La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione"

Transcript

1 La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione Daniela Renzi Progetto internazionale La città dei bambini ISTC-CNR Convegno internazionale AUTONOMIA E SALUTE L autonomia di movimento delle bambine e dei bambini: una necessità per loro, una risorsa per la scuola e per la città Roma 23 Novembre 2015 Aula Marconi - CNR

2 La mobilità autonoma dei bambini scompare In Italia la mobilità autonoma è uno degli aspetti che ha maggiormente risentito della trasformazione della città

3 Dal 2002 al 2010, la percentuale dei bambini che vanno a scuola da soli è passata dall 11% al 7%

4 Il confronto internazionale La Ricerca «Children s Independent Mobility» del 2010, che ha coinvolto 16 paesi nel mondo, colloca l Italia al penultimo posto nella classifica della mobilità autonoma

5 Il confronto internazionale La ricerca si è focalizzata su quattro livelli: I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Il percorso casa-scuola-casa Le attività extrascolastiche La percezione di sicurezza nel luogo di residenza

6 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Attraversare le strade principali da solo Andare in bicicletta lungo le strade principali Utilizzare i mezzi pubblici da solo Tornare a casa da scuola da solo* Andare da solo in luoghi diversi dalla scuola* Uscire da solo quando è buio* *Su questi tre permessi il dato è rilevato solo dal questionario dei genitori

7 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini I dati internazionali mostrano, in tutti i paesi e in tutte le fasce di età, una forte diminuzione della mobilità autonoma dei bambini, soprattutto al di sotto degli 11 anni

8 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini I paesi con il più basso livello di mobilità autonoma sono in ordine: Sud Africa, Italia e Portogallo (a pari merito), Australia, Irlanda, Brasile, Sri Lanka, Israele, Francia, Inghilterra

9 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini La Finlandia è il paese con il più alto livello di mobilità autonoma, seguito dalla Germania, la Norvegia, la Svezia, il Giappone e la Danimarca

10 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini I bambini finlandesi già a 7 anni, per la maggior parte, possono andare da soli in luoghi diversi dalla scuola. A 8 anni possono attraversare le strade principali da soli, tornare a casa da scuola e uscire con il buio. A 9 anni possono andare in bicicletta lungo le strade principali e a 10 anni usare i mezzi pubblici

11 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Negli altri paesi l autonomia è concessa più tardi. In tutti i paesi, tranne che in Sud Africa, i bambini a 11, per la maggior parte, possono attraversare le strade principali da soli. A 12 anni possono andare da soli in luoghi diversi dalla scuola

12 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini A 13 anni hanno il permesso di tornare a casa da scuola da soli e, secondo i bambini, possono usare i mezzi pubblici. A 15 anni raggiungono una elevata autonomia ad eccezione della possibilità di uscire con il buio

13 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini L uscita con il buio è il permesso meno concesso Solo in pochi paesi (Finlandia, Svezia, Giappone e Danimarca) questo permesso è concesso nelle varie fasce di età

14 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini I bambini italiani a cui è permesso attraversare le strade principali da soli (34%) sono quasi la metà di quelli tedeschi (61%) e molti di meno di quelli inglesi (55%) (Risposte dei bambini)

15 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Un altro dato molto significativo riguarda il permesso di usare il mezzo pubblico senza essere accompagnati da adulti: in Italia, la percentuale è dell 1%, in Inghilterra è il 15% e in Germania è del 25% (Risposte dei genitori)

16 Il confronto internazionale I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Il dato più eclatante è relativo al permesso di tornare a casa da scuola da soli: si passa dall 8% in Italia al 25% in Inghilterra fino al 76% in Germania (Risposte dei genitori)

17 Il confronto internazionale I dati internazionali evidenziano che il traffico è il fattore che riduce maggiormente la concessione di autonomia

18 Il confronto internazionale Il percorso casa-scuola Il 42,6% delle famiglie italiane possiede due o più macchine Le famiglie italiane dispongono di un numero di automobili maggiore di quello delle famiglie inglesi e tedesche

19 Il confronto internazionale Il percorso casa-scuola Vanno a scuola in AUTOMOBILE il 68% dei bambini italiani di scuola primaria contro il 32% di quelli inglesi e il 30% dei tedeschi (scuola secondaria I. 58%, R.U. 16%, G. 14%)

20 Il confronto internazionale Il percorso casa-scuola I bambini italiani della scuola primaria che vanno da SOLI a scuola sono il 7%, gli inglesi il 41% e i tedeschi il 40% (scuola secondaria I. 34%, R.U. 78%, G. 68%)

21 Il confronto internazionale il percorso casa-scuola Scuola secondaria I ragazzi della secondaria che usano il MEZZO PUBBLICO per andare a scuola sono il 3% in Italia, il 25% in l Inghilterra e il 64% in Germania

22 Il confronto internazionale Il percorso scuola-casa Tornano a casa in AUTOMOBILE il 57% dei bambini italiani contro il 31% di quelli inglesi e il 23% dei tedeschi (scuola secondaria I. 46%, R.U. 11%, G. 8%)

23 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Le differenze rispetto all età I permessi aumentano con l età. L incremento significativo si ha nel passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria (11 anni)

24 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Le differenze rispetto al genere I maschi hanno maggiori permessi rispetto alle femmine, soprattutto nelle fasce di età più basse

25 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Le differenze tra bambini e ragazzi e genitori Bambini e ragazzi tendono a sovrastimare la loro autonomia mentre i genitori tendono a sottostimarla

26 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Le differenze rispetto alla classe sociale I figli della classe meno abbiente hanno più permessi di quelli delle classe media

27 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Le differenze rispetto all area di residenza I bambini e ragazzi che vivono nell area rurale e sub-urbana hanno maggiori permessi degli altri

28 I dati italiani I permessi relativi alla mobilità autonoma dei bambini Il permesso di utilizzare i mezzi pubblici e quello di uscire con il buio, risultano sempre inferiori rispetto agli altri permessi. Su di essi non incide l area di residenza ne la classe sociale

29 I dati italiani Il percorso casa-scuola Il crollo della mobilità autonoma La maggior parte dei bambini del campione abita vicino alla scuola che frequenta. Il tempo impiegato per raggiungere la scuola è nella maggior parte dei casi di 5 minuti

30 I dati italiani Il percorso casa-scuola-casa I desideri dei bambini I bambini della primaria sceglierebbero come mezzo per andare a scuola e tornare a casa la bicicletta. Tra i più grandi prevale il motorino e l andare a piedi

31 I dati italiani Le attività extrascolastiche Le attività extrascolastiche svolte durante la settimana e il fine settimana implicano l accompagnamento di un adulto. In media si compiono 4 viaggi a settimana per accompagnare i figli Permangono le differenze rispetto all età

32 I dati italiani La percezione di sicurezza nel luogo di residenza I bambini e i ragazzi del campione considerano il proprio luogo di residenza uno spazio sicuro (67,2%) I bambini e i ragazzi temono gli adulti sconosciuti (62,7%), di essere infastiditi da altri bambini/ragazzi (53,8%) e poco il traffico (14%)

33 I dati italiani La percezione di sicurezza nel luogo di residenza I genitori invece considerano da una parte gli altri adulti del quartiere una garanzia di sicurezza, dall altro temono che possano essere una minaccia per i loro figli

34 I dati italiani Il confronto tra le esperienze dei genitori e quelle dei figli Quasi tutti i genitori del campione, all età dei loro figli si recava a scuola a piedi. I genitori sono stati più autonomi dei loro figli, indipendentemente dall età e dalla distanza dalla scuola

35 I dati italiani I bambini italiani hanno una mobilità autonoma estremamente ridotta rispetto agli altri Paesi coinvolti nella ricerca Questo è dovuto a vari fattori

36 I dati italiani 1. il campione dei bambini coinvolti nella indagine ha un età media inferiore rispetto a molti altri Paesi: 8.6 anni è l età media degli alunni della scuola primaria; quella della secondaria

37 I dati italiani 2. Fattori ambientali Densità automobilistica: 1 automobile per 1.2 abitanti Velocità del traffico Mancanza di interventi di moderazione del traffico

38 I dati italiani 3. Fattori psicosociali L Italia presenta alcuni elementi di forte originalità: presenza di un atteggiamento iperprotettivo da parte dei genitori nei confronti dei figli, che ostacola il rilascio dell autonomia

39 I dati italiani Un buon genitore è diventato colui che non perde mai di vista il proprio figlio e che lo protegge il più possibile dai pericoli esterni, siano essi ambientali o sociali

40 I dati italiani Individuare le ragioni alla base di questo cambiamento del ruolo genitoriale non è facile, ma queste hanno probabilmente a che vedere con tre ambiti caratteristici della realtà italiana

41 I dati italiani 1. alcuni tratti demografici una percentuale molto contenuta di minori; un tasso di fertilità tra i più bassi in Europa (1,4 figli per donna) e di conseguenza un elevata presenza di figli unici un età media al parto di 31,5 anni (ISTAT, 2014 Rapporto indicatori demografici)

42 I dati italiani Avere un figlio in Italia è dunque una scelta che viene fatta dopo una lunga riflessione e che richiede una complicata e costosa organizzazione familiare

43 I dati italiani 2. rapporto tra minori e media che molto probabilmente ha un ruolo di primo piano nella diffusione tra i genitori delle percezione dello spazio pubblico come pericoloso

44 I dati italiani Grado di accordo sugli item di percezione della sicurezza Molto Ne d accordo Disaccordo/ Totale d accordo/ ne disaccordo Molto in D accordo disaccordo La maggior parte degli adulti che vivono nel quartiere controlla i bambini delle altre persone La presenza di alcuni giovani e adulti nel quartiere mi fa paura e non lascio i figli a giocare in strada 51,4% 31,7% 16,8% 100,0% 45% 34,1% 20,8% 100,0%

45 I dati italiani 3. la normativa sui minori e in particolare quella sull abbandono di minori (Articolo 591 del Codice Penale) che influenza in particolare l autonomia lungo il percorso scuola-casa

46 Perché è importante la mobilità autonoma dei bambini? La mobilità autonoma influisce positivamente sulla salute fisica e sullo sviluppo socio-cognitivo dei bambini

47 per i bambini Come antidoto all obesità infantile Perché acquisiscono competenze cognitive e relazionali

48 ..per i bambini I bambini che vanno a scuola a piedi o in bicicletta hanno una concentrazione che dura fino a 4 ore Vinther D. (2012)

49 ..per i bambini I bambini che vanno a scuola da soli hanno una migliore conoscenza dell ambiente Rissotto, Tonucci (2002)

50 ..per i bambini Un singolo esercizio aerobico ha effetti positivi sulla funzione neurocognitiva e sul controllo inibitorio nei bambini con deficit dell attenzione (ADHD) Pontifex et al. (2013)

51 La mobilità autonoma, durante l infanzia, riduce il sentimento di solitudine in adolescenza attraverso lo sviluppo del senso di comunità e di sicurezza dell ambiente sociale (Prezza et al. 2007)

52 Dalla ricerca all azione: A scuola ci andiamo da soli

53 Daniela Renzi Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

L'AUTONOMIA DEI BAMBINI

L'AUTONOMIA DEI BAMBINI L'AUTONOMIA DEI BAMBINI QUESTIONARIO BAMBINI A) DATI DEL BAMBINO 1) Scuola: 2) Classe: 3) Età: 4) Sesso: 1. Maschio 2. Femmina Data: / / Codice: / Progetto "La città dei bambini" - ISTC - CNR, Roma - Questionario

Dettagli

Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia

Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia Andare a tempo L uso quotidiano del tempo e le politiche urbane Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Maria Clelia Romano Ricercatore Istat

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

I bambini mobilitano la città Presentazione della ricerca Children s Independent Mobility in Italy

I bambini mobilitano la città Presentazione della ricerca Children s Independent Mobility in Italy Roma, 2 Marzo 2012 I bambini mobilitano la città Presentazione della ricerca Children s Independent Mobility in Italy Progetto internazionale La città dei bambini ISTC-CNR La mobilità autonoma dei bambini

Dettagli

I tempi della vita quotidiana

I tempi della vita quotidiana I tempi della vita quotidiana Relazione Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Roma, 20 dicembre 2005 Aula Magna - Istituto nazionale di statistica L uso del tempo in Italia e in Europa:

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

L'autonomia di movimento dei bambini italiani

L'autonomia di movimento dei bambini italiani Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR L'autonomia di movimento dei bambini italiani Francesco Tonucci*, Antonella Prisco*, Daniela Renzi**, Antonella Rissotto* Quaderni del progetto

Dettagli

La mobilità autonoma dei bambini in Italia

La mobilità autonoma dei bambini in Italia La mobilità autonoma dei bambini in Italia di Alfredo Alietti, Daniela Renzi, Monica Vercesi e Antonella Prisco La mobilità autonoma dei bambini in Italia è una ricerca condotta e realizzata da Alfredo

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Alberto Zuliani Presidente dell Istat UNO Il percorso formativo Licenza media si iscrivono al 1 anno delle superiori 133 Qualifica professionale 1.000

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti Alla cortese attenzione - del Sindaco, la d.ssa Annamaria Morelli - dell Assessore alla cultura e pubblica istruzione, la d.ssa Perlita Serra - e.p.c. al dirigente scolastico, la d.ssa Daniela Carminati

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Dipartimento di Giurisprudenza Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI Gli autori e le vittime docente Maurizio

Dettagli

I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent

I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent Domenico Lovecchio, Gruppo di lavoro Indagine Eurostudent Convegno Università e Città. Un

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

TRENDS Q U A N T I F I G L I...

TRENDS Q U A N T I F I G L I... PULSE MAMME D'ITALIA FATTI E NUMERI SULLA MATERNITA' IN ITALIA. UN INVITO DEL CIRCOLO LE MAMME DI AZIONE NAZIONALE AD APRIRE UNA RIFLESSIONE, PER DAR VOCE E RAPPRESENTANZA POLITICA ALLA MATERNITÀ IN ITALIA

Dettagli

INDAGINE SULLE MODALITA' DI SPOSTAMENTO CASA-SCUOLA DEGLI STUDENTI E ATTEGGIAMENTO DEI GENITORI NEI CONFRONTI DELL'INIZIATIVA DEL "PIEDIBUS"

INDAGINE SULLE MODALITA' DI SPOSTAMENTO CASA-SCUOLA DEGLI STUDENTI E ATTEGGIAMENTO DEI GENITORI NEI CONFRONTI DELL'INIZIATIVA DEL PIEDIBUS INDAGINE SULLE MODALITA' DI SPOSTAMENTO CASA-SCUOLA DEGLI STUDENTI E ATTEGGIAMENTO DEI GENITORI NEI CONFRONTI DELL'INIZIATIVA DEL "PIEDIBUS" di Simone De Vizzi E-mail: mone.devizzi@libero.it Telefo: 34.3193996

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

Le (nuove) emigrazioni italiane e le attività dell'inca all'estero: I casi Francia, Germania e Svizzera

Le (nuove) emigrazioni italiane e le attività dell'inca all'estero: I casi Francia, Germania e Svizzera Le (nuove) emigrazioni italiane e le attività dell'inca all'estero: I casi Francia, Germania e Svizzera Presentazione di Maria Mora Roma, 7 maggio 2009 Attività IRES-INCA INCA immigrazione/emigrazione

Dettagli

Un approfondimento sull Italia

Un approfondimento sull Italia Un approfondimento sull Italia Carlo Di Chiacchio - Sabrina Greco - Angela Romagnoli I GIOVANI E L EDUCAZIONE FINANZIARIA IL RAPPORTO OCSE PISA 2012 SULL ALFABETIZZAZIONE FINANZIARIA Mercoledì 9 luglio

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella Bartolomeo

La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella Bartolomeo Servizio di Psicologia dell'apprendimento e dell'educazione in Età Evolutiva Universi a confronto: adulti e bambini-ragazzi nei contesti di crescita La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento INDIVIDUARE PER PREVENIRE E INTERVENIRE PROGETTO PER LA PREVENZIONE E VALUTAZIONE PRECOCE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA DELLE DIFFICOLTA

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche,

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Sondaggio internazionale Zurich

Sondaggio internazionale Zurich Sondaggio internazionale Zurich Emigrazione Zurich Insurance Group Metodologia Metodo Strumento CATI (interviste telefoniche assistite dal computer), CAPI (interviste personali assistite dal computer),

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

ATTIVITÀ OFFERTA ALLE SCUOLE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ATTIVITÀ OFFERTA ALLE SCUOLE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ATTIVITÀ OFFERTA ALLE SCUOLE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. Percorsi in classe; 2. Parco Educastrada; 3. Visitando s'impara: visita all interno del Comando della Polizia Locale; 4. Incontri

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1

Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1 RISULTATI DEFINITIVI AL 28 GENNAIO 2014 Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1 G. Corani, A. Rizzoli, M. Maiolo SUPSI Risultati generali (Risultati definitivi, aggiornati al 28 gennaio 2014) Introduzione

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

ICF per gli adulti e ICF CY per minori

ICF per gli adulti e ICF CY per minori ICF per gli adulti e ICF CY per minori La Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF, dall'inglese International Classification of Functioning, Disability and

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche?

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Maria Teresa Siniscalco National Project Manager PISA 2003 Roma, 17 aprile 2007 1. La fotografia che PISA

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Dalla fidelizzazione...

Dalla fidelizzazione... Dalla fidelizzazione... Roma 5 marzo 2012 Daniele Pacini FIDELIZZAZIONE fonte WIKIPEDIA La fidelizzazione è l'insieme delle azioni di marketing volte al mantenimento della clientela già esistente e si

Dettagli

I bolognesi emigrati all'estero

I bolognesi emigrati all'estero I bolognesi emigrati all'estero Le principali caratteristiche degli iscritti all'anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'estero (AIRE) del Comune di Bologna maggio 2013 Capo Dipartimento Programmazione:

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Conducenti: occhio ai bambini! Guidare con particolare prudenza nei pressi di scuole, fermate di scuolabus o mezzi pubblici. Moderare la velocità e tenersi pronti a frenare

Dettagli

Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1

Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1 RISULTATI PRELIMINARI AL 19 NOVEMBRE 2013 Analisi dei dati del progetto e-mobiliti fase1 G. Corani, A. Rizzoli, M. Maiolo SUPSI Risultati generali (Risultati preliminari al 19 novembre 2013, che potrebbero

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino Strade + belle e sicure Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino La città brutta e disgregata è incubatrice di violenza, di conflitti, di sofferenze.

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

Area scientifico-tecnologica Disciplina: informatica

Area scientifico-tecnologica Disciplina: informatica L esperienza di PSOF in classe Area scientifico-tecnologica Disciplina: informatica Docente corsista: Dereani Luciano Scuola: ITC Zanon (Udine) Tutor: Alberto Stefanel 1 Partecipanti PSOF 1 docente (io)

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2%

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2% Risultati Floriani In questo documento sono riportati i risultati ottenuti dall analisi delle risposte del questionario proposto agli 460 studenti dell Istituto Floriani; quelli compilati e restituiti

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ISTITUTO SAN GAETANO SUORE ORSOLINE GANNO ANNO SCOLASTICO 2009 / 2010 PROGETTO EDUCAZIONE ALLA CITTANANZA L elevamento dell obbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli