Gli ebrei italiani nell Ottocento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli ebrei italiani nell Ottocento"

Transcript

1 Gli ebrei italiani nell Ottocento CULTURA, CIVILTÀ E RELIGIOSITÀ ipertesto Ritratto geografico e demografico Sul territorio italiano, gli ebrei sono sempre stati distribuiti in modo alquanto diseguale. Nel xvi secolo, tuttavia, intervenne come ulteriore fattore di differenziazione la dominazione spagnola di numerosi territori (Milano, l italia meridionale, la Sicilia, la Sardegna), dai quali gli ebrei furono espulsi, com era già avvenuto nella Penisola iberica nel Dunque, per tutto il Seicento e il Settecento, non c erano comunità ebraiche a sud di Roma, mentre, nel nord del paese, oltre a Milano, anche Genova si mostrò per secoli contraria alla presenza di ebrei sul proprio territorio. A livello numerico, gli ebrei italiani erano pochissimi: all inizio del xvii secolo, non erano più di , su una popolazione complessiva di 11 milioni di abitanti; intorno al 1770, è possibile che gli israeliti fossero saliti a , a fronte di un numero totale di abitanti che aveva toccato quota 16 milioni. Da queste cifre si può notare come la crescita della componente ebraica si mostrò molto più lenta di quella della popolazione complessiva. All inizio del xix secolo tale dato di fondo ricevette una ulteriore conferma: gli ebrei italiani nel 1800, infatti, erano , su 18 milioni di abitanti. Come scrive Attilio Milano, il fenomeno demografico più significativo che va segnalato, a proposito dell ebraismo italiano, è «un andamento parabolico nella proporzione fra il ceto ebraico e il complesso della cittadinanza italiana. in altre parole, il numero degli ebrei, pur essendo in continuo aumento dal Seicento all inizio della seconda guerra mondiale tanto da raddoppiarsi in tre secoli, ha proceduto secondo un ritmo più lento di quello generale della popolazione italiana, che nello stesso tempo si è quadruplicata». Trasformata in dati numerici, questa osservazione può essere ulteriormente espressa nel modo seguente: se nel 1770 gli ebrei erano l 1,9 per mille della popolazione globale, nel 1800 erano l 1,5 per mille; all inizio del xx secolo, vi era circa 1 israelita ogni mille italiani. A livello economico e sociale, nel Settecento, i due estremi erano rappresentati dalla poverissima comunità romana e dal fiorente e cosmopolita gruppo che viveva a Livorno. Gli ebrei romani erano stati rovinati dalla politica pontificia, che aveva imposto al ghetto tasse sempre più gravi, limitandone, nel medesimo tempo, le possibilità di arricchimento. in particolare, risultò durissimo e micidiale l editto emanato il 5 aprile 1775 (Editto sopra gli ebrei) dalla Santa Sede: mentre a livello religioso proibì il possesso del Talmud e di qualsiasi altro libro ebraico che, a giudizio del Sant Ufficio, contenesse dottrine contrarie a quella cristiana, a livello sociale vietò di pernottare fuori dal ghetto e proibì di fatto tutte le attività economiche diverse dal commercio di oggetti vecchi e dismessi (in primo luogo abiti, che venivano rattoppati, sistemati e poi rivenduti a chi doveva accontentarsi di merce di seconda mano). Questa dura politica pontificia non era fine a se stessa: nelle intenzioni delle autorità ecclesiastiche, l umiliazione e la rovina economica (che avrebbero alla lunga provocato la conversione degli ebrei) erano strumenti accessori (e, in fondo, ben più efficaci) rispetto alla predica settimanale che gli israeliti romani erano obbligati a frequentare, allo scopo di comprendere la superiorità della fede cristiana rispetto a quella giudaica. Livorno, invece, nel Sei-Settecento era un grande porto, un centro commerciale di vasto respiro internazionale, frequentato da navi olandesi e inglesi. Per promuovere lo sviluppo del nuovo scalo che alla fine del Cinquecento era una centro costiero insignificante, popolato da appena un migliaio di abitanti e circondato da acquitrini malarici Gli effetti del dominio spagnolo Umiliare per convertire IPERTESTO B 1 Gli ebrei italiani nell Ottocento

2 ipertesto UNITÀ VI 2 L ORDINE DI VIENNA Ritratto di Ferdinando I Medici in abiti cardinalizi, dipinto del xvi secolo. Ferdinando I Medici lanciò vari appelli, promettendo consistenti esenzioni fiscali e totale libertà di culto a chiunque volesse stabilirsi a Livorno. in particolare, fu promessa la completa protezione dall inquisizione e fu garantita l amnistia per il reato di apostasia (il rinnegamento solenne di una religione per aderirne a un altra) dalla fede cristiana: con tali assicurazioni, il granduca di Toscana voleva essere sicuro che il suo invito fosse raccolto dai marrani (o portoghesi), i mercanti ebrei obbligati a convertirsi a forza in Spagna o in Portogallo, ma poi fuggiti ad Amsterdam o in altre terre d europa, ove avevano ripreso la loro identità ebraica. Tra Illuminismo, Rivoluzione e Restaurazione Nei primi decenni del Seicento, numerosi portoghesi si presentarono a Livorno ben muniti di capitali e ben presto assunsero un ruolo di leadership nell economia della città. Con i suoi 5000 ebrei (poche centinaia in meno rispetto alla comunità romana), Livorno era nel Settecento la seconda comunità ebraica d Italia, ma di gran lunga la più ricca e la più prospera, al punto che il granduca riservò di diritto un posto, all interno del consiglio municipale, a un rappresentante della nazione ebraica; la lingua usata da questi israeliti, tuttavia, non era il toscano, bensì il portoghese (e, in subordine, il castigliano, usato come idioma particolarmente solenne, per i sermoni dei rabbini e per le iscrizioni funebri). il declino del porto sarebbe arrivato solo all inizio dell ottocento, come diretta conseguenza del blocco continentale, l embargo attuato da Napoleone nei confronti delle merci britanniche al fine da strangolare economicamente e finanziariamente l inghilterra, del tutto invincibile sul campo di battaglia e, a maggior ragione, sul mare. Tavola del 1783 che raffigura il porto di Livorno.

3 i vantaggi portati dagli ebrei all economia toscana spinsero il granduca Leopoldo I ( ) a estendere gran parte dei privilegi livornesi a tutti gli israeliti del suo Stato: nel 1799, egli concesse che gli ebrei potessero essere liberamente eletti in tutti i consigli municipali e (dieci anni più tardi) persino guidarli col titolo di priore o gonfaloniere, a seconda delle realtà locali. Di fatto, l unica seria restrizione riguardava il divieto di esercitare la professione di avvocato. La liberalità di Leopoldo si spiega anche con il fatto che il granduca era fratello dell imperatore d Austria Giuseppe ii, il quale, negli stessi anni, promosse nei suoi domini imperiali la pressoché totale parificazione di ogni culto. Con la patente di tolleranza del 2 gennaio 1782, protestanti ed ebrei furono ammessi a tutte le professioni; inoltre, fu concesso loro di acquistare liberamente immobili e prendere in affitto terre, al fine di valorizzarle. Nell immediato, i principali beneficiari italiani di tale editto furono gli ebrei di Trieste, Gorizia e Gradisca (cui un ordinanza del 1790 impose anche il servizio militare, secondo il principio della completa uguaglianza sia nei diritti che nei doveri verso lo Stato). in prospettiva più lunga, la patente di Giuseppe ii avrebbe significato il graduale ritorno degli ebrei a Milano (che alla metà del xix secolo contava circa 500 ebrei). il caso toscano e quello austriaco rientrano ancora nel più vasto panorama delle riforme promosse dall alto, da parte del cosiddetto dispotismo illuminato. Alla gradualità dei sovrani settecenteschi subentrò bruscamente, a partire dal 1796, la radicale politica promossa dalla Repubblica francese e da Bonaparte. in ogni città italiana in cui entravano, le truppe di Napoleone aprivano le porte del ghetto e le bruciavano pubblicamente, in nome dei Diritti dell uomo e del cittadino di cui si presentavano come i banditori. Proprio per questo motivo, nel 1799, quando l esercito austro-russo scese in italia e spazzò via le repubbliche giacobine in tutta la penisola, la furia popolare si scatenò spesso contro gli ebrei: agli occhi del clero e delle masse insorte contro la rapacità fiscale e l anticlericalismo dei francesi, l emancipazione degli israeliti divenne il simbolo e il condensato di tutte le idee nuove, che venivano respinte in blocco, senza appello e senza distinzioni. Gli episodi più gravi si verificarono a Senigallia (18 giugno 1799) e a Siena (28 giugno): in tutto, furono giustiziati sommariamente 26 ebrei. La vittoria di Napoleone a Marengo riportò l italia sotto il controllo francese, ed essa fece sì che seguissero quattordici anni di completa parificazione giuridica degli israeliti italiani. La disfatta di Bonaparte, tuttavia, provocò un brusco salto all indietro: in particolare, lo Stato della Chiesa e il regno di Sardegna scelsero di mostrare che la Rivoluzione era stata completamente sconfitta e sbaragliata, proprio ripristinando i ghetti e quasi tutti i divieti che, in questi Stati, l illuminato riformismo settecentesco non aveva toccato. Papa Leone xii ( ) mise di nuovo in vigore il durissimo Editto sopra gli ebrei del 1775 e obbligò chiunque avesse acquistato immobili fuori dall area del ghetto romano a venderli il più in fretta possibile. Nel 1829, su 3500 ebrei romani, 1600 erano in stato di completa indigenza: anzi, 300 erano «poveri vergognosi», espressione che indicava una miseria assoluta, incapace di qualsiasi riscatto. L esempio austriaco La restaurazione ipertesto IPERTESTO B 3 Gli ebrei italiani nell Ottocento Il dibattito sull emancipazione in questo contesto, non meraviglia che gli ebrei abbiano guardato con crescente interesse ed entusiasmo al Risorgimento, mentre l emancipazione degli ebrei diventava una parola d ordine tipica degli intellettuali italiani più ostili al nuovo clima culturale e politico della Restaurazione. A differenza di quanto sarebbe accaduto in Germania, l idea di un italia unita andò di pari passo con quella della cancellazione di tutte le interdizioni israelitiche, cioè i divieti e le umiliazioni che ancora colpivano gli ebrei in vari Stati della penisola. Questo aspetto del Risorgimento italiano fa parte del più vasto contrasto che caratterizza i due processi di unificazione nazionale, in italia e in Germania; infatti, mentre Bismarck era un aristocratico autoritario, che diffidava del parlamento e delle idee liberali, nel nostro paese l idea di nazione si saldò con i principi del liberalismo (e, al limite, della democrazia). Pertanto, l i- Risorgimento e liberalismo

4 ipertesto UNITÀ VI 4 L ORDINE DI VIENNA Contro il divieto di acquistare terreni Francesco Gonin, Ritratto di Massimo d Azeglio (Torino, Museo del Risorgimento). dea di estendere agli israeliti la piena cittadinanza fu condivisa praticamente all unanimità (le eccezioni furono veramente pochissime) da tutti i pensatori o gli uomini politici del Risorgimento, fossero essi moderati o radicali, federalisti o sostenitori di un forte governo centrale, monarchici o repubblicani. Del resto, poiché a Roma ci furono a lungo sia la legislazione antigiudaica più rigida, sia la comunità più povera, e poiché la Chiesa era dai più considerata un ostacolo al processo di unificazione nazionale, prendere le difese degli ebrei significava non solo lottare in nome del più generale principio dei diritti dell uomo, ma anche avere a propria disposizione un valido argomento da utilizzare contro il papato e il suo potere temporale, presentati come strutture obsolete e anacronistiche. Nel dibattito sull emancipazione degli ebrei italiani, il 1835 fu un anno di capitale importanza. Mazzini stesso, infatti, prese la parola su tale questione e pubblicò due articoli sulla rivista Jeune Suisse. Come era solito fare, il fondatore della Giovine Italia si mosse sul terreno dei massimi principi: a suo giudizio, proprio com era inconcepibile che un popolo fosse oppresso da un altro, così era del tutto impossibile che Dio approvasse l emarginazione e la discriminazione di un gruppo, per motivi religiosi. impostato il problema in questo modo, per Mazzini tutte le argomentazioni dei sostenitori delle interdizioni diventavano semplicemente prive di senso. A conclusioni simili approdò anche Carlo Cattaneo, ma per una strada affatto diversa, più attenta ai fenomeni economici e alla questione del benessere collettivo dello Stato. Si ricordi che, in questo periodo, era ancora molto diffusa la convinzione secondo cui l agricoltura era più redditizia dell attività commerciale o industriale. Negli ambienti reazionari, la conservazione del divieto per gli ebrei di acquistare poderi era spesso giustificata in questo modo: se l interdizione fosse stata cancellata si diceva l intera economia di una nazione sarebbe passata velocemente nelle mani degli ebrei. Cattaneo si scagliò in primo luogo contro questa tesi, a suo giudizio del tutto errata, come dimostravano il caso dell olanda e, ai suoi tempi, quello dell inghilterra. Paradossalmente, spingere gli ebrei in direzione del commercio significava proprio indirizzarli verso i settori più prosperi e vitali dell economia di un paese: se per Mazzini il vecchio impianto legislativo era iniquo sotto il profilo etico, per Cattaneo era semplicemente stupido e assurdo. Sarebbe stato molto meglio integrare gli ebrei nella nazione: in questo modo la loro abilità nel commercio avrebbe portato beneficio a tutti, mentre la loro tradizionale intraprendenza se applicata all agricoltura (previa la possibilità di acquistare terreni e di investire capitali nella produzione agricola) avrebbe potuto garantire un rilancio complessivo di tale settore. Mazzini e Cattaneo erano dei sinceri democratici. il dato interessante è che anche figure più moderate (e più vicine al cattolicesimo) come Vincenzo Gioberti e Massimo d Azeglio si schierarono apertamente per l emancipazione degli ebrei, giustificata con la carità cristiana, con il superiore interesse dello Stato oppure con l idea che i presunti difetti degli ebrei non fossero dovuti alla loro natura intrinsecamente perversa, bensì alle dure condizioni in cui il ghetto e le interdizioni li obbligavano da secoli a vivere. Questi e altri intellettuali, esponenti del cattolicesimo liberale italiano (convinti assertori, al di là della posizione ufficiale della Chiesa, della possibilità di conciliare fede e diritti dell uomo) difendevano senza esitazioni la superiorità della fede cristiana sull ebraismo: tuttavia, a loro giudizio, tale valutazione teorica non doveva più avere alcuna ricaduta politica pratica, e quindi non poteva più essere posta a fondamento di una politica di discriminazione o umiliazione di una minoranza religiosa.

5 Carlo Cattaneo contro la discriminazione degli ebrei DOCUMENTI Carlo Cattaneo era profondamente convinto che l etica e l economia corressero su strade parallele e che, al limite, giungessero a intrecciarsi e a sovrapporsi. Infatti, una legge o un provvedimento che favorisse lo sviluppo dell intera società civile era evidentemente positivo sotto il profilo morale. Secondo Cattaneo, abolendo il divieto di possedere terre, imposto agli ebrei dalle leggi ancora vigenti in numerosi stati d Europa, l istanza dei diritti dell individuo e quella del benessere della collettività avrebbero mostrato ancora una volta di essere del tutto complementari. Cattaneo scrisse il suo trattato contro le interdizioni israelitiche nel 1835, dopo che un cantone svizzero (Basilea-Campagna) e il regno di Francia ebbero un duro scontro sulla questione della legittimità del possesso fondiario da parte degli ebrei. In maggio dell anno 1827 e luglio del 1828 il governo francese conchiuse due trattati colle repubbliche svizzere pei quali si riconosceva la reciprocità nei diritti civili dei cittadini francesi in Isvizzera e dei cittadini svizzeri in Francia. Possiamo aver per certo che a nessuno degli incaricati elvetici venne in mente che sotto il nome di Francesi venissero compresi anche gli Israeliti di Francia. Ma dall altra parte siamo certi che nessuno degli incaricati francesi ebbe o poté avere l intenzione di non inchiudere sotto il nome di Francesi anche gli Israeliti. Né alcuno aveva mandato o autorità di escluderli; perché la legge che li aveva fatti francesi era in pienissimo vigore. Adunque gli Svizzeri senza avvedersi ammisero con tutti gli altri Francesi anche i Francesi israeliti alla possidenza [il diritto di acquistare e possedere terreni, n.d.r.] sul suolo elvetico. [ ] I fratelli Wahl israeliti di Muhlhouse, città un tempo libera, alleata più volte degli Svizzeri ed ora unita alla Francia, comperarono un podere nel territorio di Basilea-Campagna [il territorio circostante la città vera e propria di Basilea, n.d.r.]. Ivi lo statuto municipale esclude dalla possidenza gli Israeliti. Vengono come cittadini francesi e in forza dei trattati del 1827 e del I fratelli Wahl sono in Francia indubitabilmente francesi. Può forse avvenire che siano francesi in Francia e non francesi all estero? Sarebbero in una condizione assurda, contraddittoria. Gli stranieri non hanno diritto di contrastare la qualità di francese ad uno che tale è dichiarato dalle leggi di Francia. Nessun magistrato estero ha questo diritto d intrudersi [di introdursi, di interferire, compiendo una vera intrusione in un ambito che non è di sua competenza, n.d.r.] nel santuario delle leggi di un altra nazione per discutere le qualificazioni per le quali essa ha conferito la sua cittadinanza. Dopo i trattati lo statuto di Basilea può valere contro gli Israeliti svizzeri e contro tutti gli Israeliti del mondo, tranne quelli che hanno ottenuto la cittadinanza francese. Per troncare ogni giro al discorso, basta ridurlo a questa semplicissima argomentazione: «In forza dei trattati i cittadini francesi devono essere parificati ai cittadini svizzeri. I fratelli Wahl sono cittadini francesi. Dunque devono essere parificati ai cittadini svizzeri». [ ] Gli Svizzeri trovano assurdo che gli Israeliti indigeni abbiano nella loro patria minori diritti degli Israeliti forestieri. Ed è assurdo per verità. Resta a vedere se convenga piuttosto ritorre [togliere, n.d.r.] agli Ebrei francesi ciò si è loro pattuito, o concedere agli Ebrei svizzeri ciò che finora si è loro negato. [ ] Suppongo il caso che io ed il mio vicino volessimo entrambi vendere le nostre case. La situazione, in cui son collocate, si supponga tale che il numero dei concorrenti alla compera sia scarso. Il mio vicino trova un ricco venuto ad abitar lo stesso villaggio che gli offre un prezzo conveniente. Io, dopo varie ricerche e molta aspettazione trovo finalmente un compratore; ma è ebreo. Se voi m impedite di vendere all ebreo, potete voi assicurarmi che troverò un altra offerta eguale? E se non la trovassi, e per necessità di vendere fossi costretto ad accettare un vil prezzo da un altro compratore, chi mi compensa dalla perdita? Non è vero che questa limitazione fa sì che la mia proprietà valga meno di quella del mio vicino? Ebbene, perch io mi sottoponga a questa violazione del mio diritto e al danno che ne consegue, bisogna provarmi la necessità di questa limitazione. Ora io dimando: come potranno i legislatori provarmi che vendendo la mia casa piuttosto ad un ebreo che ad un cristiano, io danneggio la causa dell universale proprietà? Come potranno provarlo, quando in Francia, in Austria, in America, il testimonio dei fatti prova il contrario? Come provare che all esercizio della proprietà sia necessario imporre in Basilea una limitazione che fu giudicata inutile e dannosa, e quindi abolita, in una gran varietà di paesi vicini e lontani? Sarebbe mestieri [necessario, n.d.r.] provare che la natura delle cose e le sacre ragioni della proprietà fossero diverse a Basilea da quel che sono nelle altre parti del mondo incivilito. C. Cattaneo, Interdizioni israelitiche, Roma, Fazi, 1995, pp Ettore Ferrari, Monumento a Carlo Cattaneo, Milano. Da quando, in Francia, gli ebrei godevano della piena cittadinanza e di tutti i diritti? Spiega la seguente espressione, riferita ai fratelli Wahl: «Può forse avvenire che siano francesi in Francia e non francesi all estero?». Secondo Cattaneo, le limitazioni poste agli israeliti danneggiano anche i non ebrei. Quale esempio porta a sostegno di tale tesi? ipertesto IPERTESTO B 5 Gli ebrei italiani nell Ottocento

6 ipertesto 6UNITÀ VI L ORDINE DI VIENNA La promulgazione dello Statuto Albertino il 4 marzo del 1848 da parte di Carlo Alberto di Savoia, dipinto del xix secolo. Giornali ebraici Il regno di Sardegna e lo Stato della Chiesa su strade diverse L elezione a papa di Pio IX (nel giugno del 1846) destò grandi aspettative anche negli ebrei romani. in effetti, alla fine dell anno, quando il Tevere straripò e allagò il ghetto, il papa cercò in vari modi di aiutare chi aveva subito i danni più gravi e permise ad alcune famiglie di vivere fuori dal quartiere speciale. inoltre, nel 1847, il nuovo pontefice pose fine ad alcune delle più odiose prestazioni che da tempo venivano richieste agli ebrei romani, come la predica forzata (che ogni sabato essi erano obbligati ad ascoltare) e la tassa che li esonerava dall essere insultati pubblicamente dai romani, in occasione del carnevale. Soprattutto, il 17 aprile 1848, le porte e i muri del ghetto furono abbattuti fisicamente a Roma e in altre città dello Stato della Chiesa. Malgrado ciò, la condizione degli ebrei del papa rimase molto difficile e problematica: anzi, ben presto, il contrasto con la situazione in cui vivevano gli israeliti del resto d italia si fece particolarmente stridente. in Piemonte, la grande svolta ebbe luogo con la concessione dello Statuto albertino (4 marzo 1848) che, per quanto cauta e moderata, era pur sempre una vera Costituzione liberale; pertanto, pochi giorni dopo averla emanata, il re Carlo Alberto si sentì in dovere di precisare che, per quanto la fede cattolica fosse religione ufficiale dello Stato, la minoranza protestante (valdese) avrebbe goduto di piena cittadinanza. inizialmente, pareva che gli ebrei dovessero rientrare tra le «eccezioni determinate dalle leggi»; invece, su pressione del marchese Roberto d Azeglio, di suo fratello Massimo e della stampa, il re emanò una serie di precisazioni che ponevano fine alla secolare discriminazione degli ebrei piemontesi. Un primo provvedimento reale del 29 marzo riconobbe agli israeliti la pienezza dei diritti civili, compresa la possibilità di conseguire i più elevati titoli accademici; un successivo decreto del 15 aprile li ammise alla leva militare. infine, una legge datata 19 giugno dichiarava che «la differenza di culto non forma eccezione al godimento dei diritti civili e politici e all ammissibilità alle cariche civili e militari». Ancora una volta, lotta per l unità nazionale e prospettive di miglioramento per la componente ebraica della popolazione andarono di pari passo: da più parti venne fatto notare a Carlo Alberto che sarebbe stato assurdo e controproducente entrare in guerra contro l Austria (e presentarla, per ragioni di propaganda, come una tirannia reazionaria) con una legislazione che, sul delicato versante delle minoranze religiose (ovvero sulla questione di principio dei diritti civili dei non cattolici) fosse più arretrata di quella della monarchia di vienna. Anche se la prima guerra d indipendenza si concluse in un vero disastro militare, la nuova normativa non fu ritirata, dal momento che non era stato abrogato lo Statuto stesso. Pertanto, all interno del Regno di Sardegna, gli ebrei furono liberi non solo di studiare e svolgere le professioni che preferivano, ma soprattutto di scrivere sui giornali e di far sentire la propria voce. Questa radicale novità torinese si inserisce in un più vasto fenomeno europeo: influenti giornali ebraici o sostenuti da banchieri ebrei erano già sorti in gran numero in Francia e in inghilterra, ed erano risultati di capitale importanza nel 1840, allorché un gruppo di ebrei siriani era stato ingiustamente accusato di aver ucciso un frate cappuccino a Damasco. in italia (e nell europa intera) la stampa svolse un ruolo analogo nel 1858, quando esplose il caso Mortara.

7 Il caso Mortara Tra le numerose interdizioni che la tradizione poneva agli ebrei, vi era anche quella che vietava alle famiglie israelite di assumere a servizio, in casa propria, donne cristiane. Dal momento che veniva periodicamente ripetuta, possiamo dedurre che la prescrizione non fosse rispettata su vasta scala, e le ragioni di questa inadempienza sono facili da capire: a fronte di un numero elevatissimo di giovani contadine in cerca di un salario, da parte degli ebrei osservanti c era il problema del riposo sabbatico; la presenza di una domestica cristiana permetteva alla famiglia di accendere il camino, di cucinare pasti caldi e di svolgere altre attività che, invece, secondo la legge ebraica, erano vietate per tutta la durata del giorno festivo. in palese violazione della normativa papale, anche la famiglia Mortara, a Bologna, aveva a servizio una ragazza cristiana; il caso scoppiò quando questa giovane contadina rivelò all inquisitore bolognese che, alcuni anni prima, ritenendolo in pericolo di morte, essa aveva battezzato segretamente Edgardo, uno dei figli del suo datore di lavoro. Dal punto di vista della Chiesa, quel battesimo era valido a tutti gli effetti: edgardo Mortara (che nel 1858 aveva sette anni) ai suoi occhi non era più un ebreo, ma un cristiano; pertanto, le autorità ecclesiastiche dello Stato della Chiesa decisero che il bambino non poteva più vivere all interno della sua famiglia, ma doveva essere educato in un contesto cattolico. Secondo il giudizio del papa, se il bimbo fosse rimasto in un ambiente ebraico, la sua anima sarebbe stata a rischio di dannazione; per Pio ix, questa considerazione era più importante di qualsiasi altra, compreso il rispetto delle più elementari e naturali relazioni tra genitori e figli. il 23 giugno 1858, un gruppo di gendarmi dello Stato pontificio si recò a casa della famiglia Mortara e obbligò i genitori a consegnare Edgardo, che fu immediatamente trasferito a Roma, alla Casa dei catecumeni, la struttura destinata a ospitare temporaneamente gli israeliti che avessero deciso di convertirsi alla fede cristiana. il padre e la madre si misero subito in contatto con la comunità ebraica romana, nella speranza che riuscissero a convincere il papa dell assurdità della decisione presa. La situazione, tuttavia, ben presto si complicò, in quanto divenne un affare di dimensioni internazionali, e soprattutto una questione di principio, a proposito della quale nessuno voleva cedere, consapevole della posta in gioco. Gli ebrei romani avrebbero voluto discutere la faccenda in privato, in modo discreto e silenzioso; la libera stampa del Regno di Sardegna, di Francia e d inghilterra, invece, lanciò una campagna analoga a quella che, diciotto anni prima, aveva ottenuto la liberazione degli ebrei di Damasco ingiustamente accusati. La Chiesa, tuttavia, si era a sua volta dotata di un efficace strumento di propaganda: la rivista dei gesuiti La Civiltà cattolica. Fondata da padre Carlo Curci nel 1850, essa divenne l organo ufficioso della Santa Sede: nulla di quanto veniva pubblicato su quel bimestrale usciva senza l approvazione pontificia. il caso Mortara fu dunque in primo luogo un duello giornalistico, con la stampa ebraica e liberale che presentava la sottrazione del bambino ai propri genitori come un anacronistico atto di barbarie, mentre la stampa cattolica poneva l accento sull improvvisa illuminazione spirituale che avrebbe toccato il piccolo edgardo: una vera quanto miracolosa vocazione, conseguenza del battesimo impartito dalla domestica. Una volta privata della nefasta influenza educativa dell ambiente ebraico in cui edgardo era nato e cresciuto (e in cui, di conseguenza, non doveva più assolutamente tornare a vivere) la sua anima aveva trovato la strada della vera fede e della vera dottrina. Partendo da questi presupposti, Pio IX fu assolutamente irremovibile. Tale intransigenza provocò un pesante danno di immagine alla Santa Sede, fornì ottimi argomenti agli avversari del po- Bologna Un affare internazionale Pio Ix. ipertesto IPERTESTO B 7 Gli ebrei italiani nell Ottocento

8 ipertesto UNITÀ VI 8 L ORDINE DI VIENNA Imbarazzo di Napoleone III Deputati ebrei alla Camera Nathan Sindaco di Roma tere temporale del papa e, infine, pose in una situazione di notevole imbarazzo l imperatore francese. Napoleone iii era infatti il garante militare dell indipendenza dello stato pontificio; fin dal 1849 (quando le truppe inviate dal governo di Parigi avevano soppresso con la forza la Repubblica romana), una guarnigione francese era di stanza in Lazio, a difesa di Roma. Napoleone iii aveva accettato questo ruolo di protettore del papa per restare in buoni rapporto con la componente cattolica e conservatrice della società francese; il caso Mortara, tuttavia, rischiava di trasformare la Francia che amava rappresentare se stessa come esempio di progresso e modello di civiltà in uno Stato garante di una mentalità medievale. Secondo alcuni storici, l episodio ebbe come conseguenza diretta, a livello internazionale, il progressivo raffreddamento delle relazioni tra la Francia e lo Stato della Chiesa: quando il conte di Cavour si alleò con l imperatore (accordi di Plombières, del 21 luglio 1858), lo scandalo del caso Mortara stava suscitando un crescente scalpore a livello internazionale; quegli accordi prevedevano un drastico ridimensionamento dell estensione dello Stato della Chiesa, che di fatto sarebbe stato ridotto a Roma e al Lazio. ovviamente, Napoleone iii pensava in primo luogo a espandere la sfera dell influenza francese in italia; tuttavia, è interessante osservare come, ancora una volta, gli interessi delle comunità ebraiche italiane e la meta dell unificazione dell italia si siano intrecciate in modo formidabile. Gli ebrei italiani nello Stato liberale il processo si sarebbe completato nel 1870, con la conquista di Roma (20 settembre) e l emancipazione degli ebrei della capitale (13 ottobre). Gli israeliti italiani furono per molto tempo devoti e fedeli a casa Savoia, considerata come il vero artefice e garante della libertà e della parificazione civile degli ebrei. Pertanto, nel 1938, quando il re vittorio emanuele iii firmò il decreto che dava piena validità legale alla legislazione razziale e antisemita fascista, la delusione degli israeliti fu particolarmente cocente e quel gesto fu percepito dalla maggioranza di loro come un vero tradimento. Per tutto il periodo liberale ( ), a livello simbolico, la riconoscenza ebraica verso i Savoia si manifestò nell elevato numero di israeliti che scelsero la carriera militare: se, da un lato, era un modo di mettersi a servizio delle istituzioni del nuovo Stato, dall altro era pure un mezzo per mostrare la volontà degli ebrei di integrarsi il più possibile all interno della nuova nazione italiana, per molti versi tutta da costruire. La notevole presenza ebraica nelle forze armate italiane contrasta con la totale impossibilità, per un israelita, di far carriera all interno dell esercito del Reich tedesco, in cui tutte le cariche più importanti restarono sotto il rigido controllo dell aristocrazia prussiana. il contrasto con la componente cattolica della popolazione italiana, invece, emerge chiaramente a livello elettorale. Mentre i fedeli della Chiesa scelsero di restare ai margini (adottando il principio né eletti né elettori, secondo cui era opportuno astenersi il più possibile dalla partecipazione alla vita politica nazionale), fin dal 1861 troviamo tre deputati ebrei alla Camera, mentre alle elezioni del novembre 1870 (convocate dopo la presa di Roma) ne furono eletti nove. Anche a livello amministrativo la presenza ebraica (considerata l esiguità numerica del gruppo) fu significativa: fin dal 1860, i comuni di Gorla (in provincia di Milano) e di ostiano (in provincia di Cremona) elessero a sindaco candidati ebrei. il caso nazionale più clamoroso fu tuttavia quello di Roma, che fu guidata dal 1907 al 1913 da ernesto Nathan; per la Chiesa fu una clamorosa sconfitta simbolica: nel cuore stesso della cristianità, era stato eletto un sindaco ebreo che, oltre tutto, era anche un esponente di alto livello della massoneria, un associazione che si sforzava di diffondere le idee illuministe e che, per questo motivo, era stata duramente condannata dalle autorità ecclesiastiche. Nel 1911, il censimento nazionale registrò cittadini di religione «israelitica» (una quota corrispondente allo 0,098 della popolazione complessiva). Di questi, a fronte di un piccolo gruppo impegnato in agricoltura (8,15%), la maggior parte era dedita al commercio

9 (41,57%) oppure impiegata nel campo delle assicurazioni, nelle libere professioni, in altre attività legate alla cultura (come, ad esempio, l insegnamento) o nell amministrazione pubblica (23,09%). La maggioranza degli ebrei italiani, dunque, era di condizione medio-alta (borghese, in una parola), anche se non era direttamente legata al mondo dello sviluppo industriale; l elemento più tipico è forse l elevato livello di istruzione, di molto superiore alla media nazionale: premesso che parliamo di un infima minoranza, va comunque notato che a fronte di una percentuale nazionale del 40% circa di analfabeti il gruppo degli analfabeti ebrei non superava il 2%. Un altro carattere specifico, che distingueva gli israeliti italiani dal resto della popolazione (ma in questo caso, invece, era condiviso con l ebraismo tedesco), riguardava la netta tendenza all urbanizzazione. Mentre in passato diversi ebrei si erano dispersi in centri medio-piccoli (ove, in genere, erano stati chiamati per aprire una banca), a fine ottocentoinizio Novecento la maggioranza di loro scelse di vivere in grandi città o in centri urbani di medie dimensioni. Roma, tuttavia, restava la grande eccezione alla regola, in quanto miseria e povertà erano ancora un fenomeno molto diffuso nella comunità ebraica all inizio del nuovo secolo: nell anno 1900, ben 1956 persone erano costrette a far ricorso in modo sistematico a forme di assistenza (privata o pubblica); nello stesso anno, in occasione della Pasqua ebraica, fu distribuito gratuitamente il pane azzimo (non lievitato, necessario per celebrare la festa, ma assai più caro del pane ordinario) a 3240 persone, che non potevano permetterselo. Una minoranza colta e moderna ipertesto Riferimenti storiografici 1 Il dibattito sull emancipazione degli ebrei in Italia A partire dagli anni Trenta, la maggior parte degli intellettuali italiani liberali e democratici dichiarò pubblicamente che tra gli obiettivi del Risorgimento nazionale non vi era soltanto la lotta per l unità e per l indipendenza dell Italia, ma anche la completa cancellazione di tutte le discriminazioni che la tradizione aveva imposto agli ebrei. Nei primi due decenni della Restaurazione gli ebrei non furono soltanto oggetto di misure legislative o amministrative da parte dei governi o problema di discussione per teologi, giuristi, economisti; essi infatti si inserirono, con alcune avanguardie politicizzate, nel movimento risorgimentale, dando il loro contributo al lavoro cospirativo delle organizzazioni che lottavano contro i regimi dispotici: dalla Carboneria ai Veri Italiani, alla Giovine Italia (e basti ricordare i modenesi fratelli Usiglio, stretti collaboratori di Mazzini). A tale proposito vale la pena di riprodurre integralmente uno sconosciuto foglio volante a stampa diffuso clandestinamente negli Stati sardi all inizio del 1831, nel quale gli ebrei italiani erano invitati a sollevarsi e a combattere per la causa dell Italia «una», perché il Risorgimento italiano era intimamente collegato a quello degli ebrei e l Italia libera sarebbe potuta divenire anche la patria degli ebrei. «Israeliti italiani! È giunto il tempo, in cui l italiano s alza a riprendere la sua dignità perduta. Un sí dolce momento, chi deve sospirarlo più di noi li quali fummo e siamo ancora la vittima del dispotismo collegato coi pregiudizj, col fanatismo e coll intolleranza. Doppie catene ci aggravano e chi le può spezzare, se non il braccio della libertà? Guardate i nostri correligionari di Francia, quelli di Polonia. Essi sono uomini. Ma chi li rese degni del ben onore? Un braccio intrepido, un cuore disinteressato, che oprarono per la patria. No che gli israeliti d Italia non sono da meno da quelli degli altri paesi: quel fuoco che scalda gli altri italiani, scalda pure il nostro petto, ché l Italia è nostra patria e non già la sterile Palestina. Non pugneremo noi dunque? Non allargheremo la mano a doni in questo momento sí necessari? IPERTESTO B 9 Gli ebrei italiani nell Ottocento

10 ipertesto UNITÀ VI 10 L ORDINE DI VIENNA Paolo Iv Carafa con la bolla Cum nimis absurdum del 1555 sancì la segregazione degli ebrei nei ghetti dei territori dello Stato pontifico. Alziamoci, pugniamo, adopriamoci; l Italia sarà libera, e con lei sarà libero ogni italiano. Viva la patria! Viva l Italia una e indivisibile». Nella vicenda che si sta qui ripercorrendo, un momento di scansione può essere costituito dal 1835, perché in quell anno vennero elaborati, da uomini di assai diverso orientamento ideale e politico e di varia formazione culturale e intellettuale, tre scritti che prendevano posizione per la totale abolizione delle interdizioni e la più completa equiparazione civile, economica e politica degli ebrei; e questo con una vastità di argomenti e una ricchezza di analisi cui poco avrebbero aggiunto gli interventi degli anni successivi, fino al Di questi difensori della causa ebraica due sono dei protagonisti di parte democratica del Risorgimento, Mazzini e Cattaneo, entrambi stimolati a manifestare le loro opinioni da un episodio contingente: la controversia tra il governo francese e il cantone svizzero di Basilea campagna circa l acquisto fatto dai fratelli Wahl, ebrei cittadini francesi, di una proprietà fondiaria in quel cantone (acquisto regolare in base agli accordi tra Francia e Confederazione, ma annullato dal governo di Basilea campagna, le cui leggi avevano interdetto il possesso fondiario agli ebrei. Assai meno noto è invece l autore del terzo scritto, Luigi Maffoni, un avvocato liberale di Saluzzo, che aveva appunto redatto sullo scorcio del 1835 alcune Considerazioni politico-legali circa la depressione e segregazione degli ebrei; l opuscolo, per le pressioni delle autorità piemontesi, non poté per allora essere pubblicato né negli Stati sardi, né a Milano, né presso la Tipografia Elvetica di Capolago, e riuscì a vedere la luce soltanto alla fine del 1847 con il nuovo titolo Origine delle interdizioni civili israelitiche e dannosi effetti dalle medesime derivanti. Le pagine di Maffoni, tenendo conto del momento in cui vennero redatte e quindi delle cautele adottate dall autore per cercare di ottenerne la stampa, appaiono coraggiose e avanzate, perché l avvocato piemontese [ ] rigettava sulle «leggi repressive» la responsabilità dei difetti e dei torti, assai più presunti che reali, comunemente attribuiti agli ebrei [...]. Quanto a Mazzini, il fondatore della Giovine Europa in due articoli apparsi sulla Jeune Suisse del novembre 1835 liquidava sdegnosamente quel tipo di motivazioni che pretendevano di giustificare le interdizioni con le «abitudini di cupidigia, d incetta» attribuite agli ebrei, inclinazioni che quand anche fossero state reali provavano soltanto le cattive conseguenze provocate dall ineguaglianza («è lo stesso errore che fa negare la libertà ai popoli, sol perché essi lasciano scorgere le abitudini di schiavitù»). Il rivoluzionario genovese, coerentemente alla sua tipica maniera di impostare i problemi politici mettendo in primo piano le grandi idee, i principi generali, i valori assoluti, parlava appunto in nome della libertà, della tolleranza, della causa progressiva della civiltà, anche se nella contingenza specifica questi valori erano occasionalmente sostenuti da un governo illiberale come quello di Luigi Filippo: «Ma ciò di cui sentiamo il bisogno, è di alzare anche la nostra voce contro un eccezione tanto ingiusta quanto retrograda, qual è quella con cui si perseguitano ancor oggi i seguaci della legge di Mosé; di protestare, in nome del progresso e delle nostre sante credenze umanitarie, contro ogni legge eccezionale, che viola il gran principio di tolleranza, assimilando, col fatto, una credenza religiosa a un delitto o ad un errore di cui colui che se ne trova colpevole deve sopportare le tristi conseguenze. La nostra è un epoca di emancipazione, di riabilitazione universale. Ogni atto, ogni disposizione che statuisca un esclusione, un interdizione, una separazione assoluta dalla società europea, contro un intera classe d uomini, per ciò solo che fanno fede della loro credenza in Dio e nella sua onnipotenza in una maniera determinata, è arretrata di non so quanti secoli: risale alle due nature degli antichi [alla concezione aristotelica secondo cui esistevano due categorie di esseri: gli schiavi per natura e gli uomini liberi, n.d.r.]: è un applicazione del principio che ha fatto tutte le aristocrazie». Assai più organico, meditato e articolato della pur incisiva polemica giornalistica di Mazzini si presenta il pressoché contemporaneo studio di Cattaneo, il quale ispirandosi anch egli al principio di tolleranza e altrettanto deciso nel sostenere la tesi della piena equiparazione degli ebrei sviluppava la sua argomentazione in una chiave essenzialmente economica, che mirava a dimostrare non soltanto l iniquità ma anche la dannosità delle inter-

11 dizioni. Per il lombardo, [ ] la proibizione della possidenza non solo impediva l afflusso nell agricoltura di capitali utili per il suo livello tecnico e produttivo, ma, spingendo gli ebrei verso il commercio, provocava effetti contrari a quelli sperati dai fautori delle restrizioni, vale a dire l «opulenza» e l arricchimento sempre crescente degli israeliti. F. Della Peruta, «Gli ebrei nel Risorgimento fra interdizioni ed emancipazione», in C. vivanti (a cura di), Storia d Italia. Annali 11. Gli ebrei in Italia II. Dall emancipazione a oggi, Torino, einaudi, 1997, pp ipertesto Spiega l espressione secondo cui gli ebrei italiani erano oppressi da doppie catene. La formula fu utilizzata dall anonimo autore che, nel 1831, stese un appello patriottico e rivoluzionario e lo diffuse nel Regno di Sardegna. Spiega l espressione eccezione tanto ingiusta quanto retrograda, usata da Mazzini per definire la legislazione antiebraica vigente sia in Svizzera che nei principali Stati d Italia. Spiega e commenta l espressione mazziniana: La nostra è un epoca di emancipazione, di riabilitazione universale. 2 Il caso Mortara: un duello giornalistico Per lo storico, uno degli elementi di maggior interesse del caso Mortara consiste nel fatto che esso dimostra l importanza assunta a tutti i livelli dalla stampa, alla metà dell Ottocento. In Europa e negli Stati Uniti, i giornali di orientamento liberale attaccarono molto duramente la Santa Sede, accusandola di oscurantismo medievale. Sia in Italia che all estero, la stampa cattolica rispose colpo su colpo, difendendo senza esitazioni o dubbi di sorta l operato di Pio IX, ma nel contempo diffondendo un idea sempre più negativa degli ebrei, presentati come soggetti malefici e pericolosi per la società cristiana. Solo una minoranza degli ebrei americani provenivano da paesi cattolici. Ma il rapimento Mortara incarnava per loro tutto quanto di ingiusto c era nel Vecchio Mondo, un doloroso ricordo dell oppressione da cui erano fuggiti. Paradossalmente, tali sentimenti erano alimentati non solo dall ideologia americana di libertà e uguaglianza, ma anche da forze meno nobili. Nell America del 1858 il cattolicesimo non godeva certo di buona stampa [di buona reputazione, n.d.r.]. Gli immigrati cattolici dell Irlanda e da altri paesi erano offesi e derisi, il papa veniva dipinto come il diavolo incarnato. Ironicamente, gli ebrei, che condividevano un destino molto simile a quello sofferto dagli immigrati cattolici irlandesi per mano della predominante maggioranza protestante, erano entusiasti di trovare un sostegno popolare così diffuso alla loro campagna contro il papa. A cominciare dalla metà di settembre, i principali giornali ebraici pubblicarono di continuo articoli sul caso Mortara. Il rabbino Isaac Mayer Wise uno dei fondatori dell ebraismo riformato negli Stati Uniti usò un tono di cui tutti gli anticattolici d America avrebbero potuto andar fieri: «I fatti sono che Edgardo Mortara non fu mai battezzato. Al papa e ai suoi numerosi lacché senz anima non è mai interessato davvero se il bambino fosse cristiano o ebreo. Non è, né fu mai, obiettivo dei seguaci del papa fare di Edgardo un cristiano, in modo che egli sia salvato secondo Santa Romana Chiesa, o perché poche gocce d acqua gli sono state spruzzate addosso e una sconosciuta ha detto qualche parola dinanzi all inconsapevole creatura. A questi nonsensi può credere qualche prete di campagna o qualche maestro di una congregazione di analfabeti, e magari spingere il proprio gregge a fare altrettanto. Ma le vere motivazioni di tutte queste vicende non sono così stupide Bisogna essere cresciuti in mezzo al clero cattolico per sapere quanto predichino e quanto poco credano, quanto siano severi in materia di pratica religiosa di fronte a un povero analfabeta e quanto invece tengano conto del più ampio contesto quando si trovano dinanzi ad un uomo istruito e deciso. Di conseguenza l obiettivo di Roma non può essere la religione di un fanciullo, né la religione in quanto tale Osiamo dire che se quella domestica fosse stata portata dinanzi a una corte di giustizia in questo paese, il controinterrogatorio di un qualsiasi nostro avvocato le avrebbe fatto confessare di essere semplicemente lo strumento di qualche prete, che a sua volta è lo strumento di un suo superiore, che a sua volta è lo strumento cieco di un gesuita, che a sua volta è lo strumento dell Inquisizione, il cui sacro ufficio è fare da serva al pontefice, che a sua volta è ostaggio dei gesuiti». Se gli ebrei che vivevano nello Stato della Chiesa dovevano umiliarsi di fronte al dispotico potere del papa, chiaramente gli ebrei americani non avevano difficoltà ad andare all estremo opposto. Resta da vedere se questo caustico anti-cattolicesimo avesse radici nelle comunità ebraiche europee da cui provenivano Wise e altri ebrei o piuttosto fosse stato assorbito dai loro vicini protestanti del Nuovo Mondo. In ogni caso una delle ironie della po- IPERTESTO B 11 Gli ebrei italiani nell Ottocento

12 ipertesto UNITÀ VI 12 L ORDINE DI VIENNA Spiega l espressione: caustico anticattolicesimo. Spiega l espressione secondo cui il giornale Il Cattolico «combatteva coraggiosamente in casa del nemico». Quale immagine degli ebrei offriva la stampa cattolica di fine Ottocento? lemica di Wise è la sua specularità rispetto all immagine che troviamo nei giornali cattolici. Mentre i difensori del papa consideravano ignobili i motivi di coloro che chiedevano il rilascio di Edgardo e sostenevano che gli stessi genitori del ragazzo erano mossi dal rancore verso la Chiesa piuttosto che dall amore per il loro figliolo, nella versione di Wise sono il papa e i suoi sostenitori a fingere, spinti non già da un autentica fede religiosa, ma dalle ragioni più corrotte e insincere. [ ] Mentre su entrambe le coste dell Atlantico montavano le proteste, le autorità ecclesiastiche, sempre più preoccupate, si affrettarono a preparare la loro difesa. Per la gerarchia pontificia, questo attacco non era che l ultimo di una catena di oltraggi. Per tutta la sua storia la Chiesa aveva sempre trattato i suoi ebrei più o meno nel modo in cui aveva trattato i Mortara e nessuno, tranne pochi ebrei impauriti e supplicanti, aveva mai avuto niente da ridire. Così doveva essere, del resto, in tema di dogmi religiosi. Ma ora le forze della secolarizzazione, dell ateismo e del materialismo che conquistavano l Europa, stavano rapidamente distruggendo il rispetto per la parola di Dio e per il suo strumento sulla terra [il papa, n.d.r.]. [...] Questo atteggiamento è palese in tutta la stampa cattolica italiana del tempo. Un buon esempio è il quotidiano genovese Il Cattolico, i cui articoli erano scritti soprattutto da preti impegnati nella difesa del potere temporale del papa. Insieme all Armonia della Religione colla Civiltà [pubblicato a Torino, n.d.r.], Il Cattolico combatteva coraggiosamente in casa del nemico, visto che Genova faceva parte del Regno di Sardegna. Dal suo primo articolo sul caso Mortara, apparso nell agosto 1858, sino alla fine dell anno Il Cattolico dedicò alla polemica oltre una ventina di pezzi. Tipico fu un articolo pubblicato all inizio di dicembre. Il corrispondente sottolineava che, trattenendo Edgardo, il papa non solo faceva l interesse spirituale del ragazzo, ma anche il suo interesse materiale. Una volta che questi avesse completato la sua istruzione, interamente pagata dalla Chiesa, poteva aspirare a una qualsiasi delle carriere e degli onori disponibili nello Stato Pontificio, da quali altrimenti, si faceva notare, Edgardo come ebreo sarebbe stato escluso. [ ] Era chiarissimo per Il Cattolico che tutto il gran parlare circa l ingiustizia commessa non era che una cortina fumogena per ciò che davvero motivava la protesta. Come potevano quegli agitatori essere presi sul serio quando dicevano di voler difendere i poveri ebrei? «I libertini facendo un chiasso del diavolo, hanno detto e ripetuto più volte sul serio che tutte le Potenze d Europa mandarono delle forti lettere al Papa, affinché restituisse ai genitori il fanciullo Mortara». Doveva essere uno scherzo. «Immaginati, popolo mio! Le Potenze d Europa si prendono tanta briga per un ebreo, che loro non importa un acua [un acca; modo di dire ottocentesco, che significa assolutamente nulla, n.d.r.]! Questa è proprio di quelle da contare al fuoco d Inverno! Eppure molti fogliacci l hanno spacciata come verissima». Gli ebrei erano esclusi dalla civiltà perché la civiltà si basava sul cristianesimo. In quanto emarginati erano pericolosi, perché non si sentivano soggetti alle leggi della morale che governavano il mondo cristiano. Non si sentivano obbligati verso nessuno se non verso i loro correligionari e non mostravano nessuna pietà per le loro vittime cristiane. Le accuse di omicidio rituale in qualche modo compendiavano la concezione che i cattolici avevano degli ebrei. Con il titolo «Orrendo assassinio di un fanciullo», Il Cattolico, nel gennaio del 1859, non si faceva scrupolo di aggiungere alla polemica sulle proteste sollevate dal caso Mortara uno sconvolgente articolo sull ultimo terrificante esempio della scelleratezza ebraica: «Nel mese di agosto, mentre dal giornalismo libertino si faceva tanto schiamazzo contro del Papa pel fatto del fanciullo Mortara, succedeva a Folkchany, città moldo-valsca [ora in Romania], per opera di un ebreo, il più orrendo assassinio contro un fanciullo cristiano. Così va il mondo. Il Papa fa allevare con tutte le cure di un padre un fanciullo ebreo divenuto cristiano in un collegio cattolico, e gli si grida la croce addosso; un ebreo uccide nel modo più orrendo un fanciullo cristiano, e i liberali, ne siam certi, non avranno per questo una sola parola, non diremo di esecrazione, ma di biasimo; né si degneranno forse anco di riferire il fatto!». [ ] La vicenda venne raccontata, più o meno nello stesso modo, da molti giornali cattolici europei, compreso il francese L Univers. [ ] Ciò che L Univers e gli altri giornali cattolici omettevano di riferire, tuttavia, era che gli inquirenti avevano successivamente scoperto che il bambino era stato ucciso da uno zio, il quale era stato arrestato e ora attendeva il processo a Bucarest. D. K. Kertzer, Prigioniero del papa re, Milano, Rizzoli, 2000, pp e Traduzione di G. Moro e B. Lotti

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE Il Codice napoleonico (il Code) esercitò un influenza diretta sulla legislazione di molti Stati preunitari, ponendo le premesse della loro successiva integrazione

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II Unità 5 L età di Calvino e Filippo II L UNITà IN BREVE Unità 5 L età di Calvino e Filippo II 1. Il Cinquecento, un secolo di crescita demografica Il xvi secolo fu un periodo di ripresa in campo demografico.

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Il Tempo libero nell 800 italiano

Il Tempo libero nell 800 italiano Il Tempo libero nell 800 italiano Il tempo libero dell 800 A partire dall 800, il tempo libero diviene elemento NON secondario dell organizzazione sociale La sua evoluzione è percepibile attraverso alcuni

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

La Rivoluzione francese

La Rivoluzione francese La Francia alla fine del XVIII secolo Sovrano dotato di potere assoluto. Società divisa in stati o ordini: clero (Primo stato) nobiltà (Secondo stato) Terzo stato (il 98% della popolazione) Nobili e clero

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA SINTESI DI STORIA Vol. 2 In Italia studiamo soprattutto la STORIA OCCIDENTALE: cioè la storia dell Europa e di quei paesi non-europei (specialmente i paesi del Nord America), la cui cultura è più vicina

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870)

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) Maria Grazia Bianchi Eger, 13 febbraio 2012 1 L immagine di Roma classica «Roma, 1 novembre 1786 [ ] non osavo quasi confessare a me stesso

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu Si può dire che il XIX secolo sia stato, nella storia di gran parte d Europa, il secolo della borghesia. Nel corso di quei cento anni

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio RAFFAELLA MANELLI Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio Quaderni Estensi Rivista, I 2009 Con l avvio da parte

Dettagli

RIVOLUZIONE FRANCESE SCUOLA MEDIA GALILEO GALILEI. By prof. Galiazzo Lucia

RIVOLUZIONE FRANCESE SCUOLA MEDIA GALILEO GALILEI. By prof. Galiazzo Lucia RIVOLUZIONE FRANCESE SCUOLA MEDIA GALILEO GALILEI By prof. Galiazzo Lucia Giuramento della pallacorda Una data: 20 giugno 1789 Un luogo: Versailles la sala della Pallacorda (un gioco simile al tennis)

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI

VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 768 VITA, MORTE E MIRACOLI DELL ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI 18 settembre

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli