L A S V O L T A. Carico (e sovraccarico) lavorativo Roland Bart ricorda quando per lui il lavoro era un difficile equilibrismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L A S V O L T A. Carico (e sovraccarico) lavorativo Roland Bart ricorda quando per lui il lavoro era un difficile equilibrismo"

Transcript

1 L A S V O L T A Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 13 PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 6 I DEPRESSIONE PAGINA 8 I REINSERIMENTO Problemi sul lavoro causati da malattie psichiche Il Dr. Hans-Peter Eberhard espone le elevate esigenze dell ambiente lavorativo Carico (e sovraccarico) lavorativo Roland Bart ricorda quando per lui il lavoro era un difficile equilibrismo Come riuscire a reintegrarsi nel mondo del lavoro Il Dr. Joachim Leupold spiega perché è necessario sostenere le persone colpite Lundbeck (Schweiz) AG Dokument letztmals geprüft:

2 EDITORIALE INDICE EDITORIALE 2 DEPRESSIONE 3 Lavoro, professione e reddito influiscono sulla salute 3 Intervista con il Dr. Hans-Peter Eberhard «Pensavo: se lavoro, vuol dire che sto bene» 6 Gestire professione e malattia il racconto di chi ci è passato La Sua opinione ci interessa 7 Partecipi e vinca! REINSERIMENTO 8 «Parlare della depressione con il datore di lavoro» 8 Un colloquio con il Dr. Joachim Leupold «Sul piano umano c è sempre da imparare» 10 Riet Pfister, direttore del Grand Resort Bad Ragaz AG, sul reinserimento nel lavoro IN BREVE 12 Centri di riferimento e link 12 Gentili lettrici, cari lettori, Idati raccolti nel 2012 dall Osservatorio sulla salute psichica in Svizzera indicano che appena un terzo di tutti gli svizzeri colpiti da depressione si sottopone a trattamento. 1 Ciò ha vari motivi: non solo ai medici, ma agli stessi interessati risulta difficile riconoscere la malattia. Per di più, spesso i malati vengono stigmatizzati dal proprio ambiente, e per questa ragione non si rivolgono al medico. La depressione però colpisce l intero essere, compresa la sua cerchia familiare, sociale e professionale. Anche quando il trattamento si svolge in modo soddisfacente, la convalescenza richiede tempo. Spesso permangono sintomi residui come disturbi di concentrazione, mancanza di energia, disturbi del sonno e stanchezza, le cui conseguenze professionali sono particolarmente negative. Ciò può notevolmente complicare il reinserimento nella vita lavorativa, perché oggi il mondo del lavoro esige dal lavoratore, oltre alle qualifiche professionali, buone capacità di comunicazione, competenza sociale e spirito di gruppo. Queste sono però aspettative che chi soffre di malattie psichiche non sempre riesce a soddisfare. Il ritratto di un malato di depressione come Roland Bart, offerto alle pagine 6 e 7 illustra efficacemente le difficoltà e le esperienze, sia negative che positive, incontrate sul lavoro a causa della depressione. Eppure quanto afferma il Dr. Joachim Leupold, psichiatra, nell intervista a pagina 8 permette di sperare. Di solito, se ricevono informazioni esaurienti sulla depressione del dipendente, i datori di lavoro reagiscono in modo molto favorevole. Lo dimostra anche il reportage alle pagine 10 e 11. Riet Pfister è direttore del Grand Hotel Quellenhof & Spa Suites e dell Hof Ragaz. L articolo è una dimostrazione convincente di come sia possibile reinserire con successo un dipendente colpito da depressione. Anche il Dr. Hans-Peter Eberhard, psichiatra, conferma nell intervista alle pagine 3-5 che la franchezza fra il dipendente, la sua famiglia e il datore di lavoro è determinante ai fini del reinserimento. Così, infatti, si comprendono le reciproche posizioni, ci si aiuta a vicenda e si riesce a valutare qual è la capacità lavorativa del malato nelle varie fasi della malattia. Altrimenti aumenta il rischio di sovraccarico e di una recidiva della malattia con tutte le conseguenze negative che comporta. Abbiate anche voi il coraggio della franchezza. Vi auguriamo una lettura interessante e stimolante. Colophon La Svolta Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia PD Dr. Rico Nil Medical Director Lundbeck (Svizzera) SA Editore Lundbeck (Svizzera) SA Cherstrasse 4, Casella postale, 8152 Glattbrugg Concetto e redazione: Giger Com GmbH Autrice: Annegret Czernotta Realizzazione grafica: Logo 108 GmbH Stampa: dfmedia Bibliografia: 1 Schuler D. Vilpert S.: Diagnose von Depressionen in Hausarztpraxen (Diagnosi delle depressioni negli studi medici). Osservatorio svizzero della salute, Ufficio federale di statistica, 2010, Neuchâtel. 2

3 Lavoro, professione e reddito influiscono sulla salute DEPRESSIONE OGGIGIORNO IL MONDO DEL LAVORO ESIGE OTTIME CAPACITÀ DI COMUNICAZIONE, COMPETENZA SOCIALE E SPIRITO DI GRUPPO. CHI SOFFRE DI DEPRESSIONE FA FATICA A SODDISFARE QUESTI REQUISITI. IN QUESTO COLLOQUIO IL DR. HANS-PETER EBERHARD, PSICHIATRA CON STUDIO A SCIAFFUSA, SPIEGA COME DIPENDENTI E DATORI DI LAVORO POSSANO GESTIRE UNA SITUAZIONE DI QUESTO TIPO IN MODO DA RENDERE POSSIBILE UN REINSERIMENTO. Qual è la frequenza dei problemi sul lavoro causati da malattie psichiche? In Svizzera mancano dati certi a questo riguardo. Dai dati dell Osservatorio svizzero della salute risulta tuttavia che svizzeri si rivolgono al medico di famiglia in seguito ad una depressione. 1 Si tratta di 3,2 persone su 1000: un bel numero! La metà di queste prime consultazioni è occasionata da una depressione di media gravità. Lo «Studie zur Gesundheit Erwachsener in Deutschland» (Studio sulla salute degli adulti in Germania) offre dati leggermente più precisi per quanto riguarda la situazione sul lavoro: circa l 8% degli intervistati soffriva di depressione, con i giovani colpiti con più frequenza degli anziani. Per il burnout il quadro è diverso: con una percentuale di quasi il 7%, esso colpisce maggiormente i lavoratori più anziani. Esistono anche motivazioni sociali per l aumento di persone con malattie psichiche? Una malattia psichica non ha un unica causa. Anche fattori genetici, biologici e psicosociali portano alla malattia o ne aumentano il rischio (vedere pagina 5). Al moltiplicarsi dei casi di depressione contribuisce sicuramente la fine della famiglia multigenerazionale, che offriva sicurezza e coesione. Un influsso altrettanto negativo viene dall elevata percentuale di separazioni, con conseguente perdita della sicurezza affettiva data da una partnership solida e durevole. Anche la continuità professionale non è più garantita. Ormai anche professionalmente il «lavoro per la vita» è diventato più raro, e per di più dai collaboratori ci si aspetta una flessibilità sempre maggiore riguardo a luoghi e tempi. PROFILO PERSONALE Su cosa si basano oggigiorno le richieste dell economia? Esistono fattori chiave? Nell attuale mondo del lavoro si esigono dai dipendenti ottime capacità di comunicazione, competenza sociale e spirito di gruppo, spesso con orari pressanti. Per di più i dipendenti devono adattarsi alle condizioni di lavoro e tenere il passo in un contesto di concorrenza sempre più aspra a livello mondiale. Ecco che si pretende, ad esempio, che nel bel mezzo della notte persone di vari continenti prendano parte a una teleconferenza. Aspettative di questo tipo risultano facilmente eccessive per i malati psichici, che spesso soffrono di Il Dr. Hans-Peter Eberhard è specialista di psichiatria e psicoterapia FHM, neurologia FMH e medicina del sonno SGSSC. Esercita in uno studio privato a Sciaffusa. 3

4 DEPRESSIONE sintomi residui come stanchezza e disturbi della concentrazione, e non sono in grado di adattarsi in modo abbastanza rapido e flessibile alla situazione lavorativa. Era forse diverso qualche anno o decennio fa? Per evidenziare i cambiamenti voglio risalire al passato remoto. Nel Medioevo la gente dormiva quando era stanca, e si rimetteva a lavorare dopo essersi riposata e aver dormito. Era l individuo stesso a determinare il ritmo di avvicendamento di lavoro e sonno. Oggigiorno il mercato del lavoro subisce l influenza delle moderne tecnologie dell informazione. Per fare un esempio, nell industria automobilistica i processi di controllo sono completamente automatizzati e i processi di produzione razionalizzati. In una tale struttura il dipendente non gode di alcuna flessibilità a livello individuale. Per di più si pretende che le persone siano capaci di multitasking e funzionino come computer: devono cioè ricevere varie informazioni, assegnare le priorità ed elaborarle, tutto allo stesso tempo. Ciò crea stress e può provocare una sindrome da burnout. Poi esiste una fascia sempre crescente di lavoratori che deve svolgere la propria attività in condizioni lavorative minime ed è esposta a forti pressioni economiche, come i dipendenti dei servizi di recapito pacchi o dei supermercati. La pressione non è tanto a livello fisico quanto a livello emozionale, e deriva dalle limitate possibilità di miglioramento finanziario e/o di carriera. Per ragioni economiche queste persone spesso hanno più di un lavoro, cosa che può ugualmente favorire i disturbi da stress o il burnout. In che misura i fattori chiave sono una limitazione per i malati di depressione? Oltre ai principali sintomi di depressione come tristezza, stanchezza e disperazione, ben un terzo dei depressi soffre anche di sintomi residui, come disturbi della memoria (35%) e idee deliranti (33%), e nel 15% si arriva a tentativi di suicidio. Ciò può limitare le prestazioni lavorative. Inoltre, di solito il depresso è al mattino che tocca il fondo. Ciò dipende dalla struttura del sonno notturno. La depressione altera infatti importanti fasi del sonno notturno le cosiddette fasi REM comprometten- do così la qualità del sonno. Al mattino si è poco riposati e inefficienti. Sul lavoro le malattie psichiche continuano a essere stigmatizzate? Si presume di sì. Persino all interno del corpo medico la depressione è oggetto di stigma, come dimostra uno studio inglese del Quasi un medico su due ha ammesso di aver subito nella vita un episodio depressivo, tuttavia nessuno ha chiesto aiuto. Più della metà dei medici infatti ha dubitato della confidenzialità della diagnosi e oltre il 15% ne ha persino temuto le conseguenze sulla propria carriera. Se lo stigma è così diffuso fra i medici una categoria professionale che dovrebbe essere sensibilizzata in materia allora a maggior ragione anche fra le persone comuni. Questa è una situazione che va assolutamente cambiata! Quali sono i problemi per il datore di lavoro? La depressione viene spesso ancora interpretata a torto non come una malattia grave, bensì come una malattia «di moda». Invece il rischio di suicidio è elevato, e quasi un depresso su cinque ha pensieri di suicidio. Anche dopo una terapia adeguata il tasso di ricadute è del 40% dopo un anno, del 60% dopo due anni e dell 80% dopo cinque anni (depressione monopolare). Il problema risiede nel fatto che la depressione spesso non viene riconosciuta come tale neanche dalla persona stessa, e quando finalmente si interpella il medico di famiglia che è il primo contatto nel 70-90% dei casi la diagnosi è corretta solo nel 50-75% dei casi. Una percentuale non indifferente di pazienti non viene trattata affatto o riceve un trattamento con molto ritardo. Prima però i sintomi depressivi possono già aver influito negativamente sui rapporti lavorativi. Che cosa può fare il datore di lavoro? L ideale sarebbe che il datore di lavoro cercasse di parlare di questo argomento con il collaboratore, in un colloquio improntato al rispetto e alla fiducia. La mancanza di rispetto potrebbe altrimenti provocare un brusco rifiuto da parte dell interessato, danneggiando inutilmente il rapporto di fiducia. È anche il mondo del lavoro ad aumentare il rischio di depressione? Specialmente nei lavori di ufficio il mobbing rappresenta un potenziale pericolo da non sottovalutare per l insorgenza di depressione. Non si tratta necessariamente di un conflitto fra dipendente e datore di lavoro, perché molto spesso il conflitto si situa piuttosto fra dipendenti, di pari grado o di grado diverso. Anche in periodi di difficoltà economica un datore di lavoro con senso di responsabilità dovrebbe adoperarsi per creare un clima aziendale armonico. Infatti lo stress economico si aggiunge a quello di base ed incrementa l irritabilità, aumentando perciò anche la predisposizione al mobbing. Esistono fattori che agiscono come protezione? Per ridurre al minimo i conflitti strutturali fra i vari gradi gerarchici una possibilità da considerare sarebbe una gerarchia il più possibile orizzontale, caratterizzata da un alto grado di autoresponsabilizzazione e autonomia unite ad un adeguato sistema di ricompense. Inoltre, va sviluppata e curata una cultura anti-mobbing. In che modo le aziende potrebbero venire incontro e offrire supporto ai dipendenti malati di depressione? Malgrado il trattamento, dopo una depressione il rischio di recidive rimane elevato. Sebbene gli antidepressivi siano molto efficaci, negli ultimi 20 anni il tasso di recidive è rimasto invariato. Anche dopo un episodio depressivo trattato con successo, nel 35% dei casi permangono sintomi residui che possono creare difficoltà sul lavoro. Nelle persone più anziane questa percentuale arriva addirittura a oltre l 80%. I pazienti con sintomi residui presentano un rischio tre volte maggiore di subire un ulteriore episodio depressivo. La terapia cognitivo-comportamentale contribuisce a ridurre il numero di pazienti con sintomi residui e perciò può essere nell interesse del datore di lavoro consentire al dipendente una terapia di questo tipo. Come devono comportarsi gli interessati? Lavoro, professione e livello di reddito hanno un notevole influsso sulla salute. 4

5 DEPRESSIONE Al giorno d oggi si esige un permanente impegno nel perfezionamento professionale e nella qualificazione. Il maggior desiderio dei dipendenti a fronte del lavoro svolto, invece, è riconoscimento e senso di appartenenza. L importante è imparare a valutare realisticamente le proprie capacità. In più ci vuole una certa dose di autodeterminazione, cioè la sensazione di poter cambiare qualcosa, di non essere controllato come una macchina. Questa autocompetenza si acquisisce da bambini, nel migliore dei casi tramite i genitori. Eventuali deficit in materia possono essere colmati con addestramenti e coaching. L importante è recepire il feedback e soprattutto metterlo in pratica. Da parte del datore di lavoro, invece, la spinta verso rendimento e concorrenzialità non dovrebbe diventare eccessiva. Ciò vale anche per le richieste di flessibilità e adattabilità nei confronti dei processi aziendali. Non si tratta certo di creare il paradiso terrestre, bensì una convivenza realistica e corretta. A mio parere è di estrema importanza che l interessato trovi il coraggio di rivelare al datore di lavoro la propria depressione. Solo a questo punto è possibile un trattamento veramente efficace. Non va trascurata la possibilità di fare opera di divulgazione all interno dell azienda, tramite coach od offerte formative, per sensibilizzare sul pericolo per la salute rappresentato dalla depressione. Le attuali misure di reinserimento sono sufficienti? In linea di massima il problema del reinserimento è ben gestito. Si può procedere per gradi, iniziando con un carico lavorativo parziale del 50%. Tuttavia, spesso ci si aspetta dal dipendente sin dall inizio la piena funzionalità, cosa del tutto impossibile, e quando questa viene a mancare ne consegue purtroppo il licenziamento. Per un reinserimento ottimale è perciò indispensabile coinvolgere sin dall inizio il servizio sanitario aziendale e l assicuratore, in modo da pianificare la gestione del reinserimento. In linea generale all inizio gli interessati devono limitarsi a mansioni con poche responsabilità, e gli incarichi dovrebbero essere semplici e chiari. Gli influssi ambientali incrementano il rischio di depressione Nel dibattito sulla depressione si trascura spesso l importanza degli influssi ambientali, che non hanno nulla a che vedere con lo stress o la situazione lavorativa. L ipotiroidismo può aumentare il rischio di depressione. Nei pazienti che presentano un deficit tiroideo la depressione insorge con frequenza cinque volte maggiore. Ciò potrebbe derivare anche dal sempre minor consumo di sale iodato fra la popolazione svizzera. Il deficit di iodio aumenta infatti il rischio di ipotiroidismo. La ragione della rinuncia al consumo di sale iodato è probabilmente da ricercare nell intenzione, in particolare da parte delle donne attente alla salute, di prevenire l ipertensione arteriosa. Tuttavia, gli studi hanno indicato che questa causalità non sussiste, cioè che il sale da cucina non aumenta la pressione arteriosa. Un problema probabilmente più rilevante è il deficit di vitamina D, i cui precursori vengono sintetizzati nella pelle sotto l azione dei raggi ultravioletti (UV-B). Nell alimentazione questa vitamina si trova specialmente nei pesci grassi (aringa, sardina, salmone, sgombro ecc.) e nelle uova. Nel cervello la vitamina D controlla importanti sostanze messaggere che partecipano alla regolazione dell umore. Se il tasso di vitamina D nel sangue è basso (inferiore a 75 nmol/l) il rischio di depressione aumenta. Nelle persone sovrappeso la produzione dei precursori della vitamina D si riduce di un ulteriore 40%. Studi clinici indicano che esiste una stretta correlazione fra bassi livelli di vitamina D e aumento del tasso di depressione nella fascia di età dei giovani e degli anziani. Probabilmente negli individui sani l assunzione di vitamina D durante i mesi invernali migliorerebbe alquanto l umore. Nei pazienti depressi, come indicano gli studi, i sintomi della malattia migliorano notevolmente grazie all assunzione di vitamina D. L Ufficio federale della sanità pubblica fa notare che, se d estate il fabbisogno di vitamina D è coperto nell 80% della popolazione, in inverno si registra un deficit nel 60% delle persone. I disturbi del sonno hanno un notevole influsso sull incidenza di depressione: la depressione può portare all insonnia e, viceversa, i disturbi del sonno aumentano il rischio di depressione. Nel mondo del lavoro i disturbi del sonno sono in aumento a causa del lavoro in turni o a orario flessibile (attività lavorativa anche notturna). Anche le malattie neurologiche, come il morbo di Parkinson, aumentano il rischio di depressione, come pure i medicamenti che provocano un alterazione del rilascio di sostanze messaggere nel cervello, come ad esempio i preparati contro l ipertensione arteriosa. Inoltre, occorre chiedere al dipendente stesso quali siano le sue esigenze e il suo grado di rendimento. Il reinserimento di dipendenti in malattia beneficiari di rendita AI può significare per i datori di lavoro la possibilità di percepire sovvenzioni. Bibliografia: 1 Schuler D. Vilpert S.: Diagnose von Depressionen in Hausarztpraxen (Diagnosi delle depressioni negli studi medici). Osservatorio svizzero della salute, Ufficio federale di statistica, 2010, Neuchâtel. 5

6 «Pensavo: DEPRESSIONE selavoro, vuol dire bene» che sto ROLAND BART (56 ANNI) È SVILUPPATORE DI SOFTWARE DI COLLAUDO IN UNA GRANDE AZIENDA DI ZUGO. CIRCA 20 ANNI FA SUBÌ IL PRIMO EPISODIO DEPRESSIVO. A CAUSA DI QUESTA MALATTIA PSICHICA PER UN CERTO PERIODO HA POTUTO LAVORARE SOLO A TEMPO PARZIALE. MALGRADO IL SUPPORTO RICEVUTO DAL DATORE DI LAVORO, L ESPERIENZA DEL REINSE- RIMENTO LAVORATIVO NON È STATA DEL TUTTO POSITIVA. Come ex presidente del gruppo di auto-aiuto per la depressione di Zugo, Roland Bart si è trovato spesso a parlare di depressione, anche con la stampa. Nel colloquio personale tuttavia si intuisce subito che il tema, malgrado l abitudine, tocca molto da vicino quest uomo dall aspetto robusto e sportivo. Infatti Roland Bart ha sofferto di ripetuti episodi depressivi. Pensieroso, dà risposte sommesse e meditate alle domande e racconta contro quali difficoltà ha dovuto lottare, ma anche quali aiuti ha ricevuto per il reinserimento sul lavoro. Roland Bart ha subìto la prima crisi depressiva nel Dopo una formazione professionale nel campo della meccanica, per gli studi universitari Roland Bart sceglie il moderno campo dell elettronica: «Questo presuppone conoscenze teoriche del tutto diverse. All inizio sul lavoro mi sono sentito un po in alto mare», racconta. Dopo il lavoro però poteva almeno ritrovare energia nel privato: a casa lo attendevano la moglie e la bambina. Orfano di padre da quando aveva 11 anni, Roland Bart ha un rapporto molto profondo con la madre, che lo ha sempre sostenuto in ogni difficoltà e gli è stata vicina anche in questo periodo difficile. «Conoscevo solo superficialmente il termine depressione» Il riorientamento professionale esige però un prezzo elevato: neanche due anni dopo, la stanchezza prende il sopravvento, e dopo il lavoro Roland Bart non può far altro che rimanere sdraiato sul divano al buio. Ancora energia gli costa un corso di specializzazione post-laurea. Quando è tormentato da pensieri di suicidio, sua moglie lo fa ricoverare in clinica. La diagnosi dei medici è depressione da esaurimento (oggi si direbbe burnout). Roland Bart rimane ricoverato per tre settimane, poi decide di tornare al lavoro. «Pensavo: se lavoro, vuol dire che sto bene.» Solo con riluttanza arriva ad ammettere che questa decisione è stata uno sbaglio. Dopo la degenza Roland Bart cade in una spirale emotiva discendente. Nella sua qualità di capo progetto è suo compito portare a termine i progetti con puntualità, ma i suoi collaboratori sono impegnati anche in altri incarichi. I ritardi gli causano un enorme stress, ma non riesce a organizzare diversamente il lavoro o addirittura a delegare. È invece convinto di dover fare e decidere tutto da solo. «A lungo non mi sono accorto di ciò che mi succedeva, del perché alcune situazioni mi provocavano un tale stress», racconta. «Conoscevo solo superficialmente il termine depressione, perché allora non c erano né divulgazione né informazione 6

7 DEPRESSIONE al riguardo.» Per sopravvivere si costruisce una strategia personale: «Non mostrare debolezze, perché il mercato del lavoro è duro», questa la sua filosofia. Sul lavoro si presenta come un duro, mentre interiormente soffre in modo atroce per lo stress derivante dalle condizioni di lavoro. E continua così fino alla successiva fase depressiva, che sfocia di nuovo nell incapacità lavorativa. «Ora sto più attento a me stesso» Solo con la terapia cognitivo-comportamentale la situazione si è finalmente sbloccata. Essa gli ha consentito di identificare gli stressori e di capire perché ha reagito in modo così eccessivo. Per la prima volta impara anche a parlare apertamente della propria depressione con il datore di lavoro e a rivendicare i propri bisogni. Come risultato, Roland Bart lavora a metà tempo e gli vengono concesse anche le ferie già garantite. Lentamente, la situazione si stabilizza. Quando però nel 1997 si presentano le prime avvisaglie di una nuova crisi interiore, il datore di lavoro gli rimprovera di non seguire le prescrizioni mediche. «Dovevo fare ogni giorno una passeggiata di almeno un ora, ma me ne mancava proprio l energia». Il datore di lavoro gli consiglia di cercare un altro impiego. Roland Bart invia domande e viene invitato a presentarsi. «Tuttavia non sono andato ai colloqui, perché al solo pensiero avevo sudore freddo e palpitazioni.» Questo impegno ha trovato però riconoscimento da parte del datore di lavoro. Roland Bart può mantenere il suo impiego, ad una condizione: il suo stipendio viene decurtato. «Mi è stato detto chiaramente sin dall inizio che avrei comunque dovuto dimostrare rendimento e disponibilità», osserva con una certa amarezza. Da quel momento la famiglia inizia a tirare la cinghia. Anche lo sport gli ha offerto forza e supporto. Già da ragazzo era iscritto a un club di pallamano. «Il nostro fun team è stato una fonte di energia. Buona parte della mia cerchia di conoscenze viene da lì», osserva Roland Bart. In più è stato funzionario del club a titolo volontario ed ha svolto mansioni di arbitro. Quando il fun team si è sciolto, sono riemersi i problemi: «All improvviso mi è mancata la valvola di sfogo per aggressività, stress e frustrazione.» Anche le prestazioni arbitrali lo sovraffaticavano. Nel 2000 è stata adeguata la terapia di Roland Bart. Sebbene all inizio non ne volesse sapere del nuovo medicamento a causa degli effetti collaterali, da quel momento le sue condizioni si sono stabilizzate. Ha poi tirato le conseguenze sul piano sia personale che lavorativo. «Ora sto più attento a me stesso», dice. «Se perdo l appetito e la concentrazione, mi rendo conto che pretendo troppo da me stesso e riduco le attività.» Anche in campo professionale segna i confini. «Per ogni incarico valuto se è importante e urgente. In caso contrario mi prendo più tempo.» Dopo essersi rivolto nel 2000 all AI, ora ha ripreso a lavorare a tempo pieno. Inoltre, quattro volte all anno ha una seduta presso uno psichiatra, con il quale discute questioni impellenti. Sebbene lavori da decenni nella stessa azienda, ha sentimenti contrastanti nei confronti del datore di lavoro: «A quel tempo mi sono sentito abbandonato a me stesso, i contatti che avevo erano principalmente con la consulenza sociale interna», osserva, «oggi nell azienda si fa parecchio in tema di prevenzione, e questo è un bene!» I suoi colleghi più giovani sono all oscuro della sua depressione, sul lavoro nessuno si preoccupa più, perché ora sta bene. Il suo primo matrimonio però è finito, anche a causa della depressione. «Per il partner è estenuante veder ripetersi sempre gli stessi schemi. Io ero uno che non sapeva dire di no, anzi si sentiva onorato quando lo caricavano di lavoro, e questo in definitiva mi ha fatto ammalare», ammette francamente Roland Bart durante il colloquio. Nei momenti più brutti e difficili però la sua prima moglie è stata sempre al suo fianco. Attualmente La Sua opinione ci interessa Ha davanti a sé il nuovo numero di «La Svolta» e conoscere la Sua opinione in proposito ci interesserebbe molto: Le piace questa rivista, che diffonde informazioni sul quadro clinico della depressione e dei disturbi d ansia? Ci invii suggerimenti o eventuali critiche accompagnate dai Suoi dati (cognome, nome, indirizzo) all indirizzo tramite un con oggetto «La Svolta». Parteciperà così automaticamente ad un concorso a premi e potrà vincere un buono acquisto per libri del valore di 100 CHF. ABBONAMENTO A «LA SVOLTA»? Se desidera abbonarsi gratuitamente alla rivista, che esce due volte all anno, basta registrarsi presso il sito sotto «Kontakt». ha un nuovo legame, nel quale entrambi si danno tempo e si lasciano spazio. Dopo la separazione Roland Bart è tornato ad abitare a casa della madre. Là è cresciuto e si sente in pace. Lo sguardo cade sul paesaggio collinare della regione di Zugo, splendido quanto rilassante. Però ora deve lottare con la malattia della madre, che è stata colpita da Alzheimer. Dato il loro stretto rapporto, i cambiamenti di questa persona amata lo fanno molto soffrire. Così sarebbe possibile anche una ricaduta nella depressione. «Oggi però riesco a gestire meglio la mia malattia», dice Roland Bart, che ha imparato la lezione dalle molte crisi. Non avrebbe neanche più remore a parlarne sul lavoro. 7

8 REINSERIMENTO «Parlare della depressione datore con il di lavoro» MALGRADO IL TRATTAMENTO, I MALATI DI DEPRESSIONE POSSONO SOFFRIRE DI SINTOMI RESIDUI: MANCANZA DI CONCEN- TRAZIONE, STANCHEZZA O DISTURBI DEL SONNO, CHE RENDONO PIÙ DIFFICILE IL REINSERIMENTO PROFESSIONALE. IL DR. JOACHIM LEUPOLD, PSICHIATRA CON STUDIO PRIVATO A BAD RAGAZ, AFFERMA CHE LA REINTEGRAZIONE È COMUNQUE QUASI SEMPRE POSSIBILE. Perché i malati di depressione lamentano sintomi residui malgrado il trattamento? Intensità e gravità dei sintomi residui dipendono dallo stadio in cui è iniziata la terapia e dalla risposta del paziente. Prima viene avviato, più il trattamento è efficace nel curare la depressione e meno sintomi residui lascia dietro di sé. Per il fatto che inizialmente prevalgono i disturbi fisici, come dolori o problemi gastrici, l interessato spesso non si rende conto di essere colpito da depressione. È importante però che il trattamento antidepressivo inizi tempestivamente e/o che il paziente sia indirizzato senza indugi ad uno psichiatra. Come si manifestano i sintomi residui di una depressione? I sintomi residui vanno da apatia, fiacchezza e disturbi della concentrazione fino a disturbi del sonno e altri disturbi fisici. In una piccola percentuale di pazienti questi sintomi residui permangono malgrado un trattamento adeguato, come avviene anche nel trattamento dell ipertensione arteriosa, dove non tutti i pazienti rispondono altrettanto bene ai medicamenti. «Intensità e gravità dei sintomi residui dipendono dalla stadio in cui è iniziata la terapia e dalla risposta del paziente» In che misura i sintomi residui influiscono sull attività lavorativa? Più la depressione è grave, più tempo ci vuole prima che il pazienze possa riprendere a lavorare. O nel caso in cui le difficoltà di concentrazione persistano dopo il trattamento ospedaliero e ambulatoriale. Per il reinserimento dovrebbe tuttavia essere possibile un attività a tempo parziale. Però sarebbe un errore medico reinserire nel mondo lavorativo senza altri supporti un paziente subito dopo il trattamento ospedaliero: sul lavoro infatti dovrà affrontare quei fattori di stress che hanno in parte contribuito all insorgenza della depressione, e nel peggiore dei casi la ricaduta può essere immediata. Nella terapia il paziente impara ad affrontare questo stress. L inabilità parziale al lavoro è un tema frequente nel suo studio? È sempre parte integrante della fase iniziale del trattamento. Molto spesso chi soffre di depressione teme di informarne il datore di lavoro. In alcune aziende e uffici i malati di depressione sono purtroppo ancora soggetti a stigmatizzazione. Io però ho potuto constatare che nel 99% dei casi i datori di lavoro reagiscono 8

9 REINSERIMENTO molto bene quando vengono informati in modo adeguato circa la depressione di un dipendente. Perciò incoraggio sempre i dipendenti a parlarne sul posto di lavoro. Spesso invito ad un colloquio a tre: il datore di lavoro (oppure un addetto al personale), il dipendente ed io ci riuniamo per discutere dei problemi attuali e decidere il successivo modo di procedere. La terapia antidepressiva prevede ad esempio attività fisica e passeggiate. La maggior parte degli interessati non desidera farlo nei giorni lavorativi e in pieno giorno, per timore che il datore di lavoro o anche i colleghi pensino che vogliano sottrarsi al lavoro. Se invece al datore di lavoro viene spiegato che il moto è l antidepressivo migliore, in genere il conflitto si risolve da sé. Il paziente è costretto a convivere con i sintomi residui? Non bisogna assolutamente rassegnarsi alla situazione, che potrebbe celare un altro quadro clinico o problema risolvibile con un intervento psichiatrico o psicoterapeutico. I disturbi della personalità o d ansia, oppure quelli di tipo ossessivocompulsivo sono per così dire i «fratelli» della depressione, e si manifestano solo dopo che questa è stata trattata efficacemente. Anch essi possono però essere curati con medicamenti adatti e soprattutto grazie alla psicoterapia, oppure affrontati con strategie di superamento. La depressione è curabile? La cosiddetta remissione, cioè la guarigione, rappresenta sempre l obiettivo del trattamento, ed è possibile! Per ottenerla però sono necessari trattamenti medicamentosi e psicoterapici, con il supporto dell ambiente sociale. La terapia antidepressiva deve essere proseguita per almeno sei mesi dopo scomparsa dei sintomi, e anche per un anno se si tratta di una ricaduta. Quali sono le conseguenze se il paziente sospende gli antidepressivi? Una volta raggiunta la guarigione, è necessaria una terapia continuativa per evitare una ricaduta. Molti pazienti vorrebero sospendere gli antidepressivi pensando di essere ormai del tutto guariti. Questo però è un atteggiamento sbagliato. A questo stadio del trattamento i pazienti prendono antidepressivi non perché sono malati, ma per fare esperienze correttive senza rischiare ricadute grazie alla protezione dei medicamenti, che sono come una rete di sicurezza per affrontare la vita di tutti i giorni. Molti malati di depressione sono estremamente fragili e ansiosi, e con gli antidepressivi possono «resistere meglio» nella vita lavorativa. Gli antidepressivi hanno un effetto coadiuvante e col tempo aiutano anche a eliminare pian piano i sintomi residui. «La cosiddetta remissione, cioè la guarigione, rappresenta sempre l obiettivo del trattamento, ed è possibile» In che modo il malato può coadiuvare il processo di guarigione? Nel processo di guarigione sono utili e di valido aiuto le tecniche di rilassamento, che aiutano ad affrontare o a ridurre lo stress. L importante è sviluppare un sistema di allarme personale precoce, una «spia rossa», che si accende ad esempio quando sul lavoro emergono fattori di stress noti all interessato come potenzialmente pericolosi. Si può trattare di dolori gastrici dovuti allo stress, tensione dei muscoli del collo o comparsa di macchie da agitazione sul viso. Occorre imparare a riconoscere e accettare questi segnali di allarme: sono infatti spiacevoli PROFILO PERSONALE ma innocui, e di grande aiuto per proteggere la salute una volta che si sappia riconoscerli come tali. Sono necessari nuovi approcci terapeutici nel trattamento della depressione? A seconda della gravità della depressione, si sono dimostrati efficaci trattamenti psicoterapeutici come la terapia cognitivo-comportamentale, le metodologie della psicologia del profondo e gli approcci terapeutici sistemici, da soli o in combinazione con un antidepressivo. Sebbene questi metodi siano efficaci, permangono spesso sintomi residui e il tasso di recidiva è elevato. Il miglioramento che andrebbe introdotto, a mio parere, è fare in modo che nei malati di depressione questi metodi siano impiegati precocemente e a lungo termine. Il reinserimento è sempre possibile? Dopo un episodio depressivo, il completo reinserimento e l assenza di disturbi sono persino la regola. Solo per i pazienti con depressione cronica ciò si presenta difficile, ma questi sono una netta minoranza. Più la recidiva viene individuata e trattata con prontezza, migliore è la prognosi, anche e soprattutto per l eventuale reinserimento, necessario nel caso che si arrivi all inabilità lavorativa. È a questo che servono i segnali di allarme precoci: a far sì che le persone colpite si muovano in tempo. Il Dr. med. Joachim Leupold è specialista in psichiatria e psicoterapia e lavora nel campo della prevenzione e trattamento delle malattie da stress in stretta collaborazione con il centro medico del Grand Resort Bad Ragaz AG. Inoltre è membro del consiglio di amministrazione di PizolCare, una rete di medici regionale, nonché perito medico certificato (Swiss Insurance Medicine). 9

10 REINSERIMENTO «Sul uman impa IL GRAND RESORT BAD RAGAZ È UN LUSSUOSO STABILIMENTO A CINQUE STELLE. PER LA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI IL SERVIZIO DEVE PERCIÒ ESSERE PERFETTO. QUANDO UN COLLABORATORE SOFFRE DI DEPRESSIONE NON PUÒ PIÙ SVOLGERE MANSIONI A CONTATTO CON GLI OSPITI. RIET PFISTER, DIRETTORE DELL HOTEL, FA RICORSO A UN COACH. IN COLLABORAZI- ONE IL DIPENDENTE VIENE REINSERITO AL SUO POSTO DI LAVORO, DOVE HA RIPRESO INTEGRALMENTE LE PROPRIE MANSIONI. Nel parco «nuotano» pesci di pietra. Dai cespugli fanno capolino buffe figure di metallo. Vari gruppi di visitatori ammirano gli oggetti d arte esposti nei giardini del Grand Resort Bad Ragaz, conversando a bassa voce e scambiandosi vivacemente le proprie impressioni. Angoli appartati invitano a passeggiare o a sedersi sulle eleganti panchine. «Il responsabile della dirigenza habisogno di rimanere in sintonia con i dipendenti» L Hotel Quellenhof troneggia nel cuore delle montagne grigionesi. Varcando la soglia si entra in un mondo di eleganza e comfort. Il grande scalone interno, ornato di figure artistiche, conduce a camere splendidamente arredate. Alla reception il concierge accoglie gli ospiti dedicando loro la propria completa attenzione: «Cosa posso fare per voi?», è la gentile domanda dell impiegato in abito blu. Lusso, stile ed eleganza traspaiono ovunque. Eppure anche il lusso non protegge dalla malattia. Quando un collaboratore della reception soffre di depressione, diventa difficile decidere in quale settore impiegarlo: certo non con mansioni di accoglienza degli ospiti. Per questo incarico gli mancano energia e concentrazione, indispensabili in qualsiasi azienda di servizi, ma di particolare importanza per la clientela di un hotel a cinque stelle. «In un esercizio alberghiero ogni settore è addentellato con tutti gli altri, come gli ingranaggi di un orologio», spiega il direttore dell hotel, Riet Pfister. «L attività quotidiana deve svolgersi senza intoppi, altrimenti l ospite non si sente in buone mani.» E ciò diventava impossibile con quel collaboratore di servizio alla reception. Riet Pfister si è dunque occupato personalmente dell organizzazione. Intanto il collaboratore è stato spostato a mansioni di sfondo: non solo a vantaggio della clientela con la quale per il momento non doveva più avere contatti ma anche del collaboratore stesso, che così era esposto a uno stress minore. Subito si è parlato di reinserimento. E anche qui il coinvolgimento di Riet Pfister è stato determinate. Dall esterno la decisione poteva sembrare incomprensibile: qual è infatti il direttore, o il quadro dirigenziale, che si occupa di ogni singolo dipendente? Niente di più normale, invece, per Riet Pfister. «Il responsabile della dirigenza ha bisogno di rimanere in sintonia con i dipendenti», così Pfister, «inoltre è l espressione dell apprezzamento verso i collaboratori, e il mio modo di concepire la dirigenza.» Il reinserimento è stato organizzato da una équipe formata dal Dr. Joachim Leupold, psichiatra a Bad Ragaz (v. intervista alle 10

11 piano DEPRESSION REINSERIMENTO & DIABETES c è sempre da are» INFORMAZIONI SULL AZIENDA La Grand Hotels Resort Bad Ragaz AG riunisce alberghi di eccellenza, gastronomia, salute, business e sport. Il resort di lusso è stato l hotel dell anno 2009 e vanta complessivamente 58 punti nella guida Gault Millau. Nell intero resort sono impiegate le circa 750 persone. pagg. 8/9), dal responsabile del settore risorse umane dell hotel, dal dipendente e da sua moglie. «La partecipazione del Dr. Joachim Leupold ha significato poter contare su coach in grado di spiegarci quali sono le conseguenze della depressione e in che modo affrontarle.» All inizio il concierge ha lavorato a metà tempo, supportato nella sua rinascita alla vita e al lavoro dalla propria famiglia. Ora è ritornato a essere pienamente operativo. A Riet Pfister è rimasto il ricordo di un esperienza che ha suscitato sentimenti positivi. «Il confronto fra tutti i partecipanti ha mostrato che sul piano umano c è sempre da imparare.» Non avrebbe mai creduto che il reinserimento potesse andare così liscio, e immaginava che la gestione di una malattia psichica fosse più difficile. «Si ha un immagine sbagliata di queste malattie, a cui troppo spesso si reagisce con un pregiudizio», dice Riet Pfister. «In qualche modo sono molto difficili da cogliere.» Quando, dopo essersi rotto una gamba, ha camminato con una stampella, ha potuto contare sulla compassione dei clienti. Nelle malattie psichiche invece, osserva Pfister, non c è niente di visibile. Ecco cosa rende tanto difficile accettarle. Anche i clienti non si accorgono se qualcuno è malato, e così possono nascere conflitti. «La netta separazione fra lavoro e vita privata diventata sempre più difficile» Alcuni anni fa, in un altra azienda, Riet Pfister ha cercato di impiegare giovani con disturbi psichici: «Purtroppo non ha funzionato. Un azienda alberghiera non funziona come un laboratorio protetto.» Non ha una grande opinione neanche delle stanze di riposo per dipendenti con problemi psichici. «Sono ambienti stigmatizzati, su cui grava un aura negativa», è la sua convinzione. Tuttavia è certo che i prossimi anni vedranno sorgere un ondata di malattie psichiche. PROFILO PERSONALE «La netta separazione fra lavoro e vita privata diventa sempre più difficile», osserva Pfister. «Siamo sempre online, sempre raggiungibili. Non può funzionare.» A livello dirigenziale ha notato il moltiplicarsi dei burnout. Finora nel Grand Resort Bad Ragaz non è stata fatta opera di prevenzione presso i collaboratori, cioè corsi di formazione su come proteggersi dalle malattie, che siano fisiche o psichiche. «La prevenzione delle malattie è compito dello stato», ritiene Riet Pfister. Tuttavia, si tengono già conferenze mediche sul burnout per gli ospiti dell hotel. «In questo campo occorre assistenza e sostegno, specialmente per i dirigenti, non se ne potrà fare a meno», di questo è del tutto sicuro. Ma prima di arrivarci passerà del tempo. Intanto il pianista siede al suo strumento, risuonano sommessamente le prime note. Dopo il piacere degli occhi dato dall elegante arredamento dell atrio, ora tocca all orecchio godere di una musica soave. Così dovrebbe essere sempre una serata: rilassante, fuggevole e serena. Riet Pfister è responsabile direttivo del Grand Hotel Quellenhof & Spa Suites e dell Hof Ragaz, entrambi a Bad Ragaz. In precedenza ha ricoperto posizioni direttive in aziende alberghiere nel Medio Oriente, Europa ed in Svizzera. Ha fatto parte del consiglio direttivo dello Zürich Tourismus e della Stiftung Kongresshaus Zürich. Queste attività hanno fatto nascere la sua passione per la cultura e la musica, che si rispecchia anche nell hotel da lui diretto. 11

12 CIP592 La Svolta 12 / I IN BREVE CENTRI DI RIFERIMENTO E LINK

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Ristorante "Il Rusticone, Bienne

Ristorante Il Rusticone, Bienne Ristorante "Il Rusticone, Bienne Il datore di lavoro Salvatore Trovato È stata una coincidenza felice: quando M. mi ha proposto di lavorare da me al ristorante "Rusticone", stavo giusto cercando un nuovo

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto. 50 84 % frequenza. 10-20 % frequenza. 3-5 % frequenza

Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto. 50 84 % frequenza. 10-20 % frequenza. 3-5 % frequenza Tristezza delle lacrime del latte Depressione post parto Psicosi post parto 50 84 % frequenza 10-20 % frequenza 3-5 % frequenza Ogni anno oltre 100.000 italiane soffrono di depressione durante la gravidanza

Dettagli

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO COSA SONO I D.S.A.? In generale i dsa, sono disturbi specifici dell apprendimento che determinano difficoltà

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE)

MI CHIAMO GIANCARLO FURLO' E SONO UN MMG.(MEDICO DI MEDICINA GENERALE) BUONASERA A TUTTI E GRAZIE PER L'INVITO E L'OPPORTUNITA' CHE MI AVETE DATO DI RIFLETTERE SUL MIO LAVORO E DI CONDIVIDERE CON VOI QUESTE RIFLESSIONI IN RELAZIONE AL MANDATO DI QUESTA SERATA CHE E' RICOMINCIARE

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate tuttosalute.net Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi che

Dettagli

Affrontare correttamente lo stress

Affrontare correttamente lo stress C o m u n i c a t o a i m e d i a - Berna, 6 settembre 2005 Le sollecitazioni psichiche affaticano il cuore più di quanto si riteneva Affrontare correttamente lo stress Chi non fuma, si alimenta nel modo

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI.

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ: 7 CONSIGLI INVINCIBILI. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM Per capire bene come si sente un bambino con DFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA immagina di trovarvi

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

INTRODUZIONE. Per approfondire gli aspetti relativi allo yoga si

INTRODUZIONE. Per approfondire gli aspetti relativi allo yoga si INTRODUZIONE Questo testo si rivolge a persone che desiderano avere qualche suggerimento utile ad affrontare quelle situazioni critiche che fanno parte della normale vita quotidiana, mentre in presenza

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE La tua situazione forzata E capitato a Monica di divorziare dal marito dopo 10 anni di matrimonio e nonostante fossero passati ormai 8 anni, ha molte difficoltà

Dettagli

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 INDICE Prefazione I La famiglia nella tempesta Family Breakdown: perché la famiglia è in

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Ma vivere comunque bene!

Ma vivere comunque bene! Ma vivere comunque bene! Per le persone con problemi di vista e i loro parenti. Care pazienti, cari pazienti e cari parenti, malgrado cure oculistiche spesso anche prolungate, voi stessi o un vostro caro

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

Gestione aziendale della salute

Gestione aziendale della salute business Gestione aziendale della salute Il nostro sostegno per la salute dei collaboratori Soluzioni assicurative adattate in base alle vostre specifiche esigenze www.visana-business.ch Con metodo verso

Dettagli

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test?

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test? INTERPRETAZIONE DEL TEST HT BETA ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Che cosa misura l HT BETA? Il test misura i 10 ingredienti della produttività. Aiuta ad individuare l ingrediente o gli ingredienti

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli