Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 26 gennaio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 26 gennaio 2011, ha adottato la seguente delibera:"

Transcript

1 Risoluzione sulla situazione degli Uffici Giudiziari di Reggio Calabria. (Risoluzione del 26 gennaio 2011) Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 26 gennaio 2011, ha adottato la seguente delibera: In seguito al grave attentato dinamitardo del 3 gennaio 2010, che aveva provocato il danneggiamento del fabbricato ove sono ubicati gli uffici della Procura generale presso la Corte di appello di Reggio Calabria, nella seduta di Plenum del successivo 11 gennaio 2010 numerosi componenti del Consiglio superiore della magistratura richiedevano al Comitato di Presidenza l apertura di una pratica in ordine alla situazione organizzativa degli uffici giudiziari del Distretto reggino. In quella sede, in particolare, veniva sottolineata la necessità di lanciare un segnale di solidarietà alla magistratura calabrese e di individuare gli interventi consiliari più opportuni per rafforzare la risposta giudiziaria a fronte di una forte domanda di giustizia, e ciò tenuto conto della peculiarità degli uffici giudiziari di tale regione, in particolare di quelli del settore giudicante. Autorizzata l apertura della pratica (n. 3/VV/2010), la Settima commissione di questo Consiglio evidenziava l opportunità di una visita presso gli Uffici giudiziari di Reggio Calabria al fine di acquisire diretti elementi di conoscenza, utili alla verifica e all approfondimento della situazione organizzativa, delle condizioni di direzione, delle eventuali disfunzioni dei predetti Uffici e delle relative cause. In data 22 gennaio 2010, la Settima commissione si recava presso gli Uffici giudiziari di Reggio Calabria per svolgere in quella sede la propria seduta. Partecipavano ai lavori il Presidente della Settima commissione dott. Cosimo Ferri, il VicePresidente della Commissione dott. Roberto Carrelli Palombi di Montrone, ed i componenti dott.ri Fiorella Pilato e Bernardo Petralia. La seduta aveva inizio, secondo la programmazione preventivata, alle ore 9,00 presso un aula della Corte di appello di Reggio Calabria. La Commissione procedeva all espletamento delle audizioni programmate, che avevano inizio con l esame del Dott., Presidente della Corte d appello di Reggio Calabria. Il Presidente dott. esordiva riferendo come il fenomeno della criminalità organizzata in Calabria fosse endemico, e come esso colpisse in modo particolare la città di Reggio Calabria. Aggiungeva poi, anche in ragione della recente iperproduttività della locale Procura della Repubblica, che una particolare situazione di sofferenza riguardava l Ufficio del Giudice delle Indagini Preliminari e dell Udienza preliminare. Riferiva, inoltre, della grave sofferenza del settore lavoro e della conseguente assegnazione alla relativa sezione d appello di due nuovi posti di consigliere al fine di evitare che le cause fossero rinviate oltre il 2017/2018. Evidenziava, infine, le difficoltà di gestione dei beni sequestrati alla ndrangheta, di valore ammontante a ben sette miliardi di euro. Il Procuratore Generale presso la Corte di appello di Reggio Calabria, dott., dopo aver dato conto delle indagini avviate a seguito del grave atto intimidatorio, segnalava le difficoltà del suo ufficio, ormai drammaticamente sottodimensionato rispetto all organico della Corte di appello, e la particolare sofferenza organizzativa, anche in ragione del numero di udienze alle quali i suoi sostituti dovevano partecipare. Il Presidente del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria, Avv., rappresentava la necessità di ridurre i tempi di copertura dei vuoti di organico determinati a seguito di trasferimento ed evidenziava la particolare difficoltà del settore civile, con oltre seimila procedenti pendenti in Corte di appello, ai quali dovevano aggiungersi circa settemila altri procedimenti di secondo grado di rito del lavoro. Segnalava la necessità di adottare prassi virtuose e, in sede politica, di addivenire ad una revisione delle circoscrizioni giudiziarie. Il Presidente del Tribunale di Sorveglianza, dott., riferiva della carenza di organico del suo ufficio, composto di un solo Presidente e di due giudici, pur avendo detto Tribunale competenza su un territorio ad alta densità criminale, con quattro istituti di pena e con un aumento delle

2 sopravvenienze superiore al 50% negli ultimi anni. Riferiva, poi, delle difficoltà di gestione legate al fatto che l Ufficio era ubicato in appartamenti privati, poco efficienti e per giunta non sottoposti ad idonea sorveglianza. Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, dott., segnalava il grande incremento del numero degli affari trattati, con particolare riferimento al settore dell azione civile, ed evidenziava l esistenza di gravi problemi legati alle situazioni di incompatibilità. Il Presidente del Tribunale di Locri, dott., rappresentava l esistenza di difficoltà organizzative derivanti dalla pendenza e dalla prossima trattazione di numerosi processi di Corte di Assise, caratterizzati da elevata complessità, quali quelli promossi a seguito dell omicidio del Vice- Presidente del Consiglio Regionale della Regione Calabria dott. o del c.d. eccidio di Duisburg. Riferiva, poi, della criticità del settore lavoro, con ben undicimila procedimenti pendenti e quasi settemila sopravvenienze l anno. Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Locri, dott., segnalava l elevato livello di criminalità presente nel territorio di sua competenza e rappresentava il disagio per le continue scoperture di organico legate ai trasferimenti di magistrati, con il decorso di un tempo eccessivo prima della nuova copertura. Il Presidente F.F. del Tribunale di Palmi, dott., segnalava le dimensioni del territorio di competenza dell Ufficio ed il numero elevato di procedimenti pendenti, dovuto anche al fatto che nel circondario ricade il Porto di Gioia Tauro, e riferiva che la pendenza si attestava ad oltre diciottomila cause nel solo settore civile, perlopiù di rito del lavoro. Chiedeva, inoltre, la revisione, da parte del Consiglio, della disciplina sull utilizzo dei GOT e segnalava l opportunità che alla predetta magistratura onoraria potessero esser assegnate le cause di previdenza. Sottolineava, pertanto, l opportunità di un aumento di organico in misura pari a due unità. Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, dott., segnalava la necessità di coprire rapidamente i vuoti di organico, anche tenuto conto del territorio di competenza, caratterizzato da alta densità mafiosa e della presenza del porto di Gioia Tauro, che di per sé solo dava origine ad una notevole mole di lavoro, costituendo, tra l altro, uno dei terminali della contraffazione internazionale di merci. Il Presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, dott., evidenziava i problemi legati alle incompatibilità e la necessità di ovviare agli stessi con continue applicazioni da altri uffici, anche tenendo conto delle ridotte dimensioni di organico. Il Presidente della Sezione GIP/GUP del Tribunale di Reggio Calabria, dott., sottolineava la situazione di grande sofferenza del suo ufficio, mai a pieno organico per i continui trasferimenti di magistrati e con pendenze di richieste di misura cautelare per un numero di circa sei/settecento persone soltanto per quel che riguardava i procedimenti di criminalità organizzata, e ciò anche in ragione dell incremento di produttività della locale Procura della Repubblica. Il Presidente della Prima Sezione penale della Corte di appello di Reggio Calabria, dott.ssa, rappresentava la situazione di grande difficoltà della sezione da lei diretta, soprattutto per il gran numero di maxi processi incardinati presso la sezione e della esiguità delle forze lavoro disponibili. Il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, dott., lamentava il sottodimensionamento di tutti gli uffici calabresi e rappresentava l avvenuto raddoppio del numero degli individui per cui era stata richiesta misura cautelare, dai 449 del 2007 (peraltro anno in cui si era verificata la strage di Duisburg, alla quale avevano fatto seguito numerosi arresti) ai 915 del Segnalava, ancora, che il numero di processi di DDA trattati dalla Procura reggina era pari a quello della Procura di Palermo, pur con un numero di addetti corrispondente alla metà. Aggiungeva, inoltre, che la lotta alla ndrangheta richiedeva, a differenza di quella contro diverse forme di criminalità organizzata, collaborazioni continue con altre procure e l espletamento di rogatorie estere. Riferiva, infine, delle difficoltà legate al numero elevato di udienze a cui si doveva presenziare in ragione dell avvenuto incremento del numero dei processi e richiedeva un aumento delle unità in organico. Il Presidente del Tribunale di Reggio Calabria, dott., rappresentava l esigenza di coprire le numerosissime scoperture del Tribunale, a cui si aggiungevano assenze per malattia e maternità.

3 Rappresentava, poi, l esistenza di una notevole mole di lavoro gravante sull ufficio GIP/GUP e la necessità di un adeguato aumento di organico perché, nonostante l elevata capacità di lavoro dimostrata dal personale assegnato a quel ufficio, le attuali dotazioni non consentivano di far fronte adeguatamente all incremento dei flussi. Riteneva necessaria la creazione di una sezione del riesame, peraltro impossibile senza un aumento di organico, e riferiva della gravissima situazione del settore civile, con incrementi preoccupanti delle pendenze e con dilatazione notevole dei tempi di definizione dei procedimenti. Insisteva, pertanto, per un incremento dei posti in organico e per la loro immediata copertura. A seguito della istruttoria disposta dalla Commissione, veniva dato impulso alla definizione di una procedura per l aumento di organico degli uffici giudiziari calabresi (pratica avente n. 5/PO/2010). Con delibera di Plenum del 3 febbraio 2010, infatti, nel formulare al Ministro della Giustizia il parere richiesto dall art. 10/2 della legge 24 marzo 1958 n. 195, il Consiglio superiore della magistratura riteneva congruo l aumento di due unità di organico presso la Procura generale della Corte di appello di Reggio Calabria e di altre due unità presso la Procura della Repubblica del locale Tribunale; considerava altresì necessario un aumento di quattro unità di organico per il Tribunale di Reggio Calabria e, infine, invitava il Ministro ad un ulteriore aumento di organico negli uffici giudiziari calabresi, di due unità per la Corte di appello di Reggio Calabria, di una unità per il Tribunale di Sorveglianza della stessa Città e di una unità per il Tribunale di Palmi. La pratica n. 5/PO/2010 si chiudeva, quindi, con delibera di Plenum di presa d atto dell avvenuto aumento di organico, operato dal Ministro della giustizia nei seguenti termini: due unità per la Procura generale presso la Corte di appello di Reggio Calabria, due unità per la Procura ordinaria presso il Tribunale di Reggio Calabria e, infine, due unità per il Tribunale di Reggio Calabria. Analoga richiesta di aumento di organico, presentata dal Presidente del Tribunale di sorveglianza di Reggio Calabria, generava la pratica n. 20/PO/2010, che veniva chiusa con delibera di presa d atto della richiesta di aumento formulata dal dirigente dell ufficio interessato e di trasmissione al Ministro della giustizia, in attesa di una eventuale richiesta di parere, che allo stato però non è stata formulata. In seguito al grave atto intimidatorio commesso il 25 agosto 2010 in pregiudizio del Procuratore generale della Corte di appello di Reggio Calabria, presso la cui abitazione era stato lasciato un ordigno che, esploso, aveva provocato gravi danneggiamenti, pervenivano al Consiglio superiore della magistratura due richieste di apertura pratica, formulate da alcuni componenti. In data 1 settembre 2010, il Comitato di Presidenza autorizzava l apertura di una pratica in Settima commissione (la n. 409/VV/2010), avente ad oggetto la richiesta di ricostituzione della Commissione Antimafia presso il Consiglio superiore della magistratura e la richiesta di procedere ad un monitoraggio sulla situazione degli uffici giudiziari di Reggio Calabria e l apertura di una pratica,ed assegnazione della stessa alla competente Commissione (Regolamento e Riforma), per la costituzione di un gruppo di lavoro avente ad oggetto l attività di competenza del Consiglio per il contrasto alla criminalità organizzata in tutte le regioni interessate al fenomeno. Il 20, 21 e 23 settembre 2010 la Settima commissione disponeva una nuova audizione dei dirigenti degli uffici giudiziari interessati. Il Procuratore Generale presso la corte di Appello di Reggio Calabria, dott., segnalava innanzitutto di avere posto, dopo il suo arrivo, maggiore attenzione rispetto ai suoi predecessori all andamento ed all esito dei processi trattati dai singoli sostituti. Rappresentava, inoltre, come la bomba del 3 gennaio 2010 fosse, a suo dire, in qualche modo da ricondurre alla sostituzione, operata dal predetto dirigente, di un sostituto procuratore generale in un processo per sei omicidi, in cui il difensore di uno degli imputati era un avvocato che risultava anche legale dello stesso sostituto. Riteneva, altresì, che qualche rilevanza potesse avere avuto il superamento di una pregressa prassi del medesimo sostituto procuratore generale di giungere a patteggiamenti in appello con pene assai modeste anche per reati di grande allarme sociale. Infine, rappresentava di avere completamente modificato l assetto dell ufficio sotto il profilo organizzativo.

4 Il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, dott., evidenziava i mutamenti organizzativi avvenuti nel proprio ufficio, con un incremento del numero dei sostituti addetti alla DDA ed alle misure di prevenzione. Rappresentava, poi, la necessità di avere ulteriori aumenti di organico e la copertura, il più celere possibile, dei posti previsti. Riferiva, infine, di non avere potuto richiedere in più occasioni applicazioni extradistrettuali, ostandovi il limite delle percentuali di scoperture di organico previsto dalla normativa secondaria di questo Consiglio. Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, dott., riferiva di avere trovato un ufficio particolarmente in crisi all atto del suo insediamento e di avere provveduto ad un totale riassetto organizzativo dello stesso, con particolare riferimento alla DDA. Chiariva, infine, quali fossero stati i criteri per l assegnazione del procedimento che riguardava l attentato a Reggio Calabria del 3 gennaio Il Presidente della Corte di appello di Reggio Calabria, dott., riferiva della difficoltà nel realizzare assetti organizzativi idonei all ufficio da lui diretto in presenza di una scopertura di organico quasi pari al 50% e precisava di non avere stilato alcun progetto organizzativo dal 2007, data della sua immissione in possesso. Riferiva, ancora, che nel settore civile i processi venivano rinviati per le conclusioni addirittura nel Lamentava, poi, di non avere ricevuto dalla Cancelleria del proprio ufficio i flussi concernenti le due sezioni penali della Corte. Aggiungeva di avere segnalato all ispettorato generale del Ministero tutti quei ritardi nel deposito delle sentenze che gli erano stati segnalati. Riferiva, infine, che la sezione lavoro della Corte di appello da lui presieduta era l unica sezione a pieno organico dell ufficio, ma che ciò nonostante aveva solo saltuariamente provveduto ad applicazioni dei giudici di detta sezione al settore penale, a ciò a suo dire ostando la disciplina ordinamentale. Tanto premesso, va osservato che le audizioni sopra riportate hanno evidenziato una situazione di grave difficoltà degli uffici giudiziari interessati. I dati acquisiti fanno emergere come gli uffici di primo grado, in virtù del continuo turn over, vedano la quasi totalità dell organico composto da magistrati agli inizi della carriera. Solo la Procura di Reggio Calabria, da questo punto di vista, si trova in una situazione leggermente migliore. Va segnalato che le rotazioni previste dalla normativa secondaria relativa alle DDA consentono che, nel settore ordinario e nel settore DDA, siano assegnati accanto ai magistrati più giovani altri magistrati di esperienza (con la possibile ulteriore conseguenza, però, che gli avvicendamenti in DDA possano dar luogo all impiego, presso tale articolazione, anche di magistrati con pochi anni di esperienza). Per quanto concerne gli uffici giudicanti, il maggior numero di magistrati in organico, unitamente alla previsione in pianta organica di più figure di semidirettivi accanto ai direttivi, consente una maggiore presenza di magistrati di esperienza oltre ai magistrati di prima nomina. In ogni caso, la percentuale di scopertura media del distretto, sia nel settore giudicante che in quello requirente, è più alta di quella nazionale (pari al 16,89 % per il settore giudicante ed al 20,63 % per il settore requirente, in luogo rispettivamente del 12,45% e 14,44% nazionale), e ciò costituisce fonte di inefficienza particolarmente significativa perché si verifica in un territorio ad altissima densità criminale mafiosa. Le audizioni effettuate, la documentazione agli atti e, in definitiva, tutta l attività istruttoria svolta dalla Settima commissione, consentono di ritenere acquisiti utili elementi di conoscenza in ordine alla efficienza della risposta della istituzione giudiziaria nel territorio calabrese e, in particolare, nel distretto di Reggio Calabria, dove è maggiormente avvertita la necessità di una forte presenza dello Stato e di una efficace ed efficiente azione di contrasto alla criminalità organizzata, la cui capacità di penetrazione è resa agevole dalla situazione economica precaria e dalla presenza di fasce di disagio sociale e di diffusa illegalità. Dalle audizioni di quasi tutti i magistrati convocati è sicuramente emersa una forte tensione morale e grandi motivazioni ideali nell esercizio delle rispettive funzioni, nonché la piena consapevolezza di operare in una situazione difficile, in condizioni di lavoro non assistite e sorrette da strutture e mezzi sufficienti e in una realtà sociale fortemente condizionata dalla criminalità organizzata.

5 In particolare, oltre al coraggioso impegno profuso da alcuni amministratori locali per il ripristino della legalità ed alle manifestazioni di reazione provenienti dalla società civile soprattutto in seguito a gravi fatti di sangue verificatisi in quei territori, il questa sede devono essere sottolineati i grandi contributi alla lotta alla criminalità dati dalle nuove dirigenze degli uffici requirenti della città di Reggio Calabria. Dalle audizioni è emersa, infatti, l opinione diffusa che la plausibile spiegazione dei gravi attentati del gennaio e dell agosto 2010 è da individuare proprio nell azione di contrasto intrapresa da detti uffici sul duplice versante del perseguimento delle consorterie mafiose e, soprattutto, dell aggressione ai patrimoni illeciti. La grande intensificazione impressa all attività d indagine sotto l esperto coordinamento della magistratura requirente se da un lato ha consentito di pervenire a risultati mai raggiunti nel contrasto alla criminalità organizzata operante in quei territori, dall altro ha però palesato la situazione di particolare sofferenza in cui versa l Ufficio G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria. In particolare, è emersa una elevata pendenza di richieste di misure cautelari giacenti presso detto ufficio e ciò nonostante il grandissimo sforzo profuso dai componenti della sezione GIP/GUP. Questo dato preoccupante è stato documentato dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, è stato confermato dal Presidente del Tribunale e sostanzialmente è stato ammesso dal dirigente dell Ufficio G.I.P. Pur dovendosi ancora una volta dare atto dell impegno e dello spirito di sacrificio dei magistrati addetti a quest ultimo Ufficio, chiamati ogni anno all adozione di provvedimenti restrittivi per centinaia di persone ed alla celebrazione di complesse udienze preliminari, che impegnano ancora più pesantemente il medesimo Ufficio, occorre rilevare come l organico della sezione GIP/GUP sia ormai gravemente sottodimensionato rispetto all incremento delle sopravvenienze. E stata pure rappresentata, pressoché in tutto il distretto, una particolare sofferenza del settore lavoro-previdenza, dovuta alla rilevante sopravvenienza annua di tali controversie. Merita, infine, di essere segnalata la situazione di particolare difficoltà organizzativa in cui versa la Corte di appello di Reggio Calabria. Detto Ufficio, infatti, non è ancora dotato di un programma organizzativo proveniente dal nuovo Presidente della Corte e, dall audizione del dirigente, è emerso che non è neppure conoscibile il reale dato statistico delle pendenze delle due sezioni penali. A tutto ciò si aggiunge il rilevante ritardo nel deposito delle sentenze dovuto all assenza, per pensionamento o per malattia, dei consiglieri relatori e la sorprendente mancata adozione, da parte del dirigente dell Ufficio, dei dovuti provvedimenti idonei a consentire il deposito di quelle motivazioni. Per quanto di competenza consiliare, nel corso delle audizioni è stata sollecitata la copertura dei posti vacanti. Sul punto il Consiglio superiore provvederà entro breve termine all adozione della relativa circolare destinata ad avviare le procedure di trasferimento, alle quali dovrà darsi corso garantendo che, pur in presenza delle attuali gravi scoperture d organico in Magistratura, la mobilità sia attuata in modo da assicurare l imprescindibile esigenza di copertura degli Uffici maggiormente esposti ed in modo da garantire la riduzione dei tempi per l espletamento dei relativi concorsi. Il Consiglio ha inoltre deliberato di procedere con criteri di priorità all esame ed alla trattazione di tutte le pratiche consiliari relative ai due distretti della Calabria ed è impegnato nella revisione dell attuale normativa secondaria sulla magistratura onoraria, in modo da consentire, nel rispetto dei limiti previsti dalla legge, l utilizzazione meno burocratica e più razionale di tale magistratura, anche al fine di liberare tutte le risorse disponibili per affrontare i procedimenti di maggior impegno. Su tale via si è già dato mandato alla S.T.O. di procedere ad una ricognizione e valutazione delle modalità di diffusione delle prassi già operanti presso diversi Uffici sul concreto impiego dei G.O.T..

6 Per far fronte alle sempre maggiori richieste di applicazioni extradistrettuali, il Consiglio ha disposto l apertura di tutte le pratiche pendenti e per le quali sussistono i presupposti previsti dalla vigente circolare. Al riguardo va segnalato che, presso il Tribunale di Reggio Calabria, è appena terminata, nel mese di dicembre 2010, un applicazione extradistrettuale che per il medesimo presso il medesimo Ufficio, è stata disposta una nuova applicazione, a partire dalla fine del mese di novembre E stato disposto, infine, per lo stesso Tribunale un interpello per un ulteriore posto in applicazione, in ordine al quale non sono ancora scaduti i termini per le dichiarazioni di disponibilità. Quanto all applicazione extradistrettuale alla Corte d appello reggina, una prima procedura è stata chiusa senza dichiarazioni di disponibilità al terzo interpello. Una seconda richiesta ha generato l apertura di una nuova pratica, per la quale è in corso di svolgimento la procedura di interpello. Per ampliare la possibilità del ricorso a detto istituto si è proceduto recentemente all abrogazione della circolare che prevedeva una percentuale di scopertura minima per gli uffici requirenti ed un differenziale di scopertura tra l ufficio richiedente e l ufficio da cui proveniva il magistrato che aveva offerto la sua disponibilità. Ciò ha consentito di riattivare la richiesta di applicazione di magistrati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, per la quale la Settima commissione, dopo l espletamento della relativa procedura, ha provveduto all applicazione di due magistrati, a partire dal mese di febbraio E stato poi riattivato l interpello per la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi e, in seguito alla disponibilità manifestata da un magistrato, si è dato corso immediatamente all applicazione extradistrettuale. Inoltre, è in fase di elaborazione presso la Settima commissione una proposta di modifica della circolare sulle applicazioni extradistrettuali, in modo da consentire, in situazioni eccezionali, la possibilità di addivenire ad una dichiarazione di disponibilità anche aperta, ovvero senza un termine finale per la presentazione delle stesse ed eventualmente per periodi inferiori al semestre, onde consentire l ampliamento della possibile platea di aspiranti. E poi in corso di discussione la revisione della disciplina tabellare prevista per le procedure di applicazione extradistrettuale d ufficio. Sempre per quanto riguarda gli ambiti di competenza della VII Commissione, all esito della attività istruttoria espletata, con riferimento specifico alla Corte di appello di Reggio Calabria, si è evidenziata una possibile irrazionalità nella suddivisione delle competenze delle due sezioni penali, apparendo sperequato, con probabili ricadute in termini di efficienza del servizio, il fatto che ad una sola di esse vengano attribuiti tutti i procedimenti di criminalità organizzata. Allo stesso modo non pare del tutto razionale la circostanza che la sezione lavoro, in condizioni di eccezionalità quali quelle riscontrate presso la Corte di appello, operi a pieno organico con due collegi fissi senza che alcuno dei componenti venga destinato in applicazione o in supplenza a funzioni di diversa natura, come previsto dal par della circolare sulla formazione delle tabelle degli uffici giudiziari per il triennio , laddove è previsto che: I magistrati assegnati a posti di organico di lavoro, di regola, non devono essere destinati in applicazione ovvero in supplenza a funzioni di diversa natura, salvo che ricorrano esigenze imprescindibili che devono essere indicate nei relativi provvedimenti. Sono state altresì avanzate richieste che rientrano nelle competenze esclusive del Ministro della giustizia, quale quella di un ulteriore aumento della pianta organica della Procura della Repubblica di Reggio Calabria e dell organico del Tribunale ordinario, con specifico riferimento all Ufficio GIP/GUP. Rileva, infine, il Consiglio che non è più rinviabile la previsione di meccanismi di avvicendamento dei magistrati che consentano di limitare al minimo la durata delle vacanze di fatto tramite un opportuno coordinamento temporale tra l assunzione in possesso del magistrato ivi trasferito o destinato e l assunzione in possesso nel nuovo ufficio di destinazione del magistrato che lascia il distretto.

7 Tanto premesso il Consiglio superiore della magistratura delibera l approvazione della presente risoluzione e la sua trasmissione: al Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia; al Ministro della giustizia; ai Capi degli Uffici Giudiziari di Reggio Calabria e Catanzaro, con richiesta di diffusione a tutti i magistrati; al Procuratore Nazionale Antimafia; ai Presidenti dei Consigli dell Ordine degli Avvocati dei distretti di Reggio Calabria e Catanzaro.

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

PREMESSO. <<5. Valutazione dei servizi prestati nelle sedi disagiate a seguito di assegnazione, trasferimento d'ufficio o applicazione.

PREMESSO. <<5. Valutazione dei servizi prestati nelle sedi disagiate a seguito di assegnazione, trasferimento d'ufficio o applicazione. Risoluzione in ordine alle modifiche alla legge 4 maggio 1998 n. 133, introdotte con D.L. 16 settembre 2008, n. 143, recante Interventi urgenti in materia di funzionalità del sistema giudiziario, in particolare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Circolare su applicazioni, supplenze, tabelle infradistrettuali e magistrati distrettuali. (Circolare n. P. n. 19197 del 27 luglio 1011- Delibera del 21 luglio 2011) Il Consiglio superiore della magistratura,

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 27 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 27 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Riformulazione dei modelli di rapporto del Capo dell Ufficio e di parere del Consiglio giudiziario allegati alla circolare n. P. 20691 dell 8 ottobre 2007 in materia di Nuovi criteri per la valutazione

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA:

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA: Dropbox/ 12.2.2014 X Formazione Decentrata /Convegno 337 bis CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA STRUTTURA TERRITORIALE DI FORMAZIONE DI MILANO Milano 12.2.2014 LE

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI Il presente articolato è stato depositato alla Camera dei Deputati in sede di audizione dalla dott.ssa Barbara Fabbrini.. TESTO DA EMENDARE PROPOSTA DI EMENDAMENTO

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como SERVIZIO AMMINISTRATIVO E CONTABILE N. 65 del 27-03-2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LA COMPILAZIONE E TRASMISSIONE MODELLO 770 - TRIENNIO FISCALE

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro bozza aggiornata al 30 dicembre 2006

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO e ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Via dei Portoghesi n. 12 - Roma All Ufficio

Dettagli

CAMERA PENALE IRPINA

CAMERA PENALE IRPINA -r, ' ~ t> ~:("~"J -, 't

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002)

DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002) DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002) Criteri per l'approvazione dei programmi e della proroga dei programmi per riorganizzazione e ristrutturazione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015)

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015) Atto di indirizzo alla VUS spa sul contenimento dei costi del personale in attuazione dell art. 18 comma 2 bis della legge n. 133 del 2008, come modificato dall art. 19 della l. 102/2009, dall art. 1 comma

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Originale DETERMINAZIONE N. 102 del 17/02/2015 AREA 4 - AMMINISTRAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio amministrazione del personale Oggetto:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Roma, 13 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. Art. 27 del DPR 29 settembre 1973, n. 600 Imputazione soggettiva dei redditi (utili

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 4/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio del 26 gennaio 2011, composta dai

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 19 febbraio 2014, n. 14 Disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 7 settembre 2012, n. 155, e 7 settembre 2012, n. 156,

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA,

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, DELIBERA N. 78/10/CIR Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, NELLA riunione della Commissione per le Infrastrutture e le Reti dell 11 novembre e, in particolare, nella

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Concorso in magistratura: valgono più le ragioni di spesa della difesa erariale o quelle di salute dell aspirante magistrato disabile? Divergenza di vedute fra Giudici amministrativi in sede cautelare»

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L.

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO EX ART. 73 D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, e ss.mm.) DECRETO N. 118/14 IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 O G G E T T O Riconoscimento debito fuori bilancio per la liquidazione delle

Dettagli

Nota depositata in CPOM in data 5.05.2011 della Rete dei CPO delle professioni legali, con la quale è stata formulata l'opportunità di una ricognizione volta a verificare se, anche sotto forma di convenzioni

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali Codice di autoregolamentazione dell esercizio dello sciopero e delle astensioni dalle attività giurisdizionali

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 giugno 2006 OGGETTO: Trattamento fiscale delle prestazioni rese da fondi integrativi di previdenza costituiti presso gli enti di cui

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura, ha approvato la seguente circolare concernente l argomento indicato in oggetto.

Il Consiglio Superiore della Magistratura, ha approvato la seguente circolare concernente l argomento indicato in oggetto. Organizzazione delle direzioni distrettuali antimafia. (Circolare n.2596 del 13 febbraio 1993 e successive modifiche) Il Consiglio Superiore della Magistratura, ha approvato la seguente circolare concernente

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI Prot. n. 405 Latina, 27 febbraio 2014 Ill.mo Dott. Giuseppe D Auria Presidente f.f. Tribunale di Latina E p.c. Gent.ma Dott.ssa Franca Battaglia Dirigente Amministrativo del Tribunale di Latina Oggetto:

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Deliberazione n. 15/2009/P

Deliberazione n. 15/2009/P Deliberazione n. 15/2009/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza del 30 luglio 2009 ******

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI

TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI TRIBUNALE DI GENOVA SEZIONE FAMIGLIA UFFICIO DEL GIUDICE TUTELARE 10 ANNI DI AMMINISTRAZIONI DI SOSTEGNO A GENOVA ANALISI STATISTICA DEI DATI CONSULTABILE SUL SITO DELL URP DI GENOVA AL SEGUENTE INDIRIZZO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA IL DIRETTORE DELL AGENZIA V IST A la determinazione direttoriale n. 31026 del 10 novembre 2011, e successive modifiche e integrazioni, con la quale sono stati formalizzati i criteri per il conferimento,

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio

Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio concordato tra il Presidente del Tribunale di Busto Arsizio Dott. Antonino Mazzeo Rinaldi, l Ufficio del Giudice per le indagini

Dettagli

NUMERO AFFARE 02926/2013

NUMERO AFFARE 02926/2013 Numero 03850/2013 e data 12/09/2013 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 luglio 2013 NUMERO AFFARE 02926/2013 OGGETTO:

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2015 2017 1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione. La trasparenza costituisce strumento di prevenzione e contrasto

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3542 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori TAPPARO, FASSONE, BETTAMIO, BRIGNONE, DE ZULUETA, DONDEYNAZ, GUBERT, MAGNALBÒ,

Dettagli

1rR][BlUNALE :DI MODENA

1rR][BlUNALE :DI MODENA 1rR][BlUNALE :DI MODENA -----------------------------_---=...:. Decreto n. 3~ _ Il Presidente del Tribunale Premesso: che nella Seconda Sezione civile, sottosezione ordinaria, è attualmente in vigore la

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4180 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CÒ e CRIPPA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 LUGLIO 1999 Nuove

Dettagli

Comune di Fai della Paganella PROVINCIA DI TRENTO

Comune di Fai della Paganella PROVINCIA DI TRENTO COPIA Comune di Fai della Paganella PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 46 del Consiglio Comunale Adunanza di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA OSSERVAZIONI E COMMENTI AL DOCUMENTO SOTTOPOSTO A PUBBLICA CONSULTAZIONE Iscrizione/cancellazione relative

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 22/10/2013 Numero 87 Supplemento

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL UNICO ARGOMENTO DI PARTE STRAORDINARIA Modificazione della clausola in materia di requisiti di onorabilità e connesse cause di ineleggibilità e decadenza

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.2 del 02/03/2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 30.04.2013

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 30.04.2013 Credito Emiliano SpA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 30.04.2013 PROPOSTA DEL COLLEGIO SINDACALE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI REVISIONE LEGALE DEI CONTI PER GLI ESERCIZI 2014 2022 PUNTO

Dettagli

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno:

Assemblea Ordinaria del 26 27 Aprile 2010. Relazione illustrativa degli Amministratori sul punto 1 dell ordine del giorno: PIERREL S.p.A. Sede legale in Milano, Via Giovanni Lanza 3 - Capitale sociale Euro 14.420.000,00 i.v. - Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 04920860964 Relazione

Dettagli

DELIBERAZIONE ASSEMBLEA N. 16 dd. 24 settembre 2012

DELIBERAZIONE ASSEMBLEA N. 16 dd. 24 settembre 2012 DELIBERAZIONE ASSEMBLEA N. 16 dd. 24 settembre 2012 Oggetto: assestamento al bilancio di previsione anno 2012 Il Relatore riferisce che: Le previsioni iniziali di entrata e di spesa contenute nel bilancio

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli