SECOXD.l EDIZlO:'iE. lll'cstj.a.t... OQc PARIGI, SCDU DE CORSE. \\\\\\\IIIl \\\\lii1llliiiii II. o _

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECOXD.l EDIZlO:'iE. lll'cstj.a.t... OQc PARIGI, SCDU DE CORSE. \\\\\\\IIIl \\\\lii1llliiiii II. o 079 070434 2_"

Transcript

1 SCDU DE CORSE \\\\\\\IIIl \\\\lii1llliiiii II o _ SECOXD.l EDIZlO:'iE NOTJBIL~ENTE COa&~TTJ, ~CCaESCI~TJ, El) lll'cstj.a.t... OQc PARIGI,

2 DIÛNÛMACHIA) POEMETTO EROI-CO~nCo.

3 DIÜNÜMACHIA; POEMETTO EROI-CO!\IICO DI SALVADOR VIALE. SECOXDA EDIZIOXE DALLA STAlIPERIA Dl CRAPELET. :XOT.1BILllE~TE COllllETT.J.,.I.CCB.ESClt:TJ,., ED lllt:stil.at... QOQ PARIGJ, PRESSO P. DUFART, LIBRAJO, 18,3.

4 A SUA ECCELLENZA '"'--.-_.. IL SICNOIt C01'iTE CA-RLO ANDREA POZZO DI BORGO, Tenente Generale delle Armate di S. lu. r Imperatore di tntte le Russie, suo ajulante di campo generale, suo.!.mha.sciatore Straordinario, e Plenipotenziario presso S.1\I. Cristianissima. Cavaliere degli ordini di S. Alessandro "Yewsky, di S. Anna, di S. Vladimiro, di 5. Giorgio, dell' Aquila Rossa di Prussia, di S. Carlo m, Re di Spagna, Commendatore dell' ordine di S. Luigi di Francia etc., etc., etc. L'OPERE di spirito più al talento debbono essertjibutate> ch' alla dignità> e al[ opulenza. La fortuna> ed il lustro> ch' in!,,,i risplendono, sono

5 --- -'- il più graruf ejjètto, ed il men dubbio elogw dell altez=.a dei vostro ing~arw, e dife1ukmo da ogni taecia ~ aduuôone childujue v' appella und de' più grantf uomini.1 di cui $' onori la Corsica. Permettete d..utujue.1 ch' zm' oscuro 'VOstro Compatriota tragga dalvostro Mme quasi un raggw della luce, che lo illustra, e ne fi-egi il primo frutto de' subi talenti. Troppo zunile, e scarsa sarebbe invero z: ojferta, se pressa di Vai Mn n' accrescesse alcun poco il valore quel ddce interesse, ch' i rapponi patrj soglion prestare a1le pm picciole case. Sovenle le minuteparticalarità., meglio che gli oggettigrandiasi, 0 presenjo.ti in massa, risvegliarw nell anima it' più grate ri.cordan=~_ Fra le pompe della Corte di Giorgio II, il Duca ~ Argyle brillava digioja allavista ~ un plaid Scozzese, o ~ UM scal=<j montanaro ~ Inverar.r; nè le canzoni marzi.ali di Tirteo, nè le più tenere poesie di Gesner produssero mai l' 1Jetto, che solea destare col ra~es-vaches la conuzmusa dei pastore wiz::ero. Serwnchè, Mve l'utilità. deifine passa giustificare, 0 compensare in un opera la tenuità delrargomento,forse conpiù ragione che non accolse il nepole ~ Urbano VIII la Secchia rapita, e il Presidente di Lamoignon le Lutrin, accetterete Voi la Dionomachia, sebbene a quei due poemi sia tanto inferiore nella scella delf argomemo, quanto lo è pel' avventura nel merito poetico. Forse l' unico merito, di cui possa io vantarmi in questa, come in quai siasi altra mia letteraria fatica, è l' aver'io impreso a lottare co' nwltiplici ostaeoli, ch' un ingûlsto destim oppone in quest' Isola d cuùon degli ameni studj; ed ardisco dire che, se non altro, questo coraggio ha qualche diri.tto al vostro benigno aggradimento. D~"1latevi ~ accogliere in unconquesta tenue t1jèrta i sensi ~ aùa slima, e di rispettosa devowne, con cui mi pre,,"ïo ~ essere. Vostro umiiis UloO ubbi.dsmo seno e compatriol:a S. VIALE.

6 A CHI LEGGE. P~r cm l~ C4gWfl cjo~ t:nju1 gut::rr4.' PI!.TB.. IL poemetto eroi-comico, ch' or notabilmente accresciuto e corretto si riproduce al Pubblico,.. ha commune con tuttigli altri poemi la realtà d'un fatta, che n' é il fondamento e ilsoggetto, e che viene accennato nel ritolo cleu' opera, il quale, per esprimerlo in una sola parola, fu d'uopo traite da! greco.61a: o,~, f'd.z'l, guerra per l' asûw, efl:.marne Dionomadzia. È verissimo ch'in Corsica nel distretto, ossia Cantone di Marana nella settimanasanta dell' anno 18I::! un asino morto trovato a caso nella puhblica strada nel momenta in cui celebravasi una solenne processione, suscito fra due popolosi villaggi una fiera ed ostinata d:iscordia; che da una parte e dall' altra si diede au' armi; che i due popoli si tennero vicendevolmente per più giornî in uno statodi blocco, e postarono sui rispettivi confini sentinelle colla parola; che quel cadavere, creduto disonorante ed infamatorio entro il circllito territoriale de' due paesi) fu più volte portato e riportato da un gran numero di gente armata on in un paese, or nell' altro, ed or gettato presso alla porta della Chiesa di Lucciana, ora impalato sul 1

7 A CHI LEGGE. A CHI LEGGE. 3 campanile della Chiesa dei Borgo; che seguirono d'arobe le parti moite atchihugiate; e che sarehbe senza dubbio succeduta una ~ou:inosaguerra, quai viene in questo poema descritta, se la prudenza dei Maire di LucciananOD avesse affin to1to di mezzo e împerscrutabilmentesotteitatoque1sozzocarcame.ecco in breve la somma de' fani, che poi da! poeta alterati, aocresciuti, e modificati seconda sugaerivao'u la fado 0 tasia 0 esigevano le nuove circostanze e situazioni da lui ~trodotte, empiono ora un poema di otto cantï.. Fra le tante correz.ioni, con cui r autore in quest.'\ nuo~a edizione sopprimendo 0 modificando moiti passi haprocuratodi rimuovere dairanime semplici 0 schive agni occasionedi scandalo, egli non hapotuto appagare la zelo burbero degli ascetici 6no a togliere dal poema l'intervenlo degli esseri soprannatnrali della DOstra religione. Egli non si cura d' ~o>gradirc o disaggradire a coloro i quali bramerehbero ch'ogni nuovaopera fosse serittaingui.sa da poterservire, per d:ir COSI, alla lettura de' refettorj. Ei prega SOltaDto il lettor sana ed impaniale a ben distinguere in lui il poeta da! buoo cattolico; e siccome si distin~ono o sempre questi due caratteri ne' moderni scrittori, che soglion presentarein poemi di gravee seriasille glidei dei Politeismo, COS! distioguerli del pari in colui, ch' in quaiche.occasione faccia intervenire in un poema piacevole gli enti invisibili dei Cristianesimo. S'im- ) puri, se si vuole, a fallo deu' autore la scelta dei O'eo nere e del soggetto di questo poema; ma non gli s'apponga a colpa 1'U50 de' mezz.i neœssa.rj per ben trattarlo. li p.oema epico-comico essendo, duo cosi, una scimieria,.0 ridicoja contraffazione deu' epopea, dey' essere necessariamente soggetto a tutte le regole dei poema eroico, e quindi alla principale fra tutte, che richiede, corn' uno de' principali elementi dell' epica poesia, il Meraviglioso, ed il Grande. Anzinel poema eroi-eomico rendendosi tanto più necessario piprestare agii oggetti una ta! quai mimica sublimità, quanto il poema per la te~uità dei soggetto sarà men' atto ad attirare e fissar perse s.tesso r attenz.ioo'e e r interesse dei lettore, ne consiegue che nella Dion.omachia, forse più ch' in ogni altro precedente poemetto di simil genere, doveva a"ver luogo il machinismo sopraonaturale. Nè questo machinismo poteva certo esser altro infuori di quello ch'offeriva la religione dei tempo e delloco. L'in,tervento degli Dei gia si stantu e screditati dei p~<tanesimo poteva egli essere ragionevoimente applicabile ad un fatto succeduto fra due paesi cattolici, ch'ha per motivo e fondamento una celebrazione di ca~ttolici riti? Do \'easi imitar Tassoni) che fè p.arteggiare Apolline e Bacco a clifesa de' devoti di S. Petronio e di S. Gemignano; e doveansi qui la milionesima volta rifriggere con im~o-ini da Collegio quelle Divinità scolastiche,

8 " ch'or ne'l"usi non han più ch' un' esisten7.a metonimica ed allegorica, 0 ch' altro,aiore non banno che quello d'un al1usione 6lo1ogica? Xè poteasi) se Don ischerz.ando., introdurre in un poema scherzevole gli agenti sovrumani della nostra rejigione, senz' alterare il coloritodel1ostile eroi-oomico ; siccomed' altronde non poteansi introduite dignitosameote in un poema di si basso soggetto, senzaneppîùdegradarela lordîgnità. (;00 sti1e irrifiessivo e festetole) il quale non mostrasse nel poeta r aria di parlare avv1satamente e da senno, era forse più adatto d'uno stil sostenuto e contegnoso 3. togliere da! poema ogni apparenza d' irreligiosa ironia. A CHI LEGGE. A CHI LEGGE. 5 n'un altro fallo io dovro scolpare r.utore della. Dionomachia presso le persone d'austera morale; cioè di motteggi3r qualche '\"olta pîù arditamente che nol permetterebbero il rispetto ed i riguardi dovuti ai lettori ~ 0 alla qualità degli oaretti che talor ali "" " avvien di trattare. 1\130 quelb Iihertà, che Favorisee gli slanci deu' imaginazione, e che quindi tanto è necessaria nella poesia, è l'essenziale elemento della poesia piacevole, ove appuoto dee dominare quella fantasia briosa e svolazzante, che si chiama capriccio. Per muovere il riso, convien plccare e soddisfare quella viva curiosità, convien' eccitare queua piace.vole meraviglia, ch' in noidestail contrasto d' un'idea cogli usi, e colle conv-enienze, yale a dir con cio che!uole e dev' essere. li presentare adanque delle scon.v.enienze, delle difformiti. 0 difetti morali, l'emanciparsi dallinguaggio di sogge-..üjn.e, il direspiattellatamente dell~eose chele riserve ed i riguardi ordioarj. non permetterebbon di dire, gliè cio che principalmente ar..-ti.tuice il ridicolo. Se si prin. un poeta. bernesco di questa libertà., purchè non degeneri in impudenu, gli si tarpa il genio. Questa verità si asserva perfino in quella classe d'uomini vili, che. riducono il taleota di banellettare ad una speculazione parasitica. 1Monarchi, per farsi trar delle risate da' buffoni di corte.,. debbon permettere ch: essi infràngano impu.nemente le auliche liturgie, dehbon loro menar buone delle impertinenze, e debbon ridere a spese ~e~ loro venerabilità. Si annoterino tutti i lepidi scriiwri. da Aristofane fino a' dl nostri inclusivamente il Canonico Pulci, il Canonico Berni. r Arcivescovo della Casa, il Yescovo Bandello, Mon.. signor Sergardi) il Curato Rabelais, l'arcidiacono Swiftec. ec. ; e si scorgerà tutti essersi nel motteggiare arrogati il privilegio d' una franca libertà, per non dire d'nna sboccata licenz.a. Leggasi il Ricciaroetto di Monsignor Fortiguerri) evi s' inoontreranno tratto tratto de' motri Plù liberi che neha Dionomachla, la quale pur non è opera d' un Prelato'di mantelletta. Aggiungasi nel caso DOstro che il poeta anche per conformarsi al carattere de' personaaai introdotti 0"

9 6 ha dovuto sovente prest>.r loto quella cert>. lihertà di dire, cbe distingue d' ordinario la vivacità e la œ rer.za. A CRI LEGGE. Rispetto alla descrizione de" caratteri è inutile cb' io qui applicando cio che SOpTa bo bastetolmente dichiarato, osservi che neiretopeje e Delle nioni d Y un poema ridetole non poteansi presentare che caratteri risibili ; e cosi fè perfino 10.scro.poloso autore dei Ldrin ~ il qoale DOD annojo il suo lettore, se non quando si avvisô di frammisc.bia:re in meno a una cinrma di preti pani il modello d'un nom sa"agio e assennato nel Presidente di I.amoignon~ Ciô che qui più import.3 di notare si è, che coi ridîcoli caratteri 1 tratteggiati in tutto il corso dei poema, l'â..utore, il quale quanto lontano pel' posirione e per sistema di vivere da ogni cagion di malel'"olenz.a, altrettanto presso di chi famigliarmente il conosce è alieno per carattere da ogni spirito di malignità, non intese mai di desi"onare e di offender persona. 1 persona"agi, ch' agiscono in questo poema, trattone alcuni subalterni, di cui egli ha espresso il vero nome, e che non ha mai tacciati di veron difetto infamante, son tutti Basti ptt ogni esempio il c:arattere di crapuione, ch' in due tr3tti allusivî del,ô ~ 6 canto viene attribuito 3:1 Yescovo introdouo nel poema. On 1: troppo nota la temperanu Del Tiuo deu' attua.l Vescovo di Corsica, per isgombrare dau' animo di chi loegge ogni sospetto di ~tîï.l personalc:. A CHI LEGGE. 7 ideali, e i. 101'0 caratteri astratti e fittizj, e fol'se a niun' individuo pt'opriamente convenienti, comeché da! poet>. foggiati su1i' idea, cbe gli atean data. di aicun.i reprensibili costumi, moiti tratri in differenti persone da lui raccolti. In somma i caratteri, come i nomi degli attori, son patrj, seuz' esser personali; e r:a utore protesta di neppur conoscere le persone cbe qualche maji"ono commentatore potrebbe stortamente interpretare ater lui hersagliate. Non poehi letton ~OTadirannoe nm'prote:reranno. airautore la fritolezza e meschinitâ. delsoao-euo dei ~~ suo poem.a; e già parmi veder parodiar contro lui da taluni il Ters<> di Petrarea da me applicato ai Mara- nesi: Pero che lien eagion c:he lunga frottdl4! o il verso d'ora7.îo: Essi si meraviglier.umo ch' uno scrittore, qualunque ~Ji siasi, non abbia sdegnato di farsi una lunga e grave occupazioned'un' opera di COStscarso interesse, nella cui lettura essi crederan forse mal' occupati due giorni. Ma il Filosofo, che associando e generalizzando le sue idee, rapprossima e rao'~ao'lia o!?lli titi b b cosa, e chequindi vede sempre nel piccolo l'imagine dei grande, vedrà qui espresse in miniatura le grandi scene di lunghe e sanguinose guerre che ci s' offrono

10 8 A CHI LEGGE. talora fra le più culte e popolose nazioni per oggetû proponionalmente nulla più rilevanti del1' mua dl liiarana. Il filosofo Tede tutti gli oggetti egua1i, quasi elenndosi al disopra dei litello commune su quel!' altissimo osservatorio, su cui Luciano induce Mercurio a fijosofar con Garante sulle umane bazucole nel SUD dialaga intitolato Gli OS5e1VatbN. Eceo un passo di quel dialogo, che qui occorre molto acconciamente : Dimmi, 0 Mercurio, chi son là quel, combattenti, e perquai ragione con tanta rabhia scambi.evobnente s'uccido/u}p-son qtu:sti Cli Lirgipi, e i Loade1lWni. Ve' colà il prode generale Otriade, cfte semwwoperle tantefiritecolditn intinzo nelsul)sangue segna in sul trq/c<j fiscrizione delsu() trio'!fo? - Olt! quaifa la causa disifiera battaglia?- IndovinaIa.... Quelpezzo diterra su cui ccm/;atterono. - Ok scüxchi.' oltjôrsennati! Parlando non al filologo, ma al 6Josofo, io mi penso che questi non porci differenza alcuna dagli Argivi e Lacedemoni ai Borghigiani e Luccianesi, e da Otriade a Pancotto. DIÛNûMACHIA, POEMETTO EROI-COMICO. CAKTO PRI~O. la canto la civil funesta guerra; _-on già quella, che in Roma orrihi!' arse Pel contrastato imperio della terra, E di sangue latin Farsaglia sparse; Ma un' altra poco meno orrida e insana, Che pel' un asin morto arse in Marana. 1. II. Ode' begli estri eccitatrice Diva, Che i gran fatti col canto eterni fai, Tu l' apollineo' fuoco in sen roi arnva, Né schifare un subjeuo, in cui veclrai, Come di Tasso ne' sublimi carroi, Signoreggiar Religione, ed Arroi.

11 10 DlüNOMACHIA. CANTO 1. Il Ill. VI. Due popoli azzuffo l' asin, ch' io canto; Fu lacerato, ascoso, unto, salato. Diè hriga ad un arcangiolo, ad un Santo, A un Generale in capite> a un Prelato; Cometa poi la coda sua diveune> Bd egli al6n tomba> e pitaffio ottenne. Nobil tempio ha Lucciana, che s' appella Dall' Angiol, che domo l'infernal drago. Borgo ha parrocchia ancor più ricca e hella, E adora sant' Appiano in grand' immago. Adornata di lucido oricalco, Martir glorioso, e santo maniscalco. IV. lifarana> piaggia fertile ed aprica > AlI'ostro di Bastia larga s' estende; E da Mariana (1), alta cittade antica, Opra di Mario illustre, il nome prende> Ch' or pochi appena infra i virgulti e l' erba Delle raine sue vestigj serba. Due le Commune son più insigni e conte, Che adornan questa pieve opima e vasta. Corona il giogo d'un aeuto monte, E l' ampia spiaggia domina> e sovrasta + Sublime il Borgo; e poco indi lonta.na In un eupo vallon giace Lucciana. V. VII. Vien gran turba in sna festa d' ogni banda L'illustre Santo a venerare intesa; Perocch' ei colla chiave (2) alma e ammira.nda Della porta maggior della sua chiesa Da gnidaleschi, scabbia, ulceri e calli Guarisce asini, huoi> muli e cavalli. VIII. Fiere b'a i Borghigiani, e i Luccianesi Gare di maggioranza arsero ognora, Corn' usa in Cirno infra i conno paesi; E venuti anco ail' arme eran talora. Ma> spente ornai l' asprc discordie antiche, Vivcan fra lol'o ambe le genti amichc.

12 12 DIONOlllACHlA. IX. Già fea dei giorno arobe le parti eguati Raggiando il sole in sul monton di Frisso; E già il terza volgea dei di ferati Saeri a Gesù pel' l'uomo in croce affisso; Giorno, che al sud d' ltalia. un caso strano Predisse l' Almanacco di Milano. Del Redentore effigïar 10 scempio Quel giorno in chiesa o"ni Communa suole.' 0, ~ il di seguente in processione (3) il tempio Del paese vicin visita, e cole; Anzi quell' anno in santa settimana Doppia intimo processïon Marana. X. XI. TI suol, che il verno aprico inaridio, D' ogni cnltor la speme avea deiusa-, E innanzi al giorno, in cui l' estinto Iddiô Con visita solenoe adorar s' usa, Pel' chieder pioggia quella gente e questa Devota pompa a celebrar s' appresta CANTO 1. XII. 1!lIaranesi con pietà concorde Quell' annuo rito a raddoppiare intenti Vede, e pel' rabbia arobe le man si morde ( TI gran nemico dell' umane genti. n Tem' ei ch' al ciel contriti alzin gli smardi E che non sian più ~4) bindoli, e bngiardi. XIII. ", L'inferne Podestà chiama al suo trono. Rimbombaron d' Abisso i ciechi orrori Della tartarea tromba al ranco suono, E tutti s' adunàr gli abitatori Dei cupi regui dell' eteroo pianto. Pel resto vedi Tasso al quarto canto. XIV. Tartarei numi, incomincio Satanno, Pari alle imprese mie son le sventure. 10 rei guerra dei Cielo al gran tiranno, E fui cacciato in queste bol"e OSCare Fei l'uman germe a lui rihelle, " e nllo,' ' E con sua morte il ricompro l'uom-dio.

13 DIONOlllACHlA. xv. Ma cbe? tuttor, della ua morte a schemo, Più cbe di Cristo è regno mio la terra, Onde a ribocco io popolo l' lnferno. E or cbe regna nel mondo empiezza e guerra, 1 vil pievnccia a me ribelle fia, E Marana sarà concorde e pia? CANTO 1. XVIII. Bi con rapido vol gi!,-"to a Marana Entro in corpo d'un asino ammalato, Ch' allor lungo la strada di Lucciana Fioco ansando traea 1; ultimo fiato. Gli è tutto scbianze, e roso infino all' osso Ila gangrenosi guidalescbi ba il dosso. XVI. Anzi celehrerà concordemente TI mistero, cbe l' uom dei ciel fa erede, E i Luccianesi processionalmente Spiegberan 10 stendardo, in cui si yede ( Abi rimembranza orribile e crudele! ) Scbiacciarmi la collottola llicbele? XVII. Chi fia di voi, che mie vendette imprenda, E sturbi tal pietà, rompa tal pace? 10, risponde Astarot, di guerra orrenda Fra i Maranesi accendero la face. Disse; applause Satàn; lieto A motte Fuori shuco della tartarea notte. XIX. Cronica rogna marcida e scbifosa Già piagato il consunse, e d'anni grave. Ob s'a tempo accorrea la prodigiosa Di Sant' Appian yeterinaria cbiave. Da morte ella il somar salvato avria, E Marana da guerra atroce e ria. xx. Si scontorcea l'indemoniato ciuco, Come agitato da terrihil colica, o corn' uom, cui travaglia il mal caduco. Quel parossismo, e convulsion diabolica, Dopo lunga agonia, morto 10 sdraja A un canto della via s' una callaja.

14 16 DIOKO~lACHIA. XXI. La J.in"aua atra e schiiunosa in fuori sporta, Stravolti gli occhi ha l' orrida carcassa; Con denti di"arignati, e hocca storta Sem!>ra far le boccacce a' ognun che passa; E mostra a gambe larghe, e a pancia in sue TI deretan colle adjacenze sue. CANTO 1. XXIV. Quinci rïarse il civil' o<110 vecchio; Quinci ha origin la guerra maranese:l Simile a quella, che in ltalia un secchio, E una bagaseia in tutta Grecia accese. Oh ria. cagion d' ogui sventura e maie, Più che il cavai di Troja asin fatale! Ij XXII. In quel punto scendea dalla collina Dei Borghigian schierati il sacro coro; E, procedendo giù per l'erta china, Giunto era al luccianese territoro. Là in schemevole oscena positura Trovaro in strada quella bestia impura. XXV. Cosi grau fuoco d' improviso nasee, Che spinto da ventosa austral procella Prati, messi, foreste avido pasce, E incenerisce poi ville e castella; E cagiona talor tanto stermino Acceso ai rai dei sol (5) stronzo vaccino. XXIII. E come usa in quel di ch' ogni villaggio Nel territorio suo sgombri le strade Delle devote squadre al pio passaggio; TI reo demonio i Borghigian persuade Che si sozza carogna in via di tesa Lascio Lucciana in lor dileggio et olresa. XXVI. Dell' empia guerra incitator primiero Fu Tonin sagrestano, e porta-croce. Che la sucida bestia in sul sentiero Si distenda supina, ad alta voce Grida a' compagni, e butta u'ato a terra La croce, e il miccio per le gambe afrelta.

15 .8 DIONOMACHIA. XXVII. Tutti a gara fra lor fanciulli e vecchi, Con quel furor, che il demone in lor spira, Ghermiscono il somar; chi per gli orecchi, Chi per li piè, chi per la coda il tira; E accïo maggior riceva onta ed oltraggio La squadra Lnccianese in suo passaggio, CANTO 1. XXX. Pria l' ondeggiante insegna il banderajo Spi,%a, ove appar picca e hilancia avente San l\1ichele, che sembra un carbonajo; SI brutto, che poteasi facilmente, Se l' nn non era sopra, e l'altro abbasso, Sbagliar tra San l\1ichele, e Satanasso. '9 XX'III. XXXL Âttraversaro a mezza via supino L' asino inverecondo, e in processione Compiuto a San Michele il lor camino, TI sepolcro adol"àr, che in mostra espone Appiè d'un Cristo, in mesero e in sottane Due Marie, che parevano befane. XXIX. Ratti al Borgo tornàr. Di San Michele 1 Confratelli intanto in oroin folto Insaccati in stoppose ispide tele, Nudi le piante, incappncciati il volto, Difilati procedono in due schiere, l\1iagolando nn storpiato Miserere. L'Alfiere è l\1ichelaçcio, nom d'alta audacia, Cattabrighe terribile e gagliardo; Ha quindeci processi in contmnacia, E me' tratta il fucil che 10 stendardo; Ma pur gode portar l' inse~a santa Dell' Angiol prode cul. gran nome ei vanta. XXXII. Siegnon tutti i Fratei con ceree luci. Ne dirigon la marcia or presta, or lenta, E n' appajan le coppie astati duci. Primeggia Orlando Broda, che sostenta Un crocion cosi grosso e sulisurato, Che avrebbe il Cirenéo certo allentato.

16 '0 DIONUMACHIA. XXXIII. Poi con Pier PisciaUetto a sé compa"ano Spesso alternando il peso, Anton Coglietta Porta un Cristo massiccio di casta"ano, Che pareva tagliato cou' accetta. Bi di portare il Cristo ha ognor piacere; Dnde per beffa 1l nominàr Cristiere. ",XXXIV. Siegue il Massajo deua Compagnia, E il Sagrestan maggior, Pieron dei Grillo, Che le lamentazion di Geremia Sapea cantar in elafa col trillo; Poi gli altri Sagrestan Bi o-io, e Macario, E Andrea Boccadifomo an nario. xxxv. Infra L~Uo il contralto, e Totto il basso, Succede FritteUone Intonatore : Indi, spaccaudo gravemeute il passa, Vien con torcia quadruplice il Prïore, Ch' ha cappa di Cambraja da sei fra7u:hi, E un bel cordon con due pendagli ai fianchi. CANTO 1. XXXVI. Ei già contava il Dono prïorato. Giampier Mostarda, mastro falegname, Sottoprïor gli procedea dallato. Tardo per un cantar di hudellame Bellicone il Plevan chiudea la squadra In cotta riccia, e in grau beitetta quadra. XXXVII. Questi era un prete d' ignoranza pieno). Che dormiva, e beveva a tutte l'ore, E consecrav.a a calice ripieno; Infingardo COS!, ch' a l\lonsignore Addimandar v:olea la permissione D' ir suu' asina in cotta a processione... XXXVIII. Va schierata COS! la squadra pia, Se non ch' OgnUD si shanda, e si dispaja Per queiy angusta " e discoscesa via; Tal ch' arrivato alla fatal callaja Di venti passi già 10 stendardiere Avea precorse le seguaci schiere.

17 22 DIO~O'llACH[A. CANTO XXXIX. XLII. Dalla sacra visiera ombrato il viso, E a salmeggiare intento egli non vede ulla via queli' intoppo; onde improviso, Scalzo com' era, inciampica do un piede nll' asino eb a terra il le cadere, E gl' interruppe a mezzo il MISerere. XL Addietro ancor con fiero urto ""a\iardo " " Diede impeto al cadente il reo demone. L'orto, e 10 scontro lui colio stendardo Precipitàr su\l' asino boccone. Tal cieca sirte spinto da Garbino Riverso abbatte alto-velato pino. XLI. Si rompe l' asta a mezzo, 'e il destro (6) ciglio Con scheggia acuta a :llichelaccio fende, Che fa di largo sangne il suol vermiglio. Tu cadi, 0 illustre Al6er; nè ri difende La tua pietade (7),0 il gonfalon, che porri, Delduce deu' angeliche coorti. La processiou, che siegne a passo lento, Lungi vide cader l'alta bandiera, E a un tempo deu' Al6ere udi il lamento. Si scompiglio la hipartita schiera, Ed un tnmulto romoroso insorse ; Ognun s'alzo il cappuccio, e al grido accorse; XLIII. Evide (abi vista!) lacerato il viso Su quel sozzo auimal l' Al6er disteso, E San Thebel di polve e sangne intriso. Muto e d'alto stupore ognun compreso A spettacol resto trano cotanto. Son morto! ajuto! quei gridava intantoo XLIV. Lo mzàr, 10 bendaro; e chi s' ardià, Grida la Confraternita fremente, A gambe larghe attraversarci in via Un rognoso somar? Liberamente Passàr pur dianzi i Borghigiaui, e poi Si vergognoso inciampo incontriam noi?

18 DlONOMACHIA. XL,_ I.Borghigiani il traversàr qui apposta, Grido Pieron : li vid' io da lontano Alla callaja qui far lunga sosta; E poi l'asino stesso è horghigiano. Gli è il Bajon di ~Iengaccio, s'io ben scerno. QuaI duhbio v' ba che vien da 101' 10 scherno? XL,L Alto un freidir di cento voci e cento -TnmnItuoso ndissi a questo dire. Lieto Astarot del ben sortito intento Colla face infernale attizza l'ire. Fngge pietade in bando, e viapiù 6ero Si raccende nei cor l' odio primiero. E gi~ CAKTO I. XLVIII. pronti il seguièno i più feroci; E forse allor tra l' nua e l' altra schiera Battaglia d' aste, torce, uffizj, e croci Sariasi vista sanguinosa e 6era. Ma il Prïor, l\1ichelaccio affrena e an-esta, Che pur bestemmia, e di gridar non resta. XLIX. No, per Dio santo, non andr:, impnuito L'affronta reo; n' ho rjcordevol segno, l'ïé occorre già ch' io me la leghi al dito. Bellicone rattien suo cieca sdegno, E 10 esorta a soffrir quella cascata In penitenza delle sue peccata. XLVII. Tal, per opra di Palla, al Santo in riva Vibrato a l\ienelao dardo leale Mosse a tnmnito la grand' oste argiva, E la tenzon rinnovello fatale. La procession nemica immantinente Vuoll' Al6ere inseguir d'ira furente. Gesù, dicea, da sgherri atroci e fieri Sofferse in pace in questi di per noi Crudi tonnenti, e infami vituperj; E tu per amor suo solfrir non puoi, Senza giurare inimistade e guerra, Una hattuta di mostaccio in terra? L.

19 6 DIOKOl\IACHIA. LI. Perdona, 0 fratel caro, e il dl rispetta Sacro alla morte dei figlinol di Dio. Ln rispetto, quei disse; anzi vendetta Di chi 10 profano prender vogl' io. E quai s' udi maggior profaoazione, Ch' opporre un cinccio ad una processione? CANTO 1. LIV. 10 non vo' fare a' Borghigian gran male; Vo' in bara questo morto borghigiano Por dentro la sua chiesa parrocchiale : E fortuna, ch' io sono un buon ('Tistiano; Se no, per fare a' Borghigiani offesa, Nel Sepolcro il porrei ch' alz"ro in chièsa. Ll\. E che dito della caduta fiera, Ond' il viso hattei hoccou riverso, E si trouco la parrocchial handiera? Ah! pel vessillo dei mio sangne asperso 10 giuro (e la man stese, alzato il braccio) Vendicar san.michele, e Michelaccio. LV. Si parla lifichelaccio : ad una voce, Festosi viva alto iterando, acclama La rïottosa gioventù feroce. Ma Bellicone a lor s' oppone, e selama Tutto infiammato di sacro furore : Uua carogna in casa dei Sjgnore? LIlI. Communale è l' affronto; i Borghigiani Oltraggiarono in noi tutto il paese. Vendichiam dnnque, 0 prodi paesani, Se non l' Onor divino, il luccianese; E, se cio par peccato a Bellicone, Ci neghi a Pasqua pur l' assoluzione. LVI. Deh! nel nome di Dio, nou commettete Si orribile esecrando sacrilegio. E a lui Pieron : lasciate fare, 0 prete: Chi sa? Forse anch' a voi fatto è 10 spregio. Con quest' asino, a voi, don Bellicone, Forse si fé rnaligna allusïone.

20 DlONOMACHIA. CANTO 1. LVII. lli il Prior d'ire addietro dà comando. Addietro, allor con,00 furibonde Gli astiferi esclam:.r, r aste squassando; Addietro, il grido uni,ersal ru.-ponde. A un tratto in,er Lucciana a quelle voci Rivolti fur cristi, bandiere, e croci. Lnn. A Lucciana tomàr pieni di sdegno; _-è oziosa dorme in :llicbelaccio l' ira : Ei si appresta a compir l' empio disegno, Che il tentator d' inferno al cuor gl' ispira, E sei garzon di vaglia, e d' ardimento Pronti sceglie a tentar qua1sia cimento. LIX. Aspetta ch' atro il vel la notte spanda, E tutto all' uopo egli ordina e di pone; Di schioppi, e stili arma la fida banda : Egli tesso, accollato i un trombone, Con sordo lunte in man, 10 stuol seguace Precede, ove Bajone estinto giace. LX. Prese il somar l' intrepida coorte, E alla chiesa il porto di ant' Appiano. Con grirnaldelli aprlr le sacre porte; E primo :llicbelaccio (oh ardir profano! ) In sacristia la feral barn prende, E tohe all' ara sei candele accende. LXI. Chi ti trattenne, 0 :liartire heato, In quella notte ne' regni celesti, Che il sacro tempio tuû contarnjoato Da' rei profanator non difendesti, Quando sei cere toite a tua sant' ara Circondaro un somal' disteso in barn? LXII. TI misfatto sacrilego compièro Quegli empi, e via partir, richiuso il tempio. Nefandezza inudita! al mondo intero Non v' ha d' asin ne' templi un altra esempio. Soli, tal mostro aver veduto io scorgo, Lampsaco (8) in Asia, ed in Europa il Borgo.

21 30 DIO NO ilid.chia. LXIII. L'ombre de' mor ô, le cui frali spoglie In quella barn ehber fwlèhre onore.' E ch' ora il tempio in ca.,.e. tombe accoglie, Prese al tetro spettacolo da OITore, Gemito dieron doloro 0 e fioco.' E ahhandonaro il profanato loco. FI~E DEL C!STO PRIMO. NOTE. (1) MARIO dedusse in COTsica nna Colooia di Romani fondatrice dell 7 antica città di l\iarian:a, le cui ro'ç"ine danno oggi il Dome :d Cantone corrottamente chiam:llo JUaraoa. (2) ln!.\larana da: più superstixiosi dei volga viene attrihuita alla chia.e deua Chiesa di Sant' Appiano la virtù di S.3.D:lre i quadrupedi domesrici. (3) Kei viuaggi di Corsica il Giovedi Santo le Confratt'mite d'agni parrocchia, per rito usuale, vanna in processione a far vicende"olmente.isita, e adornione al Santo Sepolcro della porroccbia,icioa. (4) L'autore si è protestato lealmente ch' egli ha detta cio soltanto per Soire la seslina con uua barzelletta. In Marana non vi sono nê piô bindoli, né più bugiardi ch' altrove. (5) Lo stereo vaccino secco è si accensihile, che serve a un bisogno ai pastori, inyece d' esea. (6) V'è realmente in Lucciana un Miehelaccio, uomo coraggioso come qui si descrive; il quale ha una notabile difformità sotto un sopracciglio. (7)...,Yu" '.. p!.rima> P.mho.> LAkMun p~tas, nec ApoUiltis in/u.za ttt:r;it. Ytac. ~=id. L. u. (8) Ne' Tempi. di Lampsaeo, antica citti della Bitinia, ove adoravasi Priapo, l' asino era la bestia sacra destinat3 per le immolazioni.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio VIA CRUCIS Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio (1698-1782) T eco vorrei, Signore, Oggi portar la Croce, Nella tua doglia atroce Io ti vorrei seguir. Ma troppo infermo, e lasso Donami Tu coraggio,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16

Scritto da Marzio Domenica 27 Febbraio 2011 19:49 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 20:16 Giacomo Leopardi dedica i versi della poesia A Silvia ad una ragazza in cui si può riconoscere Teresa Fattorini, vicina di casa dello scrittore e morta giovanissima di tubercolosi. Questo poema, che si

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti Janna Carioli Poesie a righe e quadretti VOGLIO UNA SCUOLA Voglio una scuola che parla ai bambini come la rondine ai rondinini che insegna a volare aprendo le ali e sa che i voli non sono mai uguali. Voglio

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca)

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca) Il sacrificio al Sole è un vero e proprio rito di iniziazione, anche questo presente presso tutte le civiltà del passato e ancora presente tra noi in forme prevalentemente simboliche. Nel film si assiste

Dettagli

Commento Gesù si alza molto prima dell alba. Esce e se ne va in un luogo deserto, nella notte, e là prega. Quando gli apostoli, che lo cercano,

Commento Gesù si alza molto prima dell alba. Esce e se ne va in un luogo deserto, nella notte, e là prega. Quando gli apostoli, che lo cercano, Commento Gesù si alza molto prima dell alba. Esce e se ne va in un luogo deserto, nella notte, e là prega. Quando gli apostoli, che lo cercano, infine lo trovano, egli dice loro: Andiamocene altrove per

Dettagli

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne L INVITO (PAG.1) L INVITO (PAG.2) Carissimi nel Signore, il 16 giugno 2011 avremo la gioia di celebrare i 25 anni di erezione della parrocchia, avvenuta con decreto dell'arcivescovo di Palermo Cardinale

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

SAN CAMILLO DE LELLIS SACERDOTE. Secondi Vespri

SAN CAMILLO DE LELLIS SACERDOTE. Secondi Vespri LITURGIA DELLE ORE 14 luglio SAN CAMILLO DE LELLIS SACERDOTE V. O Dio, vieni a salvarmi. Secondi Vespri R. Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Venite al Signore con canti di gioia!

Venite al Signore con canti di gioia! BATTESIMO DEL SIGNORE Anno C - n. 11 Festa 13 gennaio 2013 Venite al Signore con canti di gioia! 1. O terra tutta acclamate al Signore, servite il Signore nella gioia! Venite al suo volto con lieti canti!

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura.

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. Vede passare un carro di appestati morti e prega per loro, sperando

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Arcidiocesi di Agrigento. Padre nostro. e rimetti a noi i nostri debiti. Liturgia Penitenziale di Avvento

Arcidiocesi di Agrigento. Padre nostro. e rimetti a noi i nostri debiti. Liturgia Penitenziale di Avvento Arcidiocesi di Agrigento Padre nostro e rimetti a noi i nostri debiti 12 1 Liturgia Penitenziale di Avvento per sostenerci fra le prove della vita con l'esempio della tua umiltà e pazienza, aiutaci a custodire

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO Dio è alla ricerca di credenti che fanno sul serio, credenti responsabili che prendano a cuore l opera di Dio, disposte a rinunciare, a dare il meglio di loro, persone disposte

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Il Terzo Segreto di Fatima. NOVITà. Art. 892 A Art. 892 B Art. 892 C. Art. 890 B cm 13,5. Art. 890 cm 24. Art. 890 C cm 15. Art.

Il Terzo Segreto di Fatima. NOVITà. Art. 892 A Art. 892 B Art. 892 C. Art. 890 B cm 13,5. Art. 890 cm 24. Art. 890 C cm 15. Art. Arte Sacra S.P.A. Viale Europa Unita (Loc. CHIFENTI) 55026 BORGO A MOZZANO - LUCCA Tel. +39 0583 805180 Fax 0583 87838 info@fontanini.it www.fontanini.it NOVITà Il Terzo Segreto di Fatima Pastorelli cm

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

F R A N C E S C A D A R I M IN I

F R A N C E S C A D A R I M IN I DA RIMINI T R A G E D I A D I SILVIO PELLICO FIRENZE ADRIANO SALANI, EDITORE Viale Militare, 24 Edizione di riferimento: DA RIMINI, T RAGEDIA DI SILVIO PELLICO, Firenze, Adriano Salani Editore 1899. E-text

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Amor SemperVincit (Corto Teatrale) di Sebastiano Bazzichi. Testo protetto da WGAW Writers Guild of America West - Ttutti i Diritti Riservati

Amor SemperVincit (Corto Teatrale) di Sebastiano Bazzichi. Testo protetto da WGAW Writers Guild of America West - Ttutti i Diritti Riservati Amor SemperVincit (Corto Teatrale) di Sebastiano Bazzichi Testo protetto da WGAW Writers Guild of America West - Ttutti i Diritti Riservati Amor Semper Vincit - S.Bazzichi 1. Sipario Una donna guarda un

Dettagli