Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni"

Transcript

1 Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Risposta alla delibera N 452/13/CONS recante la Consultazione pubblica sullo schema di regolamento in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70 Data 20 settembre 2013

2 Confindustria Cultura Italia è la in seno a Confindustria. Dal 2007 riunisce le Associazioni delle imprese editoriali, discografiche, multimediali, del cinema, dell audiovisivo, dello spettacolo dal vivo e dei videogiochi. Tra gli obiettivi della Federazione vi è la tutela dei diritti e degli interessi collettivi degli associati sul piano nazionale, comunitario e internazionale; la valorizzazione delle attività di filiera e dei prodotti di tutte le industrie dei contenuti; la promozione della salvaguardia del diritto d autore e la proprietà intellettuale in ogni sua forma; la lotta alla pirateria audiovisiva, discografica, editoriale e multimediale in ogni modalità di espressione e manifestazione. Attraverso le 11 Associazioni riunisce oltre 17mila imprese del settore, che danno lavoro complessivamente a circa 300 mila persone tra artisti, tecnici, maestranze e impiegati, per un valore aggiunto pari a circa 16 miliardi di euro. Aderiscono alla Federazione le Associazioni appartenenti a: settore editoriale a stampa: AIE (editoria libraria e digitale), ANES (editoria periodica tecnica e specializzata su supporto cartaceo e multimediale ) musica: AFI (fonografici), FIMI e PMI (discografici), FEM (editori musicali) produzione televisiva: APT (fiction, intrattenimento leggero, cartoni animati e documentari) cinema e spettacolo: AGIS (spettacolo dal vivo e sale cinematografiche), ANICA (produzione, distribuzione e servizi tecnici per cinema e audiovisivo) e UNIVIDEO (home video) videogiochi: AESVI 2

3 Articolo 1 Definizioni CAPO I - Principi generali D 1.1. Si condividono le definizioni proposte e se ne ravvisa l'adeguatezza alla luce dello sviluppo del settore? Si propongono ulteriori definizioni? D 1.2. Si condivide, in particolare, la definizione di "gestore della pagina internet"? D 1.3. Si condivide la definizione di "opera digitale"? D 1.4. Si condivide la definizione di "rimozione selettiva" e, in particolare, la previsione della rimozione del collegamento ipertestuale (link o tracker) alle opere digitali diffuse in violazione del diritto d'autore o dei diritti connessi? D 1.5. Si ritiene che la definizione di "disabilitazione dell'accesso" sia tecnicamente appropriata al fine di indicare l'inibizione dell'accesso al sito internet univocamente identificato da uno o più nomi di dominio (DNS) o dagli indirizzi IP ad essi associati? L impianto definitorio è ben articolato nel suo complesso e non presenta particolari necessità di aggiungere nuove formule o concetti ex novo. Pur comprendendo la logica dell intero impianto, si ravvisa l opportunità di separare le varie figure di prestatori dei servizi intermediari per evitare di ingenerare confusione giuridica nel mercato con profili di vaghezza rispetto ai reali destinatari degli ordini. L obiettivo è quello di specificare con maggiore chiarezza il chi fa cosa e cioè: a) rimozione selettiva gestore della pagina e/o del sito internet b) comunicazione dei dati del gestore hosting provider c) chiusura del sito hosting provider (sito con server in Italia) d) disabilitazione all accesso ISP (intendendo per ISP il fornitore di connettività) Qui di seguito una riformulazione della lettera g) che suddivide le definizioni di prestatori di servizi, utili ai fini del Regolamento: g) Internet service provider, il prestatore di servizi della società dell'informazione di cui alla lettera f), come definito dall articolo 14 del Decreto; g-bis) Hosting provider : il prestatore di servizi della società dell'informazione di cui alla lettera f), come definito dall articolo 16 del Decreto In merito alla definizione di gestore della pagina internet, si ritiene opportuno aggiungere anche la locuzione sito : quindi gestore della pagina e/o del sito internet. Nessuna osservazione in particolare sulla definizione di opera digitale. 3

4 Ferma restando l impostazione generale delle definizioni di rimozione selettiva e disabilitazione all accesso, ampiamente condivisibili, è tuttavia fondamentale precisare che l ordine di blocco è efficace, con percentuali di diminuzione degli accessi di oltre l 80% solo qualora praticato congiuntamente (IP+DNS), altrimenti è pressoché inutile e facilmente aggirabile. Solo il blocco DNS non è efficace in termini di dissuasivi e rimane facilmente bypassabile. Come noto, esistono dei casi (che non riguardano i principali portali illegali internazionali) di siti con IP condiviso (shared hosting), per il quale è evidente che non possibile praticare il blocco congiunto: per tali fattispecie sarà praticabile solo l inibizione del codice DNS. L Autorità valuterà caso per caso che tipo di disabilitazione ordinare, fermo restando che il regime ordinario dovrebbe essere quello del blocco congiunto. Questi i dati recenti (fonte: NIELSEN) sui blocchi praticati negli ultimi casi D altra parte, l AAMS, in un audizione pubblica presso la Commissione Finanze della Camera ha confermato l ottimo funzionamento del regime dei blocchi (congiunto IP/DNS) che oltretutto traina l utenza media dall illegalità verso modelli di accesso sicuri e legali. 4

5 Peraltro nelle premesse alla Delibera 452/13 si legge quanto segue: La misura della disabilitazione dell accesso al contenuto illegale, che comporta il blocco dell IP e/o della risoluzione DNS appare la più idonea sia per le ipotesi di pirateria massiva, sia nel caso di siti con server situati all estero. Tale misura potrebbe anche essere aggirata dal pubblico nazionale mediante l accesso alle opere per altre vie (cd. proxy esteri). Essa ha tuttavia un effetto collaterale positivo, in quanto, accedendo attraverso il proxy, il sito non viene remunerato in base alla pubblicità parametrata seguendo il numero degli accessi, potendo così comportare un forte incentivo al consumo di prodotti legali. Si propone una precisazione di ordine tecnico alla definizione di link : sempre più di frequente si assiste a fenomeni di portali pirata che inseriscono solo l URL da cui scaricare illegalmente l opera digitale; infine, la definizione di tracker (lettera z) non rileva ai fini del provvedimento e delle procedure di rimozione selettiva; bisogna invece riferirsi ai file torrent. Qui di seguito l ipotesi emendativa proposta: v) "link": collegamento ipertestuale all'opera digitale di cui alla lettera p), ovvero indicazione dell URL ai fini dell'individuazione dell'opera medesima. z) torrent : file o stringa alfanumerica contenente le informazioni necessarie perché gli utenti possano interagire ai fini del download delle opere digitali di cui alla lettera p); conseguentemente alle lettere h) e cc) sostituire la parola tracker con torrent Articolo 2 Finalità e ambito di applicazione D 2.1. Si concorda con l'ambito di intervento così come circoscritto dal presente schema di regolamento? In caso contrario si prega di indicare le relative motivazioni e i vantaggi che potrebbero derivare da un ambito più ristretto o, in alternativa, più ampio. D 2.2. Si condivide in particolare l'esclusione dall'ambito di intervento del presente schema di regolamento delle applicazioni e dei programmi per elaboratore di condivisione diretta di file tra utenti finali attraverso reti di comunicazione elettronica? 5

6 D 2.3. Si condivide la formulazione utilizzata al comma 3 per indicare applicazioni e programmi peer-to-peer? In caso contrario si prega di voler suggerire la formulazione che si ritiene maggiormente adeguata. Si condivide l ambito di intervento ma si ritiene opportuna una precisazione di ordine tecnico in merito al comma 3: 3. Il presente regolamento non si riferisce ai downloader e ai download effettuati tramite applicazioni e programmi per elaboratore, con esclusione dei torrent di cui alla lettera z), attraverso i quali si realizzi la condivisione diretta tra utenti finali di opere digitali attraverso reti di comunicazione elettronica. Appare tuttavia necessario prestare adeguata attenzione al fatto, soprattutto in termini di comunicazione, che l esclusione del downloader e del p2p dall ambito di applicazione del Regolamento, non impatta evidentemente sull illiceità del download abusivo tramite p2p che è (e rimane) sanzionato dalla legge, a seconda della gravità della condotta (il download è punito con la sanzione amministrativa; l upoloading con la multa e quindi sanzione penale pecuniaria; infine, qualora ci sia il dolo del lucro, la sanzione è la reclusione fino a 4 anni). Si tratta di una questione culturale molto importante anche ai fini della sensibilizzazione degli utenti verso modelli di comportamento legali. Da ultimo, in merito al comma 2, c è un passaggio poco chiaro: infatti è di tutta evidenza che l'autorità opera nel rispetto dei diritti e delle libertà di manifestazione del pensiero, di cronaca, di commento, critica e discussione, in quanto previsto (anziché nonché che esprime un carattere additivo dell elencazione) dalle eccezioni e delle limitazioni di cui alla Legge sul diritto d'autore. CAPO II - Misure per favorire lo sviluppo e la tutela delle opere digitali Articolo 3 Principi generali D 3.1. Si concorda con il riconoscimento della centralità del ruolo dell'educazione degli utenti alla legalità nella fruizione delle opere digitali nel contrasto alle violazioni del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica? In caso contrario indicare quali si ritiene possano essere i principi generali atti a caratterizzare l'azione dell'autorità. D 3.2. Quali si ritiene possano essere le misure più efficaci per favorire la creazione di un mercato aperto dell'accesso alle opere digitali e per promuovere la diffusione dell'offerta legale delle stesse? 6

7 D 3.3. Si concorda con la previsione di un ruolo attivo in capo all'autorità nell'elaborazione dei codici di condotta di cui al comma 3 del presente articolo? Si condivide il principio della centralità dell Autorità in materia di educazione alla legalità e di promozione di codici di condotta tra gli operatori. Articolo 4 Comitato per lo sviluppo e la tutela dell'offerta legale di opere digitali D 4.1. Si ritiene esaustiva l'elencazione dei soggetti chiamati a far parte del Comitato? D 4.2. Si concorda con l'attribuzione al Comitato dei compiti previsti dal presente articolo? D 4.3. Si ritiene efficace l'eventuale adozione di codici di condotta da parte degli operatori del settore, in particolare con riferimento ad azioni di contrasto che prendano in considerazione le transazioni economiche e i modelli di business che consentono il finanziamento dell'offerta di contenuti in violazione del diritto d'autore? D 4.4. Si concorda con la previsione di un ruolo attivo del Comitato nel curare la realizzazione di campagne di informazione e di educazione alla legalità e la predisposizione di misure volte a sostenere lo sviluppo delle opere digitali e a rimuovere le barriere normative e commerciali? D 4.5. Si concorda con l'attribuzione al Comitato di un ruolo di monitoraggio in relazione all'innovazione tecnologica e all'evoluzione dei mercati in vista del possibile adeguamento nel tempo della regolamentazione in materia di tutela del diritto d'autore online? Nessuna osservazione contraria rispetto agli obiettivi e alla ratio dell articolo. CAPO III - Procedure a tutela del diritto d'autore online ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70 Articolo 5 Modalità di intervento D 5.1. Si concorda sul fatto che l'autorità possa intervenire solo su istanza di parte? In caso contrario si prega di indicare eventuali alternative, esplicitando i vantaggi che le renderebbero preferibili. Si condivide il modello. 7

8 Articolo 6 Procedure di notifica e rimozione D 6.1. Si concorda con la procedura delineata dall'autorità per la notifica e rimozione? In caso contrario si prega di indicarne le ragioni. Nel caso s'intenda proporre una procedura alternativa, si prega di evidenziarne anche i vantaggi che la renderebbero preferibile a quella prevista dal presente articolo. D 6.2. Si concorda con la previsione di rinviare alle procedure di autoregolamentazione già esistenti in materia di notifica e rimozione? Si condivide l opportunità di procedere preliminarmente con le procedure di autoregolamentazione già esistenti. Tuttavia, si ritiene opportuno, sopprimere l incipit al comma 2 Qualora previamente notificate all'autorità e da questa rese pubbliche attraverso il proprio sito istituzionale in quanto ultroneo e fuorviante rispetto alla logica cooperativa tra operatori legali. Non deve e non può essere necessario la previa notifica all Autorità per praticare le procedure di autoregolamentazione. A titolo esemplificativo, i principali player nel settore del content provider, su segnalazione, rimuovono contenuti illegali entro pochissime ore dall avvio della notifica. Tale approccio va salvaguardato in quanto già molto valido ed efficiente. Si segnala che al di là dei tempi, si potrebbero articolare procedure di autoregolamentazione farraginose ed eccessivamente onerose per i titolari dei diritti in termini di documentazione probante dell illecito da fornire al gestore della pagina/sito Articolo 7 Istanza all'autorità D 7.1. Si concorda con il ritenere l'intervento dell'autorità condizionato all'espletamento della procedura di rimozione di cui all'articolo 6? Si prega di indicare altresì se si concorda con i tempi previsti. D 7.2. Si concorda con la previsione del termine di dieci giorni per l'archiviazione in via amministrativa o per l'avvio del procedimento? D 7.3. Si ritiene che il modulo di cui all'allegato 1 al presente schema di regolamento sia esaustivo ai fini della trasmissione dell'istanza all'autorità? 8

9 E necessario ridurre i termini di cui al comma 1 per adire l Autorità, ciò al fine di rendere il sistema di protezione dei diritti efficace e funzionale alle esigenze del mercato digitale. Nello specifico: a) 2 giorni (lettera a)), se vengono utilizzate le procedure di autoregolamentazione; oggi tutti i principali content provider rimuovono entro poche ore; non risulta efficiente un sistema di enforcement che richiede 7 giorni di tempo per adire un giudice terzo; b) è opportuno configurare il caso della recidiva (es. il sito che re-immette un opera illegalmente caricata dopo una prima rimozione) e in tali casi, applicare la procedura di cui al comma 3. Ipotesi emendativa (comma 3): 3. Il soggetto legittimato può chiedere direttamente all'autorità la rimozione dell'opera digitale che si assume diffusa in violazione della Legge sul diritto d'autore qualora manchino le procedure di autoregolamentazione di cui all'articolo 6, comma 1, o non risulti possibile rivolgersi al gestore della pagina internet su cui è resa disponibile l'opera digitale medesima. Il soggetto legittimato può altresì chiedere direttamente all Autorità la rimozione dell opera nei casi di recidiva nella diffusione al pubblico di una medesima opera. In merito al modulo di cui all allegato I, bisogna fare alcune precisazioni. Ai fini delle segnalazioni delle violazioni massive sia dei siti illegali localizzati in Italia, sia di quelli con server all estero, è del tutto evidente che i titolari dei diritti non possono compilare il modulo dell'allegato 1 in tutte le sue parti. In caso di violazioni massive (centinaia di migliaia di URL/opere), l'obbligo di fornire titolo, anno di produzione, produttore e altri dati relativi ai diritti non è in linea con la procedura d urgenza configurata dalla stessa Autorità per pervenire alla disabilitazione all accesso del sito illegale in tempi brevi, vera priorità del provvedimento. La segnalazione al gestore del sito e all'autorità dovrebbe prevedere l'obbligo di fornire solo l'url dell'opera illecita, ovviamente con piena assunzione di responsabilità sulla veridicità di quanto dichiarato dal segnalante in merito alla titolarità dei diritti. Siffatto approccio è esattamente in linea con le previsione del DMCA Statunitense che non obbliga i titolari dei diritti a fornire dati aggiuntivi, bensì semplicemente a dichiarare di essere autorizzato dal titolare a chiedere la rimozione e di non aver mai autorizzato il gestore del sito a sfruttare l'opera oggetto della violazione. 9

10 Va pertanto configurato un modulo semplificato per le associazioni di categoria ai fini delle segnalazioni di violazioni massive, con l obiettivo di razionalizzare la procedura e gestire al meglio l operatività del nuovo regime regolatorio, senza oneri eccessivi per i titolari dei diritti. Per esempio: segnalare un numero minimo ma congruo di opere caricate, semplificare le richieste di info e documentazione, accettare screenshot delle pagini illegali. Infine, si segnala che il termine dei 10 giorni per l archiviazione o l avvio del procedimento risulta essere eccessivamente lungo e rischia di compromettere la ratio dell intervento stesso. Articolo 8 Procedimento istruttorio dinanzi alla Direzione D 8.1. Si condivide il percorso procedurale proposto? In caso contrario si prega di indicarne le ragioni. D 8.2. In particolare, si ritiene che le modalità e i tempi di intervento previsti dal presente articolo siano appropriati rispetto all'esigenza di assicurare il rispetto delle garanzie procedurali e al contempo l'efficacia dell'azione a tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica? Si condivide il percorso procedurale e la tempistica prevista anche ai fini del rispetto delle garanzie di tutela dei diritti di proprietà e di libertà di espressione. Come già evidenziato nei commenti all articolo 1, rimane invece poco chiaro il coinvolgimento dei vari operatori della filiera dei prestatori dei servizi per le attività di take down o sites blocking. A nostro avviso deve essere specificato nel dettaglio chi sono gli operatori coinvolti e con quale richiesta di ordine. Qui di seguito un ipotesi emendativa che cerca di rispondere a tale esigenza: Articolo 8 Procedimento istruttorio dinanzi alla Direzione 1. La Direzione comunica senza indugio l avvio del procedimento al soggetto istante, all uploader e al gestore della pagina/sito internet, ove rintracciabili, nonché, nel caso il sito sia ospitato in Italia, agli hosting provider. La comunicazione di avvio del procedimento contiene l esatta individuazione delle opere digitali che si assumono diffuse in violazione della Legge sul diritto d autore, l indicazione delle disposizioni che si assumono violate, una sommaria esposizione dei fatti e dell esito degli accertamenti svolti, l indicazione dell ufficio competente e del responsabile del procedimento al quale è possibile presentare eventuali controdeduzioni, nonché del termine di conclusione del procedimento. 10

11 2. Qualora il gestore della pagina/sito internet non sia rintracciabile, la comunicazione di avvio del procedimento indirizzata agli hosting provider, nel caso il sito sia ospitato in Italia, è accompagnata da una richiesta di informazioni volta a consentire l identificazione del gestore della pagina/sito internet ai sensi dell articolo 17, comma 2, lettera b), del Decreto, ai fini della trasmissione della comunicazione di cui al comma 1 del presente articolo. Il prestatore di servizi dà riscontro alla richiesta di informazioni entro quarantotto ore dalla sua ricezione. 3. Con la medesima comunicazione di cui al comma 1 la Direzione informa l uploader e il gestore della pagina/sito internet e i prestatori di servizi che possono procedere all adeguamento spontaneo entro il termine di tre giorni dalla ricezione della comunicazione stessa. 4. Qualora l uploader, il gestore della pagina/sito internet o i prestatori di servizi provvedano all adeguamento entro il termine di cui al comma 3, ne danno contestuale comunicazione alla Direzione, la quale dispone l archiviazione del procedimento in via amministrativa, dandone notizia al soggetto istante e ai destinatari della comunicazione di avvio del procedimento. La Direzione informa periodicamente l organo collegiale delle archiviazioni disposte ai sensi del presente comma. 5. Qualora ritengano di controdedurre in merito alla violazione contestata, l uploader, il gestore della pagina/sito internet e i prestatori di servizi trasmettono alla Direzione, entro il medesimo termine di cui al comma 3, ogni elemento utile ai fini della relativa verifica. 6. In presenza di esigenze istruttorie ovvero alla luce della complessità del caso, la Direzione può disporre un prolungamento dei termini di cui al comma 8 dell articolo 7 e ai commi 2, 3 e 5 del presente articolo. Il suddetto prolungamento non si applica ai fini della procedura abbreviata, di cui all articolo Salvo il caso di adeguamento spontaneo di cui al comma 3, la Direzione, esaminati gli atti, li trasmette senza indugio all organo collegiale, formulando proposta di archiviazione ovvero di adozione dei provvedimenti di cui agli articoli 14, comma 3, 15, comma 2, e 16, comma 3, del Decreto. 8. Qualora nel corso del procedimento sia adita l Autorità giudiziaria per il medesimo oggetto e tra le stesse parti, la parte attrice ne informa tempestivamente la Direzione, che archivia gli atti e li trasmette all Autorità giudiziaria medesima. 11

12 Articolo 9 Provvedimenti a tutela del diritto d'autore D 9.1. Si concorda con l indicazione esplicitata delle modalità di intervento previste dal presente testo rimozione selettiva, disabilitazione e eventuale reindirizzamento automatico o si ritiene preferibile, in alternativa, prevedere un ordine generico di porre fine alla violazione commessa? Si prega di voler indicare le motivazioni della prefernza. D 9.2. Si ritiene che le modalità rimozione selettiva, disabilitazione e eventuale reindirizzamento automatico e i tempi di intervento previsti dal presente articolo siano adeguati ai fini della tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica? D 9.3. Si ritiene che il reindirizzamento automatico possa essere un utile strumento ai fini dell'educazione alla fruizione delle opere digitali nel rispetto del diritto d'autore? La procedura configurata dall Autorità (rimozione selettiva, disabilitazione ed eventuale reindirizzamento automatico) è convincente, proporzionata ed efficace. Siffatto approccio è peraltro quello seguito anche a livello internazionale come modello di take and action rispetto alle violazioni online. La formulazione è operativamente funzionale e confacente con lo spirito regolatorio di un Autorità amministrativa che deve individuare con precisione e accuratezza l intervento da praticare sul mercato. Rimane, a nostro avviso, un area di criticità generale relativa ai tempi: 45 giorni per l adozione di un provvedimento è un tempo straordinariamente lungo per la chiusura di una procedura amministrativa. L ipotesi di reindirizzamento è un opzione valida e da esperire congiuntamente alle campagne di comunicazione prevista dalla ratio del provvedimento. Si propone un ipotesi emendativa al comma 1 al fine di precisare compiti e destinatari dei vari ordini (ed evitare inutile e pericolose strumentalizzazioni) e cioè: 1. rimozione selettiva in capo al gestore del sito 2. chiusura del sito illecito in capo all hosting provider (sito localizzato in Italia) 3. disabilitazione accesso (IP+DNS) in capo all ISP (sito localizzato all estero) 1. L organo collegiale, esaminati gli atti, ne dispone l archiviazione ovvero esige che l uploader o il gestore della pagina e/o sito internet ovvero i prestatori di servizi destinatari della comunicazione di cui all articolo 8, comma 1, pongano fine alla violazione commessa, ai sensi degli articoli 14, comma 3, 15, comma 2, e 16, comma 3, del Decreto. 12

13 A tal fine, l organo collegiale ordina al gestore della pagina e/o del sito internet ai prestatori di servizi di provvedere, entro tre giorni dalla notifica dell ordine, alla rimozione selettiva delle opere digitali diffuse in violazione del diritto d autore o dei diritti connessi, ovvero, nel caso il sito sia ospitato su server localizzati in Italia, ordina all'hosting provider di porre fine alla violazione, ovvero, nel caso il sito sia ospitato all'estero, ordina agli internet service provider la disabilitazione dell accesso al sito sul quale sono ospitate, rispettando i criteri di gradualità e di proporzionalità e tenendo conto, tra l altro, della gravità della violazione e della localizzazione del server. 13 Articolo 10 Procedimento abbreviato D Si concorda con la previsione di un procedimento abbreviato in caso di sussistenza di una grave lesione dei diritti di sfruttamento economico di un'opera digitale, in considerazione, tra l'altro, del carattere massivo della violazione o dei tempi di immissione sul mercato dell'opera stessa? D Si ritiene che i criteri previsti al presente articolo - grave lesione dei diritti di sfruttamento economico di un'opera digitale, carattere massivo della violazione o tempi di immissione sul mercato dell'opera stessa - siano proporzionati rispetto agli obiettivi del procedimento abbreviato? D Si concorda con i tempi previsti dal presente articolo? In caso contrario indicare le motivazioni e l'eventuale alternativa. D Si ritiene che gli elementi indicati al comma 2 del presente articolo siano sufficienti ai fini del ricorso al procedimento abbreviato? Si concorda con la procedura e l obiettivo dell articolo: oggi con un trend sempre crescente (dati PublicBT), l accesso ai contenuti illegali avviene attraverso siti web esclusivamente dedicati alla pirateria/contraffazione: piattaforme transfrontaliere con server all estero che incassano risorse attraverso i banner pubblicitari, sfruttando la disponibilità di opere dell ingegno illecitamente caricate. Si tratta di siti che non collaborano in quanto nati col preciso scopo di diffondere abusivamente contenuti protetti senza autorizzazione. Trattasi essenzialmente di siti tracker di bit-torrent che gestiscono terabyte di materiale, e attraverso cui ogni giorno vengono illecitamente sfruttati: giornali, film, musica, libri, software, fiction, videogame ecc. Su tali portali, è necessario un intervento urgente e prioritario da parte dell Autorità. A tal riguardo, si propone di ridurre a 8 (anziché i previsti 10) i giorni per l adozione dei provvedimenti da parte dell Autorità. Si tenga presenta che ai 10 giorni previsti, bisogna aggiungere i termini previsti dall articolo 7, comma 1.

14 Larghissima parte del fatturato ricavato dalle prime cinematografiche, videoludiche, musicali, editoriali ecc. viene maturato nella prima settimana dal lancio ufficiale sul mercato. E del tutto evidente che per corrispondere a questa esigenza, è opportuno ridurre al massimo i tempi complessivi dell azione. Riteniamo che i criteri previsti per l attivazione della procedura d urgenza siano condivisibili, esaustivi e funzionali alle reali esigenze della tutela del mercato dei contenuti creativi su internet. Capo IV - Disposizioni relative alla tutela del diritto d'autore sui servizi di media Articolo 11 Disposizioni generali D Si concorda con la ricostruzione dei principi cui deve essere ispirata l azione dei fornitori di servizi di media in materia di tutela del diritto d autore? Nessuna osservazione. Articolo 12 Istanza all'autorità D Si ritiene necessario prevedere una procedura individuale di notifica e rimozione da espletarsi dinanzi al fornitore di servizi di media? Si prega di indicare le ragioni della scelta e, in caso affermativo, i relativi vantaggi. D Si ritiene che il modulo di cui all'allegato 2 al presente schema di regolamento sia esaustivo ai fini della trasmissione dell'istanza all'autorità? Nessuna osservazione. 14

15 Articolo 13 Procedimento istruttorio dinanzi alla Direzione D Si condivide il percorso procedurale proposto, in particolare con riferimento ai tempi previsti? In caso contrario si prega di indicarne le ragioni. D Si ritiene che i termini previsti dal presente articolo siano appropriati al fine del rispetto delle garanzie procedurali? Nessuna osservazione. Articolo 14 Provvedimenti a tutela del diritto d'autore D Si ritiene che le modalità e i tempi di intervento previsti dal presente articolo siano appropriati rispetto all'esigenza di assicurare il rispetto delle garanzie procedurali e al contempo l'efficacia dell'azione a tutela del diritto d'autore sui servizi di media? Nessuna osservazione. Articolo 15 Provvedimenti ai sensi dell'articolo 1-ter, comma 8, del Testounico D 15.1 Si ritiene che lo strumento del richiamo formale sia appropriato nei casi di violazioni del diritto d autore da parte dei servizi di media soggetti alla giurisdizione italiana a norma dell articolo 1-bis, comma 4, del Testo unico? In caso contrario si prega di indicare gli strumenti alternativi, esplicitando i vantaggi che li renderebbero preferibili. D Si ritiene che le modalità e i tempi di intervento previsti dal presente articolo siano appropriati rispetto all esigenza di assicurare il rispetto delle garanzie procedurali e al contempo l efficacia dell azione a tutela del diritto d autore sui servizi di media? Nessuna osservazione. 15

16 ALLEGATO 1 all'allegato A alla delibera n. 452/13/CONS Come evidenziato nel commento dell articolo 7, è essenziale pervenire ad una semplificazione del modulo di istanza delle segnalazioni per le violazioni di tipo massivo. In linea con il DMCA degli USA, che è il modello di riferimento per il notice and take down, le segnalazioni all'autorità dovrebbero prevedere pochi obblighi, tra cui quello di fornire l'url dell'opera illecita, ferma restando la piena assunzione di responsabilità giuridica sulla veridicità di quanto dichiarato dal segnalante in merito alla titolarità dei diritti. Questo al fine di velocizzare le procedure per il contrasto ai c.d. rogue sites. Si resta a disposizione per ulteriori chiarimenti. Confindustria Cultura Italia è AESVI AFI AGIS AIE ANES ANICA APT FEM FIMI PMI UNIVIDEO 16

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013

Allegato A alla Delibera n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013 Allegato A alla Delibera n. del 12 dicembre 2013 REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Risposta alla delibera N 668/10/CONS recante la Consultazione Pubblica sui Lineamenti di provvedimento concernente l esercizio delle competenze dell Autorità

Dettagli

Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore

Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore Lo stato di applicazione del Regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore Saverio Ligi Roma, 5 maggio 2015 Osservatorio Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme multimediali tra

Dettagli

L enforcement amministrativo delle violazioni del diritto d autore online

L enforcement amministrativo delle violazioni del diritto d autore online L enforcement amministrativo delle violazioni del diritto d autore online Maja Cappello ISAN Italia Roma, 26 giugno 2014 L AGCOM e il diritto d autore online Come presentare un istanza Le istanze pervenute

Dettagli

La pirateria digitale in Italia

La pirateria digitale in Italia La pirateria digitale in Italia 23% degli utilizzatori di internet usa il p2p (sei milioni), la crescita rispetto al 2007 è stata dell 1 % (fenomeno stabilizzato). La media dei brani musicali scaricati

Dettagli

Trasmettiamo di seguito le risposte sintetiche ai quesiti posti, articolo per articolo, dall'autorità:

Trasmettiamo di seguito le risposte sintetiche ai quesiti posti, articolo per articolo, dall'autorità: Roma, 23 settembre 2013 Risposta alla Consultazione pubblica sullo schema di regolamento in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica e proc edure attuative ai sensi

Dettagli

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica DIRITTO INDUSTRIALE TMT MEDIA Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica Contenuti 1. L iter dei procedimenti amministrativi: tratti comuni

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

1 - Analisi sulle criticità strutturali che impediscono lo sviluppo di una offerta legale di contenuti digitali

1 - Analisi sulle criticità strutturali che impediscono lo sviluppo di una offerta legale di contenuti digitali 1 - Analisi sulle criticità strutturali che impediscono lo sviluppo di una offerta legale di contenuti digitali 3.3.1. Rimozione delle barriere per lo sviluppo di un offerta legale: l accesso ai contenuti

Dettagli

INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ

INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ INTERNET. STRUMENTI LEGALI PER LO SVILUPPO DI NUOVE OPPORTUNITÀ Giangiacomo Olivi Hotel dei Cavalieri, Milano 24 ottobre 2011 Social Networks Web 2.0 Tratto da Harpsocial.com Social Networks Web 2.0 Tratto

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Avv.Luigi Gianfelice Avv. Gianluca Ludovici a cura di Valentina Benedetti ed Arianna Vagni 1 Intellettual Property

Dettagli

15-7-2011 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 163 ALLEGATO 1 al Regolamento in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica FACSIMILE DI NOTICE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 109/14/CSP ARCHIVIAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 1, DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Privacy Policy e utilizzo dei cookie.

Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy e utilizzo dei cookie. Privacy Policy Informativa resa ai sensi dell articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito di Hakomagazine e fruitori dei servizi offerti dallo stesso,

Dettagli

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY Pagine 1 di 5 PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY PERCHE QUESTO AVVISO La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte

Dettagli

OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011

OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011 OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011 PRESENTAZIONE DEL RECLAMO MODALITA Questione 1: Presentazione del reclamo

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto)

Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Le violazioni del diritto d'autore online alla luce delle sentenze della Corte Ue (Guida al Diritto) Andrea Sirotti Gaudenzi La Corte di giustizia del Lussemburgo è stata frequentemente chiamata a esaminare

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLE OPERE AUDIOVISIVE E GESTIONE COLLETTIVA DEI DIRITTI

IDENTIFICAZIONE DELLE OPERE AUDIOVISIVE E GESTIONE COLLETTIVA DEI DIRITTI GESTIONE DEL DIRITTO D AUTORE NELLA FILIERA DIGITALE IDENTIFICAZIONE DELLE OPERE AUDIOVISIVE E GESTIONE COLLETTIVA DEI DIRITTI I FATTORI DELL INNOVAZIONE Andrea Marzulli SIAE SEZIONE CINEMA Roma, 26 giugno

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

Matteo Giacomo Jori - matteo.jori@unimi.it

<file sharing> Matteo Giacomo Jori - matteo.jori@unimi.it Con il termine file sharing (letteralmente condivisione di file ) si è soliti indicare la condotta di chi, sfruttando particolari software e protocolli di comunicazione, utilizza le reti

Dettagli

LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014

LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014 COMMUNICATION LUNCH IL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PRIVACY IN MATERIA DI COOKIES MILANO 23 GIUGNO COMMUNICATION 2014 LUNCH IL PERCORSO La Direttiva 2009/136/CE, direttiva sui servizi di comunicazione elettronica,

Dettagli

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown

CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown CODE OF CONDUCT HOSTING (CCH) Notice and Takedown PREAMBOLO La simsa swiss internet industry association ha stabilito il presente Code of Conduct Hosting (di seguito «CCH») al fine di illustrare i principi

Dettagli

DELIBERA N. 680/13/CONS

DELIBERA N. 680/13/CONS DELIBERA N. REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2003, N. 70 L'AUTORITÀ NELLA sua

Dettagli

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare..

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il File sharing È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il file sharing nasce come mezzo per favorire

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

DELIBERA N. 680/13/CONS

DELIBERA N. 680/13/CONS DELIBERA N. REGOLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE SULLE RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA E PROCEDURE ATTUATIVE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2003, N. 70 L'AUTORITÀ NELLA sua

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SITO WEB DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SITO WEB DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SITO WEB DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI SIRACUSA Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 894 del 22/10/2013 INDICE PREMESSA ART. 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI Articolo 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) titolari di incarichi politici ex art. 14 del D.Lgs. n. 33/2013 - Pagina 1 di 9 COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) Regolamento per l attuazione degli obblighi di trasparenza e di pubblicazione

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 * * * La presente Carta delle Garanzie è prevista dall Offerta di Interconnessione di Riferimento

Dettagli

Stop alla trasmissione abusiva delle partite di calcio e condanna dei principali fornitori di connettività

Stop alla trasmissione abusiva delle partite di calcio e condanna dei principali fornitori di connettività ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 11/05/2016 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/38196-stop-alla-trasmissione-abusiva-delle-partite-dicalcio-e-condanna-dei-principali-fornitori-di-connettivit Autore:

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni)

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 38/11/CONS Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini dell applicazione di quanto previsto dal presente regolamento

Dettagli

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA...

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA... Questo contratto di licenza è visualizzato per informazione. La licenza deve essere richiesta attraverso i servizi on line. Si attiva così la procedura automatizzata di emissione MAV. A pagamento avvenuto,

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche SU@P Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche Modalità di presentazione telematica delle istanze e delle SCIA La S.C.I.A. (Segnalazione

Dettagli

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati by Boole Server DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati La Soluzione per Avvocati e Studi Legali La realtà operativa degli Studi Legali è caratterizzata

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA DENOMINATA LIBERO CONSORZIO COMUNALE AI SENSI DELLA L.R. N. 8/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DI COMPETENZA DELLA VIII DIREZIONE AMBIENTE

Dettagli

Il compito di applicare il contrassegno, cioè di "vidimare" i supporti è affidato alla SIAE.

Il compito di applicare il contrassegno, cioè di vidimare i supporti è affidato alla SIAE. Il contrassegno La Legge sul diritto d'autore, n. 633/1941), stabilisce (art. 181 bis) che su ogni supporto contenente programmi per elaboratore o multimediali nonché su ogni supporto (CD, cassette audio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FRANCESCHINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FRANCESCHINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5529 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FRANCESCHINI Riduzione dell aliquota IVA sui compact disc musicali, detrazioni fiscali e

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L AGGIORNAMENTO E LA TENUTA DEL SITO WEB ISTITUZIONALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 9/4/2014

Dettagli

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 AAMS Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO 3 LA REALTÀ VIRTUALE 4 IL QUADRO NORMATIVO 5 IL PANORAMA INTERNAZIONALE 7 LE AZIONI DI AAMS 11 RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Privacy Policy del sito www.cineca.it

Privacy Policy del sito www.cineca.it Privacy Policy del sito www.cineca.it INTRODUZIONE La presente informativa, che definisce le modalità di gestione del sito: http://www.cineca.it (di seguito, per brevità, si utilizzerà il termine Sito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 32 del 10.02.2011 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni:

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

Comitato tecnico contro la pirateria digitale e multimediale. 5 marzo 2009

Comitato tecnico contro la pirateria digitale e multimediale. 5 marzo 2009 AUDIZIONE Comitato tecnico contro la pirateria digitale e multimediale 5 marzo 2009 Executive Summary Il mercato discografico italiano 2008 Il fatturato totale dell industria (cd musicali, dvd musicali

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET

I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET I GIOVANI, LA MUSICA E INTERNET Una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete Cos è il P2P? Come genitore hai probabilmente già sentito tuo figlio parlare di file sharing, P2P (peer

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PREMESSO CHE: - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico.

L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. L Internet service provider tra disciplina sulla privacy e disciplina sul commercio elettronico. I prestatori dei servizi della societa dell informazione / 1 Il prestatore di servizi della società dell

Dettagli

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO 1. Premessa 2. Violazioni 3. Soggetti destinatari 4. Misure disciplinari nei confronti dei lavoratori dipendenti 5. Misure disciplinari nei confronti

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica digitale quello che bisogna sapere Ci sono molti modi per avere accesso in maniera sicura e legale a musica, film e TV sul web. Questa

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO

CRAL ALENIA SPAZIO TORINO CRAL ALENIA SPAZIO TORINO Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. N.196 del 30 Giugno 2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Gentile Signora,

Dettagli

Associazione dei professionisti operanti nel Web ai sensi della legge 4/2013

Associazione dei professionisti operanti nel Web ai sensi della legge 4/2013 DENUNCIA ALLA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RIGUARDANTE INADEMPIMENTI DEL DIRITTO COMUNITARIO 1. Cognome e nome del denunciante: Roberto Scano - 2. Eventualmente rappresentato da: Italiana 3. Cittadinanza:

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 27/01/2012 Il presente regolamento entra in vigore il 28/01/2012

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ IN. FORMA S.R.L. (SERVIZIO DI MEDIA AUDIOVISIVO IN AMBITO LOCALE RETEVERSILIA) PER LA VIOLAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CONTENUTE NELL ART. 8, COMMA 2, DELLA

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERAZIONE 4 settembre 2012 Modifiche alla deliberazione n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 per l'avvio del nuovo sistema informativo automatizzato del

Dettagli

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2 COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2 Telefono 010 931215 Fax 010 931628 copia Deliberazione n. 3 Adunanza del 17 marzo 2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE CIVICA COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 93 del 4.11.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 90 del 18.12.2014 ART.1 OGGETTO

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2.

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2. INFORMATIVA E CONSENSO PER L'UTILIZZO DEI DATI PERSONALI - D.Lgs. 30.06.2003 n.196, Art. 13 Questa Informativa si applica ai dati personali raccolti attraverso il presente sito. La presente non si applica

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Luglio 2006, n. 131/06/CSP: Approvazione della direttiva in materia di qualita' e carte dei servizi di accesso a Internet da postazione

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Circolazione e tutela del software nella federazione russa

Circolazione e tutela del software nella federazione russa Circolazione e tutela del software nella federazione russa Nell esercizio di attività di impresa e commerciali nella Federazione Russa rivestono crescente importanza i software e le banche dati. Presentiamo

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione, IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo 93, vista la proposta della Commissione, (2) Per assicurare la corretta applicazione dell

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente Spett.le Banca d Italia Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza Divisione Normativa Primaria Via Milano n. 53 00184 Roma Oggetto: Osservazioni inerenti la pubblica consultazione in materia di Trasparenza

Dettagli