SERVLET & JSP DISPENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVLET & JSP DISPENSE"

Transcript

1 SERVLET & JSP DISPENSE

2 PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Un server deve rispondere alle richieste del client e permettere di visualizzare le pagine Web. Questo compito è svolto da un software ben definito, il Web server. Quando si invia ad un Web server la richiesta di una pagina statica (ad esempio index.html) questo: Riconosce la richiesta. Cerca e, se presente, trova la pagina nel computer server. Invia la pagina al browser client che la visualizzerà. Il Web server, quindi, non ha una logica di controllo; non è in grado di garantire alcuna interattività con il visitatore tranne quella di fornire pagine web da visualizzare. Ma se volessimo interagire con l utente, rispondere dinamicamente, memorizzare dati in database, eseguire quindi genericamente algoritmi un Web server propriamente detto non è più sufficiente. Avremo bisogno di inserire della logica dietro alle semplici pagine HTML, degli algoritmi che ci permettano, ad esempio, di effettuare dei calcoli o tenere a memoria dei valori. Questo è permesso dagli Application server su cui possiamo creare delle Web Application Visualizzando semplicemente la pagina di un sito non è semplice distinguere apriori delle pagine generate da un server statico da quelle generate da una Web application. Questo perchè in entrambi casi ci troviamo difronte pagine html. La differenza sta nell origine di quelle pagine. Nel primo caso le pagine sono file statici (file.html) che vengono semplicemente prelevati dal server e visualizzati nel browser. Nel caso di Web application, invece, le pagine vengono costruite dinamicamente al tempo della chiamata da un programma che gira sul server e che può essere scritto in qualsiasi linguaggio. Nel caso quindi di Web Application, quando si richiedere una pagina (è riduttivo ora parlare di pagine), viene eseguito prima l'algoritmo che c'è dietro, poi visualizzato il risultato. In genere un'applicazione web si sviluppa su tre livelli: 1. Livello di presentazione: rappresenta l interfaccia utente dell applicazione e si occupa di acquisire dati e visualizzare risultati. 2. Livello intermedio: si occupa delle elaborazioni dei dati; di eseguire la parte algoritmica e generare i risultati poi visualizzati dal precedente livello. 3. Livello dati: memorizzazione e gestione dei dati, come per esempio un database. Per l'esecuzione di questi programmi quindi non serve un semplice Web Server ma è necessario il supporto di un Application Server. Questo, a differenza del Web server, non si limita a rispondere alla richiesta dell utente con la pagina HTML ma è capace di eseguire degli algoritmi per fare calcoli, ricerche, memorizzare, ecc. Grazie ad esso possiamo: affiancare alle normali pagine HTML statiche delle pagine dinamiche che cambieranno il loro aspetto ed il loro contenuto in base a dei parametri che saremo noi a decidere. inserire lato server dei veri e propri algoritmi che ricevano dalle pagine Web delle informazioni, effettuino le opportune elaborazioni e restituiscano i risultati ad altre pagine Web per la visualizzazione.

3 In base al linguaggio con cui si vuole programmare e creare i programmi lato server, bisogna scegliere un opportuno Application Server che lo supporti. Nel caso di Java l'application Server più diffuso è Tomcat, che è open source ed è usato per quasi il 70% dei server della rete mondiale. Ci sono poi altri Application Server rivolti ad una nicchia di clienti di fascia alta, grosse aziende o grandi organizzazioni: JBoss, un altro AS open source WebSphere, l AS di casa IBM che vanta innumerevoli estensioni. WebLogic, la proposta di BEA, una software house americana specializzata in soluzioni enterprise. Oracle, la piattaforma per la gestione di enormi quantitativi di dati che include anche un ottimo Application server. Ritornando a Tomcat, volendo esser pignoli, è un Servlet Container ed un JSP Engine. Un motore quindi in grado di eseguire lato server applicazioni Web basate sulla tecnologia J2EE e costituite da componenti Servlet e da pagine JSP. In genere Tomcat è utilizzato insieme al Web server Apache: la sezione statica è gestire con Apache, quella dinamica con Tomcat. Nello sviluppo di applicazioni Web molto semplici è inutile utilizzare entrambi gli strumenti, visto che Tomcat si comporta benissimo anche da Web server.

4 LE SERVLET Una Servlet è emplicemente, un programma scritto in Java e residente su un server, in grado di gestire le richieste generate da uno o più client, attraverso uno scambio di messaggi tra il server ed i client stessi che hanno effettuato la richiesta. Girano all'interno di un Application Server e possono essere considerate delle classi (quindi dei programmi) che estendono le funzionalità del server. Quindi le Servlet sono classi Java e possono avvalersi interamente di tutte le librerie Java viste; bisogna però sottolineare il fatto che le Servlet, a differenza degli Applet, non hanno delle GUI (interfacce grafiche) associate direttamente ad esse. Pertanto, le librerie AWT e Swing non verranno mai utilizzate direttamente quando si desidera implementare una Servlet. Il flusso di una Servlet Vediamo come lavora una Servlet: 1. Un client invia una richiesta (request) per una servlet ad un web application server. 2. Qualora si tratti della prima richiesta, il server istanzia e carica la servlet in questione avviando un thread che gestisca la comunicazione con la servlet stessa. Nel caso, invece, in cui la Servlet sia già stata caricata in precedenza (il che, normalmente, presuppone che un altro client abbia effettuato una richiesta antecedente quella attuale) allora verrà, più semplicemente, creato un ulteriore thread che sarà associato al nuovo client, senza la necessità di ricaricare ancora la Servlet. 3. Il server invia alla servlet la richiesta pervenutagli dal client 4. La servlet costruisce ed imposta la risposta (response) e la inoltra al server 5. Il server invia la risposta al client. Il contenuto della risposta non è necessariamente calcolato da un unico algoritmo contenuto tutto all interno della Servlet invocata (questo può essere, semmai, il caso di applicazioni molto elementari) ma, anzi, è spesso legato ad interazioni della Servlet stessa con altre sorgenti di dati (data source) rappresentate, ad esempio, da Data Base, file di risorsa e, non di rado, altre Servlet.

5 La Classe HttpServlet Tutte le servlet devono implementare l'interfaccia Servlet, i cui metodi sono invocati automaticamente dall'application Server. public interface Servlet { public void init(servletconfig config) throws ServletException; public ServletConfig getservletconfig(); public void service(servletrequest req, ServletResponse res) throws ServletException, IOException; public String getservletinfo(); public void destroy(); In particolare le Servlet che tratteremo dovranno estendere la classe astratta HttpServlet (del package javax.servlet.http) che implementa appunto questa interfaccia. Vediamo i metodi dell'interfaccia a cosa si riferiscono: 1. void init( ServletConfig config ): inizializza la servlet una volta sola durante il ciclo di esecuzione della servlet; 2. ServletConfig getservletconfig( ): ritorna un oggetto che implementa l'interfaccia ServletConfig e fornisce l'accesso alle informazioni sulla configurazione della servlet, tra cui i parametri di inizializzazione e il ServletContext, ovvero il suo ambiente (il servlet engine in cui vengono eseguite); 3. String getservletinfo( ): viene definito in modo da restituire una stringa con informazioni quali autore e versione; 4. void service(servletrequest request, ServletResponse response): viene mandato in esecuzione in risposta alla richiesta mandata da un client alla servlet; 5. void destroy( ): invocato quando la servlet viene terminata; usato per rilasciare le risorse (connessioni a basi di dati, file aperti, etc). Non ha nulla a che fare con il browser. I metodi su cui porremo attenzione sono init, service, destroy. Il metodo init viene invocato solo quando la servlet viene caricata in memoria, di solito a seguito della prima richiesta per quella servlet. Solo dopo che il metodo è stato eseguito, il server può soddisfare la richiesta del client invocando il metodo service, che riceve la richiesta, la elabora e prepara la risposta per il client. Quindi il metodo service viene richiamato ogni volta che si riceve una richiesta. Tipicamente, per ogni nuova richiesta il servlet engine crea una nuova thread di esecuzione in cui viene mandato in esecuzione service. Solo quando il servlet engine termina la servlet, viene invocato il metodo destroy per rilasciare le risorse della servlet. Quindi di fatto, il codice del programma (o ovviamente il codice da cui partire che poi chiama altre classi), va inserito in service in quanto è il metodo che viene chiamato ogni volta che un client contatta il server (il metodo init viene chiamato solo quando la servlet viene avviata la prima volta, ovvero quando è contattata dal primo client).

6 HttpServletRequest e HttpServletResponse Il metodo più significativo in una servlet è quindi il metodo service, che prende in ingresso: un oggetto ServletRequest, corrispondente ad uno stream di ingresso, da cui leggere la richiesta del client; un oggetto ServletResponse, corrispondente ad uno stream di uscita, su cui scrivere la risposta. Nella classe HttpServlet, il metodo service() viene sovrascritto ed i parametri che utilizza sono del tipo specifico: HttpServletRequest request: che rende accessibili i dati relativi alla richiesta inoltrata dal client; HttpServletResponse response: in cui inserire la risposta da passare al client. Quindi sono i parametri tramite i quali posso gestire il flusso client-server di cui parlavamo in precedenza: ho una richiesta (request, inviata dal client verso il server) ed una coseguente risposta (response, inviata dal server verso il client). In particolare sugli oggetti di questo tipo abbiamo a disposizione diversi metodi per appunto leggere informazioni sulla richiesta del client e per scrivere informazioni da ritornare come risposta. Metodi dell'interfaccia HttpServletRequest: String getparameter(string name): torna il valore del parametro name passato nella get/post; Enumeration getparameternames( ): parametri nella post; String[] getparametervalues(string name): se name ha valori multipli Cookie[] getcookies( ): memorizzati dal server nel client; HttpSession getsession(boolean create): se l'oggetto non esiste e create = true, allora lo crea. Metodi dell'interfaccia HttpServletResponse: void addcookie( Cookie cookie ): nell'header della risposta passata al client; essa viene memorizzata a seconda dell'età massima e dell'abilitazione o meno ai cookie disposta nel client; ServletOutputStream getoutputstream( ): stream basato su byte per dati binari; PrintWriter getwriter( ): stream basato su caratteri per dati testuali; void setcontenttype(string type): specifica il formato MIME. In particolare ci interesseranno i metodi getparameter(string name) per ricavare gli eventuali parametri passati dal client nella sua richiesta e getwriter() per ottenere lo stream su cui scrivere la risposta.

7 Servlet Context Un altra importante interfaccia messa a disposizione dal Servlet engine è la javax.servlet.servletcontext. Attraverso di essa è possibile trovare un riferimento al contesto (context) di un applicazione, ovvero ad una serie di informazioni a livello globale condivise tra i vari componenti che costituiscono l applicazione stessa. L'HttpServlet possiede il metodo getservletcontext che ritorna appunto il riferimento al contesto della Servlet. Tra i vari metodi a disposizione sull'oggetto context ottenuto abbiamo per esempio getrealpath( String virtualpath) a cui posso passare come parametro un path virtuale e che ritorna la stringa contenente il Path reale corrispondente (utilizzabile per esempio per creare file nel contesto dell'applicazione web).

8 Scrivere una Servlet Creare una Servlet vuol dire, in termini pratici, definire una classe che estende la classe HttpServlet e fare l'override dei metodi che ci interessano. In precedenza abbiamo detto che principalmente ci interesserà principalmente il metodo service ( ); in realtà Java può differenziare le richieste di tipo GET e quelle di tipo POST ed eseguire di conseguenza il metodo appropiato tra i seguenti due (metodi propri della classe HttpServlet): void doget(httpservletrequest req, HttpServletResponse resp) Gestisce le richieste HTTP di tipo GET. Viene invocato da service() void dopost(httpservletrequest req, HttpServletResponse resp) Gestisce le richieste HTTP di tipo POST. Viene invocato da service() In particolare, se non sovrascriviamo il metodo service( ) questo, in base al tipo di richiesta che ha avuto dal client, chiamerà automaticamente doget o dopost passandogli la request e la response. Quindi sono questi i metodi che veramente dobbiamo andare a sovrascrivere ed in cui dobbiamo definire il codice dell'algoritmo (nulla ci vieta di fare l'override di service e scrivere lì in codice se non ci interessa la differenzazione tra Get e Post). All'interno del mio codice potrò prendere eventuali parametri inclusi nella richiesta tramite il metodo getparameter sull'oggetto HttpServletRequest:... //prendo il valore del parametro nome String name = request.getparameter("nome");... Oppure scrivere una risposta inserendola nell'oggetto HttpServletResponse:... //indico che il contenuto della mia risposta sarà del codice HTML response.setcontenttype("text/html;charset=utf 8"); //scrivo il codice PrintWriter out = response.getwriter(); out.println("<html>"); out.println("<head>"); out.println("<title>la Mia Prima Servlet</title>"); out.println("</head>"); out.println("<body>"); out.println("<h1>la mia servlet</h1>"); out.println("</body>"); out.println("</html>");... Tale classe va compilata ed il file class posizionato all'interno della cartella della Web Application. Se per esempio il nome della classe è MyServlet (e quindi avrò il file MyServlet.class) nella Web Application, posso accedere alla servlet indicando nel browser l'indirizzo del suo path: miosito.it/myapplication/myservlet. Il browser ci mostrerà il contenuto dell'httpservletresponse che abbiamo tra l'altro indicato essere codice HTML.

9 Primi Esempi Semplice Stampa: import java.io.ioexception; import java.io.printwriter; import javax.servlet.http.*; public class NewServlet1 extends HttpServlet { protected void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { processrequest(request, response); protected void dopost(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { processrequest(request, response); protected void processrequest(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { response.setcontenttype("text/html;charset=utf 8"); PrintWriter out = response.getwriter(); try { out.println("<html>"); out.println("<head>"); out.println("<title>la Mia Prima Servlet</title>"); out.println("</head>"); out.println("<body>"); out.println("<h1>questa è un Servlet</h1>"); out.println("</body>"); out.println("</html>"); finally { out.close();

10 Prendere Parametri col Get / Post import java.io.ioexception; import java.io.printwriter; import javax.servlet.http.*; public class NewServlet1 extends HttpServlet { protected void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { processrequest(request, response); protected void dopost(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { processrequest(request, response); protected void processrequest(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException { String name = request.getparameter("nome"); response.setcontenttype("text/html;charset=utf 8"); PrintWriter out = response.getwriter(); try { out.println("<html>"); out.println("<head>"); out.println("<title>la Mia Prima Servlet</title>"); out.println("</head>"); out.println("<body>"); out.println("<h1>nome: " + name + "</h1>"); out.println("</body>"); out.println("</html>"); finally { out.close(); Pagina HTML che richiama la Servlet (con il get): <html> <head> <meta http equiv="content Type" content="text/html; charset=utf 8"> <title>la mia pagina</title> </head> <body> <h1>prova 1</h1> <form action="newservlet1" metod="get"> Inserisci il nome: <input type="text" name="nome"><br> <input type="submit" value="invia"> </form> </body> </html>

11 Analizziamo il codice: Creiamo una classe "NewServlet1" che estende la classe HttpServlet che implementa a sua volta l'interfaccia Servlet Non sovrascriviamo il metodo service ( ) ma i due metodi doget e dopost In particolare, non esigendo un comportamento diverso per ognuno di essi, mettiamo le operazioni in un metodo a parte processrequest che definiamo noi e che facciamo chiamare sia a doget che a dopost. Nel nostro codice con il metodo setcontenttype stabiliamo il tipo MIME della pagina di risposta. In questo caso e' HTML Il metodo getwriter è un modo per restituire dati all'utente, in particolare getwriter ritorna un writer, cioè un outputstream con il quale sarà possibile ritornare la pagina di risposta al client. Chiamiamo questo metodo sul parametro HttpServletResponse che rappresenta i dati che verranno restiuiti al client. Nel caso in cui prevediamo la lettura di parametri in input, utilizzaiamo HttpServletRequest. In particolare utilizziamo il metodo getparameter(.. ) in cui indichiamo il nome del parametro che ci interessa e di restuisce il valore che gli è stato associato dal client.

12 I vantaggi delle Servlet Efficienza. Le servlet vengono istanziate e caricate una volta soltanto, alla prima invocazione. Tutte le successive chiamate da parte di nuovi client vengono gestite creando dei nuovi thread che si prendono carico del processo di comunicazione (un thread per ogni client) fino al termine delle rispettive sessioni. Portabilità: Grazie alla tecnologia Java, le servlet possono essere facilmente programmate e portate da una piattaforma ad un altra senza particolari problemi. Persistenza: Dopo il caricamento, una servlet rimane in memoria mantenendo intatte determinate informazioni (come la connessione ad un data base) anche alle successive richieste. Gestione delle sessioni: Il protocollo HTTP è un protocollo stateless (senza stati) e, pertanto non in grado di ricordare i dettagli delle precedenti richieste provenienti da uno stesso client. Le servlet sono in grado di superare questa limitazione.

13

SERVLET & JSP DISPENSE

SERVLET & JSP DISPENSE SERVLET & JSP DISPENSE PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Un server deve rispondere alle richieste del client e permettere di visualizzare le pagine Web. Questo compito è svolto da un software ben definito, il

Dettagli

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Tito Flagella Laboratorio Applicazioni Internet - Università di Pisa Slide API Java Titleper il Protocollo Http Programmazione Client java.net.url

Dettagli

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet API Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet Interfaccia Java che modella il paradigma richiesta/elaborazione/risposta tipico delle applicazioni lato server Presuppone l esistenza

Dettagli

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I)

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Nel caso in cui sulla macchina locale (PC in laboratorio/pc a casa/portatile) ci sia a disposizione un ambiente Java (con compilatore) e un editor/ambiente di

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Java Servlet Parte a versione 3.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java]

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java] Vogliamo scrivere la nostra prima web application che legga da tastiera il nostro nome e fornisca un messaggio di saluto. Per costruire la nostra applicazione creiamo con NetBeans un nuovo progetto. File

Dettagli

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL)

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Pag. 1/12 Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Prendiamo in esame un qualsiasi progetto NetBeans tra quelli studiati che fa uso di un database

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://java.sun.com/products/servlets

Dettagli

Laboratorio di Basi di dati

Laboratorio di Basi di dati Laboratorio di Basi di dati Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://www.oracle.com/technetwork/java/javaee/servlet/index.html

Dettagli

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet:

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet: e JDBC Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino e : estensioni del Java API permettono di scrivere

Dettagli

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone Database & WWW Capitolo 4 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Protocollo HTTP CGI Java Servlet Server-side scripting

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Tener traccia del client

Tener traccia del client Tener traccia del client Raramente un applicazione web è costituita da una singola pagina (risorsa). E utile quindi tener traccia dei client che si collegano per rendere più semplice lo sviluppo dell applicazione.

Dettagli

JAVA SERVLET: I filtri

JAVA SERVLET: I filtri JAVA SERVLET: I filtri INTRODUZIONE Quest oggi vedremo una particolarità delle servlet che è stata introdotta nelle servlet API versione 2.3. I filtri sono un potente meccanismo che è in grado di fare

Dettagli

Laboratorio di reti II: Servlet

Laboratorio di reti II: Servlet Laboratorio di reti II: Servlet Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 16 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, 2009 1 / 34 Le servlet Una servlet è una classe Java eseguita

Dettagli

Laboratorio di Programmazione di Rete

Laboratorio di Programmazione di Rete Laboratorio di Programmazione di Rete Lezione del 15 Marzo 2010 Docente: Novella Bartolini Ricevimento: Mercoledì ore 12:30-14:00 Via Salaria 113, terzo piano, stanza 309 Email: bartolini@di.uniroma1.it

Dettagli

Architetture Web: un ripasso

Architetture Web: un ripasso Architetture Web: un ripasso Pubblicazione dinamica di contenuti. Come si fa? CGI Java Servlet Server-side scripting e librerie di tag JSP Tag eseguiti lato server Revisione critica di HTTP HTTP non prevede

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni Tomcat & Servlet Programmazione in Ambienti Distribuiti V 1.2 Marco Torchiano 2005 Contenuti Tomcat Applicazioni Web Struttura Sviluppo Deployment Servlet JSP Uso delle sessioni 1 Tomcat Tomcat è un contenitore

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Http con java, URL Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Tomcat struttura delle directory

Tomcat struttura delle directory Tomcat struttura delle directory $CATALINA_HOME (oppure $TOMCAT_HOME): rappresenta la directory radice dell installazione di Tomcat e contiene le seguenti directory: bin common (lib nelle versioni più

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 8 Java Server Pages Java Server Pages è essenzialmente un modo più comodo per il programmatore dell applicazione web di scrivere una Servlet.

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Ivan Scagnetto Dipartimento di Matematica e Informatica http://www.dimi.uniud.it/scagnett scagnett@dimi.uniud.it Laboratorio di Tecnologie Lato

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Ivan Scagnetto Dipartimento di Matematica e Informatica http://www.dimi.uniud.it/scagnett scagnett@dimi.uniud.it Laboratorio di Tecnologie Lato

Dettagli

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 I file WAR WAR è una contrazione di Web ARchive. I file WAR consentono di archiviare un intera applicazione web in un unico file. Tomcat fornisce (tramite il Tomcat Manager) un interfaccia grafica per

Dettagli

Capitolo 7. Sviluppi futuri. 7.1 Generazione automatica di pagine WML

Capitolo 7. Sviluppi futuri. 7.1 Generazione automatica di pagine WML Capitolo 7 Sviluppi futuri 7.1 Generazione automatica di pagine WML Con l avvento della tecnologia WAP/WML abbiamo constatato la necessità di avere a disposizione uno strumento che consenta, così come

Dettagli

APPENDICE A Servlet e Java Server Page

APPENDICE A Servlet e Java Server Page APPENDICE A Servlet e Java Server Page A.1 Cosa è una Servlet e come funziona Una servlet è un particolare tipo di applicazione Java, in grado di essere eseguita all'interno di un web server e di estenderne

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Web Server TOMCAT Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Le tecnologie software Internet

Le tecnologie software Internet Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B B2_1 V1.7 Le tecnologie software Internet Standard aperti / Sun Java Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Le tecnologie software Internet

Le tecnologie software Internet Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B2_1 V1.7 Le tecnologie software Internet Standard aperti / Sun Java Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Svantaggi delle servlet

Svantaggi delle servlet Svantaggi delle servlet Le servlet sono la tecnologia principale di J2EE per comunicare con i browser dei client. Tuttavia ci sono degli inconvenienti per gli sviluppatori di applicazioni web: le servlet

Dettagli

Tutorial web Application

Tutorial web Application Tutorial web Application Installazione della JDK: Java viene distribuito con la jdk e il jre acronimi di Java Development Kit e Java Runtime Environment rispettivamente. La jdk è l'ambiente di sviluppo

Dettagli

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans)

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans) Definizione Adattato da "http://it.wikipedia.org/wiki/model-view-controller" Model-View-Controller (MVC, talvolta tradotto in italiano Modello-Vista-Controllore) è il nome di un design pattern fondamentale

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Gestire le sessioni con le Servlet

Gestire le sessioni con le Servlet PROGETTO Gestire le sessioni con le Servlet Con il termine sessione si intende un insieme di attività correlate, con una o alcune di queste che sono preliminari ad altre. Si pensi, per esempio, a un qualsiasi

Dettagli

Accesso Web a Data Base

Accesso Web a Data Base Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Accesso Web a Data Base Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei -

Dettagli

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Sessione Febbraio 2013 Marco Taddei 726523 Federico Valentini 726584 Il progetto SharesShop simula un portale web di una banca che mette a disposizione dei

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 27 Marzo 2012 Architetture Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side

Dettagli

Web Application model. Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet

Web Application model. Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet Web Application model Client Tier Middle Tier Enterprise Information System (EIS) Tier Introduzione alle Servlet application Web Container browser Servlet Servlet JSP JDBC Database 2 Servlet Programma

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

Servlet. L architettura Java J2EE

Servlet. L architettura Java J2EE Servlet 1 L architettura Java J2EE 2 Web Client I Web Client hanno sostituito, in molte situazioni, i più tradizionali fat client I Web Client: sono accessibili via browser comunicano via HTTP e HTTPS

Dettagli

Servlet. Nicola Gessa

Servlet. Nicola Gessa Servlet Introduzione alle servlet nle servlet sono oggetti java che vengono caricati ed eseguiti dal web server all interno del processo di richiesta/risposta di servizi. nle servlet consentono l estensione

Dettagli

Java Enterprise Edition - JEE. Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano

Java Enterprise Edition - JEE. Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano Java Enterprise Edition - JEE Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano Indice Introduzione 2 Il modello Client Server. 2 La piattaforma di sviluppo JEE... 3 Application Server... 3 Servlet. 4 JSP (Java

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi di elaborazione delle informazioni

Università degli studi dell Aquila. Sistemi di elaborazione delle informazioni Università degli studi dell Aquila Corsi di studio: I2E, I2I Sistemi di elaborazione delle informazioni 9 C.F.U. Prof. Eliseo Clementini Ing. Gaetanino Paolone Tecnologie per lo sviluppo di Sistemi sul

Dettagli

Architetture Web parte 2

Architetture Web parte 2 Architetture Web parte 2 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Sessione Un insieme di richieste, provenienti dallo stesso browser e dirette allo stesso server, confinate in un dato lasso

Dettagli

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 Tomcat E uno dei servlet engine più diffusi. Può funzionare sia come prodotto standalone, sia come modulo del web server Apache. Disponibile gratuitamente (per molti sistemi operativi tra cui Linux e Windows)

Dettagli

Informatica Distribuita PAS

Informatica Distribuita PAS Informatica Distribuita PAS Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it ITIS Lab http://www.itis.disco.unimib.it Applicazioni Web ITIS Lab http://www.itis.disco.unimib.it Perché il web Basato su Internet Ambiente

Dettagli

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Avvertenze: e severamente vietato consultare libri e appunti; chiunque verrà trovato in possesso di

Dettagli

3 ServletContext. Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005

3 ServletContext. Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005 3 ServletContext Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005 ServletContext I interfaccia ServletContext fornisce alla web application (ed i suoi servlet) una serie di funzionalità

Dettagli

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet 1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet Controllo dell utente connesso al sito tramite JSP, Java Beans e Servlet. Ciò che ci proponiamo di fare è l accesso

Dettagli

Anno Accademico 2006-2007. Corso di Tecnologie Web Web Application: Servlet. Universita degli Studi di Bologna - Facolta di Ingegneria

Anno Accademico 2006-2007. Corso di Tecnologie Web Web Application: Servlet. Universita degli Studi di Bologna - Facolta di Ingegneria Universita degli Studi di Bologna - Facolta di Ingegneria Requisiti applicazioni di classi Enterprise > Indipendenza dalla piattaforma Anno Accademico 2006-2007 Corso di Tecnologie Web Web Application:

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2006/07-1

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2006/07-1 Tomcat E uno dei servlet engine più diffusi. Può funzionare sia come prodotto stand-alone, sia come modulo del web server Apache. Disponibile gratuitamente (per molti sistemi operativi tra cui Linux, Windows,

Dettagli

Applicazione distribuita basata su Web accessibile via Web per mezzo di una Intranet o attraverso Internet

Applicazione distribuita basata su Web accessibile via Web per mezzo di una Intranet o attraverso Internet Applicazioni Web Applicazione Web Applicazione distribuita basata su Web accessibile via Web per mezzo di una Intranet o attraverso Internet Gli utenti accedono alle funzioni applicative utilizzando un

Dettagli

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /28 Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming 3 Sincronizzazione 4 Consistenza e Replica 5 Replica di sistemi

Dettagli

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Con il termine Application Server si fa riferimento ad un contenitore, composto da diversi moduli, che offre alle applicazioni Web un ambiente

Dettagli

Java J2EE JSP e Servlets

Java J2EE JSP e Servlets Java J2EE JSP e Servlets Relatore Dott.ssa Lucrezia Macchia Ph.D Student in Computer Science Dipartimento DI INFORMATICA Piattaforme JAVA Ambienti di sviluppo: JDK L' edizione SDK si distingue in: Java

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

Servlet. Possibili usi di una Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet

Servlet. Possibili usi di una Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet Servlet Introduzione alle Servlet Programma applicativo (in java) che viene eseguito dal server web Accoglie ed elabora richieste (codificate secondo il protocollo in uso, es: http o ftp. Solo http nel

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Applicazioni web. Parte 2 JSP. Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it

Applicazioni web. Parte 2 JSP. Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Applicazioni web Parte 2 JSP Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Sommario JSP: sintassi di

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Applicazioni Web. Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Applicazioni Web. Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Applicazioni Web Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Outline Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Servlet e JSP Gestione delle sessioni: cookies Accesso a

Dettagli

Contenuti dinamici. Tecnologie per la generazione di contenuti dinamici. Livelli logici di un servizio Web-based. Contenuti dinamici (2) based

Contenuti dinamici. Tecnologie per la generazione di contenuti dinamici. Livelli logici di un servizio Web-based. Contenuti dinamici (2) based Contenuti dinamici Tecnologie per la generazione di contenuti dinamici Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Risorse Web che richiedono l esecuzione di una o più applicazioni prima di poter

Dettagli

AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 (6 punti)

AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 (6 punti) AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 6 punti) Si descriva il formato della richiesta e della risposta HTTP,

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici

Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici Stefano Millozzi 1 Servlet 2 Servlet Tecnologia Java per estendere le funzionalità di un server [web] indipendenti dalla piattaforma portabili senza

Dettagli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli

Sommario. Introduzione Architettura Client-Server. Server Web Browser Web. Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Sommario Introduzione Architettura Client-Server Architettura a Due Livelli Architettura a Tre Livelli Server Web Browser Web Introduzione La storia inizia nel 1989 Tim Berners-Lee al CERN, progetto WWW

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Applicazioni distribuite

Applicazioni distribuite Applicazioni distribuite Maurizio Cozzetto 1 agosto 2009 Un pò di teoria Ricordiamo che un'applicazione distribuita è un'applicazione composta da più programmi (almeno 2) posti in esecuzione su macchine

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia

Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia Laurea in Tecnologie dell Informazione: Multimedia Docente: Alessandra Di Pierro Email: dipierro@sci.univr.it Lezione 7 Java DataBase Connectivity JDBC consente

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Introduzione a Servlet e Struts 2 Ing. Giuseppe D'Aquì 1 Testi Consigliati Java Enterprise in a nutshell, 3 rd edition (O'Reilly) Struts 2 in Action Brown, Davis, Stanlick

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web 1 Il protocollo HTTP È il protocollo standard inizialmente ramite il quale i server Web rispondono alle richieste dei client (prevalentemente browser);

Dettagli

Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione Socket, Servlet e Remote Method Invocation Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica - Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 - I-10149

Dettagli

Laboratorio di Programmazione di Rete

Laboratorio di Programmazione di Rete Laboratorio di Programmazione di Rete Lezione del 12 Marzo 2007 Docente: Ing. Novella Bartolini Ricevimento: Mercoledì ore 12:00-14:00 Via Salaria 113, terzo piano, stanza 309 Email: bartolini@di.uniroma1.it

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Progettazione di siti web centrati sui dati (Data-Intensive Web Applications) Dispensa del corso di Basi di dati e Web 2010-2011

Progettazione di siti web centrati sui dati (Data-Intensive Web Applications) Dispensa del corso di Basi di dati e Web 2010-2011 Progettazione di siti web centrati sui dati (Data-Intensive Web Applications) Dispensa del corso di Basi di dati e Web 2010-2011 Alberto Belussi Università degli Studi di Verona Dipartimento di Informatica

Dettagli

Common Gateway Interface (CGI), Active Server Page (ASP) e Servlet CGI CGI

Common Gateway Interface (CGI), Active Server Page (ASP) e Servlet CGI CGI Pagina 1 di 13 Common Gateway Interface (CGI), Active Server Page (ASP) e Servlet CGI CGI Il protocollo HTTP é cresciuto per includere, oltre a HTML, anche altri meccanismi come CGI (Common Gateway Interface)

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 10 - J2EE 25/05/2015

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 10 - J2EE 25/05/2015 Web Container vs. EJB Container Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Tecnologie Web T - J2EE Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione

Dettagli

Applicazioni Web. Applicazione Web

Applicazioni Web. Applicazione Web Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Applicazioni Web Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Applicazione Web Applicazione distribuita basata

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi Connessioni di rete Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi 1 Socket orientato alla connessione o non orientato alla connessione 2 Socket in astratto 3 Socket modalità

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 9 Architettura Model-View-Controller (MVC) Adottando l'architettura MVC e la tecnologia Servlet-JSP, un'applicazione web può essere realizzata

Dettagli