Le strategie di add-on nel private equity

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le strategie di add-on nel private equity"

Transcript

1 a cura di valter conca Le strategie di add-on nel private equity Una scelta necessaria per valorizzare le way-out Valter Conca Il segnale che proviene dal mercato del private equity è chiaro: stabilità dei deal e forte accelerazione delle strategie di add-on, perfettamente coerenti con le riflessioni emerse nella ricerca presentata e discussa al convegno del PE & LBO Lab di luglio in SDA Bocconi, con il contributo di BEN, Cenciarini & Co., Duke& figura 1 Kay, Epyon, Di Tanno Associati, Russo De Rosa Associati e Wise. 150 Il primo semestre 2013, dopo un inizio molto 50 promettente, si è chiuso 0 con un totale di 51 nuove 2008 acquisizioni, comprensive di 15 add-on, e un in- Annuo cremento del 9% rispetto allo stesso periodo del 2012 (47 nel primo semestre del 2012, di cui 11 add-on). La novità sta proprio nella conferma delle strategie di aggregazione attraverso acquisizioni successive (add-on); l assenza di una crescita del mercato interno obbliga infatti molti fondi a ricercare soluzioni esterne per aumentare la dimensione delle partecipate e renderle più appetibili. Ne consegue uno sforzo non indifferente dei general partner per selezionare, acquisire e gestire le target necessarie all ottenimento di economie sinergiche sotto il profilo dei costi o di sviluppo di processi di internazionalizzazione attraverso acquisizioni cross-border per l occupazione di nuovi mercati. L analisi del trend storico evidenzia un sostanziale consolidamento del mercato su livelli pari alla metà rispetto al periodo pre credit crunch. numero acquisizioni I semestre Dalle prime elaborazioni dei dati del PE & LBO Lab emerge che il 77% delle acquisizioni si concentra nelle PMI con un fatturato medio di circa 50 milioni di euro e una forte concentrazione nella forbice tra i 10 e i 50 milioni. I dati del semestre confermano, anche a causa del crollo del debito bancario, l assenza di operazioni di grandi dimensioni se si considera che nessuna delle società acquisite ha un fatturato superiore a 500 milioni di euro. La quota media di equity investito acquisita nel periodo in esame è stata pari a circa il 7, lievemente maggiore rispetto a quella del primo semestre 2012, che

2 era pari al 67%. In particolare, in 35 operazioni (68% del totale) i fondi di private equity hanno ottenuto una quota di maggioranza. Nei primi sei mesi del 2012 queste operazioni erano state appena 26. I dati del semestre confermano un ritorno a operazioni cross-border e un rinnovato interesse da parte dei fondi esteri (circa un terzo delle operazioni è stato eseguito da un operatore non residente) focalizzati sui settori delle utilities ed energie rinnovabili, moda e information technologies. È invece in aumento il numero degli operatori, che sale a 40 nel primo semestre del 2013 (33 nel 2012). Gli investimenti appaiono frammentati fra i vari settori, con una prevalenza nei beni di consumo e industriali: 18 acquisizioni (36% del totale); seguono poi sette acquisizioni nel settore ICT e sei nel farmaceutico e chimico. La nota più dolente riguarda il fronte delle dismissioni (13 nel primo semestre) dove appare difficile procedere a way-out proficue. Va segnalato che la metà delle way-out del semestre sono state realizzate con passaggi ad altri fondi e che persiste un numero elevato di cessioni ai vecchi soci, segno che l investimento non ha prodotto i risultati attesi. figura 2 tipologia operazioni figura 3 tipologia way-out % 28% Buy-out 3% 6% Early stage 53% 39% Expansion 6% 3% MBI 17% 8% 3% MBO 3% Replacement SBO % 17% Cessione ai soci 8% IPO 38% 25% Private sale 31% SBO 5 8% Write-off Nel periodo in esame, la maggior parte degli investimenti (escludendo le operazioni di add-on) sono stati compiuti attraverso operazioni di expansion (39%) e buy-out (33%). Tuttavia, va segnalato il forte ritorno dei secondary buyout, che rappresentano circa il 17% delle transazioni del semestre, quota più che raddoppiata rispetto al passato. In questa tipologia si evidenziano Cerved (acquisita da CVC Capital Partners), MCS Italia (Emerisque Brands UK Limited), Plastiape (PM&Partners), Duplomatic Oleodinamica (Progressio), Bellco (Amadeus Capital Partners e Capital Dynamics) e Biolchim (Wise). π Anatomia di un deal: il turnaround di Tattile Lida Trasciatti Nonostante vengano da più parti ribadite le potenzialità dei paesi asiatici come mercato di sbocco per il private equity, il numero di way-out con tali controparti è ancora molto esiguo. Si segnalano unicamente la vendita di CIFA da parte dei fondi Mandarin Capital Partners, Goldman Sachs e Hony Capital e della Dytech Dynamic Fluid Tech - nologies da parte di Athena Private Equity e IGI. La diretta conseguenza di queste difficoltà si riverbera infine nella durata delle partecipazioni in portafoglio: l holding period medio delle operazioni che hanno avuto la way-out nel semestre in esame del 2013 è pari a 4,9 anni. π Inquadramento strategico dell operazione: le motivazioni dell investimento Tattile sviluppa, produce e commercializza sistemi di visione intelligente in tre principali mercati: 1. l automazione industriale, 2. il controllo del traffico stradale e 3. il mercato della sicurezza e dell intrattenimento di bordo 50

3 su veicoli ferroviari. Nel campo dell automazione industriale, Tattile produce un ampia gamma di prodotti embedded per il controllo qualità: telecamere digitali, smart camera, analizzatori, software e accessori per la creazione di sistemi di visione avanzati, che permettono l identificazione di unità difettose nelle prime fasi dei processi produttivi, riducendo lo spreco di energia e materiali. La società opera in una varietà di settori verticali che vanno dal farmaceutico al packaging, dal food & beverage alla meccanica, dall automotive all elettronica. La divisione traffico sviluppa sistemi per il riconoscimento delle targhe utilizzati per il controllo della velocità e semaforico, per l esazione free-flow, per il controllo di accessi e per il monitoraggio e la sicurezza del traffico. Infine la divisione railway sviluppa sistemi innovativi per l informazione, la sicurezza e l intrattenimento dei passeggeri a bordo di veicoli ferroviari. tabella 1 Automotive Semiconduttori Farmaceutico Traffic management tecnologia di tattile applicata ai vari settori Automazione e controllo qualità per linee di montaggio. Telecamere a bordo per il controllo della sicurezza Controllo qualità automatizzato Scansione ad alta definizione ed alta velocità di packaging farmaceutico di vetro Riconoscimento delle targhe utilizzati per il controllo della velocità e della sicurezza La società, fondata nel 1992, è stata una delle aziende di maggior successo nel settore dei sistemi di visione artificiale, con una traiettoria di crescita costante fino al 2008, sulla scia della progressiva implementazione della propria tecnologia innovativa in nuovi segmenti di mercato. Alla fine degli anni novanta, Tattile è stata tra le prime aziende a introdurre soluzioni di visione integrata nel settore dell automazione industriale e della gestione del traffico. Successivamente la società ha continuato a essere leader e innovatore tecnologico, come confermato dall interesse mostrato da molti operatori M&A sia finanziari sia strategici, interesse poi crollato nell estate del 2008 a causa dei conflitti emersi tra i soci fondatori e un gruppo di manager. Questi conflitti interni hanno continuato a influenzare la performance della società, che è riuscita a sopravvivere grazie al perdurare dell eccellenza tecnologica e alla fedeltà dei suoi clienti principali. Tuttavia Tattile ha visto crescere progressivamente il proprio indebitamento verso il sistema bancario e i fornitori a causa del perdurare della crisi aziendale e della congiuntura sfavorevole. tabella 2 tattile: dati economici a confronto Fatturato ( mln) 23,2 20,1 12,8 12,2 11,0 EBITDA margin 14% 19% 11% 1 1% Dipendenti fonte: dati di bilancio e societari Nel secondo trimestre 2012 viene sostituito l amministratore delegato con la nomina di Corrado Franchi, un manager con profonda esperienza in progetti di ristrutturazione e di sviluppo commerciale, come turnaround manager e de facto CEO. La struttura dell operazione: obiettivi In ottobre 2012 Ambienta Sgr, operatore di private equity focalizzato sul settore ambientale, entra nell equity di Tattile con una quota di circa il 7 del capitale. Il restante 3 rimane in parte alla famiglia Bandini, storico azionista di minoranza e in parte viene sottoscritto dal CEO di nuova nomina. È difficile inquadrare l operazione in una tipologia univoca: l investimento è un buy-out, ma presenta alcuni connotati anche delle operazioni di expansion, management buy-in e turnaroud. tabella 3 Investitori Fondo Advisor legale Advisor fiscale Advisor contabile Banche finanziatrici attori coinvolti nell operazione Ambienta Sgr Ambienta I Studio NCTM Studio CBA PwC N/A 51

4 tabella 4 dettagli dell operazione figura 1 caratteristiche dell asset deal Tipologia operazione Buy Out - Expansion EV range al closing ( mln) 10/20 Bandini Industrie Soci uscenti EV/EBITDA ( mln) non significativo* % di capitale acquisita * trovandosi la società in una situazione di turnaround, il multiplo ev/ebitda non è significativo Asset Deal Tattile Srl L equity allocata all investimento da Ambienta Sgr è di circa 15 milioni di euro, di cui una parte è stata utilizzata per sottoscrivere un aumento di capitale finalizzato all abbattimento dell indebitamento e al rilancio della società; un altra per finanziare l acquisto delle azioni della target. Infine, una quota significativa è stata allocata dal fondo con la finalità di supportare progetti futuri di crescita del business, soprattutto tramite acquisizioni. Nell operazione non si è fatto ricorso alla leva finanziaria, che anzi è stata ridotta grazie all aumento di capitale. L operazione prende la forma di un asset deal per permettere al fondo di schermare le passività potenziali (fiscali, legali, proprietà intellettuale ecc.) derivanti dalla gestione pregressa della proprietà e del management. Ambienta inoltre, come di consueto in queste operazioni, negozia con i vecchi azionisti e con gli azionisti di minoranza una serie di clausole contrattuali (garanzie, drag-along, tag-along, patti di non concorrenza ecc.) e ottiene il controllo della nomina del consiglio di amministrazione e del CEO. tabella 5 sintesi dati economico finanziari Fatturato 2011 ( mln) 11 EBITDA 2011 ( mln) 1,6 EBITDA normalizzato 2011( mln) break-even EBIT 2011 ( mln) (0,1) PFN 2011 ( mln) (4,5) Rapporto D/E pre-operazione circa 1 Rapporto D/E post-operazione circa 0,3 fonte: dati di bilancio e societari Bandini Industrie CEO Ambienta I Asset Deal 3 7 New Tattile Srl Il valore strategico dell operazione: un settore in crescita Il team di gestione del fondo ha ritenuto che il settore dei sistemi di visione intelligente e automazione industriale fosse di particolare interesse per una serie di motivazioni. Ω Settore in crescita. Il settore dei sistemi di visione artificiale, con un giro d affari mondiale di quattro miliardi di dollari, cresce a un tasso annuo (CAGR) di oltre il 1, sulla spinta di forti tematiche ambientali: la crescente attenzione all efficienza energetica, al migliore utilizzo delle risorse e alla riduzione dell inquinamento. Tre sono i principali driver del mercato: Ω una forte industrializzazione dei mercati emergenti; Ω la maggiore efficienza delle applicazioni di controllo qualità nel processo produttivo, rispetto ai controlli ex post a campione; Ω la necessità sempre più impellente da parte dei clienti di fare affidamento su standard qualitativi elevati. Ω Mercato frammentato. Il settore della visione artificiale, benché caratterizzato da un substrato tecnologico comune, è contraddistinto da una gamma diversifica- 52

5 ta di applicazioni e di conseguenza storicamente molto frammentato e in fase di continuo consolidamento. Ω Ridotti investimenti in R&D nonostante il settore sia in fase di continua innovazione. I fornitori di sistemi di visione intelligente godono di economie favorevoli in quanto beneficiano dei miglioramenti tecnologici, in rapida evoluzione, provenienti dal settore dell elettronica di consumo, con il quale condividono i componenti chiave dei propri prodotti (sensori, memorie, processori), senza dover effettuare ingenti investimenti in R&D. Ω Barriere all entrata. I sistemi di visione artificiale vengono forniti principalmente a clienti OEM (Original Equipment Manufacturer), che li utilizzano in prodotti finali complessi come le linee di produzione o i sistemi di traffico intelligente. Le macchine di visione artificiale vengono quindi prodotte su misura per l impianto specifico cui sono destinate e sono altamente integrate nel prodotto finale. I costi di switching per i clienti sono generalmente elevati, perché il cambiamento del fornitore di sistemi di visione comporta sforzi di sviluppo costosi e lunghi. Le forti barriere all entrata hanno permesso a Tattile di mantenere un livello di fatturato costante (11-12 milioni di euro), nonostante i problemi finanziari e di gestione incontrati dalla società nel periodo Outlook finanziario e organizzativo e prospettive future Il modello finanziario e organizzativo di Tattile, rilevato in fase di due diligence, ha inoltre stimolato l interesse di Ambienta per una serie di motivazioni. Ω Il margine di contribuzione di Tattile al di sopra del 6 e un fatturato stabile ai livelli minimi di milioni di euro le hanno comunque permesso di raggiungere il break-even a livello di EBITDA nella fase di difficoltà finanziaria Una variazione incrementale dell EBITDA, facendo leva sia sul fatturato sia sui costi, potrà generare cash-flow aggiuntivo per l investitore valorizzando l investimento. Ω La redditività della società è stata negli anni fortemente influenzata da eccessivi costi generali, amministrativi e di locazione. Il piano di ristrutturazione avviato pochi mesi prima del closing contempla una riduzione sostenibile di tali costi per circa 2 milioni di euro. Ω Il modello di business della società è di tipo asset light, ovvero prevede contenuti impieghi in capitale investito, con attività di produzione limitata all assemblaggio di componenti prodotti da terzi e modesti investimenti in R&D. Ω Il potenziale di crescita del fatturato di Tattile è elevato: in primis perché la società è stata da sempre gestita con una logica imprenditoriale fortemente focalizzata sullo sviluppo tecnologico dei prodotti, poca attenzione a investimenti nella gestione commerciale e con un potenziale di mercato mai sfruttato. La nomina di un CEO con significative esperienze nel rilancio commerciale delle imprese e il rafforzamento del team di vendita permetteranno alla società di sfruttare le opportunità di crescita offerte dal mercato. A ciò si aggiunga che le opportunità di espansione internazionale sono notevoli per una società con una forte esposizione all estero (circa 6 del fatturato è relativo a prodotti esportati) che può far leva sulla buona reputazione dei propri prodotti. Vi è, inoltre, un grande potenziale rappresentato dai canali della distribuzione e dei system integrators, che rispetto agli OEM richiedono prodotti meno personalizzati. Ω Infine, l assetto organizzativo presenta più aree di miglioramento. Il primo passo è stato la nomina di un CEO con esperienza nelle ristrutturazioni industriali e un forte background internazionale. Successivamente sono state introdotte figure manageriali nelle funzioni chiave, un piano di incentivazione del personale legato al raggiungimento degli obiettivi, nonché la progressiva variazione dell organico con una riduzione del personale nella funzione di produzione e l incremento di quello nelle funzioni di sviluppo software e di vendita. Una volta concluso il processo di ristrutturazione del business, implementate nuove logiche manageriali di gestione del personale e avviata la crescita organica della società, sarà possibile avviare una strategia di build-up con il consolidamento tramite l acquisizione di piccoli player, già identificati in fase di due diligence, in mercati selezionati, dove Tattile non è al momento presente. π 53

6 box IL PARERE DELL ESPERTO A CURA DI LODOVICO ARTONI, RUSSO DE ROSA ASSOCIATI STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO VENDOR LOAN: UNA RISPOSTA AI PROBLEMI DI ACQUISITION FINANCING? IL SUCCESSO DELLE OPERAZIONI di merger leveraged buy-out dipende in larga misura dalla capacità del bidder di raccogliere i mezzi finanziari necessari non solo per realizzare l acquisizione ma anche per consentire l attuazione del business plan sottostante l acquisizione. Non desta meraviglia, quindi, il sempre più diffuso ricorso al finanziamento concesso dallo stesso venditore (cd. vendor financing o vendor loan) direttamente o attraverso una società controllata, controllante o collegata. Il dato, rilevato a partire dal 2008 in concomitanza con l esplosione della crisi bancaria, impone ai professionisti del settore una riflessione sui possibili impieghi e vantaggi di uno strumento apparentemente singolare. Il vendor financing ha ad oggetto un ammontare pari a una quota del prezzo di acquisizione e può essere causalmente configurato tanto come finanziamento quanto come dilazione di pagamento del prezzo. Nel primo caso, il venditore concede un finanziamento all acquirente compensando fino a concorrenza l obbligo di erogazione con il diritto di credito al prezzo. Meno frequente nella prassi è il ricorso a un duplice flusso di danaro: il venditore, alla conclusione del contratto di cessione, riceve l integrale pagamento del prezzo fornendo all acquirente a titolo di finanziamento una parte della somma percepita. Nel secondo caso, invece, il venditore concede all acquirente una dilazione del pagamento di una parte del prezzo che le parti convengono sia erogata successivamente all operazione di fusione. Nella strutturazione del vendor loan si dovrà chiaramente tenere conto della variabile fiscale e del suo impatto sul costo del capitale. La disciplina vigente favorisce la struttura della dilazione di pagamento rispetto a quella del finanziamento in senso stretto. Gli interessi attivi percepiti dal venditore a fronte della dilazione accordata al bidder, in quanto quota prezzo, non scontano l imposizione autonomamente, ma risultano assorbiti dalla tassazione sostitutiva del capital gain realizzato. Al contempo, gli interessi passivi pagati dal bidder risultano integralmente deducibili dal proprio reddito imponibile in virtù della natura di interessi commerciali. Nel vendor loan quale finanziamento in senso stretto, invece, gli interessi attivi non rappresentando per il venditore parte del prezzo corrisposto per la cessione, concorreranno autonomamente alla formazione della base imponibile IRES o IRPEF, a seconda che si tratti di persona giuridica o di persona fisica (in quest ultimo caso, verrà scomputata dall ammontare complessivo dell imposta la ritenuta d acconto pari al 2) e per il bidder la deducibilità degli interessi passivi incontrerà le limitazioni quantitative stabilite dalla normativa tributaria. L onere fiscale gravante sugli interessi incassati dal venditore a fronte del finanziamento concesso può essere ridotto facendo ricorso al meccanismo del prestito obbligazionario, i cui interessi sono tassati alla fonte solo nella misura del 2. Il contratto di mutuo viene, quindi, sostituito da un prestito obbligazionario emesso dal bidder nel rispetto delle regole imposte dal nostro codice civile che viene sottoscritto dal venditore. Per superare le limitazioni imposte dalla normativa fiscale alla deduzione degli interessi passivi pagati dal bidder a fronte del prestito obbligazionario, sarebbe però necessario accedere al favorevole regime introdotto dal decreto Monti che elimina l ulteriore limite di deducibilità correlato al tasso ufficiale di riferimento a condizione che: 1. il sottoscrittore sia un investitore qualificato (da dimostrare con apposita certificazione) e non sia socio di rilievo dell emittente, 2. il beneficiario effettivo dei proventi sia residente in Italia o in Stati e territori che consentono un adeguato scambio di informazioni. Inoltre, il vendor loan configurato quale dilazione di pagamento mantiene un regime più favorevole anche con riferimento alle imposte indirette. La dilazione di pagamento, infatti, non sconta l imposta di registro autonomamente mentre il vendor loan quale mutuo subisce la più gravosa imposta proporzionale del 3%, salvo che non ricorrano i requisiti oggettivo e soggettivo dell applicazione dell IVA. Nonostante la rilevata vantaggiosità fiscale della configurazione come dilazione di pagamento, essa risulta scarsamente utilizzata nella prassi. La ragione di un così esiguo impiego pratico trova origine, probabilmente, nella volontà di evitare che le 54

7 vicende relative al rapporto ex mutuo possano incidere negativamente (fino a risolverlo con effetti retroattivi) sull effetto traslativo prodotto dall atto di cessione della partecipazione. Identica nelle due configurazioni è, invece, la disciplina societaria: in entrambi i casi, ove all assunzione del debito finalizzata all acquisizione del controllo segua la fusione tra la società bidder e la società target, deve ritenersi applicabile la norma di cui all art bis c.c. ( Fusione a seguito di acquisizione con indebitamento ). In entrambe le fattispecie, infatti, sorge un debito in capo alla società acquirente destinato a essere traslato sul patrimonio della target imprimendo un vincolo di etero destinazione sui flussi di cassa e sul reddito che quest ultima è in grado di produrre, che è poi la caratteristica essenziale delle operazioni di merger leveraged buy-out. Come dilazione di pagamento il vendor loan può essere impiegato alternativamente o congiuntamente a strumenti più tradizionali come l earn-out o il c.d. rollover equity. L earn-out è l ulteriore importo, addizionale al prezzo di cessione, che il compratore si impegna a corrispondere al venditore se e in quanto la società acquisita raggiunga, in un periodo di tempo contrattualmente definito e successivo all acquisizione, determinati risultati, preventivamente identificati dalle parti nel contratto di acquisizione. Si ha il c.d. rollover equity, invece, quando parte del prezzo corrisposto al venditore è rappresentata da partecipazioni al capitale sociale (azioni o quote) ovvero da altri strumenti finanziari emessi dalla società acquirente. Essi sono utilizzati non solo per rimediare a una possibile valutazione non pienamente corretta della target, ma anche per incentivare il venditore che conservi la qualità di socio e/o un ruolo manageriale nell impresa acquisita. Risultato, quest ultimo, che può essere perseguito anche con lo strumento del vendor loan parametrando gli interessi connessi al finanziamento ai risultati dell attività sociale. Sia come finanziamento in senso stretto sia come dilazione di pagamento, poi, il vendor loan può assolvere alla funzione di rafforzamento degli obblighi di indennizzo connessi alla violazione delle c.d. R&W (representations and warranties), in alternativa o in aggiunta agli strumenti più tradizionali rappresentati dalla costituzione di una somma in escrow e il rilascio di fideiussioni o garanzie autonome a prima richiesta e senza eccezioni. Rispetto ai più comuni strumenti di garanzia, il vendor loan presenta il significativo vantaggio di evitare, al contempo, l infruttuosa immobilizzazione di una somma di denaro tipica dell escrow e gli elevati costi connessi al rilascio di fideiussioni (o garanzie autonome) bancarie. In presenza di un vendor loan, infatti, il meccanismo operativo è solitamente quello della compensazione tra quanto dovuto a titolo di indennizzo dal venditore-finanziatore e quanto allo stesso spettante nei confronti dell acquirente-finanziato a titolo di rimborso di una corrispondente quota del finanziamento. Comunemente privo di garanzie, il vendor loan si aggiunge di solito a uno o più finanziamenti bancari (senior, mezzanini, bridge) ed è oggetto di un accordo di subordinazione tra l istituto bancario, il venditore-finanziatore e l acquirente-finanziato. Funzione dell accordo di subordinazione è quella di subordinare il rimborso del vendor loan al preventivo rimborso delle altre linee di credito ricevute da terzi. La subordinazione, tuttavia, può essere anche realizzata non contrattualmente nel caso in cui il finanziamento sia concesso dal venditore non direttamente alla società acquirente, ma piuttosto a una società che abbia di questa il controllo, la quale impieghi le somme ricevute a titolo di finanziamento investendole (spesso sotto forma di capitale) nella società acquirente controllata e rimborsi il finanziamento utilizzando gli utili distribuiti dalla subsidiary company (dedotti quindi tutti gli altri oneri finanziari). Il vendor finance lender è quindi di solito junior, vale a dire postergato rispetto agli altri finanziatori dell operazione. Il rischio viene remunerato con tassi d interesse generalmente elevati. Solitamente differito al momento della restituzione dell intero capitale prestato, poi, è il pagamento degli interessi (c.d. pagamento bullet). Ampio è anche l utilizzo di clausole c.d. PIK (payment in kind) che conferiscono all acquirente un opzione di capitalizzazione degli interessi su base periodica con conseguente pagamento degli interessi non sotto forma di cassa, ma attraverso l incremento del valore nominale del debito sul quale essi vengono conteggiati. Il vendor loan rappresenta, dunque, non solo una valida risposta ai sempre più ricorrenti problemi di acquisition financing, ma anche uno strumento particolarmente interessante per la duttilità e flessibilità che lo connotano e che consentono di adattarne forma e struttura alle esigenze che ciascun deal di volta in volta può presentare. π 55

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5 Ser ziari per i rivenditori Westcon Westcon ha costituito una Business Unit nata con l obiettivo di proporre ai propri rivenditori, innovative, così da arricchire vendita. Chi siamo Il Noleggio Leasing,

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco)

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) LEVERAGED BUYOUT 1 TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) UNA PARTE ASSAI NOTEVOLE DEI FONDI NECESSARI PER PAGARE IL PREZZO AI VECCHI AZIONISTI

Dettagli

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting

Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting Le operazioni di Private Equity e l attività di Active Scouting 1 I Fondi di Private Equity Natura e Modalità di Intervento 2 NATURA E SCOPI I Fondi di Private Equity sono soggetti che investono in aziende

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO. Torino, 21 aprile 2004

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO. Torino, 21 aprile 2004 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Torino, 21 aprile 2004 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO La thin capitalisation Prof. Tommaso Di Tanno

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE?

L AUMENTO DI CAPITALE SAREBBE CONVENIENTE SOLTANTO SE IL NUOVO INVESTIMENTO RENDESSE ALMENO IL 20 % IL PROGETTO E CONVENIENTE? entriamo in tema attraverso la soluzione di un problema PROGETTO DI INVESTIMENTO : - IMPORTO 3.000.000 - REDDITIVITA 15% COPERTURA FINANZIARIA : -AUMENTO DI CAPITALE N AZIONI 1.000.000 PAY OUT RATIO 100

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del venture capital e del private equity. Punti di forza e debolezza Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 8 giugno

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI?

OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? OPERAZIONI M&A NEL SETTORE DEL REAL ESTATE: QUALI SOLUZIONI? Operazioni M&A nel settore del Real Estate: quali soluzioni? 1 Ogni negoziazione può essere compromessa da un potenziale deal breaker. Per questo

Dettagli

Fondo svalutazione crediti (8.079) - (8.079) (6.455) (3.610) (2.845)

Fondo svalutazione crediti (8.079) - (8.079) (6.455) (3.610) (2.845) parte straordinaria bilancio capogruppo BILANCIO consolidato BILANCIO di sostenibilità RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI NOTIZIE PRELIMINARI 14. Altri crediti Gli altri crediti sono così analizzabili: 368

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Ricavi netti 1.799 migliaia ( 1.641 migliaia al 30 giugno 2012)

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 AIM INVESTOR DAY II Edizione Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 0 Agenda INDICE Chi siamo pag. 2 Business model pag. 3 I nostri punti di forza pag. 4 Strategia pag. 10 Business Plan 2015-2017 pag. 12 Dividend

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO Pag. 2 Mutuo Impresa MULTIFASCE Pag. 3 Definizione e Beneficiari MULTIFASCE è la nuova linea di credito destinata alle aziende Corporate e Small business

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Utile netto consolidato 22,7 milioni di euro Patrimonio netto consolidato 347 milioni di euro Liquidita' disponibile oltre 136 milioni di euro Il Consiglio

Dettagli

I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO. Francesco Nobili

I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO. Francesco Nobili I PROFILI FISCALI CONNESSI ALL EMISSIONE DI TITOLI DI STRUMENTI DI CAPITALE E DI DEBITO Unindustria Cremona, 4 novembre 2015 Capitalizzazione e finanziamento Un impresa può essere capitalizzata/finanziata

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. Private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L attività di disinvestimento Principi fondamentali del disinvestimento Individuazione del momento più opportuno per disinvestire Definizione del canale di disinvestimento

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari.

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari. Il Leveraged Buy-Out disaccordo nelle linee gestionali tra proprietà e management; divergenza di interessi; obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE

ROMA CAPITALE GESTIONE COMMISSARIALE Roma Capitale Gestione Commissariale L attività del Commissario Straordinario del Governo per il rientro del debito pregresso del Comune di Roma Roma, 11 gennaio 2012 1 Sommario del documento 1. Contesto

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI

Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri operativi ATI ECNICI 9 TORI TE IALIZZA I SPECI ECNICI ATI 09 TORI TE IALIZZA mbre 200 LE EDIT I SPECI 4 Settem AZIONAL SIONAL 24 RUM NA ROFESS 3 FOR PR Operazioni straordinarie in editoria: vendere, comprare o allearsi? Parametri decisionali e criteri

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag.

COMPANY PROFILE. AINVEST srl. Una overview sulla società Pag. 2. La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2. Le attività Pag. COMPANY PROFILE AINVEST srl Una overview sulla società Pag. 2 La mission e le caratteristiche distintive Pag. 2 Le attività Pag. 3 Il management e il track record Pag. 4 La storia Pag. 6 I clienti Pag.

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli