Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA IL CASO DI STUDIO. 7 agosto 1981

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA IL CASO DI STUDIO. 7 agosto 1981"

Transcript

1 IL CASO DI STUDIO 7 agosto 1981 Una colata di fango e detriti si abbatte sul Torrente Champeyron a Beaulard Percorso didattico sui rischi naturali in ambiente transfrontaliero A cura di: Maura Giuliano Marta Chiarle Giovanni Mortara Laura Turconi Massimo Arattano CNR IRPI U.O.S. DI TORINO STRADA DELLE CACCE TORINO TEL FAX

2 Cosa Il 7 agosto 1981 nel territorio di Beaulard, una colata detritica caratterizzata da abbondante materiale fangoso, nel quale sono trascinati anche numerosi massi con dimensioni fino a 4-5 m 3, si abbatte lungo il Torrente Champeyron. Tanto per immaginare un blocco di 4-5 m 3, si dovrebbe pensare ad un masso grosso quasi quanto 4-5 lavatrici che viaggia insieme alla miscela fangosa. Dove La colata percorre il Torrente Champeyron (affluente in destra idrografica della Dora di Bardonecchia), il quale attraversa la frazione di Beaulard nel Comune di Oulx (TO). La zona di innesco della colata è ubicata in corrispondenza di coni detritici, comunemente chiamati pietraie, posti a quote comprese tra i 2000 e i 2200 metri alla base delle pareti della Grand Hoche (2762 m s.l.m.), il cui versante nord è caratterizzato da pareti rocciose quasi verticali che si sviluppano per un altezza di qualche centinaio di metri. L area complessiva del bacino idrografico del Torrente Champeyron è di 2,93 km 2. Perché è avvenuta (cause predisponenti) La zona di origine della colata detritica è caratterizzata dalla presenza di una grande quantità di materiale detritico (in particolare detriti di falda). La produzione di abbondante detrito è legata sia alla composizione geologica delle pareti rocciose, formate da rocce facilmente degradabili ed erodibili, quali calcari dolomitici e dolomie nella parte alta del bacino e calcescisti nella parte medio-bassa, e sia alla continua azione degli agenti atmosferici (gelo-disgelo, vento, pioggia, neve, ). La colata è stata alimentata anche dai detriti già presenti all interno dell incisione e legati a processi di valanga e di erosione delle sponde. La presenza di abbondante materiale prontamente mobilizzabile ha svolto un ruolo determinante nell innesco della colata di detrito. Quando è avvenuta (cause innescanti) Verso le 21:45 del 7 agosto 1981, un breve ma violento episodio di pioggia, della durata di poco più di un ora, si abbatte sul bacino del Torrente Champeyron. Poco tempo dopo, intorno alle ore 22:30 una colata detritica raggiunge le roulottes e gli chalet del Campeggio dell Orsa, trasportando con sé un enorme quantità di fango, tronchi e blocchi rocciosi, che invadono violentemente l area del campeggio. Alla stazione meteorologica più vicina (Chateau Beaulard, situata a 1330 m s.l.m. a pochi chilometri di distanza dal luogo dell evento) sono stati registrati 9.0 mm di pioggia nella giornata del 7 agosto Occorre precisare che le misure giornaliere di pioggia all epoca erano riferite alla pioggia caduta dalle 9 di mattina del giorno stesso fino alle ore 9 del giorno successivo. Come è evoluta, quali sono stati gli effetti sul terreno? Il materiale detritico che orla la base delle pareti rocciose della testata del bacino, saturato dalla pioggia e dall acqua di ruscellamento proviente dalla pareti rocciose soprastanti, inizia a muoversi verso il basso lungo l incisione del Torrente Champeyron. Profondi segni di erosione sono già evidenti nelle parti più alte dell'alveo. Lungo il percorso, il volume del materiale in movimento aumenta progressivamente, 2

3 inglobando la quasi totalità dei detriti presenti all interno dell incisione torrentizia e, in certi casi, mettendo a giorno il substrato roccioso. La colata viene probabilmente ulteriormente alimentata da materiale delle sponde quando attraversa un settore in frana posto a metà bacino. E stata stimata una velocità media della massa in movimento lungo l incisione che varia dai 6 km/h circa, nel tratto superiore del percorso, ai 4 km/h in quello inferiore; le velocità stimate sono confrontabili con l andatura di una persona che cammina velocemente. Raggiunto l apice del conoide, il materiale rallenta bruscamente fino a fermarsi e si accumula nell area del campeggio con spessori di detriti superiori al metro. Il materiale deposto in conoide è composto prevalentemente da ghiaie e sabbie e abbondante materiale fine (limo), che hanno invaso l area del campeggio provocando danni ad alcune roulotte, automobili ed infrastrutture (Figura 1). Alcuni massi di dimensioni superiori al metro cubo sono stati depositati immediatamente a monte di un attraversamento, causando l'arresto di tutto il materiale e la deposizione a ventaglio nella zona circostante. Il materiale trasportato ha percorso in totale una distanza massima di circa 3 chilometri. Per sei persone, di ritorno da un operazione di soccorso, la serata ha rischiato di trasformarsi in tragedia; infatti, non appena le loro auto attraversano un ponte sul Torrente Champeyron, vengono investite dalla massa di detriti e acqua che le trascina via rapidamente. Fortunatamente gli occupanti delle auto riescono a uscire dai veicoli e a mettersi in salvo prima che la colata vada a infrangersi contro un ponte di cemento. Figura 1 - Alveo del rio Champeyron, in prossimità del campeggio di Beaulard in Comune di Oulx, in seguito al processo di colata detritica dell agosto 1981 (fonte: Regione Piemonte) Che dimensioni ha raggiunto? Il volume totale di materiale coinvolto nella colata detritica è stato dell ordine di alcune migliaia di m 3 ; la colata ha trasportato massi con dimensioni massime di circa 5 m 3. 3

4 Perché è pericolosa? Come per tutte le colate detritiche, la pericolosità dei fenomeni che si producono lungo il Torrente Champeyron dipende dalla loro difficile prevedibilità, sia dal punto di vista temporale (quando può avvenire) e sia dal punto di vista quantitativo (quali dimensioni può avere), dalla repentinità con cui si sviluppano e dalla loro velocità. Un po meno difficoltosa è invece la previsione spaziale (dove può verificarsi), grazie soprattutto alle informazioni ricavate da un accurata ricerca storica sugli eventi di colata detritica avvenuti in passato. Chi e cosa sono a rischio? Il verificarsi di un evento di colata detritica mette a rischio le persone e le strutture presenti lungo il percorso della colata; nel caso specifico del Torrente Champeyron sono a rischio gli ospiti, le roulotte e gli chalet del campeggio (Figura 2). E inoltre a rischio la strada che sale da Beaulard a Chateau Beaulard, ed in particolare il ponte che attraversa il torrente nei pressi dell ingresso del campeggio. Figura 2 - Effetti della colata detritica del Torrente Champeyron nell agosto 1981 ai danni del campeggio di Beaulard in Comune di Oulx (fonte: Regione Piemonte) In effetti, ogni attraversamento (ponte, guado, passerella, ) costituisce un potenziale punto di arresto della colata detritica, poiché normalmente corrisponde ad un punto in cui la sezione dell alveo viene artificialmente ristretta proprio per consentirne l attraversamento. L ostruzione di un ponte, oltre al danno diretto causato all opera, può comportare il riversarsi del materiale nelle aree immediatamente circostanti o l apertura di nuovi canali di deflusso. Proprio in corrispondenza di un ponte sul torrente, la colata detritica del 7 agosto ha investito le auto di sei soccorritori, che miracolosamente riescono ad uscire dai veicoli e a mettersi in salvo. Nella zona di fondovalle esiste invece il rischio che il materiale trasportato dal torrente in piena arrivi a sbarrare la Dora di Bardonecchia: questo potrebbe creare un temporaneo lago a monte dello sbarramento e il suo successivo improvviso svuotamento che determinerebbe una violenta ondata di piena nel corso d acqua. 4

5 Come ci si può difendere? In seguito alla colata del 7 agosto 1981, il campeggio si è dotato di un piano di evacuazione, con lo scopo di ridurre al minimo i danni a cose e persone in caso di colata detritica. Inoltre, agli inizi degli anni 90, grazie a finanziamenti regionali, sono stati realizzati interventi di sistemazione, comprendenti briglie e lavori di disalveo, per la mitigazione degli effetti producibili dal Torrente Champeyron. Un po di storia. Cronologia degli eventi che hanno colpito il Torrente Champeyron e il Torrente San Giusto. Oltre alla colata detritica dell agosto 1981, il Torrente Champeyron e il vicino Torrente San Giusto sono stati interessati da altri eventi (Tropeano & Turconi, 1999), in particolare: 1910, fine maggio In seguito alle piogge insistenti degli scorsi giorni i ponticelli di legno che si trovavano sui rivi Champeyron, S. Giusto, vennero distrutti ed esportati dalla piena, e un tratto della sponda del torrente Constans minaccia la rovina (Verbale di deliberazione della Giunta Municipale di Beaulard, 7 giugno 1910) l accumularsi delle alluvioni ha sollevato progressivamente il letto del rio fino a parecchi metri dal suolo, in modo che ad ogni acquazzone si riversa sui fianchi invadendo i coltivi e spesso anche l abitato (Segnalazione del Comune di Beaulard [oggi frazione di Oulx], 10 agosto 1922) Dannose furono le alluvioni che inondarono i fabbricati di Beaulard e distrussero buona parte dei terreni e coltivi ubicati lateralmente al conoide di deiezione (Corpo Reale del Genio Civile di Torino, 12 maggio 1932). 1954, primavera Recenti esondazioni lungo il T. San Giusto (Genio Civile, Torino, 4 giugno 1954), fenomeno che si ripetè il giugno 1957 (Genio Civile, Torino, 1957). 1958, 24 giugno (data documento) Nel 1922 l Ufficio del Genio Civile aveva interessato il Corpo Forestale per la classificazione del sottobacino Le alluvioni degli scorsi anni e quella del giugno 1957 hanno particolarmente aggravato il dissesto aumentando ed allargando le zone in frana su ambo le sponde (Relazione alla Perizia di stralcio dei lavori di sistemazione idraulico-forestale Sottobacino Torrente San Giusto). 1981, 8 agosto Fenomeni di trasporto in massa presso Beaulard, lungo i torrenti San Giusto e Champeyron. 1990, 3 agosto Violenta piena del T. San Giusto e ancor più del T. Champeyron. Durante questo evento il materiale trasportato è rimasto all interno dell incisione, senza interessare l area del campeggio, il quale, seppur minacciato, non ha subito danni. 1991, 23 luglio - Un nuovo fenomeno di colata detritica interessa il Torrente Champeyron, anche in questo caso il materiale non fuoriesce dall alveo. 5

6 BIBLIOGRAFIA MORTARA G. & TURITTO O. (1989) Considerazioni sulla vulnerabilità di alcuni siti adibiti a campeggio in ambiente alpino. Atti del Congresso Suolosottosuolo (Congresso Internazionale di Geoingegneria Torino, settembre 1989), Vol. 1, pp TROPEANO D. & TURCONI L. (1999) Valutazione del potenziale detritico in piccoli bacini delle Alpi Occidentali e Centrali. CNR-IRPI-GNDCI, pubblicazione n

7 ESCURSIONE AL TORRENTE CHAMPEYRON L attività prevede due diversi itinerari che consentono, rispettivamente, di osservare: 1. la zona di innesco della colata e la parte medio-alta dell incisione (itinerario 1) 2. la zona di conoide e la parte medio-bassa dell incisione (itinerario 2) (Fotografie di M. Giuliano) ITINERARIO 1 Dalla località di Chateau Beaulard (1387 m s.l.m.) si segue il Sentiero Balcone fino al Rifugio Rey (1761 m s.l.m.), poi si prosegue lungo le piste sciistiche fino a superare il limite superiore del bosco (circa 1900 m. s.l.m.). PUNTI DI OSSERVAZIONE 1- Attraversamento del Torrente Champeyron a circa 1500 m s.l.m. (Figura 3): incisione con sponde in erosione e presenza di enorme masso che, in caso di colata detritica, potrebbe causare il temporaneo arresto del materiale trasportato. Figura 3 - Attraversamento del Torrente Champeyron, a 1500 m s.l.m. lungo il Sentiero Balcone 2- Guado sul Torrente Champeyron a valle del Rifugio Rey ( circa 1600 m s.l.m.) (Figura 4): esempi di trasformazione della roccia in detrito e di trasporto di tronchi e massi lungo l incisione (per colata detritica e valanga). 7

8 Figura 4 - Guado sul Torrente Champeyron a circa 1600 m s.l.m. (a sinistra) e pareti rocciose con intensa produzione di detrito (a destra). 3- Stazione meteo a monte del Rifugio Rey (circa 1800 m s.l.m.) (Figura 5): come è fatta una stazione meteorologica automatica e in che modo può essere utile per la previsione di un evento di colata detritica. Figura 5 - Stazione meteorologica automatica posta a monte del Rifugio Rey 8

9 4- Punto panoramico verso le falde detritiche della Grand Hoche (circa 1900 m s.l.m.) (Figura 6): illustrazione delle cause e delle modalità di innesco di una colata detritica e osservazione delle tracce lasciate dal passaggio di una colata detritica lungo il pendio. Figura 6 - Veduta della zona di innesco della colata detritica del 7 agosto

10 ITINERARIO 2 Dalla località di Chateau Beaulard (1387 m s.l.m.) si percorre in discesa un tratto di strada asfaltata fino alla base dell elevazione del Forte, si prosegue poi, dal versante est, lungo il sentiero che risale fino alla cima (1425 m. s.l.m.). Si ridiscende dal versante ovest e si imbocca la strada sterrata che costeggia il Torrente Champeyron fino al Campeggio dell Orsa. PUNTI DI OSSERVAZIONE 1- Sommità de il Forte (1425 m. s.l.m.) (Figura 7): osservazione d insieme dell incisione del Torrente Champeyron. Figura 7 - Vedute panoramiche dell incisione del Torrente Champeyron. 2- Briglia sul Torrente Champeyron (Figura 8): come sono fatte e a cosa servono le opere di regimazione di un corso d acqua. 10

11 Figura 8 - Briglia sul Torrente Champeyron 3- Individuazione di punti di ripresa fotografica di confronto lungo la parte bassa dell incisione (foto storiche: Archivio CNR-IRPI). 11

12 4- Area di conoide (Campeggio dell Orsa): riconoscimento degli elementi geomorfologici legati all evento di colata detritica del 7 agosto 1981 e individuazione dei punti critici nel caso di un nuovo evento di colata detritica. 12

13 ATTIVITA PROPOSTE DURANTE L ESCURSIONE Segnare l itinerario percorso sulla carta topografica. Riportare sulla carta topografica i principali elementi geomorfologici e antropici individuati lungo il percorso (come da legenda). Documentare fotograficamente e descrivere gli elementi (geomorfologici e antropici) osservati sul terreno. Individuare gli elementi che potrebbero essere potenzialmente valorizzati a fini didattici e turistici. ATTIVITA COMPLEMENTARI SUGGERITE Interviste ai testimoni dell evento della colata detritica del 7 agosto Ricerca di materiale documentale sulla colata detritica del 7 agosto 1981 presso l archivio del Comune di Oulx e sui giornali locali dell epoca. 13

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6)

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Il Rifugio realizzato all inizio del 1900 si trova sulla spalla di un crestone,

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani.

Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani. Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani. Premessa La mattina del 10 novembre 2009 intorno alle

Dettagli

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso,

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011

Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011 Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011 Sistema ED30 Direttiva EU ED30 & valutazione di pericolositá Documentazione eventi in Alto Adige Pericoli idrogeologici Pericoli idraulici Alluvioni Colate detritiche

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Percorso Zona Orientale

Percorso Zona Orientale Percorso Zona Orientale Indice Cala Luna 1 Il Canyon di Gorroppu 3 Il villaggio di Fiscali 6 Cala Luna Un itinerario dove il bianco del calcare regna sul sentiero e sul monte, per arrivare a una delle

Dettagli

Alluvione nelle Cinque Terre-Lunigiana: evento da manuale, difesa da migliorare con l Allarme Idrogeologico Immediato

Alluvione nelle Cinque Terre-Lunigiana: evento da manuale, difesa da migliorare con l Allarme Idrogeologico Immediato Alluvione nelle Cinque Terre-Lunigiana: evento da manuale, difesa da migliorare con l Allarme Idrogeologico Immediato Premessa L evento del 25 ottobre 2011 che ha devastato le Cinque Terre e parte dei

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze TREKKING Durata Distanza 9:00 h 13.5 km Dislivello Altitudine Max 1730 m 3167 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Verso la croce in vetta Fra vedrette

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

LA VALLE DI PALANFRÈ

LA VALLE DI PALANFRÈ LA VALLE DI PALANFRÈ Località di partenza: Palanfrè, Alpe di Palanfrè Epoca consigliata: giugno-settembre Tipo di itinerario: escursionistico Quota di partenza/arrivo: 1379 m - 2057 m Durata del percorso

Dettagli

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino Modellazione numerica e monitoraggio di frane di crollo per la valutazione degli scenari di rischio nelle aree

Dettagli

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE 1-86-06 : 12-08-2012 : da Genova-Piazza Verdi con autobus ATP delle ore

Dettagli

SCHEDA 1 ROYERES e VILLARDS

SCHEDA 1 ROYERES e VILLARDS INDICE SCHEDA 1 ROYERES e VILLARDS SCHEDA 2 BEAULARD Rio San Giusto, Dora Riparia e Molino Inverso SCHEDA 3 BEAULARD Rio Champeyron e Charline SCHEDA 4 CHATEAU BEAULARD SCHEDA 5 CASE BLANC e PRES de BLANC

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

TREKKING E MOUNTAIN BIKE TREKKING E MOUNTAIN BIKE Il territorio del comune di Donato, per la sua conformazione, è particolarmente adatto alla pratica dello sport della mountain bike. In pochi chilometri si può passare dai boschi

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

FRANE E ALLUVIONI. è caduto un masso sulla strada. il torrente è grosso e rischia di uscire. C è stata una frana

FRANE E ALLUVIONI. è caduto un masso sulla strada. il torrente è grosso e rischia di uscire. C è stata una frana FRANE E ALLUVIONI è caduto un masso sulla strada il torrente è grosso e rischia di uscire C è stata una frana Questi sono esempi di come la gente descrive le frane e le alluvioni e i danni da loro causati,

Dettagli

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo PROFILO ALTIMETRICO 2550 2350 QUOTE m slm 2150 1950 1750 1550 1350 0 5000 10000 15000 20000 25000 30000 35000 40000 45000 DISTANZA metri RISTORO COMPLETO RISTORO

Dettagli

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA COMUNE DI MONDOVÌ Progetto dei lavori di adeguamento e potenziamento dell impianto di depurazione acque reflue del Comune di Mondovì località Longana analisi di compatibilità idraulica e idrogeologica

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO URBANISTICO Documentazione Fotografica di supporto alle verifiche idrauliche sul Fosso di Riale 1 foto 1 - Fosso di Riale immediatamente a monte del ponte sulla Provinciale

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) Situazione 44.0982 / 7.5063 In questa zona trovate splendide soluzioni per alloggiare in albergo o per la sosta camper in libero. Base di partenza

Dettagli

MATERIALE DIDATTICO. Previsione di frane e alluvioni

MATERIALE DIDATTICO. Previsione di frane e alluvioni MATERIALE DIDATTICO Previsione di frane e alluvioni Questo breve opuscolo è formato da diverse schede da proporre ai bambini per affrontare i temi del rischio idrogeologico. Ogni scheda affronta un tema

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa SOCIETA DELLE GUIDE DI GRESSONEY Sede legale: Località Tache 11020 Gressoney-La-Trinité (Ao) Sede ufficio: Località Lago Gover 11025 Gressoney-Saint-Jean (Ao) Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info

Dettagli

Fondazione Curzútt-San Barnárd Ponte tibetano Carasc

Fondazione Curzútt-San Barnárd Ponte tibetano Carasc Fondazione Curzútt-San Barnárd Ponte tibetano Carasc Filippini & Partner Ingegneria SA - 1-2 dicembre 2014 Via Iragna 11, 6710 Biasca FILIPPINI & PARTNER INGEGNERIA SA già G. Balmelli + A. Filippini Ponte

Dettagli

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g È una sgambata di oltre 15 km... lunga, non difficile, ma che richiede comunque una buona perseveranza...

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Trek Valgrisenche. Percorso soft Percorso "soft" Lunghezza circa 10 Km - dislivello positivo mt. 650 - dislivello negativo mt. 770 (Fraz. Usellière rifugio Chalet de l Epèe vallone di Plontaz - capoluogo di Valgrisenche). Si parte dalla

Dettagli

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

COMMITTENTE: SIG. PATERNO DARIO

COMMITTENTE: SIG. PATERNO DARIO COMMITTENTE: SIG. PATERNO DARIO STUDIO DI COMPATIBILITA RELATIVO ALLA PROPOSTA DI VARIANTE URBANISTICA N.15 AL PRG DI SPERA, RIFERITA ALLA P.ED. 200/3 IN LOCALITA PATERNI NEL TERRITORIO COMUNALE DI SPERA

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) 42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) La più classica delle gite in montagna della Grecia davvero imperdibile e non difficile, merita tutta la sua fama:

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità

Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità Dipartimento di Ingegneria Civile Università degli Studi di Firenze Studio geomorfologico del Fiume Magra e del Fiume Vara finalizzato alla gestione dei sedimenti e della fascia di mobilità Massimo RINALDI

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

MONT ORFANO: la sua storia

MONT ORFANO: la sua storia MONT ORFANO: la sua storia Il Mont Orfano, alto appena 794 metri, deve il suo nome al fatto che si erge solitario all imbocco della Val d Ossola, sopra la pianura alluvionale di Fondotoce, che divide il

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

CIMA DI PRAMPERET m 2337

CIMA DI PRAMPERET m 2337 OTTO l DOLOMITI ZOLDANE CIMA DI PRAMPERET m 2337 Parete Sud Via Cavaliere Errante PRIMI SALITORI: fra i vari percorsi che in qualche parte coincidono con questo: A. Da Valt e G. Da Rold, 12 ottobre 1958

Dettagli

Settembre 2015. Emergenza alluvione a Roncaglia. Comune di Piacenza

Settembre 2015. Emergenza alluvione a Roncaglia. Comune di Piacenza Settembre 2015 Emergenza alluvione a Roncaglia Emergenza Trebbia cronologia eventi nella mattina del 14 settembre 3.00 circa Notizie informali su rilascio dalla diga Boschi (telefonata da Prefettura a

Dettagli

CATASTROFI IDROGEOLOGICHE

CATASTROFI IDROGEOLOGICHE CATASTROFI IDROGEOLOGICHE Le catastrofi naturali I movimenti continentali, i terremoti, le eruzioni dei vulcani, le frane, le erosioni, le inondazioni e gli straripamenti sono la conferma che la terra

Dettagli

Il monitoraggio delle colate detritiche

Il monitoraggio delle colate detritiche Workshop PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Il monitoraggio delle colate detritiche Lorenzo Marchi (CNR IRPI

Dettagli

Dal Progetto CARG in Valle d Aosta agli studi di pericolosità idrogeologica: Introduzione ai lavori.

Dal Progetto CARG in Valle d Aosta agli studi di pericolosità idrogeologica: Introduzione ai lavori. Dalla cartografia geologica (Progetto CARG) in Valle d Aosta alle attività per la realizzazione e pubblicazione del catasto dei dissesti Applicazioni negli studi di pericolosità idrogeologica Aosta 13

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

INDICE. VALUTAZIONI DELLA PERICOLOSITA DA COLATA DETRITICA NELL AREA DEL LAGO DELLE PIAZZE pag. 13

INDICE. VALUTAZIONI DELLA PERICOLOSITA DA COLATA DETRITICA NELL AREA DEL LAGO DELLE PIAZZE pag. 13 INDICE PREMESSA ED INQUADRAMENTO GENERALE pag. 2 PREVISIONI METEREOLOGICHE pag. 3 ANALISI IDROLOGICA pag. 4 DESCRIZIONE DEGLI EVENTI pag. 7 CONTESTO GEOLOGICO pag. 10 EVENTO DEL RIO VAL DEL LAGO pag. 12

Dettagli

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione,

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe.

I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe. ENTITÀ E CLASSI I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe. L Entità è l unità minima di informazione. Entità dello stesso tipo

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti Quando si parla delle Tre Cime di Lavaredo si pensa subito alle fotografie che vediamo sempre sui calendari. Ma avete mai pensato da dove sono state scattate?

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche 17 Luglio 2011 Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche I cartelli parlano chiaro... Però manca il monte Croce! Alpeggio lungo l Alta Via n 1 La salita si fa subito ripida in un bel fitto bosco

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI presentazione a cura di Valerio Bozza Vicepresidente CAI Salerno Responsabile Manutenzione Sentieri Dalla vecchia alla nuova carta L edizione del 1994 Scala 1:30.000

Dettagli

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna Escursione dei sette laghi in Val Ridanna TREKKING Durata Distanza 8:00 h 20.7 km Dislivello Altitudine Max 1440 m 2707 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Selvaggio e intatto Il primo tratto ricalca

Dettagli

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 incomune news Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Auguri di Buon Natale

Dettagli

Alluvione di Messina dell 1 ottobre 2009: il caso Giampilieri. Rischio idrogeologico e scenari di messa in sicurezza.

Alluvione di Messina dell 1 ottobre 2009: il caso Giampilieri. Rischio idrogeologico e scenari di messa in sicurezza. Alluvione di Messina dell 1 ottobre 2009: il caso Giampilieri. Rischio idrogeologico e scenari di messa in sicurezza. Franco Ortolani Ordinario di geologia Direttore Dipartimento Pianificazione e Scienza

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli