Aviezer Ravitzky: Il sionismo come movimento di liberazione nazionale sui generis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aviezer Ravitzky: Il sionismo come movimento di liberazione nazionale sui generis"

Transcript

1

2 INDICE INTRODUZIONE 1. ANOMALIE E NORMALITA DEL SIONISMO Aviezer Ravitzky: Il sionismo come movimento di liberazione nazionale sui generis Avraham Burg: Le caratteristiche esistenziali, sociologiche e teologiche di Israele 2. IL CASO ISRAELE A CONFRONTO CON GLI ALTRI PAESI Ruth Gavison: Israele non è in nessun modo una teocrazia Shmuel Sendler: Più vicino all esempio europeo che a quello americano Sergio Della Pergola: Il ruolo fondamentale della società civile 3. LE RADICI STORICHE: RELIGIONE E POLITICA NELL EBRAISMO Aviezer Ravitzky: Un lungo dibattito, dal Talmud a Ben Gurion 4. L ASSETTO GIURIDICO Menachem Elon: Un unica Legge Ebraica, dalla Torà allo Stato di Israele Shmuel Sendler: Sulla strada verso una Costituzione 2

3 Ruth Gavison: Leggi più o meno adeguate 5. L IDENTITA RELIGIOSA DELLA SOCIETA ISRAELIANA Hanna Levinsohn, Shlomit Levy, Elihu Katz: Un ritratto dell ebraismo israeliano Sergio Della Pergola: La forza del tradizionalismo 6. REGOLE E COMPROMESSI NELLA VITA CIVILE Lo shabbath Il rispetto della kasherut, o regole alimentari Matrimoni e divorzi Sepoltura Il sistema educativo 7. LA RELIGIONE NELLA VITA POLITICA Rith Gavison: La democrazia difende Israele dalla teocrazia Avraham Burg: Un unico Dio, troppi partiti Sergio Della Pergola: Altalena al governo e riflessi sull amministrazione Nahum Bernea: Uno status quo mobile che fa attualità 3

4 8. RELIGIONE E IDEOLOGIA Shmuel Sendler: La trinità Fede-Popolo -Terra Menachem Froman: La Terra data da Dio 9. LA SFIDA DI GERUSALEMME 10. IL LAVORO PIO DELLA SOCIETA ZAQA 11. FORZA E PERICOLO DELL AMBIGUITA Rabbino Adin Steinsaltz: Israele ha deciso di non decidere 12. IL PESO SUL FUTURO DI ISRAELE A.B. Yehoshua: La normalità passerà dallo scioglimento del vincolo tra religione e nazionalità 13. ISRAELIANI NON EBREI: I MUSULMANI 4

5 Sceicco Abdallah Darwish: Cittadini israeliani, di fede musulmana, di nazionalità palestinese 14. ISRAELIANI NON EBREI: I CRISTIANI Padre David Jagger: La lotta della Chiesa cattolica per difendere la libertà religiosa e di coscienza 15. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA 5

6 INTRODUZIONE La Dichiarazione di Indipendenza dello Stato di Israele, firmata il 14 maggio del 1948 proclama la fondazione di uno Stato ebraico in Eretz Israel (Terra di Israele) che avrà il nome di Stato di Israele. 1 Ma cosa significava, e cosa significa tutt oggi, la connotazione Stato ebraico : stato ebraico, stato degli ebrei o stato degli israeliani? L evento stesso della nascita di Israele come Stato per molti ebrei vissuta come una rinascita ha costituito più sfide. Una sfida politica per gli ebrei sionisti che dalla fine del secolo XIX avevano rilanciato un nazionalismo ebraico di tipo moderno. Una sfida fisica per i pionieri che da alcuni decenni avevano ridato vita a una presenza ebraica nella Terra dei Padri e della Bibbia. Una sfida geografica, con l incunearsi nella realtà mediorientale di una realtà nazionale pregna ormai di una cultura occidentale in cui gli ebrei avevano vissuto per secoli. Una sfida infine per l identità ebraica, composta non solo da fede e valori comuni, ma da un sistema normativo (la halakhà) articolatosi nei secoli in una prospettiva che vedeva il popolo ebraico lontano dall assumere funzioni socio-politiche indipendenti. Chi ha costruito il moderno Israele ha dovuto far fronte a tutto questo elaborando le diverse correnti di pensiero politico tradizionale ma anche coniando modelli nuovi. Il rapporto tra politica e religione, tra stato e halakhà, tra democrazia ed etica ebraica, e il dibattito che queste dialettiche comportano, sono tutt oggi al centro dell identità e della vita civile e politica dello Stato di Israele. La mancanza di una costituzione, l esistenza di una Legge del Ritorno, che permette a tutti gli ebrei di diventare cittadini di Israele, la continua e non semplice coniugazione tra legge ebraica e democrazia, i compromessi nella vita civile tra religiosi e laici, la partecipazione alla vita politica di partiti religiosi, infine il confronto demografico tra israeliani ebrei e non ebrei: tutti fatti che hanno continui riflessi sui dibattiti interni. Basti ricordare che le elezioni del 28 gennaio del 2003 hanno visto l ascesa di un piccolo partito, lo Shinui, divenuto in poco tempo il terzo raggruppamento politico del Paese grazie a una battaglia politica contro la religione. 1 G. Codovini, Storia del conflitto arabo israeliano palestinese, Milano 2002, pagg

7 Attualissima infine la decisione del governo Sharon di sottrarre i tribunali religiosi al rabbinato e al Ministero degli Affari Religiosi per affidarli al Ministero della 2 Giustizia, intendendo così avviare un processo di laicizzazione delle procedure inerenti al diritto di famiglia, e comunque tenerle sotto un controllo giuridico istituzionale. Passo che ha scatenato non solo un vespaio politico ma che provocherà una forte competizione tra le autorità religiose e dello stato che erano state tradizionalmente, e come si vedrà non senza polemiche, tenute per anni separate. Conoscere gli elementi che muovono questi sviluppi aiuta dunque a percepire meglio il carattere di un Paese per molti versi sui generis, eppure in lotta perenne verso una normalità: geopolitica quanto interna. La comprensione di tali meccanismi diventa tanto più attuale in un momento in cui in Medio Oriente si cerca di costruire una pace che prevede la nascita accanto allo stato ebraico di un altro stato, quello di Palestina. Interessante infine riflettere sulle radici di un Paese con una forte connotazione culturale e religiosa, mentre l Europa ragiona sulle proprie radici e il mondo si allarga a nuovi scenari di potere, di gestione internazionale, di complessa convivenza tra culture diverse. Allo scopo di esplorare queste tematiche, così come le affrontano e le vivono gli stessi israeliani, abbiamo studiato e analizzato molti testi, ma soprattutto ci siamo rivolti direttamente a studiosi ed esperti, a politici e a uomini di spirito, a israeliani religiosi e laici, a ebrei e non ebrei. A risponderci in modo articolato e approfondito sono stati in particolare: il Prof. Aviezer Ravitzky, docente di pensiero ebraico dell Università Ebraica di Gerusalemme; la Prof.ssa Ruth Gavison, esperta dell Israel Democracy Institute; il prof. Shmuel Sendler che insegna Democrazia e Appartenenza Civica all Università di Bar-Ilan; il giudice della Corte Suprema Mordechai Elon; lo scrittore A. B. Yehoshua; il rabbino talmudista Adin Steinsaltz; il demografo Sergio Della Pergola dell Università Ebraica di Gerusalemme; il deputato laburista ed ex speaker della Knesseth Avraham Burg; l editorialista di Yedioth Acharonoth Nahum Barnea; il fondatore del movimento islamico arabo israeliano sceicco Abdallah Nemer Darwish; il rabbino colono Menachem Froman; il frate francescano David 7

8 Jagger, uno dei fautori dell accordo tra Israele e Santa Sede. Delle lunghe risposte alle nostre domande e delle testimonianze raccolte da ciascun interlocutore abbiamo scelto di pubblicare le osservazioni più significative, esplicative, profonde, originali. Le abbiamo collegate e accostate tra di loro per filo logico e tematiche, con l intento di dare alla lettura un unico corpo, seppure a molte voci, il più comprensibile possibile. 8

9 1. ANOMALIE E NORMALITA DEL SIONISMO Aviezer Ravitzky :Il sionismo come movimento di liberazione nazionale sui generis Il sionismo è certamente un movimento rivoluzionario e di liberazione nazionale molto sui generis. I movimenti rivoluzionari hanno sempre proiettato il proprio orizzonte verso il futuro, e in questo il sionismo non fa eccezione. Ma hanno anche sempre tratto i loro simboli e miti dalla medesima dimensione temporale volta in avanti, a ciò che verrà. Hanno intessuto una trama di figure chiave, racconti, concetti cardine tutta tesa al tempo che deve venire. Mentre il sionismo, nel suo desiderio di sradicare gli ebrei dalla loro anormalità, di dar loro una lingua ed una terra uniche, di collocarli in una scala sociale normale, simile a quella di qualunque Paese evoluto, quindi nell ambito di un progetto tutto volto all avvenire, ha tratto i propri simboli dalla dimensione del passato: la Terra d Israele, la lingua ebraica, i racconti biblici. Un movimento di radicale rottura, che veniva operata al fine di portare ad una duplice restaurazione: la restaurazione del popolo ebraico ad una condizione esistenziale e politica uguale a quella degli altri popoli e la restaurazione di una maggioranza ebraica in Terra d Israele, la ricostituzione di una società e di istituzioni ebraiche in rapporto diretto con quelle che esistevano fino ai primi secoli dell era volgare. D altro canto, se vogliamo inquadrarlo come semplice movimento di liberazione nazionale, anche qui il sionismo presenta delle forti anomalie. Certo, come i movimenti nazionali polacco, irlandese, ceco, il sionismo ha fatto ricorso alla potenza evocativa, all efficacia dei simboli religiosi quali strumenti dell identità nazionale. Come questi movimenti, mirava alla ricostruzione di una realtà politica autonoma ed indipendente esistita nel passato. Ma quei movimenti si rivolgevano ad una popolazione che viveva sullo stesso suolo e condivideva in buona parte una medesima lingua od una medesima area linguistica. Mentre il sionismo per liberare la madrepatria e rendere il popolo indipendente ha dovuto inventare un modo di portare il proprio popolo dai quattro angoli del globo a quella madrepatria, di fargli parlare la stessa lingua, una lingua da reinventare peraltro, e di creare una società, una struttura 9

10 sociale ed economica, da zero. Poi, anche, naturalmente, cacciare gli occupanti e dar vita ad un proprio stato. Quindi un immane sforzo pionieristico per dar vita ad una realtà interamente nuova e proiettata nel futuro, indispensabile a ricreare una realtà politica e culturale del passato, grazie al magnetismo esercitato dai simboli di quel passato. Questa realtà paradossale, da Giano bifronte, volto al passato ed al futuro ad un tempo, caratterizza il sionismo, e caratterizza anche il suo rapporto con il fattore religioso nella cultura e nella storia ebraiche. I padri fondatori sognavano di arrivare prima o poi ad un modello antropologico unico di ebreo. Questo era anche il sogno dei sionisti religiosi, di Rav Kook, il primo rabbino capo della Terra d Israele, e questo paradossalmente era pure l auspicio dei gruppi ortodossi che si opponevano al sionismo. Solo che ciascuno di questi gruppi aveva in mente un uomo, un ebreo diverso quale punto di approdo dell intero processo. I sionisti laici, i pionieri socialisti, i sionisti religiosi, gli ultraortodossi, tutti erano convinti che gli altri gruppi sarebbero prima o poi spariti da Israele, e sarebbe rimasto solo il proprio gruppo. Il famoso status quo interno israeliano si basa su questo equivoco: io laico accetto di non arruolare un po di studenti di yeshivot (collegi rabbinici) nell esercito, tanto sono pochi e fra qualche anno saranno ancora meno. Io religioso ultraortodosso accetto di far circolare le automobili di Shabbath perché sono poche e poi in un futuro prossimo tutti gli ebrei che vivono in Terra d Israele torneranno alla retta via. Io sionista religioso accetto che il Paese venga ricostruito da una maggioranza laica, antireligiosa, socialista, perché volente o nolente, cosciente o meno, questa maggioranza si fa strumento di realizzazione di un piano divino di redenzione. E prima o poi, in quanto laica e socialista, sparirà. Anche la Dichiarazione d Indipendenza è formulata in modo volutamente ambiguo. I firmatari dichiarano di accingersi al passo formale della dichiarazione con fede nella Rocca d Israele. Ora, l ebraico Zur Israel per un religioso è sinonimo immediato del Signore; per un laico israeliano è il bastione costituito dalla capacità del popolo ebraico di aver resistito per secoli alle lusinghe dell assimilazione. Bitahon è una parola che ad un laico evoca immediatamente la sicurezza offerta dalla forza militare, mentre un religioso la associa a significati trascendenti, di fiducia e di fede. 10

11 I guai cominciano quando si vede che le macchine aumentano, che gli studenti di yeshivoth si moltiplicano, che nessuno si converte alla via dell altro. Lo Stato d Israele, nelle opinioni della maggior parte dei sionisti era il fine del movimento, ma anche lo strumento per realizzazione di un piano più alto ancora socialista o nazionale o religioso: ecco che adesso questo Stato diviene invece terreno di confronto fra opzioni diverse destinate a rimanere diverse e inconciliabili. Cosa tanto più significativa se si considera che nell arena lo Stato d Israele dove si commisurano tali opzioni sono entrati di recente due gruppi religiosi molto importanti, anche sotto il profilo numerico, che in una fase iniziale si opposero fermamente all idea di fondare uno Stato ebraico in Terra d Israele: gli ultraortodossi e i riformati americani. 11

12 Avraham Burg: Le caratteristiche esistenziali, sociologiche e teologiche di Israele Innanzitutto esiste un fattore di tipo esistenziale: bisogna comprendere che il cristianesimo è una religione di molti popoli e molti stati, che l islam è una religione di molti popoli e molti stati, mentre l ebraismo è una religione che riguarda un unico popolo e un solo luogo. Per cui va considerato che nella struttura stessa dell identità ebraica c è un luogo specifico, e non si può pensare, ad esempio, di spostare gli ebrei in Uganda, o in un altro Paese, come si sarebbe potuto fare magari, in certi anni, con alcune popolazioni dell Africa. Un secondo fattore è di tipo teologico: lo Stato di Israele è costruito sull ossimoro, da un punto di vista costituzionale, di essere uno stato ebraico e democratico, fatto molto complicato. Tra ebrei ed arabi del nostro Paese c è una discussione profonda sulla domanda se uno stato ebraico possa essere davvero democratico fino in fondo oppure se si tratti di una democrazia etnica. E quindi: qual è il posto degli arabi come minoranza? Tra gli stessi ebrei si discute invece se l ebraismo possa essere democratico o se l ebraismo sia, per definizione, teocratico. Questo per spiegare che la stessa definizione costituzionale del nostro Paese dà origine a due conflitti molto profondi. Un terzo punto è sociologico. Lo Stato di Israele è stato infatti costruito come una democrazia laica a tutti gli effetti. Una democrazia ebraica, eppure laica. Oggi si può dire che lo Stato di Israele sia una democrazia tradizionalista. Si può dire a grandi linee che Israele sia diviso in circa cinque raggruppamenti della stessa grandezza: un 20% della popolazione è formato da laici, aschenaziti, solitamente laburisti, un 20% i nuovi emigrati, ancora percepiti come una setta a parte, un 20% sono i non ebrei, un 20% sono i religiosi e un 20% sono i tradizionalisti. Tra l 80% ebraico della popolazione, un 40% è composto o da religiosi o da tradizionalisti, si tratta della metà della metà della popolazione e se si aggiungono anche gli arabi, va considerato che una gran parte tra essi è formata di religiosi e tradizionalisti. Sto parlando di persone che vivono all interno di punti di riferimento religiosi. Ora se si analizzano assieme, dall esterno, questi tre fattori, si può pensare che sia una una situazione ingestibile. Tornando allo Stato ebraico: cosa bisogna intendere per ebraico, una connotazione religiosa e nazionale? Il termine ebraico definisce con un unica parola e nello stesso 12

13 modo due concetti in realtà diversi: nazione, religione. Lo stato è uno strumento, eppure uno strumento definito ebraico. La nazione è formata in realtà per il 50% da laici, eppure è definita ebraica, e anche la religione è ebraica. Questo crea un miscuglio grandissimo di concetti. Per questo non è così semplice applicare al nostro stato modelli europei di divisione tra religione e stato. Non va quindi dimenticato che molti stati europei moderni sono nati dallo scontro tra il re e il papa o tra la Chiesa e il parlamento, mentre lo stato ebraico moderno è nato sulla piattaforma del retaggio religioso. Da una continuazione e non da un conflitto. Per questo è un caso che non ha pari e che non si può paragonare ad altri. 13

14 2. IL CASO ISRAELE A CONFRONTO CON GLI ALTRI PAESI Ruth Gavison: Israele non è in nessun modo una teocrazia Non credo che i rapporti tra stato e religione siano tanto differenti nel caso di Israele da altre situazioni. L unicità del nostro caso sta nella definizione Stato ebraico in cui per ebraico si possono intendere due cose diverse: ebraico come cristiano o musulmano, ovvero come definizione religiosa, ma anche ebraico nel senso in cui lo intendiamo noi israeliani, come una connotazione nazionale. Israele è uno stato ebraico come la Francia è uno stato francese e l Italia è uno stato italiano, in termini di identità nazionale, culturale e storica. Quello che è ancora particolare nel caso dell ebraismo è che si tratta dell unica identità nazionale che potremmo considerare esclusiva, nel senso che non esiste un altra nazione (oltre Israele) che sia religiosamente ebraica e non esiste un altra religione che si riferisca a un unica nazione. I cristiani possono ad esempio essere francesi italiani o tedeschi, stessa cosa per i musulmani, mentre francesi italiani e tedeschi possono essere cristiani, ma anche musulmani ed ebrei. Questa è la ragione per la quale il problema si presenta in modo così complicato. Eppure Israele come stato non è affatto un caso complicato, dal momento che in nessun modo possiamo definirlo una teocrazia. Israele infatti non è affatto uno stato religioso. Vero che, come in molti altri Paesi, esiste anche in Israele un certo monopolio religioso. Nel nostro caso si applica soprattutto alle questioni del matrimonio e del divorzio e, paradossalmente, è un retaggio giuridico della legislazione ottomana. Si tratta di una struttura di separazione a seconda della religione o dell etnia applicata in molti Paesi multietnici e che non ha nulla a che fare con l ebraismo. Lo abbiamo ereditato prima dall impero ottomano e poi dal mandato britannico: in una società con diverse comunità religiose non basta solo l autonomia di fede e pratica ma si vuole anche il suo riconoscimento giuridico. La stessa cosa in realtà succede in molti Paesi cristiani in cui esiste un pluralismo religioso riconosciuto pubblicamente e dalla legge. In un altro campo incontriamo in Israele un forte accento religioso, soprattutto se paragonato al sistema americano, il quale è molto severo nella divisione tra stato e 14

15 religione: si tratta del campo educativo. Israele ha infatti un sistema che prevede scuole pubbliche religiose. Ma altri Paesi hanno per legge sistemi che permettono scuole religiose. Quindi in termini legali e strutturali Israele è molto simile ad altri Paesi in cui si affronta e si dibatte il rapporto tra stato e religione. In Israele ad esempio non c è mai stata l impossibilità di divorziare come invece è accaduto in molti stati cattolici, così come Israele non ha una religione di stato. L ebraismo non gode in questo Paese di uno status speciale rispetto alle altre religioni. Tuttavia la regola culturale pubblica è quella che il sabato deve rimanere un giorno differente. Io stessa, come laica, voglio che il sabato sia un giorno diverso poiché fa parte del mio bagaglio culturale, così come è per i Paesi cristiani il riposo domenicale. E così come in Italia, o in Spagna o in Francia, per regola i negozi sono chiusi durante il giorno di riposo, ma gli esercenti non sono obbligati a rispettarlo in massa e molte attività commerciali restano comunque aperte. D altra parte ritengo importante che uno stato protegga la sua identità culturale. Ipotizziamo che una grande una grande comunità musulmana in un Paese europeo chieda di fare del venerdì il giorno pubblico di riposo: si creerebbe un problema, dal momento che uno dei cementi identitari di uno stato è il suo retaggio culturale; è ciò che definisce lo stato in quanto tale. Per questo è molto interessante il dibattito che si sta tenendo nei Paesi europei sulle radici cristiane dell Europa: non significa che se ne voglia fare un continente di stampo religioso, ma che si chiede di riconoscere da dove viene il suo bagaglio culturale e su quali elementi si forma l omogeneità culturale. La cultura pubblica resta dunque cristiana anche se l Europa accoglie e accoglierà sia musulmani che ebrei. A nostro avviso è necessario prevenire la situazione in cui una comunità di un altra religione alieni lentamente le radici del luogo. Nessuno vuole essere alienato dal proprio retaggio nella sua stessa terra e ciò potrebbe portare a scontri molto duri. Bisogna distinguere dunque tra una coercizione culturale, che non deve essere presa neppure in considerazione, e il desiderio legittimo di mantenere una omogeneità culturale del Paese, pur in una situazione di pluralismo culturale che dia autonomia alle varie comunità. L Olanda ne è un buon esempio. 15

16 Va ricordato sempre che se la maggioranza si sente minacciata nella sua coesività possono succedere cose anche sgradevoli. Chi si sente minacciato nella propria identità non si comporta più bene: è successo in Europa (Germania) negli anni Trenta e per prevenirlo di nuovo serve saggezza e non solo saper accogliere bene il prossimo. Questa è una sfida che gli europei devono imparare ad affrontare e che noi abbiamo ogni giorno sotto gli occhi. A Gerusalemme ad esempio, abbiamo un sindaco ultraortodosso, eppure sempre a Gerusalemme si tiene annualmente il Gaypride. Da un sindaco eletto anche da voti laici ci si aspetta lo stesso rispetto per tutti, soprattutto in una città che deve mostrare il massimo rispetto per tutte le molteplici comunità religiose che vi vivono. Significa affrontare il problema in modo creativo: la religione non va mai privatizzata, ma vanno cercate continue soluzioni (che la rendano patrimonio pubblico senza schiacciare i diritti di nessuno). Quando questo succede, possono sopraggiungere dei problemi, basti guardare alla Turchia, ma anche alla Francia e per certi aspetti all Italia. Se infine ci si chiede: stato ebraico o degli ebrei? Bisogna capire che ogni collettività ha il diritto di autodeterminazione. Gli ebrei sono una nazione. Voi europei ci avete cacciati e mandati in Palestina. Oggi questo, nonostante ciò che dicono alcuni palestinesi, è il nostro porto. È lo stato ebraico nel senso che è il Paese dove gli ebrei non sono stranieri né una minoranza e se ci permetterete di avere un nostro stato saremo gentili e ospitali con tutti gli altri, ma se non ce lo permetteranno diventeremo disperati, diventeremo violenti e tutto andrà molto male. La forza che muoveva il sionisno non era religiosa e anche quella che muove lo stato non è religiosa, ma nazionale. Perché si pensa che ogni nazionalismo sia legittimo tranne che quello degli ebrei? Noi non ce ne andremo. Non c è altro posto al mondo dove possiamo stare, qui abbiamo ricostruito una focolare nazionale, uno stato e un governo. Lotteremo per questo. E dentro la nostra casa nazionale continueremo a negoziare tra religione e stato e credo che abbiamo imparato a farlo in modo molto più creativo ed efficace interessante e moderno di molti altri. Questa tendenza a rinfacciarci sempre l unicità religiosa è deviante ed evita di accettare il fatto che questa è la nostra lotta di autodefinizione nazionale. 16

17 Shmuel Sendler: Più vicino all esempio europeo che a quello americano Parlando di rapporto tra stato e religione in stati democratici esistono fondamentalmente due modelli. Quello americano che stabilisce una separazione totale tra stato e religione nella costituzione stessa; anche se non significa che gli Stati Uniti non siano religiosi, al contrario. Il secondo modello è quello europeo in cui i differenti Paesi non hanno per legge una separazione netta tra stato e religione, tuttavia le società sono molto secolarizzate. Pensiamo alla Francia, all Italia. Esistono poi Paesi non democratici in cui troviamo vere e proprie forme di teocrazia, come in Iran o in Arabia Saudita per esempio. Il caso di Israele è più vicino al modello europeo e diverso quindi da quello americano. Tuttavia ha dei caratteri unici che lo differenziano anche dai Paesi europei. Per prima cosa, qui la nazione e la religione hanno un legame. Nel senso che essere ebrei può essere interpretato come una questione nazionale, ma anche come una questione religiosa. Questo esempio non esiste in Europa, dove il caso più vicino al nostro in questo senso è probabilmente quello dei greci, con la loro Chiesa nazionale. Anche nel Regno Unito c è una Chiesa nazionale, certo, ma i greci sono più vincolati alla propria Chiesa ed esiste perfino una sorta di Legge del Ritorno. Un altra differenza con i Paesi europei è che in Europa esiste una certa dicotomia o sei religioso o sei laico in Israele esiste un forte elemento tradizionalista Specialmente con la comunità sefardita, con quanti, provenienti dal bacino mediterraneo e dai Paesi arabi, si portano dietro una tradizione mediorientale che si rifà all esempio islamico, per il quale si può non praticare la religione al 100% ma ci si sente e ci si definisce religiosi e comunque musulmani. È diverso dunque dall Europa dove o sei uno che va in chiesa o uno che non ci va, o a favore della Chiesa o contro. Se partiamo dal 1948, l anno in cui è stato fondato lo Stato di Israele, quello che si è sviluppato nel Paese è, in termini europei, un modello consociativo, ovvero di condivisione del potere. In realtà si tratta di un modello nato prima dell indipendenza nell yshuv, l insediamento sionista in Palestina. Già allora quando si formavano i governi c era sempre al loro interno un partito religioso. Non si trattava di una 17

18 richiesta costituzionale (come in Libano, ad esempio, dove per costituzione, è stabilito che se il presidente è musulmano il primo ministro debba essere cristiano e viceversa), tuttavia non era una coincidenza. Qui c era una divisione di poteri tra partiti laici e partiti religiosi: fu chiamata politica di compromesso ( accomodation policy ). Specialmente negli anni Cinquanta e Sessanta. Anche oggi esiste un governo molto simile, in cui convivono il partito secolare (antireligioso) Shinui e il Partito Nazionale Religioso (Mafdal). Un caso simile è il compromesso esistente nel consiglio municipale di Gerusalemme in cui il sindaco, per moltissimi anni un laico, ha sempre voluto essere coadiuvato da uomini religiosi. Ora si è verificato il contrario. Il modello consociativo, di condivisione del potere, è stato in realtà preso dal modello olandese: gli olandesi hanno infatti problemi simili e hanno sempre cercato di formare governi allargati che includessero sia i partiti liberali che quelli di stampo religioso. In Italia non è stato com è noto la stessa cosa, dal momento che per molti anni ci sono stati governi guidati interamente dalla Democrazia Cristiana come partito di maggioranza che tendeva tuttavia a rappresentare sia religiosi che laici. Tecnicamente il sistema consociativo ha funzionato anche se con crisi alterne, soprattutto sulla domanda chi è ebreo? Una definizione c è da chiedersi che va in accordo con la componente nazionale o religiosa? I laici in Israele rispondono: è ebreo chi si sente ebreo e si identifica in qualche modo con l ebraismo, il religioso invece afferma che per essere ebreo bisogna essere nato da madre ebrea oppure superare un certo processo, molto rigido, di conversione. Ora, ad esempio questa crisi tocca i nuovi immigranti russi, una parte dei quali non sono di madre ebrea: si possono considerare ebrei? Si possono seppellire nei cimiteri ebraici? Su questo il dibattito è ancora aperto. 18

19 Sergio Della Pergola: Il ruolo fondamentale della società civile Non credo Israele sia un caso unico. In un certo senso qui la religione di cui si parla è l ebraismo e ciò comporta una serie di considerazioni su cosa sia l ebraismo stesso, in particolare su quello che è privato e quello che è pubblico nell ebraismo. Ebraismo non tanto come culto, ma come qualcosa di più profondo, connesso e connaturato con l idea di nazione, con la cultura e con la vita quotidiana. Dal momento che l ebraismo è un complesso inestricabile di livelli e di contenuti. Va ricordato che l Europa con l emancipazione degli ebrei (avvenuta nella seconda metà del secolo XIX) ha appiattito l ebraismo facendone una religione, un culto che va rinchiuso in un luogo di culto, le sinagoghe, con gli ufficiali di culto che sono i rabbini. Tutto ciò costituisce una snaturazione del concetto di ebraismo. Si è trattato inizialmente di una richiesta dell Europa per poter accettare meglio l ebreo; poi gli ebrei stessi hanno fatto proprio questo cambiamento, dal momento che semplificava le cose e permetteva soprattutto il desiderato inserimento nelle società occidentali. Tuttavia quando si è creato lo Stato d Israele si sono riviste tutte le complessità e le stratificazioni; quindi anche le forti contraddizioni che esistono da allora. Per questo ci sono molte cose da dire sulla definizione dello stato come ebraico. Il rapporto stato e religione, la divisione tra le due sfere o la loro connessione, sono fenomeni che vanno visti a seconda della religione di cui stiamo parlando. Nel caso dell ebraismo è una religione difficilmente separabile perché fondamentalmente si tratta di una religione civile con un enorme, immanente trascendentalità nel quotidiano. Nell ebraismo in realtà non si può separare il secolare dal sacro. Questa separazione è vista come una violazione stessa dell ebraismo, quindi anche come una presa di posizione ideologica. Il problema è molto complesso e spesso viene troppo e malamente semplificato nei dibattiti in cui si cerca di trovare una soluzione più meno simile a quelle in vigore nelle democrazie occidentali tipiche. Anche in Inghilterra ad esempio non esiste chiaramente una separazione tra stato e religione, quindi non è necessariamente uno stato primitivo o retrogrado quello in cui si cerca di compensare o comunque di trovare un modus vivendi tra questi due elementi (stato e religione). Tra l altro, a causa del mandato britannico, il sistema inglese è stato preso in buona misura come paradigma giuridico 19

20 per il sistema israeliano. Stessa cosa per la questione della costituzione, che non abbiamo né noi né gli inglesi. Un Paese insomma può sussistere se c è un ingerenza della religione nello stato e anche se non c è una costituzione che è un documento chiaro e soprattutto modernissimo, purché si sappiano trovare quegli equilibri moderatori interni, quel senso civile che proprio la società civile impedisce di travalicare. Questa è la vera sfida, il vero dilemma. Sono convinto perciò che la risposta non venga da meccanismi giuridici standardizzati o da concetti estrapolati da teorie dello stato, quanto dalla capacità di una società di funzionare e di trovare al proprio interno quei meccanismi di decentramento e di differenziazione dei centri di potere, di articolazione di un discorso in cui si riconoscono vari punti di riferimento. Solo se una società ha capacità di autogovernarsi e autogestirsi poi le leggi servono a qualcosa. 20

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione L ITALIA, COMUNITA DI PERSONE E DI VALORI L Italia è uno dei Paesi più antichi d Europa che affonda le radici nella cultura classica della Grecia

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Lungo cammino verso la libertà

Lungo cammino verso la libertà Lungo cammino verso la libertà Corso introduttivo alla conoscenza dei Diritti Umani e delle loro violazioni I INCONTRO Mandela: Lungo cammino verso la libertà. Lettura Cosa sono i Diritti Umani? interviste

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani di Abdel Fattah Hasan - Il Sussidiario del 5/11/2010 PDF di LibriSenzaCensura Messa in una chiesa egiziana ÄSiamo pronti a sfidare Al

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA

CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA CARTA DEI MUSULMANI D EUROPA Carta dei Musulmani d Europa La Federazione delle Organizzazioni Islamiche in Europa (FIOE) ha cominciato a parlare della stesura di una Carta dei Musulmani d Europa fin dall

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Dottrina Sociale della Chiesa e Costituzione Italiana: laici e cattolici a servizio del Paese reale MODULO 3 ETICA E POLITICA: DIRITTI, VALORI, CULTURA ED EDUCAZIONE IN TERRA DI

Dettagli

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti].

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. 2. Cosa è una nota bibliografica. E una nota documentale?

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte Di don Fredo OLIVERO Mi è stato richiesto di mettere le basi bibliche per capire la figura dello straniero : senza queste radici

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli