L edizione italiana della Classificazione Decimale Dewey, 22 a edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L edizione italiana della Classificazione Decimale Dewey, 22 a edizione"

Transcript

1 L edizione italiana della Classificazione Decimale Dewey, 22 a edizione Bologna, 13 gennaio 2011 a cura di Albarosa Fagiolini

2 Di cosa parleremo le edizioni italiane della Classificazione decimale Dewey principali cambiamenti della 22 rispetto all edizione precedente le espansioni dell edizione italiana problemi connessi all aggiornamento continuo della DDC DDC 22. Bologna,

3 Le ultime edizioni italiane della DDC dalla 21 Edizione la BNI cura le edizioni italiane della DDC l Edizione 22 integrale italiana è uscita all inizio del 2009 l Edizione 14 ridotta italiana è uscita alla fine del 2006 DDC 22. Bologna,

4 La messa a punto delle edizioni italiane l edizione ridotta, uscita prima dell integrale su cui è basata e da cui deriva rappresenta un anomalia dovuta alla particolare situazione italiana: non era mai stata pubblicata l edizione 13 ridotta era assente sul mercato da più di dieci anni una nuova ridotta e numerose richieste erano pervenute in tal senso dalle biblioteche italiane che la usano DDC 22. Bologna,

5 Differenze tra le due edizioni le due edizioni non sono perfettamente allineate poiché: l edizione integrale contiene tutti gli aggiornamenti usciti dopo la pubblicazione dell edizione americana a stampa fino a dicembre 2007, la ridotta si ferma a quelli usciti fino ad aprile 2006 l edizione integrale comprende alcune espansioni italiane approvate successivamente da OCLC non presenti nella ridotta (sviluppo dell area T2 37, sviluppo di , sviluppo e revisione dei periodi storici per l Italia in generale e per la Sardegna in particolare) DDC 22. Bologna,

6 Dedica a Luigi Crocetti Luigi Crocetti ha curato la 20 Edizione della DDC, prima edizione integrale italiana e ha coordinato e rivisto il lavoro del gruppo BNI, che si è occupato delle successive edizioni la 22 è la prima edizione italiana della DDC che esce senza il suo coordinamento di Crocetti rimangono invariate anche in questa edizione le scelte di traduzione nel Glossario e nelle formule che introducono i vari tipi di nota e rimane invariato lo stile linguistico DDC 22. Bologna,

7 Novità nascoste delle ultime edizioni Alcune novità non evidenti agli utenti della DDC riguardano: il diverso modo di lavorare: per la prima volta si è utilizzato un programma di traduzione in rete il rapporto sempre più stretto con i curatori americani DDC 22. Bologna,

8 Il programma di traduzione Pansoft il nuovo programma di traduzione (Pansoft, Karlsruhe) ha permesso: maggior controllo nell uniformità del linguaggio indicizzazione diretta dei termini sotto i singoli numeri Dewey confronto costante col testo americano possibilità di ottenere in qualsiasi momento stampe in formato pdf che riproducono esattamente la pagina Dewey e l Indice relativo accelerazione dei tempi di stampa DDC 22. Bologna,

9 Diverso rapporto con OCLC nasce dal moltiplicarsi delle traduzioni e dai conseguenti "adattamenti" alle varie culture territoriali e vincola in maniera stretta tutti gli attori dell iniziativa. In particolare obbliga: OCLC a recepire le espansioni proposte per le singole traduzioni e a stabilisce regole editoriali rigorose gli staff di traduttori ad applicare queste regole e a compiere solo gli interventi autorizzati da OCLC DDC 22. Bologna,

10 Diverso rapporto con OCLC ha come obiettivo la perfetta interoperabilità tra le diverse edizioni nazionali e tra queste e l'edizione standard americana. Uno stesso numero deve rappresentare lo stesso soggetto a prescindere dalla lingua del catalogo si manifesta attraverso una revisione minuziosa da parte di OCLC di tutte le edizioni nazionali arricchite dalle espansioni dettate dalla garanzia bibliografica dei singoli paesi DDC 22. Bologna,

11 Novità formali cambio di intestazione di classi principali, divisioni e sezioni (es. 000, 341, 610); razionalizzazione e semplificazione delle intestazioni nei tre sommari all inizio del volume 2 in particolare cambio di intestazione della Tavola 5 Gruppi etnici e nazionali per ragioni di correttezza politica. I sostantivi razza/e e gli aggettivi razziale/i sono scomparsi dalle tavole DDC 22. Bologna,

12 Novità strutturali snellimento del Manuale: minor numero di note, espresse in uno stile più fluido e comprensibile. Molte note sono entrate nelle Tavole, altre in Classificazione decimale Dewey: Teoria e pratica, la guida che accompagna tradizionalmente tutte le edizioni integrali abolizione della Tavola 7 Gruppi di persone e ricollocazione di tutti i soggetti ivi compresi direttamente nelle Tavole o nelle espansioni della notazione 08 (Storia e descrizione in riferimento a categorie di persone) della Tavola 1 DDC 22. Bologna,

13 Novità sostanziali nessuna revisione completa molti cambiamenti importanti e immediatamente evidenti, soprattutto in classe 300 molti altri più nascosti novità nelle espansioni italiane DDC 22. Bologna,

14 Indice relativo: novità è la traduzione dell Indice americano con aggiunta di termini della nostra tradizione e di collegamenti attraverso note vedi anche è stato condotto un controllo minuzioso sulla presenza di numeri interdisciplinari alcune scelte sui lemmi dell Indice relativo risultano in linea con quelle del Thesaurus del Nuovo soggettario a testimoniare il collegamento che auspichiamo sempre più stretto tra questi due strumenti DDC 22. Bologna,

15 Tavola 1 Suddivisioni standard tutti i soggetti specifici della miscellanea commerciale sono stati ricondotti a 029 Miscellanea commerciale e tutte le attuali espansioni di 029 esprimono il trattamento geografico del soggetto, ad esempio 0296 è riferito alla Miscellanea commerciale dell Africa e non più alle Guide del consumatore che si classificano semplicemente in 029) in 088 Gruppi professionali e religiosi la sintesi dei numeri avviene con l aggiunta dell intero Schema ( ) anziché con le notazioni della soppressa Tavola 7 (es. atteggiamento della chiesa cattolica nei confronti dell economia e non ) DDC 22. Bologna,

16 T2 37 Penisola italiana e territori limitrofi fino al 476 nuovo sviluppo dell area 37 Penisola italiana e territori limitrofi fino al 476 con notazioni per ciascuna delle attuali regioni e province italiane lo sviluppo è basato sull organizzazione territoriale data all Italia dall imperatore Augusto alla fine del 1 secolo a.c. e durata fino all inizio del 4 secolo Lo sviluppo è accolto integralmente nell edizione standard DDC 22. Bologna,

17 T2 37 Penisola italiana e territori limitrofi fino al 476 Il nuovo sviluppo comporta una notazione espansa rispetto a DDC 21 per molte località italiane esempio L'abitato etrusco dell'accesa : il quartiere B 1. Archeologia Massa Marittima <territorio> (ed. 22) [ [Etruria] Provincia di Grosseto da T2] (ed. 21) [ Etruria da T2] DDC 22. Bologna,

18 T2 37 Penisola italiana e territori limitrofi fino al 476 Alcune città etrusche hanno addirittura subito una dislocazione: Orvieto Bolsena Veio DDC Regione a nordest di Roma 376 Lazio 376 Lazio DDC Etruria. Prov. di Terni Etruria. Prov. di Viterbo Etruria. Prov. di Roma nell Etruria (la parte etrusca della provincia) DDC 22. Bologna,

19 T2 45 Italia, San Marino, Città del Vaticano, Malta sviluppo aggiornato dell area 45 Italia, San Marino, Città del Vaticano, Malta, con aggiunta di notazioni per le nuove 7 province e ricognizione completa degli oltre 8000 comuni, in base all Annuario ISTAT aggiornato a gennaio 2007 il nuovo sviluppo è stato accolto, fino a livello di capoluogo di provincia, nell edizione standard DDC 22. Bologna,

20 Tavole 5 e 6 moltissimi aggiornamenti riguardanti popoli e lingue pubblicati sul sito di OCLC fino a dicembre 2007 nella tavola 6 in particolare espansioni e cambio d intestazione nella notazione 59 Romeno, retico, sardo e corso. Il sardo, precedentemente 56 è dislocato a 59982, il corso che non aveva una notazione specifica è ora collocato in 59984, ambedue accanto alle lingue retiche (friulano, ladino, romancio). Naturalmente questo influisce anche sulle classi 400 e 800 DDC 22. Bologna,

21 Informatica alcune nuove espansioni e soggetti in , es Intranet, Microprogrammazione e microprogrammi [precedentemente 005.6], Realtà virtuale introduzione di una nuova classe, 005.5, per i Programmi di applicazione generale (videoscrittura, fogli elettronici, programmi per la statistica, software di posta elettronica, software di presentazione), finora dispersi dentro e fuori la classe d informatica DDC 22. Bologna,

22 Programmi di applicazione generale: esempi Kinkoph, Sherry. Microsoft Word (ed. 22) (ed. 21) Ivens, Kathy. Excel 2003 : uso avanzato (ed. 22.) (ed. 21) Wempen, Faithe. PowerPoint 2000 expert 1.Microsoft PowerPoint (Computer file) Handbooks, manuals, etc. 2.Presentation graphics software Handbooks, manuals, etc (DDC 22) (ed.21) DDC 22. Bologna,

23 > Bibliografie generali in questo arco di numeri si classificano tutte le bibliografie generali, cioè elenchi di opere, purché non presenti in una specifica raccolta o gruppo di raccolte; non messi in vendita da specifiche organizzazioni o all'asta; non limitati a soggetti specifici, a singoli autori, a opere anonime o pseudonime, oppure a specifici luoghi di pubblicazione le bibliografie generali di opere di specifiche categorie di autori che con l Edizione 21 si classificavano in 013 si classificano ora in e i numeri si costruiscono con le notazioni che iniziano per 08 nella Tavola è ora una classe vuota DDC 22. Bologna,

24 Bibliografie di opere di specifiche categorie di autori Donne : due secoli di scrittura femminile in Sardegna, : repertorio bibliografico / a cura di Franca Ferraris Cornaglia. [et al.] ; saggio introduttivo di Laura Pisano. Cagliari : CUEC, p., [24] c. di tav. : ill. ; 24 cm. 1. Scrittrici sarde - Opere - Bibliografia (ed. 22) ( [08]2 Donne da T dalla tavola sotto T Sardegna da T2]] (ed. 21) ( da T7] DDC 22. Bologna,

25 020 Biblioteconomia e scienza dell informazione l ordine di preferenza a 020 era precedentemente contenuto nel Manuale. Esso prevede: 028 Lettura e uso di altri media 025 Attività (eccetto 025.1) 022, 023, Amministrazione 021 Relazioni 026 Istituti dedicati a discipline e soggetti specifici 027 Istituti generali DDC 22. Bologna,

26 020: esempi di applicazione della tavola di preferenza Amministrazione di biblioteche mediche Amministrazione di specifici tipi d istituto + [02]6 Biblioteche dedicate a soggetti specifici + 61[0] Medicina Scelta dei libri nelle biblioteche pubbliche Sviluppo delle raccolte in specifici tipi d istituto + [02]74 Biblioteche pubbliche in questi due casi l ordine di preferenza diventa ordine di citazione: le faccette sono tutte comunque espresse DDC 22. Bologna,

27 020: esempi di applicazione della tavola di preferenza Cooperazione nelle biblioteche universitarie della Lombardia [Relazioni delle biblioteche ] Cooperazione + 09 [ da T1] Lombardia [da T2] e non In questo caso si perde la faccetta biblioteche universitarie DDC 22. Bologna,

28 020: esempi di applicazione della tavola di preferenza ma: Rete delle biblioteche universitarie della Lombardia Biblioteche di college e universitarie + 09 [ da T1] Lombardia [da T2] nonostante l ordine di preferenza che vede prevalere 021 rispetto a la nota a Reti avverte di Classificare le reti, i sistemi, i consorzi per uno specifico tipo d istituto in DDC 22. Bologna,

29 070.4 Giornalismo In è presente una nuova tavola di preferenza: Servizi e soggetti specifici Giornalismo illustrato Raccolta d informazioni e cronaca Direzione Giornalismo rivolto a gruppi speciali DDC 22. Bologna,

30 070.4: esempi di applicazione della tavola di preferenza giornalismo illustrato nella corrispondenza estera Giornalismo illustrato e non Corrispondenza estera biografia di un giornalista specializzato nelle rubriche musicali di periodici giovanili Soggetti specifici. Musica. Persone e non Giornalismo rivolto ai giovani. Persone DDC 22. Bologna,

31 Giornalismo: particolarità non tutte le opere che riguardano il giornalismo si classificano in la storia e le persone del giornalismo si classificano in il trattamento geografico di giornalismo e giornali si classifica tra 071 e 079 vedi la lunga nota Classificare a DDC 22. Bologna,

32 Persone e storia del giornalismo storia del giornalismo biografia di Montanelli biografia di Adriano De Zan storia del giornalismo italiano 075 La repubblica 075 Il corriere di Bologna DDC 22. Bologna,

33 128.4 Consulenza filosofica dietro richiesta della BNI, introduzione del soggetto Consulenza filosofica in Azione ed esperienza umana Classificare qui le opere d insieme sulla consulenza filosofica Per le raccolte di testi su un soggetto specifico, vedi questo soggetto DDC 22. Bologna,

34 Consulenza filosofica Regina, Luciana Consulenza filosofica : un fare che è pensare / Luciana Regina. Milano : Unicopli, p. ; 21 cm (Educazione tra adulti ) FILOSOFIA. AZIONE ED ESPERIENZA Achenbach, Gerd B. La consulenza filosofica : la filosofia come opportunità per la vita / Gerd B. Achenbach. Milano : Apogeo, [2004]. VI, 179 p. ; 21 cm. ( Apogeo saggi. Pratiche filosofiche. ) 1. Psicologia e filosofia 2. Assistenza psicologica PSICOLOGIA APPLICATA. ORIENTAMENTO E INTERVISTA DDC 22. Bologna,

35 130 Parapsicologia e occultismo DDC 21 Fenomeni paranormali Notazione 130 DDC 22 Parapsicologia e occultismo Classificare qui i fenomeni paranormali Parapsicologia e occultismo 133 Soggetti specifici di parapsicologia e occultismo Questo numero non si usa più per le opere d insieme su parapsicologia e occultismo; classificarle in 130 DDC 22. Bologna,

36 Parapsicologia e occultismo Wallon, Philippe Il paranormale / [Philippe Wallon]. Milano : Xenia, [2000]. 125 p. ; 20 cm (Xenia tascabili ; 131. ) Trad. di Cristina Coronelli 1. Parapsicologia 130 (ed. 22) 133 (ed. 21) 133 diventa un numero poco usato poiché per essere classificate in questa classe le opere devono riguardare tre o più soggetti specifici di parapsicologia e occultismo (apparizioni, arti divinatorie, stregoneria, astrologia, spiritismo, ecc.) DDC 22. Bologna,

37 174 Etica medica la notazione Problemi della vita e della morte è stata soppressa e il suo contenuto dislocato a Rispetto e disprezzo della vita umana altrettanto è avvenuto per [Professioni sanitarie] Metodi innovativi dislocato a Soggetti specifici e rami della medicina Soggetti specifici e rami della medicina è una notazione nuova che permette di costruire numeri più rappresentativi attingendoli da 610 Medicina e salute DDC 22. Bologna,

38 Soggetti specifici e rami della medicina Soggetti specifici e rami della medicina Classificare qui i metodi innovativi [precedentemente ] Aggiungere al numero base i numeri che seguono 61 in , p.e., trapianto d'organi [precedentemente ], terapia genica [precedentemente ], etica infermieristica , etica farmaceutica , etica psichiatrica ; ma, per la sperimentazione su soggetti umani e per le opere d'insieme sulla sperimentazione medica, vedi ; per la riproduzione umana, vedi 176; per gli esperimenti sugli animali, vedi 179.4; per le questioni della vita e della morte, vedi DDC 22. Bologna,

39 Problemi etici della morte La solitudine della morte, la morte in solitudine / con la partecipazione della Associazione Medici cattolici italiani di Napoli. Napoli : A. Guida, [2000]. 1. Morte 2. Medici - Morale professionale (ed. 22) (ed. 21) DDC 22. Bologna,

40 Sperimentazione medica Marsico, Gaia La sperimentazione umana : diritti violati-diritti condivisi / Gaia Marsico. Milano : F. Angeli, [2007]. 262 p. ; 23 cm. ( Scienze umane e sanità. ; 7 ) ISBN BN Medicina sperimentale - Etica (ed. 21 e 22) - ETICA DELLA PROFESSIONE MEDICA. SPERIMENTAZIONE DDC 22. Bologna,

41 Etica dei trapianti L'etica dei trapianti d'organo : atti del Convegno, Pisa 9-10 giugno, 2000 / a cura di Massimo Ermini. Pisa : ETS, [2001]. 147 p. ; 24 cm In testa al front.: Centro di bioetica, Università di Pisa 1. Trapianto <chirurgia> - Aspetti morali Congressi (ed. 22) [ [61]7.954] (ed. 21) DDC 22. Bologna,

42 200 Religione: le novità con questa edizione è stato completato il piano, iniziato con l Edizione 21, volto a ridimensionare il cristianesimo all interno della classe con l Edizione 21 erano state espanse le classi dell ebraismo (296) e dell islamismo (297) ed erano state svuotate le notazioni comprese tra 201 e 209, dedicate fino ad allora alle suddivisioni standard del cristianesimo con l Edizione 22 la Religione comparata è dislocata da 291 a 200 e le espansioni sono state nuovamente usate per accogliere gli Aspetti specifici della religione in generale DDC 22. Bologna,

43 Aspetti specifici della religione le notazioni possono essere inoltre utilizzate come fonte per la costruzione di numeri dedicati ai singoli aspetti delle religioni presenti in , quando questi aspetti non siano già espressi in modo esplicito nelle Tavole. In altre parole anche per le religioni minori si possono costruire numeri che esprimano tutte le faccette ricavate dall analisi concettuale del documento DDC 22. Bologna,

44 Aspetti specifici della religione in generale Panini, Giorgio P. Il grande libro della mitologia / Giorgio P. Panini. Milano : A. Mondadori, p. : ill. ; 22 cm. (Nuovi grandi libri) 1. Mitologia (ed. 22) (ed. 21) Il Mediterraneo nel Novecento : religioni e stati / a cura di Andrea Riccardi. Cinisello Balsamo : San Paolo, [1994]. 357 p. ; 22 cm. 1. Religione e politica - Paesi mediterranei [1]822 (ed. 22) [1]822 (ed. 21) DDC 22. Bologna,

45 Aspetti specifici delle singole religioni riti funebri nell ebraismo (già espresso nelle Tavole) riti funebri nell islamismo (già espresso nelle Tavole) riti funebri nella religione tradizionale dei popoli bantu Religioni di specifici gruppi e popoli + 39 Numero che segue 96 in 9639 Bantu [da T6]+ 0 Indicatore di faccetta per gli aspetti specifici [dalla tavola sotto ] Numero che segue 20 in Riti funebri e di lutto Con DDC 21 quest ultimo enunciato si classifica in DDC 22. Bologna,

46 Dislocazione della religione comparata lo sviluppo di ricorda quello di di DDC21 DDC Mitologia religiosa, teologia sociale, relazioni e atteggiamenti delle religioni Dottrine Culto pubblico e altre pratiche Esperienza, vita, pratica religiosa Etica religiosa Capi e organizzazione Missioni e educazione religiosa Fonti Sette e movimenti di riforma DDC DDC 22. Bologna,

47 Religione e politica Le analogie tra 291 ed espansioni di 200 vengono meno nel caso degli atteggiamenti delle religioni nei riguardi della politica, dell economia e delle questioni sociali Politica [precedentemente ] Politica internazionale [precedentemente ] Economia [precedentemente ] Problemi e servizi sociali [precedentemente ] DDC 22. Bologna,

48 220 Bibbia la Bibbia rappresenta le scritture sacre dell'ebraismo e del cristianesimo ma sul canone biblico, oltre ad esistere differenze tra quello ebraico e quello cristiano, esistono divergenze anche all interno delle denominazioni cristiane come sempre, nell edizione italiana è presente un opzione rovesciata (che ricalca il canone cattolico) rispetto a quella dell edizione standard basata sulla divisione protestante dei libri biblici a e nel Manuale sono presenti le opzioni per il canone ebraico DDC 22. Bologna,

49 220 Bibbia: Giuditta Edizione americana *Judith (Option: Class in ) Edizione italiana 229(.24) *Giuditta (Numero preferito nell'edizione standard, ma facoltativo nell'edizione italiana; nell'edizione italiana Giuditta si classifica in ) Per il canone ebraico è presente anche un altra possibilità: 296(.11824) *Giuditta (Numero facoltativo; numero preferito nell'edizione italiana ; numero preferito nell'edizione standard ) DDC 22. Bologna,

50 Codex iuris canonici (1983) dietro richiesta della BNI è stata espansa la classe Codex iuris canonici (1983) per accogliere gli specifici soggetti contenuti nei raggruppamenti dei canoni dell ultimo Codice un analoga espansione era già presente nella classe Codex iuris canonici (1917) col risultato che le opere più datate paradossalmente potevano contare su una classe più specifica rispetto a quelle più recenti l espansione, accolta integralmente nell edizione standard, era giustificata da una massiccia garanzia bibliografica in è presente un ordine di citazione retrogrado DDC 22. Bologna,

51 Matrimonio canonico Barbiera, Lelio Diritto matrimoniale canonico / Lelio Barbiera. Bari : Cacucci, p. ; 25 cm 1. Matrimonio canonico (ed. 22) (ed. 21) Silvestri, Pasquale La nullità del matrimonio canonico : raccolta di sentenze / Pasquale Silvestri. Napoli : Guida, [2004]. 441 p. ; 24 cm ( Ateneo. Ricerche ) 1. Matrimonio canonico Nullità (ed. 22) (ed. 21) DDC 22. Bologna,

52 Interazione e processi sociali aggiunta di nuovi numeri, ad esempio Media digitali (finora soggetto incluso in Cinema, radio, televisione) eliminazione di ridondanze: cinema, radio e televisione che avevano dedicate due diverse classi nella sociologia ( e ) sono ora compattati nella classe dei mezzi di comunicazione eliminazione di doppie intestazioni, ad esempio in DDC 22. Bologna,

53 Media digitali DDC Media (Mezzi di comunicazione) Include le scritte, le targhe Classificare qui i mezzi di comunicazione di massa, la sociologia del giornalismo Media (Mezzi di comunicazione) DDC Media digitali Include le pubblicazioni elettroniche, Internet, World Wide Web DDC 22. Bologna,

54 Media digitali Pillan, Margherita Il bit e la tartaruga / Margherita Pillan e Susanna Sancassani. Milano : Apogeo, [2004]. X, 175 p. : ill. ; 22 cm. ( Cultura digitale. ) ISBN BN Internet - Aspetti socio-culturali (ed. 22) (ed 21) Metitieri, Fabio Il grande inganno del web 2.0 / Fabio Metitieri. Roma ; Bari: GLF editori Laterza, XIII, 169 p. ; 18 cm. (Saggi tascabili Laterza ; 322). ISBN : 12,00 1. World wide web Sociologia (ed. 22) DDC 22. Bologna,

55 Radio e televisione Grasso, Aldo Radio e televisione : teorie, analisi, storie, esercizi / Aldo Grasso. Milano : Vita e pensiero, [2000]. VIII, 284 p. ; 24 cm ( La città e lo spettacolo ; 9.) Scritti in parte già pubbl 1. Trasmissioni televisive Aspetti socio-culturali (ed. 22) (ed. 21) ma: Buonanno, Milly L'età della televisione : esperienze e teorie / Milly Buonanno Roma [etc.] : GLF editori Laterza, p. ; 21 cm (Libri del tempo Laterza; 397.) 1. Televisione Sociologia (ed. 21 e 22) DDC 22. Bologna,

56 eliminazione di doppia intestazione l abolizione della Tavola 7 ha obbligato ad abolire una doppia intestazione DDC 21 DDC Opinioni professate da gruppi professionali e gruppi vari Opinioni professate da gruppi vari Nuovo numero Opinioni professate da gruppi professionali DDC 22. Bologna,

57 e : costruzione dei numeri in Opinioni professate da gruppi vari si costruisce aggiungendo i numeri che seguono 08 nella notazione dalla Tavola 1 Opinione pubblica giovanile [08]3 in Opinioni professate da gruppi professionali si costruisce con l aggiunta diretta da tutte le Tavole ( ) Opinione dei matematici italiani DDC 22. Bologna,

58 Gruppi sociali e istituzioni culturali la revisione di queste notazioni è stata una delle priorità individuate al momento della messa a punto dell Edizione 22 poiché: l abolizione di T7 costringeva a intervenire là dove questa era usata lo sviluppo dei gruppi sociali di 305 era nato prima della revisione della notazione 08 della Tavola 1 e non tutte le notazioni avevano carattere mnemonico. Gli ordini di preferenza in 305 e 08 della tavola 1 non coincidevano esisteva una separazione incongruente tra alcuni gruppi di 305 (p.e. persone sposate, omosessuali, pensionati) e le corrispondenti istituzioni di 306 (p.e. matrimonio, omosessualità, pensionamento) DDC 22. Bologna,

59 Persone secondo parentela, stato civile, orientamento sessuale; pensionati DDC [T7] [04]3 [04] [T1 086]5 Persone secondo la parentela Persone secondo lo stato civile DDC Relazioni intrafamiliari Matrimonio [T1 086] [T1 086]96 Persone secondo l orientamento sessuale Pensionati Orientamento sessuale Pensionamento DDC 22. Bologna,

60 Persone secondo la parentela Un decalogo per i genitori italiani : crescere capitani coraggiosi / a cura di Alessandro Rosina e Elisabetta Ruspini. Milano : V&P, p. ; 21 cm. ( Transizioni ; 27 ) 1. Figli - Rapporti [con i] Genitori - Italia (ed. 22) - RELAZIONI GENITORE-FIGLIO. Italia (ed. 21) [ [04]31 Genitori da T Italia] DDC 22. Bologna,

61 Persone secondo lo stato civile Single : incontri, costume, comunicazione, ritrovi A. 1, n. 1 (lug.-ago. 1995)-. Venaria : Grafica editoriale, [1995]-. v. : ill. ; 30 cm Mensile 1. Celibi Periodici (ed. 22.) [ Stato civile da singoli + 05 da T1] (ed. 21) [ [086]52 da T da T1] Si tratta di un espansione nuova di che ora ha come intestazione non solo Matrimonio (DDC 21) ma Matrimonio e stato civile DDC 22. Bologna,

62 Persone secondo l orientamento sessuale Consoli, Massimo Stonewall : quando la rivoluzione è gay / Massimo Consoli Roma : Riforma dello Stato, [2000]. 142 p. : ill. ; 21 cm 1. Omosessuali Sec (ed. 22) [ Omosessualità da T1] (ed. 21) [ [086]64 Omosessuali da T da T1] DDC 22. Bologna,

63 Pensionati Martinengo, Maria Cristina Terza età e nuova vita : indagine sugli ex dipendenti della Ferrero di Alba / Maria Cristina Martinengo, Luca Savoja. Milano : F. Angeli, p. ; 22 cm. 1. Pensionati - Condizioni economiche e sociali - Alba. 2. Fondazione Ferrero (ed. 22) [ Pensionamento + 09 da T Prov. Di Cuneo da T2] (ed. 21) [ [086]96 Pensionati da T da T Prov. Di Cuneo da T2] DDC 22. Bologna,

64 305: i gruppi di età secondo il sesso nelle notazioni di 305 relative ai Gruppi di età sono state aggiunte espansioni per maschi e femmine di specifiche età analogamente a quanto avvenuto nelle notazioni 08 della Tavola 1: ad esempio i giovani da dodici a vent anni si classificano, se maschi, in , se femmine, in questo permette anche ulteriori costruzioni per esprimere le faccette soccombenti nell uso della tavola di preferenza in 305 DDC 22. Bologna,

65 Costruzioni con i gruppi d età secondo il sesso Condizione sociale delle bambine zingare DDC 22 = [ Bambine Gruppi etnici e nazionali da T Romani (Zigani) da T5] DDC 21 = Adolescenti maschi della borghesia statunitense DDC 22 = [ Giovani uomini Classi medie (Borghesia) da T da T1 (secondo le istruzioni sotto T1 08) + 73 da T2) DDC 21 = DDC 22. Bologna,

66 306: aggiustamenti terminologici alcuni aggiustamenti rendono la classificazione più aderente alla realtà sociale del nostro tempo: la convivenza, la poligamia e il ménage à trois che in DDC 21 si classificavano in espansioni di Istituzioni attinenti alle relazioni tra i sessi, si classificano ora in espansioni di Tipi di matrimonio e di relazioni i bambini nati fuori dal matrimonio che in DDC 21 erano anche detti bambini illegittimi sono ora più correttamente definiti figli di genitori non sposati DDC 22. Bologna,

67 Cultura e istituzioni di gruppi etnici la cultura e le istituzioni di gruppi etnici e nazionali indigeni che erano classificati in confluiscono in Gruppi etnici e nazionali, eliminando la distinzione, non sempre agile, tra gruppi indigeni e non indigeni la cultura e le istituzioni riferite a gruppi di persone sono ora tutte collocate all interno di 305 con la sola eccezione delle categorie che abbiamo visto essere identificabili con una specifica istituzione (persone secondo parentela, stato civile, orientamento sessuale; pensionati) DDC 22. Bologna,

68 Cultura degli afroamericani Fabi, M. Giulia America nera : la cultura afroamericana / M. Giulia Fabi Roma : Carocci, p. ; 21 cm ( Le bussole ; 44. ) 1. Neri Cultura Stati Uniti d America (ed. 22) (ed. 21) i neri erano stati considerati come gruppo etnico indigeno negli Stati Uniti DDC 22. Bologna,

69 Cultura degli ebrei Cairoli, Isabella Dolcezza e umorismo : strumenti educativi nella cultura yiddish / Isabella Cairoli ; con contributo di Moni Ovadia. Milano : F. Angeli, [2004]. 157 p. ; 23 cm (Antropologia culturale e sociale. Ser. Studi e ricerche ; 58. ) 1. Ebrei Cultura Europa orientale (ed. 22) (ed. 21) gli ebrei erano stati considerati come gruppo etnico indigeno nell Europa orientale DDC 22. Bologna,

a cura di Albarosa Fagiolini Milano, 18 giugno 2009

a cura di Albarosa Fagiolini <albarosa.fagiolini@gmail.com> Milano, 18 giugno 2009 DDC 22 Edizione italiana a cura di Albarosa Fagiolini Milano, 18 giugno 2009 La messa a punto di DDC 22 italiana il lavoro è stato affidato al gruppo BNI e questo rappresenta

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

L INDICIZZAZIONE SEMANTICA

L INDICIZZAZIONE SEMANTICA L INDICIZZAZIONE SEMANTICA Nell indicizzazione semantica un documento viene indicizzato per il contento concettuale dell opera che manifesta ovvero secondo il significato. Essa pertanto ha lo scopo di

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

Registro cronologico d'entrata

Registro cronologico d'entrata Pag. 1 di 5 Data inventariazione : da 10/12/2010 a 31/12/2010 Inventari: Tutti Disponibilità: Tutti Ordinamento: Data inventariazione Data inv. 16/12/2010 47211 Volume : 245 : 245 periodico PER. 00 0000008

Dettagli

Il laboratorio. Fonti: repertori e altri strumenti. Tiziana Calvitti. Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007

Il laboratorio. Fonti: repertori e altri strumenti. Tiziana Calvitti. Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007 Il laboratorio Fonti: repertori e altri strumenti Tiziana Calvitti Giornata di presentazione del Nuovo soggettario Firenze, 8 Febbraio 2007 Repertori in uso nel Nuovo Soggettario: 1. strumenti catalografici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

L indicizzazione per soggetto

L indicizzazione per soggetto PROVINCIA DI PADOVA Assessorato alla cultura L indicizzazione per soggetto Biblioteca di Abano Terme 2009 Presentazione di Antonio Zanon, Cristiana Lighezzolo, Chiara Masut (Consorzio Biblioteche Padovane

Dettagli

Il Percorso di orientamento

Il Percorso di orientamento Il Percorso di orientamento ALMALAUREAAUREA per il 200 Giancarlo Gasperoni Percorso di orientamento 200 Considerazioni emerse dall edizione 200 Comportamenti differenziati a seconda della sezione del Percorso

Dettagli

Detrazione IRPEF delle spese di frequenza delle Università non statali - Individuazione dei limiti di importo e chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Detrazione IRPEF delle spese di frequenza delle Università non statali - Individuazione dei limiti di importo e chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Circolare informativa n. 14 Detrazione IRPEF delle spese di frequenza delle Università non statali - Individuazione dei limiti di importo e chiarimenti dell Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Per effetto

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2016

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2016 Como, 12.5.2016 INFORMATIVA N. 11/2016 DETRAZIONE IRPEF DELLE SPESE DI FREQUENZA DELLE UNIVERSITA NON STATALI INDIVIDUAZIONE DEI LIMITI DI IMPORTO E CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INDICE 1 Premessa...

Dettagli

CDD 22. Edizione italiana

CDD 22. Edizione italiana CDD 22. Edizione italiana L evoluzione di un progetto, le principali novità I ferri del mestiere Albarosa Fagiolini Firenze albarosa.fagiolini@gmail.com Dopo un impegno durato tre anni, esce finalmente

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Tabella 1 - Raggruppamenti dei corsi di studio per Area disciplinare. CORSI DI LAUREA AREA CLASSE DENOMINAZIONE Sanitaria L/SNT1 L/SNT2 L/SNT3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

LE ESTENSIONI E I CAMBIAMENTI STRUTTURALI DELLA CLASSE 200. Maura Quaquarelli

LE ESTENSIONI E I CAMBIAMENTI STRUTTURALI DELLA CLASSE 200. Maura Quaquarelli <m.quaquarelli@mail.com> LE ESTENSIONI E I CAMBIAMENTI STRUTTURALI DELLA CLASSE 200 Maura Quaquarelli Presentazione WebDewey e 23. edizione della DDC Milano, 21 febbraio 2014 Gli effetti dell internazionalizzazione

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Elenco Aree Organizzative Omogenee Caselle di posta elettronica certificata (PEC)

Elenco Aree Organizzative Omogenee Caselle di posta elettronica certificata (PEC) Elenco Aree Organizzative Omogenee Caselle di posta elettronica certificata (PEC) DENOMINAZIONE Amministrazione centrale Biblioteca Plinio Fraccaro Biblioteca di fisica A.Volta Biblioteca di scienze politiche

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI

Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI Art. 18 - NUMERO DEGLI ELIGENDI (allegato n 1 del Decreto di Indizione delle Elezioni) GRANDI ORGANI NUMERO POSTI PREFE RENZE TOTALE STUDENTI SENATO ACCADEMICO: GRUPPO 1: GIURISPRUDENZA. SCIENZE POLITICHE,

Dettagli

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA

Tavola 1. Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA Tavola 1 Corrispondenza fra i capitoli di questa pubblicazione e le classi di laurea CAPITOLI CLASSI DI LAUREA 1 Indirizzo medico e odontoiatrico 2 3 6 7 Indirizzo farmaceutico Indirizzo sanitario tecnico,

Dettagli

CORSI PROMOSSI DAI COLLEGI E ACCREDITATI DALLE UNIVERSITÀ FRANCESE BASE INGLESE ADVANCED INGLESE INTERMEDIATE

CORSI PROMOSSI DAI COLLEGI E ACCREDITATI DALLE UNIVERSITÀ FRANCESE BASE INGLESE ADVANCED INGLESE INTERMEDIATE BOLOGNA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA DIFFERENZA CRISTIANA E NEUTRALIZZAZIONE DELLE DIFFERENZE GLOBALIZZAZIONE E RSI LA COMUNICAZIONE E IL PUBBLICO LA SUSSIDIARIETÀ COME PRINCIPIO DI REGOLAZIONE E

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI SANTORO ROBERTA

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI SANTORO ROBERTA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI SANTORO ROBERTA Titoli di studio: Laurea in Giurisprudenza presso l Università degli Studi di Bari in data 12/04/1995 (votazione 110/110 e lode); Contratto di ricerca del

Dettagli

EMILIO BERTOCCI I LINGUAGGI DI INDICIZZAZIONE

EMILIO BERTOCCI I LINGUAGGI DI INDICIZZAZIONE EMILIO BERTOCCI I LINGUAGGI DI INDICIZZAZIONE 2004 INDICE 1 3 Definizioni 3 2 3 Distinzioni 3 3 4 Soggettari e thesauri 4 4 6 Il Soggettario di Firenze 6 5 8 I sistemi di classificazione 8 1 Definizioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato 1-bis Requisiti minimi - docenza di ruolo I requisiti minimi di docenza di ruolo sono stabiliti in relazione ai criteri, appresso indicati, sulla base dei documenti del Comitato doc. 17/01, doc.

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE Allegato D CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE INDIRIZZO DI LAUREA MACROAREA ASSEGNATA LM-1 ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA LM-2 ARCHEOLOGIA LM-3 ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO LM-4

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome STEFANO BECAGLI Telefono 349 3810997 Sito Internet e-mail www.stefanobecagli.it info@stefanobecagli.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Corso di Laurea in FILOSOFIA Facoltà di Lettere e Filosofia

Corso di Laurea in FILOSOFIA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in FILOSOFIA Facoltà di Lettere e Filosofia 1. Denominazione del corso di studio: FILOSOFIA. Classe di appartenenza: FILOSOFIA (9) 3. Obiettivi formativi Il profilo culturale e professionale

Dettagli

EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE:

EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE: LAUREE DEL VECCHIO ORDINAMENTO EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE: EQUIPARATA ALLE LAUREE TRIENNALI DELLA CLASSE: (4S) Classe delle lauree in disegno industriale (42) Architettura ed equipollenti

Dettagli

- Il principio di legalità e i c.d. poteri impliciti, in Rivista Trimestrale di diritto amministrativo, fascicolo 4, Milano, 2007, Giuffrè, pp.

- Il principio di legalità e i c.d. poteri impliciti, in Rivista Trimestrale di diritto amministrativo, fascicolo 4, Milano, 2007, Giuffrè, pp. 1 - Il principio di legalità e i c.d. poteri impliciti, in Rivista Trimestrale di diritto amministrativo, fascicolo 4, Milano, 2007, Giuffrè, pp. 703-777. - Il potere regolamentare di Isvap dopo il codice

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza Titolo 1.

Dettagli

PROF. EUGENIO DE MARCO

PROF. EUGENIO DE MARCO PROF. EUGENIO DE MARCO CURRICULUM VITAE Eugenio De Marco è nato a Roma il 13 gennaio 1943 e si è laureato in Giurisprudenza nell Università di Roma nel luglio 1967 con il massimo dei voti e la lode. Dopo

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2009-2010 Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Perugia Valutazione della Didattica A.A.2009-2010 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Perugia DISCIPLINE DELLE ARTI TEATRALI E DEI LINGUAGGI CREATIVI (Classe L 3) ex SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA PRODUZIONE ARTISTICA TEATRO E LINGUAGGI CREATIVI 9,1 9 LINGUA E TRADUZIONE-LINGUA

Dettagli

CRITERI DA SEGUIRE NELLA CATALOGAZIONE CON UN PROGRAMMA CHE PREVEDE I CAMPI: PAROLE CHIAVE (THESAURUS), GENERE, DESTINATARI

CRITERI DA SEGUIRE NELLA CATALOGAZIONE CON UN PROGRAMMA CHE PREVEDE I CAMPI: PAROLE CHIAVE (THESAURUS), GENERE, DESTINATARI Marzo 2002 CRITERI DA SEGUIRE NELLA CATALOGAZIONE CON UN PROGRAMMA CHE PREVEDE I CAMPI: PAROLE CHIAVE (THESAURUS), GENERE, DESTINATARI Premessa n. 1 Per comodità, nelle note che seguono si usano i seguenti

Dettagli

18 / 19 settembre 2014

18 / 19 settembre 2014 Convegno Nazionale 18 / 19 settembre 2014 GALATINA Palazzo della Cultura Piazza Alighieri n. 51 Assessorato alla Cultura e Polo Biblio-Museale Il convegno nazionale Pietro e Cesira Siciliani: filosofia

Dettagli

Master interuniversitario in Consulenza filosofica Quarta edizione 2009/2010

Master interuniversitario in Consulenza filosofica Quarta edizione 2009/2010 Dipartimento di Filosofia dell Università di Napoli Federico II Dipartimento di Filosofia dell Università di Cagliari Dipartimento di Filosofia dell Università di Pisa Alberto Savinio, Les Philosophes

Dettagli

COD CLASSE GRUPPOMIUR

COD CLASSE GRUPPOMIUR Gruppi di classi Tale classificazione ha valore esclusivamente ai fini della ripartizione del FFO in attesa che vengano definiti puntuali parametri di costo standard. COD CLASSE GRUPPOMIUR 46/S Specialistiche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

ANALISI E DESCRIZIONE DELLE RACCOLTE

ANALISI E DESCRIZIONE DELLE RACCOLTE ANALISI E DESCRIZIONE DELLE RACCOLTE Area disciplinare Consistenza della collezione Politica delle acquisizioni 0 1 2 3 Osservazioni 0 1 2 3 Osservazioni 003-006 Informatica Numero molto ridotto di testi

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

TITOLI DI STUDIO PER ACCEDERE AI NUOVI CONCORSI A CATTEDRE

TITOLI DI STUDIO PER ACCEDERE AI NUOVI CONCORSI A CATTEDRE TITOLI DI STUDIO PER ACCEDERE AI NUOVI CONCORSI A CATTEDRE a cura di Raffaele Manzoni Il Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012 ha, tra l altro stabilito

Dettagli

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana;

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana; VENERANDO MARANO CURRICULUM - È professore ordinario di Diritto ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Foggia, dove è titolare degli insegnamenti di Diritto ecclesiastico,

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Elenco insegnamenti *

Elenco insegnamenti * SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE LAUREE TRIENNALI Elenco insegnamenti * Corso di Laurea Insegnamento N. STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO 41 027 - RELAZIONI E POLIT.INTERNAZIONALI - CLASSE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Segreteria Studenti Area di Scienze Umane. Piani di studio corsi di laurea triennali a.a.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Segreteria Studenti Area di Scienze Umane. Piani di studio corsi di laurea triennali a.a. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Segreteria Studenti Area di Scienze Umane Piani di studio corsi di laurea triennali a.a. 2015/2016 Il presente file contiene i piani di studio relativi ai seguenti corsi

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

Brizzi, Raffaello Disegni Collezioni [dell ] Accademia delle arti del disegno

Brizzi, Raffaello Disegni Collezioni [dell ] Accademia delle arti del disegno 1 Aziende Dirigenti Valutazione Impiego [di] Questionari Brizzi, Raffaello Disegni Collezioni [dell ] Accademia delle arti del disegno Chiesa cattolica Rapporti [con la] Società Comunicazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE

STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE . STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE TRA IL 1869 E IL 2007 Prof. Fausto Desalvo Prof. Fausto Desalvo Nato a Savona nel 1948

Dettagli

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004

DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE CORSI DI STUDIO EX D.M. 270/2004 ELENCO CORSI ATTIVATI A.A. 2015-2016 DIPARTIMENTO DI BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE 1. 056701 Biotecnologie (Classe L-2) Dipartimenti: Biotecnologie molecolari e scienze per la salute,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

SPECIFICAZIONI SUL RICONOSCIMENTO DEI REQUISITI DEI SOGGETTI ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI.

SPECIFICAZIONI SUL RICONOSCIMENTO DEI REQUISITI DEI SOGGETTI ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. SPECIFICAZIONI SUL RICONOSCIMENTO DEI REQUISITI DEI SOGGETTI ABILITATI ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. il Referente - Arch. Patrizia Ferrarotti Il DPR 16-04-, n.75 disciplina all art. 2 l

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5 Allegato b) ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE Classe delle lauree in Lettere n. 5 Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E' istituito presso l'università degli studi di Bergamo,

Dettagli

Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09)

Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09) ATTIVITÀ SCIENTIFICA TRIENNIO 1 GENNAIO 2006 31 DICEMBRE 2008 Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09) Principali interessi di ricerca sviluppati nel triennio Nel

Dettagli

Guida alla ricerca per Scienze Motorie

Guida alla ricerca per Scienze Motorie I cataloghi UNIVERSITA DI BOLOGNA - BIBLIOTECA CENTRALE CAMPUS RIMINI 1 Guida alla ricerca per Scienze Motorie Per accedere ai cataloghi delle biblioteche dell università di Bologna si può partire dal

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Titoli accademici. Attività didattiche e incarichi accademici

Titoli accademici. Attività didattiche e incarichi accademici Titoli accademici È Professore Associato di Sociologia dell Ambiente e del Territorio (SPS/10) in servizio dal 22/12/2010 presso la Facoltà di Scienze Politiche, oggi Dipartimento di Scienze Politiche,

Dettagli

l.demofonti@tiscali.it

l.demofonti@tiscali.it CURRICULUM VITAE Nome: Cognome: e.mail: Laura Demofonti l.demofonti@tiscali.it FORMAZIONE 2002: Diploma di dottore di ricerca in discipline storiche della Scuola Normale Superiore di Pisa (titolo della

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Annuario Statistico Demografico

Annuario Statistico Demografico Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica INTRODUZIONE Il presente annuario

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

REFERENTI PER I CORSI DI STUDIO E VICE-DELEGATI (ove previsti) DELEGATO ERASMUS TRAINEESHIP AREE DI STUDIO ERASMUS TRAINEESHIP

REFERENTI PER I CORSI DI STUDIO E VICE-DELEGATI (ove previsti) DELEGATO ERASMUS TRAINEESHIP AREE DI STUDIO ERASMUS TRAINEESHIP AREE DI STUDIO ERASMUS TRAINEESHIP Area Studi umanistici ANTICHITA' CLASSICHE E ORIENTALI CORSI DI STUDIO AFFERENTI FILOLOGIA MEDIEVALE E MODERNA (ARTE, LETTERATURA, SPETTACOLO) STORIA, CULTURA, SOCIETA'

Dettagli

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA

GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA GRIGLIA PER L ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI SCUOLA PRIMARIA Alunno CLASSI PRIME Valutazione Competenze trasversali Sì In parte NO Riconosce i colori fondamentali Riconosce le forme Riconosce le varie grandezze

Dettagli

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA Studi di storia culturale e religiosa veneziana Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA COMITATO SCIENTIFICO: Edoardo Barbieri, direttore

Dettagli

Neonatologo Policlinico Universitario Le Scotte, Siena

Neonatologo Policlinico Universitario Le Scotte, Siena Tra i docenti: P. Víctor Pajares, L.C. Decano della Facoltà di Bioetica, Direttore del Master in Bioetica P. Christian Borgoño, L.C. Coordinatore del Master in Bioetica Prof. Carlo Bellieni On. Prof. Carlo

Dettagli

AREE ERASMUS DI RIFERIMENTO PER I BANDI 2015/16. cds cod CORSI DI STUDIO AFFERENTI ERASMUS/MOBILITA' INTERNAZIONALE

AREE ERASMUS DI RIFERIMENTO PER I BANDI 2015/16. cds cod CORSI DI STUDIO AFFERENTI ERASMUS/MOBILITA' INTERNAZIONALE Studi umanistici - Bando Erasmus 2015/16 area Studi umanistici 05300 ANTICHITA' CLASSICHE E ORIENTALI 05301 FILOLOGIA MEDIEVALE E MODERNA (ARTE, LETTERATURA, SPETTACOLO) 05302 STORIA, CULTURA, SOCIETA'

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate 1. L azione dell Assistente Sanitaria per l indagine nella convivenza del malato. I Convegno delle Assistenti Sanitarie dei Consorzi Provinciali Antitubercolari,

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un

Dettagli

Università di Bologna - Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria I ANNO

Università di Bologna - Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria I ANNO Università di Bologna - Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria Riconoscimenti per Passaggi, Trasferimenti, seconde Lauree, Decadenze, Rinunce, CFU da altro ateneo

Dettagli

58 Corso di Orientamento Universitario

58 Corso di Orientamento Universitario 2008 Scuola Normale Superiore 58 Corso di Orientamento Universitario SCUOLA NORMALE SUPERIORE Pisa Camigliatello Silano (CS) 22 28 luglio Cortona 29 giugno 5 luglio Colle di val d elsa 12 18 luglio Rovereto

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento

Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento MASTER ONLINE Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento in collaborazione con Firera & Liuzzo Group Quindicesima Edizione Chi siamo Edizioni Galton (casa editrice)

Dettagli

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica)

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Proposta Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Da molto tempo, in concomitanza con la diffusione e lo sviluppo dei calcolatori elettronici digitali, l interesse

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Economico Quintino Sella

Istituto Tecnico Settore Economico Quintino Sella Istituto Tecnico Settore Economico Quintino Sella Sede associata dell Istituto di Istruzione Superiore SELLA AALTO LAGRANGE dal 1867 Via Montecuccoli, 12 - Torino Tel. 011.54.24.70-011.53.48.32 zona Centro

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

AUTORI. Maurizio Donatello Psicologo Consulente Cooperativa Sociale L Incontro Castelfranco Veneto (TV)

AUTORI. Maurizio Donatello Psicologo Consulente Cooperativa Sociale L Incontro Castelfranco Veneto (TV) Romane (I-XVI) 27-03-2003 10:23 Pagina IX AUTORI Maurizio Donatello Consulente Paolo Michielin Responsabile UO Riabilitativa del DSM Azienda ULSS n. 9 Treviso Professore a contratto di Psicologia clinica

Dettagli

Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale:

Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale: Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale: TITOLI FORMATIVI è in possesso del diploma di laurea in psicologia,

Dettagli

I contenuti informativi

I contenuti informativi I contenuti informativi La rilevazione sulle forze di lavoro riveste un ruolo di primo piano nella documentazione statistica sul mercato del lavoro. Oltre a misurare l occupazione e la disoccupazione,

Dettagli

Il Ministro dellistruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dellistruzione, dell Università e della Ricerca Allegato C Numerosità studenti Tabella 1 Numerosità minime, massime e di per gruppi di classi di laurea e laurea magistrale Corsi di laurea A 50 75 10 B 100 150 20 C 180 230 36 D 250 300 50 Corsi di laurea

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara ELENCO DELLE CLASSI DI LAUREA Lauree SPECIALISTICHE Laurea Specialistica: 1/S (in antropologia culturale ed etnologia) Laurea Specialistica: 2/S (in archeologia) Laurea

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Indice. Parte I. Profili sistematici

Indice. Parte I. Profili sistematici Indice Presentazione alla prima edizione [XV] Presentazione alla terza edizione [XVII] Capitolo 1 Elementi introduttivi di Giuseppe Casuscelli Parte I Profili sistematici 1. Il diritto ecclesiastico italiano:

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli