SIGNIFICATI ED ETIMOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIGNIFICATI ED ETIMOLOGIA"

Transcript

1 SIGNIFICATI ED ETIMOLOGIA La parola lutto indica, nella lingua italiana, 1. il fatto di aver subito una perdita, 2. l afflizione interiore, 3. l insieme dei costumi che una cultura adotta per rispondere alla morte dei suoi membri. Lutto deriva dal latino luctus, lugère, che significa piangere. Nel secondo significato, l italiano utilizza anche cordoglio, dal latino cordolium, e coridolium, che significa doglia che ferisce il cuore. Similmente, lo spagnolo ha due termini, luto e duelo. Il primo riconducibile al latino lugere, il secondo a dolus (dolore). Il francese porta un unica parola, deuil, in tutti e tre i significati. Deriva da dol, attestato nella seconda metà del X secolo, che significa afflizione, poi trasformatosi in duel, o dueil, che dopo il XVI secolo diviene deuil. Non pare derivare, invece, dal latino doleum e dal più antico cordolium. L inglese distingue i tre significati dell italiano lutto, usando per ciascuno una differente parola, 1. bereavement, 2. grief, 3. mourning. Il termine bereavement (il fatto oggettivo di aver subito una perdita) deriva dall Old English be+reafian (sottrarre); grief (il dolore interiore) deriva dal Middle English gref, a sua volta dal latino volgare grevis, alterazione del latino gravis (pesante), gravare (pesare). Mentre mourning (i costumi) deriva dall Old English murnan, apparentato con l Althautdeusch mornen, che derivano dal greco mermèra, memoria; e dal sanscrito smarati (egli ricorda). Il tedesco ha l unico vocabolo Trauer, che deriva dal Mittelhautdeusch truren. I CLASSICI DELL ANTROPOLOGIA: HERTZ E VAN GENNEP Nell'interpretazione dell'etnografia e dell'antropologia (ma anche degli studi folklorici) il lutto riguarda ogni comunità, quando reagisce alla perdita di un suo membro con una serie di rituali che consentono ai sopravvissuti di riaffermare la vita che continua e alla società nel suo complesso di ribadire la vitalità e l'eternità del mondo sociale. Gli studi più interessanti sul tema del lutto sono riconducibili all antropologo francese Robert Hertz, che nel 1907 pubblicò la sua Contribution à une étude sur la représentation collective de la mort. Hertz elaborò un complesso modello interpretativo dei riti mortuari, nel quale le pratiche legate al corpo morto, all anima e ai sopravvissuti risultano strettamente intrecciate. Dal punto di vista etnografico, il saggio si fonda sulla conoscenza dei riti di un popolo indonesiano, i Dayak del Borneo, desunta da narrazioni di viaggiatori e missionari: ma le categorie teoriche che utilizza sono di grande interesse per comprendere il significati dei riti del lutto. Hertz partì dall assunto che la morte sia un processo, che ha inizio con la morte biologica del corpo umano, ma che, per molte culture tra cui i Dayak, si 1

2 protrae fino alla scheletrizzazione di quest ultimo (o essiccazione, esposizione o anche cremazione): fino a che, in altri termini, la parte «umida», putrescibile del corpo si sia consumata e abbia dato luogo a resti «secchi», integri, immutabili. La progressiva metamorfosi del corpo putrescente giustifica, in svariate culture, il ricorso alla «doppia sepoltura»: una prima collocazione provvisoria viene assegnata al corpo in decomposizione, una seconda sistemazione definitiva ai resti. Un tempo variabile trascorre tra la prima e la seconda sepoltura, ciascuna delle quali richiede una cerimonia. Il tempo è, appunto, elemento indispensabile per poter metabolizzare la morte in una cultura umana: esiste infatti, per Hertz, un parallelismo tra le vicende del corpo, quelle dell anima del defunto, e quelle dei sopravvissuti, o dolenti. Mentre il corpo completa la sua trasformazione per divenire resto immutabile, l anima compie il suo viaggio verso la sua destinazione finale, dove acquisirà un nuovo status (presso i Dayak, quello di antenato e spirito protettore); nel frattempo, i fluttuanti si trovano in una condizione di impurità, che deriva dal fatto che i parenti sopravvissuti del defunto, soprattutto la vedova, sono indissolubilmente uniti al destino del morto. La cerimonia finale, infatti, ha tre funzioni: dare ai resti la sepoltura definitiva, assicurare all anima il riposo e l accesso ai paesi dei morti e infine sollevare i sopravvissuti dall obbligo del lutto, liberarli dall impurità e dai divieti e reintegrarli pienamente nel mondo dei vivi. Questa triplice correlazione tuttavia, affermò Hertz, non è sempre presente in modo completo: in alcune culture (viene in mente quella vittoriana, se volessimo fare un esempio europeo), è previsto un lungo periodo di lutto senza che vi sia l usanza della doppia sepoltura. Due anni dopo, nel 1909, Van Gennep diede alle stampe il suo libro Riti di passaggio. Van Gennep considerò i funerali come una tipologia della più vasta categoria dei riti di passaggio, tra i quali va annoverato anche il matrimonio o l iniziazione alla vita adulta. Nel rito funebre si possono individuare tre fasi: alla necessaria separazione dei vivi dal morto segue lo stadio di margine o liminarità (tempo di lutto per i dolenti e tempo del viaggio dell anima per il defunto). Infine, la fase conclusiva è caratterizzata dall aggregazione del defunto al mondo dei morti e dalla rinnovata accoglienza dei dolenti nel contesto dei vivi. Il lungo processo di metamorfosi del morto verso la condizione di antenato, cioè (e il corrispondente stato del dolente in attesa di essere riaggregato al mondo dei vivi), viene concepito da Van Gennep come un periodo liminare (dal latino limen, soglia), di sospensione. Anche per Van Gennep, dunque, la dimensione sociale del rito su cui gli antropologi insistono è dunque indissolubilmente legata all esigenza condivisa di lasciare passare un certo tempo tra la morte e il ritorno alla normale quotidianità, affinché dolenti e comunità possano affrontare nuovamente il mondo con fiducia dopo una perdita. In questi classici dell antropologia del lutto si parla, a proposito dei sopravvissuti dopo una morte, di riti funebri, e non di elaborazione del lutto, concetto costruito dalla psicoanalisi e con una connotazione prettamente occidentale, che ci apprestiamo a descrivere. 2

3 LA PSICOANALISI E LA PSICOLOGIA La visione del lutto come processo di «guarigione psicologica», che si compie nell interiorità dell uomo, non poteva avere altra culla che l Occidente, che fin dal XIX secolo ha puntato a valorizzare l autonomia dell individuo, la sua unicità, la sua creatività. Alle origini ci fu l opera di Sigmund Freud: nel 1917, nel breve saggio Lutto e melanconia, pur distinguendo il lutto dalla depressione, egli pose al contempo in luce i punti comuni tra i due stati psichici. Enucleò i sintomi di un lutto profondo, specificò in cosa consiste il «lavoro» o «elaborazione» del lutto e contemplò la possibilità che il lutto divenga, in alcuni casi, patologico. Il lutto comporta la «perdita di interesse per il mondo esterno», la «perdita della capacità di scegliere un qualsiasi nuovo oggetto d amore (che significherebbe rimpiazzare il caro defunto)», «l avversione per ogni attività che non si ponga in rapporto con la sua memoria». Il lavoro del lutto richiede, anche per Freud, tempo e dispendio di energia, ma nella sua ottica si tratta del tempo e dell economia psichica dell individuo, e non è in gioco la collettività: è necessario infatti un «esame di realtà», che dimostri al dolente «che l oggetto amato non c è più», affinché, lentamente, egli si convinca dell esigenza «che tutta la libido sia ritirata da ciò che è connesso con tale oggetto». Poiché «gli uomini non abbandonano volentieri una posizione libidica», può manifestarsi un avversione per la realtà, un ripiegamento del dolente su se stesso: l elaborazione del lutto, in tal caso, si prolunga, fino a che non sia stipulato un doloroso compromesso tra il riconoscimento della realtà della perdita e la necessità di ritornare alla vita normale. Infatti, scrisse Freud, «la normalità è che il rispetto della realtà prenda il sopravvento». Un lutto normale si risolve spontaneamente, secondo l iniziatore della psicoanalisi, a patto che ci siano il tempo e l energia necessari per portare a termine il lavoro del lutto, che ha come esito lo scioglimento del «proprio legame con l oggetto annientato», ossia con il defunto. Il lutto patologico, invece, può insediarsi nella psiche quando la relazione con il deceduto era particolarmente ambivalente, intrisa d odio inconscio: l ambivalenza amore/odio, infatti, genera senso di colpa nei confronti del morto, «conferisce al lutto una configurazione patologica e lo costringe a manifestarsi sotto forma di autorimproveri secondo i quali il soggetto è responsabile ossia ha voluto la perdita dell oggetto d amore». Le successive parziali correzioni della teoria del 1917, operate da Freud e da Abraham, i quali sottolinearono l esistenza di un identificazione e di un introiezione del morto (il mettere i nostri morti all interno del nostro Io), accentuavano, se vogliamo, proprio la dimensione privata e interiore del cordoglio. Altri psicoanalisti, come Melanie Klein, insisterono sull interpretazione del lutto come malattia della psiche, e del suo superamento come processo di faticosa ricostruzione del 3

4 mondo interiore, che richiede anche un riesame delle esperienze infantili, e il cui successo, in sovrappiù, dipende dalla costituzione del soggetto. La riflessione contemporanea, tuttavia, si fonda non tanto sulle teorie psicoanalitiche, quanto sull opera di John Bowlby, uno psichiatra che negli anni Cinquanta, su incarico dell Organizzazione Mondiale della Sanità, condusse una ricerca sulle condizioni psichiche dei bambini costretti a vivere lontani dalla famiglia che lo portò a riflettere sulla perdita e sul lutto. Il paradigma di Bowlby si differenzia da quello psicoanalitico, poiché contamina l argomentazione clinica di quest ultimo con altri saperi: l etologia, la biologia, la teoria dei sistemi e la psicologia cognitiva. Egli intende descrivere gli elementi di un processo di lutto «normale». Si tratta di una teoria molto nota, di uno schema studiato e utilizzato da tutti coloro che, oggi, si occupano di sostegno al lutto e di counseling. Partendo dai dati di una ricerca sociale condotta dal collega e amico Colin Murray Parkes, Bowlby individuò quattro fasi psichiche che caratterizzano la risposta a una perdita importante: a) la prima fase è di stordimento, di incredulità di fronte alla notizia della morte. b) segue la fase di ricerca e struggimento per la persona perduta, che si accompagna alla presa d atto episodica, non ancora definitiva, della realtà della morte. Dolore e pianto caratterizzano questo stadio, insieme a insonnia e preoccupazione. c) la fase di disorganizzazione e disperazione è quella nella quale si attraversa l insieme delle emozioni violente e dolorose in parte già ricordate e si comincia a tollerarle, a riconoscere che la perdita è definitiva e che non si può far altro che lasciare alle spalle gli stili precedenti di pensiero e azione per inventarne altri, e riformare e adattare la propria vita alla nuova situazione. Poiché tale compito è arduo, e prima di trovare un nuovo adattamento il dolente deve abbandonare quello passato, non è inconsueto che egli si senta solo, privo di punti di riferimento e che sprofondi nella depressione. d) infine, se il lutto imbocca la strada giusta, segue la fase della riorganizzazione, nella quale, appunto, il dolente compie quei cambiamenti che lo conducono a un nuovo adattamento all esistenza. Le fasi del lutto individuate da Bowlby non si susseguono sempre cronologicamente e non sempre tutte le manifestazioni sono presenti: tuttavia, il loro apparire segnala che il lutto si sta svolgendo in modo normale. Pertanto, egli ritiene che siano in errore coloro che, di fronte ai sintomi da lui individuati, li interpretino come patologici, immaginando che il lutto normale debba essere breve e indolore. Il principale limite della teoria delle fasi di Bowlby consiste nel fatto che, immaginando di descrivere un processo «naturale», che trova il suo fondamento nella biologia e nella teoria evoluzionista, egli non si rende conto che il lutto «normale» è tale forse solo nel contesto della cultura da lui analizzata. Egli restò, così come il collega Parkes, sempre convinto che, malgrado le enormi differenze riscontrabili nei costumi sociali del lutto, le reazioni individuali dell uomo alla perdita siano le stesse, naturali, universali e originarie. 4

5 PSICOLOGI E ANTROPOLOGI: RIPENSAMENTI Più recentemente, psicologi più attenti all'antropologia, come Paul Rosenblatt, hanno dimostrato che non solo variano le manifestazioni delle emozioni, ma differiscono le stesse emozioni, le quali sorgono all'interno di un contesto culturale, e non prima e indipendentemente da questo. Rosenblatt ha voluto studiare le reazioni delle altre culture di fronte alla perdita, sia al fine speculativo di sottoporre a vaglio critico le teorie occidentali sul lutto, sia con lo scopo pratico di dare indicazioni ai counsellor che operano nella società multiculturale. Secondo Rosenblatt, gli studiosi che enfatizzano le similitudini tra tutti gli esseri umani si riferiscono al fatto, indiscutibile, che la morte di un congiunto porta con sé un forte impatto emotivo, tristezza e sconvolgimento. Tuttavia, non ci sono prove che l umanità affronti la morte nello stesso modo in culture differenti: pertanto, è più corretto partire dal presupposto della diversità. Dai resoconti degli antropologi, infatti, si possono desumere comportamenti dissimili, che riguardano svariati aspetti della reazione alla perdita. In primo luogo, non tutte le culture ritengono adeguata l estrinsecazione delle medesime emozioni di fronte alla morte. Vi sono culture che privilegiano l espressione del dolore e altre che ritengono appropriata la manifestazione di rabbia, così come ve ne sono che richiedono ai propri membri di piangere e altre di avere un saldo controllo delle proprie emozioni. Per esempio, l antropologa Unni Wikan, che ha paragonato le reazioni al lutto in due comunità musulmane, Bali e gli slum del Cairo, in Egitto, ha affermato che a Bali l espressione di emozioni forti è considerata pericolosa per la salute individuale e collettiva, poiché rende l intera comunità vulnerabile di fronte ai malefici; viceversa, nella cultura cairota, di fronte a una perdita importante, è considerato normale restare immersi, anche per anni, in una profonda depressione. L idea che le emozioni siano culturalmente condizionate è condivisa dalla maggior parte degli antropologi, da Clifford Geertz a David Le Breton. Anche i sociologi Clive Seale e Tony Walter affermano che non esistono culture ove le emozioni del lutto siano naturali e naturalmente espresse: ogni società costruisce socialmente le emozioni dei propri membri, stabilendo il campo delle possibilità più o meno rigidamente. L antropologia, dunque, ha fornito importanti stimoli per ripensare sia la tesi dell unità psichica dell uomo, sia il modello culturale del lutto come processo di elaborazione e come «lavoro» individuale. In particolare, come afferma Dennis Klass, l antropologia contemporanea ha superato la netta dicotomia universalismo/relativismo psichico, mediante la tesi secondo cui la mente umana si sviluppa all interno di ricche interazioni, in una complessa dialettica e scambio tra esperienza umana e formazione di modelli culturali. 5

6 Vi è stato dunque un ripensamento all'interno della psicologia, che ha smesso di guardare alle proprie categorie come a degli assoluti, ma le ha problematizzate. In particolare, in un numero dell American Behavioral Scientist, del 2001, interamente dedicato al lutto, si sono confrontati i più importanti ricercatori europei ed americani, mettendo in discussione le nozioni più radicate della psicologia del lutto, a partire da quella, criticata da George Bonanno, di «elaborazione del lutto». La critica di Bonanno si appunta inoltre alla distinzione tra lutto normale e lutto patologico, al ruolo dell espressione delle emozioni nella risoluzione del lutto, alla visione del legame con il morto (è sempre progressivo rompere i legami con il defunto o è meglio piuttosto continuare a tenerli vivi?). Il saggio conclusivo, della studiosa olandese Margaret Stroebe, tenta di sintetizzare le osservazioni di tutti e di fissare alcuni punti fermi, che possano servire per un ulteriore approfondimento della ricerca. Qualche riferimento ci permetterà di esemplificare la direzione dei ripensamenti. In primo luogo, Stroebe riafferma l efficacia del concetto di elaborazione del lutto. Le critiche, per esempio quella che deriva dalla prospettiva interculturale, non vanno sottovalutate, anzi devono essere assorbite dalla riflessione. Tuttavia, ella afferma, il concetto di elaborazione va difeso perché utile dal punto di vista operativo. Ma una seria ricerca è ancora da fare, soprattutto per quanto riguarda la separazione che va operata tra i processi che si rivelano costruttivi all interno del processo di elaborazione del lutto e quelli non costruttivi. Quando Stroebe dice «costruttivo» intende dire latore di benessere fisico e mentale per il dolente. E, certamente, costruttivo è ciò che contribuisce a uno scioglimento del dolore della perdita, come richiesto dalla nostra società: Stroebe si colloca all interno del paradigma occidentale. Tuttavia, ella sostiene l utilità di avviare ricerche che permettano di andare oltre gli stereotipi teorici della psicoanalisi, per comprendere meglio le esigenze dei dolenti. In sintesi, la nozione di «elaborazione del lutto» deve trasformarsi da concetto generale ad analisi particolareggiata del processo, valutandone le componenti cognitive ed emotive e facendo tesoro, al contempo, dell esperienza clinica e dei risultati della ricerca sociale. Per esempio, è auspicabile esprimere il dolore, la rabbia e la disperazione nel lutto? Bonanno e Field hanno mostrato che spesso il fatto che il dolente palesi le emozioni negative è sintomo di una difficoltà di adattamento, che può manifestarsi anche nel lungo periodo (5 anni): la loro ricerca può servire come richiamo alla prudenza per coloro che tendono a considerare sempre positivamente l espressione di sentimenti. Che dire poi del frequente tentativo delle persone in lutto di sfuggire al dolore, di sottrarsi al pensiero della morte? Se il diniego estremo della perdita è nocivo, perché ritarda la presa di coscienza dell accaduto, talvolta un parziale evitamento, o una distrazione dal lutto, possono essere funzionali al riadattamento. Riprendere il lavoro o riallacciare relazioni sociali possono essere momenti utili. Questa riflessione invita a non schematizzare i comportamenti e a cogliere le differenze tra il diniego patologico e un normale desiderio di evitare la sofferenza. 6

7 Anche la discussione sull opportunità di mantenere o meno un legame con il defunto, su cui Walter aveva riflettuto nel suo libro On Bereavement, può essere ricomposta, secondo Stroebe, con un analisi più dettagliata: un attaccamento complicato e patologico al defunto è cosa diversa dal trovare un posto per il morto nella vita che continua. È necessario cioè esplicitare la natura del legame che si prolunga: per esempio, costruttive possono essere la ricollocazione del defunto nella vita e il culto della memoria, mentre non costruttive l identificazione con il morto e la dipendenza. Anche la più recente riflessione sociologica (ad esempio il già citato Clive Seale) ha messo in luce come le categorie psicologiche possono essere utili per fornire un contesto interpretativo del lutto nella società occidentale, purché sia presente la consapevolezza della relatività di tali categorie. IL LUTTO NELLA STORIA CULTURALE E un aspetto che le grandi sintesi di storia della morte di Ariès e Vovelle trattano marginalmente. Ariès si limita a qualche pennellata qua e là sul tema del lutto: afferma che la ritualizzazione e la socializzazione del lutto, riscontrabili nelle classi aristocratiche a partire dal Sei-Settecento, finiscono per bloccare l espressione del rimpianto, per paralizzare il dolente, per fungere da diaframma tra l uomo e la morte. A proposito dell Ottocento, ritiene che la diffusione dei costumi del lutto e del culto dei defunti indichi lo spostamento d attenzione, a suo parere molto rilevante, dalla morte del sé alla morte dell altro: ma non spiega il passaggio dalla cultura romantica e vittoriana del lutto alla situazione novecentesca sua contemporanea, peraltro stigmatizzata da Ariès sulle orme dell antropologo Geoffrey Gorer. Gorer, infatti, condusse una ricerca sociale sulla percezione e i riti del lutto all inizio degli anni Sessanta in Inghilterra, e concluse che ci si trovava di fronte ad una grave crisi culturale, che comportava l abbandono dei dolenti; la società contemporanea chiedeva infatti all individuo, anche se implicitamente, che il lavoro del lutto e il superamento della perdita si compissero in privato, senza rattristare i propri simili. Secondo Gorer, perduti i riti sociali del lutto, si era smarrita anche la solidarietà elementare tra le persone. Vovelle, più sistematicamente di Ariès, tentò di tracciare una storia del lutto nelle pagine del suo La morte e l Occidente dal 1300 ai giorni nostri, in particolare a partire dall età barocca, quando il costume del lutto emerge in ambiente di corte e aristocratico. Narrò inoltre, seppure brevemente, della rivendicazione del diritto alle lacrime avanzata da alcuni correnti settecentesche, della maggiore diffusione e enfatizzazione del lutto nell Ottocento, utilizzando come fonti le incisioni d epoca, i livres de raison, le cronache, oltre che i giornali e le riviste di moda; descrisse le prescrizioni borghesi ottocentesche, gli abiti di lana e crespo nero delle vedove, i cappelli e il crespo al braccio degli uomini, la durata del lutto a seconda del sesso e della parentela, le visite di condoglianze, la frequentazione del cimitero. Sempre nel noto volume La morte e l Occidente, 7

8 Vovelle mise in luce il parziale declino di questi costumi già alla fine del secolo XIX, citando la fondazione, nel 1875, in Inghilterra, della National Funeral and Mourning Association, che predicava il ritorno ad una maggiore semplicità rituale; e collocò cronologicamente negli anni Venti e Trenta, con la modernizzazione e dopo la Prima Guerra Mondiale, il loro definitivo affossamento. Sulla Prima Guerra Mondiale, talora intesa come potente cesura tra un prima (romantico, borghese e vittoriano dei costumi del lutto, fortemente normati e condivisi socialmente) e un dopo (l azzeramento dei costumi precedenti e la privatizzazione e individualizzazione del lutto) esiste una discussione tra gli storici. Molti, e in primo luogo Gorer, hanno fatto risalire alla Prima guerra mondiale la decadenza della cultura borghese e romantica della morte, che incoraggiava soprattutto le donne a mantenere solidi legami con i defunti e a dedicare loro un importante culto familiare e sociale. L Ottocento manifestava una preoccupazione condivisa per i morti e per coloro che restavano, un forte culto delle tombe, un educazione, fino dall infanzia, a convenzioni sociali radicate, e in sostanza a costumi collettivi funzionali a far fronte alla morte. Il conflitto del rappresenterebbe una frattura epocale, che ha provocato i primi cambiamenti dei costumi relativi al lutto nel corso del Novecento: la morte di massa, il lavoro delle donne durante la guerra, l esigenza di non piangere per non deprimere il morale della nazione, e l eccessiva quantità delle vedove avrebbero infatti contribuito a far cadere in desuetudine i costumi mortuari tradizionali. Tuttavia, non mancano le fonti che paiono contraddire questa interpretazione, forse non falsa, ma riduttiva e troppo schematica: sia descrivendo scenografie brulicanti di donne in nero, anche dopo la fine della Prima guerra mondiale, sia narrando l importanza della solidarietà sociale e dei rituali di lutto e di commemorazione, come fanno, per citare i più grandi, Jay Winter, Stéphan Audoin-Rouzeau, Annette Becker e George Mosse. A questo proposito, un utile fonte per individuare il momento del regresso della cultura romantica, che aveva diffuso i propri costumi del lutto in buona parte dell Europa, è rappresentata dai galatei: rivolti soprattutto alle donne, che di quella cultura erano le vestali, si preoccupavano di fornire indicazioni di saper vivere a proposito di occasioni luttuose, accanto a quelle dedicate a matrimoni e battesimi. Vero è che il galateo indica un dover essere e non rispecchia esattamente le usanze, tuttavia tende a seguire e esplicitare la moda e i criteri correnti di buona educazione. I galatei ci dicono che l acme delle usanze della morte borghese, tra cui il lutto esteriore di lunga durata, si ha nella seconda metà dell Ottocento, mentre il regresso è collocabile in parte dopo la Prima, e in modo più definitivo dopo la Seconda guerra mondiale. In modo simile a Vovelle, Pat Jalland ridimensionò il ruolo della guerra mondiale, sostenendo che alcune tendenze centrifughe, rispetto alla cultura vittoriana del lutto, esistevano già prima del La studiosa affermò che tali usanze erano fondate soprattutto sulla fede (sottovalutando forse il ruolo che ebbe la borghesia, ispirata a valori soprattutto terreni, nel radicamento di tali costumi), e 8

9 aggiunse che questi ultimi erano già stati incrinati dalle teorie di Darwin sull origine della specie, dall esplosione della moda dello spiritismo e dalla nascita della cremazione. La guerra, che aveva l esigenza di semplificare i riti per non abbattere il morale della nazione, non aveva fatto altro che accelerare un processo già in corso. Naturalmente, nel venir meno della cultura vittoriana della morte non vi sono solo aspetti deteriori, non solo una perdita di ritualità valutabile negativamente. Questo è un aspetto che David Cannadine volle mettere in luce, ritenendo che la guerra abbia condotto a una cultura della morte più semplice ed egualitaria. In modo analogo, Ernesto de Martino diede un giudizio positivo sull essenzialità e sobrietà dei costumi funebri della fine degli anni Cinquanta, e sull espressione sommessa del dolore in Italia perlomeno nell Italia settentrionale. La storia culturale, cioè, ha cominciato ad interrogarsi sul passaggio, in Europa, dalla cultura ottocentesca del lutto, romantica, comunitaria e borghese, a quella odierna, essenziale, poco cogente ma impoverita, che delega agli individui il superamento del dolore: la cesura su cui si è maggiormente elaborato è quella della Prima guerra mondiale. Da questo punto di vista, molto lavoro resta da fare, ed è necessario osservare dal punto di vista del lutto gli anni tra le due guerre, il secondo Conflitto mondiale, l effetto devastante del genocidio degli ebrei, e il secondo dopoguerra, fino ai giorni nostri; tenendo conto dei grandi mutamenti dell occidente, quali l individualizzazione estrema e il prolungamento dell aspettativa di vita media, le modalità assunte dall urbanizzazione e l obbligo, per gli individui, di essere autonomi e autosufficienti in tutto, anche e soprattutto nel dolore. In prima approssimazione, si può comunque dire che la mancanza di riti condivisi si fa sentire, emerge come forte disagio sociale, sensazione di solitudine e isolamento di fronte alla morte e al dolore della perdita. Apparentemente, è lasciata ad ogni individuo un ampia libertà di scelta di comportamenti: piangere o non piangere, commemorare o meno, esprimere il dolore o continuare la propria vita normalmente. In realtà, questa libertà e quest autonomia sono per lo più estremamente gravosi: lasciano i dolenti in balia di se stessi, senza guida, senza punti di riferimento, senza abitudini collettive, costretti a interrogarsi su quali azioni sia opportuno compiere e quali sentimenti sia lecito esprimere. Tuttavia, anche questa faticosa libertà è apparente. Poiché ogni società non può esimersi dal regolamentare la morte e gli eventi che la circondano, la nostra, che attraversa una seria crisi rituale, ha trovato due solidi sostituti della dimensione impoverita della cultura della morte: la psicologia e la medicina, aree del sapere potenti, e investite di un prestigio condiviso. Non a caso, le proposte per fronteggiare il problema sociale del lutto provengono oggi proprio dall'area della medicina e della psicologia, i gruppi di auto mutuo aiuto (che l'organizzazione 9

10 Mondiale della Sanità valuta positivamente per la risoluzione di molti problemi che hanno a che fare con la salute pubblica), il counselling (psicologico e filosofico), le psicoterapie. Marina Sozzi, Fondazione Fabretti BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Antropologia Bloch M. e Parry J. (a cura di), Death & the regeneration of life, Cambridge University Press, Cambrdge, De Martino E., Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria, Bollati Boringhieri, Torino, Di Nola A. M., La nera signora. Antropologia della morte e del lutto, Newton Compton, Roma Hertz R., Contribution à une étude sur la représentation collective de la mort, «Studi Tanatologici», n. 2, 2006, pp Hertz, R., La preminenza della destra (a cura di A. Prosperi), Einaudi, Torino, Van Gennep A., I riti di passaggio (introduzione di F. Remotti), Bollati Boringhieri, Torino, Van Gennep A., Manuel de Folklore français contemporain (1939) tome I, vol. 2, Picard, Paris, Psicologia Bacqué, M.-F., Le deuil à vivre, Odile Jacob, Paris, Bowlby J., Attaccamento e perdita, vol 3 : la perdita della madre (1980), Bollati Boringhieri, Torino, Freud S., Opere, vol. 8, Introduzione alla psicoanalisi e altri scritti, , Bollati Boringhieri, Torino, Freud S., Opere, vol. 9, L Io e l Es e altri scritti, , Bollati Boringhieri, Torino, Freud S., Scritti sulla guerra e la morte (a cura di L. Marchetti), Palomar, Bari,1997. Klein M., Il lutto e la sua connessione con gli stati maniaco-depressivi, in Scritti, , Boringhieri, Torino, Parkes C. M. e Weiss R. S., Recovery from bereavement, Basic Books Publishers, New York, Parkes C. M., Il lutto. Studi sul cordoglio negli adulti (1972), Feltrinelli, Milano,1980. Parkes C. M., Laungani P., Young B. (a cura di), Death and Bereavement across Cultures, Routledge Rando Th. A., Treatment of complicated Mourning, Paperback Rosenblatt P.C., Walsh R.P., Jackson D.A., Grief and Mourning in Cross-Cultural Perspective, Paperback, Rosenblatt P.C., Parent grief: Narratives of Loss and Relationships, Routledge, 2000 Rosenblatt P.C., B. R. Wallace, African-American Grief, Routledge Stroebe M., Bereavement Research and Theory: Retrospective and Prospective, «American Behavioral Scientist», vol. 44, n. 5, gennaio 2001, pp Sociologia Gorer G., Death, Grief and Mourning. A study of contemporary society, (1965), 2 ed., Anchor Books, New York

11 Seale C., Constructing Death. The sociology of Dying and bereavement, Cambridge University Press, Cambridge, Walter T., On bereavement. The culture of grief, Open University Press, Buckingham-Philadelphia, Storia Audoin-Rouzeau S., Becker A., La violenza, la crociata, il lutto. La Grande Guerra e la storia del Novecento (2000), Einaudi, Torino, Cannadine D., War and Death, Grief and Mourning in Modern Britain, in J. Whaley (a cura di), Mirrors of Mortality: Studies in the Social History of Death, Europa, London,1981, pp Gibelli A., L officina della Guerra. La Grande Guerra e le trasformazioni del mondo mentale (1991), Bollati Boringhieri, Torino Jalland P., Death in the Victorian Family, Oxford University Press, Oxford, Janz O., Klinkammer L., La morte per la patria. La celebrazione dei caduti dal Risorgimento alla Repubblica, Donzelli, Roma Molinari, A., Donne e ruoli femminili nell Italia della Grande Guerra, Selene Edizioni, Milano, Mosse G.L., Le guerre mondiali. Dalla tragedia al mito dei caduti (1990), Laterza, Roma-Bari, Nonnis Vigilante S., Le corps en deuil: la mise en scène de la mémoire dans les traités de savoirvivre. France-Italie XIXe et XXe siècles, in R. Bertrand, A. Carol, J-N. Pelen, Les narrations de la mort, Publications de l Université de Provence, Aix-en-Provence, Winter J., Il lutto e la memoria. La grande guerra nella storia culturale europea (1995), Il Mulino, Bologna,

Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo. il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta

Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo. il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta Il trauma del lutto: ricostruzione psicologica ed emotiva dopo il dolore della perdita 8 aprile 2013 Dr.ssa Laura Porta Definizione Il lutto è il sentimento di intenso dolore che si prova per la perdita,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Le nuove sfide dell educazione Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Vivere le emozioni difficili La sofferenza nell età evolutiva Educare bambini e adolescenti al dolore emotivo

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane Mary Douglas Mary Douglas (1921 2007), antropologa inglese, allieva di Evans Pritchard, appartiene alla scuola funzionalista rinnovata nel dopoguerra dal pensiero di Evans Pritchard Mary Douglas Purezza

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente

Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente Raccomandazione in favore del riconoscimento giuridico del lavoro di cura del familiare assistente Preambolo Si intende per familiare assistente un membro della famiglia che si prende cura in via principale,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

L OSSERVAZIONE PARTECIPANTE. il cuore delle ricerca etnografica

L OSSERVAZIONE PARTECIPANTE. il cuore delle ricerca etnografica L OSSERVAZIONE PARTECIPANTE Osservazione è: la tecnica principe per lo studio dell interazione sociale, delle pratiche e del senso comune. il cuore delle ricerca etnografica Alcune caratteristiche generali:

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Il Colloquio con le persone in lutto.

Il Colloquio con le persone in lutto. Training base in Counseling in Ambito Sanitario La malattia grave: fine vita ed elaborazione del lutto. Il Colloquio con le persone in lutto. Roma, 23-24 novembre 2013 F. Crescenzi www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene''

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' Studio Associato di Psicologia Dott.ssa Boschetti Manuela Dott.ssa Bronzetti Romina Dott.ssa Croatti Roberta Dott.ssa Zanotti Ilenia Cell. 334 8458393 Cell.

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA Biografia Nato il 6 maggio 1856 a Freiberg. A quattro anni trasferimento a Vienna. Fu sin dall inizio un bambino sveglio e molto interessato. Al

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Cos è la Psicoterapia

Cos è la Psicoterapia Cos è la Psicoterapia La psicoterapia è una forma di trattamento dei disturbi psichici e della sofferenza umana. Esistono varie forme di psicoterapia, dalla psicoanalisi alla psicoterapia cognitiva e comportamentale.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Malattia e morte di un fratello

Malattia e morte di un fratello Malattia e morte di un fratello Prof. Tonino Cantelmi Presidente AIPPC Dr.ssa Marta Paniccia Psicoterapeuta familiare (SCINT Istituto per la Ricerca in Psicoterapia Cognitivo Interpersonale e Accademia

Dettagli