PROGRAMMI 1 A s.a. Anno scolastico 2013/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMI 1 A s.a. Anno scolastico 2013/2014"

Transcript

1 PROGRAMMA di LINGUA INGLESE Classe I sez. A corso SCIENZE APPLICATE Docente : Rosa Maria Genovese Testo in uso : My English, volume 1 Unit 1 Unit 2 Unit 3 Unit 4 Unit 5 Unit 6 Unit 7 Unit 8 Unit 9 Unit 10. PROGRAMMI 1 A s.a. Anno scolastico 2013/2014 Elenco dei moduli con i relativi argomenti Classe: 1ASA LEONARDO GRASSI Docente: ALETTA PATRIZIA Materia: RELIGIONE Ordine Argomenti del Programma Stato Svolgimento Data Svolg. 1 1 Modulo: Il mistero dell esistenza 1.1 Che cos è la religione Le credenze religiose Studio delle religioni per la convivenza Svolto 2 2 Modulo: Le religioni prima della rivelazione 2.1 Che cos è la religione Le credenze religiose Studio delle religioni per la convivenza Svolto 2.2 Alle origini della religione Le religioni primitive La religione egizia La religione mesopotamica La religione greca e romana Svolto 3 3 Modulo: La Bibbia: Dio si rivela 3.1 La Bibbia: struttura natura divisione Svolto 3.2 Canonicità ed ermeneutica Svolto 3.3 Antico Testamento e suoi contenuti storici Svolto 3.4 Nuovo testamento e struttura storico-esegetica Svolto 4 4 Modulo: Il popolo ebraico e l Ebraismo 4.1 Ebraismo: origini e sviluppi Svolto 4.2 L'Antisemitismo Svolto 4.3 La Shoah Svolto 4.4 Film: 7 Km da Gerusalemme; scheda di lettura all'immagine Svolto

2 LICEO SCIENTIFICO BOGGIO LERA CATANIA PROGRAMMA DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2013/14 PROFESSORESSA : FEBBRARINO NASELLI SILVANA CLASSE I A S. A. Libri di testo. Disegno Idea Segno Progetto Rocco Fiumara Colombini- Magistretti- Ed. De Agostini. Storia dell Arte - Itinerario nell arte.cricco, Di Teodoro. Sec.edizione. Vol. I Dalla Preistoria all età gotica.ed Zanichelli. DISEGNO GEOMETRICO:. Nozioni di geometria elementare. Punti, linee,piano, superficie, retta, angoli. I poligoni: triangoli, quadrilateri, cerchio. Definizione dei solidi: cubo, prisma, piramide, parallelepipedo, cono, cilindro. Nozioni di geometria descrittiva:proiezioni ortogonali, il sistema di riferimento,linea di terra, P.O, P.V, P.L. Ribaltamento dei piani di proiezione,rappresentazione della retta. Condizione di appartenenza di un punto a una retta. Retta passante per due punti.intersezione di due rette: rette incidenti. Condizione di parallelismo tra rette.rappresentazione del piano. Condizione di parallelismo fra piani.condizione di appartenenza di una retta ad un piano. Retta di intersezione fra due piani. Piano passante per due rette. Piano passante per due rette. Piano passante per tre punti. Piani paralleli.costruzione delle figure piane: pentagono- esagono. Proiezioni orotogonali del punto, della retta, delle figure piane( quadrato, rettangolo, triangolo, equilatero, triangolo scaleno, cerchio, pentagono, esagono, poligono concavo).proiezioni ortogonali dei solidi: piramide a base quadrata, a base pentagonale. Prisma a base esagonale, cono,cilindro, parallelepipedo.solidi inclinati ai piani di proiezione.piani di sezione. PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE LA PREISTORIA: Paleolitico superiore- Sscultura: Venere di Willendorf. Pittura:i graffiti. Architettura:Menir, Dolmen, Cromlech( visione del cd rom su Stonehenge). ARTE EGIZIA. Architettura. La Mastaba.Antico Regno- piramide a gradoni: di ZOSER. Piramide a facce lisce: di CHEFREN, CHEOPE, MICERINO. Medio regno. Nuovo regno: i templi- tempio funerario tempio divino- AMON a KARNAK.Tempio della regina HATSHEPSUT. Scultura: busto della regina NEFERTITI. ARTE EGEO- CRETESE. Architettura il Palazzo di CNOSSO. Pittura. Stili della ceramica: stile di Karames, stile Nuovo, stile di Palazzo.Brocca in stile di karames, anfora, brocchetta di Gurnia. ARTE MICENEA.Architettura:Palazzo di Tirinto, Porta dei Leoni,Tesoro di Atreo.( dvd) ARTE GRECA.Periodo di FORMAZIONE o GEOMETRICO nascita della Polis. Pittura : stile geometrico-anfora. PERIODO ARCAICO-Costruzione dei templi: tempio in antis, doppiamente in antis,prostilo, anfiprostilo, periptero, diptero a tholos.ordini greci: dorico, ionico, corinzio. Scultura dorica: KLEOBI, Ionica: HERA DI SAMO KOUROS di MILO. Attica: MOSCHOPHOROS,l Auriga di Delfi, lo Zeus. Mirone : DISCOBOLO,Policleto:DORIFORO. I Bronzi di Riace.Pittura Vascolare:figure nere figure rosse.

3 PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA CLASSE 1A Scientifico- opzione Scienze Applicate A.S. 2013/2014 Docente: Sebastiana Pintaldi Testo in adozione F. Armerini, E. Zanette, Sulle tracce di Erodoto, vol. 1; Edizioni scolastiche Bruno Mondadori C. Tincati, M. Dell Acqua, Geografia del presente; Edizioni scolastiche Bruno Mondadori La preistoria e le prime civiltà Lo scenario evolutivo della specie umana Il Paleolitico e il Neolitico. Il passaggio alla Storia o Storia e civiltà: Scrittura, la grande invenzione La Mesopotamia, paesi dei molti popoli: la civiltà sumerica e la civiltà babilonese o Icostoria: Ziqqurat, la casa dell universo o Storia e civiltà: Io Hammurabi, re del diritto La lunga linea verde nel deserto: l Egitto o Geostoria: Un fiume e il suo paese, ieri e oggi o Storia e civiltà: Origine del mondo e origine degli dei Il grande impero dei Persiani Geografia: migranti e profughi I migranti clandestini: Visione del film in dvd 14 Kilometros di G.Olivares Le civiltà del Mediterraneo orientale L area egea: i cretesi e i micenei o Geostoria:Un mare che unisce, l Egeo o Storia e civiltà: Creta, terra di miti L area siro-palestinese: i fenici e gli ebrei Geografia: L acqua, una risorsa indispensabile ma limitata La civiltà greca La periodizzazione della storia greca antica L età oscura e la prima colonizzazione L età arcaica e la civiltà della polis o Storia e civiltà: Un enciclopedia in versi La società e la cultura comune greca o Storia e civiltà: Gare invece che guerre Atene e Sparta o Storia e civiltà: Essere donne in Grecia Geografia: Ad ogni città la sua funzione Le guerre greco-persiane (lezione in powerpoint) Atene: democrazia e imperialismo La guerra del Peloponneso

4 Dalle città ai regni L ascesa della Macedonia e l impero di Alessandro o Geostoria: Un impresa epica tra Europa, Egitto e Asia o Documentario: Alessandro Magno La civiltà ellenistica o Storia e civiltà: Scienza senza tecnica o Storia e civiltà: Il mondo del libro L eredità culturale dei greci: filosofia, storiografia, teatro o Storia e civiltà: A scuola dalla polis o Cittadinanza fra ieri e oggi: Obbedire alle leggi: anche se ingiuste? Geografia: Dichiarazione universale dei diritti dell uomo Roma dalle origini alla istituzione della Repubblica L Italia prima di Roma: civiltà preistoriche, greci, etruschi (Powerpoint) o Storia e civiltà: Fegati, uccelli, fulmini: così parlano gli dei Roma: le origini della città fra leggenda e storia La fase monarchica La società e le istituzioni fra monarchia e repubblica: le parole-chiave della civiltà romana, l ordinamento della Repubblica, La religione o Storia e civiltà: Dimmi come ti chiami e saprò chi sei o Storia e civiltà: Le XII Tavole PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 1A Scientifico- opzione Scienze Applicate A.S. 2013/2014 Docente: Sebastiana Pintaldi Testi in adozione: A. Fallea, A. Maresca, Grammatica attiva; Hoepli N. Perago, E. Ghislanzoni, Parole in viaggio, Narrativa ed Epica; Zanichelli A. Educazione linguistica La comunicazione: i sei elementi della comunicazione e le sei funzioni del linguaggio La fonologia (sillabe, accento, apostrofo, punteggiatura) La morfologia: parti variabili e parti invariabili del discorso L articolo di cronaca Il riassunto Il tema B. Educazione letteraria Il testo narrativo: struttura, tempo e spazio, personaggi, narratore e focalizzazione Lettura/comprensione, analisi/intepretazione dei seguenti racconti: T1 Guy de Maupassant, Due amici

5 T2 A. Cechov, La morte di un impiegato T3 D. Buzzati, Le mura di Anagoor T4 H. Kureishi, Mio figlio il fanatico T5 P. Corrias, L ultima rapina di Babbo Natale T6 S. Benni, La storia di Pronto Soccorso e Beauty Case Altri linguaggi: Il Cinema e il Fumetto Visione in dvd del film di animazione: M. Satrapi, Persepolis Lettura autonoma di uno dei due romanzi a scelta: F. Uhlman, L amico ritrovato A. D Avenio, Bianca come il latte, rossa come il sangue Discussione guidata in classe; verifica scritta Lettura autonoma del romanzo: N. Ammaniti, Io non ho paura Discussione guidata in classe; verifica scritta Voglia e paura di crescere: T7B. Fenoglio, La sposa bambina T8 Ian McEwan, I Grandi T9 J. Joyce, Eveline Mito ed Epos Il Mito: definizione, tipi di mito tipologie di eroi T1 Deucalione e Pirra T2 Arca di Noè L Epos: definizione e caratteri Iliade: sintesi della trama T3 Proemio T4 Ettore e Andromaca T5 Il duello di Ettore e Achille T6 Priamo nella tenda di Achille Scheda di approfondimento: Il rito funebre Odissea: sintesi della trama T7 Proemio T8 Ulisse e Nausicaa T9 L incontro di Ulisse e Polifemo T10 Le Sirene, Scilla e Cariddi Scheda di approfondimento: Odisseo nei quadri di Giorgio De Chirico Eneide: sintesi della trama T11 Proemio T12 Enea e Didone T 13 L incontro di Enea e Didone agli Inferi T14 Le Arpie T15 Il duello di Enea e Turno Per la pausa estiva K. Hosseini, Il cacciatore di aquiloni Ian McEwan, L inventore di sogni

6 Liceo Scientifico E. Boggio Lera Anno scolastico 2013/14 Programma di Matematica - classe I A Scienze Applicate docente: prof. Nunzio Mario Stivala 1. Numeri naturali, interi e razionali. L'insieme dei numeri naturali. Le operazioni in N. Potenze ed espressioni in N. Multipli e divisori. MCD ed mcm. L'algoritmo di Euclide. L'insieme dei numeri relativi. Le operazioni in Z. Potenze ed espressioni in Z. Problem solving. Problemi in N ed in Z. Frazioni e numeri razionali. Rappresentazione dei razionali tramite numeri decimali. La frazione generatrice di un numero decimale. L'insieme Q. Le operazioni in Q. Potenze ed espressioni in Q. Rapporti, proporzioni e percentuali. Notazione scientifica ed ordine di grandezza. Introduzione ai numeri reali: l'irrazionalità della radice quadrata di due. 2. Gli insiemi e le relazioni. Gli insiemi e la loro rappresentazione. I sottoinsiemi. Cardinalità di un insieme. Insieme delle parti. Intersezione, unione, differenza fra insiemi. L'insieme prodotto cartesiano. La rappresentazione mediante il piano cartesiano. Gli insiemi come modello per la risoluzione di problemi. Il concetto di relazione. Le rappresentazioni di una relazione. Proprietà delle relazioni. Le relazioni di equivalenza. Le relazioni d'ordine. 3. Il calcolo letterale: i monomi. Espressioni algebriche. I monomi. Addizione e sottrazione fra monomi. Moltiplicazione, potenza e divisione fra monomi. MCD ed mcm fra monomi. Il calcolo letterale ed i monomi per la risoluzione di problemi. 4. I polinomi. Definizione di polinomio. Operazioni fra polinomi. Prodotti notevoli. Le potenze di un binomio ed il triangolo di Tartaglia. I polinomi e la risoluzione di problemi. 5. Divisibilità fra polinomi. La divisione nell'insieme dei polinomi. La divisione con resto fra polinomi. La regola di Ruffini. Il teorema del resto ed il teorema di Ruffini. 6. Scomposizione di polinomi. Scomposizioni, raccoglimenti totali e raccoglimenti parziali. Scomposizioni mediante prodotti notevoli. Scomposizione di trinomi di secondo grado: i trinomi caratteristici. Scomposizioni mediante il teorema e la regola di Ruffini. Strategie per la scomposizione dei polinomi. MCD ed mcm fra polinomi. 7. Frazioni algebriche. Introduzione alle frazioni algebriche. Semplificazione delle frazioni algebriche. Addizioni e sottrazioni tra frazioni algebriche. Moltiplicazioni, potenze e divisioni tra frazioni algebriche. 8. Equazioni di primo grado. Identità, uguaglianze ed equazioni. Principi di equivalenza per le equazioni. Equazioni intere numeriche di primo grado. Equazioni numeriche intere riconducibii ad equazioni di primo grado. Equazioni numeriche

7 frazionarie: definizione, C.E., risoluzione e verifica. Equazioni letterali di primo grado intere e loro discussione. Problemi che hanno per modello un'equazione. 9. Disequazioni di primo grado. Disuguaglianze numeriche. Definizione di disequazione. Principi di equivalenza per le disequazioni. Disequazioni numeriche intere di primo grado. 10. Il piano euclideo. Introduzione alla Geometria ed al metodo assiomatico - ipotetico - deduttivo. Gli enti geometrici primitivi. Assiomi di appartenenza alla retta, al piano ed allo spazio. Definizione di figura geometrica. Gli assiomi di ordinamento ed i corollari sulla retta. Semirette. Segmenti ed angoli. Angoli adiacenti, consecutivi, opposti al vertice. Figure concave e figure convesse. I poligoni. Diagonali, corde, angoli interni ed angoli esterni ad un poligono. 11. Dalla congruenza alla misura. Figure uguali e figure congruenti. La congruenza. Assiomi della congruenza. Trasporto di segmenti e di angoli. Confronto, somma e differenza di segmenti. Multipli di un segmento. Assioma di divisibilità. Classi di equivalenza. La lunghezza di un segmento come classe di equivalenza. Confronto, somma e differenza fra angoli. Multipli di un angolo. Assioma di divisibilità di un angolo. Bisettrice di un angolo. Angoli retti, acuti, ottusi, complementari, supplementari, esplementari. Teoremi sugli angoli associati. Ampiezza di un angolo come classe di equivalenza. Segmenti commensurabili e segmenti incommensurabili. Gradi e radianti. 12. La congruenza nei triangoli. Definizione e classificazione dei triangoli. Segmenti notevoli di un triangolo. Triangoli congruenti. Primo criterio di congruenza. Secondo criterio di congruenza e sua dimostrazione per assurdo. La dimostrazione in Geometria. Triangoli isosceli e loro proprietà. Il terzo criterio di congruenza e la sua dimostrazione. Teorema dell'angolo esterno e sue conseguenze. Il quarto criterio di congruenza e la sua dimostrazione. Relazioni fra lati ed angoli in un triangolo. Le disuguaglianze triangolari. Rette perpendicolari e parallele. Definizione, esistenza ed unicità della perpendicolare. L'asse di un segmento. Proiezioni ortogonali. Distanza punto-retta. Rette parallele, teorema delle perpendicolari ed assioma delle parallele (V postulato di Euclide). Criteri di parallelismo. Teorema dell'angolo esterno (completamento). Somma degli angoli interni ad un triangolo. Congruenza dei triangoli rettangoli. La somma degli angoli interni ed esterni ad un poligono. LICEO SCIENTIFICO "BOGGIO LERA" PROGRAMMA DI FISICA A.S. 2013/14 CLASSE I A S.A. Docente: prof. Salvatore Capizzi Libro di testo: G.Ruffo, "Fisica - Lezioni e problemi" edizione blu, ed.zanichelli Unità 1: La misura delle grandezze fisiche Grandezze fisiche, unità di misura, equivalenze. Notazione scientifica, ordine di grandezza. Massa, peso e densità. Errori di misura: assoluti, relativi, percentuali. Caratteristiche degli strumenti di misura. Errori sulle misure indirette. Cifre significative.

8 Unità 2: Rappresentazione di dati e fenomeni Tabelle, formule, grafici. Pendenza di una retta. Proporzionalità diretta e inversa, correlazione lineare, proporzionalità quadratica e quadratica inversa. Unità 3: Grandezze vettoriali Grandezze scalari e vettoriali. Spostamenti e vettori. Operazioni sui vettori. Scomposizione di un vettore, componenti. Seno, coseno e tangente di un angolo acuto. Forze, forze fondamentali. Forze elastiche, forze di attrito. Unità 4: Equilibrio dei corpi solidi Equilibrio di un punto materiale. Reazioni vincolari. Equilibrio su un piano inclinato liscio e con attrito. Momento di una forza. Equilibrio rispetto alla rotazione. Coppie di forze, momento di una coppia. Guadagno di una macchina semplice. Leve, carrucole, verricelli. Baricentro. Stabilità di un corpo appoggiato. Unità 5: Equilibrio dei fluidi Pressione. Legge di Stevin. Principio di Pascal. Sollevatore idraulico. Vasi comunicanti. Esperienza di Torricelli, pressione atmosferica. Spinta di Archimede. Unità 6: Il moto rettilineo Traiettoria, sistema di riferimento. Variazione di una grandezza fisica. Velocità media ed istantanea. Moto rettilineo uniforme: legge oraria, rappresentazione grafica del moto. PROGRAMMA DI SCIENZE Liceo Scientifico Statale Enrico Boggio Lera - Catania Insegnante: Maria Nicastro Classe 1^ sez. A sa Anno Scolastico 2013/14 Libro di testo adottato: Chimica: Brady- Senese Introduzione alla chimica generale Zanichelli Scienze della terra: Longhi Genesis Scieze della terra De Agostini SCIENZE DELLA TERRA Unità di misura astronomiche Le caratteristiche delle stelle Il ciclo vitale delle stelle Il diagramma H-R Le Galassie Origine ed evoluzione dell Universo La legge di Hubble Il Big bang La stella Sole: struttura e attività solare I pianeti del sistema solare

9 I corpi minori del sistema solare: satelliti, asteroidi, comete, meteore, nube di Oort, fascia di Kuiper Il pianeta Terra: forma della terra e sue dimensioni Il reticolato geografico e le coordinate geografiche Prove e conseguenze del moto di rotazione Prove e conseguenze del moto di rivoluzione L orientamento I fusi orari Mappe, carte geografiche e carte topografiche CHIMICA Il sistema Internazionale L atomo e le particelle subatomiche: protoni, neutroni, elettroni. Isotopi La tavola periodica: metalli, non metalli e semimetalli Il legame chimici: ionico, covalente e ad idrogeno. Gli ioni Le leggi ponderali: legge di Lavoiser, legge di Proust, legge di Dalton Reazioni di sintesi per formare ossidi basici e ossidi acidi e loro bilanciamento Nomenclatura tradizionale e IUPAC degli ossidi La mole e la costante di Avogadro L acqua e le sue proprietà LICEO SCIENTIFICO STATALE E. BOGGIO LERA CATANIA PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 1 SEZ.A S.A. Riguardo ai moduli 1, 2 e 3 della programmazione iniziale: - Corsa lunga e lenta a ritmo costante. - Fartlek, circuito e percorsi con attrezzi. - Vari tipi di corsa-esercizi preparatori per la corsa. - Esercizi per il potenziamento muscolare degli arti inferiori: skip, corsa balzata, corsa calciata, corsa in appoggio al muro, saltelli di vario tipo sul posto ed in traslocazione anche ritmici ( passo avanti e indietro, galoppo laterale, scivolamenti laterali). - Esercizi per il potenziamento degli arti superiore: slanci, spinte, circonduzioni, esercizi combinati braccia-gambe-busto. - Esercizi a coppie dalle varie stazioni. - Esercizi elementari a corpo libero dalla stazione eretta, in ginocchio, seduta in quadratura, in decubito (prono,supino e laterale), protesa. - Esercizi addominali in decubito supino. - Esercizi dorsali in decubito prono. - Esercizi per il miglioramento della scioltezza e della mobilità articolare riguardanti le articolazioni coxo-femorale,scapola-omerale,colonna vertebrale. - Esercizi di opposizione, di resistenza, di destrezza e agilità. - Miglioramento dell apparato cardio-circolatorio aumentando gradualmente l intensità degli esercizi. Riguardo ai moduli 4 e 5 della programmazione iniziale: Sono state svolte lezioni pratiche e teoriche nel tentativo di dare una presentazione il più possibile semplice e completa dei principali sport.

10 Ogni disciplina sportiva di squadra è stata presentata nei particolari, con regole, ruoli, tecnica individuale e schemi collettivi. Questi i contenuti : pallavolo, pallacanestro,atletica leggera (salto in alto,corsa veloce e lancio del peso). Riguardo al modulo 6 della programmazione iniziale: Lezioni teoriche e verifiche scritte per conoscere meglio il proprio corpo: sistema scheletrico e muscolare. LICEO SCIENTIFICO STATALE E. BOGGIO LERA Catania ANNO SCOLASTICO 2013/14 PROGRAMMA DIRITTO CLASSE PRIMA ASA PROF. GIUSEPPA DI MAURO MOTIVAZIONE Lo studio della disciplina dovrebbe fornire agli studenti le conoscenze minime necessarie ad ogni cittadino per inserirsi nella società. Possedere la consapevolezza della dimensione giuridica economica dei rapporti sociali. Interpretare il testo giuridico della legge fondamentale dello Stato: la Costituzione UNITA DIDATTICHE INQUADRAMENTO GENERALE Cos è il Diritto La norma giuridica Varie tipologie di norme giuridiche Diritto oggettivo e soggettivo Diritto pubblico e privato La gerarchia delle fonti del diritto L interpretazione delle norme giuridiche PREMESSE 1. Lo Stato e la Costituzione

11 2. Lo Stato come Istituzione 3. La democrazia 4. I totalitarismi LE VICENDE COSTITUZIONALI DELLO STATO ITALIANO Evoluzione della Costituzione dallo Statuto Albertino Alla Costituzione Italiana Il ruolo fondante della Costituzione: I principi fondamentali Il ruolo organizzativo della Costituzione: La Struttura La Costituzione della Repubblica; Sviluppo della persona tra libertà e solidarietà. STRUTTURA DELLA COSTITUZIONE CARATTERI E PRINCIPI L ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA MOTIVAZIONE: Individuare il ruolo del Parlamento del Governo, del Presidente della Repubblica in una Repubblica parlamentare e le Autonomie Locali. UNITA DIDATTICHE IL PARLAMENTO Il Bicameralismo I Parlamentari: deputati e senatori IL GOVERNO IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Repubblica parlamentare e Repubblica presidenziale La procedura di elezione

12 LICEO SCIENTIFICO STATALE BOGGIO LERA (indirizzo scienze applicate)-ct PROGRAMMA DI INFORMATICA Classe IAsa Anno Scolastico 2013/2014 Insegnante: Barone Mirella SISTEMI DI NUMERAZIONE E STORIA DEL CALCOLATORE I sistemi di numerazione decimale, binario, ottale e esadecimale Conversioni tra basi diverse. Operazioni con i numeri binari. Complemento a 2. Il problema della codifica delle informazioni. Concetto di BIT e di Byte. Multipli del Byte. Algebra di Boole.Operazioni logiche fondamentali: AND, OR, NOT, EXOR, EXNOR, NAND e NOR. Teoremi fondamentali dell algebra booleana. Tavole della verità e diagrammi di Venn. ELEMENTI GENERALI DI FUNZIONAMENTO DI UN PC Concetti di base: conoscenza dei concetti fondamentali delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione ad un livello generale e conoscenza delle varie parti di un computer. Definizione di software e hardware. Motherboard., Case e principali periferiche di input e output. Tipologie di computer. La struttura di un personal computer: gli elementi fondamentali del funzionamento della CPU, della memoria, del bus di sistema, delle porte di comunicazione La struttura fisica delle porte seriali e parallele Gli elementi essenziali che descrivono il funzionamento: di una tastiera; di un monitor; di un CD-ROM; di una stampante. IL software e le licenze software. SISTEMA OPERATIVO MICROSOFT WINDOWS Cosa è il sistema operativo. Struttura e funzioni del sistema operativo. Il sistema operativo windows. Interfaccia standard delle applicazione. Modificare l ambiente di lavoro. Utilizzare le finestre. Utilizzare i programmi. Accessori. File e cartelle. Navigare tra file e cartelle. Gestire file e cartelle. Cercare file e cartelle. Stampare. Chiedere aiuto al computer. RETI, WEB E COMUNICAZIONE I termini LAN (Local Area Network), WLAN (Wireless Local Area Network) e WAN (Wide Area Network). Il termine client/server, cosa è Internet e quali sono i suoi principali impieghi. Cosa è una intranet, una extranet. I servizi Internet dedicati ai consumatori, quali: e-commerce, e-banking, e-governement. Il termine e-learning.conoscerne alcune caratteristiche, quali: tempodi apprendimento flessibile, luogo di apprendimento flessibile, esperienza di apprendimento multimediale, economicità. Il termine telelavoro ed alcuni dei suoi vantaggi, quali:riduzione del pendolarismo, maggiore possibilità di concentrarsi su un solo compito, orario flessibile, riduzione delle necessità di spazi aziendali. Anche alcuni svantaggi del telelavoro, quali: mancanza di rapporti umani, minore importanza del lavoro di gruppo. Il termine posta elettronica ( ). Il termine messaggistica istantanea (IM). Il termine VoIP (Voice over Internet Protocol). Il termine blog. Il termine podcast. Il concetto di comunità virtuale di rete: alcuni esempi quali: siti di reti sociali (social networking), forum Internet, chat room, giochi informatici in rete. In quale modo gli utenti possono pubblicare e condividere materiale su Internet: blog, podcast, foto, clip video e clip audio. L importanza di prendere precauzioni durante l accesso alle comunità virtuali: rendere privato il proprio

13 profilo, limitare la quantità di informazioni personali fornite, essere consapevoli del fatto che le informazioni fornite sono disponibili a tutti, fare attenzione agli sconosciuti. Il termine virus : come i virus possono penetrare in un computer; come proteggersi contro i virus e l importanza di aggiornare regolarmente il software antivirus. Il termine diritto di riproduzione (copyright). I termini shareware, freeware, software libero. ELABORATORE DI TESTI ( Microsoft Word) Creare e impostare un documento. Formattazione del testo. Formattazione dei paragrafi. Elenchi, bordi e sfondi. Disposizione del testo. Tabelle e relativi stili. Documenti accattivanti con le immagini. Disegnare con Word. Inserire oggetti. Intestazione e piè di pagina. Anteprima e stampa di un documento. Attività di laboratorio sul modulo: Usare il programma di elaborazione testi per creare lettere e documenti. Lavorare con i documenti e salvarli in diversi formati. Scegliere le funzionalità disponibili per migliorare la produttività, quali la Guida in linea. Creare e modificare documenti di piccole dimensioni in modo che siano pronti per la condivisione e la distribuzione. Applicare formattazioni diverse ai documenti per migliorarne l aspetto prima della distribuzione e individuare buoni esempi nella scelta delle opzioni di formattazione più adeguate. Inserire tabelle, immagini e oggetti grafici nei documenti. Preparare i documenti per le operazioni di stampa unione. Modificare le impostazioni di pagina dei documenti e controllare e correggere errori di ortografia prima della stampa finale. STRUMENTI DI PRESENTAZIONE ( Microsoft Power Point) Organizzazione della presentazione. Salvare la presentazione.stampa. Inserimento di elementi grafici ed effetti di animazione. Oggetti multimediali. Collegamenti ipertestuali. Attività di laboratorio sul modulo: Realizzazione di presentazioni su approfondimenti informatici o di altre problematiche interessanti emersi nel corso dell anno scolastico anche relativamente ad altre discipline. FOGLIO ELETTRONICO E LABORATORIO( Microsoft Excel) Foglio di lavoro e celle. Formattazione dei dati. Formattazione automatica e condizionale. Sostituzione, ordinamento e filtri. Formule e riferimenti. Creare e gestire tabelle di dati. Utilizzare le funzioni di Excel, in particolare logiche, matematiche e statistiche. Realizzare grafici appropriati all esigenza del problema trattato. Stampare con Excel. Testo utilizzato: TECNOLOGIE INFORMATICHE Agostino Lorenzi - Massimo Govoni ATLAS

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

IL PENSIERO MATEMATICO

IL PENSIERO MATEMATICO Claudio Bernardi Lodovico Cateni Roberto ortini Silvio Maracchia Giovanni Olivieri erruccio Rohr IL PENSIERO MATEMATICO OLUME 1 Algebra Statistica Geometria IL PENSIERO MATEMATICO cindice ALGEBRA UNITÀ

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli