Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)"

Transcript

1 Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, Gravina in P. (BA) P.I progetto Arch. Raffaele CATALDI Via G. Bruno Gravina in P. (BA) RAPPORTO PRELIMINARE DI VERIFICA A VAS art. 8 LR 44\2012 e s.m.i. ELAB.SP. 07 PRELIMINARE Allegati: DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione descrittiva Relazione smaltimento acque meteoriche Relazione idrogeologica Relazione geologica FEBBRAIO 2014

2 AUTORITA' PROCEDENTE Comune di Gravina in P. AUTORITA' COMPETENTE Commissione Paesaggistica locale del Comune di Gravina in P. REDATTO DA Arch. Raffaele Cataldi Il presente rapporto preliminare di verifica viene redatto in conformità ai disposti dell'allegato I della Parte Seconda del DLgs 152\2006, di cui all'art.8 della LR Puglia 44/12 e s.m.i..

3 Contenuti del Programma Trattasi della realizzazione di un opificio da destinare alla produzione di manufatti prefabbricati in cemento armato. Sorgerà in territorio di Gravina in P. alla contrada Castello, sulla SP 137 per Corato, su un area avente una estensione di mq 5.400, significata in Catasto dei Terreni al fg. 85 p.lle n La Pan System s.r.l., quale soggetto proponente, con sede a Gravina in P. in Via F. Meninni 283, per mezzo del suo legale rappresentante Sig.ra Panzarini Veronica, ha affidato la redazione della presente all Arch. Raffaele Cataldi, con studio tecnico in Gravina in P. in Via Girolamo Bruno 27. Maggiori informazioni circa il progetto proposto sono contenute nell'allegato 1 Relazione descrittiva. L'area oggetto dell'intervento ricade in zona agricola a 3 km ca. a Nord dal centro abitato. Come si vede dalla foto aerea la zona contiene una serie di attività artigianali ed industriali che sono contigue all'area qui in oggetto. Essa inoltre ha accesso diretto ed è prospiciente la strada SP 137 per Corato ed è recintata. Aspetti pertinenti dello stato attuale dell'ambiente e sua evoluzione probabile senza l'attuazione del programma L'area ha dimensioni residuali rispetto al comparto di cui è parte, il quale ha carattere industriale e artigianale stratificato nel tempo. Risulta interclusa fra le maglie dei lotti adiacenti pertanto la realizzazione o meno dell'intervento progettuale non modificherebbe sostanzialmente lo stato d'uso dell'ambiente ne ostacolerebbe eventuali sviluppi urbanistici futuri diversi da quello che qui si sta proponendo. Caratteristiche dell'area In riferimento ai valori paesaggistici e storico-architettonici, l area di intervento: non è sottoposta a vincoli paesistici di valore eccezionale o rilevante o distinguibile ai sensi del PUTT-p e\o del PPTR. In riferimento ai valori naturalistici e ai sistemi di aree protette istituite ai sensi della normativa comunitaria, nazionale e regionale, l area di intervento: non è compresa in Siti d Importanza Comunitaria e in Zone di Protezione Speciale; non è compresa nei perimetri di Aree Naturali Protette; non ricade in Important Bird Area (IBA); non è interessata da altre emergenze naturalistiche di tipo vegetazionale e/o faunistico segnalate dal PUTT/p; è disciplinata dalla Componente Valore Percettivo CONI VISIVI dei Beni Paesaggistici e dagli Ulteriori Contesti nell ambito del PPTR.

4 In riferimento alle condizioni di regime idraulico e della stabilità geomorfologica, l area di intervento: non è interessata da aree perimetrate dal Piano di Bacino/Stralcio di Assetto Idrogeologico (PAI) dell Autorità di Bacino della Puglia e\o della Basilicata. In riferimento alla tutela delle acque, l area di intervento: non ricade in un area soggetta a tutela quali-quantitativa così come individuata dal Piano di Tutela delle Acque (PTA) della Regione Puglia. In riferimento al rumore l area di intervento: non è interessata dalla presenza di sorgenti emissive significative. In riferimento alle radiazioni non ionizzanti: non rientra tra le aziende insalubri inserite alla I e II classe del RD 1265/1934 e s.m.i., non è un impianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi della Parte II del D.Lgs. 152/2006, o stabilimento a rischio di incidente rilevante di cui al D.Lgs. 334/1999 e s.m.i. Caratteristiche degli impatti potenziali sull ambiente Dall analisi non emerge un particolare valore ambientale dell area in esame, in quanto già antropizzata e urbanizzata. In ordine al fattore carico urbanistico, considerate le sue modeste dimensioni (area mq 5.400, opificio mq 1.000), la sua conformazione e la presenza delle predette vicine attività industriali, possiamo dire essere pressoché inesistente. Per le medesime motivazioni si escludono effetti cumulativi di carico ambientale. L'impatto visivo, provocato dal capannone a costruirsi, sarà pressoché nullo, considerato che il lotto di terreno è recintato ed è adiacente ad altri capannoni. Il problema ambientale esistente e pertinente al programma, diviso per componente ambientale Acqua - l'approvvigionamento della frazione potabile avverrà tramite l'uso di autobotti, mentre quella a servizio dell'attività lavorativa sarà garantita anche dalla raccolta delle acque meteoriche opportunamente trattate (allegato 2 - Relazione sullo smaltimento delle acque meteoriche). L'attività ad insediarsi non necessita di grandi volumi di acqua, se non nelle quantità necessarie alla produzione dell'impasto di calcestruzzo necessario alla produzione dei manufatti in cemento prefabbricato, (allegato 3 - Relazione idrogeologica).

5 Aria e cambiamenti climatici - non sono previste emissioni in atmosfera. Ambientale suolo - l'area è corredata di recinzione e piazzale autorizzati. Non si prefigura un danno ambientale derivante dalla sua trasformazione d'uso. Le caratteristiche geologiche del sito meglio descritte nell'allegato 4 - Relazione geologica, si evince che non vi sono elementi di rischio geologico, idrogeologico e ambientale. Natura e biodiversità - l'area è interclusa ed è compresa in un comparto più ampio a destinazione artigianale e industriale. Paesaggio l'area, seppur inquadrata come CPV Coni Visivi in ambito PPTR, ricade in un tessuto paesaggistico caratterizzato da una frammentazione diffusa e da un'antropizzazione evidentemente stratificata. Per l'insediamento dell'attività non ci sarà alcun bisogno di urbanizzazione ulteriore, l'area infatti è situata sulla SP 137 per Corato. L'intervento proposto non modifica uno stato dei luoghi con caratteristici valori paesaggistici, non è di grandi dimensioni, pertanto non incide sulla visibilità panoramica. Protezione ambientale Non si evidenzia la necessità di attuare azioni di protezione ambientale Effetti significativi sull'ambiente Assenti Misure previste per impedire, ridurre e compensare gli eventuali effetti negativi significativi In generale non si contemplano effetti negativi sull'ambiente tali da rendersi necessarie misure impeditive, riduttive e compensative. In ogni caso si prevedono i seguenti interventi: circa la componente acqua, è previsto il riutilizzo delle acque meteoriche; circa la componente aria e cambiamenti climatici è prevista la piantumazione di n 3 piante di alto fusto fra le specie autoctone; circa la componente paesaggio, è previsto l'uso di materiali ecocompatibili e l'utilizzo di colori per esterno non invasivi ma contestualizzanti. CONCLUSIONI Criteri per la verifica di assoggettabilità a VAS all. 1 Dlgs 152/06 CRITERI 1 In quale misura il piano o il programma stabilisce un quadro di riferimento per progetti ad altre attività, o per quanto riguarda l ubicazione, la natura, le dimensioni e le ELEMENTI CARATTERISTICI DEL PIANO L intervento non costituisce riferimento per altre attività

6 condizioni operative o attraverso la ripartizione delle risorse In quale misura il piano o il programma influenza altri piani o programmi, inclusi quelli gerarchicamente ordinati La pertinenza del piano o del programma per l integrazione delle considerazioni ambientali, in particolare al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile L intervento non influenza altri piani L intervento non presenta possibilità di effetti negativi sull ambiente e sullo sviluppo sostenibile del territorio Problemi ambientali pertinenti al piano o al programma L intervento non presenta particolari problematiche di natura ambientale Rilevanza del piano o del programma per l attuazione della normativa Comunitaria nel settore dell ambiente (ad es. piani e programmi dell ambiente connessi gestione dei rifiuti o alla protezione delle acque) L intervento non ha rilevanza per l attuazione della normativa Comunitaria 2 Probabilità, durata, frequenza e reversibilità degli impatti Non si prevedono effetti negativi o irreversibili sull ambiente Carattere cumulativo degli impatti Inesistente Natura transfrontaliera degli impatti Impatti di natura transfrontaliera inesistenti Rischi per la salute umana o per l ambiente Non si prevedono effetti negativi o rischi né per l ambiente, né per la salute umana Pertanto si propone l'esclusione dell'intervento dalla procedura di VAS di cui agli artt Dlgs 152/06 e all'art. 8 della LR Puglia 44\2012 e s.m.i..

7 (segue planimetria PPTR)