INTERVENTO DECORATIVO PER IL CIMITERO DI MONTIRONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERVENTO DECORATIVO PER IL CIMITERO DI MONTIRONE"

Transcript

1 INTERVENTO DECORATIVO PER IL CIMITERO DI MONTIRONE Come nasce il progetto L intervento decorativo al Campo Santo di Montirone nasce dalla volontà di valorizzare un area cimiteriale attraverso l arte e la bellezza. Il progetto, avviato nel gennaio 2010, è stato possibile grazie alla firma di un protocollo d accordo fra il Sindaco di Montirone Francesco Lazzaroni, l Assessore ai lavori Pubblici Massimo Stanga, e il Direttore dell Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia l architetto Riccardo Romagnoli. L iniziativa fa parte di una attività didattica organizzata dall Accademia Santa Giulia con la collaborazione di personale esperto quale il prof. David La Fede e la prof.essa Paola Zanoni, docenti di Decorazione. Grazie alla supervisione e al coordinamento degli insegnanti, noi studenti abbiamo realizzato interamente un lavoro di alto livello artistico, curandolo dalle fasi progettuali a quelle esecutive. Struttura Il campo santo di Montirone è un edificio antico recentemente ampliato. La costruzione preesistente si presenta come il tipico cimitero di provincia, realizzato alla monumentale, con porticati, nicchie e monumenti; esso risulta allo stesso tempo molto semplice ed umile grazie alla sua struttura lineare e all uso di materiali modesti ma nobili, come la nuda pietra e il marmo. La necessità di spazio ha portato il Comune ad un successivo ampliamento dell area cimiteriale, avvenuto grazie alla costruzione di una struttura adiacente. Il progetto risale al 2004, ed è stato affidato all architetto Camillo Botticini. La nuova porzione si congiunge alla parte antica tramite un porticato che conduce direttamente alla cappella per i riti funebri. Lo spazio è scandito da cortili e corridoi di forme geometriche che danno luogo ad una struttura essenziale e minimalista in intonaco bianco. Zona scelta Durante i primi sopraluoghi la nostra attenzione si è soffermata su una parte della struttura muraria che serve da elemento di congiunzione fra il cimitero antico e quello nuovo, conducendo il visitatore fino alla cappella per le celebrazioni. Si tratta di una zona di percorrenza formata da un corridoio aperto da un lato, e scandito da una sequenza di 7 pareti in calcestruzzo, disposte a breve distanza l una dall altra. Abbiamo deciso di intervenire sulle superfici in muratura di questa area, che nostro parere era la più interessante nonché la più adatta. La sua posizione avrebbe infatti permesso di accogliere i visitatori

2 provenienti dal cimitero antico per poi accompagnarli lungo il percorso obbligato verso la cappella; allo stesso tempo avrebbe consentito ai passanti provenienti dalla nuova entrata di ammirarla frontalmente con una prospettiva più ampia. La suddivisione in pannelli avrebbe inoltre concesso la divisione del lavoro in più momenti e fra più studenti contemporaneamente. Ogni pannello è separato dal vicino da una fessura di 15 cm circa e misura 250 x 380 cm, per un totale di 66,5 mq. Contenuto Per l intervento decorativo al Campo Santo di Montirone abbiamo scelto come tema centrale quello della vita. Prendendo come fonti le Sacre Scritture abbiamo voluto affrontare questo argomento risalendo alla creazione come viene narrata dal libro della Genesi. Analizzando il testo biblico abbiamo concentrato la nostra attenzione sugli elementi più significativi di questo passo e abbiamo tentato di trasformarli in immagini secondo la nostra personale interpretazione Attraverso il racconto della creazione volevamo porre l attenzione sul gesto di assoluto altruismo con cui Dio, architetto di tutto il creato, decise di plasmare un essere a Sua immagine e somiglianza. per infondere in esso la vita. Ricordando l atto con cui Dio ha generato l uomo volevamo rendere consapevole l osservatore del dono prezioso ricevuto dall umanità, spingendo l osservatore a considerare la vita secondo una visione ottimista dell esistenza. Il tema affrontato si ricollega anche a quello della morte ma esclusivamente secondo una visione ottimistica incentrato sulla speranza di una vita ultraterrena. L intervento decorativo è composto da una sequenza di scene che raccontano la storia della creazione divina come fosse un atto unico, continuo e senza fine. Ognuno dei sette pannelli tratta uno dei sette giorni della creazione cosi come vengono descritti dal Libro della Genesi. Ogni scena illustra fasi successive dell operato di Dio e rappresenta momenti temporalmente diversi; ciascuna possiede un identità propria tanto che ogni pannello potrebbe essere considerato come un opera d arte a se stante, ma se si osserva l intera sequenza l impressione che ne deriva è quella di ammirare il racconto di una storia che procede e si sviluppa senza mai essere interrotta nemmeno alla fine. Gli elementi decorativi infatti proseguono idealmente da un pannello all altro, assumendo forme e significati diversi, come se si trattasse di una composizione decorativa concepita come unica e separata fisicamente solo in una fase successiva. Per questo motivo è facile leggere l unità della narrazione nonostante le pareti siano in realtà divise. Le strisce decorative riprese all interno di giornate diverse consentono di cogliere una certa continuità ma questo è possibile soprattutto grazie anche ad un altro elemento, importante sia per il suo aspetto decorativo che per il suo significato. Si tratta di una linea rossa che come un nastro percorre sinuosamente ogni raffigurazione senza interrompersi ne terminare mai. La linea rappresenta il tocco divino, il fluido generatore che crea la vita al suo passaggio, di

3 colore rosso per richiamare l energia e la spiritualità dell atto divino, il fuoco e il sangue. Nel primo giorno, quando il Creatore da inizio al suo progetto, essa compare attorcigliata in un nodo, quasi come se il groviglio della confusione primordiale dovesse essere sbrogliato dall intervento divino. Il suo percorso accompagna tutta la composizione per testimoniare la presenza di Dio ma non si conclude nell ultimo giorno. La linea rossa rimane sospesa all infinito conducendo lo sguardo verso la cappella del cimitero, il luogo più adatto in cui rivolgere una preghiera ai cari defunti. La volontà di proseguire idealmente la linea, simbolo della presenza del Signore, vuole essere un messaggio per il fedele: la vita non è destinata a morire sulla terra ma a continuare dire essere un rimandare alla continuità della vita oltre la morte Un altro tracciato accompagna la linea rossa lungo il suo percorso, un filamento di rame che vuole enfatizzare la presenza divina nel creato; questo filo sottile si avvolge attorno alla principale e assume particolare rilievo nel sesto pannello, dove abbraccia le figure dell uomo e della donna per testimoniare lo stretto legame tra Dio e i progenitori della specie umana. Il racconto della creazione usa lo schema letterario dei sette giorni. Il racconto suppone uno stato iniziale informe, in cui predominano le tenebre e l'acqua. La creazione avviene per separazioni successive. Dal libro della Genesi: Primo racconto della creazione 1 pannello : 1 giorno Dio disse: Sia la luce!. E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno... Nel primo pannello la vita viene generata; da un nodo che si scioglie lentamente si origina una linea rossa che percorre sinuosamente gli altri pannelli. Il tema centrale rappresenta la contrapposizione primordiale fra la luce, che rimanda alla creazione divina, e le tenebre, simbolo della negazione. 2 pannello: 2 giorno Dio disse : Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque che son sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno Nella seconda parete la linea si distende orizzontalmente al centro della scena dove, nel caos primordiale, le acque che sono sopra, ovvero le precipitazioni, vengono divise dalle acque che sono

4 sotto, come i mari e gli oceani. In quest ultimi nuotano batteri e microorganismi, che costituiscono il primo anello della catena evolutiva, proprio a rappresentare la nascita delle prime forme di vita. 3 pannello: 3 giorno Dio disse: Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l asciutto. E così avvenne. Dio chiamò l asciutto terra e la massa delle acque mare. E dio vide che era cosa buona. E Dio disse: La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie. E così avvenne: la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina : terzo giorno. Anche la rappresentazione del terzo giorno vede la linea rossa come elemento di separazione, ma in questo caso sono le acque degli oceani che vengono isolate dalla terra per consentirle di germogliare; abbiamo scelto di raffigurare la vegetazione che cresce con una grande pianta da frutto la quale sparge i propri semi al vento per diffondersi sulla terra. L albero è un elemento ricorrente nella simbologia cristiana: l albero della vita, tradizionalmente indica l immortalità, mentre l albero del bene e del male è il simbolo delle scelte morali. Un altro richiamo si può trovare nella leggenda della vera croce, dove la creazione dell albero che fruttifica viene trasformata in stilizzazione del concetto di legno che diventa croce di Cristo e bastone di Mosè. 4 pannello: 4 giorno Dio disse: Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra. E così avvenne: Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno. Il quarto pannello cambia completamente ambientazione, per far spazio alle luci del firmamento; la linea passa attraverso il sole rendendo possibile l opposizione tra notte e giorno. 5 pannello: 5 giorno Dio disse: le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo. Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio

5 vide che era cosa buona. Dio li benedisse: siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra. E fu sera e fu mattina: quinto giorno Nel quinto giorno il cielo popolato di uccelli in volo si contrappone, sempre per mezzo della linea, ai mari e agli oceani brulicanti di pesci ed esseri viventi. 6 pannello: 6 giorno Dio disse: la terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie. E così avvenne: Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: Facciamo l uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra. Dio creò l uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Pio Dio disse: Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde. E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno. Il sesto giorno è stato analizzato studiato ed interpretato esclusivamente dalla studentessa Zanardini Alessandra: Il sesto pannello vede come fulcro centrale la creazione dell uomo, della donna e degli animali. In questo caso la linea non ha più funzione di dividere, ma solo e unicamente di generare: da essa sembra partire un soffio che chiama alla vita l uomo e la donna. La linea prende sempre più le sembianze di un DNA che avvitando le sue eliche dà forma ai due corpi. I corpi di Adamo ed Eva scaturiscono da una stessa origine; la donna nasce, non dal piede come un ancella, non dal capo come una padrona, ma da un punto in comune con l uomo per significare osso delle mie ossa e carne della mia carne, come nel canto d amore di uno dei passi più poetici del testo biblico, nel quale Adamo elogia Eva. 1 Le figure dei progenitori sono rappresentate nella parte superiore realisticamente, ma al contempo si caricano di tratti simbolici: l attitudine del corpo allude al movimento flessuoso del serpente, causa della dannazione dell umanità. 1 Genesi, 2,23

6 La linea di rame, invece, che avvolge le figure vuol essere collegamento tra Dio e Adamo ed Eva per esprimere il concetto di somiglianza che, sulla base delle parole bibliche, lega il Creatore al primo uomo. Nella parte inferiore del pannello, in un groviglio piuttosto inverosimile, si riconoscono numerosi animali tra cui bestie selvatiche, volatili, rettili ecc.. Come punto di partenza ho analizzato il significato dei nomi in ebraico e la loro interpretazione: Uomo, in ebraico, si dice eאישysh donna yshah.אשה Nel termine uomo c è una yod (y), mentre nel יהוה (Yah) termine donna c è una he (h). Entrambe queste lettere si trovano nel Santo Nome di Dio Questo vuole dire che l unione tra l uomo e la donna è santa e Dio presente tra di loro. 2 Ho realizzato perciò i due nudi avvinghiati con la linea rossa della vita che li circonda, li protegge, li crea. In questo atto Dio non si limita soltanto a toccare ciò che genera, ma l uomo e la donna vengono originati direttamente dallo spirito divino; è il fluido rosso che in questa fase si annoda a doppia elica come un DNA e plasma i corpi che si avvitano travolti da quest aura divina. 7 pannello: 7 giorno Così furono portati compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. Allora Dio nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto Nell ultima scena della sequenza, sei tondi dipinti danzano attorno alla linea rossa. Ciascuno di essi riprende singolarmente uno dei pannelli precedenti, quasi fossero degli specchi posti a rimarcarne i contenuti e soffermarsi nella loro visione; nella Bibbia, infatti, il riposo di Dio nel settimo giorno è da interpretare come contemplazione, ammirazione del lavoro svolto e compiacimento. I cerchi essendo figure geometriche perfette, concluse in se stesse, senza un inizio ne una fine, rappresentano l infinito e l Eterno; essi alludono alla creazione: come dal cerchio derivano altre figure geometriche, così da Dio, che è concluso in se stesso, derivano tutte le cose create le quali tornano a Lui per mezzo di Cristo. 2 M. Perani. Personaggi biblici nell esegesi ebraica. Giuntina, Firenze, 2003, pp

7 La percorribilità Un concetto molto importante legato al nostro intervento decorativo è la percorribilità, in quanto abbiamo cercato di associare l evoluzione visiva e concettuale al movimento motorio. La nostra decorazione è composta da una sequenza di raffigurazioni che raccontano la storia della creazione come atto unico e continuo, in cui la narrazione si sviluppa concettualmente e visivamente una scena dopo l altra. Per favorire maggiormente la comprensione di questo evolversi nella continuità della rappresentazione abbiamo prestato attenzione alla percorribilità della zona in cui l intervento decorativo sarebbe stato inserito. Si tratta di un corridoio di passaggio, il quale costituisce un percorso obbligato per il visitatore che proviene dal cimitero antico e si dirige verso la cappella per i riti funebri. L osservatore che percorre per la prima volta questo tratto si troverà perciò sulla destra la parete con la relativa decorazione. Considerando tutti questi fattori, abbiamo preferito svolgere la rappresentazione da destra verso sinistra, ovvero dal corridoio alla cappella e non viceversa, in modo che il passante, proveniente dalla struttura vecchia, si trovasse con la prima scena della creazione all inizio del corridoio. La percezione visiva di noi occidentali è predisposta per abitudine ad una lettura da sinistra a destra, ma, visto e considerato il flusso di percorrenza di questa zona, una disposizione in quel senso sarebbe risultata più difficoltosa da comprendere. Texturizzazioni Il termine texturizzazione sta a significare una soluzione della superficie, ovvero una trama, un fondo con cui si può riempire determinate campiture. Generalmente è utilizzata come sfondo decorativo, ma spesso può diventare decorazione a sé stante se abbinata a ritmi, andamenti o linee forza. Una texture viene utilizzata per movimentare una composizione, per diversificare le superfici, per ombreggiare attenuando l impressione di bidimensionalità, ma anche per creare effetti particolari. Esistono diversi tipi di texturizzazioni: grafiche, pittoriche, a rilievo, materiche e incise. Nei sette pannelli della Creazione le textures sono parte fondamentale dell opera in quanto hanno permesso, sia di dare volumetria e movimento ai singoli pannelli, sia di creare un ritmo continuo nell intera composizione. Di seguito l elenco, la spiegazione e l impiego delle diverse tecniche utilizzate per testurizzare la nostra decorazione: textures materiche sono realizzate a rilievo, stendendo e lavorando la malta con delle spatole; la superficie risulta vibrante con giochi di luce e ombra che cambiano secondo l inclinazione dei raggi solari.

8 Questa modalità di esecuzione è stata utilizzata largamente per realizzare gli sfondi e la linea rossa. La sua composizione prevede: malta colorata, gesso e materiale inerte (sabbia e sassolini) per renderla più aggettante rispetto alla superficie di fondo. texture pittoriche sono di vario genere, da quelle di ispirazione Klimtiana a quelle in stile più liberty e scandiscono principalmente le parti che rappresentano l acqua; texture incise, sono state eseguite con l aiuto di piccoli bisturi e punte metalliche, con cui si graffia la malta superficiale per far emergere uno strato di malta sottostante, di colore diverso. La linea rossa che percorre tutte le giornate è stata realizzata con una malta tinta di rosso e gesso, con l aggiunta di sabbia e sassolini nei punti in cui serviva più aggettante; ciò che ne risulta è questa linea che percorre l intera composizione cambiando forma e spessore continuamente, con andamento sinuoso. Essa si inspessisce e si assottiglia, si unisce e si biforca e si intreccia; la sua importante struttura plastica la rende protagonista della scena. Affiancata ad essa corre una seconda e più sottile linea color rame realizzata con paste acriliche. Ogni giorno poi è scandito da numerose e variegate texturizzazioni che arricchiscono la composizione in modo fresco e vivace, rendendo in un certo qual modo la sensazione di movimento da un pannello all altro. Ci siamo occupati di ogni fase del lavoro dall ideazione con il progetto grafico fino all esecuzione materiale, compresa la preparazione dei fondi. Tecniche preparatorie Il rivestimento isolante. Ogni pannello è stato rivestito con fogli di polistirolo di circa un centimetro di spessore che consentono di isolare la decorazione proteggendola da umidità di risalita, infiltrazioni, gelo; questo per scongiurare distaccamenti, crepe, muffe e deterioramento. Sulla parete viene stesa a spatola una mano di colla da cappotto su cui viene applicato il materiale isolante. I fogli vengono poi fissati tramite dei fermi che vanno inseriti all interno del muro forandolo con un trapano; questo procedimento serve a dare alle lastre maggior presa ed aderenza sulla parete.

9 Sopra il polistirolo viene steso un altro strato di colla da cappotto e al suo interno si annega un apposita rete che va tenuta ben tesa per non creare vuoti o pieghe. Una volta stesa si passa una mano di malta in modo che la rete si fissi perfettamente. Quando quest ultimo strato risulta asciutto si può procedere con la stesura degli intonaci per realizzare l affresco o il graffito. Tecniche decorative Affresco L affresco è un antichissima tecnica di decorazione muraria nata presumibilmente in età classica in ambito greco-romano. Si tratta di un sistema pittorico del tutto particolare in quanto, a differenza di tutte le altre tecniche, non necessita di un legante per fissare il colore al suo supporto. Questo è possibile in quanto il pigmento diluito con acqua viene steso su uno strato d intonaco formato da sabbia e calce, quando è ancora fresco, ciò vuol dire che si sta asciugando ma non è ne bagnato ne secco. La durata di questa condizione particolare varia molto(a seconda di fattori quali l umidità, il tipo di calce, le condizioni atmosferiche ecc..) ma generalmente corrisponde a circa 12 ore; per questo le porzioni d intonaco che è possibile lavorare a fresco vengono convenzionalmente chiamate giornate. Quando la malta a contatto con l aria si asciuga viene innescato un processo chiamato carbonatazione dato dalla formula: Durante questa reazione chimica la calce dell intonaco esposta all'aria perde per evaporazione una parte dell'acqua dell impasto facendo presa, mentre l'anidride carbonica presente nell atmosfera reagisce con l'idrossido di calcio contenuto nella calce dando origine al carbonato di calcio; si crea così una superficie compatta con una consistenza marmorea che chiude all interno della sua porosità il colore. Una volta asciutto il processo di carbonatazione non consente più ai colori di essere trattenuti dalla malta. Superato lo stato di fresco la malta non assorbe più il colore. Graffito Il graffito consiste nella sovrapposizione di due o più strati di malta che vengono colorati prima della stesura. Ogni mano viene stesa quando lo strato precedente è ancora umido e terminata la sovrapposizione la malta in superficie, ancora fresca, viene incisa o raschiata con bisturi e punte metalliche in modo da fare emergere lo strato o gli strati sottostanti. Questa tecnica consente di

10 ottenere dislivelli materici ed effetti dinamici; può servire da supporto o essere integrata con la tecnica dell affresco. Quasi tutti i pannelli della nostra Creazione sono stati eseguiti con l integrazione di entrambe le tecniche. Sono stati stesi due strati di malta: abbiamo steso un fondo più scuro, alternando due colori principali: rosso Pozzuoli e blu indaco. Lo strato di base è stato poi successivamente sovrapposto con un altro più chiaro; questo è stato inciso nelle parti previste a graffito, per lasciare intravedere l intonaco sottostante, e dipinto a fresco nelle parti previste ad affresco. Colori a base acrilica Sono stati utilizzati dei colori composti da pigmento e resina acrilica per completare e intensificare alcune parti dell affresco. Con dell acrilico in pasta, e delle apposite pipette, abbiamo invece realizzato texturizzazioni ed elementi grafici a rilievo. Doratura Alcune parti del ciclo decorativo sono state impreziosite con dell oro falso in foglia. Si tratta di finto oro battuto finemente in uno strato sottilissimo che viene fatto aderire ad una superficie con una colla apposita. Questo processo si chiama doratura e può essere effettuata al guazzo o a missione. Il quinto giorno è stato arricchito con una doratura a missione vinilica fatta direttamente sull intonaco asciutto e verniciato nelle parti relative al sole; le stelle sono state invece realizzate dorando delle piccole pietre successivamente incastonate nell intonaco. La varietà di tecniche e di materiali ha permesso di creare una superficie estremamente diversificata. Ogni zona riflette la luce in maniera diversa a seconda del modo in cui è stata realizzata e delle sostanze utilizzate. In questo modo la decorazione presenta una aspetto vibrante, con movimento, tridimensionalità e una ricchezza di effetti che la tecnica pittorica, da sola, non sarebbe riuscita ad ottenere.

IL RACCONTO DELLA CREAZIONE

IL RACCONTO DELLA CREAZIONE IL RACCONTO DELLA CREAZIONE Il racconto biblico della creazione è contenuto nella Genesi, il primo libro della Bibbia. La parola genesi, infatti, significa origine, inizio, nascita. Il libro della Genesi

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE

DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE Dal libro della Genesi In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora

Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora Un mausoleo per i cittadini L ampliamento del cimitero di Marore, Architetti Giandebiaggi & Mora a cura di Stefano Alfieri 204 Il progetto per l ampliamento del cimitero suburbano di Marore (Parma) realizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO SCHEDA 3 (per operatori) Nota introduttiva 2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO Le schede 3....Secondo il disegno d amore di Dio..., e 4....Rivelato in Gesù Cristo..., sono direttamente collegate una all

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

In principio... Verona, Teatro Nuovo

In principio... Verona, Teatro Nuovo In principio... Interazioni sulla Genesi Tre quadri e un epilogo Verona, Teatro Nuovo 21 maggio 2015, ore 20:30 In collaborazione con Con il patrocinio di Ideazione: Alteritas - Interazione tra i popoli

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Dipinti di paesaggi: cosa serve e come fare, le regole del buon artista.

Dipinti di paesaggi: cosa serve e come fare, le regole del buon artista. Dipinti di paesaggi: cosa serve e come fare, le regole del buon artista Vi piacciono i dipinti su tela? Vorreste riuscire a realizzarne uno con le vostre mani? Ecco a voi come dar vita ai quadri di paesaggi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO PROPOSTA PER UN ADORAZIONE EUCARISTICA DI UN ORA* 1 SETTEMBRE 2015 * Prepared by Pontifical Council for Justice and Peace, translated by Franca Silvestri

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SEGRETI PER IL SUCCESSO

SEGRETI PER IL SUCCESSO Produzioni Aurora SEGRETI PER IL SUCCESSO Segreti per il successo è una collezione di proverbi, consigli e detti ispiranti: proprio la cosa giusta per motivarti all inizio della giornata. 24 AGOSTO Dove

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO La composizione materica ad alto rilievo è una rielaborazione in chiave geometrica di un esplosione

Dettagli

Formula frasi di senso compiuto 13 0 2 ASSENTI 3

Formula frasi di senso compiuto 13 0 2 ASSENTI 3 presenti 15 COMPILAZIONE 14-03- DATA 14-03- SI NO IP senso compiuto 13 0 2 Settimana di presentazione del progetto. Prima di addentrarci nella realizzazione delle attività, ho suddiviso i bambini in due

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

DIRE FARE E PENSARE SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI CLASSE LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE

DIRE FARE E PENSARE SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI CLASSE LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE DIRE FARE E PENSARE IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE SCUOLA CLASSE SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE Anno Scolastico 2014-2015

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 3 Benedetto (sia) Dio e Padre del Signore nostro, Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati per una speranza vivente mediante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico Lo S carabocchio un Percorso A rtistico La mia storia Alessandra Corradini è nata a Busto Arsizio - VA - il 26/08/1967. Laureata nel corso di Pittura dell Accademia di Belle Arti di Brera nell ottobre

Dettagli