Masarykova univerzita Filozofická fakulta. Ústav románských jazyků a literatur

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Masarykova univerzita Filozofická fakulta. Ústav románských jazyků a literatur"

Transcript

1 Masarykova univerzita Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Magisterská diplomová práce 2014 Bc. Aneta Zajdáková

2 Masarykova univerzita Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Bc. Aneta Zajdáková Il sentimento dellʼindividuo escluso nella Ferrara bassaniana Magisterská diplomová práce Vedoucí práce: Mgr. Paolo Divizia, Ph.D

3 Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně s využitím uvedených pramenů a literatury. Dále prohlašuji, že tištěná verze je totožná s verzi elektronickou.... Podpis autora práce 3

4 Vorrei ringraziare il Prof. Paolo Divizia per avermi dato preziosi consigli nella fase della stesura della presente tesi. 4

5 Indice: 1. Introduzione Biografia di Giorgio Bassani Breve storia degli ebrei sotto il fascismo Trame delle opere Cinque storie ferraresi Lida Mantovani La passeggiata prima di cena Una lapide in via Mazzini Gli ultimi anni di Clelia Trotti Una notte del ʼ Le storie ferraresi Il muro di cinta Gli occhiali dʼoro In esilio Il giardino dei Finzi-Contini Lʼodore del fieno Il processo della scrittura delle Cinque storie ferraresi raccontata da Giorgio Bassani nella raccolta L odore del fieno La situazione degli ebrei e il sentimento dell individuo escluso nella Ferrara bassaniana Il sentimento di esclusione e di diversità dei personaggi delle Cinque storie ferraresi Lida Mantovani La passeggiata prima di cena Una lapide in via Mazzini Gli ultimi anni di Clelia Trotti Una notte del ʼ Il sentimento di esclusione e di diversità dei personaggi in altre opere di Bassani Gli occhiali dʼoro Il giardino dei Finzi-Contini Ferrara Confronto delle diverse versioni dello stesso racconto

6 8.1. Il muro di cinta e Lʼodore del fieno In esilio e Cuoio grasso Conclusione Bibliografia Appendice

7 1. Introduzione Nella presente tesi di laurea analizzerò alcune opere dello scrittore ferrarese Giorgio Bassani. Le opere di Bassani sono ambientate quasi tutte a Ferrara durante la dittatura fascista. I protagonisti dei suoi libri sono per la maggior parte ebrei, la vita dei quali è resa difficile dalla promulgazione delle leggi razziali. Il fascismo non è solo intervenuto nel corso della storia italiana ed europea ma ha anche in gran parte influenzato la formazione letteraria di molti scrittori, tra cui Giorgio Bassani. Il fascismo nasce nel 1919 come un semplice movimento ma già nell anno successivo diventa una forza politica di primo piano. Il successo del fascismo sta nel fatto che l Italia, la quale si trova in una grave crisi economica dopo la Prima guerra mondiale, vede la rapida successione di governi deboli. Cominciano a risorgere gli interessi dei grandi proprietari terrieri che agiscono in favore del fascismo. A tale fatto si aggiunge l atteggiamento della piccola borghesia, nella quale si diffonde la sfiducia verso lo Stato. Il leader del partito fascista è Benito Mussolini che nel 1922 organizza la Marcia su Roma, in seguito alla quale viene incaricato dal re Vittorio Emanuele III della composizione del nuovo governo. Mussolini all inizio attua una politica di coalizione con gli altri partiti che però cambia dopo l assassinio da parte dei fascisti del deputato socialista Matteotti avvenuto nel 1924, il quale ha apertamente criticato il fascismo. Mussolini nel suo discorso che tiene alla Camera dei deputati nel gennaio del 1925 si assume la responsabilità di quanto è accaduto. Egli non viene incarcerato, anzi, da tale momento tutto il potere passa al fascismo. Entrano in vigore nuove leggi che portano delle limitazioni. È abolita la libertà di parola e di organizzazione. Le riviste e i giornali di opposizione sono soppressi. Con il crescente potere del fascismo aumenta anche il numero degli oppositori del regime. Molti di essi finiscono davanti al Tribunale speciale che giudica i delitti contro lo Stato e il regime. Alcuni sono incarcerati, uccisi o muoiono in seguito alle aggressioni fasciste. Altri prendono la via dell esilio e cercano di lottare contro il fascismo dall estero. Tra gli oppositori si contano non solo uomini politici ma anche artisti. Escono molti libri e saggi che criticano il fascismo. Negli anni 30, con il successo della conquista dell Etiopia, culmina il consenso di molti Italiani al regime. Ma l opinione pubblica comincia a cambiare quando la politica di Mussolini si avvicina a quella hitleriana. Il fatto provoca preoccupazioni e inquietudini persino nel partito fascista. 7

8 Sui giornali appaiono sempre più spesso articoli razziali contro gli ebrei. L alleanza con la Germania intensifica l antisemitismo. Nell autunno del 1938 entrano in vigore le leggi razziali che secondo il modello tedesco pongono gli ebrei ai margini della società con una serie di limitazioni e proibizioni. Il fascismo, le leggi razziali e le conseguenze di esse si rispecchiano nelle opere di Giorgio Bassani. Lo scrittore fa parlare nei suoi libri le vittime delle persecuzioni razziali, le quali raccontano la loro tragedia servendosi di un profondo pessimismo. I protagonisti guardano verso il passato come se sapessero che il futuro per molti di loro non esiste. Bassani non si concentra nelle sue opere sugli eventi storici ma piuttosto sull effetto che lasciano nei suoi personaggi. La storia come tale non è il tema principale dei libri ma influenza il comportamento e il destino dei protagonisti. Le opere di cui voglio occuparmi nella presente tesi sono Cinque storie ferraresi pubblicate nel 1956, Le storie ferraresi del 1960, Il giardino dei Finzi-Contini uscito nel 1962 e L odore del fieno del Cinque storie ferraresi è una raccolta di racconti. I personaggi sono nella maggior parte ebrei. Un ruolo importante nei racconti lo svolge anche la città che diventa un personaggio onnipresente. Le storie ferraresi sono una nuova edizione delle Cinque storie ferraresi arricchita di due racconti Il muro di cinta e In esilio e di un romanzo breve, Gli occhiali d oro. L io narrante de Gli occhiali d oro diventa il protagonista de Il giardino dei Finzi-Contini e lo si può incontrare anche sulle pagine de L odore del fieno. E non è solo l io narrante che penetra in più opere ma anche i personaggi minori come Bruno Lattes, Elia Corcos, il dottor Fadigati, Clelia Trotti e altri. I racconti Il muro di cinta e In esilio escono poi in forma rielaborata nella raccolta di racconti L odore del fieno. Voglio concentrarmi soprattutto sulla raccolta di racconti Cinque storie ferraresi poiché dimostra tutti i fenomeni della narrativa bassaniana. Le altre opere vengono trattate solo marginalmente per completare il ritratto della Ferrara di Giorgio Bassani. Il primo capitolo è l introduzione della tesi. Nel secondo capitolo presento la vita di Giorgio Bassani. Il terzo capitolo tratta la storia degli ebrei sotto il fascismo. Nel quarto capitolo menziono le trame delle opere nell ordine in cui sono state pubblicate. I capitoli successivi sono dedicati all analisi della vita dei protagonisti, dell ambiente ebraico ferrarese soprattutto negli anni del fascismo e delle leggi razziali. Un capitolo è dedicato a Ferrara, un personaggio indispensabile delle opere di Bassani. Nell ultimo capitolo confronto diverse versioni di alcuni racconti. 8

9 2. Biografia di Giorgio Bassani 1 Giorgio Bassani nasce a Bologna il 4 marzo del Il padre Enrico è medico ma non esercita la professione. La madre si chiama Dora. Enrico e Dora hanno tre figli: Giorgio, Paolo e Jenny. La famiglia si trasferisce a Ferrara, dove Giorgio insieme ai suoi fratelli trascorre un adolescenza serena: «Ho trascorso una delle adolescenze più felici che si possano immaginare, in una casa bellissima, fra le mura della quale tutti si volevano molto bene.» 2 Dopo aver conseguito la maturità classica presso il Liceo Ludovico Ariosto, Bassani si iscrive alla facoltà di lettere dell Università di Bologna, dove frequenta anche le lezioni dello storico dell arte Roberto Longhi. L incontro con Longhi ha un importante funzione formativa per lo scrittore ferrarese che si può vedere anche nell opera L alba ai vetri, nella quale lo scrittore dice: Critici si nasce: poeti si diventa - ha detto Roberto Longhi -. Nella primavera del 42, il primo impulso a scrivere versi mi venne, più che dalla vita e dalla realtà, dall arte, dalla cultura [...]. Seguivo, oltre a ciò, i miei amici storici dell arte [...] sulle tracce dei pittori ferraresi e bolognesi del Cinque e Seicento: cosicché la campagna tra Ferrara e Bologna, che il mio treno percorreva quasi quotidianamente, mi si mostrava attraverso i colori, intrisi d una luce come velata, di quelle antiche pitture. La primavera del 42! Stalingrado, El Alamein, e il futuro incerto, oscuro... Eppure, nonostante tutto, la vita non mi è mai più apparsa così bella, così bella e struggente come allora. 3 Durante gli anni universitari Giorgio Bassani conosce alcune persone, come per esempio Carlo Ludovico Ragghianti, che lo inducono ad ampliare i suoi orizzonti dalla formazione soltanto umanistico-letteraria ad una formazione storicistica, idealistica e antifascista. Alcuni anni dopo Ragghianti introduce Bassani nel Partito d Azione. Dal 1935 Bassani scrive racconti e saggi per il quotidiano Corriere Padano. 1 Informazioni tratte da: Adriano Bon, Come leggere Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, Mursia, Milano, , pp ; Massimo Grillandi, Invito alla lettura di Bassani, Mursia, Milano, , pp ; Paola Frandini, Giorgio Bassani e il fantasma di Ferrara, Manni, San Cesario di Lecce, 2004, pp , Paola Frandini, Giorgio Bassani e il fantasma di Ferrara, cit., p Giorgio Bassani, L alba ai vetri, Torino, Einaudi, 1963, p. 85, cittazione tratta da Adriano Bon, Come leggere Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, cit., p

10 Nel 1938 la dichiarazione delle Leggi razziali cambia completamente la vita di Giorgio Bassani. Lo dice bene il suo amico Cancogni: E d un tratto la catastrofe, le leggi razziali del 38 che lo avevano strappato violentemente dalla società in cui era cresciuto, mostrandogli ciò che essa era in realtà (ingiusta, crudele, volgare) mostrandogli ciò che lui stesso era stato (egoista, indifferente, cinico). Così era cominciato il rimorso, molto più forte del rancore verso chi l aveva colpito. 4 Le leggi razziali si rispecchiano nella vita quotidiana dello scrittore e della sua famiglia. Essendo ebreo viene escluso dal Circolo del tennis e dalla Biblioteca Ariostea. Bassani deve persino rinunciare al matrimonio con la sua ragazza cattolica perché le leggi razziali vietano i matrimoni fra israeliti e cristiani. Il fratello Paolo per poter studiare all università deve emigrare in Francia dove si iscrive al Politecnico di Grenoble. Tale episodio storico avrà un grande impatto sulla carriera letteraria di Bassani e si rispecchierà nelle sue opere. Nel 1939 Bassani si laurea discutendo una tesi su Niccolò Tommaseo. Sempre nel 39 comincia a insegnare nella scuola israelitica a Ferrara: Il giorno dell inaugurazione questo imbecille [il provveditore] ebbe il coraggio di salutarci col braccio alzato, romanamente [...] così cominciai a trasformare questa scuola, da strumento di degradazione e di vergogna, in scuola di antifascismo [...] suggerivo libri di autori che il regime vedeva come il fumo negli occhi e spiegavo a questi ragazzi di estrazione borghese che la persecuzione antiebraica avrebbe colpito tutti, il povero e il signore, l avvocato e l operaio, il contadino e l impiegato. 5 In questo periodo prevale piuttosto l impegno politico sull attività letteraria dello scrittore. Bassani viene più volte inviato in missioni dagli antifascisti di Ferrara. Nonostante ciò nel 1940 stampa privatamente, con lo pseudonimo di Giacomo Marchi, un volume di racconti Una città di pianura. Nello stesso anno conosce anche Valeria Sinigallia, la sua futura moglie con la quale avrà due figli: Paola e Enrico. 4 M. Cancogni, I rimorsi di Bassani, in L Espresso, 2 settembre 1962, citazione tratta da Adriano Bon, Come leggere Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, cit., p E. Golino, Gli scrittori che hanno insegnato, Bassani. Dietro la porta della mia scuola, citazione tratta da Paola Frandini, Giorgio Bassani e il fantasma di Ferrara, cit., p

11 Nel maggio del 1943 viene arrestato senza processo insieme agli altri antifascisti ferraresi e viene liberato soltanto alla caduta del regime, il 26 luglio Nell agosto dello stesso anno sposa Valeria e lascia Ferrara. Si trascerisce a Firenze dove all inizio conduce una vita misera. Per procurarsi i soldi per vivere deve tradurre alcuni scrittori stranieri, tra i quali per esempio Hemingway. Bassani, sempre sotto falso nome, si trasferisce a Roma e prosegue la sua attività antifascista partecipando attivamente alla Resistenza. Nel 1945 lo scrittore pubblica il suo secondo libro: Storie dei poveri amanti e altri versi. Si tratta di un volume di poesia. Gli anni continuano a essere difficili per Bassani e lo vedono accettare diversi lavori. Dopo la rottura del Partito d Azione Bassani aderisce al socialismo. Nel 1947 esce la seconda raccolta poetica: Te lucis ante. «Sono componimenti brevi, racchiusi in versi di poche sillabe, dedicati per lo più alla Divinità». 6 Nel 1948 è fondata la rivista letteraria Botteghe Oscure da Marguerite Caetani, della quale Bassani diventa redattore. In seguito entra anche nella redazione di Paragone, la rivista di Anna Banti e di Roberto Longhi. Nel 52 Bassani pubblica un altra raccolta di versi: Un altra libertà. Nella raccolta appare evidente l intento autobiografico. Bassani scrive anche il racconto La passeggiata prima di cena pubblicata nel Collabora intensamente alla stesura di sceneggiature cinematografiche. Nel 1955 esce il racconto Gli ultimi anni di Clelia Trotti che vince il premio internazionale Veillon. L anno successivo vengono pubblicate presso la casa editrice Einaudi le Cinque storie ferraresi che comprendono i racconti Lida Mantovani, La passeggiata prima di cena, Una lapide in via Mazzini, Gli ultimi anni di Clelia Trotti e Una notte del 43. Nel 1958 Bassani pubblica sempre con Einaudi il romanzo breve Gli occhiali d oro. Sempre nello stesso anno Bassani scopre e fa pubblicare da Feltrinelli, dopo essere stato rifiutato da Einaudi e da Mondadori, il romanzo Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (con la prefazione e forti inteventi sul testo dallo scrittore ferrarese). Il Gattopardo narra la storia di una famiglia dell alta aristocrazia siciliana negli anni del trapasso fra il regime borbonico e quello sabaudo. 6 Massimo Grillandi, Invito alla lettura di Bassani, cit., p

12 Nel 1960 esce una nuova edizione di Cinque storie ferraresi intitolata Le storie ferraresi, ac Il muro di cinta del 1946, In esilio e de Gli occhiali d oro. In questo periodo Bassani collabora con diversi periodici e quotidiani. Il giardino dei Finzi-Contini, considerato dalla critica il suo capolavoro, esce nel Il romanzo vince il premio Viareggio, è tradotto in diverse lingue e nel 1970 viene portato sul grande schermo da Vittorio De Sica. Bassani occupa anche la carica di vice-presidente della RAI, dalla quale però si allontana dopo alcuni anni. Diventa il presidente dell associazione Italia nostra, lo scopo della quale è tutelare l integrità paesaggistica del paese, insieme con il suo patrimonio artistico e culturale. Nel 1963 lo scrittore pubblica la raccolta delle poesie L alba ai vetri, che comprende la produzione poetica precedente (Primi versi, Te lucis ante e Un altra libertà). L anno successivo esce il romanzo Dietro la porta ambientato nella Ferrara degli studi liceali del protagonista. Bassani raccoglie il suo lavoro saggistico nel libro chiamato Le parole preparate e altri scritti di letteratura che esce nel Nel 68 lo scrittore pubblica il romanzo L airone che l anno successivo vince il premio Campiello. Nello stesso anno è assegnato a Bassani il premio internazionale Nelly Sachs per l intero complesso della sua opera. Nel 1972 è pubblicata la raccolta di racconti L odore del fieno. Si tratta di dodici prose brevi che riprendono i temi narrativi tipici dello scrittore. I racconti L odore del fieno e Cuoio grasso sono una rielaborazione dei racconti Il muro di cinta e In esilio. In questa raccolta lo scrittore si allontana in due racconti dalla sua Ferrara. Un topo nel formaggio e Le scarpe da tennis si svolgono a Napoli e a Roma. La rielaborazione delle opere è il segno caratteristico di Giorgio Bassani. Nel 1974 esce il volume di versi Epitaffio. Del 78 è la raccolta poetica In gran segreto. Nel 1980 è pubblicato Il romanzo di Ferrara che ripropone gran parte dell opera narrativa dello scrittore ferrarese. Nel 1982 Bassani pubblica la raccolta completa delle sue poesie In rima e senza e nel 84 esce una raccolta saggistica Di là dal cuore. Nell ultima parte della vita Bassani viaggia spesso all estero, tiene lezioni in diverse università del mondo. Nel 1992 ottiene dall Università di Ferrara la laurea honoris causa. Giorgio Bassani muore il 13 aprile 2000 ed è tumulato al cimitero ebraico di Ferrara. 12

13 3. Breve storia degli ebrei sotto il fascismo 7 Nel presente capitolo voglio menzionare in breve la storia degli ebrei durante il Ventennio per permettere di capire meglio la condizione di vari personaggi bassaniani e le tematiche dell autore ferrarese. Come accennato nell introduzione della presente tesi, nel 1938 entrano in vigore le leggi razziali contro gli ebrei italiani. Ma qual è la situazione degli ebrei in Italia prima dell approvazione di tali leggi? L avvento del fascismo vede le comunità ebraiche completamente assimilate e integrate nella società maggioritaria e l antisemitismo è limitato solo a rari cenni. Tra i fondatori del fascismo ci sono cinque ebrei. Gli ebrei partecipano alla Marcia su Roma e tanti altri sono iscritti nel partito fascista. La situazione comincia a cambiare negli anni 30 dopo l avvento di Hitler al potere in Germania. All inizio si tratta solo di episodi dell antisemitismo limitati, ma con l avvicinamento della politica di Mussolini a quella hitleriana gli episodi di antisemitismo aumentano. Il radicale cambiamento da parte del governo fascista verso gli ebrei si può notare nel 1936 quando Mussolini dà istruzioni per un orientamento più filo-tedesco. Nello stesso tempo escono sui giornali i primi articoli razziali. La campagna di stampa contro gli ebrei va intensificandosi. Mussolini adatta le sue opinioni alle necessità della sua politica estera, soprattutto di quella con la Germania, il che culmina nel 1938 quando prima viene pubblicato il Manifesto della razza, in cui Mussolini sostiene che gli italiani sono una pura razza ariana e che gli ebrei sono pericolosi per il popolo italiano. Nell autunno dello stesso anno entrano in vigore le leggi antiebraiche. 7 Informazioni tratte da: Federico Chabod, L Italia contemporanea ( ), Einaudi, Torino, 1961; Rosetta Loy, Moji židovští sousedé, Academia, Praha, 2010; Volume miscellaneo Italia Judaica, Gli ebrei nell Italia unita , (Siena giugno 1989), Ministero per i beni culturali e ambientali, Atti del IV convegno internazionale, Ufficio centrale per i beni archivistici, Roma, 1993, (Pubblicazioni degli archivi di Stato, Saggi 26),: Pier Francesco Fumagalli, Ebrei e Cristiani in Italia dopo il 1870: antisemitismo e filosemitismo; Sergio Minerbi, I prodromi dell antisemitismo fascista nei documenti dell Archivio sionistico; Denis Mack Smith, L idea fascista della razza; Michele Sarfatti, Il censimento degli ebrei del 22 agosto 1938 nel quadro dell avvio della politica antiebraica di Mussolini; Fabio Levi, Per la storia degli ebrei in Italia dal 1938 al 1943: tipologia delle fonti al di fuori degli Archivi di Stato; Francesco Del Canuto, La soppressione della stampa ebraica in Italia e la sua ripresa ( ). 13

14 Secondo le leggi razziali viene dichiarato ebreo chiunque abbia i genitori ebrei nonostante egli pratichi una religione diversa; chiunque abbia un genitore ebreo e un genitore di nazionalità straniera e chiunque abbia un genitore ebreo e da solo pratichi la religione ebraica. L elenco delle proibizioni per gli ebrei è lungo. Mi limito a citarne solo alcune. È vietato loro: - di essere membri delle accademie, delle società e di ogni tipo di associazione; - di essere titolari di diversi tipi di agenzie; - lo studio in tutti i tipi di scuole frequentate da studenti non ebrei; - l insegnamento in tutti i tipi di scuole frequentate da studenti non ebrei; - la frequentazione delle biblioteche pubbliche, di avvenimenti culturali e sportivi; - di impiegare servitù ariana; - di essere proprietari terrieri, di fabbriche e di edifici; - di essere portieri nelle case abitate da ariani; - di esercitare diversi tipi di commercio; - la pubblicazione di avvisi mortuari e di pubblicità; - di sposarsi con una persona ariana. Escono sempre dei nuovi provvedimenti a svantaggio degli ebrei, i quali non possono essere impiegati nella maggior parte delle istituzioni, il che aggrava le loro condizioni di vita. Alcuni ebrei decidono di emigrare finché c è la possibilità. Con il passar del tempo tale possibilità diminuisce fino a diventare impossibile. Le mete dell emigrazione degli ebrei sono l America e la Palestina. Altri ebrei vivono sotto falso nome e cercano di nascondersi per non essere trovati, il che significherebbe a partire dal settembre 1943 la deportazione nei campi di concetramento. Durante la Seconda guerra mondiale la situazione degli ebrei va sempre peggiorando e solo con la liberazione le leggi razziali vengono abolite. 14

15 4. Trame delle opere 4.1. Cinque storie ferraresi Il libro comprende i cinque racconti seguenti: Lida Mantovani La protagonista del racconto è una giovane ragazza di nome Lida Mantovani. Lida che è incinta vive con il suo ragazzo David in via Mortara. Dopo il parto di Ireneo Lida capisce che David, il quale negli ultimi mesi era annoiato e scontento e non le rivolgeva quasi mai la parola, se ne va per sempre. All inizio Lida cerca di tirare avanti da sola ma i soldi lasciati da David stanno per finire. E così ella deve rassegnarsi all idea di tornare a casa della madre in via Salinguerra. Le due donne vivono e lavorano nella stessa casa. Passano le ore lavorando in silenzio o discorrono solo delle cose indifferenti, non parlano mai di David. Solo così può durare il loro accordo. Passa qualche anno e nelle vite delle donne entra Oreste Benetti, il quale possiede una bottega di legatore di libri in via Salinguerra: L improvvisa insistenza con cui egli cominciò a frequentarle la sera dopo cena, aveva un significato troppo chiaro, almeno per la madre, perché ella non ne fosse subito elettrizzata. Sì, Oreste Benetti veniva per Lida... Dopo tutto Lida era giovane, molto giovane... 8 E così Oreste prende l abitudine di recarsi ogni sera in visita alle due donne. Oreste parla di vari argomenti («di religione, di storia, di economia, lasciandosi anche andare a frequenti, amare allusioni alla politica anticattolica del governo.» 9 ) e Lida che siede di solito davanti a lui, lo ascolta attentamente: «Lida ascoltava con attenzione. Ed egli le era grato che sedesse lì, davanti a lui, così silenziosa, così composta, così attenta a corrispondere al suo segreto ideale femminile.» 10 8 Giorgio Bassani, Cinque storie ferraresi, Einaudi, Milano, 1956, p Ivi, p Ivi, p

16 Avviene che una sera del 1928 Oreste, che ha venti anni più di Lida, le chiede di sposarlo. Lida non gli risponde ma per Oreste è come se avesse già acconsentito. Oreste vuole molto bene a Ireneo. Si sente come il suo vero padre. Egli prende cura delle donne e dona loro molte cose utili, le quali aiutano a superare i momenti di difficoltà. L anno successivo la madre di Lida muore. Oreste e Lida si sposano e si trasferiscono in una casa nuova fuori Porta San Benedetto. Gli anni che seguono sono anni tranquilli e felici. Nella primavera del 1938 Oreste muore. Solo adesso Lida capisce che Oreste non era così felice come ella pensava: «Soltanto adesso che anche lui non era più che un ricordo, sapeva che no [non era felice], qualcosa gli era sempre mancato. Per anni, per tutti gli anni del loro matrimonio Oreste aveva desiderato un figlio suo, e lei non aveva saputo darglielo.» 11 Ma la morte ha prevenuto e impedito in lui ogni principio di disperazione La passeggiata prima di cena Il racconto si apre con la descrizione di una vecchia fotografia. Su essa viene raffigurato corso Giovecca verso la fine del XIX secolo, sul quale nel momento in cui il fotografo scatta l obiettivo cammina una ragazza cattolica di vent anni. Si chiama Gemma Brondi e lavora come infermiera all Ospedale Comunale. Gemma vive con la sua famiglia in una piccola casa a due passi dalle mura urbane: una bassa casa a due piani nella quale la famiglia Brondi, una famiglia di contadini di città, vive da diverse generazioni. La casa, una specie di fattoria, è posta a ridosso dei bastioni, separata da questi dalla stradetta polverosa che segue passo passo tutto lo sviluppo delle mura urbane, e in cui, svoltando bruscamente una cinquantina di metri oltre la Prospettiva, corso Giovecca va a finire. 12 Gemma viene corteggiata dal dottor Elia Corcos che l accompagna ogni sera a casa. Una sera il dottor Corcos si presenta nella casa di Gemma chiedendo al padre di lei la sua mano. In quel momento Gemma è già incinta. I due si sposano e vanno ad abitare in via Ghiara, dopodiché nascono i figli Jacopo e Ruben. Elia diventa Primario dell Ospedale Comunale e il medico personale della duchessa Costabili, che accompagna per le più rinomate stazioni climatiche europee. 11 Ivi, p Ivi, pp

17 Nel 1904 muore Ruben a causa di meningite. I Brondi vengono raramente a trovare Gemma e non entrano mai nella casa, tranne la sua sorella Luisa che invece ci va spesso e la casa diventa una sorta di rifugio per lei. Dopo la morte di Gemma nel 26, Luisa viene persino a convivere con Elia in qualità di governante di casa e ci rimane anche dopo la deportazione di Elia, avvenuta nell autunno del Una lapide in via Mazzini Il racconto narra la storia di Geo Josz, unico superstite di un gruppo di centottantatré ebrei ferraresi deportati dai tedeschi nell autunno del Geo ricomparisce a Ferrara nel 45, proprio nel momento in cui un muratore sta sistemando una lapide commemorativa con i centottantatré nomi degli ebrei, sulla facciata del Tempio israelitico. Tra i nomi appare anche quello di Geo. Geo, che veste un kolbak e sembra «gonfio d acqua, una specie di annegato» 13, non viene riconosciuto all inizio da nessuno. Geo riesce a riavere la casa di proprietà di suo padre in via Campofranco, la quale in quel momento è la sede dei partigiani. All inizio pare accontentarsi di una stanza sola: Era [...] una sorta di granaio posto in cima alla torre che sovrastava la casa, per raggiungere la quale occorreva superare non meno di cento gradini, e a cui, da ultimo, per mezzo di una tarlata scaletta di legno, si accedeva direttamente da un sottostante sgabuzzino una volta adibito a ripostiglio di comodo. 14 Geo non esce quasi mai di casa. Passa gran parte del giorno guardando il vasto paesaggio. Ma ogni tanto si fa vedere in via Mazzini, lungo corso Giovecca e al Caffè della Borsa in corso Roma, dove è solito raccontare dei tormentosi momenti vissuti a Buchenwald. All inizio tutti ascoltano senza stancarsi, pronti a rinunciare persino al pranzo. Un giorno Geo va a trovare insieme a Daniele un altro zio: Geremia Tabet. Geremia è l unico fascista che Geo riesce a sopportare. Geo vorrebbe riaprire il negozio di suo padre e perciò va da Geremia per chiedergli aiuto. Il tempo passa e Ferrara sembra riprendere fiato cercando di dimenticare gli avvenimenti spiacevoli degli ultimi anni. Un giorno però succede una cosa inaspettata, della quale si parlerà per molti anni. 13 Ivi, p Ivi, p

18 Geo Josz schiaffeggia un informatore dell O.V.R.A., il conte Lionello Scocca, incontrandolo in via Mazzini. Il motivo dell assalto non è ben chiaro. Tra la gente circolano più ipotesi sui motivi dell assalto. Da tale momento la presenza di Geo nei posti pubblici è per i cittadini ferraresi piuttosto ingombrante. Lui si fa vedere vestito nei panni che indossava nel giorno del suo ritorno, riparlando di Buchenwald. Nella mano ha sempre pronte le fotografie dei membri della famiglia, sterminati nelle camere a gas. Il racconto finisce con l improvvisa scomparsa di Geo Gli ultimi anni di Clelia Trotti Il racconto comincia nel 1946 con la descrizione del funerale della maestra socialista Clelia Trotti. Al funerale partecipano diversi personaggi, dalle donne del popolo «convocate a Ferrara fin dai più lontani villaggi della costa adriatica» 15, alle autorità. «Erano socialisti, comunisti, cattolici, liberali, azionisti, repubblicani storici, [...] alcune altre personalità non strettamente politiche.» 16 Il funerale assume quasi l atmosfera di una manifestazione popolare. Tra tutti questi personaggi c è anche un giovane ebreo, Bruno Lattes. Bruno e Clelia sono i veri protagonisti del presente racconto. La loro amicizia si stabilisce nel Bruno va a trovare l onorevole Bottecchiari per chiedere l indirizzo di Clelia. Viene mandato dal ciabattino, amico della maestra, Cesare Rovigatti che è uno dei pochi che sa dove sta la Trotti sorvegliata dal regime per la sua attività politica. Dopo aver ottenuto l indirizzo esatto della maestra Bruno si sofferma da Rovigatti per parlare di un infinità di cose. E così succede tutte le altre sere per molto tempo. Un giorno Bruno va a suonare il campanello della casa in cui vive Clelia Trotti sorvegliata dall O.V.R.A., ma è allontanato dalla sorella della Trotti. Ella si inventa delle scuse per impedire l incontro dei due: che la maestra non era in casa; [...] il giorno dopo, che la maestra stava facendo lezione e perciò non poteva ricevere nessuno; e, il successivo, che non stava bene; e l altro ancora che era partita per Bologna, [...] e così via per settimane e settimane Ivi, p Ivi, p Ivi, p

19 Un giorno però la porta gli viene aperta e Bruno finalmente conosce Clelia Trotti di persona. Si accorge subito che lei non aveva il minimo sentore della sua esistenza. Né sua sorella né Rovigatti le avevano mai parlato di lui. Bruno e Clelia si rivedono circa due mesi dopo quando ella viene a trovarlo nella scuola israelitica di via Vignatagliata, nella quale Bruno fa l insegnante. I loro appuntamenti diventano frequenti fino al giorno in cui un agente dell O.V.R.A. si presenta nella casa della Trotti. Da quel giorno cominciano a incontrarsi con meno frequenza in piazza della Certosa. Ed è proprio lì dove si vedono per l ultima volta. Bruno nel 1943 lascia Ferrara per Roma e successivamente per gli Stati Uniti Una notte del 43 Il protagonista del racconto è Pino Barilari che nel 1936 ha ereditato una delle migliori farmacie di Ferrara. Dopo la morte del padre prende il suo posto dietro il banco della farmacia e l anno successivo si sposa con Anna Repetto. Il loro imprevedibile matrimonio sorprende tutta la città. Nemmeno due anni dopo il matrimonio un improvvisa paralisi colpisce le gambe di Pino. Dal quel momento egli si vede tutto il giorno affacciato nella finestra della sua casa, che si trova sopra la farmacia, fissando ogni passante della strada sottostante. Pino trascorre i giorni risolvendo enigmi. Ma tutto cambia nell inverno del 43 quando sono fucilati gli undici cittadini ferraresi proprio di fronte alla finestra di Pino. La strage è la rappresaglia dei fascisti per l assassinio del Console fascista Bolognesi. Nell estate del 46 ha inizio il processo di presunti autori del massacro. Tra gli accusati c è anche Carlo Aretusi, soprannominato Sciagura. Pino Barilari è l unico testimone di cui Sciagura ha paura, perché è probabile che egli abbia visto il massacro dalla sua finestra. Quando Pino è interrogato, risponde alla Corte che dormiva, il che non è vero. Pino non ha solo visto la fucilazione degli undici cittadini inermi ma anche sua moglie che tornava da un convegno amoroso. Ammettendo di aver visto la strage, Pino dovrebbe parlare anche dell adulterio di sua moglie. Due anni dopo il processo, il quale vede tutti gli accusati liberati, Anna abbandona il marito. Pino riprende il suo posto davanti alla finestra «ma diventato aggressivo e ironico, adesso, con un binocolo da montagna sempre a portata di mano, implacabile nella funzione che pareva 19

20 essersi assunto di sorvegliante del passaggio lungo il marciapiede di fronte.» Le storie ferraresi Si tratta di una nuova edizione delle Cinque storie ferraresi, accresciuta di due racconti brevi - Il muro di cinta e In esilio - e di un romanzo breve, Gli occhiali d oro. Nel presente capitolo mi limito a narrare le storie dei racconti aggiunti Il muro di cinta Il racconto si apre con la descrizione del cimitero ebraico di Ferrara durante la cerimonia funebre per Celio Camaioli. Vengono menzionati i tratti somatici e le caratteristiche morali che hanno in comune tutti i Camaioli. Un ruolo particolare viene attribuito all erba frescamente falciata poiché collega il presente con un ricordo del passato. Il racconto si chiude con il ricordo di Girolamo che parla del funerale del nonno Benedetto avvenuto alcuni anni prima. Durante il funerale del nonno Girolamo viene attrato dall erba falciata che lo invita a correre. Girolamo inosservato cade e si sbuccia un ginocchio. Dopodiché la sua mamma viene a rimproverarlo ma alla fine gli fascia il ginocchio con il fazzoletto Gli occhiali d oro I protagonisti del presente romanzo sono il dottor Athos Fadigati, otorinolaringoiatra proveniente da Venezia e arrivato a Ferrara nel 19, e un giovane ebreo - l io narrante - che ha i tratti autobiografici dell autore e che diventerà il protagonista de Il giardino dei Finzi- Contini. In breve tempo Fadigati riesce ad aprire un magnifico ambulatorio privato ed è il «direttore del reparto orecchio-naso-gola del nuovo Arcispedale Sant Anna.» 19 Il suo ambulatorio viene visitato da tutte le buone famiglie di Ferrara: 18 Ivi, p Giorgio Bassani, Le storie ferraresi, Einaudi, Torino, 1960, p

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli