DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO"

Transcript

1 indice 1. Dalla restaurazione alle rivoluzioni del L affermazione della società borghese 3. L Italia dopo l unità Gli stati europei durante la restaurazione 1.2 Il dibattito politico durante la restaurazione 2.1 Il boom economico La nascita del movimento operaio 3.1 La nascita del nuovo stato 3.2 I problemi della società italiana 1.3 I primi moti rivoluzionari 2.3 L Inghilterra vittoriana 3.3 I problemi dell economia italiana 1.4 La rivoluzione del I liberali italiani dopo la rivoluzione del Lo sviluppo industriale e il movimento operaio 1.7 Le rivoluzioni del Il 1848 in Italia 2.4 Francia e Germania dal 1850 al Gli imperi dell Europa orientale 2.6 Gli Stati Uniti verso l industrializzazione 2.7 L Italia dopo la crisi del L unificazione nazionale italiana 3.4 Verso un modello di paese industriale La crisi della rivoluzione in Europa..

2 1.1 Gli stati europei durante la restaurazione Una restaurazione impossibile. In seguito al congresso di Vienna l Europa sembrava avere riacquistato l assetto politico precedente al periodo napoleonico: i vecchi sovrani erano ritornati sui loro legittimi troni e le libertà conquistate dai popoli sull onda della rivoluzione francese del 1789 erano state totalmente cancellate. Un rigido sistema di polizia e ferree alleanze internazionali furono istituiti dalle monarchie vittoriose perché gli equilibri della Restaurazione fossero garantiti. Ma non pochi problemi rimasero senza soluzione; soprattutto le aspirazioni nazionalistiche dell Italia, della Polonia e della Germania, a cui si aggiungevano i fermenti autonomistici delle popolazioni balcaniche, minacciavano questo rigido ritorno al passato. D altro canto, nei singoli stati europei, con l unica eccezione dell impero austriaco, il ritorno al passato fu meno drastico di quanto apparisse. In Inghilterra e in Francia, infatti, rimasero forme di controllo costituzionale che comunque limitavano l assolutismo monarchico. Tutte queste contraddizioni mostravano quindi con chiarezza che una pura e semplice restaurazione era impossibile. 1.2 Il dibattito politico durante la restaurazione Comincia a formarsi un vasto movimento di opposizione alla Restaurazione. Il congresso di Vienna non aveva tenuto in alcuna considerazione le aspirazioni all indipendenza nazionale che molti popoli europei avevano manifestato. Italiani, tedeschi, polacchi e slavi non potevano certo dirsi soddisfatti delle decisioni prese a Vienna: Queste decisioni li condannavano ad essere divisi e talvolta soggetti a governi stranieri. Il congresso di Vienna aveva deluso anche quei ceti borghesi, formati da imprenditori, commercianti e intellettuali, che si erano formati ed erano cresciuti durante il periodo napoleonico. Questi ceti avevano fatto proprie alcune idee della rivoluzione francese e avevano aderito al liberalismo. I liberali si opponevano alle monarchie assolute restaurate dal congresso di Vienna e lottavano per ottenere la partecipazione della borghesia al governo. I movimenti nazionalistici e liberali vennero duramente repressi dai governi autoritari della Restaurazione e furono costretti a organizzarsi in società segrete. La loro presenza politica era ancora debole, ma era il segno che un vasto movimento di opposizione alla Restaurazione aveva incominciato a formarsi. 2 / 12

3 1.3 I primi moti rivoluzionari Nella periferia del sistema scoppiano le prime rivoluzioni. Negli anni venti del XIX secolo scoppiarono in numerosi stati dell Europa diversi moti rivoluzionari. In Spagna, nel napoletano e in Piemonte queste insurrezioni avevano l obiettivo di introdurre delle costituzioni liberali. Dopo una prima fase vittoriosa, tutte queste insurrezioni vennero duramente represse. Più o meno negli stessi anni altri moti scoppiarono in Grecia e nell America del Sud. L obiettivo stavolta era l indipendenza nazionale. In entrambi i casi la lotta fu coronata da successo. Al di là della loro riuscita, i moti scoppiati per ottenere la costituzione o l indipendenza nazionale avevano un punto in comune: erano avvenuti alla periferia del sistema delle grandi potenze. In altre parole, i grandi stati europei non erano stati toccati dalle rivoluzioni. L Austria si era presa il compito di reprimere molti di questi moti, ma non ne era stata coinvolta. La Francia e l Inghilterra avevano sostenuto la lotta degli indipendentisti greci, ma questa guerra non le riguardava direttamente. Cosa avrebbe potuto accadere nel momento in cui le rivoluzioni fossero scoppiate in Francia e in Austria? 1.4 La rivoluzione del Si forma un blocco di potenze liberali. Nel le rivoluzioni erano scoppiate in aree abbastanza periferiche del sistema internazionale: la Spagna, l Italia meridionale, la Grecia. Nel , invece, le rivoluzioni scoppiarono nel cuore del sistema internazionale, in Francia, o in punti nevralgici come il Belgio, la Polonia, l Italia del Nord. In Polonia e in Italia l esito dei moti fu totalmente negativo; ma in Belgio e soprattutto in Francia le forze liberali e nazionali conseguirono la vittoria. Nel , a differenza di dieci anni prima, non fu possibile un puro e semplice ritorno al passato. In Francia, Belgio Grecia, l assetto europeo stabilito a Vienna era stato superato e governi costituzionali avevano sostituito le vecchie monarchie. L unità d intenti tra le grandi potenze venne meno. Si delinearono così due blocchi: da un lato le potenze liberali, Francia e Inghilterra, dall altro gli stati assolutistici, Austria, Prussia e Russia. Questa frattura internazionale favorì notevolmente l azione delle forze d opposizione liberale che ora potevano sperare nell appoggio o nella benevola neutralità di due potenti stati. 3 / 12

4 1.5 I liberali italiani dopo la rivoluzione del 1831 Quindici anni di tentativi falliti. In Italia la rivoluzione del 1831 era miseramente fallita. Dopo questa sconfitta il movimento liberale italiano si era dato un nuovo obiettivo politico: l unità nazionale. Intorno a questo obiettivo si erano formate due correnti politiche. La prima era quella dei moderati, che pensavano che l unità d Italia dovesse essere realizzata dai sovrani e dai ministri. La seconda era quella dei radicali e dei democratici, che sostenevano che l unità si potesse conseguire solo con la partecipazione e la lotta del popolo. Per circa quindici anni, dal 1830 al 1845, il movimento democratico italiano avviò continui tentativi per far scoppiare una rivoluzione popolare, prima nelle città del Nord, poi nelle campagne del Sud. Uno dopo l altro tutti questi tentativi terminarono con dei fallimenti. Ma se i democratici avevano fallito, i moderati non si erano neppure mossi. I loro progetti di unità guidata dal papa o dai Savoia apparivano lontani e confusi. Il tema dell unità nazionale si era diffuso nella coscienza di molti italiani, ma la sua realizzazione appariva estremamente difficile. 1.6 Lo sviluppo dell industria e del movimento operaio Uno sviluppo economico con una contraddizione di fondo. Gli anni precedenti il 1848 videro uno eccezionale sviluppo economico in Europa. L Inghilterra era il paese di gran lunga più industrializzato, ma anche in Germania, Austria, Francia e Belgio il processo d industrializzazione compì notevoli passi avanti, allargandosi poi gradualmente al resto d Europa. Questa fase di grande espansione era però percorsa da notevoli contraddizioni economiche e sociali. La maggior contraddizione era interna al sistema stesso: la capacità di sviluppo dell industrializzazione europea si basava infatti sulla possibilità di pagare poco la forza lavoro; solo in questa maniera gli industriali europei potevano mettersi in concorrenza con la già affermata industria inglese. Ma, conseguentemente, le basse paghe dei lavoratori riducevano le possibilità di consumo. 4 / 12

5 La situazione arrivò ad un punto critico nel , in concomitanza con una crisi agraria. I lavoratori dovevano impiegare tutto il loro reddito per comperare gli alimenti e non potevano più acquistare prodotti industriali. Non riuscendo a vendere i loro prodotti, molte industrie fallirono e aumentò la disoccupazione. 1.7 Le rivoluzioni del 1848 Negli stessi giorni scoppiarono tre rivoluzioni diverse. Tra il febbraio e l aprile del 1848 mezza Europa fu sconvolta da rivoluzioni. In Francia, nell impero austriaco e in Germania i governi furono rovesciati. Queste tre rivoluzioni però avevano delle caratteristiche e delle motivazioni molto diverse. In Francia la rivoluzione scoppiò soprattutto per cause sociali ed economiche. Una crisi economica nel creò molto malcontento. La borghesia tolse il suo sostegno alla monarchia e si formò una nuova alleanza tra borghesia e classi lavoratrici. Questa alleanza era abbastanza instabile, ma fu in grado di sostenere per qualche mese un governo repubblicano. In Austria la rivoluzione scoppiò per rivendicare l autonomia delle varie nazionalità: ceche, ungheresi e italiane. In Germania la rivoluzione mirava soprattutto a raggiungere l unità nazionale, a unificare cioè i molti staterelli in cui era diviso il territorio tedesco. 1.8 Il 1848 in Italia La prima guerra per l indipendenza. Dalla Francia, la rivoluzione si estese rapidamente a tutta l Europa, sostenuta dalle spinte indipendentiste e nazionaliste dei diversi stati. In Italia, mentre il movimento liberale si espandeva ovunque riuscendo a ottenere le prime riforme istituzionali, insorsero vittoriosamente contro gli austriaci le città di Venezia e Milano, sostenute da un vasto movimento patriottico e nazionale. L aristocrazia e la borghesia liberale incominciavano a preoccuparsi per la piega radicale che il movimento patriottico stava assumendo; perciò spinsero Carlo Alberto di Savoia a mettersi a capo della rivolta, dichiarando guerra agli austriaci. Era la prima guerra che veniva combattuta per l indipendenza nazionale. Il suo esito fu completamente negativo: Carlo Alberto fu sconfitto militarmente e i moderati che lo avevano sostenuto vennero letteralmente spazzati via dagli austriaci. 5 / 12

6 Però era una nuova via che si stava aprendo, diversa da quella delle società segrete o della Giovane Italia. Il 1848 in Italia, come nel resto d Europa, stava aprendo nuove speranze e nuove prospettive. 1.9 La crisi della rivoluzione in Europa La borghesia ha vinto la sua rivoluzione. Con la caduta della Repubblica Veneta si chiuse un biennio rivoluzionario senza precedenti nella storia dell Europa postnapoleonica. In tutta Europa i governi rivoluzionari erano stati abbattuti. Possiamo allora dire che tutte le forze rivoluzionarie erano state sconfitte? Nient affatto. Erano stati sconfitti i democratici e i radicali, erano stati sconfitti quei ceti popolari che avevano partecipato alla rivoluzione. Ma la borghesia, che aveva guidato la rivoluzione, non era stata veramente sconfitta. A un Europa aristocratica, basata sul potere della grande proprietà terriera e dell alta finanza, se ne era sostituita un altra, il cui potere era nelle mani della nuova classe borghese. Questa aveva compiuto la sua rivoluzione: era diventata in quasi tutta Europa la classe dirigente. 2.1 Il boom economico Il trionfo del liberalismo e della borghesia. Si era dunque di fronte ad un mondo libero? Da un punto di vista economico certamente sì. Libertà in tutto: di comprare, di vendere, di costruire società e banche, di conquistare nuovi mercati. Si era finalmente realizzata l aspirazione alla libertà che aveva animato la lunga lotta dei ceti borghesi contro l immobilismo dei gruppi aristocratici terrieri. Negli stati dove erano ancora presenti, vennero aboliti gli ultimi segni dell oppressione feudale. In Austria come in Russia venne abolita formalmente la servitù della gleba e lo schiavismo scomparve dalla legislazione di tutti gli stati europei. Il "mondo nuovo" sognato dai liberali era sotto gli occhi di tutti. Un mondo più ricco, nel quale al dominio dei proprietari di terre, tipico della società preindustriale, si era sostituito quello dei proprietari delle industrie e delle banche. Alle grandi famiglie feudali si erano sostituite le nuove dinastie industriali come quella dei Rothschild dapprima in Germania e, in seguito, in Inghilterra; dei fratelli Mallet e Pereire in Francia; dei Krupp, degli Oppenheimer, degli Ottinger in Germania; dei Carnagie e dei Morgan in America. 6 / 12

7 La borghesia era diventata ormai a tutti gli effetti la classe dirigente. 2.2 La nascita del movimento operaio La classe operaia si organizza in movimento politico. La classe operaia si era venuta formando in Inghilterra durante la prima rivoluzione industriale. Dopo il 1850 la classe operaia cominciò a diffondersi anche negli altri paesi europei, assieme e contemporaneamente allo sviluppo delle industrie. Non si trattava però solo dell incremento del numero dei lavoratori che ne facevano parte. Allo stesso tempo cresceva anche la consapevolezza e la capacità politica dei lavoratori. Dopo il 1850 vari gruppi di operai cominciarono ad organizzarsi politicamente, a formare società di mutuo soccorso e di assistenza: la classe operaia diventava così, da un punto di vista politico, un movimento organizzato. Il movimento operaio inizialmente non si identificava col movimento socialista. Progressivamente tuttavia molte organizzazioni operaie aderirono alle teorie ed ai progetti politici del partito socialista. Il socialismo d altra parte non era un movimento politico unito e compatto. Tra i socialisti alcuni gruppi erano favorevoli a riforme graduali fatte dallo stato, altri ad un superamento del capitalismo, altri addirittura all abolizione dello stato. 2.3 L'Inghilterra vittoriana Il vantaggio di essere arrivati primi all'industrializzazione. Nella seconda metà dell Ottocento l Inghilterra era stata definita la "padrona del mondo". Anche se il suo sistema industriale non era più l unico esistente, l Inghilterra continuava ad essere la maggiore potenza economica mondiale. Il primato dell Inghilterra non si basava più solo sulla produzione industriale, ma anche sugli scambi economici e finanziari. Le ingenti ricchezze, ricavate durante il periodo della rivoluzione industriale, erano state investite nella formazione del suo immenso impero coloniale, un impero su cui si fondava la prosperità economica dell intera Inghilterra. Anche dal un punto di vista politico l Inghilterra poteva godere del vantaggio di essere la nazione più ricca del mondo. Lo stato, infatti, era in grado di realizzare riforme sociali; le lotte fra capitalisti e salariati erano meno accese rispetto agli altri paesi europei. 7 / 12

8 Il vantaggio dell Inghilterra consisteva, insomma, nell essere arrivata per prima all industrializzazione. 2.4 Francia e Germania dal 1850 al 1870 Francia e Germania sono le due maggiori potenze europee. Il congresso di Vienna, nel 1814, era stato un trionfo per l Austria e la Russia; la Germania non era riuscita a realizzare le sue speranze di unificazione nazionale; al contrario la Francia era riuscita a ridurre al minimo i danni derivanti dalla sconfitta subita da Napoleone I. All indomani della conclusione del congresso di Vienna dunque la Germania e la Francia avevano un ruolo di secondo piano rispetto a quello di Austria e Russia. Nel giro di mezzo secolo la situazione si rovesciò completamente. La Germania riuscì a realizzare l unificazione nazionale e dimostrò di avere l esercito più potente di tutto il continente europeo. La Francia sotto il regno di Napoleone III, raggiunse una notevole prosperità e un ruolo prioritario come potenza economica. E vero che, nello scontro diretto con la Germania, Napoleone III subì una durissima sconfitta, ma fu un unico episodio isolato. A questo punto Francia e Germania erano le due maggiori potenze del continente ed erano divise da una profonda rivalità. 2.5 Gli imperi dell'europa orientale Il peso dell'arretratezza economica. Nel 1814 Russia e Austria erano uscite da dominatrici dal congresso di Vienna. Dopo mezzo secolo esse subirono delle dure sconfitte: l Austria perse i domini italiani e il predominio sulla Germania; la Russia cercò di espandersi nei Balcani, ma dovette subire il veto di Francia e Inghilterra. A cosa era dovuto il declino dell Austria e della Russia? Principalmente a un fatto: a differenza dei paesi dell Europa occidentale, l Austria e la Russia non avevano avviato grandi processi di industrializzazione e la loro economia era rimasta molto arretrata. L arretratezza economica si collegava alla debolezza della borghesia, una borghesia debole non era in grado di imporre il cambiamento dello stato. 8 / 12

9 Russia e Austria avevano così uno stato assolutista, una società arretrata, un economia debole. Tutto questo spiega il loro declino anche politico fra le grandi potenze. 2.6 Gli Stati Uniti verso l'industrializzazione Una strada più facile verso l'industrializzazione. Verso la metà dell Ottocento gli Stati Uniti cominciarono a diventare una potenza industriale. Era un fenomeno che negli stessi anni avveniva anche in alcuni stati europei, come la Francia e la Germania. Negli Stati Uniti però solo la via dell industrializzazione fu più agevole che in Europa, perché era facilitata da alcune condizioni naturali e da alcune vicende storiche. Gli Stati Uniti erano un paese molto ricco di risorse naturali, come minerali e fonti energetiche. La terra era inoltre abbondantissima e forniva una produzione agricola superiore ai bisogni del paese. Anche la manodopera era piuttosto abbondante: negli Stati Uniti approdava infatti un emigrazione composta in prevalenza da persone in età lavorativa. La guerra di secessione fu lo scontro militare fra la parte industriale e la parte agricola del paese. La vittoria del Nord portò alla liberazione degli schiavi e quindi a una radicale trasformazione dell economia statunitense. Gli ex schiavi costituivano infatti un enorme massa di manodopera che si staccò dal mondo agricolo e si rese disponibile a lavorare nell industria. La lunga conservazione dello schiavismo e la sua improvvisa abolizione favorirono così lo sviluppo delle industrie negli Stati Uniti. 2.7 L'Italia dopo la crisi del 1848 Moderati e democratici: due ipotesi a confronto. In Italia i sostenitori dell unificazione nazionale nel avevano subito una durissima sconfitta. Era fallito il tentativo dei moderati, che avevano sostenuto Carlo Alberto; ed erano caduti anche i governi rivoluzionari di Roma, Firenze e Venezia. Occorse quasi un decennio perché il movimento nazionale riprendesse nuova vitalità. I moderati trovarono un leader, Cavour. Egli seppe vedere la complessità della situazione italiana e quindi la necessità di sostenere l economia, di favorire la borghesia, ma anche di conquistare l appoggio delle grandi potenze, creando una situazione internazionale favorevole all unificazione italiana. Intanto avvennero nuovi tentativi insurrezionali che, però solo, fallirono tutti. 9 / 12

10 I democratici e i rivoluzionari allora capirono che un insurrezione non poteva scoppiare solo sul tema dell unità nazionale: il popolo dei contadini e dei lavoratori si sarebbe mosso solo con la prospettiva di cambiare le proprie condizioni di vita. 2.8 L'unificazione italiana Chi ha voluto l'unità d'italia. Il problema dell unificazione nazionale italiana si era posto già all indomani del congresso di Vienna. Per quasi quarant anni si erano susseguiti i tentativi di espellere gli austriaci dalla penisola e di unificare i sette stati italiani. Si era pensato ad una confederazione guidata dal papa, a una confederazione con a capo i Savoia, a un regno unitario dei Savoia, a una repubblica unitaria, a una federazione di repubbliche. Alla fine, in poco più di un anno, tra il 1859 e il 1860, l unità d Italia si era realizzata. All unificazione avevano contribuito in molti, dentro e fuori Italia. Avevano contribuito Napoleone III portando l esercito francese in Lombardia, gli inglesi dando il loro assenso, i Savoia e l esercito piemontese combattendo per espandere il regno di Sardegna, Cavour con il suo lavoro diplomatico e politico, i liberali piemontesi e lombardi sostenendo il difficile progetto di Cavour, le popolazioni dell Italia centrale chiedendo l annessione al Piemonte, i democratici e Garibaldi organizzando la spedizione dei Mille, i contadini del meridione combattendo a fianco di Garibaldi per abbattere lo stato borbonico. Ciascuno di loro aveva combattuto avendo in mente un progetto particolare, ciascuno pensava a un Italia diversa. 3.1 La nascita del nuovo stato Uno stato nuovo fondato su basi vecchie. Ai plebisciti che dovevano sancire l annessione dei vecchi stati al nuovo regno unitario avevano partecipato quasi tre milioni e mezzo di elettori. Questo dato indicava come fosse diffusa l aspirazione ad una più vasta partecipazione politica e come fosse sentita l esigenza di un profondo rinnovamento, soprattutto sociale. Ma allargare il suffragio e consentire anche ai ceti popolari di esprimere la propria volontà politica era un rischio troppo grosso per quella ristretta oligarchia che aveva saldamente governato il processo di unificazione nazionale e che temeva i cambiamenti sociali e politici. Il nuovo stato nacque quindi facendo leva su una limitatissima base sociale, che escludeva dai diritti politici la stragrande maggioranza della popolazione italiana e si serviva di uomini politici 10 / 12

11 prevalentemente di origine piemontese. Si affermò così quella continuità istituzionale, e potremmo dire fisica, tra il vecchio regno sabaudo e il nuovo stato, che tanto stava a cuore al re e ai moderati. Ma, come aveva scritto Carlo Cattaneo, uno dei capi del movimento democratico lombardo, quando il potere è accentrato "la libertà non può nascere o non può vivere" e "la libertà non è più che un nome: tutto si fa come tra padroni e servi". 3.2 I problemi della società italiana Due Italie che faticano a fondersi. "Costituire l Italia, fondere insieme gli elementi diversi di cui si compone, armonizzare il Nord con il Sud, offre tante difficoltà quante una guerra contro l Austria e la lotta con Roma." Così scriveva Camillo Benso conte di Cavour poco prima della sua morte. In effetti unificare realmente il Sud al Nord costò di fatto una guerra. Non ci riferiamo all impresa dei Mille, ma al lungo conflitto ( ) che oppose l esercito regolare italiano a bande di contadini ribelli che erano presenti soprattutto nell entroterra campano, lucano e pugliese. Questi contadini ribelli si organizzarono in bande non certo per il desiderio di un ritorno al passato ma spinti dall insensibilità della nuova classe politica alla loro fame e miseria. Il nuovo stato italiano, dopo gli entusiasmi collettivi della guerra garibaldina e dei plebisciti, era apparso ai contadini poveri del Sud come un organismo estraneo. 3.3 I problemi dell'economia italiana Chi paga il prezzo dell'unificazione. L unificazione politica ebbe un importante risvolto economico: essa fu determinante per la formazione di un mercato nazionale. Questo processo fu voluto dalla borghesia imprenditoriale del Nord e costituì un fattore di progresso per l economia italiana. Esso tuttavia ebbe anche degli effetti molto negativi. L industria italiana restò concentrata nel Nord, mentre il Sud si sviluppava con molta lentezza. Veniva a formarsi così la questione meridionale, cioè la frattura fra il Nord industrializzato e il Meridione economicamente arretrato. 11 / 12

12 Per pagare i debiti dello stato, per costruire ferrovie, strade e ospedali vennero aumentate le imposte sui consumi e quindi vennero danneggiati i ceti più poveri. L unificazione italiana ebbe i suoi costi e a pagarli furono il Meridione e i ceti popolari. 3.4 Verso un modello di paese industriale Il Risorgimento è finito. Negli anni settanta i grandi ideali del Risorgimento si allontanavano nel ricordo, mentre andavano scomparendo i maggiori protagonisti dell unità nazionale. Mazzini morì nel 1872, Vittorio Emanuele II, a cui successe il figlio Umberto, morì nel 1878, Garibaldi morì a Caprera nel A metà degli anni settanta il governo del regno d Italia passò dalla Destra alla Sinistra. A questo punto i problemi non erano più quelli dell unità nazionale e della lotta all Austria: anzi con l Austria si firmò un alleanza. Il problema non era neppure quello di formare il mercato nazionale: semmai il mercato nazionale andava aiutato a crescere e svilupparsi, favorendo i consumi dei ceti popolari. I problemi del Risorgimento erano finiti, cominciavano quelli di un moderno paese industriale. 12 / 12

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente DEL GROSSO TERENZIO Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ge PROGRAMMA CLASSE IV A.S. 2014/15 STORIA L ETA DEI LUMI Scienza, libertà e progresso nel Settecento Ideali illuministi e mutamento sociale

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA SINTESI DI STORIA Vol. 2 In Italia studiamo soprattutto la STORIA OCCIDENTALE: cioè la storia dell Europa e di quei paesi non-europei (specialmente i paesi del Nord America), la cui cultura è più vicina

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA per ESABAC

PROGRAMMA DI STORIA per ESABAC PROGRAMMA DI STORIA per ESABAC ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Storia per EsaBac Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico TESTI E MATERIALE BIBLIOGRAFICO Histoire seconde

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Situazione in Austria, Prussia e Russia (pag. 248) 1830. Austria, Prussia e Russia sono monarchie accomunate da: - Fedeltà verso i princìpi

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

ATTIVITÀ DEL DOCENTE

ATTIVITÀ DEL DOCENTE DOCENTE SIMONA RITA RIZZOLI MATERIA STORIA DESTINATARI 4CL ANNO SCOLASTICO 2012/2013 competenze CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Raggiunto (/no) motivazioni non raggiungimento 1 Agire in modo autonomo

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu Si può dire che il XIX secolo sia stato, nella storia di gran parte d Europa, il secolo della borghesia. Nel corso di quei cento anni

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Due rivoluzioni, due dichiarazioni.

Due rivoluzioni, due dichiarazioni. Due rivoluzioni, due dichiarazioni. Dalla Rivoluzione americana e dalla Rivoluzione francese nascono due diverse dichiarazioni, rispettivamente la Dichiarazione d Indipendenza americana, approvata dai

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861)

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) Anche in seguito agli insuccessi dei democratici (es: fallimento della spedizione di Carlo Pisacane, 1857), il progetto politico di Cavour raccoglie sempre

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870 La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 1815-1848 dalla restaurazione alla giovine italia LA

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: Gabriele Gualtieri MATERIA: Storia Classe 4 Sezione A FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI

Dettagli

L Italia tra unità e disunità

L Italia tra unità e disunità L Italia tra unità e disunità Identità e senso di appartenenza Che cosa significa sentirsi italiani? (divario tra identità nazionale e identità italiana) Miti fondativi: romanità, Risorgimento, Resistenza

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano 1 2 3 Il periodo della storia dell'italia in cui l'affermarsi di una coscienza

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

MODULO 2. L età delle rivoluzioni L Europa dei privilegi (L età delle rivoluzioni)

MODULO 2. L età delle rivoluzioni L Europa dei privilegi (L età delle rivoluzioni) Anno scolastico: 2014-2015 Classe: IV AIT MATERIA STORIA Insegnante Pieranna Busa DIPARTIMENTO DI ITALIANO E STORIA PROGRAMMAZIONE SVOLTA Modulo 7di Terza Completamento del programma di Terza : Il Seicento

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Classe II sez. D Anno scolastico 2015/2016. Stati e istituzioni fra XVII e XVIII secolo

PROGRAMMA DI STORIA. Classe II sez. D Anno scolastico 2015/2016. Stati e istituzioni fra XVII e XVIII secolo PROGRAMMA DI STORIA Classe II sez. D Anno scolastico 2015/2016 Stati e istituzioni fra XVII e XVIII secolo L assolutismo compiuto: la Francia di Luigi XIV La monarchia parlamentare inglese La Spagna e

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PROVA

VALUTAZIONE DELLA PROVA ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ETTORE MAJORANA PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA - 28 febbraio 2014 - ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ CANDIDATO...

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA MATERIA STORIA CLASSE 4 INDIRIZZO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento AFM,RIM,SIAEUCIP,TU R UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA Competenze attese a livello di UdA 1) Comprendere

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione

Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione IC di Monte San Pietro Scuola Media Statale Cassani Lusvardi Programma svolto di storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2012-2013 Classe 3E Prof.ssa Fulvia Spatafora Storia L Europa

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone Il Congresso di Vienna fu una conferenza tenutasi nell allora capitale dell Impero austriaco, dal 1 novembre 1814 all 8 giugno 1815. Vi parteciparono le

Dettagli