Quei sigilli all interno del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quei sigilli all interno del"

Transcript

1 2/2004 NOTIZIARIO DI STORIA E ATTUALITÀ SANTAGATESE N. 4 REG. TRIB. PS NR DIR. RESP. G. DALL ARA REDAZIONE SANT AGATA FELTRIA FAX 0541/ GRAFICA E FOTOCOMPOSIZIONE IL PONTE STAMPA LA PIEVE POLIGRAFICA EDITORIALE, V. VERUCCHIO - Sommario 2 Sergio Zavoli e Ragazzini 3 Il santagatese rivoluzionario 4 Il paese contro il parroco 5 Attilio Ugolini, un amico 6 Lorenzo Maffei 7 Il Montefeltro ambito 8 Omaggio a Enzo Antinori 9 La campana di Carpegna 10 Campobindi 11 Anni penuriosi 12 Le origini della Indel B Dieci miliardi sotto sigillo Quei sigilli all interno del Comune, posti su alcuni armadi, li avevano notati in parecchi cittadini. A nessuno, però, era venuto in mente di indagare sulla loro reale portata. I primi ad accorgersi che qualcosa non quadrava sono stati i giornalisti del settimanale riminese il Ponte. Qualche visita, una telefonata alla Guardia di Finanza, una serie di interviste e la storia è finita nera su bianco. Cosa è accaduto? Che la Guardia di Finanza di Novafeltia ha posto sotto sequestro alcuni incartamenti del comune feretrano: nessuna ipotesi di reato, si affrettano a spiegare dalla brigata di via Molari. Ma intanto da settimane è in atto una fase istruttoria e riguarda la regolarità di alcune procedure adottate per bandire l assegnazione di lavori di ripristino di alcune aree del paese. Finanziate con la legge sui terremoti, circa 5 milioni di euro, riguardano in particolare la zona della grande frana di Montalcino, piazza mercato, e la zona Marecchiola. L Autorità dei Lavori Pubblici ha mosso alcuni rilievi all Amministrazione santagatese ( girati per conoscenza alla Procura della Repubblica di Pesaro): la contestazione riguarda l affidamento degli incarichi per i lavori eseguiti Secondo i rilievi dell Autorità, i lavori andavano assegnati tramite bando di evidenza europea. Il sindaco Goffredo Polidori è sereno. Non abbiamo commesso alcun illecito. - ha detto a il Ponte - Probabilmente si tratta di un disguido: l Autorità ha letto lotti ma in realtà si tratta di progetti diversi che riguardano zone differenti e senza continuità. Per questo motivo sono stati affidati agli stessi progettisti del primo stralcio. Il legale del Comune, l avvocato bolognese Graziosi, dopo la valutazione degli incartamenti con il responsabile unico del procedimento, l ing. Giacobbi e i tecnici, è fiducioso: a suo giudizio tutto si risolverà senza ripercussioni per l amministrazione. Quei sigilli nel frattempo frenano la macchina comunale. E alcune pratiche restano sospese. Il primo cittadino si augura che gli accertamenti non impantanino la macchina comunale. La questione dei sigilli comunque interessa l intera cittadinanza, è necessario fare chiarezza. Anche perché ci sono ancora tre lotti non finanziati, tre aree a rischio che attendono lavori di recupero. (M.C.) ROCCA È UN INIZIATIVA COMITATO FIERE ED INIZIATIVE PROMOZIONALI

2 La Rocca Marzo/Aprile 2004 Sergio Zavoli, Ciro Ragazzini e la Memoria In un lungo articolo pubblicato sul resto del Carlino l 8 marzo 2004 dal titolo Non processate la memoria Sergio Zavoli cita un episodio che riguarda il nostro concittadino Ciro Ragazzini. Eccolo testualmente: Perché quando Ragazzini l impresario, portava a Teatro Novelli la stagione d opera, nel coro ingaggiato sul posto c era sempre un ex carrettiere con la voce da basso che non cantava più da trent anni, afono e senza lavoro e lo sapevano tutti tranne il direttore d orchestra e l amministratore. Va bene che l articolo ha per titolo Non processate la memoria, ma va detto che non è la prima volta che il Senatore Zavoli cita questo episodio. Nel suo libro Socialista di Dio, uscito molti anni fa, lo stesso Zavoli scrive Quando Ragazzini portava al Teatro Novelli la stagione d opera, nel coro ingaggiato sul posto c era sempre un ex carrettiere che non cantava più da trent anni, afono come un pesce, e lo sapevano tutti tranne l impresario e il maestro. In ogni caso, come già abbiamo scritto, l episodio, oltre che strano per chi conosceva Ragazzini, è anche sconosciuto ai santagatesi; ma se tra i nostri lettori c è qualcuno che ha una buona Memoria e sa qualcosa di più, è pregato di farcelo sapere prima che Zavoli lo scriva un altra volta. Casteldelci e Tonino CRONACA Il 14 marzo di quest anno il Resto del Carlino ha ospitato nella pagina della cultura un bell articolo di Tonino Guerra dedicato a Casteldelci. Il titolo dell articolo è La prima luce del mondo. Anche se il linguaggio di Guerra è sui generis (parla di spiritualità dei ruderi, di fili d erba, di case abbandonate, di ombre granulose, di piccole trasparenze, di luoghi abbandonati), emerge una immagine di Casteldelci molto accattivante. Una dalla Gran Bretagna Recentemente ho scoperto che il nome di Frampoli è anche il nome di un paesino in Ungheria. Un certo Ildo Frampuli emigrò negli Stati Uniti nel Era nato in un paesino che si chiama Durnholz/Valdurno, nell Alto Adige, e un villaggio circondato dalle montagne. Ora chiedo ai lettori della Rocca: ci sono molti italiani che abitavano vicino all Austria e che emigrarono a Sant Agata? P.S. il Dottore Giuseppe Greci, figlio di Ferdinando, era nato nel 1821 a Sant Agata, deceduto a 74 anni nel Abitava a Mercatino. Cordiali saluti a tutti, Ciao, Evelina Cottingham La fiera di Pugliano La tesi di Laurea di Enrico Bini è diventata un libro accessibile a tutti. Ha per titolo La tradizione delle fiere a Pugliano e nel Montefeltro, ed è stato pubblicato dalla Confcommercio di Pesaro nel mese di febbraio Il libro è decisamente interessante, si basa su di un importante apparato bibliografico, e contiene una prefazione di Girolamo Allegretti. La Rocca ha già pubblicato in anteprima una sintesi della tesi di Enrico Bini, relativa in particolare alle fiere di S. Agata Feltria. Felicitazioni all autore e alla Confcommercio, per la sensibilità dimostrata con la pubblicazione del libro. SOTTOSCRIZIONI Franco Vicini e Giuseppe Boldrini alla cena della Rocca 10 anni fa Giorgio Capannelli (sost) Miramare di Rimini Angelo Valbruccioli (ben) Ravenna Gilberto Mordini, S. Agata Guido Guidi (sost), S. Agata Italo Dolci, Casteldelci Rinaldi Emidio Bologna Rinaldi Maria Talamello Renzo Paci (sost.), S. Agata Pierre Dominici (benemerito) Parigi Miranda Dominici (benemerita) Rennes (F.) Gianfranca Sampaoli (sost) Peschiera Borromeo Eden Cedrini, Petrella Guidi Istituto Suore di S. Dorotea, S. Agata Rita Agostini (sost) S. Agata Pierluigi Vicini, (sost) S. Agata Giancarlo Bonetti, Rimini Telesforo Tomei, Ponte M. Baffoni Marino Moretti (benemerito), Romagnano Come e quanto sottoscrivere? Ordinario 13 Euro - Sostenitore 15 Euro Benemerito 25 Euro Le sottoscrizioni possono essere inviate alla redazione della Rocca, Casella Postale 26, S. Agata Feltria (Pesaro), oppure possono essere consegnate ai vari collaboratori che distribuiscono (volontariamente) il giornale a S. Agata, Novafeltria e nei paesi vicini. Se siete alla ricerca di un numero arretrato della Rocca potete rivolgervi ad Arrigo Bonci, o a Paola Boldrini, nei rispettivi negozi in piazza Garibaldi a S. Agata. 2

3 Marzo/Aprile 2004 La Rocca PERSONAGGI Santagatese rivoluzionario a Spoleto: ecco chi era Se avete letto l ultimo numero della Rocca ricorderete certo la vicenda del santagatese rivoluzionario e sacrilego, del quale scrisse il futuro Papa Pio IX, quando era ancora Vescovo di Spoleto. Ecco i fatti del due novembre 1830: Nella piazza di San Domenico sta dipinto al muro un immagine del Redentore che porta la Croce e nell Atrio della Cattedrale avvi una Croce piantata dal lato sinistro. Alcuni sacrileghi nella detta notte hanno imbrattato e graffiato il volto del Redentore, ed hanno spezzato la detta Croce. Non contenti di questo hanno tolti alcuni gradini di pietra posti davanti a una piccola Chiesa sotto il titolo di SS. Giovanni e Paolo, collocandone i pezzi nel mezzo di una strada scoscesa. Le indagini portarono in carcere tre individui, due Spoletini ed uno di S. Agata Feltria, figlio di un secondino della Darsena, stato già militare nel Pontificio Governo, e domiciliato da qualche anno in Spoleto. Per saperne di più abbiamo scritto all autore del libro su Papa Pio IX, Andrea Tornielli, che ci ha gentilmente risposto fornendo ulteriori informazioni sui fatti e il nome del santagatese coinvolto. Dietro quell episodio, e gli altri che seguiranno vi sono alcuni rifugiati politici, alcuni agitatori, ecco le parole del Papa: Difatti dietro nuove ricerche si conosce che l estensione del sospetto e di sospetto fondato cade sui Rifugiati. Tutti però e carcerati e rifugiati sono dell infima classe del popolo, calzolai, fabbri, e fra i rifugiati vi è un tal Buselli romagnolo di professione cocchiere presso un Mercante di Spoleto di nome Fagani. Uno solo dei carcerati, quello di S. Agata Feltria, per nome Giuseppe Biagiolini è stato assoggettato all esame, e si mantiene nella negativa. Egli però è già caduto in contraddizione asserendo di essersi trovato in casa senza più escirne circa un ora di notte, mentre da più testimoni risulta di essere stato incontrato alle tre ore. Andrea Tornielli, famoso vaticanista, ci segnala che chi desiderasse leggere la lettera del Papa integralmente può trovarla in ALBERTO SERAFINI, Pio IX, vol. I, Libreria Editrice Vaticana 1958, pp E il volume che pubblica quasi integralmente la corrispondenza di Mastai Ferretti fino al momento dell elezione papale. Monsignor Serafini a sua volta, ha preso la lettera dall Elenchus Scriptorum, n La lettura della data è un po dubbia, ma sembra più probabile il 5 anziché il 3 novembre La Rocca, il giornale del tuo paese Le vostre foto nel nostro sito, prendete nota del nuovo indirizzo Tutti i sottoscrittori che ci faranno avere la loro fotografia, potranno rivedersi nel sito web della Rocca. Se è da molto tempo che non lo visitate fatelo subito! Il sito web curato da Gino Sampaoli è ora pieno di informazioni e di fotografie inedite del nostro paese. Aiutateci a realizzare la sezione in dialetto e prendete nota del nuovo indirizzo - A scuola di dialetto Il nostro Gino Sampaoli sta organizzando da Milano - una nuova sezione del sito web: "A scuola di dialetto". Per far questo avrebbe bisogno di qualcuno che lo potesse aiutare da S. Agata F.. Un'idea potrebbe essere quella di coinvolgere gli insegnanti ed i bambini delle Scuole per aiutare il sito a documentare il nostro dialetto. Abbiamo bisogno del tuo contributo! Con questo numero comincia il nostro 11 anno. Grazie ai volontari che hanno provveduto a scrivere e distribuire il giornale, grazie alle fotografie di Enzo Liverani e Marco Zanchini, ad Arrigo Bonci che coordina la distribuzione, e grazie ai lettori e sostenitori, numerosi come sempre. Se il giornale vi piace ditelo ai vostri amici, e chiedete loro di sottoscrivere, per ricevere regolarmente la Rocca! Se volete aiutarci a fare più bello questo giornale, inviateci articoli, fotografie, ricordi, lettere e commenti. Se non siete d'accordo con il contenuto degli articoli pubblicati, o più semplicemente volete dire la vostra opinione, scriveteci. 3

4 La Rocca Marzo/Aprile 2004 STORIA Il paese contro il Parroco Nelle prime due puntate abbiamo visto come Don Bonaccorsi sia riuscito a fare il parroco di S. Agata dividendo il paese e creando grossi problemi alla Giunta Comunale, alle organizzazioni politiche guidate dai repubblicani e al Vescovo, ma creando soprattutto grossi scandali. La vicenda si trascinò per una decina di ann. La Rocca la racconta per la prima volta. Ecco la terza puntata. Le accuse contro don Bonaccorsi continuano e finiscono tutte a Pennabilli, sulla scrivania del Vescovo. Nel luglio 1910 il Bonaccorsi è accusato di frequentare una cantina, ma si discolpa dicendo che era semplicemente entrato nella cantina del fu Severino Celli, non in una rivendita, per assaggiare un vino nuovo, del quale peraltro ne aveva bevuto solo un bicchiere. I rapporti con molti paesani sono molto tesi al punto che il Presidente della Congregazione di Carità, nel mese di agosto del 1911, chiede espressamente al Vescovo che per la benedizione degli arredi sacri della chiesina dell Ospedale, nell attuale via Benucci, sia inviato un altro sacerdote. Nel 1912 scoppia un nuovo scandalo. Qualche giorno prima della festa di S. Agata un gruppo di cittadini scrive al Vescovo per segnalare che l Economo Spirituale sta per commettere un grave errore di Rito o Canone Ecclesiastico, alcune signorine infatti sotto la direzione di una dilettante in musica si stanno preparando per cantare la messa del 5 febbraio. Il gruppo si riunisce tutti i giorni in Chiesa. I firmatari della lettera sostengono anche che un gruppo di giovani cantori non è stato accettato da Bonaccorsi. Lo scandalo è nel fatto che direttrice, signorine che cantano e organo, si configurano come un orchestra più adatta a situazioni profane. Sulla stessa questione un altra lettera firmata da Saveria Liverani, Italia Bonci, Emilia Giorgi, Gemma Macori, Candida Ermeti, Armida Marianni, Giustina Vicini, Cesira Ragazzini, Edvige Ragazzini, Leda Ragazzini, indirizzata a Don Carlo Bonaccorsi, contesta la rappresentazione in programma perché contraria ai decreti di Papa Pio X ( E rigorosamente proibito alle cosiddette banche musicali di suonare in Chiesa ), ed invita ad impedire tale esecuzione. La Curia di Pennabilli verifica che l informazione ricevuta risponda al vero e immediatamente dopo, con telegramma del 3 febbraio, comunica: vietato donne cantare Chiesa. Il 4 febbraio, vigilia di S. Agata, parte una lettera a firma della direttrice del coro Maria Bellocchi e della pianista Carmen Para. Siamo rimaste sorprese e addolorate dicono nel sapere che ha proibito che cantiamo nella nostra Chiesa la messa sacra ad onore della nostra protettrice. Le signorine chiariscono che l intento era solo di tipo religioso, e che il gruppo era sorto solo per onorare adeguatamente Sant Agata, ed ora si trova deluso dal Parroco che impedisce loro la rappresentazione. Chiariscono che il coro ha intenzione di cantare dietro ad una tenda, proprio per non trasformare la cerimonia da sacra a profana, e concludono riaffermando la loro volontà di cantare in Chiesa. Il 5 febbraio alle 9 del mattino Monsignor Riccardi, Vicario Generale, risponde con un telegramma indirizzato all Arciprete: Compreso circostanze tollero esecuzione musicale vietando ripetersi inconvenienti. L episodio finisce sulla stampa sotto il titolo Discordie : "Alla vigilia della festa la nostra Curia proibì secondo la liturgia che le signorine cantassero in Chiesa. Dal popolo - prosegue l articolo - questa proibizione fu accettata con entusiasmo perché il cantare la messa da parte di dette signorine veniva a dare una soddisfazione al prete, che è mal tollerato da 10 anni dal paese. Alle signorine dispiaceva non far sentire le melodiose loro voci in Chiesa, benché nei giorni precedenti detta Messa venisse da esse cantata nei caffè, nelle bettole e nelle vie stesse del paese, come se si trattasse di canzoni popolari. Così si sono riunite ed hanno scritto una lettera che ha commosso il debol cuore del Vicario del Vescovo che, calpestando la liturgia, con ordine telegrafico sopprimeva la prima proibizione. L articolo termina con un chiaro riferimento al Bonaccorsi, sarebbe meglio che la Curia pensasse di togliere la causa di tante discordie in questo paese. Nel frattempo però la Curia di Pennabilli ha inviato come Cappellano (ed anche come informatore) a S. Agata, Don Baldassini, anche se ufficialmente ancora non è stato riferito nulla al Bonaccorsi, che così nei rapporti interpersonali mostra di ignorarlo. Come da incarico avuto, però, Don Baldassini scrive ripetutamente a Pennabilli per far sapere cosa sta accadendo in paese: - il 7 febbraio comunica che il permesso del Vicario è stato raccolto con sdegno da "molti onesti cittadini", tra i quali il Sindaco e il direttore scolastico, e descrive scandalizzato come la Messa fosse intramezzata da suoni ballabili. A suo parere i santagatesi vogliono sapere se nel Montefeltro ci sia ancora una Curia; - il 12 febbraio racconta che la messa musicata ha avuto come risultato un manifesto affisso da mano ignota che contiene oltraggi contro Baldassini, Vittorio Buffoni (definito nel manifesto "figlio di un negoziante celebre per i fallimenti, vagabondo e girovago"), Donini frate sfratato, Laura Giorgi che ha regalato al marito una corona di figli non suoi, Clarice Giorgi maestra di maldicenze. Don Baldassini pensa che dietro quel manifesto ci possa essere un prete. - Don Bonaccorsi sta per assentarsi dalla Parrocchia per qualche giorno e la lascerà, anziché affidata al Baldassini, in mano al Padre Guardiano. Don Baldassini chiede infine che la Curia si interessi urgentemente di S. Agata, paese nel quale tutti protestano contro la Curia. Come si vede la situazione in paese è precipitata. Il 14 febbraio 1912 il Vicario Generale della Diocesi Feretrana, Monsignor Riccardi, considerata l assenza non giustificata del Parroco-eletto Don Bonaccorsi, e visto che la parrocchia non può rimanere senza pastore, incarica il cappellano Don Filippo Baldassini di prendere cura e regime della Parrocchia di S. Agata. Il 29 febbraio Don Baldassini scrive alla Curia: Ieri sera, dopo 16 giorni, è arrivato Bonaccorsi, subito ha ripreso il regime della Parrocchia non tenendo conto del decreto da Lei fatto... non tiene conto delle facoltà date a me... e non ne vuol sapere. Io non so fino a qual punto si estende il decreto da Lei firmato, Lei stesso giudichi e decida della condotta del Bonaccorsi. (Fine terza puntata. Appuntamento per la quarta ed ultima puntata sul prossimo numero della Rocca) 4

5 Marzo/Aprile 2004 La Rocca Il nostro amico Attilio Èparticolarmente difficile trovare le parole per dare notizia della scomparsa del caro amico Attilio Ugolini (25 luglio febbraio 2004). Chi ha partecipato alla cerimonia di addio che si è svolta a Torricella, ha potuto toccare con mano quanto Attilio fosse amato da tutti, in primo luogo, certo, dai suoi familiari, e poi dall'intera comunità, dalla Parrocchia e dalle Associazioni alle quali ha dedicato tempo e passione. Senza nulla chiedere in cambio. Come tutti, anche io lo ricordo come una persona sempre disponibile, con il sorriso scolpito sulle labbra, umile e generoso. Mi piaceva parlare con lui delle cose che, nonostante la differenza di età, ci univano, ed erano tante. In ogni caso diversi lettori di questo giornale ricorderanno i suoi articoli, e le sue fotografie, dai quali traspariva il suo amore per i nostri monti, e per Torricella in particolare. Attilio nel sistemare l'archivio parrocchiale, un compito che lo ha impegnato qualche anno, ogni tanto riportava alla luce qualche scoperta. La più bella è quella relativa ad una antico pizzo imprestato dal parroco di Torricella (nel 1882), ad un ebreo di nome Giacomo Levi. Molti anni dopo il prestito, Guido Mattei Gentili, nella sua storia della parrocchia di Torricella, aveva commentato il fatto facendo capire che il pizzo non era stato più restituito. Ma nel 1995 durante alcuni lavori di restauro, invece, l'antico pizzo era stato trovato, dunque Levi lo aveva regolarmente restituito, e Attilio aveva scritto per la Rocca un articolo corredato da una bella foto, con il titolo Accusato ingiustamente un ebreo. Un altro bell'intervento di Ugolini è relativo al ritrovamento da lui fatto dei resti dell'antichissimo ponte descritto in passato dalle storico Pier Antonio Guerrieri. Quei resti si trovano attualmente a circa 200 metri dal Ponte Molino Baffoni. Dall ottobre 94 abbiamo ospitato molti suoi interventi, sul tema della viabilità e delle strade, su diversi personaggi storici del nostro territorio e sui monumenti da salvare, ma abbiamo anche potuto contare sulla sua collaborazione nella diffusione di questo giornale, e sulla sua amicizia. Ciao Attilio e Rimanga nel cuore di chi ti ha conosciuto il ricordo della tua vita onesta e laboriosa. G.D. PERSONAGGI 5 Attilio Ugolini A91 anni, in Novafeltria, si spegneva serenamente la nobile esistenza di Ugolini Attilio: socio benemerito e sostenitore della Rocca. Egli contribuì con scritti e pubblicazioni di notizie storiche, relativi a Torricella, frazione di Novafeltria, quando ancora era appodiato del Comune di S. Agata Feltria; Ugolini era cultore e ricercatore attento della storia di Torricella ed amava ritrarre e pubblicare, tramite la Rocca, le bellezze, le caratteristiche naturali e monumentali rievocando le figure di personaggi che illustrarono nei tempi il suo paese, che amava d amore filiale. La Rocca, per mezzo suo, ebbe modo di portare a conoscenza dei suoi lettori dell esistenza in Torricella di un Ara votiva, ara sacrificale d età romana; promosse e finanziò la ristampa della vita del beato popolare Padre Valentini Francesco, nato e vissuto in Torricella, morto a Pesaro. Le spoglie mortali sono conservate a Montecerignone. L immagine del beato Francesco detto Buono, dipinta da Antonio Conti di Acqualagna è attualmente conservata, insieme a quelle di altri sette beati popolari del Montefeltro, nella cappella gentilizia dei Mattei Gentilini di Torricella. L Ugolini si rese benemerito per l apporto finanziario elargito a favore della ristrutturazione dell antica e monumentale chiesa di Torricella, della cappella del cimitero e del Monumento ai Caduti di guerra. Un merito particolare ebbe anche per la sistemazione e restauro, a sua cura e spese, dell archivio della parrocchia vecchio di circa tre secoli. Tale lavoro lo impegnò per alcuni anni; A suor Chiara Giovanna delle suore Clarisse di S. Agata Feltria, alle figlie ed ai parenti, la Rocca porta sentite condoglianze per la perdita del carissimo Attilio, la cui memoria sarà sempre mantenuta negli annali della nostra Rocca, per i meriti acquisiti e riconosciutigli con l onorificenza elargitagli dal Presidente della Repubblica, anni addietro, di Cavaliere della Repubblica. Il Presidente della Sezioni Mutilati di Guerra di Novafeltria, Comm. Amedeo Varotti, con pubblico manifesto ha ricordato il Cav. Attilio Ugolini qualificandolo cittadino laborioso ed onesto, dirigente attivo e fattivo, per l apporto umanitario che l Ugolini aveva profuso nella Sezione Mutilati di Guerra, alla quale era iscritto per infermità contratte quale combattente nei Balcani, durante la guerra Il mistero della Massa Mariana La tesi di Laurea di Andrea Onofri, recentemente presentata a Perticara, ha come argomento la nostra realtà, quella per intenderci dell'alta Val Marecchia nel Medio Evo, il periodo di Carlo Magno, di Pipino il Breve e Berengario II; quando il Montefeltro era terra di confine. Un periodo difficile, da studiare e da vivere, un'epoca di invasioni, con l'ultimo lembo di terra romana che resisteva. Un'epoca che nera non fu se non nelle parole delle persone superficiali. Onofri leggendo le pergamene conservate a Ravenna e di recente pubblicate, ha fatto delle scoperte interessanti. Adottando le tecniche di Sherlock Holmes, ha messo in fila indici, tracce, parole e ha visto nascere un tessuto di significati. Da noi prima dell anno mille, in un panorama di case sparse, più che di villaggi, vivevano famiglie mononucleari simili a quelle di oggi, e non patriarcali come forse avremmo pensato. Ma soprattutto ha scoperto la collocazione esatta della Massa mariana, confermando le coraggiose tesi sostenuta qualche anno fa da Manlio Flenghi. La tesi di Onofri, anche se ha un nome poco accattivante Organizzazione del territorio e aree di confine: il Montefeltro (secoli VIII-X) per il lettore contemporaneo, meriterebbe una pubblicazione adeguata, e che qualcun altro riprenda in mano la fatica.

6 La Rocca Marzo/Aprile 2004 STORIA Lorenzo Maffei La rocca si è già occupata di Lorenzo Maffei. In questo articolo riportiamo alcuni documenti storici, in gran parte inediti, che lo riguardano. Don Nicolò Lorenzo Maffei, storico santagatese del '700, collaborò a lungo con Ludovico Antonio Muratori, che di lui scrisse in una lettera indirizzata a Luc Antonio Gentili di Torricella, nel 1732: Quell iscrizione mandatami dal signor Lorenzo Maffei la qual farò porre nella classe dè Magistrati e Dignità Maggiori, non poteami esser più cara, e al più proposito. Io godo che V.S. abbia contratta amicizia con questo uomo, degno veramente di rispetto, ed amore; e prego a non voler lasciar occasione di avanzargli i miei più umili ossequj. La sua vita fu sinteticamente descritta dall Arciprete Casanovi in occasione dell'orazione funebre, eccola nella trascrizione dell'erudito Francesco Gaudenzi. "Di 22 anni fu fatto Dottore di Legge in Urbino. Dieci anni dopo Professore di Eloquenza a Modena, in quello Stabilimento di Studi ove erano allora professori un Zaccaria, un Muratori, un Torti. Poscia professore in Padova di lingua ebraica e membro di molte Accademie. Protetto dal Principe Eugenio che gli esebì a vantaggio di qualche congiunto di lui, cariche onorevoli fra le proprie milizie. Caro al generale Daon Governatore di Milano notissimo per le sue campagne contro il Re di Prussia. Carissimo al Principe Lodovico Archinti che lo volle proprio Bibliotecario ed al nepote del Re di Danimarca che accompagnò a Roma e pe quali sarebbe addivenuto letterato della corte Danese, essendo cattolico, non ripugnava di essere ad una Corte non cattolica. A Roma invaghì de suoi meriti Benedetto XIII che gli comandò di spesso visitarlo, gli esebì il Vescovado di Assisi, e poscia il Feretrano, i quali Egli ricusò; e Clemente XII trovatolo versatissimo nella Storia Sacra e profana e nella lingua greca ed ebraica, gli diede incarico di scrivere l apologia de tre primi secoli della Chiesa e le annotazioni intorno ad Anastasio Bibliotecario nelle vite de Romani pontefici in benemerenza di che gli conferì poi una Commenda Abbaziale. Fu anche autore delle note della Repubblica Sigoniana degli Ebrei stampata nel Tomo 4 della Collezione Milanese, nello scrivere la quale a Milano nella Biblioteca Archinti fu a lui un Rabbino di Modena presentandogli un preziosissimo anello, che Egli non volle ricevere, perché era proprio del dono il persuadergli moderazione verso gli Ebrei, se non dissuaderlo dall opera. In Roma fu poi sommamente tenuto in stima dai Cardinali e Prelati più accreditati, e dotti e da molti letterati, precisamente dal chiarissimo Marchese Scipione Maffei. Passato il magggior tempo della sua vita a Ravenna (ove giovanetto fu per causa di studio presso i Monaci Classensi) a Modena, a Padova, a Milano, a Venezia, a Roma, rimpatriando diede il suo nome al Colegio patrio dei Canonici, ai quali impetrò i beni enfiteutici della Badia di Monte Ercole, insegnò pubblicamente le leggi e di anni 76 morì". Negli Atti di morte conservati in quel poco che resta dell'archivio storico della Collegiata, nella data 21 dicembre 1770, si legge: L eccellentissimo signor abate, dottore in ambo le leggi Niccolò Lorenzo Maffei, canonico di questa Insigne Collegiata di Sant Agata Feltria, della sua età di circa 76 anni, per il suo ragguardevole ed egregio Pensieri e parole dell Assessore Cangini Cangini, Assessore pelato e tracagnotto, ha un pensiero e un programma chiari. Eccoli: Sono dell assessorato alle attività varie ed eventuali. Vi ringrazio che vi avete cosato di venire anche se, premetto non sono proprio esperto per quanto riguarda. Le problematiche sono svariegate e bisogna fare basta di dare una botta alla botte e una botta alla moglie ubriaca. Difatti, ne abbiamo deliberato anche in giunta. Viceversa. E abbiamo sviluppato un ampio coso che ne abbiamo parlato" Domanda: anche un comune come il Suo ha il problema dello smog?. Palmiro Cangini:...No... Che ci siamo riuniti nel nel nel che abbiamo fatto arrivare la autobotti di smog. Domanda: Ma come? STAI ZITTO TE CHE SEI... politicamente... battuto... che... carattere e a nessuno secondo per erudizione i tutte le discipline e a tutti assai caro, dopo avere ricevuti i santissimi sacramenti della Chiesa con venerazione di tutti, e cioè la Confessione, la Sacra Comunione e l estrema Unzione e anche con la raccomandazione dell anima e condonato per assoluzione pontificia, l anima placidamente restituì al suo Creatore nell ora 20 di questo giorno e immediatamente con grande pianto del popolo e della Congregazione del Capitolo e del Clero fu trasportato dal luogo del decesso alla Chiesa della Beata Vergine della Misericordia e per giusta supplicazione, al mattino seguente il suo corpo fu portato in questa insigne Chiesa Collegiata e dopo aver terminato i funerali secondo il rito, fu tumulato nella tomba di famiglia e lì aspetterà la resurrezione dei morti. In fede dei quali Pietro Casanovi Arciprete di proprio pugno". Per inciso la tomba di famiglia di cui si parla si trova, assieme ad altre, sotto l'attuale pavimento della Chiesa, e in futuro si spera di poter riaprire l'accesso, incautamente chiuso negli anni passati. A San Donato si conserva una lapide latina, trovata a Sorbanello, che fece incidere lui stesso, e dalla quale si ricava la genealogia della sua famiglia, di origine longobarda, giunta a S. Agata nel Ecco l'epigrafe nella traduzione proposta da Tonino Marani: Lorenzo Maffei figlio di Francesco ricomprò e restaurò la casa di Sorbanello comprata dall avo Giovanni Battista, figlio di Cristoforo e pronipote del Beato Filippo della Congregazione Pisana tramite il nonno Maffeo, venduta dal padre Francesco figlio di Lorenzo. 1738, 100 anni dall acquisto, 240 dalla morte del Beato Filippo, figlio di Maffeo. Mi fai perdere il filo del disc... che poi il tubo...che non mi si collega il cervello alla bocca... e comunque. Fatti non pugnette e i fatti mi... cosano. Con questo cosa volevo dire? non lo so!!!! però c ho ragione. Non perdete il libro sull Assessore che ha questa trama: Cangini, fa gli onori di casa mostrando le meraviglie del comune: la discarica, il depuratore delle acque sporche, la Maria delle piade, antica fiamma di Cangini. Ma a volte la fiamma si rinnova. Quando il paese è pieno di turisti, mamme con bambini, vecchi, ragazzotti, arriva una comitiva di russi capitanata dal sindaco di Novoriminskigrad e composta da politici, mafiosi, ma sul più bello arriva un nubifragio di quelli cattivi. Finale a sorpresa. (tratto da Cent anni di Roncofritto, di Paolo Cevoli) 6

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

IL PERDONO DI ASSISI

IL PERDONO DI ASSISI IL PERDONO DI ASSISI Il Perdono di Assisi è una manifestazione della Misericordia infinita di Dio e un segno della passione apostolica di San Francesco Indulgenza della Porziuncola 2 AGOSTO Festa della

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

STATUTO DELLA CONFRATERNITA MADONNA del ROSARIO di PERITO (SA)

STATUTO DELLA CONFRATERNITA MADONNA del ROSARIO di PERITO (SA) STATUTO DELLA CONFRATERNITA MADONNA del ROSARIO di PERITO (SA) APPROVATO DA S.E. REV. MONS. GIUSEPPE ROCCO FAVALE, VESCOVO DI VALLO DELLA LUCANIA CON DECRETO VESCOVILE DEL 7 OTTOBRE 2009 Finalità Art.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli