1. SITUAZIONE ED ORIENTAMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. SITUAZIONE ED ORIENTAMENTI"

Transcript

1 1. SITUAZIONE ED ORIENTAMENTI La presenza di numerosi musulmani a Milano e in Lombardia impone una riflessione riguardo ad alcune problem atiche di convivenza diffusamente avvertite. Ai cristiani lo spirito evangelico chiede di farsi prossimo 1 verso*** queste persone, pur di religione diversa. E' im portante stabilire con essi relazioni di reciproca conoscenza, nella valorizzazione di ciò che è comune e nel rispetto delle differenze, partecipando loro ***la Buona Novella Evangelica. Questi suggerimenti non vanno inte si solo com e indicazioni, ma anche com e ricerc a di orien tamenti. Il tag lio che si vuo l dare a questo strumento è pratico-pastorale: è un tentativo di dare iniziali risposte alle tante dom ande che in terpellano il nostro discernim ento e interrogano la nostra azione. Ques te riflessioni e indicazioni presuppongono o richiedono una semp re più profonda conoscenza dell'islam. I docum enti e le riflessioni della Chiesa di questi anni, gli attuali studi sociologici e giuridici, le esperienze europee ed italiane, tra le qua li riteniam o particola rmente significative quelle pastorali delle Diocesi italiane, sono alla base di questi orientamenti Cfr. Luca 10,29. Per una maggior conoscenza e discernimento dell'islam, vedasi anche: Concilio Vaticano II - Lumen Gen tium, N ostra Aetate; documenti d el Pon tificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, tra i quali Dialogo e Annuncio (1991); lettere o omelie d ei Vescovi italiani su questa realtà d al Triveneto (2 006) d a Padova, alla Sicilia (2 004), all 'Emilia R omagna (2 000), sp ecialmente il discorso alla città di Milano Noi e l Islam del Card. Martini (1990)- allegato 1-. Riferimento ultimo nel tempo è il documento Incontrare i musulmani? (2003) del Co mitato Islam in Eu ropa del Con siglio d elle Con ferenze Ep iscopali Europee (CC EE) e delle Confere nze d elle Ch iese Eu ropee (KEK) recentemente fatto perveni re alle rispe ttive Chiese. Si può infine far t esoro della relazione, a carattere teologico, di Michel Fedou, Lo sviluppo del dialogo interreligioso dal Concilio Va ticano II, tenu ta all Assemb lea Plen aria ( maggio 2004) d el Pon tificio Con siglio per il Dialo go In terreligioso e d i Maurice Borrmans, Islam e C ristianesimo: l e vi e del d ialogo, V edi Bibliografia finale

2 2. RIFERIMENTI E PROSPETTIVE L'ambito dei rapporti islam o-cristiani, nell Arcidiocesi milanese, è oggi seguito dal Servizio per l' Ecumenismo e Dialogo e dal Centro Am brosiano di Docum entazione per le Religioni (CADR) 3. Per ciascuna delle 7 zone della Diocesi collaborano alcuni sacerdoti, incaricati di anim are ed accompagnare tale pas torale. La Diocesi ha racco lto esp erienze e sta preparand o anche operato ri pastorali mediante corsi di for mazione 4. E' necessario portare avanti il camm ino di incontro e di dial ogo interreligioso e promuovere sempre nuove iniziative sul territo rio, parrocchiale e decanale, atte a favorire, attraverso la testim onianza cristiana, quel dialogo di vita 5, tanto urgente ed importante. 3. PREMESSA NECESSARIA Prima di affrontare qualsiasi scelta opera tiva è necessario rilevare la rea le en tità quantitativa e la differente tipologia qualitativa della p resenza m usulmana sul territor io m ilanese e lombardo. Al tem po stesso occorre tener presente i com portamenti delle nostre com unità che, talo ra, m anifestano preoccupazione, insofferenza, ostilità accanto a b enevolenza e dialogo verso i musulmani ed è utile sapere com e normalmente gli islam ici vedono noi Nella d iocesi di Milan o esiste d al 1989/90 il CADR, Cen tro Ambrosiano d i Documentazione pe r l e R eligioni (C orso di P orta T icinese MILANO tel ), ch e ha un a sezione per l e relazioni co n l a real tà islamica. Il Ca dr lavora in co ntatto con il Pon tificio Consiglio per il Di alogo Interreligioso e il Po ntificio Istitu to Studi Arab i e d i Isla mistica (PISAI), entrambi a Roma. Ogni anno, nell'istituto Superiore di Scienze Religiose a Milano, viene offerto un corso sull'islamologia. Sono state anche istituite SDOP (Scuo le Diocesane per Operatori Pastorali) per conosce re l'islam e formare esperti. Diversi Uffici della Curia organizzano i ncontri in questo am bito (pe r gli inse gnanti d i religione, per operatori dei Consultori famigliari, ecc.). Vedasi do cumento del Po ntificio Con siglio p er il Dial ogo Interreligioso, Dialogo e Annuncio, citato in nota 2. In particolare molti musulmani immigrati vedono i cristian i come credenti di 4. RICORRENTI PROBLEMATICHE DI CONVIVENZA Si propongono delle indicazioni, considerate attualm ente più opportune per un giusto approccio verso i m usulmani, riguardanti una serie di m omenti, situazioni e circostanze, che possono offrire spazi da valorizzare per l incontro, il dialogo e l integrazione. Sono convinto che ognuna di queste scelte non è defi nitiva ed appagante nell immediato, ma necessita di un cammino graduale che dovrebbe portare ad orizzonti sempre più chiari, in un tem po che non si prevede breve. 4.1 Conoscenza reciproca - conferenze - tavole rotonde Prima tappa è la conoscenza dell islam e il suo m ondo. E opportuno che gli operatori pastorali organizzino conferenze, giornate di studio e tavole rotonde. Si consigliano, per un prim o a pproccio, due o più incontri, meglio se ravvicinati nel tem po, sulla conoscenza dell islam e sulle relazioni co n i m usulmani. Iniz ialmente è meglio f ar pr esentare l islam da esperti cristiani, perchè si ritiene siano più adatti ad offrire le prime necessarie comparazioni tra cristianesimo ed islam e l'esatto significato teologico di term ini apparentem ente uguali, m a che spesso nelle due religioni hanno valenze diverse. Comunque è sempre auspicata la pres enza di m usulmani, ancor m eglio se questi ultimi abitano nel luog o dove si ti ene la conferenza. Di solito si chiede agli organizzatori di invita re almeno quei m usulmani che si sono già incontrati per vari motivi. una fede superata dall Islam; molti ci ritengono politeisti; leggono la nostra società come se fosse tutta cristiana, senza distinguere credenti e non; spesso considerano il cristianesimo religione debole, per il male che notano in Occidente ; sentono il dovere di diffondere l islam a tutti gli uomini; vorrebbero una società tutta guidata dalle legg i islamich e, sen za distinzione tr a l'a mbito relig ioso e l'a mbito po litico. Inoltre i Sunniti, non avendo più il Califfo, non hanno più un'autorità unica. Per una più precisa informazione sulla presenza dei musulmani in Diocesi, vedasi l'articolo Cristian i e m usulmani in Italia e a Milan o di Giam piero Alb erti, Ambrosius, 4/2005

3 Solo in un secondo mom ento consigliamo di organizzare incontri e tavole rotonde anche con relatori musulmani. Resta poi sem pre interessan te allargare l' orizzonte alle religioni presenti sul territorio, magari trattando un tema comune. Nell organizzazione deg li incon tri interreligios i, siccom e i relatori ebrei e m usulmani non sono sem pre m inistri del culto (rabbini ed im am), non è necessario che il relato re cristiano sia sempre un prete. Per tem atiche specifiche, quali la com parazione tra le teologie, tra le spiritualità, per problematiche nuove anche per le religioni, come ad esempio per la bioetica, occorrerà far riferimento a persone veram ente com petenti, vista la delic atezza di tali argomenti e la scarsa conoscenza che ancora se ne ha. E' i mportante organizzare ques te conferenze anche in collaborazione con Enti civili presenti sul territorio perché la valenza islamica spazia ed interpella religione e stato. La realtà is lamica è trasversale a tutte le componenti de lla nostra società, dal lavoro alla sanità, dalla scuola alla famiglia Incontrando i musulmani va chiaramente detto che anche loro devono conoscere il nostro cristi anesimo, che non è se mpre quello presentato dal Corano o da loro tradizioni. Solo la reciproca cono scenza permette un corretto incontro e dialogo. 4.2 La preghiera La preghiera è un grande valore com une ad entram be le religioni, ma chiede precisazioni qu ando la si vuol fare insiem e. Di fronte alle richieste d a parte d i musulmani di pregare ins ieme i n occasioni particolari (ad esem pio per la pace o in occasione di funerali, di nascite, di matrimoni, ecc.) è opportuno accettare, però è meglio, per ora, s tare insieme a pregare, magari silenziosamente, piuttosto che pregare insieme con il rischio di ingenerare equivoci o di urtare sensibilità. Esistono pr eghiere, schem i di preghiera già studiati per varie occasioni, sia per adulti sia per ragazzi Giovani e ragazzi musulmani nei nostri Oratori Alcuni ragazzi m usulmani, frequentando le stesse scuole dei loro coetanei cristiani, si pr esentano, soprattutto nei mom enti ricreativi, nei nostri ambienti. Riteniamo che sia doveroso accettarli. Deve essere natura lmente richies to il r ispetto e l adeguamento alle regole educative stabilite nei nos tri ambienti circa i va lori umani e religiosi. Di questi si sottolineino quelli com uni e si evidenzino le differenze, senza com promessi o s incretismi. Si dica chiaram ente che non vanno interpretati com e rifiuti i necessari m omenti di separazione. Sarebbe au spicabile v alorizzare questa pres enza com e occasione di reciproca conos cenza, ove possibile con il coinvolgimento dei genitori. Ci ò richiede un impegno educativo nuovo che andrà sviluppato negli anni. Per quanto possibile gli educatori si confrontino con esperti. 4.4 Centri di ascolto, Caritas, gruppi di volontariato I musulmani che si rivolgono ai Centri Caritas parrocchiali, certamente vengono accettati com e fr atelli e, per quanto possibile, aiutati. Tu ttavia già dal prim o in contro è ne cessario chia rire (con semplici informazioni scritte anche nelle loro lingue) le motivazioni della nostra accoglienza, basata unicam ente sul Vangelo, senza intenzioni di proselitismo. Questo perché a volte il nostro operato viene frainteso. Sarebbe bene cogliere l occa sione di questi incontri per iniziare un dialogo: ascoltarsi, capire le diverse cultu re, sapere delle loro tradiz ioni e della loro re ligiosità e pr esentare la nostra f ede. Quanta ricchezza um ana si può trovare in conversazioni infor mali, ma a michevoli! Si scopriranno valenze com uni che aiuteranno a 7 Per un ap profondimento ve dasi i l d ocumento: C omitato I slam i n Eur opa, Cristiani e Mu sulmani: Preg are in sieme?, CCEE-KEK, Esiston o testi per ragazzi: La fede a tre v oci e pre ghiere per tre fedi, pre parato pe r ebrei, cristiani e musulmani dal Cadr.

4 vivere bene insieme. In taluni casi sarà opportuno avvalersi della collaborazione di mediatori culturali. 4.5 Le feste Le feste musul mane sono una grande o ccasione p er l incontro e il dialogo. Sono esse nzialmente due: la festa della Rottura del Digiuno ( 'id al-fitr ) alla fine del mese di Ramadan e la festa del Sacrificio del figlio di Abramo ( 'id al-adha ) il 10 giorno del mese del pellegrinaggio, Hagg. La prima, che festeggia i doni ricevuti da Dio durante il m ese del digiuno, ha consuetudini s imili a quelle del nostro Natale come lo scam bio di auguri e di regali, specialm ente per i bambini. In questa occasione la Chiesa cattolica usa fare gli auguri ai musulmani con lettera del Pontificio Consig lio per il Dialogo Interreligioso. Solitamente il testo caratterizza, d i anno in anno, un camm ino sempre più profondo di incontro e di dialogo. A nche l Arcivescovo di Milano aggiunge una sua lettera di auguri. Spetta a tutti coloro che credono all incontro e al dialogo far giungere questi auguri ai musulmani amici, vicini di casa, della propria zona 8. Sono state attivate iniziative di incontro, a carattere sperimentale, in occasio ne del m ese di Ram adan; ad esempio si invitano alcune fa miglie di m usulmani a rompere il digiuno del giorno insiem e a gruppi cristian i, in pratica si org anizza tra musulmani e parrocchiani un sem plice m omento conviviale in una sera di Ramadan, spesso con scambio di esperienze religiose. Questa tradizione è cara in parecchi paesi a maggioranza islamica; un anno i cristiani invitano i musulmani nei loro centri, l'anno successivo sono i m usulmani ad ospitar e i cr istiani nei propr i centr i. Così ci s i conosce e spesso si stabilisc ono rapporti am ichevoli, favorendo l'integrazione. Anche le nostre feste cristiane divengono occasion e di incontro. Accettiamo con gioia gl i auguri che i musul mani vengono a porgerci in occasione del Natale e della Pasqua. La visita natalizia o pasquale alle famiglie, fatta da sacerdoti o operatori pastorali, pu ò essere anch'essa un occasione di incontro con le fam iglie islamiche nelle lo ro case. Per una buona riuscita di questi incontri, accettati di solito quando la famiglia musulmana è al completo, è auspicab ile far preced ere una lettera che spieghi il significato di questo m omento annuale di preghiera e di benedizione Matrimoni con disparità di culto I m atrimoni tra cristiani e m usulmani sono in aum ento. Quando una coppia intraprende un tale percorso è necessaria una particolare riflessione, vista la co mplessità d i scelte e v alori che vengono messe in gioco. Occorre esse re prudenti e prendersi cura di queste coppie, dall inizio e segui rle nel co rso della re lazione, soprattutto se si presentano alla Chiesa. In questo caso è necessario invitare le coppie a recarsi presso il Servizio per la Disciplina dei Sacramenti della Curia per aver ch iare le norme giuridiche di fronte alle tradizioni proposte dalle due religioni. I giovani vengono seguiti nella preparazione al matrimonio, e anche dopo, insieme ai parroci e a persone qualificate. Anche la celebrazione del rito and rà preparata con cura, secondo il rituale proprio. Esiste pres so il C.A.D.R. un Consultor io Fam iliare Interetnico che segue le coppi e prim a e dopo il m atrimonio. Offre anche corsi di formazione per operatori sociali che incontrano queste nuove realtà. È auspicab ile la co llaborazione dei Consultori f amiliari diocesani con il Consultorio Inte retnico per u n accom pagnamento della coppia di m ista religione. Per questo campo pastorale sono 8 Questi m essaggi augu rali,in varie ling ue, so no reperibili q ualche settiman a prima della festa nel sito della Santa Sede e nel Portale della Diocesi. 9 Si p ossono t rovare presso l'ufficio Ec umenismo e D ialogo ed i l CADR modelli di lettere in più lingue per annunziare tali visite ai musulmani..

5 state preparate le Indicazioni CEI e degli opuscoli appositi. 10 È da favorire l attenzione past orale anche verso le coppie di religioni diverse già consolidate, per la loro esperienza acquisita e in vista di una possibile mediazione culturale. - L educazione dei figli E' importante accompagnare la copp ia mista nell'individuare il p iù co rretto pe rcorso educativo dei figli, con una particolare attenzione all'educazione religiosa. Nel m atrimonio tra coniugi di religione m usulmana e cristiana, esiste la promessa del genitore cristiano di fare quanto è in suo potere per educare nella propria fede i figli. C'è da tener presente che il coniu ge m usulmano spesso sottova luta l' importanza di tale promessa. Capita anche che, su richiesta del coniuge cristiano, il coniuge m usulmano acconsenta al b attesimo del f iglio. Di s olito il consenso viene dato senza com prendere appieno il significato del Sacramento, considerato niente di più di una cerim onia tradizionale. Occorre quindi m olta prudenza ne ll'accogliere tali rich ieste di battesimo. Il parroco ha il comp ito di spiegare al coniuge musulmano anche il senso del battesimo. E im portante poi che i genito ri si occupino, fin dalla più tenera età, dell educazione religi osa dei figli presentando loro i valori comuni alle due religioni: il senso di Dio, del Dio unico, che è il Creatore e ci am a, la preghiera, i g esti di amore verso il prossimo. Questo li educherà al rispetto, all apertura, li aiuterà a non sentirsi a disagio nei confronti degli altri a causa della fede dei propri genitori, a non perdere il senso religioso Segn aliamo: CEI, I matrimoni tra cattolici e mu sulmani in Italia, Indicazioni della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana del 29/04/02005, messe in allegato in questo opuscolo; Comune di Milano e CADR, Il Matrimonio tra tradizioni e d iritti d iversi. Italia-Egitto-Marocco-Tunisia, a cu ra d i Patrizia Comito e Barbara Ghiringhelli, Milano, Si stanno studiando itinerari educativi per l'educazione interreligiosa. Sono stati approntati dei sus sidi per g enitori e ra gazzi si a pe r l a p reghiera, c he pe r l a presentazione del cristianesim o e dell islam a i ragazzi. Alcune i ndicazioni 4.7 Conversioni da una religione all altra La conversione da una religi one all altra è una questione molto delicata, soprattutto presso i musulm ani. E' da af frontare con prudenza, salvaguardando il principio inalienabile della libertà religiosa. Di fronte a dom ande di adesione al cristianesimo di adulti e di m inori, è prudente non dare corso frettolosam ente a questo cammino di conversione, ma è necessario approfondire la situazione caso per caso. Occorrerà inv iare i r ichiedenti a ll Ufficio Catecumenato della Curia, che indicherà gli itinerari idonei. A volte i figli di coppie di diversa religione, raggiunta la maggiore età, chiedono il Battesi mo. Anche per loro valgono gli stessi suggerimenti. Si verifican o anche casi di cris tiani/e che s i sarebbero convertiti/e all islam (a volte in occasione del m atrimonio islamico) ed esprim ono il desiderio di tornare al la pratica religiosa cristiana, ritenendo che la conversio ne non fosse reale. È bene non prendere la cosa alla leggera, ma è necessario ponderare bene caso per caso e soprattutto far riferimento all Ordinario Diocesano. Ancora, è bene far presente alle donne cattoliche (frequenti i casi di sudam ericane e filippine) che desiderano sposare un musulmano, che non debbono necessariam ente convertirsi all islam. Solo gli sciiti e i gr uppi fonda mentalisti obbligano alla suggeriscono di presentare verso i 4-5 anni i valori comuni alle due religioni come il senso di Dio, del Dio unico, che è il Crea tore e ci am a, la preghiera, i gesti di amore verso il prossimo. Sarà solo a partire dai 6-7 anni, quando il bambino verrà accompagnato a visitare i luoghi di culto di entrambi i genitori, che occorrerà far percepire che ci sono m odi di versi di ra pportarsi a qu el Di o che l ui ha gi à cominciato ad am are e pre gare insieme ad ent rambi i genitori. Frequentando un poco i diversi luoghi di culto, comincerà piano piano a distinguere le espressioni delle due religioni e ad averne grande rispetto. Intorno ai 10 anni potrà cominciare ad accostarsi ai libri sacri (Bibbia Cora no), a capire e rispettare anche i diversi contenuti del le due religioni e di al tre anco ra di c ui veni sse a c onoscenza attraverso la scuola, o altre frequentazioni, m a sarà pronto all accoglienza e al rispetto. Nell adolescenza e nella giovinezza sarà portato ad approfondire le sue conoscenze, a fare le sue scelte, in libertà e consapevolezza.

6 conversione, venendo m eno al prin cipio assoluto della libertà religiosa. Ne deriva un grave ca so di cosc ienza per il cr istiano coinvolto. 4.8 Richiesta di locali parrocchiali per la preghiera o per altro. La prassi è di non concedere i luoghi di culto cristiani e nemmeno locali parrocchiali per il culto musulmano rituale 12. E' preferibile consigliare di far dom anda agli organi competenti del territorio, i quali, quando non avessero soluzioni, potranno chiedere ai privati o alle Chiese. Nei confronti degli Enti locali occorrerà avere un atteggi amento collaborativo, cercando di discernere insiem e, le soluzion i più adeg uate e in occasion i particolari come per le feste m usulmane. In accordo con l'ordinario, può essere presa in considerazion e la possibilità di concedere "ambienti p olifunzionali, purchè s i rispe ttino i sim boli r eligiosi presenti e non si compiano atti contrari alle leggi dello Stato" 13. Per richiesta di locali parrocchiali per attività non religiose, si valutino i singoli casi. Tali attività devono rientrare entro gli itinerari educativi e ricr eativi dei singoli luoghi, e l' uso deve avere carattere occasionale e non perm anente. Co munque le eventuali co ncessioni competono al Parroco debitam ente au torizzato d all Ordinario Diocesano Attività parascolastiche E' opportuno organizzare, a volte com e mom entanea supplenza all' Istituzione scolas tica, anche nei nostri am bienti 12 Secondo le indicazione de i Vesc ovi, Circolare n. 32, 10/5/2002, a cura del "Comitato per gli enti ed i be ni ecclesiastici - sez.i CEI, intitolata "Cessi oni di locali e spazi pastorali a t erzi pe r uso diverso". Circ olare c he a ppare in supplemento al n.1/2002 di "ex Lege". 13 Conferenza episcopale del Triveneto-Commissione regionale per l'ecumenismo e il dialogo, Quale dialogo con i Musulmani, Bologna, EDB, 2006 vedi 4 c 14 Si faccia rife rimento alla Nota per i Parroci propost a dal Se rvizio per l'ecumenismo e il Dialogo della Curia di Milano. l'assistenza parascolastica sempre tanto richiesta,. Utili sono anche i corsi di lingua italiana per i bambini e, ove fosse possibile, corsi di lingua del paese d' origine della fam iglia immigrata. Tutte occasioni di incontro e di integrazione Altri ambiti di incontro: Esistono poi ambiti come la scuola, gli ospedali, le carceri, i posti di lavoro e i Centri culturali islamici, che chiedono determinate scelte per una civile convivenza tra esigenze relig iose diverse. Questi am biti sono m ateria di Intesa tra St ato e Enti di rappresentanza dell'islam in Italia, ai sensi dell'art. 8, comma 3, della Costituzione 15 o da regolarsi con leggi speciali; tuttavia, vengono qui proposte delle riflessioni. - Scuola La scuola è uno dei luoghi privile giati per l incontro e il dialogo, m a è facile che proprio in a mbito scolastico sorgano difficoltà e incomprensioni. A livello naziona le, è ancor a in sospeso la rich iesta dell insegnamento di re ligione isla mica, per d iversi m otivi: p er la mancanza di Inte se, pe r le dive rse trad izioni is lamiche pre senti in Italia, per il numero di alunni minimo richiesto, per criteri di scelta e di assunzione degli insegnanti e per l' impostazione di tale corso 16. Tuttavia, non ci sarebbero motivi in contrario da parte nostra. Comunque, il criterio che ci sem bra giusto adottare, di fronte alle varie richieste dei genitori musulmani, per il cibo, le feste, ecc. è quello di prestare ascolto, purché queste richieste non diventino m ai una imposizione agli altri alunni, siano secondo le leggi scolastiche e non abbiano la pretesa di elim inare feste e segni cristiani cari alla nostra tradizione solo a causa della loro presenza nelle scuole statali. Sono da favorire quelle iniziative in cui la presenza di alunni 15 Circa le diverse problematiche giuridiche legate alla presenza dei musulmani in Italia, si veda: Musulmani in Italia. La condizione giuridica delle comunità islamiche, a cura di S. Ferrari, Il Mulino, Bologna, Potrebbe essere a carattere culturale come l'irc.

7 di etnia e relig ione diversa d iventa occas ione prezios a per la reciproca conoscenza. Le scuole catto liche che acco lgono alunn i di gen itori musulmani hanno l occasione di praticare il "dialogo", promuovendo iniziative mirate. - Ospedali I m usulmani non hanno la tradizione dell assistenza spirituale per i loro m alati negli ospedali. In Occidente gli im am o persone riconosciute possono far vi sita ed essere vicini ai ricoverati 17. Capita che dei m usulmani ricoverati in ospedali o i loro parenti si rivolgano al prete cattolico, m agari conosciuto o addirittura am ico. È nostro dovere prestare atten zione e portare conforto. Di fronte al dolore, il musulmano ha vari atteggiamenti, tra cui prevale quello di rassegnazion e in quanto la sofferenza e la malattia sono viste come disegno di Dio Funerali In occasion e della m orte di un musul mano è opportu no indirizzare chi si rivo lgesse alla parrocchia, al responsabile del Centro islamico frequentato dalla famiglia del defunto. A livello personale, può essere buona testim onianza partecipare al rito funebre del conoscente o dell'amico islamico. I musulmani fanno anche richiesta di spazi a loro riservati nei cimiteri e chiedono la sepoltura secondo le loro norm e. Questa è materia di competenza dei Comuni Vedasi art. 38 l egge 2 3 dicembre 19 78, n e l eggi R egionali Protocollo di intesa 18 Per un ap profondimento sul t ema del dol ore, del la m orte, del la bioetica, vedasi: P. B oz, Ogni an ima assaggerà la morte. Con i nostri fra telli d i fed e musulmana di fronte alla sofferenza e al la morte, traduzione e adat tamento a cura del C.A.D.R., Milano,1998. Stefano Allievi (a cura di), Salute e salvezza Le religioni di fronte alla nascita, alla malattia e alla morte, Claudiana, Torino, EDB, Bologna, Art.9,6 della Legge Regionale 18 novembre 2003, n.22. Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali (BRL del 21 novembre 2003 n. 47, 1 suppl. Ord.) con il relativo Regolamento Regionale del 9 novembre Sono stati approntati semplici fascicoli che possono essere utili per comprendere il senso del dolore e della m orte secondo l islam Carceri Anche nelle carceri l assisten za religiosa dovrebbe essere garantita ai m usulmani, che s ono spesso giovani, provati dalla solitudine e vivono il disagio dell imm igrato. Ultim amente non viene sempre concessa la vis ita di imam o responsabili m usulmani nelle carceri 21. Sia il cristiano a compiere gesti di attenzione. - Luoghi di lavoro L ambito del lavoro è fo rse il luogo dove cristiani e musulmani vivono fianco a fianco più che altrove. I lavoratori cristiani hanno occasioni preziose di testim onianza; occorre che vengano preparati all in contro e al dialogo con i m usulmani e siano in grado di dare prova di solidarietà concreta soprattutto in situazioni di disagio. La pastorale del lavoro e le varie organizzazioni dei lavoratori cristiani sono coinvolte in questo senso. Anche i datori di lavoro cristiani, con la loro speci ficità, si im pegnino a testimoniare questi valori. I lavoratori m usulmani hanno l esigenza di astenersi dal lavoro nelle loro due feste principali: la Rottura del Digiuno alla fine del Ram adan e la Festa del Sacrificio. Solitamente, per mezzo di trattative private, ottengono questi due giorni. Si dovrà curare che nei con tratti nazion ali dei lavora tori, ne i v ari settori, si tengano presenti queste nuove esigenze 22. Più problematica è la richiesta del tempo per la preghiera di mezzogiorno del venerdì, anche perc hé il luogo del lavoro spesso è lontano dalle sale di preghiera. Va comunque detto che non c' è un 2004 n Veda si nota Vedi C ircolare (i nterna al le carce ri) del M inistro del la Gi ustiza R oberto Castelli durante il governo Berlusconi ( ). 22 Da segnalare che dal 2003 in Egitto il Governo concede festa nazionale anche nella grande festività cristiana copta del Natale di Cristo.

8 obbligo preciso né per la preghiera né per il luogo. Nei Paesi a maggioranza islam ica le norm ative in m erito verso i cristiani sono varie. In molti Stati si conced ono alcune ore ai cristian i, la domenica, in base alle esigenze del lavoro. - Centri culturali islamici La dizione e la forma giuridica dei Centri islamici è quella di Centri culturali, al pari delle comuni associazioni che si possono far sorgere da parte di qualunque c ittadino in possesso dei requisiti di legge. S pesso questa form a copre un luogo di più am pia aggregazione, anche con scopi di culto. Lo statuto del Centro dovrebbe chiarirne e precisarne la configurazione. Questi luoghi vengono anche im propriamente c hiamati m oschee e a ssumono valenza simile a quella di una nos tra chiesa. Ne stanno sorgendo in tutta la Diocesi, in ambienti affittati o acquistati. Questi Centri, a volte si inseri scono nel tessuto sociale senza problemi, integrandosi lentam ente, magari aiutati dalle Amministrazioni locali; a volte c reano problemi per l inadeguatezza del luogo o per altri m otivi. Va rispetta to il diritto di tutti di crearsi un proprio Centro. È com pito de lle Amm inistrazioni concedere questi permessi e vigilare che tutto sia secondo la legge. 23 Da parte delle com unità eccle siali pensiam o sia doveroso incontrare e conoscere queste realtà anche per chiarim enti utili alla convivenza, all integrazione e al dialogo di vita, di opere e di fede. - Le consulte comunali per gli stranieri Stanno sorgendo le Consulte co munali per gli stranieri che rappresentano di fatto un luogo di incontro, di conoscenza e interazione e scambio fra culture. Meritano la nostra attenzione e collaborazione per favorire il dialogo interreligioso. 23 Cfr L.R. 12/2005 a rt 70, c. 2 e Nota p reparata com e Os servatorio giuridicolegislativo regio nale a co mmento d ella leg ge 12/05 relativ amente al p unto specifico delle Confessioni non cattoliche.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale

LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale LA VIA Percorso di iniziazione cristiana di ispirazione catecumenale A cura degli Uffici Catechistici Diocesani di Brescia, Genova e Venezia SAN PAOLO COGLIERE LA SFIDA EDUCATIVA secondo gli orientamenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini

PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini $//(*$72% 67$7872'(*/,,0$0'(//$)('(5$=,21('(//,6/$0,7$/,$12 PROPOSTA DELLA CO.RE.IS. (COMUNITA RELIGIOSA ISLAMICA) ITALIANA elaborata da Yahya Pallavicini, Faridah Peruzzi, Hamid Distefano, Aisha Lazzerini

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi nuovo Pasquale Troìa Roberta Mazzanti Cecilia Vetturini I ColoRI del strumenti per una didattica inclusiva Alta leggibilità con audio Attività facilitate Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta CLASSE PRIMA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA):L ESPERIENZA DI SÉ, DELLA VITA ATTORNO A SÉ E CON GLI ALTRI APRE ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON ATTEGGIAMENTI DI ACCOGLIENZA, STUPORE E GIOIA.

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª) L'alunno sa riconoscere i dati fondamentali della vita e dell'insegnamento di Gesù a partire da un primo accostamento al testo sacro della Bibbia

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 PRESENTAZIONE

GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 PRESENTAZIONE GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Classi: - 2-3 - 4-5 PRESENTAZIONE Il gruppo di lavoro n 4 ha elaborato il seguente modello di progettazione di

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI

MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI RISPOSTE A QUESITI POSTI CON FREQUENZA (FAQ) (I riferimenti tra parentesi richiamano il testo di accordo cattolici battisti, ma sono validi anche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

LE ANIME DELLA CITTA MODENA 19 NOVEMBRE 2010

LE ANIME DELLA CITTA MODENA 19 NOVEMBRE 2010 LE ANIME DELLA CITTA MODENA 19 NOVEMBRE 2010 Il processo nasce da: Contatto, co-progettazione delle attività con associazioni italiane e straniere presenti in città Richieste di riconoscimento e spazi

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Scuola Primaria classe prima Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti di apprendimento Metodologie Modalità ed elementi

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

Programma di religione. anno scolastico 2013/2014 classe 1C

Programma di religione. anno scolastico 2013/2014 classe 1C anno scolastico 2013/2014 classe 1C L insegnamento della religione a scuola L adolescenza Doti e limiti dell adolescente Le domande fondamentali dell uomo Il senso religioso I desideri dei giovani L uomo

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli