Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica»"

Transcript

1 Copertina di Daniele Chiarella Michelangelo Bertuglia Editore per l associazione Culturale «Parole & Musica» ASSOCIAZIONE CULTURALE Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica» Direttore editoriale: Dario De Vecchis Via Diaz Borgaro Torinese Edizioni «Parole & Musica» ISBN

2 .

3 Daniele Chiarella Guerrino Babbini Armando Cossa ofm LA TERRA DEI GAMBERI I SENTIERI DEI BALANTA Edizioni «Parole & Musica»

4

5 SCRIVONO QUELLO CHE HANNO VISTO CON I LORO OCCHI Chi consuma, si consuma c è scritto su una colonna di una delle vie più chic di Torino. L ho letta, guardata e rimirata, ho pensato a Pantagruel, alle parole opulenza, spreco, ricchezza del nostro grigio mondo degli inclusi e mi sono detto che questo era l incipit ideale per la prefazione di questo libro che sta dalla parte degli esclusi. C è infatti chi non consuma e pensa che chi lo fa Ci consuma. Un libro frutto della convinzione che l uomo non è un consumatore ma un cittadino, con una certa idea del significato della parola valore e perché piace pensare che un Mondo diverso sia possibile. Strano ho usato il congiuntivo mentre credo che si possa scrivere E POSSIBILE. Già lo si può affermare anche di questo libro che contiene reali e belle testimonianze scritte e assemblate da buoni compagni di viaggio. Ho imparato a conoscere in questi anni Daniele, Guerrino, Luigi e Michelangelo e spero lo diventi con il tempo anche frate Armando, laicamente si intende! Sono compagni di viaggio che sanno mettersi in gioco e che non si fanno problemi basta una buona idea. Questo libro è una buona idea! Chi si appresta alla sua lettura non stia a guardare lo stile. Tutti quelli che hanno progettato questo di libri ne hanno letti a centinaia e sanno anche scriverne. Con questa scelta editoriale voluta dalla nostra piccola casa editrice hanno voluto dare le gambe ad un progetto, dei tanti messi in campo nelle loro brevi o lunghe vite, che è anche un messaggio di passione, d amore e anche di speranza. Roba da far scoppiare le vene ma che non li spaventa. Si sono stretti le mani e hanno detto scriviamo quello che abbiamo visto con i nostri occhi, quello che abbiamo provato e quello che possiamo costruire per l Africa. Già costruire per l Africa! Un obiettivo che I

6 per Daniele il nostro Re del Freak n Roll tornato dal Camerun, dove ha fatto conoscere la canzone d autore italiana e suonato con bravi musicisti locali, è diventato un chiodo fisso. Raccogliere fondi per comprare strumenti e donarli ai musicisti camerunesi per aprire scuole di musica ma non solo. La musica unisce i popoli e poi come pensavo qualche giorno fa di ritorno da uno splendido concerto di Enrico Rava dove era presente Mr. Marchionne meglio l estetica della musica che quella del lavoro che come ricordava Demetrio Stratos è lo spettacolo della merce umana. Merce umana quello che per secoli sono stati i popoli dell Africa, oppressi prima dallo schiavismo e dal colonialismo e ora da quella idea del liberalismo che passa per la parolina magica: globalizzazione. Quando Guerrino leggerà queste frasi penserà sei sempre il solito uomo di sinistra e terzomondista. Beh non sbaglia ma anche se non sono mai stato in Africa con lui ci sono stato leggendo e apprezzando quello che lui e i suoi amici di Abalalite hanno costruito in Guinea insieme alla gente di quegli splenditi luoghi. Lo sa bene frate Armando che ci fa comprendere al meglio le tradizioni dei Balanta Brasa. Una volta nella mia vita farò un viaggio in Africa lo spero. Intanto però penso che sia giusto costruire anche da qui nella nostra società, nella nostra quotidianità dei pezzi d Africa come abbiamo fatto negli anni passati con Michelangelo e la nostra associazione Parole e Musica onlus in Senegal abbracciando un progetto di turismo responsabile. Come abbiamo fatto nel nostro territorio per anni aiutando il sogno e la volontà di un caparbio pediatra Costanzo Bellando, il nostro Chicco, ad appoggiare NutriAid nel martoriato Ruanda. Questo libro vuole collegare tutti questi impegni alcuni costruiti, altri in costruzione, altri pensati e da realizzare. Chi acquisterà questo libro (ora divento un bieco mercante!) contribuirà a queste idee e progetti in Guinea e in Camerun. Non tragga poi in inganno la prima parte del titolo La II

7 terra dei Gamberi non vogliamo arretrare anzi la nostra volontà è quella di camminare fianco a fianco a queste popolazioni con reciproca dignità e di rispetto. Odio gli indifferenti: Credo che vivere voglia dire essere partigiani.. scriveva Gramsci in un bell articolo di tanti anni fa. Ci sono cresciuto con queste parole continuo ancora a crederci anche perché intorno a me ho sempre trovato buone compagne e compagni di viaggio e per non dimenticare la frase iniziale Chi consuma, si consuma! Dario De Vecchis III

8

9 Daniele Chiarella LA TERRA DEI GAMBERI Nel XV secolo alcuni esploratori portoghesi raggiunsero le verdi coste di una terra lussurreggiante. Estasiati dalla straordinaria pescosità di gamberi lungo una via fluviale interna decisero di chiamare quel posto Rio dos Camaroes («Fiume dei Gamberi»): il nome Cameroun deriva di lì... 1

10 2

11 la terra dei gamberi 13-set-2010 ore 7.17 Buongiorno. Sono storica dell arte (e socia coop...) e faccio ricerca e insegno presso l Università di Dschang in Cameroun, dove molti studenti imparano l italiano. Per la settimana della lingua italiana di fine ottobre dal tema porta parola-ambasciatori in musica della lingua italiana sto cercando uno o più esperti che adoperano la musica come strumento di dialogo più immediato, disposti a intervenire per una lezione sul tema presso l Università africana, retribuita e con alloggio, ma disposti anche a pagarsi il viaggio (500 euro circa). Riconosco la difficile realizzazione della proposta, ma confido in una vostra risposta e nei vostri suggerimenti. Giuliana 26-set-2010 ore Buongiorno Giuliana, mi chiamo Daniele Chiarella e faccio parte del gruppo musicale FANALI DI SCORTA, la sua proposta è interessante e mi piacerebbe discuterla con lei se possibile e se per voi va bene. Le allego alcune informazioni sul mio gruppo. Saluti Daniele Chiarella Non l ho neanche detto a mia moglie, ma tanto non c è pericolo: figurati quanta gente vorrà andare squilla il telefono: Ciao Daniele sono Giuliana!. Mi convince, andrò in Cameroun, la sera torno a casa e confesso tutto. Accendiamo il computer e andiamo sul sito ufficiale, vero e proprio bugiardino con tanto di avvertenze: - circolare con la massima cautela nelle ore serali, evitando comunque spostamenti a piedi soprattutto nelle città di Yaoundé e 3

12 la terra dei gamberi Douala - non mettersi in viaggio nelle ore serali e notturne - viaggiare di giorno e in compagnia - non opporre resistenza agli aggressori, etc - il paese è classificato zona 3 ad alto rischio malarico: si consiglia, previo parere medico, la profilassi antimalarica prima della partenza e dopo il rientro in Italia. - si consigliano, inoltre, previo parere medico le vaccinazioni contro: tifo, epatite A e B. - si sono altresì verificati tre casi di febbre gialla con decesso - si consiglia di: evitare cibi crudi, verdure non trattate; bere acqua in bottiglia senza l aggiunta di ghiaccio; consumare, a titolo cautelativo, carne e uova di volatili solo se ben cotte e di evitare ogni forma di contatto diretto con volatili e pollame. C è anche un video bellissimo che mostra una jeep che arranca su un improponibile strada sterrata tra Douala e Dschang: proprio il mio tragitto Chiudo tutto e rinuncio. Giuliana, mi spiace la proposta era veramente allettante, ma il viaggio è troppo caro: non posso venire. Ma a quanto pare ormai il Camerun mi ha già accalappiato, Giuliana non mi molla e riesce a coinvolgere anche l ambasciata italiana che si offre di rimborsarmi il biglietto di andata e ritorno in cambio di un concerto al Yaoundé Jazz Festival!!! Parto il 25 Ottobre. A Torino ci sono 3 gradi e io ho almeno 3 maglie sotto la giacca. All aeroporto incontro Silvia, lei si tratterrà un mese: ha scelto di fare un dottorato per analizzare le differenze tra il protettorato francese e quello inglese ci siamo sentiti già un paio di volte al telefono ed è più agitata di me per fortuna. Non so quello che mi attende, è stupido, ma mi sento come un 4

13 la terra dei gamberi astronauta in viaggio per Marte. Le cose che ho letto, l entusiasmo delle persone intorno a me, le preoccupazioni di mia moglie: per la prima volta, forse, ho la sensazione di andare incontro a qualcosa di sconosciuto ma è sempre mondo penso... Arriviamo a Douala a mezzanotte e i finestrini dell aereo si appannano. Mando avanti Silvia, ho paura che l aria umida mi tolga il fiato, anche lei ma dalla scaletta mi sorride e mi fa cenno di uscire e poi tanto non ho alternative. Ci sono 30 gradi, e l asfalto è completamente bagnato, più tardi scopriremo a causa di un acquazzone, le nostre preoccupazioni sono infondate: si respira! Bienvenue en Cameroun mon ami. Andiamo a recuperare i bagagli. È banale ma son tutti neri e mi sento come un bersaglio sul poligono di tiro. Si fa avanti un bianco con fare deciso, strappa la mia valigia dalle mani di un portantino e dissolve il capannello che ci si stava creando intorno: Daniele?, SI!. Sembra quasi la riedizione dell incontro tra Stanley e Livingstone È Mauro, il console di Douala che ci è venuto ad accogliere. Fuori ci aspetta Giuliana accompagnata da 2 amici: è alta e a quanto pare a suo agio in una situazione che io non riesco a decifrare. Ci dividiamo, io andrò a dormire a casa di Mauro. Salgo sul fuoristrada, la città e buia ma non troppo. Il primo semaforo è rosso. E meglio non fermarsi di notte! Cerco di stare tranquillo perché manca una settimana al ritorno. La mattina dopo ci svegliamo presto abbiamo un appuntamento 5

14 la terra dei gamberi in una televisione locale. Le vie brulicano di gente, ci sono tantissime macchine: è una situazione vivibile. Arriviamo in centro, le strade sono buone, le donne hanno i capelli colorati di viola, giallo e qualsiasi altra sfumatura improbabile. Mauro scosta con fare deciso un ragazzino un po invadente e ci ritroviamo su un ascensore che ho l impressione non sia mai stato revisionato: sarebbe ridicolo accadesse qualcosa ora! Ecco le case ci sono, ma l incuria è totale; alcuni palazzi sono anche affascinanti, ma preferiscono lasciarli cadere in pezzi per poi costruirne dei nuovi. L impressione è che le cose vadano avanti per inerzia e senza che nessuno se ne preoccupi troppo. Sbrigata in fretta la pratica con una breve intervista e una canzone per promuovere il mio spettacolo serale al Centro Culturale Francese, torniamo a casa per un petit déjeuner. Faccio subito un altra scoperta che poi avrò modo di confermare altre volte durante il mio soggiorno: la maggior parte degli europei, i bianchi, vivono un po in disparte: hanno domestici autoctoni e case protette, come i grandi signori medioevali che banchettavano nei castelli circondati da profondi fossati mentre intorno il popolo annaspava. Possibile che i neri non siano uguali nemmeno a casa loro? Qui le disparità sono ancora più accentuate: il 90% della popolazione vive in condizioni appena al di sopra della soglia di sopravvivenza. Douala è enorme, anzi è un enorme bidonville. Case, più che altro baracche con tetti in lamiera che si estendono su un terreno fangoso e ondulato interrotte qua e là da qualche edificio coloniale. Come se volesse somigliare ad una metropoli europea ma non ne avesse le possibilità. Il traffico è vivace, Napoli docet, e colorato. Non ci sono regole né precedenze, ma tantissime moto scolorite. Lontani dal centro l asfalto svanisce così come il senso 6

15 la terra dei gamberi estetico. Non capisco: nella loro dignitosa povertà un muro o una lamiera colorata a me infonderebbero speranza, sollievo, serenità, un senso di pulizia, di fiducia in un miglioramento ma sono un europeo e i loro volti non sembrano così infelici Il sorriso è ovunque, incredibile! La pacatezza anche. Si percepisce una certa atmosfera tranquilla e rilassata mentre camminano, parlano e trafficano in un enorme suk impolverato. Resto per qualche oretta in casa ad aspettare Mauro che è uscito per sbrigare qualche commissione ed inizio a familiarizzare con l attesa. Non si può, o almeno è sconsigliato, uscire non accompagnati. Attendo la mia guida strimpellando e ripassando i brani che dovrò eseguire la sera. Verso mezzogiorno arriviamo al Centro Culturale Francese dove mi attende un batterista. Il posto è stupendo. Un teatrino da 200 posti molto raccolto. Mi siedo ed inizio a suonare, l intesa è perfetta e Aoussa, il batteur, è preparatissimo: io suono Volare di Modugno e lui ci piazza sotto un ritmo africano: sarà un gran concerto! Visto che c è tiriamo dentro anche il suo maestro come rumorista-percussionista. Ci raggiungono Giuliana e Silvia che non è riuscita a chiudere occhio. Il console ci invita a pranzo a casa sua. Torniamo passando vicino al porto e tra i vari montacarichi e cargo leggo Grimaldi, Costa!!! Ma non sono quelli delle navi da crociera?, Certo, risponde Mauro, ma quella è la parte più piccola del loro business. La sera il teatro si riempie abbastanza velocemente, c è anche l ambasciatore, venuto da Yaoundé con la moglie. È giovane e simpatico: lo ringrazio. Partiamo dopo una breve presentazione. Il pubblico è misto, Italiani emigrati e giovani camerunensi. Mi 7

16 la terra dei gamberi esprimo in un francese maccheronico con l aiuto di qualche spettatore, ci divertiamo tutti. La gente batte le mani e canta. Faccio qualche pezzo mio mischiato ai grandi classici. Attacco Il ragazzo della Via Gluck e con gran stupore tutti la cantano in francese! Finiamo con Volare che viene ancora meglio delle prove, mi rotolo sul palco e raccolgo applausi: Nemo propheta in patria (vuoi vedere che è vero!). La mattina dopo mi sveglio alle 5. L appuntamento con Giuliana e Silvia è alle 8: ci aspetta un lungo viaggio in pulmino verso Dschang. Non è previdenza, ho la nausea! Qualche hanno fa al ritorno da una stagione come animatore turistico in Tunisia ho perso 10 Kg a causa di una dissenteria che mi ha attanagliato per 3 settimane, questa volta speravo proprio di evitarla. Non è così perché nonostante tutte le raccomandazioni mi sono lavato i denti con l acqua del rubinetto! Per fortuna ho l Imodium. Si sveglia Mauro, io sono a pezzi. Mi fa bere un intruglio disgustoso e mi dice: Andiamo? Come andiamo?! Non sono in condizione di viaggiare! Mi sento uno straccio, ho lo stomaco che brontola e in gola una sensazione acida. L Africa è anche questo! Non approvo, ma lo seguo. Giuliana e Silvia, appena mi vedono sono dispiaciute e si preoccupano come due mamme: mi sento un po confortato. Troviamo posto su un pulmino per Dschang parcheggiato in una piazza trafficata di mercanti e mercanzie di ogni genere: sono le 8

17 la terra dei gamberi 8 e mezza. Fa caldo. Ci sediamo in fondo, siamo in 5 su un sedile di pelle lacerata da 4. Mi metto al finestrino per prendere un po d aria che non c è: in compenso mi sorbisco il gas di scarico dell automezzo vicino e il via vai di venditori che cercano di piazzare di tutto dalle banane ai fazzoletti di carta. Cerco di rifiutare cortesemente e non vomitare tanto la partenza è imminente. Ma la regola è che fin quando non è pieno non si parte: fortuna che ci sono solo 20 posti! Mentre soffro e penso di morire la gente sale e scende a ripetizione incurante dell attesa. Il nostro mezzo è una specie di Bedford per il trasporto di persone: vecchio e logoro, ma questo non mi spaventa. Quando partiamo è quasi mezzogiorno e io ringrazio il cielo. Dopo 10 metri siam già fermi per il rifornimento! Ma come?! Abbiamo aspettato 4 ore!...non potevano Va beh cerco di prenderla con filosofia. Sale un venditore e appoggiato alle porte a soffietto inizia a declamare le virtù curative e afrodisiache dei suoi prodotti: la gente ride e compra. È incredibile! Il poco denaro che hanno gira ad una velocità impressionante. Acquistano senza sosta e chiunque vende: anche solo una buccia di banana. Sono tutti piccoli imprenditori pazienti. È una forma di socialismo, si aiutano a vicenda così nessuno muore di fame. Il viaggio è lungo e le soste innumerevoli. La strada non è sempre asfaltata, ma l autista pigia sull acceleratore come un ossesso: mi han detto che gli incidenti con morti son frequenti, ma al momento ho altre preoccupazioni. I villaggi sono baracche ai lati della strada, i bambini scorrazzano liberi ovunque. La gente va a piedi. Alcuni sono seduti sull uscio di casa. Ad ogni sosta siamo assaliti dai venditori che si accalcano ai finestrini: l acqua in bustine di plastica va alla grande Lo Lo Lo Lo, solo a fine giornata capisco: l eau, l acqua. Tutti urlano e riprende il commercio selvaggio. Si riparte di 9

18 la terra dei gamberi colpo ed ci corrono dietro per lanciarci il resto. Ci fermiamo spesse volte ai vari posti di blocco della polizia per la tassazione più obbligatoria che facoltativa. Tra un pezzo di banana, alla quale abbiamo rimosso le estremità dove si annidano la maggior parte dei batteri, e qualche fetta di pane vanigliato comincio a rinsavire mentre il Camerun scorre umile e silenzioso sotto i miei occhi. Sono scene viste mille volte in televisione, ma essere qui ora è veramente diverso. Non riesco a spiegarlo esaustivamente. Qui non ho il cuscino del divano sotto il sedere: non posso cambiar canale e non posso nemmeno scappare e rifugiarmi in un luogo pulito e ordinato. Tutto è miseria, ma miseria onorevole. Non ci sono servizi, alcune case stanno su per miracolo, con i muri di legno in bilico come la Torre di Pisa, retaggio dei forti venti durante la stagione delle piogge. Tutto è terra rossiccia che ti si appiccica alle scarpe e ai vestiti. E forse è proprio questa terra che rende tutto più disordinato, meno uniforme, non piallato come le nostre strade perfettamente plasmate da asfalto e marciapiedi. Tutto appare lasciato al caso e le persone si muovono leggere in questa indigenza e a tratti mi sembrano quasi felici: non hanno niente e comunque non sono tristi. Giuliana è una Cicerone appassionato, si sente che il Camerun le è entrato dentro e lei lo odia e lo ama con la stessa veemenza. Ci spiega tutto, racconta e ci immerge sempre più in questo gorgo che affascina menando fendenti allo stomaco. Io e Silvia ascoltiamo e non possiamo difenderci. Mi sento piccolo, insignificante. Qui nella zona rurale lontano dalla città che vuole essere europea, ho il primo assaggio di questo paese spaventosamente meraviglioso. Non ho scelta: mi devo adattare. Qui vivono tutto l anno scalzi, fa caldo, bisogna sopravvivere e cercare di stare bene: i dottori sono pochi e molti si affidano alla medicina tradizionale come dicono loro. L igiene 10

19 la terra dei gamberi scarseggia. Non mi sento bene e mi sono imbarcato in un viaggio di 7 ore su un pulmino zeppo che attraversa la foresta pluviale. Ad ogni sobbalzo l intestino si contorce, la nausea torna a folate, ma devo resistere e convivere con questa mia debolezza: non c è la mutua! L Africa è anche questo!, ora comincio a capire. Mi han detto di bere tanto per reidratarmi e così mi son portato dietro una bottiglia d acqua da 2 litri e l ho quasi finita. Dopo ore seduto ad aspettare e forse anche per spossatezza avverto un urgenza impellente. Cerco di farmi sentire dall autista, i finestrini abbassati non aiutano. Per fortuna mi vengono incontro i miei compagni di viaggio, per lo più donne con bambini piccoli rimpinzati di cibo ad ogni sosta. Il conducente arresta leggermente indispettito la sua folle corsa. Ora che il nostro mini autobus è pieno è impossibile cercare di scendere: i sedili son stati tutti richiusi a formare file uniformi e dovrei scavalcare o mobilitare praticamente tutti. Non ci penso un attimo: spalanco il vetro e balzo fuori dal finestrino tra le risate generali. Rientro dalla stessa parte ringraziando e spiegando che non sono nelle migliori condizioni: ma ora mi sento sollevato. Pian piano il paesaggio comincia a variare, il verde già intenso diventa ancor più carico e la strada prende a salire. Abbiam già lasciato sul percorso parecchie persone con il loro carico. Chi si era portato delle credenze di legno, chi era andato in città per acquistare tutto il necessario per aprirsi un negozio di parrucchiere Il bello è che tutta questa mole di roba era stata caricata e legata sulle nostre teste tanto che il pulmino era diventato più lungo che largo. A far compagnia a tutti quei bagagli era finita anche la mia chitarra Ci dirigiamo verso Dschang, il capoluogo del Dipartimento di Menoua. L asfalto è nuovo e la carreggiata ampia. Più saliamo 11

20 la terra dei gamberi più sento un atmosfera familiare: c è anche qualche guard-rail! Mi sento a casa, vedo le curve che portano ad Alpette con l aria che man mano di rinfresca e sto decisamente meglio. Quando arriviamo, voglio solo buttarmi su un letto e sperare di risvegliarmi la mattina dopo guarito. Ci viene a recuperare al deposito degli autobus uno chauffeur mandato dall Università, facendosi strada tra manghi e galline. Arriviamo ballonzolando tra le buche all Hotel, qui gli ammortizzatori delle macchine son messi a dura prova. Non c è un automobile che non abbia come minimo un graffio o della ruggine sulla carrozzeria, senza parlare dei paraurti e dei vetri. Non riesco nemmeno a cenare: mi chiudo in camera e attendo l arrivo del mattino. In Camerun, trovandosi vicino all equatore, le giornate hanno sempre la stessa durata: il sole sorge alle 6 e tramonta alle 18. La sera arriva presto e con la poca illuminazione presente al di fuori delle città non rimane granché da fare. Mi sveglio l indomani pensando di stare meglio e Giuliana viene a recuperare me e Silvia per portarci all Università. Inizialmente avrei dovuto fermarmi 3 giorni a Dschang e tenere incontri e lezioni con gli studenti di italiano sulla musica cantautorale nostrana corredati anche dalla proiezione di pellicole a tema. Poi i sopraggiunti impegni concertistici concordati con l ambasciata hanno stravolto totalmente i programmi. Ma va bene lo stesso. Cerco di vincere la mia debolezza intestinale e mi trascino a forza dietro le mie vivaci mammine. Mi rendo subito conto di essere in un luogo diverso dal resto del paese che ho avuto modo di conoscere fino ad ora. L Università ha un grosso cancello ferrato stile Campus Americano, edifici bassi dal colore marroncino e finestre senza vetri per la maggior parte. Ci sono tantissimi giovani ben vestiti. C è un via vai infinito: sciami di ragazzi dediti allo stu- 12

21 la terra dei gamberi dio come nei nostri migliori atenei. Anche gli ambienti e i locali sono più puliti: è proprio un oasi quasi europea. La breve salita che conduce all ingresso prima della cancellata è costellata di locali aperti ai bordi della strada dove si possono acquistare bevande e fare fotocopie oltre a ricaricare i cellulari (oggetti diffusissimi in Camerun). Siamo i soli bianchi in giro, ma nessuno sembra dargli troppa importanza e anche questa è una novità. Incontro finalmente Colbert, il coordinatore dei corsi della facoltà di lingua italiana, uno dei maggiori responsabili della mia esperienza africana. È un ragazzo pressappoco della mia età, affabile ed elegante. Ha modi gentili e si intuisce dagli occhi un carattere fiero: entriamo subito in sintonia. Ci mostra il salone addobbato dove nel pomeriggio si terrà la cerimonia alla presenza del Rettore e dell Ambasciatore e dove anch io dovrò esibirmi: inizio a preoccuparmi un po. Poi ci conduce a conoscere il Preside della Facoltà di Lettere che ci tributa una cordiale ospitalità. Nel primo pomeriggio arriva l Ambasciatore d Italia. L accoglienza è calorosissima. Due gruppi di danzatori, uno in abiti tradizionali, si fronteggiano muovendosi vorticosamente a ritmo di tamburi e fiati contrapposti: è un spettacolo. Gli studenti si accalcano applaudendo in un atmosfera di festa collettiva e anche noi ne siamo entusiasticamente coinvolti. L ambasciatore e la moglie ci scorgono tra la folla, effettivamente il nostro pallore risalta, e ci vengono incontro amichevolmente. D un tratto si scatena un acquazzone torrenziale. Ripariamo frettolosamente nella sala della cerimonia gremita come l occasione richiede. Vari discorsi istituzionali da un palco bardato di un enorme drappo verde e poi via verso il luculliano banchetto. Non mangio niente, fra poco dovrò esibirmi. Salgo sul palco e attacco la chitarra, gli spalti son gremiti. Scaldo 13

22 la terra dei gamberi l uditorio con qualche battuta ed invito un ragazzo tra i più euforici a cantare con me. Si aggiunge anche un percussionista con uno jambè. Attacco con Gianna, Gianna che non conoscono, ma l entusiasmo è alle stelle. Il ragazzo della via Gluck è il solito successo, scopro che la versione francese s intitola Où est ma maison, li lascio cantare. Alla fine in molti chiedono di essere fotografati con me, io mi presto al gioco e cerco di fargli capire che non sono proprio un personaggio famoso, ma oggi non ha importanza. Siamo invitati alla cena di protocollo, ma prima Giuliana ci porta a casa di un suo amico: Renè. Ho l occasione di vedere un abitazione camerunense. Sotto una leggera pioggerellina ci inerpichiamo tra le baracche su un rivo di fango compatto con una piccola torcia puntata sul terreno. Renè ci aspetta composto su un sofà colorato. Lungo le strade i rivenditori di divani ammassati dai colori vivaci sono molto frequenti. Ci accoglie con umile benevolenza e ci mettiamo a sedere. Ci ha accompagnato in macchina il Preside della Facoltà di Lettere, amico di vecchia data del padrone di casa. Mi rendo conto di trovarmi di fronte ad una persona speciale. I suoi occhi mi scrutano per pesarmi, senza invadenza. Provo immediatamente una sensazione di simpatia per questo uomo. Discutiamo, ha viaggiato molto in Europa ed in Russia, di cui ricorda il gelo pungente. A quanto ho capito da giovane doveva essere stato una specie di rivoluzionario o qualcosa del genere ed ora è comunque un personaggio influente nella sua comunità. La casa è un crocevia di gente. Si svegliano anche dei bambini che dormivano e uno ci saluta con un abbraccio. I bambini sono la cosa più bella dell Africa. Vagabondano all uscita di scuola con i loro grembiuli puliti e saltellano allegramente ai bordi delle vie. C è un enorme rispetto nei loro confronti. Vagano liberi e cresciuti da tutti. 14

23 la terra dei gamberi Alla cena, come sempre, sono il peggio vestito. Va bene che sono l artista del gruppo e nessuno ci fa caso. Al mio fianco siede Colbert e tra un bicchiere e l altro scopro che ha 4 figli come da tradizione della sua tribù. Ad ognuno bisogna dare il cognome di un nonno a partire da quelli paterni, svolto questo obbligo istituzionale si può decidere se continuare con la filiazione io penso al mio unico Alessandro e al fatto che mi dovrò dare da fare Il mattino seguente mi sveglio presto e decido di recuperare l incontro con gli studenti inizialmente programmato per il giorno del mio arrivo a Dschang che ritardi logistici e le mie cagionevoli condizioni di salute avevano fatto saltare. Dobbiamo partire per Yaoundé prima di mezzogiorno per sperare di arrivare con un po di luce. Dovremmo farcela, il mio intervento è previsto per le 9, poi dobbiamo attendere il dibattito con la lettrice verso le 10 e recuperare i bagagli in albergo: si può fare. Gli studenti mi attendono nell aula, mi siedo sulla scrivania e li ringrazio emozionato. Non sono un docente e son venuto qui a portare la mia esperienza, parlo un quarto d ora circa pensando di aver detto emerite castronerie. Qualche domanda e poi tutti di corsa nel salone dove ci attendono altri relatori e si svilupperà il dibattito. È bello parlare di musica cantautorale e con mio sommo piacere scopro che le relazioni degli oratori convergono in molti punti con le mie castronerie! Mi sento sollevato: 10 anni nei bassifondi della musica emergente italiana a girovagare tra sagre e paesini sconosciuti in cambio di una fetta di porchetta sono serviti. Scopro che non è importante chi fa, ma cosa si fa. Non serve essere grossi personaggi in vista per aiutare gli altri e confrontarsi. Il mondo va avanti anche con i piccoli passi se qualcuno ha voglia di farli. Sono felice e fortunato ad aver trovato il senso di questo mio viaggio. Qualche canzone scritta da solo nella mia 15

24 la terra dei gamberi cameretta mi ha portato in un aula africana a 4000 Km da casa. Non c è assolutamente paragone tra ciò che io ho portato qui e le emozioni e le sensazioni che torneranno con me. Partiamo che sono le 15 passate. Tra un saluto e un pranzo di commiato (ho deciso che mangerò solo più riso in bianco) il tempo camerunense ci ha adottato. L università ci offre una macchina per affrontare i 200 km che ci separano dalla capitale. E andata bene! La lettrice parte con noi e siamo quindi in 4 oltre all autista. Giuliana ha convinto Silvia ad accompagnarmi per non farmi stare da solo 2 giorni ed io non ho parole né gesti per ringraziarla. Senza di lei tutto questo non ci sarebbe stato. Lei è stata il mio Virgilio in questo Purgatorio. Qui si viene per scrollarsi di dosso un idea di mondo plastificata, dove tutto è dovuto e tutto è apparentemente utile ed indispensabile. Gli occhi si aprono improvvisamente ed hai bisogno di qualcuno che ti tenga la mano, che ti offra la spalla per non soccombere sotto il peso di questa angoscia che ti attanaglia, questo senso di colpa nauseante. Ti rendi conto che questa situazione dipende anche da te: senza lo sfruttamento di qualcun altro sarebbe impossibile mantenere il nostro status di privilegiati. Ma la cosa più sgradevole è prendere coscienza del fatto di non sapere a quanto si sia disposti a rinunciare per cambiare questa realtà. E non è cinismo, ma paura. Paura di non essere capaci di sopportare una vita simile, paura di essere sopraffatti, di perdere le proprie libertà fasulle e di doversi mettere in gioco ogni giorno per sopravvivere. Per la strada ci imbattiamo in diversi edifici con tetti di paglia delle svariate chefferie, i territori dei capi tradizionali che occupano ancora un ruolo di rilievo nella vita quotidiana delle etnie camerunensi sia amministrativamente che spiritualmente in particolare per il popolo dei Bamileke. 16

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli