FRANCESCO ASPESI IL MIELE, CIBO DEGLI DEI*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRANCESCO ASPESI IL MIELE, CIBO DEGLI DEI*"

Transcript

1 FRANCESCO ASPESI IL MIELE, CIBO DEGLI DEI* La storia del miele è la storia di un nobile alimento decaduto, non conservando, nell alimentazione contemporanea, che un ruolo marginale rispetto a quello rivestito fra le popolazioni del Mediterraneo antico per le quali costituiva la fondamentale sostanza medicamentosa. Fino all affinamento delle tecniche di allevamento delle api, fu anche un prodotto di raccolta decisamente raro rispetto alle necessità derivanti da tali impieghi, benché integrato, in alcune regioni, da un surrogato ricavato dai datteri: le lingue semitiche antiche, infatti, denominano allo stesso modo il miele deposto dalle api e quello vegetale 1. Il miele è quindi ancora troppo prezioso nelle civiltà del bronzo del Mediterraneo orientale per figurare di norma nella documentazione economica degli archivi di palazzo, perlopiù costituita da assegnazioni di razioni: esso appare infatti confinato in registrazione di offerte alle divinità. Così alla tavoletta in lineare B da Cnosso che annota offerte di vasi di miele a tutte le divinità e, in particolare, alla Signora del Labirinto 2, fa da pendant sulla costa siriana il vaso di miele libato dall alto della torre nella coeva storia di Keret a Ugarit 3. Le prove della grande rilevanza del miele nel Mediterraneo antico non vanno quindi ricercate negli archivi, dove è invece possibile quantificare il ruolo essenziale di alimenti come i cereali, i fichi, le olive con l olio e lo stesso vino: esse risultano cristallizzate nelle straordinarie valenze mitico-religiose di cui il miele e la sua intermediaria all umanità, l ape, si trovano rivestiti nella documentazione letteraria antica. *Da Silvestri, D., Marra, A., Pinto, I. (a cura di), Saperi e sapori mediterranei. La cultura dell alimentazione e i suoi riflessi linguistici (Napoli, ottobre 1999, 3 voll., Napoli 2002, III, pp Cohen 1993, , sub voce DB/P$ e Halévy 1910, Flavio Giuseppe segnala che le palme della regione di Gerico producono datteri i quali forniscono un abbondante miele non molto inferiore all altro prodotto dalle api del paese (De Bell. Jud., 4, 8, 3). 2 KN Gg Gordon 1965, 251, vv

2 Ape intermediaria, infatti, e non diretta produttrice del miele, che essa si limita a restituire ai mortali e agli infanti divini, come il neonato Zeus cretese 4, dopo averla essa stessa assunto: fino a tutta l antichità classica il miele essendo, non solo cibo 5, ma anche dono degli dei. L ipotesi più concreta che i popoli del Mediterraneo antico hanno saputo formulare circa l origine del miele in terra è stata quella della sua caduta dal cielo, sotto forma di rugiada 6 o di manna 7. La stessa ape è spesso inserita nella sfera del divino. In Egitto essa figura nella titolazione del dio faraone in qualità di emblema del Basso Egitto: nonostante l ipotesi che in tal caso il geroglifico dell ape possa non essere il nome bjt ape, ma costituire uno dei rebus utilizzati dalle scritture egiziane 8, esistono non infrequenti riferimenti alle api e al miele nella teologia dell antico Egitto, con particolare riferimento alla regione del Delta 9. In Grecia, l ape costituisce spesso il sacro corteggio di dee connesse alla fertilità e alla selva: Esichio afferma che mevlissai sono aij th~" Dhvmhtro" muvstide" e Servio e Lattanzio riportano leggendarie attestazioni di sacerdotesse di Demetra a Corinto e di 4 Lattanzio, Divinae Institutione I, 22: puerum caprino lacte ac melle nutrierunt (riferito alle due figlie del re cretese Melisseo, Amaltea e Melissa), unde poëtica illa fabula origine sumpsit advolasse apes atque os pueri melle complesse. Si veda al riguardo il commento della Marconi (1940, 166). Antonino Liberale, rifacendosi a tradizioni molto antiche, afferma che la grotta a Creta dove Rhea partorì Zeus è abitata da api sacre, che furono le nutrici di Zeus. 5 Anche le labbra del piccolo Dioniso vengono cosparse di mielein concomitanza con la sua nutrizione da parte di Makris, figlia di Aristeo (Apollonio Rodio, Arg., IV, 1132). Sull assimilazione del miele all ambrosia e al nettare, si vedano Robert-Tornow 1895, e Ransome 1937, , che estende le sue considerazioni anche al mondo indiano, con riferimento al soma. Nell inno omerico a Hermes (vv ), peraltro, il biondo miele (mevli clwro;n) è dolce cibo degli dei (qew~n hjdei~an ejdwdevn). 6 Secondo Aristotele, Historia Animalium V, 20-21, il miele cade dal cielo (ejk tou~ ajevro") soprattutto al sorgere degli astri e al dispiegarsi dell arcobaleno: non c è affatto miele prima del sorgere delle Pleiadi. E ancora Aristotele nel luogo citato: (le api) il miele non lo producono, ma trasportano quello che cade (to; de; mevli o{ti ouv poiei~, ajlla; fevrei to; pi~pton). Robert-Tornow (1893, 76 ss.) riporta passi analoghi di altri autori classici, fra cui Teofrasto, Plinio e Columella. Si veda anche il passo di Servio citato in Triomphe 1989, 106, n Suida, s.v. ajkriv", interpreta mavnna come mevli a[grion. Il libro dell Esodo (16, 31) dice che la manna aveva il sapore di schiacciata fatta col miele e il Talmud afferma che, per i bambini, la manna del deserto aveva il sapore del miele (Berachot 37b, citato in Toperoff 1985, 247). 8 H. G. Fisher, in Neufeld 1978, Chouliara-Raïos 1989, Per gli antichi egiziani, peraltro, le api, e di conseguenza il miele e la cera, sarebbero nate dalle lacrime del dio sole Ré (ivi, 31). 2

3 Rhea a Creta di nome Melissa 10 ; l ape è d altra parte connessa al culto di Artemide, in particolare a Efeso 11. Nel mondo classico essa è un insetto tanto osservato e ammirato, quanto avvolto nel mistero, specie per ciò che riguarda la sua genesi. L ape è infatti ritenuta essere, tra l altro, il simbolo della castità 12 e quindi non riproducibile per filiazione. Virgilio riveste di poesia il notissimo mito della bugonia, della nascita delle api dalla carcassa bovina; sostituendo il leone al bue, tale mito trova testimonianze certe nell episodio di Sansone di Giudici, 14, e indiziarie nell antico Egitto 13. La bugonia virgiliana 14, prodottasi dalle sfatte carni delle quattro giovenche e dei quattro tori sacrificati a Orfeo, connette ancora le api al mondo invisibile, non più celeste ma ctonio. Questo ci riporta all origine concreta dell impressionante elaborazione simbolica operata dalle culture del Mediterraneo antico attorno al miele e all ape: la rarità e la preziosità del miele nel corso della lunghissima fase della sua raccolta come prodotto selvatico, fase che trova testimonianze già in epoca paleolitica. L approdo all acquisizione progressiva delle tecniche di addomesticamento delle api appare infatti differenziato nel tempo per le diverse popolazioni mediterranee. Una scena rappresentata in un tempio solare egiziano della quinta dinastia potrebbe far pensare a primitivi alveari, costituiti da giare orizzontali sovrapposte e di probabile monopolio reale, già nell Antico Regno 15 ; forme di allevamento domestico delle api 10 Anche Callimaco (Inno ad Apollo, 110) ci presenta delle Mevlissai che portano acqua pura a Demetra. 11 Elderkin 1939, Picard 1940 e Bodson 1978, Vedere anche Cook 1895 a p. 12 per Efeso e in generale per la mitologia dell ape in Grecia. 12 Riferimenti di autori classici alla castità dell ape, quali Aristotele, Varrone, Virgilio e altri, in Robert- Tornow 1893, Aspesi 1994, 8-9, Georg. IV, Sulla bugonia in Virgilio e per accenni negli autori ellenistici, si veda il commento di Laura Simonini all Antro di Porfirio (1986, ). 15 Kuény Il rilievo fa parte del tempio solare di Ne-User-Ré ad Abu-Ghorab; alla sinistra di personaggi che travasano del miele, figura un uomo inginocchiato che sembra tenere un vaso di forma allungata davanti alla sua bocca, dettaglio che è però reso incerto da una frattura della lastra. Il vaso è simile a quelli accatastati sul limite sinistro della scena e che potrebbero appunto costituire un rudimentale alveare. Questo dettaglio della scena è sovrastato dalla scritta nft, che, se interpretato come infinito di un verbo nfy soffiare, esalare (che trova però attestazione solo in neo-egiziano), potrebbe significare che l uomo soffia in una vaso dell alveare, secondo la tecnica di affumicamento delle api prima di raccogliere il miele. Ma, oltre all insensatezza e al rischio di una tale modalità di affumicamento che espone il volto dell uomo all attacco delle api, Kuény (ivi, 86) osserva come il vaso in oggetto abbia la stessa forma di quello da cui il personaggio a fianco versa il miele in un più ampio contenitore, facendo quindi prevalere l ipotesi di una riserva di miele piuttosto che di un apiario per le giare accatastatate. Verrebbe in questo modo meno l unica possibile prova di un allevamento di api alla fine del terzo millennio. A partire da queste osservazioni, intendo, in una prossima breve nota, argomentare l ipotesi 3

4 sembrano comunque certe solo nel tardo bronzo, oltre che in Egitto, in Siria e nell Anatolia ittita. Fino all età del ferro, dubbie appaiono pratiche di apicoltura in Palestina e, a oriente, in Mesopotamia, mentre risulta evidente dalla documentazione, ad esempio dai pur scarsi riferimenti al miele contenuti nella Bibbia, la raccolta del miele selvatico, che peraltro sembra continuare anche nei pochi paesi che hanno avviato tecniche d allevamento 16. All epoca di Omero e di Esiodo, l apicoltura per i Greci è, nella più favorevole delle ipotesi, solo all inizio e la raccolta è certamente per essi ancora la fonte principale di approvvigionamento del miele 17. La componente ctonia del simbolismo dell ape e del miele rimanda così alle sedi naturali dei favi selvatici che privilegiamo, oltre che le cavità degli alberi, gli anfratti rocciosi, gli stessi ove origina, in forma di culto dei morti che vi si seppellivano, la ritualità primordiale. Le api selvatiche raccolgono il preziosissimo miele piovuto dal cielo e lo depositano nelle caverne in qualità di offerta funebre, come alimento per la vita ultraterrena. Questo è il paradigma culturale, attribuibile in qualche modo al preistorico homo mediterraneus, che sembra trasparire, come sopravvivenza in epoca storica, nelle numerose implicazione del miele in riti funerari, da quello egiziano dell apertura della bocca del defunto 18, alle offerte di miele, di focacce al miele e alle libazioni di latte e miele ai morti in Grecia 19. Omero rappresenta in connessione tutti gli elementi di tale paradigma nella descrizione dell antro di Itaca in Odissea 13, Questo antro, infatti, amabile e oscuro, contiene, tra l altro, crateri e anfore di pietra dove le api ripongono il miele e presenta due porte interne: una, rivolta a Borea, è la discesa per gli uomini, l altra, volta a Noto, è riservata agli dei. L antro è inoltre sacro alle ninfe Naiadi: Porfirio che, in tutt altro clima culturale, coglie l altissima valenza simbolica di tale passo nel commento che gli dedica, assimila nella sostanza le api alle ninfe, a partire dalle sedi naturali che ninfe e api selvatiche hanno in comune 20. che il termine nft, in questo rilievo della quinta dinastia, possa essere un antico termine per miele egitto-semitico nordoccidentale, riscontrabile anche in ugaritico (nbt) e in ebraico (nópet). 16 Aravantino Fraser , Complesso rituale accompagnato da ripeture offerte di miele e da alcuni riferimenti alle api (Ransome 1937, 31-32). 19 Testimonianze a partire da Omero (Il. XXIII, 170; Od. XXIV, 67, ecc.). Per le offerte funebri con miele e in particolare per le nhfavlia, si veda Ransome 1937, L antro delle Ninfe dispone ora della citata edizione magistralmente commentata da Laura Simonini (Porfirio 1986). In Porfirio, tale antro diventa luogo di rigenerazione delle anime, la cui simbologia è affidata significativamente alle api (ivi, per il testo e per il commento). 4

5 In un mio lavoro di comparazione lessicale in stampa, avvalendomi anche di considerazioni extra-linguistiche, arrivo parallelamente alla conclusione che gr. nuvmfh, privo di convincente etimologia indeuropea, potrebbe essere un antico nome dell ape connesso, per emersione da un comune sostrato, con nomi per ape, miele e profeta che, in lingue semitiche nord-occidentali, insistono su una comune radice *NWB (/NB ) dai significati di fondo effondere, fluire 21. Il miele è peraltro strettamente collegato nelle culure del Mediterraneo antico alla parola ispirata, sia poetica che, in particolare, profetica: come il miele discende dal cielo e l ape lo raccoglie per farne dono agli uomini, così il profeta (spesso la profetessa) e il poeta attingono sotto ispirazione la parola divina per elargirla ai mortali. Già nell antica Mesopotamia, la cui cultura s affaccia sul Mediterraneo attraverso il suo ripetuto influsso egemonico sulle regioni della sponda siro-palestinese, sumerico k a l a l bocca di miele è epiteto di divinità 22 ; di Ishtar, dea tipicamente oracolare per il suo tramite col mondo ctonio, un inno antico-babilonese afferma che le (sue) labbra sono dolci come il miele, vita è la sua bocca 23. Il poeta e il profeta, quindi, sono spesso assimilati alle api: in Grecia, è Platone che ci offre, nello Ione (534 b), l immagine straordinaria dei poeti che raccolgono i loro versi volteggiando presso sorgenti di miele in certi giardini e recessi delle Muse. Nell inno omerico a Hermes, tre vergini esultanti dalle rapide ali, con la testa cosparsa di farina bianca, insegnano in disparte la divinazione allo stesso Apollo fanciullo (vv ). Esse poi, volando ora da una parte, ora dall altra, si nutrono col miele dei favi e su ogni cosa danno profezie veritiere; e quando, per aver mangiato il biondo miele, sono prese dall ispirazione, benignamente consentono a rivelare la verità (vv ) 24. In quanto versa il miele della profezia, la Pizia è per Pindaro mevlissa di Delfi 25, esattamente come d e bôrâ, in ebraico ape, è il nome della profetessa giudice d Israele 26. L ampia evidenza dell estensione transculturale di queste concezioni connesse al miele nel mondo del Mediterraneo orientale antico, mi ha suggerito, sul piano della lingua, un collegamento in greco fra il tema mélit- di miele e il tema mélo- poesia, canto, eloquio ispirato, a partire da una comune base radicale *mel; e questo in parallelo con 21 Aspesi, in stampa. Per l enucleazione del significato di fondo della radice dimorfica *NWB / *NB, rimando ad Aspesi Triomphe 1982, 115, n Meissner 1902, 1902, 14, v. 9: $a-ap-ti-in du-u$-$u-pa-at ba-la-+ú-um-pí-i-$a. 24 Secondo la traduzione di Càssola (1975, 223). 25 Pitica IV, Si veda, al riguardo, Scheinberg Giudici 4 e 5. 5

6 la radice *DB(R), comune in ebraico a termini per miele (e ape) e al nome dábár parola (profetica) 27. L implicazione oracolare, già di sostrato, della quercia nel mondo greco 28 e della palma in ambito ebraico, all ombra della quale profetizza per l appunto la stessa d e bôrâ, può quindi essere riportata concretamente al miele di raccolta: la quercia, a motivo delle cavità del suo tronco, è sede privilegiata dei favi selvatici mentre la palma produce i datteri da miele in stretta concorrenza con l ape. L Anatolia non può non completare il quadro delle testimonianze mediterranee relative all elaborazione mitologica della grande rilevanza preistorica del miele di raccolta. Nel mito ittita, un ape è inviata come messaggera della madre degli dei presso Telepino, nascosto in una grotta, a sollecitarne il ritorno cui consegue il ripristino della fertilità della terra 29 ; tale mitologema ricorda da vicino le vicende di Demetra e Proserpina col loro seguito di mevlissai. Abbiamo accennato a come il margine eolico-ionico della penisola anatolica veda peraltro l ape associata ad Artemide efesina; libazioni di miele caratterizzano inoltre il culto di Afrodite 30 presumibilmente anche a Mileto, culto che pare collegarsi a oriente a quello della dea Mullissu documentato da testi neo-assiri 31, dato che Erodoto (I, 131, 3) afferma che kalevousi de; Assuvrioi thvn Afrodivthn Muvlitta, riferendosi ad Afrodite Urania: anche nelle culture che gravitano sull Anatolia antica, quindi, il miele e l ape appaiono connettere il mondo celeste a quello ctonio. Se la complessa mitologia mediterranea del miele e dell ape affonda le sue radici nella fase della raccolta del miele selvatico ed è ampiamente testimoniata in Grecia e a Roma, la mitologia classica ci presenta anche miti che celebrano la cosiddetta invenzione del miele, cioè la definitiva acquisizione delle tecniche relative all allevamento dell ape. Il prototipo dell apicultore è infatti Aristeo, e le vicende di Orfeo, Euridice e Orione che Virgilio canta sullo sfondo della sua disavventura, la perdita delle api, vicende tutte 27 Aspesi 1994, già citato. Per l ape e il miele come simboli del poeta e della poesia nell antichità classica, si rimanda a Waszing Si pensi alle querce oracolari di Dodona. 29 Picard 1940, Ransome 1937, 130, Triomphe 1989, 135 e note. 31 P. es. NAP 7:1-2 e NAP 7:20, riportati e commentati in Nissinen 1993, 225 e 242. Si vedano al riguardo le rilevanti osservazioni in Mayer 1999, particolarmente pertinenti al tema qui trattato. 6

7 marcate dal miele secondo Detienne 32, sono in qualche misura riportabili, nella loro occasione ultima, al perfezionamento di tale conquista tecnologica 33. L addomesticamento delle api comporta ovviamente un adeguamento della produzione del miele alle necessità alimentari e farmacologiche delle popolazioni del Mediterraneo, sottraendolo progressivamente alla sfera celeste in quanto non più raro e occasionale dono degli dei. Tuttavia la produttività simbolica del miele e dell ape declina lentamente, tant è che si riscontra in buona misura anche nella ritualità e nella letteratura cristiana. Per rappresentare la benignità di Cristo e la soavità della sua dottrina, ad esempio, la prima lituragia cristiana imponeva di far gustare il miele in occasione del battesimo e, mentre Ambrogio paragona la chiesa a un arnia, l ape è il simbolo della virtù teologale della speranza e, per Bernardo di Chiaravalle, immagine dello Spirito Santo 34. Ancora in un codice del primo quattrocento della biblioteca Casanatese, il Theatrum Sanitatis, la classificazione del miele, benché attuata secondo un paradigma scientifico consono al nascente umanesimo, lascia trasparire nell affermazione prohibet corruptionem carnium l antica associazione del miele ai riti funebri. Borges, d altronde, nella sua straordinaria sensibilità per gli archetipi, sedimento delle più remote esperienze culturali, costruisce la sua biblioteca di Babele a forma di alveare, nelle cui infinite celle esagonali sono deposti libri con tutte le possibili combinazioni di lettere, inclusi quindi tutte le parole e i testi prodotti e producibili in qualsivoglia lingua; ritengo quindi di potermi riferire al racconto di Borges come a un frutto recente dell inestinguibile metafora che lega la parola al miele. 32 Detienne Su Aristeo, egli pure nutrito di miele da piccolo, e la mitologia dell ape e del miele, si vedano anche Chomarat 1974, la prima parte di Triomphe 1989 e Roscalla 1998, Il cui ultimo stadio consiste nella capacità dell apicultore di spostare gli apiari per consentire alle api di sfruttare le successive fioriture dei diversi tipi di pianta. Il peregrinare di Aristeo col suo sciame al seguito mi sembra potersi riferire a tale ulteriore acquisizione. 34 Per una ricca sintesi del simbolismo dell ape e del miele nella ritualità e nella letteratura cristiana, si veda Charbonneau-Lassay 1940, e

8 Riferimenti bibliografici Aravantino, V. L., 1985, L apicultura nel mondo minoico-miceneo, Minos N.S. 1 & 2, Aspesi, F.,, 1994, Parole come miele, in Brugnatelli, V. (a cura di), Sem Cam Jafet. Atti della 7 Giornata di Studi Camito-Semitici e Indeuropei (Milano, 1 giugno 1993), Milano Aspesi, F., 1999, Considerazioni etimologiche su ebraico nábî, in Lamberti, M., Tonelli, L. (a cura di), Afroasiatic Tergestina. Contributi presentati al 9 Incontro di Linguistica Afroasiatica (Camito-Semitica), Trieste, aprile 1998, Trieste, Aspesi, F., in stampa, Nympha Orientalis, in Atti del IX Convegno Internazionale di Linguisti (Milano, 8-10 ottobre 1998). Bodson, L., 1978, HIERA ZOIA. Contribution à l étude de la place de l animal dans la religion gracque ancienne, Bruxelles. Càssola, F. (a cura di), 1975, Inni omerici, Milano. Charbonneau-Lassay, L., 1940, Le bestiaire du Christ, Milano. Chomarat, J., 1974, L initiation d Aristée, Revue des Etudes Latines 52, Chouliara-Raïos, H., 1989, L abeille et le miel en Égypte d après les papyrus grecs, Ioannina. Cohen, D., 1993, Dictionnaire des racines sémitiques ou attestées dans les langues sémitiques, fasc. 3 (GLD-DHML / R), Leuven. Cook, A. B., 1895, The Bee in Greek Mythology, Journal of Hellenic Studies 15, Detienne, M., 1974, Orphée et le miel, in Le Goff, J. Nora, P., Faire de l Histoire III, Paris, Elderkin, G. W., 1939, The Bee of Artemis, American Journal of Philology 60, Fraser, H. M., (I ed. 1931), Beekeeping in Antiquity, London. Gordon, C. H., 1965, Ugaritic Textbook, Roma. Halévy, J., 1910, Le nom de l abeille et du miel dans les langues sémitiques, Revue Sémitique 18, Kuény, G., 1950, Scènes apicole dans l ancienne Egypte, Journal of Near Eastern Studies 9, Marconi, M., 1940, Mevlissa dea cretese, Athenaeum NS 18, Mayer Modena, M. L., 1999, Greco MELISSA, assiro mulissu, ebraico melîjá. Ancora sulla Divina Interprete, ACME 52, Meissner, B., 1902, Ein altbabylonisches Fragment des Gilgamesh-Epos, Mitteilungen der Vorderasiatischen Gesellshaft 7, 14 ss. 8

9 Neufeld E., 1978, Apiculture in Ancient Palestine (Early and Middle Iron Age) within the Framework of the Ancient Near East, Ugarit Forschungen 10, Nissinen, M., 1993, Die Relevanz der neuassyrischen Prophetie, in Dietrich, M., Loretz, O. (Eds.), Mesopotamica Ugaritica Biblica. Festschrift für Kurt Bergerhof zur Vollendung seines 70 Lebensjahres am 7 Mai 1992, Neukirchen-Vluyn, Picard, Ch., 1940, L Ephesia, les Amazones et les abeilles, Revue des Études Anciennes 42, Porfirio, 1986, L antro delle Ninfe, a cura di Laura Simonini, Milano. Ransome, H. M., 1937, The Sacred Bee in Ancient Times and Folklore, Boston. Robert-Tornow, W., 1893, De apium mellisque apud veteres significazione et symbolica et mythologica, Berlin. Roscalla, F., 1998, Presenze simboliche dell ape nella Grecia antica, Firenze. Scheinberg, S., 1979, The Bee Maidens of the Homeric Hymn to Hermes, Harward Studies in Classical Philology 38, Toperoff, S. P., 1985, The Bee in the Bible and Midrash, Dor le Dor 13, 4, Triomphe, R., 1982, Le lion et le miel, Revue d Histoire et de Philosophie Religieuses 62, Triomphe, R., 1989, Le lion, la vierge et le miel, Paris. Waszing, J. H., Biene und Honig als Symbol des Dichters und der Dichtung in der griechish-römischen Antike, Rheinisch-westfälische Akademie der Wissenschaften, Vorträge G 196, Opladen. 9

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua.

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua. ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE (NAPOLI-VOMERO) LICEO CLASSICO E LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO E IT AMMIN. FIN. MARK. PROGRAMMA DI GEOSTORIA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE I LICEO CLASSICO A N.O.

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO

SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO LAILA LUCCI SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO INTRODUZIONE ALLA LETTURA DEGLI SCRITTI BIBLICI SAPIENZIALI 2015 Fondazione Terra Santa - Milano Edizioni Terra Santa - Milano Nessuna parte di questo

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

La vera storia di Betlemme I bambini a Betlemme I grandi a Betlemme

La vera storia di Betlemme I bambini a Betlemme I grandi a Betlemme 7 Indice I. La vera storia di Betlemme Premessa 11 1. Il figlio del dolore 15 2. La dolcezza di Betlemme 21 3. Samuele a Betlemme 43 4. L acqua del pozzo di Betlemme 51 5. Michea 61 6. Il figlio della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza Istituto di Istruzione Cittadella T.L.Caro a.s. 2007/2008 PROGRAMMA di STORIA classe I A Docente: prof. Maurizio Tessaro Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A.

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

INTRODUZIONE S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O. Copyright 2008, 2015 Stefano Martini

INTRODUZIONE S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O. Copyright 2008, 2015 Stefano Martini S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O Secondo il filosofo Karl Jaspers, tra i secoli VIII e VI arco di tempo chiamato età assiale avviene un grande risveglio culturale in diverse parti

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Le 1000 virtù di. Aloe e Miele. Usati insieme eliminano le tossine più pericolose. Spengono le infiammazioni RIZA

Le 1000 virtù di. Aloe e Miele. Usati insieme eliminano le tossine più pericolose. Spengono le infiammazioni RIZA Le 1000 virtù di Aloe e Miele Usati insieme eliminano le tossine più pericolose. Spengono le infiammazioni RIZA LE 1000 VIRTÙ DI ALOE E MIELE Editing: Giuseppe Maffeis Progetto grafico: Roberta Marcante

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio,

A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio, A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio, cetrioli,lattuga, lenticchie, fichi, uva, datteri, meloni.

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Lo studente è tenuto a rispondere alle domande qui presentate, preparando un esposizione orale ordinata di circa 5 minuti per ciascuna

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente Indice_del volume capitolo 1_La preistoria 1_Prima della storia 2 2_Problemi di sopravvivenza e capacità di adattamento 2 Le Parole della Storia_Uomo 3 3_«Uomini» 5 4_La diffusione della specie umana 6

Dettagli

Il sacro. Percorso 2. Il sacro. Statue di divinità femminili ritrovate a Creta: la religione greca arcaica onorava la Grande Madre.

Il sacro. Percorso 2. Il sacro. Statue di divinità femminili ritrovate a Creta: la religione greca arcaica onorava la Grande Madre. Percorso 2 Il sacro Il sacro In Grecia, come in molte altre civiltà antiche, il mito originariamente rappresenta l interpretazione della realtà. Nella coscienza del primitivo, la terra, che produce gli

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

"BIBBIA, PAROLA DI DIO"

BIBBIA, PAROLA DI DIO PARROCCHIA REGINA PACIS Via Poli - S. Lucia TEL. 0574-460347 STUDIO DELLA BIBBIA Scheda N. 1 Margherita Bessi "BIBBIA, PAROLA DI DIO" (scheda introduttiva) Studiamo questa espressione nelle sue 2 parti:

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

murex( murice) ed è reperibile in tutti i mari caldi. Per ottenerne 1g. si dovevano bollire per quindici giorni ben 2000 murici.

murex( murice) ed è reperibile in tutti i mari caldi. Per ottenerne 1g. si dovevano bollire per quindici giorni ben 2000 murici. I Fenici, antica popolazione, abitarono fin dagli inizi del 2500 a.c. nella regione che da loro prese il nome Fenicia (attuale Libano), situata sulla sponda del Mediterraneo, tra la Palestina e la Siria.

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli