L informa-genitori. Verbale della Assemblea del Comitato Genitori del 22 Ottobre 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L informa-genitori. Verbale della Assemblea del Comitato Genitori del 22 Ottobre 2005"

Transcript

1 Numero 15 Novembre 2005 a cura del Comitato Genitori del Liceo Classico e Scientifico Giulio Casiraghi del Parco Nord Milano L informa-genitori Cresce l impegno, cresce la Redazione Cari Genitori, vi informiamo che la Redazione del nostro giornale dal 5 novembre ha assunto un nuovo collaboratore, passando a ben tre unità! La redazione attuale è costituita da Giusi Avino (3^H), che ha preso in carico il giornale lo scorso anno scolastico, da Marcella Marelli (5^C), coinvolta da Giusi durante lo svolgimento dello scorso anno scolastico, e dalla new entry Eno Ruscelli (5^Beta). L impegno è di mantenere l edizione mensile per tutto l anno scolastico. Gli obiettivi sono: informare i Genitori riguardo alle iniziative scolastiche, gli eventi più importanti che avvengono nel nostro Liceo, e tutto ciò che riguarda il mondo della Scuola e dintorni. L impegno profuso dal comitato genitori è esposto nello specchietto riassuntivo a pagina 4 delle varie commissioni con l elenco dei partecipanti. Vi ricordiamo che saranno ben accolti i vostri suggerimenti, le vostre critiche e le vostre opinioni. Troverete i nostri indirizzi di posta elettronica nelle pagine a seguire, oppure, se volete, inviate le vostre a oppure telefonate a BUONA LETTURA E BUON ANNO SCOLASTICO A TUTTI! La Redazione Verbale della Assemblea del Comitato Genitori del 22 Ottobre 2005 Ordine del Giorno Presentazione del Comitato dei Genitori Breve incontro con il Dirigente Scolastico Presentazione delle Attività del Comitato Rinnovo degli incarichi del Comitato Presentazione candidati Elezione Presidente e componenti della Giunta Segnalazioni e domande da parte dell assemblea Il 22 ottobre 2005 si è tenuta l annuale assemblea dei genitori. All assemblea ha presenziato il nuovo preside, prof. Mario Maestri. Egli, da vent anni in questa scuola, ritiene che l incontro tra genitori sia un momento importante per il confronto sui problemi inerenti la scuola. Anche i consigli di classe, che in questa scuola sono aperti a tutti i genitori, sono incontri da privilegiare. Con la partecipazione dei genitori e non solo dei rappresentanti, si possono risolvere eventuali problemi sorti nella classe. (continua a pag. 2) All interno in questo numero Mercatini solidali Pag. 3 Composizione Giunta Genitori e Commissioni anno scolastico Pag. 4 Mostra emozionale Blank Field2 Pag. 5 Commissione educazione alla relazione e alla salute riunione del Pag. 5 Incontro con Padre Pazzaglia Pag. 6 Bacheca Pag. 6.. e nel prossimo numero Verbale assemblea 02/12 Notizie sull autogestione Statistiche utenze biblioteca Poesia Bacheca Banchetto dell usato Potete consegnare il materiale in guardiola. CALENDARIO DEGLI AVVENIMENTI PIU IMPORTANTI 2 dicembre: Giunta del Comitato Genitori aperta ai neoeletti Rappresentanti di Classe dalle alle e 8 dicembre: chiusura scolastica: S. Ambrogio, Immacolata Concezione 17 dicembre (sabato) : 1 giorno di apertura dei mercatini solidali dal 19 al 22 dicembre: proseguimento dei mercatini solidali segnaliamo inoltre 12 novembre: convegno Educarsi per educare all ambiente: conoscenze, atteggiamenti e valori presso la sala del Centro Sociale Cooperativo di Cusano Milanino Via Adige 22 - dalle h 9.00 alle e 13 novembre: Il diabete in 300 piazze giornata del diabete con esame della glicemia gratuito per tutti. Telefono Per info:

2 Pagina 2 Anti Virus Numero 15 - Novembre 2005 Verbale della Assemblea del Comitato Genitori del 22 Ottobre 2005 (segue dalla prima pagina) È bene quindi che ci sia comunicazione pur nel rispetto delle proprie competenze. È stato fatto notare da un genitore che i consigli di classe durano un tempo insufficiente per impostare un discorso di collaborazione con la scuola. A questo appunto il Preside ha risposto che è impossibile dedicare tempi più lunghi ai consigli di classe. È comunque possibile, nel caso di difficoltà particolari della classe, fare riferimento al coordinatore di classe con il quale eventualmente organizzare una riunione. Un altro genitore afferma che la presenza dei genitori ai consigli di classe è inutile perché le eventuali proposte non vengono fatte per evitare ritorsioni verso i ragazzi da parte dei professori. Gli è stato risposto che il Comitato Genitori può dar peso alle problematiche e non lasciare solo il genitore. Viene chiesto quali siano le iniziative di quest anno in merito all orientamento. Il Preside risponde che si seguirà la falsariga dell anno scorso e quindi per le quinte ci saranno incontri con e- sperti di varie aree professionali e con studenti universitari. Anche per le quarte sono previste attività di orientamento. Un quarto genitore chiede se sia possibile avere a casa le verifiche scolastiche. Gli viene risposto che essendo queste atti ufficiali non possono uscire dalla scuola, ma possono essere visionate in un appuntamento con il docente o tramite fotocopie a richiesta. Il Presidente del Comitato Genitori interviene proponendo di prendere in considerazione questo problema come comitato genitori per trovare una soluzione operativa. L assemblea prosegue con la presentazione delle attività del Comitato Genitori. Il Presidente introduce dicendo che la componente genitori nella scuola è presente nei Consigli di classe, nel Comitato Genitori, nel Consiglio D Istituto e nella Giunta Esecutiva. Questa presenza è importante perché non ci si può aspettare che la scuola risolva da sola tutti i problemi. I genitori possono essere complementari alla scuola nell educare i figli cercando di formarli al meglio. Obiettivo del comitato è favorire la collaborazione tra scuola e genitori, far da punto di incontro tra i rappresentanti di classe e quelli del C.D.I., raccogliere segnalazioni e esigenze di carattere generale per poterle presentare in modo formale. Per discutere le varie iniziative e problematiche, il Comitato Genitori si incontra periodicamente una volta al mese (in genere il primo sabato del mese). Queste riunioni sono aperte a tutti. Ha al suo interno vari gruppi di lavoro così suddivisi: commissione educazione alla salute, organizzazione mercatini di solidarietà, organizzazione turni del sabato per la biblioteca, aggiornamento del sito internet, editoria del giornalino Antivirus. Per entrare nel dettaglio le varie attività del comitato vengono presentate da chi ne è direttamente coinvolto. L attività del Consiglio d Istituto viene presentata dal suo presidente, Enrico Bigatti: Il C.d.I. si incontra una volta al mese ed è aperto a tutti (naturalmente i non eletti non hanno diritto di parola e di voto). Le date degli incontri verranno messe sul sito internet del Comitato Genitori anche se continueranno ad essere messe nella bacheca della scuola. Il proposito è di portare avanti discorsi comuni, fungendo da raccordo con le componenti scolastiche. Le attività già pianificate per quest anno sono: discussione e approvazione bilancio consuntivo, discussione programma annuale, approvazione nuovo Regolamento d Istituto, trasparenza sulla gestione dei progetti curriculari, partecipazione alle commissioni d Istituto, approvazione Calendario d Istituto, suggerimenti e approvazione POF. Il ruolo del rappresentante di classe viene presentato da Aurelio Gangale. Ne sottolinea l importanza in quanto tramite tra i genitori e l istituzione scolastica. Egli ricorda che ogni classe può avere due rappresentanti e che sul giornalino Antivirus ne sono stati riportati i diritti e i doveri. In seguito alla sua esperienza consiglia di raccogliere gli indirizzi dei genitori della classe per facilitare la diffusione delle comunicazioni. Giusi Avino, in qualità di redattrice presenta il giornalino Antivirus, ideato per offrire uno strumento in più per la comunicazione. Quest anno la pubblicazione sarà una volta al mese e come l anno scorso riporterà informazioni che riguardano la scuola. Si potranno trovare interviste con i professori, calendari degli avvenimenti, foto di eventi scolastici Viene distribuito a tutti i ragazzi e lo si può trovare anche sul sito internet. Almonte D Agostino come gestore della cassa contributi del comitato ricorda che le attività del comitato (come per esempio la stampa del giornalino) vengono pagate con questi fondi. Chi volesse dare un proprio contributo economico potrà farlo tramite il rappresentante di classe. Essendo anche organizzatore dei turni dei genitori disponibili a presenziare il sabato mattina nella biblioteca della scuola, chiede nuovi nominativi da inserire nell elenco. Marcella Marelli appartenente alla commissione salute ne dà alcune informazioni. La commissione è composta da docenti, studenti e genitori (lo scorso anno precisamente da: 5 docenti, 2 studenti e 5 genitori. A quasi tutti gli incontri ha presenziato il Dirigente Scolastico. Ha come obiettivo fondamentale quello di migliorare la qualità della vita scolastica attraverso lo svolgimento di azioni idonee a ridurre il disagio, migliorare la comunicazione educativa, prevenire i rischi legati alla crescita ed al passaggio all età adulta. Per raggiungere quest obiettivo promuove attività e percorsi formativi, da svolgersi in orario scolastico, allo scopo di agevolare la maturazione dell identità personale. Le attività che fanno capo a questa commissione trattano temi legati a: prevenzione alle dipendenze e tossicodipendenze, educazione al giusto comportamento sulla strada/uso del casco/pronto soccorso in considerazione del rispetto che si deve a sé stessi ed agli altri educazione all affettività/sessualità, disagio giovanile, fornendo informazioni utili al riconoscimento precoce dei segnali di (continua a pag. 3)

3 Numero 15 - Novembre 2005 Anti Virus Pagina 3 (segue dalla seconda pagina) disagio giovanile con particolare attenzione ai disturbi della condotta alimentare (anoressia-bulimia), attacchi di panico e depressione Inoltre si occupa di: gestione aula CIC * (aula in uso agli studenti) in modo da favorire esperienze di autonomia degli studenti *CIC Centri di informazione e Consulenza - Spazi previsti dall art.106 della legge 162/90 per aggregazione, animazione, discussione, elaborazione di progetti, di documentazione e consultazione delle informazioni riguardanti sia la scuola che l extrascuola sportello psicologico Ci sono anche progetti dedicati ai genitori: Incontro con gli incaricati del progetto Welcome Primino. Percorso con l associazione MARSE (Movimento Antidroga Rione Sant Eusebio) (cinque sabati mattina) sulla comunicazione con i nostri figli, con particolare attenzione al discorso della prevenzione e stili educativi dal titolo Conoscere per agire la prevenzione Mostra interattiva del S.Gerardo di Monza, aperta ai genitori, seguita da due incontri con gli psichiatri. Temi trattati: L adolescente e il suo rapporto con il cibo e La depressione in adolescenza. Si sono svolti anche due focus group sugli stessi temi e sempre a cura dell Azienda Ospedaliera S. Gerardo di Monza. Alberto Bosco elaboratore delle statistiche sull andamento scolastico ne ripropone l utilità. Alla fine del primo trimestre vengono raccolti i risultati scolastici dei ragazzi. Questi vengono presentati in forma grafica come n di sufficienze e di insufficienze ottenute nelle singole classi e suddivise per materie. Ciò da un idea dell andamento delle varie classi. Queste informazioni potrebbero essere utili prima dei colloqui o dei consigli di classe per individuare un eventuale problema di classe. Oltre a queste statistiche sono stati elaborati anche i risultati del questionario proposto ai genitori per conoscerne gli interessi e quindi adeguare l attività del comitato. Per esempio si è riscontrato che l argomento di maggior interesse sia la scelta universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro. Tra le attività del comitato c è anche quella di tenere aggiornato il proprio sito internet. Ornella Mornati ne ricorda l indirizzo (www.genitoricasiraghi.org). Questo sito esiste da pochi anni ed è stato voluto come strumento di comunicazione e informazione. Nella homepage si può trovare il link per raggiungere il sito ufficiale del Liceo Casiraghi e sempre nella stessa, cliccando su CONTATTACI, si ha la possibilità di mandare una al comitato genitori Inoltre sulla prima pagina del sito si possono visionare tutte le circolari emanate dalla scuola. Le pagine del sito riportano vari argomenti tra cui: il Regolamento del Comitato Genitori, nomi e indirizzi dei componenti la Giunta del Comitato, tutti i numeri di Antivirus, i nomi dei rappresentanti dei genitori nel Consiglio D Istituto, la lista dei rappresentanti di classe, l andamento delle classi, le foto dei mercatini di solidarietà e la pagina I genitori comunicano dedicata allo scambio di opinioni e di informazioni tra genitori. Alla fine dell assemblea sono stati rinnovati gli incarichi del comitato. Sono stati eletti: in qualità di presidente, Giusi Avino come vicepresidente e Agostino D Almonte come segretario. Ornella Mornati Mercatini solidali Poiché non è stato possibile esporre questo argomento durante l assemblea del C.G. (per mancanza di tempo), evidenzio gli incassi dei mercatini solidali registrati durante lo scorso anno scolastico. Totale incassato dalle Associazioni 4.284,50. Segnalo anche le presenze. Natale Pasqua Fine A.S. 2004/05 Banco dell usato e Banchetto vendita torte per complessivi 579,00 devoluti a Padre Pazzaglia in aiuto ai bambini-soldato dell Uganda El Salvador per complessivi 1.102,00 (Italia-Cuscatlan e Ser.Co.Ba) Emergency per complessivi 1.157,00 porta assistenza sanitaria alle vittime delle guerre Bambini nel Deserto per complessivi 793,80 Progetto a Saya (Mali) Vedere il numero 13 di Antivirus di settembre Unicef per complessivi 502,70 che porta aiuto, sotto forma di cibo, acqua potabile, vaccini e medicine, ai bambini ovunque ce ne sia bisogno Commercio Equo e Solidale per complessivi 150,00 IPSIA Banchetto informativo per promuovere l animazione giovanile nei Balcani Banchetto adozioni a distanza PIME Giusi Avino

4 Pagina 4 Anti Virus Numero 15 - Novembre 2005 Composizione Giunta Genitori anno scolastico Nominativo Classe Telefono Indirizzo posta 1 5 E Marina Amoretti - Vianelli 1 C Bruno Annoni 1 F Teresa Arzeni - Carrieri 5 F Gaetano Averna 3 A Giusi Avino - Stella 3 H Mariella Bianco - Bonvini 5 B Enrico Bigatti 2 A Wanda Bonalume - Salvati 5 C Flaviana Bonatti - Contran 1 C Alberto Bosco 4 G Rinaldo Botturi 5 alfa Cinzia Bruni - Perrone 5 beta Elena Canzi - Nava 2 alfa Roberto Ciricugno 2 E Gabriella Cittadini - De Regis 5 alfa Almonte D'Agostino 4 G Giovanna Dalla Santa - Princigalli 1 E Guido Fedele 4 A Aurelio Gangale 2 H Alfredo Marchesi 2 A Marcella Marelli - D'Onghia 5 C Mimma Martinelli - Galbusera 3 alfa -2F E Paolo Montafia 1 D Giovanni Palermo 3 A Perilli Antonio V G Gabriele Recalcati 3 E beta Cristina Rusconi - Pasinato 3 alfa Paolo Varisco 1 F Giorgio Zucchello 3 B Cariche Presidente Vicepresidente Segretario tesoriere Giusi Avino - Stella Almonte D Agostino Composizione Commissioni anno scolastico Educazione & Salute Giusi Avino - Stella Patrizia Coppa - Varisco Guido Fedele Aurelio Gangale Marcella Marelli - D Onghia Giovanni Palermo Marina Poggio - Agosti Paolo Varisco Redazione Antivirus Giusi Avino - Stella Marcella Marelli - D Onghia Biblioteca Bruno Annoni Marina Amoretti - Vianelli Enrico Bigatti Wanda Bonalume - Salvati Flaviana Bonatti - Contran Rinaldo Botturi Roberto Ciricugno Amonte D Agostino Aurelio Gangale Paolo Montafia Mercatini Giusi Avino - Stella Mariella Bianco - Bonvini Flaviana Bonatti - Contran Gabriella Cittadini - De Regis Sara Corsaro - Oliviero Amonte D Agostino Aurelio Gangale Marcella Marelli - D Onghia Alfredo Marchesi Marilina Pavan - Sala Deja Spinelli - Crippa Comunicazione Enrico Bigatti Sito Internet Enrico Bigatti Colloqui Genitori Insegnanti Mariella Bianco - Bonvini Gabriella Cittadini - De Regis Mimma Martinelli - Galbusera Verifiche Mariella Bianco - Bonvini Statistiche Bruno Annoni Alberto Bosco Orientamento Rinaldo Botturi Mimma Martinelli - Galbusera Recalcati Gabriele Ambiente & Sicurezza Recalcati Gabriele Per approfondimenti sulla Giunta Comitato Genitori e sulle Commissioni, visitate il sito:

5 Numero 15 - Novembre 2005 Anti Virus Pagina 5 L idea di base, proposta da Alice Crippa (ex-studentessa del Casiraghi) e supportata dal C.G., era di proseguire ed arricchire l esperienza di due ani fa, proponendo non solo il sistema comunicativo osservazione-risposta ma anche la produzione di materiale fotografico, attraverso il coinvolgimento di tutta la comunità del Casiraghi. Lo scopo dell iniziativa era sensibilizzare i partecipanti ed i fruitori della mostra ad un nuovo modo di interagire con il reale. Imparando a far parlare gli oggetti si riesce ad esprimere pensieri, sentimenti, paure, sogni in una maniera altamente comunicabile ed immediata. Come per la scorsa edizione, chiave della mostra è chi la visita, con spazi adeguati predisposti per lasciare traccia del proprio passaggio. Il tema era libero. I canali informativi utilizzati sono stati: questo giornale, un indirizzo di posta elettronica dedicato, mini volantini, un book informativo, n. 4 banchetti informativi predisposti nell atrio del Liceo. La mostra è piaciuta, lo si vede dalla quantità dei messaggi e pensieri lasciati dai visitatori. Potete trovarli nella sezione Fotoeventi del nostro sito Ci piacerebbe che il materiale arrivasse dagli studenti e ci attiveremo ancora per sollecitarli nella produzione personale di materiale fotografico e scegliendo un tema specifico esempio: Le faccie del Casiraghi Frammenti di vita al Casiraghi... altro... si accettano proposte! A cura di Giusi Avino Commissione educazione alla relazione e alla salute riunione del Presenti: Prof. Pozzi referente Prof.ssa Fornaroli referente uscente Prof.ssa Rana attività classi prime Prof.ssa Orlandi attività classi seconde Prof.ssa Simonelli attività classi terze Prof.ssa Brancaleoni attività classi quarte I seguenti genitori: Sig.ra Avino, Sig.ra Coppa, Sig. Gangale, Sig.ra Poggio e Sig.ra Marelli. Nessuno studente presente. Interventi per i ragazzi: Nel primo anno: Prevenzione alle dipendenze si vorrebbe rifare il percorso con il gruppo Abele (come lo scorso anno) Durante il pentamestre (da gennaio in poi) 1 incontro su singole classi con operatori 1 incontro plenario con Don Ciotti (sostanze-mafia) 1 incontro di restituzione finale di 1 ora Si attende il preventivo di spesa. Nel secondo anno Prevenzione infortuni Centro Elica /Comune di Cinisello B. Durante il pentamestre (intorno a marzo) 2 incontri per nozioni di pronto soccorso (CRI) 1 incontro con la Vigilanza Urbana per normativa (in attesa di risposta dal Centro Elica sull intervento della Vigilanza Urbana). Da tenere presente, in alternativa all incontro con la Vigilanza Urbana, un incontro con un medico del Pronto Soccorso di Niguarda (genitore della scuola), oppure con un testimone che ha subito un incidente, o qualcuno dell Unità Spinale. Nel terzo anno Educazione all affettività ed alla sessualità : è in elaborazione una proposta della Coop. Mosaico ASL /Dott.ssa Soffritti. Compresenza nelle classi di uno/a psicologo e di un esperto/ a in ginecologia, su temi modulati sul gruppo classe. Tre incontri in totale. Nel quarto anno l Ospedale S.Gerardo di Monza, riproporrà la mostra interattiva sulle problematiche legate al disagio mentale. Sportello di psicologia: Per lo sportello di psicologia scolastica, la Cooperativa Mosaico, ha offerto un servizio (finanziato dalla legge 23 regionale, destinato al Liceo Casiraghi ed al Liceo Peano) di 4 ore settimanali, ogni martedì dalle 13,30 alle 17,30 (per studenti e genitori). Le richieste possono essere fatte: con un foglio da inserire in una apposita cassetta, tramite una telefonata, con un messaggio s oppure con un messaggio SMS (i riferimenti verranno indicati sulle apposite locandine). La psicologa dovrebbe essere la Dott.ssa Balsamo. Dovrà essere elaborata una rilevazione dati con anche, per esempio, l indicazione della ricaduta sul benessere dello studente o sull andamento scolastico. Interventi per i genitori : Per quanto riguarda i corsi dedicati ai genitori, bisognerà analizzare le offerte sul territorio. Si propone di prendere in esame, se possibile, di fare gli stessi corsi che vengono fatti ai ragazzi con gli stessi operatori che intervengono nelle classi. Esempi: -negli anni scolastici e il Marse ha fatto corsi simili per gli studenti e per i genitori -il l ASL3 ha fatto un incontro di un intera mattinata (sabato) su Affettività/Sessualità. A cura di Marcella Marelli

6 Pagina 6 Anti Virus Numero 15 - Novembre 2005 Padre Pazzaglia con la nostra prof. M.T. Maglioni (dalla nostra inviata Mariella Bianco) Lunedì 17 ottobre tre classi del Liceo hanno incontrato Padre Tarcisio Pazzaglia. Padre Pazzaglia è da circa 40 anni in Uganda del Nord. Da circa 17 anni c'è una guerriglia che coinvolge l'uganda e il Sudan. La guerra parte in Sudan tra guerriglieri del Sud che combattono il governo del Nord per ragioni religiose, di dominio e oggi legate al petrolio. Poi la guerra sconfina in Uganda fra gruppi di guerriglieri che vanno a combattere in Sudan portandosi appresso dei reclutati, l'80% sono bambini dai 7 ai 18 anni. Il Sudan riceve aiuti dai Paesi Arabi. Anche Bin Laden è stato molto tempo a Khartoum (capitale del Sudan). Le armi dell'uganda arrivano dagli Stati Uniti e Inghilterra. Padre Pazzaglia lavora in una missione principale con attorno 35 comunità. La questione dei bambini soldato è, in Uganda del Nord, una piaga sociale che negli anni ha assunto i connotati di una crisi umanitaria. L Lra, capeggiato dal visionario ribelle Joseph Kony, ha completamente destabilizzato i villaggi settentrionali del Paese, massacrando decine di migliaia di persone (c è chi dice 100mila), e rapendo almeno 20mila bambini. A questi viene insegnato a saccheggiare, uccidere, torturare la popolazione civile o, in alternativa, a diventare a loro volta vittime. I racconti di chi di loro riesce a fuggire o viene catturato dalle forze dll esercito regolare ugandese sono raccapriccianti e le ferite psicologiche sono spesso difficilmente curabili. Chi non conosce il comboniano missionario padre Pazzaglia? Sappiamo che oltre ad essere uomo incrollabile, dal nostro Presidente Carlo Azeglio Ciampi, gli è stato conferita nel maggio del 2003 un Onorificenza dell Ordine della Stella della Solidarietà Italiana di Grande Ufficiale per la sua missione a Kitgum in Uganda. A padre Pazzaglia devolviamo gli incassi provenienti dal Banco dell usato e dalla vendite delle torte. Potete consegnare in guardiola oggetti, CD, libri, abiti, usati (in buono stato) o da riciclare, l incasso viene devoluto per questa nobilissima missione. Grazie. Insieme per battere il cancro La Lega contro i tumori di Milano cerca volontari per assistere i malati. Ma non solo. L appello è rivolto a persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni, che non abbiano subito un esperienza personale tumorale e non rientrino nella categoria degli operatori sanitari e psicologici. La disponibilità richiesta per il sostegno all attività dell Associazione è di una giornata (o due mezze giornate) alla settimana. Telefono: Addio a Folon Il celebre artista si è spento il 20 Ottobre a 71 anni, amato artista tra le nuvole che dipinse i sogni con dolce ironia. Addio Jean-Michel, ci mancherà la dolce poesia delle tue opere. LIBRE Concorso Via le barriere nello spirito di Stella Il velista disabile Andrea Stella, l associazione che porta il suo nome, lo spirito di Stella e il progetto Italia hanno indetto un concorso dal titolo Progettare e realizzare per tutti con lo scopo di stimolare architetti, progettisti e designer a ideare postazioni di lavoro domestico e aule scolastiche senza barriere architettoniche. Gli elaborati andranno consegnati entro il 31 gennaio La metrotranvia Milano-Cinisello Balsamo Info tratte dal sito del Comune di Cinisello Balsamo Il percorso della metrotranvia Milano-Cinisello Balsamo si sviluppa in superficie: il capolinea di Milano è situato in piazzale Lagosta; la linea percorre l'asse Zara-Fulvio Testi e raggiunge l'incrocio tra viale Fulvio Testi e via Bignami; prosegue quindi nel territorio di Sesto San Giovanni e poi di Cinisello Balsamo lungo via Gorki, fiancheggiando l'area del Parco Nord; attraversa l'asse centrale di via Libertà e via Frova e si conclude con il capolinea di via Monte Ortigara. Le fermate complessive della linea sono 27, di cui 8 riguardano il territorio di Cinisello Balsamo, con una distanza media di circa 350 metri l'una dall'altra. La metrotranvia Milano-Cinisello Balsamo è un importante intervento infrastrutturale di collegamento tra il centro storico della città di Cinisello Balsamo e il capoluogo milanese. E' inoltre occasione per interventi di riprogettazione dell'arredo urbano lungo il percorso e per l'attivazione di politiche di riduzione del traffico in un'ottica più complessiva di riqualificazione urbana. Metropolitana Milanese è incaricata della progettazione e della realizzazione dell'opera. L'entrata in funzione della metrotranvia - finanziata per il 60% dallo Stato e per il 40% da Regione Lombardia, Comune di Milano e Comune di Cinisello Balsamo - è prevista per il Il nuovo viale del Parco è composto da carreggiate separate, con due corsie per senso di marcia e si sviluppa con andamento est-ovest parallelamente all'autostrada A4. Il viale ha tre rotatorie: una in prossimità dello svincolo di via Togliatti verso Bresso, una in corrispondenza dell'accesso alla stazione di rifornimento dell'autostrada e ai previsti parcheggi del Parco Nord, e una in corrispondenza dell'ingresso al Pronto Soccorso dell'ospedale Bassini. Ricordiamo che dal 25 aprile la nuova strada del parco ha assunto la denominazione di via Padre David Maria Turoldo.

!"#!#$%& * $ %+,-.,-/ ! " # $ % & ' ( ) *+!,-+ #! $ $ %%& $ '$$ ' ( ) ***

!#!#$%& * $ %+,-.,-/ !  # $ % & ' ( ) *+!,-+ #! $ $ %%& $ '$$ ' ( ) *** n.14 ottobre 2005 a cura del Comitato Genitori del Liceo Classico e Scientifico Giulio Casiraghi del Parco Nord Milano!" #! $ $ %%& $ '$$ ' ( ) *** "!"#!#$%& '(! " # $ )&! % & ' ( ) *+!,-+!.*/,)## ""(0-1222

Dettagli

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Milano, 14 ottobre 2013 Lunedì 14 ottobre 2013 alle ore 21,00 si è tenuto nei locali della Scuola Primaria F. e T. Fabbri, il primo incontro dell

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Statale d'istruzione Superiore Altiero Spinelli via G. Leopardi, 132 20099 Sesto San Giovanni

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Statale d'istruzione Superiore Altiero Spinelli via G. Leopardi, 132 20099 Sesto San Giovanni Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Statale d'istruzione Superiore Altiero Spinelli via G. Leopardi, 132 20099 Sesto San Giovanni L ARCOBALENO Progetto integrato rivolto agli studenti stranieri

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 PROGETTO TUTOR IN COLLABORAZIONE CON LA A.S.L. ROMA B FINANZIATO DAL COMUNE DI ROMA L. 285/97 Responsabile del

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Verbale dell incontro congiunto COMITATO e ASSOCIAZIONE GENITORI svoltosi il 29.10.2013

Verbale dell incontro congiunto COMITATO e ASSOCIAZIONE GENITORI svoltosi il 29.10.2013 Indirizzo email: coge@vittorioemanuele.org Verbale dell incontro congiunto COMITATO e ASSOCIAZIONE GENITORI svoltosi il 29.10.2013 Martedì 29 Ottobre 2013 dalle h. 20:00, presso l Aula Magna dell Istituto,

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico M. Buonarroti - Trento Consulta dei Genitori a.s. 2014/2015 ---------------------------------------

Istituto Tecnico Tecnologico M. Buonarroti - Trento Consulta dei Genitori a.s. 2014/2015 --------------------------------------- VERBALE del 07/11/2014 In seguito a regolare convocazione da parte della Presidente con lettera del 18/11/2014, il giorno 05/12/2014 alle ore 18:00, nell Aula magna dell I.T.T. Michelangelo Buonarroti

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione

SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione SERVIZIO AFFIDI Ambito di Sesto San Giovanni/Cologno Monzese Denominazione MONDI SOLIDALI Gestione (Comune, Asl, azienda, associazione comuni, etc ) Logo Il nome MONDI SOLIDALI vuole sottolineare l aspetto

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione Relazione annuale 26 maggio 2011 26 maggio 2012 L Ufficio Provinciale Giovani, servizio istituito dalla Provincia del Medio Campidano con l obiettivo di informare e supportare la popolazione giovanile

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

05/11/2014 Verbale di Assemblea del Comitato Genitori dell Istituto Comprensivo Copernico di Corsico

05/11/2014 Verbale di Assemblea del Comitato Genitori dell Istituto Comprensivo Copernico di Corsico 05/11/2014 Verbale di Assemblea del Comitato Genitori dell Istituto Comprensivo Copernico di Corsico In data 05/11/2014 alle ore 17.15 si è tenuta, presso la Scuola Primaria Copernico di Corsico, la riunione

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Milano, 20 ottobre 2014 Lunedì 20 ottobre 2014 alle ore 21,00 si è tenuto nei locali della Scuola Primaria F. e T. Fabbri, il primo incontro dell

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ Dis. n. 216 La Carta dei Servizi UGUAGLIANZA Si accettano le domande d iscrizione prescindendo da qualunque forma di esclusione per motivi sociali o familiari. Si accolgono

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

CONVENZIONE SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRA TRIENNIO 2012-2015

CONVENZIONE SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRA TRIENNIO 2012-2015 LICEO ARTISTICO STATALE MATERA CONVENZIONE TRA SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DELLA BASILICATA E LICEO ARTISTICO CARLO LEVI DI MATERA TRIENNIO 2012-2015 Soprintendenza per i beni

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA

CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA C.I.C. CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DURATA DEL PROGETTO Da Novembre 2014 a Maggio 2015 RISORSE UMANE COINVOLTE NEL PROGETTO Dirigente scolastico

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Istituto Statale di Istruzione Superiore Devilla Dessì La Marmora - Giovanni XXIII Via Donizetti, 1 Via Monte Grappa, 2-07100 Sassari, Tel 0792592016-210312 Fax 079 2590680 REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA LA COMUNICAZIONE ESTERNA: la collaborazione con il Territorio il Sito web dell Istituto Pagina 1 di 6 I.C.TRILUSSA - ELABORAZIONE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

19 ottobre Elezione rappresentanti di sezione dei genitori 21 ottobre Elezione rappresentanti di classe dei genitori

19 ottobre Elezione rappresentanti di sezione dei genitori 21 ottobre Elezione rappresentanti di classe dei genitori Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Vito Fabiano di Latina Via Don Vincenzo Onorati s.n.c., Borgo Sabotino, 04100 Latina

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso Il Liceo Economico Sociale IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso I LES nel progetto nazionale: voi siete parte di questo! 2 I numeri del progetto 360 Licei Economico- sociali coinvolti

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

P I A N O A N N U A L E d e l l e A T T I V I T À 2 0 1 5-2016

P I A N O A N N U A L E d e l l e A T T I V I T À 2 0 1 5-2016 P I A N O A N N U A L E d e l l e A T T I V I T À 2 0 1 5-2016 Collegio Docenti del 09/09/2015 Il Piano delle Attività dell Istituto tiene conto: a) del calendario scolastico nazionale b) del calendario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA ANNO SCOLASTICO 2014/15 PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2014-2015 Premessa L accoglienza di nuove persone è un momento fondamentale nella dinamica di una Scuola dove l inserimento di nuovi

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2010-11 nell ambito del Servizio

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo F. PAPPALARDO Via G. di Vittorio - 97019 Vittoria (RG) tel. 0932 519033 fax 0932 512256 C.F. 91015770885 - Cod.Mec. RGIC82700L e-mail: rgic82700l@istruzione.it pec: rgic82700l@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo Lo Sportello Psicopedagogico nasce, con questo nome, nella metà degli anni 70 insieme all istituzione della maxi-sperimentazione

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

IL SERVIZIO ORIENTAMENTO

IL SERVIZIO ORIENTAMENTO IL SERVIZIO ORIENTAMENTO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO E CONSULENZA PSICOLOGICA Il Servizio di Consulenza Psicologica e Orientamento nelle scuole turche è una struttura che opera con un apposito regolamento

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO Istituto Comprensivo Bordighera Via Pelloux, 32-18012 Bordighera IM PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO SPORTELLO DI CONSULENZA PSICOLOGICA PER ALUNNI, DOCENTI,

Dettagli

ATTIVITA DI CONTINUITA RELAZIONE FINALE

ATTIVITA DI CONTINUITA RELAZIONE FINALE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI Anno scolastico 2008/ 2009 ATTIVITA DI CONTINUITA RELAZIONE FINALE SINTESI DELLE ATTIVITÀ SVOLTE E VERIFICHE. Il Progetto di continuità è stato realizzato nel corso

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari -

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - UFFICIO SERVIZI SOCIALI 1^ Ripartizione REGOLAMENTO CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER ANZIANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.67 del 14.12.2010) Regolamento generale Centro Sociale Polivalente

Dettagli

VERBALE DI REDAZIONE n. 3 A.S. 2009/2010

VERBALE DI REDAZIONE n. 3 A.S. 2009/2010 VERBALE DI REDAZIONE n. 3 A.S. 2009/2010 Martedì 20/11/2009, alle ore 17.00, nell aula della classe 2ªA del Liceo C. Sylos di Bitonto si è tenuta la terza riunione del gruppo di Redazione del Giornalino

Dettagli