Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica»"

Transcript

1 Copertina di Daniele Chiarella Michelangelo Bertuglia Editore per l associazione Culturale «Parole & Musica» ASSOCIAZIONE CULTURALE Edizioni ASSOCIAZIONE CULTURALE «Parole & Musica» Direttore editoriale: Dario De Vecchis Via Diaz Borgaro Torinese Edizioni «Parole & Musica» ISBN

2 .

3 Daniele Chiarella Guerrino Babbini Armando Cossa ofm LA TERRA DEI GAMBERI I SENTIERI DEI BALANTA Edizioni «Parole & Musica»

4

5 SCRIVONO QUELLO CHE HANNO VISTO CON I LORO OCCHI Chi consuma, si consuma c è scritto su una colonna di una delle vie più chic di Torino. L ho letta, guardata e rimirata, ho pensato a Pantagruel, alle parole opulenza, spreco, ricchezza del nostro grigio mondo degli inclusi e mi sono detto che questo era l incipit ideale per la prefazione di questo libro che sta dalla parte degli esclusi. C è infatti chi non consuma e pensa che chi lo fa Ci consuma. Un libro frutto della convinzione che l uomo non è un consumatore ma un cittadino, con una certa idea del significato della parola valore e perché piace pensare che un Mondo diverso sia possibile. Strano ho usato il congiuntivo mentre credo che si possa scrivere E POSSIBILE. Già lo si può affermare anche di questo libro che contiene reali e belle testimonianze scritte e assemblate da buoni compagni di viaggio. Ho imparato a conoscere in questi anni Daniele, Guerrino, Luigi e Michelangelo e spero lo diventi con il tempo anche frate Armando, laicamente si intende! Sono compagni di viaggio che sanno mettersi in gioco e che non si fanno problemi basta una buona idea. Questo libro è una buona idea! Chi si appresta alla sua lettura non stia a guardare lo stile. Tutti quelli che hanno progettato questo di libri ne hanno letti a centinaia e sanno anche scriverne. Con questa scelta editoriale voluta dalla nostra piccola casa editrice hanno voluto dare le gambe ad un progetto, dei tanti messi in campo nelle loro brevi o lunghe vite, che è anche un messaggio di passione, d amore e anche di speranza. Roba da far scoppiare le vene ma che non li spaventa. Si sono stretti le mani e hanno detto scriviamo quello che abbiamo visto con i nostri occhi, quello che abbiamo provato e quello che possiamo costruire per l Africa. Già costruire per l Africa! Un obiettivo che I

6 per Daniele il nostro Re del Freak n Roll tornato dal Camerun, dove ha fatto conoscere la canzone d autore italiana e suonato con bravi musicisti locali, è diventato un chiodo fisso. Raccogliere fondi per comprare strumenti e donarli ai musicisti camerunesi per aprire scuole di musica ma non solo. La musica unisce i popoli e poi come pensavo qualche giorno fa di ritorno da uno splendido concerto di Enrico Rava dove era presente Mr. Marchionne meglio l estetica della musica che quella del lavoro che come ricordava Demetrio Stratos è lo spettacolo della merce umana. Merce umana quello che per secoli sono stati i popoli dell Africa, oppressi prima dallo schiavismo e dal colonialismo e ora da quella idea del liberalismo che passa per la parolina magica: globalizzazione. Quando Guerrino leggerà queste frasi penserà sei sempre il solito uomo di sinistra e terzomondista. Beh non sbaglia ma anche se non sono mai stato in Africa con lui ci sono stato leggendo e apprezzando quello che lui e i suoi amici di Abalalite hanno costruito in Guinea insieme alla gente di quegli splenditi luoghi. Lo sa bene frate Armando che ci fa comprendere al meglio le tradizioni dei Balanta Brasa. Una volta nella mia vita farò un viaggio in Africa lo spero. Intanto però penso che sia giusto costruire anche da qui nella nostra società, nella nostra quotidianità dei pezzi d Africa come abbiamo fatto negli anni passati con Michelangelo e la nostra associazione Parole e Musica onlus in Senegal abbracciando un progetto di turismo responsabile. Come abbiamo fatto nel nostro territorio per anni aiutando il sogno e la volontà di un caparbio pediatra Costanzo Bellando, il nostro Chicco, ad appoggiare NutriAid nel martoriato Ruanda. Questo libro vuole collegare tutti questi impegni alcuni costruiti, altri in costruzione, altri pensati e da realizzare. Chi acquisterà questo libro (ora divento un bieco mercante!) contribuirà a queste idee e progetti in Guinea e in Camerun. Non tragga poi in inganno la prima parte del titolo La II

7 terra dei Gamberi non vogliamo arretrare anzi la nostra volontà è quella di camminare fianco a fianco a queste popolazioni con reciproca dignità e di rispetto. Odio gli indifferenti: Credo che vivere voglia dire essere partigiani.. scriveva Gramsci in un bell articolo di tanti anni fa. Ci sono cresciuto con queste parole continuo ancora a crederci anche perché intorno a me ho sempre trovato buone compagne e compagni di viaggio e per non dimenticare la frase iniziale Chi consuma, si consuma! Dario De Vecchis III

8

9 Daniele Chiarella LA TERRA DEI GAMBERI Nel XV secolo alcuni esploratori portoghesi raggiunsero le verdi coste di una terra lussurreggiante. Estasiati dalla straordinaria pescosità di gamberi lungo una via fluviale interna decisero di chiamare quel posto Rio dos Camaroes («Fiume dei Gamberi»): il nome Cameroun deriva di lì... 1

10 2

11 la terra dei gamberi 13-set-2010 ore 7.17 Buongiorno. Sono storica dell arte (e socia coop...) e faccio ricerca e insegno presso l Università di Dschang in Cameroun, dove molti studenti imparano l italiano. Per la settimana della lingua italiana di fine ottobre dal tema porta parola-ambasciatori in musica della lingua italiana sto cercando uno o più esperti che adoperano la musica come strumento di dialogo più immediato, disposti a intervenire per una lezione sul tema presso l Università africana, retribuita e con alloggio, ma disposti anche a pagarsi il viaggio (500 euro circa). Riconosco la difficile realizzazione della proposta, ma confido in una vostra risposta e nei vostri suggerimenti. Giuliana 26-set-2010 ore Buongiorno Giuliana, mi chiamo Daniele Chiarella e faccio parte del gruppo musicale FANALI DI SCORTA, la sua proposta è interessante e mi piacerebbe discuterla con lei se possibile e se per voi va bene. Le allego alcune informazioni sul mio gruppo. Saluti Daniele Chiarella Non l ho neanche detto a mia moglie, ma tanto non c è pericolo: figurati quanta gente vorrà andare squilla il telefono: Ciao Daniele sono Giuliana!. Mi convince, andrò in Cameroun, la sera torno a casa e confesso tutto. Accendiamo il computer e andiamo sul sito ufficiale, vero e proprio bugiardino con tanto di avvertenze: - circolare con la massima cautela nelle ore serali, evitando comunque spostamenti a piedi soprattutto nelle città di Yaoundé e 3

12 la terra dei gamberi Douala - non mettersi in viaggio nelle ore serali e notturne - viaggiare di giorno e in compagnia - non opporre resistenza agli aggressori, etc - il paese è classificato zona 3 ad alto rischio malarico: si consiglia, previo parere medico, la profilassi antimalarica prima della partenza e dopo il rientro in Italia. - si consigliano, inoltre, previo parere medico le vaccinazioni contro: tifo, epatite A e B. - si sono altresì verificati tre casi di febbre gialla con decesso - si consiglia di: evitare cibi crudi, verdure non trattate; bere acqua in bottiglia senza l aggiunta di ghiaccio; consumare, a titolo cautelativo, carne e uova di volatili solo se ben cotte e di evitare ogni forma di contatto diretto con volatili e pollame. C è anche un video bellissimo che mostra una jeep che arranca su un improponibile strada sterrata tra Douala e Dschang: proprio il mio tragitto Chiudo tutto e rinuncio. Giuliana, mi spiace la proposta era veramente allettante, ma il viaggio è troppo caro: non posso venire. Ma a quanto pare ormai il Camerun mi ha già accalappiato, Giuliana non mi molla e riesce a coinvolgere anche l ambasciata italiana che si offre di rimborsarmi il biglietto di andata e ritorno in cambio di un concerto al Yaoundé Jazz Festival!!! Parto il 25 Ottobre. A Torino ci sono 3 gradi e io ho almeno 3 maglie sotto la giacca. All aeroporto incontro Silvia, lei si tratterrà un mese: ha scelto di fare un dottorato per analizzare le differenze tra il protettorato francese e quello inglese ci siamo sentiti già un paio di volte al telefono ed è più agitata di me per fortuna. Non so quello che mi attende, è stupido, ma mi sento come un 4

13 la terra dei gamberi astronauta in viaggio per Marte. Le cose che ho letto, l entusiasmo delle persone intorno a me, le preoccupazioni di mia moglie: per la prima volta, forse, ho la sensazione di andare incontro a qualcosa di sconosciuto ma è sempre mondo penso... Arriviamo a Douala a mezzanotte e i finestrini dell aereo si appannano. Mando avanti Silvia, ho paura che l aria umida mi tolga il fiato, anche lei ma dalla scaletta mi sorride e mi fa cenno di uscire e poi tanto non ho alternative. Ci sono 30 gradi, e l asfalto è completamente bagnato, più tardi scopriremo a causa di un acquazzone, le nostre preoccupazioni sono infondate: si respira! Bienvenue en Cameroun mon ami. Andiamo a recuperare i bagagli. È banale ma son tutti neri e mi sento come un bersaglio sul poligono di tiro. Si fa avanti un bianco con fare deciso, strappa la mia valigia dalle mani di un portantino e dissolve il capannello che ci si stava creando intorno: Daniele?, SI!. Sembra quasi la riedizione dell incontro tra Stanley e Livingstone È Mauro, il console di Douala che ci è venuto ad accogliere. Fuori ci aspetta Giuliana accompagnata da 2 amici: è alta e a quanto pare a suo agio in una situazione che io non riesco a decifrare. Ci dividiamo, io andrò a dormire a casa di Mauro. Salgo sul fuoristrada, la città e buia ma non troppo. Il primo semaforo è rosso. E meglio non fermarsi di notte! Cerco di stare tranquillo perché manca una settimana al ritorno. La mattina dopo ci svegliamo presto abbiamo un appuntamento 5

14 la terra dei gamberi in una televisione locale. Le vie brulicano di gente, ci sono tantissime macchine: è una situazione vivibile. Arriviamo in centro, le strade sono buone, le donne hanno i capelli colorati di viola, giallo e qualsiasi altra sfumatura improbabile. Mauro scosta con fare deciso un ragazzino un po invadente e ci ritroviamo su un ascensore che ho l impressione non sia mai stato revisionato: sarebbe ridicolo accadesse qualcosa ora! Ecco le case ci sono, ma l incuria è totale; alcuni palazzi sono anche affascinanti, ma preferiscono lasciarli cadere in pezzi per poi costruirne dei nuovi. L impressione è che le cose vadano avanti per inerzia e senza che nessuno se ne preoccupi troppo. Sbrigata in fretta la pratica con una breve intervista e una canzone per promuovere il mio spettacolo serale al Centro Culturale Francese, torniamo a casa per un petit déjeuner. Faccio subito un altra scoperta che poi avrò modo di confermare altre volte durante il mio soggiorno: la maggior parte degli europei, i bianchi, vivono un po in disparte: hanno domestici autoctoni e case protette, come i grandi signori medioevali che banchettavano nei castelli circondati da profondi fossati mentre intorno il popolo annaspava. Possibile che i neri non siano uguali nemmeno a casa loro? Qui le disparità sono ancora più accentuate: il 90% della popolazione vive in condizioni appena al di sopra della soglia di sopravvivenza. Douala è enorme, anzi è un enorme bidonville. Case, più che altro baracche con tetti in lamiera che si estendono su un terreno fangoso e ondulato interrotte qua e là da qualche edificio coloniale. Come se volesse somigliare ad una metropoli europea ma non ne avesse le possibilità. Il traffico è vivace, Napoli docet, e colorato. Non ci sono regole né precedenze, ma tantissime moto scolorite. Lontani dal centro l asfalto svanisce così come il senso 6

15 la terra dei gamberi estetico. Non capisco: nella loro dignitosa povertà un muro o una lamiera colorata a me infonderebbero speranza, sollievo, serenità, un senso di pulizia, di fiducia in un miglioramento ma sono un europeo e i loro volti non sembrano così infelici Il sorriso è ovunque, incredibile! La pacatezza anche. Si percepisce una certa atmosfera tranquilla e rilassata mentre camminano, parlano e trafficano in un enorme suk impolverato. Resto per qualche oretta in casa ad aspettare Mauro che è uscito per sbrigare qualche commissione ed inizio a familiarizzare con l attesa. Non si può, o almeno è sconsigliato, uscire non accompagnati. Attendo la mia guida strimpellando e ripassando i brani che dovrò eseguire la sera. Verso mezzogiorno arriviamo al Centro Culturale Francese dove mi attende un batterista. Il posto è stupendo. Un teatrino da 200 posti molto raccolto. Mi siedo ed inizio a suonare, l intesa è perfetta e Aoussa, il batteur, è preparatissimo: io suono Volare di Modugno e lui ci piazza sotto un ritmo africano: sarà un gran concerto! Visto che c è tiriamo dentro anche il suo maestro come rumorista-percussionista. Ci raggiungono Giuliana e Silvia che non è riuscita a chiudere occhio. Il console ci invita a pranzo a casa sua. Torniamo passando vicino al porto e tra i vari montacarichi e cargo leggo Grimaldi, Costa!!! Ma non sono quelli delle navi da crociera?, Certo, risponde Mauro, ma quella è la parte più piccola del loro business. La sera il teatro si riempie abbastanza velocemente, c è anche l ambasciatore, venuto da Yaoundé con la moglie. È giovane e simpatico: lo ringrazio. Partiamo dopo una breve presentazione. Il pubblico è misto, Italiani emigrati e giovani camerunensi. Mi 7

16 la terra dei gamberi esprimo in un francese maccheronico con l aiuto di qualche spettatore, ci divertiamo tutti. La gente batte le mani e canta. Faccio qualche pezzo mio mischiato ai grandi classici. Attacco Il ragazzo della Via Gluck e con gran stupore tutti la cantano in francese! Finiamo con Volare che viene ancora meglio delle prove, mi rotolo sul palco e raccolgo applausi: Nemo propheta in patria (vuoi vedere che è vero!). La mattina dopo mi sveglio alle 5. L appuntamento con Giuliana e Silvia è alle 8: ci aspetta un lungo viaggio in pulmino verso Dschang. Non è previdenza, ho la nausea! Qualche hanno fa al ritorno da una stagione come animatore turistico in Tunisia ho perso 10 Kg a causa di una dissenteria che mi ha attanagliato per 3 settimane, questa volta speravo proprio di evitarla. Non è così perché nonostante tutte le raccomandazioni mi sono lavato i denti con l acqua del rubinetto! Per fortuna ho l Imodium. Si sveglia Mauro, io sono a pezzi. Mi fa bere un intruglio disgustoso e mi dice: Andiamo? Come andiamo?! Non sono in condizione di viaggiare! Mi sento uno straccio, ho lo stomaco che brontola e in gola una sensazione acida. L Africa è anche questo! Non approvo, ma lo seguo. Giuliana e Silvia, appena mi vedono sono dispiaciute e si preoccupano come due mamme: mi sento un po confortato. Troviamo posto su un pulmino per Dschang parcheggiato in una piazza trafficata di mercanti e mercanzie di ogni genere: sono le 8

17 la terra dei gamberi 8 e mezza. Fa caldo. Ci sediamo in fondo, siamo in 5 su un sedile di pelle lacerata da 4. Mi metto al finestrino per prendere un po d aria che non c è: in compenso mi sorbisco il gas di scarico dell automezzo vicino e il via vai di venditori che cercano di piazzare di tutto dalle banane ai fazzoletti di carta. Cerco di rifiutare cortesemente e non vomitare tanto la partenza è imminente. Ma la regola è che fin quando non è pieno non si parte: fortuna che ci sono solo 20 posti! Mentre soffro e penso di morire la gente sale e scende a ripetizione incurante dell attesa. Il nostro mezzo è una specie di Bedford per il trasporto di persone: vecchio e logoro, ma questo non mi spaventa. Quando partiamo è quasi mezzogiorno e io ringrazio il cielo. Dopo 10 metri siam già fermi per il rifornimento! Ma come?! Abbiamo aspettato 4 ore!...non potevano Va beh cerco di prenderla con filosofia. Sale un venditore e appoggiato alle porte a soffietto inizia a declamare le virtù curative e afrodisiache dei suoi prodotti: la gente ride e compra. È incredibile! Il poco denaro che hanno gira ad una velocità impressionante. Acquistano senza sosta e chiunque vende: anche solo una buccia di banana. Sono tutti piccoli imprenditori pazienti. È una forma di socialismo, si aiutano a vicenda così nessuno muore di fame. Il viaggio è lungo e le soste innumerevoli. La strada non è sempre asfaltata, ma l autista pigia sull acceleratore come un ossesso: mi han detto che gli incidenti con morti son frequenti, ma al momento ho altre preoccupazioni. I villaggi sono baracche ai lati della strada, i bambini scorrazzano liberi ovunque. La gente va a piedi. Alcuni sono seduti sull uscio di casa. Ad ogni sosta siamo assaliti dai venditori che si accalcano ai finestrini: l acqua in bustine di plastica va alla grande Lo Lo Lo Lo, solo a fine giornata capisco: l eau, l acqua. Tutti urlano e riprende il commercio selvaggio. Si riparte di 9

18 la terra dei gamberi colpo ed ci corrono dietro per lanciarci il resto. Ci fermiamo spesse volte ai vari posti di blocco della polizia per la tassazione più obbligatoria che facoltativa. Tra un pezzo di banana, alla quale abbiamo rimosso le estremità dove si annidano la maggior parte dei batteri, e qualche fetta di pane vanigliato comincio a rinsavire mentre il Camerun scorre umile e silenzioso sotto i miei occhi. Sono scene viste mille volte in televisione, ma essere qui ora è veramente diverso. Non riesco a spiegarlo esaustivamente. Qui non ho il cuscino del divano sotto il sedere: non posso cambiar canale e non posso nemmeno scappare e rifugiarmi in un luogo pulito e ordinato. Tutto è miseria, ma miseria onorevole. Non ci sono servizi, alcune case stanno su per miracolo, con i muri di legno in bilico come la Torre di Pisa, retaggio dei forti venti durante la stagione delle piogge. Tutto è terra rossiccia che ti si appiccica alle scarpe e ai vestiti. E forse è proprio questa terra che rende tutto più disordinato, meno uniforme, non piallato come le nostre strade perfettamente plasmate da asfalto e marciapiedi. Tutto appare lasciato al caso e le persone si muovono leggere in questa indigenza e a tratti mi sembrano quasi felici: non hanno niente e comunque non sono tristi. Giuliana è una Cicerone appassionato, si sente che il Camerun le è entrato dentro e lei lo odia e lo ama con la stessa veemenza. Ci spiega tutto, racconta e ci immerge sempre più in questo gorgo che affascina menando fendenti allo stomaco. Io e Silvia ascoltiamo e non possiamo difenderci. Mi sento piccolo, insignificante. Qui nella zona rurale lontano dalla città che vuole essere europea, ho il primo assaggio di questo paese spaventosamente meraviglioso. Non ho scelta: mi devo adattare. Qui vivono tutto l anno scalzi, fa caldo, bisogna sopravvivere e cercare di stare bene: i dottori sono pochi e molti si affidano alla medicina tradizionale come dicono loro. L igiene 10

19 la terra dei gamberi scarseggia. Non mi sento bene e mi sono imbarcato in un viaggio di 7 ore su un pulmino zeppo che attraversa la foresta pluviale. Ad ogni sobbalzo l intestino si contorce, la nausea torna a folate, ma devo resistere e convivere con questa mia debolezza: non c è la mutua! L Africa è anche questo!, ora comincio a capire. Mi han detto di bere tanto per reidratarmi e così mi son portato dietro una bottiglia d acqua da 2 litri e l ho quasi finita. Dopo ore seduto ad aspettare e forse anche per spossatezza avverto un urgenza impellente. Cerco di farmi sentire dall autista, i finestrini abbassati non aiutano. Per fortuna mi vengono incontro i miei compagni di viaggio, per lo più donne con bambini piccoli rimpinzati di cibo ad ogni sosta. Il conducente arresta leggermente indispettito la sua folle corsa. Ora che il nostro mini autobus è pieno è impossibile cercare di scendere: i sedili son stati tutti richiusi a formare file uniformi e dovrei scavalcare o mobilitare praticamente tutti. Non ci penso un attimo: spalanco il vetro e balzo fuori dal finestrino tra le risate generali. Rientro dalla stessa parte ringraziando e spiegando che non sono nelle migliori condizioni: ma ora mi sento sollevato. Pian piano il paesaggio comincia a variare, il verde già intenso diventa ancor più carico e la strada prende a salire. Abbiam già lasciato sul percorso parecchie persone con il loro carico. Chi si era portato delle credenze di legno, chi era andato in città per acquistare tutto il necessario per aprirsi un negozio di parrucchiere Il bello è che tutta questa mole di roba era stata caricata e legata sulle nostre teste tanto che il pulmino era diventato più lungo che largo. A far compagnia a tutti quei bagagli era finita anche la mia chitarra Ci dirigiamo verso Dschang, il capoluogo del Dipartimento di Menoua. L asfalto è nuovo e la carreggiata ampia. Più saliamo 11

20 la terra dei gamberi più sento un atmosfera familiare: c è anche qualche guard-rail! Mi sento a casa, vedo le curve che portano ad Alpette con l aria che man mano di rinfresca e sto decisamente meglio. Quando arriviamo, voglio solo buttarmi su un letto e sperare di risvegliarmi la mattina dopo guarito. Ci viene a recuperare al deposito degli autobus uno chauffeur mandato dall Università, facendosi strada tra manghi e galline. Arriviamo ballonzolando tra le buche all Hotel, qui gli ammortizzatori delle macchine son messi a dura prova. Non c è un automobile che non abbia come minimo un graffio o della ruggine sulla carrozzeria, senza parlare dei paraurti e dei vetri. Non riesco nemmeno a cenare: mi chiudo in camera e attendo l arrivo del mattino. In Camerun, trovandosi vicino all equatore, le giornate hanno sempre la stessa durata: il sole sorge alle 6 e tramonta alle 18. La sera arriva presto e con la poca illuminazione presente al di fuori delle città non rimane granché da fare. Mi sveglio l indomani pensando di stare meglio e Giuliana viene a recuperare me e Silvia per portarci all Università. Inizialmente avrei dovuto fermarmi 3 giorni a Dschang e tenere incontri e lezioni con gli studenti di italiano sulla musica cantautorale nostrana corredati anche dalla proiezione di pellicole a tema. Poi i sopraggiunti impegni concertistici concordati con l ambasciata hanno stravolto totalmente i programmi. Ma va bene lo stesso. Cerco di vincere la mia debolezza intestinale e mi trascino a forza dietro le mie vivaci mammine. Mi rendo subito conto di essere in un luogo diverso dal resto del paese che ho avuto modo di conoscere fino ad ora. L Università ha un grosso cancello ferrato stile Campus Americano, edifici bassi dal colore marroncino e finestre senza vetri per la maggior parte. Ci sono tantissimi giovani ben vestiti. C è un via vai infinito: sciami di ragazzi dediti allo stu- 12

21 la terra dei gamberi dio come nei nostri migliori atenei. Anche gli ambienti e i locali sono più puliti: è proprio un oasi quasi europea. La breve salita che conduce all ingresso prima della cancellata è costellata di locali aperti ai bordi della strada dove si possono acquistare bevande e fare fotocopie oltre a ricaricare i cellulari (oggetti diffusissimi in Camerun). Siamo i soli bianchi in giro, ma nessuno sembra dargli troppa importanza e anche questa è una novità. Incontro finalmente Colbert, il coordinatore dei corsi della facoltà di lingua italiana, uno dei maggiori responsabili della mia esperienza africana. È un ragazzo pressappoco della mia età, affabile ed elegante. Ha modi gentili e si intuisce dagli occhi un carattere fiero: entriamo subito in sintonia. Ci mostra il salone addobbato dove nel pomeriggio si terrà la cerimonia alla presenza del Rettore e dell Ambasciatore e dove anch io dovrò esibirmi: inizio a preoccuparmi un po. Poi ci conduce a conoscere il Preside della Facoltà di Lettere che ci tributa una cordiale ospitalità. Nel primo pomeriggio arriva l Ambasciatore d Italia. L accoglienza è calorosissima. Due gruppi di danzatori, uno in abiti tradizionali, si fronteggiano muovendosi vorticosamente a ritmo di tamburi e fiati contrapposti: è un spettacolo. Gli studenti si accalcano applaudendo in un atmosfera di festa collettiva e anche noi ne siamo entusiasticamente coinvolti. L ambasciatore e la moglie ci scorgono tra la folla, effettivamente il nostro pallore risalta, e ci vengono incontro amichevolmente. D un tratto si scatena un acquazzone torrenziale. Ripariamo frettolosamente nella sala della cerimonia gremita come l occasione richiede. Vari discorsi istituzionali da un palco bardato di un enorme drappo verde e poi via verso il luculliano banchetto. Non mangio niente, fra poco dovrò esibirmi. Salgo sul palco e attacco la chitarra, gli spalti son gremiti. Scaldo 13

22 la terra dei gamberi l uditorio con qualche battuta ed invito un ragazzo tra i più euforici a cantare con me. Si aggiunge anche un percussionista con uno jambè. Attacco con Gianna, Gianna che non conoscono, ma l entusiasmo è alle stelle. Il ragazzo della via Gluck è il solito successo, scopro che la versione francese s intitola Où est ma maison, li lascio cantare. Alla fine in molti chiedono di essere fotografati con me, io mi presto al gioco e cerco di fargli capire che non sono proprio un personaggio famoso, ma oggi non ha importanza. Siamo invitati alla cena di protocollo, ma prima Giuliana ci porta a casa di un suo amico: Renè. Ho l occasione di vedere un abitazione camerunense. Sotto una leggera pioggerellina ci inerpichiamo tra le baracche su un rivo di fango compatto con una piccola torcia puntata sul terreno. Renè ci aspetta composto su un sofà colorato. Lungo le strade i rivenditori di divani ammassati dai colori vivaci sono molto frequenti. Ci accoglie con umile benevolenza e ci mettiamo a sedere. Ci ha accompagnato in macchina il Preside della Facoltà di Lettere, amico di vecchia data del padrone di casa. Mi rendo conto di trovarmi di fronte ad una persona speciale. I suoi occhi mi scrutano per pesarmi, senza invadenza. Provo immediatamente una sensazione di simpatia per questo uomo. Discutiamo, ha viaggiato molto in Europa ed in Russia, di cui ricorda il gelo pungente. A quanto ho capito da giovane doveva essere stato una specie di rivoluzionario o qualcosa del genere ed ora è comunque un personaggio influente nella sua comunità. La casa è un crocevia di gente. Si svegliano anche dei bambini che dormivano e uno ci saluta con un abbraccio. I bambini sono la cosa più bella dell Africa. Vagabondano all uscita di scuola con i loro grembiuli puliti e saltellano allegramente ai bordi delle vie. C è un enorme rispetto nei loro confronti. Vagano liberi e cresciuti da tutti. 14

23 la terra dei gamberi Alla cena, come sempre, sono il peggio vestito. Va bene che sono l artista del gruppo e nessuno ci fa caso. Al mio fianco siede Colbert e tra un bicchiere e l altro scopro che ha 4 figli come da tradizione della sua tribù. Ad ognuno bisogna dare il cognome di un nonno a partire da quelli paterni, svolto questo obbligo istituzionale si può decidere se continuare con la filiazione io penso al mio unico Alessandro e al fatto che mi dovrò dare da fare Il mattino seguente mi sveglio presto e decido di recuperare l incontro con gli studenti inizialmente programmato per il giorno del mio arrivo a Dschang che ritardi logistici e le mie cagionevoli condizioni di salute avevano fatto saltare. Dobbiamo partire per Yaoundé prima di mezzogiorno per sperare di arrivare con un po di luce. Dovremmo farcela, il mio intervento è previsto per le 9, poi dobbiamo attendere il dibattito con la lettrice verso le 10 e recuperare i bagagli in albergo: si può fare. Gli studenti mi attendono nell aula, mi siedo sulla scrivania e li ringrazio emozionato. Non sono un docente e son venuto qui a portare la mia esperienza, parlo un quarto d ora circa pensando di aver detto emerite castronerie. Qualche domanda e poi tutti di corsa nel salone dove ci attendono altri relatori e si svilupperà il dibattito. È bello parlare di musica cantautorale e con mio sommo piacere scopro che le relazioni degli oratori convergono in molti punti con le mie castronerie! Mi sento sollevato: 10 anni nei bassifondi della musica emergente italiana a girovagare tra sagre e paesini sconosciuti in cambio di una fetta di porchetta sono serviti. Scopro che non è importante chi fa, ma cosa si fa. Non serve essere grossi personaggi in vista per aiutare gli altri e confrontarsi. Il mondo va avanti anche con i piccoli passi se qualcuno ha voglia di farli. Sono felice e fortunato ad aver trovato il senso di questo mio viaggio. Qualche canzone scritta da solo nella mia 15

24 la terra dei gamberi cameretta mi ha portato in un aula africana a 4000 Km da casa. Non c è assolutamente paragone tra ciò che io ho portato qui e le emozioni e le sensazioni che torneranno con me. Partiamo che sono le 15 passate. Tra un saluto e un pranzo di commiato (ho deciso che mangerò solo più riso in bianco) il tempo camerunense ci ha adottato. L università ci offre una macchina per affrontare i 200 km che ci separano dalla capitale. E andata bene! La lettrice parte con noi e siamo quindi in 4 oltre all autista. Giuliana ha convinto Silvia ad accompagnarmi per non farmi stare da solo 2 giorni ed io non ho parole né gesti per ringraziarla. Senza di lei tutto questo non ci sarebbe stato. Lei è stata il mio Virgilio in questo Purgatorio. Qui si viene per scrollarsi di dosso un idea di mondo plastificata, dove tutto è dovuto e tutto è apparentemente utile ed indispensabile. Gli occhi si aprono improvvisamente ed hai bisogno di qualcuno che ti tenga la mano, che ti offra la spalla per non soccombere sotto il peso di questa angoscia che ti attanaglia, questo senso di colpa nauseante. Ti rendi conto che questa situazione dipende anche da te: senza lo sfruttamento di qualcun altro sarebbe impossibile mantenere il nostro status di privilegiati. Ma la cosa più sgradevole è prendere coscienza del fatto di non sapere a quanto si sia disposti a rinunciare per cambiare questa realtà. E non è cinismo, ma paura. Paura di non essere capaci di sopportare una vita simile, paura di essere sopraffatti, di perdere le proprie libertà fasulle e di doversi mettere in gioco ogni giorno per sopravvivere. Per la strada ci imbattiamo in diversi edifici con tetti di paglia delle svariate chefferie, i territori dei capi tradizionali che occupano ancora un ruolo di rilievo nella vita quotidiana delle etnie camerunensi sia amministrativamente che spiritualmente in particolare per il popolo dei Bamileke. 16

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo.

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. Unità 3 Una nuova professione: il mediatore culturale CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti in cui si parla della figura del mediatore culturale parole relative alla mediazione

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Claudia, Diario dal Camerun

Claudia, Diario dal Camerun Claudia, Diario dal Camerun Ciao, mi chiamo Claudia e ho fatto un esperienza di vita meravigliosa in Camerun che è iniziata così Non appena laureata cerco sul web la possibilità di fare un esperienza di

Dettagli