che colpisce alcuni prodotti Sorge al momento della fabbricazione o importazione ed è esigibile all atto dell immissione in consumo

3 ACCISA: QUADRO NORMATIVO Le accise sono disciplinate dalle disposizioni del Decreto legislativo 26 ottobre 1995 n.504: Testo Unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali ed amministrative Il Decreto legislativo 26 ottobre 1995 n.504 è indicato, brevemente, come Testo Unico Accise (T.U.A.)

4 PRODOTTI SOTTOPOSTI AD ACCISA (art.21 T.U.A. Comma 1) Sono sottoposti ad accisa i seguenti prodotti: a) benzina; b) benzina senza piombo; c) petrolio lampante o cherosene; d) oli da gas o gasolio; e) oli combustibili; f )gas di petrolio liquefatti; g) gas metano

5 DEPOSITO E CIRCOLAZIONE DI OLI MINERALI ASSOGGETTATI AD ACCISA (art.12 T.U.A.) Comma 1: i prodotti assoggettati ad accisa.. circolano con un apposito documento di accompagnamento, analogo a quello previsto per la circolazione intracomunitaria [D.A.S. reg.cee n.3649/92]..

6 DEPOSITO E CIRCOLAZIONE DI OLI MINERALI ASSOGGETTATI AD ACCISA (art.25 T.U.A.) Comma 1: Gli esercenti depositi commerciali di oli minerali assoggettati ad accisa devono denunciarne l esercizio all U.T.F. competente per territorio, qualunque sia la capacità Comma 2: Sono altresì obbligati alla denuncia di cui al comma 1, gli esercenti depositi per uso privato, agricolo ed industriale di capacità superiore a 25 mc

7 DEPOSITO E CIRCOLAZIONE DI OLI MINERALI ASSOGGETTATI AD ACCISA (art.25 T.U.A.) Comma 4: Gli esercenti impianti e depositi soggetti all obbligo della denuncia sono muniti di licenza, valida fino a revoca e sono obbligati a contabilizzare i prodotti in apposito registri di carico e scarico

8 DEPOSITO E CIRCOLAZIONE DI OLI MINERALI ASSOGGETTATI AD ACCISA (art.25 T.U.A.) Comma 8: Gli oli minerali assoggettati ad accisa devono circolare con il documento di accompagnamento previsto dall art.12. Sono esclusi da tale obbligo gli oli minerali trasferiti in quantità non superiore a kg a depositi non soggetti a denuncia ai sensi del presente articolo ed i gas di petrolio liquefatti per uso combustione trasferiti dagli esercenti la vendita al minuto.

9 USI AGEVOLATI (Tabella A del T.U.A.) Impieghi degli oli minerali che comportano l esenzione dall accisa o l applicazione di un aliquota ridotta, sotto l osservanza delle norme prescritte Punto 11. Produzione, diretta o indiretta, di energia elettrica, con impianti obbligati alla denuncia prevista dalle disposizioni che disciplinano l imposta di consumo sull energia elettrica

10 ALIQUOTE USI AGEVOLATI (punto 11 Tabella A del T.U.A.) Metano: 0, (lire 0,87) per mc G.p.l.: 0,6817 (lire 1.320) per 1000kg Gasolio: 12,72601 (lire ) per 1000 litri Olio combustibile: 15,33154 (lire ) per 1000kg In caso di autoproduzione le aliquote sono ridotte al 30%, quale che sia il combustibile impiegato

11 ALIQUOTE ATTUALMENTE VIGENTI Gasolio.Usato come riscaldamento: 403,21 per 1000kg Metano Per combustione usi industriali: 0, (24,2 lire) per mc Per combustione usi civili: aliquote agevolate per cottura cibi e produzione di acqua calda, 0,04 per mc; per consumi superiori a 250mc e per altri usi civili 0,4 (335 lire) per mc.

12 DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER IL GAS METANO (art.26 T.U.A.) Comma 1: E sottoposto ad accisa il gas metano destinato all autotrazione ed alla combustione per usi civili e per usi industriali

13 DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER IL GAS METANO (art.26 T.U.A.) Nota al comma 1: Si considerano compresi negli usi industriali gli impieghi del gas metano nel teleriscaldamento alimentato da impianti di cogenerazione che hanno le caratteristiche tecniche indicate all art.11, comma 2, lettera b) della legge 9 gennaio 1991, n.10, anche se riforniscono utenze civili.

14 CONDIZIONI FISCALI PER LA COGENERAZIONE Dall art.11, comma 2, lettera b) della legge 9 gennaio 1991, n.10, e successive interpretazioni si ha che un impianto è considerato di cogenerazione, dal punto di vista fiscale, quando, su base annuale, l energia elettrica erogata è pari almeno al 10% dell energia termica fornita all utenza

15 GAS METANO PER MICRO COGENERAZIONE Circolare Agenzia delle Dogane prot Trattamento fiscale del gas metano impiegato nella microcogenarazione (su quesito dell ENEL produzione S.p.a.)

16 GAS METANO PER MICRO COGENERAZIONE - CONDIZIONI Potenza micro turbine: kw Rispetto delle condizioni fiscali di cogenerazione La Società esercente ha natura industriale e mantiene la proprietà delle turbine, gestisce le caldaie di integrazione, acquista il gas metano e l energia elettrica di integrazione, vende l energia termica ed elettrica prodotta Riconoscimento previsto dall art.4 della delibera 42/02 dell Autorità energia elettrica e gas

17 GAS METANO PER MICRO COGENERAZIONE - CONDIZIONI Delibera 42/02 dell Autorità per l energia elettrica ed il gas. Tra i parametri fissati per tale riconoscimento vengono individuati, fra l altro, l indice di efficienza energetica (IRE) ed il limite tecnico (L.T.) rispetto ai quali le micro turbine avrebbero valori di gran lunga migliori di quelli fissati dalla stessa Autorità

18 GAS METANO PER MICRO COGENERAZIONE CONCLUSIONI Il gas metano, afferente il calore prodotto negli impianti di micro-generazione e trasferito agli utenti finali, può essere considerato impiegato in usi industriali, attraverso un sistema di teleriscaldamento, a servizio anche di utenze civili, come espressamente previsto dall art.26 del T.U.A.

19 FISCALITA METANO PER MICRO COGENERAZIONE ESEMPIO V consumato Contatore metano Micro cogeneratore Contatore e.elettrica e elettrica e termica V = 0, 250 smc elettrico e elettrica Se kwh Vconsumato V elettrico V consumato > V elettrico Aliquota produzione energia elettrica: 0,87 lire/smc Aliquota industriale: 24 lire/smc

20 Circolare D.G.D. n. 42 del Provv.mento CIP n 3/1988 del Conferma il concetto del consumo specifico di combustibile equivalente riconosciuto per l energia elettrica prodotta dall ENEL nelle proprie centrali.

21 Circolare 42/ 89 Per la produzione promiscua di energia elettrica e calore, in caso di impiego di gas metano, applicando un criterio di forfetizzazione, viene riconosciuto un consumo specifico di 0,250 mc di gas metano per kwh di energia elettrica prodotta

22 IMPOSTA DI CONSUMO SULLA ENERGIA ELETTRICA, T.U.A. Art. 52 Oggetto dell imposizione ed agevolazioni Art. 53 Denuncia di officina e licenza Art. 54 Definizione Officina Art. 55 Accertamento e liquidazione imposta Art 56 Versamento imposta Art 57 Garanzie Art 60 Addizionali dell imposta

Reti di teleriscaldamento alimentate da

Reti di teleriscaldamento alimentate da Fiscalità energetica: Reti di teleriscaldamento alimentate da impianti di cogenerazione Approfondimento tecnico con l Agenzia delle Dogane sugli aspetti normativi, tecnici e procedurali per gli impianti

Dettagli

Direzione Regionale per la Lombardia

Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Cogenerazione ad alto rendimento: novità e prospettive di sviluppo Aspetti fiscali legati alla cogenerazione ANGELINI GIUSEPPE

Dettagli

Semplificazioni per impianti di micro cogenerazione ad alto rendimento Pubblicazione Decreto ministeriale Comunicazione.

Semplificazioni per impianti di micro cogenerazione ad alto rendimento Pubblicazione Decreto ministeriale Comunicazione. Roma, 24 gennaio 2012 Protocollo: 9982 / R.U. Alle Direzioni Interregionali, regionali e provinciali Rif.: Agli Uffici delle dogane Allegati: 1 LORO SEDI OGGETTO: Semplificazioni per impianti di micro

Dettagli

Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia

Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia Free Energy S.r.l. Andiamo Oltre! Consulenza in materia di costi di acquisto dell energia FREE ENERGY S.r.l. può affiancare imprese ed Enti consumatori di energia sul Mercato Libero dell'energia, alla

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche. Relatore: Ing. G. Velleca

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche. Relatore: Ing. G. Velleca Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche Relatore: Ing. G. Velleca 1 L Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, tra gli altri compiti istituzionali, è competente

Dettagli

Roma, 29 aprile 2003. Quesito

Roma, 29 aprile 2003. Quesito RISOLUZIONE N. 97/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 aprile 2003 Oggetto: Istanza d interpello. Trattamento Iva da riservare alle forniture di gas metano per uso domestico erogato promiscuamente

Dettagli

ELETTROGREEN POWER S.r.l.

ELETTROGREEN POWER S.r.l. Defiscalizzazione accise Latina, 18 settembre 2012 Marco Broccardo LA NORMATIVA IN TEMA DI ACCISE Norma principale Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n.504 Testo Unico delle Accise (TUA) Legge n.44/2012;

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL 01 GENNAIO 2012

AGGIORNAMENTO DEL 01 GENNAIO 2012 ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE AGGIORNAMENTO DEL 01 GENNAIO 2012 come da prospetto della DIREZIONE CENTRALE GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTI CON GLI UTENTI La presente tabella ha carattere

Dettagli

Aggiornamento al 1 gennaio 2015

Aggiornamento al 1 gennaio 2015 Ufficio accise sui prodotti energetici e alcolici e altre imposizioni indirette 00143 ROMA, Via Mario Carucci, 71 Telefono +39 06 50246556 Fax +39 06 50245372 - e-mail: dogane.legislazioneaccise.prodottienergetici@agenziadogane.it

Dettagli

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza:

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza: M I N U T A Roma, 06 settembre 2011 Protocollo: 75649 / R.U. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Rif.: Allegati: Agli Uffici delle dogane e, per conoscenza: Loro sedi Alla Direzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL 5/01/2015

AGGIORNAMENTO DEL 5/01/2015 ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE AGGIORNAMENTO DEL 5/01/2015 come da prospetto della DIREZIONE CENTRALE GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTI CON GLI UTENTI La presente tabella ha carattere esclusivamente

Dettagli

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE. Aggiornamento al 1 marzo 2014

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE. Aggiornamento al 1 marzo 2014 Ufficio accise sui prodotti energetici e alcolici e altre imposizioni indirette 00143 ROMA, Via Mario Carucci, 71 Telefono +39 06 50246556 Fax +39 06 50245372 - e-mail: dogane.legislazioneaccise.prodottienergetici@agenziadogane.it

Dettagli

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE - ANNO 2009

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE - ANNO 2009 ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE - ANNO 2009 ACCISA SUI PRODOTTI ENERGETICI E SULL'ENERGIA ELETTRICA Prodotti Uso carburazione Uso combustione per riscaldamento Usi civili Usi industriali

Dettagli

F A X. Roma, 30 giugno 2001

F A X. Roma, 30 giugno 2001 F A X Roma, 30 giugno 2001 Prot. n. 1721 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Ai Laboratori Chimici

Dettagli

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713)

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713) Roma, 2 gennaio 2008 Protocollo: 1/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative.

Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative. Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 Gazzetta Ufficiale 29 novembre 1995, n. 279 Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni

Dettagli

Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici

Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici Impieghi agevolati ed usi non tassati: Le norme e le procedure Brescia, 11 dicembre 2014 Relatore Ing. Fabio Di Fede Programma dell incontro

Dettagli

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE. Aggiornamento al 1 gennaio 2012

ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE. Aggiornamento al 1 gennaio 2012 00143 ROMA, Via Mario Carucci, 71 Telefono +39 06 50246556 Fax +39 06 50245372 - e-mail: dogane.tributi.esenzioni@agenziadogane.it ALIQUOTE DI IMPOSTA VIGENTI NEL SETTORE DELLE ACCISE Aggiornamento al

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504

DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504 DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504 Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative. Vigente al: 8-10-2014

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA (cogenerazione)

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA (cogenerazione) Spazio riservato per il protocollo di VUS COM SRL Spett.le VUS COM SRL Viale IV Novembre, 20 06034 FOLIGNO (PG) Mod. H (produzione di energia elettrica) rev.00 RICHIESTA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO: PROSPETTIVE, APPLICAZIONI E VANTAGGI per le IMPRESE

COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO: PROSPETTIVE, APPLICAZIONI E VANTAGGI per le IMPRESE COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO: PROSPETTIVE, APPLICAZIONI E VANTAGGI per le IMPRESE Convegno Mercoledì 29 ottobre 2014, ore 15.00 18.00 Sede: Confindustria Mantova, via Portazzolo n. 9 ASPETTI FISCALI

Dettagli

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015 Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 Introduzione al mondo delle ACCISE Breve storia sulle accise; dalle Imposte di Fabbricazione alle accise

Dettagli

Liberalizzazione delle operazioni di denaturazione

Liberalizzazione delle operazioni di denaturazione 12 Novembre 2008 Assemblea plenaria Unichim d.ssa Marina Petrucci Area Centrale Verifiche e Controlli Tributi Doganali e Accise Laboratori Chimici Direttore Ufficio Metodologie e Tecnologie chimiche Testo

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

--------------------------------------------

-------------------------------------------- D.L. 28 dicembre 2001, n. 452 Disposizioni urgenti in tema di accise, di gasolio per autotrazione, di smaltimento di oli usati, di giochi e scommesse, nonchè sui rimborsi IVA, sulla pubblicità effettuata

Dettagli

ENERGINDUSTRIA. Il mercato del gas e la contrattualistica. L imposizione fiscale sul gas naturale. Vicenza, 29 marzo 2012

ENERGINDUSTRIA. Il mercato del gas e la contrattualistica. L imposizione fiscale sul gas naturale. Vicenza, 29 marzo 2012 ENERGINDUSTRIA Il mercato del gas e la contrattualistica L imposizione fiscale sul gas naturale Vicenza, 29 marzo 2012 Normativa nazionale di riferimento D.Lgs.26 ottobre 1995 n. 504 -Testo Unico Accise

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE

PREZZI AL CONSUMO DEI PRODOTTI PETROLIFERI RILEVATI NELLA PROVINCIA DI GENOVA DALL'APPOSITA COMMISSIONE QUOTAZIONI MEDIE RIFERITE AL PERIODO 15-31 DICEMBRE 2012 - da 0 a 1.000 litri il litro 1,664 1,674 - da 1.001 a 2.000 litri il litro 1,653 1,663 - da 2.001 a 5.000 litri il litro 1,640 1,650 - da 5.001

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

Modalità di applicazione della disciplina delle accise sull energia elettrica per i Sistemi Efficienti d Utenza

Modalità di applicazione della disciplina delle accise sull energia elettrica per i Sistemi Efficienti d Utenza Sistemi Efficienti d Utenza SEU Aspetti regolatori, fiscali e operativi Seminario organizzato da Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico, Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. e. Modalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

Microcogenerazione. Cogenerazione

Microcogenerazione. Cogenerazione Microcogenerazione Ing. Emilio Ghiani Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Cogenerazione Cogenerazione: generazione simultanea in un unico processo di energia termica

Dettagli

2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria. Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A.

2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria. Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A. 2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A. Definizioni Il Decreto Legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione, prevede un determinato obiettivo:

Dettagli

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione Università di Ferrara GIORNATA DI STUDIO Cogenerazione distribuita per applicazioni civili e residenziali Ferrara, 5 dicembre 2007 I vantaggi energetici ed ambientali della piccola e micro cogenerazione

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti di Bologna

Ordine dei Dottori Commercialisti di Bologna Ordine dei Dottori Commercialisti di Bologna 20 Giugno 2007 La fiscalità energetica dopo la riforma Ing. Giuseppe Tortora Avv. C. Sandro Morana Le ACCISE dal medioevo Accisia, Taglia..tra le più antiche

Dettagli

Rivista Italiana del Petrolio Srl Largo Luigi Antonelli, 30-00145 Roma Tel. +39 06 5741208 - Fax +39 06 5754906 www.staffettaonline.

Rivista Italiana del Petrolio Srl Largo Luigi Antonelli, 30-00145 Roma Tel. +39 06 5741208 - Fax +39 06 5754906 www.staffettaonline. 2 STAFFETTA QUOTIDIANA SPECIALE REGIME DEI CALI E DELLE ECCEDENZE Rivista Italiana del Petrolio Srl Largo Luigi Antonelli, 30-00145 Roma Tel. +39 06 5741208 - Fax +39 06 5754906 www.staffettaonline.it

Dettagli

L energia elettrica, le fonti rinnovabili e l Agenzia delle Dogane

L energia elettrica, le fonti rinnovabili e l Agenzia delle Dogane L energia elettrica, le fonti rinnovabili e l Agenzia delle Dogane Grafica e stampa: EFFE E ERRE (TN) Introduzione 3 Il ruolo dell Agenzia delle Dogane 3 L Accisa 4 1. L energia elettrica 4 2. I biocarburanti

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910)

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910) Roma, 25.02.2008 Protocollo: 535/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

POMPE DI CALORE A.C.S.

POMPE DI CALORE A.C.S. GUIDA PRATICA POMPE DI CALORE A.C.S. Sintesi delle cose da sapere Rev. 02 06 Nov. 2013 Pagina : 1/6 Pompe di Calore per Acqua Calda Sanitaria (ACS) Generalità Le pompe di calore per Acqua Calda Sanitaria

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE

Libretto di impianto: la scheda 12. Libretto di impianto: la scheda 13 Libretto di impianto: la scheda 14.1. Compilazione a cura del MANUTENTORE Libretto di impianto: la scheda 11.2 Libretto di impianto: la scheda 12 NOTA BENE Se la prima verifica effettuata a cura dell'installatore è avvenuta con funzionamento in modalità "RISCALDAMENTO", tutte

Dettagli

Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato

Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato TIS - Bolzano, 19 novembre 2010 Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato Dr. Ing. Arianna Villotti Definizione di impianto termico Distinzione fra impianti termici Riferimenti normativi

Dettagli

IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO

IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO UFFICIO DELLE DOGANE DI PESCARA Direttore Ing. Gennaro Caliendo IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO Normativa di base Pescara, 25 giugno 2012 1 Ing. Fausto Palmaroli fausto.palmaroli@agenziadogane.it

Dettagli

La cogenerazione ad alto rendimento

La cogenerazione ad alto rendimento La cogenerazione ad alto rendimento Convegno Cogena-FIRE, KeyEnergy Dario Di Santo - FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che

Dettagli

Latina 23 Giugno 2014

Latina 23 Giugno 2014 Latina 23 Giugno 2014 ORDINE DEGLI INGEGNERI DI LATINA Cogenerazione: incentivi e normative: opportunità, vincoli, stato dell arte e sviluppi del settore UN PROGRAMMA COMPLETO Viessmann Werke UN PROGRAMMA

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

M I N U T A IL DIRETTORE

M I N U T A IL DIRETTORE M I N U T A Prot. 140839 / R.U. IL DIRETTORE Visto il testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative approvato

Dettagli

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 30 giugno 2003 Protocollo: Rif.: Allegati: 3265/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI RISOLUZIONE N.4/D Roma, 21 agosto 2002 Protocollo: 2423 Rif.: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane - TUTTE Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI Allegati: Agli Uffici delle Dogane di

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

PROCEDURA PER IL RICONOSCIMENTO DELL ESCLUSIONE DALLA TASSAZIONE MODALITA DI FRUIZIONE

PROCEDURA PER IL RICONOSCIMENTO DELL ESCLUSIONE DALLA TASSAZIONE MODALITA DI FRUIZIONE PROCEDURA PER IL RICONOSCIMENTO DELL ESCLUSIONE DALLA TASSAZIONE MODALITA DI FRUIZIONE Giorgio De Luca Ufficio delle Dogane di Brescia S.O.T. di Cremona Milano, 12 aprile 2011 Le disposizioni di cui ai

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali -

La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali - La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali - C. M. Invernizzi Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale - Università degli Studi di Brescia - via Branze, 38 Centrale a biomassa

Dettagli

RN = a RL = RNt + RNf + RNe

RN = a RL = RNt + RNf + RNe Scheda tecnica n. 21T Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria 1. ELEMENTI

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2001

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2001 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2001 1. GENERALITÀ Ciascun deposito fiscale è identificato da un Codice Accisa

Dettagli

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto INFORMATIVA PER; L ESERCIZIO,CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Stagione termica 2014-2015 La Provincia Regionale di Palermo oggi libero

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

LA MICRO COGENERAZIONE

LA MICRO COGENERAZIONE WORKSHOP RISPARMIO ENERGETICO: STRUMENTO PER LA COMPETITIVITA LA MICRO TRIGENERAZIONE DISTRIBUITA SILVANO PIPPAN Palazzo Torriani 7 novembre 2007 LA MICRO TRIGENERAZIONE DISTRIBUITA DEFINIZIONI Per,, si

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell

MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell Paolo Baggio - UNITN P. Baggio - Borgo - nov. 2013 1 Perché la Cogenerazione Co-generazione = produzione combinata di calore ed energia elettrica

Dettagli

ELENCO DISPOSIZIONI VIGENTI RECANTI ESENZIONI O RIDUZIONI DEL PRELIEVO OBBLIGATORIO (articolo 21, comma 11 - lett.a) Legge n.

ELENCO DISPOSIZIONI VIGENTI RECANTI ESENZIONI O RIDUZIONI DEL PRELIEVO OBBLIGATORIO (articolo 21, comma 11 - lett.a) Legge n. ELENCO DISPOSIZIONI VIGENTI RECANTI ESENZIONI O RIDUZIONI DEL PRELIEVO OBBLIGATORIO (articolo 21, comma 11 - lett.a) Legge n.196/09) N. Norma di riferimento Descrizione Termine vigenza (anno d'imposta)

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Imola, 8 marzo 2012 COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Corso esclusivo di Alta Formazione con il Ministero dello Sviluppo Economico Dalle ore 9.30 alle ore 18.30 Sede di via Cavour 94 IMOLA (BO) Con il patrocinio

Dettagli

Considerazioni sulla nuova normativa della cogenerazione

Considerazioni sulla nuova normativa della cogenerazione Fiera Key Energy, Rimini, 10 Novembre 2011 Considerazioni sulla nuova normativa della cogenerazione L. Mazzocchi Il quadro normativo europeo Direttiva 2004/8/EC: definisce i criteri per la Cogenerazione

Dettagli

IL MICRO-COGENERATORE MCHP AISIN

IL MICRO-COGENERATORE MCHP AISIN BENVENUTI IL MICRO-COGENERATORE MCHP AISIN ARGOMENTI DELL INCONTRO PROFILO SOCIETARIO COGENERAZIONE MICRO COGENERAZIONE MCHP MODULANTE AISIN COLLEGAMENTO ALLA RETE FUNZIONAMENTO ED IMPIANTI TIPO KIT ANTIBLACKOUT

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

ACCISA. L accisa è una imposta indiretta dovuta sulla produzione e sui consumi di alcuni prodotti (anche energia elettrica).

ACCISA. L accisa è una imposta indiretta dovuta sulla produzione e sui consumi di alcuni prodotti (anche energia elettrica). ACCISA L accisa è una imposta indiretta dovuta sulla produzione e sui consumi di alcuni prodotti (anche energia elettrica). Il controllo fiscale e la gestione delle accise è demandata all Agenzia delle

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di impianti

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE 1 IMPIANTI SOSTENIBILI Sostenibilità: equilibrio fra il soddisfacimento delle esigenze presenti, senza compromettere la possibilità delle

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA 1. 2. 3. IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA PAUSA LA BIOMASSA LE CALDAIE A CIPPATO LE CALDAIE A PELLET LE

Dettagli

C.R. ENEA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA. Efficienza energetica e basse emissioni in atmosfera

C.R. ENEA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA. Efficienza energetica e basse emissioni in atmosfera 29 ottobre 2008 Workshop Italiano sull ecobuilding C.R. ENEA Aula Magna - Via Martiri di Monte Sole, 4- BOLOGNA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA Efficienza energetica e basse emissioni

Dettagli

SCAGLIONE. fino a 120 0,044. da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038. da 481 a 1.560 0,120 oltre 1.

SCAGLIONE. fino a 120 0,044. da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038. da 481 a 1.560 0,120 oltre 1. IMPOSTE/ACCISE -GAS NATURALE ( ANN0 2014) ACCISA SCAGLIONE ACCISA (Smc/Anno) ( /Smc) fino a 120 0,044 CIVILE da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038 TERRITORI DI CUI

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

Il BOLLINO CALORE PULITO.

Il BOLLINO CALORE PULITO. ALLEGATO D SCADENZE TEMPORALI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE D.Lgs. 192/05 e smi Allegato L Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna n 156/2008. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2005

Roma, 30 dicembre 2005 Roma, 30 dicembre 2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 4857/V/AGT Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici

Dettagli

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti Nuovi Decreti Impianti Termici Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti 1.1 Ambiti di intervento e finalità Definizioni: Esercizio: attività che dispone e coordina, nel

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 34/D Roma, 1 luglio 2004 Protocollo: 4053 Rif.: Allegati: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE. Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete

REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE. Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete Torna al programma REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete Pagina 1 Cogenerazione: principali

Dettagli

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio Fabio Pedrazzi - ANIE Bologna, 23/10/2014 LO SVILUPPO DELLA NORMA 11522 Il CIG ha dato corso allo sviluppo di una Norma sulla

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

78308 RU Alle Direzioni interregionali e regionali

78308 RU Alle Direzioni interregionali e regionali CIRCOLARE 12/D Roma, 25 luglio 2014 Protocollo: Rif.: 78308 RU Alle Direzioni interregionali e regionali Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Allegati: e, per conoscenza: LORO SEDI All Autorità

Dettagli

L.R. 30/2002 art.2, c.1, lett. e), art. 3, c.1, lett. f), B.U.R. 7/1/2004, n. 1 punti 1) e 5) e art. 14, c.2.

L.R. 30/2002 art.2, c.1, lett. e), art. 3, c.1, lett. f), B.U.R. 7/1/2004, n. 1 punti 1) e 5) e art. 14, c.2. L.R. 30/2002 art.2, c.1, lett. e), art. 3, c.1, lett. f), B.U.R. 7/1/2004, n. 1 punti 1) e 5) e art. 14, c.2. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 dicembre 2003, n. 0435/Pres. Regolamento di esecuzione

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto 2. Sono approvati gli allegati IV, V, VI e VII, recanti integrazioni al metodo di calcolo dell energia da cogenerazione ad alto rendimento, relativamente a: a) allegato IV - valori di rendimento di riferimento

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

Cosa è la cogenerazione: tipologia, storia e tecnologia Soluzioni di Microcogenerazione e Cogenerazione a gas naturale Incentivazioni con

Cosa è la cogenerazione: tipologia, storia e tecnologia Soluzioni di Microcogenerazione e Cogenerazione a gas naturale Incentivazioni con Cosa è la cogenerazione: tipologia, storia e tecnologia Soluzioni di Microcogenerazione e Cogenerazione a gas naturale Incentivazioni con defiscalizzazione del combustibile, scambio sul posto, certificati

Dettagli