L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA E IL PROBLEMA DELLA SALVEZZA. E. Testa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA E IL PROBLEMA DELLA SALVEZZA. E. Testa"

Transcript

1 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA E IL PROBLEMA DELLA SALVEZZA E. Testa La letteratura giudeo-cristiana affonda le sue radici nella apocalittica tardiva giudaica. Tutti i dati cosmologici di questa corrente di pensiero hanno costituito tante altre categorie teologiche, con cui i giudeo-cristiani hanno voluto esprimere il dramma della redenzione e l oggetto mistico dei visionari. I. La cosmologia tripartita semitica La scala cosmica Il giudaismo tradizionale, S. Paolo, il Testamento di Levi e gli Scritti Pseudo-Clementini hanno conosciuto, tra la terra e il trono di Dio, una scala cosmica di tre cieli: il cielo delle meteoriti, quello degli astri e il cielo di Dio. Il giudeo-cristianesimo, specialmente siriano, sotto l influsso iranobabilonese, ammette invece una scala di sette cieli, dimora dei giusti, degli angeli e dei demoni e luogo del trono di Dio. In questi cieli si celebra un culto spirituale che deve essere imitato dalla terra. Nelle descrizioni dei particolari però, i documenti non sono d accordo. Secondo l Ascensione di Isaia e il Testamento di Levi tutti i cieli sono occupati da angeli e da Dio; gli angeli apostati e i demoni abitano nel firmamento e nell aria (opinione questa ammessa anche da S. Paolo in Ef. 2,1; 6,12). Secondo invece il 2 di Enoc, nel primo cielo ci sono le acque inferiori, le riserve della neve e delle piogge, con gli Angeli degli Elementi; ci sono inoltre le stelle con gli angeli che ne regolano l andamento. Nel secondo cielo ci sono gli angeli decaduti dal quinto. Nel terzo cielo ci sono il paradiso dei giusti e lo She òl dei cattivi. Nel quarto cielo c è il sole e la luna, con gli angeli preposti al loro corso. Nel quinto cielo ci sono gli Angeli Vigilanti. Nel sesto cielo gli Angeli superiori: i 7 Arcangeli e i 7 Cherubini e le 7 Fenici. Nel settimo cielo c è il trono di Dio. Questa scala cosmica di sette cieli, eminentemente giudeo-cristiana, viene contaminata, durante il secondo secolo, con le dottrine gnosticoellenistiche delle sette sfere planetarie o dei Kosmokràtores cattivi, cui si LA 40 (1990) ; tavv

2 184 E. TESTA oppone l Ogdoade o l ottavo cielo fisso, che costituisce la dimora di Dio, chiamata (zona del Signore). A questa scala di otto cieli (7+1), si identifica in seguito la dottrina liturgica giudeo-cristiana della ebdomade imperfetta (o del culto del candelabro del V.T.), seguita dall Ogdoade del Dies Domini (o della Domenica). Hanno questa dottrina S. Ireneo, l autore dell Epistola degli Apostoli, Clemente Alessandrino e l arcontico Pietro di Hebron. Di quest ultimo Epifanio ci racconta che definiva che i mondi celesti fossero otto oppure sette. In ognuno di questi risiedeva un principe (angelo) per ogni principe poi erano descritti determinati ordini... Ogni Arconte ha generato per sé ed ha creato un satellite (Potestà o alcune serve angeliche)... Sopra tutti i cieli, nell ottavo cielo, domina la Madre Lucente 1. Una stele-amuleto trovata a Kh. Kilkish rappresenta questa tematica. E un triangolo rettangolo smussato. Sulla ipotenusa sono intagliati sette gradini per salire su due mammelloni, che rappresentano i sette cieli e la Madre Lucente. Nel campo della stele ci sono rappresentate figure di uomini, di animali e di uccelli (la fenice?), per indicare probabilmente gli angeli e i satelliti, e ci sono graffiti parecchi simboli (fig. 1). La scala cosmica giudeo-cristiana dei sette cieli fu finalmente contaminata da quella gnosticizzata di dieci cieli. Ma i cieli, per queste correnti gnostiche, sono diventati Eoni, Angeli o Virtù. Secondo Ireneo, per esempio, i Valentiniani enumerano in tale maniera le dieci Virtù: sette corpi sferici che chiamano cieli, poi un cerchio che li contiene che chiamano ottavo cielo, poi il sole e la luna. Dato che questi elementi sono dieci, essi affermano che sono l immagine della Decade invisibile 2. Gli angeli e la loro gerarchia Legato alla corrente esseno-apocalittica, il giudeo-cristianesimo sviluppa oltremodo l angelologia, invadendo anche la teologia trinitaria e specialmente l azione mediatrice del Cristo. S. Paolo ai Galati (1,8) e ai Colossesi (2,18) rimprovera codesti abusi. La creazione degli angeli è legata con speculazioni della esegesi giudeo-cristiana del Genesi sulla creazione dei cieli o dell acqua. Unanimemente si affermava che gli angeli fossero i protóktistoi, i primi 1. PG 41, PG 7, 637.

3 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 185 creati, e che non fossero immateriali, ma di natura ignea e con una forma gigantesca. Di solito i giudeo-cristiani scaglionarono la gerarchia angelica nella scala cosmica dei sette cieli e divisero codesti spiriti in superiori ed inferiori. Erano tante partecipazioni della Gloria di Dio. Gli Angeli superiori si trovano dal VII (X) al VI cielo e compiono la liturgia celeste lifnê Jahweh, avanti al santuario di Dio. Il 2 Enoc afferma: Le milizie, raggruppate per gradi, avanzano e si inchinano avanti al Signore, poi si ritirano, ritornando pieni di gioia e di allegrezza, ai propri posti... Le Glorie, invece, lo servono e non smettono né si ritirano, né di notte né di giorno, tenendosi sempre avanti al Signore... Tutte le milizie dei Cherubini cantano, intorno al suo trono, avanti al Signore 3. E l Ascensione di Isaia afferma che in questa liturgia angelica tutti nominano il Padre, il suo Beniamino e lo Spirito Santo, in coro concorde 4. I giudeo-cristiani, però, non sono d accordo sulla natura di questo culto angelico. Mentre quelli dell Asia influenzati da Giovanni presentano l immolazione dell Agnello, come centro del culto loro, quelli della Siria in polemica col giudaismo parlano piuttosto di loro offerte ed oblazioni razionali, di sacrificio incruento, di profumo di buon odore. S. Paolo aveva accettato quest ultima opinione (Ef. 5,2; Rom. 12,1). Gli Angeli inferiori, invece, occupano dal V al I cielo, e si curano dell amministrazione del cosmo, degli animali e degli uomini. Nel cosmo ci sono gli Angeli degli Elementi: cioè gli angeli addetti al movimento degli astri, ai serbatoi dell acqua, della neve e della grandine, all andamento dei fiumi e del mare, alla maturazione delle messi e dei frutti. Nel regno animale c è, secondo Erma, l angelo Thegri. Tra gli uomini agiscono gli angeli custodi, sia quelli delle settanta nazioni, capitanati da Michele-Waw (nel V.T.) o da Gesù-Waw (nel N.T.) sia quelli degli individui (compresi quelli degli angeli degli aborti), fra cui primeggiano i due angeli che presiedono alle due vie della dottrina essena. Vi agiscono pure l Angelo della Pace, incaricato di guidare l anima al Paradiso, appena esce dal corpo (cf. la dottrina ellenistica degli psicopompoi) e l Angelo della Penitenza, incaricato di portare messaggi di perdono, di preghiere e di conversione. 3. 2En., 11, Asc. Is., 8,16-18.

4 186 E. TESTA I demoni e il problema del male L apocalittica oltre che degli angeli, si è sempre preoccupata di un altro gruppo di abitatori della scala cosmica: dei demoni. Il ciclo di Enoc (primo e secondo) aveva parlato della caduta etica degli Angeli Vigilanti, detti egrégoroi, che avevano peccato con le donne. In castigo, erano stati incarcerati nel secondo cielo, oppure come diranno i giudeo-cristiani eredi di questa teoria dell apocalittica ebraica nel firmamento, tra il cielo delle meteore e la sfera lunare. Il capo di questi dannati è l angelo Samael-Semyaza-Azazel. I giudeo-cristiani ortodossi però elaborarono una teoria propria sui demoni. Sono costoro i Satana, presidi e governatori delle cose temporali, per cui il loro capo, Satana-Arioch-Marioch, fu sempre chiamato principe di questo mondo, dio di questo mondo. Anche questi angeli, ad un certo momento, furono gelosi di Adamo che non vollero adorare. Il luogo del loro castigo fu il firmamento e la zona dell aria, ove continuamente si azzuffano fra loro e tentano al male l umanità rivale. Essi sono anche difensori della legge del V.T. Ma gli eterodossi non furono contenti di queste teorie etiche della caduta, e preferirono spiegare il male con una teoria psico-ontologica, fondata sopra lo jes\er ra> degli Ebrei e specialmente sugli spiriti delle tenebre degli Esseni, creati già da Dio con la tendenza al male, per mescolanza di elementi cattivi. Anche costoro, insieme al loro capo, Mastema- Beliar, vagano sopra la terra e sono i capi della via delle tenebre. Per tutte e tre le teorie, però, i demoni sono divisi in due classi, quelli superiori e quelli inferiori. Quelli superiori (comandati da Beliar-Satana-Samael) abitano nel Cielo o nel firmamento e sono divisi in egrégoroi, in Potenze, in Dominazioni e in Arconti. Negli ultimi tempi cadranno da questa zona superiore per precipitare nell Abdon o Grande Abisso (cf. Lc. 10,18; Ef. 6,12). Sarà Michele-Waw (= Gesù-Waw) a racchiuderli per sempre laggiù (Apoc. 12, 8-9). I demoni inferiori invece (detti anche Pneumata) abitano nell aria intorno alla terra e sono le anime dei Giganti, nati dal matrimonio tra gli angeli egrégoroi e le donne; sono pure le anime degli indemoniati e l incarnazione dei sette vizi capitali degli uomini (per alcune correnti degli otto vizi). Costoro stanno in lotta continua fra loro e tentano di riversare sugli uomini questo loro spirito di avversione e di invidia, specialmente servendosi della Torah. Cristo morendo li pacificherà con gli uomini (Col. 1,20).

5 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 187 La terra e la sua geografia L apocalittica non si cura solo della scala cosmica, ma anche della conoscenza della terra. Di solito gli scopritori abbinano la forma quadrata mundi con quella circolare. Il libro di Enoc è l esempio migliore. La terra è costituita dall arida. Qui c è il Sion (centro del mondo, con l ombelico nel Calvario), c è la Terra Santa e il Sinai. Questa zona è abitata dagli Eletti, i quali, dopo una lunga lotta (economia del V.T.), sono stati rappacificati dalla croce con le Genti che abitano nel resto della Terra. Dalla terra partono i quattro venti, verso i quattro angoli, verso Sud, verso Est, verso Ovest e verso Nord. Della regione del Sud poco si sono occupati gli apocalittici. Della regione dell Est ne hanno parlato solo per armonizzarsi con la Bibbia, Gen.2-3. En ci descrive questa regione: partendo da Gerusalemme, dapprima si incontra il deserto (arabo) con alberi odoriferi e acque miracolose (pare quelle che, secondo Ez. 47,8, scendono dal Tempio verso il Mar Morto). Segue poi una regione vasta, con alberi di resina, con altra acqua sempre viva. Finalmente si arriva in una regione montagnosa, con alberi di Aloes e con altra acqua. Verso il Nord svettano sette monti, si allarga il Mar Eritreo, si eleva una spessa cortina di tenebre e il Paradiso della Giustizia, con l Albero della Conoscenza. Anche della regione del Nord ne hanno parlato a causa della tradizione biblica di Is. 14. Enoc (77,3) afferma che questa regione si suddivide in tre zone: la prima è abitata dagli uomini palestinesi, la seconda è occupata da mari, da abissi, da sette montagne con foreste, da sette grandi fiumi che scendono alcuni nella regione di Sem e altri verso l abitazione di Cam, da 7 grandi isole e da zone tenebrose con nubi; la terza zona è occupata dal paradiso di giustizia, chiamato dai Fenici S\afon, e dai profeti Montagna del Nord o Montagna di Dio. Gli apocalittici hanno molto sviluppato le notizie che riguardano la regione dell Ovest. Ne aveva parlato anche il folklore mesopotamico in Gilgamesh e quello classico dell Odissea. Enoc, che compie questo viaggio con scrupolo, ci descrive il succedersi delle varie zone ( ). Dopo una zona di fuoco, si elevano montagne tenebrose, battute da tempesta. Quindi ci si inoltra nei luoghi dei luminari e nei depositi dei tuoni e dei fulmini. S incontra poi un grande bacino di acque: il Mare d Occidente, ove si gettano le bocche dei fiumi : quello di fuoco (il Nilo Flegetonte) e gli altri di minore entità (lo Stige, l Acheronte e il Cocite).

6 188 E. TESTA Poi si incontra un isola montagnosa, ricca di tenebre e di tempeste invernali. Da qui si può seguitare il cammino verso l ovest, oppure si può ripiegare verso il sud (altri testi dicono verso il nord). Battendo ancora la regione dell ovest, si incontra la Grande Montagna Occidentale, nei cui fianchi si aprono quattro grotte profonde: una con acqua e luce per Abele e per i Giusti; le altre tre, oscure e tenebrose, per i peccatori, per gli empi e per gli uccisi. Inoltrandosi sempre verso l ovest, si apre una regione di fuoco ove sono puniti i luminari del Cielo; e si arriva all estremità della terra, ove ci sono i fondamenti e la pietra angolare della medesima e i quattro venti che la sostengono. Ripiegando invece verso il Sud (o secondo altri verso il nord), si scorgono sette montagne di fuoco, tre che si spingono ancora a sud e tre che ripiegano ad est. La settima di centro è la Montagna di Dio che si eleva fino al cielo per far da trono al Signore. Quando Egli scende sopra la terra viene ad abitarci ed anche i giusti ci vengono a gustare l Albero della vita. Oltre queste sette montagne c è la fine dei cieli, una grande terra desertica e un abisso informe. Qui c è il luogo delle visioni dalla fine del tutto, specialmente dei tre fuochi e delle sette stelle, cioè delle tre montagne di fuoco e dei sette angeli che hanno peccato con ledonne. Il libro della vita Dopo aver trattato della terra teatro delle azioni degli uomini gli apocalittici si curano anche dei libri ove tali azioni saranno registrate. Già Malachia aveva affermato che dinanzi a Dio c era un libro memoriale (sefer zikkarôn) con tutti i nomi di quelli che lo avevano temuto (3,16-17) e il Documento di Damasco lo aveva reso popolare (20,19). L Ascensione di Isaia ne allarga il concetto, affermando che nel settimo cielo c è il libro di tutto il mondo, con le azioni scritte, tanto di Israele quanto di uomini ignoti (9,22-23); e 2 En. 13,10 afferma che in esso sono scritte tutte le opere del cielo della terra e del mare. I giudeo-cristiani moralizzano questo Libro della Vita che conterrà i nomi dei giusti non più in base a una predestinazione da parte di Dio (come nelle tavolette celesti ) ma dopo essersene resi degni, mentre i cattivi ne saranno cancellati per essere iscritti nel libro dei colpevoli. Di solito, sia l uno che l altro libro è in funzione del giudizio divino. Già nell Apocalisse Giovanni aveva scritto che furono aperti dei libri; ne fu

7 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 189 aperto anche un altro che era il Libro della Vita. E i morti furono giudicati secondo a quanto era scritto in essi in seguito alle loro opere (20,12). Chi non fu trovato scritto sul Libro della Vita, fu gettato nel fuoco (20,15). Perciò Erma pretende che si faccia penitenza, si lotti contro i vizi e si sia davvero giusti per essere iscritti nel Libro della Vita; l autore delle Odi di Salomone vuole invece che si resti vittoriosi nella lotta morale e Clemente Romano che si siano tollerate con confidenza tutte le traversie della vita. Non per rivelazione, ma per mezzo della voce della coscienza e della testimonianza della comunità, cui è nota la nostra condotta morale, veniamo a sapere in quale dei due libri sono scritti i nostri nomi. Le regioni degli inferi Ogni cosmologia totale, oltre che delle coelestia e delle terrestria, deve parlare anche delle inferiora. E l apocalisse giudeo-cristiana lo fa senz altro, al contrario di quella greca che solo più tardi e sempre con una certa riluttanza l ha accettata negli articoli della sua fede. Però anche i giudeo-cristiani hanno esplorato soltanto una zona particolare, dovendo illuminare un problema preciso, quello della sorte dei Giusti del V.T. e dei Santi d Israele. I quali nello She òl infernale occupavano solo una delle quattro caverne della Montagna Occidentale, quella con acqua luminosa 5. Essa è una dimora provvisoria (come provvisori sono lo She òl del primo e quello del secondo cielo, per le anime degli altri giusti e degli angeli caduti) in attesa della resurrezione finale. Si trova nei sotterranei, sotto il limo della terra (Apocrifo di Geremia). L entrata si apre sotto il Calvario, manifestata dalle rocce spaccate; però dopo ci sono delle porte con dei catenacci di ferro 6, custodite dai portieri dell Ade (pyloroì hàdou). Si vede in seguito un gorgo di acque letali (Erma), nel cui fondo vive il Dragone dalle sette teste. Si spalanca poi la caverna della montagna Occidentale con acqua luminosa. Nella parte più profonda impera l Angelo della Morte (il quale non è stato mai considerato della famiglia dei demoni) insieme ad altri angeli coadiutori. In questa zona fa notte e ci sono le tenebre che legano i Giusti e li rendono prigionieri; alcuni di essi però sono indocili (apeithoùntes), altri dormono (Mt. 27,52; 5. 2En., 22,9. 6. Odi di Sal., 17,8-11; 42,13-26.

8 190 E. TESTA Ef.5,14). Questa dimora non ha come abbiamo accennato il carattere di stabilità: infatti i suoi inquilini dovranno un giorno essere risvegliati e liberati per entrare nella Gerusalemme Celeste 7, nel Regno di Dio, e avere il riposo eterno in una delle tre dimore definitive che, per il Presbiteri della Chiesa di Gerusalemme, sono o i cieli, o le delizie del Paradiso, o gli splendori della Città (Ireneo). Alcuni Giusti del V.T., Abele ed Enoc, sono però già con il corpo nel settimo cielo, per anticipazione, mentre gli altri ci sono, per adesso, solo con l anima; alla resurrezione ci andranno anche con il corpo, purificato dalla corruzione. In una di queste tre dimore saranno trasferiti anche gli abitatori dello She òl del primo cielo; mentre quello del secondo cielo (gli egrégoroi e i Demoni superiori) saranno gettati nella parte più profonda dello She òl sotterraneo, chiamato Hagual, Abadon o Grande Abisso 8. Possiamo dunque concludere questo primo tema della struttura letteraria del giudeo-cristianesimo, affermando che esso si muove su un fondo apocalittico giudaico, che interessa, come dirà un inno arcaico della chiesa primitiva, tanto gli eporànioi, quanto gli epìgheioi, e i katachthònioi, cioè le tre zone del cosmo intero (Fil. 2,11). II. Le orme apocalittiche lasciate dal Salvatore Fino a pochi anni fa influenzati dalle teorie di Bultmann gli autori, anche cattolici, ammettevano che i miti fossero essenzialmente antistorici e politeistici, causa di alterazioni fondamentali del messaggio che pretendevano manifestare. Negli ultimi anni, valenti autori di storia delle religioni e di etnologia (J.Henninger, M.Eliade, U.Bianchi, J.L.Mc Kenzie, A.Closs, F.Festorazzi, ecc.) hanno affermato al contrario che il mito è piuttosto astorico, può essere monoteistico e che non è suscitato né dalla immaginazione pura, né dall intelletto puro, ma da una facoltà intuitiva che ha le sue radici negli strati più profondi dell anima. E questa una facoltà di afferrare intuitivamente le realtà invisibili, anzi trascendentali; è un affermazione simbolica, una rappresentazione condensata della realtà sacrale. Così almeno considerarono il mito i teologi giudeo-cristiani i quali rivestirono con esso tutto il contenuto della rivelazione (cf. Mythoi 7. PG 14,1052A. 8. Asc. Is., 10,8.

9 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 191 Ioudaikoì, Tito 1,14; 1Tim.1,4;4,7; 2Tim.4,4), formulando i dogmi essenziali di essa con termini cosmologici della loro apocalittica e con gli elementi della loro simbologia. S. Paolo ne criticherà gli abusi. L Incarnazione apparve ai giudeo-cristiani come una discesa (katàbasis) del Verbo dal cielo alla terra, attraverso la scala cosmica; la Passione fu considerata da essi come un combattimento del Crocifisso con gli Angeli dell aria; la Liberazione dei Giusti del V.T. come una lotta del Vivente con il dragone dalle sette teste e con l Angelo della Morte; la Resurrezione sarà per essi una esaltazione (anàbasis) dell Umanità di Cristo, sopra tutte le schiere angeliche; l Ascensione sarà descritta da loro come un trionfo militare su tutti i nemici travolti nella battaglia. Mitiche sono pure le formulazioni teologiche che riguardano la Chiesa e la salvezza degli individui. Come una sposa preesistente alla creazione è presentata dai giudeo-cristiani la Chiesa di Cristo. E l anima, dopo la morte, dovrà per essi fare un viaggio attraverso le sfere angeliche, rendendo conto ai guardiani dei singoli cieli o attraverso le zone mitiche della terra, per arrivare ai tre Paradisi di Oriente, di Settentrione e di Occidente. Gli stessi mistici devono compiere il mitico viaggio, nelle loro meditazioni domenicali. Finalmente di figure mitiche sono rivestiti i dommi dell escatologia giudeo-cristiana: il millenarismo e l anàpausis. Il mito della Katàbasis Per dire l idea astratta che invisibile per natura, il Verbo non poteva esser scoperto dalle creature quando discese sopra la terra 9 i giudeo-cristiani immaginarono che Nostro Signore, il leone spirituale, inviato dal Padre Eterno, ha nascosto le sue tracce spirituali, cioè la sua divinità. Con gli angeli si è fatto angelo; con i Troni, Trono; con le Potenze, Potenza; con gli uomini, uomo, durante la sua discesa. In effetti Egli è disceso nel seno di Maria, per salvare la razza delle anime umane che avevano sgarrato. In conseguenza essi (gli angeli), nella sua discesa dall Alto, non lo riconobbero e dissero: Cos è questo Re della gloria? Allora lo Spirito Santo rispose: Il Re della gloria è il Signore delle Potenze. Così si legge nel Physiologos che, secondo E. Peterson, darebbe la forma più arcaica del mito della discesa nascosta. L autore del- 9. Ireneo, PO 12, 794.

10 192 E. TESTA l Ascensione di Isaia già abbellisce questo mito, dandoci, di cielo in cielo, tutti i particolari: c è un discorso di Dio che dà al Cristo l ordine della discesa e dell ascesa dal cielo allo She òl e viceversa, specificandogli tutte le modalità; c è la descrizione minuta della trasformazione del Cristo che attua il comando paterno, dopo il sesto cielo; e perfino c è dal terzo cielo in poi, la menzione di una parola d ordine, presentata ai portieri dei vari cieli inferiori 10. Arrivato sulla terra, il Verbo si sarebbe adattato alla legge comune, per non essere riconosciuto nemmeno dagli uomini 11. Altri autori posteriori arricchiscono ancora di più il mito: si parla allora di un corteggio dello Spirito Santo e dei quattro Arcangeli Michele, Gabriele, Uriele e Rafaele, che ai portieri chiedono, con il Sal 23,10, di aprire le porte al Re della Gloria (corteggio che viene però sciolto dallo stesso Cristo); si afferma che contro le mene degli angeli, curiosi di scoprire la natura del Discendente, Cristo si sarebbe munito di sigilli (sfragìdeis) che lo avrebbero reso invulnerabile e imprendibile. Ireneo afferma che, scendendo i sette cieli, Gesù si sarebbe appropriato delle sette forme del culto angelico, per portarle con il candelabro sopra laterra 12. Come si vede facilmente, le idee astratte della teologia dell Incarnazione (invisibilità, mistero, divinità unita alla natura umana, possesso della Sapienza divina secondo Is. 11,2) sono concretizzate in categorie e in strutture immaginative e mitiche. Il mito della lotta sopra la Croce Come abbiamo visto, gli angeli delle zone inferiori dei cieli (firmamento e aria) erano interessati alla condotta morale dell umanità ed erano in lotta continua con essa a causa delle inosservanze della Legge. Cristo, che doveva con la sua morte pacificare sive quae in terris, sive quae in coelis sunt (Col. 1,20), si dovette occupare anche di questi Angeli inferiori, zelatori ed esigenti. E nacque così il mito della lotta con le Potenze dell aria. Le Omelie Pasquali, ispirate da Ippolito, ci assicurano che l arma usata da Cristo in questa lotta fu solo la Croce, la quale toccando con il suo 10. Asc. Is., 10, Asc. Is., 11, Ireneo, PO 12, 761.

11 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 193 apice la sommità dei cieli e rendendo stabile la terra con i suoi piedi, stringendo inoltre con le sue braccia immense tutte le parti e gli Spiriti numerosi dell aria, tra cielo e terra, essa fu tutta in tutto e da per tutto. Diventando in più un maledetto a causa della Legge e salendo per questo sulla Croce, Gesù soddisfa, una volta per sempre, alle dure esigenze dei custodi angelici di essa e li spoglia così del loro cheirògrafon, scritto contro l umanità peccatrice; li mette quindi in rotta e diventa capo glorioso di ogni Principato e Potestà 13. Quindi aggioga questi angeli vinti al suo carro trionfatore (Col. 2,15), accomunandoli agli uomini (Col. 1,20) 14. Se avessero scoperto questo piano di battaglia commenta anche S.Paolo i Principi di questo mondo non avrebbero tanto tramato per crucifiggere il Re della Gloria, rappresentante dell intera umanità, che aveva peccato contro la Legge e contro il calendario liturgico, a cui essi erano stati preposti (cf. Enoc!). Il mito della lotta nello She òl Gesù, scendendo nello She òl con lo scopo di liberare i Giusti del V.T., deve lottare con i due custodi di esso, il Dragone dalle sette teste e l Angelo della Morte. Influì, per la formazione di questo mito, tanto quello precedente della lotta del Crocifisso contro i demoni, quanto la liturgia battesimale, dato che la vasca e l acqua erano state accostate dalla simbologia liturgica allo She òl. Il Vivente, il Libero per essenza, scende nel regno dei morti, trasformandosi secondo la forma degli angeli che vi abitano 15, come già ha fatto nella katàbasis della scala cosmica. Dovrà essere per essi fiele e aceto, senza però che se ne accorgano. Presi di sorpresa, i capi saranno sbaragliati e il vincitore potrà liberare i giusti, facendoli suoi prigionieri (Ireneo) 16. Egli combatté con la sua Croce, che sopra la terra ha usato già per legarvi il Demonio e che nello She òl brandirà come una verga Atti di Andrea, 14,54s.; Cirillo di Gerusalemme, PG.33, Asc. Is., 7,9s 15. Asc. Is., 10, Test. di Dan., 5,10-11; PG 14, 1052A. 17. Cfr. PG. 14, 1052A.

12 194 E. TESTA Allora Mors et Vita duello conflixere mirando, e l Angelo della Morte, spogliato del suo potere 18, e vedendo discendere nel suo regno questo nuovo personaggio, non legato da catene, proprie di quel luogo, fu atterrito e fuggì, condannando così la sua ignavia; anche i portieri dell Ade ebbero paura (Cirillo di Gerusalemme). Seguitando la battaglia, Gesù fracassò con le proprie mani il dragone dalle sette teste e ne estirpò tutta la sua discendenza 19. Testi tardivi, trasferendo la lotta già combattuta sopra la Croce in questa zona infernale, affermano che Gesù combatté anche contro Belial, contro l Orco e contro il Serpente maligno dell Eden 20 e ottenne così la decisione vittoriosa a favore dei Padri. Tutti i nemici e avversari furono dispersi 21, lo She òl fu vinto e fu spogliato di ogni potere (hàdes skyleouomènon). Il vittorioso, allora, si avvicinò a quelli che dormivano e li svegliò (Cirillo di Gerusalemme), cioè li resuscitò dai morti (cf. Mt. 27,53; Apocrifo di Geremia, Ignazio, Giustino e Ireneo). I risuscitati allora ritornati corporei e ricchi di energia 22 dissero al vincitore ancora trasformato: Sei tu che devi venire o dobbiamo aspettare un altro? (Cirillo di Gerusalemme). E Gesù iniziò il rito battesimale. Radunò un assemblea dei vivi fra i morti, parlando loro con labbra sante 23 : annunziò loro la sua venuta che era stata concessa a quelli che credevano la remissione dei peccati (Ireneo); predicò la speranza, la fine dei secoli e l avvento del giorno eterno 24 ; evangelizzò la buona novella della salute che apportava ad essi (euangelìsasthai; Apocrifo di Geremia). Finita così la catechesi, li spoglia, li fa scendere e risalire nell acqua e li battezza con la propria destra, proprio come si fa con i viventi 25 finalmente impone loro la sfragìs del nome suo Asc. Is., 9, Odi di Sal., 12, Gregenzio, PG. 86,1,654; Test. di Dan., 5, Odi di Sal., 22, Odi di Sal., 22, Odi di Sal., 42, 13s. 24. Or. Syl., 8, Epist. degli Apost., PO 9, Odi di Sal., 29,14; 42,13-26.

13 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 195 Poco dopo scenderanno anche gli Apostoli e i Dottori a continuare in nome della Chiesa la stessa cerimonia compiuta da Gesù nel triduo della sua morte 27. Solo allora lo She òl riconobbe il vittorioso, si diede per vinto e la Morte lo lasciò risalire con un corteggio di parecchi salvati 28. Il mito della esaltazione Anche il domma della esaltazione divina del corpo umano del Risuscitato fu rivestito dai giudeo-cristiani di categorie mitiche. Sfruttarono i concetti e le credenze che essi avevano sopra il mistero domenicale, il quale insegnava la liberazione dalle cose terrene, il passaggio dalle tenebre alla luce, dalla Ebdomade imperfetta della economia del V.T. alla Ogdoade perfetta della nuova liturgia e voleva effettuare un graduale spogliamento dalla corporeità per far rivestire agli uomini la gloria della divinizzazione. Questo mito esprime tali concetti astratti con la categoria fondamentale della anàbasis dallo She òl alla destra del Padre. Ed è lungo questa scala che avviene la trasformazione graduale richiesta dal domma. Il mito inizia dallo She òl, perché da qui dopo aver spogliato l Angelo della Morte, il terzo giorno, Egli risalirà, avendo con sé i Giusti 29. I quali, dopo la loro resurrezione, gridarono al Figlio di Dio: Agisci con noi secondo la tua Grazia; facci sortire dalle tenebre; aprici le porte per uscire con te; perché vediamo che la nostra morte non si è avvicinata a te. Siamo noi salvati con te, perché tu sei nostro Salvatore 30. Gesù li esaudì e risalirono insieme il primo lasciando nel sepolcro le vesti (fasce, sudario, ecc.), come simbolo e segno della morte; gli altri lasciando nello She òl la mortalità della vita anteriore (Erma). Quindi, dopo aver speso tutta la domenica per dare agli apostoli prove tratte dalla S. Scrittura e dalla esperienza della divinizzazione incipiente della sua carne che era stata già mortale (ma ora non più soggetta benché sempre reale e non fantastica alle leggi fisiche), Gesù sale con essi sul Gebel es-sajjad, detto pure Monte Galilea. Sale cioè nel- 27. Erma, Par., 9,16, Odi di Sal, 42, 15s. 29. Or. Syl., 9, Odi di Sal., 42.

14 196 E. TESTA l altura settentrionale dell Oliveto, dove l aspettavano Mosè ed Elia, insieme agli altri Giusti risuscitati la mattina. Alla loro presenza dopo una epifania del Padre che lo proclama suo Figlio amato Gesù, secondo l Apocalisse di Pietro, seguita l anàbasis già iniziata la mattina dallo She òl 31. Ma per quanto grandiosa sia stata questa Ascensione domenicale, rimase ancora, per la maggior parte degli angeli, un mistero pieno di dubbi, per cui la Merkabâ che lo portava, cioè i due angeli di cui parla il Vangelo di Pietro, lo predicarono per tutto il tragitto ai dubbiosi. Con il Sal. 23 intimarono agli Arconti di aprire le porte al Re della gloria; essi aprirono, ma, spauriti, si assembrarono alle porte e non riconobbero la grandezza del Messia (Apoc. di Pietro). Giustino ce ne dà la ragione, dicendo che gli Arconti non lo riconobbero perché lo videro senza bellezza, senza onore, senza gloria nella sua forma 32. Origene, fondandosi anche su Isaia 63,1, ripete lo stesso concetto: l eroe solitario che viene da Edom, con le vesti insanguinate non poteva dissipare i dubbi degli Arconti e delle Potenze ipercosmiche. E vero che nella passione Egli ha fatto eroismi, ma quelle piaghe persistenti fomentavano grossi dubbi (Gregorio Nazianzeno) e poi che cosa significava quel corpo umiliato di uomo? Gli angeli pure dubitarono quando Cristo risuscitò, vedendo che la sua carne saliva dalla terra al cielo. Dissero allora: Chi è il Re della gloria? E mentre alcuni dicevano: Alzate le vostre porte o principi, perché vi entri il Re della gloria. Altri dubitando rispondevano: Ma chi è colui che sale da Edom? (S. Ambrogio). I giudeo-cristiani Naasseniani mettono in bocca agli angeli: Ma questi non è nemmeno un uomo, è un verme della terra! Come si vede, salendo, Cristo non aveva ancora rivestito del tutto le vesti di luce, per cui gli Arconti non lo riconobbero perché egli rivestiva ancora la povera tunica della natura umana, e perché i vestimenti erano stati arrossati al pressoio dei nostri mali (S. Gregorio di Nissa). Anche a questi Angeli inferiori, il Risuscitato avrebbe potuto ripetere quello che aveva detto in mattinata alla fervorosa Maddalena: Non mi intrattenere perché non sono ancora salito al Padre mio (Gv. 20,17). Soltanto con la sessione alla destra di Dio, l umanità di Cristo rivestirà la gloria della divinità, e allora, come afferma l Asc. di Isaia: Tutti i Giusti che io avevo visto e anche gli Angeli vennero presso di lui, e Adamo, Abele e Set e tut- 31. ROC 1 (1910), p PG 6, 554.

15 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 197 ti i Giusti si fecero avanti e l adorarono, lodandolo tutti in coro; e anch io cantai con essi e la mia lode era come la loro. E allora tutti gli Angeli si avvicinarono e adorarono e cantarono. E io fui trasfigurato diventando come un Angelo. E allora l Angelo che mi guidava mi disse: Adora Costui! E l adorai e cantai. E l Angelo mi disse ancora: Costui è il Signore di tutte le Glorie che tu hai vedute! 33 Colui che era stato tanto umile sopra la terra (tapeinòs), in tale maniera era diventato nel cielo glorioso (èndoxos)! La sua carne si era completamente trasformata; era diventata incorrotta, gloriosa, potente e spirito vivificante (pneuma Zoopoioùn). Questo giorno dunque per l umanità segnava l inizio di un nuovo mondo (hò estin àllon kòsmou archè). Il mito del trionfo sui nemici e delle donazioni agli amici Era domma creduto da tutta la Chiesa che il Risuscitato, il giorno della sua Ascensione gloriosa (dopo quaranta giorni secondo i lucani, dopo cinquanta secondo i giudeo-cristiani), trionfò sopra i nemici schiavi e donò vari doni alla sua Chiesa (Ef. 4,7-12; Col. 2,15). Anche questo domma fu rivestito dai giudeo-cristiani con strutture mitiche. Il Cristo secondo Ireneo radunò i suoi discepoli, perché volle che la sua Ascensione avvenisse davanti ai loro occhi sicché vedessero aprirsi i cieli per riceverlo 34. La porta che immetteva a così glorioso viaggio si trovava secondo Cirillo sulla Cima dell Oliveto 35. Il corteo è costituito da un gruppo di Giusti che ancora non erano potuti salire nel cielo e rivestire le loro vesti di gloria 36 ; inoltre secondo l Apocrifo di Giacomo era costituito anche da due discepoli; e secondo S. Paolo dai Principati e Potestà, vinti nella lotta della Croce (Col. 2,15). Tutti quanti come prigionieri di guerra devono seguire il carro dei trionfi del duce glorioso che inizia la sua nuova anàbasis nei cieli 37. Il carro è costituito da una nube lucente, quella stessa sopra cui Cristo ritornerà alla fine del mondo come Giudice. 33. Asc. Is., 9, PO 12, PG 33, Asc. Is., sl., 9, Asc. Is., sl., 9,17.

16 198 E. TESTA In questa nuova anàbasis i portieri dei vari cieli riconoscono, nel corpo già glorificato del Cristo, la divinità 38, sicché si pentono della loro ignoranza precedente 39 e si associano alle acclamazioni del trionfo. Ormai tutti hanno compreso il grande mistero di un uomo che era già con Dio, di un uomo mescolato con la divinità (Ippolito). In tutti i cieli la lode si accresceva, dato che le vesti del trionfatore brillavano sempre di più di splendore immenso; aumentavano di cielo in cielo di 49 gradi (Pistis Sophia). Non tutti del corteo possono sopportare tanta luce progressiva: per questo, nel secondo cielo, Cristo fa fermare i due fortunati discepoli che lo avevano accompagnato, poi, arrivato ai cieli superiori, rimanda nella loro sfera anche gli Angeli inferiori. Finalmente, da solo, Cristo glorioso penetra nel cielo di Dio, e si siede alla destra del Padre 40. E mentre quelli che avranno creduto alla sua Croce e alla sua Ascensione al settimo cielo, d onde era disceso, saranno salvati 41, saranno riempiti di doni, secondo la misura che Egli stesso crederà opportuna (Ef. 4,7-9) 42 e poi finalmente saranno fatti compartecipi della sua Gloria 43, i suoi nemici invece, secondo il Sal. 109, saranno per sempre messi come sgabello dei piedi suoi (Ef.1,20-22; 1Cor. 15,25-26; Ebr. 10,12s). Ne parlano Giustino ed Ireneo 44. Il mito dello sposalizio eterno tra la Chiesa e Cristo Per esprimere l idea biblica della preesistenza nel pensiero di Dio, di Cristo e della Chiesa sua sposa, i giudeo-cristiani sono ricorsi al mito della donna attempata e dell uomo archetipo. La preesistenza intenzionale degli occidentali è così diventata una realtà escatologica presente all origine nel disegno divino. Fondati sulla dottrina ebraica della preesistenza di Adamo, l eletto figlio dell Uomo, creato prima dei giorni del sole e degli astri 45, i giudeo- 38. Ireneo, PO 12, Asc. Is., 11, Asc. Is., 11, Asc. Is., 3, Giustino, PG 6, Ireneo, PG 7, Il primo in PG 6, 395 e il secondo in PG 7, En., 48,2.

17 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 199 cristiani elaborarono la dottrina mitica dell Uomo archetipo. Era questi l Anthropos totale che designava per essi sia l Adamo che il suo corpo, sia l Eletto che la sua comunità dei Santi: puri ambedue, senza peccato, potenza che regge tutte le cose (Sap. 10,1-2) e inseparabili fra loro. E l applicarono a Cristo e alla Chiesa preesistenti. Come Cristo, dunque, l Adamo primo e spirituale è da sempre, così la Chiesa è la prima creata (pròte ektìsthe); è spirituale anch essa (pneumatikè), predestinata avanti ai secoli (Ignazio) ed è esistente prima degli Eoni. Fa parte cioè delle sette cose create da Dio secondo gli Ebrei prima del mondo. Per questa ragione, quando essa si dà a vedere ai visionari, si presenta come una donna attempata con capelli bianchi 46. Compare questa dottrina nel dialogo tra l angelo e il Pastore: Che cosa pensi che sia quella vecchia da cui hai preso il libro? Ed io risposi: La Sibilla!... Sbagli, mi disse, non è la Sibilla. Ed io di nuovo: E allora chi è? Ed Egli: E la Chiesa! Ed io di rimando: E perché è vecchia? Ed Egli: Per il fatto che è la prima creata, per questo è vecchia; e il mondo è stato fatto per essa! 47 Come Eva una volta manifestatasi fu separata momentaneamente soltanto da Adamo, per riformare subito un solo corpo nel matrimonio, così la Chiesa scenderà dal cielo già vestita come una sposa novella, preparata per il proprio marito (Apoc. 21,1-2), come una vergine vestita da sposa che esca dalla camera nuziale, tutta di bianco, la testa coperta fin sulla fronte da una mitra 48. Essa infatti è già sposa di Cristo e a lui è intimamente unita, come corpo all anima 49, come torre alla roccia 50 : non formano che un solo spirito, un solo corpo tra i due. Questo duplice tema, di già per sé mitico, sarà esasperato dai giudeocristiani gnostici, i quali influenzati dall ellenismo parlarono della coppia Logos-Zoè, facente parte della Ogdoade primordiale, e del mito dell Anthropos-Androgine, che da Marco il diacono sarà accoppiato con la stessa Maria, sposa di Cristo! 46. Erma, Il Pastore, Vis., 1,2,2; 4,2,2; 4Esd.,4,4, Idem, Vis., 2,4, Idem, Vis., 4,2, Clem, 14, Erma, Sim., 9,13,5.

18 200 E. TESTA III. La salvezza apocalittica dei fedeli Il mito delle due vie Parlando della Chiesa terrestre i giudeo-cristiani ricorrono al mito esseno delle due vie o dei due Spiriti. Già l ebraismo aveva parlato dei due yes\er, per esprimere le due tendenze psicologiche al bene e al male, insite nell uomo sin dalla creazione, chiamate diaboùlia o logismoì. I giudeo-cristiani volendo dare una spiegazione a questa duplice tendenza psicologica, ricorsero al mito esseno dei due spiriti. Dio, nel piano salvifico della predestinazione, ha creato due Spiriti, il Principe della luce o Angelo della verità e Belial o Angelo delle tenebre. Il primo ha arruolato sotto la sua bandiera gli eletti, i figli della giustizia o i figli della luce, separati da Dio dal gruppo dei figli delle tenebre o della iniquità, che obbediscono a Belial o all Angelo tenebroso. Una inimicizia implacabile oppone i due eserciti in lotta, che durerà per volontà di Dio per tutto il corso della storia, fino al termine deciso, fino alla rinnovazione o visita di Dio. Durante questa visita della collera ardente di Dio, i figli delle tenebre saranno distrutti e non rimarrà di essi nessun resto 51. Questa dottrina costituirà per la Chiesa nascente una paràdosis o dottrina apostolica (S. Paolo e S. Giovanni) 52. Erma però dà al mito una colorazione tutta propria. L Angelo della luce diventa un Essere Increato, uno Spirito divino (tò Theion pneuma), cioè diventa lo Spirito della Verità (pneuma aletheìas), che è il Signore (Kyrios), la Seconda persona della SS. Trinità. L Angelo delle tenebre rimane invece il diavolo, creato da Dio e diventato cattivo per propria iniziativa. Con il rito del battesimo il neofita si attacca (akolouthein) all Angelo della giustizia e rinunzia (apotàxasthai) all Angelo del male 53. Dipende dalla condotta etica del battezzato se lo Spirito Santo, delicato, riservato, dolce e pacifico, continuerà a vivere gioiosamente nell anima sua. Basterebbe un eccesso di collera perché lo Spirito si senta nell angustia e cerchi di uscire dalla sua dimora. Al suo posto entrerebbe subito lo Spirito cattivo. Incompatibile è la coabitazione dei due Spiriti QS 3,15-4, Gregorio di Nissa, SC 6, Erma, Il Pastore, Prec., 4,2, Idem, Prec., 5,1; 2-4; 2,5.

19 L APOCALITTICA GIUDEO-CRISTIANA 201 I frutti delle due presenze sono diametralmente opposti. I frutti dello Spirito Santo sono voci di giustizia, di santità, di temperanza, e tutte opere buone. Le sette vergini e le dodici vergini sono la personificazione di tali virtù. I frutti invece dello Spirito cattivo sono tutti i vizi che, insieme con gli spiriti del male loro preposti, s impossessano materialmente dell anima. I sette demoni (pneùmata) o i dodici demoni ne sono una personificazione. La vita spirituale è dunque per ogni anima una lotta contro questa possibilità di possessione diabolica e contro le suggestioni del male (diaboùlia). La preghiera, il digiuno sono le armi per tale lotta che è possibile sempre vincere, perché il Demonio, dopo la vittoria di Cristo, è senza una potenza reale 55. Come si vede la struttura mitica essena è stata cristianizzata. Invece essa fu esasperata dagli gnostici, i quali, mettendosi sulla linea della teologia iranica e della filosofia platonica, caddero nel dualismo ontologico, ammettendo due principi eterni Jahweh e Gesù, V.T. e N.T., spirito e carne, maschio e femmina, incompatibili per essenza fra loro. Il mito del buon viaggio Fu rivestita con tale mito la dottrina della salvezza individuale del defunto e le elevazioni spirituali dei mistici. Questi ultimi raggiungono la salute mediante la meditazione o le visioni celesti e mediante l iniziazione per ignem. Isaia attraversa le sfere successive dei cieli, nella estatica Ascensione omonima; Erma fu trasportato in una regione inaccessibile, mentre il cielo si apriva 56. Anche S. Paolo fu rapito al terzo cielo (2Cor. 12,2-3) e S. Giovanni fu rapito in spirito e vide i cieli aperti (Apoc. 4,1-2). Lo stesso assicura S. Stefano (Atti 7,55s). Di solito queste estasi purificanti accadevano nel giorno della domenica (Apoc. 1,10) e producevano una graduale liberazione dal sensibile (2Cor. 12,2-3: con il corpo o senza corpo non lo so ). L iniziazione per ignem con la conseguente impressione di lettere, di numeri, di sigilli e di segni sulle vive carni aveva invece un valore purificante per gli iniziati, punitivo per gli ilici o terreni. Inoltre aveva un valore escatologico, illuminante e configurante al corpo glorioso di Cristo 55. Idem, Prec., 8,2; 11, Idem, Vis., 1,1,3-4.

20 202 E. TESTA per i giusti, distruggente ed eterno per i peccatori. Finalmente costituiva una prova divina, arra efficace di redenzione per i fedeli, e minaccia per l empio e per il peccatore 57. I defunti raggiungono la salute mediante un rito funebre di iniziazione e mediante le varie commemorazioni delle sinassi liturgiche. Ci sono alcuni che redimono i loro morti per premunire il loro passaggio. Infatti alcuni di questi mischiando olio con acqua, lo versano sul capo del partente. Costoro usano come essenza profumata il detto balsamo e acqua, insieme con la comune invocazione con lo scopo di diventare imprendibili e invisibili ai Principati superbi e alle Potestà e perché il loro uomo interiore possa ascendere non visto: quasi essi siano di quelli che lasciano il loro corpo tra le creature, mentre l anima loro al contrario è diretta verso il Demiurgo Comandano inoltre di dire nella stessa iniziazione ai Principati e alle Potestà le loro conoscenze misteriose sulla loro natura in modo da confonderli. E dicono che le Potestà fuggono da questi iniziati, che superiori ad esse possono compiere il loro viaggio santificante 58. Viaggio che compiono mentre la Chiesa li accompagna nelle sinassi del giorno terzo, nono, quarantesimo e del giorno anniversario. E questo buon viaggio (detto da essi èxodon oppure eùodon), tanto per i defunti quanto per i mistici, è strutturato secondo uno schema mitico comune. Essosi può svolgere o attraverso le regioni cosmiche della nota scala spesso superate con il carro merkabâ o attraverso le regioni mitiche dell Oceano, superato per mezzo della nave. Questo duplice viaggio aveva delle tappe, delle difficoltà, delle guide, dei mezzi comuni. I mezzi erano in conseguenza dei riti di iniziazione il possesso di lettere, di numeri, di sigilli, di nomi sacri, manifesti o segreti, da usarsi come potenti lascia-passare. Le guide erano Reymel, Michele- Waw o un altro dei sette arcangeli, a seconda della specializzazione. Le difficoltà erano i vizi-demoni, le mitiche regioni da attraversare, le porte, gli Arconti e le potestà da superare, essendo costoro gelosi guardiani dei vari cieli o delle varie regioni loro affidate. Le tappe obbligatorie erano quel superamento ascetico di se stessi, per poter raggiungere la perfezione e di conseguenza per poter acquistare la capacità di conoscere Dio a faccia a faccia e per vedere tutti, le cose degli altri e le proprie. Grosso modo, tali tappe erano divise in tre grandi regioni: la prima di purificazione, la 57. Clemente d Alessandria, PG 9,710 e forse 1Pt 4, Ireneo, PG 7,666; Epifanio, PG 41, 635, Teodoro, PG 89, 362.

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 7 Come sono belli sui monti i passi dell evangelizzatore di chi proclama la pace, evangelizza il bene, proclama la salvezza, dice a Sion: regna il tuo Dio 8 Una

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO MEDITAZIONI Il Figlio dell uomo non ha dove posare il capo ( Luca, 9) Intervento di Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all altare; intanto si esegue il CANTO D INGRESSO. Giunto all altare,il sacerdote con i ministri

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa CO.PER.LI.M DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa Elaborato di Liturgia a cura di ROBERTA FRAMEGLIA Roma- Frascati, 2002-2003 PREFAZIONE Questa breve analisi

Dettagli

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo ISM - Incontro di discernimento vocazionale (Roma, 30 maggio-1 giugno 2014) Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo «Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: Signore, è questo il

Dettagli