DA QUESTO NUMERO NASCE QUALCOSA DI nuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DA QUESTO NUMERO NASCE QUALCOSA DI nuovo"

Transcript

1 periodico - anno 15 - numero 60 - autunno 2014 NOTIZIARIO DI FINANZA AGEVOLATA E OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE E IL TERRITORIO DA QUESTO NUMERO NASCE QUALCOSA DI nuovo GRUPPO IMPRESA Spedizione in abbonamento postale 70% - Filiale di Brescia

2 GRUPPO IMPRESA GFINANCE raccoglie l esperienza di Gruppo Impresa e dei suoi 25 anni di attività nel settore della finanza agevolata a fianco delle imprese e della pubblica amministrazione. Si presenta con una nuova immagine, forte dell esperienza, della professionalità e della passione che l hanno sempre contraddistinta. GFINANCE continua ad offrire la propria consulenza per il reperimento di risorse finanziarie e di fondi pubblici, con l attivazione e la gestione di strumenti regionali, nazionali e comunitari di finanza agevolata. Fornisce la propria assistenza dallo studio di fattibilità, alla presentazione e gestione delle pratiche di finanziamento, accompagnando il cliente lungo tutto l iter della richiesta di agevolazione. Grazie al proprio network di contatti offre un servizio di ricerca partner curando la creazione di nuove aggregazioni, il consolidamento, la gestione e lo sviluppo di quelle esistenti, dai contratti di rete ai consortium agreement europei. DA 25 ANNI FINANZA AGEVOLATA

3 Editoriale 3 Cosa c è di nuovo? Il Governo Renzi ha lanciato con lo slogan #passodopopasso un fitto programma di riforme con l obiettivo di cambiare il Paese in mille giorni. Accanto alle norme di politica generale è previsto un piano di sostegno alle imprese per dare nuovo slancio agli investimenti italiani. I fondi stanziati dal Governo finanzieranno le spese che l impresa sostiene per l acquisto di nuovi macchinari, le attività di ricerca e sviluppo interne all azienda o affidate all esterno ad Università e centri di ricerca, l assunzione di personale qualificato per la ricerca, gli investimenti in tecnologie digitali, l internazionalizzazione d impresa (dalla partecipazione a fiere internazionali all apertura di nuove sedi). Sono alla firma dei rispettivi Ministeri i decreti che daranno attuazione a molti dei provvedimenti annunciati, attendiamo entro l anno la data di apertura dello sportello di presentazione delle richieste di agevolazione: vi terremo informati sul nostro sito e con le nostre newsletter! Nelle pagine seguenti proponiamo una breve sintesi delle principali misure nazionali in apertura, nonché una selezione degli interventi regionali più interessanti per le PMI e per le Reti di imprese e delle opportunità offerte dall Unione europea. Vi anticipiamo che nei prossimi mesi ci saranno importanti novità collegate all approvazione della programmazione comunitaria dei fondi strutturali, ovvero dei fondi cofinanziati dall Europa ma gestiti in partnership con le Regioni e in vigore per il periodo Le risorse finanzieranno progetti nei settori strategici per la crescita del Paese. Gruppo Impresa News Tribunale di Brescia - n.23 del 27/07/95 anno 15 - numero 60 Editore: Gruppo Impresa srl. - via Lippi, 11 - Brescia RI BS Direttore responsabile: Alessandra Teso Chiuso in redazione il 24/09/2014 Tiratura: copie Server provider: BT Italia Spa Indirizzo web: Coordinamento redazionale: Elisa Rizzi Hanno collaborato a questo numero: Marco Bortoli, Federica Calestani, Luca Pellizzato, Elisa Rizzi, Marco Tabladini. Fotografie: sapannpix - Fotolia angellodeco - Fotolia Impaginazione e stampa: Tipografia Camuna Stampato su carta Riciclata 100%. Brevetto Philip Borman Italia. GRUPPO IMPRESA non assume alcuna responsabilità derivante dalla riproduzione e/o utilizzo da parte di terzi di materiale contenuto nella presente pubblicazione.

4 4 Regione Lombardia INVESTI IN LOMBARDIA! Regione Lombardia invita le imprese a presentare proposte per valorizzare la competitività e l attrattività del territorio tramite la realizzazione di progetti di ricerca e innovazione, rilanciando PRODUZIONI GIÀ ESISTENTI o attirando IMPRESE che ora producono FUORI REGIONE. Per le Imprese Ricerca e innovazione Progetti di importo superiore o uguale a 1 milione di euro e inerenti i seguenti temi: Aerospazio - Agroalimentare - Eco-industria - Industrie creative e culturali - Industria della salute - Manifatturiero avanzato - Mobilità sostenibile Formazione dipendenti e rafforzamento delle competenze Costituzione di nuove PMI innovative Progetti di welfare aziendale La Regione premierà le idee migliori con un contributo a fondo perduto in percentuale variabile fino all 80% delle spese ammesse, nel limite di 2 milioni di euro. Per la Pubblica Amministrazione Infrastrutture Mobilità delle merci, riqualificazioni di ambiti urbani e periurbani, aree attrezzate, recupero e riutilizzo di edifici. Previsti contributi a fondo perduto pari al 100% dell investimento fino ad un massimo di 1 milione di euro. Aperto BANDO INNOVAZIONE E BREVETTI PER LE PMI Regione Lombardia e Sistema Camerale hanno stanziato 6,8 milioni di euro per favorire i processi di innovazione delle micro, piccole e medie imprese lombarde tramite l utilizzo di contributi/voucher a fondo perduto. Sono previste diverse linee di intervento: A) adozione di nuove tecnologie digitali (ecommerce, esupply Chain, Fabbrica digitale, Smart Logistics, Smart Building, Safety); B) creazione e sviluppo di nuove tecnologie digitali; C) sviluppo di progetti di innovazione di prodotto, processo o servizio; D) partecipazione a programmi europei (Horizon COSME); E) collaborazione con dottorandi o dottori di ricerca; F) sostegno a brevetti europei/internazionali. Per le misure A, B, C e F le agevolazioni consistono in un contributo a fondo perduto pari al 50% degli investimenti ammissibili da sostenere. Per le altre misure D ed E è previsto un voucher fisso a copertura delle spese sostenute. Domande dal 16 ottobre

5 Sostegno alla PA 5 COMUNI LOMBARDI: I BANDI APERTI PER COMMERCIO E TURISMO 7 milioni di euro Nell ambito dell iniziativa I distretti dell attrattività Regione Lombardia ha approvato il bando relativo alla linea B rivolta ai Comuni non capoluogo in aggregazione per la realizzazione di interventi e iniziative di area vasta. Con tale intervento si vogliono sostenere: misure di incentivazione degli esercizi commerciali e turistici, lo sviluppo e la valorizzazione dell offerta turistica e commerciale territoriale, interventi per la promozione e l accoglienza, la riqualificazione dei mercati, lo sviluppo e la qualificazione del contesto urbano a supporto dell attrattività turistica e commerciale. I programmi di intervento sono finanziati al 50% dalla Regione, nel limite massimo di 360 mila euro, e devono prevedere l addizionalità da parte dei Comuni aggregati per il restante 50%. A disposizione della linea una dotazione pari a 7 milioni di euro, di cui 1,5 milioni di euro per il 2014, e i restanti 5,5 per l anno Scade il 30 ottobre PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI 3 milioni di euro La Regione Lombardia finanzia la riqualificazione degli impianti sportivi di proprietà pubblica. Beneficiari dell iniziativa i Comuni, le Province e le Comunità montane proprietari di impianti sportivi. Sostiene opere di riqualificazione, ampliamento, riconversione, adeguamento tecnologico e dei consumi energetici, sicurezza e abbattimento delle barriere architettoniche e manutenzione straordinaria di impianti polisportivi coperti o spogliatoi e tribune di strutture scoperte. Sono ammessi i progetti con un costo minimo pari a 100 mila euro. È previsto un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili. Domande dal 15 ottobre PER IL PATRIMONIO CULTURALE È aperto il bando Patrimonio culturale per lo sviluppo della Fondazione Cariplo rivolto a enti pubblici e privati non-profit proprietari o titolari della gestione di beni culturali con sede in Lombardia e nelle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola. L iniziativa intende promuovere la salvaguardia del patrimonio storico-architettonico e il miglioramento delle modalità di gestione dei beni. In particolare, le proposte progettuali dovranno riguardare la rifunzionalizzazione di beni di interesse storico-architettonico significativi per la comunità e il successivo avvio di attività in grado di garantire sostenibilità ai progetti e generare sviluppo e occupazione. È previsto un contributo a fondo perduto fino al 60% dei costi totali del progetto. Il contributo richiesto non può essere inferiore a 300 mila euro. Aperto

6 6 Legislazione nazionale ASSUNZIONE DI RICERCATORI È aperta l iniziativa per la concessione del contributo a vantaggio delle imprese che assumono a tempo indeterminato, o trasformano in indeterminato un contratto a termine, personale in possesso di laurea magistrale in ambito tecnico-scientifico (per esempio laurea in design, informatica, ingegneria, architettura, biologia, biotecnologie, farmacia, fisica, ecc.) oppure di un dottorato di ricerca in qualsiasi ambito. Si tratta di un credito d imposta fino al 35%, con un limite massimo pari a 200 mila euro annui ad impresa, del costo aziendale sostenuto per le assunzioni. Le istanze possono essere presentate dalle imprese, in modalità telematica attraverso una specifica piattaforma informatica. Le risorse finanziarie disponibili: per le assunzioni effettuate nell anno 2013: 33 milioni di euro; per le assunzioni effettuate nell anno 2014: 35 milioni di euro; per le assunzioni effettuate nell anno 2015: 35 milioni di euro. Per le assunzioni effettuate nel corso del 2013, le istanze potranno essere presentate a partire dal 10 gennaio Aperto CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI È operativo il credito di imposta nella misura del 15% degli investimenti incrementali effettuati a partire dal 25 giugno 2014 fino al 30 giugno 2015 rispetto alla media dei 5 periodi di imposta precedenti. Gli investimenti ammissibili, con valore minimo di 10 mila euro, devono essere riferiti a nuovi macchinari compresi nella divisione 28 della classificazione ATECO L intervento è aperto alle imprese, anche di grande dimensione, di tutti i settori e operanti sul territorio nazionale. Il credito d imposta va ripartito nonché utilizzato in tre quote annuali di pari importo e indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta di riconoscimento del credito e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d imposta successivi nei quali il credito è utilizzato. Le risorse disponibili ammontano a 204 milioni di euro per il 2016, 408 milioni di euro per gli anni 2017 e 2018, e 204 milioni di euro per l anno Aperto

7 Legislazione nazionale 7 IN ARRIVO IL CREDITO DI IMPOSTA PER LE SPESE IN R&S Il Piano Destinazione Italia prevede l istituzione di un credito di imposta a favore delle imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo. L iniziativa è rivolta a tutte le imprese aventi un fatturato annuo inferiore a 500 milioni di euro, indipendentemente dalla forma giuridica e dal settore in cui operano. Sono destinatari del credito di imposta anche i consorzi e le reti di impresa che effettuano attività di ricerca, sviluppo e innovazione. È previsto un credito di imposta fino ad un importo di 2,5 milioni di euro per ciascun beneficiario, nella misura del 50% degli incrementi annuali di spesa nelle attività di ricerca e sviluppo, registrati in ciascuno dei periodi d imposta a decorrere del periodo 2014 e fino alla chiusura del periodo d imposta in corso al 31 dicembre Ai fini della determinazione del credito d imposta sono ammissibili le spese relative a: a) personale impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo; b) quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzazione di strumenti e attrezzature di laboratorio; c) costi della ricerca svolta in collaborazione con le università e gli organismi di ricerca, quella contrattuale, le competenze tecniche e i brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne. In apertura DISEGNI INDUSTRIALI Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 5 milioni di euro con l obiettivo di sostenere la capacità innovativa e competitiva delle PMI attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei disegni/modelli sui mercati nazionale e internazionale. Il Bando Disegni+2 finanzia l acquisto di servizi specialistici esterni per la produzione di nuove merci correlate ad un disegno/modello registrato (fase 1), e per la commercializzazione di un disegno/ modello registrato (fase 2). È previsto un contributo a fondo perduto pari all 80% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 65 mila euro per la produzione e 15 mila euro per la commercializzazione. Le imprese interessate possono presentare più richieste di agevolazione aventi ad oggetto un diverso disegno/modello registrato (singolo o multiplo) fino al raggiungimento dell importo massimo, per impresa, di 120 mila euro. Domande dal 6 novembre

8 8 Agroalimentare LE MISURE PER IL SETTORE AGRICOLO E AGROALIMENTARE Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali MIPAAF ha pubblicato il cosiddetto Piano Campolibero, un piano di azioni per giovani, lavoro, semplificazioni, competitività e sicurezza in campo agroalimentare. Fra le misure dell iniziativa due crediti di imposta a sostegno del settore. Si attendono i decreti con i quali saranno stabilite le modalità operative e i termini per la presentazione delle domande. Campolibero E-commerce L incentivo è rivolto alle imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell acquacoltura di cui all allegato I del Trattato sul Funzionamento dell Unione europea, e PMI che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell acquacoltura non ricompresi nell allegato I. Sostiene la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico. È previsto un credito di imposta pari al 40% delle spese fino ad un massimo di euro. Le risorse messe a disposizione ammontano a euro per l anno 2014, 2 milioni di euro per il 2015 e un milione di euro per il Campolibero Nuovi prodotti L incentivo è rivolto alle reti di imprese nuove o già esistenti tra imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell acquacoltura di cui all allegato I, nonché alle PMI che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell acquacoltura non ricompresi nell allegato I, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi. In particolare, sono finanziate spese per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonché per la cooperazione di filiera. È previsto un credito di imposta pari al 40% delle spese fino ad un massimo di euro. Le risorse messe a disposizione ammontano a 4,5 milioni di euro per l anno 2014, 12 milioni di euro per il 2015 e 9 milioni di euro per il In apertura

9 Estero 9 ESTERO, APERTE LE NUOVE MISURE PER LE PMI Sono entrati in vigore i nuovi strumenti agevolativi di SIMEST a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese nei Paesi extra Ue. Programmi di inserimento nei mercati extra Ue Sostiene i programmi finalizzati al lancio ed alla diffusione di nuovi prodotti e servizi, ovvero all acquisizione di nuovi mercati per prodotti e servizi già esistenti, attraverso l apertura di strutture volte ad assicurare in prospettiva la presenza stabile nei mercati di riferimento. È previsto un finanziamento agevolato al tasso fisso dello 0,5% - fino all 85% delle spese. Studi di prefattibilità e fattibilità collegati ad investimenti italiani in Paesi extra Ue Finanzia le attività di studi di prefattibilità e fattibilità collegati ad investimenti italiani in Paesi che non sono membri dell Unione europea, nonché programmi di assistenza tecnica collegati ai suddetti investimenti. È previsto un finanziamento al tasso fisso dello 0,5% - fino al 100% delle spese. Interventi di finanziamento agevolato per migliorare la solidità patrimoniale L intervento è volto a stimolare, migliorare e salvaguardare la solidità patrimoniale delle imprese per accrescere la loro capacità di competere sui mercati esteri. È previsto un finanziamento agevolato al tasso fisso dello 0,5% - fino al 25% delle spese. NOVITÀ! Iniziative di marketing e/o promozione del marchio italiano È ammissibile la realizzazione di iniziative promozionali per la prima partecipazione a fiere e mostre in Paesi extra Ue. Sono ad esempio finanziate le spese di affitto e allestimento dello spazio espositivo, gestione, trasporto e assicurazione all interno della fiera/mostra, compensi al personale esterno, consulenze, realizzazione di materiale pubblicitario e promozionale, partecipazione a business meeting, convegni, workshop. È previsto un finanziamento agevolato al tasso fisso dello 0,5% - fino all 85% delle spese.

10 10 Fondi europei HORIZON 2020 La Commissione europea ha aperto nuove call all interno del pilastro Sfide della società del Programma Horizon 2020 sul tema della sicurezza alimentare sostenibile; della bioeconomia innovativa, sostenibile ed inclusiva; della crescita blu per liberare il potenziale di mari e oceani. Ad essere finanziate le attività di ricerca e innovazione ed azioni di supporto e coordinamento. L invito è aperto a tutti, il contributo a fondo perduto in favore delle imprese varia fra il 70% e il 100% dei costi totali ammissibili. Di seguito si segnalano le call aperte: PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Le imprese del settore agroalimentare possono ad esempio presentare progetti sul tema delle strategie per la qualità e la produttività dei raccolti, dell acquacoltura, della contaminazione biologica della catena alimentare, dell uso sostenibile degli OGM. codice identificativo chiusura dotazione finanziaria (mln ) H2020-SFS /06/2015 0,5 H2020-SFS /02/ PER LA SALUTE La Commissione europea sostiene in particolare le imprese del biomedicale che hanno progetti di ricerca e innovazione da sviluppare in partnership a livello europeo. Fra i temi di ricerca: sviluppo di vaccini, ricerca clinica sulla medicina rigenerativa e sulle malattie rare, invecchiamento attivo e in salute, sistemi integrati per l ICT. codice identificativo chiusura dotazione finanziaria (mln ) H2020-PHC-2015-single-stage_RTD 24/02/ H2020-PHC-2015-single-stage 21/04/ ,5 PER LA BIOECONOMIA codice identificativo chiusura dotazione finanziaria (mln ) H2020-ISIB /06/ H2020-ISIB /02/ E PER LA CRESCITA BLU codice identificativo chiusura dotazione finanziaria (mln ) H2020-BG /02/

11 Fondi europei 11 LO STRUMENTO PER LE PMI Il Programma SME Instrument si rivolge a tutte le piccole e medie imprese orientate all internazionalizzazione e in grado di sviluppare un progetto di eccellenza nel campo dell innovazione, a livello europeo e ad elevato impatto economico. Consente alle PMI di gestire in modo autonomo l argomento specifico del progetto, la scelta dei partner, i meccanismi di subappalto, l organizzazione del progetto, nonché la sua sostenibilità finanziaria nel lungo periodo, secondo una logica bottomup e business-oriented. Prevede la concessione di un rimborso forfettario a fondo perduto fino a euro (70% delle spese ammissibili) per la fase 1, mentre per la fase 2 un contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese ammissibili (100% qualora la componente di ricerca fosse preponderante). Nella terza fase non sarà concesso alcun finanziamento diretto, le PMI potranno beneficiare di misure e servizi di supporto. Nel 2014 è previsto il finanziamento di circa 645 progetti, che saliranno a 670 nel Il bando è sempre aperto e le prossime scadenze per la valutazione sono il 17 dicembre 2014 per la fase 1, il 9 ottobre e il 17 dicembre 2014 per la fase 2. VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE A PROGRAMMI EUROPEI Regione Lombardia, in collaborazione con il Sistema Camerale, sostiene la partecipazione delle micro, piccole e medie imprese lombarde ai programmi europei con l erogazione di un voucher a parziale copertura dei servizi di assistenza tecnica. Horizon 2020 e COSME: 10 mila euro per la partecipazione come Coordinatore; 2 mila euro per la partecipazione come Partner voucher. Strumento per le PMI: 4 mila euro per i progetti che superano la soglia minima di valutazione; 25 mila euro per i progetti che hanno superato il threshold della Commissione europea ma non sono stati finanziati per esaurimento fondi. GRUPPO IMPRESA in qualità di FORNITORE ACCREDITATO erogherà alle PMI che ne facciano richiesta i servizi di assistenza tecnica con il beneficio del voucher regionale. Per usufruire del voucher regionale è necessario presentare domanda dal 16 ottobre fino ad esaurimento risorse, e comunque entro marzo 2015.

12 12 Reti di imprese LE REGIONI A FAVORE DELLE RETI D IMPRESA Azioni per promuovere l aggregazione delle imprese e lo sviluppo del territorio Roma, 7 ottobre 2014 UNINDUSTRIA - Via Noale 206 Ore 14:00 REGISTRAZIONE E WELCOME COFFEE 14:30 SALUTI e INTRODUZIONE LAVORI Aldo Bonomi, Presidente di RetImpresa Guido Fabiani, Assessore Attività Produttive della Regione Lazio 15:00 GLI INTERVENTI REGIONALI PER LE RETI D IMPRESA: PROCESSI DI ARMONIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE Esperienze sugli incentivi alle reti Marco Bortoli, Responsabile Gruppo Impresa Finance Iniziative regionali per le Reti d impresa nel Turismo Gianluca Caruso, Coordinamento Tecnico per il Turismo della Conferenza delle Regioni Interventi programmati dei Dirigenti di servizio delle Regioni coinvolte 16:00 DIBATTITO aperto alla partecipazione di: Conferenza delle Regioni Confindustrie Regionali e Associazioni di Categoria interessati Reti d Impresa 17:30 CONCLUSIONI Angelo Camilli, Presidente Comitato Piccola Industria di UNINDUSTRIA Coordina i lavori: Fulvio D Alvia, Direttore RetImpresa Confindustria Programma in corso di definizione Per motivi organizzativi si prega di segnalare la propria partecipazione a: entro il 05/10/2014. Per informazioni Confindustria: Ciro Ascione - / tel Per informazioni Unindustria: Pamela Morasca - / tel Si tratta del primo di un ciclo di quattro incontri sul territorio nazionale, a partire dal prossimo mese di ottobre, dedicati alle Confindustrie Regionali, alle Associazioni territoriali, alle imprese associate al Sistema, alle Reti d impresa ed alle Istituzioni regionali.

13 Reti di imprese 13 INTERVENTI REGIONALI PER LE RETI DI IMPRESA RetImpresa e Gruppo Impresa hanno realizzato un servizio informativo dedicato alle opportunità di agevolazione per le aggregazioni tra imprese. Segnaliamo di seguito le ultime novità in tema di incentivi per la creazione e/o lo sviluppo di imprese aggregate in contratto di rete. Regione Veneto È stata approvata la nuova legge regionale per la Disciplina dei distretti industriali, delle reti innovative regionali e delle aggregazioni di imprese, che introduce tre nuove categorie: DISTRETTO INDUSTRIALE: un sistema produttivo locale, all interno di una parte definita del territorio regionale, caratterizzato da un elevata concentrazione di imprese manifatturiere artigianali e industriali, con prevalenza di piccole e medie imprese, operanti su specifiche filiere produttive o in filiere a queste correlate rilevanti per l economia regionale. RETE INNOVATIVA REGIONALE: un sistema di imprese e soggetti pubblici e privati, presenti in ambito regionale ma non necessariamente territorialmente contigui, che operano anche in settori diversi e sono in grado di sviluppare un insieme coerente di iniziative e progetti rilevanti per l economia regionale. AGGREGAZIONE DI IMPRESE: un insieme di imprese che, in numero non inferiore a tre, si riuniscono, al fine di sviluppare un progetto strategico comune (in contratto di rete, in consorzio, o in ATI). È previsto per l autunno il lancio del primo bando a sportello, la dotazione finanziaria è di 6 milioni di euro. Lazio 5 milioni di euro Toscana 8 milioni di euro Campania 10 milioni di euro Cosa finanzia Il bando Lazio International sostiene attività promozionali, fieristiche, di cooperazione commerciale e industriale e di sostegno alla qualità dell export laziale. I progetti, possono essere presentati da PMI esclusivamente in forma aggregata nelle forme di ATI, ATS, RETI DI IMPRESA. Sono aperti tre nuovi bandi con dotazione complessiva di 8 milioni di euro a sostegno dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione presentati da PMI, grandi imprese aggregate in consorzi o contratti di rete. Il Fondo Rotativo per lo Sviluppo intende promuovere e sostenere la nascita e la qualificazione delle reti di impresa sul territorio campano. Prevede la concessione di finanziamenti a tasso agevolato da restituire in 7 anni con un periodo di differimento di 12 mesi. scadenza 31 ottobre 31 ottobre 30 novembre Per saperne di più I soci di RetImpresa possono consultare le schede con i dettagli degli interventi regionali al sito

14 14 Regione Emilia-Romagna BANDO 2014 PER LE START UP INNOVATIVE La Regione Emilia-Romagna ha approvato il bando per il sostegno allo start up di nuove imprese innovative. Scopo dell iniziativa è sostenere l avvio di nuove imprese innovative ad elevato contenuto di conoscenza, basata sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca e sullo sviluppo di nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia. Destinatarie del bando sono le singole micro e piccole imprese emiliane, compresi consorzi, società consortili e società cooperative, costituite successivamente al 1 gennaio 2011 ed appartenenti al settore manifatturiero, delle costruzioni, dei servizi di informazione e comunicazione, e delle attività professionali, scientifiche e tecniche. È previsto un contributo a fondo perduto pari al 60% della spesa ritenuta ammissibile fino ad un massimo di 100 mila euro. È inoltre prevista una maggiorazione del 10% del contributo concesso per i progetti che prevedono alla loro conclusione un incremento dei dipendenti assunti a tempo indeterminato pari ad almeno 3 unità rispetto alla data di presentazione della domanda. Le domande di contributo possono essere presentate dal 1 ottobre fino ad esaurimento delle risorse disponibili, e comunque non oltre il 31 marzo PROMOZIONE DELLE IMPRESE PER EXPO Sono aperti due bandi della Regione Emilia-Romagna con l obiettivo di sostenere progetti promozionali delle imprese in vista di Expo Bando per la promozione delle imprese in occasione di EXPO È dedicato alle imprese singole o aggregate (anche in rete) per la realizzazione di eventi o iniziative promozionali quali workshop, seminari, incontri d affari, degustazioni, sfilate, visite aziendali e ogni altra tipologia di attività mirata e occasionale volta a promuovere le imprese che partecipano al bando nei confronti di operatori specializzati esteri. Le domande possono essere inviate entro il 22 ottobre Bando per progetti di promo-commercializzazione turistica collegati a EXPO È riservato alle aggregazioni di imprese (club di prodotto, consorzi, contratti di rete) per il cofinanziamento a progetti di promo-commercializzazione turistica collegati a Expo 2015, ma anche in location esterne, nei territori dell offerta (dove operano le aggregazioni di imprese emiliane) e nei territori della domanda (dove operano i soggetti dell intermediazione turistica, le associazioni, i media, gli opinion makers, ecc.). Lo sportello è aperto dal 1 ottobre 2014 al 31 dicembre 2014.

15 Scadenzario 15 I PROSSIMI APPUNTAMENTI in collaborazione con Talent Garden Brescia, 3-4 ottobre 2014 FESTIVAL DELL INNOVAZIONE GRUPPO IMPRESA sarà presente nell Area Exhibit PMI Vi aspettiamo al ns stand in Piazza Vittoria! in collaborazione con Gruppo Giovani Imprenditori AIB Brescia, 4 ottobre 2014 VISIONE, VITA & INNOVAZIONE Torino, 30 settembre 2014 RIFIUTI: RISORSA DESTINATA AD UNA SECONDA VITA h c/o Teatro Grande workshop PRONTI PER L EUROPA? Cosa sapere sui Fondi Europei in collaborazione con Laboratorio Chimico della Camera di Commercio di Torino workshop GRUPPO IMPRESA interviene presentando i finanziamenti europei per l innovazione in campo ambientale. SCADENZARIO INTERVENTO Lombardia SCADE IL Bando innovazione e brevetti (pag. 4) da 16/10/14 Accordi per la competitività (pag. 4) Aperto Distretti dell attrattività per 30/10/14 Comuni non capoluogo (pag. 5) Riqualificazione degli impianti da 15/10/14 sportivi (pag. 5) Bando patrimonio culturale (pag. 5) Aperto Supporto alla partecipazione a da 16/10/14 programmi europei (pag. 11) Emilia-Romagna Bando start up innovative (pag. 14) da 01/10/14 Promozione delle imprese in 22/10/14 occasione di EXPO (pag. 14) Promo-commercializzazione 31/12/14 turistica per EXPO (pag. 14) INTERVENTO SCADE IL Italia Credito di imposta per l assunzione Aperto di ricercatori (pag. 6) Credito di imposta per investimenti Aperto (pag. 6) Disegni+2 (pag. 7) da 06/11/14 Credito di imposta per la ricerca e In apertura lo sviluppo (pag. 7) Campolibero (pag. 8) In apertura Misure SIMEST per l estero (pag. 9) Aperto Europa Horizon 2020 (pag. 10) Scadenze varie Strumento per le PMI (pag. 11) 17/12/14 SEGUICI SU:

16 via F. Lippi Brescia (Italia) t f

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

IL «PATENT BOX» E ALTRI INCENTIVI FISCALI PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA DI RICERCA E SVILUPPO

IL «PATENT BOX» E ALTRI INCENTIVI FISCALI PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA DI RICERCA E SVILUPPO IL «PATENT BOX» E ALTRI INCENTIVI FISCALI PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA DI RICERCA E SVILUPPO BERGAMO, 22 MAGGIO 2015 4T-TECH TRANSFER THINK THANK-2 EDIZIONE Studio Lucchini LEGGE DI STABILITA 2015

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015

FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 FAQ aggiornate al giorno 05/01/2015 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento ordinario n. 160 al Bollettino Ufficiale n. 32 del 27 agosto 2011 Poste Italiane S.p.A. - Spediz. in abb. postale 70% - DCR Roma REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli