(1 RE 18:3) Intanto, Acab chiamò Abdia, che era [incaricato] sulla casa. (Ora Abdia stesso aveva mostrato di avere grande timore di Geova.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(1 RE 18:3) Intanto, Acab chiamò Abdia, che era [incaricato] sulla casa. (Ora Abdia stesso aveva mostrato di avere grande timore di Geova."

Transcript

1 Ricerca per Punti notevoli della Bibbia di: 1 Re (1 RE 18:1) E [dopo] molti giorni avvenne che la parola stessa di Geova fu indirizzata a Elia nel terzo anno, dicendo: Va, mostrati ad Acab, poiché ho deciso di dare la pioggia sulla superficie del suolo. *** w08 1/4 p. 19 Guardò con attenzione e aspettò *** [Riquadro/Illustrazione a pagina 19] Quanto durò la siccità dei giorni di Elia? Elia, profeta di Geova, annunciò al re Acab che la lunga siccità sarebbe terminata presto. Ciò avvenne nel terzo anno, contando a quanto pare dal giorno in cui Elia aveva annunciato la siccità. (1 Re 18:1) Geova fece piovere poco dopo che Elia lo aveva predetto. Pertanto, qualcuno potrebbe supporre che la siccità terminasse nel corso del terzo anno, e quindi durasse meno di tre anni. Gesù e Giacomo dicono invece che durò tre anni e sei mesi. (Luca 4:25; Giacomo 5:17) Si tratta di una contraddizione? Tutt altro. Dovete sapere che nell antico Israele la stagione asciutta durava circa sei mesi e quindi era piuttosto lunga. Sicuramente Elia andò da Acab ad annunciare la siccità quando era già evidente che la stagione asciutta era più lunga e secca del previsto. La siccità, in pratica, era cominciata da circa sei mesi. Perciò quando Elia annunciò la fine della siccità era il terzo anno dal momento in cui ne aveva annunciato l inizio, e la siccità durava già da quasi tre anni e mezzo. Quando il popolo si radunò per vedere la grande prova sul Carmelo, l intero periodo di tre anni e sei mesi era trascorso. Si noti inoltre che Elia andò la prima volta da Acab proprio al momento giusto. Per il popolo, Baal era il cavaliere delle nubi, il dio che portava la pioggia per far finire la stagione asciutta. Se questa fosse durata più a lungo del solito, il popolo verosimilmente si sarebbe chiesto: Dov è Baal? Quando porterà la pioggia? Elia dichiarò che non sarebbe caduta né pioggia né rugiada fino al suo ordine: udendo questo gli adoratori di Baal saranno rimasti sconvolti. 1 Re 17:1. [Fonte dell illustrazione] Pictorial Archive (Near Eastern History) Est. *** w92 1/4 p. 17 Avete una fede simile a quella di Elia? *** Sia Gesù che Giacomo dicono che non piovve nel paese per tre anni e sei mesi. Si legge comunque che Elia comparve dinanzi ad Acab per porre fine alla siccità nel terzo anno, senza dubbio contando dal giorno in cui aveva annunciato la siccità. Perciò la prima volta che egli si presentò ad Acab dovette essere dopo una lunga stagione asciutta, priva di piogge. Luca 4:25; Giacomo 5:17; 1 Re 18:1. (1 RE 18:3) Intanto, Acab chiamò Abdia, che era [incaricato] sulla casa. (Ora Abdia stesso aveva mostrato di avere grande timore di Geova. *** w06 1/10 p. 20 par. 18 Coraggiosi grazie alla fede e al santo timore *** 18 Non c è dubbio che Abdia usò cautela e discrezione nell adorare Geova. Ma non fece compromessi. In 1 Re 18:3 si legge: Abdia stesso aveva mostrato di avere grande timore di Geova. Il suo timore di Dio era davvero fuori del comune! Questo sano timore, a sua volta, gli dava un coraggio straordinario, come divenne evidente subito dopo che Izebel ebbe assassinato i profeti di Geova. (1 RE 18:4) Perciò avvenne che quando Izebel stroncò i profeti di Geova, Abdia prendeva cento profeti e li nascondeva cinquanta alla volta in una caverna, e li sostentava con pane e acqua).

2 *** w06 1/10 p. 20 par. 19 Coraggiosi grazie alla fede e al santo timore *** 19 Leggiamo: Avvenne che quando Izebel stroncò i profeti di Geova, Abdia prendeva cento profeti e li nascondeva cinquanta alla volta in una caverna, e li sostentava con pane e acqua. (1 Re 18:4) Come potete immaginare, sfamare di nascosto cento uomini significava correre molti rischi. Abdia non solo doveva stare attento a non farsi sorprendere da Acab e Izebel, ma doveva anche evitare di destare sospetti negli 850 falsi profeti che frequentavano il palazzo. Come se ciò non bastasse, nel paese c erano molti altri falsi adoratori e tutti loro, dal contadino al principe, non avrebbero esitato un attimo a denunciare Abdia per cercare di ingraziarsi il re e la regina. Eppure, proprio sotto il naso di tutti questi idolatri, Abdia soddisfece con coraggio i bisogni dei profeti di Geova. Quanto può essere potente il timore di Dio! (1 RE 18:19) E ora manda a radunare tutto Israele presso di me sul monte Carmelo e anche i quattrocentocinquanta profeti di Baal e i quattrocento profeti del palo sacro, che mangiano alla tavola di Izebel. *** it-1 p. 947 Divisione del Regno, La *** Carmelo (M.) 1Re 18:19-40 *** it-1 p. 950 Attività profetica di Elia e di Eliseo, L *** Il monte Carmelo, teatro dell infuocata sfida che dimostrò che il vero Dio è Geova, non Baal (1Re 18:21-39) *** it-1 p. 949 Attività profetica di Elia e di Eliseo, L *** Carmelo (M.) 1Re 18:19-40 (1 RE 18:21) Elia si accostò quindi a tutto il popolo e disse: Fino a quando zoppicherete su due differenti opinioni? Se il [vero] Dio è Geova, seguitelo; ma se è Baal, seguite lui. E il popolo non gli disse una parola di risposta. *** w08 1/1 p. 19 Difese la pura adorazione *** In che senso zoppicavano su due differenti opinioni? Dalla cima ventosa del Carmelo si gode di una veduta spettacolare di Israele: dalla sottostante valle del torrente Chison, al Mar Grande (il Mediterraneo) poco lontano, fino ai monti del Libano, che si scorgono all orizzonte verso nord. Ma mentre il sole sorgeva in quel giorno cruciale, la vista che si presentava era davvero tetra. Il fertile paese che Geova aveva dato ai figli di Abraamo aveva lasciato il posto a un paesaggio spettrale. Il paese, ora riarso sotto un sole implacabile, era in rovina per colpa della follia del popolo di Dio. Mentre le persone si radunavano, Elia si rivolse loro e disse: Fino a quando zoppicherete su due differenti opinioni? Se il vero Dio è Geova, seguitelo; ma se è Baal, seguite lui. 1 Re 18:21. Cosa intendeva Elia con l espressione zoppicare su due differenti opinioni? Quelle persone non riuscivano a capire che dovevano scegliere tra Geova e Baal. Pensavano di poter adorare entrambi, propiziando Baal con i loro riti abominevoli e nel contempo chiedendo il favore di Geova Dio. Forse credevano che Baal avrebbe benedetto i raccolti e il bestiame, mentre Geova degli eserciti li avrebbe protetti in battaglia. (1 Samuele 17:45) Avevano tralasciato una verità fondamentale, che sfugge ai più anche oggi: Geova non spartisce con nessuno la devozione che gli spetta. Esige e merita esclusiva devozione. Qualsiasi fusione con altre forme di adorazione è per lui inaccettabile, persino offensiva. Esodo 20:5. Perciò gli israeliti zoppicavano, come se volessero seguire contemporaneamente due strade. Oggi molti fanno lo stesso sbaglio, lasciando che altri baal si insinuino nella loro vita e prendano il posto dell adorazione di Dio. L esplicito richiamo di Elia ci fa riesaminare la nostra scala di valori e la nostra adorazione. *** w05 1/7 p. 30 par. 8 Punti notevoli del libro di Primo Re *** 18:21: Perché gli israeliti non risposero quando Elia chiese loro di scegliere tra Geova e Baal? Forse

3 riconoscevano di non avere reso a Geova l esclusiva devozione che esige e quindi si sentivano in colpa. O può darsi che la loro coscienza si fosse talmente indurita che non vedevano nulla di male nell adorare Baal e asserire nello stesso tempo di adorare Geova. Solo dopo che Geova ebbe dimostrato la sua potenza dissero: Geova è il vero Dio! Geova è il vero Dio! 1 Re 18:39. *** w98 1/1 p. 30 Elia esalta il vero Dio *** Poi Elia parlò alla folla: Fino a quando zoppicherete su due differenti opinioni? Se il vero Dio è Geova, seguitelo; ma se è Baal, seguite lui. 1 Re 18: *** w98 1/1 p. 30 Elia esalta il vero Dio *** Alcuni studiosi ipotizzano che Elia alludesse alla danza rituale degli adoratori di Baal. Viene usata la stessa parola, zoppicare, in 1 Re 18:26 per descrivere la danza dei profeti di Baal. *** it-2 pp Zoppo, Zoppicare *** In seguito, Elia chiese agli israeliti: Fino a quando zoppicherete su due differenti opinioni? Se il vero Dio è Geova, seguitelo; ma se è Baal, seguite lui. A quel tempo gli israeliti sostenevano di adorare Geova ma allo stesso tempo adoravano Baal. Erano instabili ed esitanti, come uno zoppo. Nella prova che seguì, i profeti di Baal, mentre cercavano invano dal mattino fino a mezzogiorno di ottenere una risposta dal loro dio, zoppicavano intorno all altare che avevano fatto. Questa potrebbe essere una descrizione derisoria dell impacciata danza ritualistica dei fanatici adoratori di Baal, come può darsi che zoppicassero per la stanchezza dovuta al prolungato quanto inutile rito. 1Re 18: (1 RE 18:23) Ora ci diano due giovani tori, e si scelgano essi un giovane toro e lo taglino a pezzi e lo mettano sulla legna, ma non gli devono appiccare il fuoco. E io stesso preparerò l altro giovane toro, e lo devo mettere sulla legna, ma non vi appiccherò il fuoco. *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Fatto interessante, Elia disse loro che non dovevano appiccare il fuoco al sacrificio. Secondo alcuni biblisti, quegli idolatri usavano a volte degli altari con sotto una cavità nascosta da cui si poteva accendere il fuoco, che così sembrava essere di origine soprannaturale. (1 RE 18:26) Presero pertanto il giovane toro che egli diede loro. Quindi lo prepararono, e invocavano il nome di Baal dalla mattina fino a mezzogiorno, dicendo: O Baal, rispondici! Ma non c era voce, e non c era chi rispondesse. E zoppicavano intorno all altare che avevano fatto. *** it-1 p. 648 Danza *** Il culto di Baal era accompagnato da folli danze sfrenate. Al tempo di Elia ci fu una manifestazione del genere da parte dei sacerdoti di Baal che, nel corso della danza demonica, si ferivano con lame mentre zoppicavano intorno all altare. (1Re 18:26-29) Altre traduzioni dicono che danzavano zoppicando (Ga, Mor) o eseguivano danze sacre (PS). (1 RE 18:27) E avvenne verso mezzogiorno che Elia si prendeva gioco di loro e diceva: Chiamate con quanto fiato avete, poiché egli è un dio; poiché dev essere occupato in una faccenda, e ha escrementi e deve andare al gabinetto. O forse dorme e si deve svegliare! *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Verso mezzogiorno Elia cominciò a prendersi gioco di loro, dicendo con sarcasmo che forse Baal era troppo occupato per rispondere, o stava facendo i suoi bisogni al gabinetto, o forse si era appisolato e qualcuno lo doveva svegliare. Chiamate con quanto fiato avete, disse Elia a quegli impostori. Evidentemente vedeva l adorazione di Baal come una ridicola farsa, e voleva che anche il popolo di Dio se ne rendesse conto. 1 Re 18:26, 27.

4 (1 RE 18:28) E invocavano con quanto fiato avevano e si facevano incisioni secondo la loro abitudine con daghe e lance, finché si fecero scorrere il sangue addosso. *** w98 1/1 p. 30 Elia esalta il vero Dio *** Alcuni ipotizzano che l automutilazione avesse a che fare con la pratica dei sacrifici umani. Entrambe le pratiche indicavano che si poteva invocare il favore di un dio affliggendo il proprio corpo o spargendo sangue. *** w98 1/1 p. 30 Elia esalta il vero Dio *** I profeti di Baal cominciarono perfino a farsi incisioni con daghe e lance, pratica spesso impiegata dai pagani per destare la pietà dei loro dèi. 1 Re 18:28. *** it-2 p. 15 Incisioni *** La consuetudine di prodursi lacerazioni nella carne non era tuttavia limitata ai riti funebri. Nella speranza che il loro dio rispondesse ai loro appelli, i profeti di Baal si facevano incisioni secondo la loro abitudine con daghe e lance finché erano tutti imbrattati di sangue. (1Re 18:28) Riti simili erano praticati anche da altri popoli dell antichità. Per esempio, Erodoto (II, 61) menziona che durante la festa di Iside gli oriundi della Caria che abitavano in Egitto si sfregiavano il viso con la spada. (1 RE 18:29) E avvenne che appena fu passato mezzogiorno e continuavano a comportarsi da profeti fino a che ascende l offerta di cereali, non ci fu voce, e non ci fu chi rispondesse e non ci fu chi prestasse attenzione. *** it-2 p. 438 Ora *** Dio comandò che si offrissero olocausti sull altare la mattina e fra le due sere. Insieme a questi si presentava un offerta di cereali. (Eso 29:38-42) Fu così che espressioni come il tempo in cui ascende l offerta di cereali (il contesto indica se si tratta di mattina o sera, come in 1Re 18:29, 36) e il tempo dell offerta del dono della sera (Da 9:21) finirono con l indicare un tempo abbastanza preciso. (1 RE 18:30) Alla fine Elia disse a tutto il popolo: Accostatevi a me. Tutto il popolo si accostò dunque a lui. Quindi egli riparò l altare di Geova che era demolito. *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Nel tardo pomeriggio arrivò il turno di Elia. Riparò un altare di Geova che era stato demolito, senza dubbio dai nemici della pura adorazione. *** w05 15/12 p. 26 par. 6 È il momento di agire con decisione *** 6 L incontro avvenne nei pressi di un altare di Geova che era stato demolito, probabilmente per far piacere a Izebel. (1 Re 18:30) (1 RE 18:31) Elia prese dunque dodici pietre, secondo il numero delle tribù dei figli di Giacobbe, al quale era stata indirizzata la parola di Geova, dicendo: Il tuo nome diverrà Israele. *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Usò 12 pietre, e questo forse rammentò a molti appartenenti alle 10 tribù di Israele che erano ancora sotto la Legge data a tutte le 12 tribù. (1 RE 18:32) E continuò a edificare con le pietre un altare nel nome di Geova e a fare un fosso, di circa l area seminata con due sea di seme, tutt intorno all altare.

5 *** it-1 p. 806 Elia *** Poi è la volta di Elia. Con 12 pietre ripara un altare che era stato abbattuto, probabilmente per ordine di Izebel. Quindi per tre volte fa inzuppare d acqua l offerta e l altare; perfino il fosso intorno all altare, che circoscrive un area di circa 32 m per 32, è riempito d acqua. (1Re 18:30-35) (1 RE 18:33) Dopo ciò sistemò la legna e tagliò il giovane toro a pezzi e lo pose sulla legna. Ora disse: Riempite d acqua quattro giare grandi e versatela sull olocausto e sulla legna. *** w98 1/1 p. 31 Elia esalta il vero Dio *** Dopo di che il toro, l altare e la legna furono completamente bagnati con acqua e il fosso fu riempito d acqua (senz altro acqua di mare presa dal Mediterraneo). *** ba p. 17 Si può avere fiducia in questo libro? *** In alcuni casi l omissione di certi particolari contribuisce solo alla credibilità dello scrittore biblico. Per esempio, lo scrittore di 1 Re parla di una grave siccità in Israele. Era così grave che il re non riusciva a trovare acqua e erba sufficienti per tenere in vita i suoi cavalli e i suoi muli. (1 Re 17:7; 18:5) Eppure poco più avanti dice che il profeta Elia ordinò che gli venisse portata sul monte Carmelo abbastanza acqua (da usare in relazione a un sacrificio) per riempire un fosso tutto intorno a un area di forse metri quadrati. (1 Re 18:33-35) Nel bel mezzo della siccità, da dove veniva tutta quell acqua? Lo scrittore di 1 Re non si preoccupò di spiegarlo. Ma chiunque vivesse in Israele sapeva che il Carmelo arrivava fino alla costa del Mediterraneo, come indica un osservazione incidentale poco più avanti. (1 Re 18:43) Quindi sarebbe stato facile procurarsi acqua marina. Se questo libro altrimenti particolareggiato fosse stato un frutto della fantasia spacciato per storia vera, perché lo scrittore, che in tal caso sarebbe stato un abile falsificatore, avrebbe lasciato una simile incongruenza nel testo? (1 RE 18:34) Quindi disse: Fatelo di nuovo. Lo fecero dunque di nuovo. Ma egli disse: Fatelo una terza volta. Lo fecero dunque una terza volta. *** ba p. 17 Si può avere fiducia in questo libro? *** In alcuni casi l omissione di certi particolari contribuisce solo alla credibilità dello scrittore biblico. Per esempio, lo scrittore di 1 Re parla di una grave siccità in Israele. Era così grave che il re non riusciva a trovare acqua e erba sufficienti per tenere in vita i suoi cavalli e i suoi muli. (1 Re 17:7; 18:5) Eppure poco più avanti dice che il profeta Elia ordinò che gli venisse portata sul monte Carmelo abbastanza acqua (da usare in relazione a un sacrificio) per riempire un fosso tutto intorno a un area di forse metri quadrati. (1 Re 18:33-35) Nel bel mezzo della siccità, da dove veniva tutta quell acqua? Lo scrittore di 1 Re non si preoccupò di spiegarlo. Ma chiunque vivesse in Israele sapeva che il Carmelo arrivava fino alla costa del Mediterraneo, come indica un osservazione incidentale poco più avanti. (1 Re 18:43) Quindi sarebbe stato facile procurarsi acqua marina. Se questo libro altrimenti particolareggiato fosse stato un frutto della fantasia spacciato per storia vera, perché lo scrittore, che in tal caso sarebbe stato un abile falsificatore, avrebbe lasciato una simile incongruenza nel testo? (1 RE 18:35) Così l acqua andò tutt intorno all altare, ed egli riempì d acqua anche il fosso. *** ba p. 17 Si può avere fiducia in questo libro? *** In alcuni casi l omissione di certi particolari contribuisce solo alla credibilità dello scrittore biblico. Per esempio, lo scrittore di 1 Re parla di una grave siccità in Israele. Era così grave che il re non riusciva a trovare acqua e erba sufficienti per tenere in vita i suoi cavalli e i suoi muli. (1 Re 17:7; 18:5) Eppure poco più avanti dice che il profeta Elia ordinò che gli venisse portata sul monte Carmelo abbastanza acqua (da usare in relazione a un sacrificio) per riempire un fosso tutto intorno a un area di forse metri quadrati. (1 Re 18:33-35) Nel bel mezzo della siccità, da dove veniva tutta quell acqua? Lo scrittore di 1 Re non si preoccupò di spiegarlo. Ma chiunque vivesse in Israele sapeva che il Carmelo arrivava fino alla costa del Mediterraneo, come indica un osservazione incidentale poco più avanti. (1

6 Re 18:43) Quindi sarebbe stato facile procurarsi acqua marina. Se questo libro altrimenti particolareggiato fosse stato un frutto della fantasia spacciato per storia vera, perché lo scrittore, che in tal caso sarebbe stato un abile falsificatore, avrebbe lasciato una simile incongruenza nel testo? (1 RE 18:36) E avvenne al tempo in cui ascende l offerta di cereali che Elia il profeta si accostava e diceva: O Geova, Iddio di Abraamo, Isacco e Israele, si conosca oggi che tu sei Dio in Israele e che io sono tuo servitore e che per la tua parola ho fatto tutte queste cose. *** w10 1/10 pp Chi? *** Dopo che questi ebbe pregato, il suo Dio rispose all istante mandando fuoco dal cielo per consumare l offerta che Elia aveva presentato. Qual era la differenza? C era un elemento chiave nella preghiera stessa di Elia, riportata in 1 Re 18:36, 37. È una preghiera brevissima, una trentina di parole appena nell ebraico originale. Eppure, in quelle poche espressioni, Elia si rivolse a Dio tre volte usando il suo nome proprio, Geova. Baal, che significa proprietario o signore, era il dio dei cananei, una divinità di cui esistevano molte varianti locali. Geova, però, è un nome senza uguali, che si può attribuire a una sola Persona in tutto l universo. Questo Dio disse al suo popolo: Io sono Geova. Questo è il mio nome; e non darò a nessun altro la mia propria gloria. Isaia 42:8. La preghiera di Elia e quelle dei profeti di Baal furono udite dallo stesso Dio? Il culto di Baal degradava le persone con la prostituzione rituale e perfino con i sacrifici umani. L adorazione di Geova invece nobilitava il suo popolo, Israele, liberandolo da queste pratiche degradanti. Provate a riflettere: se indirizzaste una lettera a un amico che stimate molto, vi aspettereste che venisse consegnata a qualcuno che si chiama in un altro modo e la cui pessima reputazione è in netto contrasto con tutti i valori in cui crede il vostro amico? No di certo! *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Quando tutto fu pronto, Elia pronunciò una preghiera. Eloquente nella sua semplicità, essa mostrava chiaramente quali erano le cose più importanti per lui. Innanzi tutto, Elia voleva che fosse noto che Geova, e non Baal, era Dio in Israele. In secondo luogo, gli premeva che tutti sapessero che lui era soltanto un servitore di Geova e che tutta la gloria andava a Lui. Infine, dimostrò che teneva ancora al suo popolo. Desiderava infatti che Geova rivolgesse indietro il loro cuore. (1 Re 18:36, 37) Nonostante le sciagure che il popolo aveva attirato su di sé a motivo della sua infedeltà, Elia continuava ad amarlo. Quando preghiamo, anche noi dovremmo mostrare altrettanta premura per il nome di Dio, oltre che umiltà e compassione per chi ha bisogno di aiuto. *** it-2 p. 438 Ora *** Dio comandò che si offrissero olocausti sull altare la mattina e fra le due sere. Insieme a questi si presentava un offerta di cereali. (Eso 29:38-42) Fu così che espressioni come il tempo in cui ascende l offerta di cereali (il contesto indica se si tratta di mattina o sera, come in 1Re 18:29, 36) e il tempo dell offerta del dono della sera (Da 9:21) finirono con l indicare un tempo abbastanza preciso. (1 RE 18:37) Rispondimi, o Geova, rispondimi, affinché questo popolo conosca che tu, Geova, sei il [vero] Dio e che tu stesso hai rivolto indietro il loro cuore. *** w10 1/10 pp Chi? *** Dopo che questi ebbe pregato, il suo Dio rispose all istante mandando fuoco dal cielo per consumare l offerta che Elia aveva presentato. Qual era la differenza? C era un elemento chiave nella preghiera stessa di Elia, riportata in 1 Re 18:36, 37. È una preghiera brevissima, una trentina di parole appena nell ebraico originale. Eppure, in quelle poche espressioni, Elia si rivolse a Dio tre volte usando il suo nome proprio, Geova. Baal, che significa proprietario o signore, era il dio dei cananei, una divinità di cui esistevano molte varianti locali. Geova, però, è un nome senza uguali, che si può attribuire a una sola Persona in tutto l universo. Questo Dio disse al suo popolo: Io sono Geova. Questo è il mio nome; e non darò a nessun altro la mia propria gloria. Isaia 42:8. La preghiera di Elia e quelle dei profeti di Baal furono udite dallo stesso Dio? Il culto di Baal degradava

7 le persone con la prostituzione rituale e perfino con i sacrifici umani. L adorazione di Geova invece nobilitava il suo popolo, Israele, liberandolo da queste pratiche degradanti. Provate a riflettere: se indirizzaste una lettera a un amico che stimate molto, vi aspettereste che venisse consegnata a qualcuno che si chiama in un altro modo e la cui pessima reputazione è in netto contrasto con tutti i valori in cui crede il vostro amico? No di certo! *** w08 1/1 p. 20 Difese la pura adorazione *** Quando tutto fu pronto, Elia pronunciò una preghiera. Eloquente nella sua semplicità, essa mostrava chiaramente quali erano le cose più importanti per lui. Innanzi tutto, Elia voleva che fosse noto che Geova, e non Baal, era Dio in Israele. In secondo luogo, gli premeva che tutti sapessero che lui era soltanto un servitore di Geova e che tutta la gloria andava a Lui. Infine, dimostrò che teneva ancora al suo popolo. Desiderava infatti che Geova rivolgesse indietro il loro cuore. (1 Re 18:36, 37) Nonostante le sciagure che il popolo aveva attirato su di sé a motivo della sua infedeltà, Elia continuava ad amarlo. Quando preghiamo, anche noi dovremmo mostrare altrettanta premura per il nome di Dio, oltre che umiltà e compassione per chi ha bisogno di aiuto. (1 RE 18:40) Quindi Elia disse loro: Prendete i profeti di Baal! Non ne scampi nemmeno uno! Subito li presero, ed Elia li fece quindi scendere alla valle del torrente Chison e là li scannò. *** w08 1/1 p. 21 Difese la pura adorazione *** ma ancora non avevano dimostrato alcuna fede. Certo, ammettere che Geova è il vero Dio dopo aver visto scendere fuoco dal cielo in risposta a una preghiera non è una gran dimostrazione di fede. Così Elia chiese loro di fare qualcosa di più, qualcosa che avrebbero dovuto fare molti anni prima: ubbidire alla Legge di Geova. La Legge diceva che i falsi profeti e gli idolatri dovevano essere messi a morte. (Deuteronomio 13:5-9) I profeti di Baal erano nemici giurati di Geova Dio e agivano deliberatamente in opposizione a lui. Meritavano forse misericordia? Ebbene, quale misericordia veniva mostrata a tutti i bambini innocenti bruciati vivi in sacrificio a Baal? (Proverbi 21:13; Geremia 19:5) No, quegli uomini non meritavano alcuna misericordia. Elia ordinò che fossero giustiziati, e così avvenne. 1 Re 18:40. *** it-1 p. 434 Carmelo *** Dopo la prova, Elia fece portare i falsi profeti giù nella valle del torrente Chison, che scorre ai piedi del Carmelo prima di gettarsi nella baia di Acco, e lì li fece scannare. (1Re 18:40) (1 RE 18:41) Elia disse ora ad Acab: Sali, mangia e bevi; poiché c è il suono dello scrosciare di un rovescio di pioggia. *** w08 1/4 p. 17 Guardò con attenzione e aspettò *** Elia rivolse ad Acab queste parole: Sali, mangia e bevi; poiché c è il suono dello scrosciare di un rovescio di pioggia. (Versetto 41) *** w08 1/4 p. 18 Guardò con attenzione e aspettò *** Ricorderete che poco prima Elia aveva detto al re Acab: C è il suono dello scrosciare di un rovescio di pioggia. Come poteva dire una cosa del genere se non c era nessuna nube in vista? Elia conosceva la promessa di Geova e, in quanto Suo profeta e rappresentante, era certo che avrebbe mantenuto la parola. Elia era fiducioso, come se potesse già sentire il fragore dell acquazzone. Questo ci fa pensare a ciò che la Bibbia dice riguardo a Mosè: Rimase saldo come vedendo Colui che è invisibile. Dio è altrettanto reale per voi? Egli ci dà ampie ragioni per riporre in lui e nelle sue promesse una fede come questa. Ebrei 11:1, 27. (1 RE 18:42) E Acab saliva per mangiare e bere. In quanto ad Elia, salì in cima al Carmelo e si chinava a terra e teneva la faccia fra le ginocchia.

8 *** w08 1/4 pp Guardò con attenzione e aspettò *** Acab si limitò a salire per mangiare e bere. (Versetto 42) Ed Elia? In quanto ad Elia, salì in cima al Carmelo e si chinava a terra e teneva la faccia fra le ginocchia. Mentre Acab si riempiva la pancia, Elia poté pregare il Padre suo. Soffermiamoci sulla posizione umile che assunse Elia: era così chinato che la sua faccia era vicina alle ginocchia. Per che cosa pregava? Non c è bisogno di tirare a indovinare. In Giacomo 5:18 la Bibbia spiega che Elia pregò che la siccità finisse. Di sicuro questa è la preghiera che innalzò quando si trovava sulla cima del Carmelo. In precedenza Geova aveva detto: Ho deciso di dare la pioggia sulla superficie del suolo. (1 Re 18:1) Perciò Elia pregò che si compisse la volontà espressa dal Padre suo. Circa mille anni dopo Gesù insegnò ai suoi seguaci a chiedere in preghiera qualcosa di molto simile. Matteo 6:9, 10. Possiamo imparare molto da Elia sull argomento della preghiera. Per lui la cosa più importante era che si compisse la volontà del Padre suo. Quando preghiamo Dio, facciamo bene a ricordare che qualunque cosa chiediamo secondo la sua volontà, egli ci ascolta. (1 Giovanni 5:14) Va da sé, quindi, che se vogliamo che le nostre preghiere siano ascoltate da Dio dobbiamo conoscere la sua volontà: un ottima ragione per fare dello studio della Bibbia un aspetto della vita quotidiana. La siccità causava grandi sofferenze ai connazionali di Elia, e senza dubbio questo era un altro motivo per cui egli voleva vederla finire. Inoltre Elia sarà stato molto grato per il miracolo che Geova aveva compiuto quel giorno. Anche nelle nostre preghiere dovrebbero trasparire l interesse per il benessere altrui e la sincera gratitudine. 2 Corinti 1:11; Filippesi 4:6. *** it-1 p. 243 Atteggiamenti e gesti *** Seduti e prostrati. Un altra posizione assunta nella preghiera era quella del supplicante che evidentemente s inginocchiava e poi si sedeva sui talloni. (1Cr 17:16) In questa posizione poteva chinare la testa sul petto. Oppure, come fece Elia, poteva rannicchiarsi per terra e mettere il viso fra le ginocchia. (1Re 18:42) (1 RE 18:43) Disse quindi al suo servitore: Sali, ti prego. Guarda in direzione del mare. Salì, dunque, e guardò e quindi disse: Non c è assolutamente nulla. Ed egli continuò a dire: Torna, per sette volte. *** w08 1/4 pp Guardò con attenzione e aspettò *** Fiducioso e attento Elia era sicuro che Geova sarebbe intervenuto per porre fine alla siccità, ma non sapeva quando. Cosa fece nell attesa? Nel versetto 43 leggiamo: Disse quindi al suo servitore: Sali, ti prego. Guarda in direzione del mare. Salì, dunque, e guardò e quindi disse: Non c è assolutamente nulla. Ed egli continuò a dire: Torna, per sette volte. Elia ci è d esempio sotto almeno due aspetti: prima di tutto, si dimostrò fiducioso; inoltre, fu una persona attenta, vigile. Elia voleva delle indicazioni concrete che l intervento di Geova era imminente; perciò fece salire il suo servitore più in alto, affinché scrutasse l orizzonte alla ricerca di qualunque segnale dell arrivo della pioggia. Al suo ritorno il servitore disse senza entusiasmo: Non c è assolutamente nulla. L orizzonte era limpido ed evidentemente in cielo non c erano nuvole. Non vi sembra strano? Ricorderete che poco prima Elia aveva detto al re Acab: C è il suono dello scrosciare di un rovescio di pioggia. Come poteva dire una cosa del genere se non c era nessuna nube in vista? Elia conosceva la promessa di Geova e, in quanto Suo profeta e rappresentante, era certo che avrebbe mantenuto la parola. Elia era fiducioso, come se potesse già sentire il fragore dell acquazzone. Questo ci fa pensare a ciò che la Bibbia dice riguardo a Mosè: Rimase saldo come vedendo Colui che è invisibile. Dio è altrettanto reale per voi? Egli ci dà ampie ragioni per riporre in lui e nelle sue promesse una fede come questa. Ebrei 11:1, 27. Parliamo ora dello spirito vigile di Elia. Rimandò indietro il suo servitore non una o due volte, ma sette volte! Il servitore si sarà stufato di andare avanti e indietro. Ma Elia non si dava per vinto, voleva vedere un segno. (1 RE 18:44) E la settima volta avvenne che disse: Ecco, c è una nube, piccola come la palma della mano di un uomo, che sale dal mare. Egli ora disse: Sali, di ad Acab: Attacca [il carro]! E scendi affinché il rovescio di pioggia non ti trattenga!

9 *** w09 1/1 pp Siete grati della pioggia? *** Meno di un secolo dopo Salomone, Elia, un profeta di Dio, mostrò di sapere da dove proviene la pioggia. Ai suoi giorni, il paese stava affrontando una grave siccità che durava da più di tre anni. (Giacomo 5:17) Geova Dio aveva mandato su di loro questa calamità perché lo avevano rigettato e a lui avevano preferito Baal, il dio cananeo della pioggia. Ma Elia aiutò gli israeliti a pentirsi, dopo di che fu disposto a pregare perché piovesse. Mentre pregava, Elia chiese al suo servitore di guardare in direzione del mare. Quando questi lo informò che c era una nube, piccola come la palma della mano di un uomo, che saliva dal mare, Elia capì che la sua preghiera era stata esaudita. Ben presto i cieli stessi si oscurarono per le nubi e il vento e cominciò un gran rovescio di pioggia. (1 Re 18:43-45) Perciò Elia dimostrò di conoscere in qualche modo il ciclo dell acqua. Sapeva che le nubi si formavano sul mare e poi venivano spinte dai venti verso est in direzione della Terra Promessa. Ancora oggi questo è il modo in cui le terre ricevono la pioggia. *** w08 1/4 pp Guardò con attenzione e aspettò *** Alla fine, dopo sette tentativi, il servitore riferì: Ecco, c è una nube, piccola come la palma della mano di un uomo, che sale dal mare. (Versetto 44) Riuscite a immaginarvi il servitore che, con il braccio teso, indica con la mano la dimensione della nuvoletta che sale all orizzonte dal Mar Grande? Il servitore non avrà dato peso alla cosa, ma per Elia quella nuvola voleva dire molto. Infatti diede al servitore un comando urgente: Sali, di ad Acab: Attacca il carro! E scendi affinché il rovescio di pioggia non ti trattenga! Anche in questo Elia è un eccellente esempio per noi che, come lui, viviamo in un periodo in cui Dio si appresta ad adempiere il suo proposito. Elia attendeva la fine della siccità; oggi chi serve Dio attende la fine del corrotto sistema di cose mondiale. (1 Giovanni 2:17) Fino al momento in cui Geova Dio interverrà dobbiamo continuare a essere vigilanti, come Elia. Il Figlio di Dio, Gesù, esortò i suoi seguaci: Siate vigilanti, dunque, perché non sapete in quale giorno verrà il vostro Signore. (Matteo 24:42) Gesù intendeva forse dire che i suoi seguaci sarebbero stati completamente all oscuro circa il momento in cui sarebbe venuta la fine? No, visto che descrisse ampiamente come sarebbe stato il mondo nei giorni che l avrebbero preceduta. Chiunque ha la possibilità di conoscere i vari aspetti del segno del termine del sistema di cose. Matteo 24:3-7. Ogni particolare di quel segno è una prova decisiva e convincente. Tali prove bastano per spingerci ad agire con prontezza? La nuvoletta che saliva all orizzonte bastò a convincere Elia che Geova stava per intervenire. (1 RE 18:45) E avvenne nel frattempo che i cieli stessi si oscurarono per le nubi e il vento e cominciò un gran rovescio di pioggia. E Acab guidava [il suo carro] e andava a Izreel. *** w08 1/4 p. 20 Guardò con attenzione e aspettò *** Sollievo e benedizioni da Geova La narrazione biblica continua: Avvenne nel frattempo che i cieli stessi si oscurarono per le nubi e il vento e cominciò un gran rovescio di pioggia. E Acab guidava il suo carro e andava a Izreel. (Versetto 45) Gli eventi si susseguirono a un ritmo incalzante. Mentre il servitore di Elia riferiva il messaggio ad Acab, la nuvoletta lasciò il posto a numerose nubi che riempirono e oscurarono il cielo. Soffiava un forte vento. Dopo tre anni e mezzo, sul suolo di Israele cadeva finalmente la pioggia. La terra riarsa assorbì le gocce d acqua. La pioggia divenne torrenziale, il Chison si ingrossò e sicuramente lavò via il sangue dei profeti di Baal che erano stati giustiziati. Anche gli ostinati israeliti avevano l occasione di lavare via dal paese l orribile macchia del culto di Baal. Certo, Elia sperava che ciò avvenisse. Acab si sarebbe pentito e avrebbe abbandonato la sozzura del culto di Baal? I fatti di quella giornata avevano fornito ampie ragioni per farlo. Ovviamente non possiamo sapere cosa passasse per la testa ad Acab in quei momenti. La Bibbia dice soltanto che il re guidava il suo carro e andava a Izreel. Aveva imparato qualcosa? Era deciso a cambiare? Da ciò che sarebbe accaduto in seguito deduciamo che la risposta è no. Ma la giornata non era ancora finita per Acab, e neanche per Elia. (1 RE 18:46) E la medesima mano di Geova era su Elia, così che si cinse i fianchi e correva davanti ad Acab per tutta la via fino a Izreel.

10 *** w11 1/7 p. 18 Trasse conforto dal suo Dio *** CALAVANO le tenebre. Elia correva sotto la pioggia alla volta di Izreel, ancora lontana. Non era più un ragazzo, eppure non dava segni di stanchezza, dato che la medesima mano di Geova era su di lui. L energia che attraversava il suo corpo era senza dubbio diversa da qualunque altro tipo di energia avesse mai provato prima. E infatti riuscì persino a superare il carro regale in cui viaggiava il re Acab. 1 Re 18:46. *** w08 1/4 p. 20 Guardò con attenzione e aspettò *** Di lì a poco, Geova avrebbe incaricato Elia di addestrare Eliseo, il quale sarebbe divenuto noto come colui che versava acqua sulle mani di Elia. (2 Re 3:11) Eliseo fece da servitore a Elia, ormai anziano, evidentemente aiutandolo negli aspetti di ordine pratico. *** w08 1/4 p. 20 Guardò con attenzione e aspettò *** Il profeta di Geova si avviò lungo la stessa strada che aveva preso Acab. Doveva percorrere un lungo tragitto, nell oscurità e sotto la pioggia. Ma accadde qualcosa di inaspettato. La medesima mano di Geova era su Elia, così che si cinse i fianchi e correva davanti ad Acab per tutta la via fino a Izreel. (Versetto 46) È chiaro che la medesima mano di Geova agiva su Elia in modo soprannaturale. Izreel distava circa 30 chilometri, ed Elia non era più un ragazzo. Immaginate il profeta che si rimbocca le lunghe vesti e le annoda ai fianchi per avere le gambe libere, e quindi si mette a correre lungo la strada fangosa. Corre così forte che raggiunge, sorpassa e distanzia il carro del re! Che benedizione per Elia! Dev essere stato emozionante sentire una forza, una vitalità, un vigore che magari non aveva neanche quando era giovane. Forse ci tornano in mente le profezie che assicurano ai fedeli che nel futuro Paradiso terrestre avranno salute perfetta e saranno nel pieno delle energie. (Isaia 35:6; Luca 23:43) Senza dubbio, mentre correva in mezzo al fango, Elia era ben consapevole di avere l approvazione del Padre suo, il solo vero Dio, Geova! *** it-1 p. 18 Abbigliamento *** Fascia, cintura. Spesso sopra la tunica o la sopravveste si portava una fascia. Quando si svolgeva qualche lavoro o attività fisica, ci si poteva cingere i fianchi con una fascia, spesso facendo passare fra le gambe i lembi del vestito e raccogliendoli sotto la fascia per avere libertà di movimento. (1Re 18:46; 2Re 4:29; 9:1) *** it-1 p. 204 Armi, Armatura *** Cintura. La cintura dei soldati d un tempo era una fascia di cuoio portata intorno alla vita o ai fianchi. Era larga da 5 a 15 cm e spesso era costellata di borchie di ferro, argento o oro. Il guerriero vi appendeva la spada, e a volte la cintura era sostenuta da una bretella. (1Sa 18:4; 2Sa 20:8) Mentre la cintura slacciata indicava rilassatezza (1Re 20:11), cingersi i lombi o i fianchi significava essere pronti per l azione o la battaglia. Eso 12:11; 1Re 18:46; 1Pt 1:13, nt. *** it-1 p. 434 Carmelo *** Di là Elia percorse almeno 30 km fino a Izreel, correndo con l aiuto di Geova davanti al carro di Acab per tutto il tragitto. 1Re 18:46. *** it-1 p. 806 Elia *** Con l aiuto di Geova, Elia corre quindi davanti al carro da guerra di Acab, forse per ben 30 km, fino a Izreel. 1Re 18: *** it-1 pp Fianchi *** Prima di accingersi a svolgere qualsiasi energica attività fisica ci si cingeva i fianchi, spesso facendo passare fra le gambe i lembi del vestito sciolto e ampio e ripiegandone le estremità sotto la cintura. In Egitto gli israeliti mangiarono la Pasqua con i fianchi cinti, pronti a mettersi in marcia per lasciare il paese. Elia si era similmente preparato prima di mettersi a correre davanti al carro da guerra di Acab. Eso 12:11; 1Re 18:46. (1 RE 19:1) Acab riferì quindi a Izebel tutto ciò che Elia aveva fatto e ogni cosa circa il modo in cui aveva ucciso

11 tutti i profeti con la spada. *** w11 1/7 p. 18 Trasse conforto dal suo Dio *** Un colpo di scena Quando Acab raggiunse il suo palazzo a Izreel diede forse prova di essere cambiato, di essere ora un uomo più spirituale? Leggiamo: Acab riferì quindi a Izebel tutto ciò che Elia aveva fatto e ogni cosa circa il modo in cui aveva ucciso tutti i profeti con la spada. (1 Re 19:1) Si noti che, nel fare il resoconto degli avvenimenti del giorno, Acab non menzionò minimamente l Iddio di Elia, Geova. Essendo un uomo carnale, osservò quegli avvenimenti miracolosi in termini strettamente umani, come qualcosa che Elia aveva fatto. È evidente che non aveva imparato a rispettare Geova Dio. E come reagì la vendicativa Izebel? (1 RE 19:2) Allora Izebel mandò un messaggero a Elia, dicendo: Così facciano gli dèi, e così vi aggiungano, se domani a quest ora non farò alla tua anima come all anima di ciascuno di loro! *** w11 1/7 p. 19 Trasse conforto dal suo Dio *** La regina era furiosa! Livida di rabbia, mandò questo messaggio a Elia: Così facciano gli dèi, e così vi aggiungano, se domani a quest ora non farò alla tua anima come all anima di ciascuno di loro! (1 Re 19:2) Si trattava di una minaccia di morte del peggior tipo. In pratica, Izebel stava giurando che, se nel giro di un giorno non fosse riuscita a far uccidere Elia per vendicare i profeti di Baal, lei stessa sarebbe dovuta morire. Immaginate Elia che, in un umile alloggio a Izreel, durante quella notte tempestosa viene svegliato dal messaggero della regina e si sente dire quelle parole terribili. (1 RE 19:3) Ed egli ebbe timore. Di conseguenza si levò e se ne andava per la sua anima e giunse a Beer-Seba, che appartiene a Giuda. Quindi là si lasciò dietro il suo servitore. *** w11 1/7 p. 19 Trasse conforto dal suo Dio *** Sconforto e timore prendono il sopravvento Se Elia si era illuso che la guerra contro l adorazione di Baal fosse quasi finita, le sue speranze si infransero in quel momento. Izebel non era affatto cambiata. Moltissimi fedeli profeti come Elia erano già stati giustiziati dietro suo ordine, e ora sembrava toccasse a lui. La Bibbia ci dice che egli ebbe timore. Elia immaginò forse la terribile morte che Izebel aveva in serbo per lui? Se si soffermò su pensieri di questo genere, non sorprende che tutto il suo coraggio svanisse. Ad ogni modo, il racconto dice che Elia se ne andava per la sua anima, ovvero fuggì per mettersi in salvo. 1 Re 18:4; 19:3. Elia non fu l unico uomo di fede a essere sopraffatto dal timore. Secoli dopo, l apostolo Pietro ebbe un problema simile. Ad esempio, quando Gesù gli permise di camminare sulle acque perché lo raggiungesse, Pietro guardando il turbine si perse di coraggio e cominciò ad affondare. (Matteo 14:30) Pertanto la vicenda di Pietro e di Elia ci insegna una verità preziosa: per conservare il coraggio non dobbiamo soffermarci sui pericoli, su ciò che ci spaventa, ma dobbiamo mantenerci concentrati sulla Fonte della speranza e della forza. Basta! Terrorizzato, Elia fuggì a sud-ovest percorrendo 150 chilometri fino a Beer-Seba, città vicino al confine meridionale di Giuda. Lì si lasciò dietro il suo servitore e si incamminò da solo nel deserto. *** it-1 p. 806 Elia *** Sfugge a Izebel. Informata della morte dei profeti di Baal, la regina Izebel giura di far mettere a morte Elia. Spaventato, Elia fugge verso SO per 150 km fino a Beer-Seba, a O dell estremità inferiore del Mar Morto. (CARTINA, vol. 1, p. 949) (1 RE 19:4) Ed egli stesso entrò nel deserto per una giornata di cammino, e infine andò a sedersi sotto una certa ginestra. E chiedeva che la sua anima morisse e diceva: Basta! Ora, o Geova, togli la mia anima, poiché non sono migliore dei miei antenati.

12 *** w11 1/7 pp Trasse conforto dal suo Dio *** Basta! Terrorizzato, Elia fuggì a sud-ovest percorrendo 150 chilometri fino a Beer-Seba, città vicino al confine meridionale di Giuda. Lì si lasciò dietro il suo servitore e si incamminò da solo nel deserto. Il racconto dice che proseguì per una giornata di cammino ; probabilmente partì all alba e senza provviste. Depresso e sempre più in preda al timore, arrancò nell aspro e selvaggio deserto sotto un sole cocente. Pian piano la luce abbagliante rosseggiò e infine il sole calò dietro l orizzonte; Elia era stremato. Si sedette esausto all ombra di una ginestra, la cosa che più si avvicinava a un riparo in quel paesaggio tanto brullo. 1 Re 19:4. Nel più totale sconforto, Elia pregò, chiedendo di morire. Non sono migliore dei miei antenati, disse. Sapeva che i suoi antenati erano ormai solo polvere e ossa nella tomba, incapaci di fare del bene a chiunque. (Ecclesiaste 9:10) Elia si sentiva altrettanto inutile. Non stupisce che gridasse: Basta! Perché mai continuare a vivere? Dovrebbe meravigliarci che un uomo di Dio possa sentirsi così abbattuto? Non necessariamente. Diversi uomini e donne fedeli descritti nella Bibbia si sentirono a volte talmente affranti da desiderare di morire; Rebecca, Giacobbe, Mosè e Giobbe sono solo alcuni. Genesi 25:22; 37:35; Numeri 11:13-15; Giobbe 14:13. Dal momento che viviamo in tempi difficili, anche oggi può capitare che molti, persino fedeli servitori di Dio, si sentano talvolta scoraggiati. (2 Timoteo 3:1) Semmai doveste trovarvi in una situazione altrettanto difficile, seguite l esempio di Elia: apritevi con Dio esprimendogli il vostro stato d animo. Dopo tutto Geova è l Iddio di ogni conforto. (2 Corinti 1:3) Confortò Elia? *** w97 15/5 p. 13 par. 17 Quando Gesù viene nella gloria del Regno *** 17 Inoltre l Israele di Dio ebbe un esperienza paragonabile a quella di Elia sul monte Horeb. Come Elia fuggì per sottrarsi alle ire della regina Izebel, alla fine della prima guerra mondiale l unto rimanente ebbe timore e pensò che la sua opera fosse terminata. Poi, come Elia, anch esso ebbe un incontro con Geova, che era venuto a giudicare le organizzazioni che asserivano di essere la casa di Dio. (1 Pietro 4:17; Malachia 3:1-3) Mentre la cristianità fu trovata in difetto, l unto rimanente fu riconosciuto quale schiavo fedele e discreto e costituito sopra tutti gli averi terreni di Gesù. (Matteo 24:45-47) Sull Horeb, Elia udì una voce calma, sommessa, che risultò essere quella di Geova, il quale gli affidò altro lavoro da compiere. Nel periodo di calma del dopoguerra i fedeli servitori di Geova unti udirono la sua voce dalle pagine della Bibbia. Anche loro compresero di avere un incarico da compiere. 1 Re 19:4, 9-18; Rivelazione 11:7-13. *** it-1 p Ginestra *** In 1 Re 19:4, 5 si legge che quando Elia fuggì nel deserto per evitare l ira di Izebel, andò a sedersi sotto una certa ginestra e poi si addormentò. Mentre le ginestre più piccole provvederebbero una ben misera ombra dal cocente sole del deserto, una pianta abbastanza grande potrebbe offrire un gradito sollievo. Questo cespuglio del deserto veniva usato anche come combustibile. Il legno di ginestra produce eccellente carbonella, che emana intenso calore. (1 RE 19:5) Infine giacque e si addormentò sotto la ginestra. Ma, ecco, ora un angelo lo toccava. Quindi gli disse: Levati, mangia. *** w11 1/7 p. 20 Trasse conforto dal suo Dio *** 1 Re 19:5 *** w11 1/7 p. 20 Trasse conforto dal suo Dio *** Dopo che Elia era sprofondato nel sonno, Geova gli mandò un angelo. Questi lo svegliò toccandolo delicatamente e gli disse: Levati, mangia. *** it-1 p Ginestra *** In 1 Re 19:4, 5 si legge che quando Elia fuggì nel deserto per evitare l ira di Izebel, andò a sedersi sotto una certa ginestra e poi si addormentò. Mentre le ginestre più piccole provvederebbero una ben misera ombra dal cocente sole del deserto, una pianta abbastanza grande potrebbe offrire un gradito sollievo. Questo cespuglio del deserto veniva usato anche come combustibile. Il legno di ginestra

13 produce eccellente carbonella, che emana intenso calore. (1 RE 19:6) Quando guardò, ebbene, lì presso la sua testa c era una focaccia rotonda su pietre infuocate e una brocca d acqua. E mangiava e beveva, dopo di che tornò a giacere. *** w11 1/7 p. 20 Trasse conforto dal suo Dio *** 1 Re 19:5-7. *** w11 1/7 p. 20 Trasse conforto dal suo Dio *** Elia lo fece, dato che l angelo gli aveva gentilmente messo davanti un pasto frugale composto da pane ancora caldo e acqua. Elia lo ringraziò? Il racconto dice solo che il profeta mangiò, bevve e tornò a dormire. Era così provato da non riuscire nemmeno a parlare? *** it-1 p. 630 Cuocere al forno *** Nei tempi biblici il pane di solito era cotto al forno. (Vedi FORNO). A volte però lo si cuoceva accendendo il fuoco su pietre disposte una accanto all altra. Quando erano ben calde, si toglieva la cenere e l impasto veniva messo sulle pietre. Dopo un po il pane veniva girato e lasciato sulle pietre finché era ben cotto. (Os 7:8) I viaggiatori potevano cuocere il pane in una buca poco profonda riempita di ciottoli, sui quali era stato acceso il fuoco. Dopo aver tolto la brace, l impasto veniva deposto sulle pietre roventi, e forse lo si girava diverse volte finché era cotto. 1Re 19:6. (1 RE 19:7) Più tardi l angelo di Geova tornò una seconda volta e lo toccò e disse: Levati, mangia, poiché il viaggio è troppo per te. *** w11 1/7 p. 20 Trasse conforto dal suo Dio *** Comunque sia, l angelo lo svegliò una seconda volta, forse all alba. Di nuovo, lo esortò dicendo: Levati, mangia, poiché il viaggio è troppo per te. 1 Re 19:5-7. Grazie alla perspicacia datagli da Dio, l angelo sapeva dov era diretto Elia. Sapeva anche che il viaggio era troppo impegnativo perché Elia potesse affrontarlo con le sue sole forze. Che sollievo servire un Dio che conosce meglio di noi i nostri obiettivi e i nostri limiti! (Salmo 103:13, 14) (1 RE 19:8) Pertanto si levò e mangiò e bevve, e continuò ad andare nella potenza di quel nutrimento per quaranta giorni e quaranta notti fino al monte del [vero] Dio, Horeb. *** w11 1/7 pp Trasse conforto dal suo Dio *** Leggiamo: Si levò e mangiò e bevve, e continuò ad andare nella potenza di quel nutrimento per quaranta giorni e quaranta notti fino al monte del vero Dio, Horeb. (1 Re 19:8) Come Mosè, circa sei secoli prima di lui, e Gesù, quasi dieci secoli dopo, Elia digiunò per 40 giorni e 40 notti. (Esodo 34:28; Luca 4:1, 2) Quel pasto non bastò certo a risolvere tutti i suoi problemi, ma lo sostenne in modo miracoloso. Immaginate quell uomo anziano mentre avanza nell impervio deserto, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, per quasi un mese e mezzo! Anche oggi Geova sostiene i suoi servitori, non con letterali pasti miracolosi ma in un modo ancor più decisivo: provvede loro in senso spirituale. (Matteo 4:4) Imparare a conoscere Dio tramite la sua Parola e tramite pubblicazioni fedelmente basate su di essa ci sostiene spiritualmente. Nutrirci di questo cibo spirituale forse non farà sparire tutti i nostri problemi, ma ci aiuterà a sopportare cose che sarebbero altrimenti insopportabili. Può inoltre significare vita eterna. Giovanni 17:3. Elia camminò per quasi 320 chilometri prima di raggiungere finalmente il monte Horeb, dove molto tempo prima Geova Dio, tramite un angelo, era apparso a Mosè presso il roveto ardente e in seguito aveva stipulato il patto della Legge con Israele. Elia trovò rifugio in una caverna. *** it-1 p. 806 Elia *** Là gli appare l angelo di Geova, che lo prepara per il lungo viaggio fino al monte del vero Dio : l Horeb.

14 Ciò che mangia in quell occasione lo sostiene durante i 40 giorni del viaggio, in cui percorre oltre 300 km. *** it-1 p. 950 Attività profetica di Elia e di Eliseo, L *** Zona del monte Sinai. Per sfuggire alle ire di Izebel, Elia raggiunse questa regione, distante circa 450 km (1Re 19:1-18) (1 RE 19:9) Là entrò infine in una caverna, per passarvi la notte; ed ecco, c era per lui la parola di Geova, e gli diceva: Che fai qui, Elia? *** w11 1/7 p. 21 Trasse conforto dal suo Dio *** Sul monte Horeb la parola di Geova, trasmessa evidentemente da un messaggero angelico, rivolse al profeta questa semplice domanda: Che fai qui, Elia? Il tono della domanda dovette essere garbato se Elia la interpretò come un invito ad aprire il suo cuore, *** w11 1/7 p. 21 Trasse conforto dal suo Dio *** 1 Re 19:9, (1 RE 19:10) A ciò disse: Sono stato assolutamente geloso per Geova l Iddio degli eserciti; poiché i figli d Israele hanno lasciato il tuo patto, hanno demolito i tuoi altari, e hanno ucciso i tuoi profeti con la spada, tanto che io solo sono rimasto; e cercano la mia anima per toglierla. *** w11 1/7 p. 21 Trasse conforto dal suo Dio *** Disse: Sono stato assolutamente geloso per Geova l Iddio degli eserciti; poiché i figli d Israele hanno lasciato il tuo patto, hanno demolito i tuoi altari, e hanno ucciso i tuoi profeti con la spada, tanto che io solo sono rimasto; e cercano la mia anima per toglierla. (1 Re 19:9, 10) Dalle sue parole emergono almeno tre motivi di sconforto. In primo luogo, Elia aveva l impressione che la sua opera fosse stata inutile. Nonostante gli anni in cui era stato assolutamente geloso nel servire Geova, mettendo il sacro nome di Dio e la pura adorazione al di sopra di ogni altra cosa, Elia aveva visto che la situazione era solo peggiorata. Il popolo era ancora privo di fede e ribelle, mentre la falsa adorazione dilagava! In secondo luogo, Elia si sentiva solo. Io solo sono rimasto, disse, come se fosse rimasto l unico in tutta la nazione a servire Geova. In terzo luogo, Elia aveva paura. Molti profeti erano già stati uccisi, ed era convinto che il prossimo sarebbe stato lui. Forse non era facile esternare questi sentimenti, ma Elia non lasciò che l orgoglio o l imbarazzo lo trattenesse dal farlo. Aprendo il suo cuore a Dio in preghiera, diede l esempio a tutte le persone fedeli. Salmo 62:8. (1 RE 19:11) Ma essa disse: Esci, e devi stare sul monte dinanzi a Geova. Ed ecco, Geova passava, e un grande e forte vento fendeva i monti e spezzava le rupi dinanzi a Geova. (Geova non era nel vento). E dopo il vento ci fu un terremoto. (Geova non era nel terremoto). *** w11 1/7 pp Trasse conforto dal suo Dio *** Cosa fece Geova di fronte alle paure e alle preoccupazioni di Elia? L angelo disse a Elia di stare in piedi all ingresso della caverna. Elia ubbidì, ignaro di quello che sarebbe accaduto. Immediatamente si levò un vento fortissimo. Deve aver emesso un muggito davvero assordante se fu così impetuoso da fendere i monti e le rupi. Provate a immaginare Elia che tra le raffiche del vento cerca di proteggersi gli occhi e tenersi stretta la grossolana e robusta veste di pelo. Poi un terremoto scosse l intera regione. Elia dovette fare non pochi sforzi per tenersi in equilibrio quando la terra cominciò a tremare e sobbalzare. Si era a malapena ripreso che divampò un grande fuoco, che lo costrinse a ripararsi nella caverna per proteggersi dall intenso calore delle fiamme. 1 Re 19:11, 12. Il racconto, in ognuno dei tre casi, precisa che Geova non era in quelle spettacolari manifestazioni delle forze naturali. Elia sapeva che Geova non è un mitologico dio della natura, come lo era Baal, che veniva considerato dai suoi illusi adoratori il Cavaliere delle nubi, o colui che portava la pioggia.

15 Geova è la vera Fonte di tutta l impressionante potenza che si trova in natura, ma è anche di gran lunga più grande di qualunque cosa egli abbia fatto. Nemmeno i cieli possono contenerlo! (1 Re 8:27) In che modo però tutto questo fu di aiuto per Elia? Ricordate i suoi timori. Con Geova dalla sua parte, un Dio dotato di soverchiante potenza, Elia non aveva alcun motivo di temere Acab e Izebel! Salmo 118:6. *** cl cap. 4 p. 37 Geova è... grande in potenza *** Capitolo 4 Geova è... grande in potenza ELIA aveva già visto cose straordinarie. Mentre se ne stava nascosto aveva visto dei corvi portargli da mangiare due volte al giorno. Durante una lunga carestia aveva visto due recipienti fornire farina e olio senza vuotarsi mai. In risposta alla sua preghiera aveva visto fuoco cadere dal cielo. (1 Re, capitoli 17 e 18) Eppure Elia non aveva mai visto niente di simile. 2 Mentre se ne stava rannicchiato all entrata di una caverna sul monte Horeb, assisté a una serie di avvenimenti spettacolari. Prima ci fu un vento. Doveva produrre un rombo assordante, terribile, poiché era così forte che fendeva i monti e spezzava le rupi. Quindi ci fu un terremoto, che scatenò immense forze racchiuse nella crosta terrestre. Poi venne un fuoco. Mentre questo si propagava in tutta la zona, Elia probabilmente sentì il suo calore soffocante. 1 Re 19: Tutti questi avvenimenti a cui Elia assisté avevano una cosa in comune: erano dimostrazioni della grande potenza di Geova Dio. *** cl cap. 4 p. 43 Geova è... grande in potenza *** La Bibbia precisa che Geova non era nel vento... nel terremoto... nel fuoco. A differenza degli adoratori di mitici dèi della natura, i servitori di Geova non si aspettano di trovarlo nelle forze della natura. Egli è troppo grande perché qualcosa che ha creato lo possa contenere. 1 Re 8:27. *** cl cap. 4 p. 43 par. 15 Geova è... grande in potenza *** Ne è un esempio l esperienza di Elia menzionata all inizio. Perché Geova gli diede quella imponente dimostrazione della sua potenza? Ebbene, la malvagia regina Izebel aveva giurato che avrebbe fatto mettere a morte Elia. Il profeta stava fuggendo per mettersi in salvo. Si sentiva solo, era spaventato, scoraggiato, turbato, come se tutto il suo duro lavoro fosse stato vano. Per confortarlo, Geova gli ricordò vividamente la propria potenza. Il vento, il terremoto e il fuoco indicavano che l Essere più potente dell universo era lì con Elia. Cosa doveva temere da Izebel, avendo l Iddio onnipotente al suo fianco? 1 Re 19:1-12. *** it-1 p. 806 Elia *** In Horeb Geova gli parla dopo un imponente manifestazione di potenza in un vento, in un terremoto e in un fuoco. Ma Geova non è in queste manifestazioni; egli non è un dio della natura e neanche la semplice personificazione di forze naturali. Queste forze naturali sono semplici espressioni della sua forza attiva, non Geova stesso. (1 RE 19:12) E dopo il terremoto ci fu un fuoco. (Geova non era nel fuoco). E dopo il fuoco ci fu una voce calma, sommessa. *** w11 1/7 pp Trasse conforto dal suo Dio *** Si era a malapena ripreso che divampò un grande fuoco, che lo costrinse a ripararsi nella caverna per proteggersi dall intenso calore delle fiamme. 1 Re 19:11, 12. Il racconto, in ognuno dei tre casi, precisa che Geova non era in quelle spettacolari manifestazioni delle forze naturali. Elia sapeva che Geova non è un mitologico dio della natura, come lo era Baal, che veniva considerato dai suoi illusi adoratori il Cavaliere delle nubi, o colui che portava la pioggia. Geova è la vera Fonte di tutta l impressionante potenza che si trova in natura, ma è anche di gran lunga più grande di qualunque cosa egli abbia fatto. Nemmeno i cieli possono contenerlo! (1 Re 8:27) In che modo però tutto questo fu di aiuto per Elia? Ricordate i suoi timori. Con Geova dalla sua parte, un Dio dotato di soverchiante potenza, Elia non aveva alcun motivo di temere Acab e Izebel! Salmo 118:6. Dopo il fuoco, calò una gran quiete d intorno, ed Elia udì una voce calma, sommessa. La voce lo invitò a esprimersi di nuovo, e lui lo fece, esternando una seconda volta le sue preoccupazioni.

16 *** w11 1/7 p. 22 Trasse conforto dal suo Dio *** Dietro quella voce calma, sommessa potrebbe esserci lo stesso essere spirituale di cui si parla in 1 Re 19:9 impiegato per trasmettere la parola di Geova. Nel versetto 15 viene definito semplicemente Geova. Questo potrebbe richiamare alla nostra mente il messaggero angelico che Geova usò per guidare Israele nel deserto e del quale disse: Il mio nome è in lui. (Esodo 23:21) Naturalmente non possiamo essere dogmatici su questo punto, ma vale la pena notare che nella sua esistenza preumana Gesù servì come la Parola, cioè come speciale Portavoce di Geova per i suoi servitori. Giovanni 1:1. *** cl cap. 4 p. 37 Geova è... grande in potenza *** Capitolo 4 Geova è... grande in potenza ELIA aveva già visto cose straordinarie. Mentre se ne stava nascosto aveva visto dei corvi portargli da mangiare due volte al giorno. Durante una lunga carestia aveva visto due recipienti fornire farina e olio senza vuotarsi mai. In risposta alla sua preghiera aveva visto fuoco cadere dal cielo. (1 Re, capitoli 17 e 18) Eppure Elia non aveva mai visto niente di simile. 2 Mentre se ne stava rannicchiato all entrata di una caverna sul monte Horeb, assisté a una serie di avvenimenti spettacolari. Prima ci fu un vento. Doveva produrre un rombo assordante, terribile, poiché era così forte che fendeva i monti e spezzava le rupi. Quindi ci fu un terremoto, che scatenò immense forze racchiuse nella crosta terrestre. Poi venne un fuoco. Mentre questo si propagava in tutta la zona, Elia probabilmente sentì il suo calore soffocante. 1 Re 19: Tutti questi avvenimenti a cui Elia assisté avevano una cosa in comune: erano dimostrazioni della grande potenza di Geova Dio. *** cl cap. 4 p. 43 Geova è... grande in potenza *** La Bibbia precisa che Geova non era nel vento... nel terremoto... nel fuoco. A differenza degli adoratori di mitici dèi della natura, i servitori di Geova non si aspettano di trovarlo nelle forze della natura. Egli è troppo grande perché qualcosa che ha creato lo possa contenere. 1 Re 8:27. *** cl cap. 4 p. 43 par. 15 Geova è... grande in potenza *** Ne è un esempio l esperienza di Elia menzionata all inizio. Perché Geova gli diede quella imponente dimostrazione della sua potenza? Ebbene, la malvagia regina Izebel aveva giurato che avrebbe fatto mettere a morte Elia. Il profeta stava fuggendo per mettersi in salvo. Si sentiva solo, era spaventato, scoraggiato, turbato, come se tutto il suo duro lavoro fosse stato vano. Per confortarlo, Geova gli ricordò vividamente la propria potenza. Il vento, il terremoto e il fuoco indicavano che l Essere più potente dell universo era lì con Elia. Cosa doveva temere da Izebel, avendo l Iddio onnipotente al suo fianco? 1 Re 19:1-12. *** w97 15/5 p. 13 par. 17 Quando Gesù viene nella gloria del Regno *** 17 Inoltre l Israele di Dio ebbe un esperienza paragonabile a quella di Elia sul monte Horeb. Come Elia fuggì per sottrarsi alle ire della regina Izebel, alla fine della prima guerra mondiale l unto rimanente ebbe timore e pensò che la sua opera fosse terminata. Poi, come Elia, anch esso ebbe un incontro con Geova, che era venuto a giudicare le organizzazioni che asserivano di essere la casa di Dio. (1 Pietro 4:17; Malachia 3:1-3) Mentre la cristianità fu trovata in difetto, l unto rimanente fu riconosciuto quale schiavo fedele e discreto e costituito sopra tutti gli averi terreni di Gesù. (Matteo 24:45-47) Sull Horeb, Elia udì una voce calma, sommessa, che risultò essere quella di Geova, il quale gli affidò altro lavoro da compiere. Nel periodo di calma del dopoguerra i fedeli servitori di Geova unti udirono la sua voce dalle pagine della Bibbia. Anche loro compresero di avere un incarico da compiere. 1 Re 19:4, 9-18; Rivelazione 11:7-13. *** it-1 p. 806 Elia *** In Horeb Geova gli parla dopo un imponente manifestazione di potenza in un vento, in un terremoto e in un fuoco. Ma Geova non è in queste manifestazioni; egli non è un dio della natura e neanche la semplice personificazione di forze naturali. Queste forze naturali sono semplici espressioni della sua forza attiva, non Geova stesso. (1 RE 19:13) E avvenne che appena Elia la udì, immediatamente si avvolse la faccia nella veste ufficiale e uscì e

17 stette all ingresso della caverna; ed ecco, c era per lui una voce, e gli diceva: Che fai qui, Elia? *** it-1 p. 895 Faccia *** Nascondere o coprirsi la faccia da parte di un essere umano o di un angelo può esprimere umiltà o timore reverenziale e rispetto. (Eso 3:6; 1Re 19:13; Isa 6:2) *** it-2 p Veste ufficiale *** Per tradurre ʼaddèreth nel caso della veste ufficiale indossata da Elia ed Eliseo, la Settanta usa il sostantivo greco melotè (che significa pelle di pecora o qualsiasi ruvida pelle lanosa). (1Re 19:13) Questo fa pensare che si trattasse di un indumento di pelle col suo pelo, simile a quello indossato da certi beduini. La descrizione che Paolo fa di servitori di Dio perseguitati che andavano in giro in pelli di pecora, in pelli di capra, potrebbe riferirsi all abbigliamento di quei profeti di Geova. (Eb 11:37) (1 RE 19:15) Geova ora gli disse: Va, torna per la tua via al deserto di Damasco; e devi andare a ungere Azael come re sulla Siria. *** w11 1/7 p. 22 Trasse conforto dal suo Dio *** Non c è dubbio però che fu confortato ancora di più da ciò che la voce calma, sommessa gli disse poi. Geova gli assicurò che era tutt altro che inutile. In che modo? Dio gli rivelò gran parte di quelle che erano le sue intenzioni a proposito della guerra contro l adorazione di Baal in Israele. Chiaramente l opera di Elia non era stata inutile dal momento che il proposito di Dio procedeva inesorabilmente. Inoltre Elia aveva ancora un ruolo in quel proposito, tant è vero che Geova lo inviò di nuovo a svolgere il suo incarico con delle istruzioni precise. 1 Re 19: *** w97 15/5 p. 13 par. 17 Quando Gesù viene nella gloria del Regno *** 17 Inoltre l Israele di Dio ebbe un esperienza paragonabile a quella di Elia sul monte Horeb. Come Elia fuggì per sottrarsi alle ire della regina Izebel, alla fine della prima guerra mondiale l unto rimanente ebbe timore e pensò che la sua opera fosse terminata. Poi, come Elia, anch esso ebbe un incontro con Geova, che era venuto a giudicare le organizzazioni che asserivano di essere la casa di Dio. (1 Pietro 4:17; Malachia 3:1-3) Mentre la cristianità fu trovata in difetto, l unto rimanente fu riconosciuto quale schiavo fedele e discreto e costituito sopra tutti gli averi terreni di Gesù. (Matteo 24:45-47) Sull Horeb, Elia udì una voce calma, sommessa, che risultò essere quella di Geova, il quale gli affidò altro lavoro da compiere. Nel periodo di calma del dopoguerra i fedeli servitori di Geova unti udirono la sua voce dalle pagine della Bibbia. Anche loro compresero di avere un incarico da compiere. 1 Re 19:4, 9-18; Rivelazione 11:7-13. *** it-1 p. 23 Abel-Meola *** Un altro argomento addotto a sostegno di questa identificazione è che Elia, partito da Horeb, si fermò ad Abel-Meola per ungere Eliseo, ed ebbe inoltre l incarico di recarsi nel deserto di Damasco per ungere Azael re di Siria. (1Re 19:15) La principale via carovaniera che anticamente da Horeb portava a Damasco si trovava a E del Giordano. Tuttavia questa strada a volte era controllata dai nomadi. *** it-1 p. 23 Abel-Meola *** E, in quanto al viaggio fino al deserto di Damasco che avrebbe dovuto fare Elia, la Bibbia mostra che non fu effettuato immediatamente, anzi, fu compiuto più tardi dal suo successore, Eliseo. (1Re 19:15-19; 2Re 8:7-13) Tenuto conto di ciò alcune opere geografiche propendono per una località a O del Giordano anziché a E. (P. Lemaire e D. Baldi, Atlante Biblico, 1964; G. Ravasi, Il grande atlante della Bibbia, 1986) Nei primi secoli E.V. sia Girolamo che Eusebio identificarono Abel-Meola con una località 10 miglia romane (15 km) a S di Bet-Sean (a O del Giordano). Y. Aharoni afferma: Abel-Meola ora è stata identificata con molta sicurezza con Tell Abu Sus sulla sponda [occidentale] del Giordano, 15 km a sud di Bet-Sean. (The Land of the Bible, a cura di A. Rainey, 1979, p. 313) *** it-1 p. 257 Azael *** Anni prima che Azael salisse al trono, Geova aveva ordinato a Elia di ungere Azael come re sulla Siria. La ragione di ciò era che Israele aveva peccato contro Dio e Azael doveva punire la nazione.

18 1Re 19: *** it-2 p Unto, Unzione *** Ci sono casi in cui qualcuno era considerato unto in quanto nominato da Dio, benché non gli fosse stato versato olio sulla testa. Se ne ebbe una dimostrazione quando Geova disse a Elia di ungere Azael come re sulla Siria, Ieu come re su Israele ed Eliseo come profeta in luogo suo. (1Re 19:15, 16) La Bibbia in seguito spiega che uno dei figli dei profeti associati ad Eliseo unse in effetti Ieu con olio letterale come re su Israele. (2Re 9:1-6) Ma non c è nessuna indicazione che qualcuno abbia unto con olio Azael o Eliseo. (1 RE 19:16) E devi ungere Ieu nipote di Nimsi come re su Israele; e devi ungere Eliseo figlio di Safat di Abel-Meola come profeta in luogo tuo. *** w97 15/5 p. 13 par. 17 Quando Gesù viene nella gloria del Regno *** 17 Inoltre l Israele di Dio ebbe un esperienza paragonabile a quella di Elia sul monte Horeb. Come Elia fuggì per sottrarsi alle ire della regina Izebel, alla fine della prima guerra mondiale l unto rimanente ebbe timore e pensò che la sua opera fosse terminata. Poi, come Elia, anch esso ebbe un incontro con Geova, che era venuto a giudicare le organizzazioni che asserivano di essere la casa di Dio. (1 Pietro 4:17; Malachia 3:1-3) Mentre la cristianità fu trovata in difetto, l unto rimanente fu riconosciuto quale schiavo fedele e discreto e costituito sopra tutti gli averi terreni di Gesù. (Matteo 24:45-47) Sull Horeb, Elia udì una voce calma, sommessa, che risultò essere quella di Geova, il quale gli affidò altro lavoro da compiere. Nel periodo di calma del dopoguerra i fedeli servitori di Geova unti udirono la sua voce dalle pagine della Bibbia. Anche loro compresero di avere un incarico da compiere. 1 Re 19:4, 9-18; Rivelazione 11:7-13. *** it-1 p. 246 Atteggiamenti e gesti *** Eliseo fu unto essendo stato nominato, ma non fu mai letteralmente unto con olio. (1Re 19:16, 19) *** it-1 p Ieu *** 3. Figlio di Giosafat (non il Giosafat re di Giuda) e nipote di Nimsi. (2Re 9:14) Ieu fu re di Israele dal 904 circa fino all 877 a.e.v. Durante il regno di Acab re di Israele, il profeta Elia era fuggito al monte Horeb per non essere messo a morte da Izebel moglie di Acab. Dio ordinò a Elia di tornare indietro e ungere tre uomini: Eliseo quale successore dello stesso Elia, Azael quale re di Siria e Ieu quale re di Israele. (1Re 19:15, 16) Elia unse (o nominò; vedi UNTO, UNZIONE) Eliseo. All unzione di Ieu provvide invece Eliseo, successore di Elia. Il fatto che Ieu venisse unto da Eliseo significava forse che Elia avesse temporeggiato? No. Qualche tempo dopo aver dato il comando a Elia, Geova gli disse che la calamità sulla casa di Acab (per mano di Ieu) non si sarebbe abbattuta ai giorni di Acab, bensì ai giorni di suo figlio. (1Re 21:27-29) È dunque evidente che l indugio era voluto da Geova e non era dovuto a negligenza da parte di Elia. Geova fece ungere Ieu proprio al momento giusto, quando i tempi erano ormai maturi perché entrasse subito in azione come effetto della sua unzione. E, in armonia con la sua personalità decisa e dinamica, Ieu non perse tempo, ma agì immediatamente. *** it-2 p Unto, Unzione *** Ci sono casi in cui qualcuno era considerato unto in quanto nominato da Dio, benché non gli fosse stato versato olio sulla testa. Se ne ebbe una dimostrazione quando Geova disse a Elia di ungere Azael come re sulla Siria, Ieu come re su Israele ed Eliseo come profeta in luogo suo. (1Re 19:15, 16) La Bibbia in seguito spiega che uno dei figli dei profeti associati ad Eliseo unse in effetti Ieu con olio letterale come re su Israele. (2Re 9:1-6) Ma non c è nessuna indicazione che qualcuno abbia unto con olio Azael o Eliseo. (1 RE 19:18) E ho lasciato rimanere in Israele settemila, tutte le ginocchia che non si sono piegate a Baal, e ogni bocca che non lo ha baciato. *** w11 1/7 p. 22 Trasse conforto dal suo Dio ***

19 Secondo, gli rivelò questa notizia elettrizzante: Ho lasciato rimanere in Israele settemila, tutte le ginocchia che non si sono piegate a Baal, e ogni bocca che non lo ha baciato. (1 Re 19:18) Elia era tutt altro che solo! Dovette sentirsi davvero rincuorato apprendendo di quelle migliaia di persone fedeli che si erano rifiutate di adorare Baal. Queste avevano bisogno che Elia perseverasse nel suo fedele servizio e che fosse per loro un esempio di incrollabile lealtà a Geova in quei tempi così bui. Le parole pronunciate dalla voce calma, sommessa del messaggero di Geova sicuramente toccarono profondamente Elia. *** it-2 p. 408 Numero *** A volte i numeri sono usati in senso approssimativo, arrotondandoli, ad esempio in Salmo 90:10, dove il salmista parla dell età massima dell uomo, e forse anche in 1 Re 19:18 (7.000 che non si erano inchinati a Baal) e in 2 Cronache 14:9 (il milione di etiopi sconfitti da Asa). (1 RE 19:19) Pertanto se ne andò da lì e trovò Eliseo figlio di Safat che arava con dodici paia [di tori] davanti a sé, e lui col dodicesimo. Elia passò dunque verso di lui e gli gettò sopra la sua veste ufficiale. *** w97 1/11 pp Un esempio di abnegazione e di lealtà *** Quando fu invitato a svolgere un servizio speciale insieme a Elia, Eliseo lasciò immediatamente il suo campo per servire il principale profeta di Israele. Evidentemente alcune delle sue mansioni erano umili, poiché divenne noto come colui che versava acqua sulle mani di Elia. (2 Re 3:11) Nondimeno Eliseo considerava un privilegio il lavoro che svolgeva, e rimase lealmente al fianco di Elia. Molti servitori di Dio oggi manifestano un simile spirito di abnegazione. Alcuni hanno lasciato i propri campi, i propri mezzi di sostentamento, per predicare la buona notizia in territori lontani o per servire come membri della famiglia Betel. Altri sono andati in paesi stranieri per lavorare alla realizzazione di progetti di costruzione della Società. Molti hanno accettato lavori che si potrebbero considerare umili. Ma nessuno che serve come schiavo di Geova svolge un servizio insignificante. Geova apprezza tutti coloro che lo servono volenterosamente e benedirà il loro spirito di sacrificio. Marco 10:29, 30. *** w97 1/11 p. 30 Un esempio di abnegazione e di lealtà *** PER un giovane agricoltore di nome Eliseo quello che era iniziato come un normale giorno di aratura si rivelò il giorno più importante della sua vita. Mentre lavorava nel campo, Eliseo ricevette la visita inaspettata di Elia, il principale profeta di Israele. Cosa vorrà da me?, si sarà chiesto Eliseo. Non dovette attendere a lungo per avere la risposta. Elia gettò su Eliseo la sua veste ufficiale, indicando che un giorno sarebbe diventato il suo successore. Eliseo non prese alla leggera questo incarico. Lasciò subito il suo campo e diventò servitore di Elia. 1 Re 19: *** w90 1/9 p. 16 Imparerete dalle stagioni? *** Quando fu chiamato per essere profeta, Eliseo stava partecipando a un grosso lavoro di aratura. Questo significa che era probabilmente il mese di tishri (settembre-ottobre), quando la calura estiva era passata. Le prime piogge avevano cominciato ad ammorbidire il suolo, rendendo possibile l aratura e quindi la semina. *** w90 1/9 p. 16 Imparerete dalle stagioni? *** Supponiamo che leggiate l episodio in cui Elia nomina colui che sarebbe divenuto il suo successore: Trovò Eliseo figlio di Safat che arava con dodici paia di tori davanti a sé. (1 Re 19:19) *** it-1 p. 176 Aratura *** Diversi uomini, ciascuno con una coppia o un giogo di buoi, potevano lavorare insieme e tracciare solchi paralleli stando l uno un po dietro all altro. Una volta, come si legge in 1 Re 19:19, Eliseo era il 12 e ultimo così che poté fermarsi senza intralciare altri dopo di lui. Egli abbandonò il campo e usò il suo aratro di legno come legna da ardere per offrire i tori in sacrificio. (1Re 19:21) W. M. Thomson (The Land and the Book, riveduto da J. Grande, 1910, p. 121) riferisce che un solo uomo poteva facilmente seminare il terreno arato da diversi uomini. *** it-1 p. 812 Eliseo *** ELISEO [Dio è salvezza].

20 Figlio di Safat; profeta di Geova nel X e IX secolo a.e.v. e successore del profeta Elia. Geova aveva ordinato a Elia di ungere Eliseo di Abel-Meola. Trovato Eliseo che arava, Elia gettò su di lui la propria veste ufficiale, in segno della sua nomina. (1Re 19:16) Eliseo stava arando dietro a 12 paia di tori, e lui col dodicesimo. Nel XIX secolo William Thomson (The Land and the Book, 1887, p. 144) riferì che era consuetudine fra gli arabi lavorare insieme coi loro piccoli aratri, e un solo seminatore poteva facilmente seminare tutto il terreno che aravano in un giorno. Eliseo, essendo in coda, poteva fermarsi senza intralciare il lavoro degli altri. Il fatto che sacrificò una coppia di tori e usò gli attrezzi come combustibile dimostra la prontezza e la risolutezza di Eliseo, e il suo apprezzamento per la chiamata di Geova. Preparato un pasto, Eliseo seguì immediatamente Elia. 1Re 19: (1 RE 19:20) Allora egli lasciò i tori e correva dietro a Elia e diceva: Ti prego, lasciami baciare mio padre e mia madre. Quindi certamente ti seguirò. A ciò gli disse: Va, torna; poiché cosa ti ho fatto? *** w97 1/11 pp Un esempio di abnegazione e di lealtà *** Quando fu invitato a svolgere un servizio speciale insieme a Elia, Eliseo lasciò immediatamente il suo campo per servire il principale profeta di Israele. Evidentemente alcune delle sue mansioni erano umili, poiché divenne noto come colui che versava acqua sulle mani di Elia. (2 Re 3:11) Nondimeno Eliseo considerava un privilegio il lavoro che svolgeva, e rimase lealmente al fianco di Elia. Molti servitori di Dio oggi manifestano un simile spirito di abnegazione. Alcuni hanno lasciato i propri campi, i propri mezzi di sostentamento, per predicare la buona notizia in territori lontani o per servire come membri della famiglia Betel. Altri sono andati in paesi stranieri per lavorare alla realizzazione di progetti di costruzione della Società. Molti hanno accettato lavori che si potrebbero considerare umili. Ma nessuno che serve come schiavo di Geova svolge un servizio insignificante. Geova apprezza tutti coloro che lo servono volenterosamente e benedirà il loro spirito di sacrificio. Marco 10:29, 30. *** w97 1/11 p. 30 Un esempio di abnegazione e di lealtà *** PER un giovane agricoltore di nome Eliseo quello che era iniziato come un normale giorno di aratura si rivelò il giorno più importante della sua vita. Mentre lavorava nel campo, Eliseo ricevette la visita inaspettata di Elia, il principale profeta di Israele. Cosa vorrà da me?, si sarà chiesto Eliseo. Non dovette attendere a lungo per avere la risposta. Elia gettò su Eliseo la sua veste ufficiale, indicando che un giorno sarebbe diventato il suo successore. Eliseo non prese alla leggera questo incarico. Lasciò subito il suo campo e diventò servitore di Elia. 1 Re 19: (1 RE 19:21) Così tornò dal seguirlo e quindi prese un paio di tori e li sacrificò, e con gli arnesi dei tori ne cosse la carne e la diede quindi al popolo, e mangiavano. Dopo ciò si levò e seguiva Elia e lo serviva. *** w97 1/11 p. 30 Un esempio di abnegazione e di lealtà *** PER un giovane agricoltore di nome Eliseo quello che era iniziato come un normale giorno di aratura si rivelò il giorno più importante della sua vita. Mentre lavorava nel campo, Eliseo ricevette la visita inaspettata di Elia, il principale profeta di Israele. Cosa vorrà da me?, si sarà chiesto Eliseo. Non dovette attendere a lungo per avere la risposta. Elia gettò su Eliseo la sua veste ufficiale, indicando che un giorno sarebbe diventato il suo successore. Eliseo non prese alla leggera questo incarico. Lasciò subito il suo campo e diventò servitore di Elia. 1 Re 19: *** w97 1/11 pp Un esempio di abnegazione e di lealtà *** Quando fu invitato a svolgere un servizio speciale insieme a Elia, Eliseo lasciò immediatamente il suo campo per servire il principale profeta di Israele. Evidentemente alcune delle sue mansioni erano umili, poiché divenne noto come colui che versava acqua sulle mani di Elia. (2 Re 3:11) Nondimeno Eliseo considerava un privilegio il lavoro che svolgeva, e rimase lealmente al fianco di Elia. Molti servitori di Dio oggi manifestano un simile spirito di abnegazione. Alcuni hanno lasciato i propri campi, i propri mezzi di sostentamento, per predicare la buona notizia in territori lontani o per servire come membri della famiglia Betel. Altri sono andati in paesi stranieri per lavorare alla realizzazione di progetti di costruzione della Società. Molti hanno accettato lavori che si potrebbero considerare umili. Ma nessuno che serve come schiavo di Geova svolge un servizio insignificante. Geova apprezza tutti coloro che lo servono volenterosamente e benedirà il loro spirito di sacrificio. Marco 10:29, 30.

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Le sette cose compiute da Gesù sulla croce!

Le sette cose compiute da Gesù sulla croce! Le sette cose compiute da Gesù sulla croce 1. Gesù si è fatto peccato affinché io diventassi giusto davanti a Dio. 2. È morto affinché io potessi vivere. 3. Si è fatto maledizione affinché io potessi essere

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 SABATO 7 NOVEMBRE 2015 «Ho parlato ai profeti, ho moltiplicato le visioni, e per mezzo dei profeti ho proposto parabole.» (Osea 12:11)

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO Dio è alla ricerca di credenti che fanno sul serio, credenti responsabili che prendano a cuore l opera di Dio, disposte a rinunciare, a dare il meglio di loro, persone disposte

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Accademia Cristiana Jeshua Capaci Via Vittorio Emanuele 117-90040 Capaci Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Responsabile Dott. Gabriele Materiale coperto da copyright personale della

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio

Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio INTRODUZIONE: andare dove Dio è veramente adorato 1. DIO VIENE AD INCONTRARE NOI (Adamo ed Abramo) Adamo: Abramo: Genesi 12:6,7 (Sichem) - Genesi 14:8 (Bethel)

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Eliseo

Evangelici.net Kids Corner. Eliseo Evangelici.net Kids Corner Eliseo Sette immersioni in acqua melmosa (Parte 1) di Barbara Wilmerton Haas Priscilla si stava sentendo così male da pensare che mai avrebbe potuto sentirsi peggio. Questo FINCHÉ

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata.

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata. VAVVICH RAH Levitico Egli chiama Parla dell'appello di Dio ai credenti per entrare in comunione con Lui ed alla santificazione del corpo, dell'anima e dello Spirito. Queste istruzioni furono date a Mosè

Dettagli