DICEMBRE 2014 N 4. QUARTO TRIMESTRE. DICEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICEMBRE 2014 N 4. QUARTO TRIMESTRE. DICEMBRE"

Transcript

1 DICEMBRE 2014 N 4. QUARTO TRIMESTRE. DICEMBRE Trimestrale della Parrocchia di San Martino in Tirano Poste Italiane SPA - Spedizione in abbonamento postale D.l. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1, COMMA 2 - DBC SONDRIO - -

2 Collegiata di San Martino VIGILIARE SABATO e SOLENNITÀ ore DOMENICA e SOLENNITÀ ore / / Cappellina della Casa di Riposo VIGILIARE SABATO e SOLENNITÀ ore Santuario della Madonna di Tirano VIGILIARE SABATO e SOLENNITÀ ore (ore da APRILE a SETTEMBRE) DOMENICA e SOLENNITÀ ore / / / / (ore da APRILE a SETTEMBRE) SANTE MESSE FERIALI ore / / / (La Messa feriale delle ore solo lunedì e venerdì) Sante Messe feriali in Parrocchia ore ore ore ore S. AGOSTINO (sospesa il sabato) S. AGOSTINO S. AGOSTINO (ora solare) S. AGOSTINO (ora legale) Intenzioni Sante Messe - Si raccolgono in sacrestia prima e dopo le Messe. Battesimi Solitamente si CELEBRANO (solo nella chiesa parrocchiale) OGNI PRIMA DOMENICA DEL MESE ALLE ORE In gennaio si celebrano alle ore 10.30, nella festa del battesimo di Gesù. Nel mese in cui si celebra la S. Pasqua saranno nella Veglia Pasquale. Prendere contatto con il parroco ALMENO UN MESE PRIMA. Meglio se prima della nascita del bambino per vivere con fede un tempo così importante. Battesimo, Comunione, Cresima in età superiore a quella consueta richiedono una apposita preparazione con tempi e modi stabiliti dalla Diocesi. Informarsi presso il parroco. Matrimoni Informarsi con largo anticipo sia sulla PREPARAZIONE (che dura circa un anno), sia sui DOCUMENTI da preparare. Funerali Si invitano i famigliari a prendere contatto PERSONALMENTE con il parroco per preparare i vari momenti della celebrazione. -2-

3 Ci sono tante stranezze nel mondo. Alcune sono meravigliose grandezze che ci affascinano più delle altre. Il Natale è la stranezza e grandezza di Dio che ha scelto di farsi uno di noi. È sempre una novità, anche se si ripete ogni giorno. Un bambino nasce ed è ogni volta come se accadesse per la prima volta; attesa, trepidazione, spasimo, meraviglia, stupore miracolo. Felicità! Anche a Natale è così. La nascita del Gesù ci porta Dio nella nostra storia alla stessa maniera delle migliaia di bambini che nascono nella stessa notte, che sono nati nei secoli, che nasceranno nei millenni. È l ingresso di Dio nella vicenda quotidiana di ognuno di noi. Capanna, o grotta, o tunnel, o palazzo: la sua casa è uguale alla nostra. E come il nostro è il suo volto, il suo sorriso, il suo pianto. È la stranezza e la grandezza di un avvenimento fuori dalla logica del tempo e delle leggi naturali. Già il nascere ci lascia sempre stupiti: anche se conosciamo tutto dobbiamo comunque dire che è uno stupendo miracolo. A maggior ragione, sul piano della fede, la nascita di Gesù -3- La parola del Prevosto Il NATALE, un evento... fuori dal tempo

4 Bambino che si ripete ogni anno, è qualcosa di eclatante. Chi avrebbe mai pensato qualcosa di simile? Chi ha una disponibilità così infinita da ripresentarsi tutti i 25 dicembre? Chi è in grado di offrire un amore tanto fedele da non stancarsi mai? Già, solamente Dio! Per questo Natale è Natale ovunque, in tutto il mondo, per ogni uomo e donna della terra. Dio non vuole trascurare nessuno. Viene per tutti, anche per coloro che non lo conoscono, che lo rifiutano, che lo combattono. Ma è particolarmente bello che ci sia chi è disposto ad accoglierlo a braccia aperte, senza domande, senza pretese, senza parole. Possiamo essere anche noi, questi ultimi. Noi bisognosi di capire, noi sofferenti di tanti mali, noi insoddisfatti della vita, noi arrabbiati col vicino, noi incapaci di perdonare e ricevere perdono, noi padri, madri, figli, nonni, suoceri, generi, nuore, zii, nipoti... Sì, è Natale per tutti. Sarà pure strano ma è meraviglioso. È la stranezza e la grandezza di Dio che si fa vicino a ciascuno di noi. Accogliamolo! Buon Natale e serene feste. Don Paolo Trova il tempo per essere affettuoso: quella è la strada per la felicità. Trova il tempo per sognare: quello è il modo per saper osare. Trova il tempo per amare ed essere amato: è l opportunità di riempiere la tua vita. Trova il tempo per guardarti intorno: la vita è troppo breve per essere egoisti. Trova il tempo per sorridere: è la musica dell anima. Trova il tempo per credere in Dio, e lui ci sarà. -4-

5 RITUALITÀ VERSO I NOSTRI MORTI corteo funebre non deve intralciare il traffico e deve rispettare i semafori. Per questo sarebbe un bene abolirli: si eviterebbero bestemmie, arrabbiature, chiacchiere inutili... Anche il rito in chiesa si è standardizzato; la bara è collocata su funzionali carrelli con ruote; non mancano encomi di parenti e amici. A volte si applaude (sic). Al cimitero, almeno nei cimiteri delle grandi città, predomina lo squallore; nella fossa vengono collocate una accanto all altra le bare dei defunti e, a fine giornata, una ruspa le ricopre di terra. Eppure, fin dalla notte dei tempi, l uomo è il solo vivente ( animale, qualcuno direbbe) che seppellisce i propri morti, e I riti funebri vogliono esprimere un legame d amore che non si interrompe I l mese di novembre è dedicato ai morti e come tutti gli anni ci siamo recati al cimitero a recare fiori sulle tombe dei parenti e degli amici che ci hanno preceduto. Ancora una volta viene da riflettere sul significato e sui modi in cui manifestare il lutto nella nostra società secolarizzata. I segni della morte tendono a scomparire; la casa del defunto non viene più addobbata con drappi neri, e si preferisce una sorta di coccarda grigia o viola; quasi nessuna vedova o vedovo si veste di nero, o lo fa solo per il funerale; abolite le gramaglie; sono scomparse anche le cravatte nere, le fasce al braccio o i bottoni di panno nero all occhiello come avveniva fino a qualche decennio fa. Nelle grandi città il -5-

6 il rito funebre da sempre contrassegna le civiltà. Al giorno d oggi, benché siamo continuamente bombardati da immagini di morti, di cadaveri (guerra, incidenti, assassinii), l elaborazione del lutto tende a scomparire. La morte è una disgrazia di cui è meglio non parlare (soprattutto ai bambini) e da archiviare al più presto. Ma per il credente questa umanis- liquie, fondato sul giusto rispetto per la collaborazione che il corpo ha dato all anima del santo, può rivelare un lato superstizioso, feticistico, che esige cautela. Oggi ci sono reliquie secolarizzate come l incredibile exploit di un impresa di pompe funebri di Chigaco che, per qualche migliaio di dollari, trasforma in diamanti le ceneri del defunto: la società Life Gem, infatti, riscalda e comprime una piccola parte del carbonio contenuto nelle ceneri del morto fino a farlo diventare una pietra preziosa, pronta per l uso. Allora, per non perdere del tutto il buon senso, occorre - fin da subito - ridare dignità ai riti funebri, (partecipazione, serietà, modo di vestire, conversazioni fuori luogo ), visitare i cimiteri (ricordarsi che non sono piazze di mercato, punto di ritrovo per saluti ), portare fiori e lumini sulle tombe (senza rubarli da una tomba all altra ), purché non si dimentichi che l essenziale è mantenere vivo il ricordo dei nostri cari tramandandolo di generazione in generazione e, soprattutto, offrire preghiere e suffragi per l eterno riposo di coloro che abbiamo amato e amiamo. sima realtà non è fine a se stessa: egli crede alla risurrezione, crede alla vita dopo la morte, crede alla eternità di vita. Il credente sa che il defunto è lì, al cimitero, ma sa anche che non è lì: vive altrove, augurabilmente in Paradiso o, almeno, in Purgatorio. Al cimitero ci sono i resti del corpo (oggi anche delle ceneri), in attesa della risurrezione. Anche il culto delle re-6-

7 avvicendamenti in santuario I l giorno dei 510 anni dell Apparizione della Madonna, 29 settembre, il Vescovo ha annunciato l avvicendamento di alcuni sacerdoti del Santuario: dal Rettore Mons. Aldo Passerini a don Ezio Presazzi e Mons. Domenico Garbellini. Dopo 11 anni di servizio, questi sacerdoti lasciano il Santuario: chi per riposo e chi per altro incarico. Occorre riconoda sinistra: don Domenico, don Ezio, don Aldo il rettore scere, e di questo ringraziarli, quanto hanno svolto in favore dei pellegrini, del santuario, della comunità. Una presenza discreta, umile e ministerialmente preziosa nel ruolo che compete a dei sacerdoti in cura d anime in un santuario mariano. La loro presenza, che entra nella storia del santuario, è stata caratterizzata in modo eccezionale dall evento dei 500 anni del santuario ma anche da tanti altre giornate e celebrazioni che hanno accompagnato questi ultimi anni. Non possiamo inoltre dimenticare il restauro e la sistemazioni di tante parti del Santuario, ultimo di tempo il rinnovo dell illuminazione interna e la statua del San Michele esterna, posta da secoli sulla cupola. Grazie, carissimi sacerdoti. Come diciamo solitamente: Il Signore renderà merito. Auguri Il nuovo rettore sarà don Giampiero Franzi che fa parte dei sacerdoti dell Opera don Folci. A lui si affianca, oltre al già presente don Remo Orsini, don Marco Granoli, anch egli sacerdote dell Opera don Folci. A loro auguriamo un buon ministero tra noi. -7-

8 LO SGUARDO INCANTATO I gesti di uno scolaretto, innamorato della compagna di banco, sono come una sorgente d acqua fresca. Sono sentimenti limpidi che commuovono e fanno sorridere, soprattutto in giorni di prova o angoscia. A veva sempre sostenuto che le femmine sono tutte stupide. Ma dopo poche settimane di prima elementare mio figlio ha cambiato idea. Lo sento che confabula con la sorellina: «Non hai una bambola da darmi? Sai, devo fare un regalo a una mia amica». Li vedo allontanarsi per il corridoio, dopo un po' ritornano, lui ha la bambola in mano e la infila nello zaino di scuola. Cosa te ne fai? domando. «E per una bambina della mia classe», risponde laconico. Ma non dicevi che non sopporti le bambine? «Le bambine non le sopporto, ma lei è intelligentissima», replica lui, e mi volta le spalle, indicando che la conversazione è conclusa. Ma che sguardo splendente ha avuto per quell'attimo in cui parlava di lei, l'unica bambina del mondo ai suoi occhi. Lei, che ha sei anni e i capelli biondi; piccola, è però agli occhi di mio figlio oggetto di uno sguardo incantato, come Beatrice, come Silvia. (Non bisogna ridere dei sentimenti dei bambini: sono così limpidi, così seri, così certi di durare per sempre). E così, per mio figlio le bambine non sono più "stupide". Cioè, lo sono tutte, tranne una. E nel nominarla gli splendono gli occhi. Sono giorni di attentati, di morti e di angoscia, e tutti respiriamo paura, come se la morte volasse troppo basso, troppo vicino a noi. Ma quello sguardo luminoso, quella bam-8-

9 bola infilata quasi furtivamente nello zaino, quel pudore nel voltare subito le spalle, come non volendo parlare, mi commuovono e mi fanno sorridere. Come per una gratitudine: mentre tanta angoscia ci stringe, mentre il nostro futuro si presenta improvvisamente meno sicuro di quello - lieto, longevo - che credevamo garantito; mentre ogni giorno qualcosa ci ricorda che siamo qui di passaggio, e nulla veramente ci appartiene, ecco che lo sguardo di un bambino di sei anni è come una sorgente d'acqua fresca. Ha intuito qualcosa, ha intravisto qualcosa di bello in una sua compagna: come una promessa. E se ne dimenticherà, e ne incontrerà altre cento; però ha saputo, per un attimo, come può saperlo un bambino, di un destino buono che lo attende attraverso una donna; ha indovinato che è buona, e bella, quella misteriosa disparità da cui nasce la vita. E in questo giorno d'autunno in cui gli eserciti bombardano e i terroristi tramano piani orrendi, e la morte ha la faccia odiosa di un nemico in vantaggio, la vita che è sempre meno vistosa della morte - ricomincia anche nella scoperta di un bambino. Certo, sembra cosa da niente, e non fa alcun rumore, mentre gli attentati e le bombe sventrano e lacerano. Però è tenace come una goccia, la vita, e in silenzio scava la pietra, e in silenzio continua. Marina Corradi, da inserto di Avvenire: Noi Genitori e Figli L USIGNOLO NEI SUOI PENSIERI... Due amici camminavano nel deserto. Ad un tratto cominciarono a discutere e un amico diede uno schiaffo all'altro. Addolorato, ma senza dire nulla, quest'ultimo scrisse sulla sabbia: IL MIO MIGLIORE AMICO OGGI MI HA DATO UNO SCHIAFFO Continuarono a camminare, finché trovarono un'oasi dove decisero di fare un bagno. L'amico che era stato schiaffeggiato rischiò di affogare, ma l'altro lo salvò. Dopo che si fu ripreso, l'amico salvato incise su una pietra: IL MIO MIGLIORE AMICO OGGI MI HA SALVATO LA VITA L'amico che aveva dato lo schiaffo e aveva salvato il suo migliore amico domandò: "Quando ti ho ferito hai scritto sulla sabbia, e adesso lo fai su una pietra. Perché?" L'altro amico rispose: "Quando qualcuno ci ferisce dobbiamo scriverlo sulla sabbia, dove i venti del perdono possano cancellarlo. Ma quando qualcuno fa qualcosa di buono per noi, dobbiamo inciderlo nella pietra, dove nessun vento possa cancellarlo. -9-

10 Vita Parrocchiale VISITA PASTORALE Avvenuta in due momenti, giovedì 9 ottobre e successivamente dal 7 al 9 novembre, è stata l opportunità per vivere alcuni giorni belli e particolari e cogliere la vicinanza del pastore della Diocesi che visita, rincuora, incoraggia e sostiene la fede di noi tutti. amore per il mondo, ci siamo sentiti fatti da Lui comunità e famiglia dei figli di Dio, capaci di essere il Suo amore per il mondo, secondo la grazia che ci è stata data. Nel pomeriggio ho partecipato all'incontro del vescovo con la "comunità apostolica", cioè quelle persone impegnate nella comunità ecclesiale. In questo incontro il vescovo ci ha ricordato che siamo stati chiamati da Gesù a stare con Lui per essere poi inviati ad evangelizzare come gli apostoli. Quindi, fondamentale è stare con Gesù, conoscerlo, ascoltarlo e vivere la Sua Parola, per portarlo al mondo come Maria. E' un talento e una responsabilità che si esprime nell'amore reciproco e nel servire tutti, in vari modi, ricominciando sempre, quando sperimentiamo di non attuare i propositi fatti. Chiedendoci poi, se avevamo letto la vita di qualche santo, il vescovo ha indicato i santi come il "quinto vangelo", scritto con le loro vite diverse, ma tutte conformi a Cristo. Riferendosi all'esperienza di una madre che, dopo aver perso il figlio, è stata capace di ri- Cogliamo il senso della presenza del Vescovo da quanto segue. di Maria Rosa Moratti Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla. (Sal.22) Sono le parole che risuonano in me, dopo la visita pastorale del vescovo Diego al nostro vicariato. Nella celebrazione eucaristica in S. Martino a Tirano grazie alla Parola di Dio proclamata e fatta risuonare nell'omelia dal vescovo, ci siamo sentiti confermati nel nostro essere tempio di Dio perché abitati dal Suo Spirito. Sottolineando che Gesù è il fondamento della nostra fede e che nella Sua morte e risurrezione il Padre manifesta il Suo

11 conoscere che attraverso questa sofferenza in famiglia erano diventati più buoni il vescovo ha sottolineato che Gesù ha inghiottito la morte e ha elargito la vita. Quindi, anche noi possiamo passare dall'essere una chiesa formale" che distribuisce servizi, ad essere chiesa "madre" che nella comunione soffre le doglie del parto per generare ed aiutare a crescere nuovi figli di Dio, capaci di donarsi. Questo incontro col vescovo ha ridestato anche in noi la passione di essere questa chiesa viva. A conclusione dell'incontro, il vescovo ci ha donato il suo messaggio scritto nella Solennità di Sant'Abbondio del 31 Agosto 2014, intitolato: - DOVE STIAMO ANDANDO? IL FUTURO: TRA PREVISIONI, ALLARMI E SPERANZE -, suggerendoci di usarlo nella catechesi per gli adulti e eventualmente di comunicargli per iscritto le nostre riflessioni. La visita nel vicariato si è conclusa con la celebrazione dei secondi vespri, nel santuario della Madonna di Tirano. E' stata l'occasione per inneggiare e ringraziare la Trinità con Maria chiedendo la sua inter- L ingresso del Vescovo in S. Martino con il bacio al crocifisso cessione perché Cristo sia sempre più la Luce che guida e orienta con la Sua presenza il nostro cammino ecclesiale. Grazie, vescovo Diego per la sua presenza tra noi e la sua guida, segno vivo della presenza di Cristo e del Suo amore nella Sua chiesa. Le assicuriamo ancora di più la nostra preghiera e la nostra unità

12 il Vescovo presso la cooperativa San michele di Ercole Piani Don Paolo ci Q uando ha chiamati per concordare la visita del nostro Vescovo ho subito colto il profondo significato della richiesta; tanto atteso, finalmente tra di noi, il Vescovo della Diocesi ci onora della sua presenza. In Direttivo i Consiglieri mi hanno ricordato che esiste ancora nel palazzo San Michele la stanza del Vescovo che era appunto prevista nel caso di una sua visita nella nostra Parrocchia e adibita a tal fine dai Padri Guanelliani. Ho avuto modo di apprezzare il contatto autentico che ho visto negli occhi del Vescovo quando ha voluto incontrare ciascuno dei ragazzi e degli operatori, mai parole banali, mai di circostanza e la preghiera insieme molto sentita e partecipata e che gioia, a volte difficilmente contenibile, in tanti nostri ospiti. I responsabili dei nostri servizi lo hanno poi accompagnato nelle varie realtà della Cooperativa Sociale, molte sono state le domande, puntuali e significative le considerazioni di Diego (come alcuni Ospiti hanno chiamato il Vescovo) che dimostra, con immenso piacere, la sua sentita vicinanza. Il Vescovo ha voluto vedere molte nostre realtà operative il centro riabilitativo Disabili, i centri diurni, la comunità educativa minori, purtroppo vista la diversa dislocazione non ha potuto vedere la comunità psichiatrica, la sede di prove di volo, il centro post acuti e la fattoria di recente realizzazione

13 Ha voluto essere informato della nostra situazione amministrativa dimostrando ancora competenza e attenzione; mi spiace di non poter riportare i tanti messaggi avuti con i diversi interlocutori perché erano così confidenziali e personali, ma ricorderemo a lungo questa presenza e chissà mai, magari un giorno potrà soggiornare nella stanza del Vescovo; abbiamo notato che gli è piaciuta e la ragazza della Comunità che ora la occupa sarebbe felice di cederla al suo legittimo proprietario. La Cooperativa sociale San Michele si presenta La San Michele è una Società cooperativa sociale che nasce nel maggio del 2001 per iniziativa di operatori e volontari legati alle attività dell opera del Santo Don Guanella; oggi a distanza di 13 anni viene presentata una sintesi delle attività svolte. AREA DISABILITA E SALUTE MENTALE Questa attività è il settore storico della Cooperativa: confluisce da qualche anno nell area della salute mentale, grazie alla gestione del servizio educativo presso la Comunità Protetta Casa Paolino dell Azienda ospedaliera di Valtellina e Valchiavenna. RSD TIRANO E un servizio residenziale-sanitario-assistenziale per persone con disabilità non assistibili al proprio domicilio; qui sono ospitate 37 persone. Il servizio tende a garantire una qualità di vita adeguata ai bisogni e alle caratteristiche dei singoli utenti. La realizzazione di

14 questa sede è stata finanziata dalla cooperativa e ha permesso di dare dignità alla struttura dell ex Ospedale cittadino. All interno della RSD collaborano diverse figure professionali, quali ASA, OSS, Educatori, Fisioterapisti, infermieri e medici. CSE PROVE DI VOLO E un servizio territoriale a forte valenza sociale, è rivolto a persone con disabilità medio-lieve. E stata attuata una serie di attività sul territorio, quali attività sportive, ricreative, di gestione del tempo libero e di socializzazione; di rilievo l apertura del chiosco presso il parco San Michele, che ha permesso agli utenti di sperimentarsi in un contesto occupazionale stimolante e socialmente riconosciuto. COMUNITA EDUCATIVA L ARCO E un servizio che può accogliere 8 minori da 0 a 18 anni che provengono da contesti familiari con scarsa capacità genitoriale, con rischio di emarginazione e devianza o allontanati dalla famiglia di origine perché vittime di violenza fisica o psicologica e in situazione di grave pregiudizio. Ogni minore accolto segue un programma pedagogico individualizzato, partendo dalla costruzione di una relazione affettivamente significativa. PROGETTO INSIEME PER ACCUDIRLI Grazie ad un co-finanziamento Iperal si è realizzata una fattoria in idoneo spazio adiacente al parco San Michele dove sono presenti capre, oche, galline, una cavallina, un maiale vietnamita e tanti conigli; la fattoria permette il contatto con la natura e gli animali questo contatto, come dimostrato da molti studi in merito, migliora la salute psicofisica degli individui riducendo il disagio. Attraverso il coinvolgimento diretto degli operatori e dei minori inseriti nella comunità educativa si cercherà di offrire al territorio e alle scuole, la

15 possibilità di sperimentarsi con una fattoria. Un orto didattico e un percorso sensoriale. ALLOGGI PER L AUTONOMIA LA FRECCIA Il progetto, presentato dalla cooperativa e sostenuto dalla Fondazione Pro Valtellina, ha visto l apertura di un servizio di accoglienza residenziale nel comune di Tirano, il servizio viene offerto in un appartamento con capacità ricettiva di 3 ragazze dell età compresa dai 18 ai 25 anni. E un servizio abitativo protetto dove le giovani maggiorenni in difficoltà o inviate dai servizi sociali possono consolidare gli obiettivi educativi raggiunti in precedenti esperienze e acquisire, sperimentando in prima persona, una piena e responsabile capacità nella gestione della propria autonomia abitativa, affettiva, economica, lavorativa, sociale. AREA SALUTE E BENESSERE Questo servizio è svolta da fisioterapista nei 2 ambulatori di Tirano e Grosio CENTRO ASSISTENZA POST ACUTA Il centro ospita 10 persone residenziali e sino a 5 in assistenza diurna; il servizio è un progetto sperimentale di Regione Lombardia e assiste persone che necessitano di acquisire autonomia e sicurezza dopo una degenza ospedaliera o una malattia invalidante. Il CPA è presso la casa di riposo Bellavista di Sondalo e occupa il 4 piano della struttura, qui operano ASA, OSS, Infermieri, Fisioterapisti e Medici. Il mese scorso presso Regione Lombardia è stato presentato in un importante convegno internazione di progetti innovativi

16 I sacerdoti del Vicariato Incontro Adolescenti e giovanissimi Mondo della Scuola In mezzo alle due squadre Calcio d inizio partita

17 della Altri momenti sso la Visita: due pre una Casa di Riposo, re in chiesa e le alt nità tre con la comu loapostolica nel sa ne oratorio

18 INCONTRO CON LE AMMINISTRAZIONI quali ha posto la domanda: quale voto date alla democrazia attuale? E di aver avuto l impressione che il voto arrivasse appena appena alla sufficienza!!!. Vescovo e amministratori si sono confrontati concordando sulle difficoltà culturali tipiche di questo nostro tempo: rispetto al passato la trasmissione generazionale dell impegno politico è molto più difficoltosa, tutto è più complicato nella realizzazione del bene comune e gli amministratori sono in prima linea. Giustamente il Vescovo ha parlato di torchio dove gli amministratori stanno tra la parte superiore che spinge verso il basso (le normative la burocrazia i funzionari ) e la parte inferiore che spinge verso l alto (le esigenze più disparate della gente con richieste che spesso le amministrazioni comunali non sono in grado di affrontare: casa, lavoro...). In chiusura il Vescovo lasciando ad ognuno una copia della lettera da lui scritta nell agosto 2012 alla città e alla diocesi in occasione della solennità del patrono S. Abbondio dal titolo Il combustibile della giustizia e l olio della gratuità C ome in altri vicariati della diocesi, anche in occasione della visita pastorale del Vescovo alle parrocchie del vicariato di Tirano, si è tenuto un incontro con le amministrazioni comunali delle parrocchie visitate. Nella mattinata di sabato 8 novembre il Vescovo Diego puntualmente si è presentato alle ore nel cortile dell Oratorio di Tirano dove era atteso da alcuni amministratori e da qualche parroco. Seppure rispetto ai potenziali partecipanti il numero dei presenti è stato esiguo, con l assenza totale di rappresentanti di qualche comune, la qualità dell incontro è stata senz altro inversamente proporzionale alla quantità dei presenti. Il piccolo numero ha favorito il dialogo circolare tra vescovo e amministratori. Il Vescovo ha esordito raccontando di essere reduce dall incontro con i ragazzi delle quarte e quinte classi delle scuole superiori di Tirano ai

19 Gratis et amore Dei, ha ricordato agli amministratori presenti di non mai disgiungere il combustibile della giustizia (dove giustizia è rimando non solo di equità, ma di tutti gli atti necessari allo svolgimento dell amministrazione) dall olio della gratuità (l aspetto motivazionale che nessuna normativa può dare, ma che si alimenta nei valori che stanno dentro ad ognuno) affinché la macchina funzioni. Da amministratore presente, questo mi ha riportato alla mente un motto che un amico prete più volte mi ha suggerito: non per forza devo ma per fortuna posso, dove l aspetto motivazionale dà sapore, senso e, direi, soddisfazione al nostro fare... Grazie Vescovo Diego per questa opportunità di comune riflessione e per averci ricordato che nel prestare troppa attenzione a non rimanere a piedi per mancanza di carburante non capiti di rimanere a piedi perché il motore si è fuso per mancanza di olio!!! Giovanni Marchesi IL VESCOVO E I RAGAZZI È stato un incontro frizzante, ma anche impegnativo quello che il Vescovo Diego ha avuto con adolescenti e pre- adolescenti della nostra parrocchia, il pomeriggio di sabato 8, nel corso della sua Visita. All arrivo di sua Eccellenza nell oratorio del Sacro Cuore è stata preparata una piccola sorpresa: l ampio salone era già predisposto con numerose sedie, ma era completamente vuoto. Solo un post -it appiccicato sul computer acceso consigliava: x Vescovo Diego: cliccare play. Il Vescovo ha pron- 19 -

20 tamente obbedito e messosi comodo si è gustato due spezzoni del Musical Il Principe d Egitto, opera intrapresa e realizzata dai ragazzi di Tirano in occasione dell Ordinazione sacerdotale del loro compaesano don Michele Pitino. Nella scena finale, alle parole Vedrai miracoli se crederai, quelle sedie, vuote fino a qualche istante prima, si sono riempite di ragazzi che hanno accolto il Vescovo con un applauso. Vi sembrerà strano, ma questi pochi minuti già mi hanno commosso, vorrei il dvd per gustarmelo tutto ha detto ai ragazzi il Vescovo Diego. Questo inizio ha avuto due motivazioni: una è stata il desiderio di condividere il lavoro svolto in un anno, occasione di fraternità e maggiore conoscenza, l altra è provocare il Vescovo sulla realtà adolescenziale, carica di incertezze e imprevisti, di qui le sedie vuote, ma anche capace di stupire e meravigliare, capace di far sorgere miracoli anche laddove non li si aspettava. Un momento di preghiera ha introdotto i ragazzi al dialogo con il Vescovo Diego, il Salmo 1, chiamato anche le due vie, è stato lo spunto per percorrere un ideale tragitto sulla strada del bene insieme al Pastore della nostra diocesi. Mons. Coletti ha preso spunto dal Gloria al Padre finale per centrare l attenzione su Dio Trinità, che è amore in sé, amore che continuamente si dona e si riversa da una persona all altra. Mentre altre religioni hanno di- vinità che comandano, a cui stare sottomessi, il Dio di Gesù Cristo è un Dio che danza, è infatti questo il significato del termine teologico della pericoresi ; un Dio che danza e che chiama a danzare ogni uomo. Il percorso sulla via di questo amore è stato accompagnato da alcune domande che i ragazzi delle medie hanno voluto porgere al Vescovo. Nessuna censura è stata fatta, per cui è trasparita tutta la

21 spontaneità e furbizia dei ragazzi. Accanto alle domande profonde sulla vocazione e sul governo della diocesi, ci sono state le domande più informali su facebook, sul tempo libero del Vescovo e quelle più personali come: Ha un/a migliore amico/a?. Il Vescovo Diego si è trovato perfettamente a suo agio, trasformando ogni domanda in una condivisione di vita, narrando la sua infanzia e il suo cammino, e in condivisione di fede, in ciò che più gli sta a cuore e per cui ogni giorno spende la sua esistenza. L incontro è terminato con l allegria del canto I tuoi passi di Padre Daniele Badiali e con un abbondante merenda, che è stata per i ragazzi l occasione per proporre gli immancabili selfie con il Vescovo Diego. È stato un pomeriggio intenso per tutti, con la speranza che sia stato un tempo utile, di semina della Parola di Dio nel cuore entusiasta dei ragazzi presenti; certamente è stata un occasione per sentire vicino il nostro Vescovo, per sentirlo uno di famiglia, attento al vissuto di ognuno e capace di stupire con semplici gesti di accoglienza chi ha davanti. Don Nicola DALL OMELIA DEL VESCOVO «Non siamo qui a fare i muri ma a gioire per il tempio di Dio che siamo noi». Queste le parole che il vescovo Diego ci ha rivolto durante la S. Messa. Primo richiamo del pastore è stato il ricordare ai fedeli presenti che il tempio di Dio non è costituito dalla chiesa di mattoni, ma da una Chiesa di persone. «La Chiesa è l insieme di uomini e donne impegnati nella carità, nella fede e nella speranza» ha dichiarato. Il pastore ha ricordato ai fedeli presenti che l atteggiamento giusto con cui accostarsi alla Messa domenicale non deve essere quello di clienti che ricevono una prestazione religiosa. La chiesa con

22 la c minuscola, ovvero l edificio sacro, è il luogo in cui Dio manifesta il suo amore per gli uomini. Sic deus dilexit mundo ( Così Dio ha amato il mondo ) si legge sul frontale della chiesa di S. Martino. Come Dio ha amato il mondo? «Con il crocifisso» ha risposto il vescovo Diego. «Dovete venire in questa chiesa perché potete capire quanto Dio ha amato il mondo» ha continuato. Dall incontro con l amore di Dio dovrebbero uscire uomini trasformati in grado di portare la vita nel deserto, come l acqua che scaturisce dalla porta orientale del tempio di Gerusalemme descritta nel libro del profeta Ezechiele. «Cosa esce dalla chiesa di Tirano alla fine di ogni eucarestia?» ha chiesto il vescovo. «Escono uomini e donne carichi del nutrimento ricevuto che slancia in avanti la vita?» ha aggiunto. Il vescovo Diego ha colto l occasione della celebrazione della S. Messa domenicale per lanciare qualche domanda provocatoria alle tante persone accorse. Il Vangelo ha offerto lo spunto per parlare di Chiesa, di tempio sacro e ripensare all atteggiamento con cui i fedeli si accostano ai sacramenti. Gesù si era adirato contro i cambiamonete e i mercanti presenti nel tempio di Gerusalemme perché avevano fatto diventare un mercato la casa del Padre. Non è questo il rischio della chiesa di S. Martino di Tirano, ma forse varrebbe la pena chiedersi se la casa del Padre non sia diventata un luogo in cui si riceve una prestazione religiosa, piuttosto che un luogo di incontro con Dio Padre. «La Chiesa è il luogo in cui molti si prendono cura di tutti» ha spiegato il vescovo Diego durante l incontro pomeridiano con la comunità apostolica. Questi molti a volte non sono che una piccola percentuale della popolazione, ma questi hanno la responsabilità anche di tutti quelli che mancano poiché sono stati scelti direttamente dal Signore. «Voi che siete stati chiamati a dare una mano dovete mettervi all ultimo posto a servire tutti» ha proseguito il pastore. Ritorna sempre la dinamica dei pochi che vanno verso tutti. «Nel Vangelo di Marco leggiamo che Gesù chiamò quelli che egli volle, essi andarono da lui, ne stabilì dodici che chiamò apostoli, ovvero inviati, perché stessero con lui e anche per mandarli a predicare» ha spiegato il vescovo. «Prima di andare a predicare bisogna imparare a stare con Gesù ha affermato -. A fondamento del fare deve esserci un approfondimento della propria relazione personale con Gesù: la chiamata al fare viene dopo la chiamata all essere». Lo scopo della comunità cristiana è, secondo le parole del vescovo, far sì che Cristo si renda visibile qui adesso. I cristiani hanno dunque il compito di far incontrare Gesù nella propria comunità alimentandosi di Cristo presente nell eucarestia e ascoltando la sua parola nel Vangelo. Ma la prerogativa per fare tutto questo è stare con Gesù e avere una relazione personale con lui. Camilla Pitino

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO LA CURA DEI GIOVANI Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO CARCERE FEMMINILE GIUDECCA COLLEGI UNIVERSITARI STORIA La comunità

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli