Integrazione religiosa a Trieste. Storia delle comunità e delle stru1ure religiose presen4 in ci1à

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrazione religiosa a Trieste. Storia delle comunità e delle stru1ure religiose presen4 in ci1à"

Transcript

1 Integrazione religiosa a Trieste Storia delle comunità e delle stru1ure religiose presen4 in ci1à

2 Cesare dell Acqua La proclamazione del porto franco di Trieste 1717

3 CHIESA EVANGELICA LUTERANA A TRIESTE La chiesa Envangelica Luterana di Trieste è un edificio in stile neogotico con particolari guglie e tetti a spiovente in lastre di ardesia, che sorge nel borgo Teresiano. L'edificio è lungo 35 m e largo 22 m ed è rivestito in pietra calcare del carso così come le 4 colonne poste all'interno della chiesa. Il campanile a punta arriva fino a 50 m di altezza e poggia su 238 pali di legno affondanti nel terreno dove un tempo c'erano le saline. Una particolarità è che le 3 campane, di cui ne è rimasta solo una, vennero fuse nella canna di un cannone francese. Sulla torre si trovano le sculture raffiguranti animali fantastici. Molto bella è l'entrata centrale raffigurante la trasfigurazione di Cristo di Raffaello, mentre la fonte battesimale venne donata da Heinrich Ranner e come l'altare e il pulpito fu eseguito dall'artista falegname Breslao. La chiesa è stata progettata dall'architetto Zimmermann di Breslavia,ma realizzata dagli architetti Giovanni Berlam e Giovanni Scalmanini.

4 Vengono ospitati anche due monumenti funebri opera di Antonio Bosa da Bassano, allievo di Canova nel La Chiesa fu aperta ai fedeli nel 1874, e fu grazie a Maria Teresa d'austria che la comunità evangelica di Confessione Augustana poté professare liberamente il proprio credo. Va ricordato che il luteranesimo comparve a Trieste nel 1717, quando la città venne dichiarata porto franco e, proprio per incrementare il commercio, agli stranieri venne permesso di mantenere la propria religione. Trieste divenne così un esempio di tolleranza edi collaborazione pacifica volta a creare benessere spirituale e materiale per tutti. Sempre nel 1717 arrivarono le prime famiglie luterane dalla germania e, come primo atto istiruzionale, venne aperto il cimitero evangelico, situato tra le attuali via Silvio Pellico e Corso Italia, poi spostato in via del Monte dove si vede ancora il vecchio ingresso. Grazie alle sue origini ormai antiche, la Comunità Evangelica Luterana di Trieste è ben integrata nel tessuto sociale della città e ha visto negli ultimi 40 anni una progressiva internalizzazione.

5 Chiesa Metodista Il metodismo arrivò a Trieste alla fine dell 800 per iniziativa del triestino Felice Dardi, pastore metodista a Venezia, che volle iniziare un opera di evangelizzazione in lingua italiana nella città che allora era sotto amministrazione asburgica. Chiese protestanti erano già presenti a Trieste (la Chiesa Luterana e la Chiesa Riformata Elvetica), ma erano di lingua tedesca, per cui Dardi pensò bene di portare il messaggio evangelico alla maggioranza italiana ed in particolare fra il proletariato ed i ceti più poveri. I primi anni furono molto duri per la forte avversione della Chiesa Cattolica locale, ma Dardi trovò un valido appoggio ed aiuto da parte delle altre chiese evangeliche, elvetica e luterana, che vedevano di buon occhio una predicazione alla popolazione italiana nella propria lingua. Agli inizi le riunioni di culto e le conferenze si tenevano in diversi locali o appartamenti sparsi nei vari quartieri della città, ma nel 1898 Felice Dardi riuscì ad ottenere un locale di culto vero e proprio (la cappella dell ex cimitero evangelico di via del Monte) che è ancora oggi la sede della locale Chiesa Evangelica Metodista con il nuovo ingresso di Scala dei Giganti. Anche il pastore Dardi non limitò la sua missione alla sola predicazione, ma da buon metodista si preoccupò anche dei problemi sociali che affliggevano la società triestina del tempo, in particolare l alcolismo, una vera piaga fra i ceti proletari triestini. Per questo fondò La Lega Antialcolica che operò in città per molti anni, liberando molte famiglie da questa tremenda schiavitù. Oggi la Lega Antialcolica non c è più, ma la chiesa metodista, che continua ancora a dare testimonianza dell evangelo nella città, resta sempre attenta, attraverso i suoi membri, anche ai problemi sociali ed umani attuali.

6 Chiesa evangelica valdese La Chiesa evangelica valdese di Trieste nasce con l arrivo in città, già nei giorni immediatamente successivi alla fine della Prima Guerra Mondiale, di alcuni militari, funzionari e impiegati valdesi che assieme a tanti altri venivano a sostituire i funzionari e impiegati triestini compromessi con l amministrazione austro-ungarica. Con loro arrivò anche, inviato dalla Tavola Valdese, il pastore Francesco Rostan che il giorno di Natale 1918 tenne il primo culto dell appena nata comunità valdese, nella basilica di San Silvestro, messa a disposizione dalla Comunità evangelica di Confessione Elvetica, a sua volta in quel tempo ospitata nella Chiesa Luterana. Per motivi di salute, il pastore Rostan lasciò quasi subito Trieste e dopo un breve intervallo fu sostituito nell ottobre del 1919 dal giovane pastore di origine abruzzese Guglielmo Del Pesco, che rimarrà alla guida della comunità per 29 anni fino a quando, nel 1948, sarà nominato Moderatore della Tavola Valdese. Nel 1923 gli Elvetici rientrarono in San Silvestro, e ebbe così inizio quella convivenza fra le due comunità sorelle (perché ambedue riformate) che perdura ancora oggi. Per alcuni anni il pastore Del Pesco curò le comunità valdese ed elvetica insieme all anziano pastore elvetico Schalaudek, che morirà nel A quel punto gli Elvetici fecero la scelta di un pastore di lingua italiana, ed in particolare chiesero di poter continuare ad essere seguiti da Del Pesco. Si arrivò così nel 1927 alla firma di una Convenzione fra la Tavola Valdese e la Comunità elvetica che, rinnovata più volte ed ancora in vigore, stabilisce che la Comunità elvetica accoglie nella sua chiesa e nei suoi locali la Comunità valdese, mentre la Tavola fornisce il pastore che si occupa delle due comunità. Dopo il Pastore Del Pesco, gli altri pastori che hanno curato le due comunità di San Silvestro sono stati Giorgio Girardet, Umberto Bert, Teodoro Fanlo y Cortez e Renato Coisson, che nell ultima parte del suo ministero a Trieste dovette anche prendersi cura, per problemi sorti nella conduzione di quella comunità, della Chiesa metodista di Scala dei Giganti. Dopo Coisson tornò a Trieste, sua città natale, il pastore metodista Giovanni Carrari che prima si occupò da solo delle tre comunità, e poi fu affiancato dal pastore emerito Enos Mannelli. Purtroppo il pastore Carrari è precocemente mancato nel 2008, ed è stato sostituito dal Candidato al pastorato Michel Charbonnier, ancora affiancato dal pastore Mannelli. Dall estate 2010, il pastore delle tre chiese elvetica, metodista e valdese, è Ruggero Marchetti. La chiesa valdese conta oggi circa 90 membri iscritti, ed è la più numerosa fra le nostre tre comunità triestine. Il Consiglio di chiesa valdese è attualmente presieduto da Dionisio Cignola. La vice presidente è Rosy Castelletti Balos.

7 Cimitero Islamico Questo piccolo e seminascosto cimitero si trova in un avvallamento alle spalle del cimitero greco: la sua presenza è rivelata dalla mezzaluna che spunta dall alto muro di cinta della strada che costeggia il complesso cimiteriale. La sua particolarità è innanzitutto quella di essere l unico cimitero interamente musulmano in Italia: e anche questa è un eredità del passato asburgico della città e dei rapporti diplomatici tra l impero austroungarico e quello ottomano. Non è agevole visitarlo poiché, a differenza degli altri cimiteri, non ha un orario fisso di apertura, visto anche l esiguo numero di sepolture: per accedervi, occorre chiedere le chiavi al Consolato onorario di Turchia in piazza dell Unità, ma ne vale veramente la pena. Il cimitero risale al 1849; vi si entra da un portone con arco a ferro di cavallo: all interno, sulla sinistra, si trova la porta della cappella-depositorio: sopra ad essa, una targa in bronzo forse anteriore all istituzione del cimitero; sopra l edificio una cupola con in cima una mezzaluna e, accanto ad esso, un pozzo da cui attingere l acqua per il lavaggio rituale dei defunti. Le tombe più antiche, meritevoli di attenzione, si trovano nella parte posteriore del cimitero, a ridosso del muro di cinta. Tre lapidi anonime con grandi spadoni incisi ci suggeriscono la presenza di militari, ma i gioielli di questo luogo sono tre steli del XIX secolo sormontate da turbanti; su ciascuna di esse le figure incise, le iscrizioni turche in caratteri arabi e le tipologie di turbante hanno svelato non solo l identità dei loro occupanti ma anche il loro status sociale..

8 La prima di esse, del (l anno riportato su queste tombe è quello dell egira e si colloca a cavallo tra due anni dell era cristiana), è sormontata da un turbante in cui è scolpita una rosa, il che fa supporre che si tratti di un affiliato a una confraternita sufi: si sa inoltre che proveniva da Ulcinj, città costiera del Montenegro; la seconda è datata e vi è sepolto il comandante di una nave; la terza lapide, con uno spadone inciso a lato, risale al e appartiene a un militare bosniaco che aveva effettuato il pellegrinaggio alla Mecca: su tutte, l invito a recitare una fatiha (la prima sura del Corano) per lo spirito del defunto. Nella stessa zona, vi sono sette lapidi risalenti al periodo della prima guerra mondiale: alcune sono pressoché interamente coperte da licheni e, pertanto, impossibili da decifrare, ma tre di esse sono leggibili e riservano una sorpresa: le scritte in tedesco rivelano i nomi di due soldati bosniaci caduti nel 1917 mentre nell altra tomba, risalente al 1918, riposa un prigioniero di guerra tartaro dell esercito russo detenuto in un campo di prigionia in Boemia. Al tempo della prima guerra mondiale, sia Trieste che la Bosnia facevano parte dell impero asburgico: triestini e musulmani bosniaci erano dunque commilitoni, per cui non vi è nulla di strano nel fatto che i due soldati siano sepolti in questa città. Le tombe più recenti, oltre che a turchi, albanesi, somali e ad un italiano convertito appartengono, per la maggior parte, a musulmani bosniaci trasferitisi a Trieste dopo la seconda guerra mondiale: alcuni di essi, sospettati di collaborazionismo con gli occupatori nazifascisti, dovettero lasciare la Jugoslavia. Nella figura a fianco tombe con il Fez. Queste tombe sono di origine recente; in Bosnia cominciarono a diffondersi dopo il 1832 in seguito all introduzione di riforme militari. I fez appaiono sulle tombe dei militari, spesso assieme ad ornamenti.

9 La chiesa greco ortodossa La liberalizzazione dei traffici in Adriatico sancita con patente da Carlo VI del 1717, il trattato di Passorowitz con cui furono sviluppati i commerci attraverso Trieste tra l Austria e l impero ottomano, che comprendeva la Nazione greca (lo Stato greco non esisteva ancora), ma soprattutto l editto dello stesso Carlo VI del 1719 col quale si dichiarava Trieste porto franco, posero le premesse per lo sviluppo dei commerci e l insediamento di colonie di popoli di altre nazionalità presso la nostra città. Particolare rilevanza assunsero i negozianti di borsa, commercianti marittimi e molti benestanti bottegai provenienti da numerose regioni della Grecia. Uno dei primi greci fu Nicolò Mainati da Zante (1734): assieme ad altri venne a formare un unica comunità dei greci ortodossi con una presenza minoritaria di illirici, oggi serbi. Il termine greco identificava infatti la religione e non la nazionalità. Nel 1751, anno della concessione della libertà di culto da parte di Maria Teresa, l archimandrita Omero Damasceno ottenne anche di erigere, in zona adiacente al canale, una chiesa dedicata a San Spiridione. Nel 1770 la differenza di lingua e costumi portarono i greci a chiedere al governo la separazione dagli illiri. La comunità greca orientale viene così a formarsi ufficialmente nel 1782 e la richiesta di autorizzazione ad erigere un proprio tempio sul fronte mare ne fu il primo atto. La costruzione, avvenne tra il 1784 e il 1795, ma già nel 1787 vi fu celebrata la prima messa.

10 La chiesa greco ortodossa vista dal mare

11 La Chiesa di rito serbo ortodossa La Chiesa di rito serbo ortodossa, nota anche con il nome di chiesa degli Schiavoni, è consacrata a S. Spiridione Taumaturgo. Essa sorge sulle fondamenta di una chiesa ortodossa preesistente, che, nel 700, veniva utilizzata sia dalla comunità greca che da quella serba. Vuoi per alcuni contrasti tra le due comunità, vuoi per l accresciuto numero dei fedeli, l odierno edificio fu realizzato su progetto del milanese Carlo Maciacchini, tra il 1861 e il 1868, su commissione della sola comunità serbo ortodossa. Oggi può accogliere fino a 1600 persone. Il tempio, nella tradizione orientale, presenta una pianta a croce greca sormontata da cinque cupole dal caratteristico colore azzurro. La pietra di costruzione è, in buona parte, di provenienza locale, eccetto le colonne in marmo di Verona ed i cornicioni in marmo di Toscana. L interno presenta affreschi e pitture di pregio ma, ciò che domina su tutto, è l iconostasi in legno massiccio, riccamente ornata da intagli, che divide il presbiterio dal resto della chiesa. Le quattro icone, raffiguranti la Madonna, Gesù, S. Spiridione e L Annunciazione, realizzate a Mosca all inizio dell 800, sono ricoperte di oro e argento. Di particolare interesse il grande candelabro d argento donato, in occasione di una visita a Trieste nel 1782, dal futuro zar Paolo

12 Successivamente nel 1818 l originaria facciata fu abbellita ad opera dell architetto Matteo Pertsch, allievo del milanese Piermarini, qui chiamato per questa e molte altre opere da Demetrio Carciotti; il tempio fu chiuso da una nuova cancellata. La facciata si articola su sei paraste ioniche su alto basamento ed è coronata da un timpano allargato su cui si elevano due campanili con probabile influsso barocco tedesco. Le campane ben concertate, fuse in Udine dal Cobalchini, diffondono un suono armonico. Sopra la porta d ingresso, sotto il semirosone, l epigrafe su marmo nero ricorda il permesso alla costruzione concesso dai sovrani d Austria e il citato restauro. I greci di Trieste dedicarono il nuovo tempio a San Nicolò e alla SS.Trinità: a questa, quale radice e fine di tutto il mondo cristiano, al Santo per la venerazione goduta in tutto il Levante e perchè patrono delle genti che vivono le attività marinare. Trieste infatti gli era devota da secoli: a San Nicolò era intitolato anche il più antico cantiere navale. La comunità greca contribuì sensibilmente allo sviluppo della città fondando ditte commerciali, negozi per mercati del porto e istituti d assicurazione accrescendo anche l arredo artistico ed architettonico con numerosi palazzi ed intervenendo anche nel sociale, raggiungendo una consistenza massima di 5000 persone. A sinistra pianta della chiesa serbo-ortodossa (San Spiridione)

13 Interni ed esterni della chiesa serbo-ortodossa

14 Comunità ebraica Il documento più antico che menziona un insediamento ebraico a Trieste risale al Si tratta un atto notarile con cui il vescovo Giovanni vende i suoi diritti sovrani al Comune per 500 marche, così da risarcire l ebreo Daniele David di Carinzia, residente a Trieste, della somma spesa per combattere i ladroni del Carso. Nel Medioevo la componente ebraica è ridotta: non più di un centinaio di famiglie, molte delle quali proveniente da oltralpe, dedite al commercio e al prestito (la principale attività dei primi residenti sono i banchi di pegno), che non costituiscono ancora una vera e propria comunità. La presenza ebraica è però destinata ad aumentare con rapidità. Nel corso del Quattrocento la presenza sempre più marcata degli ebrei nella vita cittadina è testimoniata da protocolli, piccoli processi e documenti. A metà del Seicento il clima disteso che fino allora ha accompagnato l opera dei banchieri e dei piccoli commercianti ebrei inizia però a guastarsi. Con notevole ritardo arriva anche a Trieste l eco delle misure persecutorie ordinate dai pontefici romani. Questi sentimenti trovano voce in memoriali alle autorità centrali e in accuse gravissime. I Giudici rettori e il Consiglio dei patrizi chiedono più volte l espulsione degli ebrei dalla città. Ma l imperatore Leopoldo I disattende il sentimento della cittadinanza e del clero. Separa infatti gli ebrei dal resto della città istituendo un ghetto. L area prescelta è quella, allora periferica, di corte Trauner. Alla popolazione ebraica sono assegnate 13 case intorno a una piazzetta e lungo due contrade parallele che tagliano il quartiere in direzione nord sud. La realizzazione del ghetto in un area cittadina ricca e mercantile è frutto di una lunga lotta fra il Consiglio cittadino e la minuscola Comunità ebraica.

15 La proclamazione del porto franco di Trieste nel 1719, a opera di Carlo VI d Asburgo, porta con sé privilegi e libertà per tutte le nazionalità e le confessioni religiose. Il fiorire dei traffici e dei commerci s accompagna a un incremento demografico che attraversa anche il nucleo ebraico, destinato ben presto ad assumere un ruolo centrale nelle fortune dell emporio cosmopolita. Gli ebrei triestini sentono la necessità di dare vita a una vera e propria Comunità e nel 1748 viene inaugurata la prima Sinagoga. Nel 1784, si aprono le porte del ghetto e, nell agosto del 1785, si abolisce definitivamente la segregazione. Nel 1810 è proclamata l uguaglianza religiosa e civile di tutti i cittadini. Si elimina ogni forma di discriminazione verso gli ebrei ancora in vigore. Si sopprimono i divieti di possedere dei fondi e si considerarono validi tutti gli atti di vendita, compravendita e cessione di beni immobili fatti da ebrei. L Ottocento vede svilupparsi in modo impetuoso la vita economica dell emporio triestino e segna il momento di maggiore fioritura civile e culturale degli ebrei di Trieste. Nel porto degli Asburgo nascono le prime compagnie assicurative e di navigazione mentre i traffici marittimi vivono un impulso senza precedenti. A fine Ottocento, su una popolazione di 123 mila persone, la comunità ebraica conta quasi 5 mila iscritti. Un chiaro segno dell importanza raggiunta dalla Comunità triestina nella prima metà del Novecento è la realizzazione della monumentale sinagoga di piazza Giotti, ancora oggi uno dei simboli della Trieste multireligiosa. L edificio, che sarà inaugurato nel giugno 1912 alla presenza delle autorità cittadine guidate dal governatore, il principe di Hohenloe, è realizzato su progetto degli architetti Ruggero e Arduino Berlam. Si vuole così dare risposta alle esigenze di una comunità sempre più fiorente, che nel 1938 conta quasi 6 mila abitanti.

16 L arrivo dell Italia liberale a Trieste, nel 1919, spazza via le ultime discriminazioni ancora in vita. Ma la libertà sarà un intermezzo molto breve prima della catastrofe della Shoah. Nel settembre 1938, in un discorso pronunciato proprio a Trieste, in piazza Unità, Benito Mussolini annuncia infatti la promulgazione delle leggi razziali. Dopo una serie di misure restrittive tese a isolarli ed emarginarli, si sancisce così la completa espulsione dei cittadini ebrei dalla società civile. Nel giro di pochi anni gli ebrei sono espulsi dalle scuole, dagli impieghi pubblici, dall esercito, dall insegnamento, dalla direzione e dalla proprietà di medie e grandi aziende, dall esercizio delle professioni, dall industria teatrale e cinematografica. Si limita il loro diritto di proprietà e, con effetto retroattivo, si revoca la cittadinanza italiana a quanti l hanno ottenuta dopo il 1919, creando così circa 500 apolidi privi di ogni protezione, impossibilitati anche a emigrare perché privi di passaporto. Molte aziende passano a una proprietà ariana, ad esempio il quotidiano Il Piccolo, la Raffineria Aquila, gli Oleifici Luzzati o la Società istriana dei cementi. Infine, il 22 febbraio 1939, viene sciolta la Comunità israelitica che fino allora aveva rappresentato un elemento fondamentale di riferimento e di coesione. L applicazione delle leggi razziali si accompagna al montare dell antisemitismo popolare. Dal 1941, anche sulla scia degli eventi bellici, la persecuzione si fa via via più aspra. Gli incidenti e i maltrattamenti si susseguono fino alla devastazione, il 18 luglio 1942, della maestosa Sinagoga.

17 Tra novembre e dicembre del 1943 la Risiera di San Sabba, complesso di edifici industriali dei primi Novecento, un tempo adibito alla pilatura del riso e poi a caserma, viene trasformato nell unico campo di sterminio realizzato sul territorio italiano. Per gli ebrei il campo di San Sabba è solo una sistemazione temporanea in attesa della deportazione, di solito in direzione Auschwitz. Fin dall inizio dell occupazione i nazisti rastrellano metodicamente la popolazione ebraica triestina. La Comunità triestina è colpita nel profondo. Al momento della liberazione i soldati neozelandesi dell ottava Armata britannica trovano in città solo ebrei, ormai ridotti allo stremo. Il 7 maggio del 1945 una quindicina di loro, insieme al rabbino Lipscitz della Brigata ebraica e a un corrispondente di guerra canadese, si reca alla Sinagoga e ne riapre le porte. Il grande Tempio, come gli uffici comunitari ai piani superiori, ha superato quasi indenne la tempesta bellica. I nazisti lo hanno infatti trasformato in deposito di libri e opere d arte. Gli argenti rituali della Comunità, in parte ora esposti al Museo ebraico Carlo e Vera Wagner, si sono però miracolosamente salvati dalla razzia, grazie a un ingegnoso nascondiglio ricavato all interno dello stesso complesso sinagogale. La Shoah riduce la grande Comunità triestina all ombra di se stessa. E difficile conoscere con esattezza il numero degli ebrei deportati. Ma si tratta di almeno 700 persone, il 10 per cento degli ebrei italiani. Fanno ritorno dai campo di sterminio solo in 19, soprattutto donne, che testimonieranno l orrore subito. Dopo la guerra rientra in città un migliaio di sopravvissuti nascostisi in Italia o in Svizzera. Molti di loro emigreranno in Palestina o nelle Americhe. Rimangono a Trieste circa 1500 ebrei e a metà degli anni 60 un netto scompenso tra morti e nascite ridurrà il loro numero di circa 500 unità.

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

ITALIA. La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche

ITALIA. La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche contribuiscono ad una pratica della religione in genere libera. Il Governo rispetta sostanzialmente la libertà di pratica

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo

San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo www.josemariaescriva.info San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo Calle de San Justo, n. 4. Basilica de San Miguel Al n. 4 di Calle de San Justo si trova una delle chiese più

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

FONDAMENTA DEI DIRITTI LEGALI INTERNAZIONALI DEL POPOLO EBRAICO E DELLO STATO DI ISRAELE: CONSEGUENZE PER UN NUOVO STATO PALESTINESE

FONDAMENTA DEI DIRITTI LEGALI INTERNAZIONALI DEL POPOLO EBRAICO E DELLO STATO DI ISRAELE: CONSEGUENZE PER UN NUOVO STATO PALESTINESE FONDAMENTA DEI DIRITTI LEGALI INTERNAZIONALI DEL POPOLO EBRAICO E DELLO STATO DI ISRAELE: CONSEGUENZE PER UN NUOVO STATO PALESTINESE / Sommario Esecutivo 2012 - Dr. Cynthia Day Wallace, Ph.D. Presentata

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 Regolamento 1) PREMESSA Oltre le Mura di Roma è un concorso di fotografia dedicato alle periferie di Roma organizzato dai Global Shapers (www.globalshapersrome.org),

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Ufficio Studi e Rapporti Istituzionali USG 2 L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli