Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001"

Transcript

1 Studio Bolzoni Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

2 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità degli enti per gli illeciti conseguenti alla commissione di un reato. Si tratta di un sistema di responsabilità autonomo, caratterizzato da presupposti e conseguenze distinti da quelli previsti per la responsabilità penale della persona fisica. In particolare, l ente può essere ritenuto responsabile se, prima della commissione del reato da parte di un soggetto ad esso funzionalmente collegato, non aveva adottato ed efficacemente attuato modelli di organizzazione e gestione idonei a evitare reati della specie di quello verificatosi. Quanto alle conseguenze, l accertamento dell illecito previsto dal decreto 231 espone l ente all applicazione di gravi sanzioni, che ne colpiscono il patrimonio, l immagine e la stessa attività. Accertamento del reato Reato previsto dal D.Lgs. 231 SI Reato commesso da soggetto apicale o sottoposto nell interesse/ vantaggio dell ente SI Il Modello è idoneo? NO Sanzioni per l ente NO SI NO Azione penale a carico dell autore del reato (persona fisica) No sanzioni per l ente

3 Introduzione E di fondamentale importanza che l impresa compia una seria e concreta opera di implementazione delle misure adottate nel proprio contesto organizzativo. Il modello non deve rappresentare un adempimento burocratico, ma deve vivere nell impresa, aderire alle caratteristiche della sua organizzazione, evolversi e cambiare con essa. Non è oggetto di certificazione. In ogni caso il giudizio circa la concreta implementazione ed efficace attuazione del modello stesso è rimesso alla valutazione del giudice.

4 I destinatari Il decreto 231 indica come destinatari gli enti forniti di personalità giuridica, le società fornite di personalità giuridica e le società e le associazioni anche prive di personalità giuridica (art. 1, comma 2). La disciplina, invece, non si applica allo Stato, agli enti pubblici-territoriali, agli altri enti pubblici non economici nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale (art. 1, comma 3). Nella platea dei destinatari del decreto figurano anche società di diritto privato che esercitino un pubblico servizio e società controllate da pubbliche amministrazioni. (s.p.a. a partecipazione mista pubblicoprivata) Il decreto 231 può applicarsi solo ai soggetti collettivi

5 I soggetti coinvolti responsabili Persone (apicali) che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o direzione dell ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale e che svolgono, anche di fatto, la gestione e il controllo dell ente stesso. Persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza dei soggetti apicali. L ente può essere ritenuto responsabile dell illecito se il reato è stato commesso nel suo interesse o a suo vantaggio. Nel caso sussista l interesse dell ente, sia pure parziale o marginale, l illecito dipendente da reato si configura anche se non si è concretizzato alcun vantaggio. Inoltre la responsabilità può ricorrere anche se il delitto presupposto si configura nella forma del tentativo (art. 26, decreto 231) Per i reati in materia di salute, sicurezza e ambiente l interesse o vantaggio dovrebbero piuttosto riferirsi alla condotta inosservante delle norme cautelari (esempio nel risparmio di costi per la sicurezza, sacrificando l adozione di presidi antinfortunistici).

6 Quando l ente non è responsabile L ente non è responsabile se dimostra che: - ha adottato ma anche efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e gestione idonei a impedire reati della specie di quello commesso (art. 6, comma 1, lett. a, decreto 231); - ha istituito un organismo dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo, il quale abbia effettivamente vigilato sull osservanza dei modelli; - il reato è stato commesso per fraudolenta elusione dei modelli da parte del soggetto infedele - ha impedito volontariamente il compimento dell azione o la realizzazione dell evento

7 Reati Reati contro la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati di criminalità informatica e trattamento illecito di dati introdotti nel Decreto dalla Legge n. 48/2008 (art. 24-bis); Reati di criminalità organizzata introdotti nel Decreto dalla Legge n. 94/2009 (art. 24-ter); Reati in materia di falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 409/2001 e modificati con Legge n. 99/2009 (art. 25-bis); Delitti contro l industria e il commercio, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 99/2009 (art. 25-bis 1); Reati societari, introdotti dal D.Lgs. n. 61/2002 e modificati dalla Legge n. 262/2005 e dalla Legge n. 190/2012 (art. 25-ter); Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 7/2003 (art. 25-quater); Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 7/2006 (art. 25-quater 1); Delitti contro la personalità individuale introdotto dalla Legge n. 228/2003 e modificati con la Legge n. 38/2006 (art. 25-quinquies); Abusi di mercato, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 62/2005 e modificati dalla Legge n. 262/2005 (art. 25-sexies);

8 Reati Reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme infortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro introdotti nel Decreto dalla Legge n. 123/2007 (art. 25-septies); Reati transnazionali richiamati dall art. 10 della Legge n. 146/2006, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale, adottati dall Assemblea generale il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio 2001 ; Reati in materia di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita introdotti nel Decreto dal D.Lgs. n. 231/2007 (art. 25-octies); Delitti in materia di violazione del diritto d autore, introdotti nel Decreto dalla Legge n. 99/2009 (art. 25- novies); Reato di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria introdotto nel Decreto dalla Legge n. 116/2009 (art. 25-decies); Reati in materia di tutela dell ambiente, introdotti dal D.Lgs. n. 121/2011, art. 2, commi 2 e seguenti (art. 25-undecies); Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare, introdotto nel decreto dal D.Lgs. n. 109/2012 (art. 25-duodecies).

9 Sanzioni Sanzioni pecuniarie La determinazione delle sanzioni pecuniarie irrogabili ai sensi del decreto 231 si fonda su un sistema di quote. La legge determina un numero minimo e massimo di quote: non può mai essere inferiore a cento e superiore a mille. L importo delle singole quote può oscillare tra un minimo di circa 258 euro a un massimo di circa 1549 euro. Il giudice determina il numero di quote commisurandolo alla gravità del fatto. Determina l importo delle singole quote in base alle condizioni economiche e patrimoniali dell ente. Confisca Nei confronti dell ente è sempre disposta, con la sentenza di condanna, la confisca del prezzo o del profitto del reato o somme di denaro, beni, o altre utilità di valore equivalente.

10 Sanzioni Sanzioni interdittive Quando previsto dalla legge il giudice penale può applicare le sanzioni interdittive (particolarmente afflittive). Possono consistere: nell'interdizione dall'esercizio dell'attività; nella sospensione o la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell'illecito; nel divieto di contrattare con la pubblica amministrazione, salvo che per ottenere le prestazioni di un pubblico servizio; nell'esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l'eventuale revoca di quelli già concessi; nel divieto di pubblicizzare beni o servizi. Pubblicazione della sentenza di condanna Il giudice può anche disporre la pubblicazione della sentenza di condanna, misura capace di recare un grave impatto sull immagine dell ente.

11 Modello Mappatura Individuazione e descrizione dei processi/attività (con revisione periodica esaustiva di tutta la realtà aziendale), con l obiettivo di individuare le aree che, in ragione della natura e delle caratteristiche delle attività effettivamente svolte, risultano interessate dal potenziale compimento di taluno dei reati contemplati dalla norma. Mappatura potenziali illeciti Analisi dei potenziali rischi riguardo alle possibili modalità attuative dei reati nelle diverse aree aziendali dove in particolare si documenta come le fattispecie di reato possono essere attuate rispetto al contesto operativo interno ed esterno in cui opera l azienda.

12 Modello Descrizione e aggiornamento del sistema di controllo Il sistema di controlli preventivi deve essere tale da garantire che i rischi di commissione dei reati, siano ridotti ad un livello accettabile. Si tratta, in sostanza, di progettare quelli che il decreto 231 definisce specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l attuazione delle decisioni dell ente in relazione ai reati da prevenire. Quindi mediante la gap analysis si adeguano i controlli preesistenti al fine di portare ogni rischio ad un livello di accettabilità. Nota: il rischio è accettabile quando il sistema di prevenzione è tale da non poter essere aggirato se non fraudolentemente

13 Modello Sistema di controllo 1 livello di controllo: definisce e gestisce i controlli cosiddetti di linea, insiti nei processi operativi, e i relativi rischi. È svolto generalmente dalle risorse interne della struttura, sia in autocontrollo da parte degli operatori 2 livello di controllo: è svolto da strutture tecniche aziendali competenti in materia e indipendenti da quelle del livello precedente, nonché dal settore di lavoro sottoposto a verifica. 3 livello di controllo: è effettuato dall Internal Audit, che fornisce assurance, ovvero valutazioni indipendenti sul disegno e sul funzionamento del complessivo Sistema di Controllo Interno, accompagnato da piani di miglioramento definiti in accordo con il Management. E tipico di organizzazioni più strutturate e di dimensioni medio-grandi, Principi di controllo - Ogni operazione, transazione, azione deve essere: verificabile, documentata, coerente e congrua. - Nessuno può gestire in autonomia un intero processo - I controlli devono essere documentati

14 Codice etico L adozione di principi etici rilevanti ai fini della prevenzione dei reati 231 costituisce un elemento essenziale del sistema di controllo preventivo. Tali principi possono essere inseriti in un codice etico o di comportamento. I codici etici contengono l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità dell ente nei confronti dei portatori d interesse. Hanno l obiettivo di raccomandare, promuovere o vietare determinati comportamenti, indipendentemente da quanto previsto a livello normativo, e possono prevedere sanzioni proporzionate alla gravità delle eventuali infrazioni commesse. L ente deve valutare, con riguardo ad ogni singola fattispecie di reato cui si applica il decreto 231, quale sia il rischio specifico di commettere quel determinato reato ed introdurre principi etici ad hoc.

15 Organismo di vigilanza Elemento indispensabile per l efficacia esimente del modello, ha i seguenti compiti: vigilanza sull effettività del modello, cioè sulla coerenza tra i comportamenti concreti e il modello istituito; esame dell adeguatezza del modello, ossia della sua reale - non già meramente formale - capacità di prevenire i comportamenti vietati; analisi circa il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del modello; cura del necessario aggiornamento in senso dinamico del modello attraverso: suggerimenti e proposte di adeguamento rivolti alla funzione del Personale e Organizzazione o all Amministratore, o, nei casi di maggiore rilevanza al Consiglio di Amministrazione; follow-up delle verifiche dell attuazione e dell effettiva funzionalità delle soluzioni proposte. Caratteristiche Autonomia ed indipendenza Professionalità Continuità di azione

16 Vantaggi per l ente L Ente che ha adottato ed efficacemente attuato, modelli di organizzazione, gestione e controllo conformi a quanto disposto dal D.Lgs. 231, in caso di reato non è responsabile dell illecito commesso. In particolare vale per: Reati in generale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Reati in materia di tutela dell ambiente In definitiva la corretta adozione del Modello ai sensi del D.Lgs. 231, supera qualsiasi altra certificazione di sistema integrato (qualità, sicurezza e ambiente) in quanto in caso di reato accertato, alla valutazione del giudice, le eventuali certificazioni ottenute dall ente possono dimostrare una certa propensione all uso di regole e controlli ma è solo l efficace attuazione del modello 231, confermata dal giudice, che esime l ente dalle responsabilità dell illecito commesso, quindi dalle sanzioni previste.

17 Riferimenti e Contatti "Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle" Denis Waitley Ing. Alberto Bolzoni Management Consultant Via D. Bertarione, Ivrea (TO) cell

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 Decreto Legislativo 231/2001 Ha introdotto la c.d. responsabilità amministrativa e penale delle Società. Reato Responsabilità individuale

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Indice Introduzione Formazione Parte 1 Cosa prevede la legge Principali riferimenti legislativi

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

Il sistema delle sanzioni per le violazioni delle norme sulla sicurezza

Il sistema delle sanzioni per le violazioni delle norme sulla sicurezza Il sistema delle sanzioni per le violazioni delle norme sulla sicurezza Milano, 21 ottobre 2010 Conseguenze derivanti dalla inosservanza delle norme sulla sicurezza NORMATIVA SANZIONE CODICE DEI CONTRATTI

Dettagli

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Meda 26-27 novembre 2014 Gruppo Poltrona Frau Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Agenda Prima parte Il D.Lgs. n. 231/2001 1. La norma 2. Le misure sanzionatorie

Dettagli

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 La norma applica a tutti i casi di omicidio colposo o lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla salute e sicurezza sul

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01 Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01 Approvato dal Consiglio di Indirizzo il 26 gennaio 2016 1 Definizioni...5 Parte Generale......7

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 PARTE GENERALE Pagina 1 di 13 INDICE PARTE GENERALE 1. PREMESSA 3 2. STRUTTURA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 3 3. DESTINATARI

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli

Sisthema & Analisi S.r.l. Titolo

Sisthema & Analisi S.r.l. Titolo Titolo LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI D. Lgs. 231/01 e s.m.i., CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO E AGLI ILLECITI AMBIENTALI Viterbo, 09/02/2012

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 )

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 ) PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001 ( Modello 231 ) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 23 settembre 2014 SINTESI Sede Legale Via Bronzino 9,

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

MODELLO PARTE GENERALE

MODELLO PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE (Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 s.m.i.) PARTE GENERALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE - 1 - m-dis Distribuzione Media S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01

INDICE - 1 - m-dis Distribuzione Media S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE (Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 s.m.i.) PARTE GENERALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO ILLUSTRATIVO

DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS. 231/01 di Generali Investments Europe SGR S.p.A. aggiornato il 25/07/2013 Il presente documento si applica soltanto al

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione

Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione Ivo Caldera Coordinatore Gruppo di Studio AFI Sicurezza e Igiene Ambientale RISK MANAGEMENT E BUSINESS CONTINUITY Milano, 26 marzo 2015 26/03/15 Ivo Caldera

Dettagli

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Evoluzione della normativa e della giurisprudenza Dr. Ennio Battistoli Milano, 15 gennaio 2015 D.Lgs. 231/2001 Il Decreto in sintesi Prevede la responsabilità degli

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX DLGS 231/01 ECO-WAY SPA. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27-01-2015

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX DLGS 231/01 ECO-WAY SPA. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27-01-2015 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX DLGS 231/01 DI ECO-WAY SPA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27-01-2015 1 PARTE GENERALE 2 PARTE GENERALE INDICE 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO

Dettagli

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Sintesi - Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 Aggiornamento Aprile 2013 1 INDICE SINTETICO

Dettagli

MODELLO PARTE GENERALE DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. (Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 s.m.i.)

MODELLO PARTE GENERALE DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. (Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 s.m.i.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE (Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 s.m.i.) PARTE GENERALE Milano, 23 luglio 2014 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società

La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società La responsabilità penale dell amministratore e del legale rappresentante di una società Se non vi è prova certa su queste condizioni, il proprietario di un azienda. risponde anche penalmente dell operato

Dettagli

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard SALUTE & SICUREZZA nelle Strutture Sanitarie OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard Modena, 09-10-08 Franco Pugliese SG Formaz. SG Manutenz. SGSL SG L. 231/01 SGA SGQ Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica

deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica D.Leg. 231/01 e Testo Unico sulla Sicurezza; deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica Schema della Presentazione 1) Il Comitato Affari Legali di Federchimica

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SMA S.p.A. Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro

La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro La responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01 e il Modello di organizzazione, gestione e controllo in materia di salute e sicurezza sul lavoro Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Firenze

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231 Poste Assicura ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Poste Assicura il 31 Gennaio 2012 Modificato nell adunanza

Dettagli

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231 Poste Vita ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Poste Vita il 4 Dicembre 2003 Modificato nelle adunanze

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 REATI INFORMATICI (artt. 24bis D. Lgs. 231/2001) Dott. Carlo SALOMONE Gruppo 231 ODCEC Torino Ivrea Pinerolo

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 231/01 DI SALVATORE FERRAGAMO S.P.A. PARTE GENERALE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 231/01 DI SALVATORE FERRAGAMO S.P.A. PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 231/01 DI SALVATORE FERRAGAMO S.P.A. AGGIORNAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 Indice MODELLO

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Informazioni sul documento - Documenti correlati Il presente modello rappresenta la seconda edizione approvata

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI PININFARINA SPA APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 20 MARZO 2014 INDICE SOMMARIO 1 IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231, IN MATERIA DI

Dettagli

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Testo adottato dal Consiglio di Amministrazione di SOPAF S.p.A. ( 13 Novembre 2007) Modificato dal

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS. 231/01 DI COOPSETTE SOCIETÀ COOPERATIVA Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 19 dicembre 2014 1 Pag. 2 di 40 INDICE 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231, IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

TOZZI HOLDING S.R.L. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

TOZZI HOLDING S.R.L. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Come approvato in CdA in data 04/02/2013 TOZZI HOLDING S.R.L. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. REVALO S.p.A. D. L g s. 2 3 1 / 2 0 0 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO. REVALO S.p.A. D. L g s. 2 3 1 / 2 0 0 1 MODELLO DI D. L g s. 2 3 1 / 2 0 0 1 ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO REVALO S.p.A. Gennaio 2015 REVALO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001 PARTE GENERALE 1.

Dettagli

Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi. Università degli studi d i Milano Bicocca- Dott. Daniele Bernardi

Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi. Università degli studi d i Milano Bicocca- Dott. Daniele Bernardi Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi 1 NORMATIVA A D.LGS. 231/01 Modello Organizzativo - Codice Etico- Organismo di Vigilanza Agenda 2 DEFINIZIONE D.LGS. 231/2001 SOGGETTI COINVOLTI

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. Auchan S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. Auchan S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Auchan S.p.A. Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legisla tivo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

MODELLO 231. (Parte generale) Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 febbraio 2016. Documento inserito nel PGS Progetto Governo Societario

MODELLO 231. (Parte generale) Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 febbraio 2016. Documento inserito nel PGS Progetto Governo Societario MODELLO 231 (Parte generale) Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 febbraio 2016 Documento inserito nel PGS Progetto Governo Societario INDICE SOMMARIO Premessa..4 Definizioni...6 Ambito normativo

Dettagli

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica PARTE GENERALE 1. Il Decreto Legislativo n. 231/2001 1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica Il D.Lgs

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 17 Settembre 2013 Indice Parte Generale Definizioni... 5 Struttura del documento...

Dettagli

Newton Management Innovation S.p.A.

Newton Management Innovation S.p.A. Newton Management Innovation S.p.A. PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. N. 231/2001 Novembre 2013 1 Indice Definizioni 4 PARTE GENERALE 7 1. Il Decreto Legislativo n.

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Facile.it S.p.A. REL. DATA REDATTO APPROVATO NOTE 1.0 06/05/2014 == Amministratore Unico 2.0 10/02/2016 == Consiglio di Amministrazione

Dettagli

TRE TOZZI RENEWABLE ENERGY S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

TRE TOZZI RENEWABLE ENERGY S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Come approvato in CdA in data 04/02/2013 TRE TOZZI RENEWABLE ENERGY S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

KPMG Fides Servizi di Amministrazione S.p.A.

KPMG Fides Servizi di Amministrazione S.p.A. KPMG Fides Servizi di Amministrazione S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Versione aggiornata al 4 febbraio 2013 Approvato dal

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL

INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL Informazioni Editoriali IE S.r.l. Sede Sociale Via Bergonzoli 1/5 20127 Milano Capitale sociale Euro 115.000 i.v. C.F. 07501560150 - n. iscrizione R.I. Milano 1164963 MODELLO

Dettagli

Dott. Antonio Terracina

Dott. Antonio Terracina Procedure semplificate per l adozione dei modelli organizzativi e gestionali ai sensi dell art. 30 del D.lgs 81/08 e s.m.i. da parte delle PMI (DM 13/2/2014) Dott. Antonio Terracina La SSL nel D. Lgs.

Dettagli

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 I PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 ALK ABELLO S.p.A. Versione 3.0 - Approvato dal CdA il 23/9/2014 INDICE Introduzione

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi dell art. 6, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi dell art. 6, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi dell art. 6, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 - Parte Generale e Parti Speciali - Versione approvata dal C.d.A. del 20 dicembre

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

DOCUMENTO DESCRITTIVO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001

DOCUMENTO DESCRITTIVO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 Rai World S.p.A. DOCUMENTO DESCRITTIVO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 Rev. Oggetto Approvazione Data 1 PREMESSA... 5 1.1 PRESENTAZIONE DI RAI WORLD S.P.A.... 5

Dettagli

KPMG Advisory S.p.A.

KPMG Advisory S.p.A. KPMG Advisory S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Versione aggiornata al 4 febbraio 2013 Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli