ENERGIA. Sperimentiamo il presente per progettare il futuro.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA. Sperimentiamo il presente per progettare il futuro."

Transcript

1

2 ENERGIA. Sperimentiamo il presente per progettare il futuro. Se credete che una mostra scientifica sia una faccenda per addetti ai lavori o comunque una cosa noiosa, ricredetevi! ENERGIA. Sperimentiamo il presente per progettare il futuro è una mostra in cui non c è nulla sotto vetro, ma tutto si può toccare e far funzionare! In un ambientazione decisamente insolita, il ponte di comando di un astronave futuribile, questa mostra è un concentrato di attività divertenti pensate per il pubblico giovane ma anche per le famiglie che scopriranno assieme quanto la scienza e il divertimento non siano concetti in contrapposizione ma possano perfettamente coesistere in questo nuovo modo di comunicare scienza, l intrigante mondo dei Centri della Scienza. Il Museo Tridentino di Scienze Naturali assieme al Dipartimento di Fisica dell Università di Trento, forti di importanti esperienze realizzate negli scorsi anni e sostenuti da una fitta rete di rapporti internazionali, propongono un nuovo modo di fare intrattenimento culturale, quello degli esperimenti e delle installazioni interattive, in cui non è l oggetto esposto ma è il visitatore il protagonista dell esperienza della visita museale. Con questa mostra i due enti organizzatori vogliono dimostrare che esiste uno spazio culturale ancora poco esplorato in Italia in cui scienza e innovazione tecnologica sono presentati in uno scenario di educazione informale e di intrattenimento di qualità, ottimo in termini di gradevolezza e di coinvolgimento del visitatore. A questo proposito, per usare le parole di McLuhan che di comunicazione se ne intende, anche noi riteniamo che chiunque pensi che educazione (apprendimento e gioco attento) e divertimento (gioco e apprendimento non attento) siano differenti, non capisce molto né dell uno né dell altro. Una mostra che preferisce coinvolgere il proprio pubblico, anziché utilizzare i toni di un oracolo minaccioso; visitatori di tutte le età, giocano con gli esperimenti intriganti della sezione I fenomeni e la meraviglia. Si sa che giocare vuol dire capire le regole di ciascun gioco, per questo il museo offre la possibilità di dialogare con gli spiegatori, giovani guide pronte a sperimentare assieme al visitatore le strane macchine che popolano il pianterreno del Museo Tridentino di Scienze Naturali. E poi I sistemi e i problemi: una sezione che permette anche in questo caso di avvicinare e di interagire con i problemi energetici nella loro complessità. Si passa dai consumi dell organismo vivente a quelli della società contemporanea, con un grande spazio dedicato al problema del reperimento di nuove fonti necessarie per una società futura che immaginiamo sempre più bisognosa di energia. Energia, appunto, tanta e di qualità. Un occasione per il cittadino che vuol sapere ed agire consapevolmente secondo il criterio che chi conosce può scegliere la propria strada, mentre chi non conosce può muoversi solo a caso o seguire la strada indicata dagli altri, magari quella sbagliata. Comunicare conoscenze scientifiche in modo piacevole non è infatti il solo obiettivo di questo genere di iniziative espositive. Le scelte e le opzioni di sviluppo che la società contemporanea deve affrontare non sono solo affare di governi o una faccenda per addetti ai lavori. Le variabili sono molteplici e molte interferiscono con la nostra vita quotidiana, sulle nostre convinzioni etiche, su quello che vogliamo per noi oggi e quello che vogliamo che anche i nostri figli e i loro possano avere in futuro. Per questo motivo avvicinarsi ai problemi scientifici e conoscerli, anche attraverso un percorso divertente e non accademico, è un modo per collocare in uno scenario di informazione corretta le nostre opinioni personali, per essere testimoni consapevoli di scelte o di opzioni che riguardano il nostro futuro.

3 EXHIBIT MOSTRA (Misure: a x b x c = larghezza x profondità x altezza) NOTA: per tutti gli exhibit che contengono acqua, utilizzare acqua distillata o almeno demineralizzata e mettervi dell antivegetativo. TITOLO: PENDOLI DI NEWTON DESCRIZIONE: urti elastici tra 7 palle da biliardo sospese affiancate. Mettendo in oscillazione uno dei pendoli laterali si osserva come l energia si trasferisce agli altri pendoli. Dato che gli urti tra sfere dure sono quasi perfettamente elastici, l ultima sfera risale quasi esattamente alla quota da cui era partita la prima. COMPOSIZIONE: un tavolino (h = 80 cm) con sopra un telaio di ferro cubico (50 x 40 x 50 cm) che contiene 7 sfere da bigliardo legate in alto con la bava da pesca. DIMENSIONI: globalmente 80 x 50 x 130 cm compreso il tavolo su cui è attaccata saldamente la struttura con le sfere. NECESSITÀ: --Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

4 TITOLO: ESPERIENZA DI RUTHERFORD DESCRIZIONE: una pallina d acciaio viene lanciata delicatamente contro un ostacolo dal profilo iperbolico per simulare la repulsione tra una particella alfa e un nucleo atomico. COMPOSIZIONE: una rotaia discendente permette di lanciare a diversa velocità una sferetta d acciaio (diam. 14 mm) contro un profilo metallico a forma di iperbole di rotazione. Il tutto è montato su un piano di legno orizzontale con i bordi rialzati che permettono di evitare la fuoriuscita della pallina. DIMENSIONI: 51 x 80 x 15 cm da appoggiare su un tavolo NECESSITÀ: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. MANUTENZIONE: ---

5 TITOLO: SFERA AL PLASMA DESCRIZIONE: una sfera di vetro sigillata contenente aria a bassa pressione viene sollecitata da una d.d.p. ad alta frequenza. Il gas rarefatto contenuto all interno è ionizzato: per effetto del movimento dovuto alla d.d.p. gli ioni e gli elettroni si ricombinano e formano dei piccoli fulmini. COMPOSIZIONE: un grosso box cilindrico ha una sfera di vetro massiccia sopra. Attorno alla sfera, sul piano superiore del cilindro si trovano alcuni piccoli tubi al neon. Toccando i tubi a sfera accesa questi si illuminano. DIMENSIONI: 120 x 120 x 130 cm NECESSITÀ: corrente 220 V e in luogo piuttosto buio. La gente deve poter girare attorno a tutto l exhibit. MANUTENZIONE: --- (acquistato da Tecniquest)

6 TITOLO: POZZO GRAVITAZIONALE DESCRIZIONE: un grosso canestro con profilo iperbolico simboleggia un attrattore gravitazionale. Il visitatore lancia orizzontalmente nel pozzo delle palline di gomma che gravitano su delle orbite ellittiche e lentamente collassano verso il centro. COMPOSIZIONE: è un grosso cilindro di legno e plastica completamente verniciato con un profilo interno a imbuto iperbolico e un buco laterale che serve per il recupero delle palline che scendono nell imbuto. DIMENSIONI: diametro 140 cm, h = 78 cm. NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia su pedana antiallagamento. (acquistato da Tecniquest)

7 TITOLO: PENDOLI ACCOPPIATI MECCANICI DESCRIZIONE: due pendoli identici sono collegati lungo le aste tramite una debole molla metallica. Dopo aver messo in movimento uno dei due pendoli si osserva che lentamente l energia del movimento viene trasferita al secondo mentre il primo pendolo riduce le oscillazioni fino a fermarsi. COMPOSIZIONE: una struttura di metallo alta e pesante sostiene i due pendoli costituiti da due aste rigide con due cilindri massicci di ottone mobili su e giù lungo le aste grazie ad una vite per il fissaggio. I due pendoli sono uniti lungo le aste da una sottile molla non tesa. Essa è la responsabile del trasferimento di energia da un pendolo all altro. DIMENSIONI: 55 x 55 x 215 cm, stabile e piuttosto pesante. NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

8 TITOLO: 20 PENDOLI DESCRIZIONE: 20 pendoli allineati e tutti di lunghezza diversa (gradualmente crescente) vengono fatti partire assieme con la stessa ampiezza utilizzando un asta metallica. Già dopo qualche oscillazione si osserva che i periodi dei pendoli sono tutti diversi e quindi i loro moti si sfasano. COMPOSIZIONE: una struttura di ferro sorregge 20 pendoli a corda (bava da pesca) fatti con delle piccole palle da bigliardo. I fili dei pendoli hanno lunghezze leggermente crescenti gradualmente dal primo all ultimo. La struttura è fissata ad un tavolo e sul tavolo è appoggiata un asta di alluminio che serve per avviare l oscillazione in fase dei pendoli. DIMENSIONI: 130 x 50 x 130 cm su un tavolo da 150 x 80 x 80 cm NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: sostituzione periodica dei fili dei pendoli e regolazione costante della loro lunghezza che deve essere in perfetta scala crescente. Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

9 TITOLO: PENDOLO DI GALILEO, CON PIOLI SPOSTABILI DESCRIZIONE: un pendolo a corda oscilla incontrando un ostacolo che ne riduce la lunghezza. Si osserva che l altezza massima raggiunta rispetto al piano del tavolo è la stessa al variare della lunghezza del filo. COMPOSIZIONE: una struttura di ferro pesante e stabile sorregge il pendolo costituito da una palla da bigliardo e della bava da pesca piuttosto grossa. Sulla struttura portante si trova un piolo legato con una catenella e fissabile alla struttura orizzontalmente a tre diverse altezze. Questo piolo fa da ostacolo al moto del pendolo che così varia la sua lunghezza ad ogni semioscillazione. DIMENSIONI: 52 x 40 x 132 cm fissato sopra un tavolo da 100 x 80 x 80 cm NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

10 TITOLO: MOTORE AD ARIA CALDA DI STIRLING DESCRIZIONE: un motore che funziona semplicemente utilizzando il calore di una mano. (richiede una piccola [delicata] spinta a mano per lo spunto) COMPOSIZIONE: un disco trasparente è montato su una piccola macchina termica che funziona riscaldando con la mano la piastra sottostante. Questo motore è montato su un ponte di plexiglas fissato su un tavolo. Il plexi è forato in modo che il visitatore possa scaldare la piastra del motore da sotto. DIMENSIONI: compreso il plexiglas 30 x 30 x 56 cm montato su un tavolo da 100 x 80 x 80 cm NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. (acquistato dalla PASCO mod. SE-8576 low T).

11 TITOLO: PAPERO BEVITORE DESCRIZIONE: un motore poco comune che funziona grazie all evaporazione dell acqua alla temperatura ambiente. COMPOSIZIONE: il papero è imperniato al centro su un piccolo piedistallo in modo da poter oscillare liberamente. Ad ogni ciclo il papero si inclina e si sbilancia fino a cadere in avanti mettendo il becco in un bicchiere pieno d acqua che si trova davanti. DIMENSIONI: 25 x 30 x 30 cm compresa la base in legno NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: quotidiano controllo del livello dell acqua distillata. Il bicchiere deve essere sempre pieno in modo che il papero beva ogni volta che cade. Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

12 TITOLO: RIZZACAPELLI* * = exhibit che vengono azionati solo da un operatore o in rigorosa presenza di un operatore DESCRIZIONE: è un grosso generatore elettrostatico che carica una piattaforma isolata bene rispetto al pavimento. Il visitatore sale sulla pedana e viene portato ad un potenziale statico molto elevato. La carica è tale da far sollevare i capelli, soprattutto se sono lisci e sottili. L esperimento viene eseguito rigorosamente solo da operatori esperti e in regime di totale sicurezza. L esperimento è sconsigliato ai portatori di pacemaker, a persone con problemi di epilessia e alle donne in gravidanza. COMPOSIZIONE: un grosso generatore elettrostatico è collegato elettricamente ad una pedana metallica ben isolata dal terreno grazie a 4 piedi in plexiglas alti circa 30 cm. Dopo che un volontario è salito, si mette una catenella di sicurezza in modo che la persona non possa scendere durante l esperimento e poi la pedana viene caricata a V. Dopo il processo di carica il potenziale del generatore viene riabbassato e alla fine la pedana viene scaricata grazie ad un asta di plastica che regge un filo metallico collegato con la terra dell edificio. La zona della demo deve essere circoscritta da una catena di sicurezza durante ogni ciclo dell esperimento. NESSUNO (eccetto il volontario salito sulla pedana) DEVE AVVICINARSI ALLA PEDANA DURANTE IL FUNZIONAMENTO DEL GENERATORE. DIMENSIONI: pedana 80 x 80 x 115 cm. Generatore: 75 x 45 x 105 cm. Distanza minima tra pedana e generatore: 1,5 m. La pedana deve essere lontana almeno cm da qualsiasi materiale conduttore. Zona di sicurezza: 3m x 3m. NECESSITÀ: corrente 380 V trifase + N per il generatore, presa di terra per lo scarico della pedana ad ogni ciclo, rigorosamente collegata con l anello equipotenziale dispersore. MANUTENZIONE: controllo periodico del livello di olio nel generatore. PROPRIETÀ: Museo Tridentino di Scienze Naturali

13 ENERGIA 2001 sperimentiamo il presente per progettare il futuro TITOLO: OROLOGIO A LIMONI DESCRIZIONE: un orologio digitale che funziona grazie ad una batteria che ha gli elettrodi inseriti nella polpa acida di un limone e di un arancia. COMPOSIZIONE: un piccolo orologio a cristalli liquidi è alimentato da una batteria costituita da due agrumi collegati in serie tramite degli elettrodi di zinco e rame. DIMENSIONI: 20 x 20 x 20 cm da appoggiare su un tavolo NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: sostituzione settimanale degli agrumi Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

14 TITOLO: GRANDE BATTERIA A MANO CON DIVERSI METALLI DESCRIZIONE: 8 piastre metalliche collegate ad un tester. Il visitatore chiude i circuiti appoggiando le mani sulle piastre e misura le d.d.p. fra i vari metalli. COMPOSIZIONE: una lastra di plexiglas presenta 8 piastre metalliche collegabili tramite due banane a un multimetro digitale (Metex M-3610, fondoscala 2V DC) montato al centro della lastra. Appoggiando le mani sulla coppia di metalli collegati al tester si misura la d.d.p. fra i due metalli selezionati. DIMENSIONI: 80 x 60 x 18 cm NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: sostituzione batteria del multimetro Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

15 TITOLO: MOTI BROWNIANI CON MICROSCOPIO E TELECAMERA DESCRIZIONE: un vetrino contenente micropalline di gomma in soluzione acquosa osservato al mostra i moti a zig zag delle palline sospese nel liquido. COMPOSIZIONE: un microscopio ottico (Optech mod. B3T s/n , 10x60 ingrandimenti) mostra, tramite una telecamera montata sopra, i moti browniani sullo schermo di un monitor. Il vetrino ha un cratere riempito di acqua con micropalline di gomma (latex) e il vetrino di copertura è sigillato con del silicone per limitare l evaporazione della soluzione. DIMENSIONI: microscopio + telecamera 18 x 23 x 60 cm; monitor: 47 x 44 x 37 cm appoggiato su un tavolo 100 x 80 x 80 cm NECESSITÀ: corrente 220 V per il microscopio e per la TV e la telecamera. MANUTENZIONE: rifare il vetrino che si secca ogni 3 giorni.

16 TITOLO: TORNADO DESCRIZIONE: un vapore a temperatura ambiente sale da una griglia in basso e viene attirato da un aspiratore posto sopra. Una serie di ventole laterali mettono in rotazione il vapore ascendente. L intero sistema è collocato in una struttura massiccia di legno verniciato. COMPOSIZIONE: un grosso box cilindrico contiene un vaporizzatore nella base ed emette il vapore verso l alto attraverso una griglia metallica. Il vapore viene attirato da una ventola verso l alto e messo in rotazione da tre ventole disposte lateralmente. Il visitatore può fermare con due bottoni sia il vapore che l aspiratore. DIMENSIONI: diametro 100 cm, altezza 210 cm NECESSITÀ: corrente 220 V e acqua corrente a basso flusso + scarico dell acqua. MANUTENZIONE: pulizia frequente delle ventole e del ripiano interno da polvere e calcare, apertura mensile della valvola di scarico della condensa nella parte interna in basso; pulizia semestrale dei filtri dell acqua. PROPRIETÀ: Museo Tridentino di Scienze Naturali acquistato da Tecniquest.

17 TITOLO: VORTICE IN DUE BOTTIGLIE DESCRIZIONE: due comuni bottiglie di plastica unite da un tappo forato sono riempite per metà di acqua formando un sistema simile a una clessidra. Il visitatore capovolge le bottiglie e imprimendo una piccola rotazione osserva la formazione di un vortice nell acqua che scende. COMPOSIZIONE: due comuni bottiglie di plastica unite da un tappo forato sono riempite per metà di acqua formando un sistema simile a una clessidra. Il visitatore capovolge le bottiglie e imprimendo una piccola rotazione osserva la formazione di un vortice nell acqua che scende. Le bottiglie appoggiano su una base di legno forata. DIMENSIONI: 30 x 30 x 70 cm compresa la base. A fianco abbiamo esposto un piccolo oggetto da arredamento a forma di razzo trasparente contenente un liquido trasparente e tante piccole palline colorate che vengono messe in rotazione da una piccola elica in basso e formano un mini-vortice nel liquido. NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. PROPRIETÀ: Museo Tridentino di Scienze Naturali

18 TITOLO: STORIA DEI CONSUMI: GRAFICO A BARRE TRIDIMENSIONALE DESCRIZIONE: Una serie di tubi in plastica posti su una pedana illustrano l evoluzione dei consumi dell uomo nel tempo. COMPOSIZIONE: una pedana di legno a semicorona circolare regge verticalmente una serie di 5 tubi colorati che visualizzano tridimensionalmente un grafico a barre. DIMENSIONI: 160 x 50 x 250 cm con base a semi-corona circolare NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: ---

19 TITOLO: LA CASA DEI CONSUMI DESCRIZIONE: è ricostruito un ambiente domestico. In corrispondenza dei principali elettrodomestici si trovano dei pulsanti luminosi. I pulsanti controllano attraverso un apposito circuito una serie di LED collocati su un pannello. COMPOSIZIONE: una serie di elettrodomestici usati e non funzionanti sono esposti in una ricostruzione di appartamento. Su ogni elettrodomestico è fissato un pulsante luminoso. I visitatori accendono i pulsanti e vedono accendersi dei led su un pannello appeso. I pulsanti sono collegati ad un circuito che comanda una doppia serie di led verdi e rossi. I primi segnano il consumo del singolo elettrodomestico, i secondi visualizzano la somma dei consumi degli elettrodomestici accesi in quel momento. DIMENSIONI: la casa: 3 m x 3,5 m; il pannello: 103 x 8 x 153 cm NECESSITÀ: corrente 220 V per il circuito (spegnere l interruttore sul case prima di togliere la corrente dalle sale alla sera) MANUTENZIONE: ---

20 TITOLO: IL SELF SERVICE CALORICO DESCRIZIONE: un bancone da self service su cui è disposta la riproduzione di una serie di pietanze. Un circuito permette al visitatore di scegliere il proprio menu. Sul monitor di un computer viene visualizzato il contenuto calorico del pasto scelto. COMPOSIZIONE: un grande tavolo regge un bancone da self service in legno fatto a gradoni. Sul bancone ci sono tanti piatti contenenti pietanze di plastica. Accanto ad ogni piatto si trova un pulsante elettrico. Sulla destra si trova un PC. Quando il visitatore preme un pulsante sul PC si accende un grafico a barre e compare un numero in alto relativo al numero di calorie di quella pietanza. Il sistema dei pulsanti è gestito da un circuito situato in un case che si può nascondere sotto il tavolo assieme al computer. Solo il monitor deve rimanere necessariamente sopra il tavolo. DIMENSIONI: 200 x 130 x (30 cm del bancone + 80 cm del tavolo) NECESSITÀ: corrente 220 V per il computer e per il case che gestisce il circuito dei pulsanti. MANUTENZIONE: ---

21 TITOLO: ROTORE CON 3 MAGNETI DESCRIZIONE: un rotore che si muove continuamente lungo delle rotaie con doppia inclinazione. COMPOSIZIONE: un doppio binario di plastica a V sostiene un rotore con 3 magneti che ruota avanti e indietro lungo i binari. Il movimento continua instancabilmente grazie ad un piccolo elettromagnete a batteria contenuto (nascosto) nella base delle rotaie. DIMENSIONI: 40 x 20 x 20 cm NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: sostituzione periodica della batteria (9 Volt) per l elettromagnete (T > 3 mesi) Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

22 TITOLO: GENERATORI ELETTRICI: DINAMO DESCRIZIONE: una dinamo a mano con manovella. COMPOSIZIONE: una piccola dinamo a mano è collegata con un voltmetro analogico (ICE Milano Mod. 848, fondoscala V) che indica la d.d.p. creata dalla rotazione della bobina nel campo magnetico dei due magneti semicircolari. Il tutto è montato su una base di legno verniciato. DIMENSIONI: 50 x 60 x 20 cm la base completa sa poggiare su un tavolo NECESSITÀ: --- MANUTENZIONE: riparazione frequente delle spazzoline di rame sui contatti rotanti, periodica sostituzione della cinghia di tramissione (noi usiamo un O-Ring che si trova comunemente nei negozi di forniture industriali). Può stare all aperto sotto copertura antipioggia.

23 TITOLO: TURBINA PELTON DESCRIZIONE: è una turbina con piccole pale rosse di plastica collegata con un motorino elettrico che viene azionata da un getto d acqua. COMPOSIZIONE: un tubo collegato all acqua corrente porta il flusso d acqua sulle pale della turbina. La turbina è collegata al motorino elettrico tramite una cinghia elastica. DIMENSIONI: 50 x 40 x 25 cm su un supporto in acciaio 100 x 80 x 80 cm NECESSITÀ: alimentazione elettrica Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. MANUTENZIONE:

24 TITOLO: PALLONE GRANDE CHE VA IN SALITA DESCRIZIONE: un grosso pallone di gomma che viaggia in salita su dei binari divergenti. COMPOSIZIONE: una rotaia di legno alta quasi un metro con i binari divergenti e in salita sostiene un pallone di gomma colorato da fisioterapisti (diametro 85 cm) che si muove in salita. DIMENSIONI: 82 x 200 x 120 cm appoggiato in terra NECESSITÀ: pavimento a livello Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. MANUTENZIONE: ---

25 TITOLO: FORZE DI ATTRITO SU PIANO INCLINATO DESCRIZIONE: blocchetti di legno che scendono lungo un piano inclinato liscio poggiando su diverse facce. Osservazione qualitativa dell attrito statico e dinamico. COMPOSIZIONE: un piano inclinato con angolo regolabile sopra un tavolo (è vincolato da una cerniera). Due blocchetti di legno da una parte lisci e dall altra a slitta vengono appoggiati e fatti scivolare sul piano. DIMENSIONI: tavolo completo con il piano incernierato: 100 x 80 x 130 cm NECESSITÀ: --- Può stare all aperto sotto copertura antipioggia. MANUTENZIONE: ---

26 TITOLO: NEWTON E LA LUCE DESCRIZIONE: Un fascio di luce bianca, passando attraverso quattro prismi, viene prima separato nelle sue componenti cromatiche e poi ricombinato. Se lungo il cammino si inseriscono dei filtri, si impedisce ad alcune componenti del fascio di raggiungere lo schermo finale che risulta così illuminato da luce variamente colorata. COMPOSIZIONE: L exhibit è costituito da quattro prismi (di Newton) in plastica, disposti in modo opportuno su un bancone con la superficie bianca, che favorisce la visualizzazione della dispersione della luce. Un fascio di luce bianca uscente da un proiettore colpisce il primo prisma, e in seguito la luce dispersa esegue il suo cammino attraversando gli altri tre prismi fino a colpire uno schermo bianco. Tra il secondo e il terzo prisma è inserito un sistema a scomparti, che permette di selezionare diversi tipi di filtri. DIMENSIONI: tavolo di 250 cm x 100 x 100 NECESSITÀ: corrente 220 V MANUTENZIONE:

27 TITOLO: DALL ELETTRICITA AL MAGNETISMO DESCRIZIONE: È la riproduzione dell esperimento di Oersted in cui si osserva che un filo percorso da corrente genera attorno a sé un campo magnetico in grado di deviare l ago di una bussola dalla sua direzione preferenziale (direzione nord-sud). COMPOSIZIONE: L exhibit è costituito da un grosso filo in rame percorso da una forte corrente elettrica e adeguatamente isolato, il quale attraversa due piattelli in plexiglas sui quali sono disposte alcune piccole bussole. Il tutto è appoggiato su di un tavolo, sotto il quale si trova l alimentatore che fornisce la corrente al filo. Sul piano di appoggio c è un pulsate di start, che accende l alimentatore. Quando la corrente scorre lungo il filo, le bussole si orientano in modo circolare attorno al filo stesso. DIMENSIONI: tavolo di 100 cm x 100 x 200 NECESSITÀ: corrente 220 V MANUTENZIONE:

28 ENERGIA DUEMILAUNO sperimentiamo il presente per progettare il futuro 10 febbraio 10 giugno 2001 Museo Tridentino di Scienze Naturali Trento, Palazzo Sardagna, via Calepina 14 SCHEDA TECNICA Enti organizzatori Museo Tridentino di Scienze Naturali Dipartimento di Fisica - Università di Trento Provincia Autonoma di Trento Ass. Cultura, Ass. Urbanistica, fonti energetiche e riforme istituzionali Orario tutti i giorni / giorno di chiusura: tutti i lunedì Biglietto d ingresso Intero: Lire Ridotto: Lire (studenti fino a 25 anni, persone con più di 65 anni, militari di leva e in servizio civile, gruppi con minimo 20 persone, soci I.C.O.M., soci A.N.M.S., soci T.C.I., titolari carta Amicotreno, possessori di biglietto FS con destinazione Trento nella giornata di validità) Ridotto per scolaresche: Lire a studente Ridotto per scolaresche che fruiscono del servizio di visita guidata: Lire a studente Gratuito: bambini fino a 6 anni, disabili e loro accompagnatori, guide turistiche, insegnanti accompagnatori Tariffa famiglia: Lire (genitori con figli di età max. 14 anni) Visite guidate Gruppi: Lire (max 25 persone) Scolaresche: Lire a studente Prenotazioni presso Sezione didattica: tel fax: Informazioni Tel Fax: Palazzo Sardagna non presenta barriere architettoniche Ideazione Michele Lanzinger Curatela scientifica Coordinamento: Lavinia Del Longo I fenomeni e la meraviglia: Vittorio Zanetti, Luigi Gratton I sistemi e i problemi: Matteo Merzagora Testi Alessandra Curcu, Maurizio Dapor, Matteo Merzagora, Monica Ropele Progetto espositivo e della comunicazione SchemaAdvertising Trento Pubbliche relazioni e rapporti con i media Antonia Caola, Viviana Lupi

29 Tel Fax Ufficio Stampa Studio Esseci Padova Tel Fax Con il patrocinio di MURST - Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Comune di Trento; AIF Associazione per l Insegnamento della Fisica; ANMS - Associazione Nazionale Musei Scientifici, Orti Botanici, Giardini Zoologici, Acquari; ECSITE - European Collaborative for Science, Industry & Technology Exhibitions Con il sostegno di Provincia Autonoma di Trento; Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto Con la collaborazione di Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte: sezione Experimenta - Paolo Del Prete, Rita Marchiori; Associazione Culturale Evariste Galois Milano: Jacopo Berrino, Marco Crespi, Roberto Rizzo, Tommaso Tagliabue; Centro di Ecologia Alpina - Trento: Alessandro Cescatti, Gianni Nicolini; Cité des Sciences et de l Industrie Paris: Costance Vernier; Dipartimento di Fisica - Università di Trento: Renzo Antolini, Adriano Gasparoli Fabrizio Gottardi, Enrico Moser, Stefano Oss, Marica Perini, Antonio Zecca - Servizio Elettronica: Claudio Salomon - Servizio Meccanica: Pierino Gennara; Dipartimento di Ingegneria Università di Trento: Maurizio Fauri; Istituto Agrario di S. Michele all Adige - Trento: Massimo Bertamini, Basilio Borghi; Istituto di Metrologia Reparto Masse e Volumi del CNR - Torino: Gianni Martini, Antonio Rivetti; IEFE - Università Commerciale Luigi Bocconi Milano; Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci Milano: Enrico Miotto, Salvatore Sutera; Provincia Autonoma di Trento - Servizio Energia: Giacomo Carlino; APPA - Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente; RAI - Sede regionale di Trento: Giovanni Battista Puppo, Alberto Tafner; Techniquest Cardiff: Dan Bird, Gary Thomas, Harry White; Technorama - Winterthur: Remo Besio; Georg Pucker; Michele Tait Con il sostegno tecnico di Azienda Promozione Turistica del Trentino, Azienda Promozione Turistica di Trento, Centro Trentino Esposizioni, Elettrocasa Trento, Ferrovie dello Stato Servizi alla clientela Divisione Passeggeri e Divisione Trasporto Regionale, Carta AmicoTreno, PASCO Elitalia S.r.l. Torino, Unione Commercio e Turismo - Consorzio Trento Iniziative Realizzazione allestimenti Operatori tecnologici del Museo Tridentino di Scienze Naturali, AFM, Elettro C.T., Idraulica Obrelli, Museo R come, Luciano Facchini, Giuseppe Nardelli, Nord Studio, Nova Camps, Technotek, WM Allestimenti Software e sito Internet Pixel Cartoon di Valerio Oss Fotografie Studio AGF Bernardinatti Illustrazioni Giuliano Lunelli Sezione didattica Maria Bertolini, Samuela Caliari, Marina Galetto Assistenza al pubblico e bookshop Serena Stenico, Cooperativa Ecolcoop, Cooperativa Mimosa, Natura & Co., Excalibur di Roberta Cianciullo

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

1. Il paese delle merabiglie ( ma quante belle biglie madama Dorè!)

1. Il paese delle merabiglie ( ma quante belle biglie madama Dorè!) Energie solaresi Ecco alcuni dei resoconti pervenuti dagli alunni della mia 3^A al termine delle attività sull energia svolte in classe il 13 maggio scorso insieme al bravo Fabrizio del gran museo dei

Dettagli

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Sommario Sommario 2 1 - Introduzione 3 1.1 Principio di funzionamento 4 1.2 Caratteristiche tecniche 4 2 Trasporto e imballo 5 2.1 Imballo

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Costruzione di macchine

Costruzione di macchine Giovanni Nerli, è stato ordinario di Progettazione meccanica e Costruzione di macchine presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Firenze dal 1976 al 2008. Ha svolto, oltre all attività didattica,

Dettagli

KOMSA - LINEA 3 BLINDOTUBO 920/1500. Sistemi di aspirazione gas di scarico. Alta efficienza di aspirazione. Facile da usare.

KOMSA - LINEA 3 BLINDOTUBO 920/1500. Sistemi di aspirazione gas di scarico. Alta efficienza di aspirazione. Facile da usare. BLINDOTUBO 920/1500 SISTEMA QUALITA ISO 9001 SISTEMA AMBIENTALE ISO 14001 Alta efficienza di aspirazione Facile da usare Design moderno Aspirazione gas di scarico di veicoli in sosta (furgoni, TIR) Aspirazione

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Installazione Sistema Ibrido Beta Marine

Installazione Sistema Ibrido Beta Marine Installazione Sistema Ibrido Beta Marine Foto 1 L installazione di un sistema ibrido è ragionevolmente semplice. Seguendo le indicazioni date in questo manuale non si dovrebbero incontrare particolari

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

Il motorino elettrico

Il motorino elettrico tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Il motorino elettrico prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

Smartmedia MANUALE D USO

Smartmedia MANUALE D USO Smartmedia MANUALE D USO 1 AVVERTENZE Smartmedia Pen Touch Combina l uso della scrittura manuale con le tipiche operazioni del mouse. Ciò rende gli utilizzi del personal computer più semplici e veloci.

Dettagli

DESTINAZIONE STELLE scopriamo il mondo dell astronomia

DESTINAZIONE STELLE scopriamo il mondo dell astronomia 1/13 DESTINAZIONE STELLE scopriamo il mondo dell astronomia MOSTRA INTERATTIVA DI ASTRONOMIA La scienza del cielo ha rappresentato, agli albori della civiltà, il primo tentativo dell uomo di rapportarsi

Dettagli

La Produzione e distribuzione dell energia

La Produzione e distribuzione dell energia ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - PLESSO B.Croce - TORINO APPUNTI DI TECNOLOGIA La Produzione e distribuzione dell energia A.S. 2015-2016 LUMINOSA TERMICA LE FORME DELL ENERGIA MECCANICA ELETTRICA CHIMICA

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

Solar Tree. Ross Lovegrove 2007

Solar Tree. Ross Lovegrove 2007 Solar Tree design Ross Lovegrove 2007 Solar Tree nasce come apparecchio di illuminazione capace di unire un design innovativo alla tecnica propria di sistemi di illuminazione su base LED con l innesto

Dettagli

Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100. Scheda tecnica

Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100. Scheda tecnica Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100 Scheda tecnica Le presenti istruzioni sono rivolte sia all installatore che all utente finale,

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Da un piano all altro con un dito. Piattaforma Elevatrice Oleodinamica

Da un piano all altro con un dito. Piattaforma Elevatrice Oleodinamica Da un piano all altro con un dito Piattaforma Elevatrice Oleodinamica HELEVA Liberi di muoversi PRATICA Basta premere un pulsante. La piattaforma elevatrice HELEVA, è la soluzione ideale per il superamento

Dettagli

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83

Aria condizionata. Condizionatori 84 91. www.dometic.it www.waeco.it 82 83 Aria condizionata 84 91 www.dometic.it www.waeco.it 82 8 Informazioni sul prodotto per retrofit Pagine 86 91 È tutto incluso nel kit: MCS 5 e MCS 15 sono condizionatori autonomi, con i componenti A/C montati

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

Micol Assaël - Mika Vaino. Altrove 12 Settembre 2008 - GNAM Roma

Micol Assaël - Mika Vaino. Altrove 12 Settembre 2008 - GNAM Roma Micol Assaël - Mika Vaino Altrove 12 Settembre 2008 - GNAM Roma 1 Istruzioni di montaggio Materiale d installazione :! Armadio in ferro di c.ca 180x80x40 cm. Con aggetto in rame (evaporatore frigo) di

Dettagli

LA TECNOLOGIA A FIBRE OTTICHE

LA TECNOLOGIA A FIBRE OTTICHE LA TECNOLOGIA A FIBRE OTTICHE PER ILLUMINAZIONE, ARREDO URBANO ED EFFETTI SCENOGRAFICI A cura di Emanuele Cosentino Responsabile Commerciale e Marketing Met Fibre Ottiche CONTENUTI A. Informazioni generali

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

ROW-GUARD Guida rapida

ROW-GUARD Guida rapida ROW-GUARD Guida rapida La presente è una guida rapida per il sistema di controllo di direzione Einböck, ROW-GUARD. Si assume che il montaggio e le impostazioni di base del Sistema siano già state effettuate.

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

per l anno scolastico 2008/09

per l anno scolastico 2008/09 Corso di aggiornamento Il Tè degli Insegnanti area FISICA classi A038 e A049 per l anno scolastico 2008/09 prof. Gabriele Calzà COSTRUZIIONE DII OGGETTII DIIDATTIICII NELL IINSEGNAMENTO DELLA FIISIICA

Dettagli

DIGITAL NET. BARRIERA OTTICA MULTI-RAGGIO con SINCRONISMO OTTICO o FILARE a COMPLETO CONTROLLO DIGITALE con AGC I ISTRUZIONI MONTAGGIO

DIGITAL NET. BARRIERA OTTICA MULTI-RAGGIO con SINCRONISMO OTTICO o FILARE a COMPLETO CONTROLLO DIGITALE con AGC I ISTRUZIONI MONTAGGIO DIGITAL NET 10 20 10 1 METRO 2 RAGGI DIRETTI o 4 INCROCIATI 15 1,5 METRI 3 RAGGI DIRETTI o 7 INCROCIATI 20 2 METRI 4 RAGGI DIRETTI o 10 INCROCIATI BARRIERA OTTICA MULTI-RAGGIO con SINCRONISMO OTTICO o

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Periscopio QuickView Telecamera Zoom per l ispezione delle infrastrutture. Manuale d uso

Periscopio QuickView Telecamera Zoom per l ispezione delle infrastrutture. Manuale d uso Periscopio QuickView Telecamera Zoom per l ispezione delle infrastrutture Manuale d uso IMPOSTAZIONE Testa della telecamera Il cavo della telecamera deve essere collegato prima dell utilizzo: 1) Fate passare

Dettagli

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare.

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. Realizzazione meccanica Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. - 37 - 3.1 Reperibilità dei pezzi La prima

Dettagli

> MKS MARKSELL + TM PEDANE = MKS EUROPE

> MKS MARKSELL + TM PEDANE = MKS EUROPE > MKS MARKSELL + TM PEDANE = MKS EUROPE MKS Marksell è una società al 100% Brasiliana, leader nella produzione di prodotti destinati al mercato della movimentazione merci dal 1983. La sua sede si trova

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

NOBER Srl. Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober.

NOBER Srl. Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober. NOBER Srl Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober.it MATERIALI I nostri prodotti nascono da un attenzione quasi maniacale

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

Proiettori effetti luce Solar 100C

Proiettori effetti luce Solar 100C 290 LUCI Dimensioni 340 (senza lente) x 125 x 81 mm (alto 225mm con la staffa d aggancio) 3,5 Kg Lente standard 85mm a 3 elementi f2,8 lunghezza 42,5mm fuoco a vite elicoidale Consumo 115W massimo Uscita

Dettagli

230 215 200 185 170 ionic + - ionic titanium. pro 230 steam

230 215 200 185 170 ionic + - ionic titanium. pro 230 steam 1 8 1 9 3 2 230 215 200 185 170 ionic + - 5 4 6 7 pro 230 steam ionic titanium 2 ITALIANO Lisciacapelli i pro 230 steam Il i pro 230 steam de BaByliss è un lisciacapelli a vapore ad altissima temperatura,

Dettagli

Jet Towel Gli eco-asciugamani del XXI secolo

Jet Towel Gli eco-asciugamani del XXI secolo Linea Jet Towel Gli eco-asciugamani del XXI secolo Gli eco-asciugamani del XXI secolo Una soluzione per ogni esigenza La possibilità di scegliere tra la serie Slim e la serie Mini permette di installare

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

ELENCO DEL MATERIALE. i vertici di un quadrato (una serie per ogni gruppo di studenti) 25 righelli in cartoncino plastificato (uno per ogni studente)

ELENCO DEL MATERIALE. i vertici di un quadrato (una serie per ogni gruppo di studenti) 25 righelli in cartoncino plastificato (uno per ogni studente) ELENCO DEL MATERIALE FORZE IN EQUILIBRIO 1 piano triangolare forato, in plexiglas 3 gambe in alluminio 3 carrucole in alluminio montate su cuscinetti a sfere 3 masse in ottone, dello stesso peso, con dispositivo

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE

MANUALE D ISTRUZIONE FERRO DA STIRO A VAPORE HFX405PLUS MANUALE D ISTRUZIONE Leggere attentamente il presente manuale e conservarlo come riferimento futuro, assieme al nr. di serie che trovate sulla targhetta dell apparecchio.

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

Serie Modello. Gard 4 G4040Z 3,75. Gard 8 G2080Z 7,6. Gard 12 G12000 12. Larghezza max. passaggio utile (m) G4040IZ G4040E G4040IE

Serie Modello. Gard 4 G4040Z 3,75. Gard 8 G2080Z 7,6. Gard 12 G12000 12. Larghezza max. passaggio utile (m) G4040IZ G4040E G4040IE Guida alla scelta Automazioni per barriere stradali La tabella riassume le serie e i modelli con i limiti d impiego basati sulla larghezza max. del passaggio utile. Serie Modello Larghezza max. passaggio

Dettagli

CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV

CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV APPENDI TV da soffitto copritasselli 18 10 Il palo di sostegno può essere richiesto con lunghezza da min 1 Mt a max 1,90 Mt regolabile ROTAZIONE Min 45 Max

Dettagli

DualCam Memory 16.32. MANUALE D USO vers. 19/03/2014

DualCam Memory 16.32. MANUALE D USO vers. 19/03/2014 DualCam Memory 16.32 MANUALE D USO vers. 19/03/2014 INDICE Misure di sicurezza Parti e componenti Equipaggiamento Telecomando Registrazione Menu principale Videoregistratore Cattura foto istantanee: Riproduzione

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608

Istruzioni per l installazione. combinazione frigo-congelatore Pagina 18 7081 401-00. CNes 62 608 struzioni per l installazione combinazione frigo-congelatore Pagina 18 I 7081 401-00 CNes 62 608 Posizionamento Evitare la posizionatura dell'apparecchio in aree direttamente esposte ai raggi del sole,

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

BIOGAS AGITATORI PER BIOGAS. Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas. Rappresentanza in Italia:

BIOGAS AGITATORI PER BIOGAS. Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas. Rappresentanza in Italia: AGITATORI PER BIOGAS Le nostre soluzioni per incrementare la produzione di biogas Rappresentanza in Italia: Agitatori con elica Giantmix FR Per digestori chiusi in cemento Fissaggio a parete o su copertura

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi LA COGENERAZIONE DIFFUSA E UN OPZIONE VALIDA PER LA PRODUZIONE DEI FLUSSI ENERGETICI NECESSARI? Lunedì, 27 ottobre 2003 Auditorium CESI Via Rubattino, 54 Milano MICROCOGENERATORI EVOLUTI Enrico Bianchi

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

ASPIRAZIONE LOCALIZZATA. Braccetti aspiranti a snodi per aspirazione in postazioni di lavoro con alte esigenze di mobilità.

ASPIRAZIONE LOCALIZZATA. Braccetti aspiranti a snodi per aspirazione in postazioni di lavoro con alte esigenze di mobilità. Braccetti aspiranti a snodi per aspirazione in postazioni di lavoro con alte esigenze di mobilità. FUMEX ME con un diametro da 50 mm garantisce, con il suo design degli snodi, una perdita di carico minima,

Dettagli

Istruzioni per l installazione - Scaldasalviette Elettrico

Istruzioni per l installazione - Scaldasalviette Elettrico Istruzioni per l installazione - Scaldasalviette Elettrico Radiatore Scaldasalviette elettrico. Lo scaldasalviette elettrico deve essere installato da un elettricista professionale o tecnico qualificato

Dettagli

PosCon 3D. La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi.

PosCon 3D. La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi. PosCon 3D La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi. Una nuova dimensione. Il PosCon 3D la misura indipendente dalla distanza degli oggetti. L innovativo sensore di bordi PosCon 3D Baumer è il più

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MANUALE DI ISTRUZIONI Il microscopi biologici della serie BLU LINE sono dotati di ottiche ACROMATICHE (x,10x,0,100x), e coppia di oculari a larghissimo campo

Dettagli

Docking Station del Robot Speedy

Docking Station del Robot Speedy UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Rapporto Tecnico Technical report ARL-TR-07-02a Docking

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

ITALIANO. Manuale del telecomando. Sommario. Grazie per aver scelto il nostro condizionatore d aria PRECAUZIONI... 1-2 USO DEL TELECOMANDO...

ITALIANO. Manuale del telecomando. Sommario. Grazie per aver scelto il nostro condizionatore d aria PRECAUZIONI... 1-2 USO DEL TELECOMANDO... Manuale del telecomando ITALIANO Sommario PRECAUZIONI... 1-2 USO DEL TELECOMANDO...3... 4-12 Grazie per aver scelto il nostro condizionatore d aria Prima di avviare il climatizzatore, leggere con attenzione

Dettagli

I L L U M I N A F AR E T T I E P R O I E T T O R I A L E D C O N 1 2 5 G I O C H I D I L U C E P R O G R AM M A T I

I L L U M I N A F AR E T T I E P R O I E T T O R I A L E D C O N 1 2 5 G I O C H I D I L U C E P R O G R AM M A T I I L L U M I N A F AR E T T I E P R O I E T T O R I A L E D C O N 1 2 5 G I O C H I D I L U C E P R O G R AM M A T I POTENZIOMETRO Art. 1110 000 Faretti RGB in Alluminio prossofuso di colore nero Ogni faretto

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

L90 L250. Compressori rotativi a vite a iniezione d olio. Intelligent Air Technology

L90 L250. Compressori rotativi a vite a iniezione d olio. Intelligent Air Technology L90 L250 Compressori rotativi a vite a iniezione d olio Intelligent Air Technology L90 L250 Compressori rotativi a vite a iniezione d olio La nuovissima gamma CompAir di compressori rotativi a vite a iniezione

Dettagli

PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER

PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER M1PN 1 PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER Composizione Impianto: N 2 Aspi svolgitori folli a cavalletto N 1 Bancale di profilatura (profilo superiore lamiera grecata) N 1 Bancale di profilatura (profilo inferiore-

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I 25 settembre 2003 Meccanica Pendolo semplice Il pendolo semplice, che trovate montato a fianco del tavolo, è costituito da una piccola massa (intercambiabile)

Dettagli

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO Domenica dieci febbraio siamo andati al laboratorio di fisica della nostra scuola per fare accoglienza ai ragazzi di terza media. Questa accoglienza consisteva nell illustrare

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Tester di Successione delle Fasi e Rotazione Motore Modello 480403

Manuale d Istruzioni. Tester di Successione delle Fasi e Rotazione Motore Modello 480403 Manuale d Istruzioni Tester di Successione delle Fasi e Rotazione Motore Modello 480403 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Rilevatore Rotazione Motore e Fasi della Extech Modello 480403.

Dettagli

PORTALE SEMOVENTE. RESTAURO GALLERIA VITTORIO EMANUELE ii

PORTALE SEMOVENTE. RESTAURO GALLERIA VITTORIO EMANUELE ii PORTALE SEMOVENTE RESTAURO GALLERIA VITTORIO EMANUELE ii PORTALE SEMOVENTE RESTAURO GALLERIA VITTORIO EMANUELE ii PONTEGGI IN GALLERIA E importante analizzare, le varie cantierizzazioni messe in atto

Dettagli